Progetto Unione Europea n. 6 POLONIA. Ricerca di mercato: SISTEMA MODA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Unione Europea n. 6 POLONIA. Ricerca di mercato: SISTEMA MODA"

Transcript

1 Progetto Unione Europea n. 6 POLONIA Ricerca di mercato: SISTEMA MODA Realizzate da ICE Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane, sede di Varsavia PROGRAMMA PROMOZIONALE SETTORE SECONDARIO

2 ICE - Agencja Promocji i Internacjonalizacji POLONIA SISTEMA MODA ICE Varsavia: aprile 2013 adres / kontakt ICE Warszawa ul. Marszałkowska 72, Warszawa - PL T F NIP ICE Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane via Liszt 21, Roma, Italia T Cod. Fisc. & Part. IVA IT

3 INDICE Definizione del settore...3 Valutazione del mercato...3 Sistema distributivo...7 Profilo del consumatore polacco...8 Principali media e fiere settoriali...9 Previsioni di mercato...10 L Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, con la propria rete di Uffici nel mondo e con le attività di promozione e di assistenza, costituisce un osservatorio sui mercati internazionali al servizio delle imprese italiane. Per ulteriori informazioni ed assistenza sul settore contattare direttamente: ICE Varsavia ul. Marszałkowska 72, Warszawa - PL T +48 (0) F +48 (0) Copyright Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane 2

4 Definizione del settore Oggetto di questa nota sono i settori di cui alle seguenti voci doganali: da 6101 a capi d abbigliamento in maglia da 6201 a capi d abbigliamento in tessuto da 6401 a calzature La fonte dei dati statistici, ove non diversamente indicato, è l Istituto Polacco di Statistica (GUS). Le analisi e valutazioni per il Sistema Moda vengono, pertanto, riferite alle voci doganali , e Valutazione del mercato Con oltre 38 milioni di abitanti la Polonia è il più grande mercato dell Europa centroorientale (6 dell UE e 34 del mondo). La crescita economica registrata negli ultimi anni, l accresciuto potere d acquisto, il trend al rialzo dei salari reali, l'espansione della classe media e la presenza, seppur contenuta, di una classe medio-alta, nonché una consistente domanda interna hanno formato - almeno fino alla recente crisi - uno scenario favorevole per la richiesta di beni di consumo. La spinta agli acquisti derivava anche da una sempre maggiore propensione alla cura della persona ed attenzione alle tendenze della moda, congiuntamente alla diffusione di uno stile di vita sempre più allineato agli stili di vita occidentali. Il rallentamento economico iniziato nel 2008 ha, comunque, influenzato negativamente anche il mercato polacco e ha condizionato in qualche modo la propensione alla spesa del consumatore polacco. Sebbene nel 2011 si sia registrata una leggera ripresa, anche il 2012 ha evidenziato difficoltà per entrambi settori dell abbigliamento e delle calzature. Nel IV trimestre del 2012 i consumi privati sono diminuiti dell 1,1% e per la prima volta dagli anni novanta la dinamica annuale dei consumi è risultata negativa. Anche la domanda interna è diminuita dello 0,7%, il che lascia prevedere un indebolimento della crescita dei consumi privati nuovamente nel Un altro fattore che ha sicuramente avuto un impatto sulla domada polacca di prodotti del Sistema Moda è stata la mancanza di vere stagioni dal punto di vista meteorologico. Negli ultimi anni l andamento climatico non ha, infatti, favorito la crescita di questo settore. L estate del 2011 è stata molto piovosa e l inverno 2011/2012 assai mite. Nel 2012 la primavera è stata assai fredda a fonte di un autunno successivo più caldo della media. Statisticamente il consumatore polacco spende per capi di abbigliamento e calzature ca. 52 PLN al mese (pari a ca. 13) e compra in media 3 paia di calzature all anno. Secondo la società di consulenza PMR Publications il valore delle vendite di abbigliamento e calzature è cresciuta nel 2011 dell 1%. Il valore del mercato dell abbigliamento sempre nel 2011, considerando i prezzi al dettaglio, è stato pari a 20,6 mld PLN (ca. 5,1 mld); quello delle calzature a 6,4 mld PLN (ca. 1,6 mld). Copyright Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane 3

5 Produzione Le fabbriche polacche di abbigliamento hanno una reputazione consolidata nelle confezioni per la lunga tradizione e l abilità della mano d'opera. Tra gli altri hanno propri producono in Polonia utilizzando contoterzisti locali alcuni grandi marchi quali Armani, Burberry, Boss, Isabel Marant. Secondo la società Apparel.info.pl il valore della produzione in Polonia è aumentato nel 2012 di ca. il 2% rispetto all anno precedente. L aumento più significativo è stato registrato dai produttori di prodotti finiti (completi e insiemi per donna o per ragazza con un aumento dell 85% in volume). Secondo i dati GUS la produzione di abbigliamento venduta nei primi tre trimestri del 2012 è stata pari a ca. 5,07 mld PLN (ca. 1,26 mld), registrando un incremento dello 0,8% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. Il mercato polacco dell abbigliamento è molto frammentato. Nel 2012 operavano aziende produttrici di abbigliamento (con una flessione di 641 aziende rispetto all anno precedente). La maggior parte di tali aziende erano costituite da aziende unipersonali (25.984). 1 Per quanto riguarda le calzature, la produzione polacca ha registrato nel corso degli ultimi anni un continuo calo in termini quantitativi scendendo dai 36 milioni di paia prodotte nel 2010 ai 29 milioni del Di anno in anno è diminuito pure il numero delle aziende produttrici da aziende attive nel 2010 alle aziende nel 2012 (-4,8% rispetto al 2011), di cui la maggioranza di piccole dimensioni. Ciò nonostante la produzione polacca venduta di calzature nel 2011 ha registrato una crescita del 2,6% rispetto al 2010 ammontando a ca. 1,55 mld PLN (ca. 0,38 mld). A fronte della crescita dei costi gestione degli impianti e di produzione in loco nonché della forte concorrenza, alcune imprese polacche di entrambi i settori analizzati hanno delocalizzato la propria produzione in Estremo Oriente concentrandosi in Polonia sulla distribuzione e sullo sviluppo delle proprie reti commercaili. 3 Commercio estero Per quanto concerne il mercato - nonostante il forte potenziale dei produttori locali adeguatisi alle tendenze del mercato - gli acquisti dall estero rappresentano una quota crescente dell offerta totale. La Polonia importa capi di abbigliamento soprattutto da Cina, Bangladesh e Turchia. L'Italia è il settimo fornitore di abbigliamento in maglia e in tessuto. Analizzando i dati degli ultimi anni si registra che, nonostante la crisi, le importazioni polacche di abbigliamento sono cresciute in modo costante e sistematico, pur con una dinamica meno vivace rispetto al periodo precrisi. Nel periodo l import polacco è cresciuto complessivamente del 28% e ha raggiunto un valore di ca. 2,6 mld. 1 Bisogna notare che nel 2012 operavano in Polonia solo 45 grandi imprese con oltre 250 dipendenti, 577 medie imprese ( dipendenti), 2654 piccole imprese (10-49 dipendenti) e micro imprese (fino al 9 dipendenti). 2 Va sottolineato che i dati statistici non comprendono le aziende produttrici con meno di 9 dipendenti, che comunque rappresentano una realtà produttiva assai rilevante (secondo le stime contribuiscono per il 20% della produzione). Alla luce di quanto sopra non sono possibili analisi approfondite della produzione locale e delle relative esportazioni. 3 Comunque nel 2012 si sono registrati dei segnali di inversione di tendenza con accresciuti ordini di produzione di scarpe in Polonia da parte di importanti operatori polacchi, quali NG2 e Gino Rossi. Copyright Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane 4

6 Nel complesso le esportazioni polacche hanno beneficiato del generale trend espansivo del Made in Poland, registrando una crescita del 23% nell arco di 3 anni ( ). Praticamente la Polonia ha registrato un aumento del proprio export settoriale verso la maggior parte dei suoi Paesi clienti, sia europei che extraeuropei. Tale trend non riguarda comunque l Italia, la cui posizione come mercato di sbocco si è invece indebolita. Le importazioni complessive di capi d'abbigliamento in maglia nel 2011 sono aumentate del 5,6% (da 1,22 mld nel 2010 a 1,29 mld nel 2011). L Italia fino al 2009 era il quarto fornitore, ma negli ultimi anni ha perso quote di mercato a favore della Germania (+162%), della Cambogia (+102%) e dell India (+18%). Nell arco di 3 anni la quota italiana è scesa dall 8% al 3% e l export italiano in valore è diminuito del 52% passando da 86 mln a 41 mln. L import polacco di capi d'abbigliamento in tessuto ha registrato nel 2011 un aumento del 14% in totale (da 1,1 mld nel 2010 a 1,3 mld nel 2002). Il maggior fornitore è risultato la Cina con una quota di mercato del 47%, seguita da Bangladesh (10,2%), India (7%), Turchia (5,3%), Germania (4,9%), Pakistan (3,4%) ed Italia (2,9%). Le importazioni dall Italia sono diminuite del 53% nel periodo , passando da un valore complessivo di 82 mln a 38 mln. Tale calo nelle importazioni di abbigliamento è imputabile alla crisi mondiale nonché al maggiore afflusso di merci asiatiche di fascia bassa a detrimento di prodotti di fascia medio-alta. Le importazioni e le esportazioni di calzature in valore sono cresciute sistematicamente negli ultimi anni raggiungendo nel 2011 rispettivamente 800 mln (+15,7%) e 397 mln (+21%). I principali fornitori di calzature sul mercato polacco (Cina, Italia e Germania) hanno confermato le proprie posizioni sul mercato con una continua crescita del valore delle merci fornite. Sono diminuite invece le importazioni dal Vietnam del 13,4% (e del 21% in volume) scavalcato dall Italia come secondo fornitore (2011). Il maggior esportatore in Polonia risulta la Cina con oltre 86 milioni di paia fornite nel corso del 2011 (+13,5% rispetto all anno precedente) per un valore di ca. 358 mln (+11%), con un valore medio al paio pari a 4,14. Tale crescita è in parte imputabile alla rimozione, nel marzo 2011, delle restrizioni sotto forma di dazi doganali supplementari sulle calzature importate dalla Cina. Nel 2011 l Italia ha esportato in Polonia ca. 3,1 milioni di paia di scarpe (+3,8% rispetto all anno precedente) per un valore di ca. 79 mln grazie a tale importo l Italia è risultato essere il secondo paese fornitore in valore con un valore medio al paio di 25,5. La quota di mercato dei primi quattro paesi fornitori rimane assai stabile ed oscilla attorno al 65-70% - l Italia con il 9,8% si posizionava alle spalle della Cina con il 44,7% e davanti al Vietnam (8,8%) ed alla Germania (5,6%). I principali mercati di sbocco per l export settoriale polacco (2011) rimangono Germania, Russia e Ucraina. L Italia si posiziona al 10 posto. La crescita più sostenuta dell esportazioni polacche 2010/2011 è stata registrata verso i seguenti paesi: Turchia (+117%), Regno Unito (+105%), Finlandia (+238%), Belgio (+120%). Copyright Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane 5

7 Paesi fornitori di abbigliamento in maglia (dati in mln di Euro, v.d. 61) Paese 2007 % % TOTALE , ,0 Cina , ,5 Bangladesh 47 8, ,4 Turchia 67 11, ,3 Germania 19 3, ,9 Cambogia 6 1, ,6 India 29 5, ,5 ITALIA 51 9, ,2 Paesi Bassi 3 0, ,4 Indonesia 10 1, ,3 Bulgaria 3 0, ,0 Altri , ,8 Fonte:elaborazione ICE Polonia su dati GUS Paesi fornitori di abbigliamento in tessuto (dati in mln di Euro, v.d. 62) Paese 2007 % % TOTALE , ,0 Cina , ,0 Bangladesh 18 2, ,2 India 26 4, ,0 Turchia 52 8, ,3 Germania 30 4, ,8 Pakistan 8 1, ,4 ITALIA 33 5, ,9 Marocco 13 2, ,1 Vietnam 15 2, ,0 Indonesia 6 1, ,9 Altri , ,4 Fonte:elaborazione ICE Polonia su dati GUS Paesi fornitori di calzature dati in mln di Euro, v.d. 64) Paese 2007 % % TOTALE , ,0 Cina , ,7 ITALIA 75 16, ,8 Vietnam 55 12, ,8 Germania 14 3, ,6 Indonesia 13 2, ,7 India 13 2, ,1 Romania 11 2, ,6 Marocco 2 0, ,6 Rep. Slovacca 6 1, ,4 Paesi Bassi 2 0, ,3 Altri 67 14, ,4 Fonte:elaborazione ICE Polonia su dati GUS Copyright Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane 6

8 Sistema distributivo La vendita al dettaglio è molto frammentata in Polonia. Secondo l Istituto Polacco di Statistica - GUS in Polonia operano aziende che commercializzano capi di abbigliamento e che commercializzano calzature ed articoli in pelle. Negli ultimi anni tuttavia si sono verificati sul mercato importanti cambiamenti nel sistema distributivo del settore. Si va sempre più verso una crescente concentrazione che utilizza canali quali catene di negozi, ipermercati/cash & carry. Un canale di importanza strategica per la vendita al dettaglio dell abbigliamento e delle calzature sono i punti vendita ubicati nei centri commerciali, il cui numero è in continua crescita. 4 Diminuisce invece il numero di punti vendita localizzati fuori dai centri commerciali, soprattutto nelle città piccole e medie. Dal gennaio al luglio 2012 hanno cessato di operare ca.1750 di talipunti vendita. Sul territorio polacco esistono attualmente 400 centri commerciali con una superficie totale pari a mq. Nel 2013 tale segmento si arricchirà di 25 nuovi centri commerciali, mentre altri 9 saranno ampliati ed ammodernati. Bisogna anche sottolineare come negli ultimi anni siano stati aperti anche alcuni grandi centri outlet ed altri punti vendita che, oltre alla vendita al dettaglio, offrono anche merce all ingrosso. Alla fine del 2011 è stato aperto a Varsavia VitkAc un grande department store di lusso, presso il quale sono presenti tra l altro brand come Gucci, Armani, Bottega Veneta, Brioni, Marni. Cresce altresì il numero di catene di discount dedicate all abbigliamento (KIK, Pepco,Takko Fashion, Textil Market). Dal maggio 2011 al maggio 2012 tale segmento ha visto un aumento del 20% nel numero di punti vendita, che a fine gennaio 2013 erano ben 812. La maggior parte dei nuovi punti vendita ubicati in centri commerciali sono negozi di abbigliamento, calzature ed accessori che di solito vengono aperti con la formula del franchising sempre più popolare in Polonia: nel 2011 operavano 163 reti di franchising nel settore moda. I consumatori polacchi che ricercano prodotti di fascia medio-alta, caratterizzati da originalità e fantasia, tendono a recarsi direttamente nei negozi monomarca, oppure negli show room del segmento. Tali boutique sono situate per la maggior parte nei centri delle città maggiori - presso le principali strade commerciali che sono caratterizzate dall alta presenza di potenziali clienti. A Varsavia tali punti vendita sono concentrati intorno a Piazza Tre Croci, via Mokotowska e via Nowy Świat. Un canale distributivo che vive uno sviluppo assai dinamico è l e-commerce. Secondo le stime della società Kelkoo i polacchi nel 2012 hanno speso ca. 5,6 mld in acquisti online, scelta dettata dalla volontà di ampliare le possibilità di selezione tra i brand e di risparmiare sul prezzo d acquisto. Il che ha determinato un aumento in valore delle vendite del 24% rispetto al 2011, un risultato ancora più rilevante se comparato alla media europea del 16,1%. Il contributo del commercio online sul complesso delle vendite nel 2011 è stato pari al 3,1%, mentre nel 2012 dovrebbe aver raggiunto una quota del 3,8%. 4 Secondo una ricerca dell Istituto Gfk Polonia del marzo 2013 quasi la metà del commercio al dettaglio di abbigliamento e calzature a Varsavia è veicolato tramite i 5 più grandi centri commerciali della città: Arkadia, Złote Tarasy, Blue City, Galeria Mokotów e Wola Park. Copyright Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane 7

9 L'abbigliamento è il principale prodotto venduto online e rappresenta l'8% del totale. Ed alla luce di tale dinamico sviluppo hanno aperto negozi online compagnie nuove all'emarket polacco, quali ad esempio Zara, Orsay, Simple, Massimo Dutti, Solar, Deichmann, Ecco. Nel 2012 operavano in Polonia ca negozi online di abbigliamento. Secondo la PMR Publications sviluppo del mercato e-commerce b2c non avrebbe alcun impatto negativo sui risultati del commercio tradizionale e si svilupperebbe come un canale di distribuzione parallelo, ampliando di fatto il mercato. Profilo del consumatore polacco Ogni anno i Polacchi spendono cifre più consistenti per l abbigliamento e le scarpe anche se, in termini assoluti, si tratta di importi inferiori a quelli dei consumatori di altri paesi europei 5. Inoltre la crisi economica ha determinato comportamenti d acquisto più prudenti. In un periodo di incertezza e di scarsità di risorse economiche il consumatore pone maggiore attenzione al fattore prezzo, scegliendo prodotti meno costosi che offrano comunque una buon rapporto prezzo/qualità. Un altro fenomeno legato alla crisi è il modello di consumo basato sul concetto low cost high quality. Il consumatore polacco, avendo a disposizione ormai una vasta offerta di prodotti sia polacchi che importati, diventa sempre più esigente. Il prezzo non pare più essere l unico criterio di scelta, crescono invece le aspettative riguardanti la qualità del prodotto. Come risulta da una analisi delle abitudini di spesa dei consumatori polacchi, realizzata dall istituto di ricerca Gfk Polonia 6, la Polonia permane un paese in cui quasi il 69% delle persone effettua gli acquisti in base ad una lista preparata a casa e cerca di evitare di comprare di impulso i beni di consumo. Tale situazione è ovviamente legata al fatto che gran parte dei polacchi cerca di limitare le proprie spese in relazione al proprio reddito disponibile. I polacchi preferiscono la comodità (il 47%) alla moda (il 4%), apprezzano la praticità (il 30%) piuttosto che l eleganza (il 4%). In Polonia l abbigliamento più apprezzato è sempre quello classico, prodotto con tessuti di qualità e venduto ad un prezzo ragionevole (value for money). Per la maggior parte dei polacchi il fattore decisivo negli acquisti rimane il prezzo del prodotto (61%), seguito dalla qualità (48%) e dal marchio (37%). Comunque per alcuni segmenti particolari come quello delle scarpe in pelle la scelta è guidata soprattutto dalla qualità e non dal prezzo. Il marchio è importante solo per il 7% degli intervistati. 7 Il comportamento dei consumatori è decisamente diverso nelle grandi città (come Varsavia o Cracovia) dove ovviamente tra le persone il cui reddito disponibile è superiore alla media 8, ma anche tra i giovani per i quali conta sempre di più essere trendy ad orientare la scelta sono in primo luogo la moda ed il brand del prodotto. 5 Secondo la società Gfk Polonia il potere d acquisto dei consumatori polacchi nel 2013 sarà pari a 220 mld, il che posiziona la Polonia al 9 posto tra i paesi europe i. Comunque tale indice non deve far dimenticare il basso reddito pro capite. Il polacco medio dispone infatti di ca per beni di consumo, 7 volte in meno rispetto al tedesco e 3 volte in meno all italiano. La ricerca Indice di potere d acquisto è stata realizzata nel gennaio Ricerca realizzata nel dicembre 2010 (gruppo rappresentativo di 755 intervistati) 7 Il mercato delle calzature di marca, ARC Rynek i Opinia 8 Secondo Gfk Polonia il potere d acquisto del residente di Varsavia è superiore, in media, del 69% rispetto al polacco medio. Copyright Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane 8

10 Non si può neppure dimenticare il fenomeno fashionista (fan di shopping e moda): le persone benestanti che vogliono essere sempre alla moda ed hanno a disposizione boutique specializzate. Per quanto riguarda i prodotti di fascia medio alta, grazie ai viaggi all estero è aumentata la conoscenza dei brand di lusso e la volontà di seguire lo stile ed i trend internazionali. Oltre ai brand, un valore molto apprezzato è la qualità del prodotto stesso, sempre più richiesta da questo gruppo di consumatori polacchi. Principali media e fiere settoriali a) Media titolo testata Periodicità tiratura target tematica sito titolo testata Periodicità tiratura target tematica sito titolo testata Periodicità tiratura target tematica sito titolo testata Periodicità tiratura target tematica sito Rynek Mody (Il Mercato della Moda) Mensile copie grossisti, distributori, negozi di abbigliamento abbigliamento/moda Moda.com.pl Trimestrale copie grossisti, distributori, negozi di abbigliamento abbigliamento/moda Moda Forum Bimensile copie grossisti, distributori, negozi di abbigliamento abbigliamento/moda Świat Butów (Il Mondo delle Scarpe) mensile circa copie grossisti, distributori, negozi di scarpe principale rivista del settore, informazioni sui produttori, nuove collezioni, dati statistici del settore, tecniche di vendita, etc. Copyright Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane 9

11 b) Principali Fiere del settore nome fiera luogo periodicità e prossima edizione settori sito Poznań Fashion Fair Poznań semestrale settembre 2013 Abbigliamento ed accessori (NEXT SEASON, FAST FASHION), scarpe, pelle e pelletteria (BTS), tessuti ed accessori per l industria dell abbigliamento (TEX-STYLE) Previsioni di mercato Negli anni la crescita dei consumi interni e la crescita dei redditi disponibili si sono riflessi nella crescita degli acquisiti di abbigliamento e calzature, determinando, come detto, una maggiore domanda sia di beni importati sia di prodotti polacchi. Tale miglioramento della capacità d acquisto del consumatore polacco aveva determinato almeno fino alla recente crisi un incremento delle spese per gli abiti e le scarpe di marca, di livello alto, a favore delle quali il consumatore pareva disponibile a rinunciare ai prodotti no brand acquistati nei piccoli punti vendita, in supermercati e mercati. Tale situazione è stata favorita dalla presenza di nuove realtà distributive, in seguito sia allo sviluppo delle reti di abbigliamento e calzature già presenti, sia all ingresso sul mercato di nuovi marchi internazionali e dalla sempre più ampia offerta di brand. Attualmente, in una situazione di rallentamento economico, si può osservare una contrazione della spesa per beni voluttuari 9. La crescente disoccupazione ed il calo dei salari reali non favoriscono l acquisto di prodotti di qualità. Il segmento che negli ultimi due anni è cresciuto di più è quello dei discount. I consumatori paiono più selettivi e prediligono i brand che forniscono merce in linea con le attuali tendenze della moda, pur offrendo un buon rapporto qualità-prezzo oppure brand molto riconoscibili, a detrimento di prodotti di fascia medio-alta di marche meno conosciute. Il mercato polacco si avvia a diventare un mercato maturo: sono ormai presenti grandi operatori del settore, come ed esempio: H&M, C&A, Gruppo Inditex, Deichman, Centro. Nel 2012 oltre ai nuovi marchi quali American Eagle Outfitters, LC Waikiki, COS, KiK, Bonita, Kari, Carpisa, Marc O Polo si è registrata l entrata nel mercato polacco di brand di lusso quali Michael Kors, Karen Millen. 10 Nel 2013 aprirà il suo primo punto vendita Louis Vuitton. Marchio dominante nel settore calzaturiero è la catena polacca CCC con 375 punti vendita, mentre nel settore di abbigliamento market leader è la polacca Reserved con ca. 200 negozi. 9 La quota di spesa per abbigliamento e calzature nella struttura dei consumi delle famiglie è diminuita dal 5,2% nel 2011 al 4,9% nel Secondo le stime di GUS tale quota nel 2013 sarà pari al 4,79%. 10 Sono invece scomparsi Görtz 17, Humanic, s Oliver. Hanno subito una radicale ristrutturazione delle proprie reti commerciali Bata, Prima Moda, Clarks. Copyright Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane 10

12 Secondo gli esperti della PMR Publications la crescita del mercato polacco di abbigliamento e calzature nei prossimi anni sarà moderata a fronte della limitata crescita del potere d acquisto dei consumatori polacchi, dell accresciuta offerta di prodotti provenienti da paesi asiatici e della crescita dei costi di produzione in loco. Per la gran parte dei rappresentanti delle reti di abbigliamento e calzature l attuale situazione economica è piuttosto sfavorevole. 11 Più ottimisti sono i main players che prevedono un miglioramento oppure non prevedono maggiori cambiamenti di rilievo. La crisi economica ha, come detto, cambiato radicalmente i consumi e gli stili di vita, stravolgendo e razionalizzando, di conseguenza, anche i sistemi di distribuzione. Si è affermato un fenomeno di polarizzazione del mercato all interno del quale sono stati premiati sia i segmenti bassi che quelli alti a detrimento della fascia medio-alta. I cambiamenti previsti nel settore moda in Polonia porteranno all ulteriore sviluppo di marchi di fascia media, in particolare dell abbigliamento casual che viene comprato più spesso, è il più accessibile e ha una più ampia fascia di potenziali clienti. Dovrebbero aumentare anche le vendite di abbigliamento e scarpe di segmento basso. Il crescente costo della vita, fa si che, al fine di risparmiare, i polacchi comprino vestiti a buon mercato oppure rimandino sempre più spesso gli acquisti fino ai saldi. Grande potenziale di crescita ha il segmento sportivo. Lo sport e uno stile di vita sano diventano sempre più popolari nella società polacca ed i polacchi sempre più spesso acquistano abbigliamento e scarpe sportivi specializzati. Lo stesso avverrà per lo sviluppo del segmento di lusso, apparso più resistente alla crisi. Nei prossimi anni diminuirà il numero di piccoli negozi di abbigliamento e calzature, mentre crescerà il numero di quelli di grandi dimensioni e dei discount. Continuerà a crescere il canale dell e-commerce, che - secondo la società PMR - dovrebbe raggiungere nel 2014 un valore pari a 6.65 mld. I polacchi sono infatti sempre più propensi ad acquistare online, ed il web ha ogni anno più influenza sulle decisioni di acquisto (cosa, dove ed a quale prezzo). Il settore abbigliamento e calzature è molto ciclico e raggiunge i migliori risultati al picco della congiuntura. Il rallentamento economico, anche se non ha causato una contrazione complessiva dei consumi, ha avuto tuttavia un impatto negativo sulla dinamica di tale settore. La domanda di abbigliamento e calzature dei consumatori polacchi è infatti più elastica rispetto a quella di altri beni di consumo. 12 Attualmente un ulteriore fattore che limita la crescita dei consumi del settore è l aumento della disoccupazione. Il graduale miglioramento dei principali indici macroeconomici sarà pertanto un fattore di chiave per il rilancio dei consumi. 11 Secondo un sondaggio sulle condizioni del mercato polacco di abbigliamento e calzature effettuato nel maggio 2012 dalla PMR Publications. (outlook negativo per il 38% dei rispondenti rispetto al 21% positivo ) 12 Da una ricerca effettuata dalla società CBOS risulta che il 65% dei polacchi prevede la necessità di ridurre la spesa per l abbigliamento e le calzature nel 2013, uno su quattro ritiene che i propri acquisti rimarranno allo stesso livello, il 6% invece spenderà di più. Tale ricerca è stata realizzata nei giorni 4-10 ottobre 2012 su un gruppo rappresentativo di 1007 intervistati. Copyright Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane 11

POLONIA. Nota di Settore Abbigliamento

POLONIA. Nota di Settore Abbigliamento POLONIA Nota di Settore Abbigliamento L Istituto nazionale per il Commercio Estero, con la propria rete di Uffici nel mondo e con le attività di promozione e di assistenza, costituisce un osservatorio

Dettagli

POLONIA I settori moda, casa e meccanica nell attuale congiuntura economica. Varsavia, 23 aprile 2013

POLONIA I settori moda, casa e meccanica nell attuale congiuntura economica. Varsavia, 23 aprile 2013 POLONIA I settori moda, casa e meccanica nell attuale congiuntura economica Varsavia, 23 aprile 2013 POLONIA, mappa politica POLONIA - paese,moda, casa meccanica POLONIA e POLACCHI localizzazione superficie

Dettagli

Pronto-moda: opportunità di affari nel mercato polacco. www.nimesconsulting.com

Pronto-moda: opportunità di affari nel mercato polacco. www.nimesconsulting.com Pronto-moda: opportunità di affari nel mercato polacco www.nimesconsulting.com Sommario: 1. Quadro macroeconomico generale Polonia 2. Il settore moda in Polonia: valore del mercato e stima del potenziale

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO. 2013 Primi 9 mesi

SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO. 2013 Primi 9 mesi SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO Primi IL MERCATO A livello mondiale il mercato dell abbigliamento intimo vale circa 50 miliardi di euro e i principali Paesi consumatori sono l Europa e gli Stati

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Il mercato tedesco del vino

Il mercato tedesco del vino Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Berlino Nota Settoriale Il mercato tedesco del vino Berlino, marzo 2013 2 INDICE 1. Importanza del mercato

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Il mercato del vino in Germania

Il mercato del vino in Germania Il mercato del vino in Germania Baccelle Enrico Aprile 212 milioni di euro milioni di litri Mercato del vino imbottigliato in Germania (GTI, Istituto Spagnolo Commercio Estero -ICEX-, Euromonitor, Aprile

Dettagli

USA SCHEDA DI MERCATO CALZATURE Maggio 2016 Agenzia ICE New York

USA SCHEDA DI MERCATO CALZATURE Maggio 2016 Agenzia ICE New York USA SCHEDA DI MERCATO CALZATURE Maggio 2016 Agenzia ICE New York CALZATURE Andamento Mercato Il mercato americano ha rappresentato nella storia un grande sbocco per il made in Italy, e rimane sempre una

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO COMPANY PROFILE CAP: CITTA : PROVINCIA:

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO COMPANY PROFILE CAP: CITTA : PROVINCIA: BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO MOD B COMPANY PROFILE 1) INFORMAZIONI GENERALI RAGIONE SOCIALE: P. IVA: INDIRIZZO: CAP: CITTA

Dettagli

Opportunità di crescita internazionale per la Pellicceria Italiana

Opportunità di crescita internazionale per la Pellicceria Italiana Opportunità di crescita internazionale per la Pellicceria Italiana Il mercato della Pellicceria Italiana ha raggiunto un plateau nell ultimo periodo dovuto principalmente ad un consumo interno stabile

Dettagli

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 Osservatorio Commercio N IT 231513 I consumi alimentari e non alimentari In un contesto di perdurante perdita di potere d acquisto, si registra una contrazione

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 ASCOM del Emilia - Romagna

CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 ASCOM del Emilia - Romagna CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 Report documento per ASCOM dell Emilia - Romagna ottobre 2012 SOMMARIO 1. PREMESSA... 1 1.1 La descrizione del campione... 1 2. L INDAGINE SULLE VENDITE PER

Dettagli

LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015

LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015 LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015 Nota a cura di SMI SISTEMA MODA ITALIA Il commercio con l estero nei primi dieci mesi del 2014 Secondo i dati ISTAT ad oggi disponibili, relativi al periodo gennaio-ottobre

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

IL SETTORE DELL EDILIZIA

IL SETTORE DELL EDILIZIA BELGIO: IL SETTORE DELL EDILIZIA L ICE Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, con la propria rete di Uffici nel mondo e con le attività di promozione e

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT Ricerca INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EPORT Sintesi dell intervento di David Pambianco 6 novembre 2012 La ricerca è preceduta da due

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

Il Settore della Cosmesi in Ucraina

Il Settore della Cosmesi in Ucraina 13 Dicembre 2007 Il Settore della Cosmesi in Ucraina A cura di: Centro Studi e Cultura d Impresa IL MERCATO DELLA COSMETICA IN UCRAINA Il mercato cosmetico in Ucraina, grazie alle sue quote di crescita,

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero Italian Embassy Trade and Promotion Section Giugno 2008 - IRAN - Il mercato del mobile

Istituto nazionale per il Commercio Estero Italian Embassy Trade and Promotion Section Giugno 2008 - IRAN - Il mercato del mobile 1 - IRAN - Il mercato del mobile 2 Principali indicatori del Paese: Superficie: 1.648.195 mq. Popolazione: 70 milioni PIL: 159 Mld di $USA PIL per abitante: 2.275 $USA CAPITOLO 1 Introduzione al settore

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014. Risultati di sintesi

RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014. Risultati di sintesi RILEVAZIONE SALDI INVERNALI 2014 Risultati di sintesi 2 Rilevazione Saldi invernali 2014 - I risultati Panel e note metodologiche Altri beni persona 9% Altre merceologie 6% Calzature 14% Abbigliamento

Dettagli

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo CONGIUNTURA AREA PELLE Servizio Economico 2015 I TRIMESTRE Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo SINTESI MATERIA PRIMA PREZZI L andamento dei listini nel primo trimestre

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

Belgio. Il mercato delle paste alimentari

Belgio. Il mercato delle paste alimentari Belgio Il mercato delle paste alimentari La presente pubblicazione rientra nel programma editoriale dell Agenzia ICE - collana PROFILI PRODOTTO/MERCATO - ed è stata realizzata dall ufficio di Bruxelles.

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

FASHION Percorso di internazionalizzazione

FASHION Percorso di internazionalizzazione FASHION Percorso di internazionalizzazione FOCUS BENI DI CONSUMO - Abbigliamento - Accessori - Calzature PENETRAZIONE COMMERCIALE IN USA PERCHÉ INTRAPRENDERE QUESTA SCELTA STRATEGICA Quella tra l'italia

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Report n 1 «Il processo strategico d internazionalizzazione delle imprese»

Report n 1 «Il processo strategico d internazionalizzazione delle imprese» Un caso di studio nel settore dell abbigliamento: l intervento di Orga 1925 a supporto dell impresa nella proiezione verso i mercati esteri. A cura di Ezio Nicola e Silvano Magnabosco 1 Introduzione L

Dettagli

LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO

LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO http://www.sinedi.com ARTICOLO 19 GENNAIO 2008 LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO Anche per il 2007 Altagamma, l associazione che riunisce le aziende del lusso, in collaborazione con Bain & Company,

Dettagli

RUSSIA:COME CAMBIA LA SPESA DELLA CLASSE MEDIA DEI PRODOTTI NON-ALIMENTARI NEL PERIODO DI CRISI

RUSSIA:COME CAMBIA LA SPESA DELLA CLASSE MEDIA DEI PRODOTTI NON-ALIMENTARI NEL PERIODO DI CRISI RUSSIA:COME CAMBIA LA SPESA DELLA CLASSE MEDIA DEI PRODOTTI NON-ALIMENTARI NEL PERIODO DI CRISI Abbiamo scelto di segnalare questa grande indagine nella Russia, per fornire delle informazioni che reputiamo

Dettagli

TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel 2014 sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre.

TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel 2014 sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre. Sant Elpidio a Mare, 22 gennaio 2015 TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre. Approvati dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI IN POLONIA

IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI IN POLONIA IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI IN POLONIA Incoming operatori esteri al CIBUS 2014 Parma 5-8maggio 2014 Questa indagine è stata realizzata dall ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Mo e Accessori Settembre 17 MODA E ACCESSORI Nel 2013 l Italia ha esportato in Russia mo e accessori per 935 milioni di Euro, in crescita del +2,7% rispetto al 2012,

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY?

MADE IN ITALY SENZA ITALY? MADE IN ITALY SENZA ITALY? I nuovi scenari della Moda e del Lusso Intervento di David Pambianco Venerdì, 8 novembre 2013 Palazzo Mezzanotte - Piazza degli Affari 6, Milano SEMPRE PIU BRAND ITALIANI ACQUISITI

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

LA MODA MASCHILE ITALIANA NEL 2006-2007: IL 2006 CHIUDE IN EQUILIBRIO E SI APRE IN CRESCITA IL 2007, TRAINATO DAGLI AUMENTI DI PRODUZIONE ED EXPORT

LA MODA MASCHILE ITALIANA NEL 2006-2007: IL 2006 CHIUDE IN EQUILIBRIO E SI APRE IN CRESCITA IL 2007, TRAINATO DAGLI AUMENTI DI PRODUZIONE ED EXPORT LA MODA MASCHILE ITALIANA NEL 2006-2007: IL 2006 CHIUDE IN EQUILIBRIO E SI APRE IN CRESCITA IL 2007, TRAINATO DAGLI AUMENTI DI PRODUZIONE ED EXPORT Nota a cura di: Federazione Imprese Tessili e Moda Italiane

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

cosa vedono nel loro futuro i produttori di serramenti copyright

cosa vedono nel loro futuro i produttori di serramenti copyright 2014 ricerca cosa vedono nel loro futuro i produttori di serramenti 1 Cosa vedono nel loro futuro i produttori di serramenti, 2014 La pubblicazione riporta i risultati di una ricerca condotta via internet

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Brasile IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Tra i BRIC (Brasile Russia India Cina paesi caratterizzati da una notevole crescita del PIL), il Brasile rappresenta il paese che indubbiamente sta dando segnali

Dettagli

Crisi economica e prospettive dei consumi

Crisi economica e prospettive dei consumi Crisi economica e prospettive dei consumi Le difficoltà di una filiera estremamente importante Angelo Massaro Amministratore Delegato - Italia e Grecia 11 Dicembre, 2013 Il Largo Consumo Confezionato:

Dettagli

GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT

GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EPORT Intervento di David Pambianco Martedì, 6 novembre 2012 Palazzo Mezzanotte Piazza degli

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Consuntivo 1 semestre e luglio-agosto Ufficio Studi Novembre Indice 1. Considerazioni generali....3 2. Il fatturato di vendita della Grande

Dettagli

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie Federazione Nazionale Fonderie XXXI Congresso di Fonderia Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro Roma 4-5 Ottobre 2012 PRESIDENTE : Enrico Frigerio 1 La Fonderia in Italia

Dettagli

SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA. Primi 3 mesi

SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA. Primi 3 mesi ICE - AGENZIA Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Parigi SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA Primi VOCI DOGANALI : 6301 : Coperte 6302

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

USA: MERCATO DEL MOBILE GIUGNO 2011. USA: il mercato del mobile

USA: MERCATO DEL MOBILE GIUGNO 2011. USA: il mercato del mobile USA: il mercato del mobile Giugno 2011 PREMESSA INDICE INTRODUZIONE 1 1. ATTUALE SITUAZIONE ECONOMICA NEGLI STATI UNITI 2 1.1 Panoramica della situazione economica negli stati uniti 2 1.2 Il mercato immobiliare

Dettagli

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1 NAFTA: Con 17,4 milioni di autoveicoli, la produzione del 2014 rappresenta il terzo miglior risultato dell industria autoveicolistica dell area. Il Messico diventa il settimo maggior produttore del mondo,

Dettagli

SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA. Primi 9 mesi

SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA. Primi 9 mesi ICE - AGENZIA Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Parigi SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA Primi VOCI DOGANALI : 6301 : Coperte 6302

Dettagli

L INDUSTRIA DELLA GIOIELLERIA AD HONG KONG NOTA DI MERCATO

L INDUSTRIA DELLA GIOIELLERIA AD HONG KONG NOTA DI MERCATO L INDUSTRIA DELLA GIOIELLERIA AD HONG KONG NOTA DI MERCATO ICE HONG KONG Marzo 2004 1 L INDUSTRIA DELLA GIOIELLERIA AD HONG KONG 1. Il mercato della gioielleria a Hong Kong Il settore della gioielleria

Dettagli

Macerata, 2 Dicembre 2005. benvenuti. Le strategie di crescita per il settore della calzatura: l interpretazione di Manas e Alfiere. Benvenuti!!

Macerata, 2 Dicembre 2005. benvenuti. Le strategie di crescita per il settore della calzatura: l interpretazione di Manas e Alfiere. Benvenuti!! benvenuti Le strategie di crescita per il settore della calzatura: l interpretazione di Manas e Alfiere Benvenuti!! 1 in diversi casi l attività agricola mezzadrile precedentemente condotta dalle famiglie

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

QUINTO RAPPORTO ANNUALE

QUINTO RAPPORTO ANNUALE QUINTO RAPPORTO ANNUALE I migranti nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 20 15 LE NOVITA DEL QUINTO RAPPORTO ANNUALE 2015.

Dettagli

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa

Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014. Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa Listino prezzi immobili sulla piazza di Milano e Provincia 16 settembre 2014 Giancarlo Vinacci, Amministratore Delegato MedioFimaa 2 POSITIVI NEGATIVI INVARIATI Aumento costante della domanda di mutui

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA OSSERVATORIO SUL MERCATO IMMOBILIARE Comunicato stampa LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2012 Trimestre Bologna Numero di compravendite

Dettagli

IL MERCATO DEL MELONE TENDENZE RECENTI. Ismea. a cura di Mario Schiano lo Moriello

IL MERCATO DEL MELONE TENDENZE RECENTI. Ismea. a cura di Mario Schiano lo Moriello IL MERCATO DEL MELONE TENDENZE RECENTI AGGIORNAMENTO PER LA RIUNIONE DEL COMITATO DI PRODOTTO DELL ORGANISMO INTERPROFESSIONALE «ORTOFRUTTA ITALIA» BRESCELLO, 7 SETTEMBRE 2015 a cura di Mario Schiano lo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2012 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2012 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2012 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 15 maggio 2012 - Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015.

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015. Milano, 13 maggio TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni:

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: Esercizio n. 1 Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: INFORMAZIONI STRATEGICHE NON STRATEGICHE La responsabile dell ufficio acquisti segnala la necessità di sostituire

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Alcuni indicatori economici Focus sull artigianato nella provincia di Vicenza Dati a supporto della mobilitazione nazionale Rete Imprese

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

Il commercio mondiale di Tessile Abbigliamento: uno scenario al 2020

Il commercio mondiale di Tessile Abbigliamento: uno scenario al 2020 Il commercio mondiale di Tessile Abbigliamento: uno scenario al 2020 Assemblea ACIMIT 2014 1 / 11 Perimetro, Obiettivi e Strumenti dello studio Perimetro Prodotti tessili della filiera Sistema Persona

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli