SINTESIINTESI DEGLI ADEMPIMENTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SINTESIINTESI DEGLI ADEMPIMENTI"

Transcript

1 SINTESIINTESI DEGLI ADEMPIMENTI CONNESSI ALL INSTAURAZIONE INSTAURAZIONE, TRASFORMAZIONE E CESSAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO Articolo tratto dal Bollettino di informazioni dal Mercato del Lavoro DICEMBRE 2007 Le nuove comunicazioni obbligatorie La Regione Veneto anticipa i tempi previsti dal decreto ministeriale di istituzione del modello unificato per la trasmissione delle comunicazioni obbligatorie relative alle assunzioni, proroghe, trasformazioni e cessazioni dei rapporti di lavoro che sancisce l obbligatorietà dell esclusiva trasmissione telematica a partire dal 1 marzo Dal 23 novembre i datori di lavoro pubblici e privati operanti in Veneto, hanno a disposizione lo strumento CO VE- NETO per adempiere agli obblighi comunicativi in maniera informatica. Il modello unificato per gli adempimenti amministrativi connessi alle comunicazioni obbligatorie dei datori di lavoro, era stato previsto dall art. 6, del decreto legislativo 19 dicembre 2002, n. 297 (modificativo e integrativo del decreto legislativo n. 181/2000) e ora vede, finalmente la luce. Il decreto, istitutivo del modello unificato utile a soddisfare le comunicazioni relative alle assunzioni, proroghe, trasformazioni e cessazioni dei rapporti di lavoro nei confronti dei Centri per l impiego, dell Inps, dell Inail e del Ministero del Lavoro, segna l avvio della telematizzazione delle procedure amministrative a cui sono soggetti i datori di lavoro nelle modalità definite dall art. 1, commi , della Legge 296/2007 (finanziaria 2007). La realizzazione della rete informativa dei servizi per il lavoro che si completa anche attraverso la pubblicazione dei decreti interministeriali sulla scheda anagrafico professionale del lavoratore e sugli standard tecnici della borsa lavoro, coinvolgerà Regioni, Province, Centri per l impiego, enti previdenziali e assicurativi, datori di Unico sistema di comunicazione telematica lavoro, consulenti abilitati e società di somministrazione. L art. 4 bis del decreto legislativo n. 181/2000, così come modificato dall art. 1, comma 1184 della Legge n. 296/2006, prevede che i datori di lavoro pubblici e privati effettuino le comunicazioni inerenti le vicende del rapporto di lavoro avvalendosi dei servizi informatici messi a disposizione dai servizi competenti dei quali il decreto ministeriale introduce una regolamentazione organica, definendo i modelli di comunicazione, i dizionari terminologici, le modalità di trasmissione e di trasferimento dei dati. Nel caso di mancata attivazione di sistemi informatici regionali, il Ministero del Lavoro mette a disposizione un dominio per consentire l invio informatico delle comunicazioni previste; lo stesso Ministero pubblica sul proprio sito ( l elenco ufficiale e l indirizzo di tutti i servizi informatici operativi. Gli unici datori di lavoro esonerati dall obbligatorietà della procedura informatica sono i datori di lavoro domestici che potranno effettuare le comunicazioni anche con modalità diverse, purchè idonee a documentare la data certa di trasmissione. Nel caso di malfunzionamento di un servizio informatico regionale o del servizio informatico dell utente, la comunicazione potrà essere inviata in forma sintetica al servizio fax server reso disponibile dal Ministero del Lavoro o dalle Regioni, fermo restando l obbligo di effettuare la comunicazione informatica nel primo giorno utile. I modelli, individuati dal decreto ministeriale, sono quattro, denominati, organizzati e utilizzabili come descritto nel box seguente: UNIFICATO LAV UNIFICATO URG UNIFICATO SOMM VARDATORI Instaurazione di rapporto di lavoro Proroga di rapporto di lavoro Trasformazione di rapporto di lavoro Distacco Trasferimento del lavoratore Cessazione del rapporto di lavoro Comunicazione sintetica di urgenza: 1. urgenza connessa ad esigenze produttive 2. da utilizzare solo in caso di instaurazione del rapporto di lavoro, con l obbligo di inviare l UniLav completo entro cinque giorni dall assunzione Inizio del rapporto di lavoro non contestuale alla missione Inizio contestuale del rapporto di lavoro e della missione Proroga della missione Trasformazione del rapporto di lavoro in costanza di missione Trasferimento del lavoratore in missione Cessazione anticipata della missione Cessazione contestuale del rapporto di lavoro e della missione Cessazione del rapporto di lavoro in assenza di missione Modifiche alla ragione sociale Trasferimenti (incorporazioni, fusioni, cessioni ramo aziendale, ecc) (Continua a pagina 2) Pagina 1

2 (Continua da pagina 1) E il modello mediante il quale tutti i datori di lavoro pubblici e privati, adempiono all obbligo di comunicazione dell assunzione dei lavoratori, della proroga, trasformazione e cessazione dei relativi rapporti di lavoro, direttamente o tramite i soggetti abilitati: Il modello si compone di otto sezioni. Le tre sezioni: Datore di lavoro Lavoratori Dati invio vanno sempre compilate indipendentemente dal tipo di comunicazione. Modello UNIFICATO LAV Nel caso di assunzioni di lavoratori, la comunicazione deve essere prodotta entro le ore 24 del giorno del giorno antecedente l inizio del rapporto: a) di lavoro subordinato; b) di collaborazione coordinata e continuativa; c) di collaborazione a progetto; d) di collaborazione occasionale (mini co.co.co) di cui all art. 61, comma 2, decreto legislativo 276/2003; e) di agenzia e rappresentanza commerciale caratterizzate dal requisito del coordinamento, continuità e personalità della prestazione lavorativa; f) lavoro sportivo; g) di lavoro nel settore dello spettacolo; h) di socio lavoratore di società cooperativa; i) di associazione in partecipazione con apporto di lavoro; j) di tirocinio formativo finalizzato all inserimento lavorativo (non dei tirocini degli studenti frequentanti) k) di borsa lavoro, di borsa post dottorato di ricerca e di lavoro socialmente utile. Nel caso di variazioni del rapporto di lavoro inerenti: a) la proroga del rapporto; b) la trasformazione del rapporto; c) il distacco del lavoratore; d) il trasferimento del lavoratore l adempimento deve essere effettuato entro il termine di cinque giorni dal verificarsi dell evento. L evento della proroga si riferisce alla prosecuzione, senza soluzione di continuità, di un rapporto di lavoro a termine sia di natura subordinata che parasubordinata (es. co. co. pro.) L ipotesi della trasformazione si riferisce a: a) trasformazione da tirocinio a rapporto di lavoro subordinato; b) trasformazione da tempo determinato a tempo indeterminato; c) trasformazione da tempo parziale a tempo pieno; d) trasformazione da apprendistato a tempo indeterminato; e) trasformazione da contratto di formazione e lavoro a contratto a tempo indeterminato; f) trasformazione da contratto di inserimento a contratto ma tempo indeterminato. Nel caso in cui il rapporto di lavoro sia oggetto di più tipologie di trasformazione (es. trasformazione contestuale da tempo determinato parziale a tempo indeterminato pieno) il modello deve essere compilato e inviato per ogni singola tipologia di trasformazione. Campi specifici denominati aggiuntivi sono previsti per le ipotesi di trasferimento (assegnazione definitiva del lavoratore a sede diversa dello stesso datore di lavoro) e distacco (temporanea messa a disposizione della prestazione del lavoratore a favore di altro datore di lavoro). Nel caso di cessazione del rapporto di lavoro, la relativa comunicazione deve essere eseguita entro i cinque giorni successivi alla risoluzione del rapporto nel caso di: a) rapporto di lavoro a tempo indeterminato; b) rapporto di lavoro a tempo determinato nel caso di non coincidenza con la data di scadenza comunicata al momento dell instaurazione del rapporto di lavoro o della sua proroga; c) sospensione legale del rapporto di lavoro comportante lo slittamento del termine finale precedentemente comunicato. In presenza di assunzioni dovute a cause di forza maggiore e di assoluta imprevedibilità, la comunicazione può essere effettuata entri i cinque giorni successivi all inizio della prestazione lavorativa, senza necessità di preventiva comunicazione sintetica (modello Unificato Urg ). (Continua a pagina 3) Pagina 2

3 (Continua da pagina 2) E il modello per le comunicazioni di assunzione effettuate in casi di urgenza connessa a esigenze produttive. Il modello si compone di quatto sezioni (quadri), tutte da compilare. E il modello mediante il quale le agenzie per il lavoro adempiono all obbligo di comunicazione relativo a tutte le tipologie dei rapporti di somministrazione. Le sezioni: Agenzia di somministrazione; Lavoratore; Rapporto Agenzia/Lavoratore; Dati invio vanno sempre compilate indipendentemente dal tipo di comunicazione. E il modello per le comunicazioni inerenti: a) La variazione della ragione sociale del datore di lavoro; b) Il trasferimento d azienda per cessione: c) Il trasferimento d azienda per fusione; d) La cessione di ramo d azienda. Il modulo si compone di sei sezioni (quadri). Modello UNIFICATO URG La comunicazione attraverso il modello Unificato Urg va fatta entro il giorno antecedente l instaurazione del rapporto di lavoro. Rimane fermo l obbligo di produrre, entro i cinque giorni successivi, la comunicazione attraverso il modello Unificato Lav. Il modello Unificato Urg va utilizzato in forma cartacea per effettuare la comunicazione sintetica d urgenza al fax service messo a disposizione dal Ministero del Lavoro, anche nei casi di mancato funzionamento dei servizi informatici; il primo giorno utile successivo all inconveniente dovrà effettuarsi la comunicazione ordinaria tramite l Unificato Lav. Modello UNIFICATO SOMM Il modello va utilizzato per la gestione delle comunicazioni inerenti: a) Inizio del rapporto di lavoro non contestuale o contestuale alla missione; b) Proroga della missione; c) Trasformazione del rapporto; d) Trasferimento del lavoratore; e) Cessazione del rapporto di lavoro; f) Cessazione del rapporto di lavoro in assenza di missione. Le agenzie per il lavoro possono effettuare le suddette comunicazioni entro il ventesimo giorno del mese successivo a quello in cui è avvenuta l assunzione, la proroga, la trasformazione e la cessazione del rapporto di lavoro. Modello VARDATORI La comunicazione attraverso il modello Unificato VARDatori deve essere effettuata entro i cinque giorni successivi alla realizzazione dell evento modificativo. Nel caso di comunicazione riferita a: a) Variazione di ragione sociale devono essere compilati solo i quadri relativi a: a) Datore di lavoro; b) Variazione ragione sociale; c) Dati invio. Nel caso di comunicazioni riferite a: a) Trasferimento d azienda per cessione; b) Trasferimento d azienda per fusione; c) Cessione di ramo d azienda devono essere compilati i seguenti quadri: a) Datore di lavoro; b) Trasferimenti; c) Datore di lavoro precedente; d) Elenco sedi di lavoro interessate; e) Elenco lavoratori interessati; f) Dati invio. La corretta trasmissione dei moduli sarà confermata dal rilascio, da parte del servizio informatico, di una ricevuta elettronica, unica per ciascuna comunicazione, contenente l indicazione (data e numero) e del codice di comunicazione, idonea ad attestare la data certa di trasmissione. Il servizio informatico consente di procedere, nei casi consentiti, all annullamento e alla rettifica della comunicazione inviata attraverso il form on line o l invio di un file XML. Dal momento della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Ministeriale, le comunicazioni effettuate mediante l utilizzo dei moduli illustrati sono valide ai fini dell assolvimento degli obblighi comunicativi nei confronti dell Inail, dell Inps e degli altri Enti previdenziali. Sarà il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale a inoltrare le predette comunicazioni ai vari Istituti e alla Prefettura Ufficio Territoriale e del Governo in caso di assunzione di lavoratori provenienti da Paesi stranieri non rientranti nella Comunità Europea. La decretazione ministeriale produttiva dell obbligatorietà ed esclusività della comunicazione telematica è completata da due ulteriori decreti del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale concertati con il Ministero per le Riforme e l Innovazione nella Pubblica Amministrazione, atti all individuazione del modello di scheda anagrafico (Continua a pagina 4) Pagina 3

4 (Continua da pagina 3) professionale e degli standard di interconnessione con la borsa continua nazionale del lavoro. Di particolare rilievo, oltre all indicazione della scheda ana- grafico professionale quale base dati del sistema informativo lavoro, l attribuzione alla stessa e limitatamente ai dati amministrativi relativi allo stato di disoccupazione, nonché all iscrizione in liste o elenchi speciali, di valore certificativo. La Regione Veneto, attraverso Veneto Lavoro, ha reso disponibile un applicativo su base regionale (on line e off line) che, nel recepire i tracciati e le tabelle di classificazione nazionali definiti dal decreto ministeriale di riferimento, ne implementa la funzionalità consentendo una personalizzazione del profilo utente e dotandosi di un Help desk unico L accessibilità al sistema comporta, dopo la registrazione, un accordo di servizio on line con Veneto Lavoro, richiesto anche agli utenti già in possesso di account con il vecchio sistema (AOL). Modalità di stipula dell'accordo di servizio Per tutti gli utenti possessori di smart card si consiglia di utilizzare la modalità di stipula dell'accordo di servizio mediante firma digitale, trattandosi di procedimento molto semplice e veloce. Le istruzioni operative sono le seguenti: accedere all'applicativo 'CO veneto' e inserire le proprie credenziali (login e password) selezionare la modalità di stipula 'con smart card' e compilare la maschera on line (form) scaricare in locale il file di testo accordodiservizio.xml e, senza chiudere la pagina web di CO veneto, firmarlo con il software Dike. inviare al sistema il file firmato digitalmente prestando attenzione a non modificare il file prima della firma o i campi della maschera dopo il salvataggio stampare e archiviare il testo dell'accordo di servizio In alternativa è possibile utilizzare la procedura di stipula attraverso Centro per l'impiego (le modalità operative sono in via di definizione): accedere all'applicativo 'CO veneto' e inserire le proprie credenziali (login e password) selezionare la modalità di stipula 'con cpi' e compilare la maschera on line (form) stampare il testo dell'accordo di servizio consegnare ad uno qualsiasi dei centri per l'impiego veneti oppure inviare direttamente a Veneto Lavoro la seguente documentazione cartacea: accordo di servizio sottoscritto a mano in tutte le pagine copia di un documento valido di identità personale copia della visura camerale aggiornata del datore di lavoro La procedura di stipula verrà così completata in modo 'virtuale' dall'amministrazione del sistema 'Co veneto'. Questa modalità operativa non richiede l'uso di smart card, ma necessita inevitabilmente di qualche tempo per essere presa in carico ed evasa. I riferimenti di Veneto Lavoro sono i seguenti: Veneto Lavoro Via Cà Marcello Mestre (Venezia) fax: Informazioni tecniche Job For You (lavoro per te) è il Portale web pensato come punto di accesso alle risorse offerte dal mercato del lavoro veronese, dedicate al soddisfacimento dei bisogni in materia di "lavoro" di studenti, lavoratori e imprese. Con Job For You, ci si avvale di uno snodo di erogazione dei servizi per l'impiego pubblico-privati, anche con modalità multicanale (web, sms, digitale terrestre). Il risultato atteso è migliorare la comunicazione tra gli attori coinvolti nelle problematiche del mercato del lavoro, della formazione, dell'orientamento e creare un vero e proprio mercato del lavoro virtuale, nel quale i bisogni di ciascuno incontrano le soluzioni. La Provincia di Verona intende, così, attivare concrete politiche attive del lavoro, assicurando un servizio innovativo, che offre nuovi canali di relazione e comunicazione agli attori ed utenti del mercato del lavoro e realizza opportunità di incontro alle parti sociali in campo, contribuendo alla creazione di una rete coordinata di servizi. Pagina 4

5 Servizi per l Impiego Settore Politiche Attive per il Lavoro tel fax Ufficio Apprendistato tel fax Servizio Collocamento Mirato (disabili) tel fax Ufficio Stage tel fax CENTRI PER L IMPIEGO Verona tel fax Affi Località Cà Nove Affi tel fax San Bonifacio Via C. Battisti, San Bonifacio tel fax Villafranca di Verona Piazza IV Novembre Villafranca di Verona tel fax Bovolone Via IV Novembre, Bovolone tel fax Legnago Via G. Matteotti, Legnago tel fax provincia verona di centri per l impiego Provincia di Verona Settore Politiche Attive per il Lavoro Ufficio di progetto per il Marketing Tel Fax Redazione a cura di Lanza Alberto Realizzazione grafica a cura di Laudanna Dario Pagina 5

Decreto Ministeriale 30 ottobre 2007

Decreto Ministeriale 30 ottobre 2007 Decreto Ministeriale 30 ottobre 2007 Comunicazioni obbligatorie telematiche dovute dai datori di lavoro pubblici e privati ai servizi competenti Pubbicato nella Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 Dicembre

Dettagli

La comunicazione obbligatoria al Ministero del Lavoro. Le novità del decreto attuativo della legge 27.12.06 n. 296

La comunicazione obbligatoria al Ministero del Lavoro. Le novità del decreto attuativo della legge 27.12.06 n. 296 La comunicazione obbligatoria al Ministero del Lavoro Le novità del decreto attuativo della legge 27.12.06 n. 296 Le comunicazioni obbligatorie Riferimenti normativi: Articolo 4-bis del d.lgs n. 181/00,

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA Segreteria Confederale 00187 ROMA VIA LUCULLO, 6 R. DU GOUVERNEMENT PROVISOIRE, 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA Segreteria Confederale 00187 ROMA VIA LUCULLO, 6 R. DU GOUVERNEMENT PROVISOIRE, 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA Segreteria Confederale 00187 ROMA VIA LUCULLO, 6 R. DU GOUVERNEMENT PROVISOIRE, 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

Linee guida delle procedure descritte nel presente manuale

Linee guida delle procedure descritte nel presente manuale Linee guida delle procedure descritte nel presente manuale 1. Registrazione utenti Per essere abilitati all invio delle comunicazioni è necessario che il datore di lavoro (soggetto obbligato) o suo delegato

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE Modelli e regole 1 Indice 1 Note generali...4 1.1 Il servizio informatico delle comunicazioni obbligatorie...4 1.2 Obbligo di

Dettagli

Comunica Facile. www.lavoro.gov.it/co comunicazioni obbligatorie Sistema Informativo del Lavoro contrasto al lavoro irregolare 800 196 196

Comunica Facile. www.lavoro.gov.it/co comunicazioni obbligatorie Sistema Informativo del Lavoro contrasto al lavoro irregolare 800 196 196 Comunica Facile. Non più tante comunicazioni cartacee, ma una: unica e on-line. A partire da marzo 2008, per comunicare l assunzione di un nuovo lavoratore, non dovrai più compilare modelli differenti

Dettagli

Il sistema di invio delle Comunicazioni Obbligatorie. L accesso al sistema COMARCHE

Il sistema di invio delle Comunicazioni Obbligatorie. L accesso al sistema COMARCHE IL SISTEMA COMARCHE IL SISTEMA COMARCHE...1 Il sistema di invio delle Comunicazioni Obbligatorie...2 L accesso al sistema COMARCHE...2 PRIMO ACCESSO AL SISTEMA...3 Form per utenti abilitati all invio delle

Dettagli

OGGETTO: Comunicazioni obbligatorie On Line. Nuove disposizioni attuative e regime transitorio nella Provincia di Torino.

OGGETTO: Comunicazioni obbligatorie On Line. Nuove disposizioni attuative e regime transitorio nella Provincia di Torino. Struttura mittente: NC3 Coord Cpi: sito web Torino, lì 10 gennaio 2008 Prot. N. 7641/2008 Ai Responsabili dei Centri per l Impiego LORO SEDI Circolare n. 1/2008 OGGETTO: Comunicazioni obbligatorie On Line.

Dettagli

Le nuove regole per le comunicazioni obbligatorie telematiche

Le nuove regole per le comunicazioni obbligatorie telematiche N. 158 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Le nuove regole per le comunicazioni obbligatorie telematiche Il Ministero del Lavoro ha previsto alcune modifiche

Dettagli

La riforma delle Comunicazioni INDICE

La riforma delle Comunicazioni INDICE La riforma delle Comunicazioni INDICE obbligatorie 1. 2. 3. LE PREMESSA...2 4. GLI UTENTI NOVITA...2 5. IL PROCESSO IN INTERESSATI...3 6. GLI STANDARD DEL SINTESI...5 7. INFORMAZIONI PLURIEFFICACIA E DELLA

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE Modelli e regole Marzo 2009 1 Indice 1 Note generali... 4 1.1 Il servizio informatico delle comunicazioni obbligatorie... 4 1.2

Dettagli

CONVENZIONE TRA. la Città Metropolitana di Roma Capitale con sede in Roma, Via Raimondo Scintu 106, rappresentata dal Dirigente del

CONVENZIONE TRA. la Città Metropolitana di Roma Capitale con sede in Roma, Via Raimondo Scintu 106, rappresentata dal Dirigente del CONVENZIONE TRA la Città Metropolitana di Roma Capitale con sede in Roma, Via Raimondo Scintu 106, rappresentata dal Dirigente del Servizio 1 - Politiche del Lavoro e Lavoro e sugli esiti occupazionali

Dettagli

SOMMARIO 1. SETUP COLLOCAMENTO TELEMATICO 5

SOMMARIO 1. SETUP COLLOCAMENTO TELEMATICO 5 M:\Manuali\Circolari_mese\2008\02\collocamento telematico.doc COLLOCAMENTO TELEMATICO SOMMARIO 1. SETUP COLLOCAMENTO TELEMATICO 5 1.1. ELENCO DEI SETUP...5 1.2. ASPETTI TECNICI...5 1.2.1 INSTALLER (NON

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Comunicazioni Obbligatorie Sistema informatico CO Dominio transitorio Manuale Utente Questura Versione manuale 2.8-1 - 1. Indice 1. Indice... 2 2. Introduzione...

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Sistema Informativo del Lavoro per l Accreditamento dei Soggetti Abilitati (e la relativa associazione delle Imprese) all

Dettagli

DECRETO INTERMINISTERIALE DEL 30.10.2007 PER LE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE ON LINE

DECRETO INTERMINISTERIALE DEL 30.10.2007 PER LE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE ON LINE PROVINCIA DELLA SPEZIA Settore Politiche Economiche, Sociali e del Lavoro Provincia della Spezia Medaglia d oro al valor militare DECRETO INTERMINISTERIALE DEL 30.10.2007 PER LE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE

Dettagli

www.laquilalavoro.it

www.laquilalavoro.it www.laquilalavoro.it Comunicazioni Obbligatorie on line Aspetti generali: La legge 296/2006 (finanziaria per il 2007) al comma 1184 prevede l obbligo per i datori di lavoro pubblici e privati (Soggetti

Dettagli

AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE, LAVORO E SOLIDARIETA SOCIALE SERVIZIO LAVORO

AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE, LAVORO E SOLIDARIETA SOCIALE SERVIZIO LAVORO AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE PROFESSIONALE, LAVORO E SOLIDARIETA SOCIALE SERVIZIO LAVORO Torino, 29/01/03 STRUTTURA MITTENTE: NA4 Segreteria IR/*of ALLEGATI: Prot. N. Ai Responsabili dei C.P.I. Ai Responsabili

Dettagli

COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE

COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE Modelli e regole Gennaio 2013 1 Sommario 1 NOTE GENERALI... 4 1.1 IL SERVIZIO INFORMATICO DELLE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE... 4

Dettagli

Ufficio Personale Pubbliche Amministrazioni Segreteria tecnica del direttore. Nota Circolare UPPA n. 01/08. Roma, lì 8 Gennaio 2008

Ufficio Personale Pubbliche Amministrazioni Segreteria tecnica del direttore. Nota Circolare UPPA n. 01/08. Roma, lì 8 Gennaio 2008 Ufficio Personale Pubbliche Amministrazioni Segreteria tecnica del direttore Nota Circolare UPPA n. 01/08, lì 8 Gennaio 2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

Le comunicazioni obbligatorie on line. - Che cosa sono le Comunicazioni obbligatorie (CO) - Assunzioni: che cosa cambia - Lavoro: una rete di servizi

Le comunicazioni obbligatorie on line. - Che cosa sono le Comunicazioni obbligatorie (CO) - Assunzioni: che cosa cambia - Lavoro: una rete di servizi Indice Le comunicazioni obbligatorie on line - Che cosa sono le Comunicazioni obbligatorie (CO) - Assunzioni: che cosa cambia - Lavoro: una rete di servizi - Le comunicazioni obbligatorie in pratica -

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Generale per il mercato del lavoro Direzione Generale per l innovazione tecnologica e la comunicazione Allegato D Regole tecniche per l aggiornamento

Dettagli

Premessa. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione

Premessa. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Roma, 18-01-2010 Messaggio n. 1715 OGGETTO: Nuovo servizio online per le Aziende e i Consulenti:

Dettagli

SINTESI. Modulo Applicativo. Comunicazioni Obbligatorie (COB)

SINTESI. Modulo Applicativo. Comunicazioni Obbligatorie (COB) SINTESI Modulo Applicativo Comunicazioni Obbligatorie (COB) 1 Versione 3.14 del 18/06/2008 INDICE 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti Client necessari per l utilizzo

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

Comunicazioni Obbligatorie. Dominio transitorio

Comunicazioni Obbligatorie. Dominio transitorio Comunicazioni Obbligatorie Sistema informatico CO Dominio transitorio Manuale Utente Centro per l Impiego Versione manuale 2.4 Indice 1. Indice 1. Indice... 1 2. Introduzione... 2 2.1 Obbligo di trasmissione

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

Le nuove modalità di comunicazione per il lavoro intermittente

Le nuove modalità di comunicazione per il lavoro intermittente N. 166 del 05.04.2013 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DTL Modena (1) Le nuove modalità di comunicazione per il lavoro intermittente Il Ministero del Lavoro, di concerto con il Ministero

Dettagli

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 Servizi per le aziende Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 L applicativo studiato per la trasmissione delle comunicazioni obbligatorie

Dettagli

Le comunicazioni obbligatorie in Veneto. Scheda informativa

Le comunicazioni obbligatorie in Veneto. Scheda informativa Le comunicazioni obbligatorie in Veneto Scheda informativa 1. ASPETTI GENERALI 1.1.Obblighi di comunicazione a. A decorrere dal 1 gennaio 2007 i datori di lavoro devono comunicare al Centro per l impiego

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO

PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO SERVIZIO SELEZIONI E ASSUNZIONI Via T. Tasso, n. 8 - BERGAMO (Tel. 035-387.103-4-5-6 - Fax 035-387.210) Http://www.provincia.bergamo.it e-mail: segreteria.personale@provincia.bergamo.it

Dettagli

Lavoro intermittente Comunicazione della chiamata del lavoratore: chiarimenti

Lavoro intermittente Comunicazione della chiamata del lavoratore: chiarimenti n 25 del 05 luglio 2013 circolare n 451 del 02 luglio 2013 referente GRANDI/af Lavoro intermittente Comunicazione della chiamata del lavoratore: chiarimenti A scioglimento della riserva formulata nella

Dettagli

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce COMUNE DI Progetto per la semplificazione amministrativa C O N V E N Z I O N E T R A - la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Guida alla Registrazione Utenti

Guida alla Registrazione Utenti Guida alla Registrazione Utenti Introduzione Per l utilizzo della procedura telematica è necessario che gli operatori abilitati alla presentazione dei moduli provvedano alla propria registrazione, utilizzando

Dettagli

COME DEVO FARE PER.?

COME DEVO FARE PER.? 1. COSTITUZIONE CON CONTESTUALE INIZIO ATTIVITA E CONTESTUALE ASSUNZIONE DI DIPENDENTI L assunzione dei dipendenti deve essere comunicato, tramite Unilav (Ministero del lavoro), preventivamente (almeno

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIRZION GNRAL PR IL MRCATO DL LAVORO Prot. n. 16/SGR/1044 del 16.02.2009 A Tutti gli indirizzi in allegato LORO SDI OGGTTO: Nota di chiarimento sugli adempimenti connessi alla comunicazione riguardante

Dettagli

Introduzione. Accreditamento

Introduzione. Accreditamento Introduzione Vanti un credito nei confronti di una P.A.? Vuoi ottenere il riconoscimento del tuo credito? Oggi tutto questo è possibile, in modo semplificato, grazie alla piattaforma per la certificazione

Dettagli

Ufficio Legislativo. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Ufficio Legislativo. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Ufficio Legislativo Entrate Organizzazione Sistemi Informativi e Tecnologici Bilanci e Servizi fiscali Roma, 24 Marzo 2009 Circolare n. 44 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie - VARDATORI - Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura VARDATORI

Gestore Comunicazioni Obbligatorie - VARDATORI - Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura VARDATORI Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura VARDATORI 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 COMUNICAZIONI VARDATORI... 4 2.1 VARIAZIONE DELLA RAGIONE SOCIALE DEL DATORE DI LAVORO...

Dettagli

sistema piemonte ProDis Prospetto Disabili Frequently Asked Questions versione 1.1 sistemapiemonte.it

sistema piemonte ProDis Prospetto Disabili Frequently Asked Questions versione 1.1 sistemapiemonte.it sistema piemonte ProDis Prospetto Disabili Frequently Asked Questions versione 1.1 sistemapiemonte.it 1. REGOLE DI COMPILAZIONE 1.1. Quando si presenta il "Prospetto Informativo Disabili"? La presentazione

Dettagli

DIMISSIONI VOLONTARIE DOCUMENTO NORMATIVO

DIMISSIONI VOLONTARIE DOCUMENTO NORMATIVO Dimissioni volontarie Pag. 1 di 9 DIMISSIONI VOLONTARIE DOCUMENTO NORMATIVO HRO Relazioni Industriali Febbraio 2008 Dimissioni volontarie Pag. 2 di 9 INDICE Scopo e campo di applicazione pag. 3 Quadro

Dettagli

S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE

S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE SERVIZI DI INFRASTRUTTURA Vista d'insieme Questo documento definisce la visione d insieme del nuovo Sistema Informativo Lavoro ed è teso ad illustrare le caratteristiche

Dettagli

Roma, 25/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 113

Roma, 25/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 113 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 25/07/2013 Circolare

Dettagli

Regione Campania. Comunicazioni Obbligatorie Regione Campania. Manuale Utente Soggetto abilitato. Versione manuale 1.3

Regione Campania. Comunicazioni Obbligatorie Regione Campania. Manuale Utente Soggetto abilitato. Versione manuale 1.3 Regione Campania Comunicazioni Obbligatorie Regione Campania Manuale Utente Soggetto abilitato Versione manuale 1.3 Indice 1. Indice 1. Indice... 1 2. Introduzione... 3 2.1 Obbligo di trasmissione informatica...

Dettagli

Manuale per la compilazione on-line della richiesta di anticipo

Manuale per la compilazione on-line della richiesta di anticipo Manuale per la compilazione on-line della richiesta di anticipo Firenze, 11/11/2011 1 INDICE 1. ACCESSO AL SISTEMA... 3 2. ACCESSO ALL ANAGRAFE... 4 3. INSERIMENTO MODALITÀ DI PAGAMENTO... 5 4. INSERIMENTO

Dettagli

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014 Regole per la gestione dello stato di disoccupazione In vigore dal 1 gennaio 2014 Stato di disoccupazione Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole per la gestione dello stato di disoccupazione,

Dettagli

COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE

COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE Modelli e regole Gennaio 2014 v.1.0 1 Sommario 1 NOTE GENERALI... 4 1.1 IL SERVIZIO INFORMATICO DELLE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE...

Dettagli

Progetto per la semplificazione amministrativa

Progetto per la semplificazione amministrativa Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce Città di Lecce Progetto per la semplificazione amministrativa ComUniica lla tua attiiviità commerciialle MODALITA OPERATIVE (VERS. 1.1. DEL

Dettagli

Comunicazioni Obbligatorie Manuale Utente Agenzia di Somministrazione

Comunicazioni Obbligatorie Manuale Utente Agenzia di Somministrazione Comunicazioni Obbligatorie Manuale Utente Agenzia di Somministrazione Indice 1. Indice 1. Indice... 1 2. Introduzione... 3 3. Accesso al sistema... 3 4. Funzionalità dell interfaccia... 6 4.1 Legenda delle

Dettagli

Portale Sintesi Procedure Base e di Registrazione

Portale Sintesi Procedure Base e di Registrazione Provincia di Lecce Settore Politiche Culturali, Sociali, di Parità e del Lavoro Servizio Formazione e Lavoro Portale Sintesi Procedure Base e di Registrazione Versione 1.0 Marzo 2012 Sommario Portale Sintesi...3

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI DEI CONTI GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO PER I REVISORI LEGALI E LE SOCIETA DI REVISIONE Versione 1.0 del 31 maggio 2013 Sommario PREMESSA... 4 LA PROCEDURA

Dettagli

CONFETRA La riproduzione totale o parziale è consentita esclusivamente alle organizzazioni aderenti alla Confetra.

CONFETRA La riproduzione totale o parziale è consentita esclusivamente alle organizzazioni aderenti alla Confetra. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 - tel. 06/8559151 - fax 06/8415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 4 gennaio 2008

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis.

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis. AVVISO 411/E Allegato A) INCENTIVI ALLE IMPRESE PER L ASSUNZIONE DEGLI EX DETENUTI E DEI DETENUTI CON PERMESSO AI SENSI DELL ART. 21 LEGGE N.354/75 E DEL DECRETO-LEGGE N. 78/2013 1. Obiettivi e principi

Dettagli

Circolare N.33 del 21 Febbraio 2013

Circolare N.33 del 21 Febbraio 2013 Circolare N.33 del 21 Febbraio 2013 Telematizzata la domanda delle aziende per l intervento diretto di pagamento ai lavoratori del TFR dal Fondo di garanzia Telematizzata la domanda delle aziende per l

Dettagli

ARTeS iscrizione Albi e Registri Terzo Settore della Regione Lazio Guida alle procedure di iscrizione. Rev. 0 del 2 maggio 2012

ARTeS iscrizione Albi e Registri Terzo Settore della Regione Lazio Guida alle procedure di iscrizione. Rev. 0 del 2 maggio 2012 ARTeS iscrizione Albi e Registri Terzo Settore della Regione Lazio Guida alle procedure di iscrizione Rev. 0 del 2 maggio 2012 1 Il sistema informativo A.R.Te.S. È operativa dal 2 maggio la nuova procedura

Dettagli

TESTO COORDINATO. Indice

TESTO COORDINATO. Indice TESTO COORDINATO DIRETTIVE TECNICHE PER L ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI FORMATORI CHE GESTISCONO I CORSI DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DIRETTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Individuazione degli elementi informativi e definizione delle modalità tecniche e dei termini relativi alla trasmissione degli elenchi di cui all articolo 37, commi 8 e 9, del decreto legge 4 luglio 2006,

Dettagli

Progetto per la semplificazione amministrativa e la realizzazione del SUAP

Progetto per la semplificazione amministrativa e la realizzazione del SUAP Città di Ariano Irpino Progetto per la semplificazione amministrativa e la realizzazione del SUAP Speriimentaziione delllla SCIA iin ComUniica GUIDA OPERATIVA DESCRIZIONE DEL PROGETTO Progetto per la semplificazione

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 17/06/2015

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 17/06/2015 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 17/06/2015 Circolare n. 122 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

M.U.T. Modulo Unico Telematico

M.U.T. Modulo Unico Telematico Via Alessandria, 215 Roma tel: 06/852614 fax: 06/85261500 e-mail: info@cnce.it M.U.T. Modulo Unico Telematico http://mut.cnce.it Novità client versione 1.6.1 Data redazione: 21.06.2007 Indice dei contenuti

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

A. Dichiarazione dello stato di disoccupazione

A. Dichiarazione dello stato di disoccupazione Disposizioni in materia di regolazione e gestione dello stato di disoccupazione da parte dei servizi per l impiego, ai sensi di quanto previsto dagli articoli 1, 2 e 4 del decreto legislativo 21 aprile

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

P r o v i n c i a d i P a d o v a SETTORE LAVORO E FORMAZIONE Ufficio Categorie Protette Provinciale

P r o v i n c i a d i P a d o v a SETTORE LAVORO E FORMAZIONE Ufficio Categorie Protette Provinciale P r o v i n c i a d i P a d o v a SETTORE LAVORO E FORMAZIONE Ufficio Categorie Protette Provinciale CONVENZIONE D'INTEGRAZIONE LAVORATIVA ex art. 11, comma 4, legge 68/99 in enti pubblici Il giorno I

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 20/03/2014

Direzione Centrale Entrate. Roma, 20/03/2014 Direzione Centrale Entrate Roma, 20/03/2014 Circolare n. 33 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

ASSUNZIONE: OBBLIGHI DEL DATORE E MODULISTICA DA UTILIZZARE

ASSUNZIONE: OBBLIGHI DEL DATORE E MODULISTICA DA UTILIZZARE Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 07/07/2015. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

CONVENZIONI PRIVATI TRA

CONVENZIONI PRIVATI TRA Legge 12 Marzo 1999, n. 68 Norme per il diritto al lavoro dei disabili CONVENZIONE EX ART. 11 Premesso che a) le parti si sono determinate nella stipula della presente convenzione al fine di consentire

Dettagli

ADELINE Adempimenti on Line e Comunicazioni Obbligatorie per la Regione Friuli Venezia Giulia

ADELINE Adempimenti on Line e Comunicazioni Obbligatorie per la Regione Friuli Venezia Giulia ADELINE Adempimenti on Line e Comunicazioni Obbligatorie per la Regione Friuli Venezia Giulia ADELINE è l'area dei servizi rivolti ai datori di lavoro ed ai loro intermediari abilitati per la compilazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 58/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma 17 ottobre 2008 Oggetto: Trasferimento di quote di S.r.l. Art. 36 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

SIL -IRIDE REGIONE LIGURIA. Assessorato alle politiche del lavoro e dell occupazione, politiche dell immigrazione e dell emigrazione, trasporti

SIL -IRIDE REGIONE LIGURIA. Assessorato alle politiche del lavoro e dell occupazione, politiche dell immigrazione e dell emigrazione, trasporti REGIONE LIGURIA Assessorato alle politiche del lavoro e dell occupazione, politiche dell immigrazione e dell emigrazione, trasporti Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro SIL -IRIDE Manuale operativo

Dettagli

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI -

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - Art. 1 Finalità Il presente regolamento disciplina l iscrizione e la contribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI -

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - Art. 1 Finalità Il presente regolamento disciplina l iscrizione e la contribuzione

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

MODELLO F24 TELEMATICO

MODELLO F24 TELEMATICO Via G.Bovini, 41-48100 Ravenna (RA) Tel. 0544-501881 Fax 0544-461503 www.studiomorelli.ra.it Altra sede: Dott. Franco Foschini 48012 Bagnacavallo (RA) Dott. Paolo Mazza Via Brandolini, 11 Dott. Vincenzo

Dettagli

Anagrafica Operatori Manuale Utente 3.3

Anagrafica Operatori Manuale Utente 3.3 Anagrafica Operatori Manuale Utente 3.3 Indice 1. HomePage 3 2. Invio Credenziali 6 3. Recupero credenziali e modifica password 8 4. Inserimento Dati Societari 12 5. Inserimento Settori Attività 16 6.

Dettagli

Procedure contributi e prestazioni 2012 FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I LAVORATORI DELL ARTIGIANATO SAN.ARTI.

Procedure contributi e prestazioni 2012 FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I LAVORATORI DELL ARTIGIANATO SAN.ARTI. FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I LAVORATORI DELL ARTIGIANATO SAN.ARTI. REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE OPERATIVE RELATIVE ALLA ISCRIZIONE, ALLA CONTRIBUZIONE ED ALLE PRESTAZIONI. Approvato dal

Dettagli

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Lavoro a chiamata. Dal 3 luglio entrano in vigore le modalità di comunicazione on line e per sms Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che sono state

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE Approvato dal Senato della Repubblica

DISEGNO DI LEGGE Approvato dal Senato della Repubblica Deleghe al Governo in materia di lavori usuranti, di riorganizzazione di enti, di congedi, aspettative e permessi, di ammortizzatori sociali, di servizi per l impiego, di incentivi all occupazione, di

Dettagli

Il lavoratore Mario Rossi ha percepito nel corso dell anno 2.020 1 netti di voucher dalla Alfa S.r.l., 2.020 1 netti

Il lavoratore Mario Rossi ha percepito nel corso dell anno 2.020 1 netti di voucher dalla Alfa S.r.l., 2.020 1 netti Prospetto riepilogativo sull utilizzo dei voucher Valore Minimo di ogni Voucher 10,00 Valore Incassato dal lavoratore 7,50 Somma totale erogabile in un anno solare (quindi dal 01/01 al 31/12) ad ogni lavoratore

Dettagli

SINTESI LA DELEGA. di Azienda con più sedi operative. http://sintesi.provincia.le.it/portale

SINTESI LA DELEGA. di Azienda con più sedi operative. http://sintesi.provincia.le.it/portale SINTESI LA DELEGA di Azienda con più sedi operative http://sintesi.provincia.le.it/portale Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifica senza preavviso e non rappresentano

Dettagli

Scorrendo queste pagine è possibile avere tutte le informazioni sul corretto utilizzo della procedura.

Scorrendo queste pagine è possibile avere tutte le informazioni sul corretto utilizzo della procedura. Comunicazioni Online - Corso di Autoformazione Scorrendo queste pagine è possibile avere tutte le informazioni sul corretto utilizzo della procedura. Il Corso di Autoformazione vuole essere uno strumento

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Comunicazioni Obbligatorie Sistema informatico CO Dominio transitorio Manuale Utente Centro per l Impiego Versione manuale 4.2 Indice 1. Indice 1. Indice...

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

Procedura Dichiarazioni di Responsabilità del Contribuente DiResCo

Procedura Dichiarazioni di Responsabilità del Contribuente DiResCo Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Servizi online per le Aziende e i Consulenti disponibili

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.3/2008 * * * * * * * * * * * *

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.3/2008 * * * * * * * * * * * * Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.3/2008 OGGETTO: Nuova disciplina delle dimissioni volontarie * * * * * * * * * * * * In Gazzetta Ufficiale n. 42 del 19 febbraio 2008 è stato

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Sistema Informativo del Lavoro per la Registrazione e l Accreditamento delle Imprese all invio telematico: delle Comunicazioni

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

Manuale Utente per la Domanda di Iscrizione nell Elenco Revisori degli Enti Locali

Manuale Utente per la Domanda di Iscrizione nell Elenco Revisori degli Enti Locali Manuale Utente per la Domanda di Iscrizione nell Elenco Revisori degli Enti Locali INDICE DEI CONTENUTI 1 PRESENTAZIONE DEL DOCUMENTO 3 1.1 DEFINIZIONE DEI TERMINI/GLOSSARIO 3 2 MODALITÀ DI REGISTRAZIONE

Dettagli

VADEMECUM DELLE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE ON LINE DELLA REGIONE ABRUZZO.

VADEMECUM DELLE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE ON LINE DELLA REGIONE ABRUZZO. VADEMECUM DELLE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE ON LINE DELLA REGIONE ABRUZZO. Indice. 1. Aspetti generali 2. Obbligo della Comunicazione 3. Oggetto della Comunicazione 4. Destinatari della Comunicazione 5.

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10/04/2015 Circolare n. 75 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank S.p.A. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1056 MODULO DI ADESIONE

Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank S.p.A. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1056 MODULO DI ADESIONE Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank S.p.A. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1056 MODULO DI ADESIONE Il sottoscritto conferma di aver preso visione dello Statuto e della Nota

Dettagli

Circolare Informativa n 30/2013. Collocamento obbligatorio e Riforma del lavoro

Circolare Informativa n 30/2013. Collocamento obbligatorio e Riforma del lavoro Circolare Informativa n 30/2013 Collocamento obbligatorio e Riforma del lavoro e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 5 INDICE Premessa pag.3 1) Collocamento disabili e disciplina

Dettagli

Roma, 23-09-2015. Messaggio n. 5864. 1. Premessa

Roma, 23-09-2015. Messaggio n. 5864. 1. Premessa Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 23-09-2015 Messaggio n. 5864 OGGETTO: Controlli sulle Dichiarazioni sostitutive uniche trasmesse

Dettagli

Assunzione donne e assunzione giovani: quali sono gli incentivi

Assunzione donne e assunzione giovani: quali sono gli incentivi Roma, 18 ottobre 2012 E stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 17 ottobre 2012, il Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con cui si stanziano circa 230milioni di euro per l

Dettagli

Flusso per la gestione delle prestazioni occasionali di tipo accessorio

Flusso per la gestione delle prestazioni occasionali di tipo accessorio Flusso per la gestione delle prestazioni occasionali di tipo accessorio Fase facoltativa Domanda Domanda del del lavoratore lavoratore al al CPI CPI Registrazione Registrazione lavoratore lavoratore Richiesta

Dettagli