ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE MARIA IMMACOLATA. Documento del Consiglio di Classe 15 Maggio 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE MARIA IMMACOLATA. Documento del Consiglio di Classe 15 Maggio 2012"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE MARIA IMMACOLATA Documento del Consiglio di Classe 15 Maggio 2012 ANNO SCOLASTICO

2 VERBALE DELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO DI CLASSE DELLA CLASSE V DELL ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE SEZ. A, 8 MAGGIO 2012 Il giorno 8 maggio 2012, alle ore si riunisce nella classe I ITE il Consiglio di Classe della quinta sezione A per discutere e deliberare sul seguente O.d.G.: verifica ed approvazione del Documento del Consiglio di Classe per la Commissione d esame, come previsto dall articolo 5 comma 2 del D.P.R. n. 323 dal 23/7/1998 e dall articolo 6 dell O.M. n. 43 dell 11/4/2002. Sono presenti tutti i docenti della classe, presiede il Preside, prof. Giovanni Frigerio, funge da segretario la prof.ssa Paola Ongaro. Il Documento già impostato nella sua struttura generale, è stato predisposto nel mese scorso dai diversi insegnanti che si sono divisi i compiti secondo un piano di lavoro precedentemente formulato; il Coordinatore di Classe, professoressa Paola Ongaro, ha curato la redazione finale, assemblando le varie parti. Tutti i docenti della classe hanno già avuto modo di leggere il testo completo e di segnalare al coordinatore le loro osservazioni in merito. La Professoressa Ongaro dà lettura del testo definitivo, durante la lettura vengono di comune accordo apportate variazioni di entità marginale; al termine il Consiglio approva il Documento all unanimità. Il Preside incarica il segretario di curare che una copia sia posta agli atti della scuola, una copia sia affissa all albo, una copia sia consegnata ad ogni insegnante e ad ogni studente. La seduta viene tolta alle ore 17,15. Letto, approvato e sottoscritto. IL SEGRETARIO Prof.ssa Paola Ongaro IL PRESIDENTE Prof. Giovanni Frigerio 2

3 INDICE 1 PRESENTAZIONE FINALITA EDUCATIVE OBIETTIVI SPECIFICI PERCORSO FORMATIVO LA GESTIONE DI UNA IMPRESA: IN GREEN JA GLI ALUNNI STORIA DELLA CLASSE QUADRO DEI DOCENTI E DELLE DISCIPLINE AMBITI DISCIPLINARI LINGUA ITALIANA LINGUA INGLESE MADRELINGUA LINGUA FRANCESE LINGUA SPAGNOLA STORIA MATEMATICA APPLICATA GEOGRAFIA ECONOMICA DIRITTO PUBBLICO SCIENZA DELLE FINANZE ECONOMIA AZIENDALE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE QUADRO SINTETICO DELLE ATTIVITA' SVOLTE SIMULAZIONI DELLE PROVE D'ESAME TESTI DELLE SIMULAZIONI DI TERZA PROVA TESTI DELLE DOMANDE DELLE SIMULAZIONI DI COLLOQUIO ORALE MODALITA DI VALUTAZIONE CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA CRITERI DI IDENTIFICAZIONE DELLE CARATTERISTICHE DI OGNI TIPOLOGIA CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SECONDA PROVA SCRITTA MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA: TIPOLOGIA B MODALITA DI VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO ORALE INTEGRAZIONI A GIUGNO SIMULAZIONI PROVE D ESAME TESTI DELLE DOMANDE DELLE SIMULAZIONI DI COLLOQUIO ORALE CREDITO SCOLASTICO ELENCO TESINE E APPROFONDIMENTI

4 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PARITARIO MARIA IMMACOLATA Via S. Lucia, Bergamo 1 PRESENTAZIONE La classe V dell istituto Maria Immacolata che si presenta all esame di maturità tecnica commerciale, ha iniziato il corso di studi nell anno scolastico Tale corso sperimentale si è svolto secondo un progetto ad indirizzo informatico amministrativo (riconducibile all IGEA) finalizzato agli obiettivi educativi e di formazione professionale di seguito indicati. 1.1 FINALITA EDUCATIVE Educare significa aiutare il giovane ad aprirsi alla realtà totale, a sviluppare, cioè, tutte le sue capacità potenziali in rapporto ai molteplici aspetti della realtà, conducendo così ad un atteggiamento attivo nei confronti di se stesso e di tutto quello che rientra nella sua esperienza: persone, cose, avvenimenti. (Giovanni Paolo II agli studenti). L affermazione del Papa sintetizza in modo originale ed esauriente i caratteri di un cammino educativo. Tali parole sono il fondamento delle finalità della nostra opera. EDUCARE PER PORTARE GLI ALUNNI: Alla conoscenza di sé in modo positivo, accettando e superando i limiti delle difficoltà, dei difetti, delle carenze e rispondendo al bisogno di felicità di ciascuno. Ad aprirsi alla realtà totale, approfondendone tutti i fattori in rapporto alle persone, alle cose, agli avvenimenti. Ad essere capaci di accogliere sé e gli altri con libertà e gratitudine. 1.2 OBIETTIVI SPECIFICI Questo corso di studi ha come obiettivo quello di immettere nel settore terziario principalmente, e nella società in generale, dei giovani che, grazie alle conoscenze ed esperienze acquisite nel corso degli studi, attraverso un lavoro ed un confronto con gli insegnanti e alcune realtà aziendali sul territorio, possano diventare lavoratori responsabili, dotati di abilità professionale e capacità creative ed imprenditoriali. Si lavora quindi alla formazione del ragioniere perito commerciale con le seguenti caratteristiche: Conoscenze: Saper utilizzare metodi e tecniche contabili ed extracontabili idonee alle rilevazioni dei fenomeni gestionali. Saper leggere e redigere i documenti aziendali più importanti. Competenze: Saper elaborare dati e rappresentarli in modo tale da favorire i diversi processi decisionali. Capacità: Saper cogliere gli aspetti organizzativi delle varie funzioni aziendali per agire su di essi. 4

5 1.3 PERCORSO FORMATIVO Sinteticamente potremmo descrivere il metodo di lavoro attuato dal consiglio di classe come un mettere i ragazzi all opera, un fare per apprendere. Vorremmo però sottolineare che questo metodo nella scuola passa attraverso le competenze disciplinari che sono la base sicura su cui costruire esperienze formative in quanto a competenze e capacità. La realtà è il punto di partenza per favorire la conoscenza e coscienza di sé e quindi l apprendimento. Posti di fronte alla realtà gli alunni comprendono, attraverso l esperienza scolastica e personale in generale, che per conoscerla e giudicarla è necessario considerare ogni suo aspetto, il quale richiede adeguati strumenti, metodi e linguaggi. Ogni disciplina diventa quindi uno strumento; essa infatti si pone di fronte alla realtà con una particolare domanda a cui tenta di rispondere utilizzando un metodo che nasce dall osservazione del dato reale. Gli insegnanti sono il veicolo, perché in un dialogo continuo si impari a giudicare la realtà attingendo ai diversi metodi che ogni disciplina utilizza. Dalle conoscenze e dal giudizio sulla realtà è possibile muovere i primi passi in un impegno con l ambiente in cui si vive per verificare la verità di quanto proposto e imparato. 1.4 LA GESTIONE DI UNA IMPRESA: IN GREEN JA Premessa "Intraprendere per imparare potrebbe essere lo slogan dell attività imprenditoriale svolta dai nostri studenti. Come titolo comprende già in sé i contenuti dell'attività tipica del "fare impresa", ma anche la posizione corretta e i caratteri che si richiedono ad un alunno impegnato nel suo compito principale di studente: un'azione attiva e non passiva o solo recettiva, uno studio efficace e produttivo, un attenzione a raccogliere tutto con giudizio e capacità di scelta, una conoscenza che man mano sa far diventare cosa propria tutto ciò che incontra, un uso personale e intelligente di contenuti e strumenti. Aiutare i ragazzi a diventare protagonisti attraverso l'esperienza di gesti che permettano loro di cogliere in azione conoscenze imparate e problemi da affrontare, soluzioni da individuare e scelte nelle quali giocare capacità e inventiva. Percorrere insomma le diverse tappe della vita e della crescita attraverso la gestione di un'impresa, volendo imparare a reggere il confronto con tutti. Non è una presunzione, è la regola della vita quando non è gioco o finzione. In ogni caso è nostro primario obiettivo quello di cercare di mantenere sempre l'attenzione a che la preoccupazione nostra, far scuola, sia sempre al centro dell'attenzione. Il fare impresa per i giovani ha continuato ad essere l'occasione, lo strumento attraverso il quale mettere in azione le conoscenze apprese, utilizzare gli strumenti acquisiti, affrontare i problemi incontrati, gestire i successi realizzati ( Premio Best Collaboration Award alla Competizione Europea delle Giovani Imprese di Oslo, Norvegia). Fondamento normativo del progetto Gli Stati dell'unione Europa e, quindi, anche il nostro Paese, hanno concordato nel ritenere come obiettivo prioritario da perseguire nell'ambito delle politiche nazionali ed europee quello di promuovere un elevato livello di occupazione, stante l'intollerabilità del livello raggiunto dal problema della disoccupazione. Il Consiglio Europeo di Vienna del dicembre nel confermare i quattro "pilastri" che costituiscono gli orientamenti per l'occupazione (Occupabilità; Adattabilità; Imprenditorialità, Pari Opportunità), già delineati dal Consiglio di Lussemburgo - ha posto l'accento sulle "strategie di prevenzione" ed ha indicato, fra le priorità, lo sviluppo di sistemi che garantiscano o consentano: il passaggio dalla scuola alla vita attiva attraverso; a) il miglioramento della qualità del sistema scolastico con "particolare attenzione ai giovani che hanno maggiori difficoltà di apprendimento" in modo da ridurre sostanzialmente il numero di giovani che abbandonano il sistema scolastico; 5

6 b) il conseguimento di maggiori capacità di adattamento ai cambiamenti tecnologici ed economici nonché di qualifiche adeguate alle necessità del mercato del lavoro, realizzando e sviluppando sistemi di alternanza e tirocinio. la formazione all'imprenditorialità. Rispetto a tali orientamenti ed obblighi comunitari il nostro Paese ha adottato impegni concertati con le parti sociali e ha introdotto conseguenti innovazioni legislative. Rivestono particolare importanza a livello nazionale: I - il " Patto sociale per lo sviluppo e l'occupazione", siglato il 22 dicembre 1998 da Governo e Parti Sociali, che nell'individuare obiettivi e linee strategiche per lo sviluppo economico e la crescita occupazionale, ha confermato l'impegno fondamentale in direzione dell'organizzazione di un'offerta integrata di istruzione, formazione, ricerca e sviluppo tecnologico. In particolare, per quanto qui ci riguarda, nel rilanciare un insieme di obiettivi finalizzati a sostenere nel medio-lungo periodo una profonda trasformazione del sistema scolastico, ha considerato tra questi il raccordo del sistema formativo con il mercato del lavoro. II - Il Documento di programmazione economico finanziaria per il III - Il "Master Plan' che rappresenta lo strumento programmatico per l'attuazione degli interventi per la formazione e l'occupazione, con il quale il Governo italiano ha individuato le aree prioritario per lo sviluppo e l'innovazione dei sistemi formativi. In questo documento costituiscono obiettivi strategici e funzionali l'integrazione dell'offerta formativa con il mercato ed il mondo del lavoro e tra le azioni portanti e prioritario per raggiungere l'obiettivo sono indicati i tirocini. IV - Il "Piano nazionale per l'occupazione" elaborato dal Governo italiano - che, nell'individuazione degli obiettivi strategici, pone l'accento sulle misure preventive ed attive dell'impiego, con particolare riferimento alla qualità del sistema scolastico, alla integrazione con il mondo del lavoro ed alla riforma del sistema di formazione professionale al fine di sviluppare occupabilità, adattabilità e capacità imprenditoriali. V - La Legge , n. 30 "Legge - quadro in materia di riordino dei cicli di istruzione" contiene all'art. 4, comma 6 la presente previsione: "Negli ultimi tre anni, ferme restando le discipline obbligatorie, esercitazione pratiche, esperienze formative e stage possono essere realizzati in Italia o all'estero anche con brevi periodi di inserimento nelle realtà culturali, produttive, professionali e dei servizi." Vi è, quindi, l'espressa previsione dei tirocini che, pertanto, divengono parte integrante dell'attività formativa. Gli obiettivi formativi Gli obiettivi che si intendono raggiungere sono i seguenti: utilizzare la metodologia attiva dell'apprendimento attraverso la simulazione aziendale e l apprendimento organizzativo; stimolare la cultura tecnologica nel processo di apprendimento; promuovere l'utilizzazione di tecnologie didattiche attive strettamente connesse alle tecnologie della comunicazione e dell'informazione; uniformare attraverso un patrimonio comune di conoscenze, competenze ed esperienze, la qualificazione dei giovani al momento dell'accesso al mercato del lavoro; accrescere la possibilità di scambi commerciali ed interculturali con studenti di altre realtà, di altri paesi, di altre culture; stimolare nei giovani la gestione autonoma delle proprie competenze orientata sia all'attivazione di imprese sia alla gestione autonoma delle proprie competenze nell'ambito del rapporto di lavoro; promuovere l'educazione etica negli affari; sviluppare attitudini alla cooperazione. 6

7 1.5 GLI ALUNNI Elenco degli alunni frequentanti la classe V nell'anno scolastico Belotti Stefano 2. Bosatelli Matteo 3. Brembilla Andrea 4. Bucca Riccardo 5. Cagnoli Silvia 6. Carminati Filippo 7. Cavallanti Giacomo 8. Cobildi Riccardo 9. Colleoni Gabriele 10. De Nunzio Nicolo 11. Deho' Matteo 12. Galbusera Francesca 13. Locatelli Ruben 14. Marchesi Matteo 15. Marchica Marco 16. Mazzucchelli Efrem 17. Pedrini Monica 18. Pellicioli Paolo 19. Pievani Carlo 20. Plebani Elisa 21. Premarini Simone 22. Sesani Luca 23. Urciuoli Federico 24. Valtolina Silvia 7

8 1.6 STORIA DELLA CLASSE I 14 alunni, di cui 3 femmine e 11 maschi, che si presentano quest anno all esame di stato, solo 10 fanno parte del gruppo iniziale di 16 alunni che si sono iscritti nell anno scolastico 2006/2007; molti sono stati gli ingressi e i trasferimenti durante il quinquennio. A.S. 2007/2008 Iscritti frequentanti 27 ( di cui 2 aggiunti) Ritirati 3 A fine anno Non promossi 5 Promossi 19 A.S. 2008/2009 Iscritti frequentanti 27 ( di cui 4 aggiunti ) Ritirati 0 A fine anno Non promossi 3 Promossi 24 A.S. 2009/2010 Iscritti frequentanti 29 (di cui 3 aggiunti e2 trasferiti da altro istituto) Ritirati 2 A fine anno Non promossi 5 Promossi 22 A.S. 2010/2011 Iscritti frequentanti 24 (di cui 2 trasferiti da altro istituto) Ritirati 0 A fine anno Non promossi 0 Promossi 24 A.S. 2011/2012 Iscritti frequentanti 24 A fine anno Ritirati 0 Da scrutinare 24 PROFILO SINTETICO DELLA CLASSE La classe che si presenta all Esame è composta, nella maggioranza, dal gruppo di partenza; gli inserimenti e i trasferimenti si sono susseguiti nei primi tre anni, mentre negli ultimi due la composizione della classe si è stabilizzata favorendo un lavoro più ordinato e omogeneo e la formazione di salde relazioni tra gli alunni. Talvolta però il prevalere di personalità più forti ha reso più difficile il rapporto di collaborazione tra docenti e studenti: non sempre le proposte didattiche e culturali sono state accolte con disponibilità e impegno. Infatti, se da una parte la classe ha sempre avuto un rapporto corretto con i docenti e facilità nel discutere apertamente dei loro problemi, riconoscendo anche la validità delle indicazioni date dal Consiglio di Classe, dall altra la presenza di un gruppo compatto non ha permesso agli alunni di compiere appieno il percorso di crescita scolastica e ha limitato il lavoro personale di approfondimento e rielaborazione dei contenuti trattati. Ci sono studenti con buone capacità scolastiche che però non sono emerse in modo positivo e propositivo, ed hanno portato a termine il percorso scolastico lavorando in modo autonomo. Nel complesso la maggioranza degli studenti ha acquisito una discreta autonomia nello studio e sufficienti capacità di analisi delle problematiche proposte dalle singole discipline. Prevale nella classe l aspetto più esecutivo e tecnico rispetto ad una capacità di analisi e rielaborazione dei contenuti. La classe ha comunque raggiunto gli obiettivi che il Consiglio di classe si era prefissato. 8

9 2 QUADRO DEI DOCENTI E DELLE DISCIPLINE DOCENTI DISCIPLINE ORE SETTIMANALI CONTINUITA' DIDATTICA DELLI FEDERICA CONTE DARIO dal 13 marzo 2012 MATEMATICA APPLICATA 3 I, II, III, IV, V MASCARETTI LUCA BOLIS PATRIZIA LINGUA ITALIANA + STORIA LINGUE E LETTERATURA +STORIA I, II III, IV,V MARINUCCI SERGIO SCIENZE MOTORIE 2 I, II, III, IV, V GROSSI ALESSIA ONGARO PAOLA PERSICO ARMANDO GROSSI ALESSIA GROSSI ALESSIA PERSICO ARMANDO REMUZZI ANNA MARIA TURANI STEFANIA TURANI STEFANIA EMMA CHRISTOPHERSON AMIDONI SARA VERGANI NICOLA da novembre 2011 MARTIN CONDE ISABELL GALBIATI FRANCESCA DON DAVIDE ROTA ECONOMIA AZIENDALE DIRITTO ECONOMIA EC.POLITICA + DIRITTO SC.DELLE FINANZE+DIRITTO 2 ore 6 ore 2 ore laboratorio I, II III, IV, V III, IV, V I, II III, IV V LINGUA FRANCESE 2 I, III II, IV, V LINGUA INGLESE MADRELINGUA INGLESE LINGUA SPAGNOLA MADRELINGUA SPAGNOLA RELIGIONE I, II, III, IV, V I, II, III, IV, V I, II, III, IV V MASCARETTI LUCA GEOGRAFIA ECONOMICA 2 III, IV, V VALENTI MARIA RITA SCIENZA DELLA NATURA SCIENZA DELLA MATERIA TRATTAMENTO TESTI MAURI CRISTINA 2 I, II I, II I, II 9

10 2.1 AMBITI DISCIPLINARI Umanistico Italiano Francese / spagnolo Inglese Storia Scienze motorie Religione AMBITI Giuridico-aziendale Economia aziendale Diritto Scienza delle finanze Geografia Matematica applicata 10

11 2.2 LINGUA ITALIANA MATERIA LINGUA E LETTERATURA ITALIANA INSEGNANTE LIBRO DI TESTO Bolis Patrizia Baldi, Giusso, LA LETTERATURA, vol. 4, 5, 6, ed. Paravia Obiettivi della disciplina Competenze: Linguistiche, che consistono nel saper esporre e argomentare con semplicità, ma in modo chiaro e documentato, per iscritto e oralmente e nel saper comprendere un testo orale o scritto. Conoscenze: Gli obiettivi attinenti la conoscenza riguardano: Il corso di storia della letteratura italiana dell ultimo anno, con particolare attenzione all incontro con gli autori e le loro opere(leopardi, Manzoni e Verga); nella seconda parte dell anno si è lavorato su due diverse tipologie di testo: il romanzo (Svevo e Pirandello) e il testo poetico (Pascoli, Ungaretti, Montale); I principali generi di scrittura proposti dal ministero per la prima prova scritta, Capacità: Di lettura, analisi generale, rielaborazione e sintesi di un testo letterario e non letterario; Di confronto e collegamenti sia nell ambito della disciplina e del contesto storico, sia sul piano della propria storia personale. Metodi e Strumenti di Insegnamento: - Per la comprensione del testo: 1. lettura attenta del testo letterario 2. decodificazione del testo decifrando la specificità del linguaggio e delle strutture; 3. contestualizzazione, per riconoscere i rapporti tra testo-autore e struttura dell immaginario dell epoca. - Per l esposizione: 1. utilizzo di un linguaggio semplice ma specifico e documentato; 2. costruzione di un impianto sintattico-argomentativo corretto, logico e lineare 3. riproporre, correlare e rielaborare personalmente i messaggi proposti dal testo. Strumenti di Verifica - Interrogazione con contenuti definiti per verificarne l apprendimento, le capacità di esposizione, di collegamento e rielaborazione. - Lezioni dialogate con domande, commenti ed esperienze per verificare in itinere il grado di apprendimento e l interesse degli alunni. - Elaborati scritti, che sono lo spazio privilegiato per verificare sia le capacità espositive sia argomentative e critiche. 11

12 DAL NEOCLASSICISMO AL VERISMO Programma ORE CURRICOLARI : 3 SETTIMANALI Caratteri culturali del Neoclassicismo e Preromanticismo: (2 ore) ( crisi dell Illuminismo e diffusione della nuova cultura romantica; il conflitto sentimento-ragione; il rapporto uomo-natura; l individualismo dei romantici e il concetto di genio ; lo sviluppo dell idea di nazione; Neoclassicismo e Preromanticismo tra Sette e Ottocento). L età del Risorgimento: origini del termine Romanticismo ; i temi del Romanticismo europeo; gli eroi romantici; la fisionomia sociale e il ruolo degli intellettuali; il pubblico. GIACOMO LEOPARDI (ore lezione:18): la vita; il pensiero; la poetica del vago e indefinito; il primo Leopardi: le Canzoni e gli Idilli; Le Operette morali; i grandi idilli; l ultimo Leopardi. Lettura e commento dei seguenti testi: - dallo Zibaldone: lettura dei brani offerti dall antologia - dai canti: L infinito; Alla luna; La sera del dì di festa; A Silvia; Canto notturno di un pastore errante dell Asia; La quiete dopo la tempesta; Il Sabato del villaggio; A se stesso; Alla sua donna; Sopra il ritratto di una bella donna; A se stesso. - dalle Operette Morali: Dialogo della Natura e di un Islandese.. (la formazione culturale; la visione della storia e il destino dell uomo; il ruolo della ragione e la concezione materialistica; il contrasto tra cuore e ragione; come cambia la concezione della natura; caratteristiche della poesia moderna; la teoria del piacere; il tema della noia; rapporto tra forma e contenuto, tra significante e significato; le scelte lessicali: il valore della parola; la scrittura in due tempi e la doppia vista ; la riflessione filosofica nelle Operette ). Il romanzo e la cultura romantica europea: la grande stagione del romanzo europeo; il romanzo italiano (tra i generi ). ALESSANDRO MANZONI (ore lezione:12): la vita; i fondamenti culturali dell opera di Manzoni; la meditazione sulla storia; la scelta del romanzo e la riflessione sul genere. Contenuto delle tragedie. - dalle Osservazioni sulla morale cattolica, religione e idee moderne; religione, riforme e classi sociali. - dalla lettre à M. Chauvet, il romanzesco e il reale; storia e invenzione poetica. - dall Epistolario, la funzione della letteratura rende le cose un po più come dovrebbono essere. - dalla Lettera sul romanticismo, l utile, il vero, l interessante. - I Promessi Sposi: genesi, edizioni, visione storica e religiosa, tecniche narrative, lingua e stile, struttura generale dell opera.analisi del romanzo: l introduzione e il patto narrativo; le voci del narratore; il rapporto tra fabula e intreccio; il sistema dei personaggi; il rapporto tra storia e invenzione. (la formazione culturale; ricerca incessante di una conciliazione tra fede e ragione; un giudizio sul suo tempo; rapporto tra invenzione e verità; il confronto con la discussione europea sul dramma romantico; vero storico e vero poetico o verosimile; interesse morale per la storia; perché della scelta del romanzo; perché romanzo senza idillio; la tesi sulla lingua). Il romanticismo in Francia CHARLES BAUDELAIRE (ore lezione:4): - da I fiori del male: Corrispondenze ; L albatros ; Spleen. Perdita d aureola. L età postunitaria Caratteri culturali del periodo : le prospettive della cultura europea; il dibattito delle idee; le concezioni artistiche. (cambia il ruolo della borghesia; la società di massa; la concezione dello Stato; la nascita del nazionalismo; il positivismo: Comte e Spencer. Il Naturalismo francese) GIOVANNI VERGA e il VERISMO italiano (ore lezione:10): la poetica del verismo italiano; la tecnica narrativa di Verga; l ideologia verghiana; il verismo di Verga e il Naturalismo zoliano; Lettura e commento dei seguenti testi: 12

13 - stralci delle lettere offerti dall antologia: il primo progetto dei vinti: classi sociali e la lotta per la vita; sanità rusticana e malattia cittadina; l eclisse dell autore. - dalle novelle: Rosso Malpelo ; La Lupa; La roba; Fantasticheria ;Prefazione all amante di Gramigna - I Malavoglia, Prefazione, contenuto e tecniche di narrazione, lettura dei brani offerti dall antologia;. DAL DECADENTISO AL PERIODO TRA LE DUE GUERRE (2 ore) Il Decadentismo: l origine del termine Decadentismo ; la visione del mondo decadente; la poetica del Decadentismo; temi e miti della letteratura decadente. (l irrazionalismo e la crisi del positivismo; la crisi dell arte romantica; la nascita della poesia moderna) GIOVANNI PASCOLI (ore lezione:12) : la vita; le idee; la visione del mondo; la poetica; i temi della poesia pascoliana; le soluzioni formali. - da Myricae: I puffini dell Adriatico; X Agosto; Novembre ; L assiuolo; Arano. - dai I poemetti: la prefazione ai primi poemetti; I due orfani; Il libro (fotocopia); La vertigine. - da Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno; Il fringuello cieco(fotocopia) - da Il fanciullino: Una poetica decadente (T47). La prosa narrativa: la crisi della tradizione ottocentesca; la situazione della prosa in Italia ITALO SVEVO (ore lezione:8) : la vita; la cultura di Svevo; la coscienza di Zeno. - Lettura e commento dei brani de La coscienza di Zeno offerti dall antologia la morte del padre (capiv); la salute malata di Augusta (cap.vi); la vita non è né brutta né bella, ma originale (capvii); la morte dell antagonista (cap.vii); Psico-analisi (cap.viii); la profezia di un apocalisse cosmica (cap.viii). (il valore della psicanalisi; il tempo nel romanzo; il rapporto tra salute e malattia; l inetto) LUIGI PIRANDELLO (ore lezione:6) : la vita; la visione del mondo; la poetica - Lettura e commento di alcuni brani de Il fu Mattia Pascal: la costruzione della nuova identità e la sua crisi(cap.vii e IX); lo strappo nel cielo di carta e la lanterninosofia (cap.xii e XII). - Lettura e commento delle novelle : Ciaula scopre la luna; Il treno ha fischiato; la trappola. - Lettura e commento del brano tratto dall Umorismo. GIUSEPPE UNGARETTI (ore lezione:8) : la vita; le opere - Lettura e commento dei seguenti testi: Da L allegria: Noia; In memoria; Il porto sepolto; Veglia; I fiumi; San Martino del Carso; Commiato; Mattina;Vanità; Soldati; Girovago. Da Sentimento del tempo: L isola; Di luglio. Da Il dolore: Mio fiume anche tu (fotocopia); Tutto ho perduto. EUGENIO MONTALE: (ore lezione 6): la vita,le opere - lettura e commento dei seguenti testi: Da Ossi di seppia: I Limoni; Non chiederci la parola; Meriggiare pallido e assorto; Spesso il male di vivere ho incontrato; Forse un mattino andando in un aria di vetro. Da Le occasioni: La casa dei doganieri ELABORATO SCRITTO: (10 ore) - ho analizzato le diverse tipologie di elaborati scritti proposti all esame di stato e ho dato indicazioni in merito alla analisi e scelta delle tracce, alla costruzione dell impianto del testo, alla stesura dell elaborato, alla scelta del destinatario. 13

14 LINGUA INGLESE E COMPLEMENTI TECNICI MATERIA LINGUA INGLESE E COMPLEMENTI TECNICI INSEGNANTE Stefania Turani LIBRO DI TESTO Flavia Bentini, In Business, Longman, 2009 Obiettivi della Disciplina Competenze Obiettivo primario è il conseguimento della competenza comunicativa funzionale, intesa come capacità di usare in modo sia ricettivo sia produttivo la lingua (reading, writing, listening e speaking), per comprendere e produrre messaggi appropriati a contesti e registri linguistici diversi. Conoscenze Gli obiettivi attinenti la conoscenza riguardano: 1. L apprendimento delle strutture e funzioni linguistiche che coprono i language requirements attinenti il livello A2- B1-Threshold del Common European Framework of Reference; 2. l acquisizione dei contenuti della microlingua commerciale 3. l acquisizione di vocabolario; 4. l apprendimento di nozioni e di vocabolario attinenti la civiltà anglosassone. Capacità Obiettivo terminale è la capacità di usare la lingua, in quanto veicolo di valori essenziali, facendo interagire le conoscenze e le competenze acquisite in modo tale da: 1. essere in grado di comprendere testi di carattere comunicativo, commerciale o di civiltà; 2. essere in grado di sostenere una conversazione adeguatamente strutturata riguardante situazioni comunicative o d ufficio; 3. essere in grado di esprimere oralmente i contenuti acquisiti usando un vocabolario appropriato; 4. esser padroni degli scopi comunicativi attinenti i livelli di competenza A2- B1-Treshold già citati. 5. essere in grado di esprimere un giudizio su spettacoli, film, libri, eventi. Metodi e Strumenti di Insegnamento Per la realizzazione degli obiettivi sopra definiti si è fatto ricorso a diverse strategie di apprendimento, soprattutto riguardanti attività di tipo comunicativo in cui le abilità di base fossero usate quanto più possibile realisticamente nelle diverse situazioni. Le lezioni frontali sono state utilizzate prevalentemente per la spiegazione di aspetti teorici della microlingua, ricorrendo, per gli aspetti comunicativi, a lavori di gruppo, di simulazione e di role-playing e, last but not least, a lezioni o semplici conversazioni con insegnanti madrelingua. Strumenti di Verifica Si è verificato il raggiungimento degli obiettivi definiti con: prove scritte come reading comprehension con domande T/F, multiple choice o risposte sintetiche, fill in ed esercizi strutturali verifiche orali parziali e sommative conversazioni libere o su argomenti di attualità dal posto correzione dei compiti a casa 14

15 Programma ORE CURRICOLARI: 3 SETTIMANALI CONTENUTI ORDERS AND REPLIES - Understanding orders on the phone - Dealing with orders on the phone - Orders on the web - Positive replies to orders - Modification and cancellation of orders - Orders by - Negative reply to orders and follow-up REMINDERS AND REPLIES: - Talking about non-payments - Reminders by aand replies COMPLAINTS AND REPLIES - Talking about complaints - Complaints by and replies - Complaints by fax and replies CERTIFICAZIONE BEC. Revisione e approfondimento delle strutture grammaticali e delle funzioni linguistiche del livello B1. Preparazione all esame attraverso simulazioni fatte in classe e interventi della madrelingua. BANKING: - Current accounts - Saving accounts - Business loans and mortgages - Factoring - Leasing - Advice - Accessible banking - Methods of payment - Documentary collection - Bank transfer - Letter of credit INTERNATIONAL TRADE: - What is international trade? - The Balance of Payments and The Balance of Trade - Controlling foreign trade - Trading blocs - United Nation Organization - Documents in international trade - Certificate of Origin - Delivery note - Commercial invoice - Incoterms TEMPI 5 ore 5 ore 5 ore 20 ore 8 ore 8 ore TRANSPORT - Transport modes - Transport by road - Transport by rail - Sea transport - Transport by air - Pipelines - Forwarding agents 15

16 - Insurance - Packing - Transport documents: the International road consignment note, the Air Waybill, The Bill of Lading HISTORY: The United Kingdom: - Who are the British? Invasions. - Milestone in British history: Battle of Hasting, Magna Charta, Conquest of Wales, Black Death, Reformation, Defeat of Spanish Armada, Execution of king Charles I, Creation of the United Kingdom - The Industrial Revolution - The British empire - The Welfare State The USA - Who are the Americans: native Americans and Immigrants. - Milestones in American History: arrival of the English, declaration of Independence, Establishment of the USA - The Civil war - The USA becomes a world power - The Wall Street Crash POLITICS AND GOVERNMENT: - The United Kingdom: the Uk Constitution, the UK Government, the Monarchy, The Parliament, The prime Minister and the Cabinet, Regional and local government, Political Parties, the Law-making process. - The United States of America: the American Constitution, Us Government, The Legislative, The Executive, the Judicial, State Government, Political Parties LITERATURE : - OSCAR WILDE: Wilde s life and work - The importance of being Earnest 10 ore 12 ore 10 ore 16

17 2.3 LINGUA INGLESE MADRELINGUA MATERIA LINGUA INGLESE MADRELINGUA INSEGNANTE Emma Christopherson Between January and March 2012 the class and I completed 10 hours of lessons. My objectives were to: 1. Improve fluency and general communicative ability 2. Discuss various different topics of cultural interest 3. To prepare the students for the BEC exams. 4. To broaden students vocabulary, focusing especially on common and colloquial expressions I enjoyed the lessons as did the students in the class. I had no problems with discipline and the students were ready and happy to speak English. I only spoke in English and the students only spoke to me in English and did so voluntarily. 1. To improve fluency I encouraged the students to speak to each others and to myself in English. I also introduced weak form pronunciation and the linking of words in spoken English. 2. The cultural topics I chose reflect my own and I hope the students interests. We discussed the topics within the syllabus of the exams and completed all the different sections of various practice exams. Particular focus on written and oral parts of the exam. In conclusion I felt that the course went very well. The students improved both in their passive skills (listening and reading comprehension) and in their productive skills (writing and speaking). During our discussions they asked questions and expressed interests in the topics covered. 17

18 2.4 LINGUA FRANCESE MATERIA INSEGNANTE LIBRO DI TESTO LINGUA FRANCESE Turani Stefania L ENTRPRISE-ED.PETRINI Obiettivi della Disciplina Competenze Obiettivo primario è il conseguimento della competenza comunicativa funzionale, intesa come capacità di usare in modo sia ricettivo sia produttivo la lingua per comprendere e produrre messaggi appropriati ai diversi contesti e registri linguistici. Conoscenze Gli obiettivi attinenti la conoscenza riguardano: 1. le principali strutture e funzioni linguistiche; 2. l acquisizione dei contenuti della microlingua commerciale (con particolare riguardo alla compravendita); 3. cenni riguardanti il sistema legislativo, esecutivo e giudiziario francese. Capacità Obiettivo terminale è la capacità di usare la lingua, facendo interagire le conoscenze e le competenze acquisite in modo tale da: 1. essere in grado di redigere in lingua testi nella micro e macrolingua (dando prova di avere acquisito capacità di sintesi); 2. essere in grado di comprendere testi di carattere commerciale; 3. essere in grado di sostenere una conversazione adeguatamente strutturata sia di carattere generale sia tecnico. Metodi e Strumenti di Insegnamento Per la realizzazione degli obiettivi sopra definiti si è fatto ricorso ad attività di tipo comunicativo in cui le abilità di base fossero usate quanto più possibile realisticamente nelle diverse situazioni. Le lezioni frontali sono state utilizzate prevalentemente per la spiegazione di aspetti teorici della microlingua, ricorrendo, per gli aspetti comunicativi, a lavori di gruppo e di simulazione. Indispensabile è stata l attività svolta dall insegnante madrelingua, la quale ha contribuito al miglioramento della competenza comunicativa. Strumenti di Verifica Si è verificato il raggiungimento degli obiettivi definiti con prove scritte (composizioni di lettere commerciali e comprensione di testi, risposte a scelta multipla o risposte sintetiche), verifiche orali parziali e sommative, conversazioni dal posto. 18

19 Programma ORE CURRICOLARI : 2 SETTIMANALI CONTENUTI Révision de grammaire, exercices d application Commerce: toutes le notions essentielles pour une complète transaction commerciale. LA LIVRAISON : la logistique, la livraison de la marchandise, la livraison par le fournisseur, par le transporteur, la réclamation du client au fournisseur, la réclamation du fournisseur au transporteur. LE REGLEMENT : la facturation de la marchandise ou du service, le règlement et ses différentes formes, les règlement à l initiative du client et du fournisseur, contestations du débiteur, les difficultés de paiement du client, les rappels de paiement. LES BANQUES : banques et opérations bancaires, les règlements internationaux TOURISME ET HOTELLERIE CIVILISATION : Etude individuelle d une région à choix. 5 ore 15 ore 20 ore 10 ore 3 ore 5 ore TEMPI 19

20 2.5 LINGUA SPAGNOLA MATERIA INSEGNANTE LIBRO DI TESTO LINGUA SPAGNOLA Amidoni Sara Vergani Nicola De Negocios por el mundo Obiettivi della Disciplina Competenze Obiettivo primario è il conseguimento della competenza comunicativa funzionale, intesa come capacità di usare in modo sia ricettivo sia produttivo la lingua per comprendere e produrre messaggi appropriati ai diversi contesti e registri linguistici, facendo riferimento al quadro comune europeo di riferimento per le lingue. È previsto il raggiungimento di un livello B2 negli skills: comprensione scritta, produzione scritta, comprensione orale, produzione orale e interazione orale. Conoscenze Gli obiettivi attinenti la conoscenza riguardano: 4. le principali strutture e funzioni linguistiche; 5. l acquisizione dei contenuti della microlingua commerciale (con particolare riguardo alla compravendita); 6. le principali forme di governo della Spagna e di alcuni paesi latinoamericani (Argentina, Cile e Cuba) 7. la economia della Spagna con particolare riferimento alla situazione attuale e al sistema dei trasporti. Capacità Obiettivo terminale è la capacità di usare la lingua, facendo interagire le conoscenze e le competenze acquisite in modo tale da: 4. essere in grado di redigere in lingua testi nella micro e macrolingua (dando prova di avere acquisito capacità di sintesi); 5. essere in grado di comprendere e produrre testi di carattere commerciale; 6. essere in grado di sostenere una conversazione adeguatamente strutturata sia di carattere generale sia tecnico. 7. essere in grado di parlare di temi economici e politici utilizzando un lessico specifico. 8. essere in grado di utilizzare la lingua per parlare di tematiche attuali inerenti anche ad altre discipline. Metodi e Strumenti di Insegnamento Per la realizzazione degli obiettivi sopra definiti si è fatto ricorso ad attività di tipo comunicativo in cui le abilità di base fossero usate quanto più possibile realisticamente nelle diverse situazioni. Le lezioni frontali sono state utilizzate prevalentemente per la spiegazione di aspetti teorici del mondo economico, del suo registro linguistico e degli aspetti culturali, storici e politici della Spagna e dei paesi Latinoamericani. Grande spazio è stata data all interazione con l insegnante, in quanto si è cercato di coinvolgere gli alunni, rendendoli protagonisti del processo di apprendimento. Indispensabile è stata l attività svolta dall insegnante madrelingua, la quale ha contribuito al miglioramento della competenza comunicativa. Strumenti di Verifica Si è verificato il raggiungimento degli obiettivi definiti con prove scritte (composizioni di lettere commerciali e comprensione di testi, elaborazione di brevi saggi, risposte a scelta multipla o risposte sintetiche), verifiche orali parziali e sommative, conversazioni dal posto. 20

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

La ricerca operativa

La ricerca operativa S.S.I.S. PUGLIA Anno Accademico 2003/2004 Laboratorio di didattica della matematica per l economia e la finanza La ricerca operativa Prof. Palmira Ronchi (palmira.ronchi@ssis.uniba.it) Gli esercizi presenti

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788805070800 CAMPOLEONI ALBERTO / CRIPPA LUCA ORIZZONTI / CON NULLA OSTA CEI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli