SOMMARIO CAPITOLO I. LA LIBERALIZZAZIONE DEL TRASPORTO AEREO E LA SLOT ALLOCATION COME ESPRESSIONE DI RI- REGOLAZIONE DEL SETTORE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO CAPITOLO I. LA LIBERALIZZAZIONE DEL TRASPORTO AEREO E LA SLOT ALLOCATION COME ESPRESSIONE DI RI- REGOLAZIONE DEL SETTORE."

Transcript

1 SOMMARIO Premessa, P. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I. LA LIBERALIZZAZIONE DEL TRASPORTO AEREO E LA SLOT ALLOCATION COME ESPRESSIONE DI RI- REGOLAZIONE DEL SETTORE. 1. DEREGULATION E LIBERALIZATION NEL TRASPORTO AEREO. ALCUNI CHIARIMENTI CONCETTUALI PRELIMINARI, P LA REGOLAZIONE DEL TRASPORTO AEREO LIBERALIZZATO, P INQUADRAMENTO STORICO DELLA PROBLEMATICA DELLE BANDE ORARIE, P. 9 CAPITOLO II. LA SLOT ALLOCATION NELLA CONVENZIONE DI CHICAGO, NEGLI GLI ACCORDI BILATERALI DI TRAFFICO AEREO E NEGLI ACCORDI OPEN SKIES. 1) LA SLOT ALLOCATION NELLA CONVENZIONE DI CHICAGO E NEGLI ANNESSI ICAO, P. 15 2) LA SLOT ALLOCATION NELLA CONVENZIONE DI CHICAGO, P. 18 3) LE MODEL CLAUSES PROPOSTE DALL ICAO, P. 20 4) LA SLOT ALLOCATION NEGLI ACCORDI BILATERALI, P. 21 5) LE SENTENZE OPEN SKIES E L US/EC AIR TRANSPORT AGREEMENT DEL 30 APRILE IL RAPPORTO TRA ACCORDI BILATERALI E SISTEMA IATA, P. 24 6) CLAUSOLA DI RECIPROCITÀ, P. 28 CAPITOLO III LA RIPARTIZIONE DELLE BANDE ORARIE IN ITALIA NEL QUADRO DEL TRASPORTO AEREO COME ESPRESSIONE DI UN ATTIVITÀ TIPICA DELLO STATO. 1) PREMESSA, P. 29 2) L ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE FINO AL REGOLAMENTO N. 95/93, P. 30 3) IL REGOLAMENTO N. 95/93 E IL DIFFICILE ADEGUAMENTO DELL ORDINAMENTO ITALIANO ALLA NORMATIVA COMUNITARIA, P. 31 CAPITOLO IV IL SISTEMA DI RIPARTIZIONE DELLE BANDE ORARIE IN SEDE IATA. 1) AVVERTENZA METODOLOGICA, P. 34 2) LA NASCITA DELLE IATA WORLDWIDE SCHEDULING GUIDELINES. LORO NATURA GIURIDICA, P. 35 3) LE IATA SCHEDULE CONFERENCES, p. 38 4) L ATTIVITÀ DI COORDINAMENTO DEL TRAFFICO AEREO NEL SISTEMA IATA. PROFILI GENERALI, P. 41 i

2 CAPITOLO V LA RIPARTIZIONE DELLE BANDE ORARIE A LIVELLO COMPARATO. L ESPERIENZA USA. 1) AVVERTENZA METODOLOGICA, p. 45 2) LA RIPARTIZIONE DELLE BANDE ORARIE IN SEDE IATA, NEL SISTEMA USA E NELL UNIONE EUROPEA: DIFFERENZE ED ANALOGIE. LA SLOT ALLOCATION NEI PAESI ORIENTALI E NEL CONTINENTE AFRICANO. CENNI, P. 45 3) LA REGOLAZIONE DEL TRASPORTO AEREO STATUNITENSE. LE PRIME FORME DI CONTROLLO PUBBLICO E IL CIVIL AERONAUTICS ACT DEL 1938, p. 47 4) LA HIGH DENSITY AIRPORT RULE ELABORATA DALLA FEDERAL AVIATION AUTHORITY. LA RIGIDA REGOLAMENTAZIONE DELLA SLOT ALLOCATION IN UN SISTEMA FORTEMENTE ANTICONCORRENZIALE: GLI AIRLINE SCHEDULING COMMITTEES, P. 50 5) LA DEREGULATION, LA SOPPRESSIONE DEL CIVIL AERONAUTICS BOARD E I PRIMI INTERVENTI DELLA FEDERAL AVIATION AUTHORITY NELLA DISTRIBUZIONE DELLE BANDE ORARIE, P. 56 6) IL FONDAMENTALE APPORTO DELLA GIURISPRUDENZA NELL AFFERMAZIONE DI UN SISTEMA CONCORRENZIALE NELLA RIPARTIZIONE DEGLI SLOTS. L INTERIM OPERATION PLAN, P. 60 7) LE MODIFICHE ALLA HIGH DENSITY RULE. IL FEDERAL AVIATION AUTHORIZATION ACT, P. 61 8) LE PERIMETER RULES, P. 64 9) WENDELL H. FORD AVIATION INVESTMENT AND REFORM ACT FOR THE 21 ST CENTURY, P ) I CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE BANDE ORARIE NELLA HIGH DENSITY RULE. CENNI. RINVIO, P. 67 CAPITOLO VI LA SLOT ALLOCATION IN AMBITO COMUNITARIO. 1) PREMESSA E AVVERTENZA METODOLOGICA, P. 69 2) L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA COMUNITARIA IN MATERIA DI CONCORRENZA AL SETTORE DEL TRASPORTO AEREO. LA PRIMA FASE DI LIBERALIZZAZIONI COMUNITARIE, P. 69 3) LA SECONDA E LA TERZA FASE DI LIBERALIZZAZIONI, P. 75 4) L ART. 10 DEL REGOLAMENTO N DEL 24 LUGLIO 1990, LA PROPOSTA (E IL MEMORANDUM) DELLA COMMISSIONE EUROPEA N. 576 DEL 1991 E LA SCELTA TRA REGOLAMENTO E CODICE DI CONDOTTA. L INTERVENTO DELLA COMUNITÀ CON LA FONTE REGOLAMENTARE E IL PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETÀ, P. 77 5) IL CARATTERE PROVVISORIO DEL REGOLAMENTO N. 95/93 E LE CRITICHE RIVOLTE ALLA SUA EMANAZIONE, P. 80 6) LE MODIFICHE ALLA ORIGINARIA VERSIONE DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P. 82 7) Il REGOLAMENTO N. 95/93 E I CONTROLLI PUBBLICI NEL (NUOVO) REGIME GIURIDICO- ECONOMICO DEL TRASPORTO AEREO, P. 86 PARTE SECONDA CAPITOLO I RATIO DEL REGOLAMENTO N. 95/93. DEFINIZIONE E CLASSIFICAZIONE DELLE BANDE ORARIE NELLA NORMATIVA INTERNA, COMUNITARIA, STATUNITENSE E NELLE IATA WSGs. 1) RATIO DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P. 93 2) IL PROBLEMA DELLA DEFINIZIONE DELLA BANDA ORARIA, P. 95 ii

3 3) SLOT AEROPORTUALI E SLOT ATFM (O ATC), P. 97 4) LA DEFINIZIONE DI BANDA ORARIA NELLA VERSIONE CONSOLIDATA E IN QUELLA ORIGINARIA DEL REGOLAMENTO N. 95/93. RILIEVI CRITICI, P ) Segue. LE NOVITÀ INTRODOTTE DAL LEGISLATORE COMUNITARIO DEL 2004, P ) LA DEFINIZIONE DI SLOT CONTENUTA NELLE IATA WORLDWIDE SCHEDULING GUIDELINES E QUELLA ELABORATA DALL ICAO, P ) LA DEFINIZIONE DI SLOT TRA NORMATIVA COMUNITARIA, NORMATIVA STATUNITENSE E IATA WORLDWIDE SCHEDULING GUIDELINES, P. 105 CAPITOLO II NATURA GIURIDICA DELLA BANDA ORARIA. 1) IL PROBLEMA DELLA NATURA GIURIDICA DELLA BANDA ORARIA, P ) LA NATURA GIURIDICA DELLO SLOT TRA DIRITTO ED ECONOMIA. LA BANDA ORARIA COME DIRITTO DI PROPRIETÀ NELLE RICOSTRUZIONI ELABORATE DURANTE LA VIGENZA DELLA VERSIONE ORIGINARIA DEL REGOLAMENTO N. 95/93. RILIEVI CRITICI, P ) Segue. LA QUESTIONE PROPRIETARIA RIGUARDO ALLO SCAMBIO DI SLOTS CON COMPENSAZIONE ECONOMICA NELLA VERSIONE ORIGINARIA DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P ) INERENZA DELLA BANDA ORARIA AL FENOMENO TEMPORALE, P ) Segue. LA NATURA GIURIDICA DEL TEMPO, P ) IL TEMPO COME RISORSA NATURALE, P ) Segue. SLOTS AEROPORTUALI E ORBITAL FREQUENCIES: ANALOGIE E DIFFERENZE, P ) LE BANDE ORARIE COME PUBLIC RESOURCE NELL AMBITO DELLA SOVRANITÀ CONDIVISA TRA STATI MEMBRI E UNIONE EUROPEA, P ) LA NATURA GIURIDICA DELLO SLOT NELLE ATTIVITÀ DI REVISIONE DELLA VERSIONE ORIGINARIA DEL REGOLAMENTO N. 95/93 E NEL VIGENTE QUADRO LEGISLATIVO, P ) Segue. L INQUALIFICABILITÀ DELLA BANDA ORARIA COME DIRITTO DI PROPRIETÀ ALLA LUCE DELLA VERSIONE CONSOLIDATA DEL REGOLAMENTO N. 95/93 E DELLA GIURISPRUDENZA, P ) LO SLOT COME BENE IMMATERIALE, P ) Segue. CRITICA ALLA TEORIA DELLO SLOT COME BENE MATERIALE, P ) NATURA GIURIDICA DEL PROVVEDIMENTO DI ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE, P ) LA NATURA GIURIDICA DELLO SLOT NEL DIRITTO COMPARATO, P. 158 CAPITOLO III IL COORDINAMENTO DEL TRAFFICO AEROPORTUALE. 1) IL COORDINAMENTO DEL TRAFFICO AEREO E LA CLASSIFICAZIONE DEGLI AEROPORTI: PROFILI EVOLUTIVI, P ) IL CARATTERE ECCEZIONALE DELL ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE. LA DEFINIZIONE DI AEROPORTO COORDINATO NEL REGOLAMENTO N. 95/93, NELLA HIGH DENSITY RULE E NELLE IATA GUIDELINES, P. 163 CAPITOLO IV LA CLASSIFICAZIONE DI UN AEROPORTO COME COORDINATO E COME AD ORARI FACILITATI. 1) IL CONCETTO DI CONGESTIONE AEROPORTUALE. L ANALISI DI CAPACITÀ EX ART. 3, REGOLAMENTO N. 95/93, P. 168 iii

4 2) LE CARENZE DI CAPACITÀ AEROPORTUALE: POSSIBILI SOLUZIONI E (RELATIVE) PROBLEMATICHE DI ATTUAZIONE, P ) LA DESIGNAZIONE DI UN AEROPORTO COME COORDINATO PER UN SOLO PERIODO. LA REVOCA DELLA DESIGNAZIONE DI UN AEROPORTO COORDINATO, P ) LA DESIGNAZIONE DI UN AEROPORTO COME AD ORARI FACILITATI. LA DEFINIZIONE DI SCHEDULED FACILITATED AIRPORT NELLA NORMATIVA COMUNITARIA E NELLE IATA GUIDELINES, P ) ASSEGNAZIONE DI SLOTS E PARAMETRI DI COORDINAMENTO, P.178 6) LA DETERMINAZIONE DEI PARAMETRI DI COORDINAMENTI NELL ORDINAMENTO ITALIANO DOPO LA SENTENZA 30 GENNAIO 2009, N. 18, DELLA CORTE COSTITUZIONALE, P. 181 CAPITOLO V LE FIGURE DEL COORDINATORE E DEL FACILITATORE DEGLI ORARI NEGLI AEROPORTI DESIGNATI COME COORDINATI E AD ORARI FACILITATI. 1) IL COORDINATORE NEL SISTEMA IATA NELLA FASE PRECEDENTE ALL EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P ) Segue. LA NOMINA E LE FUNZIONI DEL COORDINATORE, P ) LA FIGURA DEL COORDINATORE NELLA VERSIONE ORIGINARIA E IN QUELLA CONSOLIDATA DEL REGOLAMENTO N. 95/93. IL FACILITATORE DEGLI ORARI. LA NOMINA DEL COORDINATORE E DEL FACILITATORE, P ) LE FUNZIONI DEL COORDINATORE E DEL FACILITATORE DEGLI ORARI, P ) LE FUNZIONI DEL COORDINATORE NELL ORDINAMENTO ITALIANO NELLE PRONUNCE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO E DELLA GIURISPRUDENZA AMMINISTRATIVA. LA CIRCOLARE ENAC DEL 24 AGOSTO 2009, EAL-18, P ) I REQUISITI DEL COORDINATORE E DEL FACILITATORE DEGLI ORARI, P. 194 CAPITOLO VI IL COMITATO DI COORDINAMENTO AEROPORTUALE. 1) LA COSTITUZIONE DEL COMITATO DI COORDINAMENTO, P ) Segue. COMPOSIZIONE, P ) Segue. LE FUNZIONI. I POTERI ISTRUTTORI, P ) IL COMITATO DI COORDINAMENTO AEROPORTUALE NELLA NORMATIVA INTERNA. RINVIO, P. 201 CAPITOLO VII LA FIGURA DEL COORDINATORE IN ITALIA E NEL DIRITTO COMPARATO. 1) L ESPERIENZA ITALIANA IN MATERIA DI COORDINATORE NELLA FASE PRECEDENTE ALLA COSTITUZIONE DI ASSOCLEARANCE. PREMESSA, P ) Segue. LE PROPOSTE DELLA DIREZIONE GENERALE AVIAZIONE CIVILE E DEL MINISTERO DEI TRASPORTI. LA SOLUZIONE PUBBLICISTICA AVALLATA DALL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO, P ) LA COSTITUZIONE DI ASSOCLEARANCE. FUNZIONI, DURATA, CAUSE DI SCIOGLIMENTO, ORGANI. IL PRESIDENTE DELL ASSOCIAZIONE. POTERI, P ) LA FIGURA DEL COORDINATORE A LIVELLO COMPARATO. CENNI, P. 209 iv

5 CAPITOLO VIII L INDIPENDENZA E L IMPARZIALITÀ DEL COORDINATORE E DEL FACILITATORE DEGLI ORARI. 1) L INDIPENDENZA DEL COORDINATORE COME FATTORE DI SUPERAMENTO DEL SISTEMA IATA, P ) L INDIPENDENZA E L IMPARZIALITÀ DEL COORDINATORE NEI LAVORI PREPARATORI E NELLA PRIMA VERSIONE DEL REGOLAMENTO N. 95/93. LE POSIZIONI ASSUNTE DALLA DOTTRINA E DALLA COMMISSIONE EUROPEA, P ) L INDIPENDENZA NELL ORGANIZZAZIONE E L IMPARZIALITÀ NELLA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DEL COORDINATORE NELLA VERSIONE CONSOLIDATA DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P ) I CARATTERI DELL INDIPENDENZA. A) LA SEPARAZIONE FUNZIONALE DEL COORDINATORE, P ) Segue. I RAPPORTI TRA COORDINATORE E COMITATO DI COORDINAMENTO, P ) Segue. L INDIPENDENZA DEL COORDINATORE NELLE FONTI INTEGRATIVE IN MATERIA DI ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE, P ) Segue. INDIPENDENZA DEL COORDINATORE E POTERI REGIONALI E LOCALI, P ) B) IL SISTEMA DI FINANZIAMENTO NELLA NORMATIVA COMUNITARIA E IN QUELLA INTERNA. GLI INTERVENTI DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO, P ) LA NATURA GIURIDICA DI ASSOCLEARANCE, P ) L ASSOCLEARANCE E IL CARATTERE TRANSITORIO DELLA OPZIONE PRIVATISTICA. LA SOLUZIONE PUBBLICISTICA NEI RECENTI INTERVENTI GOVERNATIVI, P ) LE PROPOSTE ORGANIZZATORIE FORMULATE DALL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO TRA IMPROPRIETÀ DI LINGUAGGIO ED ESIGENZE DI SISTEMA, P ) IL COORDINATORE COME SOGGETTO PRIVATO INCARICATO DI SVOLGERE PUBBLICHE FUNZIONI, P ) L IMPARZIALITÀ, LA TRASPARENZA E LA NON DISCRIMINAZIONE NELL AGIRE DEL COORDINATORE. L OBBLIGO DI MESSA A DISPOSIZIONE DI INFORMAZIONI NELLA HIGH DENSITY RULE, P ) I PRINCIPI DI IMPARZIALITÀ, TRASPARENZA E DI NON DISCRIMINAZIONE NELLA NORMATIVA INTERNA, P ) Segue. LA GIURISPRUDENZA AMMINISTRATIVA E LE PRONUNCE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO, P ) LA COMMISSIONE EUROPEA E IL PRINCIPIO DI TRASPARENZA DELLE INFORMAZIONI INERENTI ALLE BANDE ORARIE. LE RECENTI INIZIATIVE COMUNITARIE: LA BASE DI DATI COMBINATA E L OSSERVATORIO PER LO STUDIO DELLA CAPACITÀ AEROPORTUALE IN EUROPA, P ) L OBBLIGO DI MOTIVAZIONE EX ART. 8, PARAGRAFO 6, REGOLAMENTO N. 95/93, P. 244 PARTE TERZA CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO DI ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE. 1) LA PROCEDURA DI ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE: DALLA FIRST COME FIRST SERVED RULE AL REGOLAMENTO N. 95/93. LA NATURA GIURIDICA DEI CRITERI DI ASSEGNAZIONE DEGLI SLOTS, P ) I CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE. L ASSEGNAZIONE PROVVISORIA, P. 247 v

6 3) LA GRANDFATHER S RULE DA PRINCIPIO GENERALE A CRITERIO SPECIALE NELLA SLOT ALLOCATION, P ) LA GRANDFATHER S RULE NELLA NUOVA COMMON TRANSPORT POLICY E NELLA SLOT ALLOCATION. I FATTORI ESOGENI DEL CAMBIAMENTO, P ) Segue. I FATTORI ESOGENI, P ) LA NATURA GIURIDICA DELLA GRANDFATHER S RULE. LA GRANDFATHER S RULE COME DIRITTO (POTESTATIVO, IN PARTICOLARE DI PRELAZIONE). CRITICA, P ) Segue. LA GRANDFATHER S RULE E IL DIRITTO DI INSISTENZA NELLE CONCESSIONI DEMANIALI MARITTIME, P ) LA GRANDFATHER S RULE NEL SISTEMA IATA E NELLA HIGH DENSITY RULE. LE HISTORIC CATCH RATES NEL SETTORE DELLA PESCA (CENNI), P ) RATIO DELLA GRANDFATHER S RULE, P ) GLI ALTRI CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE PREVISTI NELLA NORMATIVA COMUNITARIA. A) LA PRIORITÀ DEL TRAFFICO COMMERCIALE, P ) Segue. B) GLI ONERI DI SERVIZIO PUBBLICO. LA PREVISIONE DI CUI ALL ART. 9, PARAGRAFO 8, DELLA PROPOSTA DI REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE DEL 1991, P ) C) LE PRIORITÀ SUPPLEMENTARI E IL CARATTERE RESIDUALE DELL ART. 8, PARAGRAFO 5, REGOLAMENTO N. 95/93, P ) IL POOL DI BANDE ORARIE, P ) LA USE-IT-OR-LOSE-IT RULE NELLE IATA GUIDELINES E NELLA HIGH DENSITY RULE, P ) LA USE-IT-OR-LOSE-IT RULE NELLA NORMATIVA COMUNITARIA, P ) IL RITIRO DELLE BANDE ORARIE IN CASO DI SOSPENSIONE DELLA LICENZA D ESERCIZIO DEL VETTORE AEREO, P ) RATIO E NATURA GIURIDICA DELLA USE-IT-OR-LOSE-IT RULE, P ) IL CALCOLO DELLA PERCENTUALE DI UTILIZZO NELLA NORMATIVA COMUNITARIA, NEL SISTEMA IATA E NELLA HIGH DENSITY RULE, P ) IL PROBLEMA DEL MANCATO UTILIZZO E DELL UTILIZZO NON CONFORME DELLE BANDE ORARIE, P ) Segue. IL MANCATO UTILIZZO E L UTILIZZO NON CONFORME NELLA VERSIONE ORIGINARIA DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P ) Segue. LE MODIFICHE APPORTATE DAL REGOLAMENTO N. 793 DEL 2004, P ) Segue. LE QUESTIONI INTERPRETATIVE ANCORA APERTE, P ) LA NOZIONE DI GRUPPO RILEVANTE NEL PROCEDIMENTO DI ASSEGNAZIONE DEGLI SLOTS, P ) I VETTORI NUOVI ENTRANTI, P ) Segue. LA FIGURA DEL VETTORE NUOVO ENTRANTE NELLA NORMATIVA COMUNITARIA, NELLE IATA GUIDELINES E NELLA HIGH DENSITY RULE, P ) Segue I VETTORI AEREI NUOVI ENTRANTI NEL PROCEDIMENTO DI ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE, P. 321 CAPITOLO II LA CIRCOLAZIONE DELLE BANDE ORARIE. 1) IL PROBLEMA DELLA CIRCOLAZIONE DELLE BANDE ORARIE. IL VALORE ECONOMICO DEGLI SLOTS, P ) LE VICENDE CIRCOLATORIE DELLE BANDE ORARIE NEI LAVORI PREPARATORI DELLA NORMATIVA COMUNITARIA IN MATERIA DI BANDE ORARIE E NELLA VERSIONE ORIGINARIA DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P. 331 vi

7 3) Segue. L ART. 8, PARAGRAFO 4, DELLA VERSIONE ORIGINARIA DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P ) Segue. LE FATTISPECIE DELLO SCAMBIO E DEL TRASFERIMENTO DI BANDE ORARIE. IL PROBLEMA DEL SECONDARY TRADING, P ) L INTRODUZIONE DI MECCANISMI DI ASTA DELLE BANDE ORARIE NELLE PROPOSTE ELABORATE DALLA COMMISSIONE EUROPEA. RILIEVI CRITICI, P ) LA SLOT MOBILITY NELLA VERSIONE CONSOLIDATA DEL REGOLAMENTO N. 95/93. A) IL REGOLAMENTO N. 793 DEL RATIO DELL INTERVENTO LEGISLATIVO, P ) B) LE MODIFICHE APPORTATE DAL REGOLAMENTO N. 793 DEL 2004, P ) LA COMPRAVENDITA DI BANDE ORARIE E IL SECONDARY TRADING NELLA VERSIONE CONSOLIDATA DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P ) LA MODIFICA DELLA COLLOCAZIONE ORARIA DEGLI SLOTS, P ) L ATTO DI CONFERMA DEL COORDINATORE, P ) LA CIRCOLAZIONE DI BANDE ORARIE E LA TUTELA DELLA CONCORRENZA: IL MECCANISMO DI SALVAGUARDIA DISCIPLINATO NELLA VERSIONE ORIGINARIA DEL REGOLAMENTO N. 95/93. IL PRINCIPIO DI COOPERAZIONE IN MATERIA DI BANDE ORARIE E LA RETE EUROPEA DI CONCORRENZA. L OSSERVATORIO PER LO STUDIO DELLA CAPACITÀ AEROPORTUALE IN EUROPA, P ) ALTRE FORME DI TRASFERIMENTO DI BANDE ORARIE. A) LA CESSIONE DI SLOTS COME MISURA CORRETTIVA DEGLI EFFETTI DISTORSIVI DELLA CONCORRENZA, P ) B) AFFITTO DI RAMO D AZIENDA. NOLEGGIO. LEASING, P ) C) TRASFERIMENTO MEDIANTE REDISTRIBUZIONE DI UNA PERCENTUALE DI GRANDFATHERED SLOTS NELLE PROPOSTE DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO N. 95/93 ELABORATE DALLA COMMISSIONE EUROPEA E NELLE IATA GUIDELINES, P ) LA CIRCOLAZIONE DELLE BANDE ORARIE NEL SISTEMA IATA, P ) LA SLOT MOBILITY NEL DIRITTO COMPARATO: L ESPERIENZA STATUNITENSE, P ) Segue. I CONTROLLI PUBBLICI RELATIVI ALLA BUY-SELL SLOT RULE, P ) NEW ENTRANTS E SLOT MOBILITY NEL REGOLAMENTO N. 95/93 E NELLA HIGH DENSITY RULE, P ) RIFLESSIONI DE IURE CONDENDO: LE ESPERIENZE STATUNITENSE E COMUNITARIA A CONFRONTO. LA COMMISSIONE EUROPEA COME LEGISLATORE INDIRETTO E LA RILEVANZA DELLA PRASSI NELLA CIRCOLAZIONE DELLE BANDE ORARIE NELL UNIONE EUROPEA, P ) GLI EFFETTI ANTICONCORRENZIALI DELLA BUY-SELL SLOT RULE. GLI INTERVENTI DEL GENERAL ACCOUNTING OFFICE (GAO) E DEL DEPARTMENT OF TRANSPORTATION (DOT), P ) CHE COSA L UNIONE EUROPEA PUÒ IMPARARE DALL ESPERIENZA STATUNITENSE? I POTENZIALI EFFETTI DI UN SECONDARY TRADING COMUNITARIO DELLE BANDE ORARIE, P. 389 PARTE QUARTA CAPITOLO I I RIMEDI DI CARATTERE AMMINISTRATIVO. 1) LA NORMATIVA COMUNITARIA, P ) LA NORMATIVA ITALIANA. LA GIURISPRUDENZA AMMINISTRATIVA E COSTITUZIONALE. GLI INTERVENTI DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO, P. 401 vii

8 3) Segue. I RECLAMI, P ) Segue. LA DISCIPLINA SANZIONATORIA INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 4 OTTOBRE 2007, N. 172, P. 406 CAPITOLO II LA TUTELA GIURISDIZIONALE. 1) LA NORMATIVA ITALIANA E COMUNITARIA. LA GIURISPRUDENZA AMMINISTRATIVA. CENNI DI DIRITTO COMPARATO, P. 407 CAPITOLO III I CONTROLLI PUBBLICI DELLA COMMISSIONE EUROPEA E ILPRINCIPIO DI COOPERAZIONE. LA SLOT ALLOCATION E LA RETE EUROPEA DI CONCORRENZA. 1) LA NORMATIVA COMUNITARIA IN MATERIA DI BANDE ORARIE E I CONTROLLI PUBBLICI NELL ORDINAMENTO GIURIDICO GLOCALE, P ) IL CONTROLLO PUBBLICO COMUNITARIO SULLA SLOT ALLOCATION ESERCITATO DALLA COMMISSIONE EUROPEA. IL PRINCIPIO DI COOPERAZIONE E LA RETE EUROPEA DI CONCORRENZA, P ) IL DIVIETO DI COMPENSAZIONE EX ART. 8 TER, REGOLAMENTO N. 95/93 E LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO, P ) IL CONTROLLO DELLA COMMISSIONE EUROPEA SUGLI STATI MEMBRI IN MATERIA DI SLOT ALLOCATION, P. 424 CONCLUSIONI, P. 428 viii

LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI

LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI I SERVIZI PUBBLICI PROF. FRANCESCO COSSU Indice 1 LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI ------------------------------------------------------------------- 3 2 IL REGIME TRADIZIONALE ---------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

ACCORDO INTERINALE sugli scambi e sulle questioni commerciali tra la Comunità europea, da una parte, e la Repubblica di Serbia, dall altra

ACCORDO INTERINALE sugli scambi e sulle questioni commerciali tra la Comunità europea, da una parte, e la Repubblica di Serbia, dall altra L 28/2 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 30.1.2010 ACCORDO INTERINALE sugli scambi e sulle questioni commerciali tra la Comunità europea, da una parte, e la Repubblica di Serbia, dall altra LA COMUNITÀ

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

MODELLO DI REGOLAZIONE DEI DIRITTI AEROPORTUALI PER AEROPORTI CON TRAFFICO INFERIORE AI 3 MILIONI DI PASSEGGERI / ANNO

MODELLO DI REGOLAZIONE DEI DIRITTI AEROPORTUALI PER AEROPORTI CON TRAFFICO INFERIORE AI 3 MILIONI DI PASSEGGERI / ANNO MODELLO 3 MODELLO DI REGOLAZIONE DEI DIRITTI AEROPORTUALI PER AEROPORTI CON TRAFFICO INFERIORE AI 3 MILIONI DI PASSEGGERI / ANNO Allegato 3 alla Delibera 64/2014 1 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 2. DEFINIZIONI...

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

La potestà legislativa delle Regioni in materia di contratti pubblici dopo le sentenze della Corte costituzionale n. 401 e n.

La potestà legislativa delle Regioni in materia di contratti pubblici dopo le sentenze della Corte costituzionale n. 401 e n. Supplemento 5.2007 7 La potestà legislativa delle Regioni in materia di contratti pubblici dopo le sentenze della Corte costituzionale n. 401 e n. 431 del 2007 Annamaria De Michele* Sommario 1. L assetto

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 enav.it Web conference 02/12/2014 Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture DOCUMENTO BASE Problematiche applicative delle disposizioni in materia di opere a scomputo degli oneri di urbanizzazione

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento per le Politiche di Gestione e di Sviluppo delle Risorse Umane DIPRU 3 Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture Vol. 3 - Il contratto

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

INDICE. 8. Piano dell opera... 48

INDICE. 8. Piano dell opera... 48 INDICE INTRODUZIONE DELIMITAZIONE DELL OGGETTO DELLA RICERCA 1. Delimitazione del campo di osservazione e criteri selettivi delle fattispecie analizzate: premessa... 1 2. Legalità, singolarità e qualificazione

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 giugno 2013; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 ALLEGATO A D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 TESTO COORDINATO CON NORME SUCCESSIVE D.G.R. N. 47-2981 del 14/5/2001 pubblicata su B.U. n. 21 del 23.5.2001 D.G.R. N. 50-3471 del 9/7/2001 pubblicata su B.U.

Dettagli

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO RECANTE MODIFICHE AL REGOLAMENTO ISVAP N. 24 DEL 19 MAGGIO 2008 CONCERNENTE LA PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DEI RECLAMI ALL ISVAP E LA GESTIONE DEI RECLAMI

Dettagli

I poteri di indirizzo e coordinamento: da figure organizzative a funzioni regolatrici del rapporto Stato-Regioni

I poteri di indirizzo e coordinamento: da figure organizzative a funzioni regolatrici del rapporto Stato-Regioni I poteri di indirizzo e coordinamento: da figure organizzative a funzioni regolatrici del rapporto Stato-Regioni di Filippo Lacava 1.Premessa; 2. Definizioni; 2.1 Il potere di indirizzo 2.2 Il coordinamento;

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Sezione Prima Inquadramento e struttura degli enti pubblici

Sezione Prima Inquadramento e struttura degli enti pubblici Capitolo Secondo Gli enti pubblici Sommario: Sezione Prima: Inquadramento e struttura degli enti pubblici. - 1. La pubblica amministrazione. - 2. Gli enti pubblici. - 3. Le più importanti classificazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n.

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n. Decreto legislativo 19 novembre 1997, n.422 Conferimento alle regioni ed agli enti locali di funzioni e compiti in materia di trasporto pubblico locale, a norma dell'articolo 4, comma 4, della legge 15

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli