SOMMARIO CAPITOLO I. LA LIBERALIZZAZIONE DEL TRASPORTO AEREO E LA SLOT ALLOCATION COME ESPRESSIONE DI RI- REGOLAZIONE DEL SETTORE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO CAPITOLO I. LA LIBERALIZZAZIONE DEL TRASPORTO AEREO E LA SLOT ALLOCATION COME ESPRESSIONE DI RI- REGOLAZIONE DEL SETTORE."

Transcript

1 SOMMARIO Premessa, P. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I. LA LIBERALIZZAZIONE DEL TRASPORTO AEREO E LA SLOT ALLOCATION COME ESPRESSIONE DI RI- REGOLAZIONE DEL SETTORE. 1. DEREGULATION E LIBERALIZATION NEL TRASPORTO AEREO. ALCUNI CHIARIMENTI CONCETTUALI PRELIMINARI, P LA REGOLAZIONE DEL TRASPORTO AEREO LIBERALIZZATO, P INQUADRAMENTO STORICO DELLA PROBLEMATICA DELLE BANDE ORARIE, P. 9 CAPITOLO II. LA SLOT ALLOCATION NELLA CONVENZIONE DI CHICAGO, NEGLI GLI ACCORDI BILATERALI DI TRAFFICO AEREO E NEGLI ACCORDI OPEN SKIES. 1) LA SLOT ALLOCATION NELLA CONVENZIONE DI CHICAGO E NEGLI ANNESSI ICAO, P. 15 2) LA SLOT ALLOCATION NELLA CONVENZIONE DI CHICAGO, P. 18 3) LE MODEL CLAUSES PROPOSTE DALL ICAO, P. 20 4) LA SLOT ALLOCATION NEGLI ACCORDI BILATERALI, P. 21 5) LE SENTENZE OPEN SKIES E L US/EC AIR TRANSPORT AGREEMENT DEL 30 APRILE IL RAPPORTO TRA ACCORDI BILATERALI E SISTEMA IATA, P. 24 6) CLAUSOLA DI RECIPROCITÀ, P. 28 CAPITOLO III LA RIPARTIZIONE DELLE BANDE ORARIE IN ITALIA NEL QUADRO DEL TRASPORTO AEREO COME ESPRESSIONE DI UN ATTIVITÀ TIPICA DELLO STATO. 1) PREMESSA, P. 29 2) L ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE FINO AL REGOLAMENTO N. 95/93, P. 30 3) IL REGOLAMENTO N. 95/93 E IL DIFFICILE ADEGUAMENTO DELL ORDINAMENTO ITALIANO ALLA NORMATIVA COMUNITARIA, P. 31 CAPITOLO IV IL SISTEMA DI RIPARTIZIONE DELLE BANDE ORARIE IN SEDE IATA. 1) AVVERTENZA METODOLOGICA, P. 34 2) LA NASCITA DELLE IATA WORLDWIDE SCHEDULING GUIDELINES. LORO NATURA GIURIDICA, P. 35 3) LE IATA SCHEDULE CONFERENCES, p. 38 4) L ATTIVITÀ DI COORDINAMENTO DEL TRAFFICO AEREO NEL SISTEMA IATA. PROFILI GENERALI, P. 41 i

2 CAPITOLO V LA RIPARTIZIONE DELLE BANDE ORARIE A LIVELLO COMPARATO. L ESPERIENZA USA. 1) AVVERTENZA METODOLOGICA, p. 45 2) LA RIPARTIZIONE DELLE BANDE ORARIE IN SEDE IATA, NEL SISTEMA USA E NELL UNIONE EUROPEA: DIFFERENZE ED ANALOGIE. LA SLOT ALLOCATION NEI PAESI ORIENTALI E NEL CONTINENTE AFRICANO. CENNI, P. 45 3) LA REGOLAZIONE DEL TRASPORTO AEREO STATUNITENSE. LE PRIME FORME DI CONTROLLO PUBBLICO E IL CIVIL AERONAUTICS ACT DEL 1938, p. 47 4) LA HIGH DENSITY AIRPORT RULE ELABORATA DALLA FEDERAL AVIATION AUTHORITY. LA RIGIDA REGOLAMENTAZIONE DELLA SLOT ALLOCATION IN UN SISTEMA FORTEMENTE ANTICONCORRENZIALE: GLI AIRLINE SCHEDULING COMMITTEES, P. 50 5) LA DEREGULATION, LA SOPPRESSIONE DEL CIVIL AERONAUTICS BOARD E I PRIMI INTERVENTI DELLA FEDERAL AVIATION AUTHORITY NELLA DISTRIBUZIONE DELLE BANDE ORARIE, P. 56 6) IL FONDAMENTALE APPORTO DELLA GIURISPRUDENZA NELL AFFERMAZIONE DI UN SISTEMA CONCORRENZIALE NELLA RIPARTIZIONE DEGLI SLOTS. L INTERIM OPERATION PLAN, P. 60 7) LE MODIFICHE ALLA HIGH DENSITY RULE. IL FEDERAL AVIATION AUTHORIZATION ACT, P. 61 8) LE PERIMETER RULES, P. 64 9) WENDELL H. FORD AVIATION INVESTMENT AND REFORM ACT FOR THE 21 ST CENTURY, P ) I CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE BANDE ORARIE NELLA HIGH DENSITY RULE. CENNI. RINVIO, P. 67 CAPITOLO VI LA SLOT ALLOCATION IN AMBITO COMUNITARIO. 1) PREMESSA E AVVERTENZA METODOLOGICA, P. 69 2) L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA COMUNITARIA IN MATERIA DI CONCORRENZA AL SETTORE DEL TRASPORTO AEREO. LA PRIMA FASE DI LIBERALIZZAZIONI COMUNITARIE, P. 69 3) LA SECONDA E LA TERZA FASE DI LIBERALIZZAZIONI, P. 75 4) L ART. 10 DEL REGOLAMENTO N DEL 24 LUGLIO 1990, LA PROPOSTA (E IL MEMORANDUM) DELLA COMMISSIONE EUROPEA N. 576 DEL 1991 E LA SCELTA TRA REGOLAMENTO E CODICE DI CONDOTTA. L INTERVENTO DELLA COMUNITÀ CON LA FONTE REGOLAMENTARE E IL PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETÀ, P. 77 5) IL CARATTERE PROVVISORIO DEL REGOLAMENTO N. 95/93 E LE CRITICHE RIVOLTE ALLA SUA EMANAZIONE, P. 80 6) LE MODIFICHE ALLA ORIGINARIA VERSIONE DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P. 82 7) Il REGOLAMENTO N. 95/93 E I CONTROLLI PUBBLICI NEL (NUOVO) REGIME GIURIDICO- ECONOMICO DEL TRASPORTO AEREO, P. 86 PARTE SECONDA CAPITOLO I RATIO DEL REGOLAMENTO N. 95/93. DEFINIZIONE E CLASSIFICAZIONE DELLE BANDE ORARIE NELLA NORMATIVA INTERNA, COMUNITARIA, STATUNITENSE E NELLE IATA WSGs. 1) RATIO DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P. 93 2) IL PROBLEMA DELLA DEFINIZIONE DELLA BANDA ORARIA, P. 95 ii

3 3) SLOT AEROPORTUALI E SLOT ATFM (O ATC), P. 97 4) LA DEFINIZIONE DI BANDA ORARIA NELLA VERSIONE CONSOLIDATA E IN QUELLA ORIGINARIA DEL REGOLAMENTO N. 95/93. RILIEVI CRITICI, P ) Segue. LE NOVITÀ INTRODOTTE DAL LEGISLATORE COMUNITARIO DEL 2004, P ) LA DEFINIZIONE DI SLOT CONTENUTA NELLE IATA WORLDWIDE SCHEDULING GUIDELINES E QUELLA ELABORATA DALL ICAO, P ) LA DEFINIZIONE DI SLOT TRA NORMATIVA COMUNITARIA, NORMATIVA STATUNITENSE E IATA WORLDWIDE SCHEDULING GUIDELINES, P. 105 CAPITOLO II NATURA GIURIDICA DELLA BANDA ORARIA. 1) IL PROBLEMA DELLA NATURA GIURIDICA DELLA BANDA ORARIA, P ) LA NATURA GIURIDICA DELLO SLOT TRA DIRITTO ED ECONOMIA. LA BANDA ORARIA COME DIRITTO DI PROPRIETÀ NELLE RICOSTRUZIONI ELABORATE DURANTE LA VIGENZA DELLA VERSIONE ORIGINARIA DEL REGOLAMENTO N. 95/93. RILIEVI CRITICI, P ) Segue. LA QUESTIONE PROPRIETARIA RIGUARDO ALLO SCAMBIO DI SLOTS CON COMPENSAZIONE ECONOMICA NELLA VERSIONE ORIGINARIA DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P ) INERENZA DELLA BANDA ORARIA AL FENOMENO TEMPORALE, P ) Segue. LA NATURA GIURIDICA DEL TEMPO, P ) IL TEMPO COME RISORSA NATURALE, P ) Segue. SLOTS AEROPORTUALI E ORBITAL FREQUENCIES: ANALOGIE E DIFFERENZE, P ) LE BANDE ORARIE COME PUBLIC RESOURCE NELL AMBITO DELLA SOVRANITÀ CONDIVISA TRA STATI MEMBRI E UNIONE EUROPEA, P ) LA NATURA GIURIDICA DELLO SLOT NELLE ATTIVITÀ DI REVISIONE DELLA VERSIONE ORIGINARIA DEL REGOLAMENTO N. 95/93 E NEL VIGENTE QUADRO LEGISLATIVO, P ) Segue. L INQUALIFICABILITÀ DELLA BANDA ORARIA COME DIRITTO DI PROPRIETÀ ALLA LUCE DELLA VERSIONE CONSOLIDATA DEL REGOLAMENTO N. 95/93 E DELLA GIURISPRUDENZA, P ) LO SLOT COME BENE IMMATERIALE, P ) Segue. CRITICA ALLA TEORIA DELLO SLOT COME BENE MATERIALE, P ) NATURA GIURIDICA DEL PROVVEDIMENTO DI ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE, P ) LA NATURA GIURIDICA DELLO SLOT NEL DIRITTO COMPARATO, P. 158 CAPITOLO III IL COORDINAMENTO DEL TRAFFICO AEROPORTUALE. 1) IL COORDINAMENTO DEL TRAFFICO AEREO E LA CLASSIFICAZIONE DEGLI AEROPORTI: PROFILI EVOLUTIVI, P ) IL CARATTERE ECCEZIONALE DELL ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE. LA DEFINIZIONE DI AEROPORTO COORDINATO NEL REGOLAMENTO N. 95/93, NELLA HIGH DENSITY RULE E NELLE IATA GUIDELINES, P. 163 CAPITOLO IV LA CLASSIFICAZIONE DI UN AEROPORTO COME COORDINATO E COME AD ORARI FACILITATI. 1) IL CONCETTO DI CONGESTIONE AEROPORTUALE. L ANALISI DI CAPACITÀ EX ART. 3, REGOLAMENTO N. 95/93, P. 168 iii

4 2) LE CARENZE DI CAPACITÀ AEROPORTUALE: POSSIBILI SOLUZIONI E (RELATIVE) PROBLEMATICHE DI ATTUAZIONE, P ) LA DESIGNAZIONE DI UN AEROPORTO COME COORDINATO PER UN SOLO PERIODO. LA REVOCA DELLA DESIGNAZIONE DI UN AEROPORTO COORDINATO, P ) LA DESIGNAZIONE DI UN AEROPORTO COME AD ORARI FACILITATI. LA DEFINIZIONE DI SCHEDULED FACILITATED AIRPORT NELLA NORMATIVA COMUNITARIA E NELLE IATA GUIDELINES, P ) ASSEGNAZIONE DI SLOTS E PARAMETRI DI COORDINAMENTO, P.178 6) LA DETERMINAZIONE DEI PARAMETRI DI COORDINAMENTI NELL ORDINAMENTO ITALIANO DOPO LA SENTENZA 30 GENNAIO 2009, N. 18, DELLA CORTE COSTITUZIONALE, P. 181 CAPITOLO V LE FIGURE DEL COORDINATORE E DEL FACILITATORE DEGLI ORARI NEGLI AEROPORTI DESIGNATI COME COORDINATI E AD ORARI FACILITATI. 1) IL COORDINATORE NEL SISTEMA IATA NELLA FASE PRECEDENTE ALL EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P ) Segue. LA NOMINA E LE FUNZIONI DEL COORDINATORE, P ) LA FIGURA DEL COORDINATORE NELLA VERSIONE ORIGINARIA E IN QUELLA CONSOLIDATA DEL REGOLAMENTO N. 95/93. IL FACILITATORE DEGLI ORARI. LA NOMINA DEL COORDINATORE E DEL FACILITATORE, P ) LE FUNZIONI DEL COORDINATORE E DEL FACILITATORE DEGLI ORARI, P ) LE FUNZIONI DEL COORDINATORE NELL ORDINAMENTO ITALIANO NELLE PRONUNCE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO E DELLA GIURISPRUDENZA AMMINISTRATIVA. LA CIRCOLARE ENAC DEL 24 AGOSTO 2009, EAL-18, P ) I REQUISITI DEL COORDINATORE E DEL FACILITATORE DEGLI ORARI, P. 194 CAPITOLO VI IL COMITATO DI COORDINAMENTO AEROPORTUALE. 1) LA COSTITUZIONE DEL COMITATO DI COORDINAMENTO, P ) Segue. COMPOSIZIONE, P ) Segue. LE FUNZIONI. I POTERI ISTRUTTORI, P ) IL COMITATO DI COORDINAMENTO AEROPORTUALE NELLA NORMATIVA INTERNA. RINVIO, P. 201 CAPITOLO VII LA FIGURA DEL COORDINATORE IN ITALIA E NEL DIRITTO COMPARATO. 1) L ESPERIENZA ITALIANA IN MATERIA DI COORDINATORE NELLA FASE PRECEDENTE ALLA COSTITUZIONE DI ASSOCLEARANCE. PREMESSA, P ) Segue. LE PROPOSTE DELLA DIREZIONE GENERALE AVIAZIONE CIVILE E DEL MINISTERO DEI TRASPORTI. LA SOLUZIONE PUBBLICISTICA AVALLATA DALL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO, P ) LA COSTITUZIONE DI ASSOCLEARANCE. FUNZIONI, DURATA, CAUSE DI SCIOGLIMENTO, ORGANI. IL PRESIDENTE DELL ASSOCIAZIONE. POTERI, P ) LA FIGURA DEL COORDINATORE A LIVELLO COMPARATO. CENNI, P. 209 iv

5 CAPITOLO VIII L INDIPENDENZA E L IMPARZIALITÀ DEL COORDINATORE E DEL FACILITATORE DEGLI ORARI. 1) L INDIPENDENZA DEL COORDINATORE COME FATTORE DI SUPERAMENTO DEL SISTEMA IATA, P ) L INDIPENDENZA E L IMPARZIALITÀ DEL COORDINATORE NEI LAVORI PREPARATORI E NELLA PRIMA VERSIONE DEL REGOLAMENTO N. 95/93. LE POSIZIONI ASSUNTE DALLA DOTTRINA E DALLA COMMISSIONE EUROPEA, P ) L INDIPENDENZA NELL ORGANIZZAZIONE E L IMPARZIALITÀ NELLA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DEL COORDINATORE NELLA VERSIONE CONSOLIDATA DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P ) I CARATTERI DELL INDIPENDENZA. A) LA SEPARAZIONE FUNZIONALE DEL COORDINATORE, P ) Segue. I RAPPORTI TRA COORDINATORE E COMITATO DI COORDINAMENTO, P ) Segue. L INDIPENDENZA DEL COORDINATORE NELLE FONTI INTEGRATIVE IN MATERIA DI ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE, P ) Segue. INDIPENDENZA DEL COORDINATORE E POTERI REGIONALI E LOCALI, P ) B) IL SISTEMA DI FINANZIAMENTO NELLA NORMATIVA COMUNITARIA E IN QUELLA INTERNA. GLI INTERVENTI DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO, P ) LA NATURA GIURIDICA DI ASSOCLEARANCE, P ) L ASSOCLEARANCE E IL CARATTERE TRANSITORIO DELLA OPZIONE PRIVATISTICA. LA SOLUZIONE PUBBLICISTICA NEI RECENTI INTERVENTI GOVERNATIVI, P ) LE PROPOSTE ORGANIZZATORIE FORMULATE DALL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO TRA IMPROPRIETÀ DI LINGUAGGIO ED ESIGENZE DI SISTEMA, P ) IL COORDINATORE COME SOGGETTO PRIVATO INCARICATO DI SVOLGERE PUBBLICHE FUNZIONI, P ) L IMPARZIALITÀ, LA TRASPARENZA E LA NON DISCRIMINAZIONE NELL AGIRE DEL COORDINATORE. L OBBLIGO DI MESSA A DISPOSIZIONE DI INFORMAZIONI NELLA HIGH DENSITY RULE, P ) I PRINCIPI DI IMPARZIALITÀ, TRASPARENZA E DI NON DISCRIMINAZIONE NELLA NORMATIVA INTERNA, P ) Segue. LA GIURISPRUDENZA AMMINISTRATIVA E LE PRONUNCE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO, P ) LA COMMISSIONE EUROPEA E IL PRINCIPIO DI TRASPARENZA DELLE INFORMAZIONI INERENTI ALLE BANDE ORARIE. LE RECENTI INIZIATIVE COMUNITARIE: LA BASE DI DATI COMBINATA E L OSSERVATORIO PER LO STUDIO DELLA CAPACITÀ AEROPORTUALE IN EUROPA, P ) L OBBLIGO DI MOTIVAZIONE EX ART. 8, PARAGRAFO 6, REGOLAMENTO N. 95/93, P. 244 PARTE TERZA CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO DI ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE. 1) LA PROCEDURA DI ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE: DALLA FIRST COME FIRST SERVED RULE AL REGOLAMENTO N. 95/93. LA NATURA GIURIDICA DEI CRITERI DI ASSEGNAZIONE DEGLI SLOTS, P ) I CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE. L ASSEGNAZIONE PROVVISORIA, P. 247 v

6 3) LA GRANDFATHER S RULE DA PRINCIPIO GENERALE A CRITERIO SPECIALE NELLA SLOT ALLOCATION, P ) LA GRANDFATHER S RULE NELLA NUOVA COMMON TRANSPORT POLICY E NELLA SLOT ALLOCATION. I FATTORI ESOGENI DEL CAMBIAMENTO, P ) Segue. I FATTORI ESOGENI, P ) LA NATURA GIURIDICA DELLA GRANDFATHER S RULE. LA GRANDFATHER S RULE COME DIRITTO (POTESTATIVO, IN PARTICOLARE DI PRELAZIONE). CRITICA, P ) Segue. LA GRANDFATHER S RULE E IL DIRITTO DI INSISTENZA NELLE CONCESSIONI DEMANIALI MARITTIME, P ) LA GRANDFATHER S RULE NEL SISTEMA IATA E NELLA HIGH DENSITY RULE. LE HISTORIC CATCH RATES NEL SETTORE DELLA PESCA (CENNI), P ) RATIO DELLA GRANDFATHER S RULE, P ) GLI ALTRI CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE PREVISTI NELLA NORMATIVA COMUNITARIA. A) LA PRIORITÀ DEL TRAFFICO COMMERCIALE, P ) Segue. B) GLI ONERI DI SERVIZIO PUBBLICO. LA PREVISIONE DI CUI ALL ART. 9, PARAGRAFO 8, DELLA PROPOSTA DI REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE DEL 1991, P ) C) LE PRIORITÀ SUPPLEMENTARI E IL CARATTERE RESIDUALE DELL ART. 8, PARAGRAFO 5, REGOLAMENTO N. 95/93, P ) IL POOL DI BANDE ORARIE, P ) LA USE-IT-OR-LOSE-IT RULE NELLE IATA GUIDELINES E NELLA HIGH DENSITY RULE, P ) LA USE-IT-OR-LOSE-IT RULE NELLA NORMATIVA COMUNITARIA, P ) IL RITIRO DELLE BANDE ORARIE IN CASO DI SOSPENSIONE DELLA LICENZA D ESERCIZIO DEL VETTORE AEREO, P ) RATIO E NATURA GIURIDICA DELLA USE-IT-OR-LOSE-IT RULE, P ) IL CALCOLO DELLA PERCENTUALE DI UTILIZZO NELLA NORMATIVA COMUNITARIA, NEL SISTEMA IATA E NELLA HIGH DENSITY RULE, P ) IL PROBLEMA DEL MANCATO UTILIZZO E DELL UTILIZZO NON CONFORME DELLE BANDE ORARIE, P ) Segue. IL MANCATO UTILIZZO E L UTILIZZO NON CONFORME NELLA VERSIONE ORIGINARIA DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P ) Segue. LE MODIFICHE APPORTATE DAL REGOLAMENTO N. 793 DEL 2004, P ) Segue. LE QUESTIONI INTERPRETATIVE ANCORA APERTE, P ) LA NOZIONE DI GRUPPO RILEVANTE NEL PROCEDIMENTO DI ASSEGNAZIONE DEGLI SLOTS, P ) I VETTORI NUOVI ENTRANTI, P ) Segue. LA FIGURA DEL VETTORE NUOVO ENTRANTE NELLA NORMATIVA COMUNITARIA, NELLE IATA GUIDELINES E NELLA HIGH DENSITY RULE, P ) Segue I VETTORI AEREI NUOVI ENTRANTI NEL PROCEDIMENTO DI ASSEGNAZIONE DELLE BANDE ORARIE, P. 321 CAPITOLO II LA CIRCOLAZIONE DELLE BANDE ORARIE. 1) IL PROBLEMA DELLA CIRCOLAZIONE DELLE BANDE ORARIE. IL VALORE ECONOMICO DEGLI SLOTS, P ) LE VICENDE CIRCOLATORIE DELLE BANDE ORARIE NEI LAVORI PREPARATORI DELLA NORMATIVA COMUNITARIA IN MATERIA DI BANDE ORARIE E NELLA VERSIONE ORIGINARIA DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P. 331 vi

7 3) Segue. L ART. 8, PARAGRAFO 4, DELLA VERSIONE ORIGINARIA DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P ) Segue. LE FATTISPECIE DELLO SCAMBIO E DEL TRASFERIMENTO DI BANDE ORARIE. IL PROBLEMA DEL SECONDARY TRADING, P ) L INTRODUZIONE DI MECCANISMI DI ASTA DELLE BANDE ORARIE NELLE PROPOSTE ELABORATE DALLA COMMISSIONE EUROPEA. RILIEVI CRITICI, P ) LA SLOT MOBILITY NELLA VERSIONE CONSOLIDATA DEL REGOLAMENTO N. 95/93. A) IL REGOLAMENTO N. 793 DEL RATIO DELL INTERVENTO LEGISLATIVO, P ) B) LE MODIFICHE APPORTATE DAL REGOLAMENTO N. 793 DEL 2004, P ) LA COMPRAVENDITA DI BANDE ORARIE E IL SECONDARY TRADING NELLA VERSIONE CONSOLIDATA DEL REGOLAMENTO N. 95/93, P ) LA MODIFICA DELLA COLLOCAZIONE ORARIA DEGLI SLOTS, P ) L ATTO DI CONFERMA DEL COORDINATORE, P ) LA CIRCOLAZIONE DI BANDE ORARIE E LA TUTELA DELLA CONCORRENZA: IL MECCANISMO DI SALVAGUARDIA DISCIPLINATO NELLA VERSIONE ORIGINARIA DEL REGOLAMENTO N. 95/93. IL PRINCIPIO DI COOPERAZIONE IN MATERIA DI BANDE ORARIE E LA RETE EUROPEA DI CONCORRENZA. L OSSERVATORIO PER LO STUDIO DELLA CAPACITÀ AEROPORTUALE IN EUROPA, P ) ALTRE FORME DI TRASFERIMENTO DI BANDE ORARIE. A) LA CESSIONE DI SLOTS COME MISURA CORRETTIVA DEGLI EFFETTI DISTORSIVI DELLA CONCORRENZA, P ) B) AFFITTO DI RAMO D AZIENDA. NOLEGGIO. LEASING, P ) C) TRASFERIMENTO MEDIANTE REDISTRIBUZIONE DI UNA PERCENTUALE DI GRANDFATHERED SLOTS NELLE PROPOSTE DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO N. 95/93 ELABORATE DALLA COMMISSIONE EUROPEA E NELLE IATA GUIDELINES, P ) LA CIRCOLAZIONE DELLE BANDE ORARIE NEL SISTEMA IATA, P ) LA SLOT MOBILITY NEL DIRITTO COMPARATO: L ESPERIENZA STATUNITENSE, P ) Segue. I CONTROLLI PUBBLICI RELATIVI ALLA BUY-SELL SLOT RULE, P ) NEW ENTRANTS E SLOT MOBILITY NEL REGOLAMENTO N. 95/93 E NELLA HIGH DENSITY RULE, P ) RIFLESSIONI DE IURE CONDENDO: LE ESPERIENZE STATUNITENSE E COMUNITARIA A CONFRONTO. LA COMMISSIONE EUROPEA COME LEGISLATORE INDIRETTO E LA RILEVANZA DELLA PRASSI NELLA CIRCOLAZIONE DELLE BANDE ORARIE NELL UNIONE EUROPEA, P ) GLI EFFETTI ANTICONCORRENZIALI DELLA BUY-SELL SLOT RULE. GLI INTERVENTI DEL GENERAL ACCOUNTING OFFICE (GAO) E DEL DEPARTMENT OF TRANSPORTATION (DOT), P ) CHE COSA L UNIONE EUROPEA PUÒ IMPARARE DALL ESPERIENZA STATUNITENSE? I POTENZIALI EFFETTI DI UN SECONDARY TRADING COMUNITARIO DELLE BANDE ORARIE, P. 389 PARTE QUARTA CAPITOLO I I RIMEDI DI CARATTERE AMMINISTRATIVO. 1) LA NORMATIVA COMUNITARIA, P ) LA NORMATIVA ITALIANA. LA GIURISPRUDENZA AMMINISTRATIVA E COSTITUZIONALE. GLI INTERVENTI DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO, P. 401 vii

8 3) Segue. I RECLAMI, P ) Segue. LA DISCIPLINA SANZIONATORIA INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO 4 OTTOBRE 2007, N. 172, P. 406 CAPITOLO II LA TUTELA GIURISDIZIONALE. 1) LA NORMATIVA ITALIANA E COMUNITARIA. LA GIURISPRUDENZA AMMINISTRATIVA. CENNI DI DIRITTO COMPARATO, P. 407 CAPITOLO III I CONTROLLI PUBBLICI DELLA COMMISSIONE EUROPEA E ILPRINCIPIO DI COOPERAZIONE. LA SLOT ALLOCATION E LA RETE EUROPEA DI CONCORRENZA. 1) LA NORMATIVA COMUNITARIA IN MATERIA DI BANDE ORARIE E I CONTROLLI PUBBLICI NELL ORDINAMENTO GIURIDICO GLOCALE, P ) IL CONTROLLO PUBBLICO COMUNITARIO SULLA SLOT ALLOCATION ESERCITATO DALLA COMMISSIONE EUROPEA. IL PRINCIPIO DI COOPERAZIONE E LA RETE EUROPEA DI CONCORRENZA, P ) IL DIVIETO DI COMPENSAZIONE EX ART. 8 TER, REGOLAMENTO N. 95/93 E LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO, P ) IL CONTROLLO DELLA COMMISSIONE EUROPEA SUGLI STATI MEMBRI IN MATERIA DI SLOT ALLOCATION, P. 424 CONCLUSIONI, P. 428 viii

INDICE. Capitolo I IL DIRITTO AERONAUTICO: PROFILI STORICI E CARATTERI (Rocco Lobianco) Capitolo II LE FONTI DEL DIRITTO AERONAUTICO

INDICE. Capitolo I IL DIRITTO AERONAUTICO: PROFILI STORICI E CARATTERI (Rocco Lobianco) Capitolo II LE FONTI DEL DIRITTO AERONAUTICO INDICE Introduzione (Prof. Alfredo Antonini)... XIII Capitolo I IL DIRITTO AERONAUTICO: PROFILI STORICI E CARATTERI 1. Profili storici.... 1 2. Caratteri... 2 Capitolo II LE FONTI DEL DIRITTO AERONAUTICO

Dettagli

INDICE GENERALE. Introduzione LA REGOLAZIONE DEI MERCATI DEL TRASPORTO: IL RUOLO DELLE ISTITUZIONI COMUNITARIE (di Stefano Zunarelli)

INDICE GENERALE. Introduzione LA REGOLAZIONE DEI MERCATI DEL TRASPORTO: IL RUOLO DELLE ISTITUZIONI COMUNITARIE (di Stefano Zunarelli) INDICE GENERALE Introduzione LA REGOLAZIONE DEI MERCATI DEL TRASPORTO: IL RUOLO DELLE ISTITUZIONI COMUNITARIE (di Stefano Zunarelli) 1. Premessa... pag. 1 2. Iniziale difficoltà nell applicazione dei principi

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA IL SERVIZIO DI TRASPORTO LA LIBERA PRESTAZIONE DI SERVIZI MARITTIMI (DONATELLA BOCCHESE)

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA IL SERVIZIO DI TRASPORTO LA LIBERA PRESTAZIONE DI SERVIZI MARITTIMI (DONATELLA BOCCHESE) PARTE PRIMA IL SERVIZIO DI TRASPORTO LA LIBERA PRESTAZIONE DI SERVIZI MARITTIMI (DONATELLA BOCCHESE) 1. L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO DELLA LIBERA PRESTAZIONE DI SERVIZI AI TRASPORTI MARITTIMI Regolamento

Dettagli

Articolo 12 - Fissazione dei prezzi Le Parti consentono ai vettori aerei di fissare liberamente i prezzi sulla base di una libera e equa concorrenza.

Articolo 12 - Fissazione dei prezzi Le Parti consentono ai vettori aerei di fissare liberamente i prezzi sulla base di una libera e equa concorrenza. DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO SULLO SPAZIO AEREO COMUNE TRA L UNIONE EUROPEA E I SUOI STATI MEMBRI, DA UN LATO, E LA GEORGIA, DALL ALTRO LATO, CON ALLEGATI, FATTO A BRUXELLES

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione della sesta edizione... Presentazione della seconda edizione... PREMESSA

INDICE SOMMARIO. Presentazione della sesta edizione... Presentazione della seconda edizione... PREMESSA Presentazione della sesta edizione... Presentazione della seconda edizione... pag. V VII PREMESSA 1. L assicurazione della responsabilità civile e il suo evolversi nel tempo... 1 2. Possibilità di una

Dettagli

Francesco Siracusa. La Corte Costituzionale si pronuncia in materia di assegnazione degli slot aeroportuali

Francesco Siracusa. La Corte Costituzionale si pronuncia in materia di assegnazione degli slot aeroportuali Anno Francesco Siracusa La Corte Costituzionale si pronuncia in materia di assegnazione degli slot aeroportuali Dipartimento di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente Università degli studi

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 234 del Registro degli Organismi di Mediazione Programma CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Direzione scientifica: Avv. Andrea Sirotti

Dettagli

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo.

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. INDICE SOMMARIO Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. V XVII Introduzione LA DISCIPLINA DEL MERCATO FINANZIARIO TRA RIFORME E CONTRORIFORME

Dettagli

CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO

CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO INDICE-SOMMARIO XI PREFAZIONE Capitolo Primo IL CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO 1 Presentazione 2 1.1. Diritto privato e diritto pubblico 5 1.2. Fonti del diritto privato 6 1.3. La Costituzione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima LO SCENARIO DEL DIRITTO DELLA CONCORRENZA CAPITOLO PRIMO L ESPERIENZA AMERICANA E QUELLA EUROPEA

INDICE SOMMARIO. Parte Prima LO SCENARIO DEL DIRITTO DELLA CONCORRENZA CAPITOLO PRIMO L ESPERIENZA AMERICANA E QUELLA EUROPEA Elenco delle principali abbreviazioni... Premessa... XIII XV Parte Prima LO SCENARIO DEL DIRITTO DELLA CONCORRENZA CAPITOLO PRIMO L ESPERIENZA AMERICANA E QUELLA EUROPEA Guida Bibliografica... 5 1. Introduzione...

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA INDICE-SOMMARIO Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA 1. - Nozione di ente pubblico. La concezione tradizionale e quella moderna. I criteri di individuazione dell ente pubblico... Pag. 1 2. - Principali

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I IL CONTRATTO DI TRASPORTO MARITTIMO DI PERSONE: INQUADRAMENTO GENERALE

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I IL CONTRATTO DI TRASPORTO MARITTIMO DI PERSONE: INQUADRAMENTO GENERALE INDICE-SOMMARIO Note degli Autori.................................... XVII CAPITOLO I IL CONTRATTO DI TRASPORTO MARITTIMO DI PERSONE: INQUADRAMENTO GENERALE Sezione I Il contratto di passaggio marittimo:

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte prima IL LEASING (Mariassunta Imbrenda)

INDICE-SOMMARIO. Parte prima IL LEASING (Mariassunta Imbrenda) INDICE-SOMMARIO Parte prima IL LEASING (Mariassunta Imbrenda) Capitolo I IL LEASING FRA DIRITTO POSITIVO E PRASSI NEGOZIALE 1. Evoluzione storica, struttura formale e sostrato tecnico-aziendale del leasing.

Dettagli

Il difficile percorso per la riforma del trasporto pubblico locale. Giovanna Pizzanelli

Il difficile percorso per la riforma del trasporto pubblico locale. Giovanna Pizzanelli Il difficile percorso per la riforma del trasporto pubblico locale Giovanna Pizzanelli Nel 1997 è stata avviata in Italia un tentativo di riforma del trasporto pubblico locale nell obiettivo di incrementarne

Dettagli

1 La scelta dei soggetti da sottoporre a verifica fiscale» 1 di Vito Caradonna

1 La scelta dei soggetti da sottoporre a verifica fiscale» 1 di Vito Caradonna Indice Prefazione di Giancarlo Pezzuto e Gianfranco Tomassoli pag. xiii 1 La scelta dei soggetti da sottoporre a verifica fiscale» 1 di Vito Caradonna 1.1 Premessa» 2 1.2 Profili giuridici e operativi»

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza. Facoltà di GIURISPRUDENZA DIRITTO TRIBUTARIO E CONSULENZA D IMPRESA. a.a. 2015-2016

Università degli Studi di Roma La Sapienza. Facoltà di GIURISPRUDENZA DIRITTO TRIBUTARIO E CONSULENZA D IMPRESA. a.a. 2015-2016 Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di GIURISPRUDENZA MASTER DI SECONDO LIVELLO IN DIRITTO TRIBUTARIO E CONSULENZA D IMPRESA a.a. 2015-2016 Direttore Prof. Pietro Boria Calendario didattico

Dettagli

Il trasporto pubblico locale secondo l art. 23 -bis

Il trasporto pubblico locale secondo l art. 23 -bis TRASPORTI 1 Il trasporto pubblico locale secondo l art. 23 -bis Si segnala l articolo intitolato Note sul trasporto pubblico locale alla luce delle recenti modifiche dell art. 23-bis, a cura di Alceste

Dettagli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli INDICE Premessa............................................. Introduzione al tema....................................... XIII XVII PARTE I SPORT E GIUSTIZIA I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile

Ente Nazionale per l'aviazione Civile Ente Nazionale per l'aviazione Civile CIRCOLARE SERIE SECURITY Data 7/10/2004 SEC-02 * Oggetto: Affidamento dei servizi di controllo di sicurezza esistenti nell ambito aeroportuale. Procedure operative

Dettagli

INDICE. Presentazione... Introduzione. La legge costituzionale n. 3 del 2001 all origine di una lunga serie di conflitti...

INDICE. Presentazione... Introduzione. La legge costituzionale n. 3 del 2001 all origine di una lunga serie di conflitti... INDICE Presentazione... Introduzione. La legge costituzionale n. 3 del 2001 all origine di una lunga serie di conflitti... VII XVII Parte Generale Capitolo I LA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3 DEL 2001: LINEE

Dettagli

Recensione. Giorgio Sacerdoti, General Interests Of Host States In International Investment Law, Cambridge, Cambridge University Press, 2014, pp.

Recensione. Giorgio Sacerdoti, General Interests Of Host States In International Investment Law, Cambridge, Cambridge University Press, 2014, pp. Recensione. Giorgio Sacerdoti, General Interests Of Host States In International Investment Law, Cambridge, Cambridge University Press, 2014, pp. 461 di Ruggiero Cafari Panico Il volume collettaneo curato

Dettagli

Indice. 1. Le fonti del diritto dei mercati e degli intermediari finanziari. 2. Regolamentazione e vigilanza. Prefazione, di Piergaetano Marchetti

Indice. 1. Le fonti del diritto dei mercati e degli intermediari finanziari. 2. Regolamentazione e vigilanza. Prefazione, di Piergaetano Marchetti Indice Prefazione, di Piergaetano Marchetti Introduzione XI XV 1. Le fonti del diritto dei mercati e degli intermediari finanziari di Paolo Sfameni 1 1.1. Introduzione. Le fonti 1 1.2. Le fonti comunitarie

Dettagli

su proposta del Ministro dei trasporti d'intesa con la Presidenza del Consiglio

su proposta del Ministro dei trasporti d'intesa con la Presidenza del Consiglio ALLEGATO IL CONSIGLIO DEI MINISTRI su proposta del Ministro dei trasporti d'intesa con la Presidenza del Consiglio e con Ministro dell economia e delle finanze Ministro dello sviluppo economico delibera

Dettagli

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione Avvocato Gianluca Lo Bianco Direttore Analisi Giuridiche e Contenzioso ENAC Il Reg. (CE) n. 261/2004 Il reg. (CE) n. 261/2004 dell 11 febbraio

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag.

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag. INDICE-SOMMARIO Indice sommario... pag. V Premessa alla prima edizione... pag. XIX Premessa alla seconda edizione... pag. XXIII CAPITOLO I IL MATRIMONIO 1. Cenni storici... pag. 1 2. Teorie sulla natura

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo

REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo L 80/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.3.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 255/2010 DELLA COMMISSIONE del 25 marzo 2010 recante norme comuni per la gestione dei flussi del traffico aereo (Testo rilevante

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I LE FONTI NORMATIVE DEL TRASPORTO MARITTIMO

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I LE FONTI NORMATIVE DEL TRASPORTO MARITTIMO CAPITOLO I LE FONTI NORMATIVE DEL TRASPORTO MARITTIMO 1. Individuazione del sistema delle fonti normative del trasporto marittimo di persone.... 2 2. La disciplina di diritto uniforme. Profili sistematici

Dettagli

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro 1 CAPITALE E PATRIMONIO 1.1 Il capitale sociale: nozione e caratteri 1.2 Funzione del capitale sociale 1.3 Capitale e patrimonio: classificazioni 1.4 Il nuovo concetto di capitale alla luce delle esperienze

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara DOTTORATO DI RICERCA IN DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA CICLO XXIV COORDINATORE Prof. Paolo Borghi La disciplina della ripartizione delle bande orarie slots allocations-nell

Dettagli

Capitolo I (Angela Del Vecchio) Analisi introduttiva ed evoluzione storica del fenomeno dell organizzazione

Capitolo I (Angela Del Vecchio) Analisi introduttiva ed evoluzione storica del fenomeno dell organizzazione Sommario Premessa 11 Elenco degli acronimi 15 Capitolo I (Angela Del Vecchio) Analisi introduttiva ed evoluzione storica del fenomeno dell organizzazione internazionale 1. Nozione e sviluppo storico delle

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima I SERVIZI TURISTICI. Capitolo I CONTRATTI DI VIAGGIO: IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

INDICE SOMMARIO. Parte Prima I SERVIZI TURISTICI. Capitolo I CONTRATTI DI VIAGGIO: IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Parte Prima I SERVIZI TURISTICI Capitolo I CONTRATTI DI VIAGGIO: IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO 1. Il viaggio e le sue trasformazioni: da semplice trasporto di persone ad attività turistica. Il viaggio

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste... TITOLO VIII DELL AZIENDA. Capo I DISPOSIZIONI GENERALI

INDICE SOMMARIO. Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste... TITOLO VIII DELL AZIENDA. Capo I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE SOMMARIO Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste.... VII XI XXIII TITOLO VIII DELL AZIENDA Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2555. Nozione... 1 1. La nozione di azienda

Dettagli

Prefazione... 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3

Prefazione... 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3 INDICE Prefazione... XVII I LA VENDITA 1 La vendita... 3 1.1 Introduzione al contratto di vendita... 3 2 Obbligazioni del compratore... 7 2.1 Il prezzo: aspetti generali e modalità di adempimento... 7

Dettagli

CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI

CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI INDICE - SOMMARIO Presentazione di PIETRO PERLINGIERI 3 CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI Gli status personae e familiae nella giurisprudenza delle

Dettagli

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE L art. 35 co. 8 della L. 248/2006, nella sua versione

Dettagli

IL CONTRATTO DI FRANCHISING

IL CONTRATTO DI FRANCHISING ANNA DASSI IL CONTRATTO DI FRANCHISING CEDAM CASA EDITRICE DOTT. ANTONIO MILANI 2006 INDICE SOMMARIO Introduzione Pag. IX Capitolo I IL FRANCHISING COME FENOMENO COMMERCIALE 1. II contratto di franchising

Dettagli

Certificazione energetica, legge di stabilità,destinazione Italia, mille proroghe

Certificazione energetica, legge di stabilità,destinazione Italia, mille proroghe DECRETO DESTINAZIONE ITALIA, LEGGE DI STABILITÀ, DECRETO MILLEPROROGHE E CERTIFICAZIONE ENERGETICA Il comma 139 dell art. unico della legge 27 dicembre 2013, n. 147 - Disposizioni per la formazione del

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) L 83/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 659/1999 DEL CONSIGLIO del 22 marzo 1999 recante modalità di applicazione dell articolo 93 del trattato

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo I L AVVALIMENTO NELLE DIRETTIVE E NELLA GIURISPRUDENZA COMUNITARIA. PREMESSA

INDICE SOMMARIO. Capitolo I L AVVALIMENTO NELLE DIRETTIVE E NELLA GIURISPRUDENZA COMUNITARIA. PREMESSA INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIII Capitolo I L AVVALIMENTO NELLE DIRETTIVE E NELLA GIURISPRUDENZA COMUNITARIA. PREMESSA 1.1. L avvalimento nella direttiva servizi 92/50/CEE...

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE

IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE SOMMARIO Prefazione di Umberto Scotti... I collaboratori... V XVII PARTE PRIMA IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE CAPITOLO 1 KNOW-HOW E SEGRETO NELL EVOLUZIONE DELLE FONTI di ALBERTO CAMUSSO 1. Introduzione...

Dettagli

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione

Indice sistematico. Parte I Il contratto di leasing. Introduzione Introduzione Parte I Il contratto di leasing 1 Premessa... 15 2 Il leasing nelle sue diverse forme... 16 3 Il leasing operativo e le sue principali caratteristiche... 17 4 Limiti soggettivi per le società

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CREAZIONE E PARTECIPAZIONE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE AGLI SPIN-OFF ACCADEMICI

REGOLAMENTO SULLA CREAZIONE E PARTECIPAZIONE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE AGLI SPIN-OFF ACCADEMICI REGOLAMENTO SULLA CREAZIONE E PARTECIPAZIONE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE AGLI SPIN-OFF ACCADEMICI ART. 1 Spin-off accademici. Definizione e scopi 1. L Università degli Studi del Molise (di seguito

Dettagli

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY Delibera C.d.A. n. 26 del 28 giugno 2012 1 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

I nuovi principi contabili nazionali. Composizione e schemi di bilancio Rendiconto finanziario Conti d ordine Prof.

I nuovi principi contabili nazionali. Composizione e schemi di bilancio Rendiconto finanziario Conti d ordine Prof. I nuovi principi contabili nazionali Composizione e schemi di bilancio Rendiconto finanziario Conti d ordine Prof. Maurizio Comoli Agenda OIC 12 - Composizione e schemi del bilancio di esercizio OIC 10

Dettagli

ESPERIENZE PROFESSIONALI

ESPERIENZE PROFESSIONALI CURRICULUM VITAE DI CRISTINA POZZI DATI PERSONALI Nome e Cognome CRISTINA POZZI Partita Iva: 02267720346 TEL. 0039.3451578126 E-MAIL: avvpozzi@legalmail.it; pozzic@hotmail.com. ISTRUZIONE Diploma di Liceo

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni ORDINAMENTO CIVILE La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Provincia Autonoma di Bolzano Legge della Provincia autonoma di Bolzano 21 giugno 2011, n. 4, recante Misure di contenimento

Dettagli

INDICE. Art. 633 (Condizione sospensiva o risolutiva)

INDICE. Art. 633 (Condizione sospensiva o risolutiva) INDICE Art. 633 (Condizione sospensiva o risolutiva) 1. La condizione nel testamento: profili generali... 3 2. La condizione e il modus.... 7 3. Condizione sospensiva e risolutiva... 13 4. Incertezza e

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE Presentazione.................................. XIII Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE CAPITOLO I L INQUADRAMENTO DELLA TUTELA CAUTELARE NELL AMBITO DEI GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE

Dettagli

proposta di legge n. 302

proposta di legge n. 302 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 302 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 17 febbraio 2009 NORME IN MATERIA DI TUTELA DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (669) REGIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Introduzione... Pag. VII

INDICE-SOMMARIO. Introduzione... Pag. VII IX INDICE-SOMMARIO Introduzione... Pag. VII Capitolo Primo IL SISTEMA DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO DELLE S.P.A. (hanno collaborato Giusy Staropoli, Eleonora Bianchi, avvocati) 1. L amministrazione della

Dettagli

TRASPORTO AEREO E TUTELA DEI PASSEGGERI CONFERENZA SITA LIBERALIZZAZIONE E CRISI DEL MERCATO

TRASPORTO AEREO E TUTELA DEI PASSEGGERI CONFERENZA SITA LIBERALIZZAZIONE E CRISI DEL MERCATO TRASPORTO AEREO E TUTELA DEI PASSEGGERI CONFERENZA SITA LIBERALIZZAZIONE E CRISI DEL MERCATO Roma, 18 novembre 2010 Norme di riferimento Regolamento (CE) n. 889/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE LA RETE NELLE SCIENZE SOCIALI E NEL DIRITTO

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE LA RETE NELLE SCIENZE SOCIALI E NEL DIRITTO INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE LA RETE NELLE SCIENZE SOCIALI E NEL DIRITTO 1. Origine, evoluzioni e classificazioni del concetto di rete nelle scienze sociali... pag. 1 2. Una classificazione utile per il

Dettagli

INDICE. Abbreviazioni... Art. 2107 (Orario di lavoro) Art. 2108 (Lavoro straordinario e notturno) Art. 2109 (Periodo di riposo)

INDICE. Abbreviazioni... Art. 2107 (Orario di lavoro) Art. 2108 (Lavoro straordinario e notturno) Art. 2109 (Periodo di riposo) INDICE Abbreviazioni...................................... XXIII Art. 2107 (Orario di lavoro) Art. 2108 (Lavoro straordinario e notturno) Art. 2109 (Periodo di riposo) CAPITOLO I: EVOLUZIONE DELLA DISCIPLINA

Dettagli

GLI ANTECEDENTI DELLA RIFORMA

GLI ANTECEDENTI DELLA RIFORMA SOMMARIO CAPITOLO 1 GLI ANTECEDENTI DELLA RIFORMA 1. Il giudizio in contumacia dalla codificazione postunitaria al codice del 1988... 1 2. Le sentenze della Corte EDU e le loro ricadute sul versante interno:

Dettagli

EVOLUZIONI DELLA LEGISLAZIONE BANCARIA

EVOLUZIONI DELLA LEGISLAZIONE BANCARIA INDICE SOMMARIO Capitolo I EVOLUZIONI DELLA LEGISLAZIONE BANCARIA I.1. Le origini: dalle suggestioni filo-germaniche alla legislazione del 1926......................... 1 I.2. Le crisi bancarie degli anni

Dettagli

ALL. 2 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

ALL. 2 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA ALL. 2 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Direttiva in materia di annullamento d ufficio di provvedimenti illegittimi, ai sensi dell articolo 1, comma 136, della

Dettagli

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO

TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO TRATTATO DELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO Tomo II La normativa processuale A cura di Michele Angelo Lupoi Indice Capitolo I Separazione e divorzio: quale modello procedimentale? di Michele Angelo Lupoi 1.

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

CURRICULUM ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA. Francesca Salerno

CURRICULUM ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA. Francesca Salerno CURRICULUM ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA Francesca Salerno Professore associato a tempo pieno presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Napoli Parthenope - Settore scientifico

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME INDICE SOMMARIO DEL VOLUME Indice per articoli... pag. VII Indice bibliografico...» XIII LILIANA ROSSI CARLEO INTRODUZIONE...» 1 TITOLO VI. DEL MATRIMONIO CAPO V. DELLO SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO E DELLA

Dettagli

INDICE SOMMARIO 1. LA RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE

INDICE SOMMARIO 1. LA RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE INDICE SOMMARIO Prefazione alla ottava edizione............................. Prefazione alla prima edizione............................. pag. VII IX 1. LA RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE 1. Nozione......................................

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 3.8.2009 COM(2009) 412 definitivo 2009/0115 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la conclusione dell'accordo tra la Comunità europea

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Marco FRATINI DIRITTO CIVILE Volume primo II edizione Aggiornato a: - Divieto del patto commissorio nella più recente giurisprudenza: Cass. civ., Sez.

Dettagli

IL RUOLO DELLE DIREZIONI AEROPORTUALI DALL ATTIVITA DI VIGILANZA E DI COORDINAMENTO ALL ATTIVITA SANZIONATORIA: ASPETTI EVOLUTIVI

IL RUOLO DELLE DIREZIONI AEROPORTUALI DALL ATTIVITA DI VIGILANZA E DI COORDINAMENTO ALL ATTIVITA SANZIONATORIA: ASPETTI EVOLUTIVI Roma 15 Dicembre 2014 Dott.ssa Monica Piccirillo IL RUOLO DELLE DIREZIONI AEROPORTUALI DALL ATTIVITA DI VIGILANZA E DI COORDINAMENTO ALL ATTIVITA SANZIONATORIA: ASPETTI EVOLUTIVI Le Direzioni Aeroportuali,

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA L ATTIVITÀ DI LOCAZIONE FINANZIARIA CAPITOLO 1 I SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE FINANZIARIO

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA L ATTIVITÀ DI LOCAZIONE FINANZIARIA CAPITOLO 1 I SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE FINANZIARIO Presentazione del Prof. Vincenzo Buonocore... VII Prefazione.... XXI Introduzione... 1 PARTE PRIMA L ATTIVITÀ DI LOCAZIONE FINANZIARIA CAPITOLO 1 I SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE FINANZIARIO 1.1. Il d.lgs.

Dettagli

I N D I C E S O M M A R I O

I N D I C E S O M M A R I O I N D I C E S O M M A R I O Abbreviazioni... pag. XV CAPITOLO PRIMO PROFILI INTRODUTTIVI 1. Un nuovo modello istituzionale di giustizia penale: i tribunali penali misti... pag. 1 2. Le ragioni di ordine

Dettagli

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti.

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Titolo I Disposizioni generali Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI IMPRESE SPIN OFF

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI IMPRESE SPIN OFF REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI IMPRESE SPIN OFF 1. Principi generali 2. Definizione di impresa Spin Off 3. Commissione Spin Off 4. Procedura di costituzione degli Spin Off 5. Soggetti proponenti e

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO

IL CONCORDATO PREVENTIVO GIOVANNI LO CASCIO IL CONCORDATO PREVENTIVO SESTA EDIZIONE V \ MILANO - DOTT. A. GIUFFRfe EDITORE - 2007 INDICE Prefazione. CAPITOLO I IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO 1. Evoluzione del sistema normativo

Dettagli

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N.

ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. ASSEPRIM DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTUAZIONE DEL D.LGS. 13 AGOSTO 2011, N. 141 Parte I SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE FINANZIARIO Presentazione di Ernesto Ghidinelli Milano,

Dettagli

CURRICULUM VITAE - CLAUDIO VIVANI

CURRICULUM VITAE - CLAUDIO VIVANI CURRICULUM VITAE - CLAUDIO VIVANI Laureato in Giurisprudenza presso l Università di Torino, con tesi in materia di diritto europeo dell ambiente, con votazione di 110/100, lode e dignità di stampa. Dottore

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO II I PRESUPPOSTI PROCESSUALI E LA FASE PRESIDENZIALE. Sezione I Giurisdizione e competenza

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO II I PRESUPPOSTI PROCESSUALI E LA FASE PRESIDENZIALE. Sezione I Giurisdizione e competenza CAPITOLO I SEPARAZIONE E DIVORZIO: UN MODELLO PROCESSUALE UNITARIO 1. Premessa. Le ragioni di una scelta....................... 1 2. Matrimonio, separazione, divorzio: il legame tra società e diritto,

Dettagli

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI Iscritta nel registro Prefettizio del Governo al n. 166 codice fiscale: 91102990404 La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

Dettagli

Capitolo I Generalità

Capitolo I Generalità Prefazione................................. VII Capitolo I Generalità 1. Principi generali sul regime patrimoniale fra coniugi.......... 1 1.1. Introduzione......................... 1 1.2. Le convenzioni

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MATERIA DIRITTO CLASSE 3 INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: STATO E ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI VALUTARE FATTI E ORIENTARE I PROPRI COMPORTAMENTI IN BASE AD UN SISTEMA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE ED AMBIENTALE LA CAPACITÀ AEROPORTUALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE ED AMBIENTALE LA CAPACITÀ AEROPORTUALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE ED AMBIENTALE TESI DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE LA CAPACITÀ AEROPORTUALE VALUTAZIONE, GESTIONE ed OTTIMIZZAZIONE Relatore:

Dettagli

INDICE CORSI PER MEDIATORI corso base 50 ore; corso aggiornamento generico 18 ore; corso aggiornamento specialistico sulle tecniche di redazione del

INDICE CORSI PER MEDIATORI corso base 50 ore; corso aggiornamento generico 18 ore; corso aggiornamento specialistico sulle tecniche di redazione del INDICE CORSI PER MEDIATORI corso base 50 ore; corso aggiornamento generico 18 ore; corso aggiornamento specialistico sulle tecniche di redazione del verbale procedurale; corso aggiornamento specialistico

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 13, 14, 27 e 28 MAGGIO 2011 FINANZA PUBBLICA FINANZA PUBBLICA E PROGRAMMAZIONE Il leasing pubblico Michelangelo Nigro mnigro@liuc.it 1 L

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2007 OGGETTO: Istanza di Interpello. Atto di rinunzia abdicativa. art. 13 della legge n. 383 del 2001 come modificato dall

Dettagli

PARTE I: L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DELLE FORME DI PREVIDENZA VOLONTARIA

PARTE I: L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DELLE FORME DI PREVIDENZA VOLONTARIA Art 2123 (Forme di previdenza) PARTE I: L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DELLE FORME DI PREVIDENZA VOLONTARIA CAPITOLO I: LA PREVIDENZA VOLONTARIA NEL SISTEMA ITALIANO E COMUNITARIO DI SICUREZZA SOCIALE (Maurizio

Dettagli

AFFIDAMENTO AEROPORTI DEMANIALI PER L AVIAZIONE GENERALE

AFFIDAMENTO AEROPORTI DEMANIALI PER L AVIAZIONE GENERALE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO AEROPORTI DEMANIALI PER L AVIAZIONE GENERALE Affidamento aeroporti demaniali per l aviazione generale Ed. 1 pag. 2 di 15 STATO DI AGGIORNAMENTO Edizione/Emendamento Data Delibera

Dettagli

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 Approvato il 25.06.2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

Abolizione della tassa sui contratti di borsa

Abolizione della tassa sui contratti di borsa IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 1 DEL 16 GENNAIO 2008 Abolizione della tassa sui contratti di borsa PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 (art. 37) Circolare 28 dicembre 2007,

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 238, comma 7 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Dettagli

RIFLESSIONI SULLA SLOT ALLOCATION

RIFLESSIONI SULLA SLOT ALLOCATION 1 MASSIMO DEIANA RIFLESSIONI SULLA SLOT ALLOCATION 1. Introduzione - 2. Nozione 3. Qualificazione 4. Considerazioni sulle problematiche gestorie (allocazione e circolazione) 5. La funzione degli slot nel

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO Elenco delle principali abbreviazioni... XXIII CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO Guida bibliografica... 3 Profili generali................ 7 1.1. Le questioni da affrontare..........

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I I MUTAMENTI DELLA FAMIGLIA E L OBBLIGO DI MANTENIMENTO DEL CONIUGE E DEI FIGLI

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I I MUTAMENTI DELLA FAMIGLIA E L OBBLIGO DI MANTENIMENTO DEL CONIUGE E DEI FIGLI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. VII Introduzione...» XI In memoria del compianto Bruno Schettini...» XIV Prefazione: Primo commento alle modifiche apportate dalla legge n. 219 del 10

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI

DISPOSIZIONI GENERALI SOMMARIO Capitolo Primo DISPOSIZIONI GENERALI 1 1.1. L ambito di applicazione della legge 1 1.2. Il quadro generale dei diritti 8 1.3. Diritti espressamente garantiti dalla Costituzione agli stranieri

Dettagli

DISCIPLINA DELL AZIENDA

DISCIPLINA DELL AZIENDA Prefazione alla seconda edizione....................... VII Prefazione alla prima edizione........................ IX Avvertenze................................ XIII PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL AZIENDA

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Indice. Prefazione, di Piergaetano Marchetti. Introduzione

Indice. Prefazione, di Piergaetano Marchetti. Introduzione Prefazione, di Piergaetano Marchetti Introduzione XI XV 1. Le fonti del diritto dei mercati e degli intermediari Ànanziari, di Paolo Sfameni 1 1.1. Introduzione 1 1.1.1. Le fonti comunitarie 3 1.1.2. L

Dettagli

Parte Prima L IMPRESA, IL MERCATO E LA FUNZIONE PUBBLICITARIA

Parte Prima L IMPRESA, IL MERCATO E LA FUNZIONE PUBBLICITARIA INDICE SOMMARIO GLI AUTORI... PREFAZIONE Antonio Catricalà... XIII XVII Parte Prima L IMPRESA, IL MERCATO E LA FUNZIONE PUBBLICITARIA Capitolo Primo IL MERCATO, LE IMPRESE E LA FUNZIONE DELLA PUBBLICITÀ

Dettagli

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL DIRITTO INTERNAZIONALE Quarta edizione G. Giappichelli Editore Torino Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione Premessa alla terza edizione Premessa alla seconda

Dettagli