Valutare e certificare le competenze in prospettiva socioculturale: il modello i care

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutare e certificare le competenze in prospettiva socioculturale: il modello i care"

Transcript

1 Valutare e certificare le competenze in prospettiva socioculturale: il modello i care competence Validation in a sociocultural perspective: the i care model evaluarea și certificarea competențelor din perspectivă socioculturală: modelul i care Cristina Belardi EDITRICE

2 Questa pubblicazione è stata realizzata da EDITRICE by per maggiori informazioni visita il sito oppure contattaci

3 Valutare e certificare le competenze in prospettiva socioculturale: il modello i care competence Validation in a sociocultural perspective: the i care model evaluarea și certificarea competențelor din perspectivă socioculturală: modelul i care Cristina Belardi EDITRICE

4 DELL EDITORE ISBN Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute. This project has been funded with support from the European Commission. This publication reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein. Acest proiect este finanțat cu sprijinul Comisiei Europene. Autorul este singurul responsabil de această publicație iar Comisia declină orice responsabilitate în ceea ce privește folosirea informațiilor conținute aici.

5 progetto i care i care project proiectul i care 3

6

7 partner del progetto i care promotore e coordinatore: Associazione TECLA partner scientifici: - DPPSS (Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione) SAPIENZA, UNIVERSITà DI ROMA - COFORA - IOE Londra partner di sperimentazione: - Agenzia per l impiego della Contea di Bistrita-Nasaud. - Provincia di Brescia - Provincia di Campobasso - Provincia di Pisa supervisione scientifica del progetto i care : - Anna Maria Ajello, DPPSS Sapienza Università di Roma l autrice cristina Belardi, dottore di ricerca e professore a contratto, collabora con il Dipartimento dei Processi di Sviluppo e Socializzazione dell Università Sapienza di Roma e con altre organizzazioni sulle tematiche della valutazione e certificazione delle competenze. Coordina il gruppo di lavoro sulla Valutazione delle competenze informali per l Associazione Italiana di Valutazione. Tra le pubblicazioni sul tema delle competenze ricordiamo: Valutare le competenze informali. Il portfolio digitale, con A. M. Ajello, Carocci, Roma, 2007; Making non-formal and informal learning visible through digital portfolios, con Ajello A. M., in Trading Up: Potential and Performance in non-formal learning, Lynne Chisholm e Bryony Hoskins (a cura di), Council of Europe Publishing, Strasbourg, ringraziamenti Il progetto I CARE e, quindi, questo testo non sarebbero stati possibili senza il lavoro di numerose persone che ringrazio affettuosamente: Anna Maria Ajello, Alessandra Butera, Pietro Cataldo, Federica D Armini, Doriana Lepore, Francesca Menozzi, Sara Perrone, Maurizio Semplice, Daniela Zvinca, i colleghi dei Centri per l Impiego di Brescia, Campobasso, Pisa e Termoli e dell Agenzia per l impiego della Contea di Bistrita- Nasaud in Romania, e le traduttrici Ioana Haja ed Eleonora Esposito. Ringrazio, infine, David Guile, Natasha Kersh, Elisabetta Perulli e Rigo van Raai, per i preziosi suggerimenti metodologici. Progetto I CARE

8 i care partnership coordinator: TECLA Association scientific partners: - DPPSS (Department of Development and Socialization Processes) of the University of Rome Sapienza - COFORA - IOE London territorial partners: - Employment Agency in the County of Bistrita-Nasaud - Romania - Province of Brescia - Province of Campobasso - Province of Pisa scientific supervision of i care project: - Anna Maria Ajello, University of Rome Sapienza - DPPSS the author Cristina Belardi is PhD and lecturer. Since 2001 she has been doing research and project management both at University of Rome Sapienza and in other organizations. Informal learning processes and portfolio as a tool for authentic assessment are among her major interests. She is the coordinator of the 'Evaluation of informal competences' working group for the Italian Evaluation Association. Her work on the issue of competence has resulted in publications such as Valutare le competenze informali. Il portfolio digitale (Ajello A.M. & Belardi C., Roma:Carocci, 2007), and Making non-formal and informal learning visible through digital portfolios, (Ajello A.M. & Belardi, in Trading Up: Potential and Performance in non-formal learning, edited by Chisholm L. & Hoskins B., Council of Europe Publishing, Strasbourg, 2005). acknowledgements I CARE project and this publication would not have been possible without the help of many people, I warmly thank you: Anna Maria Ajello, Alessandra Butera, Pietro Cataldo, Federica D'Armini, Doriana Lepore, Francesca Menozzi, Sara Perrone, Maurizio Semplice, Daniela Zvinca, the colleagues from the Employment Centres of Brescia, Campobasso, Termoli and Pisa, the Employment Agency of the County of Bistrita-Nasaud in Romania and the translators Ioana Haja and Eleonora Esposito. A special thanks to David Guile, Natasha Kersh, Elisabetta Perulli and Rigo van Raai for the invaluable methodological suggestions. Project I CARE

9 partenerii proiectul i care promotor și coordonator: Asociația TECLA parteneri științifici: - DPPSS SAPIENZA, UNIVERSITATEA DIN ROMA - COFORA - IOE Londra parteneri de experiment: - Agenția Județeană pentru Ocuparea Forței de Muncă din Bistrița- Năsăud. - Provincia Pisa - Provincia Brescia - Provincia Campobasso supravegherea științifică a proiectului i care : - Anna Maria Ajello, DPPSS Sapienza Universitatea din Roma autoarea Cristina Belardi, doctorand în cercetare și profesor cu contract, colaborează cu Departamentul pentru procese de Dezvoltare și Socializare a Universității Sapienza din Roma și cu alte organisme în ceea ce privește evaluarea și certificarea competențelor. Coordonează grupul de lucru pentru Evaluarea competențelor informale pentru Asociația Italiană de Evaluare. Printre publicațiile despre tema competențelor amintim: Evaluarea competențelor informale. Portofoliul digital, cu A. M. Ajello, Carocci, Roma, 2007; Evidențierea învățării non-formale și informale prin intermediul portofoliilor digitale, cu Anna Maria Ajello, în A face schimb: Potențial și performanță în învățarea non-formală, Lynne Chisholm și Bryony Hoskins (îngrijită de) Council of Europe Publishing, Strasbourg, mulțumiri Proiectul I CARE și, prin urmare, textul acestei cărți, nu ar fi fost posibile fără munca a numeroase persoane cărora le mulțumesc călduros: Anna Maria Ajello, Alessandra Butera, Pietro Cataldo, Federica D Armini, Doriana Lepore, Francesca Menozzi, Sara Perrone, Maurizio Semplice, Daniela Zvinca, colegii din Centrele pentru Ocupare din Provinciile Brescia, Campobasso, Pisa și Termoli și din Agenția pentru Ocuparea Forței de Muncă din județul Bistrița- Năsăud din România și traducătoarele Ioana Haja și Eleonora Esposito. Mulțumesc în cele din urmă lui David Guile, Natasha Kersh, Elisabetta Perulli și Rigo van Raai, pentru valoroasele lor sugestii metodologice. Proiectul I CARE

10

11 INFORMAL COMPETENCES ASSESSMENT AND RECOGNITION FOR EMPLOYMENT

12

13 indice Prefazione pag. 13 Introduzione Apprendimento e valutazione in psicologia culturale Gli standard delle competenze dell Assistente Familiare Il modello I CARE di validazione e certificazione Fasi in cui si articola il modello I CARE 4.1 Fase 0: accoglienza e informazione Fase 1: apertura del dossier di validazione Fase 2: identificazione delle competenze Fase 3: accertamento e valutazione Fase 4: attestazione e certificazione Note Bibliografia Valutare e certificare le competenze in prospettiva socioculturale: il modello I CARE 11

14

15 prefazione a cura di andrea Pieroni Presidente associazione tecla, Presidente Provincia di Pisa Il progetto I CARE che l Associazione TECLA ha promosso, coordinando un ampio e rilevante partenariato italiano ed europeo, risponde ad una esigenza di rinnovamento del sistema dei servizi per il lavoro, sempre più avvertita a livello europeo e dei singoli Stati e a cui in Italia, le Province, in quanto livello territoriale più prossimo ai cittadini e deputato all erogazione dei servizi per l impiego, dell orientamento e del collocamento, devono far fronte. È evidente, oggi più che mai, in un mercato del lavoro globalizzato, condizionato da una forte crisi economica europea, che per rendere più efficiente il nostro mercato del lavoro bisogna rafforzare il sistema dei servizi, specializzandoli e diversificandoli così da rispondere alle esigenze di orientamento, riqualificazione e ricollocamento. È necessario porre al centro del lavoro l individuo, con tutto il suo bagaglio di conoscenze, esperienze e attitudini. Il consolidarsi, nei moderni sistemi per il lavoro, del concetto di competenza per la definizione compiuta di un attività lavorativa, che focalizza l attenzione sui processi piuttosto che sui profili, ha come logica conseguenza che non tutti gli skills posseduti da un soggetto siano risultato di esperienze di apprendimento formale. Al contrario, la competenza è spesso risultato di occasioni di apprendimento contestuale e situazionale per cui, oltre alla dimensione di tipo cognitivo, legata alle conoscenze, assume rilevanza anche la dimensione di tipo esperienziale, legata alla pratica. A questo orientamento europeo e alla necessità di garantire un riconoscimento delle competenze comunque acquisite da parte dei lavoratori, anche al fine di favorirne la mobilità, gli Stati membri hanno risposto con tempi e modalità molto differenti. Tanto c è ancora da fare e in Italia, ad oggi, manca un quadro ed un repertorio nazionale delle competenze e delle qualifiche e si evidenzia una grande disomogeneità tra i sistemi regionali. Tuttavia, proprio in questi ultimi mesi, importanti passi in avanti sono stati compiuti a livello nazionale sul tema della certificazione delle competenze, inserito nella riforma dei Servizi per l impiego promulgata lo scorso giugno che introduce il tema della certificazione delle competenze informali e non formali che, in prospettiva, dovranno rientrare a pieno titolo nel patrimonio del lavoratore. I CARE ha inteso porsi, nella logica e finalità dei progetti di Trasferimento di Innovazione, promossi dal Programma di Apprendimento Valutare e certificare le competenze in prospettiva socioculturale: il modello I CARE 13

16 Permanente, quale leva per l implementazione e diffusione, in un ambito ben definito quale è quello dei servizi pubblici al lavoro, della metodologia già sperimentata del portfolio elettronico, strumento efficace per mettere in trasparenza in particolare le competenze informali di un soggetto, ricostruendone la storia professionale. L attualità del progetto I CARE non si esaurisce nel trasferimento e nel tentativo di mettere a sistema, all interno di vari contesti territoriali italiani e rumeni, un metodo e uno strumento per agevolare la messa in trasparenza delle competenze e promuovere un modello di valutazione e certificazione delle stesse. L attualità del progetto risiede anche nell attenzione posta ai mestieri di cura, quale ambito prioritario su cui lavorare nel trasferimento del modello proposto. I mestieri di cura e l assistenza familiare rappresentano infatti un segmento particolarmente rilevante nelle nostre società; figure professionali molto richieste dal mercato del lavoro, ricoperte spesso da soggetti che hanno acquisito competenze specifiche grazie alle esperienze pregresse e rispetto alle quali è tuttavia essenziale poter garantire livelli chiari di riconoscimento delle competenze possedute. Anche rispetto a questo aspetto si registra, a livello nazionale, una grande attenzione nel promuovere interventi mirati di inclusione sociale e recentemente sono state varate importanti misure contenute nel Piano di Azione e Coesione promosso nel 2011 tese a migliorare i servizi socio-assistenziali esistenti e a crearne di nuovi, puntando proprio sulla formazione dei soggetti ad essi preposti. Un ultimo aspetto che mi preme sottolineare è la cooperazione che ha caratterizzato lo sviluppo di I CARE tra partner scientifici provenienti da diversi contesti europei che hanno potuto condividere una metodologia comune, basata sulla ricerca e le esperienze maturate e tra questi e i territori su cui il modello I CARE ha trovato diffusione. Allo stesso tempo, proprio al fine di rendere strutturale quanto sviluppato, il progetto ha costantemente ricercato il coinvolgimento attivo delle Regioni di riferimento così da tenere in considerazione le specificità e il livello di attuazione dei repertori di qualifiche a livello regionale. Ancora una volta questa significativa esperienza ha fatto emergere con chiarezza l importanza di fare sistema, a tutti i livelli, all interno di una cornice già delineata a livello europeo, così da garantire quel salto di qualità necessario per trasformare interventi progettuali quali I CARE in strumenti e servizi per favorire l occupabilità e, in un ottica di apprendimento permanente, il sostegno alla costruzione, da parte delle persone, dei propri percorsi di apprendimento formale, non formale ed informale. 14 Valutare e certificare le competenze in prospettiva socioculturale: il modello I CARE

17 introduzione Nel libro viene presentato il modello di valutazione e certificazione delle competenze sviluppato nell ambito del progetto I CARE : promosso dall Associazione TECLA e finanziato dal Programma Life Long Learning Leonardo da Vinci, I CARE ha coinvolto organismi scientifici italiani, inglesi e olandesi (rispettivamente, l Università di Roma Sapienza, l Institute of Education di Londra e Cofora dei Paesi Bassi), territori partner in Italia e Romania quali le Province di Brescia, Campobasso e Pisa e l Agenzia per l Impiego della Contea di Bistrita-Nasaud. Il progetto, della durata di due anni, è stato finalizzato a promuovere il trasferimento di procedure di riconoscimento e validazione delle competenze informali e di messa in trasparenza delle qualifiche con particolare riferimento ai white jobs ovvero ai mestieri di cura (baby sitter, badanti, accompagnatori a diversamente abili, ecc.). In Italia e in Romania, infatti, in un mercato del lavoro particolarmente selettivo e in un contesto caratterizzato da un invecchiamento progressivo della popolazione, il problema posto dalla necessità di disporre di una offerta qualificata e competente è aggravato da una mancanza di adeguatezza ed efficacia dei sistemi di qualificazione, dalla difficoltà a creare le condizioni per far emergere dal mercato nero la manodopera attiva in ambiti professionali specifici come quelli dedicati alla cura delle persone e dalla necessità di un offerta formativa e dispositivi di riconoscimento specifici per i lavoratori di tale settore i quali, spesso scarsamente qualificati, acquisiscono sul lavoro competenze significative che tendono a restare tacite perché le procedure vigenti di certificazione non ne consentono riconoscimento e valorizzazione. Nello specifico, I CARE ha promosso in primo luogo il trasferimento e l adeguamento agli operatori dei CPI delle Province partner dei risultati del progetto TIPEIL, ovvero della metodologia del portfolio elettronico che consente di rendere visibili le competenze formali ed in particolare informali mediante l inserimento di prove di tipo diverso (testi, foto, riprese video), che possono mostrare il complesso di competenze di cui un soggetto è titolare, evidenziando la ricchezza di esperienze e capacità acquisite nei diversi contesti della vita. In secondo luogo I CARE ha favorito lo sviluppo di tale metodologia in un Modello di valutazione e di certificazione delle competenze - relative in particolare al mestiere di cura dell Assistente familiare- integrandola con gli strumenti e metodi attualmente adottati presso i CPI italiani e rumeni, e facendo riferimento ai sistemi classificatori regionali e nazionali presenti nei due paesi e all EQF. Valutare e certificare le competenze in prospettiva socioculturale: il modello I CARE 15

18 I membri del Comitato di Indirizzo del progetto hanno concordato di sviluppare gli standard di competenze dell Assistente familiare, necessari a realizzare il percorso di valutazione e di certificazione, in quanto si tratta di una figura professionale fortemente richiesta dal mercato del lavoro, ma che non è stata ancora normata da tutte le Regionali italiane; infatti tale professione viene realizzata spesso da persone che fanno leva sulle competenze che hanno acquisito in contesti informali di apprendimento, in particolare durante la realizzazione di attività di assistenza ad anziani, a malati e/ a disabili, senza avere acquisito conoscenze e competenze formali mediante la frequenza di uno specifico corso di formazione. Il modello di valutazione e certificazione sviluppato durante il progetto però può essere adottato dalle regioni e province italiane, e dalle contee rumene anche per certificare le competenze di figure diverse da quella dell assistente familiare. Il modello di validazione si articola in cinque fasi: la Fase 0 di accoglienza e informazione, durante la quale viene illustrato il processo di valutazione e certificazione delle competenze da esperienza (1) al cittadino interessato; la Fase 1 di apertura del dossier di validazione nella quale l operatore analizza gli apprendimenti e le competenze del cittadino che si candida ad ottenerne la certificazione, per proseguire con la successiva Fase 2 di identificazione delle competenze rispetto alle quali è possibile richiedere la certificazione perché provate dalle evidenze raccolte all interno del portfolio elettronico del candidato. Durante la Fase 3 di accertamento e valutazione i valutatori analizzano il portfolio e decidono se attribuire o meno la certificazione delle competenze richiesta dal candidato; tale certificazione, in caso di giudizio positivo dei valutatori, viene rilasciata dall ente pubblico a ciò deputato durante la Fase 4 di attestazione e certificazione. Quattro sono gli attori principali del processo di certificazione, primo tra tutti il cittadino che si candida ad ottenere la certificazione delle competenze. In secondo luogo gli orientatori dell organizzazione pubblica o privata all interno della quale ha luogo il processo di messa in trasparenza e di valutazione delle competenze. Per via del fatto che il soggetto che supporta il cittadino nel processo di certificazione delle competenze può essere diverso a seconda dell organizzazione coinvolta (orientatori dei Centri per l Impiego o referenti dei processi di certificazione di enti di formazione accreditati presso le singole Regioni), per identificare tale attore si è preferito utilizzare il termine generico di operatore. Un ruolo cruciale nel processo è ricoperto dal valutatore che analizza, singolarmente o in collaborazione con i membri di una commissione, le evidenze raccolte e prodotte dal candidato per decidere se attribuire o meno la certificazione 16 Valutare e certificare le competenze in prospettiva socioculturale: il modello I CARE

19 delle competenze al candidato stesso. Infine, l attore che interviene al termine dell intero percorso è l ente pubblico deputato a rilasciare la certificazione sulla base dei giudizi attribuiti dai valutatori. Una piattaforma web supporta la gestione del processo di valutazione e certificazione delle competenze, consentendo ai vari attori l accesso a specifiche sezioni e l utilizzo di specifici strumenti sviluppati nell ambito del progetto I CARE. Tra questi ultimi citiamo il portfolio elettronico in cui inserire le evidenze delle competenze ovunque acquisite dal candidato che richiede la certificazione, e gli standard delle competenze dell Assistente Familiare (AF), la professione di cura sulla quale i partner del progetto hanno deciso di concentrare la loro attenzione. Il modello brevemente descritto costituisce l esito della ricerca condotta dall autrice in collaborazione con Anna Maria Ajello durante il progetto I CARE, e di precedenti ricerche e sperimentazioni condotte dalle stesse sulle caratteristiche delle competenze acquisite nei contesti di vita quotidiana e sui modi di rendere visibili e di dare conto di tali tipi di competenze (Ajello, Belardi, 2007; Ajello, Belardi, 2005; Belardi, 2004). In particolare il portfolio elettronico sviluppato in I CARE costituisce una versione successiva di quello messo a punto durante il progetto TIPEIL (2): le modifiche apportate alla struttura e alle funzioni di quest ultimo (come ad esempio la possibilità di consentire l accesso da parte di chiunque in remoto previo consenso del candidato, e le diverse categorizzazioni delle prove delle competenze) miravano a rendere tale strumento utile non soltanto a rendere visibili le competenze del candidato, ma anche a facilitare il confronto tra le competenze del candidato (per le quali è richiesta la certificazione) con gli standard di competenze rispetto ai quali il candidato viene valutato. Nell architettura del modello, e negli strumenti messi a punto per sostenere gli orientatori ed i valutatori che utilizzeranno il modello durante il processo di certificazione delle competenze, è possibile riconoscere i costrutti della psicologia culturale (Cole, 1996) inerenti l apprendimento e la valutazione cui l autrice ha fatto riferimento. Per quanto riguarda l articolazione del libro nel primo capitolo vengono analizzati i costrutti teorici che hanno guidato il gruppo del DPPSS della Sapienza nella realizzazione della ricerca da cui ha avuto origine il modello di valutazione e di certificazione delle competenze da esperienza, e gli standard delle competenze dell Assistente familiare che rappresentano il criterio discriminativo per la valutazione delle competenze. Gli standard sono analizzati nel secondo capitolo, il terzo ed quarto invece descrivono in dettaglio il modello. Valutare e certificare le competenze in prospettiva socioculturale: il modello I CARE 17

20

21 1. apprendimento e valutazione in psicologia culturale Il primo costrutto teorico a partire dal quale è stato sviluppato il modello I CARE, è quello di apprendimento inteso non soltanto come memorizzazione di conoscenze o sviluppo di abilità, bensì come processo complesso che ha luogo ogni qualvolta gli individui bambini o adultiprendono parte ad attività i cui scopi sono chiari e sensati (Rogoff, Lave 1984; Rogoff 1990), e che sono caratterizzate culturalmente, socialmente e storicamente perché situate in uno specifico contesto (la scuola frequentata, l ufficio in cui si lavora, il gruppo di scout con cui si condividono alcune attività del tempo libero, ecc.). Nella psicologia culturale il contesto indica non soltanto il luogo in cui si realizza un particolare evento interattivo, ma anche il quadro culturale che offre ai partecipanti all evento le risorse per l interpretazione e la realizzazione dell evento stesso. In tale accezione il contesto precede l interazione, ma è trasformato ed arricchito dalle azioni e dalle parole dei partecipanti stessi (Duranti, Goodwin, 1992). In questa prospettiva, che si sviluppa a partire dagli studi di Vygotskij (1990), gli individui che apprendono imparano a modificare la realtà esterna mediante l uso di artefatti materiali (oggetti concreti) e simbolici (ad esempio il linguaggio), e, in un secondo momento, si appropriano di tali artefatti per modificare e controllare i propri processi psicologici: apprendono cioè ad usare segni su un piano intrapsichico. Imparare ad usare gli artefatti che la propria cultura di appartenenza propone, nelle specifiche attività alle quali si prende parte, ha luogo prevalentemente durante le interazioni sociali con altri individui: il capo o il collega al lavoro, l insegnante o altri studenti a scuola, gli amici, i genitori, ecc.. Gli psicologi culturali guardano all apprendimento non come ciò che si realizza nella testa degli individui, ma come processo complesso che avviene mediante le interazioni con gli altri, durante le attività alle quali si partecipa e durante le quali si impara ad utilizzare gli artefatti e ad appropriarsi dei significati ad essi attribuiti dagli individui coinvolti nelle stesse attività. In tal senso la conoscenza non risiede soltanto nella testa dei partecipanti all interazione perché sarebbe distribuita (Chaiklin, Lave, 1993; Salomon, 1993) tra questi e gli strumenti che essi utilizzano per realizzare le attività che hanno finalità note e condivise. La concezione di apprendimento descritta è particolarmente utile in un percorso di valutazione e certificazione delle competenze da esperienza, perché aiuta l operatore che interloquisce con il candidato a riconoscere per primo gli apprendimenti ovunque e comunque acquisiti dal candidato stesso. In precedenti ricerche e sperimentazioni condotte in Europa circa la Valutare e certificare le competenze in prospettiva socioculturale: il modello I CARE 19

22 validazione degli apprendimenti formali, non formali ed informali (Otero, Hawley, Nevala, 2007) è stato infatti evidenziato che si tende ad attribuire maggiore valenza all apprendimento che ha avuto luogo in contesti ed attività strutturate quali il lavoro, la scuola, l università, non soltanto perché il cittadino ha evidenze ufficiali che possono dare prova dell avvenuto apprendimento (diplomi, certificati di frequenza, contratti di lavoro), ma perché si pensa che l apprendimento non strutturato, come quello che ha luogo quando si è coinvolti in attività del tempo libero, sia meno efficace in termini di conoscenze sedimentate. Tale distinzione tra il valore da attribuire agli apprendimenti in base al contesto in cui hanno luogo, deriva dall idea, profondamente radicata nelle nostre società occidentali, che l apprendimento che conta è costituito da conoscenze che restano nella mente degli individui, in particolare se apprese mediante la lettura di testi specifici e l ascolto di individui che già detengono quelle conoscenze. Ma la valutazione delle competenze da esperienza, mette in crisi tale concezione perché, in un ottica di lifelong-learning, sottolinea che l apprendere non si esaurisce con l uscita da percorsi di istruzione e formazione istituzionali, ma continua lungo tutto l arco della vita di un individuo, e considera di pari valore tutti gli apprendimenti, ovunque e comunque acquisiti, purché sia possibile produrne evidenze autentiche a dimostrazione degli stessi. In altre parole se si vogliono valutare e certificare le competenze da esperienza è necessario abbandonare una concezione di apprendimento come mera acquisizione di conoscenze che avviene in contesti istituzionali, ed adottarne una che consideri la complessità degli aspetti che intervengono in tale processo, ovunque abbia luogo. Per connettere tali riflessioni teoriche con il modello I CARE, è dirimente che gli operatori si appropino di una diversa idea di apprendimento, adottino un atteggiamento di antropologi (Furth, 1980) in un mondo nuovo ed abbandonino eventuali preconcetti, al fine di indagare tutte le conoscenze e le competenze apprese dal candidato alla certificazione, senza trascurare nulla. L analisi delle competenze da esperienza di cui il candidato non dispone di prove sufficienti, si caratterizza come un percorso di ricerca e di scoperta sia per l operatore che per lo stesso candidato, il quale non sempre è consapevole di quanto ha imparato al di fuori dei contesti istituzionali di formazione. I saperi acquisiti nella vita quotidiana sono stati definiti taciti (Polanyi, 1966) proprio per evidenziare che le persone che ne sono detentrici hanno difficoltà a verbalizzarli ed in alcuni casi, essi non sono affatto consapevoli di averli acquisiti. È dunque necessario che l operatore riconosca per primo le competenze apprese dal candidato, 20 Valutare e certificare le competenze in prospettiva socioculturale: il modello I CARE

23 durante i colloqui in cui gli chiederà di raccontare le diverse attività alle quali prende parte durante la sua vita quotidiana (Belardi, 2007). Man mano, in un processo ad imbuto di focalizzazione progressiva, guiderà il candidato nell approfondire l analisi di quelle competenze che sono caratteristiche della professione dell assistente familiare. In un secondo momento sosterrà il candidato nel riconoscere a sua volta quelle competenze, ponendo in evidenza gli eventuali atteggiamenti di banalizzazione delle proprie competenze da parte del candidato, facendolo riflettere su di esse. Si allude qui al fatto che l idea che gli apprendimenti che contano siano solo quelli acquisiti in contesti istituzionali, induce gli individui a sminuire in modo esplicito quanto hanno appreso al di fuori di quei contesti, come si è avuto modo di rilevare durante la costruzione di portfoli digitali di soggetti svantaggiati (Belardi, 2004). La riflessione sulla relazione tra operatore e candidato alla certificazione delle competenze, introduce due ulteriori costrutti della psicologia culturale che si ritiene utili ad evidenziare aspetti altrettanto importanti di tale relazione: in particolare si tratta del costrutto di zona di sviluppo prossimo e di quello di identità come chiusura del gap tra quella attuale e quella designata. Si deve a Vygotskij (1990) la distinzione tra il livello di sviluppo attuale, che identifica ciò che un individuo è in grado di fare da solo, attraverso le abilità autonomamente padroneggiate, e l area di sviluppo prossimo, che identifica ciò che un individuo non sa ancora fare e che può arrivare a fare se sostenuto dall aiuto di un altro -adulto o pari- più competente. Il costrutto di area di sviluppo prossimo consente dunque di mettere in luce ciò che è possibile riuscire a fare interagendo con un soggetto più competente. Lo spostamento del livello di sviluppo attuale verso maggiori livelli di competenza, costituisce l esito naturale delle relazioni quotidiane ad esempio del neonato con la madre o del fratello minore con il fratello più grande. Si può agire nell area di sviluppo prossimo anche consapevolmente per fini educativi e formativi, se colui che ha responsabilità educative e formative riconosce e stimola le capacità emergenti che i soggetti meno esperti stanno acquisendo, ma che non padroneggiano ancora, proponendo attività per le quali è necessario utilizzare quelle capacità emergenti per riuscire a prendervi parte in modo efficace. Come evidenzia Roth (2010), una lettura superficiale del costrutto vigotskiano conduce a pensare alla relazione tra il soggetto più competente e il meno competente in termini asimmetrici e a-problematici, e l apprendimento come ciò che ha luogo sul piano della coscienza individuale del soggetto meno esperto. Diversamente l autore mette in luce che Valutare e certificare le competenze in prospettiva socioculturale: il modello I CARE 21

Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale

Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale Contrasto all abbandono scolastico in contesto interculturale Il metodo QPA - Questionario sui Processi di Apprendimento - Il metodo QPA INDICE Premessa... 2 I. QPA: quadro teorico... 4 II. Modello di

Dettagli

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE ONLINE TOOL FOR SELF-EVALUATION OF KEY COMPETENCES IN ADULT AGE Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE L Aquila, 13th Marzo 2014 Laura VETTRAINO Reference:

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

FLAME Family Learning and Migrant Engagement

FLAME Family Learning and Migrant Engagement FLAME Family Learning and Migrant Engagement Supportare lo sviluppo dei figli è uno dei più grandi fattori motivazionali che spingono gli adulti a migliorare le proprie conoscenze ed abilità (NIACE, UK).

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

L università degli Studi del Sannio

L università degli Studi del Sannio La ricerca condotta dall Università degli studi del Sannio e dalla Dida Network s.r.l. in tema di formazione avanzata per persone sorde ed in particolare i risultati del progetto: This project has been

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Il tema della trasparenza e del riconoscimento delle competenze comunque e ovunque acquisite rappresenta

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA. Scuola POLO Formazione personale docente ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Alessandro Volta PERUGIA Scuola POLO Formazione personale docente Progettazione e valutazione per competenze nei percorsi degli Istituti tecnici e professionali Decreto

Dettagli

Progetto-obiettivo: Metodo di studio e capacità critiche

Progetto-obiettivo: Metodo di studio e capacità critiche Progetto-obiettivo: Metodo di studio e capacità critiche PREMESSA La constatazione dell esistenza di uno scenario sociale caratterizzato da stimoli molteplici e variegati, spesso ambivalenti, atipici,

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

2nd Newsletter Novembre 2014

2nd Newsletter Novembre 2014 2nd Newsletter Novembre 2014 Durante il 2014 la partnership di SEMBET ha sviluppato il principale prodotto: una metodologia che partendo dalla memoria individuale contribuisca a recuperare la memoria collettiva

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

Il Portfolio Europeo delle Lingue

Il Portfolio Europeo delle Lingue Il Portfolio Europeo delle Lingue Una guida introduttiva per aziende, enti pubblici e associazioni in genere Il Portfolio Europeo delle Lingue propone standard internazionali che permettono di misurare

Dettagli

Prototipo di rete contro la dispersione scolastica: linee guida

Prototipo di rete contro la dispersione scolastica: linee guida Prototipo di rete contro la dispersione scolastica: linee guida A CHE PUNTO SIAMO Tratto distintivo dell Azione F3 contro la dispersione scolastica è quello di favorire l innovazione, idearla e sperimentarla,

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

NetQues Project Report Speech and Language Therapy Education in Europe United in Diversity

NetQues Project Report Speech and Language Therapy Education in Europe United in Diversity NetQues Project Report Speech and Language Therapy Education in Europe United in Diversity Network for Tuning Standards and Quality of Education Programmes in Speech and Language Therapy/Logopaedics across

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

In-Diversity Newsletter 3

In-Diversity Newsletter 3 Newsletter 3 APRILE 2012 This project has been funded with support from the European Commission. This communication reflects the views only of the authors, and the Commission cannot be held responsible

Dettagli

Didattica per competenze- Introduzione

Didattica per competenze- Introduzione Programmazione biennio Didattica per competenze- Introduzione La didattica delle competenze si fonda sul presupposto che gli studenti apprendono meglio quando costruiscono il loro sapere in modo attivo

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO

UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO Denominazione Conto e confronto Prodotti Tavola pitagorica ad immagini Competenze mirate Comuni/cittadinanza Competenze Chiave Europee La competenza

Dettagli

Modulo 1. Practice. POSitivitiES. Corso on-line. Introduzione alla Psicologia Positiva. Applied Positive Psychology for European Schools

Modulo 1. Practice. POSitivitiES. Corso on-line. Introduzione alla Psicologia Positiva. Applied Positive Psychology for European Schools PositivitiES Applied Positive Psychology for European Schools POSitivitiES Positive European Schools Corso on-line Modulo 1 Introduzione alla Psicologia Positiva This project has been funded with support

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Studio APS S.r.l. - 20123 Milano - Via S. Vittore, 38/A - Tel. 02.4694610 - Fax 02.4694593 - E-mail: studioaps@studioaps.it

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

Ambiente di apprendimento. generativo - Generative. Learning Environment

Ambiente di apprendimento. generativo - Generative. Learning Environment Ambiente di apprendimento generativo - Generative Learning Environment di Paolo Giordani 1 Nel loro articolo del 1995, intitolato Rich environments for active learning: A definition, Grabinger e Dunlap

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LINEE DI INDIRIZZO Partecipazione dei genitori e corresponsabilità educativa Pagina 1 di 8 Premessa La nostra Costituzione assegna alla famiglia e alla scuola la responsabilità di educare e di istruire

Dettagli

Mediazione e mediatori interculturali: indicazioni operative

Mediazione e mediatori interculturali: indicazioni operative Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Organismo Nazionale di Coordinamento per le politiche di integrazione sociale degli stranieri Mediazione e mediatori interculturali: indicazioni operative

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

Articolo 1 - Oggetto. Articolo 2 Target. Articolo 3 Realizzazione

Articolo 1 - Oggetto. Articolo 2 Target. Articolo 3 Realizzazione Articolo 1 - Oggetto Il presente Video Contest si inserisce nell ambito del progetto europeo Comenius PLAYWEB, facente parte del POF della scuola per gli anni scolastici 2012-2013 e 2013-2014. Come proposta

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

IESEC. Increasing Employability and Standards of Elderly Caregivers through Specialized Training and Innovative Empowerment O2- CURRICULUM

IESEC. Increasing Employability and Standards of Elderly Caregivers through Specialized Training and Innovative Empowerment O2- CURRICULUM IESEC Increasing Employability and Standards of Elderly Caregivers through Specialized Training and Innovative Empowerment O2- CURRICULUM CORSO DI FORMAZIONE SULLE COMPETENZE DI BASE PER CAREGIVER Project

Dettagli

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA PREMESSA La certificazione delle competenze, che accompagna il documento di valutazione degli apprendimenti, va

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME Obbligo di istruzione Linee guida per le agenzie formative accreditate ai sensi del DM del 29/11/2007 (MPI/MLPS) Premessa 1. Il contesto di riferimento

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

PROGETTARE PER COMPETENZE NEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI

PROGETTARE PER COMPETENZE NEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI CORSO DI FORMAZIONE PROGETTARE PER COMPETENZE NEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI Progettare Nella scuola, il termine competenza è ambiguo, perché è mutuato dall ambito della formazione professionale

Dettagli

LA SCUOLA: UN MONDO DA ESPLORARE Dora Mattia*

LA SCUOLA: UN MONDO DA ESPLORARE Dora Mattia* LA SCUOLA: UN MONDO DA ESPLORARE Dora Mattia* *docente di scuola primaria IC n. 5, Bologna Lo spazio, insieme al tempo, è categoria fondamentale per strutturare conoscenze ed esperienze nel soggetto in

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Concetti chiave. Cooperative learning

Concetti chiave. Cooperative learning Fondamenti teorici Lev Semenovic Vigotsky da dimostrato il ruolo di facilitatore che può assumere un adulto consapevole agendo sull area potenziale di sviluppo della mente del bambino e questa ipotesi

Dettagli

La prospettiva dell apprendimento esperienziale nei contesti formali, non formali ed informali. Piergiorgio Reggio

La prospettiva dell apprendimento esperienziale nei contesti formali, non formali ed informali. Piergiorgio Reggio La prospettiva dell apprendimento nei contesti formali, non formali ed informali U.S.R. Emilia Romagna Bologna, 27 novembre 2014 Piergiorgio Reggio Università Cattolica Milano Istituto Italiano di Valutazione

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO

PROGETTO ORIENTAMENTO PROGETTO Istituto Comprensivo F. De Andrè San Frediano a Settimo ANNO SCOLASTICO 2015 2016 REFERENTE Prof. Maurizio Anna Maria PROGETTO CLASSI PRIME a. s. 2015/2016 REFERENTE: Prof.ssa Maurizio DESTINATARI

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEL LIVELLO DELLE COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO MACOMER 1- G. CARIA ANNI SCOLASTICI 2015/2016/2017/2018 Premessa Alla luce dei risultati delle prove Invalsi, tenuto conto dell

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

"GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education"

GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education "GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education" SISTEMA DI VALUTAZIONE INDICE DEL DOCUMENTO 1. Linee guida per la valutazione.. pag. 2 2. Dimensioni e tempi della valutazione...

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO 1 La declaratoria della classe di Laurea 39 prevede che il Curriculum del Corso di laurea, oltre a rispettare i minimi indicati dalla

Dettagli

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re COMPETENZE E INSEGNAMENTO Dott.ssa Franca Da Re UN TENTATIVO DI DEFINIZIONE INTEGRATO INTEGRAZIONE DI CONOSCENZE E ABILITA DI TIPO COGNITIVO, PERSONALE, SOCIALE, RELAZIONALE PER SVOLGERE UN ATTIVITA E

Dettagli

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla certificazione della competenza Progetto di ricerca-formazione I nuovi Licei. Una guida a partire dalle pratiche USR Puglia

Dettagli

IL PROFILO DEI VOLONTARI DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ITALIANO SINTESI

IL PROFILO DEI VOLONTARI DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ITALIANO SINTESI Partner in charge of report CIVIL SERVICE APPRENTISHIP Convenzione No 2004- I/04/B/PP-154007 IL PROFILO DEI VOLONTARI DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ITALIANO SINTESI Partnership Projectleader This project

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

APPLICAZIONE di ECVET PL n 4. Casi di Studio Europei RISULTATO n 7

APPLICAZIONE di ECVET PL n 4. Casi di Studio Europei RISULTATO n 7 APPLICAZIONE di ECVET PL n 4 Casi di Studio Europei RISULTATO n 7 DEKRA (LUGLIO, 2015) PROMETEO Project - Lifelong Learning Programme Leonardo Da Vinci (ToI) This project has been funded with support from

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

DIPARTIMENTO RISORSE UMANE. Percorsi di Cittadinanza Attiva

DIPARTIMENTO RISORSE UMANE. Percorsi di Cittadinanza Attiva DIPARTIMENTO RISORSE UMANE Percorsi di Cittadinanza Attiva INDICE 1. Premessa 2. Roma Capitale : volontariato e sussidiarietà orizzontale 3. La valorizzazione delle competenze acquisite : la sperimentazione

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

Protocollo di Intesa distrettuale per l integrazione scolastica degli alunni migranti

Protocollo di Intesa distrettuale per l integrazione scolastica degli alunni migranti Comuni e Istituti scolastici di Campagnola Emilia, Correggio, Fabbrico Rio Saliceto, Rolo, San Martino in Rio Protocollo di Intesa distrettuale per l integrazione scolastica degli alunni migranti 23 Febbraio

Dettagli

IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING

IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING I N T R O D U Z I O N E IL GLOSSARIO QUALE SUPPORTO METODOLOGICO PER LA COMPRENSIONE E L UTILIZZO DELL E LEARNING Il presente Glossario e learning costituisce il risultato di un attività di ricerca condotta

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA

L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA L UNITÀ APPRENDITIVA COOPERATIVA METACOGNITIVA La progettazione dell insegnante è un lavoro molto impegnativo che richiede tempo e accuratezza: una buona programmazione semplifica molto il lavoro di gruppo

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui?

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui? A PROPOSITO DI COACHING Giovanna Combatti intervista Giacomo Mosca Abbiamo chiesto a Giacomo Mosca, Formatore e Coach, Counsellor in Analisi Transazionale associato al CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor

Dettagli

Learning News Dicembre 2010, anno IV - N.12

Learning News Dicembre 2010, anno IV - N.12 Learning News Dicembre 2010, anno IV - N.12 Quattro passi tra Partita Doppia e Bilancio di Roberta Di Pinto Non si può insegnare niente ad un uomo. Si può solo aiutarlo a scoprire ciò che ha già dentro

Dettagli

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante -

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - ISIS Facchinetti di Castellanza Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - Finalità ed obiettivi L offerta formativa del nostro istituto, per quanto attiene la formazione

Dettagli

PROPOSTE DI FORMAZIONE

PROPOSTE DI FORMAZIONE Associazione Professionale Proteo Fare Sapere Firenze Soggetto Qualificato per la Formazione DM 8/06/05 PROPOSTE DI FORMAZIONE a.s. 2015 / 2016 (Personale Docente e Dirigenti Scolastici) 1 INDICE Proposte

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI 2012

INDICAZIONI NAZIONALI 2012 FISM VENEZIA 2012 1 Il DPR 89/2009 prevedeva che le Indicazionidel 2007 potevano essere riviste dopo il triennio 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012. La Circolare Ministeriale n 101 del 4 novembre 2011 ha

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma Circ. n. 2 Prot. n. 2968 Roma, 10 febbraio 2015 Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche statali di ogni ordine e grado della Regione Lazio Ai Coordinatori didattici delle Istituzioni scolastiche paritarie

Dettagli

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA

PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA PRIMA SEZIONE ANAGRAFICA Denominazione del Piano QUALIFICAZIONE DEL SERVIZIO DI COLLOCAMENTO MIRATO DELLE PERSONE CON DISABILITA Responsabile: Cognome:_BORELLINI Telefono: 059-209051 Nome:LUCIANA E-mail:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO

DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO Anno Scolastico 2011-2012 DALLE FINALITÀ AL CURRICOLO I rapidi cambiamenti sociali, culturali, economico-politici della società odierna impongono alla scuola un radicale mutamento della mentalità e della

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Alessandra Cenerini Presidente ADi 1 ORIGINE DELLA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Il termine è stato ufficialmente coniato dal pamphlet Valutazione per l apprendimento:

Dettagli

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara Fuoricl@sse 2.0 2012 Docente: Silvia Di Paolo Destinatari: studenti Cl@sse 2.0, I sez. I a.s. 2012/2013 DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE La comunità che apprende

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli