COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA (Prov. Palermo) Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare residenziale di proprietà del Comune.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA (Prov. Palermo) Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare residenziale di proprietà del Comune."

Transcript

1 COMUNE DI CAMPOFELICE DI ROCCELLA (Prov. Palermo) Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare residenziale di proprietà del Comune. 1

2 PARTE I REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina le procedure per l alienazione dei beni immobili patrimoniali disponibili del Comune di Campofelice di Roccella destinati ad uso residenziale. Sono da considerarsi oggetto delle procedure regolamentate i beni appartenenti al patrimonio disponibile del Comune e i beni appartenenti al patrimonio indisponibile che con atto di dismissione abbiano avuto riconosciuta la cessazione della loro destinazione ad un servizio pubblico. Per gli alloggi rientranti nella disciplina per l edilizia residenziale è si applicano le disposizioni di cui alla legge 24 dicembre 1993 n. 560, nonché alle leggi regionali di settore. 2. Il Regolamento è redatto ai sensi dell art. 12 della legge 15 maggio 1997 n. 127, recepito dalla Regione Siciliana con legge regionale 7 settembre 1998 n. 23. A tal fine l Amministrazione procede all alienazione anche in deroga alle norme sulla contabilità generale degli enti locali, assicurando il rispetto dei criteri di trasparenza e di pubblicità nelle procedure di acquisizione e valutazione delle concorrenti proposte di acquisto, nonché il rispetto dei principi generali dell ordinamento giuridico-contabile. 3. Per quanto non previsto nel presente Regolamento l attività dell Amministrazione si svolge nel rispetto delle norme di settore vigenti, oltre che delle disposizioni stabilite dal Codice civile. 4. Il Regolamento tutela il diritto sociale all abitazione, nel rispetto dei principi dettati dalle norme in materia di alienazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Art. 2. Competenze 1. L alienazione del patrimonio immobiliare è di competenza della Giunta Municipale. 2. Spetta alla Giunta comunale stabilire la tempistica relativa alle procedure di vendita, di norma con l approvazione del Piano esecutivo di gestione. 3. I successivi provvedimenti inerenti l attuazione delle procedure di vendita e l esecuzione degli indirizzi stabiliti dagli organi di indirizzo politico sono assunti con determinazioni del responsabile della struttura cui è affidata la gestione del servizio patrimonio. Art. 3. Programmazione 1. Il Consiglio comunale approva annualmente il Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari, allegato al bilancio, ai sensi dell art. 58 del decreto-legge 25 giugno 2008 n. 112, convertito con modificazioni nella legge 6 agosto 2008 n. 133, e s.m.i.. L inserimento degli immobili nel Piano ne determina la conseguente classificazione come patrimonio disponibile, fatto salvo il rispetto delle tutele di natura storico-artistica, archeologica, architettonica e paesaggisticoambientale. Il Piano potrà subire variazioni durante l anno di riferimento per fatti imprevedibili o esigenze sopravvenute. 2

3 2. Ai sensi di quanto previsto dall articolo 128, comma 4, del decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163, e dall articolo 6, comma4, della legge regionale 12 luglio 2011 n. 12, i beni immobili pubblici oggetto di diretta alienazione pervio esperimento di una gara sono altresì indicati nel Programma triennale dei lavori pubblici. 3. Nell ambito della programmazione dell alienazione il Consiglio comunale può individuare motivatamente quote del patrimonio immobiliare da escludere dalla alienazione, e da destinare a finalità sociali. 4. L Amministrazione può in ogni caso individuare forme di valorizzazione alternative, nel rispetto dei principi di salvaguardia dell interesse pubblico e mediante l utilizzo di strumenti competitivi. Art. 4. Destinazione delle entrate 1. Le entrate derivanti dalla vendita dei beni immobili hanno destinazione vincolata ai sensi di legge. A tal fine nel provvedimento programmatorio della vendita, è previsto anche l utilizzo della corrispondente entrata. 2. L alienazione degli alloggi destinati ad edilizia residenziale sociale finanzia la realizzazione di programmi finalizzati allo sviluppo dello stesso settore. TITOLO II - L ALIENAZIONE Art. 5. Pubblicità 1. L intenzione dell Amministrazione di procedere alla vendita di immobili viene pubblicizzata attraverso la pubblicazione sul relativo all Albo pretorio e sul sito web del Comune per la durata di quindici giorni. 2. L avviso indicherà il prezzo di cessione di ciascun immobile, così come individuato in base all articolo 7 del presente Regolamento, oltre che le procedure individuate per la scelta del contraente. 3. Nel caso in cui la procedura di individuazione scelta sia quella dell asta pubblica, si osservano le previsioni di cui al successivo art. 13. Art. 6. Individuazione degli immobili cedibili 2. Oggetto della vendita sono i beni patrimoniali di cui è stata accertata la disponibilità. Ogni singolo immobile da alienare è individuato nella sua effettiva consistenza, corredato delle relative pertinenze e di eventuali diritti e servitù sullo stesso gravanti. Nel quadro conoscitivo dell immobile da alienare vanno compresi anche gli elementi che ne regolano la sua utilizzazione e destinazione futura. 4. Non sono cedibili immobili situati in edifici sottoposti a vincolo storico-artistico o siti in edifici sedi di servizi istituzionali o di pubblico interesse. 5. La vendita di beni, vincolati da leggi speciali o realizzati con il contributo dello Stato, è preceduta dall espletamento delle formalità liberatorie dei relativi vincoli. 3

4 Art. 7. Valutazione degli immobili 1. Il valore di vendita dell immobile è determinato con apposita perizia estimativa resa dall Ufficio tecnico e/o da tecnico incaricato, e redatta con riferimento ai valori correnti di mercato per i beni di caratteristiche analoghe, ed al valore attuale dei singoli immobili. 2. Per l attività di valutazione immobiliare l Amministrazione può avvalersi della collaborazione degli Uffici dell Agenzia del Territorio preposti per legge, ai sensi dell art. 64 del decreto legislativo 30 luglio 1999 n. 300 e s.m.i., previa la stipulazione di appositi accordi secondo quanto previsto dall art. 15 della legge 7 agosto 1990, n. 241 e s.m.i.. Art. 8. Aventi titolo all acquisto e diritto di prelazione; 1. Hanno titolo all acquisto degli alloggi gli assegnatari o i loro familiari conviventi, i quali conducano un alloggio a titolo di locazione da oltre un quinquennio. In caso di acquisto da parte dei familiari conviventi è fatto salvo il diritto di abitazione in favore dell assegnatario, che dovrà essere costituito nell atto pubblico di compravendita dell immobile, in favore dell assegnatario. Gli alloggi acquistati non possono essere alienati a nessun titolo per un periodo di tempo pari a 10 anni dalla data di stipulazione del contratto e comunque fino a quando non ne sia stato pagato l intero prezzo. 2. Nel caso in cui i soggetti individuati fossero in mora con il pagamento dei canoni e delle spese all atto della presentazione della domanda di acquisto, l Amministrazione, valutati gli interessi coinvolti, può riconoscere loro la possibilità di regolarizzazione. 3. Qualora gli assegnatari, in regola con il pagamento dei canoni e delle spese, non intendano acquistare l alloggio condotto a titolo di locazione o esercitare il diritto di prelazione di cui al comma successivo, rimangono assegnatari del medesimo alloggio, che può comunque essere alienato a terzi individuati con le procedure previste dal presente Regolamento e dalle leggi vigenti in materia, purché all assegnatario venga garantita la prosecuzione della locazione sulla base della normativa vigente in materia di edilizia residenziale pubblica. 4. Gli assegnatari delle unità immobiliari individuati ai sensi dei commi precedenti possono esercitare il diritto di prelazione ai sensi degli articoli 38 e seguenti della legge 27 luglio 1978, n Ove questi non lo abbiano esercitato nei termini previsti dalla legge, nei successivi trenta giorni possono presentare domanda di acquisto enti pubblici non economici, enti morali, associazioni senza scopo di lucro o cooperative sociali di cui alla legge 8 novembre 1991, n A tal fine il responsabile del procedimento di vendita adotta le opportune misure di pubblicità. Decorso inutilmente il termine di trenta giorni l amministrazione procede alla vendita con le modalità e secondo quanto previsto dal presente Regolamento. Art. 9 Esclusioni. 1. Non possono essere compratori, nemmeno in caso di esperimento di asta pubblica di cui all articolo 12 del presente Regolamento, né direttamente né per interposta persona, gli amministratori comunali rispetto ai beni affidati alla loro cura, e gli ufficiali pubblici rispetto ai beni che sono venduti per loro ministero. Art. 10. Individuazione delle procedure per la scelta del contraente. 4

5 1. La scelta delle procedure di vendita avviene nel rispetto dei principi di imparzialità, non discriminazione, trasparenza, pubblicità, efficacia, tempestività e correttezza, vigenti nell ordinamento italiano e comunitario. 2. La vendita del bene immobile si effettua mediante: a. trattativa privata diretta. b. trattativa privata; c. asta pubblica; Art. 11. Trattativa privata diretta. 1. Si procede ad alienazione attraverso trattativa privata nei casi di esercizio diretto del diritto di prelazione da parte dei soggetti individuati dal precedente articolo L alienazione è effettuata in questi casi al prezzo di mercato determinato in base alla valutazione tecnica espressa dal competente ufficio dell Agenzia del Territorio, di cui al precedente articolo Le modalità di partecipazione alla trattativa e il termine per la presentazione delle offerte sono indicate nel relativo avviso di cui all articolo 5 del presente Regolamento. Art. 12. Trattativa privata. 1. Si procede alla vendita con il sistema della trattativa privata quando la commerciabilità del bene è, per l ubicazione, la consistenza ed il limitato valore, potenzialmente limitata ad un numero ristretto di interessati e il suo valore di stima determinato sulla base del miglior prezzo di mercato non superi comunque euro , La trattativa viene condotta in modo che tutti i potenziali interessati siano messi al corrente dell evento. A tal fine viene data pubblicità mediante idonei canali di comunicazione. 3. La trattativa viene effettuata con il metodo delle offerte segrete, e il prezzo di vendita è determinato attraverso il sistema della domanda e dell offerta, con possibilità per l Amministrazione di fissare un prezzo minimo. Il responsabile del procedimento assicura una effettiva parità nelle condizioni di partecipazione dei concorrenti. 4. Le modalità di partecipazione alla trattativa e il termine per la presentazione delle offerte sono indicate nel relativo avviso di cui all articolo 5 del presente Regolamento. Art. 13. Asta pubblica. 1. È adottato il sistema dell asta pubblica quando il potenziale interesse all acquisto del bene offerto è, per la natura del bene stesso, per la sua potenziale utilizzazione e/o il valore venale riconducibile ad un mercato vasto, a livello sovra regionale, o comunque nel caso in cui il valore di stima del bene da alienare sia superiore a euro , Alla gara è data ampia pubblicità mediante la pubblicazione all albo pretorio e al sito web del Comune, nonché mediante pubblicazione di avviso sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana. 3. La gara viene effettuata con il metodo delle offerte segrete, e con il sistema di aggiudicazione in favore del concorrente che avrà offerto la percentuale di aumento maggiore rispetto al prezzo di vendita a base d asta indicato nel bando. 4. Le sedute in cui si esaminano le offerte sono pubbliche. 5. Le offerte hanno natura di proposta irrevocabile. Esse dovranno pervenire al Comune entro il termine fissato dall avviso d asta. Per l osservanza del termine vale il timbro di arrivo e, in caso di 5

6 offerte pervenute il giorno stesso della scadenza, l annotazione dell ora di arrivo, apposti dall ufficio protocollo dell Ente. 6. Il bando di gara prescrive l obbligo della costituzione nelle forme di legge di una cauzione provvisoria per la partecipazione alla gara, pari al 5% del prezzo di vendita posto a base d asta, costituita secondo le modalità previste dalle leggi vigenti in materia. Art. 14. Prezzo. 1. Il pagamento del prezzo degli immobili, come risultante dagli esiti della gara o della trattativa, viene effettuato per intero ed in unica soluzione entro quindici giorni dal perfezionamento del contratto di alienazione. Art. 15. Spese tecniche e notarili. 1. Sono a carico dell acquirente tutte le spese tecniche (ivi comprese gli eventuali frazionamenti da eseguirsi e gli eventuali aggiornamenti catastali) e notarili, relative alla stipula degli atti di trasferimento dei beni immobili oggetto dell alienazione. 2. Qualora l atto di compravendita non sia rogato dal Segretario comunale la scelta del Notaio spetta all acquirente, che incaricherà idoneo professionista dandone informazione al Comune entro quindici giorni dalla comunicazione dell aggiudicazione definitiva. La stipula degli atti di trasferimento avverrà di norma presso la sede del Comune o in altro luogo indicato dall Amministrazione. Art. 16. Disposizioni finali. 1. Per quanto non espressamente disciplinato dal presente Regolamento si applicano le normative vigenti in materia di alienazione e gestione degli immobili di proprietà degli enti locali. 2. Il presente Regolamento entrerà in vigore nei termini di cui all art. 5 del vigente Statuto comunale. 6

CITTA DI CASTELPLANIO Provincia di Ancona Ufficio Tecnico

CITTA DI CASTELPLANIO Provincia di Ancona Ufficio Tecnico CITTA DI CASTELPLANIO Provincia di Ancona Ufficio Tecnico REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE E L ACQUISTO DI BENI IMMOBILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 9 DEL 21/04/2012 ART. 1 FINALITA

Dettagli

Comune di Nuoro Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare del Comune di Nuoro

Comune di Nuoro Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare del Comune di Nuoro Comune di Nuoro Regolamento per l alienazione del patrimonio immobiliare del Comune di Nuoro Pubblicato a cura dei Servizi Assistenza Organi Istituzionali, Ufficio di Presidenza del Consiglio e Innovazione

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO COMUNALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 24/01/2013. Pagina 1 di 6 Sommario ART.1 - OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMU- NE DI BRESCIA

COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMU- NE DI BRESCIA COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMU- NE DI BRESCIA Adottato dal Consiglio comunale nella seduta del 16.2.1998 con provvedimento n. 20 ART. 1 Oggetto del

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA VENDITA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE Adottato con deliberazione consiliare n.22 dd. 4 maggio 1998. Modificato con deliberazione consiliare

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto REGOLAMENTO PER LA DISMISSIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto REGOLAMENTO PER LA DISMISSIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto REGOLAMENTO PER LA DISMISSIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO COMUNALE Approvato con delibera del consiglio comunale n.18 del 23.3.2015 Sommario ART.1 - OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.37 del 25/06/2002. Art. 1 Campo di applicazione 1. Le norme che seguono disciplinano, ai sensi dell

Dettagli

ANNO 2007 REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DISMISSIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DISPONIBILE

ANNO 2007 REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DISMISSIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DISPONIBILE ANNO 2007 REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DISMISSIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DISPONIBILE Approvato con deliberazione di C.C. n del 1 SOMMARIO Art. 1 - Finalità del regolamento Art. 2 Competenze degli organi

Dettagli

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA Approvato con deliberazione consiliare n. 35 del 3 aprile 2001 INDICE DEGLI ARTICOLI: ART.1 FINALITA ED OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ALIENAZIONE DEGLI IMMOBILI DISPONIBILI DEL PATRIMONIO DEL COMUNE DI CALUSCO D ADDA

REGOLAMENTO DI ALIENAZIONE DEGLI IMMOBILI DISPONIBILI DEL PATRIMONIO DEL COMUNE DI CALUSCO D ADDA COMUNE DI CALUSCO D'ADDA REGOLAMENTO DI ALIENAZIONE DEGLI IMMOBILI DISPONIBILI DEL PATRIMONIO DEL COMUNE DI CALUSCO D ADDA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.26 del 07.09.2015, pubblicata

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE ALIENAZIONI DEI BENI IMMOBILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE ALIENAZIONI DEI BENI IMMOBILI REGOLAMENTO COMUNALE PER LE ALIENAZIONI DEI BENI IMMOBILI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 12 del 31/03/2003 REGOLAMENTO COMUNALE PER LE ALIENAZIONI DEI BENI IMMOBILI INDICE ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI COLONNA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA CESSIONE DI IMMOBILI AD USO RESIDENZIALE DEL COMUNE DI COLONNA

COMUNE DI COLONNA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA CESSIONE DI IMMOBILI AD USO RESIDENZIALE DEL COMUNE DI COLONNA COMUNE DI COLONNA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA CESSIONE DI IMMOBILI AD USO RESIDENZIALE DEL COMUNE DI COLONNA Approvato con deliberazione di C.C. n. 13 del 15.03.2011 1 ARTICOLO 1 - OGGETTO DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DI VENDITA DEI BENI IMMOBILI PROVINCIALI TRASFERITI ALLA SOC. TERRA DI BRINDISI SRL

REGOLAMENTO DI VENDITA DEI BENI IMMOBILI PROVINCIALI TRASFERITI ALLA SOC. TERRA DI BRINDISI SRL REGOLAMENTO DI VENDITA DEI BENI IMMOBILI PROVINCIALI TRASFERITI ALLA SOC. TERRA DI BRINDISI SRL ART 1 OGGETTO Le disposizioni del presente regolamento disciplinano l alienazione a terzi dei beni immobili

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELLA PROVINCIA DI RIETI (LEGGE 127/97 ART. 12 - COMMA 2 )

REGOLAMENTO DELLE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELLA PROVINCIA DI RIETI (LEGGE 127/97 ART. 12 - COMMA 2 ) REGOLAMENTO DELLE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELLA PROVINCIA DI RIETI (LEGGE 127/97 ART. 12 - COMMA 2 ) 1 Articolo 1 ( Principi Generali ) 1. Il vigente Regolamento è adottato in attuazione

Dettagli

COMUNE di MOZZECANE. Deliberazione del Consiglio Comunale n. 55 del 29.12.2009 REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI INDICE

COMUNE di MOZZECANE. Deliberazione del Consiglio Comunale n. 55 del 29.12.2009 REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI INDICE COMUNE di MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA Deliberazione del Consiglio Comunale n. 55 del 29.12.2009 REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI INDICE ART. 1 OGGETTO ART. 2 AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILIARI DI PROPRIETA PUBBLICA

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILIARI DI PROPRIETA PUBBLICA COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILIARI DI PROPRIETA PUBBLICA Aadottato con deliberazione C.C. n. 4 del 06/02/2002 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELLA PROVINCIA DI SIENA

REGOLAMENTO PER L'ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELLA PROVINCIA DI SIENA REGOLAMENTO PER L'ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELLA PROVINCIA DI SIENA SOMMARIO: Art. 1 Principi generali Art. 2 Piano delle alienazioni e delle valorizzazioni immobiliari Art. 3 Stima dei beni

Dettagli

Reggio Emilia Terza Età A.S.P.

Reggio Emilia Terza Età A.S.P. Reggio Emilia Terza Età A.S.P. REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE, L ACQUISTO E LA PERMUTA DI BENI IMMOBILI PARTE I^ DISPOSIZIONI COMUNI ART. 1) OGGETTO DEL REGOLAMENTO E FINALITA 1. Il presente regolamento,

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia

Città di Portogruaro Provincia di Venezia Città di Portogruaro Provincia di Venezia Prot. n. 0034737 BANDO DI ASTA PUBBLICA PER LA VENDITA DI N. 1 ALLOGGIO SFITTO SITO IN LOC. LUGUGNANA VIA MARMOLADA CIV. 4 EX PROPRIETA DELLO STATO CEDUTO AL COMUNE.-

Dettagli

COMUNE di AGORDO Provincia di Belluno

COMUNE di AGORDO Provincia di Belluno P.le Marconi, 1 32021 AGORDO (BL) Tel. 0437 62295/63949 Fax. 0437 65019 C.F./P.I. 00103340253 e-mail: agordo@agordino.bl.it Internet: www.comune.agordo.bl.it e-mail cert.: agordo.bl@cert.ip-veneto.net

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO DEL COMUNE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO DEL COMUNE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO DEL COMUNE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n 53 del 14 settembre 1998 - ART. 1 - OGGETTO E FINALITA DEL

Dettagli

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di edilizia residenziale pubblica finalizzata alla razionalizzazione e valorizzazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica (ERP) Sommario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE COMUNE DI OLEGGIO PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 22.06.2011 Pagina 1 di 8 INDICE ART.

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE PER L ALIENAZIONE DEI BENI MOBILI COMUNALI (Approvato con Delibera Consiliare n. 32 del 29/07/2014 e modificato con delibera Consiliare n.

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI Art. 1 - OGGETTO 3 Art. 2 - CARATTERISTICHE DEI BENI DA ALIENARE 3 Art. 3 - STIMA SOMMARIA 3 Art. 4 - CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Comune di Trevignano Romano Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ALIENAZIONI E DELLE VALORIZZAZIONI DEI BENI IMMOBILI

Comune di Trevignano Romano Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ALIENAZIONI E DELLE VALORIZZAZIONI DEI BENI IMMOBILI Comune di Trevignano Romano Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ALIENAZIONI E DELLE VALORIZZAZIONI DEI BENI IMMOBILI Approvato con Delibera C.C. n. 57 del 29.10.2009 INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI BERGAMO

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI BERGAMO 50 REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI BERGAMO ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 159/I55250 P.G. NELLA SEDUTA DEL 6/12/2000 Art. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

REGIONE VENETO. Via Don Federico Tosatto n. 147 30174 Venezia Mestre

REGIONE VENETO. Via Don Federico Tosatto n. 147 30174 Venezia Mestre REGIONE VENETO AZIENDA U.L.S.S. 12 VENEZIANA Via Don Federico Tosatto n. 147 30174 Venezia Mestre AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PARTECIPAZIONE ALLA TRATTATIVA PRIVATA PER L ALIENAZIONE DI

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 MAGGIO 2014 236/2014/A AVVIO DI UNA PROCEDURA DI GARA APERTA, IN AMBITO NAZIONALE, FINALIZZATA ALLA STIPULA DI UN CONTRATTO DI APPALTO AVENTE AD OGGETTO LO SVOLGIMENTO DI SERVIZI DI TRADUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI Comune di MONTORFANO (Provincia di Como) REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI Approvato con delibera del Commissario Straordinario, assunti i poteri del Consiglio comunale n. 4 del

Dettagli

REGOLAMENTO SPECIALE PER LA VENDITA DEI BENI IMMOBILI COMUNALI

REGOLAMENTO SPECIALE PER LA VENDITA DEI BENI IMMOBILI COMUNALI REGOLAMENTO SPECIALE PER LA VENDITA DEI BENI IMMOBILI COMUNALI ART. 1 LEGISLAZIONE l) Le norme che seguono disciplinano, ai sensi dell'art. 12, comma 2, della legge 15 maggio 1997 n. 127, la alienazione

Dettagli

Regol@mento disciplinante le modalità per l alienazione del patrimonio immobiliare del Comune di Spoleto

Regol@mento disciplinante le modalità per l alienazione del patrimonio immobiliare del Comune di Spoleto Comune di Direzione Operativa Centrale Regol@mento disciplinante le modalità per l alienazione del patrimonio immobiliare del Comune di Il Regolamento disciplinante le modalità per l alienazione del patrimonio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE COMUNE DI SANT AGATA BOLOGNESE Provincia di Bologna Area Governo del Territorio Servizio Patrimonio REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VENDITA DEI BENI IMMOBILI E MOBILI DI PROPRIETÀ COMUNALE, E PER LE LOCAZIONI ATTIVE

REGOLAMENTO PER LA VENDITA DEI BENI IMMOBILI E MOBILI DI PROPRIETÀ COMUNALE, E PER LE LOCAZIONI ATTIVE C O M U N E D I O D E R Z O Città Archeologica (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO PER LA VENDITA DEI BENI IMMOBILI E MOBILI DI PROPRIETÀ COMUNALE, E PER LE LOCAZIONI ATTIVE APPROVATO CON DELIBERA CONSIGLIARE

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO Provincia di Arezzo. (approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 113 del 14.10.2004)

COMUNE DI SANSEPOLCRO Provincia di Arezzo. (approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 113 del 14.10.2004) COMUNE DI SANSEPOLCRO Provincia di Arezzo REGOLAMENTO SULLE PROCEDURE DI ALIENAZIONE BENI IMMOBILI (approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 113 del 14.10.2004) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento

Dettagli

C O M U N E D I P A L E R M O

C O M U N E D I P A L E R M O C O M U N E D I P A L E R M O AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE NEL TERRITORIO DELLA CITTA DI PALERMO PREMESSE Al fine di dare concreta attuazione ai principi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI TARVISIO

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI TARVISIO REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI TARVISIO Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Le alienazioni di beni immobili del patrimonio comunale sono disciplinate dalle norme stabilite

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO PROVINCIA DI SONDRIO

COMUNE DI VALDISOTTO PROVINCIA DI SONDRIO COMUNE DI VALDISOTTO PROVINCIA DI SONDRIO Deliberazione Consiglio Comunale n. 25 del 26.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VENDITA, LA PERMUTA DEI BENI IMMOBILI FACENTI PARTE DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

Dettagli

COMUNE DI ASOLO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI ASOLO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI ASOLO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE E MOBILIARE REGISTRATO DEL COMUNE DI ASOLO (in attuazione del 2 comma dell art.12 della L. 127/97 Approvato con

Dettagli

PROGETTO BIKE SHARING E BIKE SAVING IMPORTO COMPLESSIVO DI PROGETTO 536.328,00

PROGETTO BIKE SHARING E BIKE SAVING IMPORTO COMPLESSIVO DI PROGETTO 536.328,00 AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI PROFESSIONISTI DA INVITARE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO DI PROGETTAZIONE DEFINITIVA, ESECUTIVA E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE

Dettagli

AZIENDA REGIONALE TERRITORIALE PER L EDILIZIA DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA

AZIENDA REGIONALE TERRITORIALE PER L EDILIZIA DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA AZIENDA REGIONALE TERRITORIALE PER L EDILIZIA DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA Regolamento per la disciplina delle acquisizioni, delle alienazioni, delle permute e delle locazioni di beni immobili senza vincolo

Dettagli

TOVO SAN GIACOMO Provincia di Savona

TOVO SAN GIACOMO Provincia di Savona COMUNE DI TOVO SAN GIACOMO Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE Approvato con D.C.C. n. 35 del 8.09.2005 INDICE DEGLI ARTICOLI: ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART.

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ACQUISTO IN ECONOMIA, AI SENSI DELL ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/2006 E SS.MM.II. DELL AGENZIA REGIONALE PER LA TECNOLOGIA E L INNOVAZIONE Art. 1 Oggetto

Dettagli

AVVISO DI ASTA PUBBLICA DI UNITA IMMOBILIARI RESIDENZIALI OCCUPATE L Ente Previdenziale pubblico: - I.N.A.I.L. Istituto Nazionale per l Assicurazione

AVVISO DI ASTA PUBBLICA DI UNITA IMMOBILIARI RESIDENZIALI OCCUPATE L Ente Previdenziale pubblico: - I.N.A.I.L. Istituto Nazionale per l Assicurazione AVVISO DI ASTA PUBBLICA DI UNITA IMMOBILIARI RESIDENZIALI OCCUPATE L Ente Previdenziale pubblico: - I.N.A.I.L. Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro; (l Ente Previdenziale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE E MOBILIARE DEL COMUNE DI OSTRA

REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE E MOBILIARE DEL COMUNE DI OSTRA REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE E MOBILIARE DEL COMUNE DI OSTRA Approvato con deliberazione di C.C. n. 20 del 15.06.2015 dichiarata immediatamente eseguibile.

Dettagli

BANDO DI GARA per la cessione delle azioni detenute dall AUTOMOBILE CLUB D ITALIA nella CE.P.I.M. Centro Padano Interscambio Merci S.p.A.

BANDO DI GARA per la cessione delle azioni detenute dall AUTOMOBILE CLUB D ITALIA nella CE.P.I.M. Centro Padano Interscambio Merci S.p.A. BANDO DI GARA per la cessione delle azioni detenute dall AUTOMOBILE CLUB D ITALIA nella CE.P.I.M. Centro Padano Interscambio Merci S.p.A. PREMESSA L Automobile Club d Italia (di seguito, per brevità, anche

Dettagli

COMUNE DI TURRIACO Provincia di Gorizia Piazza Libertà, 34 34070- C.F. 00122480312

COMUNE DI TURRIACO Provincia di Gorizia Piazza Libertà, 34 34070- C.F. 00122480312 COMUNE DI TURRIACO Provincia di Gorizia Piazza Libertà, 34 34070- C.F. 00122480312 Servizio Tecnico U.O. Lavori Pubblici e Patrimonio DETERMINAZIONE n 30/TEC 20 febbraio 2013 Oggetto: Determinazione a

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

Il Comune di Rosignano Marittimo

Il Comune di Rosignano Marittimo OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A LOCARE A CANONE SOSTENIBILE, PER ALMENO 15 ANNI, FABBRICATI RESIDENZIALI ESISTENTI, FABBRICATI DA REALIZZARE SU AREE EDIFICABILI O FABBRICATI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 31.07.

REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 31.07. COMUNE DI SARNICO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 31.07.2014 Comune di Sarnico Via Roma,

Dettagli

I Comuni Associati di Cecina, Bibbona, Castagneto Carducci

I Comuni Associati di Cecina, Bibbona, Castagneto Carducci OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A LOCARE A CANONE SOSTENIBILE, PER ALMENO 15 ANNI, FABBRICATI RESIDENZIALI ESISTENTI, FABBRICATI DA REALIZZARE SU AREE EDIFICABILI O FABBRICATI

Dettagli

SPECIALE PER LA VENDITA DI BENI IMMOBILI

SPECIALE PER LA VENDITA DI BENI IMMOBILI COMUNE DI PERUGIA SEGRETERIA GENERALE UNITA OPERATIVA CONTRATTI PATRIMONIO E SERVIZI CIMITERIALI REGOLAMENTO SPECIALE PER LA VENDITA DI BENI IMMOBILI Approvato con atto Consiglio Comunale n. 110 del 07.07.2003

Dettagli

Comune di Pieve a Nievole

Comune di Pieve a Nievole Comune di Pieve a Nievole (Provincia di Pistoia) SETTORE PUBBLICA ISTRUZIONE E INTERVENTI SOCIALI AVVISO PUBBLICO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DA PARTE DI COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B E LORO CONSORZI

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LOCAZIONE DI UN IMMOBILE AD USO COMMERCIALE DI PROPRIETA COMUNALE POSTO IN PIAZZA CAVOUR PIANO TERRA

BANDO PUBBLICO PER LOCAZIONE DI UN IMMOBILE AD USO COMMERCIALE DI PROPRIETA COMUNALE POSTO IN PIAZZA CAVOUR PIANO TERRA BANDO PUBBLICO PER LOCAZIONE DI UN IMMOBILE AD USO COMMERCIALE DI PROPRIETA COMUNALE POSTO IN PIAZZA CAVOUR PIANO TERRA L Amministrazione Comunale di Levanto intende concedere in locazione una unità immobiliare

Dettagli

Comune di Pianello Val Tidone Provincia di Piacenza PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE ANNO 2012

Comune di Pianello Val Tidone Provincia di Piacenza PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE ANNO 2012 PIANO DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE ANNO 2012 PROCEDURA APERTA PER ALIENAZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE -AREE VERDI CATASTALMENTE INDIVIDUATE AL FG. 5 MAPP. 244 AVVISO D ASTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LA GESTIONE DELLE SPONSORIZZAZIONI DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Art. 1 (Finalità)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LA GESTIONE DELLE SPONSORIZZAZIONI DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Art. 1 (Finalità) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E LA GESTIONE DELLE SPONSORIZZAZIONI DELLA PROVINCIA DI ANCONA (approvato con deliberazione consiliare n. 76 del 7/04/2009, in vigore dal 8/06/2009) Art. 1 (Finalità) 1. Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E L ALIENAZIONE DEI TERRENI DI PROPRIETA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E L ALIENAZIONE DEI TERRENI DI PROPRIETA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E L ALIENAZIONE DEI TERRENI DI PROPRIETA DEL COMUNE Deliberazione consiliare n. 87 dd. 9 ottobre 2008 divenuta esecutiva in data 1 novembre 2008 2 REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE Delibera IX/2555 del 24/11/2011 della Giunta regionale della Lombardia L obbligo dell indicazione della classe

Dettagli

Comune di Potenza Unità di Direzione Gestione del Patrimonio - Protezione Civile - Manutenzione e Servizi Tecnici

Comune di Potenza Unità di Direzione Gestione del Patrimonio - Protezione Civile - Manutenzione e Servizi Tecnici Comune di Potenza Unità di Direzione Gestione del Patrimonio - Protezione Civile - Manutenzione e Servizi Tecnici AVVISO PUBBLICO INFORMATIVO PER LA VENDITA DEI BENI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE INSERITI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PROCEDURA APERTA PER LA CONTRAZIONE DI LEASING IMMOBILIARE FINALIZZATO ALL ACQUISTO DELL IMMOBILE PROVANA S.P.A. DESTINATO A NUOVA SEDE UFFICI COMUNALI. (leasing immobiliare

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 47 DEL 29/11/2011

DETERMINAZIONE N. 47 DEL 29/11/2011 Settore n 3 Ufficio Polizia Municipale N. Registro generale 526 DETERMINAZIONE N. 47 DEL 29/11/2011 OGGETTO: Trattativa privata per la vendita di bene mobile comunale. Approvazione avviso e nomina commissione.

Dettagli

REGOLAMENTO SPECIALE PER LA VENDITA DI BENI IMMOBILI. AREA TECNICA Urbanistica e Patrimonio Ufficio Appalti e Contratti

REGOLAMENTO SPECIALE PER LA VENDITA DI BENI IMMOBILI. AREA TECNICA Urbanistica e Patrimonio Ufficio Appalti e Contratti REGOLAMENTO SPECIALE PER LA VENDITA DI BENI IMMOBILI AREA TECNICA Urbanistica e Patrimonio Ufficio Appalti e Contratti 1 REGOLAMENTO SPECIALE PER LA VENDITA DI BENI IMMOBILI (approvato con deliberazione

Dettagli

OFFERTA ECONOMICA (in Busta B), in bollo, riportante, a pena di esclusione:

OFFERTA ECONOMICA (in Busta B), in bollo, riportante, a pena di esclusione: BANDO DI GARA per la cessione delle azioni detenute dall AUTOMOBILE CLUB D ITALIA nella Società di Gestione Aeroporto di Cuneo Levaldigi S.p.A. siglabile GEAC S.p.A. PREMESSA L Automobile Club d Italia

Dettagli

ALLEGATO 4 STUDIO DI FATTIBILITA

ALLEGATO 4 STUDIO DI FATTIBILITA ALLEGATO 4 STUDIO DI FATTIBILITA Procedura aperta per la selezione di una Società di Gestione del Risparmio per l'istituzione e la gestione di un fondo di investimento, immobiliare, chiuso per il patrimonio

Dettagli

Settore Amministrativo e Servizi alla persona

Settore Amministrativo e Servizi alla persona COMUNE DI GIARDINELLO (Provincia Regionale di Palermo) Settore Amministrativo e Servizi alla persona REPERTORIO GENERALE N. 1225 DEL 31.12.2012 DETERMINAZIONE N. 669 DEL 31.12.2012 Oggetto: Determinazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASFERIMENTO A TERZI DEI BENI IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASFERIMENTO A TERZI DEI BENI IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASFERIMENTO A TERZI DEI BENI IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Art. 1 Oggetto del regolamento Gli articoli che seguono disciplinano, ai sensi dell'art. 12, comma 2, della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

Comune di ROE VOLCIANO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI

Comune di ROE VOLCIANO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI Comune di ROE VOLCIANO Provincia di Brescia Via G. Frua, 2 Roè Volciano 25077 tel 0365563611 fax 036563230 C.F./P.I. 00726590987 REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI COMUNALI (ai sensi

Dettagli

C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE

C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL'AREA PATRIMONIO E LAVORI PUBBLICI REGISTRO Determinazioni nr. 91 Del 24/03/2014 Esecutiva dal 24/03/2014 OGGETTO:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE C O M U N E D I ROMANENGO PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ALIENAZIONE DEI BENI IMMOBILI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 57 del 14.10.09 PREMESSA

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI N. 1110 del 23-06-2010 SERVIZIO: FINANZIARIO UFFICIO: GESTIONE PATRIMONIO OGGETTO: Alienazione beni immobili prov.li-

Dettagli

PER L ALIENAZIONE LOTTI P.U.A. COMUNALE RESIDENZIALE DI VIA SORIO IN FRAZIONE CADEGLIOPPI

PER L ALIENAZIONE LOTTI P.U.A. COMUNALE RESIDENZIALE DI VIA SORIO IN FRAZIONE CADEGLIOPPI Comune di Oppeano Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ALIENAZIONE LOTTI P.U.A. COMUNALE RESIDENZIALE DI VIA SORIO IN FRAZIONE CADEGLIOPPI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture Ministero delle Infrastrutture DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE STATALI, L EDILIZIA E LA REGOLAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI Direzione generale per la regolazione dei lavori pubblici CIRCOLARE N. 24734 Del

Dettagli

DETERMINA AREA ECONOMICO- FINANZIARIA

DETERMINA AREA ECONOMICO- FINANZIARIA COMUNE DI SANT ARCANGELO Provincia di Potenza REGISTRO GENERALE Nr. 648 del 08-09-2014 ORIGINALE DETERMINA AREA ECONOMICO- FINANZIARIA Nr. 131 DEL 08-09-2014 OGGETTO : AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFISSIONE

Dettagli

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni:

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni: CONVENZIONE TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PONZANO VENETO E GLI ISTITUTI DI CREDITO RIGUARDANTE LE MODALITA RELATIVE ALLA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER L ACQUISTO, LA COSTRUZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 151 DEL 18/9/2012

DETERMINAZIONE N. 151 DEL 18/9/2012 Ufficio proponente: SERVIZIO EDILIZIA LL.PP. DETERMINAZIONE N. 151 DEL 18/9/2012 IDENTIFICAZIONE DEI TERRENI DI PROPRIETA PRIVATA, UBICATI NELLE AREE AGRICOLE O INDUSTRIALI DEL COMUNE DI NOCETO, SU CUI

Dettagli

Cassa NazioNale del Notariato

Cassa NazioNale del Notariato Il regolamento è stato deliberato ed è operativo essendo stato approvato dai Ministeri vigilanti il piano triennale di investimento. Cassa NazioNale del Notariato Principi generali di offerta in vendita

Dettagli

Bando per la cessione di quote del capitale sociale della società ACCADEMIA ITALIANA DELLA MARINA MERCANTILE s.c.r.l.

Bando per la cessione di quote del capitale sociale della società ACCADEMIA ITALIANA DELLA MARINA MERCANTILE s.c.r.l. Bando per la cessione di quote del capitale sociale della società ACCADEMIA ITALIANA DELLA MARINA MERCANTILE s.c.r.l. ATENE - CENTRO DI ECCELLENZA PER L INNOVAZIONE FORMATIVA società consortile a responsabilità

Dettagli

Provincia di Verona * * * REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI DEI BENI IMMOBILI COMUNALI

Provincia di Verona * * * REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI DEI BENI IMMOBILI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ALIENAZIONI E VALORIZZAZIONI DEI BENI IMMOBILI COMUNALI Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 18/03/2014 - delibera n. 13 IN VIGORE DAL 12/04/2014 INDICE

Dettagli

COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO

COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA FISSAZIONE DEI CANONI DEGLI ALLOGGI DENOMINATI CASETTE DELLA CROCE ROSSA DI PROPRIETÀ DEL COMUNE E NON SOGGETTI ALLA DISCIPLINA

Dettagli

ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA. Sassari, > Al Sig.

ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINÀNTZIAS E URBANÌSTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA. Sassari, > Al Sig. Prot. n. Sassari, > Al Sig. Raccomandata A.R. Oggetto: Comunicazione di avvio del procedimento di alienazione dell immobile sito in Alghero- Fertilia, Via Pola n.,, distinto al catasto al foglio 49, mapp.,,

Dettagli

L Istituto dei Ciechi di Milano procederà a mezzo di asta. pubblica in conformità alla deliberazione n. 40 del 28.02.2011

L Istituto dei Ciechi di Milano procederà a mezzo di asta. pubblica in conformità alla deliberazione n. 40 del 28.02.2011 ISTITUTO DEI CIECHI VIA VIVAIO 7 20122 MILANO ENTE MORALE R.D. 20 settembre 1868 AVVISO DI ASTA PUBBLICA PER LA VENDITA DI UNA UNITA IMMOBILIARE SITA IN MILANO L Istituto dei Ciechi di Milano procederà

Dettagli

PROPOSTA DI ACQUISTO IMMOBILIARE

PROPOSTA DI ACQUISTO IMMOBILIARE PROPOSTA DI ACQUISTO IMMOBILIARE Destinata a divenire contratto PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA in caso di accettazione del venditore Agenzia Immobiliare : STUDIO IMMOBILIARE RICCIO di RICCIO ENRICO Sede

Dettagli

C O M U N E D I P O L I S T E N A PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

C O M U N E D I P O L I S T E N A PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA C O M U N E D I P O L I S T E N A PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA 2^ RIPARTIZIONE SERVIZI FINANZIARI D E T E R M I N A Z I O N E N. 1109 REG. GEN. del 31-12-2013 N. 135 SERVIZI FINANZIARI OGGETTO: Aggiudicazione

Dettagli

COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ALIENAZIONI DI BENI IMMOBILI DEL COMUNE DI SONDRIO

COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ALIENAZIONI DI BENI IMMOBILI DEL COMUNE DI SONDRIO COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ALIENAZIONI DI BENI IMMOBILI DEL COMUNE DI SONDRIO Regolamento approvato con deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI FERRARA ASTA PUBBLICA. Lotto 1) porzione di fabbricato ubicato al piano terra del complesso

COMUNE DI FERRARA ASTA PUBBLICA. Lotto 1) porzione di fabbricato ubicato al piano terra del complesso COMUNE DI FERRARA ASTA PUBBLICA per la vendita di sette immobili di proprietà del Comune di Ferrara: Lotto 1) porzione di fabbricato ubicato al piano terra del complesso immobiliare "Spina B" del Centro

Dettagli

LAVORI DI RIFACIMENTO DELLA PIAZZA CATTEDRALE (EX PIAZZA MARCONI) E DELLE STRADE ADIACENTI Codice CUP I17H11001890002 AVVISO

LAVORI DI RIFACIMENTO DELLA PIAZZA CATTEDRALE (EX PIAZZA MARCONI) E DELLE STRADE ADIACENTI Codice CUP I17H11001890002 AVVISO COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) 2 SERVIZIO ASSETTO ED UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO Unità Operativa Progettazione, LL.PP. e Iniziative Comunitarie Indagine di mercato propedeutica all espletamento

Dettagli

COMUNE DI PULA PROVINCIA DI CAGLIARI Corso Vittorio Emanuele, 28 C.A.P. 09010 Tel. 070.924401 Fax 070. 9245165 Sito www.comune.pula.ca.

COMUNE DI PULA PROVINCIA DI CAGLIARI Corso Vittorio Emanuele, 28 C.A.P. 09010 Tel. 070.924401 Fax 070. 9245165 Sito www.comune.pula.ca. COMUNE DI PULA PROVINCIA DI CAGLIARI Corso Vittorio Emanuele, 28 C.A.P. 09010 Tel. 070.924401 Fax 070. 9245165 Sito www.comune.pula.ca.it SETTORE TECNICO, AMBIENTALE, URBANISTICA, LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 215/E. OGGETTO: Istanza d interpello imposta di registro, ipotecaria e catastale art. 32 d.p.r. 29 settembre 1973, n. 601.

RISOLUZIONE N. 215/E. OGGETTO: Istanza d interpello imposta di registro, ipotecaria e catastale art. 32 d.p.r. 29 settembre 1973, n. 601. RISOLUZIONE N. 215/E Roma, 09 agosto 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza d interpello imposta di registro, ipotecaria e catastale art. 32 d.p.r. 29 settembre 1973, n. 601.

Dettagli

COMUNE DI LANGHIRANO

COMUNE DI LANGHIRANO COMUNE DI LANGHIRANO REGOLAMENTO SPECIALE PER LA VENDITA DI BENI IMMOBILI e MOBILI Approvato con atto Consiglio Comunale n. 39 dell 1/10/2012 Modificato con atto Consiglio Comunale n. 46 del 27/07/2015

Dettagli

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica)

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) CAPO III Edilizia residenziale pubblica Art. 48 (Alienazione

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Sono ammissibili al finanziamento le seguenti tipologie di intervento: 2.1 ) Interventi finalizzati all acquisizione della prima casa.

Sono ammissibili al finanziamento le seguenti tipologie di intervento: 2.1 ) Interventi finalizzati all acquisizione della prima casa. DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA, AL RECUPERO ED ALLA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO DEL COMUNE DI FUSIGNANO ED ALL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI FINALIZZATI ALL ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI FINALIZZATI ALL ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE COMUNE DI MERCATO SARACENO Provincia di Forlì Cesena Settore Segreteria Affari Generali REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI FINALIZZATI ALL ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI CONTRATTI DI LOCAZIONE ED AFFITTO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI CONTRATTI DI LOCAZIONE ED AFFITTO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI CONTRATTI DI LOCAZIONE ED AFFITTO Approvato con deliberazione del Consiglio di amministrazione del 23 luglio 2015 Pagina 2 SOMMARIO Parte 1 Disposizioni generali... 3 Art.

Dettagli

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana Comune di Ascoli Piceno regolamento comunale per l alienazione del patrimonio immobiliare COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana REGOLAMENTO COMUNALE PER L ALIENAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO per l alienazione del patrimonio immobiliare comunitario

REGOLAMENTO per l alienazione del patrimonio immobiliare comunitario REGOLAMENTO per l alienazione del patrimonio immobiliare comunitario APPROVATO CON DELIBERAZIONE ASSEMBLEARE N. 13 DEL 19.05.2011 I N D I C E CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L'ALIENAZIONE DI n. 4 ALLOGGI CON AUTORIMESSA SITI IN VICOLO BANCALEGNO N. 17 A BERGAMO

CAPITOLATO SPECIALE PER L'ALIENAZIONE DI n. 4 ALLOGGI CON AUTORIMESSA SITI IN VICOLO BANCALEGNO N. 17 A BERGAMO P.zza Matteotti n. 3-24121 Bergamo Tel. 035.399412 / fax 035.399050 All. A) CAPITOLATO SPECIALE PER L'ALIENAZIONE DI n. 4 ALLOGGI CON SITI IN VICOLO BANCALEGNO N. 17 A BERGAMO Art. 1 Oggetto del presente

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MANTOVA. Sede Legale ed Uffici Amministrativi: via Trento n. 6-46100 Mantova

AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MANTOVA. Sede Legale ed Uffici Amministrativi: via Trento n. 6-46100 Mantova AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MANTOVA Sede Legale ed Uffici Amministrativi: via Trento n. 6-46100 Mantova Tel. (0376) 3341 - Telefax (0376) 334666 BANDO DI GARA VENDITA DI BENI IMMOBILI L Azienda

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA DI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CASTELVETRO PIACENTINO PER L'ACQUISIZIONE DEL BENE INSERITO, A

SCHEMA DI CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA DI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CASTELVETRO PIACENTINO PER L'ACQUISIZIONE DEL BENE INSERITO, A SCHEMA DI CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA DI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI CASTELVETRO PIACENTINO PER L'ACQUISIZIONE DEL BENE INSERITO, A TITOLO DI PARZIALE CORRISPETTIVO DEL CONTRATTO, NELL

Dettagli