Misurazione, gestione e monitoraggio dei rischi finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misurazione, gestione e monitoraggio dei rischi finanziari"

Transcript

1 CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Misurazione, gestione e monitoraggio dei rischi finanziari Dario Brandolini Banca Intermobiliare Mario Seghelini Banca Esperia 25 Ottobre Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

2 Perché misurare il rischio di un investimento? Risultato atteso Variabilità Orizzonte temporale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

3 Perché misurare il rischio di un investimento? Don t cross a river if it is on average four feet deep N. Taleb Il concetto di Rischio Il Rischio è la probabilità di subire una perdita o un danno Nel caso di un investimento finanziario si tratta più precisamente del rischio di variazioni (negative) del valore di mercato di uno strumento finanziario o del valore di un portafoglio di strumenti finanziari connesse a variazioni inattese delle condizioni di mercato Si tratta quindi della probabilità che l investimento messo in atto produca una perdita, ovviamente con riferimento ad un certo orizzonte temporale. Possiamo da subito intuire che: La perdita potenziale di cui si discute dipende ovviamente in primo luogo da QUANTO ho investito in uno strumento o in un portafoglio di strumenti (ESPOSIZIONE); per anni questa è stata la sola dimensione considerata. Data l esposizione il rischio dipende dalle caratteristiche dello strumento o da quelle aggregate del portafoglio di strumenti. 3

4 Perché misurare il rischio di un investimento? Risultato medio e variabilità Troppo spesso siamo abituati a giudicare un investimento dal rendimento ottenuto alla sua conclusione e non dall evoluzione dello stesso nel tempo. Da questo punto di vista, i due risultati sotto riportati sarebbero identici ; è evidente che invece non lo sono. 30% Serie 1 "variabilità bassa" 30% Serie 2 "variabilità elevata" 25% 20% 25% 20% 15% 15% 10% 10% 5% 5% 0% -5% 0% inizio w eek 6 w eek 12 w eek 18 w eek 24-10% inizio w eek 6 w eek 12 w eek 18 w eek 24 4

5 Perché misurare il rischio di un investimento? Risultato medio e variabilità Se vogliamo avere un idea del diverso comportamento dei rendimenti dei due investimenti, ci dobbiamo affidare a misure della loro dispersione. => nell esempio: le due serie hanno stesso rendimento totale del 27% (e quindi uguale rendimento medio settimanale), ma mostrano misure di dispersione dei rendimenti settimanali molto diverse, vicina a 0 per la prima e pari a circa il 20% per la seconda (simile a quella di una azione in un periodo tranquillo per i mercati finanziari. Statistiche Serie 1 Serie 2 "variabilità bassa" "variabilità elevata" return (TW) 27.0% 27.0% avg weekly return 1.00% 1.00% Ann. Volatility 0.3% 19.7% Ann. Vol. EWMA 0.2% 20.2% Ann. Semi STD 0.0% 10.6% 5

6 Perché misurare il rischio di un investimento? L importanza del punto di ingresso e di uscita Nella realtà l improvvisa necessità di disporre di denaro liquido, la reazione emotiva ad una situazione drammatica di mercato o altri eventi simili potrebbero portarci ad interrompere il nostro investimento, portando alla luce l aspetto cruciale della sua variabilità. => nell esempio dovendo chiudere l investimento dopo 10 sole settimane avremmo ottenuto un rendimento di 9.6% per la serie 1 e di -5.4% per la serie 2. Per anticipare queste considerazioni ed includerle dall inizio nelle scelte compiute ci serve una stima della dispersione attesa dei rendimenti, che orienti le nostre decisioni sul rischio (probabilità di rendimenti negativi) che stiamo per affrontare e ci dia un indicazione conseguente sul probabile orizzonte temporale necessario per realizzare il rendimento teorico atteso. 6

7 Come misurare il rischio di un investimento? L idea I rendimenti passati Il presente ed il futuro Le dimensioni anagrafiche rilevanti I fattori di rischio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

8 Come misurare il rischio di un investimento? Innanzitutto, come abbiamo visto, le misure di rischio sono derivate dai rendimenti di un asset finanziario, che a loro volta sono le variazioni di valore (prezzo) dello stesso asset. quindi, ragionando per semplicità su di un solo titolo: per poter stimare il rischio di un investimento servono (e devono esistere) i prezzi del titolo per un certo orizzonte temporale i prezzi devono essere rappresentativi del valore del titolo, cioè devono essere prezzi realistici cui il titolo potrebbe essere scambiato dai prezzi di ricavano secondo regole precise i rendimenti su una frequenza di interesse (giornaliera, settimanale, mensile) dai rendimenti si possono calcolare le statistiche di dispersione volute, ovviamente riferite al passato e su orizzonti temporali di interesse. A questo punto disponiamo di un buon riassunto statistico del passato. Ci serve? Ci basta? 8

9 Come misurare il rischio di un investimento? E corretto adottare un approccio in cui il rischio viene derivato dal passato del nostro titolo? Possiamo pensare di catturare in questo modo la rischiosità attuale? Il passato potrebbe aver considerato o messo in evidenza solo alcune particolari caratteristiche di uno strumento finanziario e non altre. Queste caratteristiche sono state le cause principali del risultato e della volatilità dei rendimenti. Esempio: new economy indice Nasdaq perf % azione Apple perf % azione ST Microelectronics perf % Esempio: scoppio bolla internet indice Nasdaq perf % azione Apple perf % azione ST Microelectronics perf % 9

10 Come misurare il rischio di un investimento? Nell esempio visto il passato ci dice che siamo in presenza di un indice e due titoli del settore high tech, destinati quindi a mostrare andamenti simili. Il passato sembra aver identificato delle similitudini. E proprio vero? Esempio: crisi EMU indice Nasdaq perf 2011 YTD - 2% azione Apple perf 2011 YTD + 29% azione ST Microelectronics perf 2011 YTD - 32% Un titolo high tech dell area Euro prima era soprattutto high tech, oggi è soprattutto Euro, cioè appartenente ad un area geografica in una fase critica. E domani? Quali dimensioni del titolo interesseranno al mercato? E questo vale per un titolo solo; per un portafoglio di titoli il rischio sarà un fenomeno ovviamente ancora più complesso da decifrare. 10

11 Come misurare il rischio di un investimento? ecco quindi l importanza ai fini dell analisi di rischio di CONOSCERE le dimensioni di uno strumento finanziario (in gergo la sua caratterizzazione anagrafica ), alcune delle quali saranno fondamentali per definire il modello di rischio adatto. grazie a queste, in presenza di un determinato scenario dei mercati finanziari, sarà possibile avere un idea corretta del rischio da associare ad un determinato investimento e della sua attribuzione alle diverse dimensioni di interesse purtroppo altre caratteristiche invece non riusciranno ad entrare in un modello di misurazione ma dovranno restare comunque ben presenti nei ragionamenti dell investitore. 11

12 Come misurare il rischio di un investimento? Possiamo considerare la complessità degli obiettivi di tale analisi partendo da alcuni esempi concreti. 1) Caratteristiche di interesse per un titolo obbligazionario emesso da società privata (corporate): Emittente Settore di attività Paese Valuta Rating Tipo Cedola Ammontare dell emissione Scadenza Subordinazione Strutturazione Numero di controparti di mercato attive nella negoziazione del titolo 12

13 Come misurare il rischio di un investimento? Possiamo considerare la complessità degli obiettivi di tale analisi partendo da alcuni esempi concreti. 2) Caratteristiche di interesse per un titolo azionario: Emittente Settore Paese Valuta Mercato (o Mercati) di quotazione Ultimo dividendo Dividendo atteso Capitale Flottante Scambi medi del titolo sul mercato Struttura dell azionariato Indicatori di bilancio 13

14 Come misurare il rischio di un investimento? Gli esempi precedenti contengono alcune caratteristiche relative a dimensioni non misurabili o solo parzialmente misurabili nella costruzione di un modello di rischio, delle quali comunque l investitore dovrà tenere in qualche modo conto. La principale di queste caratteristiche è la liquidità. Se un titolo è liquido (cioè è scambiato in quantità sufficientemente elevate a prezzi rappresentativi del suo valore) posso definire una misura di rischio per ogni orizzonte temporale di detenzione del titolo, potendo sempre decidere di venderlo ed interrompere l investimento. Se un titolo non ha liquidità, i prezzi perdono di significatività e quindi anche i rendimenti e le statistiche sugli stessi; inoltre, l orizzonte delle eventuali misure di rischio potrebbe non essere sensato. Ad esempio, che valore avrebbe il rischio di perdita mensile di una obbligazione che non potrò vendere per i prossimi tre anni fino a scadenza? Il mio rischio di perdita sarà unicamente quello corrispondente a tre anni di investimento nel titolo, né più né meno. 14

15 Come misurare il rischio di un investimento? In presenza di caratteristiche misurabili, abbiamo tutti gli elementi per impostare la costruzione di un modello di risk management Infatti, se potessimo definire le caratteristiche rilevanti di ogni strumento finanziario ( i fattori di rischio ) e la loro importanza se per ogni fattore di rischio potessimo disporre di una storia di rendimenti misurabili potremmo vedere il rendimento di ogni titolo come la somma ponderata dei rendimenti dei suoi fattori rilevanti potremmo quindi derivare il rischio di ogni strumento come somma ponderata dei rischi dei suoi fattori e un portafoglio di titoli, essendo la somma di titoli che sono la somma di fattori, sarebbe descrivibile come la somma della somma di fattori partendo quindi dall analisi congiunta di rischio dei fattori, potremo quindi disporre di quella del portafoglio e delle statistiche rilevanti per la comprensione del rischio connesso al nostro investimento. 15

16 Come misurare il rischio di un investimento? Cosa sono questi fattori? Ad esempio: Per le azioni: i mercati azionari (FTSEMIB, Nasdaq, ), i settori azionari (telecom, Utilities, Banche, ), le classi di capitalizzazione (Blue Chips, Small Caps, ), la valuta, ecc Per le obbligazioni: i tassi che formano la curva dei rendimenti (1M, 3M, 6M, 1Y, 3Y, ), le classi di rating delle maggiori agenzie, il settore per le obbligazioni corporate, la valuta, Disponendo di una distribuzione per questi fattori e per le loro interazioni possiamo provare a descrivere il comportamento atteso di un titolo, a meno di una componente specifica residuale che avrà a che fare con le caratteristiche peculiari dello strumento finanziario o dell emittente in oggetto. Tutto questo superata qualche piccola questione statistica 16

17 Come misurare il rischio di un investimento? La stima Scelta dei dati Scelta dell orizzonte Modelli di stima S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

18 Rischi di Mercato, come misurarli Abbiamo deciso di misurare il rischio di un titolo/portafoglio a partire dal rischio dei fattori di mercato. Ora come procediamo? I dati storici come stima dei dati veri I risultati realizzati sono certi quindi li misuriamo I rendimenti futuri sono incerti quindi li stimiamo Ma noi non conosciamo il processo che ha generato i dati storici Ad esempio per un mercato azionario (fattore) possiamo formulare molti modelli che cercano di spiegarne l andamento Fondamentale (dividendi, utili, cash flow ) Analisi tecnica Valutazioni relative (azioni vs. obbligazioni) 18

19 Rischi di Mercato, come misurarli Nessun modello è però certo, ovvero testato e replicabile Indice azionario Euro 1/2009 2/2011 Quindi noi in realtà osserviamo un fenomeno (la generazione dei rendimenti su un mercato azionario) di cui non conosciamo (bene) le regole con cui viene prodotto Quando misuriamo i rendimenti storici noi stiamo in realtà campionando dei dati da un fenomeno a noi largamente ignoto 19

20 Rischi di Mercato, come misurarli I dati storici sono solo una realizzazione delle migliaia possibili Indice azionario Euro 1/2009 2/

21 Rischi di Mercato, come misurarli Ma i dati storici possono essere una stima dei dati futuri Analizzando correttamente i dati storici possiamo infatti capire le loro caratteristiche statistiche Indice azionario Euro 2/ /2011 Indice azionario Euro 1/2009 2/2011 Quindi possiamo stimare i dati futuri Creiamo scenari di possibili realizzazioni future 21

22 Rischi di Mercato, come misurarli Da qui in poi le problematiche statistiche sono simili a quelle della vita di tutti giorni: - Su quale orizzonte (di campionamento) vogliamo utilizzare le informazioni passate? - Come catturare tutte le informazioni importanti contenute nei dati? - Come evitare le informazioni fuorvianti Segnale Rumore Maggiore è la frequenza delle osservazione maggiore è l informazione, ma maggiore anche il rumore. 22

23 Rischi di Mercato, come misurarli L impatto della frequenza delle osservazioni infragiornaliere 23

24 Rischi di Mercato, come misurarli L impatto della frequenza delle osservazioni giornaliere 24

25 Rischi di Mercato, come misurarli L impatto della frequenza delle osservazioni settimanali 25

26 Rischi di Mercato, come misurarli L impatto della frequenza delle osservazioni mensili 26

27 Rischi di Mercato, come misurarli Plottiamo ad esempio i rendimenti giornalieri dell indice Nasdaq dal 2001 al

28 Rischi di Mercato, come misurarli Il test di normalità ci conferma che ci sono dei problemi 28

29 Rischi di Mercato, come misurarli Plottiamo i rendimenti settimanali del Nasdaq

30 Rischi di Mercato, come misurarli 30

31 Rischi di Mercato, come misurarli Quale delle quattro è la corretta stima del rischio? Probabilmente tutte e quattro, dipende dall orizzonte di investimento Trading-room: alcuni minuti, 1 max 5 giorni Fondi Comuni: da 1 settimana a 3/6 mesi, mediamente 1 mese Assicurazioni: da 1 mese a 3/6 mesi, max 1 anno (bilancio) Fondi Pensione: da 3/6 mesi a 1 anno Imprese: dipende dal loro settore (cash flow hedging, asset liability management) E per i clienti Privati??? 31

32 Rischi di Mercato, come misurarli Qualunque sia l orizzonte il problema resta sempre lo stesso Segnale Rumore Che potremmo anche tradurre con: usare tutte le informazioni che abbiamo, ma dando un peso diverso ad ogni informazione Quindi, ad esempio, possiamo scegliere di dare peso uguale a tutti i dati o dare un peso maggiore ai dati più recenti perché catturano meglio ciò che ora sta succedendo 32

33 Rischi di Mercato, come misurarli Se diamo peso uguale a tutte le informazioni facciamo una stima ML (media aritmetica) Se diamo maggiore peso alle informazioni recenti facciamo una stima cosiddetta EWMA ( exponentially weighted moving average, cioè possiamo immaginare che il valore segnaletico delle informazioni vecchie decada esponenzialmente) 33

34 Rischi di Mercato, come misurarli Un esempio di stima dei rendimenti medi annuali con i due metodi 34

35 Rischi di Mercato, come misurarli Con i due metodi di stima, ottengo risultati sensibilmente diverso per la misura di dispersione (volatilità) dei rendimenti 35

36 Rischi di Mercato, come misurarli La soluzione preferita è quella di usare un approccio di decadimento esponenziale del valore segnaletico del dato Tale approccio consente di utilizzare tanti dati (tutti quelli che abbiamo) ma dando più importanza ai dati recenti, che catturano meglio i fenomeni recenti dei mercati Dopo ampie ricerche e test empirici si è anche arrivati a definire un valore ideale di decadimento dell informazione per ogni frequenza di osservazione disponibile (es. giornaliera, mensile) e quindi per ogni esigenza dei diversi operatori finanziari. 36

37 I vari metodi per stimare i rischi futuri Finora abbiamo considerato un solo titolo o indice di mercato Se vogliamo considerare un portafoglio di titoli oltre ai punti precedenti dobbiamo considerare anche i co-movimenti dei titoli Bisogna quindi stimare contemporaneamente ciò che succederà ad ogni titolo e le sue correlazioni con tutti gli altri titoli Questo problema è complicato da un fatto fondamentale: la non normalità delle serie finanziarie 37

38 I vari metodi per stimare i rischi futuri Una distribuzione normale o gaussiana ha proprietà interessanti 38

39 I vari metodi per stimare i rischi futuri Purtroppo quasi sempre le distribuzioni dei rendimenti non sono normali In particolare soffrono del fenomeno delle code spesse, cioè hanno maggiori masse di probabilità su valori estremi 39

40 I vari metodi per stimare i rischi futuri La stima dei co-movimenti dei titoli in portafoglio ovvero delle correlazioni fra titoli è cruciale perché sta alla base del criterio della diversificazione di portafoglio Se stimassimo bene le correlazioni future fra titoli potremmo trovare un portafoglio efficiente che ottimizza il rapporto rischio/rendimento Tutta la moderna teoria di portafoglio si basa proprio su questo postulato (Markowitz, CAPM, Fama French ) 40

41 I vari metodi per stimare i rischi futuri L evidenza empirica ci dice però che, esattamente come la volatilità, anche la correlazione non è stabile nel tempo. 41

42 I vari metodi per stimare i rischi futuri e che purtroppo le correlazioni fra gli assets salgono quando le cose vanno male 42

43 I vari metodi per stimare i rischi (futuri) Esistono essenzialmente 3 approcci per affrontare questi problemi Modello Parametrico Modello di Simulazione Storica Modello di Simulazione Monte Carlo 43

44 Modello Parametrico Stima della matrice delle varianze/covarianze ovvero delle correlazioni (EWMA) fra titoli o fra fattori Σ= σ 11 σ12 σ 13 σ σ σ σ 66 BOT OBBL. 1-3 ANNI OBBL ANNI OBBL. CORP.AZ. EMU AZ. USA AZ. EM. MKT. BOT OBBL. 1-3 ANNI OBBL ANNI OBBL. CORP AZ. EMU AZ. USA AZ. EM. MKT Calcolo del rischio di portafoglio ( ) σptf = ω Σ ω

45 Modello Parametrico Se il portafoglio è distribuito normalmente (Teorema del Limite Centrale) ci basta la volatilità (sigma) per conoscere tutta la distribuzione dei rendimenti attesi del portafoglio 45

46 Modello Parametrico Normalmente la frequenza di aggiornamento della matrice è mensile e l orizzonte di stima è mensile Pro: Misure di lungo periodo che tendono a valori medi di rischio dei portafogli, coerenza con modelli di ottimizzazione Contro: Ipotesi di normalità e stabilità delle correlazioni 46

47 Modello di Simulazione Storica I pesi dei titoli in portafoglio alla data più recente vengono bloccati (frozen portfolio) e moltiplicati per i rendimenti realizzati da quei titoli (fattori) nei 2 anni di dati precedenti (es. 500 osservazioni giornaliere) Calcolo delle frequenze dei rendimenti giornalieri e costruzione della distribuzione dei rendimenti attesi Rendimenti passati sono una buona stima dei rendimenti futuri 47

48 Modello di Simulazione Storica

49 Modello Simulazione Storica Normalmente la frequenza di aggiornamento dei dati è giornaliera e l orizzonte di stima è di 1 giorno Pro: Metodo intuitivo e veloce, cattura le correlazioni empiriche fra titoli, distribuzioni non necessariamente normali Contro: Solo 1 scenario dei molti possibili, l estensione dell orizzonte oltre un giorno implica di accettare ipotesi di normalità 49

50 Modello di Simulazione Monte Carlo Si prendono i pesi dell ultimo portafoglio e costruisce la matrice dei dati (es. 500 dati giornalieri) relativi ai titoli o fattori di rischio sottostanti i titoli Si campiona in modo casuale e parallelo (per catturare la correlazione empirica dei dati) in modo da creare il rendimento giornaliero del primo scenario, si ripete l operazione per 5 volte e si ha il primo rendimento settimanale Si ripete l operazione 1000 volte e si hanno 1000 scenari per il portafoglio, si costruisce la distribuzione attesa dei rendimenti 50

51 Modello di Simulazione Monte Carlo 1000 portafogli ottimizzati su orizzonte 190 giorni

52 Modello di Simulazione Monte Carlo Risk Factors Scenarios Pricing Distribuzione di Rend. attesi 52

53 Modello Simulazione Monte Carlo Normalmente la frequenza di aggiornamento dei dati è settimanale e l orizzonte di stima è di un qualunque numero di giorni (da 1 a 250) Pro: Metodo intuitivo e veloce, cattura le correlazioni empiriche fra titoli, distribuzioni non necessariamente normali, sensibile ai salti di volatilità e correlazioni Contro: Richiede tanti dati 53

54 L utilizzo delle informazioni sul rischio Volatilità VaR Contributi al rischio Mitigazione del rischio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

55 Abbiamo un modello di rischio! Alla fine di tutti i passaggi illustrati: - caratteristiche dei titoli - fattori - scelta dei dati - ampiezza campionaria e frequenza - applicazione di una metodologia - creazione della distribuzione stimata dei rendimenti abbiamo un modello di rischio e dei risultati da utilizzare. E chiaro da subito che i molti passaggi e le scelte effettuate non sono univoche e neppure ottimali, ma nell esperienza per l investitore il beneficio di un punto di riferimento supera di gran lunga i limiti del modello con cui questo viene ottenuto. Il buon senso farà il resto. 55

56 Cosa imparare da un modello di rischio Con tutti i limiti prima illustrati, vediamo le maggiori statistiche di sintesi disponibili per i diversi modelli di stima: Volatilità E la radice quadrata della varianza e misura la dispersione dei rendimenti rispetto alla media dei rendimenti stessi: - è un concetto medio di dispersione, - può stimare una perdita in condizioni normali - non una perdita nelle code σ p = n i= 1 ( x i n 1 x) 2 56

57 Cosa imparare da un modello di rischio VaR Il VaR è la perdita attesa su di un certo orizzonte previsto, in modo che ci sia una probabilità pre-definita di avere una perdita effettiva maggiore. Ad esempio, il VaR 1M 95% è il 95o percentile della distribuzione dei rendimenti mensili del portafoglio. I diversi tipi di attività di investimento necessitano di diversi orizzonti di misurazione del VaR: ad esempio il trading desk di una banca avrà dei limiti da non eccedere su base quotidiana e quindi necessiterà di un VaR giornaliero, mentre una gestione patrimoniale potrà porsi un limite di perdita su base settimanale o mensile, a seconda degli strumenti utilizzati e della tolleranza al rischio del cliente. E un investitore privato? 57

58 Cosa imparare da un modello di rischio Contributi alle misure di rischio Grazie al modello di rischio ed alla sua costruzione, è possibile cercare di valutare il ruolo di ogni titolo di un portafoglio o di ogni fattore di rischio nelle misure di rischio e quindi nei rendimenti attesi di un portafoglio. E questa la parte più interessante per un investitore, che può in questo modo verificare non solo la sua attitudine rispetto alle dimensioni di rischio che emergono dalla stima ma anche la corrispondenza delle sue attese sui contributi al rendimento atteso con quanto il modello indica Ad esempio, alcuni titoli o alcuni fattori (es. il settore azionario high tech, o la curva dei tassi di interesse) potrebbero risultare dominanti sul comportamento atteso del portafoglio, oltre quanto si era voluto costruire. La corretta interpretazione di questi segnali è un importante fattore di mitigazione dei rischi. 58

59 In sintesi La misurazione del rischio di mercato non è null altro che la stima dei rendimenti attesi!! Ovvero della loro distribuzione. E chiaro quindi che non esiste una soluzione per tutte le esigenze e tutti gli orizzonti di investimento: le Banche necessitano su orizzonti brevi e medi di misure di rischio su cui valutare la propria adeguatezza patrimoniale le Sgr necessitano di risposte sugli orizzonti (medi) del proprio processo di investimento e comunque sugli orizzonti contrattuali dei mandati dei clienti le Assicurazioni necessitano di misure di rischio di medio termine su cui valutare il probabile valore di portafogli a riserva rispetto ai propri impegni con i clienti ed i privati? sono i soggetti che hanno più bisogno di conoscere il rischio dei propri investimenti e di capire su quale orizzonte vogliono davvero operare nei propri investimenti 59

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi.

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. Come un comodo abito ogni investimento deve essere fatto su misura.

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Economia Intermediari Finanziari 1

Economia Intermediari Finanziari 1 Economia Intermediari Finanziari Il rischio, inteso come possibilità che il rendimento atteso da un investimento in strumenti finanziari, sia diverso da quello atteso è funzione dei seguenti elementi:

Dettagli

18 novembre 2014. La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina

18 novembre 2014. La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina 18 novembre 2014 La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina Costruire un portafoglio? REGOLE BASE IDENTIFICARE GLI OBIETTIVI INVESTIMENTO E RISCHIO IDONEO ORIZZONTE TEMPORALE Asset allocation Diversificazione

Dettagli

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione:

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Il passaggio dalla crisi finanziaria al Nuovo contesto regolamentare Milan, 7 giugno 2010 GENERALI INVESTMENTS Generali

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008

M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008 M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008 CAP. 5 (2a PARTE) LA STIMA DEL COSTO OPPORTUNITA DEL CAPITALE 1 LA STIMA

Dettagli

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION Zurich Investments Life S.p.A. Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2007) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments

Dettagli

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1 LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO Giuseppe G. Santorsola 1 Rendimento e rischio Rendimento e rischio di un singolo titolo Rendimento e rischio di un portafoglio Rendimento ex post Media aritmetica dei rendimenti

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

MULTICOMPARTO QUESTIONS & ANSWERS

MULTICOMPARTO QUESTIONS & ANSWERS MULTICOMPARTO QUESTIONS & ANSWERS 1 D1: Che cos è il multicomparto? Il multicomparto è la nuova offerta del fondo basata su più profili di gestione (comparti), che offre agli associati l opportunità di

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio Finanza Aziendale Lezione 12 Analisi del rischio Obiettivi i della lezione I rendimenti e la loro misurazione I rendimenti medi ed il loro rischio La misurazione del rischio e l effetto diversificazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO

DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO DOCUMENTO SUL MULTICOMPARTO Aggiornamento: giugno 2013 1 Dalla sua origine nel 1987 e fino al 31 dicembre 2008 il Fondo ha adottato un modello di gestione basato su una convenzione assicurativa, gestita

Dettagli

Finanza Aziendale. Misura e valutazione del

Finanza Aziendale. Misura e valutazione del Teoria della Finanza Aziendale Misura e valutazione del rischio 7 1- Argomenti Il rischio Il rischio negli investimenti finanziari La misurazione del rischio Varianza e scarto quadratico medio Il rischio

Dettagli

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento Data xx/xx/xxxx Piano di Intervento Cliente: ESEMPIO/09/03/1 Gentile CLIENTE, Il presente elaborato è stato redatto sulla base di quanto emerso durante i nostri precedenti incontri e costituisce uno strumento

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca?

2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca? 2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca? Venerdì 29 novembre 2013 In questo Diario di Bordo parliamo in sintesi: MERCATO OBBLIGAZIONARIO. MEGLIO FONDI O ETF? MEGLIO OPERARE CON UNA SOLA SOCIETA DI GESTIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Modelli finanziari quantitativi

Modelli finanziari quantitativi Modelli finanziari quantitativi 17 giugno 2010 Premessa La contrapposizione tradizionale tra analisi fondamentale (sulle variabili caratteristiche di un fenomeno economico-finanziario) e analisi tecnica

Dettagli

Firenze, 30 maggio 2012

Firenze, 30 maggio 2012 Firenze, 30 maggio 2012 specchio Specchio, specchio delle mie brame, chi è il fondo più bello del reame? Come selezionate i fondi dei vostri clienti? Quali parametri usate per selezionare i fondi? I rendimenti

Dettagli

La realtà di Banca Aletti

La realtà di Banca Aletti CAPIRE CAPIRE E GESTIRE GESTIRE I RISCHI RISCHI FINANZIARI FINANZIARI Sistemi di risk management a confronto: La realtà di Banca Aletti Christian Donati Milano, 7 Novembre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA

Dettagli

A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk. Assignment finale

A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk. Assignment finale A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk Assignment finale NB: per ottenere risultati uniformi attraverso i gruppi di lavoro, si raccomanda per lo svolgimento degli esercizi l utilizzo

Dettagli

Coniugare esigenza e soluzione d investimento: controllare i rischi con l approccio Global Macro. Marco Serventi Senior Relationship Manager AMUNDI

Coniugare esigenza e soluzione d investimento: controllare i rischi con l approccio Global Macro. Marco Serventi Senior Relationship Manager AMUNDI Coniugare esigenza e soluzione d investimento: controllare i rischi con l approccio Global Macro Marco Serventi Senior Relationship Manager AMUNDI EFPA Italia Meeting 2014, 5/6 Giugno Lecce Siamo stati

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Investments Life S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2014) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments Life

Dettagli

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Fausto Tenini - Analista Quantitativo presso Ufficio Studi MF-MilanoFinanza - Prof. presso Univ. Statale di Milano, facoltà

Dettagli

Arca Strategia Globale: i nuovi fondi a rischio controllato

Arca Strategia Globale: i nuovi fondi a rischio controllato Arca Strategia Globale: i nuovi fondi a rischio controllato Risponde: Federico Mosca, Responsabile Absolute Return I tre Fondi Nella nostra gamma prodotti, i fondi che adottano la metodologia di investimento

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Life Insurance Italia S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2013) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Life Insurance

Dettagli

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2003/2004 1 Indice La Capital Market Theory di Markowitz Il Teorema della separazione di Tobin e la Capital Market Line

Dettagli

S.A.P. ANALISI DI PORTAFOGLIO

S.A.P. ANALISI DI PORTAFOGLIO S.A.P. ANALISI DI PORTAFOGLIO Milano, 03/11/2015 INDICE 1. PORTAFOGLIO ATTUALE 2. ANALISI DEL PORTAFOGLIO Per macro asset class Per micro asset class Per tipologia di prodotto Per valuta 3. ANALISI DEI

Dettagli

La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti

La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti Corso tecnico e pratico La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti Calcolo delle expected losses e del credit VaR Valutazione di congruità degli spread contrattuali

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal Lettura delle schede Giunta alla sua decima edizione, la Guida permette agli investitori di accedere ad analisi indipendenti e nuovi strumenti per la selezione dei fondi, compresi i Morningstar Analyst

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

Modelli di portafoglio

Modelli di portafoglio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Modelli di portafoglio Corso di Risk Management Milano, 26 Marzo 2008 Perchè stimare EL e UL: un esempio Actual Portfolio Loss 2.00% 1.80% 1.60%

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR che permette di definire personalmente, pur nel rispetto dei limiti e criteri indicati nel Contratto, la composizione del

Dettagli

D1. In cosa si sostanzia il principio della persona prudente?

D1. In cosa si sostanzia il principio della persona prudente? Questo mi pare l ultimo giorno per dare una risposta. Innanzitutto complimenti per l approccio. Rende la comunicazione molto più facile e la lettura più efficace. Non sono un esperto dei temi che vengono

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione 1/16 TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione SEZIONE III - INFORMAZIONI SULL AAMENTO DELLA GESTIONE valida dal 26 aprile 2010 Dati aggiornati al 31 dicembre

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION Zurich Investments Life S.p.A. Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2009) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments

Dettagli

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1.

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1. Appendice 5A La struttura temporale dei tassi di interesse, dei tassi spot e del rendimento alla scadenza Nel capitolo 5 abbiamo ipotizzato che il tasso di interesse rimanga costante per tutti i periodi

Dettagli

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 A chi si rivolge Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 info Prodotto Eurizon Cedola Attiva Più Luglio 2019 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento del

Dettagli

LINEA GARANTITA. Benchmark:

LINEA GARANTITA. Benchmark: LINEA GARANTITA Finalità della gestione: Risponde alle esigenze di un soggetto con bassa propensione al rischio attraverso una gestione che è volta a realizzare, con elevata probabilità, rendimenti che

Dettagli

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura Economica IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO ALESSANDRO BIANCHI 20 Novembre 2014 Indice Introduzione: cosa intendiamo

Dettagli

Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO. Pasquale Iandolo

Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO. Pasquale Iandolo Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO Pasquale Iandolo Laboratorio analisi ASL 4 Chiavarese, Lavagna (GE) 42 Congresso Nazionale SIBioC Roma

Dettagli

AND NON CAP WEIGHTED PORTFOLIO

AND NON CAP WEIGHTED PORTFOLIO SOCIALLY RESPONSIBLE INVESTMENT AND NON CAP WEIGHTED PORTFOLIO Forum per la Finanza Sostenibile Milano 30 giugno 2009 Giulio Casuccio Head of Quantitatives Strategies and Research Principi ed obiettivi:

Dettagli

DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE

DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA relativa al programma di prestiti obbligazionari denominato BANCA DELLE MARCHE S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE BANCA delle MARCHE SPA EURIBOR 3M 08/10

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

I dati riportati nella presente sezione 3 INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE sono aggiornati al 31.12.2012 e vengono rivisti annualmente.

I dati riportati nella presente sezione 3 INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE sono aggiornati al 31.12.2012 e vengono rivisti annualmente. 3. INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE AVIVA VITA - PRO FUTURO PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE Data di efficacia della presente Sezione: 1 aprile 2013 INFORMAZIONI

Dettagli

Come leggere il posizionamento competitivo dei nostri fondi

Come leggere il posizionamento competitivo dei nostri fondi COS È IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO L analisi comparativa della performance di un fondo con quella dei diretti concorrenti Il posizionamento competitivo è il risultato dell analisi comparativa della performance

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

Cosa vi ricordate di quello che abbiamo visto la volta scorsa? LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO.

Cosa vi ricordate di quello che abbiamo visto la volta scorsa? LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO. LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO Docente: Roberto M. Brioli Collaboratore: dott. Mirko Bisulli Alcune considerazioni sul finanziamento del progetto Cosa vi ricordate di quello che abbiamo

Dettagli

MODULO 2 www.sapienzafinanziaria.com. la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani

MODULO 2 www.sapienzafinanziaria.com. la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani MODULO 2 www.sapienzafinanziaria.com la formazione finanziaria è il miglior investimento per il tuo domani Lezione n. 1 Edizione marzo / giugno 2015 La simulazione del trading su dati storici www.sapienzafinanziaria.com

Dettagli

Piùpotenza per lemie performance di trading.

Piùpotenza per lemie performance di trading. Piùpotenza per lemie performance di trading. Mini Futures Certificate Comunicazione pubblicitaria/promozionale. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo. Strumenti finanziari strutturati a

Dettagli

Diversifica et Impera La forza tranquilla del Fondo Comune - Citywire

Diversifica et Impera La forza tranquilla del Fondo Comune - Citywire Pagina 1 di 10 Diversifica et Impera La forza tranquilla del Fondo Comune DiSimone Funghi / 28 luglio 2015 Ebbene sì. Esiste. Non è una leggenda metropolitana. Non è come il Bigfoot o Nessy a Lochness.

Dettagli

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione Contenuti 1. Asset liability management: il contesto e le evoluzioni 2. L approccio di Generali

Dettagli

Chi è Cassa Forense?

Chi è Cassa Forense? Chi è Cassa Forense? Una fondazione di diritto privato che cura la previdenza e l assistenza degli Avvocati 10 0 % altri investimenti 415 e che gestisce un patrimonio a valori di mercato al 31.12.2011

Dettagli

Capital budgeting. Luca Deidda. Uniss, CRENoS, DiSEA. Luca Deidda (Uniss, CRENoS, DiSEA) Lecture 19 1 / 1

Capital budgeting. Luca Deidda. Uniss, CRENoS, DiSEA. Luca Deidda (Uniss, CRENoS, DiSEA) Lecture 19 1 / 1 Capital budgeting Luca Deidda Uniss, CRENoS, DiSEA Luca Deidda (Uniss, CRENoS, DiSEA) Lecture 19 1 / 1 Introduzione Scaletta Introduzione Incertezza e costo del capitale Costo del capitale di rischio (equity

Dettagli

Sostenibilità e gestione finanziaria nelle casse di previdenza: esperienze a confronto

Sostenibilità e gestione finanziaria nelle casse di previdenza: esperienze a confronto Sostenibilità e gestione finanziaria nelle casse di previdenza: esperienze a confronto Il punto di vista dell asset manager Michele Boccia Responsabile Clientela Istituzionale Eurizon Capital SGR Milano,

Dettagli

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto

ZED OMNIFUND fondo pensione aperto Zurich Investments Life S.p.A. ZED OMNIFUND fondo pensione aperto INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2014) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments Life

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP Banca Popolare del Lazio Step Up 24/11/2009 24/11/2012, Codice Isin IT0004549686 Le presenti Condizioni

Dettagli

Prodotti di base: le azioni

Prodotti di base: le azioni Rimini, 17 18 maggio 2007 ITF, Italian Trading Forum I temi dell intervento: Cosa sono le azioni Il rendimento delle azioni Come si determina il prezzo dell azione L orizzonte temporale dell investimento

Dettagli

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448

INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI TASSO FISSO Banca Popolare del Lazio 3,50% 20/09/2011-20/09/2013 54ª DI MASSIMI 15.000.000,00 ISIN IT0004761448 Le presenti

Dettagli

Test di ammissione al Corso di Laurea magistrale a numero programmato in: Finanza, Intermediari e Mercati - CLAMFIM (cod. 0901)

Test di ammissione al Corso di Laurea magistrale a numero programmato in: Finanza, Intermediari e Mercati - CLAMFIM (cod. 0901) Test di ammissione al Corso di Laurea magistrale a numero programmato in: Finanza, Intermediari e Mercati - CLAMFIM (cod. 0901) Classe: LM-16 (Finanza) Anno Accademico 2011/2012 1 1) Secondo qualsiasi

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti finanziari in un contesto di flussi finanziari certi, tuttavia

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

rendimento PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore. 2. Valutazione del rischio: Introduzione a rischio e rendimento; Teoria del portafoglio e CAPM;

rendimento PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore. 2. Valutazione del rischio: Introduzione a rischio e rendimento; Teoria del portafoglio e CAPM; PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore.. Valutazione del rischio: Introduzione a rischio e rendimento; Teoria del portafoglio e CAPM; Rischio e capital budgeting Introduzione a rischio e rendimento 3. Decisioni

Dettagli

Indice Banca IMI IMINext Reflex

Indice Banca IMI IMINext Reflex Indice Banca IMI Specialisti per la finanza... pag. 4 IMINext Una linea di prodotti di finanza personale... pag. 5 Reflex Un paniere ufficiale... pag. 6 I mercati a portata di mano... pag. 7 Una replica

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli

2 + (σ2 - ρσ 1 ) 2 > 0 [da -1 ρ 1] b = (σ 2. 2 - ρσ1 σ 2 ) = (σ 1

2 + (σ2 - ρσ 1 ) 2 > 0 [da -1 ρ 1] b = (σ 2. 2 - ρσ1 σ 2 ) = (σ 1 1 PORTAFOGLIO Portafoglio Markowitz (2 titoli) (rischiosi) due titoli rendimento/varianza ( μ 1, σ 1 ), ( μ 2, σ 2 ) Si suppone μ 1 > μ 2, σ 1 > σ 2 portafoglio con pesi w 1, w 2 w 1 = w, w 2 = 1- w 1

Dettagli

Strategie α nella costruzione di portafoglio. 03 Maggio 2012

Strategie α nella costruzione di portafoglio. 03 Maggio 2012 Strategie α nella costruzione di portafoglio 03 Maggio 2012 AGENDA La costruzione di portafoglio Le strategie alpha Il portafoglio con strategie alpha LA COSTRUZIONE DI UN PORTAFOGLIO FINANZIARIO Un portafoglio

Dettagli

Roma, 17 novembre 2009

Roma, 17 novembre 2009 Roma, 17 novembre 2009 definizione: rischio rischio: l esposizione ad un evento futuro ed incerto considerato dannoso; in finanza per rischio si intende: l eventualità di conseguire rendimenti inferiori

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 6 giugno A cura dell

Dettagli

TURBO Certificate Long & Short

TURBO Certificate Long & Short TURBO Certificate Long & Short Fai scattare la leva dei tuoi investimenti x NEGOZIABILI SUL MERCATO SEDEX DI BORSA ITALIANA Investi a Leva su indici e azioni! Scopri i vantaggi dei TURBO Long e Short Certificate

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DEI GESTORI FINANZIARI

QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DEI GESTORI FINANZIARI ALLEGATO 2 QUESTIONARIO PER LA SELEZIONE DEI GESTORI FINANZIARI AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE I punti 1 e 2 riguardano i prerequisiti e sono relativi al gruppo di appartenenza del candidato. Gli altri

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge info Prodotto è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un

Dettagli

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) 0 CAPM: si fonda sul presupposto che investitori realizzino diversificazione di portafoglio remunerazione solo del rischio non diversificabile R i =K el* = R f + β i x

Dettagli

Portafogli consigliati

Portafogli consigliati 21 giugno 2013 Portafogli consigliati Gestioni Omnia Portafogli consigliati Gestioni Omnia Indice La view e le scelte di portafoglio VaR adeguatezza Portafogli consigliati Gestioni Omnia Area Riserva Area

Dettagli

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.

Relatori. Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63. Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10. Relatori Dott. Paolo Pepe Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria

Dettagli

TITOLI DI STATO (BTP, CCT, CTZ, BOC)

TITOLI DI STATO (BTP, CCT, CTZ, BOC) TITOLI DI STATO (BTP, CCT, CTZ, BOC) Analisi fondamentale dei Titoli di Stato Prontuario Intervista per l Investitore 2 Titolo Analisi fondamentale dei Titoli di Stato Autore www.proiezionidiborsa.com

Dettagli

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 A chi si rivolge Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 info Prodotto Eurizon Soluzione Cedola Più Ottobre 2020 è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che mira ad ottimizzare il rendimento

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013 Il rischio nei finanziamenti collateralizzati Convegno ABI BASILEA 3-2013 28 giugno 2013 Agenda 1. Il contesto 2. 3. Limiti e linee di sviluppo 2 Il contesto Cresce l utilizzo del collateral Il contesto

Dettagli