Misurazione, gestione e monitoraggio dei rischi finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misurazione, gestione e monitoraggio dei rischi finanziari"

Transcript

1 CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Misurazione, gestione e monitoraggio dei rischi finanziari Dario Brandolini Banca Intermobiliare Mario Seghelini Banca Esperia 25 Ottobre Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

2 Perché misurare il rischio di un investimento? Risultato atteso Variabilità Orizzonte temporale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

3 Perché misurare il rischio di un investimento? Don t cross a river if it is on average four feet deep N. Taleb Il concetto di Rischio Il Rischio è la probabilità di subire una perdita o un danno Nel caso di un investimento finanziario si tratta più precisamente del rischio di variazioni (negative) del valore di mercato di uno strumento finanziario o del valore di un portafoglio di strumenti finanziari connesse a variazioni inattese delle condizioni di mercato Si tratta quindi della probabilità che l investimento messo in atto produca una perdita, ovviamente con riferimento ad un certo orizzonte temporale. Possiamo da subito intuire che: La perdita potenziale di cui si discute dipende ovviamente in primo luogo da QUANTO ho investito in uno strumento o in un portafoglio di strumenti (ESPOSIZIONE); per anni questa è stata la sola dimensione considerata. Data l esposizione il rischio dipende dalle caratteristiche dello strumento o da quelle aggregate del portafoglio di strumenti. 3

4 Perché misurare il rischio di un investimento? Risultato medio e variabilità Troppo spesso siamo abituati a giudicare un investimento dal rendimento ottenuto alla sua conclusione e non dall evoluzione dello stesso nel tempo. Da questo punto di vista, i due risultati sotto riportati sarebbero identici ; è evidente che invece non lo sono. 30% Serie 1 "variabilità bassa" 30% Serie 2 "variabilità elevata" 25% 20% 25% 20% 15% 15% 10% 10% 5% 5% 0% -5% 0% inizio w eek 6 w eek 12 w eek 18 w eek 24-10% inizio w eek 6 w eek 12 w eek 18 w eek 24 4

5 Perché misurare il rischio di un investimento? Risultato medio e variabilità Se vogliamo avere un idea del diverso comportamento dei rendimenti dei due investimenti, ci dobbiamo affidare a misure della loro dispersione. => nell esempio: le due serie hanno stesso rendimento totale del 27% (e quindi uguale rendimento medio settimanale), ma mostrano misure di dispersione dei rendimenti settimanali molto diverse, vicina a 0 per la prima e pari a circa il 20% per la seconda (simile a quella di una azione in un periodo tranquillo per i mercati finanziari. Statistiche Serie 1 Serie 2 "variabilità bassa" "variabilità elevata" return (TW) 27.0% 27.0% avg weekly return 1.00% 1.00% Ann. Volatility 0.3% 19.7% Ann. Vol. EWMA 0.2% 20.2% Ann. Semi STD 0.0% 10.6% 5

6 Perché misurare il rischio di un investimento? L importanza del punto di ingresso e di uscita Nella realtà l improvvisa necessità di disporre di denaro liquido, la reazione emotiva ad una situazione drammatica di mercato o altri eventi simili potrebbero portarci ad interrompere il nostro investimento, portando alla luce l aspetto cruciale della sua variabilità. => nell esempio dovendo chiudere l investimento dopo 10 sole settimane avremmo ottenuto un rendimento di 9.6% per la serie 1 e di -5.4% per la serie 2. Per anticipare queste considerazioni ed includerle dall inizio nelle scelte compiute ci serve una stima della dispersione attesa dei rendimenti, che orienti le nostre decisioni sul rischio (probabilità di rendimenti negativi) che stiamo per affrontare e ci dia un indicazione conseguente sul probabile orizzonte temporale necessario per realizzare il rendimento teorico atteso. 6

7 Come misurare il rischio di un investimento? L idea I rendimenti passati Il presente ed il futuro Le dimensioni anagrafiche rilevanti I fattori di rischio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

8 Come misurare il rischio di un investimento? Innanzitutto, come abbiamo visto, le misure di rischio sono derivate dai rendimenti di un asset finanziario, che a loro volta sono le variazioni di valore (prezzo) dello stesso asset. quindi, ragionando per semplicità su di un solo titolo: per poter stimare il rischio di un investimento servono (e devono esistere) i prezzi del titolo per un certo orizzonte temporale i prezzi devono essere rappresentativi del valore del titolo, cioè devono essere prezzi realistici cui il titolo potrebbe essere scambiato dai prezzi di ricavano secondo regole precise i rendimenti su una frequenza di interesse (giornaliera, settimanale, mensile) dai rendimenti si possono calcolare le statistiche di dispersione volute, ovviamente riferite al passato e su orizzonti temporali di interesse. A questo punto disponiamo di un buon riassunto statistico del passato. Ci serve? Ci basta? 8

9 Come misurare il rischio di un investimento? E corretto adottare un approccio in cui il rischio viene derivato dal passato del nostro titolo? Possiamo pensare di catturare in questo modo la rischiosità attuale? Il passato potrebbe aver considerato o messo in evidenza solo alcune particolari caratteristiche di uno strumento finanziario e non altre. Queste caratteristiche sono state le cause principali del risultato e della volatilità dei rendimenti. Esempio: new economy indice Nasdaq perf % azione Apple perf % azione ST Microelectronics perf % Esempio: scoppio bolla internet indice Nasdaq perf % azione Apple perf % azione ST Microelectronics perf % 9

10 Come misurare il rischio di un investimento? Nell esempio visto il passato ci dice che siamo in presenza di un indice e due titoli del settore high tech, destinati quindi a mostrare andamenti simili. Il passato sembra aver identificato delle similitudini. E proprio vero? Esempio: crisi EMU indice Nasdaq perf 2011 YTD - 2% azione Apple perf 2011 YTD + 29% azione ST Microelectronics perf 2011 YTD - 32% Un titolo high tech dell area Euro prima era soprattutto high tech, oggi è soprattutto Euro, cioè appartenente ad un area geografica in una fase critica. E domani? Quali dimensioni del titolo interesseranno al mercato? E questo vale per un titolo solo; per un portafoglio di titoli il rischio sarà un fenomeno ovviamente ancora più complesso da decifrare. 10

11 Come misurare il rischio di un investimento? ecco quindi l importanza ai fini dell analisi di rischio di CONOSCERE le dimensioni di uno strumento finanziario (in gergo la sua caratterizzazione anagrafica ), alcune delle quali saranno fondamentali per definire il modello di rischio adatto. grazie a queste, in presenza di un determinato scenario dei mercati finanziari, sarà possibile avere un idea corretta del rischio da associare ad un determinato investimento e della sua attribuzione alle diverse dimensioni di interesse purtroppo altre caratteristiche invece non riusciranno ad entrare in un modello di misurazione ma dovranno restare comunque ben presenti nei ragionamenti dell investitore. 11

12 Come misurare il rischio di un investimento? Possiamo considerare la complessità degli obiettivi di tale analisi partendo da alcuni esempi concreti. 1) Caratteristiche di interesse per un titolo obbligazionario emesso da società privata (corporate): Emittente Settore di attività Paese Valuta Rating Tipo Cedola Ammontare dell emissione Scadenza Subordinazione Strutturazione Numero di controparti di mercato attive nella negoziazione del titolo 12

13 Come misurare il rischio di un investimento? Possiamo considerare la complessità degli obiettivi di tale analisi partendo da alcuni esempi concreti. 2) Caratteristiche di interesse per un titolo azionario: Emittente Settore Paese Valuta Mercato (o Mercati) di quotazione Ultimo dividendo Dividendo atteso Capitale Flottante Scambi medi del titolo sul mercato Struttura dell azionariato Indicatori di bilancio 13

14 Come misurare il rischio di un investimento? Gli esempi precedenti contengono alcune caratteristiche relative a dimensioni non misurabili o solo parzialmente misurabili nella costruzione di un modello di rischio, delle quali comunque l investitore dovrà tenere in qualche modo conto. La principale di queste caratteristiche è la liquidità. Se un titolo è liquido (cioè è scambiato in quantità sufficientemente elevate a prezzi rappresentativi del suo valore) posso definire una misura di rischio per ogni orizzonte temporale di detenzione del titolo, potendo sempre decidere di venderlo ed interrompere l investimento. Se un titolo non ha liquidità, i prezzi perdono di significatività e quindi anche i rendimenti e le statistiche sugli stessi; inoltre, l orizzonte delle eventuali misure di rischio potrebbe non essere sensato. Ad esempio, che valore avrebbe il rischio di perdita mensile di una obbligazione che non potrò vendere per i prossimi tre anni fino a scadenza? Il mio rischio di perdita sarà unicamente quello corrispondente a tre anni di investimento nel titolo, né più né meno. 14

15 Come misurare il rischio di un investimento? In presenza di caratteristiche misurabili, abbiamo tutti gli elementi per impostare la costruzione di un modello di risk management Infatti, se potessimo definire le caratteristiche rilevanti di ogni strumento finanziario ( i fattori di rischio ) e la loro importanza se per ogni fattore di rischio potessimo disporre di una storia di rendimenti misurabili potremmo vedere il rendimento di ogni titolo come la somma ponderata dei rendimenti dei suoi fattori rilevanti potremmo quindi derivare il rischio di ogni strumento come somma ponderata dei rischi dei suoi fattori e un portafoglio di titoli, essendo la somma di titoli che sono la somma di fattori, sarebbe descrivibile come la somma della somma di fattori partendo quindi dall analisi congiunta di rischio dei fattori, potremo quindi disporre di quella del portafoglio e delle statistiche rilevanti per la comprensione del rischio connesso al nostro investimento. 15

16 Come misurare il rischio di un investimento? Cosa sono questi fattori? Ad esempio: Per le azioni: i mercati azionari (FTSEMIB, Nasdaq, ), i settori azionari (telecom, Utilities, Banche, ), le classi di capitalizzazione (Blue Chips, Small Caps, ), la valuta, ecc Per le obbligazioni: i tassi che formano la curva dei rendimenti (1M, 3M, 6M, 1Y, 3Y, ), le classi di rating delle maggiori agenzie, il settore per le obbligazioni corporate, la valuta, Disponendo di una distribuzione per questi fattori e per le loro interazioni possiamo provare a descrivere il comportamento atteso di un titolo, a meno di una componente specifica residuale che avrà a che fare con le caratteristiche peculiari dello strumento finanziario o dell emittente in oggetto. Tutto questo superata qualche piccola questione statistica 16

17 Come misurare il rischio di un investimento? La stima Scelta dei dati Scelta dell orizzonte Modelli di stima S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

18 Rischi di Mercato, come misurarli Abbiamo deciso di misurare il rischio di un titolo/portafoglio a partire dal rischio dei fattori di mercato. Ora come procediamo? I dati storici come stima dei dati veri I risultati realizzati sono certi quindi li misuriamo I rendimenti futuri sono incerti quindi li stimiamo Ma noi non conosciamo il processo che ha generato i dati storici Ad esempio per un mercato azionario (fattore) possiamo formulare molti modelli che cercano di spiegarne l andamento Fondamentale (dividendi, utili, cash flow ) Analisi tecnica Valutazioni relative (azioni vs. obbligazioni) 18

19 Rischi di Mercato, come misurarli Nessun modello è però certo, ovvero testato e replicabile Indice azionario Euro 1/2009 2/2011 Quindi noi in realtà osserviamo un fenomeno (la generazione dei rendimenti su un mercato azionario) di cui non conosciamo (bene) le regole con cui viene prodotto Quando misuriamo i rendimenti storici noi stiamo in realtà campionando dei dati da un fenomeno a noi largamente ignoto 19

20 Rischi di Mercato, come misurarli I dati storici sono solo una realizzazione delle migliaia possibili Indice azionario Euro 1/2009 2/

21 Rischi di Mercato, come misurarli Ma i dati storici possono essere una stima dei dati futuri Analizzando correttamente i dati storici possiamo infatti capire le loro caratteristiche statistiche Indice azionario Euro 2/ /2011 Indice azionario Euro 1/2009 2/2011 Quindi possiamo stimare i dati futuri Creiamo scenari di possibili realizzazioni future 21

22 Rischi di Mercato, come misurarli Da qui in poi le problematiche statistiche sono simili a quelle della vita di tutti giorni: - Su quale orizzonte (di campionamento) vogliamo utilizzare le informazioni passate? - Come catturare tutte le informazioni importanti contenute nei dati? - Come evitare le informazioni fuorvianti Segnale Rumore Maggiore è la frequenza delle osservazione maggiore è l informazione, ma maggiore anche il rumore. 22

23 Rischi di Mercato, come misurarli L impatto della frequenza delle osservazioni infragiornaliere 23

24 Rischi di Mercato, come misurarli L impatto della frequenza delle osservazioni giornaliere 24

25 Rischi di Mercato, come misurarli L impatto della frequenza delle osservazioni settimanali 25

26 Rischi di Mercato, come misurarli L impatto della frequenza delle osservazioni mensili 26

27 Rischi di Mercato, come misurarli Plottiamo ad esempio i rendimenti giornalieri dell indice Nasdaq dal 2001 al

28 Rischi di Mercato, come misurarli Il test di normalità ci conferma che ci sono dei problemi 28

29 Rischi di Mercato, come misurarli Plottiamo i rendimenti settimanali del Nasdaq

30 Rischi di Mercato, come misurarli 30

31 Rischi di Mercato, come misurarli Quale delle quattro è la corretta stima del rischio? Probabilmente tutte e quattro, dipende dall orizzonte di investimento Trading-room: alcuni minuti, 1 max 5 giorni Fondi Comuni: da 1 settimana a 3/6 mesi, mediamente 1 mese Assicurazioni: da 1 mese a 3/6 mesi, max 1 anno (bilancio) Fondi Pensione: da 3/6 mesi a 1 anno Imprese: dipende dal loro settore (cash flow hedging, asset liability management) E per i clienti Privati??? 31

32 Rischi di Mercato, come misurarli Qualunque sia l orizzonte il problema resta sempre lo stesso Segnale Rumore Che potremmo anche tradurre con: usare tutte le informazioni che abbiamo, ma dando un peso diverso ad ogni informazione Quindi, ad esempio, possiamo scegliere di dare peso uguale a tutti i dati o dare un peso maggiore ai dati più recenti perché catturano meglio ciò che ora sta succedendo 32

33 Rischi di Mercato, come misurarli Se diamo peso uguale a tutte le informazioni facciamo una stima ML (media aritmetica) Se diamo maggiore peso alle informazioni recenti facciamo una stima cosiddetta EWMA ( exponentially weighted moving average, cioè possiamo immaginare che il valore segnaletico delle informazioni vecchie decada esponenzialmente) 33

34 Rischi di Mercato, come misurarli Un esempio di stima dei rendimenti medi annuali con i due metodi 34

35 Rischi di Mercato, come misurarli Con i due metodi di stima, ottengo risultati sensibilmente diverso per la misura di dispersione (volatilità) dei rendimenti 35

36 Rischi di Mercato, come misurarli La soluzione preferita è quella di usare un approccio di decadimento esponenziale del valore segnaletico del dato Tale approccio consente di utilizzare tanti dati (tutti quelli che abbiamo) ma dando più importanza ai dati recenti, che catturano meglio i fenomeni recenti dei mercati Dopo ampie ricerche e test empirici si è anche arrivati a definire un valore ideale di decadimento dell informazione per ogni frequenza di osservazione disponibile (es. giornaliera, mensile) e quindi per ogni esigenza dei diversi operatori finanziari. 36

37 I vari metodi per stimare i rischi futuri Finora abbiamo considerato un solo titolo o indice di mercato Se vogliamo considerare un portafoglio di titoli oltre ai punti precedenti dobbiamo considerare anche i co-movimenti dei titoli Bisogna quindi stimare contemporaneamente ciò che succederà ad ogni titolo e le sue correlazioni con tutti gli altri titoli Questo problema è complicato da un fatto fondamentale: la non normalità delle serie finanziarie 37

38 I vari metodi per stimare i rischi futuri Una distribuzione normale o gaussiana ha proprietà interessanti 38

39 I vari metodi per stimare i rischi futuri Purtroppo quasi sempre le distribuzioni dei rendimenti non sono normali In particolare soffrono del fenomeno delle code spesse, cioè hanno maggiori masse di probabilità su valori estremi 39

40 I vari metodi per stimare i rischi futuri La stima dei co-movimenti dei titoli in portafoglio ovvero delle correlazioni fra titoli è cruciale perché sta alla base del criterio della diversificazione di portafoglio Se stimassimo bene le correlazioni future fra titoli potremmo trovare un portafoglio efficiente che ottimizza il rapporto rischio/rendimento Tutta la moderna teoria di portafoglio si basa proprio su questo postulato (Markowitz, CAPM, Fama French ) 40

41 I vari metodi per stimare i rischi futuri L evidenza empirica ci dice però che, esattamente come la volatilità, anche la correlazione non è stabile nel tempo. 41

42 I vari metodi per stimare i rischi futuri e che purtroppo le correlazioni fra gli assets salgono quando le cose vanno male 42

43 I vari metodi per stimare i rischi (futuri) Esistono essenzialmente 3 approcci per affrontare questi problemi Modello Parametrico Modello di Simulazione Storica Modello di Simulazione Monte Carlo 43

44 Modello Parametrico Stima della matrice delle varianze/covarianze ovvero delle correlazioni (EWMA) fra titoli o fra fattori Σ= σ 11 σ12 σ 13 σ σ σ σ 66 BOT OBBL. 1-3 ANNI OBBL ANNI OBBL. CORP.AZ. EMU AZ. USA AZ. EM. MKT. BOT OBBL. 1-3 ANNI OBBL ANNI OBBL. CORP AZ. EMU AZ. USA AZ. EM. MKT Calcolo del rischio di portafoglio ( ) σptf = ω Σ ω

45 Modello Parametrico Se il portafoglio è distribuito normalmente (Teorema del Limite Centrale) ci basta la volatilità (sigma) per conoscere tutta la distribuzione dei rendimenti attesi del portafoglio 45

46 Modello Parametrico Normalmente la frequenza di aggiornamento della matrice è mensile e l orizzonte di stima è mensile Pro: Misure di lungo periodo che tendono a valori medi di rischio dei portafogli, coerenza con modelli di ottimizzazione Contro: Ipotesi di normalità e stabilità delle correlazioni 46

47 Modello di Simulazione Storica I pesi dei titoli in portafoglio alla data più recente vengono bloccati (frozen portfolio) e moltiplicati per i rendimenti realizzati da quei titoli (fattori) nei 2 anni di dati precedenti (es. 500 osservazioni giornaliere) Calcolo delle frequenze dei rendimenti giornalieri e costruzione della distribuzione dei rendimenti attesi Rendimenti passati sono una buona stima dei rendimenti futuri 47

48 Modello di Simulazione Storica

49 Modello Simulazione Storica Normalmente la frequenza di aggiornamento dei dati è giornaliera e l orizzonte di stima è di 1 giorno Pro: Metodo intuitivo e veloce, cattura le correlazioni empiriche fra titoli, distribuzioni non necessariamente normali Contro: Solo 1 scenario dei molti possibili, l estensione dell orizzonte oltre un giorno implica di accettare ipotesi di normalità 49

50 Modello di Simulazione Monte Carlo Si prendono i pesi dell ultimo portafoglio e costruisce la matrice dei dati (es. 500 dati giornalieri) relativi ai titoli o fattori di rischio sottostanti i titoli Si campiona in modo casuale e parallelo (per catturare la correlazione empirica dei dati) in modo da creare il rendimento giornaliero del primo scenario, si ripete l operazione per 5 volte e si ha il primo rendimento settimanale Si ripete l operazione 1000 volte e si hanno 1000 scenari per il portafoglio, si costruisce la distribuzione attesa dei rendimenti 50

51 Modello di Simulazione Monte Carlo 1000 portafogli ottimizzati su orizzonte 190 giorni

52 Modello di Simulazione Monte Carlo Risk Factors Scenarios Pricing Distribuzione di Rend. attesi 52

53 Modello Simulazione Monte Carlo Normalmente la frequenza di aggiornamento dei dati è settimanale e l orizzonte di stima è di un qualunque numero di giorni (da 1 a 250) Pro: Metodo intuitivo e veloce, cattura le correlazioni empiriche fra titoli, distribuzioni non necessariamente normali, sensibile ai salti di volatilità e correlazioni Contro: Richiede tanti dati 53

54 L utilizzo delle informazioni sul rischio Volatilità VaR Contributi al rischio Mitigazione del rischio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

55 Abbiamo un modello di rischio! Alla fine di tutti i passaggi illustrati: - caratteristiche dei titoli - fattori - scelta dei dati - ampiezza campionaria e frequenza - applicazione di una metodologia - creazione della distribuzione stimata dei rendimenti abbiamo un modello di rischio e dei risultati da utilizzare. E chiaro da subito che i molti passaggi e le scelte effettuate non sono univoche e neppure ottimali, ma nell esperienza per l investitore il beneficio di un punto di riferimento supera di gran lunga i limiti del modello con cui questo viene ottenuto. Il buon senso farà il resto. 55

56 Cosa imparare da un modello di rischio Con tutti i limiti prima illustrati, vediamo le maggiori statistiche di sintesi disponibili per i diversi modelli di stima: Volatilità E la radice quadrata della varianza e misura la dispersione dei rendimenti rispetto alla media dei rendimenti stessi: - è un concetto medio di dispersione, - può stimare una perdita in condizioni normali - non una perdita nelle code σ p = n i= 1 ( x i n 1 x) 2 56

57 Cosa imparare da un modello di rischio VaR Il VaR è la perdita attesa su di un certo orizzonte previsto, in modo che ci sia una probabilità pre-definita di avere una perdita effettiva maggiore. Ad esempio, il VaR 1M 95% è il 95o percentile della distribuzione dei rendimenti mensili del portafoglio. I diversi tipi di attività di investimento necessitano di diversi orizzonti di misurazione del VaR: ad esempio il trading desk di una banca avrà dei limiti da non eccedere su base quotidiana e quindi necessiterà di un VaR giornaliero, mentre una gestione patrimoniale potrà porsi un limite di perdita su base settimanale o mensile, a seconda degli strumenti utilizzati e della tolleranza al rischio del cliente. E un investitore privato? 57

58 Cosa imparare da un modello di rischio Contributi alle misure di rischio Grazie al modello di rischio ed alla sua costruzione, è possibile cercare di valutare il ruolo di ogni titolo di un portafoglio o di ogni fattore di rischio nelle misure di rischio e quindi nei rendimenti attesi di un portafoglio. E questa la parte più interessante per un investitore, che può in questo modo verificare non solo la sua attitudine rispetto alle dimensioni di rischio che emergono dalla stima ma anche la corrispondenza delle sue attese sui contributi al rendimento atteso con quanto il modello indica Ad esempio, alcuni titoli o alcuni fattori (es. il settore azionario high tech, o la curva dei tassi di interesse) potrebbero risultare dominanti sul comportamento atteso del portafoglio, oltre quanto si era voluto costruire. La corretta interpretazione di questi segnali è un importante fattore di mitigazione dei rischi. 58

59 In sintesi La misurazione del rischio di mercato non è null altro che la stima dei rendimenti attesi!! Ovvero della loro distribuzione. E chiaro quindi che non esiste una soluzione per tutte le esigenze e tutti gli orizzonti di investimento: le Banche necessitano su orizzonti brevi e medi di misure di rischio su cui valutare la propria adeguatezza patrimoniale le Sgr necessitano di risposte sugli orizzonti (medi) del proprio processo di investimento e comunque sugli orizzonti contrattuali dei mandati dei clienti le Assicurazioni necessitano di misure di rischio di medio termine su cui valutare il probabile valore di portafogli a riserva rispetto ai propri impegni con i clienti ed i privati? sono i soggetti che hanno più bisogno di conoscere il rischio dei propri investimenti e di capire su quale orizzonte vogliono davvero operare nei propri investimenti 59

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Rischio e Volatilità

Rischio e Volatilità 2 Meeting annuale SellaAdvice Trading Rho,, 20 novembre 2004 Rischio e Volatilità Relatore: Maurizio Milano Da dove deve partire un analisi tecnica operativa a supporto di un attività di trading? L elemento

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

ALEA Tech Reports. I modelli interni per la valutazione del rischio di mercato secondo l approccio del Value at Risk

ALEA Tech Reports. I modelli interni per la valutazione del rischio di mercato secondo l approccio del Value at Risk ALEA Tech Reports I modelli interni per la valutazione del rischio di mercato secondo l approccio del Value at Risk Flavio Bazzana Tech Report Nr. 11 Giugno 2001 Alea - Centro di ricerca sui rischi finanziari

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse

Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse Misurazione dei rendimenti: una rassegna delle tecniche più diffuse L interesse principale di chi ha sottoscritto un fondo d investimento è quello di conoscere di quanto sia cresciuta la propria ricchezza,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze L approccio parametrico o delle varianze-covarianze Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il VaR nell ipotesi di

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana ***

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana *** LA BORSA ITALIANA DAL 1928 Indice annuale dei corsi della Borsa italiana La serie storica dell indice di borsa dal 2 gennaio 1928 al 3 giugno 213 è stata elaborata a puro titolo indicativo. Essa è stata

Dettagli

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset.

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Indice Chi Siamo Azienda Conte Diamonds 2 Investire in Diamanti 3 Vantaggi dell investimento in Diamanti 5 Il Diamante. Un investimento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

L asset management di Banca Fideuram

L asset management di Banca Fideuram L asset management di Banca Fideuram 1 LA SOCIETA 2 La struttura societaria Banca Fideuram 3 Italia 99.5% Irlanda 100% Lussemburgo 99.94% Fideuram Investimenti SGR Gestioni Patrimoniali Fondi Comuni di

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati BIOSTATISTICA 3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Strategie basate su indicatori fondamentali e di volatilità: un applicazione al mercato europeo degli ETF settoriali

Strategie basate su indicatori fondamentali e di volatilità: un applicazione al mercato europeo degli ETF settoriali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Economia Marco Biagi Corso di laurea specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Curriculum Analisi Finanziaria Strategie basate

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli