Autismo e altri DGS collaborazione fra genitori e professionisti e il parent training. a cura di Flavia Caretto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Autismo e altri DGS collaborazione fra genitori e professionisti e il parent training. a cura di Flavia Caretto"

Transcript

1 Autismo e altri DGS collaborazione fra genitori e professionisti e il parent training a cura di Flavia Caretto Sommario Breve storia della contrapposizione fra genitori e professionisti Motivi a sostegno della collaborazione Collaborazione nella diagnosi e nella valutazione Collaborazione nell intervento Formazione dei genitori e genitori a sostegno dei genitori La relazione d aiuto Conclusioni e prospettive Breve storia della contrapposizione fra genitori e professionisti I motivi storici della contrapposizione Identificazione recente della sindrome autistica e primi approcci teorici all autismo Autismo come fenomeno invisibile e quindi psicologico Storico gap di potere nella relazione medico-paziente Convinzioni storiche sulla relazione madre-bambino La falsa credenza: l autismo ha una relazione diretta con il comportamento dei genitori, in particolare delle madri: in breve, sono le madri a causare l autismo del figlio (a partire dagli anni 40) La falsa evidenza: i bambini sono fisicamente sani, sono belli (!), i fratelli sono sani (!), i genitori sono chiaramente disturbati (!), non esiste una causa organica dell autismo (e ancora: famiglie altolocate, genitori freddi ) La conseguenza erronea: il bambino deve essere allontanato dalla famiglia, deve godere della privacy e della sicurezza di buoni sostituti genitoriali, grazie ai quali trovare il coraggio di aprirsi (psicoterapia) il circolo vizioso dell incomprensione: perchè? Professionista

2 Paura del fallimento (il bambino è oggettivamente difficile e non so che fare ) Paura del giudizio (pensano che io non sia in grado) Necessità di mantenere la stima di se (sto facendo quello che è meglio) Necessità di attribuire il fallimento all esterno (non è colpa mia se va male, è colpa loro) Necessità di giustificare le proprie azioni professionali (il mio lavoro si basa su studi autorevoli ) il circolo vizioso: perchè? Genitore Paura del giudizio (pensano che sia colpa mia) Ansia per il futuro (cosa succederà? Se va male, chi seguirà il mio bambino?) Convinzioni negative storiche nei confronti dei professionisti (questo professionista è probabilmente incompetente come gli altri) Necessità di gestire e controllare ciò che riguarda il figlio (devo essere sicuro che per mio figlio si stia facendo il meglio) Necessità di essere aiutato e di fidarsi di qualcuno (non posso farcela da solo) Genitori e professionisti: una motivazione in comune! Ad entrambi interessa il bambino! Motivi a sostegno della collaborazione ➄ la famiglia è la prima risorsa del bambino ➄ e, ad oggi, è la principale risorsa della persona con autismo nel tempo ➄ i genitori sono coloro che amano maggiormente il bambino, lo conosco più di chiunque e sono responsabili di lui ➄ la motivazione dei familiari ha sollecitato i maggiori cambiamenti sociali, culturali e scientifici sull autismo ➄ il benessere del bambino passa attraverso il benessere dei suoi familiari Motivi a sostegno della collaborazione inoltre... ➄ 1. l autismo è un disturbo generalizzato o pervasivo : esiste 24 ore su 24, tende a perdurare ed è ambiente-dipendente ➄ 2. uno dei principali problemi di apprendimento nell autismo è legato alla generalizzazione

3 ➄ per cui l implicazione dei familiari nella valutazione, definizione degli obiettivi ed intervento non è solo un diritto ➄ ma anche una necessità per ottenere risultati effettivi dall intervento Collaborazione: diagnosi e valutazione Sospetto diagnostico Considerazioni è il genitore che generalmente nota per primo delle particolarità nello sviluppo del figlio Il bambino non può essere osservato o diagnosticato se il genitore non si rivolge ad un Servizio diagnostico L intervento precoce ha più probabilità di ottenere buoni risultati Conseguenze operative I genitori devono essere informati al pari di insegnanti e pediatri, di quali possono essere i primi segni È necessario stabilire un alleanza con i genitori al fine di ottimizzare e rendere precoci le segnalazioni Collaborazione: diagnosi e valutazione Valutazione Considerazioni Non è possibile definire l intervento da fare senza valutazione I genitori conoscono il bambino meglio di chiunque altro e possono mediare la relazione con gli osservatori La collaborazione con il genitore durante la valutazione facilita la restituzione dei risultati Conseguenze operative Prima di vedere il bambino è necessario raccogliere informazioni dai genitori I genitori devono essere informati in precedenza di ciò che verrà fatto durante la valutazione I genitori devono poter osservare la valutazione Collaborazione: diagnosi e valutazione Diagnosi Considerazioni Il bambino con autismo è ambiente-dipendente, per cui non è possibile avere informazioni esaustive su di lui senza ricorrere ai familiari Una buona comprensione della diagnosi ed una partecipazione attiva del genitore offre al genitore l opportunità di assumere un ruolo attivo nel lavoro successivo Conseguenze operative Spiegare ai genitori di cosa si tratta e cosa comporta il disturbo dello sviluppo e l autismo Effettuare insieme ai genitori alcuni passi topici della diagnosi (es: ADI R) e soprattutto discutere insieme i criteri del DSM IV Essere franchi e diretti (non brutali!) e aiutare la famiglia nel difficile momento che sta vivendo Collaborazione: intervento Considerazioni

4 Il professionista mira ad aiutare il bambino a funzionare meglio in ambiente naturale Conseguenze operative Il professionista deve mettere in grado i caregiver naturali di interagire positivamente con il bambino Collaborazione: intervento Ascoltare le priorità dei genitori Definire insieme gli obiettivi Implicare attivamente i familiari nel modo più naturale possibile rispettando il contesto familiare preservando affettivamente la casa e il ruolo proteggendo il benessere familiare Verificare costantemente con i familiari la presenza di cambiamenti e progressi e la spendibilità ecologica degli apprendimenti Collaborazione: contesto dell intervento Intervento in un contesto specialistico Richiedere l aiuto del genitore Intervenire lasciandosi osservare dal genitore Aiutare il genitore ad attuare ciò che ha osservato Scambiare feedback su quanto succede Intervento a casa Aiutare i genitori nell organizzazione domestica Provare a migliorare le capacità di comunicazione e interazione del bambino e dei familiari in contesto domestico Aiutare il genitore ad interagire più efficacemente nel contesto domestico Attenzione! il genitore NON È l educatore, il riabilitatore, il terapeuta bensì è genitore di un bambino speciale e come tale necessita di un aiuto speciale per essere un buon genitore. Tutti i genitori si occupano della crescita dei propri figli. È possibile confrontarsi con una crescita speciale come quella di un bambino con autismo, senza avere informazioni speciali, capacità speciali, un aiuto speciale?

5 Collaborazione Suggerimenti per il professionista Cercare informazioni su quelle che vengono considerate le buone prassi per l intervento sull autismo Fornire, prima dell inizio dell intervento, un informazione chiara degli obiettivi, dei risultati attesi, delle aspettative nei confronti del genitore, e spiegando ciò che farà Dare rilievo alle informazioni che il genitore fornisce sul bambino Dare rilievo a quelli che sono gli obiettivi del genitore, i suoi sentimenti, le sue paure e le sue speranze Accettare di mettere in discussione il proprio punto di vista, e di assumere, almeno momentaneamente, quello del genitore Mostrargli la terapia, fornirgli testi, invitarlo alle formazioni Coinvolgerlo nei propri dubbi, facendolo partecipe dei problemi (senza dargliene il carico!) e discutendo insieme i risultati Essere consapevole che il bambino non è il proprio figlio, e che la persona che sarà sempre responsabile del bambino, e che non è sostituibile, è il genitore I genitori per i genitori Niente su di noi senza di noi Il parent training o la formazione dei genitori Obiettivi Il parent training mira a rendere i genitori consapevoli delle possibilità di intervento su una problematica che riguarda i figli o la loro relazione con questi inoltre fornisce ai genitori la possibilità di sollecitare interventi adeguati da parte dei professionisti può tendere a creare una rete di auto e mutuo aiuto all interno di un gruppo di persone che ha in comune delle caratteristiche e condivide lo stesso linguaggio, gli stessi bisogni e la stessa prospettiva. Tipologie ed evoluzione Informazione e formazione informale Formazione alla famiglia Home training Colloqui in setting clinico Formazione a gruppi di genitori Su argomenti educativi

6 Su problematiche di gestione domestica e relazionale Avvio dell auto-aiuto Attività in gruppo Si effettua generalmente a partire da incontri tematici che prevedono l esposizione di un esperto ( docente, trainer, tutor ) su argomenti teorici considerati di rilievo per il miglioramento della qualità della vita in famiglia Gli argomenti vengono trattati in gruppo secondo la modalità del dibattito, con esempi pratici e la possibilità, per i partecipanti, di condividere la propria esperienza e contribuire al dibattito con la mediazione del tutor Nei gruppi è generalmente prevista la partecipazione, diretta o indiretta, di un genitore esperto e anziano, in qualità di coordinatore. Preparazione dei gruppi Si effettua generalmente attraverso l analisi dei bisogni dei genitori Tramite colloquio intervista alla coppia Tramite questionario (per i gruppi) È possibile prevedere un periodo di parent training di coppia con l obiettivo di preparare la famiglia all inserimento in un gruppo Evoluzione Il parent training di coppia si risolve con l evoluzione del problema del bambino e della famiglia, o con l invito della famiglia di entrare a far parte di un gruppo o di una associazione parentale Il parent training di gruppo, si evolve generalmente nei gruppi di auto e mutuo aiuto, dove il professionista può fungere da facilitatore (ma può anche non essere presente, nei gruppi più evoluti) e le famiglie contano sull aiuto reciproco Genitori a sostegno dei genitori Il parent to parent I gruppi di auto e mutuo aiuto Le associazioni dei genitori I genitori - professionisti e una comunità a sostegno I gruppi di fratelli

7 La sensibilizzazione a scuola La cultura dell autismo Collaborazione Suggerimenti per il genitore Informarsi sugli sviluppi della ricerca e sulle buone prassi per l autismo Chiarire con il professionista prima di iniziare un intervento, la propria posizione, i propri obiettivi e le proprie aspettative Fare richieste chiare, decise, operative, motivate ma non aggressive Implicarsi, per quanto concerne il proprio ruolo, nel lavoro educativo Confrontarsi con altri genitori e lavorando per un progetto comune che ampli le conoscenze e la cultura sull autismo Lavorare a livello politico affinché siano diffuse e accettate le buone prassi Aiutare il professionista concretamente e politicamente a migliorare il servizio Essere consapevole di non poter aiutare professionalmente il proprio figlio (magari, altri bambini, si!) e di dover avere fiducia in un buon professionista INFO Per essere sempre aggiornati sul punto di vista dei genitori, si suggerisce di abbonarsi a: INFORMAUTISMO Per informazioni: Autismo Italia ONLUS, via Pinaroli, 3, Milano, tel , fax , e mail il sito di Autismo Italia, curato da Donata Vivanti Bollettino dell ANGSA Per informazioni: ANGSA, via Casal Bruciato, 13, Roma, tel e fax , È possibile leggere testi scritti da genitori, come: Claiborne Park C (2001) Via dal Nirvana: vita con una figlia autistica. Astrolabio: Roma Sereni C (1994) Diario. In AAVV, Mi riguarda, e/o: Roma Oppure libri in cui viene preso in considerazione il punto di vista dei genitori, come: Asperger H (2003) Bizzarri, isolati e intelligenti. Erickson: Trento Brauner A & F (1983) Vivere con un bambino autistico. Giunti Barbera: Firenze Brauner A & F (1986, it 2002) Storia degli autismi. Erickson: Trento Hanau C. & Mariani Cerati D. (a cura di) (2003) Il nostro autismo quotidiano: storie di genitori e figli. Erickson: Trento Peeters T (1998) Autismo infantile. Phoenix: Roma Powers M (1994) Autismo: guida per genitori ed educatori. Raffaello Cortina: Milano Schopler E (1998) Autismo in famiglia: manuale di sopravvivenza per genitori. Erickson: Trento

8 La relazione d aiuto Dispensa di Flavia Caretto università di roma tor vergata Che cos è la relazione d aiuto La relazione d aiuto è un processo che comporta una crescita di una o di entrambe le persone coinvolte attraverso la relazione Nel contesto delle relazioni d aiuto, è possibile individuare una linea di specializzazione progressiva, che parte dalle relazioni spontanee della vita quotidiana per arrivare a forme di aiuto via via più complesse che si definiscono ( ) come counseling o psicoterapia (adattato da Carkhuff, 1987, it 98, vol. 1) Il counseling Il counseling consiste nell aiutare qualcuno a comprendere una situazione e a gestire un problema prendendo da solo e pienamente la responsabilità delle eventuali scelte (autodeterminazione) Si basa sul presupposto che nella persona vi siano le risorse interiori e che l aiuto debba consistere nel rendere possibile una riattivazione o riorganizzazione di queste risorse originarie gli atteggiamenti personali dell helper I due attori del counseling possono essere definiti helper o colui che aiuta e colui che viene aiutato (paziente? cliente? Persona!) Due autori hanno definito gli atteggiamenti o disposizioni personali dell helper come Rogers autenticità e congruenza accettazione positiva incondizionata empatia Carkhuff confronto e immediatezza

9 Autenticità e congruenza Essere se stessi, ovvero essere realmente come si appare, senza negare la propria personalità ma esprimendola Mostrare una autentica congruenza o coerenza fra ciò che si è e ciò che si sente (emozioni) ciò che si pensa (pensieri) ciò che si fa (comportamenti) Accettazione positiva incondizionata Essere interessati sinceramente e profondamente all altro come essere umano, sospendendo il giudizio su idee e motivazioni, sentimenti e comportamenti dell altro Empatia Capacità di mettersi al posto dell altro, di vedere il mondo come lo vede l altro, nei suoi significati più intimi e personali; sentire insieme all altro (come se si fosse l altro), continuando a mantenere la propria identità senza eccessiva intellettualizzazione e senza confondersi con l altro e provare per forza simpatia (avere sentimenti positivi di adesione personale in comune con l altro) Confronto e immediatezza Essere pronti a confrontarsi su discrepanze o incongruenze distorsioni giochi e tattiche relazionali evasioni Essere capaci di riferirsi a ciò che avviene nella relazione al momento

10 Gli stili di comunicazione Aggressivo Passivo Aggressivo Passivo ASSERTIVO Le modalità della relazione d aiuto L accoglienza L attenzione, l ascolto e il rispecchiamento La parafrasi Gli esempi, le metafore, i gerghi L autorivelazione L uso delle informazioni La ridefinizione Disporsi all accoglienza Una pausa di silenzio fra due incontri Preparare il setting Spazio Connotazione degli ambienti Disposizione delle sedie Personalizzazione dell arredo Tempo Comunicare calma e disponibilità Presentazione e cura di sé Abbigliamento, trucco, capigliatura Pulizia, monili, profumi Attenzione, ascolto e rispecchiamento Dare attenzione e ascolto Sguardo Retroazione o feedback Assenso vocale e motorio Rispecchiamento para verbale e non verbale Para verbale Volume, altezza, intensità, velocità, fluenza Non verbale Mimica, gestualità, orientazione e postura

11 Movimenti Distanze e spazi interpersonali La parafrasi Parafrasare significa riformulare verbalmente quello che l interlocutore sta dicendo, ripetendolo con parole proprie, riassumendolo e chiarificandolo Si può parafrasare cominciando con: Lei mi sta dicendo Se ho ben capito Quindi mi sembra che In altre parole Non si tratta di ripetere a pappagallo ciò che ha detto l interlocutore! Bensì di riorganizzare ciò che dice l altro in maniera personale ma senza tradirne il senso. La parafrasi può essere fatta: al contenuto Riformulazione dei contenuti espliciti, dei fatti raccontati dall altro Risponde alle domande: cosa è successo? Di cosa mi sta parlando? Come mi sentirei io al suo posto? all emozione Riproposizione dei sentimenti che l altro dice di aver provato o che sembra provare al momento Risponde alle domande: come si è sentito? Come si sente adesso? al significato Riproposizione di contenuti ed emozioni insieme Risponde alle domande: qual è il senso di ciò che dice questa persona e di come lo dice? Cosa sta cercando veramente di dirmi? Il linguaggio verbale Gli esempi Le metafore Uso di linguaggio gergale Uso di linguaggio tecnico Dare del tu, del lei, del voi L autorivelazione L autorivelazione ovvero il parlare di sé può essere fatto nella relazione d aiuto, quando è davvero pertinente, non per suscitare simpatia o per togliere uno spazio all interlocutore, bensì per fornire l esempio di un esperienza sentita con un autentica partecipazione

12 stare insieme quando le cose sono difficili Quando l altro ci porta sentimenti di lutto, di disperazione, di impotenza cosa possiamo fare? Imparare a stare insieme su qualcosa, condividere in silenzio, risuonare della stessa emozione, senza andare in pezzi aiutare quando è impossibile cambiare le cose Imparare ad accettare che certe cose non si possono cambiare: si può aiutare qualcuno a convivere meglio con gli eventi aiutare quando vorremmo cambiare l altro... Per quanto si possa desiderarlo, non si può salvare lo spirito di un altra persona. Si può soltanto indurlo a lottare per salvarsi (Donna Williams) Imparare ad accettare che non possiamo cambiare l altro: possiamo solo aiutarlo a trovare una motivazione a cambiare, e sostenerlo nel suo percorso Fornire informazioni Mettere in grado l interlocutore di reperire informazioni Citare le fonti Distinguere il parere personale dalla fonte Contestualizzare, ovvero: manipolazione vs correttezza e umiltà dire la verità senza ferire e senza rovesciare il carico dell informazione sull interlocutore Ridefinire Ridefinire in positivo significa cogliere la parte della situazione utilizzabile concretamente per un possibile miglioramento di fatto o di prospettiva (accettazione) Insegnare a ridefinire in positivo Mostrandosi come modelli Sollecitando la ridefinizione con domande dirette Aiutare ad identificare obiettivi Con il problem solving Come vorrebbe che andasse, invece? Cosa si potrebbe fare?

13 Quali potrebbero essere le conseguenze? È realistico? È davvero attuabile? Un aiuto a partire concretamente Riassumere quello che è stato fatto Definire insieme le cose da fare Obiettivi Attività Fare un piano a piccoli passi Dare speranza, mostrare disponibilità e presenza E poi? E poi, salutare. Salutare mia madre mi diceva: lascia un piccolo oggetto alle persone, si ricorderanno di te Finite con qualcosa di positivo Date qualcosa all altro (metaforicamente o concretamente), lasciandolo libero di prenderla o meno Non pensate che DEBBA esserci un seguito: definite appuntamenti futuri, ma chiudete ogni incontro come se fosse l unico Lasciate sempre aperta una porta Le regole del counseling Adattate da Meier e Davis. Guida al Counseling: in 40 regole fondamentali, cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto. Franco Angeli Le regole del counseling Entrate in contatto con la persona Prepararsi ad accogliere Presentarsi Fase sociale Create un alleanza Spiegate alla persona chi siete e quello che farete insieme, ed eventualmente alcune regole (es: il segreto professionale )

14 Accompagnate e guidate la persona: non siete voi a decidere per l interlocutore, ma dovete essere realmente presenti! Parlate poco Se non sapete cosa dire, non dite niente Quanto più avete fatto sentire la persona sostenuta, tanto più potete fare delle obiezioni Se volete cambiare qualcosa, fatene oggetto del counseling Personalizzate: usate le vostre parole, i vostri oggetti, i vostri gesti con consapevolezza! Attenti alle resistenze: se la persona non vuole entrare in contatto con qualcosa ha i suoi buoni motivi! Se affrontate una problematica, attenti: dovete poi saperla gestire! Se avete dei dubbi, state attenti ai sentimenti Ragionate in maniera paradossale: dandovi sempre obiettivi per un prossimo incontro, ma facendo in modo che l incontro presente sia qualcosa di finito (come psicoterapia a seduta singola Guardate sempre al presente e al futuro Fatevi un programma che preveda sempre la fine degli incontri Non date consigli a buon mercato: nelle cose ci vuole buon senso, ma il buon senso spesso non è sufficiente Non date soluzioni premature: insegnate all altro a risolvere i problemi Non contate troppo sulle domande in cui chiedete perché o esplicitamente le motivazioni dell interlocutore (soprattutto con i bambini e gli adolescenti!) Fate molta attenzione a ciò che la persona dice e a come lo dice State attenti ai messaggi non verbali e alle incongruenze fra diversi livelli comunicativi Concentratevi completamente sulla persona Siate concreti Attenzione alle metafore, agli esempi, ecc : a quelli usati dalla persona e a quelli che usate voi Fate costantemente il punto della situazione Pensiero positivo e pensiero razionale non sono la stessa cosa! Fate attenzione alle idee irrazionali, anche se non è detto che sapere che una determinata idea sia irrazionale serve a liquidarla facilmente! L intesa non è la stessa cosa dell empatia Non pensate che cambiare sia facile! Fate le vostre valutazioni, ma non date giudizi! Non date per scontato di conoscere i sentimenti, i pensieri e i comportamenti dell interlocutore

15 Non siate troppo sicuri di sapere come la persona reagirà a pensieri, sentimenti e comportamenti Cercate di prevedere possibili situazioni di emergenza Mantenete il controllo della situazione Cercate di capire chi ha più bisogno di aiuto Sottolineate tutti gli elementi positivi Mobilitate tutta la rete di rapporti sociali State attenti a variabili quali il genere, l età, la razza, l orientamento sessuale Pur offrendo disponibilità, siate disponibili a considerare anche la modificazione del rapporto, l interruzione, l invio Documentatevi! E passate informazioni quando è necessario. State attenti che non si verifichino dei peggioramenti Continuate a seguire l evoluzione degli studi Documentate il vostro lavoro: scrivete sempre qualcosa, ma attenzione al modo in cui prendete appunti durante il colloquio Se la persona non viene ad un appuntamento, non la prendete come un fatto personale, ma cercate di analizzare le motivazioni senza fare troppe scene Sistemate il setting nel modo migliore e rispettatelo! Vestite ecc in modo appropriato Collocate le sedie Fate in modo che l ambiente sia il più possibile confortevole, calmo, silenzioso Evitate interruzioni e distrazioni (telefonini!) Siate sempre puntuali Tenete con voi i fazzolettini di carta Raccontate dei vostri clienti solo ai colleghi e in ambiti professionali Siate consapevoli delle vostre caratteristiche, motivazioni, problemi Perché hai deciso di iniziare questa professione? Quali sono le emozioni che ti mettono a disagio? Che tipo di soddisfazioni ti aspetti dal lavoro? Come reagirai ai sentimenti che le persone nutriranno nei tuoi confronti? Come reagirai ai sentimenti che nutrirai nei confronti delle persone con cui lavorerai? Riesci ad essere flessibile, tollerante e delicato? Siate aperti alla supervisione Supervisione di un maestro Supervisione reciproca fra colleghi Supporto e aiuto reciproco fra colleghi Non nascondetevi dietro i test Per i problemi etici, consultatevi

16 Situazioni particolari nel counseling Una relazione amicale o di innamoramento Accettare regali Richieste eccessive o alle quali non ci si sente comunque in grado di rispondere Il coinvolgimento in giochi relazionali: es: la coalizione Il senso della relazione d aiuto Cosa significa SERVIZIO Cosa significa PRENDERSI CURA di qualcuno Forza, coraggio e capacità signore, dammi la forza di cambiare ciò che posso cambiare, il coraggio di accettare ciò che non posso cambiare, e la capacità di vedere la differenza Bibliografia Carkhuff R. (1987, it 1989) L arte di aiutare (2 vol). Erickson: Trento Dass R. & Gorman P. (1985, it 1990) Io e gli altri. Cittadella: Assisi Goldfarb LA et al. (1986, it 1990) La sfida dell handicap e della malattia cronica: guida all auto aiuto per la famiglai e gli operatori professionali. Erickson: Trento Hough M. (1996, it 1999) Abilità di counseling: manuale per la prima formazione. Erickson: Trento Mambriani S. (1992) La comunicazione nelle relazioni d aiuto. Cittadella: Assisi Meier ST & Davis SR (1993, it 1994) Guida al counseling: in 40 regole fondamentali, cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto. Franco Angeli: Milano Mucchielli R. Apprendere il counseling. Erickson: Trento Flavia Caretto Grazie!

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne

Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Anche Tu puoi fare qualcosa! Come uscire dalla violenza: il servizio Casa delle donne Impressum Novembre 2012 Editore Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Famiglia e politiche sociali

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Dov è finita la voglia di studiare?

Dov è finita la voglia di studiare? Dov è finita la voglia di studiare? Demo5vazione, insicurezza, paura di me:ersi alla prova, difficoltà a ges5re gli insuccessi: vissu5 frequen5 del percorso scolas5co di oggi CERCASI VOGLIA DI STUDIARE!!!

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli