Autismo e altri DGS collaborazione fra genitori e professionisti e il parent training. a cura di Flavia Caretto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Autismo e altri DGS collaborazione fra genitori e professionisti e il parent training. a cura di Flavia Caretto"

Transcript

1 Autismo e altri DGS collaborazione fra genitori e professionisti e il parent training a cura di Flavia Caretto Sommario Breve storia della contrapposizione fra genitori e professionisti Motivi a sostegno della collaborazione Collaborazione nella diagnosi e nella valutazione Collaborazione nell intervento Formazione dei genitori e genitori a sostegno dei genitori La relazione d aiuto Conclusioni e prospettive Breve storia della contrapposizione fra genitori e professionisti I motivi storici della contrapposizione Identificazione recente della sindrome autistica e primi approcci teorici all autismo Autismo come fenomeno invisibile e quindi psicologico Storico gap di potere nella relazione medico-paziente Convinzioni storiche sulla relazione madre-bambino La falsa credenza: l autismo ha una relazione diretta con il comportamento dei genitori, in particolare delle madri: in breve, sono le madri a causare l autismo del figlio (a partire dagli anni 40) La falsa evidenza: i bambini sono fisicamente sani, sono belli (!), i fratelli sono sani (!), i genitori sono chiaramente disturbati (!), non esiste una causa organica dell autismo (e ancora: famiglie altolocate, genitori freddi ) La conseguenza erronea: il bambino deve essere allontanato dalla famiglia, deve godere della privacy e della sicurezza di buoni sostituti genitoriali, grazie ai quali trovare il coraggio di aprirsi (psicoterapia) il circolo vizioso dell incomprensione: perchè? Professionista

2 Paura del fallimento (il bambino è oggettivamente difficile e non so che fare ) Paura del giudizio (pensano che io non sia in grado) Necessità di mantenere la stima di se (sto facendo quello che è meglio) Necessità di attribuire il fallimento all esterno (non è colpa mia se va male, è colpa loro) Necessità di giustificare le proprie azioni professionali (il mio lavoro si basa su studi autorevoli ) il circolo vizioso: perchè? Genitore Paura del giudizio (pensano che sia colpa mia) Ansia per il futuro (cosa succederà? Se va male, chi seguirà il mio bambino?) Convinzioni negative storiche nei confronti dei professionisti (questo professionista è probabilmente incompetente come gli altri) Necessità di gestire e controllare ciò che riguarda il figlio (devo essere sicuro che per mio figlio si stia facendo il meglio) Necessità di essere aiutato e di fidarsi di qualcuno (non posso farcela da solo) Genitori e professionisti: una motivazione in comune! Ad entrambi interessa il bambino! Motivi a sostegno della collaborazione ➄ la famiglia è la prima risorsa del bambino ➄ e, ad oggi, è la principale risorsa della persona con autismo nel tempo ➄ i genitori sono coloro che amano maggiormente il bambino, lo conosco più di chiunque e sono responsabili di lui ➄ la motivazione dei familiari ha sollecitato i maggiori cambiamenti sociali, culturali e scientifici sull autismo ➄ il benessere del bambino passa attraverso il benessere dei suoi familiari Motivi a sostegno della collaborazione inoltre... ➄ 1. l autismo è un disturbo generalizzato o pervasivo : esiste 24 ore su 24, tende a perdurare ed è ambiente-dipendente ➄ 2. uno dei principali problemi di apprendimento nell autismo è legato alla generalizzazione

3 ➄ per cui l implicazione dei familiari nella valutazione, definizione degli obiettivi ed intervento non è solo un diritto ➄ ma anche una necessità per ottenere risultati effettivi dall intervento Collaborazione: diagnosi e valutazione Sospetto diagnostico Considerazioni è il genitore che generalmente nota per primo delle particolarità nello sviluppo del figlio Il bambino non può essere osservato o diagnosticato se il genitore non si rivolge ad un Servizio diagnostico L intervento precoce ha più probabilità di ottenere buoni risultati Conseguenze operative I genitori devono essere informati al pari di insegnanti e pediatri, di quali possono essere i primi segni È necessario stabilire un alleanza con i genitori al fine di ottimizzare e rendere precoci le segnalazioni Collaborazione: diagnosi e valutazione Valutazione Considerazioni Non è possibile definire l intervento da fare senza valutazione I genitori conoscono il bambino meglio di chiunque altro e possono mediare la relazione con gli osservatori La collaborazione con il genitore durante la valutazione facilita la restituzione dei risultati Conseguenze operative Prima di vedere il bambino è necessario raccogliere informazioni dai genitori I genitori devono essere informati in precedenza di ciò che verrà fatto durante la valutazione I genitori devono poter osservare la valutazione Collaborazione: diagnosi e valutazione Diagnosi Considerazioni Il bambino con autismo è ambiente-dipendente, per cui non è possibile avere informazioni esaustive su di lui senza ricorrere ai familiari Una buona comprensione della diagnosi ed una partecipazione attiva del genitore offre al genitore l opportunità di assumere un ruolo attivo nel lavoro successivo Conseguenze operative Spiegare ai genitori di cosa si tratta e cosa comporta il disturbo dello sviluppo e l autismo Effettuare insieme ai genitori alcuni passi topici della diagnosi (es: ADI R) e soprattutto discutere insieme i criteri del DSM IV Essere franchi e diretti (non brutali!) e aiutare la famiglia nel difficile momento che sta vivendo Collaborazione: intervento Considerazioni

4 Il professionista mira ad aiutare il bambino a funzionare meglio in ambiente naturale Conseguenze operative Il professionista deve mettere in grado i caregiver naturali di interagire positivamente con il bambino Collaborazione: intervento Ascoltare le priorità dei genitori Definire insieme gli obiettivi Implicare attivamente i familiari nel modo più naturale possibile rispettando il contesto familiare preservando affettivamente la casa e il ruolo proteggendo il benessere familiare Verificare costantemente con i familiari la presenza di cambiamenti e progressi e la spendibilità ecologica degli apprendimenti Collaborazione: contesto dell intervento Intervento in un contesto specialistico Richiedere l aiuto del genitore Intervenire lasciandosi osservare dal genitore Aiutare il genitore ad attuare ciò che ha osservato Scambiare feedback su quanto succede Intervento a casa Aiutare i genitori nell organizzazione domestica Provare a migliorare le capacità di comunicazione e interazione del bambino e dei familiari in contesto domestico Aiutare il genitore ad interagire più efficacemente nel contesto domestico Attenzione! il genitore NON È l educatore, il riabilitatore, il terapeuta bensì è genitore di un bambino speciale e come tale necessita di un aiuto speciale per essere un buon genitore. Tutti i genitori si occupano della crescita dei propri figli. È possibile confrontarsi con una crescita speciale come quella di un bambino con autismo, senza avere informazioni speciali, capacità speciali, un aiuto speciale?

5 Collaborazione Suggerimenti per il professionista Cercare informazioni su quelle che vengono considerate le buone prassi per l intervento sull autismo Fornire, prima dell inizio dell intervento, un informazione chiara degli obiettivi, dei risultati attesi, delle aspettative nei confronti del genitore, e spiegando ciò che farà Dare rilievo alle informazioni che il genitore fornisce sul bambino Dare rilievo a quelli che sono gli obiettivi del genitore, i suoi sentimenti, le sue paure e le sue speranze Accettare di mettere in discussione il proprio punto di vista, e di assumere, almeno momentaneamente, quello del genitore Mostrargli la terapia, fornirgli testi, invitarlo alle formazioni Coinvolgerlo nei propri dubbi, facendolo partecipe dei problemi (senza dargliene il carico!) e discutendo insieme i risultati Essere consapevole che il bambino non è il proprio figlio, e che la persona che sarà sempre responsabile del bambino, e che non è sostituibile, è il genitore I genitori per i genitori Niente su di noi senza di noi Il parent training o la formazione dei genitori Obiettivi Il parent training mira a rendere i genitori consapevoli delle possibilità di intervento su una problematica che riguarda i figli o la loro relazione con questi inoltre fornisce ai genitori la possibilità di sollecitare interventi adeguati da parte dei professionisti può tendere a creare una rete di auto e mutuo aiuto all interno di un gruppo di persone che ha in comune delle caratteristiche e condivide lo stesso linguaggio, gli stessi bisogni e la stessa prospettiva. Tipologie ed evoluzione Informazione e formazione informale Formazione alla famiglia Home training Colloqui in setting clinico Formazione a gruppi di genitori Su argomenti educativi

6 Su problematiche di gestione domestica e relazionale Avvio dell auto-aiuto Attività in gruppo Si effettua generalmente a partire da incontri tematici che prevedono l esposizione di un esperto ( docente, trainer, tutor ) su argomenti teorici considerati di rilievo per il miglioramento della qualità della vita in famiglia Gli argomenti vengono trattati in gruppo secondo la modalità del dibattito, con esempi pratici e la possibilità, per i partecipanti, di condividere la propria esperienza e contribuire al dibattito con la mediazione del tutor Nei gruppi è generalmente prevista la partecipazione, diretta o indiretta, di un genitore esperto e anziano, in qualità di coordinatore. Preparazione dei gruppi Si effettua generalmente attraverso l analisi dei bisogni dei genitori Tramite colloquio intervista alla coppia Tramite questionario (per i gruppi) È possibile prevedere un periodo di parent training di coppia con l obiettivo di preparare la famiglia all inserimento in un gruppo Evoluzione Il parent training di coppia si risolve con l evoluzione del problema del bambino e della famiglia, o con l invito della famiglia di entrare a far parte di un gruppo o di una associazione parentale Il parent training di gruppo, si evolve generalmente nei gruppi di auto e mutuo aiuto, dove il professionista può fungere da facilitatore (ma può anche non essere presente, nei gruppi più evoluti) e le famiglie contano sull aiuto reciproco Genitori a sostegno dei genitori Il parent to parent I gruppi di auto e mutuo aiuto Le associazioni dei genitori I genitori - professionisti e una comunità a sostegno I gruppi di fratelli

7 La sensibilizzazione a scuola La cultura dell autismo Collaborazione Suggerimenti per il genitore Informarsi sugli sviluppi della ricerca e sulle buone prassi per l autismo Chiarire con il professionista prima di iniziare un intervento, la propria posizione, i propri obiettivi e le proprie aspettative Fare richieste chiare, decise, operative, motivate ma non aggressive Implicarsi, per quanto concerne il proprio ruolo, nel lavoro educativo Confrontarsi con altri genitori e lavorando per un progetto comune che ampli le conoscenze e la cultura sull autismo Lavorare a livello politico affinché siano diffuse e accettate le buone prassi Aiutare il professionista concretamente e politicamente a migliorare il servizio Essere consapevole di non poter aiutare professionalmente il proprio figlio (magari, altri bambini, si!) e di dover avere fiducia in un buon professionista INFO Per essere sempre aggiornati sul punto di vista dei genitori, si suggerisce di abbonarsi a: INFORMAUTISMO Per informazioni: Autismo Italia ONLUS, via Pinaroli, 3, Milano, tel , fax , e mail il sito di Autismo Italia, curato da Donata Vivanti Bollettino dell ANGSA Per informazioni: ANGSA, via Casal Bruciato, 13, Roma, tel e fax , È possibile leggere testi scritti da genitori, come: Claiborne Park C (2001) Via dal Nirvana: vita con una figlia autistica. Astrolabio: Roma Sereni C (1994) Diario. In AAVV, Mi riguarda, e/o: Roma Oppure libri in cui viene preso in considerazione il punto di vista dei genitori, come: Asperger H (2003) Bizzarri, isolati e intelligenti. Erickson: Trento Brauner A & F (1983) Vivere con un bambino autistico. Giunti Barbera: Firenze Brauner A & F (1986, it 2002) Storia degli autismi. Erickson: Trento Hanau C. & Mariani Cerati D. (a cura di) (2003) Il nostro autismo quotidiano: storie di genitori e figli. Erickson: Trento Peeters T (1998) Autismo infantile. Phoenix: Roma Powers M (1994) Autismo: guida per genitori ed educatori. Raffaello Cortina: Milano Schopler E (1998) Autismo in famiglia: manuale di sopravvivenza per genitori. Erickson: Trento

8 La relazione d aiuto Dispensa di Flavia Caretto università di roma tor vergata Che cos è la relazione d aiuto La relazione d aiuto è un processo che comporta una crescita di una o di entrambe le persone coinvolte attraverso la relazione Nel contesto delle relazioni d aiuto, è possibile individuare una linea di specializzazione progressiva, che parte dalle relazioni spontanee della vita quotidiana per arrivare a forme di aiuto via via più complesse che si definiscono ( ) come counseling o psicoterapia (adattato da Carkhuff, 1987, it 98, vol. 1) Il counseling Il counseling consiste nell aiutare qualcuno a comprendere una situazione e a gestire un problema prendendo da solo e pienamente la responsabilità delle eventuali scelte (autodeterminazione) Si basa sul presupposto che nella persona vi siano le risorse interiori e che l aiuto debba consistere nel rendere possibile una riattivazione o riorganizzazione di queste risorse originarie gli atteggiamenti personali dell helper I due attori del counseling possono essere definiti helper o colui che aiuta e colui che viene aiutato (paziente? cliente? Persona!) Due autori hanno definito gli atteggiamenti o disposizioni personali dell helper come Rogers autenticità e congruenza accettazione positiva incondizionata empatia Carkhuff confronto e immediatezza

9 Autenticità e congruenza Essere se stessi, ovvero essere realmente come si appare, senza negare la propria personalità ma esprimendola Mostrare una autentica congruenza o coerenza fra ciò che si è e ciò che si sente (emozioni) ciò che si pensa (pensieri) ciò che si fa (comportamenti) Accettazione positiva incondizionata Essere interessati sinceramente e profondamente all altro come essere umano, sospendendo il giudizio su idee e motivazioni, sentimenti e comportamenti dell altro Empatia Capacità di mettersi al posto dell altro, di vedere il mondo come lo vede l altro, nei suoi significati più intimi e personali; sentire insieme all altro (come se si fosse l altro), continuando a mantenere la propria identità senza eccessiva intellettualizzazione e senza confondersi con l altro e provare per forza simpatia (avere sentimenti positivi di adesione personale in comune con l altro) Confronto e immediatezza Essere pronti a confrontarsi su discrepanze o incongruenze distorsioni giochi e tattiche relazionali evasioni Essere capaci di riferirsi a ciò che avviene nella relazione al momento

10 Gli stili di comunicazione Aggressivo Passivo Aggressivo Passivo ASSERTIVO Le modalità della relazione d aiuto L accoglienza L attenzione, l ascolto e il rispecchiamento La parafrasi Gli esempi, le metafore, i gerghi L autorivelazione L uso delle informazioni La ridefinizione Disporsi all accoglienza Una pausa di silenzio fra due incontri Preparare il setting Spazio Connotazione degli ambienti Disposizione delle sedie Personalizzazione dell arredo Tempo Comunicare calma e disponibilità Presentazione e cura di sé Abbigliamento, trucco, capigliatura Pulizia, monili, profumi Attenzione, ascolto e rispecchiamento Dare attenzione e ascolto Sguardo Retroazione o feedback Assenso vocale e motorio Rispecchiamento para verbale e non verbale Para verbale Volume, altezza, intensità, velocità, fluenza Non verbale Mimica, gestualità, orientazione e postura

11 Movimenti Distanze e spazi interpersonali La parafrasi Parafrasare significa riformulare verbalmente quello che l interlocutore sta dicendo, ripetendolo con parole proprie, riassumendolo e chiarificandolo Si può parafrasare cominciando con: Lei mi sta dicendo Se ho ben capito Quindi mi sembra che In altre parole Non si tratta di ripetere a pappagallo ciò che ha detto l interlocutore! Bensì di riorganizzare ciò che dice l altro in maniera personale ma senza tradirne il senso. La parafrasi può essere fatta: al contenuto Riformulazione dei contenuti espliciti, dei fatti raccontati dall altro Risponde alle domande: cosa è successo? Di cosa mi sta parlando? Come mi sentirei io al suo posto? all emozione Riproposizione dei sentimenti che l altro dice di aver provato o che sembra provare al momento Risponde alle domande: come si è sentito? Come si sente adesso? al significato Riproposizione di contenuti ed emozioni insieme Risponde alle domande: qual è il senso di ciò che dice questa persona e di come lo dice? Cosa sta cercando veramente di dirmi? Il linguaggio verbale Gli esempi Le metafore Uso di linguaggio gergale Uso di linguaggio tecnico Dare del tu, del lei, del voi L autorivelazione L autorivelazione ovvero il parlare di sé può essere fatto nella relazione d aiuto, quando è davvero pertinente, non per suscitare simpatia o per togliere uno spazio all interlocutore, bensì per fornire l esempio di un esperienza sentita con un autentica partecipazione

12 stare insieme quando le cose sono difficili Quando l altro ci porta sentimenti di lutto, di disperazione, di impotenza cosa possiamo fare? Imparare a stare insieme su qualcosa, condividere in silenzio, risuonare della stessa emozione, senza andare in pezzi aiutare quando è impossibile cambiare le cose Imparare ad accettare che certe cose non si possono cambiare: si può aiutare qualcuno a convivere meglio con gli eventi aiutare quando vorremmo cambiare l altro... Per quanto si possa desiderarlo, non si può salvare lo spirito di un altra persona. Si può soltanto indurlo a lottare per salvarsi (Donna Williams) Imparare ad accettare che non possiamo cambiare l altro: possiamo solo aiutarlo a trovare una motivazione a cambiare, e sostenerlo nel suo percorso Fornire informazioni Mettere in grado l interlocutore di reperire informazioni Citare le fonti Distinguere il parere personale dalla fonte Contestualizzare, ovvero: manipolazione vs correttezza e umiltà dire la verità senza ferire e senza rovesciare il carico dell informazione sull interlocutore Ridefinire Ridefinire in positivo significa cogliere la parte della situazione utilizzabile concretamente per un possibile miglioramento di fatto o di prospettiva (accettazione) Insegnare a ridefinire in positivo Mostrandosi come modelli Sollecitando la ridefinizione con domande dirette Aiutare ad identificare obiettivi Con il problem solving Come vorrebbe che andasse, invece? Cosa si potrebbe fare?

13 Quali potrebbero essere le conseguenze? È realistico? È davvero attuabile? Un aiuto a partire concretamente Riassumere quello che è stato fatto Definire insieme le cose da fare Obiettivi Attività Fare un piano a piccoli passi Dare speranza, mostrare disponibilità e presenza E poi? E poi, salutare. Salutare mia madre mi diceva: lascia un piccolo oggetto alle persone, si ricorderanno di te Finite con qualcosa di positivo Date qualcosa all altro (metaforicamente o concretamente), lasciandolo libero di prenderla o meno Non pensate che DEBBA esserci un seguito: definite appuntamenti futuri, ma chiudete ogni incontro come se fosse l unico Lasciate sempre aperta una porta Le regole del counseling Adattate da Meier e Davis. Guida al Counseling: in 40 regole fondamentali, cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto. Franco Angeli Le regole del counseling Entrate in contatto con la persona Prepararsi ad accogliere Presentarsi Fase sociale Create un alleanza Spiegate alla persona chi siete e quello che farete insieme, ed eventualmente alcune regole (es: il segreto professionale )

14 Accompagnate e guidate la persona: non siete voi a decidere per l interlocutore, ma dovete essere realmente presenti! Parlate poco Se non sapete cosa dire, non dite niente Quanto più avete fatto sentire la persona sostenuta, tanto più potete fare delle obiezioni Se volete cambiare qualcosa, fatene oggetto del counseling Personalizzate: usate le vostre parole, i vostri oggetti, i vostri gesti con consapevolezza! Attenti alle resistenze: se la persona non vuole entrare in contatto con qualcosa ha i suoi buoni motivi! Se affrontate una problematica, attenti: dovete poi saperla gestire! Se avete dei dubbi, state attenti ai sentimenti Ragionate in maniera paradossale: dandovi sempre obiettivi per un prossimo incontro, ma facendo in modo che l incontro presente sia qualcosa di finito (come psicoterapia a seduta singola Guardate sempre al presente e al futuro Fatevi un programma che preveda sempre la fine degli incontri Non date consigli a buon mercato: nelle cose ci vuole buon senso, ma il buon senso spesso non è sufficiente Non date soluzioni premature: insegnate all altro a risolvere i problemi Non contate troppo sulle domande in cui chiedete perché o esplicitamente le motivazioni dell interlocutore (soprattutto con i bambini e gli adolescenti!) Fate molta attenzione a ciò che la persona dice e a come lo dice State attenti ai messaggi non verbali e alle incongruenze fra diversi livelli comunicativi Concentratevi completamente sulla persona Siate concreti Attenzione alle metafore, agli esempi, ecc : a quelli usati dalla persona e a quelli che usate voi Fate costantemente il punto della situazione Pensiero positivo e pensiero razionale non sono la stessa cosa! Fate attenzione alle idee irrazionali, anche se non è detto che sapere che una determinata idea sia irrazionale serve a liquidarla facilmente! L intesa non è la stessa cosa dell empatia Non pensate che cambiare sia facile! Fate le vostre valutazioni, ma non date giudizi! Non date per scontato di conoscere i sentimenti, i pensieri e i comportamenti dell interlocutore

15 Non siate troppo sicuri di sapere come la persona reagirà a pensieri, sentimenti e comportamenti Cercate di prevedere possibili situazioni di emergenza Mantenete il controllo della situazione Cercate di capire chi ha più bisogno di aiuto Sottolineate tutti gli elementi positivi Mobilitate tutta la rete di rapporti sociali State attenti a variabili quali il genere, l età, la razza, l orientamento sessuale Pur offrendo disponibilità, siate disponibili a considerare anche la modificazione del rapporto, l interruzione, l invio Documentatevi! E passate informazioni quando è necessario. State attenti che non si verifichino dei peggioramenti Continuate a seguire l evoluzione degli studi Documentate il vostro lavoro: scrivete sempre qualcosa, ma attenzione al modo in cui prendete appunti durante il colloquio Se la persona non viene ad un appuntamento, non la prendete come un fatto personale, ma cercate di analizzare le motivazioni senza fare troppe scene Sistemate il setting nel modo migliore e rispettatelo! Vestite ecc in modo appropriato Collocate le sedie Fate in modo che l ambiente sia il più possibile confortevole, calmo, silenzioso Evitate interruzioni e distrazioni (telefonini!) Siate sempre puntuali Tenete con voi i fazzolettini di carta Raccontate dei vostri clienti solo ai colleghi e in ambiti professionali Siate consapevoli delle vostre caratteristiche, motivazioni, problemi Perché hai deciso di iniziare questa professione? Quali sono le emozioni che ti mettono a disagio? Che tipo di soddisfazioni ti aspetti dal lavoro? Come reagirai ai sentimenti che le persone nutriranno nei tuoi confronti? Come reagirai ai sentimenti che nutrirai nei confronti delle persone con cui lavorerai? Riesci ad essere flessibile, tollerante e delicato? Siate aperti alla supervisione Supervisione di un maestro Supervisione reciproca fra colleghi Supporto e aiuto reciproco fra colleghi Non nascondetevi dietro i test Per i problemi etici, consultatevi

16 Situazioni particolari nel counseling Una relazione amicale o di innamoramento Accettare regali Richieste eccessive o alle quali non ci si sente comunque in grado di rispondere Il coinvolgimento in giochi relazionali: es: la coalizione Il senso della relazione d aiuto Cosa significa SERVIZIO Cosa significa PRENDERSI CURA di qualcuno Forza, coraggio e capacità signore, dammi la forza di cambiare ciò che posso cambiare, il coraggio di accettare ciò che non posso cambiare, e la capacità di vedere la differenza Bibliografia Carkhuff R. (1987, it 1989) L arte di aiutare (2 vol). Erickson: Trento Dass R. & Gorman P. (1985, it 1990) Io e gli altri. Cittadella: Assisi Goldfarb LA et al. (1986, it 1990) La sfida dell handicap e della malattia cronica: guida all auto aiuto per la famiglai e gli operatori professionali. Erickson: Trento Hough M. (1996, it 1999) Abilità di counseling: manuale per la prima formazione. Erickson: Trento Mambriani S. (1992) La comunicazione nelle relazioni d aiuto. Cittadella: Assisi Meier ST & Davis SR (1993, it 1994) Guida al counseling: in 40 regole fondamentali, cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto. Franco Angeli: Milano Mucchielli R. Apprendere il counseling. Erickson: Trento Flavia Caretto Grazie!

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

L Ambulatorio Riabilitativo Minori Dipartimento Disabili di Fondazione Sospiro:

L Ambulatorio Riabilitativo Minori Dipartimento Disabili di Fondazione Sospiro: L Ambulatorio Riabilitativo Minori Dipartimento Disabili di Fondazione Sospiro: Marilena Zacchini Referente Servizio Psicoeducativo Ambulatorio Riabilitativo Minori Dipartimento Disabili Fondazione Sospiro

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

IL COUNSELING Dr.ssa Simona Bernardini Psicologa clinica Psicoterapeuta CBT simona_bernadini@libero.it

IL COUNSELING Dr.ssa Simona Bernardini Psicologa clinica Psicoterapeuta CBT simona_bernadini@libero.it IL COUNSELING Dr.ssa Simona Bernardini Psicologa clinica Psicoterapeuta CBT simona_bernadini@libero.it Il counseling si connota sempre come aiuto psicologico E un processo di interazione attiva e bidirezionale

Dettagli

DELLO SVILUPPO E AUTISMO: valutazione e intervento cognitivo e comportamentale

DELLO SVILUPPO E AUTISMO: valutazione e intervento cognitivo e comportamentale Autismo: disturbo dello sviluppo comunicativo, sociale, dei comportamenti e degli interessi, che esordisce nell infanzia; è il principale fra i Disturbi Generalizzati o Pervasivi dello Sviluppo (vedi).

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA

SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA 01 del 12.11.2009 Pagina 1 di 18 SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA...2 2. GESTIONE DEL FRONT-OFFICE DEL SERVIZIO DI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA...4

Dettagli

Una scuola in-formata

Una scuola in-formata Una scuola in-formata La cura per eccellenza per le persone con autismo è l EDUCAZIONE (E.Micheli) Mireya Moyano Educare una persona con Autismo È un azione complessa che richiede una progettualità di

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia diocesi di Termoli Larino Centro per la Famiglia nella Cittadella della Carità Di cosa si occupa un centro per la famiglia? Informazione sui servizi, le risorse e le opportunità, istituzionali e informali,

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE Avviamento, sviluppo e potenziamento della competenza comunicativa, la chiave di volta del

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 INTERCULTURA PARITARIA: STRUMENTI E TECNICHE PSICOLOGICHE DI COMUNICAZIONE PER FAVORIRE L INCLUSIONE E LA RECIPROCITA mariellabianca psicoterapeuta analista transazionale

Dettagli

consolare, confortare, venire in aiuto,

consolare, confortare, venire in aiuto, COUNSELING in SANITA In una Prospettiva Multimodalale ----------- Counseling come servizio di orientamento e come strumento di supporto nei servizi socio-psico-pedagogici Counseling Aziendale tra empowerment

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 1 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 2 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR conoscere 1) CONOSCENZA DEL CAMPO DI APPLICAZIONE 2) CONOSCENZA DELL'ANALISI TRANSAZIONALE 3) CONTRATTUALITAʼ

Dettagli

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa FOGGIA 4 dicembre 2012 A cura della Dott.ssa G. Berlingerio - @: cooperativasocialeperla@gmail.com tel: 320-8493110 AUTISMO:chi decide

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Corso di Formazione. Introduzione al counseling

Corso di Formazione. Introduzione al counseling Corso di Formazione L infermiere e la Psicologia dell Emergenza. Le reazioni dei soccorritori negli eventi critici: fattori di rischio e protezione Introduzione al counseling Dott.ssa Concetta Crisanti

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

Caratteristiche del percorso formativo

Caratteristiche del percorso formativo Caratteristiche del percorso formativo La Negoziazione per la gestione dei conflitti e delle divergenze e la mediazione in ambito familiare Descrizione sintetica del programma formativo La Mediazione Familiare,

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE.

COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. COME PARLARE DI DISLESSIA IN CLASSE. WWW.DIDATTICAPERSUASIVA.COM In questo articolo apprenderai come strutturare una lezione semplice ed efficace per spiegare ai tuoi alunni con DSA e non, quali sono le

Dettagli

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui?

Giovanna - Quali sono gli argomenti che si trattano all interno di questi colloqui? A PROPOSITO DI COACHING Giovanna Combatti intervista Giacomo Mosca Abbiamo chiesto a Giacomo Mosca, Formatore e Coach, Counsellor in Analisi Transazionale associato al CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL 20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL DOTT. ANDREA TOSI Chi sono i miei interlocutori Quale è il mio ruolo Quale situazione devo affrontare Quale richiesta mi viene effettuata Cosa faccio io di fronte

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Ascolto Comunicazione Incontro. Istituto Superiore di Scienze Religiose 31 ottobre 2015 Rossana Ragonese

Ascolto Comunicazione Incontro. Istituto Superiore di Scienze Religiose 31 ottobre 2015 Rossana Ragonese Ascolto Comunicazione Incontro Istituto Superiore di Scienze Religiose 31 ottobre 2015 Rossana Ragonese La Relazione di aiuto La relazione di aiuto è quella relazione in cui almeno uno dei due protagonisti

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche U.O.C Clinica Pediatrica Università di Messina SUPPORTO PSICOLOGICO Psicologa Dott.ssa Maria Pecoraro Da dove iniziamo? La diagnosi La diagnosi

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

A N N A G R I M A L D I

A N N A G R I M A L D I ACCOGLIENZA, ANALISI DELLA DOMANDA E CONSULENZA NEL S ERVIZIO DI ORIENTAMENTO A N N A G R I M A L D I Lo scenario di riferimento I cambiamenti strutturali degli ultimi due ultimi decenni nell ambito dell

Dettagli

Il Counselling nella fase avanzata di malattia. Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone

Il Counselling nella fase avanzata di malattia. Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone Il Counselling nella fase avanzata di malattia Lucia Cadorin CRO Aviano,, Pordenone Spunti di riflessione 20 novembre 2004 Lucia Cadorin 2 20 novembre 2004 Lucia Cadorin 3 La partenza è nel Codice Deontologico

Dettagli

Data di pubblicazione. ottobre 2011. Data di aggiornamento. ottobre 2015

Data di pubblicazione. ottobre 2011. Data di aggiornamento. ottobre 2015 Data di pubblicazione ottobre 2011 Data di aggiornamento ottobre 2015 LINEA GUIDA Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti Critiche infondate Critiche pertinenti

Dettagli

Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella

Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella In una scuola che ormai è concepita come luogo non solo deputato alla trasmissione del sapere, ma anche connesso

Dettagli

Orientamento scolastico e professionale

Orientamento scolastico e professionale Orientamento scolastico e professionale Scopo dell orientamento è guidare gli adolescenti e le loro famiglie alla scelta di percorsi formativi. La consulenza psicologica aiuta a focalizzare l attenzione

Dettagli

Scuola per Coach Aziendale

Scuola per Coach Aziendale 1 Chi è il Coach Il Coach aiuta i propri clienti a costruire il futuro che desiderano, attivando le risorse necessarie affinché quel futuro diventi realtà. Coloro che richiedono il suo supporto, vengono

Dettagli

IL COLLOQUIO IN PSICOLOGIA CLINICA

IL COLLOQUIO IN PSICOLOGIA CLINICA IL COLLOQUIO IN PSICOLOGIA CLINICA a cura della Dott.ssa LAURA MESSINA DEFINIZIONE Il colloquio clinico è una tecnica di osservazione e di studio del comportamento umano che ha lo scopo di comprendere

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari)

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Più donne per i C.d.A. e le posizioni apicali Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Regione Piemonte Torino, 2 aprile 2014 I veri Leader non nascono tali, lo diventano grazie all impegno e

Dettagli

La comunicazione efficace Il colloquio non direttivo Il feedback fenomenologico

La comunicazione efficace Il colloquio non direttivo Il feedback fenomenologico La comunicazione efficace Il colloquio non direttivo Il feedback fenomenologico URBINO 31-01-2014 Antonella Scalognini La comunicazione Aristotele ritiene che tre sono gli ingredienti fondamentali sui

Dettagli

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini

peraversi continua... Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione www.peraversi.it Dott.ssa Alessia Simoncini Promuovere le Competenze Genitoriali: il Contributo del Counseling nel Post Adozione Sai mamma, mi domando spesso perché la mia vera mamma non mi ha potuto tenere, forse aveva troppi figli, forse era povera

Dettagli

Corso MODULO C. Il sistema delle relazioni e la comunicazione. Maria Bonadies

Corso MODULO C. Il sistema delle relazioni e la comunicazione. Maria Bonadies Corso MODULO C Il sistema delle relazioni e la comunicazione 2013 Programma Ruolo dell RSPP Competenze relazionali Competenze comunicative Chi sono? Perché mi occupo di sicurezza? Perché sono qui oggi?

Dettagli

IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO

IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO IL COLLOQUIO DI INSERIMENTO A seguito dell assemblea dei nuovi iscritti, i genitori sono invitati ad un colloquio con l educatrice di riferimento. Questa si pone come tramite tra il servizio e la famiglia,

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE.

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. A cura di: Domenico Nigro. Direttore didattico e trainer della Scuola IN Counseling. Consulente aziendale. Life e Business Coach. INDICE Cap.1: Coaching &

Dettagli

L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO

L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO Osservazione e primo approccio L accompagnamento e il distacco tra una madre e il suo bambino comportano per entrambi un grosso sforzo di AMBIENTAMENTO alla nuova situazione

Dettagli

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A.

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. ed ing u ng he I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. y in t in Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. Neuropsicologia cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento DISTURBI EMOTIVI

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

Maria Caccetta. Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe. Guida Gratuita

Maria Caccetta. Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe. Guida Gratuita Maria Caccetta Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe Guida Gratuita Mi presento Ciao mi chiamo Maria Caccetta, sono una psicologapsicoterapeuta con formazione cognitivo-comportamentale.

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

Il punto di partenza sono le relazioni interpersonali, spesso causa di scoraggiamento, abbassamento di autostima e frustrazione.

Il punto di partenza sono le relazioni interpersonali, spesso causa di scoraggiamento, abbassamento di autostima e frustrazione. Premessa CAMBIA LA TUA VITA. La tua motivazione ti aiuta a trovare la forza e l energia per affrontare i cambiamenti, diventa più sicuro di te stesso aumentando la tua autostima. L obiettivo Questi incontri

Dettagli

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA Anno scolastico 2014 2015 1 Lettera aperta ai genitori Cari genitori, data la necessità di realizzare insieme a voi le condizioni migliori per favorire un buon inserimento del

Dettagli

Ambulatorio Riabilitativo e Ciclo Diurno Continuo per minori

Ambulatorio Riabilitativo e Ciclo Diurno Continuo per minori Ambulatorio Riabilitativo e Ciclo Diurno Continuo per minori Carta dei Servizi sede operativa via Roma, 36 SPINADESCO edizione luglio 2013 SOMMARIO CARTA DEI SERVIZI pag. 1 Dove siamo 06 2 Informazioni

Dettagli

Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma, 16 Maggio 2014. Dott.ssa Francesca Alfonsi

Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma, 16 Maggio 2014. Dott.ssa Francesca Alfonsi Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata Roma, 16 Maggio 2014 Dott.ssa Francesca Alfonsi La donazione di organi da vivente permette di donare un rene e parte di fegato. Secondo la legge il donatore

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 23 Aprile 2013 06:21 - Ultimo aggiornamento Martedì 23 Aprile 2013 06:29

Scritto da Administrator Martedì 23 Aprile 2013 06:21 - Ultimo aggiornamento Martedì 23 Aprile 2013 06:29 PROGETTO INSIEME E MEGLIO! SPORTELLO DSA E BES SCUOLA PRIMARIA SPORTELLO DI ASCOLTO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Progetto Insieme è meglio! - Sportello DSA e BES Scuola primaria. Finalità generali

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

Di cosa di occuperemo?

Di cosa di occuperemo? Un contributo per interpretare e gestire i flussi di comunicazione nel processo di ispezione Di cosa di occuperemo? aspetti di comunicazione e relazionali nelle visite ispettive e nel processo di certificazione

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

Decalogo e Vademecum del volontario

Decalogo e Vademecum del volontario Decalogo e Vademecum del volontario IL DECALOGO DEL VOLONTARIO Il Volontario, dopo aver approfondito le motivazioni che lo hanno spinto a scegliere il servizio ospedaliero e aver vagliato le sue reali

Dettagli

Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione?

Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione? Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione? La diagnosi di cancro: Si configura come evento critico che minaccia l individuo ed interferisce con le dimensioni su cui si articola la vita: fisica,

Dettagli

CON IL PATROCINIO MORALE PROGETTO DI FORMAZIONE AUTISMO: CONOSCERE, INCONTRARE, COMUNICARE

CON IL PATROCINIO MORALE PROGETTO DI FORMAZIONE AUTISMO: CONOSCERE, INCONTRARE, COMUNICARE 1 Associazione Nazionale Aperta/MENTE IL MONDO INTERNO Onlus ASSOCIAZIONE ITALIANA MAESTRI CATTOLICI Provincia di Napoli Soggetto qualificato per la formazione dal M.I.U.R. con D.M. del 10 luglio 2000

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

BAMBINI E ADULTI CON AUTISMO: LA RELAZIONE CON IL SOCCORRITORE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA. Odette Copat Fondazione Bambini e Autismo ONLUS

BAMBINI E ADULTI CON AUTISMO: LA RELAZIONE CON IL SOCCORRITORE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA. Odette Copat Fondazione Bambini e Autismo ONLUS Soccorso e persone con esigenze speciali: esperienze a confronto. Roma, 11 dicembre 2014 33170 Italy PN BAMBINI E ADULTI CON AUTISMO: LA RELAZIONE CON IL SOCCORRITORE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Odette

Dettagli

6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini.

6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini. 6 maggio 2015 Undicesimo incontro Tre cose ci sono rimaste del Paradiso : le stelle, i fiori e i bambini. (Dante Alighieri) LUCIA RIZZI è una pedagogista, scrittrice e personaggio televisivo (reality «S.O.S.

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx La relazione d aiuto e la figura del Counselor in ambito multiculturale cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq

Dettagli

SENSO DI APPARTENENZA AL GRUPPO EMERGENZA: STRUMENTI DI LETTURA O DI INTERVENTO NELLE SITUAZIONI DI EMERGENZA

SENSO DI APPARTENENZA AL GRUPPO EMERGENZA: STRUMENTI DI LETTURA O DI INTERVENTO NELLE SITUAZIONI DI EMERGENZA I Fare PROCESSI clic per modificare MOTIVAZIONALI lo stile del CHE titolo CONDUCONO AL SENSO DI APPARTENENZA AL GRUPPO PSICOLOGIA DELL EMERGENZA: EMERGENZA: STRUMENTI DI LETTURA O DI INTERVENTO NELLE SITUAZIONI

Dettagli

Editoriale di Marina Fabiano

Editoriale di Marina Fabiano Editoriale di Li avete visti i Quaderni del Coaching? Dove? Ma sul sito www.coachmag.it! Aggiornato per accogliere le due grandi novità: i Quaderni e i CoachMag acquistabili separatamente. Il primo Quaderno

Dettagli

Gestire lo stress e vivere bene nell organizzazione

Gestire lo stress e vivere bene nell organizzazione Gestire lo stress e vivere bene nell organizzazione Stefania Mussi Consulente senior Gruppo Galgano Formatrice area Risorse Umane 2 I contenuti che incontreremo Dal saper essere al saper ben-essere Stress

Dettagli

FARE O ESSERE VOLONTARI?

FARE O ESSERE VOLONTARI? Corso di formazione FARE O ESSERE VOLONTARI? Il volontariato come manifestazione dell essere e dell operare a favore dell altro Caritas Ambrosiana Salone Mons. Bicchierai via San Bernardino 4 20122 Milano

Dettagli

Relazione sullo stage di osservazione Le capacità relazionali nel servizio sociale Studente: Fantini Lidia

Relazione sullo stage di osservazione Le capacità relazionali nel servizio sociale Studente: Fantini Lidia Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea in Servizio Sociale Torino A.A. 2005/2006 Relazione sullo stage di osservazione Le capacità relazionali nel servizio sociale

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA 2015/16

OFFERTA FORMATIVA 2015/16 SERVIZIO DI PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO E DELL EDUCAZIONE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO OFFERTA FORMATIVA 2015/16 www.spaee.it Sede di Milano via Nirone, 15 20123 Milano

Dettagli

Parlare della Diagnosi. Dr.ssa Chiara Pezzana Neuropsichiatra Infantile

Parlare della Diagnosi. Dr.ssa Chiara Pezzana Neuropsichiatra Infantile Parlare della Diagnosi Dr.ssa Chiara Pezzana Neuropsichiatra Infantile Sarà Autismo? Il sospetto della diagnosi a volte nasce a scuola: Nelle situazioni a basso funzionamento o con gravi problemi di comportamento

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Centro per l Età Evolutiva

Centro per l Età Evolutiva Centro per l Età Evolutiva Studio Associato di Psicologia Clinica Formazione Ricerca CHI SIAMO Il Centro per l Età Evolutiva è uno Studio Associato di Psicologia che ha sede a Bergamo e svolge la propria

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento Nei rapporti con le persone che ami, nell essere genitore, nella comunicazione, nel lavoro, nel business e nella vendita devi avere comportamenti eccezionali, saperti distinguere e usare una comunicazione

Dettagli

Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi. Principi dell'auto aiuto.

Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi. Principi dell'auto aiuto. Appunti corso GruppoEventi del 12 novembre 2011 Feliciano Crescenzi Principi dell'auto aiuto. Un gruppo di auto-aiuto è un'alleanza tra persone che hanno problemi od obiettivi simili e che cercano di affrontare

Dettagli

Lo specifico del lavoro psicologico nell accompagnamento della coppia all adozione

Lo specifico del lavoro psicologico nell accompagnamento della coppia all adozione Lo specifico del lavoro psicologico nell accompagnamento della coppia all adozione Dott.ssa Maria Berica Tortorani Psicologa-Psicoterapeuta ASL 3 Pistoia Operatrice-formatrice Area Vasta per l adozione

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli