L IMPORTANZA DELLA FORMAZIONE CONTINUA ALL INTERNO DI ELSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L IMPORTANZA DELLA FORMAZIONE CONTINUA ALL INTERNO DI ELSA"

Transcript

1 Carissimi SecGens, il manuale che vi accingete a leggere è frutto della traduzione dell Handbook for Training diffuso da ELSA International nel 2006/2007. Le ragioni che mi hanno spinto a volere una traduzione dello stesso (il più aggiornato in ordine di tempo), sono dettate dalla volontà di voler mettere a disposizione di tutti un testo in italiano, immediatamente accessibile e consultabile da ciascuno di voi nella vita ELSiana di ogni giorno. Il messaggio che questo intero Handbook vuole portare è uno solo: L IMPORTANZA DELLA FORMAZIONE CONTINUA ALL INTERNO DI ELSA In questa guida troverete nozioni riguardanti i training in generale, che cosa è un training in ELSA nello specifico e, cosa più importante, troverete nozioni su come organizzare un training passo dopo passo. Nella parte finale, troverete due esempi di come la formazione può essere realizzata tanto in una grande, quanto in una piccola Sezione Nazionale di ELSA. In particolare, vengono offerti 2 esempi quali la Lituania e la Polonia, in quanto gli autori di questa guida sono originari di questi paesi. Fate di questa guida, il vostro punto di partenza sul mondo dei training, consultatela e ricavate da essa tutti gli spunti e le idee possibili da applicare all interno della vostra Sezione Locale. E ricordatevi che, in tutto questo, non siete soli: contattate il Segretario Generale di ELSA Italia ed il Director for Training & Transition di ELSA Italia Siamo a vostra completa disposizione per aiutarvi, suggerirvi idee e

2 mettervi in contatto diretto con la squadra di Trainers di cui si compone il nostro Gruppo Italiano Trainers (GIT). Non dimenticate: è dalla formazione e dalla diffusione della conoscenza che si assicura ELSA IERI, OGGI E DOMANI. ELSianamente, Lara Rodolfi Segretario Generale di ELSA Italia 2013/ Introduzione Prima di procedere alla lettura di questa guida, prova a rispondere alle seguenti domande: - C è una piccola percentuale di persone attive all interno della tua Sezione e la maggioranza dei soci è indifferente? - C è mancanza di iniziativa da parte dei soci ad organizzare gli eventi? - C è carenza di nuove idee? - Ci sono nuovi soci che fanno molti errori grossolani nell organizzazione degli eventi e inoltre l immagine di ELSA non sempre è delle migliori? - A volte i personaggi chiave nella vostra Sezione perdono la loro motivazione e come se non bastasse importanti progetti, ed anche le key areas, subiscono danni o c è grande rischio che ciò accada?

3 - Ci sono solo poche persone all interno della Sezione di cui puoi fidarti poiché la maggioranza non ha le competenze per coordinare e gestire le cose? - E dunque per questo che tu non riesci realmente ad organizzare grandi eventi: perché l organizzazione non è abbastanza stabile? - Riusciresti ad individuare ulteriori problemi che hai dovuto affrontare nell ambito delle risorse umane? Se sei stato onesto, dovresti aver risposto SI a parecchie di queste domande. Questo accade perché ELSA è un associazione di volontariato; pertanto il problema di avere persone motivate e competenti, è sempre importante per noi. Nondimeno, non basta soltanto affrontare il fatto che siamo sprovvisti di gente qualificata, ma è assolutamente importante per noi fare qualcosa per migliorare la situazione. Se non è stato fatto nulla per educare, motivare ed accrescere le competenze delle persone, il successo o il fallimento dell Associazione diventa del tutto casuale, basandosi solamente su quanto qualificate e preparate sono le persone che intendono entrare a farne parte. Per questo motivo, il progresso dell Associazione è simile a come mostrato nel grafico: Per evitare difficoltà nell ambito delle risorse umane all interno dell Associazione, ogni Sezione deve avere un certo tipo di sistema che assicura competenza e provvede a verificare la motivazione degli attivisti. E ampiamente riconosciuto che i TRAINING sono uno dei mezzi più efficienti per farlo. L equilibrio dei sistemi di formazione all'interno dei Gruppi Nazionali può assicurare il loro sviluppo sostenibile e portare numerosi altri benefici sia all Associazione, sia ai suoi soci.

4 I soci che acquisiscono le competenze, ricevono gli strumenti per le attività quotidiane, incrementando sia le amicizie e sia la possibilità di avere contatti utili, aumentando anche la loro produttività e la loro capacità competitiva, diventando più creativi e motivati. Con il tempo, il vostro gruppo ne beneficerà ancora di più, in quanto la formazione impedisce che vi siano errori e ciò porterà ad avere una migliore immagine e ad una buona reputazione, in quanto questi fattori attireranno più membri e li porteranno ad essere compatti. In altre parole, non stiamo dicendo che la formazione è una panacea, ma può davvero essere utile a creare un'organizzazione sostenibile e meglio funzionante. Pertanto, questa guida fornisce dei consigli pratici per organizzare dei corsi di formazione nelle vostre Sezioni e mira a: - promuovere training nazionali all interno del nostro Network; - fornire gli strumenti per quei gruppi che sono interessati a creare e sviluppare i loro sistemi di training. Infine, va sottolineato che questa guida è stata creata principalmente per gli Officers dei National Board; pertanto, non tutte le informazioni fornite saranno rilevanti per i membri delle Sezioni Locali. 2. Che cos è un training? Definizione. Prima di iniziare a preparare e a condurre dei trainings, dovremmo rispondere alla semplice domanda: cos è realmente il training? Il training, secondo il dizionario della Oxford University è il portare a raggiungere determinati standard di prestazioni e comportamenti attraverso precise istruzioni e attraverso la pratica. Nella pratica il training si compone di due elementi: esperienza e teoria, e il suo obiettivo è quello di dare ai partecipanti gli strumenti di cui hanno bisogno nel loro lavoro e fornire loro le competenze e le conoscenze che consentiranno loro di raggiungere determinati obiettivi.

5 Inoltre, esso coinvolge e rafforza le persone e dà loro la capacità e la motivazione per agire sia individualmente e sia come un unico gruppo. Tipi di training. Ci sono molti differenti modi in cui formare un socio ELSA, ma generalmente possiamo dividere le formazioni in tre gruppi: 1) Formazione di gruppo (group training): Questo è il metodo più usato e più popolare in ELSA. Dovrebbero essere organizzati più corsi di formazione per gruppi differenti di ELSA (freshers, LG members, LG presidents etc.). Il gruppo è guidato da uno o più formatori (trainers) o altre persone con esperienza che sono capaci di trasmettere competenze e conoscenze che sono utili per il lavoro in ELSA. 2) Formazione individuale (individual training) Questo metodo di formazione viene usato quando c è una conoscenza specifica che una persona individualmente possiede e di cui qualcun altro ha bisogno. In ELSA questo metodo, per esempio, avviene durante la transition, attraverso la quale chi era precedentemente in carica mostra a chi verrà dopo di lui/lei i suoi compiti, anche praticamente, attraverso gli eventi dell anno. 3) Auto-formazione (self training) L obiettivo essenziale di chi partecipa alla formazione è il desiderio di imparare. Una persona necessita di volontà nel partecipare alla formazione per poter trarre beneficio da essa. Ha bisogno anche di imparare autonomamente, leggendo i materiali dei training e gli altri documenti di ELSA, cercando di ampliare la propria conoscenza da altri libri e materiali e di imparare dalle proprie esperienze. Livelli.

6 I training possono essere condotti e organizzati per i soci che sono attivi su diversi livelli di ELSA. 1) Training locali "Training locale", vuol dire che è organizzata per persone provenienti da un solo LG. Questi sono i tipi di training più elementari ed essenziali: tutte le persone che si iscrivono ad ELSA dovrebbero essere formati sulle conoscenze basilari di ELSA e sulle competenze generali. Questo tipo di formazione può essere condotto dai membri del LB e devono essere trattati come il "primo passo" nella strategia di formazione. Un valido esempio è rappresentato dal Training for Freshers. 2) Training nazionali Nei "training nazionali " ci sono membri partecipanti provenienti da più di una (preferibilmente tutte) Sezione Locale di un gruppo nazionale. E richiesta la riunione in un unico luogo. I training possono essere tenuti per i membri del LG e per gli Officers del LB. I trainers sono generalmente membri, trainer ed alumni del NB. Vi sono anche i training di "livello nazionale", ai quali partecipano esclusivamente i membri del Consiglio Direttivo Nazionale e che dovrebbero aiutare questi ultimi nell organizzazione del proprio lavoro ed a muoversi insieme come una squadra durante l'anno di carica. 3) Training internazionali I "training internazionali" si svolgono per lo più durante le riunioni dell International Council Meeting (ICM) o durante i corsi di formazione che si hanno durante le manifestazioni internazionali (settimana di ELSA House Training a Bruxelles, Training Baltico in Lituania, ecc.). Sono pensati per i soci ELSA provenienti da diversi gruppi nazionali e hanno sempre un carattere spiccatamente internazionale. È possibile organizzare tutti i training di cui si è parlato sin da ora nel vostro gruppo. Ricordate che il modo più semplice per organizzare i training è farlo a livello locale, ma i più efficaci sono i corsi di formazione nazionali e internazionali che, da un lato forniscono le loro diverse competenze, dall'altro forniscono l opportunità di incontrarsi, collaborare e condividere le idee. Inoltre, questi incontri sono i più motivanti e stimolanti per i vostri soci.

7 Più avanti descriveremo l'organizzazione, la preparazione e il contenuto dei training di gruppo. E ricordate: DIVERTITEVI! Regole di base del training: intenzione; preparazione; atmosfera. 3. Chi ha bisogno di essere formato? Per la necessità di rendere questa guida quanto più chiara e flessibile possibile, abbiamo utilizzato alcune categorie. La principale è la divisione dei soci ELSA. Le categorie sono le seguenti: A) Fresher Sono potenziali soci ELSA o neo-iscritti, che sono solo a conoscenza del fatto che ELSA esiste, ma non hanno informazioni specifiche. Generalmente sono soci ELSA da un periodo che va dai 3 ai 6 mesi. B) Settori chiave esecutivi Dopo aver ottenuto tutte le informazioni, il Fresher di solito diventa attivo in uno dei settori chiave ELSA (ad esempio Gruppo STEP, S&C, ecc.).

8 Di solito aiuta il membro del Consiglio Direttivo Locale a svolgere i suoi compiti. Per lo più essi sono al primo-terzo anno come soci ELSA. C) Comitato Organizzatore del progetto (OC) Sono membri ELSA che hanno le competenze necessarie per organizzare grandi eventi. Di solito questi sono soggetti che non fanno parte del Direttivo Locale o del Direttivo Nazionale e permangono come membri. Per lo più essi sono dal primo al terzo anno, come soci ELSA. D) I membri del Consiglio Direttivo Locale e Directors; capi di OC. E) I membri del Consiglio Direttivo Nazionale e Directors. Anche se non sono propriamente considerati come membri, tuttavia sono ugualmente parte della sfera di ELSA: 1. Trainers Essi sono precedenti soci ELSA che contribuiscono a dare ad ELSA un contributo per la formazione. 2. Alumni Sono precedenti soci ELSA che non sono più attivi. Per pianificare e condurre un evento di formazione di successo si deve decidere: a chi è rivolta la formazione quali sono le competenze che si vogliono far acquisire ai partecipanti Questa è la parte più importante!

9 A seguire troverete l'elenco consigliato degli argomenti che le diverse categorie di soci ELSA devono acquisire durante la loro permanenza nell Associazione. Taluni argomenti sono obbligatori; pertanto risulta essenziale la formazione su questi aspetti. Categorie soci ELSA Fresher Membri attivi delle Key areas Progetto OCs Membri dei Local Board e Directors; Capi dell OC Membri del National Board e Argomenti Obbligatori Gestione generale del progetto Conoscenza generale ELSA Conoscenza generale delle Key areas Lavoro di squadra Passione Gestione del progetto Conoscenze specifiche delle Key areas Cooperazione tra le aree Lavoro di squadra Ricerca dei fondi Comunicazione (orizzontale) Promozione Ricerca dei preventivi Gestione del tempo (progettazione ponderata) Gestione del progetto Lavoro di squadra Ricerca preventivi Gestione del tempo (progettazione ponderata) Divisione di competenze Fundraising Costruzione del team Riunioni efficaci Come motivare Gestione delle risorse umane Transitions Pianificazione dettagliata delle sovvenzioni Rapporti con gli sponsor Divisione delle competenze Argomenti consigliati Gestione del tempo (soft skill) Corrispondenza Negoziati Vendite Relazioni esterne Etiquette (auto presentazione) Responsabilità personale Linguaggio del corpo La cooperazione tra le aree Relazioni esterne Leadership Negoziati Gestione dei conflitti Gestione dei momenti di crisi Creatività Pensiero critico Vendite Assegnare compiti e responsabilità Gestione dello stress Parlare in pubblico Auto - motivazione Costruzione del team Negoziati

10 Directors Fundraising Comunicazione (verticale) Pianificazione strategica Transitions Passione Relazioni con gli sponsor Gestione dei conflitti Gestione dei momenti di crisi Etiquette (auto presentazione) Impostazione neuro-linguistica Coaching Formazione Commenti alla tabella: Commento 1: I trainers in quanto tali non sono membri, ma devono essere formati come trainer per avere una giusta competenza dopo aver attraversato tutte le fasi di cui sopra. Commento 2: Il training può apparire come un gravoso carico di lavoro, ma in realtà in molti casi è sufficiente solo mezza giornata (o un giorno intero) di formazione. Commento 3: Se uno stesso argomento lo trovate scritto in più categorie di soci ELSA, il contenuto deve essere considerato differente in base al livello di difficoltà. E ovvio, che i Freshers devono avere competenze di project management, ma non quelle specifiche al pari dei Comitati Organizzatori. 4. Nozioni di base per organizzare l'evento di formazione a. Variazioni di eventi formativi di gruppo.

11 Se si vuole organizzare un training, si deve scegliere la forma specifica più adatta. Nella tabella potrai trovare tutti i singoli "elementi" di un training: la sua durata, il luogo, la sede, i suoi partecipanti, chi lo dovrebbe organizzare, quali argomenti possono essere discussi e qual è la dimensione possibile del gruppo. Potete mescolare tutti gli elementi nel modo che più desiderate! Basta trovare in ogni colonna le componenti di cui avete bisogno, in questo modo potrete organizzare il training più adatto per voi. Come funziona? Ecco alcuni esempi di possibili training che sono già stati organizzati in diversi NG: A) Training di mezza giornata presso l'università per le matricole, organizzato dal gruppo locale, condotto dal LB, circa la conoscenza generale di ELSA per partecipanti; B) Una giornata di training sui compiti in ELSA, organizzato dal gruppo locale, condotto da un membro del NB o trainer sulle principali e ufficiali conoscenze e competenze di ELSA specifiche della zona; C) 2 giorni di training sul recruitment destinato alle matricole di tutti i LGs di un gruppo nazionale, organizzato da un OC, condotto da trainers e alunni, per 25 partecipanti (possibili argomenti: cultura generale di ELSA, competenze generali ELSA e competenze più semplici); D) 2 giorni di training per i membri di una key area formata da tutti gli Officers locali (ad esempio, chi lavora in S&C) organizzato dal membro del NB (ad esempio VP S&C nazionale), per partecipanti (possibili argomenti: conoscenze fondamentali, conoscenze specifiche, simulazione); E) 3-4 giorni o fine settimana nazionale di training per tutti i membri del vostro LG organizzati da un LG in un albergo / ostello, con diversi training per ciascuna key area, per 120 persone che vengono divise in 6 gruppi di formazione (si possono preparare diversi argomenti di training per i diversi gruppi e "categorie di soci ELSA") F) 1-2 giorni di training nel corso di una NCM (ad esempio per le persone che non partecipano alla seduta plenaria), condotta dai trainers e alunni, per 20 persone (possibili argomenti: competenze generali o conoscenza generale di ELSA)

12 G) Week-end training per il Local Group organizzata dal Local Board; la formazione è condotta dai membri del NB e trainers, per 25 partecipanti (possibili argomenti: competenze generali, simulazione) H) Etc. Commento: gli Officers più esperti possono consultare il Manuale per capire il loro livello di conoscenza. I membri esistenti o responsabili che sentono il bisogno di migliorare le loro conoscenze, dovrebbero utilizzare questa guida come un modello per aiutarli a definire i loro bisogni e le fonti di soluzione ai loro problemi. Tabella Durata Luogo Partecipanti Organizzatori Argomenti N. Partecipanti Metà giornata Una giornata Università Freshers Direttivo locale per il suo gruppo locale Ufficio ELSA Membri delle Key areas ELSA Direttivo Nazionale per i gruppi locali Conoscenze generali a proposito di ELSA Caratteristiche delle Key Area di ELSA giorni Università/Ufficio ELSA Membri del gruppo locale 2-4 giorni Hotel/Ostello Membri del Direttivo Locale Gruppo organizzativo di un gruppo locale per un altro gruppo locale di un gruppo Nazionale Direttivo Nazionale per i membri del Direttivo Locale Competenze generali (ad esempio management) Simulazioni 20-30

13 Una settimana Varie sale conferenza Tutti i membri delle Key areas di ogni Direttivo Locale di un Gruppo Nazionale (ad esempio i VP STEP di ogni Gruppo Locale di uno specifico Gruppo Nazionale) altro dormitori Tutti i Direttivi Locali di un Gruppo Nazionale camping Casa in campagna altro Futuri membri di Direttivi Locali e capi dell OC Specifiche organizzazion i di competenza Membri del Direttivo Nazionale Alcuni membri del Direttivo Nazionale per i membri delle loro key areas alcuni membri del Direttivo Locale per alcuni membri delle loro key areas Competenze semplici >30 Nota Bene: Un evento fuori città crea la miglior atmosfera per un training tutti Nota bene Per una seduta di training non si devono superare i partecipanti In un training devono

14 partecipare più membri possibili di quelli che tu ritieni necessario, ma bisogna suddividerli in gruppi b. Possibili Trainers: Quando si decide che "tipo" di training si organizzerà, quanto tempo ci vorrà e chi parteciperà, si dovrebbe pensare ad una persona che possa svolgere un training interessante e utile. Qui troverete alcuni suggerimenti su dove si possono trovare i migliori trainers ELSA: Tabella Nome Riguardo a: Benefici ITP ELSA International Trainers Pool NTP ELSA National Trainers Pool E il gruppo specifico dei Trainers formato da precedenti membri attivi provenienti da diverse zone. Per ottenere un trainer dell ITP contattate il Segretario Generale di ELSA Italia all indirizzo In alcuni gruppi ci sono pool di trainers nazionali - gruppi di precedenti soci attivi appositamente formati. ELSA Italia ha a disposizione un gruppo nazionale di trainers riuniti nel Gruppo Italiano Trainers (GIT) Gli ITP sono i Trainers più esperti di ELSA. Le loro competenze danno anche uno spirito di internazionalità Gli NTP sono quelli più competenti nei gruppi nazionali

15 ELSA Alumni - ELS National Board, Local Board officers LG of NG sponsors representative Professional trainer È possibile utilizzare gli ex membri del vostro gruppo nazionale che ora sono avvocati ed in generale professionisti del mondo del diritto. È possibile utilizzare i membri del Direttivo Locale e / o Nazionale in funzione di un evento di formazione. Potete chiedere allo sponsor del Gruppo Nazionale o locale di svolgere un training È possibile richiedere un Trainer professionista dalla società di consulenza per dare corsi di formazione. Sono coloro che vi aiuteranno non solo nella formazione, ma anche in altre cose, come le sponsorizzazioni Potrai accrescere le competenze dei vari Officers e aiutarli nella conoscenza della formazione Fare qualcosa con gli sponsor stabilisce sempre buoni rapporti. Si può creare un rapporto con una società di consulenza che può tornare utile anche per il futuro. c. Possibili risorse di denaro: Nell'organizzazione di un training si deve necessariamente pensare a quanti soldi serviranno per finanziarlo. Anche per organizzare un giorno di training in Università comporta taluni costi, ad esempio, il costo del viaggio del Trainer. Nel caso, invece, di training organizzati in campagna o in altro LG, ci sono molte più spese. Quindi dovete cercare di organizzare training a buon mercato e trovare un modo per finanziarle. Nella seguente tabella troverete alcune valide idee. Tabella Le cose che si possono ottenere gratis È possibile ottenere un aula per poter svolgere il training dall Università con strumenti come proiettori, lavagne a fogli mobili, computer portatili, ecc. Se stai organizzando in prima persona un training da qualche parte fuori dall'università o dal vostro ufficio ELSA, è possibile

16 coinvolgerei soci ELSA, amici o parenti, ecc. Quota di partecipazione Un evento formativo deve avere almeno una quota di partecipazione simbolica LG o NG sponsor. Training partners Sovvenzioni dal tuo Consiglio Nazionale Bandi Il CDN o il CDL possono decidere di sostenere il vostro corso di formazione in base al loro reddito È possibile trovare un partner annuale per la formazione così da ottenere trainers professionali gratuiti o con uno sconto. Il Consiglio nazionale dovrebbe sponsorizzare eventi di formazione. ELSA Italia, ad esempio, sponsorizza i training mediante l IDF (per maggiori informazioni, contattate ) È possibile applicare per uno dei molti bandi Istituzioni governative EDF ELSA Development Fund Puoi chiedere i soldi al Comune, Ministero della Giustizia, Istruzione o ecc. Il più delle volte ci sono alcuni programmi aperti gli eventi di formazione. Si dovrebbe applicare per la concessione di EDF - contattare il Director internazionale competente tramite il Segretario Generale di ELSA Italia )

17 5. Il contenuto dei training Nei capitoli precedenti abbiamo parlato delle attività formative e di come organizzarle. Questa parte della guida vi darà brevi cenni sui possibili contenuti dei training. Tendenzialmente, soprattutto parlando del livello internazionale, sono i trainers dell ITP (International Trainers Pool), dell NTP (National Trainers Pool - per ELSA Italia, i trainers del GIT) o i trainers professionisti che si prendono cura di essa. Ma, soprattutto, parlando dei training a livello locale, accade molto spesso che sia l'officer del NB a curare la parte accademica della formazione. Pertanto, questa parte della guida darà una panoramica generale di quelli che sono i metodi generali per la formazione, i materiali che potrebbero essere utilizzati e, naturalmente, le fonti che possono aiutare a predisporre il programma del training. a. Metodi I. Simulazioni

18 Questo metodo è il più popolare, e, probabilmente, il più efficace di tutti. La simulazione è costruita in modo da essere molto simile ad un attività reale. Gli esempi più noti di simulazioni sono: simulazione di progetto, simulazione di un meeting (simula meeting delle Sezioni, meeting degli OC). Dopo la simulazione, i partecipanti devono avere la panoramica di ciò che è accaduto, perché e che cosa dovrebbe essere fatto nella vita reale in modo da evitare errori. La simulazione è considerata il metodo più efficiente di training perché è molto complesso, include generalmente molte materie, auto-analisi e la cosa migliore consiste nel fatto che tutti i partecipanti possono imparare gli uni dagli altri. II. Conferenze Ognuno di noi sa che cosa è una conferenza, ma la cosa più importante da sottolineare è che quante meno conferenze ci saranno durante i training, tanto meglio sarà. Naturalmente, talvolta è necessario (per esempio, quando bisogna illustrare una conoscenza generale di ELSA), ma tendenzialmente le conferenze nella maggior parte dei casi diventano molto noiose ed è quasi impossibile formare le competenze degli Officers attraverso una conferenza. Pertanto, si deve cercare di utilizzarla come metodo di formazione il più raramente possibile. III. Discussioni Le discussioni possono essere tenute in varie forme, ma in generale, è un metodo molto utile per "trovare la verità". La cosa più importante che bisogna sapere è che l'efficacia delle discussioni dipende da due cose: i partecipanti e la questione di cui si discute. Per lo più non si possono scegliere i partecipanti, ma bisogna fare in modo che le questioni conducano ad una conclusione. È difficile aspettarsi una discussione efficace, se l argomento non contiene l'esatta problematica da risolvere in esso. Ad esempio, immaginate una discussione avente come argomento principale attività ELSA. Le persone potrebbero avanzare qualsiasi tipo di conclusione, senza giungere mai ad un punto effettivo. IV. Brainstorming Il brainstorming è molto usato soprattutto quando si ricercano nuove idee. Più avanti, aiuta a formare ed evidenziare le cose che i partecipanti potrebbero aver già sentito da qualche parte,

19 ma non hanno bene assimilato. In aggiunta a questo, deve essere ricordato che il brainstorming non dovrebbe mai fermarsi alle prime idee che vengono proposte, il che equivale a dire che le idee veramente creative del brainstorming iniziano a venir fuori solo una volta che sembra che non ci sia più nulla da dire. V. Rompere il ghiaccio Il termine rompighiaccio, descrive il gioco che aiuta le persone a rilassarsi, iniziare a conoscersi l un l altro, liberare le menti dal lavoro, ecc. I rompighiaccio sono estremamente importanti per i training nella misura in cui assicurano la presenza di un equilibrio tra lavoro e un atmosfera rilassata all'interno del gruppo. Aiutano inoltre a ritrovare la concentrazione nel caso in cui la metà dei partecipanti stia per addormentarsi! I rompighiaccio nelle maggior parte dei casi sono energici, esuberanti e soprattutto difficili da condurre fra gli studenti di Giurisprudenza in quanto sono considerati una perdita di tempo. In ogni caso, i rompighiaccio sono molto importanti per le ragioni esposte e non dovrebbero essere lasciati a margine. VI. Lavoro di gruppo Il lavoro di gruppo non è tanto un metodo, ma qui lo menzioniamo non a caso. Solo quando si lavora in piccoli gruppi, tutte le persone partecipanti hanno modo di fare o dire qualcosa. C è un espressione che spiega l importanza del lavoro di gruppo: ognuno può ascoltare tanto quanto parla. Ciò vuol dire che non importa quante informazioni interessanti si pensa di poter dare, la persona le ascolterà realmente solo quando avrà la possibilità di commentare e di metterla in pratica in prima persona. Per questo, se si sta parlando di qualcosa, ad esempio le attività dell area AA, trovate il tempo di dividerli successivamente e di dare loro alcune consegne (pianificare nuove attività dell area AA, dire quali sono i maggiori vantaggi dell area AA, etc). In questo modo i partecipanti assimileranno le informazioni in modo più personale e avranno la possibilità di dire cosa non hanno capito. Ci possono essere altri tipi di metodi che si possono aggiungere a quelli già elencati finora, ma questi sono quelli che più vengono utilizzati. La cosa fondamentale che va sottolineata, è che la

20 buona riuscita di un evento training non dipende tanto da quale metodo verrà utilizzato, ma da come verrà equilibrato nelle sue diverse componenti e da come sarete sicuri del cambiamento che volete apportare attraverso di esso. D altra parte, l equilibrio di successo sta anche nel fatto che non dovrete dimenticare di includere nel training anche il DIVERTIMENTO. b. Materiali Quando preparerete il modulo per il training (Training Request Form), non potete dimenticare i vari materiali per voi e per i partecipanti: I. Presentazioni in Power point. Questo strumento abbastanza semplice diventa una parte fondamentale del training. Le presentazioni sono molto pratiche, in primo luogo per le conferenze, nondimeno sono anche utili per altre forme di training. Possono aiutarvi nella conduzione del training stesso, rimpiazzando le lavagne e possono essere usate come materiale di lavoro per i partecipanti. II. Brochure iniziali Diventa molto pratico per i partecipanti poter essere messi al corrente degli argomenti e del contenuto in generale del training al suo inizio. Questo aiuta loro a seguire meglio il trainer e rende lo stesso training più trasparente. Potete anche dare più risalto grafico ai punti di particolare importanza. III. Resoconto finale Si tratta di un breve o lungo riassunto di quanto affrontato nel training. Può rimpiazzare le osservazioni dei partecipanti (talvolta è importante che loro partecipino attivamente al training e non prendano appunti per il futuro ). Diventa impossibile per loro successivamente tornare indietro al training, ricordare i più importanti passaggi e spesso può essere usato come libro di aiuto per se stessi. Inoltre, spesso può aiutare ad organizzare i loro training in un secondo momento. IV. Materiali di gioco

21 Tutto il materiale, i rompighiaccio, di cui voi e i partecipanti all evento potreste avere bisogno per condurre i giochi. V. Materiale aggiuntivo Per esempio il trainer book : una dettagliata descrizione del vostro training, tutti i giochi, le discussioni, le attività che faciliteranno ai prossimi trainers l uso dei vostri modelli di training. Inoltre, nel caso di un training sulle conoscenze generali di ELSA, i documenti ELSA come lo statuto, etc. c. Fonti che possono aiutare a definire il contenuto del training I. Archivio ELSA. Quando si effettua il login in ELSA Online c è la finestra training nella quale potete trovare molte informazioni su come formare e come equilibrare il programma della formazione stessa. Inoltre, se si è parlato dei training di area, potete dare un occhiata ai file riguardanti l area che vi interessa perché ci sono molte informazioni catalogate che sono a portata di mano quando volete dare risalto a molti dei principali concetti in un breve lasso di tempo (al momento in cui si scrive, ELSA Online è un progetto non ancora funzioante). II. Contattare il Director for Training ELSA International Per prima cosa, il Director for Training ha possibilità di accedere a tutto quel materiale sui training che non è nell archivio ma che è stato raccolto attraverso i trainings che hanno condotto i trainers ITP. In secondo luogo, a seconda dell argomento che si vuole trattare, il Director può dirigervi verso il trainer più specializzato a riguardo. Per contattarlo, dovete necessariamente chiedere al Segretario Genrale di ELSA Italia di farlo per voi. Questo perché gli Officers Locali non possono contattare i livelli internazionali, se non tramite i loro rappresentanti nazionali. III. Contattare preventivamente gli Officers del NB o del LB che hanno fatto i training IV. Visitare SALTO è il forum dei giovani trainers che unisce tutti coloro che in Europa sono interessati a formare i ragazzi. Questo forum è in stretta relazione con i gruppi EU e

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club

FARE IN MODO EHE SI REALIZZI. Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARE IN MODO EHE SI REALIZZI Guida Allo Sviluppo Dei Progetti Di Club FARLO ACCADERE! I Lions clubs che organizzano progetti di servizio utili alla comunità hanno un impatto considerevole sulle persone

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

HDR. Come costruire. n e t w o r k. un Organizzazione. di Network Marketing. di successo. Parte I. m a n u a l e o p e r a t i v o

HDR. Come costruire. n e t w o r k. un Organizzazione. di Network Marketing. di successo. Parte I. m a n u a l e o p e r a t i v o HDR n e t w o r k Come costruire un Organizzazione di Network Marketing di successo Parte I m a n u a l e o p e r a t i v o M a t e r i a l e a d u s o e s c l u s i v o D e i Co P a r t n e r H D R SOMMARIO

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento!

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! GLI OGRIN Il sistema di Punti scambiabili nei servizi ANKAMA Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! Si tratta, in primo luogo, di un

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu 1 Benvenuti dagli ideatori e sviluppatori del Chart Risk Manager Tool per MetaTrader 4. Raccomandiamo

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Email: cose da fare e cose da non fare

Email: cose da fare e cose da non fare OUCH! Marzo 2012 IN QUESTO NUMERO Auto-completamento Cc: / CCn: Liste di distribuzione Emozioni e privacy Email: cose da fare e cose da non fare L AUTORE DI QUESTO NUMERO Fred Kerby ha collaborato a questo

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

GUIDARE GLI ALTRI VITA I LEO CLUB

GUIDARE GLI ALTRI VITA I LEO CLUB GUIDARE GLI ALTRI PER LA VITA I LEO CLUB PREPARANO I GIOVANI AD UNA VITA DA LEADER FATE LA DIFFERENZA... CAMBIATE IL MONDO... SPONSORIZZATE UN LEO CLUB Quando si crea un Leo club locale, i giovani della

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Insegnare può essere facile

Insegnare può essere facile Insegnare può essere facile Raccomandazioni per lo staff della formazione permanente per rendere i loro corsi accessibili Inclusion Europe Prodotto all'interno del progetto Creazione di percorsi di formazione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

ANTECEDENTE UltraXProject è maturata dopo 4 anni di lavoro, con base in programmi già esistenti dello stesso gestore DI: 2x2 Pure, 2x1xtreme,

ANTECEDENTE UltraXProject è maturata dopo 4 anni di lavoro, con base in programmi già esistenti dello stesso gestore DI: 2x2 Pure, 2x1xtreme, ANTECEDENTE UltraXProject è maturata dopo 4 anni di lavoro, con base in programmi già esistenti dello stesso gestore DI: 2x2 Pure, 2x1xtreme, UltraXone Amministratore e fondatore : Sean Kelly di origine

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Chimica Suggerimenti per lo studio

Chimica Suggerimenti per lo studio Chimica Suggerimenti per lo studio Dr. Rebecca R. Conry Traduzione dall inglese di Albert Ruggi Metodo di studio consigliato per la buona riuscita degli studi in Chimica 1 Una delle cose che rende duro

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

abbonamenti 2015.2016

abbonamenti 2015.2016 abbonamenti 2015.2016 FARE DEL NOSTRO STADIO UNA FORTEZZA Caro Interista, San Siro e piu bello quando ci sei tu, io lo so bene. L ho visto vibrare nelle sue notti piu belle. Ho sentito la spinta, la voglia

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli