ANS Training Aeromobili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANS Training Aeromobili"

Transcript

1 1) Configurazione a rosa intera: Funzione di rotta per l avvicinamento. Funzione di rotta con RMI. Funzione di rotta. 2) Configurazione ad arco o piano: Funzione di rotta. Funzione di rotta per l avvicinamento. 202

2 Funzione di rotta o avvicinamento con rappresentazione degli echi del Radar. meteo. Situazione rilevata dal GPWS. 203

3 Nella rappresentazione EHSI prendono posto anche tutte le informazioni del sistema TCAS che vengono presentate anche sull EADI. 204

4 È utile ricordare che nella configurazione EFIS più completa (pilota + copilota), è presente un terzo sistema (SG+LCD) che prende il nome di MFD o multi-function display che può essere utilizzato e configurato a piacimento e/o in caso di necessità essere definito uno stand-by display che in caso d avaria all EHSI lo può sostituire. Oggi la tecnologia EFIS è cosi diffusa che trova applicazione anche nei sistemi avionici degli aeroplani da turismo. 205

5 La conversione all elettronica non ha risparmiato neanche gli strumenti per il controllo e la gestione degli apparati di bordo: quelli propulsivi, idraulici, elettrici, convogliando le informazioni su schermi LCD. L EICAS (Engine indication (and) crew alerting system) è in grado di essere configurato in funzione delle informazioni necessarie al momento. 206

6 207

7 208

8 209

9 AUTOMAZIONE DEI SISTEMI DI BORDO (l autopilota, l FMS) Automazione è ogni congegno che può sostituire l attività fisica o mentale dell uomo. Ognuno di noi convive con l automazione (Lavatrice, lavastoviglie, impianto di condizionamento, centraline telefoniche,computer) ma per ottenere i benefici desiderati occorre programmarli. Esiste una resistenza al cambiamento tecnologico: uomini che hanno lavorato molto per sviluppare le proprie capacità si sentono frustrati al pensiero che una macchina possa fare di più, prospettive di carriera che cambiano, attività che scompaiono, abilità obsolete. In campo aeronautico, l automazione interessa le sale radar, le torri di controllo, i sistemi aeroportuali, le radioassistenze, gli aeromobili. Per il cockpit dell aeromobile l automazione è arrivata per gradi. Basic configuration Nella configurazione base l aereo è volato dal pilota che agisce manualmente sui comandi, direttamente coinvolto in tutti i processi e questa sua partecipazione riceve risposta attraverso i sensi ed il movimento dell aeroplano. 1 Livello d automazione (Autopilota) L autopilota va ad agire sui comandi di volo consentendo semplici manovre: il pilota assegna una prua, una quota e l autopilota esegue. È il primo step che separa il pilota dalla diretta conduzione della macchina e viene a mancare la sensibilità manuale. 210

10 IMPIANTO AUTO-PILOTA Ci sono tre tipi di auto-pilota: I a controllo su un asse; II a controllo su due assi; III a controllo su tre assi. Assi sono quelli attorno hai quali l aeromobile compie i movimenti. Nel modello su due assi può essere presente anche un altro impianto chiamato yaw damper ovvero smorzatore d imbardata che, agendo sul timone di direzione, coordina automaticamente le virate. Con quest impianto il due assi si trasforma automaticamente in un tre assi. 2 Livello d automazione (Controllers) L autopilota è un sistema che deve essere controllato poiché impatta sulla sicurezza del volo. Si introduce un nuovo livello d automazione il controller (direttore di volo o Flight Director) che fornisce informazioni all autopilota. I controllers possono utilizzare informazioni di navigazione o d altitudine o comandi di ratei di salita o discesa per poi trasmettere istruzioni all autopilota (es Turn to... and maintain this heading ). In questa configurazione ci sono due barriere che separano il pilota dal diretto controllo dell aereo: a) programmare e monitorare i controllers per accertarsi che forniscano il corretto comando all autopilota, b) monitorare l autopilota che effettui le manovre correttamente. A questo livello d automazione controllers e autopilota non hanno sufficiente capacità di mettere in pericolo l aeromobile. I controllers riducono il carico di lavoro del pilota, sono precisi ma possono presentare errori e limitazioni. Pannello del Flight director NOTA Il FD fu concepito per esigenze di pilotaggio degli equipaggi dei moderni aerei di linea o executive che sempre più sofisticati, operano in zone ad alta concentrazione di traffico, spesso in condizioni meteo non ottimali. Al FD sono asserviti due strumenti che garantiscono il controllo in volo del sistema direttore, usati anche in condizione di condotta manuale, funzionano elettricamente ma i principi d utilizzo sono diversi da quelli usati sugli aerei leggeri. 211

11 3 Livello d automazione (Flight Management Computer) Il pilota deve programmare il computer che istruisce i controllers, i quali trasmettono le funzioni all autopilota che vola l aereo. L FMC fornisce una quantità d informazioni e assistenza senza precedenti, ha necessità di essere programmato e ha prevalenza sulle performance dell aereo. 4 Livello d automazione (Flight Management System) Integra l FMC con tutti i sistemi di bordo (il fuel control o enviromental control) per gestire al meglio il consumo di carburante, il tempo di volo, la rotta, la velocità e la posizione delle manette. A questo livello d automazione l FMC, i controllers e l autopilota, hanno una elevata prevalenza sul pilota che deve essere preparato e attento, poiché si eleva la possibilità di una manovra non voluta. In questo contesto si inserisce la filosofia FBW (Fly-by Wire), l idea di azionare i comandi di volo attraverso circuiti elettronici, lo sviluppo è nelle regole di come controllare il volo (control laws) con il computer. Alla base c è l affidabilità del sistema ottenuta con la ridondanza dei sistemi primari e il back up dei sistemi (conversione manuale). Gli aeromobili FBW in questo momento sono: A319/320/321/330/340 e il B777. Si stanno sviluppando due diverse filosofie fly-by-wire Airbus e Boeing. In Airbus il sistema è costituito, nel caso dell A319CJ da 5 Flight Control Computer che ricevono gli imput dal sidestick controller (fig. 1). E sono: > ELEVATOR/AILERON COMPUTER (ELAC) 1 e 2 > SPOILER/ELEVATOR COMPUTER (SEC) 1,2 e 3 Fig

12 Durante il normale volo ELAC 1 controlla gli ailerons ed ELAC 2 controlla l elevator e l horizontal stabilizer. Mentre SEC 1,2 e 3 controllano gli spoilers operation. Con l avaria di uno dei due ELAC, la rispettiva funzione è trasferita all altro ELAC; nel caso che ambedue gli ELACs vadano in avaria, il controllo dell elevator è trasferito al SEC 2 e quindi al SEC 1. Il controllo del rollio è fornito dal SEC 1,2,3 attraverso gli spoilers. C è una sorta di gerarchia nelle opzioni da scegliere in relazione alle avarie, attraverso 4 computers (fig. 2). Fig. 2 Fig. 2 bis La ridondanza del sistema di controllo è quadrupla e per garantire affidabilità ELAC e SEC sono costruiti da differenti case costruttrici utilizzando differenti software e sono programmati in modo autonomo utilizzando linguaggio informatico diverso. I vantaggi di sicurezza del sistema FBW dell Airbus, si traducono in termini di flight envelope limits, ovvero limiti di pitch, bank, velocità e angolo d attacco non superabili se non con uno sforzo oltre il normale. Nel caso dell A319 sono chiamati hard limits. Nel sistema FBW del Boeing 777 ci sono 3 Primary Flight Control computers (PFC), gli input dal cockpit control arrivano ai PFC dopo essere passati attraverso 4 Actuator Control Electronics (ACE), i comandi dal PFC vengono inviati all ACE e dall ACE alle superfici di controllo primarie. Se i 3 PFC vanno in avaria il segnale di controllo può andare direttamente dal pilota all ACE e quindi alle superfici di controllo( direct mode fig. 3). 213

13 Fig. 3 Anche il sistema FBW della Boeing è quadruplo nel livello di ridondanza, ma la filosofia della è diversa: si basa sul concetto che il pilota deve essere sempre prevalente indipendentemente dai sistema. Per questo le regole che governano i flight control sono di tipo soft limits. 5 Livello d automazione: In futuro avremo un livello di automazione che permetterà ai CTA di dialogare direttamente con l FMC di bordo attraverso computer e il dialogo potrà avvenire direttamente tra aeromobili attraverso i rispettivi FMC (Sperimentazione free flight). N/FMS - NAVIGATION/FLIGHT MANAGEMENT SYSTEM L NMS, è un sistema di gestione della navigazione, che utilizzando tutti i segnali emessi dalle stazioni di radionavigazione esistenti, è in grado di selezionare le migliori e più idonee da utilizzare per la propria navigazione. 214

14 Il tutto ebbe inizio nel 1982 e la società Boeing fu la prima ad equipaggiare i suoi aerei (757, 767) seguita subito dopo dal consorzio Airbus (A310). L elemento base è costituito da un elaboratore che utilizzando un ampio data-base, permette di gestire il sistema navigazione, programmare la rotta ed apportare ogni variazione o modifica necessarie. Le sue caratteristiche tecnico/operative sono le seguenti: Il sistema è tenuto costantemente aggiornato e fa riferimento a radioassistenze esistenti che sono automaticamente selezionate durante detto ciclo e quindi comprese nell aggiornamento. La banca dati del sistema e cosi completa da rendere possibile la programmazione di qualsiasi rotta o piano di volo avendo a disposizione centinaia di WAYPOINT modificabili, anche in volo, secondo necessità. 215

15 La memoria del calcolatore è aggiornata periodicamente mediante disco (in genere ogni mese). Il sistema dei radioaiuti impiegati riguarda la rete VOR/DME, i TACAN e quello che rimane della rete LORAN c e OMEGA VLF (Il NMS non si avvale dei segnali NDB). Il problema che l NMS è stato chiamato a risolvere nasce dal fatto che il sistema di navigazione perfetto non esiste. Ogni sistema di navigazione soffre di limitazioni di vario genere, alcuni sono semplici ed a buon mercato (NDB) ma possono essere poco attendibili e con copertura limitata e variabile. Altri più affidabili e di facile interpretazione ma con raggi d azione limitati (VOR). Altri con coperture pressoché illimitate ma con segnali soggetti a distorsione (Omega), fino ad arrivare alla precisione, limitata nel tempo, del sistema inerziale (INS), che però a costi elevatissimi, non senza aver menzionato il GPS la cui accuratezza è garantita ma non altrettanto, la continuità del suo segnale. A questo punto appare evidente che la soluzione sembrerebbe essere quella di avere a disposizione tutti questi sistemi, in modo tale da poterne mediare le informazioni scegliendo quelle ottimali per la fase del volo istante per istante. Diciamo pure che per sicurezza è opportuno disporre di più apparati uguali (due/tre) al fini di prevenire avarie o malfunzionamenti. Ora non ci resta che considerare lo spazio necessario a piazzare il tutto nella cabina di pilotaggio. A quanto descritto va aggiunto che il carico di lavoro cui sarebbe sottoposto il pilota per potersi avvalere in modo efficiente di tutte le informazioni sarebbe esorbitante. Il NMS può essere definito semplicemente come il navigatore del navigatore in pratica aiuta il pilota/navigatore a districarsi tra una gran quantità di dati di navigazione spesso in contrasto tra loro, per determinare il miglior percorso, occupando il minor spazio possibile in cabina anche grazie alla possibilità di sistemare i sensori di ricezione dei segnali, ognuno dei quali può essere collegato a scelta a questo o quel sistema ed i relativi apparati, in luoghi diversi dal cockpit. Fatto questo ci si rese immediatamente conto che si poteva migliorare ulteriormente la gestione della totalità del volo e cioè si potevano integrare i dati di navigazione ricavati con l NMS con quelli di condotta dell aeromobile forniti dal computer deputato a gestire le prestazioni dell aereo e cioè il PMS ovvero il performance management system. Da quest integrazione è nato l FMS ovvero il FLIGHT MANAGEMENT SYSTEM. L FMS guida il pilota lungo un profilo di volo reso ottimale per soddisfare uno o più parametri specifici predeterminati (quasi sempre di natura economica) che comprende: 216

16 1. decollo; 2. salita iniziale e/o di crociera; 3. livellamento; 4. discesa; 5. avvicinamento; 6. atterraggio. Il tutto è confortato da dati ed indicazioni riguardanti la navigazione, dalla SID all inserimento in aerovia, al punto ottimale d inizio discesa in funzione del peso dell aeromobile della distanza della provenienza ed intensità del vento, alle holding e gli avvicinamenti. Le funzioni che nell FMS adempiono a questi compiti sono: LNAV (Lateral Navigation) e VNAV (Vertical Navigation). L FMS è l unico apparato in grado di eseguire e aggiornare continuamente la mole di calcoli necessaria per determinare l ottimizzazione della condotta del volo e della navigazione. 217

17 L FMS HA LA COMPLETA GESTIONE DI TUTTI GLI IMPIANTI 218

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT)

EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) EASY FSX ITALIA START UP & PUSH BACK VOLO IFR - IVAO BOEING 737 800 NG (DEFAULT) A. PRE-START (VERIFICA DEI COMANDI). 1. Freni di Parcheggio: Attivati; 2. Manette: Impostate al minimo (IDLE); 3. Interruttore

Dettagli

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti

Flight Utilities http://www.flightutilities.com. Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti Flight Utilities http://www.flightutilities.com Le Holding Anche in cielo abbiamo i semafori by Umberto Degli Esposti 1 Similmente alla necessità di installare semafori nelle aree di maggior traffico automobilistico,

Dettagli

Navigazione con le radioassistenze VOR

Navigazione con le radioassistenze VOR PARABLINDA AIRLINES 2010 Navigazione con le radioassistenze VOR di Alberto Serra Alessio Angius PARABLINDA AIRLINES STAFF Pagina 1 di 27 INDICE DEGLI ARGOMENTI Introduzione pag. 5 1. Definizioni pag. 6

Dettagli

Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME

Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME Holding Pattern, Virate di Procedura, Archi di DME In questo documento verranno affrontate tre manovre molto ricorrenti nell ambito del volo IFR, le holding, le virate di procedura e gli archi di DME,

Dettagli

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna (LIPE) su un aereo da addestramento Cessna C172SP Skyhawk,

Dettagli

Rassegna Stampa del 06/08/2008 08:00

Rassegna Stampa del 06/08/2008 08:00 AESVI Rassegna Stampa del 06/08/2008 08:00 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro

Dettagli

IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO

IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS IL CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Introduzione Rifacciamoci a quanto detto a proposito

Dettagli

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI 1. LE CARTE AEROPORTUALI. le carte aeroportuali individuano le aeree e gli spazi entro i quali i velivoli di varie categorie possono manovrare, decollare

Dettagli

SISTEMI DI RILEVAMENTO E NAVIGAZIONE

SISTEMI DI RILEVAMENTO E NAVIGAZIONE SOMMARIO iii CAPITOLO 1 LA NAVIGAZIONE I RADIOAIUTI E LA NAVIGAZIONE SATELLITARE 1.1 LA NAVIGAZIONE ED I RADIOAIUTI...1 1.1.1 Cenni storici e e Definizioni...1 1.1.2 Modalità e Tecniche Fondamentali...3

Dettagli

Quality Wings RJ70/85/100 Tutorial ITALIANO Emanuele PAPA

Quality Wings RJ70/85/100 Tutorial ITALIANO Emanuele PAPA Quality Wings RJ70/85/100 Tutorial ITALIANO Emanuele PAPA Traduzione in italiano del tutorial ufficiale di Quality Wings. Documento originale Quality Wings Traduzione Emanuele Papa, per EasyFSXItalia.

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: / / Pag. di

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: / / Pag. di INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTI CLASSI PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014 / 2015 MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA X LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO SCIENZE DELLA NAVIGAZIONE AEREA Buonincontri

Dettagli

Comandi di volo. Capitolo 12 - 12.1 -

Comandi di volo. Capitolo 12 - 12.1 - Capitolo 12 Comandi di volo - 12.1 - 12.1 Introduzione I comandi di volo costituiscono una parte degli impianti di bordo essenziale per la controllabilità e manovrabilità della macchina. A seconda della

Dettagli

Zeus 2 Guida di Uso Rapido

Zeus 2 Guida di Uso Rapido Zeus Guida di Uso Rapido IT Pannello Frontale Unità 7 Unità 9 & 5 6 4 9 7 4 MARK 5 6 7 7 MARK 8 No. Descrizione Schermo Touch Manopola rotante. Ruotare per scorrere le voci del menu e quindi premere per

Dettagli

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a TRAFFICO AEREO S.A.T. Security air traffic E il traffico operativo militare svolto per la sicurezza nazionale ; comprende

Dettagli

FlyWise contiene al suo interno il più completo database di aereoporti, campi di volo, aviosuperfici, punti di riporto, radioaiuti e spazi aerei.

FlyWise contiene al suo interno il più completo database di aereoporti, campi di volo, aviosuperfici, punti di riporto, radioaiuti e spazi aerei. FlyWise Navigare con saggezza. FlyWise è un sistema di navigazione completo dedicato ai piloti, che vi aiuta in ogni aspetto della vostra navigazione. Un sistema pensato per rispondere velocemente alle

Dettagli

Guida di decollo e atterraggio

Guida di decollo e atterraggio Guida di decollo e atterraggio 2 x-plane 8 - Guida di decollo e atterraggio Indice In pista 3 A-380 3 Aeroporto di Parigi Charles de Gaulle 3 Piano di volo 3 Computer di volo (FMC) 4 Torre di controllo

Dettagli

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO Di autogiri ne esistono di tutti i tipi e la gamma spazia dalle costruzioni amatoriali ai velivoli certificati. Parimenti è altrettanto vasta la gamma dei sistemi impiegati

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica GLI AEROPORTI parte 2/2 Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Airside: classificazione degli aeroporti Gli aeroporti sono classificati in diversi modi.

Dettagli

COMANDI DI VOLO GLI AEROMOBILI SONO DOTATI DI SUPERFICI MOBILI CHE PROVVEDONO ALLA MANOVRABILITA ED AL CONTROLLO DURANTE IL VOLO.

COMANDI DI VOLO GLI AEROMOBILI SONO DOTATI DI SUPERFICI MOBILI CHE PROVVEDONO ALLA MANOVRABILITA ED AL CONTROLLO DURANTE IL VOLO. COMANDI DI VOLO GENERALITA GLI AEROMOBILI SONO DOTATI DI SUPERFICI MOBILI CHE PROVVEDONO ALLA MANOVRABILITA ED AL CONTROLLO DURANTE IL VOLO. TALI SUPERFICI VENGONO CLASSIFICATE IN: COMANDI DI VOLO PRIMARI

Dettagli

PILOTA AUTOMATICO: GUIDA ALL ACQUISTO

PILOTA AUTOMATICO: GUIDA ALL ACQUISTO PILOTA AUTOMATICO: GUIDA ALL ACQUISTO Più di 60 anni & 43 premi NMEA Affidati a Simrad per seguire la rotta. Navigate serenamente I VANTAGGI DEL PILOTA AUTOMATICO Il pilota automatico è uno dei migliori

Dettagli

IN VOLO CON L ELETTRONICA

IN VOLO CON L ELETTRONICA IN VOLO CON L ELETTRONICA Q uello dell aviazione civile è il settore dei trasporti in cui più si spende e si innova, ed è stata sicuramente la sinergia fra crescita tecnologica e strategie commerciali

Dettagli

ANS Training Equipaggiamenti e sistemi

ANS Training Equipaggiamenti e sistemi CAPITOLO 10 SERVIZIO DI RADIONAVIGAZIONE AERONAUTICO 10.1 GENERALITÀ 10.1.1 Definizione: Servizio di radionavigazione assicurato per le necessità degli aa/mm e per la sicurezza delle loro operazioni. 10.1.2

Dettagli

Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding

Training su LIRP. - Conoscenza almeno delle basi del volo IFR, intercettazioni radiali VOR, Holding Training su LIRP Col presente documento si vuol cercare di aiutare i piloti virtuali alle prime armi che si cimentano a volare Online su IVAO ad effettuare correttamente procedure IFR pubblicate, holding,

Dettagli

Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU

Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU Tutorial sul Piano di Volo IFR IT-EU In questo tutorial ci limiteremo ad una descrizione generale ed alla pianificazione di un volo in IFR internazionale (Genova Valencia) indicando le varie fasi e procedure

Dettagli

Avionica: campo elettromagnetico

Avionica: campo elettromagnetico Avionica: campo elettromagnetico L'onda elettromagnetica trasmessa è caratterizzata da ampiezza, frequenza f, lunghezza d'onda λ e velocità di propagazione c (300000 km/s nel vuoto, poco meno in atmosfera):

Dettagli

ENAV SpA è la Società a cui lo Stato italiano demanda la gestione e il Controllo del Traffico Aereo civile in Italia. Interamente controllata dal

ENAV SpA è la Società a cui lo Stato italiano demanda la gestione e il Controllo del Traffico Aereo civile in Italia. Interamente controllata dal 1 5 0 PROFILO 2011 CHI SIAMO ENAV SpA è la Società a cui lo Stato italiano demanda la gestione e il Controllo del Traffico Aereo civile in Italia. Interamente controllata dal Ministero dell Economia e

Dettagli

Assistenza al volo. Corso di Trasporti Aerei Anno Accademico 2008-2009 Prof. L. La Franca

Assistenza al volo. Corso di Trasporti Aerei Anno Accademico 2008-2009 Prof. L. La Franca Corso di Trasporti Aerei Anno Accademico 2008-2009 Prof. L. La Franca Assistenza al volo Sommario Servizi di assistenza al volo Suddivisione e tipologie degli spazi aerei La suddivisione operativa degli

Dettagli

Descrizione dei sistemi. Utilizzo nelle procedure di avvicinamento strumentali di precisione. FlightSimulation.it 1998-2004 All rights

Descrizione dei sistemi. Utilizzo nelle procedure di avvicinamento strumentali di precisione. FlightSimulation.it 1998-2004 All rights Navigazione Descrizione dei sistemi ILS Instrumental Landing System Utilizzo nelle procedure di avvicinamento strumentali di precisione. DESCRIZIONE GENERALE L ILS o Instrumental Landing System, è uno

Dettagli

NSS evo2 Guida di Uso Rapido

NSS evo2 Guida di Uso Rapido NSS evo Guida di Uso Rapido IT Pannello Frontale Unità 7 Unità 9,, 6 5 6 4 9 7 4 MARK 5 6 7 7 MARK 8 No. Descrizione Schermo Touch Manopola rotante. Ruotare per scorrere le voci del menu e quindi premere

Dettagli

La Compagnia Aerea Virtuale di FlightSimCenter

La Compagnia Aerea Virtuale di FlightSimCenter Documento EAV Rules&Regs Versione 1.6 Aggiornato al 10/05/2014 La Compagnia Aerea Virtuale di FlightSimCenter Premessa: Questa attività di FlightSimCenter è dedicata agli appassionati della simulazione

Dettagli

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l.

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Aerofotogrammetria Dettagli costruttivi Aerofotogrammetria con SAPR Introduzione Al-To Drones Srl 2 Introduzione Lunghezza focale

Dettagli

INTRODUZIONE INTRODUZIONE

INTRODUZIONE INTRODUZIONE Navigazione La Pianificazione del Volo La preparazione del piano di volo. Utilizzo delle procedure standard per la partenza e l avvicinamento. INTRODUZIONE Con il presente inserto, intendiamo introdurre

Dettagli

Aeroportodi Aosta. Quale sviluppo?

Aeroportodi Aosta. Quale sviluppo? Aeroportodi Aosta Quale sviluppo? PREMESSA La sicurezza dei passeggeri può essere garantita solo se viene perseguita in tutti gli elementi che interessano l attività di volo: nella costruzione dei velivoli

Dettagli

CORSO PRATICO PER PILOTA APR E CERTIFICAZIONE AL VOLO

CORSO PRATICO PER PILOTA APR E CERTIFICAZIONE AL VOLO Pag. 1 di 5 REGOLE GENERALI PREREQUISITI CANDIDATO CORSO PRATICO PER PILOTA APR E CERTIFICAZIONE AL VOLO 1. I candidati devono avere almeno 18 anni di età. 2. I candidati devono fornire prova di aver superato

Dettagli

PILOTIAMO IL CONCORDE

PILOTIAMO IL CONCORDE PILOTIAMO IL CONCORDE Queste note sono riferite al Concorde per FS2004 assemblato da Davide Scotti per TropicAir Virtual. L aereo e il modello di volo sono quelli del progetto Mach 2 di FSFrance, mentre

Dettagli

Assicurazione sulla vita per Piloti Trainatori. (ovvero: come evitare che l incapace all altro capo del cavo possa rovinarvi la giornata.

Assicurazione sulla vita per Piloti Trainatori. (ovvero: come evitare che l incapace all altro capo del cavo possa rovinarvi la giornata. Assicurazione sulla vita per Piloti Trainatori (ovvero: come evitare che l incapace all altro capo del cavo possa rovinarvi la giornata.) CONSIDERAZIONI PRELIMINARI 1. Le prestazioni del vostro aeroplano

Dettagli

Zeus 2 Glass Helm Guida di Uso Rapido

Zeus 2 Glass Helm Guida di Uso Rapido Zeus 2 Glass Helm Guida di Uso Rapido IT Accensione/Spegnimento del sistema Zeus 2 Glass Helm Premete il tasto/pulsante Power: - sulla parte frontale del processore Zeus 2 Glass Helm - sulla parte frontale

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 GLI AEROPORTI Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it Introduzione L aeroporto costituisce un elemento di fondamentale importanza in quanto nodo

Dettagli

Volo TWA n 891/26 26 giugno 1959

Volo TWA n 891/26 26 giugno 1959 Volo TWA n 891/26 26 giugno 1959 Atene (Grecia) Chicago, Illinois (USA) Ricostruzione del volo fino al momento del disastro aereo Resoconto delle testimonianze Estratti dal verbale del Civil Aeronautics

Dettagli

La lettura delle SID

La lettura delle SID La lettura delle SID In questo tutorial proviamo a introdurre alla lettura delle SID semplificando la trattazione a quanto necessario per un utilizzo pratico nel mondo della simulazione di volo. Come prima

Dettagli

Checklist Volo Completo (SU IVAO) Boeing 737 NGX 600/700/800/900 PMDG

Checklist Volo Completo (SU IVAO) Boeing 737 NGX 600/700/800/900 PMDG Checklist Volo Completo (SU IVAO) Boeing 737 NGX 600/700/800/900 PMDG Redata da Igor Pignegna in lingua Italiana Pagina1 AVVIO SISTEMI 1. Freno Parcheggio (THTRL): Inserito 2. Connessione IVAP: Attiva

Dettagli

CERTIFICATO INTERNAZIONALE DI OPERATORE DI IMBARCAZIONE DA DIPORTO

CERTIFICATO INTERNAZIONALE DI OPERATORE DI IMBARCAZIONE DA DIPORTO ICC information and syllabus CERTIFICATO INTERNAZIONALE DI OPERATORE DI IMBARCAZIONE DA DIPORTO Per la navigazione all estero il requisito della certificazione di idoneità varia a seconda dei paesi. In

Dettagli

Manuale per la guida sicura in Airside

Manuale per la guida sicura in Airside Runway Safety Manuale per la guida sicura in Airside Runway Safety 1/12 Introduzione Il traffico aumenta. Gli aeroporti si espandono. Chi guida in Airside, é tenuto a conoscere come utilizzare il veicolo

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 1 - AERODINAMICA 1 Il fenomeno aerodinamico della vite è caratterizzato da: A) semiala interna alla rotazione completamente stallata;

Dettagli

SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO

SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Capitolo 18 SERVIZIO DI CONTROLLO DI AVVICINAMENTO Elab. D. Colella INDICE Prefazione e Generalità 1. Generalitá 1.1 Responsabilità per la fornitura del Servizio di controllo di avvicinamento 2. DIVISIONE

Dettagli

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI

Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Antonio Golfari GLI SPAZI AEREI Febbraio, 2006 PARTE 1: GLI SPAZI AEREI In questa sezione cercheremo di spiegare come è strutturato il cielo per chi lo percorre a bordo di un aeromobile. Non può e non

Dettagli

Soluzione per riprese aeree di prossimità, analisi odorigene e restituzione immagini e cartografia georiferita per ISPEZIONI E MANUTENZIONI

Soluzione per riprese aeree di prossimità, analisi odorigene e restituzione immagini e cartografia georiferita per ISPEZIONI E MANUTENZIONI Soluzione per riprese aeree di prossimità, analisi odorigene e restituzione immagini e cartografia georiferita per ISPEZIONI E MANUTENZIONI >> GOST PRESENTAZIONE AZIENDALE E OFFERTA Presente nel settore

Dettagli

GUIDA RAPIDA in italiano a cura di Giovanni Combattelli giocomba@libero.it Versione 2 (14 gennaio 2005)

GUIDA RAPIDA in italiano a cura di Giovanni Combattelli giocomba@libero.it Versione 2 (14 gennaio 2005) ATR 72-500 FLIGHT ONE SOFTWARE www.flight1.com GUIDA RAPIDA in italiano a cura di Giovanni Combattelli giocomba@libero.it Versione 2 (14 gennaio 2005) INSTALLAZIONE. E assolutamente automatica a partire

Dettagli

lo staff di Aviationcoaching.com Copyright 2012 Aviationcoaching.com www.aviationcoaching.com - email: info@aviationcoaching.com

lo staff di Aviationcoaching.com Copyright 2012 Aviationcoaching.com www.aviationcoaching.com - email: info@aviationcoaching.com AVIATION COACHING PER PILOTI L applicazione del Coaching in Aviazione ha una fondamentale utilità per i Piloti di Aviazione. Qual è l effetto del Coaching sulla qualità di vita di una persona e come può

Dettagli

Gestione dei flussi di traffico aereo

Gestione dei flussi di traffico aereo Gestione dei flussi di traffico aereo Daniele Vigo DEIS Università di Bologna 1 Trasporto aereo in Europa In tutto il mondo sono trasportate per via aerea merci per un valore di 1500 miliardi di dollari

Dettagli

Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO DI EMERGENZA: Flight following

Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO DI EMERGENZA: Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA PIANO DI EMERGENZA: Flight following Redatto a cura di Centrale Operativa 118 - Elisoccorso Regione F.V.G. PRIMA EDIZIONE OTTOBRE 2001 Edizione ottobre 2001 1 2 FLIGHT

Dettagli

P. Schiano, CIRA. Che cosa noi vogliamo con la nostra ricerca? guida, navigazione e controllo con capacità adattive in linea;

P. Schiano, CIRA. Che cosa noi vogliamo con la nostra ricerca? guida, navigazione e controllo con capacità adattive in linea; Guidance, Navigation and Control Technologies for Hypersonic Flight, P. Schiano, CIRA P. Schiano CIRA: grazie dell introduzione, io presenterò in italiano anche se le mie slides sono in inglese così da

Dettagli

Modellismo ferroviario Le basi. DCC Basics

Modellismo ferroviario Le basi. DCC Basics Modellismo ferroviario Le basi DCC Basics Enzo Fortuna MOLTO PIÙ SEMPLICE DI QUANTO CREDIATE DCC: Che cosa significa DCC = Digital Command Control Controllo Comandi Digitale Loco Controllate per Blocco

Dettagli

Il Monitoraggio come strumento per il Controllo e la Riduzione dei Consumi

Il Monitoraggio come strumento per il Controllo e la Riduzione dei Consumi Il Monitoraggio come strumento per il Controllo e la Riduzione dei Consumi Alessandro Pescetto, Luca Sebastiani CETENA SpA 1 La propulsione Meccanica Diesel Elettrica convenzionale Diesel Elettrica con

Dettagli

Tutorial PLAN-G CARATTERISTICHE

Tutorial PLAN-G CARATTERISTICHE Tutorial PLAN-G CARATTERISTICHE interfaccia di Google Maps per ricchi dettagli topografici e satellitari Mostra lo spazio aereo, aeroporti e navaids sulla mappa (da Flight Sim dati) Livelli di dettaglio

Dettagli

ELICOTTERO AB212. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

ELICOTTERO AB212. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com ELICOTTERO AB212 Descrizione generale COSTRUTTORE AGUSTA su licenza della Bell Helicopter Company ( U.S.A. ). TIPOLOGIA DELLE MISSIONI Addestramento al volo; Concorso in operazioni S.A.R. ( Search And

Dettagli

PIANIFICAZIONE IFR. IBN EDITORE www.ibneditore.it IBN EDITORE. prof. Francesco Iaccarino 1. iaccarinofr@gmail.com

PIANIFICAZIONE IFR. IBN EDITORE www.ibneditore.it IBN EDITORE. prof. Francesco Iaccarino 1. iaccarinofr@gmail.com Ottimizzato per Microsoft PowerPoint 2010 versione del 01 12/10/2013 PIANIFICAZIONE IFR IBN EDITORE www.ibneditore.it prof. Francesco Iaccarino iaccarinofr@gmail.com www.itismarconipadova.it Per eventuali

Dettagli

Seggiovie ad ammorsamento automatico

Seggiovie ad ammorsamento automatico Seggiovie ad ammorsamento automatico... all originalità. Dalla normalità... 2 3 Seggiovie ad ammorsamento automatico Perfezione tecnologica La visione a lungo termine, l individuazione dei trend, il creare

Dettagli

Il Sistema Garmin-1000

Il Sistema Garmin-1000 Gli Approfondimenti de ilvolo.it Il Sistema Garmin-1000 A cura di Andrea Alpha Papa Pasqualini Premessa Sempre più frequentemente, in Aviazione Generale, si parla di ATA (Advanced Technology Aircraft);

Dettagli

ANS Training Aeromobili

ANS Training Aeromobili CAPITOLO 9 IMPIANTI VELIVOLO APU - AUXILIARY POWER UNIT L APU, auxiliary power unit è un gruppo elettrogeno autonomo installato a bordo degli aa/mm di dimensioni medio/grandi che provvede all erogazione

Dettagli

Corso di Sperimentazione di volo F. Nicolosi - INTRODUZIONE -

Corso di Sperimentazione di volo F. Nicolosi - INTRODUZIONE - Corso di Sperimentazione di volo F. Nicolosi - INTRODUZIONE - SPER. di VOLO - Introduzione 1 La sperimentazione di volo (Flight Testing) è un processo interdisciplinare fondamentale per lo sviluppo di

Dettagli

EFFICIENZA E NUOVO APPROCCIO MANUTENTIVO

EFFICIENZA E NUOVO APPROCCIO MANUTENTIVO EFFICIENZA E NUOVO APPROCCIO MANUTENTIVO LEGISLAZIONE ESISTENTE, NON UN OBBLIGO BENSI UN OPPORTUNITA E SPUNTO PER SUPERARE UNA FASE DI CONTRATTURA DI MERCATO PRESENTATO DA GIAMPIERO DE CUBELLIS AREA GENERAL

Dettagli

INDICE. Come giocare 1. Condizioni di volo 12. L hangar 13. Rudimenti delle missioni 14

INDICE. Come giocare 1. Condizioni di volo 12. L hangar 13. Rudimenti delle missioni 14 Manuale di VOLO INDICE Come giocare 1 Schermata della mappa 1 Cambiare la visuale della mappa Giocare online Icone dell aeromobile Icone 2 Usare il mouse 3 Volare in Modalità Mouse Viste telecamera 4 Il

Dettagli

IL FUTURO IN CAMPO ATM

IL FUTURO IN CAMPO ATM ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS IL FUTURO IN CAMPO ATM INTRODUZIONE L attività di controllo del traffico aereo

Dettagli

Il motore diesel per la propulsione navale

Il motore diesel per la propulsione navale 1 Schede di Impianti Navali Il motore diesel per la propulsione navale ver 1.1 A cura di Franco Quaranta 2 Il motore diesel per la propulsione navale versione: 1.1 file originale: Il motore diesel per

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Parte 1 - AERODINAMICA Parte 2 - METEOROLOGIA Parte 3 - TECNOLOGIA E PRESTAZIONI DEGLI APPARECCHI VDS Parte 4 -

Dettagli

DITRA Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti Dispense del corso di Trasporti Aerei del Prof. L. La Franca - a.a. 2006/2007 ASSISTENZA AL VOLO

DITRA Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti Dispense del corso di Trasporti Aerei del Prof. L. La Franca - a.a. 2006/2007 ASSISTENZA AL VOLO Sommario Servizi di assistenza al volo traffico aereo GAT e OAT...2 Suddivisione e tipologie degli spazi aerei...6 La suddivisione operativa degli spazi aerei...10 La separazione fra gli aeromobili...12

Dettagli

Aspetti energetici. Capitolo 2

Aspetti energetici. Capitolo 2 Capitolo 2 Aspetti energetici 2.1 2.1 Introduzione Un impianto è costituito da componenti uniti fra di loro tramite collegamenti nei quali avviene un trasferimento di potenza esprimibile attraverso il

Dettagli

II FACOLTA DI INGEGNERIA. Progetto: Ricostruzione virtuale di incidenti aerei

II FACOLTA DI INGEGNERIA. Progetto: Ricostruzione virtuale di incidenti aerei II FACOLTA DI INGEGNERIA Progetto: Ricostruzione virtuale di incidenti aerei 1 Introduzione...2 2 Descrizione generale del progetto...3 2.1 Interfaccia di simulazione grafica...4 3 Addestramento P.N. (personale

Dettagli

NOTA INFORMATIVA. REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014. Piloti Responsabili, Titolari di COA

NOTA INFORMATIVA. REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014. Piloti Responsabili, Titolari di COA NI-2012-016 del 4 dicembre 2012 NOTA INFORMATIVA REGOLE DELL ARIA EUROPEE REG. (UE) n. 923/2012 APPLICAZIONE DIFFERITA AL 4 DICEMBRE 2014 Le note informative contengono informazioni attinenti l area della

Dettagli

Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000.

Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000. Traduzione dell articolo ACHIEVING THE BEST ANGLE di Ed Kolano tratto dalla rivista Sport Aviation di dicembre 2000. Otteniamo il miglior angolo di salita. Riduzione dei dati di prestazione in salita,

Dettagli

SaFly : Competizioni e flight broadcasting & Sicurezza

SaFly : Competizioni e flight broadcasting & Sicurezza SaFly : Competizioni e flight broadcasting & Sicurezza Struttura del Sistema Tracking 2D su web + database voli Esperienza 3D Dati di posizione Spettatori @ casa con il viewer Silent Wings Protocollo X

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 5 - OPERAZIONI ED ATTERRAGGI DI EMERGENZA 1 Se una situazione d emergenza richiede un atterraggio con vento in coda, il pilota deve

Dettagli

Aggiornamento software HDS Gen2 RTM 4.0

Aggiornamento software HDS Gen2 RTM 4.0 Aggiornamento software HDS Gen2 RTM 4.0 L'aggiornamento software HDS RTM 4.0 consente di utilizzare l'autopilota nei motori fuoribordo e include funzioni per le carte 4D Jeppesen. Autopilota per motori

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA

REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA REGOLAMENTO REGOLE DELL ARIA ITALIA Edizione 2 del 25 marzo 2015 Regole dell Aria Italia Ed. 2 pag. 2 di 22 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento Data Delibera N Edizione 1 18/11/2014 Delibera 51/2014 Emendamento

Dettagli

Pagina 1 TUTORIAL PER AIRBUS A320 WILCO FEELTHERE. Distanza Totale: Piano di volo: Livello di volo: FL300 (30000 piedi) Joystik FMC Throttle (Pedestal

Pagina 1 TUTORIAL PER AIRBUS A320 WILCO FEELTHERE. Distanza Totale: Piano di volo: Livello di volo: FL300 (30000 piedi) Joystik FMC Throttle (Pedestal Pagina 1 TUTORIAL PER AIRBUS A320 WILCO FEELTHERE Aeroporto di Partenza: Aeroporto di Arrivo : Distanza Totale: Piano di volo: SID: STAR: LIRF Roma Fiumicino LIMC Milano Malpensa 290 NM LIRF SID GILIO

Dettagli

LA MANUTENZIONE degli AEREI

LA MANUTENZIONE degli AEREI 05/05/2008 1 LA MANUTENZIONE degli AEREI AFFIDABILITA e SICUREZZA sono LA BASE DELL ATTIVITA DI MANUTENZIONE 05/05/2008 2 05/05/2008 3 LA MANUTENZIONE degli AEREI L efficienza del velivolo ed ogni sua

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2

Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2 Il Volo VFR Di Ruggero Osto Versione documento 1.2 Il volo VFR (Visual Flight Rules) differisce per molti aspetti da quello IFR. In questo documento, che non ha alcuna pretesa di rigore, si cercherà di

Dettagli

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA L organizzazione tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo, con il supporto e

Dettagli

RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO ALL AEROMOBILE B737-800,

RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO ALL AEROMOBILE B737-800, RAPPORTO D INCHIESTA INCONVENIENTE GRAVE OCCORSO ALL AEROMOBILE B737-800, marche EI-DAV in avvicinamento agli aeroporti di Roma Ciampino e Roma Fiumicino 7 settembre 2005 AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA

Dettagli

Mus. civ. Rovereto Atti del Workshop in geofisica 14 dicembre 2012 141-147 2013

Mus. civ. Rovereto Atti del Workshop in geofisica 14 dicembre 2012 141-147 2013 Mus. civ. Rovereto Atti del Workshop in geofisica 14 dicembre 2012 141-147 2013 MARIO PIZZOLON ( 1 ) & SAMUELE POLCAN ( 2 ) L UTILIZZO DI DRONI PER LO STUDIO DEL TERRITORIO E LE APPLICAZIONI IN PROTEZIONE

Dettagli

Impianto pneumatico. 25 mag. 07IMPIANTO PNEUMATICO-libro 1

Impianto pneumatico. 25 mag. 07IMPIANTO PNEUMATICO-libro 1 Impianto pneumatico La finalità di tale impianto è quella di fornire ad una serie di utenze aria a pressione e temperatura controllate. Queste sono raggiungibili con una rete di distribuzione, composta

Dettagli

considerazioni sulla sicurezza metodi PER migliorare la COmPEtEnzA DEi PilOti Di EliCOttERO OPusCOlO tecnico ADDEstRAtiVO

considerazioni sulla sicurezza metodi PER migliorare la COmPEtEnzA DEi PilOti Di EliCOttERO OPusCOlO tecnico ADDEstRAtiVO CONSIDERAZIONI SULLA SICUREZZA Metodi per migliorare la competenza dei piloti di elicottero Opuscolo Tecnico Addestrativo HE 1 2 >> Metodi per migliorare l abilità dei piloti di elicottero Pubblicazione

Dettagli

Funzione di Guida Visual Aids Management System

Funzione di Guida Visual Aids Management System Funzione di Guida Visual Aids Management System 09/04/2002 Arg/DT/ADN/522-02 1 Obiettivi Aumento della sicurezza aeroportuale nella movimentazione degli aeromobili Risoluzione di conflitti tra aeromobili

Dettagli

ANS Training Aeromobili

ANS Training Aeromobili CAPITOLO 5 STRUMENTI MOTORE Il monitoraggio continuo dell efficienza e della funzionalità dell apparato motopropulsore è prioritario rispetto a qualsiasi verifica sugli altri apparati di bordo. Tutto ciò

Dettagli

Presse piegatrici Sicurezza e competitivita

Presse piegatrici Sicurezza e competitivita Presse piegatrici Sicurezza e competitivita Chi sa se è a norme? e se la faccio aggiornare rimarrà produttiva? Spero sia sicura! Studio Boato ing. Francesco INDICE 1. Sicurezza e competitività, un binomio

Dettagli

Comunicazioni aeronautiche

Comunicazioni aeronautiche Comunicazioni aeronautiche Uso della radio Propagazione in linea ottica Uso dello squelch per ascoltare transmissione debole. Parlare nel microfono Premere il pulsante PTT (Push To Talk) poi aspettare

Dettagli

GUIDA ALLE PROVE SPERIMENTALI ENAC PER DRONI SAPR

GUIDA ALLE PROVE SPERIMENTALI ENAC PER DRONI SAPR GUIDA ALLE PROVE SPERIMENTALI ENAC PER DRONI SAPR Prova: Capacità di comando e controllo alla max distanza e max quota (70m) operativa in condizioni di peso max Questa prova è volta alla verifica dei comandi

Dettagli

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino

TURIN FLYING INSTITUTE. Il piano di volo. Navigazione Aerea. Carlo Molino TURIN FLYING INSTITUTE Il piano di volo Navigazione Aerea Carlo Molino 1.1 Il piano di volo: Il piano di volo è un modulo compilato dai piloti e spedito all autorità dell aviazione nazionale (in Italia

Dettagli

CAPITOLO 7 - DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE, SEGNALETICA ORIZZONTALE E VERTICALE

CAPITOLO 7 - DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE, SEGNALETICA ORIZZONTALE E VERTICALE CAPITOLO 7 - DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE, SEGNALETICA ORIZZONTALE E VERTICALE 1 INTRODUZIONE 1.1 I dispositivi di segnalazione e le segnaletiche orizzontali e verticali forniscono ai piloti guida e informazioni.

Dettagli

Gestione operativa dei movimenti nell Apron. Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA

Gestione operativa dei movimenti nell Apron. Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA Gestione operativa dei movimenti nell Apron Sommario: Malpensa Layout Aeroportuale Malpensa Dati di traffico Malpensa Apron Mangement Control SEA SEA Milan MXP -LIMC Layout aeroportuale 1 MXP Hub Master

Dettagli

PROGETTO DI UN SISTEMA AVIONICO

PROGETTO DI UN SISTEMA AVIONICO PROGETTO DI UN SISTEMA AVIONICO Abbiamo passato in rassegna molte delle funzioni demandate ad un sistema avionico, descrivendo caratteristiche e principi di funzionamento degli equipaggiamenti che lo compongono.

Dettagli

rdsat remote diagnostic system www.rdsat.it

rdsat remote diagnostic system www.rdsat.it remote diagnostic system chi siamo rdsat è un progetto nato dalla convergenza di due aziende che hanno unito le proprie specifiche competenze per dar vita ad un servizio unico e personalizzabile sulle

Dettagli

CESAB M300 1.5 3.5 tonnellate

CESAB M300 1.5 3.5 tonnellate CESAB M300 1.5 3.5 tonnellate Carrelli Elevatori Endotermici Mettili alla prova! Avvicinati al nuovo M300, noterai la differenza. Capacità di carico da 1.5 fino a 3.5 tonnellate Robusto telaio per una

Dettagli

Curriculum Vitae ROCCO Nicola CELLUCCI

Curriculum Vitae ROCCO Nicola CELLUCCI Pag. 1 di 5 Contatti Via Lido Verde 38 00040 Pomezia - Roma Cell- +393356424840 - +393935754844 E-mail : rocco.cellucci@gmail.com Data e luogo di nascita Cittadinanza Istruzione Esperienza Lavorativa:

Dettagli

Giampietro Mayerle, Maria Teresa Brotto, Sabina Pastore * Venezia. Il nuovo Centro per la simulazione della navigazione. Premessa

Giampietro Mayerle, Maria Teresa Brotto, Sabina Pastore * Venezia. Il nuovo Centro per la simulazione della navigazione. Premessa 23 Giampietro Mayerle, Maria Teresa Brotto, Sabina Pastore * Premessa * Giampietro Mayerle del Magistrato alle Acque di Venezia è Responsabile dell Ispettorato Generale per la laguna di Venezia, Marano

Dettagli

lo staff di Aviationcoaching.com Copyright 2012 Aviationcoaching.com www.aviationcoaching.com - email: info@aviationcoaching.com

lo staff di Aviationcoaching.com Copyright 2012 Aviationcoaching.com www.aviationcoaching.com - email: info@aviationcoaching.com CRM PER IL PILOTA SINGOLO Il CRM per un solo pilota sembra un paradosso, ma non lo è. Anche se il CRM si è sempre focalizzato sugli equipaggi, molti dei suoi elementi sono applicabili al pilota singolo

Dettagli

Sicurezza del Volo. Analisi di un incidente

Sicurezza del Volo. Analisi di un incidente Sicurezza del Volo Aeroclub dello Stretto Scuola di volo Magis fatigo ut doleas DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS Briefing del 11 maggio 2013 ore 18.00LMT Speaker: C.Ti: Ezio

Dettagli

1.0 Software GRIPONE PRO 2

1.0 Software GRIPONE PRO 2 1.0 Software GRIPONE PRO 2 La ECU GRIPONE PRO 2 viene gestita tramite il software fornito in dotazione. Il Software funziona su piattaforma Windows XP o Windows Vista e permette la gestione dei parametri

Dettagli