AssoPsicologi. Il Training Autogeno tra tensione e distensione. Prima parte. Dott. Massoli Mirko

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AssoPsicologi. Il Training Autogeno tra tensione e distensione. Prima parte. Dott. Massoli Mirko"

Transcript

1 Il Training Autogeno tra tensione e distensione. Prima parte. Dott. Massoli Mirko Il Training Autogeno è una tecnica di rilassamento ideata nella prima metà del ventesimo secolo dal neurologo e psichiatra tedesco Johannes Heinrich Schultz. La caratteristica fondamentale del TA è quella, così come la stessa etimologia della denominazione descrive, di consistere in un allenamento (training) che da sé (autos) si genera (genos). Questo lavoro individuale, determinato dall apprendere i diversi esercizi, determina un costruttivo atteggiamento di autoresponsabilizzazione e auto-determinazione da parte del soggetto verso se stesso e il proprio stato psico-fisico. Il TA tende a sviluppare una profonda conoscenza e consapevolezza dei propri stati mente-corpo e a favorire il processo di integrazione somatopsichico con conseguente regolazione dei processi energetici. Tale tecnica si fonda su numerosi principi che appartengono alla psicologia corporea e più in particolare all analisi bioenergetica. Per comprendere il TA possiamo partire dalle parole conclusive del quaderno delle esercitazioni di Schultz: La vita richiede polarità; applicato al nostro materiale: alto grado di tensione per la realtà e la combattività da una parte, profonda distensione, sgorgante dall interno, dall altra. La distensione va intesa sempre nel suo rapporto di alternanza con la tensione. Sul piano fisiologico l interazione tra tensione e distensione non è così evidente come appare a prima vista. L esempio più semplice di questo rapporto è osservabile nell attività muscolare, sia scheletrica (ad esempio nell alternanza ritmica di tensione e distensione nel camminare), che viscerale (nell attività cardiaca, respiratoria e intestinale). La tensione è costituita dall accorciamento e dalla contrazione del muscolo, la distensione invece dal suo rilassamento o allungamento passivo. Nel TA si parla anche di tono, si intende la tensione dei tessuti, in particolare dei muscoli, controllata dal sistema nervoso. Quando si parla di tono, ci si riferisce al tono in stato di riposo, vale a dire alla tensione base del muscolo in riposo. Questo oscilla entro determinati limiti, pertanto se le varie funzioni si trovano in un rapporto equilibrato tra di loro, si parla di 'eutono', invece si parla di 'ipotono' e 'ipertono' nei casi si insufficienza o eccessiva tensione. Inoltre si parla di 'distonia' nei casi in cui le singole funzioni si differenziano fortemente nel loro grado di tensione-distensione. Il TA, considera l essere umano nella sua totalità e globalità, pertanto il fine ultimo è quello di riportare e ristabilire l equilibrio, cioè il tono appropriato. Dall ipnosi al training autogeno L ipnosi è la capostipite di molte psicoterapie, sia la psicoanalisi che le terapie suggestive hanno preso le mosse dall ipnosi. Anche il TA è suo figlio legittimo. Tutti i cambiamenti somatici e psichici che possono essere provocati dall ipnosi, possono essere raggiunti anche dal TA, ambedue i procedimenti utilizzano messi simili. Nell ipnosi questi cambiamenti avvengono tramite un fattore esterno, cioè un altra persona: si tratta quindi di un effetto eterogeno, invece nel TA ha luogo un auto-influenzamento. Secondo Schultz il TA è un esercizio sistematico che si sviluppa (gen=divenire) da sé (autos) e che plasma il nostro Io. Il TA si basa su due derivazioni dell ipnosi: da una parte i risultati delle ricerche sull ipnosi condotte da Oskar Vogt), dall altra le esperienze della cosiddetta prima e seconda scuola di Nancy. I rappresentanti della prima scuola di Nancy hanno trasformato l ipnosi in uno strumento terapeutico riconosciuto a livello scientifico. Il termine suggestione si riferisce sia allo stato di ipnosi sia allo stato di veglia, questo è un passo avanti, in quanto prima veniva usato solo per definire l influenzamento durante l ipnosi. Un altro progresso è costituito dall aver scoperto che la suggestione non è una derivazione dell ipnosi, ma, al contrario, è un processo sovraordinato, di cui l ipnosi è solo un caso speciale. La seconda scuola di Nancy sviluppò questa tesi e affermò che in ogni suggestione il fattore attivo è solo l autosuggestione: ogni suggestione, sia nell ipnosi sia in stato di veglia, ha effetto soltanto se viene accettata e memorizzata dal 1

2 soggetto. Così si spianò la strada verso l autoinfluenzamento suggestivo e quindi verso l autosuggestione attiva applicata coscientemente, come la troviamo nel TA. L altro orientamento abbandonò il tipo di ipnosi prescientifica autoritaria e condusse ad un metodo d ipnosi differenziato dal punto di vista terapeutico, adattato cioè alle possibilità del paziente, il quale si rendeva gradatamente sempre più indipendente dall ipnotista nel controllo della situazione (autoipnosi). Si possono evidenziare le differenze tra sonno, ipnosi e TA. Tipico dell ipnosi è il rapporto ipnotico intenso e di conseguenza la spiccata etero-suggestionabilità, cosa che non esiste nel sonno normale e nel TA (quando c è si verifica solo nello stato iniziale). Un altra netta distinzione è data dall attività presente nel TA sotto forma di passivazione attiva, in contrasto con la passività vera e propria che precede il sonno e l ipnosi e permane durante il processo. Lo stesso vale per la capacità nel disporre di sé che è tipica del TA, mentre manca nell ipnosi e nel sonno. La commutazione Nel TA la commutazione ha un ruolo di importanza centrale. Il significato e i vari aspetti del termine variano a seconda del contesto in cui viene utilizzato. Espressioni come esperienza concentrativa di commutazione, oppure commutazione autoipnotica si riferiscono principalmente all aspetto psichico del processo, ma la maggior parte delle espressioni contenenti il termine commutazione rimandano all evento psico-fisico globale. Gli studiosi affermano che durante il sonno, l ipnosi e il TA avviene lo stesso processo commutativo, ma i risultati sono notevolmente diversi. La contraddizione è solo apparente, perché la diversità dei risultati è dovuta ad una diversa utilizzazione della commutazione e alla sua combinazione con altri processi o con altri principi. A seconda che il processo commutativo sia collegato ad un atteggiamento attivo o passivo nei confronti della commutazione stessa si ottengono risultati diversi. Se un individuo lascia che la commutazione avvenga passivamente, senza una presa di posizione personale, arriverà al sonno. Se, altrettanto passivamente, lascia che la commutazione sia condotta da un altro individuo, il quale limita ad un intenso rapporto a due le modificazioni dello stato di coscienza che avvengono durante il processo, si parla di ipnosi. Se al contrario si procede attivamente, cioè se tutti i presupposti per una commutazione vengono creati coscientemente dal soggetto stesso, se al processo viene dedicata la piena attenzione (rilassata), e di conseguenza esso viene accelerato e diretto nel senso desiderato, allora si tratta di un processo auto suggestivo o di una commutazione autogena-concentrativa. Il fattore fondamentale del TA è dato da un cosciente orientamento dell attenzione verso la propria commutazione. Appena quest attenzione viene interrotta il soggetto slitta nel sonno o di nuovo indietro in uno stato di veglia cosciente. Il concetto di regressione Per comprendere meglio il TA come processo commutativo, bisogna soffermarci sul concetto di regressione. Il termine regressione viene spesso utilizzato con un accezione negativa. Questo capita in particolar modo quando il termine viene usato in senso stretto, come nella teorie delle nevrosi (Freud). In tale contesto, regressione, significa un passo indietro verso stadi evolutivi già superati soprattutto nel periodo dell infanzia, perciò anche ritorno a stadi espressivi e comportamentali con un basso grado di differenziazione e strutturazione. Queste forme regressive indicano quanto meno un disturbo psichico. Nel TA la regressione è produttiva per molti aspetti. Le caratteristiche della coltura occidentale hanno condotto l individuo ad assumere un atteggiamento estremamente estroverso. Spesso alcune qualità che ognuno di noi ha posseduto da bambino vengono represse o atrofizzate con un educazione unilaterale. In questo complesso stato di cose interviene il TA. Esso favorisce le funzioni trascurate promuovendo le possibilità di espressione dell uomo. Nel TA l individuo resta sovrano di se stesso decidendo fino a che punto vuole 2

3 regredire, per quanto tempo vuole mantenere questo stato e a quale scopo lo vuole utilizzare. Così considerata, la regressione è sempre un mezzo per un fine, un possibile mezzo per un espressione individuale migliore e più disinibita. Lo stato di coscienza nel Training Autogeno Nel TA interessa quel tipo di coscienza che costituisce una caratteristica di determinati stati funzionali dell organismo, in altre parole: la corrispondenza psichica di determinate funzioni fisiologiche. Il campo di competenza vero e proprio del TA è il quarto stadio della coscienza, che viene raggiunto in tutta la sua estensione solo dopo molti mesi di esercizio. È lo stadio della distensione completa del restringimento al mondo interiore, nel quale per prima cosa è importante la comprensione dei processi psichici, cioè l appercezione cosciente delle funzioni sensoriali (senso del tatto, del peso, della temperatura, della posizione, della percezione degli organi, ecc). Questo orientamento dell attenzione verso le funzioni del corpo, costituisce nel TA il passaggio necessario per la presa di coscienza dei processi psichici, che vengono afferrati, e acquistano perciò importanza, solo durante il corso degli esercizi. La coscienza onirica corrisponde al quarto grado della scala di vigilanza, dove il grado di attenzione e di vigilanza è ridotto. In tale coscienza l elemento dominante è di tipo ottico, si tratta di immagini e rappresentazioni che spesso compaiono in gran quantità e in maniera confusa, dove le immagini possono accavallarsi e confondersi creando nuove forme fantastiche. La generalizzazione La generalizzazione fa parte dei processi di apprendimento. Schultz rimanda la concetto di sinergia della psicologia classica, al quale corrisponde il suo concetto di generalizzazione. Esso esprime l idea che l esercizio di una funzione ne coinvolge altre non direttamente interessate. Secondo Schultz questo tipo di generalizzazione corrisponde al transfert psicologico, cioè la trasposizione automatica, su altre situazioni, di capacità o moduli comportamentali. Nel TA, ogni singolo esercizio localizzato, non solo può coinvolgere tutte le funzioni vegetative, ma anche la sfera emotiva strettamente collegata con esse. Ogni esercizio riuscito produce un cambiamento nell atteggiamento del soggetto verso se stesso e verso il mondo esterno e ciò si ripercuote favorevolmente su tutti i piani. Sia nella sfera organica che in quella psichica non esistono processi isolati, essi sono sempre inseriti in un tutto complessivo e sono solo un elemento all interno di un enorme sistema. Il sistema nervoso vegetativo è costituito da due strutture parziali, il simpatico e il parasimpatico (vago). Essi si differenziano tra l altro per il tipo di mediatore, che nel punto di contatto tra i nervi e l organo esecutore, è la noradrenalina e l adrenalina per il simpatico e l acetilcolina per il parasimpatico. Questi ormoni vengono prodotti nelle terminazioni nervose in quantità sufficienti per condizioni di vita normale. Nel caso di prestazioni superiori le ghiandole surrenali secernano una maggiore quantità di adrenalina e noradrenalina e la immettono nel sangue, rinforzando così prontamente tutte le funzioni del simpatico e facilitando un adattamento del corpo a prestazioni maggiori o a uno stress. L acetilcolina, la sostanza del vago, viene prodotta in tutto il corpo e immessa nel sangue, essa è alla base del processo metabolico. L immissione supplementare degli ormoni suddetti provoca una modificazione vegetativa globale e con ciò una generalizzazione dell effetto. Gli effetti delle formule del TA corrispondono in linea di massima a una sollecitazione delle funzioni del parasimpatico e ad una inibizione di quelle del simpatico. La suggestione Secondo Schultz il TA permette di raggiungere tutte le prestazioni proprie degli stati suggestivi. Nel TA ci sono due forme di suggestione: quella dell eterosuggestione applicata dall operatore, senza che il soggetto in allenamento lo percepisca (può essere importante all inizio del TA) e quella dell autosuggestione applicata dal soggetto nella 3

4 sua forma cosciente (processo concentrativo del TA). Il TA viene definito come un metodo di autosuggestione praticabile e comprensibile a tutti. Il TA, nella sua applicazione, è l utilizzazione psicoterapeutica cosciente e mirata di un autosuggestione dove il termine concentrativo equivale ad auto suggestivo. È vero che gli impulsi per gli esercizi e le indicazioni per le singole formule provengono dall operatore, ma è anche vero che l adozione cosciente e l applicazione (auto suggestiva) avvengono esclusivamente ad opera dei soggetti in allenamento. Proprio in questo sta la differenza fondamentale rispetto alle forme non intenzionali di autosuggestione. Immagini, emozioni e loro effetto suggestivo Con il termine immaginare, nel senso psicologico usato in questo contesto, si intende: la rappresentazione di dati sensoriali, non in base all azione diretta di stimoli sensoriali, ma in base alle tracce residue di precedenti percezioni. Si tratta quindi di contenuti psichici concreti: a seconda della varie aree sensoriali, dalle quali provengono, possiamo distinguere immagini uditive, visive, tattili e cenestetiche. Ciò che hanno in comune con le percezioni è il loro carattere concreto, evidente e oggettivo, anche se in parte molto più sbiadito; la differenza è data invece dalla coscienza che si tratta di un processo non reale: esso può essere solo realizzato (termine usato frequentemente da Schultz). Se si usa il termine immaginare come sinonimo di rappresentazione, l interesse si focalizza su tutte le aree sensoriali, così anche la pesantezza e il calore nel TA sono definite immagini. Queste contengono esperienze (complessi percettivi e concettuali) che vengono impresse nella mente. Esse possono essere determinanti per tutto il corso della vita, da ciò l importanza alle prime esperienze giovanili, che vengono prese a modello e condizionano tutte le esperienze successive. Come nel bambino le prime impressioni sono determinanti per tutto il resto della vita, così nel TA l esperienza della prima seduta condiziona spesso tutto l andamento successivo. Anche il TA è infatti un processo di apprendimento. Le emozioni che partecipano nel processo del TA possono essere elementi di ostacolo o non. Per esempio i timori possono disturbare le funzioni organiche, mentre le immagini collegate agli affetti, alle sensazioni e ai desideri dell individuo aumentano la sua suggestionabilità. Inoltre l affettività possiede un ulteriore effetto: facilita la via verso la personalità profonda. Nel TA è necessario tener presente che il grado di efficacia di una suggestione dipende dall intensità dell emozione e della qualità dell immagine. Il ruolo del linguaggio nel TA Nel TA il parlare, nel senso di proferire parole, è molto meno importante che nell ipnosi, dato che nel processo autogeno (TA) si tratta più che altro di un dialogo interno, che nell individuo ben allenato non necessita più di stimolazioni esterne attraverso la parola. L operatore non può però fare a meno di dare spiegazioni, di pronunciare le formule davanti ai soggetti in allenamento, di dimostrare il funzionamento dell esercizio, anche se, come dice Schultz, sarebbe preferibile evitare dimostrazioni verbali di accompagnamento all esercizio. Nel TA la voce energica-moderata, viene utilizzata all inizio del lavoro di allenamento, nella fase di ripresa, e più tardi in alcune formulazioni di personalità. La voce delicata viene usata nella distensione e nel rilassamento, ma anche nel libero uso di formulazioni per la loro illustrazione. È da tener presente che dietro ogni comunicazione materiale dell operatore c è la sua personalità, infatti in ognuna delle sue spiegazioni e illustrazioni è implicito il suo modo di pensare e di vedere le cose. L espressione linguistica che viene utilizzata dal conduttore di TA deve essere il più possibile comprensibile al soggetto, ma nel colloquio sulle condizioni e i fondamenti del training non è possibile evitare terminologie tecniche. Infatti, le formule più semplici sono anche quelle più efficaci, pertanto si realizzano le suggestioni che sono conformi alla sfera dell interesse vitaleesistenziale del soggetto. La verbalizzazione delle formule vale solo per l inizio del training. Con lo svolgimento sempre più autonomo del processo queste considerazioni diventano superflue. 4

5 Nell esercizio del TA non bisogna 'costringersi alla quiete', ma piuttosto 'dissolvere le proprie tensioni', più che altro 'lasciare che il cambiamento si verifichi spontaneamente'. Il TA diventa un importante incontro di conoscenza del proprio sé psico-corporeo che, se contestualizzato all interno della visione olistica dell individuo, è in grado di valorizzare ulteriormente il potenziale curativo-trasformativo della tecnica stessa. In questa prima parte dell articolo sono stati approfonditi, se pur brevemente, i concetti fondamentali del Training Autogeno, nella seconda parte verranno presi in considerazione altri elementi come l applicazione del TA, i problemi riguardanti l andamento pratico e saranno presentate le formule del TA. Riferimenti Bibliografici HOFFMANN H. Bernt (a cura di), Manuale di training autogeno, Roma, Astrolabio-Ubaldini Editore SCHULTZ Johannes Heinrich, Il Training Autogeno. Metodo di autodistensione da concentrazione psichica. Esercizi Inferiori Vol.1, Milano, Feltrinelli SCHULTZ Johannes Heinrich, Il Training Autogeno. Metodo di autodistensione da concentrazione psichica. Esercizi Superiori Vol.2, Milano, Feltrinelli

Cos e il training autogeno

Cos e il training autogeno Cos e il training autogeno Il training autogeno, largamente conosciuto e diffuso in tutto il mondo come tecnica di rilassamento, è un metodo di aiuto psicosomatico elaborato dallo studioso di origine berlinese

Dettagli

TRAINING AUTOGENO. E rivolto a tutte le donne che desiderano affrontare la gravidanza ed il parto con maggior serenità, equilibrio e benessere.

TRAINING AUTOGENO. E rivolto a tutte le donne che desiderano affrontare la gravidanza ed il parto con maggior serenità, equilibrio e benessere. TRAINING AUTOGENO Il T.A. è una tecnica di rilassamento, di auto distensione somatica e psichica che permette di ridurre la tensione e di ripristinare uno stato di calma; inoltre permette di ottenere un

Dettagli

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento L ansia, è ciò che permette all uomo di sopravvivere: parleremo in questo caso di ansia reale che viene utilizzata per segnalare un pericolo interno (proveniente dal mondo inconscio), o esterno (proveniente

Dettagli

i 6 esercizi somatici di base 60 ORE TEORICO-PRATICHE GENNAIO 2015 - APRILE 2015

i 6 esercizi somatici di base 60 ORE TEORICO-PRATICHE GENNAIO 2015 - APRILE 2015 XXIII EDIZIONE FORMAZIONE A CURA DELLA PROF.SSA LINA ISARDI A.A. 2014/2015 MASTER BREVE DI PRIMO LIVELLO SPECIALIZZAZIONE POST-LAUREA IN OPERATORE DI TRAINING AUTOGENO di I.H. SCHULTZ i 6 esercizi somatici

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

Che cos è la psicologia?

Che cos è la psicologia? 1 Che cos è la psicologia? La psicologia può essere definita come lo studio scientifico del comportamento e dei processi mentali 2 Che cos è la psicologia? Comportamento Azioni fisiche osservabili compiute

Dettagli

CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non

CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA OVVERO IL TRAINING AUTOGENO. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non Sempre è facile come dirlo. Spesso abbiamo

Dettagli

LE TECNICHE UTILIZZATE

LE TECNICHE UTILIZZATE STUDIO DI PSICOLOGIA PESCARA DR. LUCA DI VENANZIO PSICOLOGO Il benessere è un tuo diritto! LE TECNICHE UTILIZZATE! ! Lo studio psicologico del Dr. Di Venanzio si occupa degli interventi di sostegno psicologico

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

Dr. Annalisa Barbier, PhD - Psicologo Clinico

Dr. Annalisa Barbier, PhD - Psicologo Clinico Dr. Annalisa Barbier, PhD - Psicologo Clinico TECNICHE DI RILASSAMENTO Le tecniche di rilassamento sono finalizzale alla RIDUZIONE DELLA TENSIONE ATTRAVERSO IL CONTROLLO DI ALCUNE FUNZIONI FISIOLOGICHE

Dettagli

L ipnosi come comunicazione

L ipnosi come comunicazione 1 Corso di Ipnosi Online - Lezione 2 L ipnosi come comunicazione La cosa più giusta che possiamo dire è che l'ipnosi è comunicazione, e che la comunicazione è ipnosi. La misura della comunicazione è l'effetto

Dettagli

INDICE GENERALE PARTE PRIMA IPNOLOGIA GENERALE

INDICE GENERALE PARTE PRIMA IPNOLOGIA GENERALE .qxd 12/07/2010 17.38 Pagina XXIX INDICE GENERALE PARTE PRIMA IPNOLOGIA GENERALE Capitolo I ASPETTI DELLA MENTE, DINAMICHE MENTALI E GENERALITÀ SULL IPNOSI....3 1. Introduzione.........................................................

Dettagli

Il bosco delle sensazioni

Il bosco delle sensazioni Programmazione sezione prima SCUOLA DELL'INFANZIA "VILLA FLAMINIA" A.S. 2015 /2016 Il bosco delle sensazioni INSEGNANTI Maela Avvisati Oriana Riina Tina Iavarone Dimmi e io dimentico Mostrami e io ricordo

Dettagli

SCUOLA DI MUSICA MUSICANDO

SCUOLA DI MUSICA MUSICANDO Largo Madonna, 22 65125 Pescara Tel. 085.4171765 Cell. 338.1967097 www.scuolamusicando.net info@scuolamusicando.net SCUOLA DI MUSICA MUSICANDO MUSICOTERAPIA: Nuove prospettive per l abilitazione e la riabilitazione

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

MODELLI TEORICI E SPECIFICITA DEGLI INTERVENTI TERAPEUTICI-RIABILITATIVI. www.slidetube.it

MODELLI TEORICI E SPECIFICITA DEGLI INTERVENTI TERAPEUTICI-RIABILITATIVI. www.slidetube.it MODELLI TEORICI E SPECIFICITA DEGLI INTERVENTI TERAPEUTICI-RIABILITATIVI UNA PROFESSIONALITA EMERGENTE: IL TECNICO DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA La Riabilitazione Psichiatrica vede il coinvolgimento

Dettagli

OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils

OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils LAURA PALEARI Psicologa Psicoterapeuta OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils PREMESSA Con il sopraggiungere

Dettagli

CORSO SPERIMENTALE SUPERIORE MULTIDISCIPLINARE SCUOLA DI MUSICOTERAPIA CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN

CORSO SPERIMENTALE SUPERIORE MULTIDISCIPLINARE SCUOLA DI MUSICOTERAPIA CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN CORSO SPERIMENTALE SUPERIORE MULTIDISCIPLINARE SCUOLA DI MUSICOTERAPIA CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN MUSICOTERAPIA Declaratorie Campi disciplinari delibera C.A. n. /2012 Discipline teorico-analitico-pratiche

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL Se ATTRAVERSO IL MOVIMENTO CREATIVO

LA CONOSCENZA DEL Se ATTRAVERSO IL MOVIMENTO CREATIVO LA CONOSCENZA DEL Se ATTRAVERSO IL MOVIMENTO CREATIVO Il movimento creativo o danzaterapia o espressività corporea è un particolare modo di utilizzare il corpo, il movimento e il contatto, che ha come

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE. Relatore: Enrico Barcaioli

LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE. Relatore: Enrico Barcaioli LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE Relatore: Enrico Barcaioli LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE È UNA TECNICA DI INTERVENTO MANUALE CHE AGISCE ATTRAVERSO I PIEDI E CONSENTE ALLA PERSONA DI RITROVARE L EQUILIBRIOL PSICO-FISICO

Dettagli

SCUOLA COUNSELING E MENTAL COACH. Scuola di Counseling e Mental Coach

SCUOLA COUNSELING E MENTAL COACH. Scuola di Counseling e Mental Coach SCUOLA COUNSELING E MENTAL COACH Scuola di Counseling e Mental Coach LO SCOPO DI QUESTO PROGETTO È FORNIRE AI PARTECIPANTI L OPPORTUNITÀ DI APPRENDERE TEORIE, METODI, TECNICHE E COMPETENZE PER SAPER FARE

Dettagli

Il benessere individuale all interno delle organizzazioni Il BowGenesis Training

Il benessere individuale all interno delle organizzazioni Il BowGenesis Training Il benessere individuale all interno delle organizzazioni Il BowGenesis Training L IMPORTANZA DEL BENESSERE INDIVIDUALE NELLE ORGANIZZAZIONI Al di là dell evidenza che persone rilassate, vitali ed energiche

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE MUSICA ATTIVA SPERIMENTAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE Fare musica è importante. Psicologi dell età evolutiva, pedagogisti, esperti del settore sono concordi nell affermare che un attività

Dettagli

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA Pasquale Gallina Dottore in Fisioterapista Master in Riabilitazione dei Disordini MuscoloScheletrici OMT Orthopedic Manipulative Therapist LE FASI DELL ETÀ EVOLUTIVA

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012 PROGETTO YOGA IN CLASSE Scuola Primaria Di Massino Visconti classe seconda Anno scolastico 2011-2012 Responsabili: Maria Pillitteri insegnante di Scuola Primaria Paola Faini insegnante Yoga PRESENTAZIONE

Dettagli

INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI

INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI INGRESSO SCUOLA INFANZIA. BAMBINI/E DI 3 ANNI L ingresso nella Scuola dell Infanzia è un momento di crescita per i bambini, ma anche un momento delicato, talvolta difficile, per le implicazioni emotive

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA C. e M. 1 Il bambino raggiunge una buona autonomia personale nell alimentarsi e nel vestirsi, riconosce i segnali del corpo, sa cosa

Dettagli

INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA...

INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA... INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA............................................1 1.1 Nascita della Psicologia attuale................................................1 1.2 Correnti

Dettagli

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO www.lanotainpiu.it CONDIVIDERE LA MUSICA, PERCHE?: Aderire al lavoro comune e alle sue prerogative:

Dettagli

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia Docente: Paolo Barelli Disturbi d ansia Funzioni Della Vita Psichica (Rappresentazione Del Modo Di Essere Della Persona) Controllo e soddisfazione istinti Controllo attività motoria Intelligenza Ansia

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Armonizzatore Familiare Practitioner

Armonizzatore Familiare Practitioner Armonizzatore Familiare Practitioner Profilo Professionale: Armonizzatore Familiare Practitioner Descrizione: L Armonizzatore Familiare è una figura professionale che possiede competenze specifiche per

Dettagli

INDIRIZZO TRANSPERSONALE. Operatore Olistico DOTT. GIAMPIERO VARETTI

INDIRIZZO TRANSPERSONALE. Operatore Olistico DOTT. GIAMPIERO VARETTI INDIRIZZO TRANSPERSONALE Operatore Olistico DOTT. GIAMPIERO VARETTI Ti presento la scuola L approccio della Scuola considera la persona come ologramma esistenziale, coerente ed informazionale, che interagisce,

Dettagli

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE

MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Asilo Nido Integrato Melo Fiorito Piazza della Repubblica 3, 37050 Belfiore (VR) Tel. 3315858966 PROGETTO SENSO- MOTORIO MOVI- MENTI IN EVOLUZIONE Anno educativo 2014/ 2015 Ciò che muove il bambino all

Dettagli

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il ruolo dell istruttore nel Minibasket è di fondamentale importanza in quanto deve migliorare

Dettagli

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia L equilibrio armonico tra mente e corpo CRM Terapia Corpo e mente in perfetta armonia, per ritrovare la salute Dopo anni di ricerca nella prevenzione e cura

Dettagli

Il Mondo Incantato. Corso di formazione Laboratorio di psicomotricità funzionale costruito intorno alla fiaba e al mito

Il Mondo Incantato. Corso di formazione Laboratorio di psicomotricità funzionale costruito intorno alla fiaba e al mito Il Mondo Incantato Corso di formazione Laboratorio di psicomotricità funzionale costruito intorno alla fiaba e al mito Introduzione Uno degli aspetti del mondo magico in cui vivono i bambini è la convinzione

Dettagli

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT Che cos è la psicologia dello sport? È una branca della psicologia che si occupa di studiare il comportamento umano legato all attività sportiva, intervenendo sugli aspetti psicologici,

Dettagli

Spazio il Respiro. Scuola di Massaggio Integrato e Tecniche Psicocorporee, Counseling e Bodywork. Organizza a Bologna. Formazione biennale per

Spazio il Respiro. Scuola di Massaggio Integrato e Tecniche Psicocorporee, Counseling e Bodywork. Organizza a Bologna. Formazione biennale per Spazio il Respiro Scuola di Massaggio Integrato e Tecniche Psicocorporee, Counseling e Bodywork Organizza a Bologna Formazione biennale per Operatore Olistico in Tecniche Psicocorporee, Massaggio e Movimento

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906

PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906 PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906 ANNO SCOLASTICO 2013 2014 Scuola dell infanzia Presentazione

Dettagli

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CLASSI PRIME La famiglia nella società Le nuove famiglie e le varie tipologie Una famiglia per crescere e dialogare La teoria

Dettagli

Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina

Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina CURRICULUM DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE/EDUCAZIONE FISICA Nella stesura del curriculum di Scienze Motorie e Sportive/Educazione Fisica si

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

Diversamente uguali nello Sport

Diversamente uguali nello Sport Diversamente uguali nello Sport di Silvia Cabano e Furio Dioguardi COMPETENZE PEDAGOGICHE E RELAZIONALI NELLO SPORT FEMMINILE di furio dioguardi - furio.dioguardi@gmail.com "Casa dello Sport Viale Italia

Dettagli

TRAINING AUTOGENO. di I.H. Schultz. Dr. PaoloGiovanni Monformoso

TRAINING AUTOGENO. di I.H. Schultz. Dr. PaoloGiovanni Monformoso Il TRAINING AUTOGENO di I.H. Schultz Dr. PaoloGiovanni Monformoso Iohannes Heinrich Schultz Chi è Cosa faceva Perché il TA Cos è Training Autogeno inferiore non è solo una tecnica, ma un modello. È la

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

PRIMO ANNO 11 week-end Il sabato e domenica dalle 9:00 alle 18:00 MATERIE INSEGNAMENTO

PRIMO ANNO 11 week-end Il sabato e domenica dalle 9:00 alle 18:00 MATERIE INSEGNAMENTO 11 week-end Il sabato e domenica dalle 9:00 alle 18:00 Frequenza obbligatoria: Un weekend al mese da settembre a giugno più due weekend all anno da concordare personalmente con lo studente e modulato sulle

Dettagli

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a )

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a ) Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE É 055/661628 Ê 055/67.841 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it LICEO TECNICO ECONOMICO

Dettagli

Psicomotricità-Master

Psicomotricità-Master Milano 2016 www.uniate Psicomotricità-Master www.uniate www.uniate www.uniate www.uniate É vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti del corso. Tutti i contenuti sono protetti da copyright.

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato anno scolastico 2011/2012 PSICOLOGIA. PSIHOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:27:17

Catalogo d esame per la maturità di stato anno scolastico 2011/2012 PSICOLOGIA. PSIHOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:27:17 Catalogo d esame per la maturità di stato anno scolastico 2011/2012 PSICOLOGIA PSIHOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:27:17 Commissione di esperti incaricata della preparazione dell esame di psicologia

Dettagli

Carta dei Servizi AGAPE PSICOTERAPIA INTEGRATO AGAPE. Cooperativa sociale. Centro di. Centro di Pscicoterapia Integrato

Carta dei Servizi AGAPE PSICOTERAPIA INTEGRATO AGAPE. Cooperativa sociale. Centro di. Centro di Pscicoterapia Integrato Carta dei Servizi Centro di Pscicoterapia Integrato AGAPE Cooperativa sociale Centro di PSICOTERAPIA INTEGRATO AGAPE CERTIFICAZIONE UNI EN ISO 9001:2008 N. 22182/10/S DEL 25.10.2010 AGAPE Società Cooperativa

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PIAZZA VALFRE BRA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO

SCUOLA DELL INFANZIA PIAZZA VALFRE BRA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO SCUOLA DELL INFANZIA PIAZZA VALFRE BRA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI PLESSO INSEGNANTI: BUSSO M.Teresa VIZIO Loredana (sez. A) BERRONE Rosella RAVIOLA Elvira (sez. B) La

Dettagli

LA PSICOLOGIA DEL SONNO

LA PSICOLOGIA DEL SONNO 109 LA PSICOLOGIA DEL SONNO PIERO SALZARULO Dipartimento di Psicologia, Università di Firenze 1. La psicologia del sonno: ricerche sperimentali La psicologia si è relativamente poco interessata allo studio

Dettagli

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine)

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) 1 Istituto Comprensivo Ferentino 1 Curricolo Verticale 2014/2015 INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) SCUOLA INFANZIA... 3 I DISCORSI E LE PAROLE... 3 I DISCORSI E LE PAROLE LINGUA STRANIERA...

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LE ESSENZIALI DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE classe prima concentrarsi sull interiorizzazione e prendere coscienza del proprio corpo, anche in movimento svolgere attività a basso ritmo di lavoro seguire

Dettagli

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA La rivoluzione dell ICF: ogni persona, in qualunque momento della vita, può avere una condizione di salute che in un contesto sfavorevole diventa disabilità. M. Leonardi ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO,

Dettagli

Psicologia - Registro

Psicologia - Registro A Abilità / Batterie di tests CT 2000 Abilità / Test CT 2400 Adattamento dell ambiente / Portatore di handicap CW 6700 Adler, Alfred CU 2500 Adulto / Psicologia dello sviluppo CQ 7200 Affaticamento / Lavoro

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo 3. Lo sviluppo emotivo 1 Lo sviluppo emotivo Psicologia dello sviluppo Oltre allo sviluppo cognitivo, che viene spesso associato alle capacità intellettive, è importante comprendere il grado di competenza

Dettagli

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione.

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione. Premessa Un due tre stella ecco MAGA BEA! Laboratorio per il potenziamento delle abilità di ascolto e di attenzione L attenzione comprende la disponibilità a recepire la capacità di selezione dello stimolo

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 1 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 2 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR conoscere 1) CONOSCENZA DEL CAMPO DI APPLICAZIONE 2) CONOSCENZA DELL'ANALISI TRANSAZIONALE 3) CONTRATTUALITAʼ

Dettagli

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA Capire i meccanismi comunicativi per relazionarsi meglio Sistemi sensoriali e comunicazione Che cosa è la comunicazione verbale è uno scambio di informazioni tra più persone

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE

LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE 339 LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE STEFANO CALAMANDREI Psichiatra A.S.L. 10 Firenze MOM SMA Q5 1. Il formarsi del senso di realtà. Adolescenti e compiti evolutivi

Dettagli

PROGETTO LA SALUTE NEL RESPIRO

PROGETTO LA SALUTE NEL RESPIRO PROGETTO LA SALUTE NEL RESPIRO Il respiro e la mente sono collegati così come il corpo e la mente. Il respiro riequilibra corpo e mente. Questo è il segreto della vita che abbiamo dimenticato Sri Sri Ravi

Dettagli

Approccio con la Ionorisonanza Ciclotronica alle manifestazioni fisiche (somatizzazioni) di ansia e depressione.

Approccio con la Ionorisonanza Ciclotronica alle manifestazioni fisiche (somatizzazioni) di ansia e depressione. S.I.B.E. ATTI III CONVEGNO NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA BIOFISICA ELETTRODINAMICA BOLOGNA, 20 NOVEMBRE 2010 Approccio con la Ionorisonanza Ciclotronica alle manifestazioni fisiche (somatizzazioni) di ansia

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Spirito, Coscienza ed Energia alla base della pratica formativa

Spirito, Coscienza ed Energia alla base della pratica formativa Spirito, Coscienza ed Energia alla base della pratica formativa Opera - Accademia Italiana di Formazione Olistica costituisce una proposta originale nel panorama italiano della formazione relativa alle

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia

Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia 1 Società Cooperativa Sociale OLINDA o.n.l.u.s. 1 Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia 1. Premessa 2. Linee di

Dettagli

a. s. 2011-2012 Laboratorio di attività motoria

a. s. 2011-2012 Laboratorio di attività motoria ISTITUTO COMPRENSIVO ALFANO QUASIMODO SCUOLA DELL INFANZIA a. s. 2011-2012 Laboratorio di attività motoria 1 Motivazione Guido Petter afferma che : L educazione motoria ha un importanza assai maggiore

Dettagli

Programmazione del dipartimento di SCIENZE MOTORIE Primo Biennio

Programmazione del dipartimento di SCIENZE MOTORIE Primo Biennio SCIENTIFICO - LINGUISTICO SCIENZE UMANE - ECONOMICO SOCIALE Viale Papa Giovanni XXIII, 25 10098 Rivoli tel. 0119586756 fax 0119589270 sede di SANGANO 10090 Via S. Giorgio Tel. e fax 0119087184 email: darwin@liceodarwin.rivoli.to.it

Dettagli

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Ass. culturale Domus de Jana Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org L Associazione culturale Domus de Jana propone: IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Oggetto:

Dettagli

Associazione Spazio Iris. Viale Lancetti 40. www.spazioiris.it. Master Experience. Tecniche. di Rilassamento III edizione

Associazione Spazio Iris. Viale Lancetti 40. www.spazioiris.it. Master Experience. Tecniche. di Rilassamento III edizione Master Experience Tecniche di Rilassamento III edizione Milano - Novembre 2015 OBIETTIVI FORMATIVI Il Master Experience in Tecniche di Rilassamento è un training completo e abilitante all uso delle tecniche

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 istituto "ALBERTI-PORRO" Nome docente Tiziana C. Carena Materia insegnata Classe Previsione numero ore di insegnamento Psicologia generale e applicata 3 A 0SS 4 h settimanali

Dettagli

Assistenza e sostegno al Caregiver del malato di Alzheimer

Assistenza e sostegno al Caregiver del malato di Alzheimer Istituto di Psicologia Funzionale di Brescia e Coop. PAESE Assistenza e sostegno al Caregiver del malato di Alzheimer A cura della dr.ssa Passarini M.Luisa Bergamo -Settembre 2009 A cura di Cooperativa

Dettagli

SCUOLA DI FORMAZIONE BIENNALE IN TECNICHE DEL MASSAGGIO

SCUOLA DI FORMAZIONE BIENNALE IN TECNICHE DEL MASSAGGIO SCUOLA DI FORMAZIONE BIENNALE IN TECNICHE DEL MASSAGGIO 11 week-end Il sabato e domenica dalle 9:00 alle 18:00 Frequenza obbligatoria PROGRAMMA DEL PRIMO ANNO Un weekend al mese da settembre a giugno più

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

FOR MOTHER EARTH CENTER

FOR MOTHER EARTH CENTER dott.sa Carmela Lo Presti Esperienze professionali nell attività di Crescita Personale 1989/2014 aggiornato a Gennaio Le attività in questione sono state dirette a privati singoli e in gruppo prevalentemente

Dettagli

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è L adolescenza è una fase di sviluppo che copre approssimativamente il periodo che va dagli 11 ai 22 anni. La parola pubertà è spesso utilizzata per denotare manifestazioni fisiche dello sviluppo sessuale.

Dettagli

Rischio Psicosociale. Prima parte:

Rischio Psicosociale. Prima parte: Rischio Psicosociale Prima parte: 1. La salute in ambito lavorativo: un bene individuale e collettivo irrinunciabile 2. Il rischio da stress e la nuova normativa Accordo Europeo del 8-10- 2004; D.Lgs 9-4-2008

Dettagli

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE.

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. MEDICINA PREVENTIVA Branca della Medicina che, mediante il potenziamento

Dettagli

MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica. Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione)

MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica. Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione) MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione) Maldestrezza, scoordinamenti Disordini nelle prassie

Dettagli