Risorse sull'oscilloscopio DSO1000 per la formazione dell'educatore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risorse sull'oscilloscopio DSO1000 per la formazione dell'educatore"

Transcript

1 Risorse sull'oscilloscopio DSO1000 per la formazione dell'educatore Guida di laboratorio ed esercitazioni Per studenti universitari di Ingegneria elettronica e Fisica

2 Informazioni importanti Keysight Technologies, Inc Il diritto d'autore su questo materiale formativo consente di ristampare, modificare e distribuire in tutto o in parte il presente documento allo scopo di formare gli studenti sulle attrezzature di analisi di Keysight. Cod ice del manuale Ed izione Maggio 2012 Disponibile esclusivamente in formato elettronico. Keysight Technologies, Inc Garden of the Gods Road Colorado Springs, CO USA Garanzia Le informazioni contenute in questo documento sono fornite allo stato corrente e sono soggette a mod ifiche senza preavviso nelle ed izioni future. Nella misura massima consentita dalla legge in vigore, Keysight non fornisce alcuna garanzia, espressa o implicita riguardante il presente manuale e le informazioni in esso contenute, ivi incluse, in via esemplificativa, le garanzie d i commerciabilità e idoneità a un particolare scopo. In nessun caso Keysight sarà responsabile per errori o danni incidentali o conseguenti connessi alla fornitura, all'utilizzo o le prestazioni del presente documento o delle informazioni in esso contenute. In caso d i d iverso accordo scritto, stipulato tra Keysight e l'utente, nel quale sono previsti termini d i garanzia per il materiale descritto nel presente documento in contrasto con le cond izioni della garanzia standard, si applicano le cond izioni d i garanzia previste dall'accordo separato. Licenze tecnologiche I componenti hard ware e/o software descritti nel presente documento sono forniti dietro licenza e possono essere utilizzati o copiati esclusivamente in accordo con i termini previsti dalla licenza. Legenda dei d iritti limitati Se utilizzato nell esecuzione di un contratto di fornitura principale o secondario del governo degli Stati Uniti, il software viene fornito e concesso in licenza come Commercial computer software (software per computer ad uso commerciale) ai sensi del DFAR (giugno 1995) o come commercial item (prodotto commerciale) ai sensi del FAR 2.101(a) oppure come Restricted computer software (software per computer soggetto a limitazioni) ai sensi del FAR (giugno 1987) o di qualsiasi regolamento di agenzia o clausola contrattuale equivalenti. L utilizzo, la duplicazione o la divulgazione del software sono soggetti ai termini della licenza commerciale standard di Keysight Technologies e i dipartimenti e le agenzie non-dod (Department of Defence) del governo degli Stati Uniti sono vincolati dai Restricted Rights (diritti soggetti a limitazioni) ai sensi del FAR (c)(1-2) (giugno 1987). Gli utenti del Governo degli Stati Uniti saranno soggetti a Limited Rights (diritti limitati) ai sensi del FAR (giugno 1987) o del DFAR (b)(2) (novembre 1995), nella misura applicabile per i dati tecnici. Informazioni sulla sicurezza CAUTION La dicitura ATTENZIONE indica la presenza di condizioni di rischio. L'avviso richiama l'attenzione su una procedura operativa, una prassi o comunque un'azione che, se non eseguita correttamente o attenendosi scrupolosamente alle indicazioni, potrebbe comportare danni al prodotto o la perdita di dati importanti. In presenza della dicitura ATTENZIONE interrompere l'attività finché le condizioni indicate non siano state perfettamente comprese e soddisfatte. WARNING La d icitura AVVERTENZA ind ica la presenza d i cond izioni d i rischio. L'avviso richiama l'attenzione su una procedura operativa, una prassi o comunque un'azione che, se non eseguita correttamente o attenendosi scrupolosamente alle ind icazioni, potrebbe causare lesioni personali anche mortali. In presenza della d icitura AVVERTENZA interrompere l'attività finché le cond izioni ind icate non siano state perfettamente comprese e sodd isfatte.

3 Panoramica della Guida di laboratorio/esercitazioni La Guida di laboratorio/esercitazioni sull'oscilloscopio per studenti di Ingegneria elettronica e Fisica deve essere utilizzata unitamente agli oscilloscopi Keysight Technologies della serie DSO1000. Guida di laboratorio ed esercitazioni sull'oscilloscopio DSO1000 per l'educatore 3

4 Nota al professore di Ingegneria elettronica e Fisica Egregio Professore o Istruttore, la seguente guida di laboratorio sull'oscilloscopio Keysight della serie DSO1000 è costituita da sette esercitazioni pratiche individuali che gli studenti possono completare per familiarizzare con il concetto di oscilloscopio e imparare a utilizzarne uno. Per gli studenti, l'oscilloscopio è lo strumento di misurazione di maggiore utilizzo per testare gli esperimenti sui circuiti che verranno assegnati loro, nonché per testare i progetti di design svolti precedentemente. Inoltre, gli oscilloscopi saranno ampiamente utilizzati dagli studenti anche dopo aver conseguito la laurea e una volta inseriti nel mondo dell'elettronica moderna. Pertanto, è estremamente importante che imparino ad utilizzare con competenza questo strumento essenziale. Per completare ciascuna esercitazione saranno necessari circa minuti. Per queste esercitazione è necessario l'utilizzo di oscilloscopi Keysight della serie Prima che gli studenti inizino a testare gli esperimenti sui circuiti loro assegnati, è consigliata la lettura della Sezione 1, dell'appendice A e B del documento come studio preliminare indipendente. La Sezione 1 contiene l'introduzione all'oscilloscopio e alcuni concetti fondamentali sull'utilizzo delle sonde. L'Appendice A e l'appendice B contengono brevi esercitazioni sulla teoria di funzionamento e sulla larghezza di banda dell'oscilloscopio. Gli studenti devono completare le esercitazioni pratiche contenute nella Sezione 2 del documento durante la prima sessione dell'esercitazione. Già dopo aver completato le esercitazioni n.1 e n.2, gli studenti dovrebbero aver una conoscenza di base sull'utilizzo dell'oscilloscopio. Se riusciranno invece a completare tutte e sette le esercitazioni, potranno sfruttare al meglio l'oscilloscopio e conoscere come documentare e salvare i risultati ottenuti dall'esperimento sul circuito. È bene far notare che nell'esercitazione n.3 (Acquisizione di eventi singoli) si spiega agli studenti come battere l'oscilloscopio sul banco da lavoro per creare ua scarica elettrostatica. Se preferite evitare questa operazione agli studenti, chiedete loro di saltare quest'esercitazione. Questa Guida di laboratorio è stata strutturata per essere utilizzata con la massima flessibilità. Cordiali saluti, Johnnie Hancock Manager dei programmi didattici sugli oscilloscopi Keysight Technologies 4 Guida di laboratorio ed esercitazioni sull'oscilloscopio DSO1000 per l'educatore

5 Sommario 1 Operazioni preliminari Panoramica della Guida di laboratorio/esercitazioni / 3 Nota al professore di Ingegneria elettronica e Fisica / 4 Utilizzo delle sonde dell oscilloscopio / 9 Informazioni preliminari sul pannello frontale / 12 2 Esercitazioni per familiarizzare con l'oscilloscopio 3 Riepilogo Esercitazione n. 1: Misurazioni di base / 16 Esercitazione n. 2: Informazioni di base sul trigger dell'oscilloscopio / 24 Esercitazione n. 3: Acquisizione degli eventi singoli / 30 Esercitazione n. 4: Compensazione delle sonde passive 10:1 / 32 Calcolo della quantità appropriata di compensazione capacitiva / 35 Caricamento delle sonde / 36 Esercitazione n. 5: Documentazione e salvataggio dei risultati di test dell'oscilloscopio / 38 Esercitazione n. 6: Utilizzo delle funzioni matematiche per le forme d'onda / 43 Esercitazione n. 7: Utilizzo della modalità Zoom dell'oscilloscopio / 48 Letteratura Keysight correlata / 52 A Diagramma a blocchi e teoria del funzionamento dell'oscilloscopio Diagramma a blocchi dell'oscilloscopio a memoria digitale (DSO) / 54 Blocco del convertitore analogico-digitale (ADC) / 54 Blocco di attenuazione / 55 Blocco dell'offset CC / 55 Blocco dell'amplificatore / 55 Comparatore di trigger e blocchi logici di trigger / 56 Blocchi della base dei tempi e della memoria di acquisizione / 56 Blocco DSP del display / 57 Guida di laboratorio ed esercitazioni sull'oscilloscopio DSO1000 per l'educatore 5

6 B Programma di formazione sulla larghezza di banda dell'oscilloscopio Indice analitico Definizione della larghezza di banda dell'oscilloscopio / 60 Larghezza di banda necessaria per applicazioni analogiche / 62 Larghezza di banda necessaria per applicazioni digitali / 63 Regola generale / 63 Passaggio 1: Determinare la velocità massima effettiva dei fronti. / 63 Passaggio 2: Calcolare f ginocchio / 63 Passaggio 3: Calcolare la larghezza di banda dell'oscilloscopio / 64 Esempio / 64 Paragoni tra le misurazioni del clock digitale / 66 6 Guida di laboratorio ed esercitazioni sull'oscilloscopio DSO1000 per l'educatore

7 Risorse DSO1000 per la formazione dell'educatore Guida di laboratorio ed esercitazioni 1 Operazioni preliminari Utilizzo delle sonde dell oscilloscopio / 9 Informazioni preliminari sul pannello frontale / 12 Gli oscilloscopi sono strumenti essenziali per l'effettuazione di misurazioni relative a tensione e andamento temporale nei circuiti elettrici analogici e digitali odierni. Dopo la laurea in Ingegneria elettronica e l'ingresso nell'industria elettronica, probabilmente vi renderete conto che l'oscilloscopio costituisce lo strumento di misurazione di maggiore utilizzo per testare, verificare e risolvere i problemi dei progetti. Anche durante i corsi di Ingegneria elettronica o Fisica presso l'università, l'oscilloscopio è lo strumento di misurazione utilizzato più di frequente nelle varie esercitazioni sui circuiti per il testare e verificare le esercitazioni assegnate e i progetti eseguiti. Sfortunatamente sono numerosi gli studenti che non imparano mai a utilizzare completamente un oscilloscopio. Il loro modello di utilizzo spesso consiste nel girare manopole e premere pulsanti a caso fino a che sul display dell'oscilloscopio non viene visualizzata magicamente un'immagine simile a quella che stanno cercando. Fortunatamente al termine di questa serie di brevi esercitazioni sarà possibile avere una visione più specifica di un oscilloscopio e sapere come utilizzarlo in modo più efficiente. Pertanto, cosa è un oscilloscopio? Un oscilloscopio è uno strumento di misurazione elettronico che consente di monitorare in modo discreto i segnali di ingresso che vengono visualizzati nel formato semplice tensione/tempo. Il tipo di oscilloscopio utilizzato dal vostro professore durante il suo corso di studi era probabilmente un oscilloscopio basato interamente sulla tecnologia analogica. Questi oscilloscopi, basati su una tecnologia meno recente, erano tipicamente denominati oscilloscopi analogici, disponevano di una larghezza di banda limitata (vedere l'appendice B), non eseguivano alcun tipo di misurazione automatica e richiedevano un segnale di ingresso ripetitivo (segnale di ingresso continuo e ripetuto). Il tipo di oscilloscopio utilizzato per questa serie di esercitazioni, e probabilmente per tutta la durata degli studi universitari, è denominato oscilloscopio a memoria digitale; talvolta abbreviato semplicemente in DSO. I DSO moderni sono in grado di acquisire e visualizzare segnali ripetitivi o singoli e spesso includono una gamma di misurazioni e di funzionalità di analisi automatiche che consentono di 7

8 1 Operazioni preliminari caratterizzare i progetti e gli esperimenti degli studenti in modo più veloce e preciso di quanto non fosse in grado di farlo il vostro professore durante i suoi anni di studio. Se si è interessati a conoscere la teoria di funzionamento di un oscilloscopio, fare riferimento all'appendice A del documento. Il modo migliore per imparare rapidamente a utilizzare un oscilloscopio e capirne l'utilità, consiste tuttavia nell'acquistare dimestichezza con i principali controlli dell'oscilloscopio e iniziare a utilizzarne uno per misurare alcuni segnali di base. Figure 1 Oscilloscopio Keysight serie 1000B 8 Guida di laboratorio ed esercitazioni sull'oscilloscopio DSO1000 per l'educatore

9 Operazioni preliminari 1 Utilizzo delle sonde dell oscilloscopio Di norma, quando si effettuano le misurazioni, la prima cosa da fare è collegare le sonde dell'oscilloscopio tra il dispositivo in esame e i connettori BNC di ingresso dell'oscilloscopio. Le sonde dell'oscilloscopio forniscono una terminazione con un'impedenza di ingresso relativamente elevata (resistenza elevata con bassa capacitanza) in corrispondenza del punto di test. Una connessione a impedenza elevata è importante per isolare lo strumento di misurazione dal circuito che viene testato, poiché si desidera evitare che l'oscilloscopio e la rispettiva sonda modifichino le caratteristiche dei segnali in esame. Esistono vari tipi di sonde dell'oscilloscopio che vengono utilizzate per misurazioni specifiche, ma le sonde di questa esercitazione sono del tipo più comune e sono denominate sonde di tensione 10:1 passive, come illustrato nella Figure 2. Passiva significa semplicemente che questo tipo di sonda non include alcun componente attivo, come i transistor o gli amplificatori. 10:1 indica che la sonda attenuerà il segnale di ingresso ricevuto all'ingresso dell'oscilloscopio di un fattore pari a 10. Figure 2 Sonda di tensione 10:1 passiva Quando si utilizza una sonda passiva 10:1 standard, tutte le misurazioni dell'oscilloscopio dovrebbero essere eseguite tra il punto di test del segnale elaterra. In altre parole, si deve collegare a terra la pinza di messa terra della sonda. Non è possibile misurare le tensioni in un componente intermedio utilizzando questo tipo di sonda. Se occorre misurare la tensione in un componente non dotato di messa a terra, è possibile utilizzare la funzione matematica di sottrazione dell'oscilloscopio mentre si misurano i segnali a entrambe le estremità del componente relativamente al punto di terra utilizzando i canali dell'oscilloscopio oppure è possibile utilizzare una speciale sonda attiva differenziale. Si noti inoltre che non si deve mai completare un circuito utilizzando l'oscilloscopio. Nella Figure 3 è illustrato un modello elettrico di una sonda passiva 10:1 collegata a un oscilloscopio, in cui viene utilizzata la selezione di ingresso predefinita da 1MΩ, richiesta per questo tipo di sonda. Anche molti oscilloscopi con larghezza di banda più elevata dispongono di una selezione di terminazione in ingresso da Guida di laboratorio ed esercitazioni sull'oscilloscopio DSO1000 per l'educatore 9

10 1 Operazioni preliminari 50 Ω selezionabile dall'utente, che viene utilizzata spesso per le terminazioni delle sonde attive e/o quando si immette direttamente un segnale da una sorgente da 50 Ω utilizzando un cavo coassiale BNC da 50 Ω. Figure 3 Schema semplificato di una sonda passiva 10:1 collegata all'impedenza di ingresso da 1 MΩ dell'oscilloscopio Sebbene il modello elettrico della sonda passiva e dell'oscilloscopio includa sia la capacitanza intrinseca/parassita (non prevista nella progettazione) sia reti di capacitanza di compensazione progettate intenzionalmente, ignoriamo momentaneamente tali elementi capacitivi e analizziamo il comportamento del segnale ideale di questo sistema di sonde/oscilloscopi in condizioni di bassa frequenza o ingresso cc. Una volta rimossi tutti i componenti capacitivi dal modello elettrico della sonda/oscilloscopio, ciò che rimane è un resistore al puntale della sonda da 9 MΩ in serie con l'impedenza di ingresso da 1 MΩ dell'oscilloscopio. La resistenza di ingresso netta al puntale della sonda è quindi di 10 MΩ Applicando la legge di Ohm, si può notare che il livello di tensione ricevuto all'ingresso dell'oscilloscopio è pari a un decimo del livello di tensione in corrispondenza del puntale della sonda (V oscilloscopio = V sonda x (1 MΩ/10 MΩ). Ciò significa che con una sonda passiva 10:1 l'intervallo dinamico del sistema di misurazione dell'oscilloscopio è stato esteso. In altre parole, è possibile misurare segnali con un'ampiezza più elevata di 10X rispetto ai segnali che è possibile misurare con una sonda 1:1. Inoltre, l'impedenza di ingresso del sistema di misurazione dell'oscilloscopio (sonda + oscilloscopio) aumenta da 1 MΩ a 10 MΩ. Questo è positivo in quanto un'impedenza di ingresso inferiore potrebbe caricare il dispositivo in esame (DUT) e modificarne i livelli di tensione effettivi, costituendo un problema. Sebbene un'impedenza netta di 10 MΩ sia davvero elevata, è necessario tenere presente che è necessario considerare tale quantità di impedenza di carico in relazione all'impedenza del dispositivo in esame. Ad esempio, il circuito di un amplificatore operazionale semplice con un resistore di reazione da 100 MΩ può fornire letture errate sull'oscilloscopio. 10 Guida di laboratorio ed esercitazioni sull'oscilloscopio DSO1000 per l'educatore

11 Operazioni preliminari 1 La maggior parte degli oscilloscopi a a elevate prestazioni possono effettuare i rilevamenti con una sonda 10:1 collegata e impostare il fattore di attenuazione della sonda su 10:1. Con l'oscilloscopio Keysight della serie 1000, il fattore di attenuazione (10:1) deve invece essere inserito manualmente oppure premendo il tasto [Defaul t Setup] Configurazione predefinita sul pannello frontale. Nel momento in cui l'oscilloscopio conosce il fattore di attenuazione (sia che sia stato rilevata automaticamente che inserito manualmente), fornisce le letture compensate di tutte le impostazioni verticali in modo che tutte le misurazioni di tensione saranno di riferimento per il segnale di ingresso non attenuato in corrispondenza del puntale della sonda. Ad esempio, se si sonda un segnale di 10 Vpp, il segnale ricevuto all'ingresso dell'oscilloscopio sarà effettivamente solo di 1 Vpp. Ma poiché l'oscilloscopio è a conoscenza dell'utilizzo di una sonda con attenuazione 10:1, durante le misurazioni di tensione segnalerà il rilevamento di un segnale di 10 Vpp. Nell'esercitazione 4 (Compensazione delle sonde passive 10:1), si tornerà sull'argomento relativo al modello di sonda passiva e verranno trattati i componenti capacitivi. Tali elementi nel modello di sonda/oscilloscopio elettrico influenzeranno le prestazioni dinamiche/ca dell'oscilloscopio e del sistema di sonde. Guida di laboratorio ed esercitazioni sull'oscilloscopio DSO1000 per l'educatore 11

12 1 Operazioni preliminari Informazioni preliminari sul pannello frontale Iniziamo con l'imparare a conoscere i controlli e le manopole più importanti dell'oscilloscopio. Accanto alla parte superiore dell'oscilloscopio sono riportati i controlli orizzontali illustrati nella Figure 4. La manopola più grande consente di impostare la scala orizzontale in secondi/divisione. Questo controllo imposta la scala dell'asse X della forma d'onda visualizzata. Una divisione orizzontale è il tempo Δ tra ogni linea verticale della griglia. Se si desidera visualizzare forme d'onda più veloci (segnali di frequenza più elevati), si deve generalmente impostare la scala orizzontale a un valore s/div inferiore. Se si desidera visualizzare forme d'onda più lente (segnali di frequenza inferiori), di norma si deve impostare la scala orizzontale a un'impostazione s/div più elevata. La manopola più piccola nella sezione Orizzontale imposta la posizione orizzontale della forma d'onda. In altre parole, con questo controllo è possibile spostare a sinistra e destra la posizione orizzontale della forma d'onda. I controlli orizzontali dell'oscilloscopio (s/div e posizione) sono spesso denominati controlli principali della base dei tempi dell'oscilloscopio. Figure 4 Controlli orizzontali (asse X) dell'oscilloscopio I controlli e le manopole nella parte inferiore dell'oscilloscopio (fare riferimento alla Figure 5) inclusi nella sezione Verticale (subito sopra i connettori BNC di ingresso) impostano la scala verticale dell'oscilloscopio. Se si utilizza un oscilloscopio a due canali, vi saranno due coppie di controlli di scala verticali. Se si utilizza un oscilloscopio a quattro canali, vi saranno due quattro coppie di controlli di scala verticali. La manopola più grande per ogni canale di ingresso inclusa nella sezione Verticale imposta il fattore di scala verticale in volt/divisione. Si tratta della scala grafica sull'asse Y delle forme d'onda. Una divisione verticale corrisponde ai volt ΔV tra ogni linea orizzontale della griglia. Se si desidera visualizzare segnali relativamente grandi (tensioni da picco a picco elevate), di norma si imposta volt/div a un valore relativamente alto. Se si visualizzano livelli di segnale di ingresso piccoli, si imposta volt/div a un valore relativamente basso. I controlli e le manopole più piccoli per ciascun canale inclusi nella sezione Verticale sono i controlli di posizione/offset. Si utilizza questa manopola per spostare su e giù la forma d'onda sullo schermo. 12 Guida di laboratorio ed esercitazioni sull'oscilloscopio DSO1000 per l'educatore

13 Operazioni preliminari 1 Figure 5 Controlli verticali (asse Y) dell'oscilloscopio Un'altra variabile di impostazione importante dell'oscilloscopio è il controllo/manopola del livello di trigger illustrato nella Figure 6. Questa manopola di controllo è situata sulla destra del pannello frontale dell'oscilloscopio, appena sotto la sezione Trigger. Il trigger è probabilmente l'aspetto di un oscilloscopio più difficile da comprendere, ma è una delle funzionalità più importanti che è necessario conoscere. L'argomento relativo al trigger dell'oscilloscopio sarà esaminato ulteriormente durante le esercitazioni pratiche. Figure 6 Controllo del livello di trigger dell'oscilloscopio Nelle istruzioni delle seguenti esercitazioni, le parole in grassetto racchiuse tra parentesi, come [Cursors] Cursori, si riferiscono a un tasto (o pulsante) del pannello frontale situato a destra dell'oscilloscopio. Se si preme il tasto, verrà attivato un menu univoco contenente le selezioni dei softkey associati alla funzione del pannello frontale corrispondente. I softkey sono 5 tasti/pulsanti situati a destra del display dell'oscilloscopio. Le funzioni di tali tasti cambiano a seconda del menu attivato. Guida di laboratorio ed esercitazioni sull'oscilloscopio DSO1000 per l'educatore 13

14 1 Operazioni preliminari Vediamo ora dove si trova la manopola di controllo Entry illustrata nella Figure 7. Questa manopola è situata a destra del display dell'oscilloscopio. Viene utilizzata spesso per modificare una gamma di variabili e selezioni di impostazioni che non dispongono di controlli dedicati sul pannello frontale. La freccia circolare ( ) che viene visualizzata sulla selezione dei softkey indica che è possibile controllare la variabile con la manopola Entry. Iniziamo a effettuare le misurazioni sull'oscilloscopio. Figure 7 Controllo generale delle voci dell'oscilloscopio 14 Guida di laboratorio ed esercitazioni sull'oscilloscopio DSO1000 per l'educatore

15 Risorse DSO1000 per la formazione dell'educatore Guida di laboratorio ed esercitazioni 2 Esercitazioni per familiarizzare con l'oscilloscopio Esercitazione n. 1: Misurazioni di base / 16 Esercitazione n. 2: Informazioni di base sul trigger dell'oscilloscopio / 24 Esercitazione n. 3: Acquisizione degli eventi singoli / 30 Esercitazione n. 4: Compensazione delle sonde passive 10:1 / 32 Esercitazione n. 5: Documentazione e salvataggio dei risultati di test dell'oscilloscopio / 38 Esercitazione n. 6: Utilizzo delle funzioni matematiche per le forme d'onda / 43 Esercitazione n. 7: Utilizzo della modalità Zoom dell'oscilloscopio / 48 15

16 2 Esercitazioni per familiarizzare con l'oscilloscopio Esercitazione n. 1: Misurazioni di base In questa prima esercitazione vengono fornite informazioni sull'uso dei controlli di definizione della scala verticale e orizzontale dell'oscilloscopio al fine di impostare correttamente l'oscilloscopio e visualizzare un'onda quadra ripetitiva. Inoltre, si apprenderà a effettuare semplici misurazioni della tensione e della temporizzazione dei segnali. 1 Collegare il cavo di alimentazione e accendere l'oscilloscopio. 2 Collegare una sonda dell'oscilloscopio tra il connettore BNC di ingresso canale 1 e il terminale con etichetta Comp. sonda che ha la forma dell impulso mostrata nella Figure 8. Collegare la pinza di messa a terra della sonda al terminale con simbolo di messa a terra. Nota: sugli oscilloscopi della serie DSO1000A, i terminali con etichetta Comp. sonda si trovano sotto il display. Figure 8 Collegamento di una sonda tra il connettore BNC di ingresso canale 1 e il terminale per la compensazione della sonda 16 Guida di laboratorio ed esercitazioni sull'oscilloscopio DSO1000 per l'educatore

17 Esercitazioni per familiarizzare con l'oscilloscopio 2 Il terminale con compensazione della sonda presenta sempre un'onda quadra a 1 khz. Scopo principale di questo segnale è la calibrazione/compensazione delle sonde dell'oscilloscopio (che saranno trattate in altre esercitazioni). Tuttavia useremo il segnale per familiarizzare con l'oscilloscopio. 3 Premere il tasto [Defaul t Setup] Configurazione predefinita sul pannello frontale. Con Configurazione predefinita si imposta l'oscilloscopio sulla configurazione di fabbrica predefinita. In questo modo non solo i fattori X e Y di definizione della scala dell'oscilloscopio saranno reimpostati sui loro valori predefiniti, ma tutte le modalità speciali di funzionamento utilizzate in precedenza dai colleghi saranno disattivate. La configurazione predefinita reimposta inoltre i fattori di attenuazione della sonda dell'oscilloscopio su 10X in modo che tutte le misurazioni dell'ampiezza facciano riferimento al livello del segnale sul puntale della sonda. Per nuove misurazioni, si consiglia di reimpostare l'oscilloscopio sempre sulla configurazione predefinita. A questo punto, regolare i valori verticali, orizzontali e di trigger dell'oscilloscopio in modo da consentire la definizione corretta della scala e la visualizzazione dell'onda quadra a 1 khz sul display dell'oscilloscopio. 4 Premere il tasto [Menu On/Off] Menu On/Off sul pannello frontale (angolo in alto a destra del display) per ingrandire l'area di visualizzazione della forma d'onda dell'oscilloscopio. 5 Ruotare la manopola Livello d i trigger in senso orario, impostare un livello di trigger approssimativo di 1,5 Vol t (valore visualizzato in alto a destra del display) e far intersecare la linea del livello di trigger orizzontale arancione temporanea con il centro della forma d'onda. Le prossime esercitazioni forniranno maggiori informazioni sull'impostazione del trigger dell'oscilloscopio. 6 Ruotare la manopola Orizzontale (in alto al pannello frontale dell'oscilloscopio) in senso antiorario fino alla comparsa di almeno due periodi dell'onda quadra. L'impostazione corretta è 200 us/ (valore in alto a sinistra del display). Questa impostazione è l'abbreviazione di 200 μsec/divisione e sarà d'ora in poi la base dei tempi dell'oscilloscopio. 7 Ruotare la manopola di posizione Orizzontale (quella piccola in alto al pannello frontale dell'oscilloscopio) per spostare la forma d'onda a sinistra e a destra. Premere questa manopola per impostarla nuovamente su zero (0.0 secondi al centro dello schermo). 8 Regolare la manopola di posizione verticale del canale 1 (la manopola più piccola nella parte verticale del pannello frontale, immediatamente sopra il connettore BNC di ingresso) fino a quando il picco massimo della forma d'onda si avvicina al centro del display. L'impostazione corretta è -3.0 V ca. (valore in basso a sinistra del display). Guida di laboratorio ed esercitazioni sull'oscilloscopio DSO1000 per l'educatore 17

18 2 Esercitazioni per familiarizzare con l'oscilloscopio 9 Ruotare la manopola V/div del canale 1 in senso orario (la manopola più grande nella parte verticale) fino a visualizzare il valore 500mV/ in basso a sinistra del display. Significa 500 mv/div. Premere la manopola V/div del canale 1 per apportare le regolazioni e ottenere i valori di regolazione fine. Il professore può chiamarla regolazione vernier dell'oscilloscopio. Premere di nuovo la manopola per tornare alla regolazione coarse (grossolana), quindi reimpostarla su 500 mv/. La regolazione della posizione verticale dell'oscilloscopio e dell'impostazione V/div (passi #8 e #9 sopra) è generalmente un processo iterativo; regolare prima un valore e poi l'altro fino alla corretta visualizzazione della forma d'onda. Dovreste visualizzare sul display dell'oscilloscopio qualcosa simile alla Figure 9. Eseguire alcune misurazioni sull'onda quadra. Notare che il display dell'oscilloscopio è un semplice grafico cartesiano. Sull'asse X (orizzontale) viene misurato il tempo, mentre sull'asse Y (verticale) viene misurata la tensione. Probabilmente, per molte esercitazioni dei corsi di Ingegneria elettronica e di fisica, avrete già calcolato e posto su un grafico i segnali elettrici in un formato simile, ma statico, su carta. Oppure, è possibile aver utilizzato diverse applicazioni per computer per creare automaticamente grafici delle forme d'onda. Quando un segnale d'ingresso ripetitivo è applicato a un oscilloscopio, è possibile osservare la creazione dinamica (continuamente aggiornata) di un grafico sulle forme d'onda. Figure 9 Impostazione dei valori dei livelli verticali, orizzontali e di trigger dell'oscilloscopio per visualizzare una forma d'onda L'asse X (orizzontale) è formato da 12 divisioni principali dello schermo (display del menu spento), dove ciascuna divisione equivale all'impostazione sec/div corrispondente. In questo caso, ciascuna divisione principale orizzontale 18 Guida di laboratorio ed esercitazioni sull'oscilloscopio DSO1000 per l'educatore

19 Esercitazioni per familiarizzare con l'oscilloscopio 2 rappresenta 200 microsecondi di tempo, se la base dei tempi dell'oscilloscopio è impostata su 200 μs/div come spiegato in precedenza. Poiché sono presenti 12 divisioni sullo schermo, l'oscilloscopio visualizza 2.4 ms di tempo (200 μs/div x 12 divisioni) da sinistra a destra. Notare che ciascuna divisione principale è a sua volta suddivisa in altre 5 minori (0.2 divisioni ciascuna), visualizzate con segni di spunta. Ciascuna divisione minore rappresenta 1/5 div 200 μs/div = 40 μs. L'asse Y (verticale) è composto da 8 divisioni principali verticali, ciascuna delle quali equivale all'impostazione V/div, che deve essere impostata su 500 mv/div. Con questa impostazione, l'oscilloscopio può misurare segnali di 4 Vp-p di altezza (500 mv/div x 8 divisioni). Ciascuna divisione principale è a sua volta divisa in 5 divisioni minori (0.2 divisioni ciascuna). Ciascuna divisione minore (indicata da segni di spunta), rappresenta 100 mv. 10 Calcolare la larghezza d'impulso (PW) di uno degli impulsi positivi contando il numero di divisioni (maggiori e minori) da un fronte di salita al fronte di discesa successivo, quindi moltiplicare per l'impostazione s/div (200 μs/div). PW = 11 Calcolare il periodo (T) di una di queste onde quadre contando il numero di divisioni da un fronte di salita al fronte di salita successivo, quindi moltiplicare per l'impostazione s/div. T = 12 Qual è la frequenza di quest'onda sinusoidale (F = 1/T). F = 13 Determinare la tensione picco-picco di questa forma d'onda contando il numero di divisione dal basso all'alto della forma d'onda, quindi moltiplicare per l'impostazione V/div (500 mv/div). Vp-p = Nota: l'etichetta gialla 1 a sinistra del display indica il livello di terra (0.0 V) della forma d onda del canale 1. Se è stato attivato anche il canale 2 dell'oscilloscopio, comparirà un'etichetta verde 2 a indicare il livello di terra di questo canale (0.0 V). A questo punto, utilizzare la funzione cursori dell'oscilloscopio per effettuare le stesse misurazioni di tensione e tempi. 14 Premere il tasto [Cursors] Cursori sul pannello frontale; quindi premere il softkey Mod. Ruotare la manopola Entry fino a visualizzare Manuale, quindi premere la manopola Entry per selezionare. 15 Tenere premuto il softkey CurA--- finché diventa blu (potrebbe essere già blu). 16 Ruotare la manopola Entry finché il cursore di temporizzazione A incontra il primo fronte di salita della forma d'onda a sinistra del display. Guida di laboratorio ed esercitazioni sull'oscilloscopio DSO1000 per l'educatore 19

20 2 Esercitazioni per familiarizzare con l'oscilloscopio 17 Premere il softkey CurA--- per disattivare il cursore, quindi premere il softkey CurB--- per attivare il cursore di temporizzazione B. 18 Ruotare la manopola Entry finché il cursore di temporizzazione B incontra il secondo fronte di salita della forma d'onda al centro del display. Dovreste visualizzare sul display dell'oscilloscopio qualcosa simile alla Figure 10. Figure 10 Utilizzo dei cursori di temporizzazione per misurare il periodo e la frequenza dell'onda quadra 19 Qual è il periodo e la frequenza di questa forma d'onda? ΔX = 1/ΔX = 20 Premere il softkey Tipo per modificare il cursore da Tempo ad Ampiezza. 21 Premere il softkey CurB--- per disattivare il cursore, quindi premere il softkey CurA--- per attivare il cursore di ampiezza A. 22 Ruotare la manopola Entry finché il cursore di ampiezza A incontra la parte inferiore della forma d'onda. 23 Premere il softkey CurA--- per disattivare il cursore, quindi premere il softkey CurB--- per attivare il cursore di ampiezza B. 24 Ruotare la manopola Entry finché il cursore di ampiezza B incontra la parte superiore della forma d'onda. Dovreste visualizzare sul display dell'oscilloscopio qualcosa simile alla Figure Guida di laboratorio ed esercitazioni sull'oscilloscopio DSO1000 per l'educatore

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

COME predisporre l'oscilloscopio

COME predisporre l'oscilloscopio Se vi chiedessimo quale tipo di strumento sia necessario per misurare una frequenza, tutti istintivamente rispondereste: un ''frequenzimetro digitale". Pochi infatti sanno che questa misura si può eseguire

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Serie PicoScope 3000

Serie PicoScope 3000 YE AR Serie PicoScope 3000 I MIGLIORI OSCILLOSCOPI ALIMENTATI TRAMITE USB Potenza e portatilità. Perché accontentarsi? Memoria buffer da 128 M Decodifica seriale Analizzatore di spettro da 200 MHz Generatore

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate

Dettagli

ADC-20/ADC-24. Registratori di dati ad alta risoluzione. Manuale d'uso. adc20.it r4 Copyright 2005-2013 Pico Technology Limited. All rights reserved.

ADC-20/ADC-24. Registratori di dati ad alta risoluzione. Manuale d'uso. adc20.it r4 Copyright 2005-2013 Pico Technology Limited. All rights reserved. ADC-20/ADC-24 Registratori di dati ad alta risoluzione Manuale d'uso I Indice Indice 1 Introduzione...1...1 1 Panoramica 2 Informazioni...2...2 1 Avviso sulla sicurezza...3 2 Informazioni leg ali...3 3

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Manuale d Istruzioni. Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR

Manuale d Istruzioni. Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR Manuale d Istruzioni Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR Introduzione Congratulazioni per aver acquistato la Pinza Amperometrica Extech EX820 da 1000 A RMS. Questo strumento misura

Dettagli

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Dicembre 2013 190-01711-31_0A Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Sommario Per iniziare............................................ 3 Il WiFi Booster......................................... 4 Pannello

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma 715 Volt/mA Calibrator Istruzioni Introduzione Il calibratore Fluke 715 Volt/mA (Volt/mA Calibrator) è uno strumento di generazione e misura utilizzato per la prova di anelli di corrente da 0 a 24 ma e

Dettagli

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 Pag. 1 / 10 SOMMARIO: 1 INTRODUZIONE... 3 2 PANNELLO DI CONTROLLO... 4 2.1 I TASTI... 4 2.2 IL DISPLAY... 4 3 I MENU... 5 3.1 MODIFICA TERMOSTATO AMBIENTE RADIO...

Dettagli

Forerunner. 10 Manuale Utente. Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan

Forerunner. 10 Manuale Utente. Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan Forerunner 10 Manuale Utente Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente il presente

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

PicoScope 9200A. www.picotech.com. Oscilloscopi a campionamento completi per PC. Oscilloscopi a campionamento per PC Windows

PicoScope 9200A. www.picotech.com. Oscilloscopi a campionamento completi per PC. Oscilloscopi a campionamento per PC Windows PicoScope 9200A Oscilloscopi a campionamento per PC Windows Oscilloscopi a campionamento completi per PC Caratterizzazione del segnale Verifica di pre-conformità TDR e TDT elettriche Verifica pass/fail

Dettagli

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 Doc. MII11166 Rev. 2.21 Pag. 2 di 138 REVISIONI SOMMARIO VISTO N PAGINE DATA

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

In questo manuale, si fa riferimento a ipod touch 5a generazione e iphone 5 con il solo termine iphone con connettore Lightning.

In questo manuale, si fa riferimento a ipod touch 5a generazione e iphone 5 con il solo termine iphone con connettore Lightning. In questo manuale, si fa riferimento a ipod touch 5a generazione e iphone 5 con il solo termine iphone con connettore Lightning. Per collegare un iphone con connettore Lightning ad SPH-DA100 AppRadio e

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

1.1 Guida rapida. Collegamento del PC a Vivo 30/40 con cavi. [ Quick guide Vivo 30/40 PC Software Help v4.01]

1.1 Guida rapida. Collegamento del PC a Vivo 30/40 con cavi. [ Quick guide Vivo 30/40 PC Software Help v4.01] [ Quick guide Vivo 30/40 PC Software Help v4.01] 1.1 Guida rapida Il software per PC di Vivo 30/40 è uno strumento di supporto per l'utilizzo del ventilatore Breas Vivo 30/40 e il follow-up del trattamento

Dettagli

Manuale di Istruzioni. HI 931002 Simulatore 4-20 ma

Manuale di Istruzioni. HI 931002 Simulatore 4-20 ma Manuale di Istruzioni HI 931002 Simulatore 4-20 ma w w w. h a n n a. i t Gentile Cliente, grazie di aver scelto un prodotto Hanna Instruments. Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare la strumentazione,

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI

GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI GRANDEZZE ALTERNATE SINUSOIDALI 1 Nel campo elettrotecnico-elettronico, per indicare una qualsiasi grandezza elettrica si usa molto spesso il termine di segnale. L insieme dei valori istantanei assunti

Dettagli

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700 74 319 0350 0 B3144x2 74 319 0350 0 Istruzioni operative Synco 700 Controllore universale RMU7... Sommario B3144x2...1 Elementi operativi...4 Display...4 Pulsante INFO...4 Manopola per selezione e conferma

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series 1 Stampanti HP Deskjet 6500 series Per trovare la risposta a una domanda, fare clic su uno dei seguenti argomenti: HP Deskjet 6540-50 series Avvisi Funzioni speciali Introduzione Collegamento alla stampante

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale

Elettronica delle Telecomunicazioni Esercizi cap 2: Circuiti con Ampl. Oper. 2.1 Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale 2. Analisi di amplificatore AC con Amplificatore Operazionale reale Un amplificatore è realizzato con un LM74, con Ad = 00 db, polo di Ad a 0 Hz. La controreazione determina un guadagno ideale pari a 00.

Dettagli

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione:

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione: Misura di resistenza con il metodo voltamperometrico. Esperimentatori: Marco Erculiani (n matricola 454922 v.o.) Noro Ivan (n matricola 458656 v.o.) Durata dell esperimento: 3 ore (dalle ore 9:00 alle

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

ipod nano Guida alle funzionalità

ipod nano Guida alle funzionalità ipod nano Guida alle funzionalità 1 Indice Capitolo 1 4 Nozioni di base di ipod nano 5 Panoramica su ipod nano 5 Utilizzare i controlli di ipod nano 7 Disabilitare i controlli di ipod nano 8 Utilizzare

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni

Appunti di Misure Elettriche Richiami vari Quantità elettriche corrente ampere elettroni Appunti di Misure Elettriche Richiami vari QUANTITÀ ELETTRICHE... 1 Corrente... 1 Tensione... 2 Resistenza... 3 Polarità... 3 Potenza... 4 CORRENTE ALTERNATA... 4 Generalità... 4 Valore efficace... 5 Valore

Dettagli

StructureScan HD. Immagini sonar. Manuale di istruzioni

StructureScan HD. Immagini sonar. Manuale di istruzioni IT StructureScan HD TM Immagini sonar Manuale di istruzioni Copyright 2012 Navico Tutti i diritti riservati. Nessuna parte del presente manuale può essere copiata, riprodotta, ripubblicata, trasmessa o

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta MASTERSOUND 300 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended Congratulazioni per la Vostra scelta Il modello 300 B S.E. che Voi avete scelto è un amplificatore integrato stereo in pura

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D Se avete un tablet android, ma non avete la minima idea di come accenderlo, usarlo e avviarlo, seguite queste nostre indicazioni 1. ATTIVAZIONE

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Istruzioni per l uso. GEOHM 5 Misuratore di Terra 3-349-418-10 1/6.09

Istruzioni per l uso. GEOHM 5 Misuratore di Terra 3-349-418-10 1/6.09 Istruzioni per l uso GEOHM 5 Misuratore di Terra 3-349-418-10 1/6.09 Significato dei simboli sullo strumento Isolamento continuo doppio o rinforzato Segnalazione di un pericolo, (Attenzione, consultare

Dettagli

ELCART MANUALE DI ISTRUZIONI MULTIMETRO DIGITALE 9/8220 NI-4100

ELCART MANUALE DI ISTRUZIONI MULTIMETRO DIGITALE 9/8220 NI-4100 ART. 9/8220 PAGINA 1 DI 10 MANUALE DI ISTRUZIONI MULTIMETRO DIGITALE 9/8220 NI-4100 INDICE 1. ISTRUZIONI GENERALI 1.1 Precauzioni di sicurezza 1.1.1 Fasi preliminari 1.1.2 Utilizzo 1.1.3 Simboli 1.1.4

Dettagli

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Assistenza tecnica Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Guida all'impostazione

Guida all'impostazione Guida all'impostazione dello scanner di rete Guida introduttiva Definizione delle impostazioni dalla pagina Web Impostazione delle password Impostazioni di base per la scansione di rete Impostazioni del

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Manuale ProVari. www.provape.com 1

Manuale ProVari. www.provape.com 1 Manuale ProVari Grazie per l'acquisto della sigaretta elettronica ProVari! Si prega di leggere questo manuale prima di utilizzare la sigaretta elettronica. www.provape.com 1 La sigaretta elettronica, nota

Dettagli

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche:

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche: OGGETTO: Egregi, a breve verrà commercializzata una nuova gamma di caldaie a condensazione, chiamata Paros Green, che andranno a integrare il catalogo listino attualmente in vigore. Viene fornita in tre

Dettagli

Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI

Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI Il cavo di alimentazione è rigidamente fissato nella parte inferiore del terminale (fig.1), tale cavo deve essere connesso al trasformatore esterno (fig. ) e, questi,

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad Guida all uso di La Vita Scolastica per ipad Guida all uso dell app La Vita Scolastica Giunti Scuola aprire L APPlicazione Per aprire l applicazione, toccate sullo schermo del vostro ipad l icona relativa.

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli