CORSO ON LINE DI TRAINING-AUTOGENO E AUTOIPNOSI INTRODUZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO ON LINE DI TRAINING-AUTOGENO E AUTOIPNOSI INTRODUZIONE"

Transcript

1 CORSO ON LINE DI TRAINING-AUTOGENO E AUTOIPNOSI INTRODUZIONE Possiamo vedere la nostra mente come un processo, un processo per produrre pensieri ed azioni per adattarci alla realtà circostante. In questo processo possiamo distinguere due fasi: UNA FASE SUBCONSCIA, di analisi e raggruppamento di dati dall'ambiente esterno in base a regole predefinite e preregistrate. UNA FASE CONSCIA, nella quale la nostra coscienza analizza e osserva i dati così prodotti, e sotto un certo punto di vista, "prende la forma" del risultato di tali operazioni. Nella fase conscia della mente si può osservare come vengano utilizzati gli strumenti della logica e della razionalità, mentre la fase subconscia funziona invece in base a quanto già registrato precedentemente nella nostra mente. Possiamo chiamare, come fanno molti la fase conscia della mente "mente conscia" e la fase subconscia "mente subconscia". La maniera migliore invece di immaginare la coscienza è quella di immaginarla come un vaso di cristallo, che, pur essendo differente dal suo contenuto,ne piglia lo stesso colore: nella stessa maniera ciascuno tende a prendere il colore dei suoi pensieri ed emozioni, e a dire: sono arrabbiato, sono felice etc. mentre l'espressione più giusta dovrebbe essere: c'è qualcosa in me che mi fa sentire arrabbiato, c'è qualcosa in me che mi fa sentire triste, etc. In nessun momento, quindi, praticando l'ipnosi, perdete coscienza: l'espressione più giusta è dire che potete cambiare il contenuto della coscienza, e mettere altri colori nel vaso; l'importante è capire che voi siete diversi dai vostri singoli pensieri e rimarrete sempre presenti a voi stessi. Lo stato di trance ipnotica è uno stato molto piacevole, nel quale potete permettervi di diventare consci di cose di cui normalmente non siete consci;in tale stato rilassate la vostra attenzione sull'ambiente esterno e vi volgete all'interno: rilassate quindi i processi della mente conscia (ma non la coscienza) che funzionano in base ai programmi della mente subconscia. Potete immaginare anche la mente conscia come un processo che utilizza energia:nel momento in cui voi rilassate la mente

2 conscia, tale energia diventa disponibile per altri scopi. STATO NORMALE: la mente conscia agisce in base ai programmi inventariati nella mente subconscia; la vostra coscienza è troppo impegnata ad agire per poter visionare in modo efficiente, o cambiare, quello che è contenuto nella vostra mente subconscia. STATO DI TRANCE IPNOTICA: la vostra mente conscia si può rilassare, non ci sono ragioni perchè sia attiva e sprechi energie per analizzare l'ambiente circostante: la vostra coscienza può allora intervenire, inventariare, revisionare i programmi contenuti nella vostra mente subconscia. LEZIONE N 1 SCHEMA DEL CORSO Finalità della: PARTE PRIMA: Acquisire il rilassamento necessario ad iniziare il processo di autoipnosi: infatti se il vostro corpo è rilassato, allora anche la vostra mente conscia si può rilassare. Ottenere la chiusura degli occhi e rendersi conto della pesantezza del corpo. PARTE SECONDA Approfondinento dell'ipnosi. Creare un "orologio interiore" che vi permetta di entrare in trance per il periodo desiderato. PARTE TERZA Ottenimento di alcune semplici fenomenologie sensoriali PARTE QUARTA Quattro maniere di darsi efficacemente delle suggestioni postipnotiche. ================================================================ PARTE PRIMA IMPORTANTE Non aspettatevi di perdere coscienza: sarete sempre presenti e coscienti durante ogni momento di esecuzione degli esercizi, l'autoipnosi è una tecnica per migliorare le proprie potenzialità e la propria coscienza; potrà eventualmente e raramente accadere che sviluppiate col tempo e in certi casi AMNESIA rispetto a certi momenti nei quali eravate totalmente rilassati. Non c'è una sola maniera di realizzare l'autoipnosi; per semplicità in questo corso abbiamo scelto una maniera progressiva e molto dolce. Negli esercizi che seguono vi si chiede di ripetere un certo numero di volte alcune frasi: non preoccupatevi di ripetere ogni frase esattamente il numero di volte indicato. Se questa dovesse essere una vostra preoccupazione utilizzate l'artificio di numerare ogni vostra affermazione, ad

3 esempio: uno il mio braccio è pesante, due il mio braccio è pesante etc. contate cioè mentalmente anche il numero della frase ogni volta. Non affrettatevi nel ripetere le frasi: ditele seguendo sempre lo stesso ritmo :un artificio molto buono è seguire il ritmo del proprio respiro, e parlare solo quando espirate. Parlate mentalmente, di modo da lasciare i muscoli rilassati. NOTE INTRODUTTIVE - PER CHI HA GIA' PRATICATO TECNICHE DI RILASSAMENTO Le istruzioni di queste pagine si rivolgono ad una persona senza esperienza preliminare. Se voi avete già esperienza di Training Autogeno, rilassamento di vario genere, Ipnosi, Yoga etc. i primi tre giorni potete pensare che vi serviranno per esercitare l'abilità al rilassamento, strumento per ottenere recettività. Procedete come segue: a) Eseguite ogni esercizio, secondo la progressione data, fino a superarlo e con lo scopo di raggiungere l'obiettivo che vedrete nell'esercizio quattro : CONTANDO DA UNO A VENTI ottenere un rilassamento (avvertibile dalla sensazione di peso) delle braccia e delle gambe e una chiusura degli occhi seguita da una sensazione di pesantezza del corpo sempre maggiore con ogni respiro. b) se vi accorgete di poter eseguire certi esercizi più rapidamente di quanto indicato nelle istruzioni che seguono, fatelo, ma rendetevi assolutamente sicuri di poter eseguire TUTTI gli esercizi di questa prima parte prima di passare alla seconda. Non affrettatevi nell'ansia di fare di più. Tentate prima di fare ciò che è scritto qui in maniera soddisfacente. RILASSAMENTO La prima fase per una corretta pratica dell'autoipnosi consiste nel rilassamento: voi infatti volete parlare a voi stessi, ma non potrete farlo finchè la vostra mente sarà invece occupata a ricevere e ad inviare segnali al vostro corpo, cioè, finchè manterrete tensioni che vi fanno consumare energia tanto fisica quanto mentale: Vi presentiamo due metodi differenti per raggiungere il rilassamento necessario: A) Metodo dei riflessi condizionati B) Metodo della grande respirazione indiana. Consigliamo di approfondire entrambi i sistemi e confrontarli tra loro. A) Metodo dei riflessi condizionati Gli esercizi di questa prima parte sono mirati a farvi acquisire

4 una serie di RIFLESSI CONDIZIONATI; questo metodo è strettamente imparentato con la tecnica del training autogeno. I quattro riflessi che acquisirete sono: 1) Rilassamento istantaneo delle braccia 2) Rilassamento istantaneo delle gambe 3) Chiusura istantanea ed automatica degli occhi 4) Integrazione istantanea dei quattro esercizi precedenti in un'unica formula che servirà da frase chiave per l'autoipnosi. POSIZIONE DEL CORPO Sulla sedia o sdraiati su di un letto. Cercate di evitare movimenti estranei all'esercizio che state conducendo. TECNICHE UTILIZZATE PER SUPERARE LA MENTE CONSCIA A) Riflessi condizionati Alla fine di ogni esercizio, attraverso la ripetizione di un'unica frase, raggiungerete velocemente lo stato che vi proponete. B) Banca di ricordi e associazioni della mente subconscia Quando ripetete le varie parole, ad esempio la parola "pesante" voi automaticamente riaccedete alle varie sensazioni di pesantezza che avete provato nella vostra vita. C) Ripetizione Ogni ripetizione scava come un solco più profondo nella vostra mente e permette all'idea di entrare più profondamente nella vostra mente. D) Motivazione nel desiderio di raggiungere un obiettivo. ESERCIZIO NR. 1 Scopo: rilassamento immediato delle braccia e dei muscoli vicini utilizzando CINQUE ripetizioni della frase: "Entrambe le mie braccia sono pesanti come piombo". Metodo: ripetizione delle frasi scritte sotto, immaginando nel contempo, la corrispondente figura mentale, per dieci volte ciascuna, con gli occhi chiusi,e di una frase finale,per tre volte, "Tutto è normale". Effetti automatici: Un'accelerazione graduale, un facilitarsi e un approfondirsi degli effetti così da permettere il raggiungimento dell'effetto totale grazie alla ripetizione di una frase, cinque volte, questa frase essendo: "entrambe le mie braccia sono pesanti come piombo" seguito dalla frase finale data sopra.

5 Frasi da utilizzare 5) Il mio braccio destro è pesante 4) il mio braccio destro è molto pesante 3) il mio braccio sinistro è pesante 2) il mio braccio sinistro è molto pesante 1) entrambe le mie braccia sono pesanti come piombo IMMAGINE MENTALE DA USARE A vostra scelta: potete immaginare i vostri muscoli come elastici sciolti,o come impiegati in sciopero, o qualsiasi altra cosa desideriate. BENEFICI Imparare una metodica di rilassamento è utile in molti momenti della vita. Ben utilizzata vi può permettere di recuperare energia e di recuperare una maggiore chiarezza mentale. LEZIONE N 2 Entriamo ad apprendere nuove tecniche di rilassamento. Data la caratteristica di questo come corso a distanza, pensiamo che coloro che aderiscono avranno background differenti. Il nostro approccio è quindi graduale e dolce, di modo da permettere a tutti di seguire questo cammino. Scopo di queste tecniche è essenzialmente acquisire uno stato di RECETTIVITA'; la recettività è una condizione mentale strettamente connessa col rilassamento e la concentrazione. Acquisita tale capacità passeremo ad imparare a colloquiare con noi stessi. Potete esercitarvi su di essa, oppure continuare anche nella giornata di oggi con l'esercizio di ieri. **************************************************** LA TECNICA DEL RICALCO E GUIDA PER ACQUISIRE UNO STATO DI MAGGIORE RECETTIVITA' Il concetto alla base di tale tecnica è realizzare una serie di affermazioni che ricalchino (= prendano atto) le nostre sensazioni ed accompagnarle con ulteriori affermazioni che guidino verso una maggiore sensibilità. Il risultato può essere molto più veloce della tecnica precedente : Invece di ripetere meccanicamente per dieci volte ciascuna le frasi dette sopra, potete CREARE delle frasi del tipo: mentre sento il peso del mio braccio sulla superficie sulla quale è posato (affermazione immediatamente verificabile), e sento le sue sensazioni (altra affermazione vera), posso rendermi conto che il mio braccio è pesante (stiamo suggerendo un nuovo concetto), sì, il mio braccio destro è pesante, è molto pesante, sempre più pesante, e posso fare sempre più attenzione al suo peso sulla superficie sulla quale è posato (affermazione verificabile), e rendermi conto che è molto pesante; e mentre sento la sensazione di pesantezza sul braccio destro, posso portare la mia attenzione sul peso del braccio sinistro etc. CONCLUDETE l'esercizio con la ripetizione della frase "ENTRAMBE LE MIE BRACCIA SONO PESANTI COME PIOMBO.

6 PROCEDURA 1) Ponetevi nella posizione corporea di vostra scelta 2) Chiudete gli occhi 3) Ditevi mentalmente le varie frasi 4) Alzatevi, stiratevi, e poi ripetete l'esercizio un'altra volta, e poi un'altra volta ancora. Quest'esercizio dura approssimativamente tre minuti: lo fate per tre volte, lasciando intercorrere un minuto circa tra ogni ripetizione. Durata totale: UNDICI minuti. Idealmente, dovreste farlo tre volte al giorno. Note Se siete particolarmente tesi e vi rendete conto di incontrare difficoltà nell'esecuzione di quest'esercizio, eseguite, prima di iniziare, l'operazione seguente: a) in piedi, lasciate penzolare le vostre braccia b) agitatele in varie direzioni per qualche secondo, lasciandole muovere come pesi morti; osservate ad esempio, come cambia la loro posizione quando girate il busto etc. c) rendetevi conto, che per lasciarle penzolare, avete dovuto rilassarle; riprendete allora l'esercizio nr. 1. QUANDO PASSARE AL PROSSIMO ESERCIZIO: Quando potete raggiungere l'immediato e totale rilassamento e sentire la pesantezza delle vostre braccia semplicemente ripetendo per cinque volte la frase: ENTRAMBE LE MIE BRACCIA SONO PESANTI COME PIOMBO, terminando poi con la frase "TUTTO E' NORMALE". Quando avete raggiunto quest'obiettivo, passate al prossimo esercizio. IMPORTANTE Non preoccupatevi di osservare e valutare gli effetti DURANTE gli esercizi, perchè avete altre cose da fare invece di osservare; osservate gli effetti DOPO gli esercizi. LEZIONE N 3 ESERCIZIO NR. 2 Scopo: immediato rilassamento delle gambe e dei muscoli vicini ripetendo per CINQUE volte la frase "ENTRAMBE LE MIE GAMBE SONO PESANTI COME PIOMBO". Il metodo e i riflessi utilizzati sono gli stessi utilizzati nell'esercizio nr. 1.La tecnica e le frasi sono identiche. Le cinque frasi sono le stesse ECCETTO per il fatto che, in ogni frase: LA PAROLA "BRACCIO" VIENE RIMPIAZZATA DALLA PAROLA GAMBA. L'immagine mentale dovrà essere simile e le seguenti frasi sono ripetute al solo scopo di rendere l'esercizio il più chiaro

7 possibile. 5) La mia gamba destra è pesante 4) La mia gamba destra è molto pesante 3) La mia gamba sinistra è pesante 2) La mia gamba sinistra è molto pesante 1) Entrambe le mie gambe sono pesanti come piombo Come nell'esercizio precedente, cominciate col mettervi nella posizione abituale e ripetete la stessa procedura per lo stesso periodo di tempo. Note Come per le braccia, potete lasciare penzolare prima una gamba e poi l'altra prima di iniziare l'esercizio, per sciogliere i muscoli. P.S. se già conoscete delle tecniche di rilassamento e distensione, potete esercitarvi anche con quelle. L'importante è che acquisiate dimestichezza con una dinamica che vi aiuti a recuperare energia e prendere maggiore contatto col vostro corpo. LEZIONE N 4 QUANDO PASSARE ALL'ESERCIZIO 3 Quando potete ottenere un immediato e totale rilassamento delle gambe semplicemente ripetendo per CINQUE volte la frase "ENTRAMBE LE MIE GAMBE SONO PESANTI COME PIOMBO". ESERCIZIO NR. 3 Scopo: Chiusura immediata e automatica degli occhi utilizzando la serie di cinque frasi date più sotto, e ripetendo ogni frase UNA sola volta. METODO. - Ripetizione meccanica delle cinque frasi, dieci volte ciascuna, avendo gli occhi aperti all'inizio, e di una frase finale, per tre volte,tutto E' NORMALE. EFFETTI AUTOMATICI: - la stessa accelerazione graduale del processo come negli esercizi precedenti, così da permettere l'ottenimento dell'effetto totale ripetendo ogni frase UNA volta. IMMAGINE MENTALE USATA Immaginate dei piccoli magneti posti sulle vostre palpebre che si attraggono sempre più fortemente, in base alla legge del quadrato della distanza, o qualsiasi altra immagine mentale a vostra scelta.

8 LE FRASI DA RIPETERE Le cinque frasi da utilizzare in successione, ripetendo ognuna di esse dieci volte sono: 5) Le mie palpebre sono pesanti 4) Le mie palpebre sono molto pesanti 3) Le mie palpebre sono pesanti come piombo 2) I miei occhi si stanno chiudendo 1) I miei occhi sono chiusi strettamente PROCEDURA A - Mettetevi nella vostra posizione abituale B - Ripetete mentalmente ogni frase dieci volte, mentre voi continuate a "immaginare" le calamite in funzione. C - Chiudete gli occhi (se voi avete immaginato le calamite si chiuderanno certamente) D - Ripetete la frase finale tre volte. E - Alzatevi, stiratevi, camminate e poi ripetete l'esercizio ancora due volte. LEZIONE N 5 Ogni esercizio di rilassamento ti aiuta a prendere più controllo su te stesso ed ad esplorare le tue reazioni. Riprendiamo il nostro corso. E' importante conoscere le proprie reazioni. Quanto tempo dedicate a capire come funziona la vostra auto, o il computer, od internet, e quanto tempo dedicate a capire come funzionate voi? In realtà quello che desiderereì, al di là della comprensione dei meccanismi autoipnotici, che pur col metodo progressivo utilizzato alcuni potranno forse capire solo con un corso dal vivo, è che voi prendiate maggiore coscienza di voi stessi e delle vostre reazioni. Aumentare il proprio livello di coscienza è la chiave principale dello sviluppo personale. *************************************************************** FINALITA' DELL'ESERCIZIO 4 Dal rilassamento allo sviluppo di una leggera trance ipnotica QUANDO PASSARE ALL'ESERCIZIO 4 Quando i vostri occhi si chiudono AUTOMATICAMENTE quando ripetete ogni frase UNA volta a voi stessi, MENTALMENTE. In ogni caso, procedete anche sela chiusura non è automatica ma semplicemente "permessa", questo infatti significa che almeno una parte della vostra mente collabora. ESERCIZIO NR. 4 Scopo: raggiungere uno stato di leggera trance ipnotica al numero VENTI.

9 Automatismi utilizzati : a) I precedenti esercizi; b) Associazione (naturale) della chiusura degli occhi col sonno, riportandovi ad un'immagine mentale dello stesso; c) Riflessi condizionati prodotti da quest'esercizio Frasi utilizzate - Per quest'ultimo esercizio di questa parte, lo studente CONTERA' ogni frase mentre la utilizza. Lo studente, dopo aver assunto la posizione per lui abituale, ripeterà : CINQUE VOLTE la frase finale dell'esercizio nr. 1 CINQUE VOLTE la frase finale dell'esercizio nr. 2 UNA VOLTA le frasi dell'esercizio nr. 3 CINQUE VOLTE la frase "Più pesante con ogni respiro" che lo studente penserà come il condensato della frase "IL MIO CORPO E' PIU' PESANTE CON OGNI RESPIRO". LA FRASE FINALE, come negli esercizi precedenti, sarà: TUTTO E' NORMALE, ripetuta tre volte. L'allievo farà precedere ogni frase dal conto progressivo di un numero. Per chiarezza, riportiamo qui sotto le frasi da pronunciare mentalmente: Venti - Entrambe le mie braccia sono pesanti come piombo. Diciannove - Entrambe le mie braccia sono pesanti come piombo. Diciotto - Entrambe le mie braccia sono pesanti come piombo. Diciassette - Entrambe le mie braccia sono pesanti come piombo. Sedici - Entrambe le mie braccia sono pesanti come piombo. Quindici - Entrambe le mie gambe sono pesanti come piombo. Quattordici - Entrambe le mie gambe sono pesanti come piombo. Tredici - Entrambe le mie gambe sono pesanti come piombo. Dodici - Entrambe le mie gambe sono pesanti come piombo. Undici - Entrambe le mie gambe sono pesanti come piombo. Dieci - Le mie palpebre sono pesanti Nove - Le mie palpebre sono molto pesanti Otto - Le mie palpebre sono pesanti come piombo Sette - I miei occhi si stanno chiudendo Sei - I miei occhi sono chiusi strettamente Cinque - Più pesante con ogni respiro Quattro - Più pesante con ogni respiro Tre - Più pesante con ogni respiro Due - Più pesante con ogni respiro Uno - Più pesante con ogni respiro NOTE SULLA PROCEDURA Sarà sufficiente ripetere quest'esercizio DUE volte per seduta. L'uso di una SVEGLIA potrà in certi casi essere utili per non addormentarsi.

10 La sveglia potrà essere posta su CINQUE MINUTI, così da abituare la mente a tale lasso di tempo, per gli scopi futuri. QUANDO PASSARE AGLI ESERCIZI SUCCESSIVI (PARTE 2) Puoi considerare di aver SUPERATO questo esercizio quando puoi ottenere gli stessi effetti SEMPLICEMENTE CONTANDO da uno a venti e POI, può passare agli esercizi successivi. LEZIONE N 6 ESERCIZIO NR.6 "Dormire" per cinque minuti: esercizio del pendolo. a) create nella vostra mente una MATRICE di quello che state per immaginare nei prossimi cinque minuti. Immaginerete, senza sforzarvi, nè affaticarvi, le seguenti immagini: Voi state osservando un pendolo, che batte avanti e indietro, e quando batte a destra significa PROFONDO e quando batte a sinistra significa SONNO. Il pendolo potrebbe essere anche un semplice oggetto attaccato ad un pezzo di corda, o potrebbe essere il pendolo di un orlogio, o il pendolo di un metronomo. Potete variare la velocità del pendolo, cercando di individuare la velocita' che la vostra mente subconscia preferisce, poichè quella sarà la velocita' più effettiva. Potete anche provare a sentire il suono del pendolo, sentendo come una voce che dice SONNO quando il pendolo batte a sinistra e PROFONDO quando batte a destra. Continuerete ad osservare il pendolo per cinque minuti, prendendo il tempo con una sveglia o col vostro orologio mentale, se già abbastanza bravo nel determinare il giusto tempo. b) contate da venti a uno come imparato nell'esercizio nr. 4 scendendo in uno stato di leggera trance. c) Immaginate il pendolo come sopra descritto. Nota: il semplice leggere le righe riportate più sopra, riflettendoci per qualche secondo costituisce un metodo semplice di creare la MATRICE di quello che voi immaginerete. Tempi: Quando volete potete passare direttamente all'esercizio successivo. IMPORTANTE Come già detto, non preoccupatevi della qualità della vostra immagine interiore: semplicemente immaginate.

11 LEZIONE N 7 Continuiamo il nostro percorso con l'esercizio 7! L'immaginazione è la chiave della mente; perchè infatti immaginiamo? Per creare futuri possibili. Ora state allenando, con questi esercizi, la vostra mente ad immaginare. Ognuno di questi esercizi migliorerà le vostre capacità. ESERCIZIO NR. 7 "Dormire" per cinque minuti: esercizio dell'amaca. a) create nella vostra mente una MATRICE di quello che state per immaginare nei prossimi cinque minuti. immaginerete, senza sforzarvi, nè affaticarvi, le seguenti immagini: Siete disteso su di un'amaca, in campagna in un luogo piacevole. C'è un sole meraviglioso, la temperatura è ideale e l'amaca è stesa fra due alberi. I rami degli alberi vi proteggono dal sole diretto, ma vi permettono comunque di vedere ed osservare delle nuvole bianche che si muovono lentamente nel cielo blu, semplicemente muovendosi e portando via tutte le preoccupazioni, i problemi, le tensioni, mentali o muscolari, e ogni tanto muovendosi formando l'immagine SONNO e poi scorrendo via, solo per essere sostituite da altre nuove nubi bianche. E' così bello essere, nell'immaginazione, in quest'amaca, che vi sentite scendere nel sonno (facsimile del sonno naturale) e voi potete quasi sentire il dondolio dell'amaca e quel dondolio dell'amaca vi fa ancora più profondamente addormentati finchè...i cinque minuti non sono passati. b) contate da venti a uno come imparato nell'esercizio nr. 4 scendendo in uno stato di leggera trance. c) Immaginate l'amaca e la situazione come sopra descritti. Nota: il semplice leggere le righe riportate più sopra, riflettendoci per qualche secondo, costituisce un metodo semplice di creare la MATRICE di quello che voi immaginerete. LEZIONE N 8 ESERCIZIO NR. 8 "dormirete" per cinque minuti, osservando le condizioni degli esercizi precedenti e cioè: a) matrice mentale b) contare da venti a uno c) immaginare per cinque minuti Per costruire la vostra MATRICE, userete questa volta parte delle immagini che avrete creato nei precedenti esercizi sei e sette immaginando la seguente situazione:

12 State ora guardando delle figurine. Tutte le figurine sono posate su di un tappeto sul quale c'è scritto SONNO: su queste figurine sono alcune delle immagini che avete visto negli esercizi precedenti. Ci sono figurine grosse, figurine piccole, figurine di varia forma e non dovete affaticarvi a prenderne delle altre da qualche altra parte poichè ce ne sono sempre delle nuove da guardare, e continuate ad osservarle finchè i cinque minuti non sono passati. LEZIONE N 9 ESERCIZIO NR. 9 "dormirete" per cinque minuti, osservando le condizioni precedenti: a) matrice mentale b) venti a uno c) immaginazione Immaginerete: Siete di fronte ad una lavagna; sulla lavagna, voi disegnate un circolo e, sopra (non dentro) voi scrivete la parola SONNO. All'interno del circolo disegnate la lettera A, riempiendo la maggior parte del circolo, e, poi, cancellate la lettera A facendo attenzione a non cancellare il circolo. Poi, disegnate la lettera B dentro al circolo, la cancellate nuovamente, e poi passate alla lettera C, e poi alla lettera D, e nella stessa maniera, fino ad arrivare alla Z, e tornando poi indietro fino alla A, finchè i cinque minuti non sono passati. LEZIONE N 10 ESERCIZIO NR. 10 Dopo aver eseguito ciascuno degli esercizi di questo capitolo, voi avrete naturalmente trovato un esercizio che vi piace di più, cioè un esercizio più gradito alla vostra mente subconscia. L'esercizio nr. 10 consiste nel visualizzare, per cinque minuti, quell'immagine scelta tra quelle precedentemente effettuate in questo capitolo che la vostra mente subconscia preferisce, come risulta dalla vostra valutazione conscia. L'esercizio nr. 10 consiste nel visualizzare per cinque minuti l'"immagine preferita", sempre eventualmente usando la sveglia. FASE II^ - SECONDA PARTE Possiamo ora passare agli esercizi della: FASE DUE DELLA SECONDA PARTE

13 - Costruzione di un orologio mentale per darvi il tempo dell'ipnosi - Ognuno degli esercizi di questa seconda parte ha la finalità di portare il senso individuale del tempo fino al punto nel quale, dopo un predeterminato numero di minuti, i vostri occhi si apriranno semplicemente, o voi sentirete il bisogno di riaprirli. Questo obiettivo è raggiunto attraverso una serie di esercizi che utilizzano l'immagine preferita e la sveglia per condizionare il senso del tempo della vostra mente subconscia. Ricordando che lo strumento che tiene il senso del tempo per voi è la mente subconscia e ricordando i principi dei riflessi condizionati, voi potrete facilmente apprezzare la maniera nella quale l'obiettivo è raggiunto. LEZIONE N 11 ESERCIZIO NR.11 Il seguente esercizio si basa sull'"immagine preferita". Cinque minuti di immagine preferita, calcolati con una sveglia, e poi, Quattro minuti di immagine preferita,calcolati con una sveglia, e poi, Tre minuti di immagine preferita, calcolati con una sveglia, e poi, due minuti di immagine preferita, calcolati con una sveglia, e poi, un minuto di immagine preferita, calcolati con una sveglia, Ovviamente, questo esercizio durerà approssimativamente quindici minuti. Ogni "ingresso" nell'immagine preferita sarà preceduto dal conteggio da venti ad uno. LEZIONE N 12 ESERCIZIO NR. 12 L'esercizio nr. 12 è identico all'esercizio nr. 11 eccetto per il fatto che NON UTILIZZERETE l'orologio. Nota. - nessuna preoccupazione deve nascervi se voi non siete ancora capaci di "dormire al secondo", se già ottenete il rilassamento, la pesantezza delle membra, e la sensazione dell'"approfondimento" sotto lo stimolo dell'immaginazione. Può darsi che dobbiate continuare ad utilizzare il vostro orologio per un po' di tempo, ma tranquillizzatevi pensando che, prima o poi, potrete farne a meno. All'inizio, il vostro senso del tempo potrà essere leggermente sbagliato, ma questo problema si risolverà da solo andando avanti. Continuate quindi coi prossimi esercizi. LEZIONE N 13 ESERCIZIO NR. 13 Approfondimento ed accelerazione dell'ipnosi.

14 Questo esercizio consisterà nel mettervi in ipnosi per varie lunghezze di tempo, misurate in minuti o in secondi. PENSATE SEMPRE PRIMA DI CONTARE DA VENTI A UNO: "Ora, dormirò per X minuti" cominciando POI a contare da venti a uno. Mentre praticate quest'esercizio, userete la seguente suggestione: OGNI VOLTA PIU' VELOCEMENTE E PIU' PROFONDAMENTE. Questo significa, naturalmente, che ogni volta che voi vi metterete a "dormire", i vostri occhi si chiuderanno più velocemente e voi "dormirete" più profondamente. Ora, questa suggestione OGNI VOLTA PIU' VELOCEMENTE E PIU' PROFONDAMENTE, voi potrete immaginare : o di scriverla su di una lavagna, o che si scriva da sola su di una lavagna, o che venga scritta su di un pezzo di carta, o che appaia sotto forma di un'insegna, o che sia scritta da un aeroplano che volteggia nel cielo, o che si ripeta da sola come un disco rotto, o che vi venga detta da qualcun altro, o qualsiasi altra maniera voi preferiate. Praticate questo esercizio per vari lassi di tempo, come già avete imparato. Provate a praticare delle auto-induzioni che durino anche poco, 10, 15, 20 secondi; utilizzerete tale abilità più avanti. Facciamo pausa ora per un giorno. PARTE III^ PARTE TERZA: DIVERTIRSI E RENDERSI COSCIENTE DELLO STATO DI TRANCE Scopo: i test e gli esercizi di questa parte hanno lo scopo di insegnare all'allievo come ottenere alcune semplici fenomenologie che, nel contempo, lo renderanno ancora maggiormente cosciente dello stato di trance ipnotica. Gli esercizi proposti nelle che seguono sono "calibrati" in maniera tale da permettere all'allievo di divertirsi eseguendoli. Gli esercizi che seguono comprendono delle suggestioni da eseguirsi durante lo stato ipnotico. I risultati potranno variare in velocità e completezza da un soggetto all'altro. All'allievo può bastare UNO dei seguenti test, per passare poi all'effettiva pratica di sviluppare le abilità che gli sono utili. ESERCIZIO NR. 15 -Anestesia ad una mano- Questo esercizio potrà durare dieci o quindici minuti. La procedura è simile a quella dell'esercizio precedente: Matrice: voi immaginate che, mentre siete in trance ipnotica, un dottore e un'infermiera debbano lavorare sulla vostra mano, iniettandoci, dal polso fino alla punta delle dita, un anestetico molto potente, oppure spruzzandola con un liquido che la raffredda molto velocemente, rendendola via via più insensibile. Voi sentite la mano divenire sempre più e insensibile. Voi potete immaginare di

15 udire il dottore che spiega come l'anestesia viene ottenuta e il suo progressivo aumentare. Il dottore vi dice anche che l'anestesia durerà finchè voi non ripeterete per tre volte "Tutto è normale". Nota Lasciate la frase "Tutto è normale" dopo magari una seconda o terza ripetizione dell'esercizio. Esercitatevi 2 giorni con quest'esercizio ESERCIZIO NR. 16 -mani calde- Durata: cinque o anche solo tre minuti. Durante questo esercizio potrete ripetervi la suggestione: LE MIE MANI SONO CALDE. Matrice: durante il periodo di "sonno", immaginerete di tenere le vostre mani di fronte alle fiamme di una stufa aperta, o sotto una lampada solare, o immerse nell'acqua calda o qualsiasi altra cosa vi venga facile immaginare. ESERCIZIO NR. 17 -fenomenologie varie- Matrice: a scelta, alcune di quelle riportate più sotto. Voi immaginerete, durante l'esercizio, di trovarvi in tale circostanza da provare le sensazioni corrispondenti ad una delle fenomenologie sotto riportate. SUGGESTIONI POSSIBILI A - I MIEI PIEDI SONO CALDI B - I MIEI PIEDI SONO FREDDI C - LE MIE MANI SONO FREDDE D - IL MIO PLESSO SOLARE E' CALDO E - IO ODORO DELLE ROSE...o altri fiori Provate un esercizio al giorno per tre giorni ESERCIZIO NR. 18 FANTASIA Quest'esercizio consiste nel trasformare in immagini la musica che ascoltate da un registratore acceso mentre siete nel "sonno". Se voi visualizzate male, questo esercizio tenderà a migliorare la qualità delle vostre immagini. Se proprio non riuscite a visualizzare potrete trovare più oltre degli esercizi più adatti a voi NOTA: E' sufficiente eseguire qualcuno degli esercizi indicati in questo capitolo; gli esercizi Quattordici e Quindici sono già ampiamente sufficienti, mentre il resto lo potete considerare come FACOLTATIVO.

16 PARTE IV^ PARTE QUARTA - EFFETTI POST-IPNOTICI Le suggestioni post-ipnotiche Per definizione una suggestione post-ipnotica è una suggestione che entra in funzione DOPO che il periodo di trance è finito. Tipi di suggestioni post-ipnotiche: Le suggestioni post-ipnotiche possono essere: A) Collegate o non collegate ad un segnale. B) Limitate nel tempo o continue. Suggestioni collegate ad un segnale - una suggestione post-ipnotica è collegata ad un segnale quando l'effetto suggerito durante il periodo ipnotico deve essere eseguito dopo l'emissione di un determinato segnale: parola, frase, gesto, posto prestabilito o ora del giorno, etc. Le suggestioni collegate ad un segnale sono del tipo: QUANDO X ALLORA Y "Ogni volta che estrarrai il pacchetto di sigarette..." "Ogni volta che io dico "Dormi" tu entri istantaneamente in un profondo sonno ipnotico." Suggestioni limitate nel tempo: "Tu non sentirai più nessun dolore al dente, fino alle dieci di lunedì prossimo, quando entrerai dal dentista..." Suggestioni non limitate nel tempo: "D'ora in poi, incomincerai a notare che sei sempre più tranquillo di fronte alle irritazioni della vita..." Come creare delle suggestioni post-ipnotiche con l'autoipnosi. Non è necessario che parliate: basta che immaginiate. Qui di seguito, descriviamo quattro tecniche per dare a sè stessi delle suggestioni postipnotiche. A - Il metodo della Matrice B - Il metodo del foglio di carta piegato C - la tecnica V-C-U D - la tecnica del registratore Metodo A: il metodo della Matrice Supponiamo che vogliamo trasformare in una suggestione post-ipnotica la seguente suggestione: "Sento l'odore di una rosa" (esercizio 17, caso E) ESERCIZIO NR. 19 -metodo A- "dormirete" per cinque minuti.

17 a) contate da venti a uno b) immaginate, durante queste cinque minuti di trance, in ogni circostanza, e SENZA l'effettivo stimolo di una rosa, di sentire il profumo delle rose in ogni circostanza nella quale, nello stato normale di coscienza, dite a voi stessi "fammi odorare una rosa". Immaginerete di essere sul bus, dare questo comando, e sentire l'odore di una rosa, di essere per la strada, dare questo comando e sentire l'odore di una rosa etc. c) uscite dallo stato di trance e esaminate l'efficacia della vostra suggestione post-ipnotica Se l'effetto non è anciora sufficiente, o non è come lo volete, potete: 1) ripetere l'esercizio 19 2) ripetere l'esercizio 17, test E e riprovare 3) parlare all'"inconscio" Parlare all'inconscio Parlare all'inconscio è una procedura molto interessante che può aumentare o migliorare le risposte della vostra mente subconscia. Consiste nel parlare all'inconscio come ad una persona, col seguente tipo di discorso: "Inconscio: qundo ti chiedo di farmi odorare una rosa intendo dire che tu mi devi REALMENTE far odorare una rosa, chiaro, inconscio?" E, alla prova successiva, la vostra mente subconscia vi potrà dare dei risultati ancora migliori. Ci possiamo esercitare per due giorni su questa tecnica METODO C per la creazione di suggestioni post-ipnotiche La tecnica V-C-U Questa è una tra le tecniche più efficienti e si compone di tre fasi: 1) voi vivete la sensazione in trance ipnotica 2) la collegate in trance ipnotica 3) la testate successivamente La maniera più efficace di applicare questa tecnica è di ripeterla fino al raggiungimento dell'obiettivo prefissato, se necessario anche per parecchio tempo.supponiamo di voler utilizzare tale tecnica di suggestione postipnotica per il seguente scopo: SENTIRE IL PROFUMO DI UNA BISTECCA A VOLONTA'. Fase 1 - lo vivete in ipnosi. - Vi mettete a "dormire" per cinque minuti DOPO aver costruito la seguente matrice da "vivere" nel vostro "sonno". Vi ricordate l'ultima volta che avete assaporato veramente una bistecca. Voi sentite nuovamente l'odore di quella bistecca, e di tutte le altre bistecche che avete assaporato nel passato. Voi immaginate di sentire tale odore nelle narici della vostra mente: dopo che avete ricatturato tale odore, passate alla fase 2 Fase 2 - Lo collegate in ipnosi - Ancora una volta, vi mettete a "dormire" per cinque minuti dopo aver costruito la seguente matrice da "vivere" nel vostro sonno: vedete voi stessi, in svariate circostanze, usare la parola chiave "Fammi sentire il profumo di una bistecca" e lo sentite. Fase 3 - Lo usate - provate ed esaminate il risultato del vostro lavoro e, se necessario: a) ripetete l'intero procedimento b) parlate all'inconscio

18 METODO D -metodo dell'audiocassetta- Il metodo consiste semplicemente nel dettare la suggestione desiderata su di un'audiocassetta e poi ascoltare l'audiocassetta mentre siete in "trance" ipnotica. Non è così efficiente come il metodo C ma può ottenere grandi risultati in persone con difficoltà di visualizzazione. ESEMPIO DEL METODO DELL'AUDIOCASSETTA NEL CASO DI UNO STUDENTE MIGLIORARE LA VOSTRA "PEGGIORE MATERIA" Per scopo didattico, immaginiamo che voi siate uno studente che si rivolge ad un ipnotista, con lo scopo dichiarato di migliorare la sua "peggiore materia". L'ipnotista dapprima vi ipnotizzerebbe, e poi, dopo essersi reso sicuro che voi rispondiate alle suggestioni post-ipnotiche, potrebbe affrontare il problema dandovi delle suggestioni del tipo: Ora, noi vogliamo dare alla mente subconscia un'informazione molto interessante riguardo alla tua peggiore materia che è X. Ogni scienza, ogni argomento era una volta la tua peggiore materia poichè, in un momento o in un altro della tua vita, non conoscevi niente al riguardo. Poi, incominciasti ad imparare, e la maniera nella quale il tuo professore ti si è presentato, o forse la sua personalità, ha fatto sì che tu incominciassi ad essere interessato all'argomento trovando che quell'argomento era interessante per te e quest'interesse, di per sè stesso, ti ha aiutato ad acquisire sempre maggiore abilità al riguardo. Ora, al riguardo di questo argomento X, può darsi che il fastidio e la riluttanza che tu provi sia in qualche maniera associata con qualcuno o qualcosa. Può darsi che il primo insegnante che ti ha propsto tale argomento mancasse della necessaria esperienza pedagogica o forse della conoscenza appropriata dell'argomento. Può darsi che la sua personalità fosse difficile da sopportare o negativa. Può darsi che la tua attitudine negativa riguardo all'argomento X nasca da altre fonti, da parole sentite nella tua famiglia, nella tua scuola o da altre parti. Può darsi che il tuo primo non riuscire fosse dovuto alla tua mancanza di interesse riguardo al soggetto o ad altre varie circostanze. Indipendentemente da quelle che sono le associazioni mentali che ti hanno condotto all'attuale attitudine negativa riguardo a quest'argomento, c'è forse una ragione per accettare la loro influenza nella tua vita? Ora, diventa facile per te pensare: " Se potessi sviluppare interesse nell'argomento X, migliorerei certamente i miei risultati. " Ora, c'è una ragione molto importante perchè aumenti il tuo interesse in tale materia: è parte dell'intero quadro del tuo successo scolastico, e, per questa ragione, tu ne sei veramente interessato. E quest'importanza e quest'interesse per questa materia ora divengono più forti e più forti, più forti di ogni associazione negativa. Dopo tutto, alcune persone che conosci ottengono eccellenti risultati, e ci deve essere qualche ragione per questo. Io voglio migliorare, tu ti ripeti,e io qui ed ora decido si scoprire cosa è che desta il loro interesse nella materia X. Forse glielo potrai domandare, forse potrai passare qualche minuto a chiedertelo da solo, giornalmente. Tu puoi usare tutti o alcuni dei momenti vuoti del giorno per ripassare l'argomento, puoi ricapitolare ciò che tu già conosci riguardo all'argomento così da lanciarti in un nuovo inizio. Forse puoi comperare appunti, libri sull'argomento, e usarli. Mentre diventi, con ogni giorno che passa, più interessato nell'argomento X, tu trovi che sta diventando sempre più facile per te studiarlo. Mentre diventa più facile, lo apprezzi ancora maggiormente e diviene ancora più facile.

19 Ora ti vedi raggiungere dei migliori risultati. Vedi te stesso che poni maggiore attenzione in classe e ne trai maggiore profitto. E' un dato di fatto che tu ORA ti vedi via via più interessato all'argomento X, e ti vedi ottenere maggiori e migliori risultati. E, quando conterò fino a tre, tu vedrai te stesso, nella tua mente, fare proprio questo: raggiungere, alla fine del mese, un risultato più alto in questo argomento X Ora che abbiamo spiegato i quattro metodi di suggestione postipnotica interrompiamo qui il nostro corso on-line. Grazie per aver seguito le lezioni del nostro corso di autoipnosi on-line.

L ipnosi come comunicazione

L ipnosi come comunicazione 1 Corso di Ipnosi Online - Lezione 2 L ipnosi come comunicazione La cosa più giusta che possiamo dire è che l'ipnosi è comunicazione, e che la comunicazione è ipnosi. La misura della comunicazione è l'effetto

Dettagli

AUTO-IPNOSI. Siamo quello che siamo e dove siamo perché prima lo abbiamo immaginato. (Donald Curtis) AUTO-IPNOSI

AUTO-IPNOSI. Siamo quello che siamo e dove siamo perché prima lo abbiamo immaginato. (Donald Curtis) AUTO-IPNOSI AUTO-IPNOSI Siamo quello che siamo e dove siamo perché prima lo abbiamo immaginato. (Donald Curtis) AUTO-IPNOSI E una tecnica terapeutica molto efficace, può essere applicata per risolvere alcuni disturbi

Dettagli

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO 1 IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO Nonostante il progresso della conoscenza e delle tecnologie sappiamo ancora molto poco sul funzionamento del nostro cervello e sulle sue possibilità tanto che, fra gli

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Training autogeno. Approccio occidentale. Approccio orientale Arti marziali. Il Benessere Nelle Organizzazioni Tecniche di rilassamento

Training autogeno. Approccio occidentale. Approccio orientale Arti marziali. Il Benessere Nelle Organizzazioni Tecniche di rilassamento Approccio occidentale Training autogeno Ipnosi Approccio orientale Meditazione guidata Arti marziali 1 Il training Autogeno IlTraining Autogeno è un metodo pratico che agisce sull unità psico somatica

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 La pedagogia dell attenzione da applicare con gli alunni in classe: L OSSERVARE e L ASCOLTARE con intenzionalità rappresentano

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

L'osservazione dell'ambiente classe, delle dinamiche relazionali che in esso si sviluppano e dei processi di apprendimento che vi si attivano.

L'osservazione dell'ambiente classe, delle dinamiche relazionali che in esso si sviluppano e dei processi di apprendimento che vi si attivano. Università degli Studi di Udine Scuola di Specializzazione per l insegnamento nella Scuola Secondaria Sede di Udine via Petracco, 8, 33100 Udine tel. **39 432 556398/0 fax ** 432 556391 TITOLO: Osservazione

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli Ci sono due cose durature che possiamo lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali - W. Hodding Carter II

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA A cura del 1 LA MATEMATICA: perché studiarla??? La matematica non è una disciplina fine a se stessa poichè fornisce strumenti importanti e utili in molti settori della

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri

Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri 26/3/2015 Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri È un dato di fatto: rispettare il prossimo e fare azioni positive nei confronti degli

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

Sommario. CAPITOLO 1 7 Per sciogliere tensioni, ansia e stress. CAPITOLO 2 37 Tecniche e metodi di rilassamento

Sommario. CAPITOLO 1 7 Per sciogliere tensioni, ansia e stress. CAPITOLO 2 37 Tecniche e metodi di rilassamento Sommario CAPITOLO 1 7 Per sciogliere tensioni, ansia e stress CAPITOLO 2 37 Tecniche e metodi di rilassamento CAPITOLO 3 75 I segreti per rilassarsi in casa CAPITOLO 4 115 Per allentare la tensione sul

Dettagli

Tutti i Diritti Riservati Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook www.subliminali.it

Tutti i Diritti Riservati Vietata qualsiasi duplicazione del presente ebook www.subliminali.it Tutti i diritti riservati Tutti i contenuti presenti in questo libro, incluse le immagini, sono protetti dalle leggi sul Copyright. Attenzione Questo Ebook contiene i dati criptati al fine di un riconoscimento

Dettagli

Sequenza Disintossicante

Sequenza Disintossicante Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga HTTP://WWW.LEVIEDELDHARMA.IT 1 Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga Detoxification Sequenza

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Preparare una maratona

Preparare una maratona Marcelloni Paolo Sezione Amatori Preparare una maratona Programma di allenamento per arrivare preparati all impegno, concluderlo - riuscendo a fornire la massima prestazione personale - e alla sera arrivare

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Raccontimmagini - Guida didattica

Raccontimmagini - Guida didattica Raccontimmagini. Che cosa sono? Sono 10 racconti brevi indirizzati a bambini stranieri o italiani. Ogni libro presenta due storie accomunate da un affinità tematica, seguite da una sezione di esercizi

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Come io preparo le punte da danza by Monica MicioGatta fabuland@gmail.com

Come io preparo le punte da danza by Monica MicioGatta fabuland@gmail.com Come io preparo le punte da danza by Monica MicioGatta fabuland@gmail.com In rete ci sono alcuni tutorial su come preparare le punte, ma niente di davvero specifico. Ho deciso di creare questo tutorial

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni

10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni 28 10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni Muoversi di più Chi lavora abitualmente al videoterminale deve approfittare di qualsiasi occasione per muoversi e cambiare la posizione

Dettagli

I PROGRAMMI PROPOSTI POSSONO CAUSARE DANNI ALL'ORGANISMO, L'AUTORE DECLINA OGNI RESPONSABILITA'

I PROGRAMMI PROPOSTI POSSONO CAUSARE DANNI ALL'ORGANISMO, L'AUTORE DECLINA OGNI RESPONSABILITA' INTRODUZIONE Lo scopo di questo scritto è quello di dare qualche suggerimento alle persone che da poco si sono avvicinate al mondo dell'arrampicata, e di dare idee per gli esercizi indoor o in per la falesia

Dettagli

Strade del coraggio AGESCI Percorsi di ricerca partecipata Istruzioni e consigli per la conduzione di un laboratorio di racconto e confronto.

Strade del coraggio AGESCI Percorsi di ricerca partecipata Istruzioni e consigli per la conduzione di un laboratorio di racconto e confronto. Strade del coraggio AGESCI Percorsi di ricerca partecipata Istruzioni e consigli per la conduzione di un laboratorio di racconto e confronto. 0/Premessa Questo documento contiene una serie di indicazioni

Dettagli

PAROLE E FRASI EVOCATIVE

PAROLE E FRASI EVOCATIVE Continuiamo con il nostro viaggio nella comunicazione che ipnotizza ed attrae. Quante volte magari vi siete soffermati a d ascoltare qualcuno che parlava perché diceva qualcosa di interessante? E quante

Dettagli

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL DEFINIZIONE DI PNL Programmazione: Neuro: L abilità di scoprire e utilizzare i programmi che facciamo funzionare (la comunicazione con noi e con gli altri) nel nostro sistema neurologico per ottenere obiettivi

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Trascrizione completa della lezione Lezione 002

Trascrizione completa della lezione Lezione 002 Trascrizione completa della lezione Lezione 002 Adam: Salve, il mio nome e Adam Kirin: E io sono Kirin. Adam: e noi siano contenti che vi siete sintonizzati su ChineseLearnOnline.com dove noi speriamo

Dettagli

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva Le tappe del pensiero Nel corso del primo anno: segue con lo sguardo gli oggetti in movimento; distingue i volti

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Comunicazione efficace: come imparare a comunicare al meglio in ogni occasione

Comunicazione efficace: come imparare a comunicare al meglio in ogni occasione 1 CORSI PER FACILITATORI 2014 DISPENSA N. 1 Carlo Di Marco Comunicazione efficace: come imparare a comunicare al meglio in ogni occasione Non importa se sei uomo o donna e nemmeno la tua età. Non ha importanza

Dettagli

COME GESTIRE LO STRESS

COME GESTIRE LO STRESS COME GESTIRE LO STRESS Una domanda che spesso viene posta dagli arbitri è: Come faccio dopo un momento di difficoltà a ridurre lo stress di quel momento e a ritrovare la concentrazione necessaria a continuare

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

Desidero solo spiegarti una tecnica semplice e naturale che ho usato con soddisfazione (finora circa 1 cm in un mese e mezzo).

Desidero solo spiegarti una tecnica semplice e naturale che ho usato con soddisfazione (finora circa 1 cm in un mese e mezzo). ALLUNGAMENTO DEL PENE Nota importante: non sono un medico nè un esperto di queste problematiche pertanto non ponetemi domande scientifiche, sono solo un uomo che, avendo il problema (o è solo un complesso?...mah..)

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Visualizza la tua strada verso il successo!

Visualizza la tua strada verso il successo! Visualizza la tua strada verso il successo! Hai mai voluto qualcosa così intensamente,ma per qualche ragione,non l hai ottenuta? Succede a molte persone. Qualche volta sembra che, indipendentemente da

Dettagli

Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative

Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative Cos è secondo voi una emozione? Quali sono secondo voi le emozioni positive maggiormente legato allo studio? E quelle negative? Le emozioni negative possono cambiare? Emozioni= stati mentali e fisiologici

Dettagli

CHIAVI DEGLI ESERCIZI

CHIAVI DEGLI ESERCIZI Lycée Blaise-Cendrars/ sr + cr Febbraio 2012 Unità 1 : 1. Completa con il verbo essere. 2. sono 3. Siamo 4. Siete 5. Sei 6. Sono CHIAVI DEGLI ESERCIZI 2. Metti le frasi dell esercizio 1 alla forma negativa.

Dettagli

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE Senza cambiare benzinaio, percorsi o abitudini di spostamento. Premetto che scrivo questo e-book perché ho sperimentato personalmente tutto ciò che andrò

Dettagli

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA Pasquale Gallina Dottore in Fisioterapista Master in Riabilitazione dei Disordini MuscoloScheletrici OMT Orthopedic Manipulative Therapist LE FASI DELL ETÀ EVOLUTIVA

Dettagli

Che tu creda di farcela o di non farcela avrai comunque ragione" Henry Ford

Che tu creda di farcela o di non farcela avrai comunque ragione Henry Ford Che tu creda di farcela o di non farcela avrai comunque ragione" Henry Ford La mente e lo sport : energia esplosiva da cercare dentro di sè Campioni della mente La mia mente è la più grande arma che ho

Dettagli

Tecniche di emergenza contro attacchi di panico e forte ansia www.zeroansia.it

Tecniche di emergenza contro attacchi di panico e forte ansia www.zeroansia.it Tecniche di emergenza contro attacchi di panico e forte ansia www.zeroansia.it L'ansietà è un sottile rivolo di paura che si insinua nella mente. Se incoraggiata, scava un canale nel quale tutti gli altri

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento

Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento Giuseppe BOSETTI Relazione al Corso di aggiornamento per allenatori di 1 grado e allievi allenatori CP Fipav Varese -

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

Training autogeno. G. Larghi 2

Training autogeno. G. Larghi 2 TRAINING AUTOGENO Una piacevole tecnica di autorilassamento per recuperare in modo immediato uno stato di completo benessere fisico e mentale. G. Larghi 1 Training autogeno È un metodo di autodistensione

Dettagli

RAWN'S SELF-HEALING ARCHAEOUS Trascrizione Audio 2003 di Rawn Clark. ~ Lezione Quattro ~ Separazione Passiva e Rilassamento del Corpo Astro-Mentale

RAWN'S SELF-HEALING ARCHAEOUS Trascrizione Audio 2003 di Rawn Clark. ~ Lezione Quattro ~ Separazione Passiva e Rilassamento del Corpo Astro-Mentale RAWN'S SELF-HEALING ARCHAEOUS Trascrizione Audio 2003 di Rawn Clark ~ Lezione Quattro ~ Separazione Passiva e Rilassamento del Corpo Astro-Mentale Introduzione Ciao, sono Rawn Clark e ti guido nella Quarta

Dettagli

Le attività Fragile (l ombra che resta)

Le attività Fragile (l ombra che resta) Introduzione all uso (per gli studenti) Cari studenti e studentesse di italiano, questo Cdlibro è uno strumento con il quale speriamo di farvi apprezzare lo studio della lingua, di aspetti della cultura

Dettagli

LEZIONE II. Rapport attraverso il modellamento, il ricalco e la guida. La comunicazione l intelligenza si misura dalla capacità di comunicare

LEZIONE II. Rapport attraverso il modellamento, il ricalco e la guida. La comunicazione l intelligenza si misura dalla capacità di comunicare LEZIONE II Rapport attraverso il modellamento, il ricalco e la guida La comunicazione l intelligenza si misura dalla capacità di comunicare Alla base di una relazione interpersonale, essenzialmente, c'è

Dettagli

Difficoltà di linguaggio o di comunicazione?

Difficoltà di linguaggio o di comunicazione? Dott.ssa Mariangela Varotto Logopedista Ass. La Nostra Famiglia IRCCS E.Medea Conegliano, TV Difficoltà di linguaggio o di comunicazione? La balbuzie in età evolutiva: quali possibili conseguenze nei principali

Dettagli

SCHEDA TUTORIALE TEMA: PRENDERE APPUNTI IN CLASSE

SCHEDA TUTORIALE TEMA: PRENDERE APPUNTI IN CLASSE SCHEDA TUTORIALE TEMA: PRENDERE APPUNTI IN CLASSE GIUSTIFICAZIONE: Una maniera pratica ed efficace di mantenere l'attenzione in classe mentre il professore spiega è il prendere appunti. Prendere appunti

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

Tutorial Creative Commons

Tutorial Creative Commons Tutorial Creative Commons Fare musica è molto divertente, ma lo è ancora di più se potete farlo con altre persone - ed è qui che interviene il progetto OpenSounds. OpenSounds vi consente di produrre musica

Dettagli

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani. Dottor Giuseppe Internullo Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Chirurgia della Mano e Microchirurgia Ortopedica Università di Modena. Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

2. Orsoroberto I bambini ricevono la scheda numero 1, colorano l Orsoroberto e rispondono alla domanda: Come ti chiami? scrivendo il loro nome.

2. Orsoroberto I bambini ricevono la scheda numero 1, colorano l Orsoroberto e rispondono alla domanda: Come ti chiami? scrivendo il loro nome. Unità I L identità personale Contenuti - Salutarsi - Presentarsi - Parlare di sé - Famiglia - Numeri Attività Un pupazzo di nome Roberto aiuterà i bambini ad imparare l italiano, e diventerà presto la

Dettagli

COME CALCOLARE LE CALORIE

COME CALCOLARE LE CALORIE Vol.2 COME CALCOLARE LE CALORIE PER DIMAGRIRE Guida per calcolare le calorie e dimagrire Consigli per dimagrire contando le calorie! Esistono tanti modi differenti per perdere peso e dimagrire in modo

Dettagli

L educazione del cucciolo

L educazione del cucciolo L educazione del cucciolo Quando portiamo a casa un cucciolo (l età ideale è 2 mesi) dobbiamo, ), ovviamente, occuparci della sua educazione. Ciò non significa solamente insegnargli a non sporcare in casa

Dettagli

Christallin Connection Christallin Methode - Livello 1 Germania

Christallin Connection Christallin Methode - Livello 1 Germania Christallin Connection Christallin Methode - Livello 1 Germania Trainer: Roy Martina Be the Best you can Be Auto-Guarigione, Auto-Realizzazione & Spiritualità, tutto in un unica Soluzione Entra in contatto

Dettagli

CAROTINO. Per favorire l apprendimento e la formulazione delle frasi di denominazione e nucleari

CAROTINO. Per favorire l apprendimento e la formulazione delle frasi di denominazione e nucleari CAROTINO Per favorire l apprendimento e la formulazione delle frasi di denominazione e nucleari Collana di programmi educativi su personal computer per facilitare l'apprendimento AZIENDA U.S.L. CITTA DI

Dettagli

INDICE. La LESSON Pag.10 Il Digital Book Pag.11 la FOCUS La REVISION Pag.12 Il CHECKPOINT Pag.13 Suggerimenti pratici

INDICE. La LESSON Pag.10 Il Digital Book Pag.11 la FOCUS La REVISION Pag.12 Il CHECKPOINT Pag.13 Suggerimenti pratici INDICE Pag.2 Pag.3 Pag.4 Pag.5 Pag.7 Pag.8 Pag.9 Requisiti tecnici per il portale studenti Il primo accesso al sito students.myes.it Il menu principale La scheda dello studente Come cambiare la password

Dettagli

- training autogeno -

- training autogeno - Rilassamento - training autogeno - Spesso lo stress e le tensioni che vengono accumulate quotidianamente finiscono con l'esplodere nei momenti meno opportuni, compromettendoli. Queste esplosioni, che nella

Dettagli

Relatori : Bragazzi Rossella Colardo Elsa

Relatori : Bragazzi Rossella Colardo Elsa Corso di Formazione ATTIVITA INTERDISCIPLINARI con particolare riferimento alla lingua italiana e alla matematica Relatori : Bragazzi Rossella Colardo Elsa Unità di lavoro del Progetto Bambini maestri

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

L uso delle mani e del corpo

L uso delle mani e del corpo PARTE SECONDA 77 78 1 L uso delle mani e del corpo Il contatto: massimo Il contatto delle mani e, quando possibile, delle avambraccia sul corpo, deve essere pieno e senza interruzioni. Durante il massaggio

Dettagli

Il processo della salute

Il processo della salute Louise L. Hay Il processo della salute Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Michele Ulisse Lipparini, Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 Guarisco

Dettagli

E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO

E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO USO DEL MANUALE "SCRIVERE CON DIECI DITA" E DEL PROGRAMMA TUTOREDATTILO PRO PRIME LEZIONI Senza alcuna pretesa di volersi sostituire all abilità di ogni insegnante nel presentare l approccio alla scrittura

Dettagli

LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO

LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO ESERCIZI FASE DELL ATTENZIONE Il cliente sarà coinvolto nel processo di auto se prestiamo attenzione Es.1: prestare

Dettagli

TUO FIGLIO E DIPENDENTE DALLE TECNOLOGIE? Test per bambini dai 7 ai 10 anni

TUO FIGLIO E DIPENDENTE DALLE TECNOLOGIE? Test per bambini dai 7 ai 10 anni TUO FIGLIO E DIPENDENTE DALLE TECNOLOGIE? Test per bambini dai 7 ai 10 anni 1) Vostro figlio preferisce dedicarsi ad attività online oppure all utilizzo del computer e videogiochi, piuttosto che dedicarsi

Dettagli

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9 1.Introduzione... 2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8 4.Conclusione... 9 Elisa Boffi 2009/2010 Opzione Storia 2 1) Introduzione In questo lavoro parlerò del mio sport, il nuoto sincronizzato.

Dettagli

FIBS I MANUALI DEL CNT ALLENARE IL BRACCIO DEL LANCIATORE

FIBS I MANUALI DEL CNT ALLENARE IL BRACCIO DEL LANCIATORE FIBS I MANUALI DEL CNT Tratto da The Pitching Edge di Tom House Tom House BASEBALL FIBS-CNT 1 L Allenamento con i Pesi per i Lanciatori non è Body Building L obiettivo è ottenere una forza bilanciata e

Dettagli

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali 1 URHM UNIVERSITY BUSINESS SCHOOL GENERL ENTERPRICING TENENCY (GET) TEST 2 INTROUZIONE Il Test è stato progettato per cogliere insieme e misurare un numero

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Il mago delle presentazioni: PowerPoint

Il mago delle presentazioni: PowerPoint Informatica 2 livello/2ªb 21-02-2006 10:46 Pagina 48 Il mago delle presentazioni: è un programma di Microsoft che ti permette di creare presentazioni multimediali per mostrare, a chi vuoi, un tuo lavoro,

Dettagli