CENTRO RICERCHE FIAT CONSORZIO MEDIS POLITECNICO DI BARI UNIVERSITA DI BARI ALLEGATO: PROGETTO DI FORMAZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CENTRO RICERCHE FIAT CONSORZIO MEDIS POLITECNICO DI BARI UNIVERSITA DI BARI ALLEGATO: PROGETTO DI FORMAZIONE"

Transcript

1 CENTRO RICERCHE FIAT CONSORZIO MEDIS POLITECNICO DI BARI UNIVERSITA DI BARI ALLEGATO: PROGETTO DI FORMAZIONE 1

2 1) DATI SALIENTI SUL PROGETTO Prima parte - Proposta di capitolato tecnico Titolo o QUALIFICAZIONE AVANZATA DI N 8 LAUREATI E 12 DIPLOMATI IN MATERIE SCIENTIFICHE PER LO SVILUPPO, PROGETTAZIONE E SPERIMENTAZIONE DI COMPONENTI MECCATRONICI NEI SETTORI AUTOMOTIVE E MEZZI DI PRODUZIONE. o Titolo del progetto in lingua inglese: Advanced qualification of 8 researchers (graduate) and 12 technicians (undergraduate) specialised in engineering and testing of mechatronic components and systems in automotive and manufacturing equipments. o Soggetti proponenti: CENTRO RICERCHE FIAT, CONSORZIO MEDIS, POLITECNICO DI BARI, UNIVERSITÀ DI BARI. o o Sintesi del progetto di formazione: Il tasso di competizione sempre più elevato e la necessità di saper rispondere velocemente ai cambiamenti imposti dal mercato nel comparto automotive e in particolare in quello della meccatronica, obbligano le imprese che vi operano a dotarsi di figure professionali di prim ordine, che devono possedere conoscenze di base ottime oltre ad eccellenti conoscenze nelle materie specialistiche. Scopo del presento progetto formativo è, quindi, quelle di colmare le lacune formative tra istruzione scolastica e preparazione richiesta dalle imprese che operano sui mercati globali. Il Programma di Formazione è finalizzato allo sviluppo di Laureati (Ricercatori Qualificati - Obiettivo n. 1) e Diplomati (Ricercatori Obiettivo n. 2), nel settore della Ricerca Applicata. La scelta di non limitare la formazione ai soli laureati ma estendere il progetto formativo anche a tecnici diplomati rientra nel disegno di soddisfare i fabbisogni delle aziende, in particolare delle PMI, che oltre a ricercatori laureati, in grado di trasformare un idea in progetto ed in prototipo, spesso necessitano di tecnici capaci di operare efficacemente nella sperimentazione e nella realizzazione di componenti innovativi. Sintesi del progetto di formazione in lingua inglese (max carattere): The increasingly high rate of competition and the need to be able to respond quickly to changes required by the market in the automotive sector and particularly in the area of mechatronics, require the active companies to acquire professional experience who must have excellent basic knowledge as well as excellent specialized knowledge in subjects. The purpose of this training project is therefore to bridge the gap between school education and knowledge required by enterprises operating in global markets. The aim of this program is to train graduates (skilled researchers - Objective 1) and undergraduates (Researchers - Objective 2) in the field of applied research. The choice to extend the training project to technical undergraduates meet the needs of businesses, particularly SMEs, which in addition to graduate researchers, often require technicians to operate effectively in testing and implementation of innovative components. 2

3 Obiettivi Il Programma di Formazione è finalizzato allo sviluppo delle seguenti figure professionali nel settore della Ricerca Applicata: o Ricercatore altamente qualificato (Laureati - Obiettivo n. 1) o Ricercatore (Diplomati Obiettivo n. 2) o Ricercatore altamente qualificato (Laureati - Obiettivo n. 1) N di unità di personale da formare: 8 Questa figura professionale, al termine del percorso formativo, avrà conoscenze specialistiche nel campo dello sviluppo, progettazione, sperimentazione e validazione di componenti con specifiche avanzate nei settori automotive e mezzi robotizzati di produzione, con la capacità di programmazione, gestione, valutazione e organizzazione di progetti di ricerca applicata, in grado di operare con sufficiente autonomia, sulla base dell esperienza acquisita in ambito tecnologico e scientifico. o Ricercatore (Diplomati Obiettivo n. 2) N di unità di personale da formare: 12 Questa figura professionale, al termine del percorso formativo, avrà conoscenze specialistiche nel campo della progettazione, prototipazione e sperimentazione di componenti con specifiche avanzate nei settori automotive e mezzi robotizzati di produzione, in grado di operare con sufficiente autonomia sulla base dell esperienza acquisita in ambito tecnologico e scientifico. Modalità di selezione o reclutamento dei partecipanti Obiettivo n. 1 I formandi da avviare all iter formativo saranno otto laureati, di età inferiore a 32 anni, con laurea in Ingegneria Meccanica / Elettronica / Materiali / Informatica, o in Fisica, non titolari di alcuna forma di rapporto di lavoro. I candidati saranno individuati attraverso bando di concorso per l assegnazione di otto borse di studio aventi una durata di 18 mesi (+1 di ferie). 3

4 Al fine di assicurare la massima partecipazione di candidati, il bando relativo alle borse di studio che si intendono attribuire, assieme al relativo regolamento di attuazione, verrà portato a conoscenza delle persone potenzialmente interessate, mediante esposizione dello stesso nelle Università / Politecnici, attraverso pubblicazione sulla rivista dell'associazione Tecnica dell'automobile (ATA) e su uno o più quotidiani a tiratura nazionale. I formandi avranno un rapporto di borsista con il C.R.F. S.C.p.A.. La domanda di ammissione al concorso dovrà contenere esplicita dichiarazione del candidato alla disponibilità al trasferimento ed alla permanenza continuativa presso le strutture di formazione per l intera durata dell iter formativo. Una apposita Commissione esaminatrice e di verifica, nominata dal Responsabile del progetto di Formazione, esaminerà le domande, effettuerà una graduatoria preliminare, convocherà i candidati, selezionerà i formandi in base ai criteri definiti nel regolamento di attuazione, ad eventuali prove scritte ed a colloquio ed assegnerà le borse di studio. La Commissione accerterà non solo le attitudini dei candidati sotto gli aspetti tecnicoscientifici e gestionali, ma anche l interesse degli stessi ai percorsi formativi per loro previsti ed alla tipologia complessiva del corso di formazione. A colloqui completati, la Commissione stilerà un Bilancio delle Competenze dei formandi con riferimento ai contenuti dei percorsi formativi per una eventuale conseguente revisione/riorganizzazione degli stessi percorsi. Se necessario, ad esempio, si includeranno nel percorso formativo lezioni di inglese tecnico o di omogeneizzazione di matematica, per consentire a tutti i formandi di partire da basi omogenee nella prosecuzione del programma. Le ore di lezione aggiuntive saranno sottratte ad altre attività che si riterranno mene necessarie. La stessa Commissione affiancherà il Responsabile del Progetto di Formazione nella fase di valutazione dei formandi, sia in itinere sia in sede finale. Le attività di formazione saranno intervallate da valutazioni periodiche, utili alla valutazione del livello di apprendimento raggiunto. Al termine si terrà una valutazione finale attestante l idoneità del candidato a svolgere le mansioni prospettate dal profilo professionale progettato. 4

5 Obiettivo n. 2 I formandi da avviare all iter formativo saranno dodici diplomati, di età inferiore a 27 anni, con Diploma di Perito Meccanico / Elettrotecnico / Elettronico / Informatico o con Maturità Scientifica con frequenza di corso universitario ad indirizzo tecnico/scientifico, non titolari di alcuna forma di rapporto di lavoro. I candidati saranno individuati attraverso bando di concorso per l assegnazione di dodici borse di studio aventi una durata di 18 mesi (+1 di ferie). Al fine di assicurare la massima partecipazione di candidati, il bando relativo alle borse di studio che si intendono attribuire, assieme al relativo regolamento di attuazione, verrà portato a conoscenza delle persone potenzialmente interessate, mediante esposizione dello stesso negli Istituti Tecnici Industriali e nei Licei Scientifici e su uno o più quotidiani a tiratura nazionale. I formandi avranno un rapporto di borsista con il C.R.F. S.C.p.A.. La domanda di ammissione al concorso dovrà contenere esplicita dichiarazione del candidato alla disponibilità al trasferimento ed alla permanenza continuativa presso le strutture di formazione per l intera durata dell iter formativo. Una apposita Commissione esaminatrice e di verifica, nominata dal Responsabile del progetto di Formazione, esaminerà le domande, effettuerà una graduatoria preliminare, convocherà i candidati, selezionerà i formandi in base ai criteri definiti nel regolamento di attuazione, ad eventuali prove scritte ed a colloquio ed assegnerà le borse di studio. La Commissione accerterà non solo le attitudini dei candidati sotto gli aspetti tecnicoscientifici, ma anche l interesse degli stessi ai percorsi formativi per loro previsti ed alla tipologia complessiva del corso di formazione. A colloqui completati, la Commissione stilerà un Bilancio delle Competenze dei formandi con riferimento ai contenuti del percorso formativo per una eventuale conseguente loro revisione/riorganizzazione. Se necessario, ad esempio, si includeranno nel percorso formativo lezioni di inglese tecnico o di omogeneizzazione di matematica, per consentire a tutti i formandi di partire da basi omogenee nella prosecuzione del programma. Le ore di lezione aggiuntive saranno sottratte ad altre attività che si riterranno mene necessarie. 5

6 La stessa Commissione affiancherà il Responsabile del Progetto di Formazione nella fase di valutazione dei formandi, sia in itinere che in sede finale. Le attività di formazione saranno affiancate, inoltre, da valutazioni periodiche del livello di apprendimento raggiunto, nonché da una valutazione finale dell idoneità del candidato a svolgere le mansioni prospettate dal profilo professionale progettato. Durata del progetto complessivo (in mesi) a partire dal (data) La durata del percorso formativo sarà di 25 mesi, di cui 5 per attività di selezione formandi e pianificazione/organizzazione piano formativo, 18 per specifici percorsi formativi, intervallati da 1 mese di ferie, ed 1 per le valutazioni finali, a partire dal 1 Ottobre del Pertanto, in base alle attuali previsioni, avremo i seguenti riferimenti temporali: - data avvio progetto: 01/10/2012; - data avvio attività formative: 01/02/2013; - data avvio valutazioni finali: 01/10/2014; - durata percorso formativo: 25 mesi; - durata attività formative: 18 mese intervallati da 1 mese di ferie (18+1); - durata delle valutazioni finali: 1 mese; - data conclusione percorso formativo: 31/09/2014. Responsabile del progetto Responsabile del progetto di Formazione è il dr. Mario RICCO. La scheda del profilo professionale del responsabile del progetto formativo con cenni sulle sue esperienze nel campo della ricerca applicata, dello sviluppo industriale e della formazione, è riportata in allegato 1. Diagramma temporale lineare del progetto Diagramma temporale lineare del progetto di formazione Obiettivi/Attività 1 Anno 2 Anno 3 Anno Selezione dei formandi Obiettivo n 1 Obiettivo n 2 Valutazione finale 6 = Interruzione per ferie

7 2) ATTIVITA' E COSTI RELATIVI A CIASCUN OBIETTIVO Programma relativo all Obiettivo n 1 Il programma dell obiettivo formativo n 1 sarà foc alizzato fondamentalmente sui seguente argomenti: o Approfondimento conoscenze specialistiche - fondamenti di Termo-Fluido dinamica e di Controlli - fondamenti di Sistemi Robotizzati per Mezzi di Produzione e Tecnologie dei Materiali - introduzione a strumenti informatici per attività di R&S. o Esperienze operative in affiancamento a personale impegnato in attività di ricerca industriale e/o sviluppo precompetitivo. - Progettazione e sperimentazione di componenti auto motive - Progettazione e sperimentazione di sottosistemi servo attuatori e sensori per mezzi di produzione robotizzati e sistemi diagnostici. o Apprendimento di conoscenze in materia di programmazione, gestione strategica, valutazione ed organizzazione operativa dei progetti di ricerca industriale e/o sviluppo precompetitivo. - Approfondimento tecniche di gestione progetti di ricerca Struttura responsabile dell obiettivo C.R.F. S.C.p.A.. Durata (in mesi) a partire dal (data) La durata del programma formativo dell obiettivo 1, sarà di 18 mese, intervallati da 1 mese di ferie (18+1), a partire dal primo febbraio del Ore di formazione, programma di attività e diagramma temporale articolato in tre moduli: modulo A - Approfondimento conoscenze specialistiche modulo B - Esperienze operative in affiancamento a personale impegnato in attività di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale. modulo C - Apprendimento di conoscenze in materia di programmazione, gestione strategica, valutazione e organizzazione operativa dei progetti di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale. 8

8 Le ore complessive di formazione sono (pari a ore per ciascun formando) così ripartite : - Modulo A : ore (pari a ore per ciascun formando per 8 formandi) - Modulo B : ore (pari a ore per ciascun formando per 8 formandi) - Modulo C : 320 ore (pari a 40 ore per ciascun formando per 8 formandi) modulo A - Approfondimento conoscenze specialistiche L obiettivo del modulo consiste nel fornire ai formandi conoscenze teoriche che stanno alla base del comportamento dei motori ad accensione comandata e per compressione, dell analisi, della modellazione e della simulazione di sistemi complessi e conoscenze che stanno alla base della progettazione di architetture di controllo applicate alla gestione dei servomeccanismi presenti in un sistema di controllo motore e nei sistemi robotizzati dei mezzi di produzione, delle tecnologie riguardanti materiali innovativi e la loro applicazione in campo meccatronico, delle tecnologie laser e dei principali strumenti informatici per attività di Ricerca e Sviluppo. Il modulo si articolerà nei seguenti sub-moduli. sub-modulo MA1 : fondamenti di Termo-Fluido dinamica e di Controlli L obiettivo specifico consiste nell approfondimento delle discipline fondamentali che concorrono alla conoscenza della Termo-Fluido dinamica del motore e della controllistica. 480 ore di formazione Modalità di attuazione - Sede di svolgimento : BARI Politecnico - Apporti delle strutture obbligatorie : lezioni teoriche ed esercitazioni - Apporti delle altre strutture esterne : N.N. - Principali attività formative : corsi in aula ed esercitazioni riguardanti la Termodinamica, la Fluidodinamica, l introduzione ai sistemi di controllo, lo studio di sistemi di controllo avanzato, le applicazioni pratiche della teoria dei controlli, l analisi funzionale di sistemi complessi, la simulazione di sistemi complessi, nozioni di elettronica di sistemi combinatori e sequenziali. n 8 unità 9

9 sub-modulo MA2 : fondamenti di Sistemi Robotizzati per Mezzi di Produzione e Tecnologie dei Materiali L obiettivo specifico di questo sub-modulo è quello di approfondire le discipline fondamentali che concorrono alla conoscenza intrinseca di sensori, attuatori, tecnologie laser, tecnologie dei materiali e controllistica nella loro possibile applicazione in campo meccatronico. 480 ore di formazione Modalità di attuazione - Sede di svolgimento : Università di Bari - Apporti delle strutture obbligatorie : lezioni teoriche ed esercitazioni - Apporti delle altre strutture esterne : N.N. - Principali attività formative : corsi in aula ed esercitazioni riguardanti la Combustione, la Meccanica strutturale applicata ai motori ed ai componenti automotive, i problemi di Tribologia, le metodologie di qualità, l analisi affidabilistica. n 8 unità sub-modulo MA3 : introduzione a strumenti informatici per attività di R&S. L obiettivo specifico di questo sub-modulo è quello di fornire le conoscenze dei principali strumenti informatici e dei codici di calcolo oggi disponibili per una attività di Ricerca & Sviluppo nel campo delle applicazioni meccatroniche. 320 ore di formazione Modalità di attuazione - Sede di svolgimento : Politecnico di Bari 260 ore di formazione Università di Bari 60 ore di formazione. n 8 unità 10

10 modulo B - Esperienze operative in affiancamento a personale impegnato in attività di ricerca industriale e/o sviluppo precompetitivo. L'obiettivo consiste nell'applicazione pratica, all'interno di progetti reali di sviluppo, dei principi appresi durante l approfondimento e lo sviluppo di conoscenze specialistiche. Si arriverà alla conoscenza pratica di: - sistema di iniezione del motore in relazione all ottimizzazione dei componenti del sistema e quindi dei parametri di iniezione in relazione al contenimento di emissioni e consumi e massimizzazione delle prestazioni; - sensori, attuatori ed algoritmi di controllo per i sistemi robotizzati di produzione; - applicazioni industriali della tecnologia laser. Ciascun formando sarà affiancato da ricercatori senior, particolarmente esperti, impegnati su specifici progetti in corso che comportino lo sviluppo di attività di Ricerca Applicata. I ricercatori senior avranno la funzione di tutor e contribuiranno alla formazione dei giovani laureati seguendoli nell iter formativo, guidandoli in particolare nell applicazione on the job delle conoscenze specialistiche interiorizzate nonché nell acquisizione di esperienze più vaste nel campo della verifica sperimentale di ipotesi teoriche. Il modulo si articolerà nei seguenti sub-moduli: sub-modulo MB1 : progettazione e sperimentazione di componenti automotive Familiarizzazione con le tecniche di progettazione e sperimentazioni. 500 ore di formazione Modalità di attuazione - Sede di svolgimento : C.R.F. - Valenzano (BA) o altra Sede del C.R.F., ovvero altre strutture di eccellenza nel comparto della meccatronica individuate di volta in volta in funzione dello specifico profilo di specializzazione che si riterrà più idoneo per i vari formandi. - Apporti delle strutture obbligatorie : lezioni - Apporti delle altre strutture esterne : lezioni ed esercitazioni pratiche - Principali attività formative : training on the job presso una struttura operativa di progettazione e sperimentazione. Per svolgere proficuamente un'attività di formazione del tipo "training on the job", ogni formando, assistito dal tutor, verrà inserito in un "team" di ricercatori impegnati in attività di ricerca e sviluppo ed operanti su progetti diversi ma secondo approcci simili e con finalità comuni. 11

11 n 8 unità sub-modulo MB2 : Progettazione e sperimentazione di sottosistemi servo attuatori e sensori per mezzi di produzione robotizzati e sistemi diagnostici. Familiarizzazione con sperimentazioni di servo attuatori in vera scala ore di formazione Modalità di attuazione - Sede di svolgimento: C.R.F. - Valenzano (BA) o altra Sede del C.R.F., ovvero altre strutture di eccellenza nel comparto della meccatronica individuate di volta in volta in funzione dello specifico profilo di specializzazione che si riterrà più idoneo per i vari formandi. - Apporti delle strutture obbligatorie : N.N. - Apporti delle altre strutture esterne : sperimentazione su banchi prova per componenti automotive. Principali attività formative : training on the job presso strutture operative di eccellenza. Le attività riguarderanno impostazione di programmi sperimentali per lo sviluppo di sensori ed attuatori per sistemi meccatronici e nell applicazione di tecnologie laser per tecnologie di processo avanzate e sistemi diagnostici. n 8 unità modulo C - Apprendimento di conoscenze in materia di programmazione, gestione strategica, valutazione ed organizzazione operativa dei progetti di ricerca industriale e/o sviluppo precompetitivo. L'obiettivo consiste nell apprendimento di conoscenze gestionali e di programmazione interfunzionale applicate ai progetti di ricerca. Il modulo si articolerà nel seguente sub-modulo. sub-modulo MC1 : approfondimento tecniche di gestione progetti di ricerca 12

12 Elementi fondamentali che regolano lo svolgimento di progetti di ricerca e sviluppo che, coinvolgendo diverse unità operative ed essendo finalizzati allo studio di prodotti innovativi, richiedono gestione complessa e spiccati caratteri di interfunzionalità. 40 ore di formazione Modalità di attuazione - Sede di svolgimento : C.R.F. - Valenzano (BA) - Apporti delle strutture obbligatorie : N.N. - Apporti delle altre strutture esterne : lezioni, esercitazioni e stages - Principali attività formative : corsi ed esercitazioni riguardanti i principali criteri di progettazione e gestione dei progetti di ricerca a carattere industriale ed interfunzionale (economia aziendale, tecniche della qualità, project management, redditività sviluppo iniziative, innovazione, marketing strategico e innovazione di prodotto, specifiche requisiti prodotto, metodologie sviluppo prodotto, brevetti e banche dati, metodologie numeriche di ottimizzazione prodotto). n 8 unità Diagramma temporale lineare dei moduli componenti il percorso formativo. Diagramma temporale lineare dei moduli componenti il percorso formativo relativo all'obiettivo 1 Modulo Sub-modulo Primo anno formazione Secondo anno formazione MA A1 A2 A3 MB MC B1 B2 C1 = Interruzione per ferie 13

13 Programma relativo all Obiettivo n 2 Il programma dell obiettivo formativo n 2 sarà fon damentalmente articolato nel seguente modo: o Approfondimento conoscenze specialistiche - componenti per sistemi di iniezione per motori a combustione interna; - sensori, attuatori e tecnologie laser utilizzate per il controllo di sistemi diagnostici e per mezzi di produzione robotizzati; - principali strumenti informatici per attività di Progettazione e Sperimentazione. o fondamenti dei principi di funzionamento dei sistemi di iniezione per motori a combustione interna. - approfondimento delle tecniche progettuali e delle tecnologie dei materiali per lo sviluppo e la sperimentazione dei sistemi di iniezione. o fondamenti di sensori, attuatori e tecnologie laser utilizzate per il controllo di sistemi diagnostici e per mezzi di produzione robotizzati. - sensori di grandezze fisiche; - attuatori avanzati utilizzati per applicazioni robotiche; - tecnologie laser per applicazioni industriali. o introduzione a strumenti informatici per attività di Progettazione e Sperimentazione. - conoscenze dei principali strumenti informatici oggi disponibili per una attività di progettazione e sperimentazione. o Esperienze operative in affiancamento a personale impegnato in attività di ricerca industriale e/o sviluppo precompetitivo (training on the job) che fornirà una conoscenza pratica di: - sistema di iniezione del motore in relazione all ottimizzazione dei componenti del sistema e quindi dei parametri di iniezione in relazione al contenimento di emissioni e consumi e massimizzazione delle prestazioni; - applicazioni di sensori, attuatori e tecnologie laser utilizzate per il controllo di sistemi diagnostici e per mezzi di produzione robotizzati; - principali strumenti informatici per attività di Progettazione e Sperimentazione. o Training on the job per progettazione e sperimentazione componenti - Familiarizzazione con le tecniche di progettazione e sperimentazione di componenti di impianti di iniezione in vera scala. 14

14 o Training on the job per progettazione e sperimentazione di, sistemi diagnostici e di mezzi robotizzati di produzione - Familiarizzazione con sperimentazioni in vera scala di sensori, attuatori e tecnologie laser per sistemi diagnostici e mezzi robotizzati di produzione. o Apprendimento di conoscenze in materia di programmazione, gestione strategica, valutazione ed organizzazione operativa dei progetti di ricerca industriale e/o sviluppo precompetitivo. - Approfondimento tecniche di gestione progetti di ricerca - Struttura responsabile dell obiettivo C.R.F. S.C.p.A.. - Durata (in mesi) a partire dal (data) La durata del programma formativo dell obiettivo 2 sarà di 18 mese intervallati da 1 mese di ferie (18+1), a partire dal primo febbraio del Ore di formazione, programma di attività e diagramma temporale articolato in tre moduli: modulo A - Approfondimento conoscenze specialistiche modulo B - Esperienze operative in affiancamento a personale impegnato in attività di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale. modulo C - Apprendimento di conoscenze in materia di programmazione, gestione strategica, valutazione e organizzazione operativa dei progetti di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale. Le ore complessive di formazione sono (pari a ore per ciascun formando per 12 formandi) così ripartite : - Modulo A : ore (pari a ore per ciascun formando per 12 formandi) - Modulo B : ore (pari a ore per ciascun formando per 12 formandi) - Modulo C : 480 ore (pari a 40 ore per ciascun formando per 8 formandi) modulo A - Approfondimento conoscenze specialistiche L obiettivo del modulo consiste nel fornire ai formandi conoscenze teoriche che stanno alla base del funzionamento di: - componenti per sistemi di iniezione per motori a combustione interna; 15

15 - sensori, attuatori e tecnologie laser utilizzate per il controllo di sistemi diagnostici e per mezzi di produzione robotizzati; - principali strumenti informatici per attività di Progettazione e Sperimentazione. Il modulo si articolerà nei seguenti sub-moduli: sub-modulo MA1 : fondamenti dei principi di funzionamento dei sistemi di iniezione per motori a combustione interna. L obiettivo specifico consiste nell approfondimento delle tecniche progettuali e delle tecnologie dei materiali per lo sviluppo e la sperimentazione dei sistemi di iniezione. 480 ore di formazione Modalità di attuazione - Sede di svolgimento : BARI Politecnico - Apporti delle strutture obbligatorie : lezioni teoriche ed esercitazioni - Apporti delle altre strutture esterne : N.N. - Principali attività formative : corsi in aula ed esercitazioni riguardanti Pregettazione Meccanica, Calcolo Strutturale, Tecnologie dei Materiali, Strumentazione di Laboratorio, DOE (Design Of Experiments), nozioni di base relative a Tecnologie Laser. n 12 unità sub-modulo MA2 : fondamenti di sensori, attuatori e tecnologie laser utilizzate per il controllo di sistemi diagnostici e per mezzi di produzione robotizzati. L obiettivo specifico di questo sub-modulo è quello di approfondire le discipline fondamentali che concorrono alla conoscenza intrinseca di: - sensori di grandezze fisiche; - attuatori avanzati utilizzati per applicazioni robotiche; - tecnologie laser per applicazioni industriali. 480 ore di formazione 16

16 Modalità di attuazione - Sede di svolgimento : Università di Bari - Apporti delle strutture obbligatorie : lezioni teoriche ed esercitazioni - Apporti delle altre strutture esterne : N.N. - Principali attività formative : corsi in aula ed esercitazioni riguardanti: o sensori di grandezze fisiche; o attuatori avanzati utilizzati per applicazioni robotiche; o tecnologie laser per applicazioni industriali. n 12 unità sub-modulo MA3 : introduzione a strumenti informatici per attività di Progettazione e Sperimentazione. L obiettivo specifico di questo sub-modulo è quello di fornire le conoscenze dei principali strumenti informatici oggi disponibili per una attività di Progettazione e sperimentazione. 320 ore di formazione Modalità di attuazione - Sede di svolgimento : Politecnico di Bari 260 ore di formazione Università di Bari 60 ore di formazione. n 12 unità modulo B - Esperienze operative in affiancamento a personale impegnato in attività di ricerca industriale e/o sviluppo precompetitivo (training on the job) L'obiettivo consiste nell'applicazione pratica, all'interno di progetti reali di sviluppo, dei principi appresi durante l approfondimento e lo sviluppo di conoscenze specialistiche. Si arriverà alla conoscenza pratica di: - sistema di iniezione del motore in relazione all ottimizzazione dei componenti del sistema e quindi dei parametri di iniezione in relazione al contenimento di emissioni e consumi e massimizzazione delle prestazioni; - applicazioni di sensori, attuatori e tecnologie laser utilizzate per il controllo di sistemi diagnostici e per mezzi di produzione robotizzati; - principali strumenti informatici per attività di Progettazione e Sperimentazione. 17

17 Ciascun formando sarà affiancato da ricercatori senior, particolarmente esperti, impegnati su specifici progetti in corso che comportino lo sviluppo di attività di Ricerca Applicata. I ricercatori senior avranno la funzione di tutor e contribuiranno alla formazione dei giovani Diplomati seguendoli nell iter formativo, guidandoli in particolare nell applicazione on the job delle conoscenze specialistiche interiorizzate nonché nell acquisizione di esperienze più vaste nel campo della sperimentazione. Il modulo si articolerà nei seguenti sub-moduli: sub-modulo MB1 : Training on the job per progettazione e sperimentazione componenti Familiarizzazione con le tecniche di progettazione e sperimentazione di componenti di impianti di iniezione in vera scala. 500 ore di formazione Modalità di attuazione - Sede di svolgimento : C.R.F. - Valenzano (BA) o altra Sede del C.R.F., ovvero altre strutture di eccellenza nel comparto della meccatronica individuate di volta in volta in funzione dello specifico profilo di specializzazione che si riterrà più idoneo per i vari formandi. - Apporti delle strutture obbligatorie : N.N. - Apporti delle altre strutture esterne : lezioni ed esercitazioni pratiche - Principali attività formative : training on the job presso una struttura operativa di progettazione e sperimentazione. Per svolgere proficuamente un'attività di formazione del tipo "training on the job", ogni formando, assistito dal tutor, verrà inserito in un "team" di ricercatori impegnati in attività di ricerca e sviluppo ed operanti su progetti diversi ma secondo approcci simili e con finalità comuni. Il formando seguirà direttamente le fasi di progettazione di specifici componenti prototipali per apparati di alimentazione motore, sino alla definizione delle specifiche tecniche ed alla realizzazione del disegno costruttivo. Seguirà le fasi realizzative dei particolari stessi presso fornitori esterni e quindi le fasi di controllo, verifica funzionale e collaudo con l' ausilio di sofisticati strumenti di laboratorio sino alla caratterizzazione e validazione sul banco prova. n 12 unità 18

18 sub-modulo MB2 : Training on the job per progettazione e sperimentazione di, sistemi diagnostici e di mezzi robotizzati di produzione Familiarizzazione con sperimentazioni in vera scala di sensori, attuatori e tecnologie laser per sistemi diagnostici e mezzi robotizzati di produzione ore di formazione Modalità di attuazione - Sede di svolgimento : C.R.F. - Valenzano (BA) o altra Sede del C.R.F., ovvero altre strutture di eccellenza nel comparto della meccatronica individuate di volta in volta in funzione dello specifico profilo di specializzazione che si riterrà più idoneo per i vari formandi. - Apporti delle strutture obbligatorie : N.N. - Apporti delle altre strutture esterne : sperimentazione con strumentazione di laboratorio e con l ausilio di sistemi dimostrativi di vari tipi di sensori, attuatori e delle potenziali applicazioni delle tecnologie laser per sistemi diagnostici e mezzi robotizzati di produzione. n 12 unità modulo C - Apprendimento di conoscenze di base in materia di programmazione, gestione, valutazione ed organizzazione operativa dei progetti di ricerca industriale e/o sviluppo precompetitivo. L'obiettivo consiste nell apprendimento di conoscenze gestionali e di programmazione interfunzionale applicate ai progetti di ricerca. Il modulo si articolerà nel seguente sub-modulo. sub-modulo MC1 : approfondimento tecniche di gestione progetti di ricerca Elementi fondamentali che regolano lo svolgimento di progetti di ricerca e sviluppo che, coinvolgendo diverse unità operative ed essendo finalizzati allo studio di prodotti innovativi, richiedono gestione complessa e spiccati caratteri di interfunzionalità. 40 ore di formazione 19

19 Modalità di attuazione - Sede di svolgimento : C.R.F. - Valenzano (BA) - Apporti delle strutture obbligatorie : N.N. - Apporti delle altre strutture esterne : lezioni, esercitazioni e stages - Principali attività formative : corsi ed esercitazioni riguardanti i principali criteri di progettazione e gestione dei progetti di ricerca a carattere industriale ed interfunzionale (economia aziendale, tecniche della qualità, project management, redditività sviluppo iniziative, innovazione, marketing strategico e innovazione di prodotto, specifiche requisiti prodotto, metodologie sviluppo prodotto, brevetti e banche dati, metodologie numeriche di ottimizzazione prodotto). n 12 unità Diagramma temporale lineare dei moduli componenti il percorso formativo. Diagramma temporale lineare dei moduli componenti il percorso formativo relativo all'obiettivo 2 Modulo Sub-modulo Primo anno formazione Secondo anno formazione MA A1 A2 A3 MB MC B1 B2 C1 = Interruzione per ferie 20

20 3) VERIFICA DELL'ESITO DELLA FORMAZIONE Verifica finale Al termine dei moduli è previsto un colloquio, una prova scritta e una prova pratica, mirati a valutare le competenze teorico-pratiche acquisite da ciascun formando. Il formando esporrà in forma scritta e/o orale al proprio tutor gli argomenti interiorizzati. La crescita professionale di ogni formando sarà valutata in itinere dal responsabile del Progetto di Formazione anche attraverso colloqui specifici. Al termine del periodo formativo, sarà richiesto a ciascun formato la redazione di una tesi breve sugli argomenti studiati e sulle esperienze pratiche effettuate. A dimostrazione del risultato conseguito, verrà fornito un rapporto tecnico illustrativo delle attività di formazione sviluppate attestante il livello raggiunto da ciascun formato in termini di crescita scientifico/tecnologica e gestionale che verrà evidenziato in apposite schede separate. Le schede, oltre alle singole attività svolte, riporteranno le strutture coinvolte nel processo formativo. Ad ulteriore dimostrazione del risultato conseguito verrà allegata la relazione della Commissione giudicante. Le verifiche dei conseguimenti dei risultati contrattuali prevedono, oltre all esame della documentazione cartolare, anche l effettuazione di colloqui diretti con personale in formazione da tenere eventualmente anche presso il Ministero. La verifica comparativa fra l'impegno previsto ed il programma effettivamente svolto sarà effettuata altresì dall'esame degli appositi registri tenuti per documentare la presenza di ciascuno dei formandi e dei docenti, le attività svolte ed il numero di ore di formazione e di docenza effettivamente erogate. 21

IL PROGETTO DI FORMAZIONE

IL PROGETTO DI FORMAZIONE DOCUMENTO RIFERIMENTO PF-FPT - 1 EMESSO DA CONSORZIO ATA FORMAZIONE DATA 29.06.2012 DEPARTMENT PAGINE 27 CLASSIFICAZIONE - ALLEGATI - IL PROGETTO DI FORMAZIONE PRIMA PARTE: CAPITOLATO TECNICO QUALIFICAZIONE

Dettagli

BANDO DI CONCORSO BORSE DI STUDIO PER CORSI DI FORMAZIONE Rif. PON01_02238/L FORMAZIONE LAUREATI - Rif. PON01_02238/D FORMAZIONE DIPLOMATI

BANDO DI CONCORSO BORSE DI STUDIO PER CORSI DI FORMAZIONE Rif. PON01_02238/L FORMAZIONE LAUREATI - Rif. PON01_02238/D FORMAZIONE DIPLOMATI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G A L I L E O F E R R A R I S SPECIALIZZAZIONI: ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE MECCANICA - INFORMATICA LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE Cod. Fisc. 83004290728

Dettagli

Laboratorio Nazionale di Comunicazioni Multimediali

Laboratorio Nazionale di Comunicazioni Multimediali Laboratorio Nazionale di Comunicazioni Multimediali Formazione di personale specializzato nella progettazione di sistemi cognitivi per il monitoraggio e il controllo del traffico navale (Training of specialized

Dettagli

In partnership con. Direzione Generale Territoriale del Sud e della Sicilia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

In partnership con. Direzione Generale Territoriale del Sud e della Sicilia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti In partnership con Politecnico di Bari Direzione Generale Territoriale del Sud e della Sicilia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PROVINCIA DI BARI AVVISO PUBBLICO BA/08/2011 P.O.R. PUGLIA

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2000. Pagina 1 di 6

UNI EN ISO 9001:2000. Pagina 1 di 6 Tecnico Installatore reti in fibra ottica apparati e sistemi ottici Pagina 1 di 6 Tecnico Installatore reti in fibra ottica, apparati e sistemi ottici La figura in oggetto è: Tecnico installatore reti

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE DEL MONDO RURALE E DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI BANDO DI CONCORSO PER LA

Dettagli

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT Dai il via al tuo futuro ACCENDI NUOVE OPPORTUNITÀ Il tuo futuro parte adesso. Perché il mondo delle telecomunicazioni è il futuro. E Telecom Italia

Dettagli

ALLEGATO: PROGETTO DI FORMAZIONE

ALLEGATO: PROGETTO DI FORMAZIONE ALLEGATO: PROGETTO DI FORMAZIONE 1) DATI SALIENTI SUL PROGETTO Prima parte - Proposta di capitolato tecnico Titolo o Titolo del progetto. o Titolo del progetto in lingua inglese. o Soggetto proponente.

Dettagli

Qualificazione dei formatori degli installatori di impianti di energia da fonti rinnovabili: Livello 6

Qualificazione dei formatori degli installatori di impianti di energia da fonti rinnovabili: Livello 6 Qualificazione dei formatori degli installatori di impianti di energia da fonti rinnovabili: Livello 6 REQUISITI MINIMI DI ACCESSO E CORSI E LEARNING/VIDEO LEZIONI DISPONIBILI CONOSCENZE CONTENUTI FORMATIVI

Dettagli

Master ANNO ACCADEMICO 2002 2003 BANDO DI AMMISSIONE

Master ANNO ACCADEMICO 2002 2003 BANDO DI AMMISSIONE Master Gestione e controllo degli interventi di assetto e riqualificazione delle aree urbane nei PVS Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni Via Antonio Gramsci, 53-00197 Roma ANNO ACCADEMICO 2002

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Classe L9 Ingegneria Industriale Ordine degli Studi 2014/2015 Anni attivati I, II e III Obiettivi formativi specifici Nell ambito degli

Dettagli

BANDO MASTER IN INTERNATIONAL BUSINESS STUDIES Accreditato ASFOR IXX edizione Anno 2014/2015 1

BANDO MASTER IN INTERNATIONAL BUSINESS STUDIES Accreditato ASFOR IXX edizione Anno 2014/2015 1 BANDO MASTER IIN IINTERNATIIONAL BUSIINESS STUDIIES Accrediitato ASFOR IIXX ediiziione Anno 2014/2015 1 Indicazioni generali Il CIS è la Scuola per la Gestione d Impresa di Unindustria Reggio Emilia operante

Dettagli

SEDE DI BOLOGNA: La figura professionale, inserita nell'elenco delle figure nazionali, che il corso forma è

SEDE DI BOLOGNA: La figura professionale, inserita nell'elenco delle figure nazionali, che il corso forma è AVVISO PER L AMMISSIONE AI CORSI ITS SEDI DI BOLOGNA REGGIO EMILIA E MODENA (Approvati con delibera di giunta regionale n. 924/2014 finanziati dal Fondo Sociale Europeo, Ministero dell Istruzione, Università

Dettagli

IL RETTORE. UPD Dec.n. 263

IL RETTORE. UPD Dec.n. 263 IL RETTORE UPD Dec.n. 263 Vista la convenzione Regione Campania- Università degli Studi della Campania stipulata il 27/3/2001, attraverso la quale si è inteso attivare, nell ambito del POR Campania 2000-2006,

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/2015 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INFORMATICA Classe LM-18 Informatica 1. ASPETTI GENERALI La durata normale del Corso di Laurea Magistrale in Informatica è di due anni. Lo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN GRAPHIC DESIGN E COMUNICAZIONE VISIVA ACCADEMIA DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE CLASSE LM-65 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI Bando di ammissione al percorso formativo per: TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI La Fondazione Istituto Tecnico Superiore per l efficienza energetica della

Dettagli

ITS. Tra il ITS. diploma e la laurea, Tra il un nuovo percorso formativo concretamente legato al mondo del lavoro ato al mondo

ITS. Tra il ITS. diploma e la laurea, Tra il un nuovo percorso formativo concretamente legato al mondo del lavoro ato al mondo ITS. Tra il diploma e la laurea, un nuovo percorso formativo concretamente legato al mondo del lavoro Novara, 27/05/2011 ITS : la risposta a tante richieste A livello nazionale industria e istituzioni

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso

Dettagli

UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Regolamento didattico del Corso di Laurea di I livello in OTTICA e OPTOMETRIA Il Regolamento Didattico specifica gli aspetti

Dettagli

BANDO di SELEZIONE della FONDAZIONE ITS PRIME per l ammissione ai Corsi di

BANDO di SELEZIONE della FONDAZIONE ITS PRIME per l ammissione ai Corsi di BANDO di SELEZIONE della FONDAZIONE ITS PRIME per l ammissione ai Corsi di TECNICO SUPERIORE PER L INNOVAZIONE DI PROCESSI E PRODOTTI MECCANICI Nuove Tecnologie per il Made in Italy Sistema Meccanica Toscana

Dettagli

Istituto Tecnico Superiore per l Aerospazio

Istituto Tecnico Superiore per l Aerospazio Istituto Tecnico Superiore per l Aerospazio Presentazione del nuovo corso di Istruzione Tecnica Superiore inserito nei percorsi di Alta Formazione previsti dal Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca.

Dettagli

Bando di selezione allievi Corso ITS

Bando di selezione allievi Corso ITS Fondazione ITS ALBATROS Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy Sistema Alimentare Bando di selezione allievi Corso ITS Tecnico per il controllo e la valorizzazione delle produzioni

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello Università degli Studi di Roma "La Sapienza" Facoltà di Economia Sede di Latina Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello REGOLAMENTO Anno

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Ingegneria

Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Ingegneria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Ingegneria Obiettivi didattici INGEGNERIA MECCANICA La conoscenza della matematica, dell'informatica e delle scienze

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA ART. 1 Denominazione e obiettivi formativi Il Master in Economia e Banca nasce (MEBS) dal rapporto di collaborazione tra 1'Università degli Studi di Siena e la

Dettagli

Art. 3 Requisiti per l accesso

Art. 3 Requisiti per l accesso Selezione di n 8 giovani laureati da inserire nel Progetto WST Web Social Team, promosso da ENIT in collaborazione con Regione Liguria Assessorato al Turismo (capo progetto tecnico) e gli Assessorati al

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Bando di concorso per l ammissione al Master Universitario di II livello Inpdap Certificated. Master in Energia, Territorio e Ambiente META

Bando di concorso per l ammissione al Master Universitario di II livello Inpdap Certificated. Master in Energia, Territorio e Ambiente META POLITECNICO DI BARI Bando di concorso per l ammissione al Master Universitario di II livello Inpdap Certificated Master in Energia, Territorio e Ambiente META Il Politecnico di Bari e Master Team srl,

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 Direttore del corso Cognome Nome Qualifica SSD Poli Albino Prof. Ordinario

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SUI PROCEDIMENTI DI SELEZIONE PER L'ACCESSO ALL'IMPIEGO NELLE CATEGORIE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SUI PROCEDIMENTI DI SELEZIONE PER L'ACCESSO ALL'IMPIEGO NELLE CATEGORIE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SUI PROCEDIMENTI DI SELEZIONE PER L'ACCESSO ALL'IMPIEGO NELLE CATEGORIE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n.

Dettagli

QQUALITÀ&IMPEGNO COLTIVA IL TUO TALENTO AL POLITECNICO DI TORINO!

QQUALITÀ&IMPEGNO COLTIVA IL TUO TALENTO AL POLITECNICO DI TORINO! icon il Progetto Giovani Talenti ti garantiamo: La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l opportunità LUCIO ANNEO SENECA COLTIVA IL TUO TALENTO AL POLITECNICO DI TORINO! QQUALITÀ&IMPEGNO

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE. per l ammissione al Corso di Istruzione tecnica Superiore per:

BANDO DI SELEZIONE. per l ammissione al Corso di Istruzione tecnica Superiore per: BANDO DI SELEZIONE per l ammissione al Corso di Istruzione tecnica Superiore per: TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DI PRODOTTI DI ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI FIGURA NAZIONALE DI RIFERIMENTO Coordinatore

Dettagli

Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006

Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006 Allegato al D.R. n.13653 del 3 agosto 2006 Procedura di valutazione della preparazione di base finalizzata all iscrizione ai corsi speciali di cui all art. 2, comma 1-c bis e comma 1 ter della Legge 143/2004,

Dettagli

CONCORSO ORDINARIO PER TITOLI ED ESAMI D.M. N. 82 DEL 24.9.2012 SCHEDA DI LETTURA. A cura della Gilda degli Insegnanti di Napoli

CONCORSO ORDINARIO PER TITOLI ED ESAMI D.M. N. 82 DEL 24.9.2012 SCHEDA DI LETTURA. A cura della Gilda degli Insegnanti di Napoli CONCORSO ORDINARIO PER TITOLI ED ESAMI D.M. N. 82 DEL 24.9.2012 SCHEDA DI LETTURA A cura della Gilda degli Insegnanti di Napoli MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE LE DOMANDE POSSONO ESSERE PRESENTATE

Dettagli

Percorso didattico del Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici. secondo l European Qualification Framework - EQF

Percorso didattico del Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici. secondo l European Qualification Framework - EQF Percorso didattico del Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici secondo l European Qualification Framework - EQF matrice EQF del Percorso in Risorse energetiche, valutazione

Dettagli

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270

8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Pagina 1 di 6 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA 8841 - FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E Corso: MANAGEMENT DELLA MODA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: FASHION CULTURE AND MANAGEMENT / CULTURA E MANAGEMENT

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli

Bando per il Master Universitario di I livello in TRANSPORTATION DESIGN PER LA MOBILITA SOSTENIBILE

Bando per il Master Universitario di I livello in TRANSPORTATION DESIGN PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Bando per il Master Universitario di I livello in TRANSPORTATION DESIGN PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Anno accademico 11/ L Università degli Studi di Camerino, VISTO lo Statuto, emanato con Decreto Rettorale

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Finalità Formare laureati specialistici in grado di effettuare la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione dei lavori, la stima, il collaudo

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

INNOVAZIONE, SVILUPPO E GESTIONE DI RETI ENERGETICHE BASATE SU ENERGIE RINNOVABILI

INNOVAZIONE, SVILUPPO E GESTIONE DI RETI ENERGETICHE BASATE SU ENERGIE RINNOVABILI Con il patrocinio di: Master di II livello In INNOVAZIONE, SVILUPPO E GESTIONE DI RETI ENERGETICHE BASATE SU ENERGIE RINNOVABILI (1500 h 60 cfu) Anno Accademico 2015/2016 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

Soc. Cons. a. r. l. DISTRETTO MECCATRONICO REGIONALE DELLA PUGLIA. Soci fondatori: Sede: Bari

Soc. Cons. a. r. l. DISTRETTO MECCATRONICO REGIONALE DELLA PUGLIA. Soci fondatori: Sede: Bari Costituzione: 25/10/2007 Sede: Bari UNIBA + POLIBA 51% Capitale: 150.000000 euro CdA (4 membri) POLIBA: Marzano (Presidente) UNIBA: Scamarcio Confindustria: Ricco (Vice- Presidente); Vinci (MASMEC) Altri

Dettagli

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Ordine degli Studi a.a. 2015/201 I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: LM-33 Ingegneria meccanica NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 270/2004 DIPARTIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Date e orari delle lezioni 01-10-14 dicembre 2015. Sede del corso. Segreteria organizzativa Direzione didattica. Obiettivi e Finalità del corso

Date e orari delle lezioni 01-10-14 dicembre 2015. Sede del corso. Segreteria organizzativa Direzione didattica. Obiettivi e Finalità del corso FORMAZIONE FORMATORI Elementi di didattica per la qualificazione Art. 6, comma 8, lettera m-bis, D.Lgs. n. 81/08 e s.m.i Decreto interministeriale 6 marzo 2013 Corso di specializzazione con ESAME FINALE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1. Articolazione del corso di laurea Specialistica

Dettagli

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2004/2005 Corso di laurea specialistica in Economia e Commercio Corso di laurea specialistica in Economia

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE. M a s t e r i n E n v i r o n m e n t a l M a n a g e m e n t

BANDO DI SELEZIONE. M a s t e r i n E n v i r o n m e n t a l M a n a g e m e n t Programma Operativo Nazionale per le Regioni Obiettivo 1 Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione 2000-2006 Asse III Misura III.4 Formazione superiore e universitaria UNIONE EUROPEA Fondo

Dettagli

Master Internazionale per Designer del Sistema Moda Calzatura

Master Internazionale per Designer del Sistema Moda Calzatura Master Internazionale per Designer del Sistema Moda Calzatura 2009-2010 1 INDICE 1. Introduzione 2. Struttura ed articolazione dell offerta formativa 3. Obiettivi e profili professionali 4. Organizzazione

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM Master di I Livello - IX EDIZIONE - A.A. 2015-2016 Premessa Il MIGEM è dedicato a tutti coloro che sentono l esigenza di un programma formativo completo e

Dettagli

ERGONOMIA E FATTORI UMANI

ERGONOMIA E FATTORI UMANI Società Italiana di Ergonomia Sezione Territoriale Lazio VOCATIONAL MASTER IN ERGONOMIA E FATTORI UMANI SECONDA EDIZIONE ROMA 27 MAGGIO 2005 / 26 MAGGIO 2006 con la collaborazione di S3 Opus S.r.l. Presentazione

Dettagli

Facoltà di INGEGNERIA

Facoltà di INGEGNERIA UNVERSTÀ D ROMA LA SAPENZA Facoltà di NGEGNERA Regolamento Didattico del Corso di Laurea in NGEGNERA MECCANCA Sede di Roma Appartenente alla classe n 10 (ngegneria ndustriale) 1. Obiettivi formativi Nell

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN E ARCHITETTURA DEGLI INTERNI

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN E ARCHITETTURA DEGLI INTERNI REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN E ARCHITETTURA DEGLI INTERNI ACCADEMIA DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN

Dettagli

Modena, 14 settembre 2015 AVVISO DI SELEZIONE

Modena, 14 settembre 2015 AVVISO DI SELEZIONE Modena, 14 settembre 2015 AVVISO DI SELEZIONE Democenter-Sipe gestisce e coordina il progetto denominato PROGRAMMA DI ACCELERAZIONE TERRITO- RIALE 2014-15, finanziato dalla Fondazione di Vignola, realizzato

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

AD arredo & design ANDREA FANTONI. L Arte di Fare Scuola dal 1898

AD arredo & design ANDREA FANTONI. L Arte di Fare Scuola dal 1898 AD arredo & design ANDREA FANTONI L Arte di Fare Scuola dal 1898 Scuola d Arte Andrea Fantoni Quella della Scuola Fantoni è una storia dalle radici antiche: tradizione, cultura e innovazione sono parole

Dettagli

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO 1 Titolo del Progetto (che si svolgerà nel corso dell a.s. 2011-2012) 1. Percorsi di scuola lavoro classe 3B operatore meccanici 2.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE.

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE. REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI DIPENDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO E PER LO SCORRIMENTO VERTICALE Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE)

I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE) I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE) MINISTERO ISTRUZIONE, UNIVERSITA E RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE piazza della Maddalena, 53 00186 Roma tel.

Dettagli

BANDO di SELEZIONE della FONDAZIONE ITS PRIME per l ammissione ai Corsi di

BANDO di SELEZIONE della FONDAZIONE ITS PRIME per l ammissione ai Corsi di BANDO di SELEZIONE della FONDAZIONE ITS PRIME per l ammissione ai Corsi di TECNICO SUPERIORE PER L INNOVAZIONE DI PROCESSI E PRODOTTI MECCANICI Nuove Tecnologie per il Made in Italy Sistema Meccanica Toscana

Dettagli

Tecnico Superiore per il Marketing e l Internazionalizzazione delle Imprese

Tecnico Superiore per il Marketing e l Internazionalizzazione delle Imprese Bando di selezione allievi Corso ITS Servizi alle Imprese per il conseguimento del Diploma di: Tecnico Superiore per il Marketing e l Internazionalizzazione delle Imprese DESCRIZIONE DEL CORSO: Gli Istituti

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 8890 - Disegnatore AutoCAD 2D e 3D

CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 8890 - Disegnatore AutoCAD 2D e 3D CORSO A CATALOGO - 2011 - Corso ID: 8890 - Disegnatore AutoCAD 2D e D Dati principali - Corso ID: 8890 - Disegnatore AutoCAD 2D e D ID Corso: Titolo corso: logia corso: Link dettaglio Master: Master di

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FADTAD LABNET

PROGETTO DI RICERCA FADTAD LABNET PROGETTO DI RICERCA FADTAD LABNET Creazione di una rete di Laboratori per la Progettazione ed Assessment sulla Failure Analysis e Damage Tolerance Approvato dal MIUR con Decreto Direttoriale del 11/12/2006

Dettagli

TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento

TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento Questa breve guida è stata realizzata dalla redazione Edises, casa editrice specializzata in formazione universitaria

Dettagli

FAQ. Master in Finanza Avanzata 2015 (aggiornate a giugno 2014)

FAQ. Master in Finanza Avanzata 2015 (aggiornate a giugno 2014) FAQ Master in Finanza Avanzata 2015 (aggiornate a giugno 2014) SELEZIONI E AMMISSIONI 1. Qual è la data di scadenza del bando? La scadenza per la presentazione della domanda è giovedì 23 ottobre 2014 alle

Dettagli

CONDUZIONE DEL MEZZO NAVALE (ALLIEVO UFFICIALE DI NAVIGAZIONE) (5 Liv EQF) Codice Progetto: in attesa di assegnazione INDICE

CONDUZIONE DEL MEZZO NAVALE (ALLIEVO UFFICIALE DI NAVIGAZIONE) (5 Liv EQF) Codice Progetto: in attesa di assegnazione INDICE BANDO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA DI TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ DELLE PERSONE E DELLE MERCI CONDUZIONE DEL MEZZO E GESTIONE APPARATI CONDUZIONE DEL MEZZO

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA in INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE CLASSE 29 S Obbiettivi Formativi e Ambiti Occupazionali

FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA in INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE CLASSE 29 S Obbiettivi Formativi e Ambiti Occupazionali FAOLTA DI INGEGNERIA ORSO DI LAUREA SPEIALISTIA in INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE LASSE 29 S Obbiettivi Formativi e Ambiti Occupazionali Il orso di Laurea Specialistica in Ingegneria dell Automazione ha come

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA MECCANICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA MECCANICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA MECCANICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

II^ Edizione della Scuola EMAS di L Aquila BANDO DI AMMISSIONE BANDO DI AMMISSIONE

II^ Edizione della Scuola EMAS di L Aquila BANDO DI AMMISSIONE BANDO DI AMMISSIONE II^ Edizione della Scuola EMAS di L Aquila BANDO DI AMMISSIONE Il Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione EMAS Italia e la Commissione Nazionale Scuole EMAS con comunicazione del 19 dicembre 2006, Prot. n 1233/EMAS,

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH94 Pag. 1 di 7 PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER 1 26.09.2002 Rev. Generale

Dettagli

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE UNIVERSITÀ DEL SALENTO FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN TRADUZIONE LETTERARIA E TRADUZIONE TECNICO-SCIENTIFICA Classe 104/S La laurea

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale. (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05.

Regolamento per il reclutamento del personale. (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05. Regolamento per il reclutamento del personale (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05.2011) 1. PREMESSE In attuazione delle disposizioni di cui all'art.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA TRIENNALE DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN DELLA MODA

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA TRIENNALE DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI DIPLOMA TRIENNALE DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN DELLA MODA ACCADEMIA DELLA MODA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI DIPLOMA TRIENNALE DI PRIMO LIVELLO IN DESIGN DELLA MODA INDICE

Dettagli

MASTER OF BUSINESS ADMINISTRATION- XXIII EDIZIONE CIMBA - UNIVERSITY OF IOWA

MASTER OF BUSINESS ADMINISTRATION- XXIII EDIZIONE CIMBA - UNIVERSITY OF IOWA MASTER OF BUSINESS ADMINISTRATION- XXIII EDIZIONE CIMBA - UNIVERSITY OF IOWA CIMBA CIMBA, in Italia dal 1991, è un consorzio di 36 Università americanecon sede a Paderno del Grappa (TV) che organizza programmi

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

ORIENTAMENTO ALL UNIVERSITA

ORIENTAMENTO ALL UNIVERSITA ORIENTAMENTO ALL UNIVERSITA Proposte formative e informative per l a.s. 2013-2014 U.O.C. Orientamento, Stage, Placement Viale Europa, 39 25133 Brescia tel. 030 2016083, e-mail orientamento@amm.unibs.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Ingegneria

Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Ingegneria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Ingegneria Obiettivi didattici INGEGNERIA MECCANICA ll Corso di studio ha l obiettivo di fornire agli

Dettagli

Esami di qualifica professionale Anno scolastico 2013/14

Esami di qualifica professionale Anno scolastico 2013/14 Anno scolastico 2013/14 Circolare dell'usr Puglia del 16 aprile 2014 Deliberazione della Giunta Regionale del 4 marzo 2014, n. 379 pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 4 del 25/03/2014

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER Tecnico Superiore per il risparmio energetico nell edilizia sostenibile e per la riqualificazione del patrimonio edilizio LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI, U.O. PROCESSI E STANDARD CARRIERE STUDENTI SERVIZIO POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI, U.O. PROCESSI E STANDARD CARRIERE STUDENTI SERVIZIO POST-LAUREAM CORSO DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN PROJECT MANAGEMENT: DAL PROGETTO AL BUSINESS - A.A. 2013/14 CFU 10 Lingua: Italiano ANAGRAFICA DEL CORSO - A Percentuale di frequenza obbligatoria

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1

FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 SEZIONE UNDICESIMA FACOLTÀ DI ECONOMIA (SEDE DI PIACENZA) ART. 1 Alla Facoltà di Economia (sede di Piacenza) afferiscono i seguenti corsi di laurea triennali: a) corso di laurea in Economia aziendale b)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE (CLASSE N. 35/S) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN MARKETING INTERNAZIONALE

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN MARKETING INTERNAZIONALE MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN MARKETING INTERNAZIONALE ANNO ACCADEMICO 2010 2011 Regolamento ed ordinamento didattico Il Master di primo livello in Marketing del Commercio Internazionale, sarà

Dettagli

Il bando, inoltre, per quanto possibile, potrà accorpare più posti da ricoprire.

Il bando, inoltre, per quanto possibile, potrà accorpare più posti da ricoprire. REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE PROGRESSIONI VERTICALI NEL SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Il piano relativo alla programmazione delle

Dettagli

Tecnico superiore di processo,prodotto,comunicazione e marketing per il settore arredamento

Tecnico superiore di processo,prodotto,comunicazione e marketing per il settore arredamento BANDO DI AMMISSIONE AL CORSO ITS Area: NUOVE TECNOLOGIE PER IL MADE IN ITALY Tecnico superiore di processo,prodotto,comunicazione e marketing per il settore arredamento Art. 1 La Fondazione Istituto Tecnico

Dettagli

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa.

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. Motivazione dell idea progettuale. Gli studenti degli Istituti

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA DI TECNICO SUPERIORE

BANDO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA DI TECNICO SUPERIORE Provincia di Latina ITS - FONDAZIONE G. CABOTO BANDO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA DI TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ DELLE PERSONE E DELLE MERCI CONDUZIONE

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN --ESPERTO IN PROGETTI EUROPEI E SISTEMI E-LEARNING-- MASTER EU-LEARN

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN --ESPERTO IN PROGETTI EUROPEI E SISTEMI E-LEARNING-- MASTER EU-LEARN Università Ca Foscari di Venezia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Centro di Eccellenza Interateneo per la Ricerca, l Innovazione e la Formazione Avanzata MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN --ESPERTO

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli