AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE"

Transcript

1 NOTIZIARIO DOCUMENTI Alessandro Corsi Università degli Studi di Torino Dipartimento di Economia S. Cognetti de Martiis AGRICOLTURA BIOLOGICA IN PIEMONTE ab agricoltura biologica L Agricoltura biologica piemontese Un analisi delle strutture e delle forme di commercializzazione Nell ambito del convegno LogicamenteBIO, dove va l agricoltura biologica? organizzato dalla Regione Piemonte e svoltosi il 23 novembre scorso presso il Centro Incontri della Regione Piemonte, a Torino, è stato presentato il volume L agricoltura biologica piemontese un analisi delle strutture e delle forme di commercializzazione. La pubblicazione illustra i risultati di una ricerca promossa dalla Regione Piemonte e condotta dall Università di Torino in collaborazione con le associazioni dei produttori, di cui di seguito pubblichiamo una sintesi. Lo studio, esperienza finora unica in Italia, indaga la realtà dell agricoltura biologica in Piemonte con un approccio sistematico e approfondito. Ne emerge un quadro che offre numerosi spunti di valutazione e riflessione, estendibili al di là dei confini regionali per una costruttiva occasione di confronto. L indagine, che ha coinvolto1600 aziende intervistate sul campo, evidenzia i dati sul valore economico della produzione, propone un analisi delle strutture e delle forme di commercializzazione, rileva gli orientamenti degli agricoltori e le attese per il futuro. Pubblichiamo qui una sintesi dell interessante lavoro. La pubblicazione è edita dalla Regione Piemonte per la collana dei Quaderni della Regione Piemonte Agricoltura. e può essere richiesta alla redazione, corso Stati Uniti 21, Torino. Questo lavoro ha l obiettivo di fornire un quadro delle caratteristiche strutturali e del peso dell agricoltura biologica all interno dell agricoltura piemontese, ed in particolare di ottenere una valutazione dei canali di commercializzazione dei prodotti biologici da parte delle aziende. A questo scopo è stata condotta una rilevazione totale delle aziende biologiche iscritte nei registri regionali. Per quanto riguarda le caratteristiche generali dell agricoltura biologica, la SAU delle aziende biologiche è di 36927,11 ha, pari al 3,44% della SAU regionale rilevata dal Censimento dell Agricoltura del Non tutta la superficie delle aziende biologiche, tuttavia, è investita a coltivazioni biologiche. La SAU delle colture biologiche e in conversione è pari all 81,2% della SAU delle aziende biologiche, e ammonta a ,55 ha, corrispondente al 2,79% della SAU piemontese. Il riparto della SAU biologica vede la percentuale maggiore coperta dai prati e pascoli, per un valore del 48,5% del totale; seguono i cereali 20 (22,1%), fra i quali il più importante è il riso; le coltivazioni legnose agrarie (15,8%), con al primo posto il castagno, seguito dai vigneti di qualità; le foraggere (7,2%); e le piante industriali (4,6%), fra le quali la coltura più importante è il girasole. Per quanto riguarda gli allevamenti, i bovini assommano a circa capi (2,5% del numero rilevato nell ultimo censimento), gli ovini a capi (8,4%), i caprini a capi (8,7%), i suini a (1,8%), gli avicoli a capi (2%). Le aziende biologiche rilevate e operanti sono 1655, pari all 1,4% del numero totale delle aziende regionali rilevate dal Censimento dell Agricoltura del Le aziende che effettuano coltivazioni sono 1610, quelle con allevamenti (compresi gli apicoli) 611, e quelle che effettuano trasformazioni 389; ovviamente, la stessa azienda può ricadere in più di una di queste categorie. Le caratteristiche strutturali delle aziende biologiche non sono molto diverse da quelle dell insieme regionale. La loro distribuzione per classi di ampiezza vede una concentrazione nelle classi di superficie più ridotte: le aziende inferiori a 5 ha costituiscono da sole il 39% del numero totale (ma contribuiscono solo al 3% della SAU complessiva), mentre le aziende superiori ai 50 ha, pari al 9% del totale, assommano il 65% della SAU totale; tuttavia la concentrazione nelle dimensioni minori è meno forte che per il complesso regionale, e la dimensione media risulta pari a 22,3 ha di SAU per le aziende biologiche, contro una media regionale di 8,3. Le aziende con animali sono 533; quelle con allevamenti bovini sono 399, 40 quelle con suini, 107 con ovini, 112 con caprini, 41 con avicoli; ovviamente alcune aziende allevano più di una specie. Il confronto col dato piemontese indica un maggior peso fra le aziende biologiche degli allevamenti bovini di medie dimensioni ( capi), sia come numero di aziende sia come numero di capi; viceversa sono meno presenti i piccoli allevamenti, e sono assenti quelli superiori ai 500 capi. il numero medio di capi bovini per allevamento nelle aziende biologiche (50,6) risulta superiore a quello regionale (44,2). Per

2 Agricoltura 58 quanto riguarda i suini, mentre nell insieme della Regione gli allevamenti sono fortemente concentrati come numero di capi nelle classi più alte, ma con una forte dispersione, fra le aziende biologiche si ha un numero non trascurabile di aziende di dimensioni medio-piccole ( capi) e medie ( ); il peso degli allevamenti di dimensioni superiori è maggiore di quello del complesso della Regione come numero di aziende (17,5% contro 14,6%), ma leggermente inferiore (86%) come numero di capi. Anche per i suini il numero medio di capi per allevamento risulta superiore nelle aziende biologiche (412,0) rispetto alla Regione nel suo complesso (260,6). La maggiore concentrazione di aziende con ovini si ha nella classe fra 20 e 50 capi, mentre in Regione è nella dimensione 3-9 capi; anche se mancano fra le aziende biologiche allevamenti di grandissime dimensioni, il numero medio di capi per allevamento è maggiore fra le aziende biologiche (69,2) che nel complesso della Regione (39,8). Per quanto riguarda gli avicoli, la concentrazione del numero di aziende nella classe di ampiezza minore è meno accentuata che a livello regionale, e le aziende sono maggiormente distribuite su ampiezze diverse. L alto valore della consistenza media degli allevamenti biologici, pari a capi, contro una media regionale di 827 polli da carne e di 120 galline ovaiole, è da attribuire principalmente alla presenza di un azienda biologica di dimensioni notevoli. Per quanto riguarda la distribuzione delle aziende per dimensione economica, più della metà delle aziende è concentrata nelle dimensioni economiche più modeste, con vendite fino a euro; quelle che arrivano a euro sono l 85% circa. Ovviamente, vale il contrario per quanto riguarda la PLV: il 77% di essa è realizzato in aziende sopra i euro di vendite. Anche se un confronto preciso coi dati regionali non è possibile, sembrerebbe comunque che le aziende biologiche siano in qualche modo più spostate verso classi di ampiezza economica media rispetto al complesso delle aziende piemontesi. Rispetto al tipo di produzione, il gruppo di coltivazioni maggiormente diffuso fra le aziende biologiche è quello delle Coltivazioni legnose agrarie, presente nel 64% di esse, seguito dai Prati e pascoli (52%), dai Cereali (29%), dalle Patate e ortaggi (24%) e dalle Foraggere (19%). Naturalmente, le superfici investite non seguono gli stessi andamenti (la maggior estensione di superficie investita è a prati e pascoli, seguita da cereali e coltivazioni legnose agrarie): le dimensioni medie delle superfici investite per azienda si differenziano quindi notevolmente e vedono al primo posto i Cereali, con 24,45 ha, superiore a quella dei Prati e pascoli (18,24 ha), e a quella dell Arboricoltura da legno (10,19 ha) e delle Piante industriali (9,59 ha). Come si è detto, le aziende che allevano bovini sono 399, quelle con suini 40, con ovini 107, con caprini 112, ed infine con avicoli 41. Le aziende che effettuano la trasformazione dei prodotti sono 520; la categoria di prodotti trasformati che interessa il maggior numero di aziende è quella dei vini, in particolare i rossi di qualità; seguono i prodotti da latte, quelli da frutta secca, e le confetture, succhi e dolci. Il 17% delle aziende biologiche svolge poi altre attività (agriturismo, artigianato, attività dimostrative, ecc.). Per quanto riguarda la commercializzazione, un dato importante è la divisione dei prodotti biologici fra il mercato biologico e quello convenzionale. La percentuale di commercializzazione come biologico (includendo in questo termine anche i reimpieghi e l autoconsumo) è molto variabile secondo i prodotti, dal 7,4 al 100% della produzione biologica, ma in generale è alta: è inferiore alla metà solo per 5 prodotti (nocciolo, barbabietola da zucchero, altri piccoli frutti, triticale e ribes), mentre è superiore all 80% in 27 casi. Semplificando molto, si può dire che è alta per i principali frutti (mele, pere, pesche) e per le piante industriali (girasole, soia, aromatiche) con l eccezione della barbabietola; a livelli leggermente inferiori per i principali cereali, per molti ortaggi e le patate, e per l uva. Il livello molto alto della percentuale fra le foraggere è legato in grossa misura alla sua destinazione al reimpiego. Se si esamina la percentuale di produzione biologica venduta come tale, i valori sono alti soprattutto per la frutta, per alcuni cereali (specie il riso), per il pomodoro ed alcune piante industriali (soia e aromatiche). Questi sono prodotti che trovano sul mercato un adeguato riconoscimento delle 21

3 DOCUMENTI loro caratteristiche. In altri casi, questo non avviene, o perché sono prodotti prevalentemente reimpiegati (e per i quali, quindi il riconoscimento eventuale della caratteristica biologica è affidata ai prodotti trasformati), o perché trovano difficoltà a collocare come biologica la propria produzione. Considerando più in dettaglio i diversi canali di commercializzazione, per i cereali, le leguminose da granella, le piante industriali e le colture arboree il canale prevalente dei prodotti biologici venduti è quello dell ingrosso, con una presenza in alcuni casi di quello cooperativo; anche le foraggere sono vendute prevalentemente all ingrosso, ma una parte consistente è anche venduta in azienda o in altri canali; viceversa patate e ortaggi presentano la maggiore differenziazione dei canali di commercializzazione, perché (con l eccezione del pomodoro da industria, che ricalca il comportamento dei cereali) la vendita diretta in azienda assume un rilievo primario, spesso superiore a quello della vendita all ingrosso, e si ha una presenza spesso non trascurabile della vendita diretta sui mercati, in negozi specializzati ed alla ristorazione. In generale, coerentemente con le dimensioni generalmente ridotta delle aziende, la quantità media dei prodotti vegetali venduti è abbastanza modesta. Fra i prodotti zootecnici, solo il 52% del latte biologico è commercializzato come tale, mentre per le uova la percentuale è invece del 97%, e per il miele del 18%. I canali commerciali per il latte sono solo l ingrosso e le cooperative; per le uova, accanto all ingrosso vi è una certa presenza dei negozi specializzati, come pure per il miele, che è anche venduto a cooperative o in azienda. Per i prodotti trasformati, infine, la situazione è molto differenziata: la percentuale di produzione biologica commercializzata come tale è generalmente alta per i prodotti da cereali, le conserve, i succhi e dolci, i prodotti da erbe e gli oli; fra i vini, è alta per i vini di qualità, specie i bianchi, minore per spumanti e vini da tavola. Esaminando i canali di vendita dei prodotti trasformati biologici, la vendita in azienda assume un forte peso per molti di essi (vini, prodotti da cereali, da latte, da carne, le conserve vegetali), mentre il canale della vendita all ingrosso non ha un peso preponderante (le percentuali sono consistenti solo per i vini, i risotti, il latte, le confetture, i prodotti da erbe e le castagne secche); nel complesso, la situazione della commercializzazione dei prodotti trasformati è decisamente migliore rispetto ai prodotti vegetali grezzi: la gran parte di queste produzioni sono biologiche, e trovano in larga misura uno sbocco per la vendita come tali; i canali di commercializzazione sono piuttosto differenziati e con un peso non preponderante della vendita all ingrosso, il che indica che i produttori sono in grado di trovare sbocchi confacenti per questi tipi di prodotti, come dimostrato anche dal fatto che, se le quantità medie sono modeste, sono tuttavia molto più omogenee fra i diversi canali commerciali rispetto a quanto si riscontrava per i prodotti vegetali grezzi. La PLV delle aziende biologiche assomma, per quanto riguarda le colture, a circa 37,5 milioni di Euro. Di questi, le produzioni biologiche costituiscono il 68%, per un ammontare complessivo di poco più di 25 milioni di euro; le colture in conversione costituiscono una piccola quota del totale, l 1,7%, per un valore di circa euro. Il peso della PLV derivante da colture biologiche è alta nelle colture arboree, nelle colture industriali, e nelle patate e ortaggi; nei cereali, invece, si ha una presenza diffusa di colture convenzionali. Sulla PLV derivante da colture biologiche, il gruppo che ha il maggior peso è quello delle colture arboree (quasi il 39% del totale), seguite dai cereali (33%), mentre patate e ortaggi e piante industriali si collocano entrambe poco sopra il 10%. All interno delle categorie, poi, il peso delle singole colture è ovviamente molto diverso. In assoluto, la coltura che realizza la maggiore PLV biologica è il riso, che pesa per il 23,5% del totale, e da solo realizza quasi 6 milioni di euro di PLV biologica. Sul complesso della PLV vegetale biologica, il 77% deriva da commercializzazione sul circuito biologico. I maggiori problemi di sbocco sui canali biologici sembrano aversi per le colture arboree, soprattutto per l uva da vino, mentre per le principali colture frutticole (con l eccezione del castagno) la percentuale di commercializzazione biologica è molto più alta; non sembrano neppure sussistere problemi né per i cereali, né per le leguminose da granella, né per le piante industriali, con l eccezione della barbabietola; la categoria patate e ortaggi si colloca su livelli un po più bassi, ma comunque largamente soddisfacenti; i foraggi si collocano all estremo inferiore, ma il loro peso sul totale è ridotto. Complessivamente, la 22

4 Agricoltura 58 PLV dei prodotti vegetali biologici venduti come tali ammonta a 19,5 milioni di euro, che costituiscono il 52% della PLV vegetale complessiva delle aziende rilevate. Esaminando la ripartizione percentuale della PLV della produzione biologica vegetale venduta come tale, il canale principale è l ingrosso (68,8%) che, insieme alle cooperative (8%) e alle vendite altro (che riguarda quasi totalmente le riserie: 12,1%) assomma all 88,9% del totale; i canali che permettono di trattenere una parte maggiore del valore aggiunto, quali la vendita diretta in azienda (6,6%) e nei mercati (1,9%) o nei negozi specializzati (1,7%) rimangono complessivamente nettamente minoritari. Tuttavia ciò non è vero per tutte le colture: ad esempio, per patate e ortaggi, la PLV realizzata tramite canali che consentono di trattenere una quota maggiore del valore aggiunto (vendita diretta in azienda, su mercati locali, a domicilio, nei negozi specializzati e nei ristoranti), arriva al 43,9% del totale; molto meno alto è il corrispondente valore per le colture arboree (9,7%), una categoria di colture per le quali ci si potrebbe aspettare una certa facilità di accesso a questi sbocchi, mentre per cereali, leguminose da granella, piante industriali non è evidentemente possibile pensare a canali di distribuzione molto differenziati. Gli allevamenti forniscono una PLV biologica di circa 8,9 milioni di euro (non sono disponibili i dati per i prodotti convenzionali), attribuibile per due terzi circa ai prodotti zootecnici biologici, e per il restante terzo agli animali vivi. I prodotti zootecnici biologici realizzano una PLV di circa 6 milioni di euro, pressoché ugualmente ripartiti fra latte (il 34% del totale), miele (33,4%) e uova (32,6%). La percentuale venduta come prodotto biologico è abbastanza alta: 98,6% per le uova, 86,9% per il miele e 51,9% per il latte. Per quanto riguarda i canali di commercializzazione, per il latte il conferimento è effettuato in misura preponderante all ingrosso (86,7% della PLV commercializzata come biologica) e alle cooperative (11,8%), mentre solo una quota minima deriva dalle vendite in negozi specializzati (1,4%); per le uova, all ingrosso (72,2%) si affiancano i negozi specializzati (21,8%) e la grande distribuzione (2,6%); per il miele si ha una maggiore diversificazione, con l ingrosso al 42,1%, la cooperazione al 21,4%, la grande distribuzione al 13,9%, mentre le vendite in azienda (10,5%), quelle dirette sui mercati (6,5%), nei negozi specializzati (4,9%) hanno un peso non trascurabile. Le vendite di animali biologici assommano a 2,9 23

5 DOCUMENTI milioni di euro, per quasi tre quarti dovuta ai bovini, mentre i suini coprono il 20,5%, gli ovini il 2,8, i caprini l 1,9 e gli avicoli lo 0,3%. Complessivamente, solo il 60,4% della PLV deriva da una commercializzazione degli animali come biologici, a causa del comparto suino, per il quale solo il 15% degli animali è venduto come biologico, contro il 71% dei bovini, il 97% degli ovini, l 85% dei caprini. La PLV derivante da prodotti trasformati in azienda è complessivamente di 14,4 milioni di euro, di cui quella che deriva da prodotti biologici è l 80,2% (11,5 milioni di euro). La componente principale della PLV da prodotti trasformati biologici è costituita dai vini (58,9%), specie i rossi di qualità, seguita dai prodotti da erbe (10,2%), dai prodotti da cereali (8,5%), al cui interno riso confezionato e risotti sono rilevanti; la PLV dei prodotti da latte (5,9%) è costituita quasi interamente da formaggi, mentre quella dei prodotti da frutta secca (6,5%) dalle castagne secche e fra le confetture, succhi e dolci (4,7%) prevalgono confetture e marmellate. Per i prodotti trasformati, con poche eccezioni, la PLV è realizzata in larghissima prevalenza sui canali biologici ed, all interno di questi, si ha una prevalenza della filiera corta o cortissima e di canali che valorizzano la qualità biologica (negozi specializzati, ristorazione), con qualche spunto anche di commercializzazione più innovativa, come le vendite su Internet ed a domicilio. Ad esempio, la vendita in azienda è nettamente prevalente per i prodotti da carne e da latte (83,1 e 69,8% della PLV da commercializzazione biologica), ed alta per i vini da tavola (58,2%), le conserve vegetali (55,1%), le confetture, succhi e dolci (48,4%), i vini bianchi e rossi DOC-DOCG (28,2 e 34,2% rispettivamente); l ingrosso rimane importante per i vini (con l eccezione degli spumanti) e per i prodotti da erbe e da frutta secca; quasi tutte le categorie realizzano una quota apprezzabile della PLV attraverso i negozi specializzati, con percentuali che arrivano al 26,8% per i vini bianchi di qualità ed al 21% per i prodotti da latte, ma che sono rilevanti anche per i vini rossi DOC-DOCG (15,7%), per i prodotti da cereali (14,9%) ed i prodotti da erbe (15,5%); sono poi da segnalare le percentuali elevate della ristorazione per i prodotti da cereali (52,4%) e quella (17,4%) del canale Internet per i prodotti da erbe. Complessivamente, la PLV delle aziende ammonta a 60,8 milioni di euro; di questi, tre quarti (75,3%) derivano da produzioni biologiche, mentre il restante 24,7% è da attribuire alle colture convenzionali o in conversione. La produzione biologica ha un valore complessivo di 45,8 milioni di euro, di cui 34,5 sono realizzati sui circuiti biologici, mentre 11,3 milioni derivano da vendite dei prodotti biologici come convenzionali. Le colture contribuiscono per il 55,3% alla PLV da prodotti biologici, i prodotti zootecnici per il 19,5% ed i prodotti trasformati per il 25,2%. Il confronto coi valori regionali (che deve essere preso solo come ordine di grandezza, date le differenze metodologiche) mostra che la PLV derivante da produzioni biologiche (escludendo quindi quella derivante da produzioni convenzionali presenti in azienda) è pari all 1,5% del totale regionale; se si esclude dal confronto il valore delle produzioni degli allevamenti, per i quali la comparabilità è più problematica, il peso del biologico sale al 2%. Se poi si considerano le sole produzioni biologiche commercializzate come tali, le percentuali calano rispettivamente all 1,1 ed all 1,6%. L importanza delle produzioni biologiche è molto variabile a seconda dei settori. Il peso maggiore rispetto al totale regionale si riscontra nelle piante industriali (5,6%), soprattutto grazie alla soia (13,7%) e alle altre, comprese le spontanee (25,4%), nelle quali abbiamo collocato le piante aromatiche; su livelli superiori alla media si collocano anche le colture arboree a frutto annuo (3,5%), in particolare le pere (9,9%), le pesche (2,6%), l actinidia (3,1%), le susine (5,1%), le albicocche (4,2%) e l uva da tavola (23,6%); i cereali biologici non hanno un peso rilevante sul totale piemontese (1,2%), ma vanno segnalati i cereali minori (4,2%) ed il riso (2,3%); fra le numerose colture comprese nella categoria patate e ortaggi (1,3%) spiccano i pomodori (5%); fra i prodotti degli allevamenti (0,7%), solo le uova (2,9%) e gli ovi-caprini (3,1%) realizzano una percentuale relativamente elevata. Il 60,2% delle aziende si è avvalso negli ultimi tre anni di servizi di assistenza tecnica. Nel complesso, il servizio è apprezzato da coloro che lo utilizzano, dato che il 95% lo ritiene molto o abbastanza adeguato alle esigenze aziendali. Fra quelli che non lo utilizzano, la ragione principale è che lo ritengono non necessario (47,6%), seguita dal costo eccessivo (38,5%). Agli intervistati è stato anche domandata la loro opinione sui principali problemi dell agricoltura biologica e sulle loro future intenzioni. Tre tipi di problemi principali emergono dal giudizio degli agricoltori biologici: 1) quello, sicuramente preponderante, della difficoltà di reperimento degli sbocchi commerciali per la propria produzione, con la conseguenza di prezzi di vendita insoddisfacenti; 2) quello, di entità minore, relativo alle difficoltà tecniche di produzione, che però si associa frequentemente anche a problemi commerciali; 3) infine quello, più strettamente di calcolo economico, del rapporto fra costi di produzione e prezzi di vendita. Questo è confermato dalle ragioni della vendita come convenzionali dei propri prodotti biologici, che è indicata prevalentemente nella mancanza di sbocchi di mercato (84% del totale delle aziende che non certificano totalmente la loro produzione), seguita dallo scarso o nullo differenziale di prezzo fra convenzionale e biologico (4,3%); i costi della certificazione sembrano essere solo una componente secondaria fra le motivazioni, pesando per meno del 4%. Riguardo alle intenzioni, il 64% degli agricoltori biologici intende mantenere il livello attuale di produzione, ed un ulteriore 14% pensa di aumentarlo (soprattutto nel campo delle produzioni vegetali), per un totale di soddisfatti del 78,5%; tuttavia il 3,4% pensa di ridurla, ed il 18% (299 agricoltori) pensa addirittura di cessarla. Le ragioni principali per ridurre la produzione sono la mancanza di convenienza economica e gli scarsi sbocchi di mercato. La motivazione più importante per la cessazione dell attività 24

6 Agricoltura 58 biologica è invece la fine dei sussidi (30%), ma anche la mancanza di convenienza economica (24%) e di sbocchi di mercato (17%) sono considerate rilevanti. Un breve questionario è stato sottoposto alle aziende che avevano cessato la produzione biologica: le aziende in questione erano 204 (11% del totale delle aziende intervistate), di cui 25 erano aziende che avevano cessato completamente l attività agricola, mentre le aziende che avevano abbandonato la produzione biologica erano 186 (10% del totale). Il motivo più importante indicato per la cessazione della produzione biologica è l uscita dal regime dei contributi (45%), seguito dalla difficoltà di trovare uno sbocco ai prodotti biologici (14%) e dai costi eccessivi di certificazione (11,5%). La scelta di abbandonare il biologico è in larga parte considerata irreversibile. Infatti, alla domanda successiva se prevedessero di tornare alla produzione biologica, se fossero cambiate le condizioni attuali, il 54,4% risponde di no, contro il 43,6% di sì, ed il 2% che non si pronuncia. Incrociando queste risposte con le motivazioni dell abbandono del biologico, risulta evidente che quelli che hanno abbandonato il biologico per la cessazione del regime dei contributi, per i costi di certificazione e per le complicazioni burocratiche sono relativamente disponibili a riprenderne la produzione ove se ne creassero le condizioni, mentre quelli che avevano denunciato come ragioni la mancanza di sbocchi di mercato e le difficoltà tecniche, oltre alle ragioni personali, sono invece in larghissima misura intenzionati a non riprendere l esperienza. In conclusione, l agricoltura biologica rappresenta una realtà limitata rispetto al complesso dell agricoltura piemontese, sia in termini di numero di aziende operanti, sia come peso sulla SAU sul valore della produzione piemontese. Tuttavia, anche al suo interno si ha una prevalenza di piccole aziende, da questo punto di vista non si discosta dal complesso dell agricoltura regionale, anzi per certi versi la situazione strutturale è migliore; inoltre l agricoltura biologica piemontese è caratterizzata da una forte diversità delle produzioni ed è quindi in grado di fornire una gamma fortemente differenziata di prodotti. L analisi della commercializzazione e dei suoi canali mostra però che non sempre le aziende sono in grado di valorizzare adeguatamente i loro prodotti. Una parte dei prodotti biologici viene infatti venduta come convenzionale, in percentuali che variano molto per comparto e per prodotto. Il problema è maggiore per quelli vegetali, con forti differenze al loro interno, ma anche per alcuni prodotti degli allevamenti, molto meno per i prodotti trasformati. Il quadro della commercializzazione quindi, anche se non è affatto negativo, presenta molte possibilità di miglioramento, sia sotto l aspetto della valorizzazione dei prodotti biologici come tali, sia sotto l aspetto dell attivazione di canali di vendita meno tradizionali e che permettano di sfruttare meglio le caratteristiche del prodotto. Viceversa, sembrano meno importanti i problemi tecnici. In definitiva, il settore appare anche in grado di adattarsi, anzi appare in atto un processo di ristrutturazione, che vede l abbandono da parte di aziende che non hanno potuto o saputo sfruttare le potenzialità della produzione biologica, o che l avevano adottata principalmente in funzione della riscossione di sussidi. Tuttavia appare necessaria, per lo sviluppo ulteriore del settore, una particolare attenzione al problema della commercializzazione e della concentrazione dell offerta. 25

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi Presentazione dei dati definitivi Valle d'aosta Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Valle d'aosta, del 5 Censimento generale dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano

Dettagli

Il biologico in Piemonte

Il biologico in Piemonte Quaderno della Il biologico in Piemonte 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione Agri.Bio. Piemonte è stata fondata, nel 2007, quale associazione regionale di promozione dell agricoltura

Dettagli

I costi di produzione nelle aziende biologiche

I costi di produzione nelle aziende biologiche I costi di produzione nelle aziende biologiche Alessandro Corsi, Dipartimento di Economia, Università di Torino Questo articolo riporta i risultati della ricerca, finanziata dalla Regione Piemonte, su

Dettagli

Friuli-Venezia Giulia

Friuli-Venezia Giulia Presentazione dei dati definitivi Friuli-Venezia Giulia Vengono diffusi oggi i risultati definitivi del 5 Censimento dell agricoltura in Friuli- Venezia Giulia. I dati qui presentati riguardano, in particolare,

Dettagli

Romania: il mercato dei prodotti BIOLOGICI

Romania: il mercato dei prodotti BIOLOGICI Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Romania: il mercato dei prodotti BIOLOGICI Ufficio di Bucarest Str.A, D. Xenopol nr.15, 010472 Bucuresti T +40 21

Dettagli

Presentazione dei dati definitivi Toscana

Presentazione dei dati definitivi Toscana Presentazione dei dati definitivi Toscana Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Toscana, del 5 Censimento dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano le caratteristiche

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA ROMAGNA ANNO 2013

RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA ROMAGNA ANNO 2013 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA, ECONOMIA ITTICA, ATTIVITÀ FAUNISTICO-VENATORIE Servizio Percorsi di qualità, relazioni di mercato e integrazioni di filiera U.O. RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA

Dettagli

Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura

Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Le aziende agricole di Padova nel 6 Censimento Generale dell'agricoltura Questo lavoro prende in esame le aziende agricole che hanno la propria

Dettagli

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari DIREZIONE OPERE PUBBLICHE ECONOMIA MONTANA E FORESTE La programmazione integrata delle filiere agro alimentari nelle aree LEADER del Piemonte Torino, 27 novembre 2014 1 PSR 2007 2013 ASSE IV LEADER 13

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 2. L agricoltura italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, secondo i conti economici dell agricoltura pubblicati da Eurostat, il reddito agricolo italiano

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

FOCUS ottobre 2014. L agricoltura pugliese attraverso i dati delle rilevazioni censuarie PREMESSA. Fonti: Istat - data warehouse Censimento Generale

FOCUS ottobre 2014. L agricoltura pugliese attraverso i dati delle rilevazioni censuarie PREMESSA. Fonti: Istat - data warehouse Censimento Generale generale, alla direzione dell unità agricola, iii) in altra forma di condizione esempio compartecipanti quando individualmente alcuni soggetti si obbligano a coltivare in compartecipazione un terreno altrui

Dettagli

L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50

L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50 REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA L.R. n. 63/78 artt. 42 e 50 CREDITI DI GESTIONE ISTRUZIONI OPERATIVE Pagina 1 1. PREMESSE La

Dettagli

CARATTERISTICHE STRUTTURALI

CARATTERISTICHE STRUTTURALI CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLE AZIENDE AGRICOLE DELLA FILIERA DELLE PIANTE OFFICINALI Corrado Ievoli Università del Molise www.ismea.it www.ismeaservizi.it ROMA 17/07/2013 L APPROCCIO E LE FONTI STATISTICHE

Dettagli

ASSESSORATO AGRICOLTURA Direzione Generale Agricoltura Bologna (Italy) Autorit

ASSESSORATO AGRICOLTURA Direzione Generale Agricoltura Bologna (Italy) Autorit ASSESSORATO AGRICOLTURA Direzione Generale Agricoltura Bologna (Italy) Autorit Autorità locale competente in agricoltura Guido Violini Servizio Valorizzazione delle produzioni Qualificazione delle produzioni

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

www.isolabiosicilia.it

www.isolabiosicilia.it Consorzio Isola Bio Sicilia Consorzio per la valorizzazione dei prodotti biologici e lo sviluppo rurale Struttura e finalità del consorzio www.isolabiosicilia.it Generalità sul consorzio Il Consorzio Isola

Dettagli

L agricoltura biologica piemontese

L agricoltura biologica piemontese L agricoltura biologica piemontese Un analisi delle strutture e delle forme di commercializzazione Alessandro Corsi Università di Torino 1 Obiettivi della ricerca Reperire informazioni su: Le caratteristiche

Dettagli

L agricoltura biologica piemontese

L agricoltura biologica piemontese L agricoltura biologica piemontese Un analisi delle strutture e delle forme di commercializzazione Alessandro Corsi Università di Torino 1 Obiettivi della ricerca Reperire informazioni su: Le caratteristiche

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 2293 del 10 dicembre 2013 pag. 1/7

ALLEGATOB alla Dgr n. 2293 del 10 dicembre 2013 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 2293 del 10 dicembre 2013 pag. 1/7 TAB. 1 Tabella valori medi unitari convenzionali standard di tempo di lavoro e reddito da lavoro ai fini delle qualifiche

Dettagli

Il biologico in Basilicata

Il biologico in Basilicata Quaderno della Il biologico in Basilicata 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione Con.Pro.Bio Lucano è il Consorzio dei Produttori Biologici della Basilicata che conta una ventina di

Dettagli

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/2011 AGRICOLTURA BIOLOGICA IN CIFRE AL 31/12/ Dalla prima analisi dei dati forniti al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali dagli Organismi di Controllo (OdC) operanti in Italia al 31 dicembre

Dettagli

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE Il fenomeno dell invecchiamento nella conduzione aziendale 1. I CONDUTTORI AGRICOLI NELL UNIONE EUROPEA Secondo i più recenti dati disponibili

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI

DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE Allegato 1 alla Determinazione n. 15737/706 DETERMINAZIONE DELLE DIMENSIONI AZIENDALI del 04.08.2009 Si ricorda che

Dettagli

Notizie Sull'Azienda

Notizie Sull'Azienda Notizie Sull'Azienda Forma di conduzione Distribuzione percentuale della Forma di Conduzione (regione Abruzzo) % delle aziende con Conduzione diretta del coltivatore con solo manodopera familiare % delle

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

CONSUMI E DIMENSIONI DEL

CONSUMI E DIMENSIONI DEL CONSUMI E DIMENSIONI DEL BIOLOGICO IN ITALIA FABIO DEL BRAVO ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Il contesto Le dinamiche recenti Il valore del mercato bio Il ruolo della GDO

Dettagli

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias

Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale. 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Abteilung 32 - Forstwirtschaft Ripartizione 32 Foreste Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale 29. Novembre 2013 Zöschg Matthias Modello Alto Adige per lo sviluppo rurale Il ruolo e funzioni del maso

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA SOCIALE NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 7 N.3/2015 I consumi privati rappresentano, in economia,

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008. Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol

PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008. Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008 Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agroalimentare e Ambientale

Dettagli

Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva

Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva Panel agroalimentari Indagini monografiche Panel Agroalimentari Ismea Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva 2005 Introduzione Attraverso le aziende del Panel delle aziende di

Dettagli

Il biologico in Toscana

Il biologico in Toscana Quaderno della Il biologico in Toscana 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione CTPB - Coordinamento Toscano Produttori Biologici - e un associazione nata nel 1983 a Firenze per iniziativa

Dettagli

Società agricola Mercuri

Società agricola Mercuri Società agricola Mercuri dove la tradizione guarda al futuro 1 L azienda agricola L azienda biologica, le cui origini risalgono al 1920, si trova a Casperia in provincia di Rieti; la conduzione è familiare

Dettagli

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti assolutamente identici possono essere l uno il risultato del metodo di produzione

Dettagli

NUMERO MEDIO ANNUO DI GIORNATE LAVORATIVE STIMATE NECESSARIE PER LE COLTURE E GLI ALLEVAMENTI PIU' DIFFUSI NELLE AZIENDE AGRICOLE DI PIANURA

NUMERO MEDIO ANNUO DI GIORNATE LAVORATIVE STIMATE NECESSARIE PER LE COLTURE E GLI ALLEVAMENTI PIU' DIFFUSI NELLE AZIENDE AGRICOLE DI PIANURA ALLEGATO 1 NUMERO MEDIO ANNUO DI GIORNATE LAVORATIVE STIMATE NECESSARIE PER LE COLTURE E GLI ALLEVAMENTI PIU' DIFFUSI NELLE AZIENDE AGRICOLE DI PIANURA COLTURE giornate/ettaro A) Erbacee 1) Grano 6 2)

Dettagli

INDICE PRESENTAZIONE...9 INTRODUZIONE...11 SIGLE E ABBREVIAZIONI...13 NOTA DI SINTESI...17

INDICE PRESENTAZIONE...9 INTRODUZIONE...11 SIGLE E ABBREVIAZIONI...13 NOTA DI SINTESI...17 PRESENTAZIONE...9 INTRODUZIONE...11 SIGLE E ABBREVIAZIONI...13 NOTA DI SINTESI...17 IL QUADRO DELL AGROALIMENTARE VENETO 1. L EVOLUZIONE DEL SISTEMA AGROALIMENTARE DEL VENETO (Davide Bortolozzo, Andrea

Dettagli

Il biologico in Sicilia

Il biologico in Sicilia Quaderno della Il biologico in Sicilia 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione AGRINOVA e una cooperativa agricola di produttori e tecnici agronomi ed ha come scopo sociale la diffusione

Dettagli

Risultati provvisori in Provincia di Milano dicembre 2011

Risultati provvisori in Provincia di Milano dicembre 2011 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA 2010 Risultati provvisori in Provincia di Milano dicembre 2011 a cura dell Ufficio Provinciale di Censimento istituito presso il Settore Agricoltura, Parchi, Caccia

Dettagli

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio Macomer 19 Novembre 2008 Giornata divulgativa Progetto Equizoobio Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio N. Fois, M. Sitzia AGRIS DiRPA Bonassai

Dettagli

Workshop 13 aprile 2011, Roma. Filiere corte. Quale impatto sul mondo produttivo e sulla società. Silvio Franco Università della Tuscia, CURSA

Workshop 13 aprile 2011, Roma. Filiere corte. Quale impatto sul mondo produttivo e sulla società. Silvio Franco Università della Tuscia, CURSA Workshop 13 aprile 2011, Roma Filiere corte. Quale impatto sul mondo produttivo e sulla società RISULTATI DEL PROGETTO FILIERA CORTA Silvio Franco Università della Tuscia, CURSA Il progetto Filiere corte

Dettagli

Il Censimento del 2010 conta 1,6 milioni di

Il Censimento del 2010 conta 1,6 milioni di 13 AGRICOLTURA Il Censimento del 2010 conta 1,6 milioni di aziende agricole con 12,9 milioni di ettari di superficie agricola utilizzata, di cui 7,7 milioni occupati da aziende specializzate in coltivazioni

Dettagli

L OFFERTA E LA DOMANDA DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA

L OFFERTA E LA DOMANDA DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA L OFFERTA E LA DOMANDA DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA Fabio Del Bravo ISMEA Bologna, 6 settembre 2014 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA 1. Come cambiano i consumi alimentari e che ruolo ha assunto

Dettagli

LE VACCHE DI LESTIZZA,

LE VACCHE DI LESTIZZA, Imp_6_2003.qxd 26/02/2004 10.24 Pagina 37 Romeo Cuzzit Direzione Regionale delle Risorse Agricole,Naturali e Forestali Gianluca Dominutti Direzione regionale Sviluppo, Programmazione e Auditing LE VACCHE

Dettagli

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI FABBISOGNI/PROBLEMI AZIENDALI

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI FABBISOGNI/PROBLEMI AZIENDALI SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE PER L INDIVIDUAZIONE DI FABBISOGNI/PROBLEMI AZIENDALI Progetto GAIA Strumento innovativo per l efficienza economica delle imprese vitivinicole Mis. 124 Cooperazione per lo sviluppo

Dettagli

I prodotti dell agricoltura biologica

I prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti privi di residui chimici ed assolutamente identici possono essere l uno il

Dettagli

6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA IN PIEMONTE. Risultati definitivi

6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA IN PIEMONTE. Risultati definitivi 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA IN PIEMONTE Risultati definitivi SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI Vengono diffusi oggi i principali risultati definitivi del 6 Censimento generale dell agricoltura

Dettagli

LISTINO 2012 Toscana-Umbria-Campania-Basilicata-Emilia Romagna- Lombardia-Liguria-Marche-Sardegna-Veneto-Friuli Venezia Giulia-Trentino A/A

LISTINO 2012 Toscana-Umbria-Campania-Basilicata-Emilia Romagna- Lombardia-Liguria-Marche-Sardegna-Veneto-Friuli Venezia Giulia-Trentino A/A LISTINO 2012 Toscana-Umbria-Campania-Basilicata-Emilia Romagna- Lombardia-Liguria-Marche-Sardegna-Veneto-Friuli Venezia Giulia-Trentino A/A TOSCANA E UMBRIA 1. Gestione avvio Per le aziende di produzione

Dettagli

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE Settimana 18 24 giugno 2012 numero 1/12 6 luglio 2012 LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE L andamento dei prezzi al dettaglio nella settimana compresa tra il 18-24 giugno, rispetto

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

AREA AMBIENTE E TERRITORIO

AREA AMBIENTE E TERRITORIO AREA AMBIENTE E TERRITORIO "VERSO UNA NUOVA STRATEGIA NAZIONALE PER L'AGRICOLTURA BIOLOGICA: LA VALORIZZAZIONE DEL BIOLOGICO ITALIANO» di Annalisa Saccardo Bologna 12 settembre 2015 IL PARADOSSO DEL BIOLOGICO

Dettagli

COLTIVANDO LA CRESCITA

COLTIVANDO LA CRESCITA COLTIVANDO LA CRESCITA Agroindustria e agricoltura: imprese, dimensione, export I punti di forza Dall agricoltore all imprenditore agricolo Le criticità L agenda per il futuro Daniele Marini Università

Dettagli

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 OSSERVATORIO CONSUMI Panel Famiglie La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 Gli acquisti nazionali Si stima in 301 milioni di euro il valore degli acquisti domestici di prodotti

Dettagli

RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA

RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ANNO 2005 A cura del prof. Roberto Fanfani Rapporto sull annata agraria della provincia di Bologna Anno 2005 INDICE PREFAZIONE Pag 5 CAPITOLO I:

Dettagli

TRADIZIONE & CULTURA

TRADIZIONE & CULTURA PALATIPICO MODENA TRADIZIONE & CULTURA Le Produzioni Agroalimentari Modenesi D.O.P. e I.G.P. Corso 30560 MARKETING STRATEGICO Laurea in Economia e marketing nel sistema agro-industriale Facoltà di Agraria

Dettagli

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE - MOLISE 2014-2020 BANDO

Dettagli

I Gruppi di Azione Locale: Driving Force dei Sistemi Agricoli Locali

I Gruppi di Azione Locale: Driving Force dei Sistemi Agricoli Locali Nel corso degli ultimi anni, le crescenti esigenze in termini di sostenibilità delle attività produttive e di consumo unite al progressivo deterioramento della redditività degli investimenti agricoli hanno

Dettagli

Allegati ALLEGATI 362

Allegati ALLEGATI 362 Allegati ALLEGATI 362 ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE ATTUALE DEL SETTORE AGRICOLO E RURALE 363 Il settore agricolo Il Valore Aggiunto prodotto dal settore agricolo campano nel 1996 ammonta a 4.343,7

Dettagli

Il biologico in Puglia

Il biologico in Puglia Quaderno della Il biologico in Puglia 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione Consorzio Puglia Natura è un consorzio cui aderiscono sia imprese agricole e agroalimentari sia consumatori

Dettagli

PAC 2020: LA "CONTROPROPOSTA" APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI

PAC 2020: LA CONTROPROPOSTA APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI PAC 2020: LA "CONTROPROPOSTA" APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI ARGOMENTO Convergenza esterna Active farmers Flessibilità tra i pilastri NOVITÀ RISPETTO ALLA PROPOSTA UE

Dettagli

Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole. Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013

Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole. Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013 Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013 Il Manuale di Corretta Prassi Coldiretti Validato dal Ministero della Salute a gennaio

Dettagli

Manuale operativo per l agriturismo

Manuale operativo per l agriturismo giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 1483 del 05 agosto 2014 pag. 1/7 Manuale operativo per l agriturismo Le informazioni riportate nel seguente manuale operativo sono inerenti a disposizioni

Dettagli

Aumento Iva: un analisi degli effetti

Aumento Iva: un analisi degli effetti Aumento Iva: un analisi degli effetti SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DA REF RICERCHE PER CENTROMARCA A partire dall ottobre 2012 potrebbe entrare in vigore l aumento di due punti percentuali dell aliquota

Dettagli

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE Direttore Area Agricoltura e Industria alimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Gli scambi

Dettagli

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI OTALL Il salone della Ricerca, Innovazione e Sicurezza alimentare Cosa abbiamo nel piatto: Tecnologie, Ambiente, Educazione, Sicurezza PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI Claudia

Dettagli

L organizzazione delle filiere biologiche italiane. Roberto Pinton

L organizzazione delle filiere biologiche italiane. Roberto Pinton L organizzazione delle filiere biologiche italiane Roberto Pinton Federazione unitaria interprofessionale Fondata nel 1992 35 associazioni nazionali o regionali di agricoltori biologici 2 associazioni

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

I risultati economici delle aziende biologiche

I risultati economici delle aziende biologiche I risultati economici delle aziende biologiche di Davide Marino e Alfonso Scardera 1 Analisi economica comparata dei processi produttivi biologici e di quelli convenzionali Sebbene l'attenzione degli economisti

Dettagli

3 miliardi di euro l anno) per finanziare le misure del. mercato) di circa 4 miliardi di euro (per l OCM non vi

3 miliardi di euro l anno) per finanziare le misure del. mercato) di circa 4 miliardi di euro (per l OCM non vi PAC 2014-20202020 L agricoltura italiana verso il futuro I NUMERI La dotazione assegnata all Italia è di circa 52 miliardi di euro, in 7 anni. Circa 27 miliardi di euro totali (circa 4 miliardi di euro

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA NOTIFICA SANITARIA

RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA NOTIFICA SANITARIA RELAZIONE TECNICA DA ALLEGARE ALLA NOTIFICA SANITARIA Il sottoscritto/a nato/a a il di nazionalità residente a Via Codice fiscale Tel. in qualità di della ditta/società con sede legale in Via Codice fiscale

Dettagli

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO

FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO FATTORIE DIDATTICHE DELLA PROVINCIA DI TORINO Il Piano di Sviluppo Rurale del Piemonte Qualità e sicurezza alimentare Claudia Cominotti R&P Ricerche e Progetti Torino E- mail : c.cominotti@repnet.it 1

Dettagli

Il biologico in Sardegna

Il biologico in Sardegna Quaderno della Il biologico in Sardegna 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione ASAB Sardegna associa produttori e trasformatori biologici, tecnici e consumatori; ha nei suoi compiti

Dettagli

Realizzazione a cura di Ismea Responsabile della Ricerca. Responsabile Scientifico. Redazione

Realizzazione a cura di Ismea Responsabile della Ricerca. Responsabile Scientifico. Redazione Realizzazione a cura di Ismea Responsabile della Ricerca Ezio Castiglione Responsabile Scientifico Giovanni Razeto Redazione Michele Pennucci, Massimiliano Crociani, Alessio Almoto La ricerca è stata eseguita

Dettagli

Azienda agricola Leopoldo Fazzolari

Azienda agricola Leopoldo Fazzolari Azienda agricola Leopoldo Fazzolari biologico, benessere animale, tracciabilità 11 L'Azienda Agricola L'Azienda biologica Fazzolari si trova a S. Janni di Cutro in provincia di Catanzaro. Nasce alla fine

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

Biogas: chimera o realtà?

Biogas: chimera o realtà? Biogas: chimera o realtà? La produzione di energia verde da biogas può essere sostenibile solo se gestita in modo professionale Collecchio, Green Days 21 Settembre 2013 Il biogas in Italia Impianti in

Dettagli

CROSSING INTERNATIONAL SERVICES SH.PK.

CROSSING INTERNATIONAL SERVICES SH.PK. AMBITI DI SVILUPPO ED OPPORTUNITA IMPRENDITORIALI NEL SETTORE AGRICOLO, ZOOTECNICO ED AGROALIMENTARE SUL TERRITORIO ALBANESE ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO AIC/CIA del 12 Febbraio 2010 Gli ambiti di sviluppo

Dettagli

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE Diversificazione in un contesto di grande pregio naturalistico 1 L azienda L azienda agrituristica si trova a Caronia (ME) nell area del Parco dei Nebrodi; è

Dettagli

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO RURALE L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI BIOLOGICO: NON SOLO MERCATO LE REGOLE L'agricoltura biologica rappresenta uno dei comparti dell'agroalimentare di qualità di maggior

Dettagli

IV Forum settore agroalimentare

IV Forum settore agroalimentare IV Forum settore agroalimentare Patti di Filiera Agroalimentare per lo Sviluppo del Sulcis Iglesiente Patto di Filiera: Filiera delle carni. Riunione del 06 ottobre 2011 - ore 16:00 Sala Conferenze Via

Dettagli

Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili

Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili Tra il 1990 e il 2008 le importazioni ed i consumi dell Europa hanno contribuito alla deforestazione di 9 milioni di ettari (una superficie

Dettagli

La Toscana al 6 Censimento Generale

La Toscana al 6 Censimento Generale na regione Toscana ilità diritti Valori innovazione sostenibilità La Toscana al 6 Censimento Generale dell Agricoltura Risultati Provvisori La Toscana al 6 Censimento Generale dell Agricoltura Risultati

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole OBIETTIVI DELL INIZIATIVA La misura introduce un regime di sostegno per le imprese agricole che realizzano investimenti

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

Le aziende olivicole nel 6 Censimento Generale dell Agricoltura

Le aziende olivicole nel 6 Censimento Generale dell Agricoltura Le aziende olivicole nel 6 Censimento Generale dell Agricoltura Nel 21, secondo i risultati del 6 Censimento Generale dell Agricoltura, il settore olivicolo conta 92.75 aziende, in flessione del 19% circa

Dettagli

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA NICOLA LASORSA - ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it IL VALORE DEL MERCATO BIO AL CONSUMO IN ITALIA -2014 STIMA DEL MERCATO RETAIL

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER. Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER. Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007/2013 ASSE IV LEADER Programma di Sviluppo Locale del GAL Giarolo Leader CRESCERE IN RETE MISURA 431 Azione 2.b Informazione sull attività del GAL Attività di animazione

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario

Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario Novembre 2006

Dettagli

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI PRESIDENTE GRUPPO GESTIONE DEI RISCHI COPA-COGECA 1. QUALI I RISCHI PER UN IMPRESA AGRICOLA 2. PERCHE SOSTENERE LA GESTIONE DEI RISCHI 3. LE POSSIBILITÀ

Dettagli