(VHPSLGLLQGLFDWRULFKLDYHDSSOLFDELOLDL&RPXQLDLVHQVLGHOSXQWR/HWW&$//,9 'DWLSUHOLPLQDULSHUODFRVWUX]LRQHGHOO LQGLFDWRUHHGDULSRUWDUHLQ'$

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(VHPSLGLLQGLFDWRULFKLDYHDSSOLFDELOLDL&RPXQLDLVHQVLGHOSXQWR/HWW&$//,9 'DWLSUHOLPLQDULSHUODFRVWUX]LRQHGHOO LQGLFDWRUHHGDULSRUWDUHLQ'$"

Transcript

1 LINEA GUIDA CERTIQUALITY SULL APPLICAZIONE DI INDICATORI CHIAVE E ALTRI INDICATORI DI PRESTAZIONE AMBIENTALE PER I COMUNI (SETTORE PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - NACE 84.11), AI SENSI DELL ALLEGATO IV, LETTERA C, DEL REGOLAMENTO EMAS 1221/2009/CE. (VHPSLGLLQGLFDWRULFKLDYHDSSOLFDELOLDL&RPXQLDLVHQVLGHOSXQWR/HWW&$//,9 'DWLSUHOLPLQDULSHUODFRVWUX]LRQHGHOO LQGLFDWRUHHGDULSRUWDUHLQ'$ 8QLWjGL )RQWH PLVXUD N addetti (dipendenti e n. collaboratori) Abitanti residenti n. Abitanti stagionali non residenti n. (seconde case) Strutture ricettive posti letto n. Presenze turistiche (VSHFLILFDUH n. PHWRGRGLVWLPD Estensione territoriale kmq Densità territoriale Abitanti residenti/kmq estensione Località o nuclei abitati diversi n. dal capoluogo Abitanti residenti nel capoluogo rispetto al totale della popolazione residente VSHFLILFDUHSHULRGRGLWHPSRDFXLVLULIHULVFHO XOWLPRGDWRDQQXDOHULFRUGDQGRFKHLGDWLGRYUDQQR HVVHUHDJJLRUQDWLDQRQROWUHVHLPHVLGDOODGDWDGLYHULILFD 'LSHQGHQWLFRQVLGHUDUHSUHVHQ]DSDUWWLPHFROODERUDWRULGDLQWHQGHUVLFRPHDSURJHWWR

2 ()),&,(1=$(1(5*(7,&$ 8WHQ]D 7LSRORJLDHGLILFLR 7LSR LPSLDQWR 1 Sede Comunale Metano m3/m2/anno 8QLWj0LVXUD (*) 2 Scuola materna Metano m3/m2/anno tep 3 Scuola Elementare Metano m3/m2/anno tep 4 Teatro Comunale Gasolio l/m2/anno tep GPL m3/m2/anno tep Altro Altro TOTALE CONSUMI 'HVFULYHUHIRQWHGHLGDWLOHWWXUDEROOHWWHIDWWXUHOHWWXUDGLUHWWDFRQWDWRUL 3HUOHPRGDOLWjGLFRQYHUVLRQHLQWHSVLIDULIHULPHQWRDOOD&LUFRODUH0,&$GHOPDU]RQ) "! #! $ & (' ) * +,+ -$. + /,'$0 1+,2 354(* 2 363, ,484(* 98' * +542 *;:<-=+ >8? 3,+ /,'8.<+54(* )=.=)$0 tep (**) A* )=.=)$0 0 )B$:<+ 15' 2 - C6'"+ -D0 2,4 ) 9"E(:<3 0 + E= B$:<+. + ' 3<) + ) F0GHFJI K=L0 2,4 + )"/,) 9"E(:<3 0 + E=+ 2 F0G8K6I M$L0 2,4 ' $0 * ) + ) + B$: 2=? '=0 0 F0GHFJIJF5K0 2,4!2 -=C5+ -$2 F0GHFJI N(K0 2,4 ) 9"E(:<3 0 + E=+ +63<) +. + ' * E$) -7? ) 363,+ 2 F0G8K6I&O5P80 2,4 ' * E$) -$28. +, 2 Q=-$' F0G8K6I&O,R0 2,4 -(0 * '=/ (* )=.=)$0 0 +,' -(0 * ' /6+ -$) 3,+ F0G8K6I&O,K0 2,4 =2 Q=-$'8.='8' *.=2 * 2 F0G8K6I P(R0 2,4 + Q=-=+ 0 2 F0G8K6I N(R0 2,4 ) 9"E(:<3 0 + E=+ +,Q$'<363<) 3,+ ' 3-$'=0 :<* ' 2 F5K=K=K98SG7K6I L<N80 2,4 'HQVLWjFRQYHQ]LRQDOLGDXWLOL]]DUHSHUODFRQYHUVLRQHLQNJ ) 9"E(:<3 0 + E=+ 2 TAQ5UV + 0 * ) ' 3<) + )"* + 3,/,'.=' 982 -(0 )!2 -=C5+ -$' ' 3<) + )8'$: 0 ) (VFRQYHUVLRQHLQWHS ƒ PPHWDQR ; WHS ƒ OJDVROLR ;; WHS K W L<X(R K6I R$Y R K6I&O5X=P K6I L<X=X

3 [ Consumi utenze elettriche dell Ente 8WHQ]D 7LSRORJLDHGLILFLR 8QLWjGLPLVXUD 1 Sede Comunale kwh/m2/anno tep (**) 2 Scuola materna kwh/m2/anno tep 3 Scuola Elementare kwh/m2/anno tep 4 Teatro Comunale kwh/m2/anno tep 727$/(&21680, kwh/m2/anno tep 'HVFULYHUHIRQWHGHLGDWLOHWWXUDEROOHWWHIDWWXUHOHWWXUDGLUHWWDFRQWDWRUL 6LIDULIHULPHQWRDOOD'HOLEHUDGHOO $XWRULWjSHUO (QHUJLD(OHWWULFDHLO*DVQFKHILVVDLOYDORUHGHO IDWWRUHGLFRQYHUVLRQHGHLN:KLQWHSD;Z WHSN:K (VHPSLRGLFRQYHUVLRQHLQWHS N:K ; WHS Consumi carburanti per autotrazione 1PH]] 7LSRORJLDFDUEXUDQWH 8QLWjGLPLVXUD 1 Benzina l/anno (*) tep (**) 2 Gasolio l/anno tep (**) 3 Metano m3/anno tep (**) TOTALE CONSUMI tep (**) 'HVFULYHUHIRQWHGHLGDWLOHWWXUDEROOHWWHIDWWXUHOHWWXUDGLUHWWDFRQWDWRUL 5LSRUWDUHIDWWRUHGLFRQYHUVLRQHLQWHS Sintesi consumi energetici 8VR 8QLWjGLPLVXUD Riscaldamento tep Energia Elettrica tep Trasporti tep TOTALE tep Classificazione degli edifici pubblici o ad uso pubblico ai fini della normativa statale o regionale relativa agli usi efficienti dell energia e alla certificazione energetica (. 7LSRORJLD Edifici con superficie utile totale n/anno superiore a 1000 m2 Edifici di nuova costruzione n/anno Edifici soggetti a interventi di n/anno ristrutturazione degli impianti termici

4 o di ristrutturazioni edilizie che riguardino almeno il 15 della superficie esterna dell involucro edilizio che racchiude il volume riscaldato $LVHQVLGHOO DUWTXDWHUGHO'/JVHVPL³DGHFRUUHUHGDOƒOXJOLRWXWWLLFRQWUDWWL QXRYLRULQQRYDWLUHODWLYLDOODJHVWLRQHGHJOLLPSLDQWLWHUPLFLRGLFOLPDWL]]D]LRQHGHJOLHGLILFLSXEEOLFLRQHL TXDOLILJXUDFRPXQTXHFRPHFRPPLWWHQWHXQVRJJHWWRSXEEOLFRGHEERQRSUHYHGHUHODSUHGLVSRVL]LRQH GHOODWWHVWDWRGLFHUWLILFD]LRQHHQHUJHWLFDGHOOHGLILFLRRGHOOXQLWjLPPRELOLDUHLQWHUHVVDWLHQWURLSULPLVHL PHVLGLYLJHQ]DFRQWUDWWXDOHFRQSUHGLVSRVL]LRQHHGHVSRVL]LRQHDOSXEEOLFRGHOODWDUJDHQHUJHWLFD 3HUODFRQYHUVLRQHLQWHSVLIDULIHULPHQWRDOODWDEHOODVRSUDULSRUWDWD Consumo totale di energia elettrica illuminazione pubblica 1SXQWLOXFH 7LSRORJLDLPSLDQWR 8QLWjGL )RQWH PLVXUD n. punti luce Tipologia impianto (*) kwh/p.l. kwh/p.l. &RQVXPLWRWDOLLOOXPLQD]LRQH SXEEOLFD Consumi totali da fonti rinnovabili e non (QHUJLDFRQVXPDWDGDIRQWL ULQQRYDELOLWRWDOH FRQVXPDWR Produzione di Energia (elettrica e termica) prodotta dall Ente n. impianti Tipologia impianto Termoelettrico kwh Idroelettrico kwh Fotovoltaico kwh Biomasse kwh Solare kwh kwh 7RWDOHHQHUJLDSURGRWWD N:K (QHUJLDSURGRWWDGDIRQWL ULQQRYDELOLWRWDOHSURGRWWR (QHUJLDSURGRWWDGDIRQWL ULQQRYDELOLWRWDOH FRQVXPDWR 'HVFULYHUHIRQWHGHLGDWLOHWWXUDEROOHWWHIDWWXUHOHWWXUDGLUHWWDFRQWDWRUL /('YDSRULGLVRGLRHFF

5 ()),&,(1=$'(,0$7(5,$/, 8QLWjGLPLVXUD Acquisti verdi ARREDI (MOBILI PER UFFICIO, ARREDI SCOLASTICI, ARREDI PER SALE ARCHIVIAZIONE E SALE LETTURA) EDILIZIA (COSTRUZIONI E RISTRUTTURAZIONI DI EDIFICI CON PARTICOLARE ATTENZIONE AI MATERIALI DA COSTRUZIONE, COSTRUZIONE E MANUTENZIONE DELLE STRADE) n. forniture n. capitolati GESTIONE DEI RIFIUTI n. capitolati n. capitolati SERVIZI URBANI E AL TERRITORIO (GESTIONE DEL VERDE PUBBLICO, ARREDO URBANO ) SERVIZI ENERGETICI (ILLUMINAZIONE, RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO DEGLI EDIFICI, ILLUMINAZIONE PUBBLICA E SEGNALETICA LUMINOSA) ELETTRONICA (ATTREZZATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE D UFFICIO E RELATIVI MATERIALI DI CONSUMO, APPARATI DI TELECOMUNICAZIONE) n. capitolati n. forniture PRODOTTI TESSILI E CALZATURE n./forniture kg/tot CANCELLERIA (CARTA E MATERIALI DI CONSUMO) RISTORAZIONE (SERVIZIO MENSA E FORNITURE ALIMENTI SERVIZI DI GESTIONE DEGLI EDIFICI (SERVIZI DI PULIZIA E MATERIALI PER L IGIENE TRASPORTI (MEZZI E SERVIZI DI TRASPORTO, SISTEMI DI MOBILITÀ SOSTENIBILE). (V'HWHUJHQWLGLVLQIHWWDQWLHWF n. capitolati n. capitolati prodotti che rispondono a criteri ambientali per categoria ()/totale categoria Autoveicoli a basso impatto (ambientale elettrici-metano- GPL)/Tot. parco autoveicoli

6 $&48$ Gli indicatori di seguito riportati: 1) tengono conto di quanto previsto dalla posizione del Comitato EMAS Italia del 19/12/2008 in materia di Servizio Idrico Integrato; 2) sono riferiti al territorio su cui insiste l Ente. $FTXDGHVWLQDWDDOFRQVXPRXPDQR 8QLWjGLPLVXUD )RQWH Prelievi di acqua potabile m3/anno ad uso acquedottistico Abitanti serviti dalla rete acquedottistica Perdite della rete acquedottistica (specificare se stima, calcolo, misura) Consumo pro capite per l/abitante/giorno uso domestico Consumo totale per uso l/anno diverso Qualità delle acque ad uso n. controlli (**) potabile (parametri D.Lgs n. superamenti 31/2001 s.m.i.) (***) 'HVFULYHUHIRQWHGHLGDWLOHWWXUDEROOHWWHIDWWXUHOHWWXUDGLUHWWDFRQWDWRULHVSHFLILFDUHPRGDOLWjGL FDOFROR 3HUQƒFRQWUROOLVLLQWHQGHQƒGLDQDOLVLHIIHWWXDWHVXVLQJRORSXQWRGLFRQWUROORVHUEDWRLRUHWHXWHQ]D ILQDOH 1HOFDVRGLVXSHUDPHQWLLQVHULUHDSDUWHFRPPHQWRFRQLQGLFD]LRQHGHLSDUDPHWULVXSHUDWLUHODWLYL YDORULGXUDWDGHOOHVLWXD]LRQLGLQRQFRQIRUPLWjHD]LRQLFRUUHWWLYHLQWUDSUHVH )RJQDWXUDHGHSXUD]LRQH 8QLWjGLPLVXUD )RQWH Abitanti serviti da fognatura Manutenzione e adeguamento della rete fognaria Km rete fognaria Km rete separata/km rete n. interventi manutenzione ordinaria n. n. di interventi adeguamento/ sostituzione n.

7 impianti di depurazione con trattamento primario e secondario Abitanti allacciati a impianti di depurazione con trattamento primario e secondario (**) impianti di depurazione con trattamento primario Abitanti allacciati a impianti di depurazione con trattamento primario Km rete fognaria adeguati/km rete fognaria totale n. n. n./tot abitanti () n. n./tot abitanti () Abitanti non allacciati n. /tot abitanti () Abitanti non allacciabili con impianto di trattamento privato n./ tot abitanti non allacciati Scarichi non allacciabili regolarizzati Somma capacità impianti di depurazione (**) Efficienza impianti di depurazione - impianti con pzt oltre 2000 AE (***) Efficienza impianti di depurazione - impianti con pzt oltre AE (***) con scarichi recapitanti in aree sensibili n. scarichi/tot scarichi non allacciabili AE di progetto/ residenti+fluttuanti (punta di massimo carico) riduzione BOD5 riduzione COD riduzione Solidi Sospesi riduzione fosforo totale e azoto totale 'HVFULYHUHIRQWHGHLGDWLOHWWXUDEROOHWWHIDWWXUHOHWWXUDGLUHWWDFRQWDWRULHVSHFLILFDUHPRGDOLWjGL FDOFROR 'HVFULYHUHDSDUWHWLSRORJLDGLLPSLDQWRJHVWRUHSRWHQ]LDOLWj$(LQULIHULPHQWRDLUHVLGHQWLHGDL IOXWWXDQWLHO HIILFLHQ]DGLGHSXUD]LRQHJDUDQWLWD 3HUWXWWLJOLLPSLDQWLYDQQRFRPXQTXHULSRUWDWLDSDUWHJOLHVLWLGHLFRQWUROOLDQDOLWLFLHIIHWWXDWLQHOFDVR GLVXSHUDPHQWLLQVHULUHDSDUWHFRPPHQWRFRQLQGLFD]LRQHGHLSDUDPHWULVXSHUDWLHD]LRQLFRUUHWWLYH LQWUDSUHVH

8 ±5,),87, Gli indicatori di seguito riportati: 1) tengono conto di quanto previsto dalla posizione del Comitato EMAS Italia del 19/12/2008 in materia di Rifiuti 2) sono riferiti al territorio su cui insiste l Ente. 8QLWjGLPLVXUD )RQWH Totale rifiuti urbani t/anno prodotti (***) Produzione pro capite Kg/ab/anno rifiuti urbani (*) (***) Rifiuti urbani raccolti Totale t /anno in modo differenziato Totale (*) carta/cartone plastica vetro legno alluminio RAEE organico Produzione rifiuti urbani pericolosi altro t/anno sul totale prodotto,qvhuluhgdwlglfrqiurqwrdolyhoorsurylqfldohgldpelwrwhuulwruldohgl&rpxqlwj0rqwdqd&rqvruwloh HWF,QVHULUHIRQWHGHOGDWRHLQGLFD]LRQHGHLFULWHULGLULIHULPHQWRSHULOFDOFRORGHOODUDFFROWDGLIIHUHQ]LDWD 6SHFLILFDUHVHDOFXQHIUD]LRQLUDFFROWHLQPDQLHUDGLIIHUHQ]LDWDYDQQRDVPDOWLPHQWRQRQDUHFXSHUR 3HUL&RPXQLDGHOHYDWDSUHVVLRQHWXULVWLFDGHYRQRHVVHUHVFRUSRUDWLLGDWLVXOODSURGX]LRQHULILXWL SURFDSLWHGXUDQWHLOSHULRGRGLPDJJLRUHDIIOXVVRWXULVWLFRHVPDJJLRVHWWHPEUH

9 5,2',9(56,7$ 8QLWjGL PLVXUD Uso del suolo Aree a bosco Aree utilizzate a prato/pascolo Aree a seminativo Aree a coltivo Sistemi naturali (acque sup., rocce nude, ecc.) Aree industriali, artigianali e di servizi Altro (specificare se >5) Superficie Urbanizzata (*) Attuazione n. permessi a costruire n./anno strumenti n. DIA n./anno urbanistici Piani attuativi n./anno Aree abbandonate Siti destinati a discarica n. o compromesse kmq Siti contaminati n. Aree dichiarate kmq contaminate Aree in fase di bonifica kmq Aree degradate / totale estensione ente Aree protette Livello Nazionale kmq Livello Regionale kmq Livello Locale kmq Aree protette/ totale estensione ente Aree vincolate Aree con vincolo totale non edificabilità/ totale estensione ente Superficie Aree Aree a rischio idrogeologico classificate a rischio (frane/alluvioni) /superficie complessiva territorio Superficie aree classificate a rischio molto elevato/superficie complessiva classificata rischio

10 Incendi boschivi Superficie aree classificate a rischio elevato/ superficie complessiva classificata rischio Superficie aree classificate a rischio medio/superficie complessiva classificata rischio Superficie aree classificate a rischio basso/superficie complessiva classificata rischio Eventi calamitosi (frane/alluvioni) 7HVVXWRXUEDQRFRQWLQXRHGLVFRQWLQXR (VIUDQHDOOXYLRQL n. Incendi n/anno Superfici aree percorse ha/anno dal fuoco Si suggerisce di rendere disponibili mediante pubblicazione sul sito web dell Organizzazione le informazioni relative alle prestazioni ambientali dell Organizzazione, ai sensi del punto D dell allegato 4, garantendo il libero accesso a tali informazioni anche ai sensi di quanto previsto dal D.Lgs. 195/2005.

11 6 (0,66,21, (PLVVLRQL&2 8QLWjGL PLVXUD )RQWH t/anno Emissioni CO2 derivanti da impianti di riscaldamento dell Ente Emissioni CO2 derivanti dal consumo t/anno di energia elettrica per utenze dell Ente Emissioni CO2 derivanti dall impiego t/anno di carburanti per autotrazione Emissioni totali di CO2 t/addetti (riscaldamento/ee/mezzi) Emissioni CO2 annue derivanti dal t/n. punti consumo di energia elettrica per luce impianti di illuminazione pubblica 'HVFULYHUHIRQWHGHLGDWLHGLQGLFDUHIDWWRUHGLHPLVVLRQHHV&2*-&2N:K&2PFHFF 3HUOH2UJDQL]]D]LRQLFKHJHVWLVFRQRGLUHWWDPHQWHRLQGLUHWWDPHQWHSDUWLFRODULLPSLDQWLHVGLVFDULFKH ULSRUWDUHDOWUHWLSRORJLHGLHPLVVLRQLSURGRWWH 4XDOLWjGHOO DULD PM 10 Biossido di azoto (NO2) 8QLWjGL PLVXUD )RQWH Media annua JP (limite 40 JP Superamenti n./anno (limite orario 50 g/m3 da non superare più di 35/anno) Media annua JP (limite 40 JP NO2) Superamenti n./anno (limite orario 200 g/m3 da non superare più di 18/anno) Monossido di carbonio (CO) - mg/m3 (limite 10 mg/m3)

12 Media massima giornaliera su 8 ore Ozono (O3) - Media su 8 ore massima giornaliera Biossido di Zolfo (SO2) Benzene mg/m3) g/m3 (limite 120 g/m3 da non superare più di 25 giorni per anno civile come media su tre anni) Superamenti n./anno (val. limite orario 350 g/m3 da non superare più di 24/anno) Superamenti n./anno (val. limite su 24 ore125 g/m3 da non superare più di 3/anno) Media annua g/m3 (limite 5 JPñ 'HVFULYHUHIRQWHGHLGDWLHGLQGLFDUHLOOLPLWH JPQDQQRHFF 6(*1$/$=,21,5(&/$0,(63267,$0,(17$/, 7LSRORJLD 3HUYHQXWL 3HQGHQWL 5LVROWL &RQULVSRVWD Rinvenimento rifiuti sul territorio n./anno n/anno n/anno n/anno Rumore Servizio di raccolta rifiuti Fognature e depurazione Amianto Impianti telefonia mobile Richieste da altri Enti o Organi di Controllo Richieste di accesso a informazioni ambientali Altro (specificare)

13 (*) Specificare (in parentesi) il numero di segnalazioni/reclami/esposti non ancora risolti che si riferiscono all anno precedente e commentare in modo sintetico i motivi.

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014 POPOLAZIONE E SUPERFICIE Tavola 1.1 - Popolazione media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (valori assoluti) Superficie media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (km 2 )

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

Dati ambientali nelle città

Dati ambientali nelle città Dati ambientali nelle città A.Ferruzza I numeri che non ti aspetti. La funzione statistica dei comuni tra riforma e qualità dei servizi, Messina 26-27 settembre 2013 Dati ambientali nelle città: fabbisogni

Dettagli

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Franciacorta sostenibile/2 Un progetto condiviso di monitoraggio IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Iseo, venerdì 12 dicembre 2008 Maurizio Tira, ordinario di

Dettagli

Contributo del Dr. Giuseppe Torelli

Contributo del Dr. Giuseppe Torelli Riferimenti normativi in essere sugli acquisti Verdi pubblici. Contributo del Dr. Giuseppe Torelli D.Lgs 22/97: il 40% del totale dei consumi di carta riciclata D.M. 27.03.98: il 50% di veicoli a carburanti

Dettagli

Longarone, 4 novembre 2011

Longarone, 4 novembre 2011 Acqua buona, città pulite, servizi di qualità, prezzi equi oggi e nel futuro nei Comuni che ci affidano la gestione dei servizi pubblici locali. Longarone, 4 novembre 2011 Il contesto in cui opera Etra

Dettagli

Bergamo Agricoltura Energia Industria Trasporti Rifiuti Aria Acqua

Bergamo Agricoltura Energia Industria Trasporti Rifiuti Aria Acqua 13-Province01.qxd 5-04-2007 9:23 Pagina 161 I territori provinciali - Bergamo Il territorio provinciale di Bergamo delimitato a ovest dal fiume Adda e ad est dal fiume Oglio si estende per una larghezza

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004 Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24 Comune di Piacenza Quadro evolutivo PTS NO 2 CO O 3 Giordani, Giordani, Stazioni considerate Passeggio, Medaglie d Oro, Medaglie d Oro, Roma

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

COMUNE SAN TAMMARO SI X X NO SI X SI X COMUNITA' MONTANA 1.Tenuta Reale di Carditello PIANO ENERGETICO

COMUNE SAN TAMMARO SI X X NO SI X SI X COMUNITA' MONTANA 1.Tenuta Reale di Carditello PIANO ENERGETICO DATI GENERALI VINCOLI SULL'AREA TERRITORIALE REGIONE CAMPANIA PROVINCIA CASERTA AMBIENTALI PAESAGGISTICI ARCHEOLOGICI PARCHI NATURALI COMUNE SAN TAMMARO SI X X NO SI X SI X COMUNITA' MONTANA SE SI INDICARE

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO ENERGETICO

Dettagli

Il Risparmio Energetico

Il Risparmio Energetico Comune di Asti Settore Ambiente ed Edilizia Pubblica Il Risparmio Energetico Ing. Valerio Vittone RESPONSABILE UNITÀ OPERATIVA ACUSTICA ED ENERGIA DEL COMUNE DI ASTI Comune di Asti Settore Ambiente ed

Dettagli

INDICATORI E MONITORAGGIO

INDICATORI E MONITORAGGIO COMUNI DI AZZIO, BEDERO VALCUVIA, BRINZIO, CASALZUIGNO, CASSANO VALCUVIA, DUNO, FERRERA DI VARESE, MASCIAGO PRIMO, ORINO, RANCIO VALCUVIA Provincia di Varese INDICATORI E MONITORAGGIO VALUTAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato 2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato La VAS prevede l avvio di un sistema di monitoraggio dei caratteri territoriali. Obiettivo del monitoraggio è assicurare il controllo sugli impatti significativi

Dettagli

LA MIA IMPRONTA AMBIENTALE ED ENERGETICA SCHEDA PER AUTOCOMPILAZIONE E AUTOVALUTAZIONE

LA MIA IMPRONTA AMBIENTALE ED ENERGETICA SCHEDA PER AUTOCOMPILAZIONE E AUTOVALUTAZIONE propone: LA MIA IMPRONTA AMBIENTALE ED ENERGETICA SCHEDA PER AUTOCOMPILAZIONE E AUTOVALUTAZIONE Prendendo a riferimento la propria abitazione, cioè un contesto di servizi verificabili (riscaldamento ambienti

Dettagli

Comune Valenza Dipartimento di Alessandria

Comune Valenza Dipartimento di Alessandria Valenza L analisi del Bilancio Ambientale Territoriale relativo al 2011 evidenzia che le fonti di pressione risultano essere medie articolandosi su un rilevante utilizzo agricolo e produttivo, unitamente

Dettagli

I programmi del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per lo sviluppo strategico del settore in Italia

I programmi del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per lo sviluppo strategico del settore in Italia I programmi del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per lo sviluppo strategico del settore in Italia Commissione Nazionale per l Energia Solare, CNES Struttura dell intervento

Dettagli

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 1 Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 2 Ruolo dei comuni REGOLAMENTAZIONE CONTROLLO - Redazione allegati energetico-ambientali ai regolamenti edilizi - Accertamenti

Dettagli

TAVOLE DI OSSERVAZIONE

TAVOLE DI OSSERVAZIONE Presidenza della Giunta TAVOLE DI OSSERVAZIONE Tavole di osservazione Le tabelle di seguito contengono per ciascun obiettivo una prima batteria di indicatori di descrizione e di osservazione dell evoluzione

Dettagli

La rete delle stazioni Sperimentali e dei laboratori accreditati: il ruolo e la credibilità

La rete delle stazioni Sperimentali e dei laboratori accreditati: il ruolo e la credibilità La certezza della verde qualità: la verifica dei criteri ambientali negli acquisti verdi La rete delle stazioni Sperimentali e dei laboratori accreditati: il ruolo e la credibilità Claudio Bozzi www.sperimentalecarta.it

Dettagli

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO Hanno collaborato: dott.. Bruno Villavecchia dott.. Marco Bedogni per l Agenzia Mobilità e Ambiente s.r.l. prof..

Dettagli

COMUNE DI ROCCA DE GIORGI P.G.T. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO V.A.S. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA. Dichiarazione di Sintesi FINALE

COMUNE DI ROCCA DE GIORGI P.G.T. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO V.A.S. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA. Dichiarazione di Sintesi FINALE COMUNE DI ROCCA DE GIORGI P.G.T. PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO V.A.S. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Dichiarazione di Sintesi FINALE Ottobre 2012 INDICE PREMESSA...3 1 INTEGRAZIONE TRA PROCESSO DI

Dettagli

PROGETTO HOME SOLAR IL SOLE : UN AMICO PER IL RISPARMIO. www.homesolar.it

PROGETTO HOME SOLAR IL SOLE : UN AMICO PER IL RISPARMIO. www.homesolar.it PROGETTO HOME SOLAR IL SOLE : UN AMICO PER IL RISPARMIO HOME SOLAR Il progetto è un abitazione monofamiliare con superficie pari a 220 m² totalmente ristrutturata, nel periodo 2010-2011, volto ad un risparmio

Dettagli

GPP (Green Public Procurement)

GPP (Green Public Procurement) GPP (Green Public Procurement) INDICE DEFINIZIONE OBIETTIVI CRONOLOGIA EUROPA CRONOLOGIA ITALIA NORMATIVA EUROPEA NORMATIVA NAZIONALE CRITERI AMBIENTALI MINIMI CARTA ARREDI PER UFFICIO, ARREDO URBANO,

Dettagli

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Analisi delle serie storiche Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Al fine di rendersi conto dell evoluzione delle concentrazioni di alcuni

Dettagli

Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore

Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore Risorse geotermiche di media e bassa temperatura in Italia. Potenziale, Prospettive di mercato, Azioni. Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore geotermico Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU

Dettagli

Come nasce MaranoSolar

Come nasce MaranoSolar APPROCCIO ECOSISTEMICO L approccio di MaranoSolar alle tecnologie per le fonti rinnovabili intende offrire ai nostri partner il miglior punto di equilibrio tra salvaguardia dell ambiente e sviluppo economico

Dettagli

3.7 Consumi energetici

3.7 Consumi energetici 3.7 Consumi energetici L impiego principale dell energia da parte dei cittadini nel territorio provinciale avviene: 1) per usi domestici e produttivi (agricoltura, industria, terziario) - Energia elettrica

Dettagli

Energia, ambiente ed efficienza

Energia, ambiente ed efficienza Energia, ambiente ed efficienza Collegio Gregorianum, Padova 21 maggio 2008 Arturo Lorenzoni Introduzione Il settore energetico ha un incidenza di primaria importanza sull economia nazionale. È il primo

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Università degli Studi di Perugia

Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia AGGIORNAMENTO DEL PIANO ENERGETICO E AMBIENTALE DEL COMUNE DI PERUGIA Allegato C TABELLA DELLA POTENZIALITÀ DEGLI INTERVENTI Committente Comune di Perugia Luogo e Data

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 Francesco Bicciato - Comune di Padova 1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 2. METROTRAM In funzione da marzo 2007 (8

Dettagli

CONCORSO PER PARTECIPARE GRATUITAMENTE AL FORUM

CONCORSO PER PARTECIPARE GRATUITAMENTE AL FORUM CONCORSO PER PARTECIPARE GRATUITAMENTE AL FORUM Il presente concorso offre a 30 imprese l opportunità di partecipare gratuitamente al Forum CompraVerde BuyGreen di Milano ed è rivolto a tutte le micro,

Dettagli

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura.

Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue industriali in pubblica fognatura. Spett.le Consulta d Ambito per il servizio idrico integrato A.T.O. Orientale Goriziano Via A. Diaz n. 5 (Palazzo Alvarez) 34170 Gorizia Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO di acque reflue

Dettagli

E PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO

E PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO Condominio in sicurezza I principali obblighi di sicurezza del condominio SICUREZZA E PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO Datore di lavoro nel condominio Il Ministero del lavoro ha chiarito che il datore

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

Comune di Varese Ligure. Bilancio ambientale. Consuntivo 2002-2003 Linee di previsione per il 2004

Comune di Varese Ligure. Bilancio ambientale. Consuntivo 2002-2003 Linee di previsione per il 2004 Bilancio ambientale Consuntivo 2002-2003 Linee di previsione per il 2004 Marzo 2004 Sommario 1. Aspetti metodologici 2. Impegni prioritari dell Ente 3. Conti fisici 4. Conti monetari 5. Priorità per l

Dettagli

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni UNIAMO LE ENERGIE 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni Aggiornamento dello STRALCIO DI PIANO PER IL RISCALDAMENTO AMBIENTALE E IL CONDIZIONAMENTO e disposizioni attuative della l.r. 13/2007 IN MATERIA

Dettagli

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Agenzia per l Energia e lo Sviluppo Sostenibile del Comune di Roma Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Abitazioni energeticamente efficienti Buona parte delle abitazioni

Dettagli

Comune di San Paolo di Civitate Provincia di Foggia Piazza Padre Pio 1 III Settore - UfficioTecnico. Tel. 0882/556226

Comune di San Paolo di Civitate Provincia di Foggia Piazza Padre Pio 1 III Settore - UfficioTecnico. Tel. 0882/556226 Comune di San Paolo di Civitate Provincia di Foggia Piazza Padre Pio 1 III Settore - UfficioTecnico. Tel. 0882/556226 ALLEGATO N. 2 SEZIONE ALBO DEI FORNITORI Elenco Settori Merceologici SEZIONE I FORNITURE

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse

Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse Indice 1 / A1.1 Particolato fine (PM 10) 7 / A1.2 Particolato fine (PM 2.5) 11 / A1.3 Biossido di azoto (NO 2) 14 / A1.4 Monossido di carbonio (CO) 17

Dettagli

Il quadro normativo regionale e le nuove azioni per l edilizia l sostenibile

Il quadro normativo regionale e le nuove azioni per l edilizia l sostenibile Regione Lombardia Il quadro normativo regionale e le nuove azioni per l edilizia l sostenibile REGIONE LOMBARDIA Reti e Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo Sostenibile 2006: AVVIO DELLO STUDIO PER UN

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

CHECK LIST PROGETTO ENERGETICO

CHECK LIST PROGETTO ENERGETICO P.G. Comune di Montorfano Provincia di Como Area Tecnica - Ufficio Tecnico CHECK LIST PROGETTO ENERGETICO (allegato obbligatorio alla relazione tecnica di cui all art. 28 della L. 10/91 come definita dall

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI prof. ing. Politecnico di Torino - Dipartimento di Energetica - Gruppo di Ricerca TEBE Legislazione

Dettagli

D I C H I A R A Z I O N E A M B I E N T A L E 2 0 1 2-2 0 1 5

D I C H I A R A Z I O N E A M B I E N T A L E 2 0 1 2-2 0 1 5 2 1 2-2 1 5 Aggiornamento 214 La Palude dei Mareschi Revisione 6 del 23/4/214 Dati aggiornati al 31/12/213 Redatta ai sensi del Regolamento CE n 1221/29 Elaborazione ed assistenza tecnica a cura di Upkee

Dettagli

Linee guida per l ottenimento del Marchio La Sardegna Compra Verde

Linee guida per l ottenimento del Marchio La Sardegna Compra Verde Linee guida per l ottenimento del Marchio La Sardegna Compra Giugno 203 . Cos è il Marchio Il Marchio La Sardegna Compra, concesso dal Servizio SAVI (Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti e Sistemi

Dettagli

Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica. Mariagrazia Mazza mazza@ecuba.

Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica. Mariagrazia Mazza mazza@ecuba. Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica Mariagrazia Mazza mazza@ecuba.it www.ecuba.it GSE - Gestore dei Servizi Energetici s.p.a. È una

Dettagli

Il sottoscritto. nato a Prov... il.. residente in... Prov... Via... n. Codice fiscale. nella sua qualità di,

Il sottoscritto. nato a Prov... il.. residente in... Prov... Via... n. Codice fiscale. nella sua qualità di, FAC-SIMILE DOMANDA COLLAUDO marca da bollo Spett.le COMUNE DI VERZUOLO Area di Vigilanza Ufficio Commercio Attività Produttive Tramite Sportello Unico per le Attività Produttive Associato Piazza G.Marconi

Dettagli

Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo. Stima emissioni dell impianto

Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo. Stima emissioni dell impianto Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo In adempimento alla delibera dell Assemblea legislativa regionale n. 51 del 26 luglio 2011 è stato predisposto un servizio on-line per il

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA TIMBRO PROTOCOLLO BOLLO COMUNE DI RIVIGNANO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica

Dettagli

CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015

CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015 DIPARTIMENTO DIPARTIMENTO DI DI SCIENZE SCIENZE E E TECNOLOGIE TECNOLOGIE AMBIENTALI AMBIENTALI DELLA DELLA SECONDA SECONDA UNIVERSITA UNIVERSITA DI DI NAPOLI NAPOLI ORDINE ORDINE DEGLI DEGLI INGEGNERI

Dettagli

MANUTENZIONE E VERIFICHE PERIODICHE DI COMBUSTIONE COPIA ABILITAZIONE TERZO RESPONSABILE DEL SINGOLO MANUTENTORE DOMESTICI E INDUSTRIALI PROVENIENTI

MANUTENZIONE E VERIFICHE PERIODICHE DI COMBUSTIONE COPIA ABILITAZIONE TERZO RESPONSABILE DEL SINGOLO MANUTENTORE DOMESTICI E INDUSTRIALI PROVENIENTI EMISSIONI IN ATIMOSFERA - Gestione degli Impianti termici di edifici di proprietà del comune DPR 412/93 e succ.mod. DPR 73 del 16/4/2013 Decreto Ministeriale del 10 febbraio 2014 MANUTENZIONE E VERIFICHE

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze. Ing. Pier Luigi Coruzzi

Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze. Ing. Pier Luigi Coruzzi Aspetti normativi Autorizzazioni e competenze Quali incombenze autorizzative per realizzare un impianto FV? Chiunque voglia realizzare un impianto fotovoltaico deve preventivamente occuparsi di tre problemi:

Dettagli

LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL BORGO STORICO DI MONTIERI NELL AMBITO DEL PROGETTO GEOTHERMAL COMMUNITIES (FP7)

LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL BORGO STORICO DI MONTIERI NELL AMBITO DEL PROGETTO GEOTHERMAL COMMUNITIES (FP7) LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL BORGO STORICO DI MONTIERI NELL AMBITO DEL PROGETTO GEOTHERMAL COMMUNITIES (FP7) 20 Ottobre 2012 Valentina Marino Dottoressa di Ricerca, Architetto Dipartimento di Architettura

Dettagli

DELLA SITUAZIONE NEL 2003

DELLA SITUAZIONE NEL 2003 IL MIX ENERGETICO ITALIANO: ANALISI DELLA SITUAZIONE NEL 2003 Enea Bari 1 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. ENERGIA ELETTRICA...4 3. ENERGIA TERMICA...11 4. CONCLUSIONI...13 Enea Bari 2 1. Introduzione Ogni

Dettagli

Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte

Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte Convegno MONITORAGGIO, INFORMAZIONE E CONTROLLI AMBIENTALI PER LO SVILUPPO DELLA GREEN ECONOMY Roma, 23 novembre 2010 Spunti emergenti dall esperienza ARPA Piemonte Ing. Silvano Ravera Direttore Generale

Dettagli

Tavola 21.1 - Situazione impianti di produzione energia elettrica in Puglia al 31 dicembre 2003

Tavola 21.1 - Situazione impianti di produzione energia elettrica in Puglia al 31 dicembre 2003 Tavola 21.1 - Situazione impianti di produzione energia elettrica in Puglia al 31 dicembre 2003 Idroelettrici Termoelettrici Impianti lorda (MW) netta (MW) Producibilità media annua (GWh) Impianti Sezioni

Dettagli

Piano di Azione PROPOSTA

Piano di Azione PROPOSTA Piano di Azione PROPOSTA N GRUPPO AZIONE/RACCOMANDAZIONE A1 PREDISPORRE ED ATTUARE UN PIANO DI EDUCAZIONE E COMUNICAZIONE Spiegare cos è la tariffa, come si calcola, e cosa paga ; capire quando e perché

Dettagli

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico R. Gubiani, G.Pergher, D. Dell Antonia, D. Maroncelli Convegno Nazionale

Dettagli

PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014. Obiettivo Traguardo Scadenza Azioni Indicatore Risorse

PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014. Obiettivo Traguardo Scadenza Azioni Indicatore Risorse PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014 N 2010_ 45,72% 2011_ 48,55% 2012_ 48,52% 2013_ 51,32% 2014_ 53,02% 1 Incremento raccolta differenziata nella Provincia di Prato

Dettagli

LIMITI E PROSPETTIVE DELLE FONTI RINNOVABILI IN ITALIA. Domenico Coiante

LIMITI E PROSPETTIVE DELLE FONTI RINNOVABILI IN ITALIA. Domenico Coiante LIMITI E PROSPETTIVE DELLE FONTI RINNOVABILI IN ITALIA Domenico Coiante ISAT - Istituto per le scelte ambientali e tecnologiche Roma, 11 luglio 2008 1 1 - Bilancio energetico italiano 2005 Disponibilità

Dettagli

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS 10 marzo 2009 Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo Regione Abruzzo ARAEN LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS Diego Gallo AIEL - ASSOCIAZIONE ITALIANA ENERGIE AGROFORESTALI

Dettagli

Rapporto Ambientale Comune Di Brendola. COMUNE di BRENDOLA RAPPORTO AMBIENTALE. (Dati Aggiornati al 31/12/2013) 15-05-14 1

Rapporto Ambientale Comune Di Brendola. COMUNE di BRENDOLA RAPPORTO AMBIENTALE. (Dati Aggiornati al 31/12/2013) 15-05-14 1 COMUNE di BRENDOLA RAPPORTO AMBIENTALE (Dati Aggiornati al 31/12/2013) 15-05-14 1 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. CAMPO DI APPLICAZIONE E PRINCIPALI RIFERIMENTI... 3 1.1 Campo di applicazione... 3 1.2 Principali

Dettagli

cap 05 famiglie 1-03-2004 16:48 Pagina 51 CAPITOLO 5 FAMIGLIE

cap 05 famiglie 1-03-2004 16:48 Pagina 51 CAPITOLO 5 FAMIGLIE cap 05 famiglie 1-03-2004 16:48 Pagina 51 51 CAPITOLO 5 N elle famiglie hanno origine le scelte che contribuiscono a determinare gli stili di vita e di consumo di una regione e, perciò stesso, anche le

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

Riccardo Rifici - Ministero dell'ambiente della tutela del territorio e del mare 1 ACQUISTI VERDI TRA PRODUZIONE E CONSUMO

Riccardo Rifici - Ministero dell'ambiente della tutela del territorio e del mare 1 ACQUISTI VERDI TRA PRODUZIONE E CONSUMO 1 ACQUISTI VERDI TRA PRODUZIONE E CONSUMO SOSTENIBILI Le potenzialità del GPP 2 favorisce la diffusione di modelli di consumo e di acquisto sostenibili favorisce la razionalizzazione della spesa pubblica,

Dettagli

I fattori di conversione sono riportati nella seguente tabella.

I fattori di conversione sono riportati nella seguente tabella. 4. Performance AMBIENTALE 4.1 Metodologia e metriche Le linee metodologiche utilizzate sono quelle di Italgas che si basano su quanto elaborato dalla Fondazione Eni Enrico Mattei, opportunamente adattate

Dettagli

Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile

Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile Comune di Carugate Provincia di Milano Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile Fiera Milano City FMC Center 15 Febbraio 2006 COMUNE DI CARUGATE ( Provincia di Milano ) Regione:

Dettagli

Studio Tiravia Tullio

Studio Tiravia Tullio Studio Tiravia Tullio consulenza tecnica & supporto professionale Associato Sede Operativa : Via I Maggio,151 63036 Pagliare d. Tronto Spinetoli (AP) - Tel e fax 0736.890164 Geom. Tullio Tiravia Risparmio

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

PROGETTO SOVRAGENDA 21

PROGETTO SOVRAGENDA 21 PROGETTO SOVRAGENDA 21 I DATI AMBIENTALI QUALI STRUMENTO DI CONOSCENZA DELTERRITORIO comune di Legambiente Circolo Udine associazione ambientale che è presente sul territorio udinese dal 1986 con innumerevoli

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

RINA. DIREZIONE GENERALE Via Corsica, 12 16128 GENOVA

RINA. DIREZIONE GENERALE Via Corsica, 12 16128 GENOVA 1 RINA DIREZIONE GENERALE Via Corsica, 12 16128 GENOVA CONVALIDA PER CONFORMITA AL REGOLAMENTO CE N 761/01 del 19.03.2001 ( Accreditamento IT - V - 0002 ) N. _ 171 _ Dr. Roberto Cavanna Direttore Divisione

Dettagli

IL CICLO DELLE RISORSE ALIMENTARI Sostenibilità ambientale della produzione alimentare: trasformazione,trasporto,distribuzione 14 maggio 2009 Massimo Mauri ARPA Lombardia Indice: 1. Sostenibilità e salubrità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI GROTTE DI CASTRO Anno scolastico 2012/2013. Curriculum verticale di TECNOLOGIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI GROTTE DI CASTRO Anno scolastico 2012/2013. Curriculum verticale di TECNOLOGIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI GROTTE DI CASTRO Anno scolastico 2012/2013 Curriculum verticale di TECNOLOGIA La tecnologia si basa sullo studio di dispositivi e meccanismi e sulle procedure che sottendono la

Dettagli

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI ENERGIA ENERGIA Mantenimento standard di vita Sviluppo delle società industriali e di quelle emergenti Inquinamento Modifica delle condizioni climatiche

Dettagli

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS

La Valle. Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Comune di Feltre Comune di Pedavena Comune di Comune di Belluno Ponte nelle Alpi Comune di La Valle Progetto LIFE 04 EN/IT/000494 AGEMAS Integrazione di Agenda 21 ed EMAS in un ambito rurale e naturalistico

Dettagli

Sommario. Manuale CENED + - Vers. 1.2 Aggiornato al 21/11/2011. 16.1 Energia termica... 614. 16.2 Energia primaria... 616

Sommario. Manuale CENED + - Vers. 1.2 Aggiornato al 21/11/2011. 16.1 Energia termica... 614. 16.2 Energia primaria... 616 16 - Indicatori 611 Sommario 16.1 Energia termica... 614 16.2 Energia primaria... 616 16.3 Le note del certificatore... 620 612 Il modulo relativo agli Indicatori (1) contiene al suo interno le seguenti

Dettagli

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI NIBION PIA DI GOVER DEL TERRITORIO Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 Elaborati riportanti in rosso le integrazioni e le modifiche apportate a seguito delle proposte di controdeduzione VALUTAZIONE

Dettagli

Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO

Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO prof. ing. Politecnico di Torino Dipartimento di Energetica

Dettagli

SITO DI PASTORANO 1. Consumi energetici Energia elettrica

SITO DI PASTORANO 1. Consumi energetici Energia elettrica La Geos Environment, nell ambito del proprio Sistema di Gestione Ambientale secondo la norma UNI EN ISO 14001/2004, ha valutato la significatività dei propri aspetti ambientali e tiene sotto controllo

Dettagli

Aggiornamento del bilancio energetico del PEC e dell inventario emissioni di base relativamente al triennio 2008 2010

Aggiornamento del bilancio energetico del PEC e dell inventario emissioni di base relativamente al triennio 2008 2010 PIANO ENERGETICO del Comune di UDINE Aggiornamento del bilancio energetico del PEC e dell inventario emissioni di base relativamente al triennio 2008 2010 A cura di Cristiano Gillardi e U.O. Pianificazione

Dettagli

Green Technologies in Provincia di Bolzano

Green Technologies in Provincia di Bolzano Green Technologies in Provincia di Bolzano Dott. Geol. Emanuele Sascor - Direttore dell Ufficio Piano CO2, Energia e Geologia TIS Innovation Park, 14 novembre 2012 OBIETTIVO: riduzione delle emissioni

Dettagli

CHI LAVORA CON NOI. 21 Comuni, Hera, Fondazioni (azioni correlate: COSEAM. Rieco) AIMAG + BPER + Sosel+ Lirca AIMAG + Sorgea

CHI LAVORA CON NOI. 21 Comuni, Hera, Fondazioni (azioni correlate: COSEAM. Rieco) AIMAG + BPER + Sosel+ Lirca AIMAG + Sorgea PIANO INDUSTRIALE 2014-2016 2016 1 OVERVIEW 2 CHI LAVORA CON NOI 21 Comuni, Hera, Fondazioni (azioni correlate: COSEAM. Rieco) AIMAG + BPER + Sosel+ Lirca AIMAG + Sorgea AIMAG AIMAG + Bianchini, F.lli

Dettagli

COMUNE DI CALATABIANO ALBO DEI FORNITORI DI BENI E SERVIZI

COMUNE DI CALATABIANO ALBO DEI FORNITORI DI BENI E SERVIZI COMUNE DI CALATABIANO Provincia di Catania ALBO DEI FORNITORI DI BENI E SERVIZI da eseguire in economia (1) o tramite il servizio economato o da affidare a trattativa privata 1 Addobbi CATEGORIE MERCEOLOGICHE

Dettagli

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Napoli Prof. Massimo Dentice d Accadia Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Industriale Il PAES è il

Dettagli

Protocollo di valutazione a scala urbana

Protocollo di valutazione a scala urbana Protocollo di valutazione a scala urbana Andrea Moro CONTESTO DI RIFERIMENTO Enti pubblici attori fondamentali nella promozione dell edilizia sostenibile Necessità di strumenti di valutazione/rating a

Dettagli

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo Fase Conoscitiva Quali fattori vanno analizzati La fase conoscitiva analizza: Realtà geoterritoriale (quadro strutturale) Quadro Urbano (infrastrutture, edificato,

Dettagli

COMUNE DI FERRARA GPP TRA DIFFICOLTA E BENEFICI OTTENUTI

COMUNE DI FERRARA GPP TRA DIFFICOLTA E BENEFICI OTTENUTI Acquisti verdi Acquisti tra consapevolezza verdi tra consapevolezza dei consumi, dei sostegno consumi, alle sostegno produzioni alle produzioni e corretta informazione E corretta informazione - RAVENNA

Dettagli

cosa sifa... a livello comunitario PARTE III È ora di cambiare aria 13

cosa sifa... a livello comunitario PARTE III È ora di cambiare aria 13 PARTE III È ora di cambiare aria 13 cosa sifa... a livello comunitario L Unione Europea combatte l inquinamento atmosferico in aumento fissando obiettivi per ridurre le emissioni di agenti inquinanti,

Dettagli

IMPIANTI DI TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE URBANE COMUNICAZIONE ART.110 COMMA 3 DEL D.LGS. 152/2006

IMPIANTI DI TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE URBANE COMUNICAZIONE ART.110 COMMA 3 DEL D.LGS. 152/2006 IMPIANTI DI TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE URBANE COMUNICAZIONE ART.110 COMMA 3 DEL D.LGS. 152/2006 Contrassegno telematico Imposta di bollo pari ad 16,00 Spett.le PROVINCIA DI MILANO Settore Risorse Idriche

Dettagli

Angelo Robotto Direttore Generale Arpa Piemonte

Angelo Robotto Direttore Generale Arpa Piemonte Angelo Robotto Direttore Generale Arpa Piemonte Home del portale relazione.ambiente.piemonte.gov.it Clima L anno 2014 è stato il secondo più caldo dopo il 2011 e il terzo più piovoso, dopo il 1977 e il

Dettagli

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA COMUNE DI GIULIANOVA METHODOLOGY FOR THE DEFINITION OF THE BASELINE EMISSION INVENTORY OF THE MUNICIPALITY

Dettagli

Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto

Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto Recepimento D.P.R. 16 aprile 2013 n. 74 e del D.M. 10 febbraio 2014 Confartigianato Sondrio 6 novembre 2014 Regione Lombardia

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting I settori più energivori:

Dettagli