Ingegneria del Software. MINR a.a Prof. Giuseppe Santucci Project management. Project management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ingegneria del Software. MINR a.a. 2009-2010. Prof. Giuseppe Santucci. 04 - Project management. Project management"

Transcript

1 Ingegneria del Software MINR a.a Prof. Giuseppe Santucci 04 - Project management 04Prman.1 Project management I. Concetti fondamentali II. Pianificazione temporale e controllo III. Gestione delle configurazioni SW 04Prman.2

2 I. Concetti fondamentali L importanza del project management Le quattro P del project management Persone Problema Processo Progetto 04Prman.3 L importanza di un Project Management efficace L obbiettivo di ogni progetto è la realizzazione di un prodotto nel rispetto di vincoli di: tempi costi qualità 04Prman.4

3 L importanza di un Project Management efficace (2) Rischi conseguenti ad un Project Management inadeguato: Utili attesi trasformati in perdite (costi eccessivi, ritardi, penali, immagine) Ritardata presenza sul mercato Ritardo sui progetti di R&S con scarsa utilizzazione da parte delle linee produttive Scarsi e inefficaci controlli e valutazioni dei progetti causano l identificazione di eventuali errori e problemi troppo tardi rispetto alla possibilità di recupero 04Prman.5 Ostacoli al PM Attività spesso ostacolata dai dirigenti e dai tecnici con cultura organizzativa gerarchica tradizionale e scarsa cultura di moderne tecniche di gestione Costi aggiuntivi (5-7 %) Richiede una comprensione dettagliata del problema 04Prman.6

4 Le quattro P del project management 1. Persone motivate / esperte SEI PM-CMM (People Management Capability Maturity Model) assunzione / selezione addestramento / cultura di gruppo stipendio / carriera 2. Problema prima della pianificazione occorre identificare chiaramente: gli obbiettivi le soluzioni possibili i vincolialcontorno ottenendo informazioni di tipo quantitativo 04Prman.7 Le quattro P del project management (2) 3. Processo utilizzando uno dei modelli per il ciclo di vita del software occorre: individuare attività, scadenze, prodotti ed iterazioni, non trascurare le attività trasversali, quali, ad esempio, il controllo qualità, le misure e la gestione delle versioni 4. Progetto Molti progetti (~20%) non vengono mai terminati Moltissimi (~40%) subiscono levitazione dei costi ed allungamento dei tempi 04Prman.8

5 Persone coinvolte nel progetto Dirigenti (senior manager) Capi progetto (project/technical manager) Tecnici (practitioners) Elemento del gruppo (team member) Capogruppo (team leader) Cliente (customer) Utente finale (end user) La figura del capogruppo è cruciale motivare organizzare risolvere i problemi gestire il personale 04Prman.9 Il gruppo di sviluppo Scenario: Ci sono n persone che lavorano per k anni ad un progetto, assegnate ad m attività differenti. Alcune possibilità di organizzazione: 1. Le attività sono distinte: poca interazione, no gruppi 2. Nascono infomalmente gruppi e capigruppo; nasce la necessità di coordinamento fra gruppi 3. Le persone vengono divise formalmente in t gruppi, dove ogni gruppo è responsabile di una o più attività. Coordinamento: capigruppo e capoprogetto La possibilità 3 è la migliore. 04Prman.10

6 Struttura del gruppo Possibili strutture interne di un gruppo DD democratica decentralizzata assenza di capogruppo fisso (solo temporaneo) consenso collegiale comunicazione orizzontale CD controllata decentralizzata capogruppo fisso occasionali responsabili di sottoattività risoluzione di problemi per sottogruppi comunicazione orizzontale e verticale CC controllata centralizzata comunicazione verticale la prima struttura formalizzata (1972) 04Prman.11 Fattori per la scelta della struttura Fattori che influenzano la scelta della struttura del gruppo Difficoltà del problema Dimensione del problema (LOC, FP, ) Modularità del problema Qualità richieste al sistema Durata temporale del gruppo Rigidità della data di consegna 04Prman.12

7 Scelta della struttura del gruppo 04Prman.13 Formale, impersonale tool per il controllo del progetto documentazione (ad es., diagrammi, codice) prodotti intermedi scadenze controllate con tabelle dei tempi Formale, interpersonale assicurazione qualità revisioni periodiche Informale Coordinamento del gruppo riunioni diffusione risultati/scelte , forum, videoconferenze 04Prman.14

8 Scenario tipico: occorre una stima quantitativa il più presto possibile ma: un analisi dettagliata non è ancora disponibile le specifiche possono cambiare durante il progetto occorre determinare, almeno, la portata (scope) del progetto Portata: Il Problema Contesto: rapporto del software da sviluppare con il resto del sistema Obiettivi informativi: dati di ingresso e di uscita maneggiati dall utente Funzionalità e prestazioni: funzionalità da sviluppare e prestazioni particolari da raggiungere 04Prman.15 Sono molto importanti le informazioni quantitative numero di utenti massimo tempo di risposta spazio richiesto costi da non superare Il problema (2) Al più presto, decomporre il problema in un insieme di compiti (utilizzando, ad es., tecniche di analisi dei requisiti) 04Prman.16

9 Il Processo 1. Scelta di un modello A prototipo/spirale,... In ogni caso induce una sequenza di attività 2. Istanziare il problema nel modello scelto a) Creare una matrice di compiti ed attività b) Per ogni cella stimare l impegno necessario compiti 04Prman.17 Stima dell impegno Fattori che rendono difficile effettuare una stima attendibile: complessità del progetto (assoluta e relativa alle esperienze precedenti) dimensione del progetto mancanza di esperienze (e misure) pregresse informazioni inattendibili o non ufficiali 04Prman.18

10 Linee guida per ottenere una stima Acquisire le informazioni principali (scope) e decomporle in funzioni principali prestazioni e vincoli sono essenziali ai fini di una corretta valutazione Individuare le risorse necessarie Persone (capacità + numero) Componenti riusabili (spesso trascurati) componenti disponibili (prodotti internamente o da acquistare)! componenti simili da modificare (su cui si ha esperienza)! componenti simili da modificare (su cui non si ha esperienza)? HW e SW da utilizzare per lo sviluppo del progetto 04Prman.19 Stima del costo e dell impegno Metodi per la stima del tempo uomo necessario LOC FP Analisi del processo di produzione del software Modelli empirici COCOMO / equazione del software [Putnam & Myers 92] Equazione del SW (statistiche su 4000 progetti) E=(LOC*B /P) 3 * (1/t 4 ) E =impegno (mesi uomo / anni uomo) t =durata del progetto (mesi / anni) B = fattore di competenza ( ) (5 KLOC KLOC) P = parametro di produttività ( ) - Spesso calcolato su dati storici complessità dell applicazione esperienza dei programmatori linguaggio di programmazione altro... 04Prman.20

11 Monitoraggio del progetto (quanto manca?) regola del Motivi: 1. Incomprensione esigenze clienti 2. Portata mal definita 3. Gestione inappropriata modifiche 4. Cambiamento tecnologie 5. Funzionalità mal definite 6. Date consegna irrealistiche 7. Ostilità dei clienti 8. Perdita risorse finanziarie 9. Incompetenza team Pianificazione! Il Progetto 04Prman.21 II. Pianificazione temporale Fattori che causano ritardi Persone & tempo Scelta e raffinamento attività principali Rete di attività 04Prman.22

12 Fattori che rendono probabile finire in ritardo scadenza imposta dall alto cambiamento delle specifiche che non si riflette in un cambiamento della programmazione mancata valutazione dei rischi errato calcolo dell impegno necessario difficoltà (sia tecniche sia umane) impreviste comunicazione insufficiente/errata fra il personale incapacità di accorgersi del ritardo del progetto e mancanza di adeguate azioni correttive 04Prman.23 Principi di pianificazione temporale Pianificazione temporale = scheduling Ripartizione: definire compiti ed attività Interdipendenza: comprendere le relazioni fra attività Assegnazione della durata, della data di inizio e di fine di ogni attività. Esistono unità appropriate (anno/uomo, mese/uomo) Validazione: essere sicuri che le risorse siano disponibili Responsabilità definite: assegnare persone ai compiti Risultati definiti: ogni attività ha un output Punti di controllo (milestone) definiti: revisioni per la qualità 04Prman.24

13 Persone e tempo La relazione intercorrente tra persone e tempo non è lineare coordinamento comunicazione Esempio: ogni programmatore può produrre 5000 LOC/anno lavorando da solo se due programmatori devono interagire fra loro, la loro produttività complessiva diminuisce di 250 LOC/anno ( 9.750) (2,5% in meno) qual è la produttività di un team di quattro programmatori che devono tutti interagire fra di loro? Risposta: ci sono sei canali di comunicazione (4*3)/2, quindi si perdono 250*6=1500 LOC/anno. La produttività del team è di LOC/anno (7,5% in meno) 04Prman.25 Persone e tempo (2) Anche le formule empiriche (equazione del SW) confermano che allungando il tempo di sviluppo il carico di lavoro complessivo diminuisce Il prodotto E*t 4 è costante E=(LOC*B /P) 3 * (1/t 4 ) Esempio: 1. t = 1,3 anni; E = 12 anni/uomo ----> 12/1,3 = 9.2 persone 2. t = 1,75 anni; E = 3,7 anni/uomo ----> 3.7/1.75 = 2.1 persone 04Prman.26

14 Persone e tempo (3) Distribuzione del carico di lavoro (regola ) 40 % analisi 20%codifica 40% test In realtà la regola è solo indicativa (vedi tabelle COCOMO per i vari tipi di progetto) 04Prman.27 Piano di progetto Project plan Breve documento che descrive la portata (scope) del progetto definisce i rischi definisce il costo e la pianificazione fornisce un quadro di riferimento globale evidenzia come la qualità del prodotto viene garantita 04Prman.28

15 Programmi, progetti e compiti Programma: iniziativa a lungo termine, che può comprendere più di un progetto Progetto: sforzo complesso, durata limitata (< 3 anni) che comprende compiti interrelati eseguiti da diverse organizzazioni con obiettivi, schedulazioni e budget ben definiti Compito (task): sforzo a breve termine (3 6 mesi) eseguito da un organizzazione, che insieme ad altri compiti costituisce un progetto Work package: insieme di task correlati tra di loro 04Prman.29 Raffinamento delle attività principali Esempio: Individuare la portata del progetto (project scoping) 1.1 identificare i bisogni dell utente, i benefici e i clienti potenziali 1.2 definire le attività di input/output che controllano l applicazione Revisione formale della descrizione dei bisogni produrre una lista degli input/output visibili all utente revisione formale degli input/output con l utente 1.3 definire le funzionalità ed il comportamento per ogni funzione principale revisione formale degli input/output e degli oggetti visibili all utente prodotti dall attività produrre un modello del comportamento delle funzioni revisione formale del comportamento con l utente 1.4 individuare gli elementi tecnologici coinvolti nel progetto 1.5 ricercare componenti SW esistenti 1.6 definire la fattibilità tecnica 1.7 stimare rapidamente la dimensione del progetto 04Prman.30

16 Costruire un grafo che evidenzi: la sequenza delle attività con le relative durate le possibili parallelizzazioni I.1 I.2 Rete di attività I.3a 3 I.3b 6 I.3c La notazione più usata sono i diagrammi PERT (Program Evaluation and Review Technique) ideati negli anni 50 dalla Lockheed per gestire il progetto Polaris. 6 I.4 04Prman.31 Rete di attività (2) Un nodo rappresenta una attività con il relativo tempo previsto (eventualmente una terna di valori: pessimo, verosimile ed ottimo) Un arco rappresenta una dipendenza tra le attività È possibile individuare: Il cammino critico (catena di attività che determina la durata del progetto) CPM Il maggior anticipo possibile nell iniziare un attività Il maggior ritardo possibile per un attività che non ritarda il completamento di un progetto Esistono molti strumenti sw per il calcolo automatico di tali informazioni 04Prman.32

17 Diagrammi temporali Dopo aver decomposto il progetto in task prefissati è utile costruire un diagramma temporale delle attività detto GANTT (da Henry Gantt: ) m1 fine analisi m2 fine codifica analisi studio fattibilità d1 cod. a d2 cod. b d3 codifica c d4 int. e test d5 0 6m 12m 18m 04Prman.33 Diagrammi temporali (2) Le barre orizzontali indicano la durata dei compiti Le barre orizzontali si possono sovrapporre: indica potenziale parallelismo Il GANTT riporta anche le milestone Un GANTT va integrato con un PERT per avere tutte le informazioni relative alle interdipendenze tra task Molti strumenti CASE per il project management prevedono l uso di PERT e di GANTT a vari livelli di sofisticazione 04Prman.34

18 Controllo della pianificazione Controllo della pianificazione = project tracking Pert e GANTT possono essere usati per monitorare l avanzamento del progetto meeting periodici con i gruppi di lavoro per verificare lo stato di avanzamento valutazione delle revisioni formali condotte verifica dell effettivo raggiungimento delle milestone inizio effettivo delle attività rispetto all inizio previsto meeting informali per individuare i possibili problemi 04Prman.35 Riassunto dei principi base per la pianificazione Scegliere un modello per il ciclo di vita del SW Dividere il progetto in macro attività usando sia la decomposizione del problema che del processo -> Insieme di work package (WP) strutturati in attività Definire i prodotti di ogni attività (deliverable) Strutturare le attività da svolgere in singoli componenti (WBS, Work Breakdown Structure, o PBS, Project Breakdown Structure) Individuare le interdipendenze tra le attività (trasversali ai WP) Definire un calendario di progetto (Phase Activity Definition) Definire l impegno del personale (Personnel Plan) Individuare le responsabilità!! 04Prman.36

19 Riassunto dei principi base per la pianificazione (2) Controllare che la pianificazione non richieda mai un impegno complessivo superiore a quello massimo disponibile! Definizione del metodo di monitoraggio del progetto Controllo dell utilizzo del personale Controllo globale delle spese Evidenziazione del rapporto tra i costi e raggiungimento degli obiettivi Controllo globale del progetto 04Prman.37 III. Gestione delle configurazioni Concetti fondamentali Esempio Processo di gestione delle configurazioni 04Prman.38

20 Concetti fondamentali In qualsiasi punto del ciclo di vita ci si trovi, il sistema cambierà, ed il desiderio di cambiarlo persisterà per tutto il ciclo di vita. Gestione delle configurazioni: principi e tecniche per individuare, organizzare, controllare le modifiche al software in corso di realizzazione: 1. Riconoscere il cambiamento 2. Controllarlo 3. Garantire corretta implementazione 4. Avvertire gli interessati 04Prman.39 Concetti fondamentali (2) Gestione delle configurazioni SW = Software configuration management Gestione delle configurazioni: Inizia con il progetto Termina quando il prodotto SW non è più operativo Manutenzione: Inizia quando il prodotto SW viene rilasciato al cliente e messo in esercizio 04Prman.40

21 Cambiamenti: Tipi di cambiamenti nelle strategie aziendali o nelle condizioni di mercato nei requisiti tecnici nei requisiti utente Si riflettono in cambiamenti: nella pianificazione del progetto nei modelli concettuali nel codice nei test nella struttura delle basi di dati nella documentazione 04Prman.41 Esempio (1) L applicazione da progettare riguarda le informazioni sulle contravvenzioni elevate in un comune. Di ogni vigile interessa il nome, il cognome ed il numero di matricola Di ogni contravvenzione interessa Di ogni veicolo interessa Il comune vuole effettuare dei controlli sul lavoro del proprio personale: dato un vigile, si vuole sapere se ha elevato una contravvenzione per più di una volta ad uno stesso veicolo; 04Prman.42

22 Esempio (2) Progettazione/Test 1. Schema concettuale (diagrammi UML delle classi e degli use case, specifiche) 2. Interfacce dei moduli SW 3. Codice Java 4. Casi di test 04Prman.43 Schema concettuale Esempio (3) 04Prman.44

23 Codice Java Esempio (4) // File Vigile.java public class Vigile { private final String nome, cognome, matricola; private InsiemeSS contravvenzioni; public Vigile(String n, String c, String m) {... } // File ControlloPersonale.java public class ControlloPersonale { public static boolean tartassatore(vigile vig) {... } 04Prman.45 Esempio (5) Casi di Test (ad es., black box) Progettazione classi di equivalenza per la funzione Java tartassatore : Criterio del numero di valori, analisi dei valori estremi : a) Vigile che non ha mai multato veicoli b) Vigile che ha multato uno stesso veicolo al più una volta c) Vigile che ha multato uno stesso veicolo due volte - Altri criteri (es. scatola bianca) Progettazione casi di test a) b) c) 04Prman.46

24 Cambiamento (1) L applicazione da progettare riguarda le informazioni sulle contravvenzioni elevate in un comune. Di ogni vigile interessa il nome, il cognome ed il numero di matricola, la data di nascita Di ogni contravvenzione interessa Di ogni veicolo interessa Il comune vuole effettuare dei controlli sul lavoro del proprio personale: dato un vigile, si vuole sapere se ha elevato una contravvenzione per più di (una volta) due volte ad uno stesso veicolo; 04Prman.47 Cambiamento (2) Il cambiamento nei requisiti si riflette in: 1. Cambiamento dello schema concettuale: 1. Il diagramma UML delle classi non è più appropriato 2. La specifica dello use case non è più appropriata Cambiamento delle interfacce dei moduli SW: La API della classe Java Vigile non è più appropriata 04Prman.48

25 Cambiamento (3) Il cambiamento nei requisiti si riflette anche in: 3. Cambiamento del codice Java 1. Vanno aggiunti costruttori e getter nella classe Java Vigile 2. Va riprogettato l algoritmo del tartassatore ; 3. Va ri-implementata la funzione Java boolean tartassatore(vigile) 4. Cambiamento dei casi di test 1. Vanno riprogettate le classi di equivalenza 2. Vanno riprogettati i casi di test 3. Vanno rieseguiti i casi di test 04Prman.49 Necessità di procedure formali Un elemento della configurazione SW (SCI, software configuration item), ovvero: una specifica un modulo SW un insieme di casi di test che sia stato revisionato ed accettato, serva da fondamento per un ulteriore sviluppo, può essere modificato solamente attraverso procedure formali di controllo del cambiamento 04Prman.50

26 Archivio di un progetto Detto anche project repository Contiene tutti gli SCI, tipicamente in tutte le versioni Può contenere anche prodotti SW per lo sviluppo (compilatori, strumenti CASE) nella versione autorizzata per il progetto Tipicamente, si lavora su copie degli SCI contenuti nell archivio Sono previsti precisi protocolli per l inserimento nell archivio 04Prman.51 Processo di gestione delle configurazioni Identificazione (delle molte versioni esistenti) Controllo della versione e dei cambiamenti (modifiche prima e dopo il rilascio al cliente) Responsabilità dell approvazione delle modifiche e della definizione delle priorità Assicurazione che le modifiche siano state eseguite correttamente Notifica agli interessati dell esecuzione delle modifiche 04Prman.52

27 Individuazione degli SCI Deve esistere uno schema concettuale degli SCI {disjoint,complete} Specifica Test Progettazione implementazione Modulo SW collaudo 04Prman.53 Individuazione degli SCI (2) Ogni SCI deve avere un nome, che comprende la versione Deve essere gestito un grafo delle trasformazioni degli SCI V 1.3 V 1.4 V 1.0 V 1.1 V 1.2 V 2.0 V 2.1 V V Prman.54

28 Controllo delle versioni Tre coordinate indipendenti: Componente (può essere presente o no) Versione (ne nasce una nuova quando uno o più componenti subiscono cambiamenti rilevanti) Variante (coesiste con altre) 04Prman.55 Controllo del cambiamento Si rileva necessità di un cambiamento Arriva una richiesta di cambiamento dall utente Valutazione da parte dello sviluppatore Viene scritto un ordine di cambiamento (ECO- Engineering change order) L autorità del controllo dei cambiamenti (CCA) decide Se la richiesta non è accolta, l utente viene informato Se la richiesta è accolta, si mette la richiesta in coda Vengono assegnate persone allo SCI Si estrae lo SCI dall archivio di progetto (check-out) Controllo degli accessi Si effettua il cambiamento (continua ) 04Prman.56

29 Controllo del cambiamento (2) Si revisiona il cambiamento (ad es., tramite ispezione) Se si tratta di codice, si riprogettano i casi di test (ad es., mediante il metodo delle basi scatola bianca) Si effettuano i test Si inserisce la nuova versione dello SCI nell archivio (check-in) Sincronizzazione Si propone l inclusione dello SCI nella release successiva Si costruisce la nuova versione Si revisiona il cambiamento (ad es., tramite test di sistema) Il cambiamento diventa effettivo nella nuova versione 04Prman.57 Controllo del cambiamento (3) Necessità di Controllo degli accessi Diritti di lettura/scrittura Sincronizzazione Meccanismi di locking/unlocking Impediscono modifiche non autorizzate, potenzialmente distruttive inutili 04Prman.58

30 Esame della configurazione La modifica specificata nell ECO è stata effettuata? È stata svolta una revisione tecnica formale? Gli standard (ad esempio per quanto riguarda il test) sono stati applicati? La modifica è stata evidenziata nello SCI (autore, data, )? Gli interessati sono stati avvertiti? Sono stati aggiornati tutti gli SCI correlati? 04Prman.59 CVS - Concurrent Versions System Free client sw Comandi checkout (importa una directory dal server) add (aggiunge un modulo locale al server) commit (propaga le modifiche locali al server) Può fallire! update (importa le mdifiche presenti sul server) Può fallire! 04Prman.60

31 Direttorio di servizio Un esempio di GUI per CVS File non modificato dall ultimo commit File modificato dall ultimo commit File non presente sul server File aggiunto temporaneamente (senza commit ) al server 04Prman.61

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0 Processi Scelta dei processi adeguati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE Riassunti del testo di H. Mintzberg, La progettazione dell'organizzazione aziendale A cura di Francesco Lo Piparo SDC LA PROGETTAZIONE AZIENDALE CAPITOLO PRIMO: gli elementi di base della progettazione

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

Progettazione Orientata agli Oggetti

Progettazione Orientata agli Oggetti Progettazione Orientata agli Oggetti Sviluppo del software Ciclo di vita del software: comprende tutte le attività dall analisi iniziale fino all obsolescenza (sviluppo, aggiornamento, manutenzione) Procedimento

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati Tipologie di pianificatori Pianificazione Intelligenza Artificiale e Agenti II modulo Pianificazione a ordinamento parziale (POP) (HTN) pianificazione logica (SatPlan) Pianificazione come ricerca su grafi

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Laboratorio

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento Stefano Tonchia e Fabio Nonino

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria e Automazione Master in Project Management RIORGANIZZAZIONE DEI PROGETTI PER L ULTIMO TRIMESTRE DEL 2004 CON REALIZZAZIONE

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado

Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado ISBN 9788896354643 CC BY ND Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado Autori Antonio Dell Anna info@antoniodellanna.it Martina Dell

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java Riassunto Rassegna API - 1 Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 17 3 maggio 2015! Programmazione

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015

CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015 CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere nome, cognome e matricola chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1. Tradurre in linguaggio assembly MIPS il seguente frammento di

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità Gemma Catolino, Elisa D Eugenio, Davide De Chiara, Alessandro Longo Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali - Management & Information

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli