Ingegneria del Software. MINR a.a Prof. Giuseppe Santucci Project management. Project management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ingegneria del Software. MINR a.a. 2009-2010. Prof. Giuseppe Santucci. 04 - Project management. Project management"

Transcript

1 Ingegneria del Software MINR a.a Prof. Giuseppe Santucci 04 - Project management 04Prman.1 Project management I. Concetti fondamentali II. Pianificazione temporale e controllo III. Gestione delle configurazioni SW 04Prman.2

2 I. Concetti fondamentali L importanza del project management Le quattro P del project management Persone Problema Processo Progetto 04Prman.3 L importanza di un Project Management efficace L obbiettivo di ogni progetto è la realizzazione di un prodotto nel rispetto di vincoli di: tempi costi qualità 04Prman.4

3 L importanza di un Project Management efficace (2) Rischi conseguenti ad un Project Management inadeguato: Utili attesi trasformati in perdite (costi eccessivi, ritardi, penali, immagine) Ritardata presenza sul mercato Ritardo sui progetti di R&S con scarsa utilizzazione da parte delle linee produttive Scarsi e inefficaci controlli e valutazioni dei progetti causano l identificazione di eventuali errori e problemi troppo tardi rispetto alla possibilità di recupero 04Prman.5 Ostacoli al PM Attività spesso ostacolata dai dirigenti e dai tecnici con cultura organizzativa gerarchica tradizionale e scarsa cultura di moderne tecniche di gestione Costi aggiuntivi (5-7 %) Richiede una comprensione dettagliata del problema 04Prman.6

4 Le quattro P del project management 1. Persone motivate / esperte SEI PM-CMM (People Management Capability Maturity Model) assunzione / selezione addestramento / cultura di gruppo stipendio / carriera 2. Problema prima della pianificazione occorre identificare chiaramente: gli obbiettivi le soluzioni possibili i vincolialcontorno ottenendo informazioni di tipo quantitativo 04Prman.7 Le quattro P del project management (2) 3. Processo utilizzando uno dei modelli per il ciclo di vita del software occorre: individuare attività, scadenze, prodotti ed iterazioni, non trascurare le attività trasversali, quali, ad esempio, il controllo qualità, le misure e la gestione delle versioni 4. Progetto Molti progetti (~20%) non vengono mai terminati Moltissimi (~40%) subiscono levitazione dei costi ed allungamento dei tempi 04Prman.8

5 Persone coinvolte nel progetto Dirigenti (senior manager) Capi progetto (project/technical manager) Tecnici (practitioners) Elemento del gruppo (team member) Capogruppo (team leader) Cliente (customer) Utente finale (end user) La figura del capogruppo è cruciale motivare organizzare risolvere i problemi gestire il personale 04Prman.9 Il gruppo di sviluppo Scenario: Ci sono n persone che lavorano per k anni ad un progetto, assegnate ad m attività differenti. Alcune possibilità di organizzazione: 1. Le attività sono distinte: poca interazione, no gruppi 2. Nascono infomalmente gruppi e capigruppo; nasce la necessità di coordinamento fra gruppi 3. Le persone vengono divise formalmente in t gruppi, dove ogni gruppo è responsabile di una o più attività. Coordinamento: capigruppo e capoprogetto La possibilità 3 è la migliore. 04Prman.10

6 Struttura del gruppo Possibili strutture interne di un gruppo DD democratica decentralizzata assenza di capogruppo fisso (solo temporaneo) consenso collegiale comunicazione orizzontale CD controllata decentralizzata capogruppo fisso occasionali responsabili di sottoattività risoluzione di problemi per sottogruppi comunicazione orizzontale e verticale CC controllata centralizzata comunicazione verticale la prima struttura formalizzata (1972) 04Prman.11 Fattori per la scelta della struttura Fattori che influenzano la scelta della struttura del gruppo Difficoltà del problema Dimensione del problema (LOC, FP, ) Modularità del problema Qualità richieste al sistema Durata temporale del gruppo Rigidità della data di consegna 04Prman.12

7 Scelta della struttura del gruppo 04Prman.13 Formale, impersonale tool per il controllo del progetto documentazione (ad es., diagrammi, codice) prodotti intermedi scadenze controllate con tabelle dei tempi Formale, interpersonale assicurazione qualità revisioni periodiche Informale Coordinamento del gruppo riunioni diffusione risultati/scelte , forum, videoconferenze 04Prman.14

8 Scenario tipico: occorre una stima quantitativa il più presto possibile ma: un analisi dettagliata non è ancora disponibile le specifiche possono cambiare durante il progetto occorre determinare, almeno, la portata (scope) del progetto Portata: Il Problema Contesto: rapporto del software da sviluppare con il resto del sistema Obiettivi informativi: dati di ingresso e di uscita maneggiati dall utente Funzionalità e prestazioni: funzionalità da sviluppare e prestazioni particolari da raggiungere 04Prman.15 Sono molto importanti le informazioni quantitative numero di utenti massimo tempo di risposta spazio richiesto costi da non superare Il problema (2) Al più presto, decomporre il problema in un insieme di compiti (utilizzando, ad es., tecniche di analisi dei requisiti) 04Prman.16

9 Il Processo 1. Scelta di un modello A prototipo/spirale,... In ogni caso induce una sequenza di attività 2. Istanziare il problema nel modello scelto a) Creare una matrice di compiti ed attività b) Per ogni cella stimare l impegno necessario compiti 04Prman.17 Stima dell impegno Fattori che rendono difficile effettuare una stima attendibile: complessità del progetto (assoluta e relativa alle esperienze precedenti) dimensione del progetto mancanza di esperienze (e misure) pregresse informazioni inattendibili o non ufficiali 04Prman.18

10 Linee guida per ottenere una stima Acquisire le informazioni principali (scope) e decomporle in funzioni principali prestazioni e vincoli sono essenziali ai fini di una corretta valutazione Individuare le risorse necessarie Persone (capacità + numero) Componenti riusabili (spesso trascurati) componenti disponibili (prodotti internamente o da acquistare)! componenti simili da modificare (su cui si ha esperienza)! componenti simili da modificare (su cui non si ha esperienza)? HW e SW da utilizzare per lo sviluppo del progetto 04Prman.19 Stima del costo e dell impegno Metodi per la stima del tempo uomo necessario LOC FP Analisi del processo di produzione del software Modelli empirici COCOMO / equazione del software [Putnam & Myers 92] Equazione del SW (statistiche su 4000 progetti) E=(LOC*B /P) 3 * (1/t 4 ) E =impegno (mesi uomo / anni uomo) t =durata del progetto (mesi / anni) B = fattore di competenza ( ) (5 KLOC KLOC) P = parametro di produttività ( ) - Spesso calcolato su dati storici complessità dell applicazione esperienza dei programmatori linguaggio di programmazione altro... 04Prman.20

11 Monitoraggio del progetto (quanto manca?) regola del Motivi: 1. Incomprensione esigenze clienti 2. Portata mal definita 3. Gestione inappropriata modifiche 4. Cambiamento tecnologie 5. Funzionalità mal definite 6. Date consegna irrealistiche 7. Ostilità dei clienti 8. Perdita risorse finanziarie 9. Incompetenza team Pianificazione! Il Progetto 04Prman.21 II. Pianificazione temporale Fattori che causano ritardi Persone & tempo Scelta e raffinamento attività principali Rete di attività 04Prman.22

12 Fattori che rendono probabile finire in ritardo scadenza imposta dall alto cambiamento delle specifiche che non si riflette in un cambiamento della programmazione mancata valutazione dei rischi errato calcolo dell impegno necessario difficoltà (sia tecniche sia umane) impreviste comunicazione insufficiente/errata fra il personale incapacità di accorgersi del ritardo del progetto e mancanza di adeguate azioni correttive 04Prman.23 Principi di pianificazione temporale Pianificazione temporale = scheduling Ripartizione: definire compiti ed attività Interdipendenza: comprendere le relazioni fra attività Assegnazione della durata, della data di inizio e di fine di ogni attività. Esistono unità appropriate (anno/uomo, mese/uomo) Validazione: essere sicuri che le risorse siano disponibili Responsabilità definite: assegnare persone ai compiti Risultati definiti: ogni attività ha un output Punti di controllo (milestone) definiti: revisioni per la qualità 04Prman.24

13 Persone e tempo La relazione intercorrente tra persone e tempo non è lineare coordinamento comunicazione Esempio: ogni programmatore può produrre 5000 LOC/anno lavorando da solo se due programmatori devono interagire fra loro, la loro produttività complessiva diminuisce di 250 LOC/anno ( 9.750) (2,5% in meno) qual è la produttività di un team di quattro programmatori che devono tutti interagire fra di loro? Risposta: ci sono sei canali di comunicazione (4*3)/2, quindi si perdono 250*6=1500 LOC/anno. La produttività del team è di LOC/anno (7,5% in meno) 04Prman.25 Persone e tempo (2) Anche le formule empiriche (equazione del SW) confermano che allungando il tempo di sviluppo il carico di lavoro complessivo diminuisce Il prodotto E*t 4 è costante E=(LOC*B /P) 3 * (1/t 4 ) Esempio: 1. t = 1,3 anni; E = 12 anni/uomo ----> 12/1,3 = 9.2 persone 2. t = 1,75 anni; E = 3,7 anni/uomo ----> 3.7/1.75 = 2.1 persone 04Prman.26

14 Persone e tempo (3) Distribuzione del carico di lavoro (regola ) 40 % analisi 20%codifica 40% test In realtà la regola è solo indicativa (vedi tabelle COCOMO per i vari tipi di progetto) 04Prman.27 Piano di progetto Project plan Breve documento che descrive la portata (scope) del progetto definisce i rischi definisce il costo e la pianificazione fornisce un quadro di riferimento globale evidenzia come la qualità del prodotto viene garantita 04Prman.28

15 Programmi, progetti e compiti Programma: iniziativa a lungo termine, che può comprendere più di un progetto Progetto: sforzo complesso, durata limitata (< 3 anni) che comprende compiti interrelati eseguiti da diverse organizzazioni con obiettivi, schedulazioni e budget ben definiti Compito (task): sforzo a breve termine (3 6 mesi) eseguito da un organizzazione, che insieme ad altri compiti costituisce un progetto Work package: insieme di task correlati tra di loro 04Prman.29 Raffinamento delle attività principali Esempio: Individuare la portata del progetto (project scoping) 1.1 identificare i bisogni dell utente, i benefici e i clienti potenziali 1.2 definire le attività di input/output che controllano l applicazione Revisione formale della descrizione dei bisogni produrre una lista degli input/output visibili all utente revisione formale degli input/output con l utente 1.3 definire le funzionalità ed il comportamento per ogni funzione principale revisione formale degli input/output e degli oggetti visibili all utente prodotti dall attività produrre un modello del comportamento delle funzioni revisione formale del comportamento con l utente 1.4 individuare gli elementi tecnologici coinvolti nel progetto 1.5 ricercare componenti SW esistenti 1.6 definire la fattibilità tecnica 1.7 stimare rapidamente la dimensione del progetto 04Prman.30

16 Costruire un grafo che evidenzi: la sequenza delle attività con le relative durate le possibili parallelizzazioni I.1 I.2 Rete di attività I.3a 3 I.3b 6 I.3c La notazione più usata sono i diagrammi PERT (Program Evaluation and Review Technique) ideati negli anni 50 dalla Lockheed per gestire il progetto Polaris. 6 I.4 04Prman.31 Rete di attività (2) Un nodo rappresenta una attività con il relativo tempo previsto (eventualmente una terna di valori: pessimo, verosimile ed ottimo) Un arco rappresenta una dipendenza tra le attività È possibile individuare: Il cammino critico (catena di attività che determina la durata del progetto) CPM Il maggior anticipo possibile nell iniziare un attività Il maggior ritardo possibile per un attività che non ritarda il completamento di un progetto Esistono molti strumenti sw per il calcolo automatico di tali informazioni 04Prman.32

17 Diagrammi temporali Dopo aver decomposto il progetto in task prefissati è utile costruire un diagramma temporale delle attività detto GANTT (da Henry Gantt: ) m1 fine analisi m2 fine codifica analisi studio fattibilità d1 cod. a d2 cod. b d3 codifica c d4 int. e test d5 0 6m 12m 18m 04Prman.33 Diagrammi temporali (2) Le barre orizzontali indicano la durata dei compiti Le barre orizzontali si possono sovrapporre: indica potenziale parallelismo Il GANTT riporta anche le milestone Un GANTT va integrato con un PERT per avere tutte le informazioni relative alle interdipendenze tra task Molti strumenti CASE per il project management prevedono l uso di PERT e di GANTT a vari livelli di sofisticazione 04Prman.34

18 Controllo della pianificazione Controllo della pianificazione = project tracking Pert e GANTT possono essere usati per monitorare l avanzamento del progetto meeting periodici con i gruppi di lavoro per verificare lo stato di avanzamento valutazione delle revisioni formali condotte verifica dell effettivo raggiungimento delle milestone inizio effettivo delle attività rispetto all inizio previsto meeting informali per individuare i possibili problemi 04Prman.35 Riassunto dei principi base per la pianificazione Scegliere un modello per il ciclo di vita del SW Dividere il progetto in macro attività usando sia la decomposizione del problema che del processo -> Insieme di work package (WP) strutturati in attività Definire i prodotti di ogni attività (deliverable) Strutturare le attività da svolgere in singoli componenti (WBS, Work Breakdown Structure, o PBS, Project Breakdown Structure) Individuare le interdipendenze tra le attività (trasversali ai WP) Definire un calendario di progetto (Phase Activity Definition) Definire l impegno del personale (Personnel Plan) Individuare le responsabilità!! 04Prman.36

19 Riassunto dei principi base per la pianificazione (2) Controllare che la pianificazione non richieda mai un impegno complessivo superiore a quello massimo disponibile! Definizione del metodo di monitoraggio del progetto Controllo dell utilizzo del personale Controllo globale delle spese Evidenziazione del rapporto tra i costi e raggiungimento degli obiettivi Controllo globale del progetto 04Prman.37 III. Gestione delle configurazioni Concetti fondamentali Esempio Processo di gestione delle configurazioni 04Prman.38

20 Concetti fondamentali In qualsiasi punto del ciclo di vita ci si trovi, il sistema cambierà, ed il desiderio di cambiarlo persisterà per tutto il ciclo di vita. Gestione delle configurazioni: principi e tecniche per individuare, organizzare, controllare le modifiche al software in corso di realizzazione: 1. Riconoscere il cambiamento 2. Controllarlo 3. Garantire corretta implementazione 4. Avvertire gli interessati 04Prman.39 Concetti fondamentali (2) Gestione delle configurazioni SW = Software configuration management Gestione delle configurazioni: Inizia con il progetto Termina quando il prodotto SW non è più operativo Manutenzione: Inizia quando il prodotto SW viene rilasciato al cliente e messo in esercizio 04Prman.40

21 Cambiamenti: Tipi di cambiamenti nelle strategie aziendali o nelle condizioni di mercato nei requisiti tecnici nei requisiti utente Si riflettono in cambiamenti: nella pianificazione del progetto nei modelli concettuali nel codice nei test nella struttura delle basi di dati nella documentazione 04Prman.41 Esempio (1) L applicazione da progettare riguarda le informazioni sulle contravvenzioni elevate in un comune. Di ogni vigile interessa il nome, il cognome ed il numero di matricola Di ogni contravvenzione interessa Di ogni veicolo interessa Il comune vuole effettuare dei controlli sul lavoro del proprio personale: dato un vigile, si vuole sapere se ha elevato una contravvenzione per più di una volta ad uno stesso veicolo; 04Prman.42

22 Esempio (2) Progettazione/Test 1. Schema concettuale (diagrammi UML delle classi e degli use case, specifiche) 2. Interfacce dei moduli SW 3. Codice Java 4. Casi di test 04Prman.43 Schema concettuale Esempio (3) 04Prman.44

23 Codice Java Esempio (4) // File Vigile.java public class Vigile { private final String nome, cognome, matricola; private InsiemeSS contravvenzioni; public Vigile(String n, String c, String m) {... } // File ControlloPersonale.java public class ControlloPersonale { public static boolean tartassatore(vigile vig) {... } 04Prman.45 Esempio (5) Casi di Test (ad es., black box) Progettazione classi di equivalenza per la funzione Java tartassatore : Criterio del numero di valori, analisi dei valori estremi : a) Vigile che non ha mai multato veicoli b) Vigile che ha multato uno stesso veicolo al più una volta c) Vigile che ha multato uno stesso veicolo due volte - Altri criteri (es. scatola bianca) Progettazione casi di test a) b) c) 04Prman.46

24 Cambiamento (1) L applicazione da progettare riguarda le informazioni sulle contravvenzioni elevate in un comune. Di ogni vigile interessa il nome, il cognome ed il numero di matricola, la data di nascita Di ogni contravvenzione interessa Di ogni veicolo interessa Il comune vuole effettuare dei controlli sul lavoro del proprio personale: dato un vigile, si vuole sapere se ha elevato una contravvenzione per più di (una volta) due volte ad uno stesso veicolo; 04Prman.47 Cambiamento (2) Il cambiamento nei requisiti si riflette in: 1. Cambiamento dello schema concettuale: 1. Il diagramma UML delle classi non è più appropriato 2. La specifica dello use case non è più appropriata Cambiamento delle interfacce dei moduli SW: La API della classe Java Vigile non è più appropriata 04Prman.48

25 Cambiamento (3) Il cambiamento nei requisiti si riflette anche in: 3. Cambiamento del codice Java 1. Vanno aggiunti costruttori e getter nella classe Java Vigile 2. Va riprogettato l algoritmo del tartassatore ; 3. Va ri-implementata la funzione Java boolean tartassatore(vigile) 4. Cambiamento dei casi di test 1. Vanno riprogettate le classi di equivalenza 2. Vanno riprogettati i casi di test 3. Vanno rieseguiti i casi di test 04Prman.49 Necessità di procedure formali Un elemento della configurazione SW (SCI, software configuration item), ovvero: una specifica un modulo SW un insieme di casi di test che sia stato revisionato ed accettato, serva da fondamento per un ulteriore sviluppo, può essere modificato solamente attraverso procedure formali di controllo del cambiamento 04Prman.50

26 Archivio di un progetto Detto anche project repository Contiene tutti gli SCI, tipicamente in tutte le versioni Può contenere anche prodotti SW per lo sviluppo (compilatori, strumenti CASE) nella versione autorizzata per il progetto Tipicamente, si lavora su copie degli SCI contenuti nell archivio Sono previsti precisi protocolli per l inserimento nell archivio 04Prman.51 Processo di gestione delle configurazioni Identificazione (delle molte versioni esistenti) Controllo della versione e dei cambiamenti (modifiche prima e dopo il rilascio al cliente) Responsabilità dell approvazione delle modifiche e della definizione delle priorità Assicurazione che le modifiche siano state eseguite correttamente Notifica agli interessati dell esecuzione delle modifiche 04Prman.52

27 Individuazione degli SCI Deve esistere uno schema concettuale degli SCI {disjoint,complete} Specifica Test Progettazione implementazione Modulo SW collaudo 04Prman.53 Individuazione degli SCI (2) Ogni SCI deve avere un nome, che comprende la versione Deve essere gestito un grafo delle trasformazioni degli SCI V 1.3 V 1.4 V 1.0 V 1.1 V 1.2 V 2.0 V 2.1 V V Prman.54

28 Controllo delle versioni Tre coordinate indipendenti: Componente (può essere presente o no) Versione (ne nasce una nuova quando uno o più componenti subiscono cambiamenti rilevanti) Variante (coesiste con altre) 04Prman.55 Controllo del cambiamento Si rileva necessità di un cambiamento Arriva una richiesta di cambiamento dall utente Valutazione da parte dello sviluppatore Viene scritto un ordine di cambiamento (ECO- Engineering change order) L autorità del controllo dei cambiamenti (CCA) decide Se la richiesta non è accolta, l utente viene informato Se la richiesta è accolta, si mette la richiesta in coda Vengono assegnate persone allo SCI Si estrae lo SCI dall archivio di progetto (check-out) Controllo degli accessi Si effettua il cambiamento (continua ) 04Prman.56

29 Controllo del cambiamento (2) Si revisiona il cambiamento (ad es., tramite ispezione) Se si tratta di codice, si riprogettano i casi di test (ad es., mediante il metodo delle basi scatola bianca) Si effettuano i test Si inserisce la nuova versione dello SCI nell archivio (check-in) Sincronizzazione Si propone l inclusione dello SCI nella release successiva Si costruisce la nuova versione Si revisiona il cambiamento (ad es., tramite test di sistema) Il cambiamento diventa effettivo nella nuova versione 04Prman.57 Controllo del cambiamento (3) Necessità di Controllo degli accessi Diritti di lettura/scrittura Sincronizzazione Meccanismi di locking/unlocking Impediscono modifiche non autorizzate, potenzialmente distruttive inutili 04Prman.58

30 Esame della configurazione La modifica specificata nell ECO è stata effettuata? È stata svolta una revisione tecnica formale? Gli standard (ad esempio per quanto riguarda il test) sono stati applicati? La modifica è stata evidenziata nello SCI (autore, data, )? Gli interessati sono stati avvertiti? Sono stati aggiornati tutti gli SCI correlati? 04Prman.59 CVS - Concurrent Versions System Free client sw Comandi checkout (importa una directory dal server) add (aggiunge un modulo locale al server) commit (propaga le modifiche locali al server) Può fallire! update (importa le mdifiche presenti sul server) Può fallire! 04Prman.60

31 Direttorio di servizio Un esempio di GUI per CVS File non modificato dall ultimo commit File modificato dall ultimo commit File non presente sul server File aggiunto temporaneamente (senza commit ) al server 04Prman.61

02: Project Management

02: Project Management 02: Project Management Le tre P del project management Persone motivate / esperte SEI PM-CMM (People Management Capability Maturity Model) assunzione / selezione addestramento / cultura di gruppo stipendio

Dettagli

Software project management. www.vincenzocalabro.it

Software project management. www.vincenzocalabro.it Software project management Software project management Sono le attività necessarie per assicurare che un prodotto software sia sviluppato rispettando le scadenze fissate rispondendo a determinati standard

Dettagli

3. SOFTWARE MANAGEMENT

3. SOFTWARE MANAGEMENT 3. SOFTWARE MANAGEMENT Introdurre caratteristiche e problematiche della direzione di progetto software (software management) Discutere la pianificazione di un progetto e la temporizzazione (scheduling)

Dettagli

GESTIONE DEI PROGETTI. Inizio

GESTIONE DEI PROGETTI. Inizio GESTIONE DEI PROGETTI Problema del management Fallimento negli anni 60, inizio 70 Non tanto dovuto alla competenza Un buon management non garantisce il successo ma un cattivo management risulta spesso

Dettagli

Obiettivi della Lezione. Project Management. Software Project Management. Che cos è un progetto

Obiettivi della Lezione. Project Management. Software Project Management. Che cos è un progetto Project Management Dott. Andrea F. Abate e-mail: abate@unisa.it Web: http://www.dmi.unisa.it/people/abate Gestione di Progetti Software: Pianificazione delle attività e rappresentazioni grafiche Obiettivi

Dettagli

GESTIONE DEI PROGETTI

GESTIONE DEI PROGETTI GESTIONE DEI PROGETTI Problema del management Fallimento negli anni 60, inizio 70 Non tanto dovuto alla competenza Un buon management non garantisce il successo ma un cattivo management risulta spesso

Dettagli

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software 5 Gestione dei progetti software. Dopo aver completato lo studio del ciclo di vita del software, in questa parte vengono discussi gli aspetti gestionali della produzione del software. Vengono esaminate

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

Gestione di progetto. Gestione di progetto. Criticità. Fattori di rischio. Fondamenti. Istanziare processi nel progetto

Gestione di progetto. Gestione di progetto. Criticità. Fattori di rischio. Fondamenti. Istanziare processi nel progetto Criticità Gestione di progetto Ingegneria del Software V. Ambriola, G.A. Cignoni, C. Montangero, L. Semini Aggiornamenti: T. Vardanega (UniPD) Il prodotto SW è intangibile e (troppo) flessibile Al software

Dettagli

Processi principali per il completamento del progetto

Processi principali per il completamento del progetto Piano di progetto È un documento versionato, redatto dal project manager per poter stimare realisticamente le risorse, i costi e i tempi necessari alla realizzazione del progetto. Il piano di progetto

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività Schemi di scomposizione delle attività Gestione parte IIC Work Breakdown Structures (WBS) Struttura ad albero: radice: attività principale i nodi figli rappresentano la scomposizione del nodo padre le

Dettagli

Gestione. di progetto. Gestione di progetto. IS 2011 - Ingegneria del Software 1. Contenuti. Fondamenti. Criticità. Gestione dei rischi 1

Gestione. di progetto. Gestione di progetto. IS 2011 - Ingegneria del Software 1. Contenuti. Fondamenti. Criticità. Gestione dei rischi 1 Contenuti Gestione di progetto Ruoli professionali Pianificazione di progetto Ingegneria del Software Stima dei costi di progetto V. Ambriola, G.A. Cignoni, C. Montangero, L. Semini Seminario: rischi di

Dettagli

Realizzare un Progetto Informatico

Realizzare un Progetto Informatico ISTITUTO TECNICO QUINTO ANNO Realizzare un Progetto Informatico GIORGIO PORCU www.thegiorgio.it Sommario Pianificazione Aspetti della pianificazione WBS (Work Breakdown Structure) Diagramma PERT Diagramma

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw Pianificazione e gestione di progetto Responsabile di progetto: attività 1) Pianificazione 2) Organizzazione 3) Gestione del personale (staffing) 4) Direzione 5) Controllo Adozione di tecniche e metodologie

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Gestione di progetto: pianificazione. Introduzione: dove siamo? Introduzione: pianificazione. Simona Bernardi

Gestione di progetto: pianificazione. Introduzione: dove siamo? Introduzione: pianificazione. Simona Bernardi Gestione di progetto: pianificazione Simona Bernardi Corso di Ingegneria del Software 04/ 05 Prof.Susanna Donatelli Introduzione: dove siamo? Gestione di progetto: Pianificazione Monitoraggio e controllo

Dettagli

-Sistemi per il rilevamento di flussi di persone- Progetto:

-Sistemi per il rilevamento di flussi di persone- Progetto: -Sistemi per il rilevamento di flussi di persone- Progetto: Sistema per il rilevamento e l analisi dei flussi dei clienti in un megastore di 1 piano di 1250m 2, composto da 20 corsie di 1m di lunghezza

Dettagli

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1 Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software Project Proposal Versione 1.1 Data 27/03/2009 Project Manager: D Amato Angelo 0521000698 Partecipanti: Nome Andrea Cesaro Giuseppe Russo

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0. Gestione. Pianificazione e gestione del progetto

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0. Gestione. Pianificazione e gestione del progetto Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0 Gestione Pianificazione e gestione del progetto Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software Giuseppe Santucci Qualità nella Produzione del Software 03 Revisione del contratto (Contract review) & Piani di sviluppo e qualità (Development and quality plans) 03CR&DQP.1 Contract review? Una cattiva

Dettagli

Stima dell'effort. IT Project Management. Lezione 6 Stima dell effort Federica Spiga. Monitoring del progetto (Earned Value)

Stima dell'effort. IT Project Management. Lezione 6 Stima dell effort Federica Spiga. Monitoring del progetto (Earned Value) IT Project Management Lezione 6 Stima dell effort Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

Introduzione al Project Management

Introduzione al Project Management Introduzione al Project Management Che cos è il project management Gestione di un impresa complessa, unica e di durata determinata rivolta al raggiungimento di un obiettivo chiaro e predefinito mediante

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA Roma, aprile 2015 Project Management (Prof. A. Rocchi) A cosa si riferisce Diverse sono le problematiche relative alla gestione dei progetti all interno di ogni

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 5 PIANIFICAZIONE DELLE FASI DI UN PROGETTO Andrea Chiarini 2 PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO

Dettagli

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Alta Formazione per il Business Executive master GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Bologna, 4 maggio 2013 introduzione al Project management a cura del dott. Stefano Soglia Materiale riservato alla

Dettagli

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività.

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Nella precedente Unità formativa si è fatto cenno ad alcuni strumenti molto diffusi per la programmazione delle attività e, in particolare,

Dettagli

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Università degli Studi di Cagliari D.I.M.C.M. Introduzione Il Proect Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Gestione dei Progetti Prof.

Dettagli

Gestione di progetti (software)

Gestione di progetti (software) Gestione di progetti (software) Tecniche di Programmazione Lez. 03 Università di Firenze a.a. 2009/10, I semestre 1/25 Contenuti Gestione di progetto Ruoli professionali Pianificazione di progetto Stima

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL PROCESSO DI SVILUPPO PRODOTTO

ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL PROCESSO DI SVILUPPO PRODOTTO ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL PROCESSO DI SVILUPPO PRODOTTO 151 Organizzazione e pianificazione del processo di sviluppo prodotto (1/2) Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica

Dettagli

Processo parte VII. Strumenti. Maggiore integrazione. Sviluppo tecnologico

Processo parte VII. Strumenti. Maggiore integrazione. Sviluppo tecnologico Strumenti Processo parte VII Leggere Cap. 9 Ghezzi et al. Strumenti software che assistono gli ingegneri del software in tutte le fasi del progetto; in particolare progettazione codifica test Evoluzione

Dettagli

6. La gestione del contenuto del progetto

6. La gestione del contenuto del progetto 6. La gestione del contenuto del progetto Il primo processo di pianificazione riguarda la definizione di tutto e solo ciò che riguarda il progetto. Occorre passare dalla descrizione dell oggetto finale

Dettagli

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM C. Noè WBS Si tratta di uno strumento di supporto alla scomposizione analitica di un progetto in tutte le sue parti. Ciò facilita l attribuzione di

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

La procedura di programmazione e gestione del progetto

La procedura di programmazione e gestione del progetto Università degli Studi di Trento Programmazione Costi e Contabilità lavori a.a. 2003-4 La procedura di programmazione e gestione del progetto Marco Masera, dott. arch., d.d.r. ing. marco.masera@ing.unitn

Dettagli

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Dopo aver affrontato la prima stesura del POP, si deve passare piano al vaglio del committente per avere il via definitivo. Se OK Si procede

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Ingegneria del software. Gestione di progetto. Marina Mongiello

Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Ingegneria del software. Gestione di progetto. Marina Mongiello Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Ingegneria del Gestione di progetto Contenuti Gestione di progetto Ruoli professionali Pianificazione di progetto Stima dei costi di progetto Rischi

Dettagli

Le tecniche di scheduling (1)

Le tecniche di scheduling (1) Le tecniche di scheduling (1) Sono la base di tutto il processo di pianificazione, e fornisco al management gli elementi per decidere come utilizzare le risorse per raggiungere gli obiettivi di costo e

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Materiale di supporto alla didattica Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende CAPITOLO 3: Progettazione e sviluppo

Dettagli

La Gestione del progetto

La Gestione del progetto Il Laboratorio e la Professione La Gestione del progetto Padova 25-26 settembre 2009 M. Iside Bruschi REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO Il Project Management è un sistema che utilizza ed applica conoscenze

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 7: project management plan lista attività WBS e strumenti

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 7: project management plan lista attività WBS e strumenti Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 7: project management plan lista attività WBS e strumenti Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

Leveling delle attività

Leveling delle attività Leveling delle attività Metodi per risolvere i conflitti di allocazione delle attività Allocare in modo non-uniforme Ritardare un attività Prima le attività con slack più alto Nel caso di attività con

Dettagli

Project management. La gestione di progetti e programmi complessi. Russell D. Archibald

Project management. La gestione di progetti e programmi complessi. Russell D. Archibald M A N A G E M E N T Project La gestione di progetti e programmi complessi Russell D. Archibald FRANCOANGELI Informazioni per il lettore Questo file PDF è una versione gratuita di sole 20 pagine ed è leggibile

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT

IL PROJECT MANAGEMENT IL PROJECT MANAGEMENT Scopi e campi di applicazione La pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione dei tempi La gestione e il controllo del progetto

Dettagli

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Progettare il tempo Il metodo, il processo e gli strumenti della progettazione in ottica temporale Costantina Regazzo, Antiforma srl - Milano Percorso formativo

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Il Project management Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Progetto. La nozione Un progetto costituisce un insieme di attività, complesse e interrelate, aventi come fine un obiettivo

Dettagli

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore)

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Mettere in grado i partecipanti di acquisire la conoscenza della disciplina del project management affinchè essi possano successivamente affrontare e

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 11: valutazione costi diagramma di PERT Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Da ricordare:

Dettagli

LA GESTIONE DEI PROGETTI

LA GESTIONE DEI PROGETTI Mara Bergamaschi LA GESTIONE DEI PROGETTI Copyright SDA-Bocconi Nota didattica PA 2365 LA GESTIONE DEI PROGETTI Di Mara Bergamaschi SOMMARIO: La nozione di progetto; L importanza di un project management

Dettagli

Scuola di formazione all Impegno Sociale e Poli5co. Corso di Amministrazione Avanzata DAI PROGRAMMI AI PROGETTI

Scuola di formazione all Impegno Sociale e Poli5co. Corso di Amministrazione Avanzata DAI PROGRAMMI AI PROGETTI Scuola di formazione all Impegno Sociale e Poli5co Strumen5 e Metodi per agire nel Sociale e in Poli5ca DIOCESI DI VERONA Corso di Amministrazione Avanzata DAI PROGRAMMI AI PROGETTI Sabato 12 maggio 2012

Dettagli

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI Project Management Alessandro Silvestri A.A. 010/011 1 AGENDA - Introduzione PROJECT MANAGEMENT - TECNICHE DI BASE - TECNICHE RETICOLARI PERT Deterministico (CPM) PERT

Dettagli

Sviluppo e Gestione Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Struttura del corso - ID CONTENUTI TEORIA PROJ. WORK DATA WORK SHOP Conoscenza dei principi di base, metodi e tecniche

Dettagli

CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA

CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA Misura: è una funzione m: A -> B che associa ad ogni attributo A di un osservabile nel mondo reale o empirico (dominio) un oggetto formale B nel mondo matematico (range);

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana

Indice. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione italiana XV Capitolo 1 Il software e l ingegneria del software 1 1.1 L evoluzione del ruolo del software 3 1.2 Il software 5 1.3 La natura mutevole del software 8 1.4 Il

Dettagli

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM 1 Che cos è un progetto? Una serie complessa di attività in un intervallo temporale definito... finalizzate al raggiungimento di obiettivi

Dettagli

La gestione dei tempi IL CRONOPROGRAMMA

La gestione dei tempi IL CRONOPROGRAMMA Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà La gestione dei

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali II

Sistemi Informativi Aziendali II Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali II 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5 Modulo 5 La gestione dei Progetti (Project Management): Generalità e metodologie; Gestire un progetto con uno

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Sistema di spedizione per azienda logistica LBDS

Sistema di spedizione per azienda logistica LBDS CONFIGURATION MANAGEMENT PLAN Sistema di spedizione per azienda logistica LBDS Gruppo Laboratorio di Ingegneria del Software 2 Anno Accademico2009/2010 Gruppo Kairos: Maiero Matteo, Bertoni Alan, Zolli

Dettagli

L ambito di progetto Rappresenta la definizione del progetto, ovvero cosa deve essere portato a termine Comprende gli elementi:

L ambito di progetto Rappresenta la definizione del progetto, ovvero cosa deve essere portato a termine Comprende gli elementi: Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 6: Ambito di progetto organizzazione della comunicazione Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT MUSEOLOGIA E CONSERVAZIONE DEI BENI MUSEALI ORGANIZZAZIONE E PROJECT BARBARA SORESINA Project Manager 16 DICEMBRE 2013 01.1 GESTIONE STRATEGICA PREMESSA PIANIFICAZIONE DI PROGRAMMI E PROGETTI scelta delle

Dettagli

Trasformazione dei Processi in Progetti DIB 1

Trasformazione dei Processi in Progetti DIB 1 Trasformazione dei Processi in Progetti DIB 1 Generalità DIB 2 Progetto PROGETTO: esecuzione di un insieme di attività in un tempo e con risorse limitati per raggiungere uno specifico scopo. A causa dell

Dettagli

Software Project Management Plan 1.0

Software Project Management Plan 1.0 Software Project Management Plan 1.0 17 maggio 2010 Gruppo CiDeFaRo Progetto di Laboratorio Sistemi e Processi Organizzativi 2010 ALMA MATER STUDIORUM - Universitá di Bologna Facolt di Scienze Matematiche

Dettagli

Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo

Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 10 Marzo 2014 Il Ciclo Lungo Il Versioning e la Condivisione di Codice Organizzazione dei Pacchetti La Modellazione

Dettagli

Il Project Management. Dott.ssa Alessia Sozio

Il Project Management. Dott.ssa Alessia Sozio Il Project Management Dott.ssa Alessia Sozio PROJECT Un insieme di persone e di altre risorse temporaneamente riunite per raggiungere uno specifico obbiettivo, di solito con un budget determinato ed entro

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Corso di Ingegneria del software A. A. 2004-2005. Marina Mongiello

Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica. Corso di Ingegneria del software A. A. 2004-2005. Marina Mongiello Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del A. A. 2004-2005 1 La progettazione È applicata indipendentemente dal modello di processo utilizzato. Parte dal punto in cui sono

Dettagli

Ciclo di vita del software

Ciclo di vita del software Ciclo di vita del software Nel corso degli anni, nel passaggio dalla visione artigianale alla visione industriale del software, si è compreso che il processo andava formalizzato attraverso: un insieme

Dettagli

Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti

Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti Amir Baldissera amir.baldissera@mentis.it Milano, 18 Ottobre 2008 Cos è IWA/HWG IWA/HWG è un Associazione professionale no profit riconosciuta

Dettagli

Progetto FIXO Ricerca e Innovazione per la competitività Modulo di Project Management Prof. Valerio Teta

Progetto FIXO Ricerca e Innovazione per la competitività Modulo di Project Management Prof. Valerio Teta Progetto FIXO Ricerca e Innovazione per la competitività Modulo di Project Management Prof. Valerio Teta (v.teta@unina.it) 25-09-2008 Valerio Teta_Project Management 1 Definizione di Progetto Definizione

Dettagli

Realizzazione di un applicazione per la stesura di un Business Plan

Realizzazione di un applicazione per la stesura di un Business Plan tesi di laurea Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Vincenzo Malzone Matr. 534/1173 Obiettivi Realizzare un applicazione desktop per la stesura di un documento di

Dettagli

Strumenti per il Project Management

Strumenti per il Project Management CORSO DI Gestione aziendale Facoltà di Ingegneria Strumenti per il Project Management Carlo Noè Università Carlo Cattaneo Istituto di Tecnologie e-mail: cnoe@liuc.it AGENDA Strumenti per il Project Management

Dettagli

Lezioni di Gestione Aziendale/Gestione dell Innovazione e dei Progetti

Lezioni di Gestione Aziendale/Gestione dell Innovazione e dei Progetti Lezioni di Gestione Aziendale/Gestione dell Innovazione e dei Progetti a.a. a 2009-10 Prof. Corrado lo Storto DIEG, Dipartimento di Ingegneria Economico-gestionale Facoltà di Ingegneria, Università di

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT.

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. Cod. Figure professionali q.tà gg.uu. Riepilogo di Progetto 1.092 SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. 001 Comitato

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO E PROGRAMMAZIONE TEMPORALE

PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO E PROGRAMMAZIONE TEMPORALE Minimaster in PROJECT MANAGEMENT PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO E PROGRAMMAZIONE TEMPORALE Giovanni Francesco Salamone COMPETENZE TECNICHE PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO E PROGRAMMAZIONE TEMPORALE ( ICB 3 Elemento

Dettagli

REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE

REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE Premessa Il presente report illustra il progetto Cluster Open Source, progetto che mira a sviluppare dinamiche distrettuali all interno del sistema produttivo

Dettagli

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Obiettivi. Presentare un approccio visuale alla progettazione. Illustrare i vantaggi dell utilizzo di diagrammi nella fase di progettazione. Rispondere

Dettagli

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11 Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11 Project Scheduling: Reti di attività CARLO MANNINO Sapienza Università di Roma Dipartimento di Informatica e Sistemistica

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI OBIETTIVI Individuazione delle singole attività elementari Loro organizzazione su differenti livelli di dettaglio Definizione di una struttura di controllo P.D.Patrone,

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

Project Planning. Politecnico di Milano. Progetto di Ingegneria del Software 2. 15 novembre 2011. Elisabetta Di Nitto Raffaela Mirandola

Project Planning. Politecnico di Milano. Progetto di Ingegneria del Software 2. 15 novembre 2011. Elisabetta Di Nitto Raffaela Mirandola Politecnico di Milano Progetto di Ingegneria del Software 2 Project Planning Autori: Claudia Foglieni Giovanni Matteo Fumarola Massimo Maggi Professori: Elisabetta Di Nitto Raffaela Mirandola 15 novembre

Dettagli

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software. 02- Il sistema assicurazione qualità (SQAS: Sofware Quality Assurance System)

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software. 02- Il sistema assicurazione qualità (SQAS: Sofware Quality Assurance System) Giuseppe Santucci Qualità nella Produzione del Software 02- Il sistema assicurazione qualità (SQAS: Sofware Quality Assurance System) 02SQAS.1 Peculiarità del SW XXX warrants that the media (!) on which

Dettagli

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Giampiero Allamprese 0000260193 PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi A.A. 2007/2008 ABSTRACT L obiettivo di questo progetto è la realizzazione

Dettagli