Dopo l approvazione del bilancio sono state apportate allo stesso variazioni con i seguenti atti deliberativi:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dopo l approvazione del bilancio sono state apportate allo stesso variazioni con i seguenti atti deliberativi:"

Transcript

1 COMUNE DI CAVAGNOLO PROVINCIA DI TORINO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO La presentazione del conto consuntivo è uno dei momenti più importanti della vita amministrativa di un Comune; è l atto di verifica sui risultati della programmazione politico/finanziaria, ai sensi dell art.151 comma 6 e dell art. 231 del Testo unico sull ordinamento degli Enti Locali approvato con Decreto Legislativo 18 agosto 2000 n.267. Il bilancio di previsione per l esercizio 2012, corredato dalla relazione previsionale e programmatica e del bilancio pluriennale per il triennio 2012/2013/2014 è stato approvato con Decreto del Commissario Prefettizio n. 38 in data 13 aprile 2012, esecutivo ai sensi di legge. La gestione dell esercizio è stata svolta dal Commissario Prefettizio fino al mese 06 maggio 2012 e successivamente dalla nuova Amministrazione comunale a seguito delle elezioni amministrative Dopo l approvazione del bilancio sono state apportate allo stesso variazioni con i seguenti atti deliberativi: Consiglio Comunale n. 14 del 25/06/2012 Consiglio Comunale n. 20 del 27/09/2012 Consiglio Comunale n. 30 del 30/11/2012 Con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 27/09/2012 si è provveduto alla ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi e verifica equilibri di bilancio. Nel corso dell anno le scelte attuate interessano generalmente i singoli aspetti della complessa attività dell Ente. In occasione dell approvazione del bilancio di previsione prima e del conto consuntivo poi, la discussione che ne scaturisce si estende fino ad interessare gli aspetti di natura generale. Il Legislatore, sensibile a queste esigenze, ha introdotto l obbligo di allegare ai documenti contabili annuali (preventivo e consuntivo) la relazione che indichi i criteri e le scelte di gestione adottate. La relazione al conto consuntivo 2012 si propone di esporre i dati più significativi dell attività dell Ente. Allo stesso tempo l analisi simultanea dei principali fattori di rigidità del bilancio (costo del personale ed indebitamento) e del risultato conseguito nella gestione dei servizi, permette di esprimere efficaci valutazioni sui risultati conseguiti in rapporto ai programmi ed ai costi sostenuti. Il conto consuntivo dell esercizio finanziario 2012 chiude complessivamente con un avanzo di euro ,68; tale risultato d amministrazione deriva dalla somma dei risultati prodotti dalle gestioni della competenza e dei residui. Poiché i dati di bilancio preventivo (sia quelli iniziali sia quelli relativi alle previsioni definitive, come risultanti a seguito delle variazioni di bilancio apportate nel corso dell anno) si chiudono in pareggio, l avanzo di amministrazione deriva dalla somma algebrica degli scostamenti rispetto alle previsioni di bilancio (sia nella gestione competenza sia in quella residui).

2 Nel corso dell esercizio finanziario 2012, al fine del pareggio contabile titolo 1/2/3 dell Entrata e Titolo 1 e 3 della spesa, è stata applicata una quota di avanzo pari ad euro ,56 per il finanziamento delle spese correnti. L avanzo di amministrazione è un segnale di corretta amministrazione; al riguardo si deve far rilevare che, a differenza del bilancio preventivo, non è possibile chiudere il consuntivo in pareggio; infatti la vigente legislazione in materia di finanza degli Enti Locali pone dei vincoli molto rigidi all assunzione di impegni di spesa (subordinati alla verifica di copertura finanziaria); poiché molte delle spese non sono esattamente preventivabili e non essendo ammessi i cosiddetti sfondamenti nelle previsioni dei singoli interventi di spesa, si creano inevitabilmente delle economie di spesa, tenuto conto anche dell impossibilità sancita dalla legge di effettuare variazioni di bilancio, dopo il termine del 30 novembre. Il Comune, per erogare i servizi della collettività, ha sostenuto spese di funzionamento destinate all acquisto di beni e servizi, al pagamento del costo del personale, al rimborso delle annualità in scadenza dei mutui in ammortamento. Le risorse destinate al funzionamento dell ente ammontano a complessivi euro ,20 Gli impieghi determinati nel corso dell anno sono stati di euro ,15 Si passerà ora ad una rassegna dei principali titoli dell Entrata e della Spesa con conseguente valutazione dei risultati conseguiti dall amministrazione dell Ente. ENTRATE RIEPILOGO DELLE ENTRATE PER TITOLI in euro Le entrate di competenza dell esercizio costituiscono l asse portante dell intero bilancio comunale. La dimensione che assume la gestione economica e finanziaria dell Ente dipende dal volume delle risorse che vengono reperite, utilizzandole successivamente nella gestione delle spese correnti e degli investimenti. L Ente, per programmare correttamente l attività di spesa deve infatti conoscere quali siano i mezzi finanziari a disposizione, garantendosi così un margine di manovra nel versante delle entrate. Il successivo quadro riporta l elenco delle entrate di competenza accertate a consuntivo suddivise per titoli. TITOLO I ENTRATE TRIBUTARIE euro ,08 TITOLO II ENTRATE DERIV.DA CONTRIBUTI TRASF. euro ,71 TITOLO III ENTRATE EXTRATRIBUTARIE euro ,41 TITOLO IV ENTRATE PER ALIENAZ.AMMORT. euro ,46 TITOLO V ENTRATE ACCENSIONE MUTUI euro ,00 TITOLO VI PARTITE DI GIRO euro , TOTALE euro ,72

3 ENTRATE TRIBUTARIE Appartengono a questo aggregato le imposte, le tasse, i tributi speciali e le altre entrate tributarie proprie: le entrate tributarie rappresentano quindi l apporto dei cittadini al finanziamento del Comune. Gli accertamenti per entrate tributarie sono risultate pari ad euro ,08 Nel 2012 è continuata l attività di recupero dell evasione fiscale per quanto riguarda l ICI e la TARSU. Nel 2012 sono state mantenute le pre vigenti tariffe per le entrate tributarie. Ai sensi della Legge n.214 è stata istituita in via sperimentale per tutti i Comuni con decorrenza 2012 e fino al 2014 l imposta Municipale propria IMU- che sostituisce l ICI. Con Decreto Prefettizio n.34 del 13/04/2012 si è approvato il relativo Regolamento comunale e con decreto n.35 stessa data sono state determinate le aliquote. Le imposte sono principalmente costituite dall IMU dall imposta comunale sulla pubblicità e diritti pubbliche affissioni - dall addizionale comunale IRPEF dalla TOSAP e fondo sperimentale di riequilibrio per i Comuni RSO. ANALISI DELLE PRINCIPALI IMPOSTE IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU L accertamento del gettito, determinato con la seguente imposta, e detrazione, nonche sulla base del regolamento del tributo, è stato di euro ,00 L aliquota base è stata mantenuta allo 0,76 per cento L aliquota per abitazione principale allo 0,4 per cento L aliquota per fabbricati rurali ad uso strumentale allo 0,2 per cento ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF Il Commissario Prefettizio con proprio decreto n. 41 in data 17 dicembre 2011 ha stabilito l aliquota dell addizionale IRPEF nella misura dello 0,70 punti di percentuale Il gettito accertato è stato di euro ,00. FONDO SPERIMENTALE DI RIEQUILIBRIO PER I COMUNI RSO A seguito dell entrata in vigore per l anno 2011 delle disposizioni di cui al Decreto Legislativo n.23 del recante: Disposizioni sul federalismo fiscale municipale sono state apportate modifiche mediante eliminazione e/o diminuzione dei contributi e trasferimento correnti dello Stato ed è stato mantenuto nel titolo terzo categoria 3 il fondo sperimentale di riequilibrio per i Comuni delle RSO L accertamento è stato di euro ,33 TASSA RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI Il gettito, sulla base della tariffa deliberata a norma del D. Lgs. 15 novembre 1993 n.507 e s.m.i., è stato accertato in euro ,00. Il costo del servizio è stato impegnato in euro ,00.

4 La percentuale di copertura è pari al 85,48,91% Le vigenti tariffe relative alla TARSU applicate a decorrere dal sono state riconfermate con Decreto Prefettizio n. 24 del 27/04/2012. Il prospetto riporta il totale delle entrate del Titolo I accertate nell esercizio 2012 e suddivise nelle singole categorie: CAT. I IMPOSTE EURO ,00 CAT. II TASSE EURO ,75 CAT. III TRIBUTI SPECIALI EURO , TOTALE EURO ,08 TRASFERIMENTI CORRENTI Le entrate del titolo II hanno subito una notevole variazione a seguito delle disposizioni di cui al Decreto Legislativo n.23/2011 come meglio specificato nella parte relativa alle entrate tributarie Per quanto riguarda i trasferimenti correnti dello Stato rimane allocato nella categoria 1 il contributo sviluppo investimenti ammortamento mutui pari ad euro ,78 ed il contributo di euro 804,93 spettante per fattispecie specifiche di legge I trasferimenti della Regione si riferiscono: il contributo per acquisto libri biblioteca pari ad euro 1200,00 I contributi da altri enti del settore pubblico si riferiscono a: trasferimento della Provincia per diritto allo Studio pari ad euro 2000,00 trasferimento da Altri Enti C.C.A.M. - pari ad euro 3410,00 relativo al rimborso della quota del 90% per mutuo costruzione fognatura trasferimento pari ad euro 500,00 per manifestazione luglio in piazza Il prospetto seguente indica le entrate del Titolo II accertate nell esercizio 2012 suddivise nelle singole categorie di appartenenza. CAT. I TRASFERIMENTI CORRENTI STATO EURO ,71 CAT.II TRASFERIMENTI CORRENTI REGIONE EURO 1.200,00 CAT.V CONTR.DA ALTRI ENTI SETTORE PUBBL. EURO 5.910,00 TOTALE EURO ,71 ENTRATE EXTRA TRIBUTARIE Appartengono a questo gruppo i proventi dei servizi pubblici, dei beni comunali, gli interessi sulle anticipazioni, gli utili netti dei servizi municipalizzati ed altre poste residuali. Le entrate del titolo III accertate nell esercizio 2012 sono suddivise nelle seguenti categorie di appartenenza.

5 CAT. I PROVENTI SERVIZI PUBBLICI EURO ,02 CAT. II PROVENTI BENI COMUNALI EURO ,32 CAT. III INTERESSI EURO 4.094,32 CAT. V CONCORSI RIMBORSI E RECUPERI EURO , TOTALE EURO ,41 Il provento relativo alle sanzioni amministrative per violazioni codice della strada di euro è destinato negli interventi di spesa per le finalità di cui al comma 4 dell art.208 del codice stesso come modificato dall art.53 comma 20 della legge 388/2000, come previsto da Decreto Prefettizio n.27 del 27/03/2012 I proventi derivanti dai servizi a domanda individuale sono i seguenti: descrizione entrata spesa mensa domiciliare festa anziani 2.418, ,02 pesa pubblica 1.500, ,00 centro estivo 6.620, ,00 mensa scolastica e scuola media , ,60 totale , ,62 con copertura del costo pari al 71,22% I proventi dei servizi pubblici sono costituiti : dalla mensa scolastica e buoni pasto scuola media; estate ragazzi; festa e pranzo domiciliare anziani. I proventi dei beni comunali sono costituiti : dall affitto locali di proprietà comunale ad uso sportello bancario, ad uso sede della locale Caserma dei Carabinieri, ad uso del Distretto ASL dalla gestione a terzi dell impianto palazzetto dello sport ed impianti sportivi I proventi relativi a concorsi e rimborsi diversi sono costituiti : dal rimborso spese servizio di segreteria comunale e servizio ufficio tecnico in convenzione dai proventi per impianti di telefonia mobile ENTRATE PER ALIENAZIONE DI BENI E TRASFERIMENTI DI CAPITALE Appartengono a questo gruppo le alienazioni di beni patrimoniali, gli ammortamenti di beni patrimoniali, i trasferimenti di capitale e le riscossioni di crediti ed i proventi da concessioni edilizie Le alienazioni di beni patrimoniali costituiscono una delle fonti di autofinanziamento dell Ente, ottenuta mediante cessione a titolo oneroso di loculi cimiteriali, fabbricati e terreni. Il trasferimento della categoria II è relativo alla quota erogata dello Stato per finanziamento di opere pubbliche

6 Il trasferimento della Regione categoria III è relativo alla quota erogata per pagamento progetto lavori sistemazione idrogeologica Il trasferimento categoria IV è relativo al contributo della Provincia per intervento di edilizia scolastica acquisto caldaia- Il trasferimento categoria V è relativo al risarcimento danno erariale per euro 8395,00 e proventi oneri di urbanizzazione per euro ,12 Nell anno 2012 il totale di tali entrate è così suddiviso: CAT. I ALIENAZIONE BENI PATRIMONIALI EURO ,00 CAT. II TRASFERIMENTI CAPITALI DALLO STATO EURO ,34 CAT. III TRASFERIM. DI CAPITALE DALLE REGIONI EURO 4.725,00 CAT.IV TRASFER.CAPITALI DA ALTRI ENTI SETT.PUBBL ,00 CAT. V TRASFERIMENTI DI CAPITALE DA ALTRI SOGG , TOTALE EURO ,26 ENTRATE DA ACCENSIONE DI PRESTITI Le risorse proprie di parte investimento ed i finanziamenti concessi da terzi (contributi) possono Non essere sufficienti a finanziare il programma di investimento dell Ente. In tale circostanza il ricorso al credito diventa l unico mezzo per realizzare l opera programmata. Le accensioni di prestiti, pur essendo risorse aggiuntive ottenibili agevolmente, generano effetti indotti nel comparti della spesa corrente. Infatti la contrazione di mutui richiederà il rimborso della quota capitale per la durata degli stessi. Nel corso dell anno 2012 si è attivato con la Cassa depositi e prestiti un mutuo in conto Regione,di euro ,00 per lavori di ristrutturazione piano interrato sede municipale da adibire ad archivio comunale TITOLO V Categoria 1 ANTICIPAZIONI DI CASSA EURO Categoria 3 ASSUNZIONE DI MUTUI E PRESTITI EURO ,00 TOTALE EURO ,00 U S C I T E RIEPILOGO DELLE USCITE PER TITOLI Le uscite dell Ente sono costituite da spese correnti, in conto capitale, rimborso di prestiti e da movimenti di risorse di terzi quali le partite di giro. Il volume complessivo delle risorse spendibili dal Comune è dato dall entità accertabili. delle entrate

7 L Ente quindi deve utilizzare al meglio la propria capacità di spesa mantenendo un costante equilibrio di bilancio. La ricerca dell efficienza (capacità di spendere secondo il programma adottato) dell efficacia (capacità di spendere soddisfacendo le reali esigenze della collettività) e dell economicità (raggiungimento degli obiettivi prefissati spendendo il meno possibile) deve essere compatibile con il mantenimento costante dell equilibrio tra entrate ed uscite. Il quadro complessivo riporta l elenco delle uscite impegnate nell anno 2012 TIT. I CORRENTI EURO ,15 TIT.II IN CONTO CAPITALE EURO ,12 TIT.III RIMBORSO DI PRESTITI EURO ,02 TIT.IV PARTITE DI GIRO EURO , EURO ,35 SPESE CORRENTI Le spese correnti derivano da impegni assunti per fronteggiare costi del personale, acquisto di beni e servizi, erogazioni di trasferimenti correnti,rimborso di interessi passivi ed altre uscite di minore rilevanza. L analisi del costo del personale è molto importante in quanto esso incide in modo preponderante sulla disponibilità del bilancio corrente, composto dalle spese correnti e dal rimborso delle quote di capitale dei mutui. In definitiva i fattori di maggiore rigidità del bilancio sono proprio il costo del personale e l onere per il rimborso dei mutui. Il margine di manovra dell Amministrazione si riduce quando questo parametro cresce. La situazione diventa insostenibile quando la pressione esercitata da stipendi e mutui è tale da impedire l attività dell Ente, creando i presupposti giuridici per lo stato di dissesto finanziario. Infatti il più importante dei parametri che permettono di individuare gli enti che versino in condizioni strutturalmente deficitarie è sicuramente quello che esamina il costo del personale. Il totale delle spese correnti impegnate nell anno 2012 ammonta a EURO ,15 il costo del personale è rappresentato per un importo di EURO ,30 per cui, con riguardo al parametro rilevatore delle condizioni strutturalmente deficitarie, complessivamente il costo per il personale rappresenta circa il 30,92 % del totale delle spese correnti. La spesa tuttavia, non comporta il superamento della percentuale massima del 50% (costo del personale/spese correnti).

8 Composizione spese correnti anno 2012 competenza Spese per personale ,30 Acquisto beni di consumo ,66 Prestazioni di servizi ,23 Utilizzo beni di terzi ---- Trasferimenti ,58 Interessi passivi ,08 Imposte e tasse ,30 Oneri straordinari 500,00 TOTALE ,15 I N V E S T I M E N T I Gli investimenti sono destinati ad assicurare un livello di infrastrutture che garantisca nel tempo una efficace erogazione dei servizi. Gli investimenti propri della cosiddetta gestione extra corrente, rilevati nel titolo secondo della spesa, attengono sia all acquisizione dei fattori a fecondità ripetuta (beni strumentali, materiali ed immateriali ed oneri pluriennali necessari per lo svolgimento dell attività propria dell Ente) sia alle gestioni variamente collegate con l attività suddetta : ci si riferisce alle partecipazioni in senso lato che permettono anch esse l erogazione dei servizi alla collettività, sebbene in modo mediato ed ai beni d investimento che potranno in futuro essere destinati ad un attività produttiva ed erogatrice o che potranno anche essere dimessi rialimentando le risorse alle quali attingere. Appartengono a questa categoria gli interventi sul patrimonio per acquisti, urbanizzazioni e manutenzioni straordinarie. Nell anno 2012 si evidenziano le seguenti fasi: lavori manutenzione straordinaria fabbricato sede municipale archivio comunale lavori in corso lavori manutenzione straordinaria campo calcetto rifacimento tappeto lavori ultimati lavori manutenzione straordinaria campo calcio sostituzione recinzione lavori ultimati lavori costruzione casetta dell acqua lavori in corso RIMBORSO DI PRESTITI La contrazione di mutui onerosi comporta, dall inizio dell ammortamento e fino alla data di estinzione del prestito, il pagamento delle quote annue per interesse e capitale Mentre la quota interesse viene riportata tra le spesi correnti, la corrispondente quota capitale viene contabilizzata nel rimborso di prestiti. Il totale delle uscite del titolo III impegnate nell esercizio 2012,ammonta a euro ,02

9 PARTITE DI GIRO Gli ultimi movimenti che interessano il bilancio di competenza sono le partite di giro. Si omette la dettagliata descrizione delle stesse in quanto queste operazioni non incidono in alcun modo nell attività economica del Comune, trattandosi di operazioni puramente finanziarie effettuate per conto terzi. Sono tipiche nella gestione degli stipendi, le operazioni dell ente in qualità di sostituto di imposta. Il consuntivo delle partite di giro riporta un pareggio tra entrate accertamenti- ed uscite impegnidi competenza

10 Dall esame del rendiconto dell esercizio finanziario 2012 in tutti i suoi contenuti, emerge il seguente quadro riassuntivo della gestione finanziaria ed il risultato finale complessivo della gestione finanziaria: CONTO DEL BILANCIO Fondo cassa all euro ,64 Riscossione conto residui euro ,73 Riscossioni conto competenza euro ,38 pagamenti conto residui euro ,36 Pagamenti conto competenza euro ,38 Fondo di cassa al euro ,01 Residui attivi anni 2011e precedenti euro ,81 Residui attivi 2012 euro ,34 Somma euro ,15 Residui passivi 2011 e precedenti euro ,51 Residui passivi 2012 euro ,97 Somma euro ,48 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE AL euro ,68 L avanzo di amministrazione è distinto, ai sensi del primo comma dell art.187 del decreto Legislativo 18 agosto 2000 n. 267, come appresso: fondi non vincolati euro ,79 fondi vincolati euro 733,89 fondi per il finanziamento spese in c/capitale OO.UU euro ======= fondi di ammortamento euro ======= Torna totale avanzo di amministrazione euro ,68 Il risultato contabile di amministrazione al trova dimostrazione applicando il seguente metodo di calcolo: totale generale entrate accertate riscossioni per competenza euro ,38 riscossioni in conto residui euro ,73 residui attivi in conto competenza euro ,34 residui attivi in conto residui euro ,81 fondo cassa al 31 dicembre 2011 euro ,64 Totale generale delle entrate accertate euro ,90 (A) Totale generale impegni di spesa Pagamenti per competenza euro ,38 Pagamenti in conto residui euro ,36 Residui passivi in conto competenza euro ,97 Residui passivi in conto residui euro ,51 Totale generale delle spese impegnate euro ,22 (B)

11 Il risultato contabile di amministrazione è dato dalla differenza tra: totale generale delle entrate accertate euro ,90 totale generale delle spese impegnate euro ,22 risultato contabile di amministrazione al 31 dicembre ,68 ANALISI DELLA GESTIONE DI COMPETENZA QUADRO RIASSUNTIVO DELLA GESTIONE COMPETENZA Riscossioni ,38 Pagamenti ,38 DIFFERENZA ,00 Residui attivi ,34 Residui passivi ,97 DIFFERENZA ,63 Avanzo di amministrazione Applicato al bilancio ,56 risultato della gestione di Competenza ,93 CONTO DEL PATRIMONIO 2012 Il conto del patrimonio esercizio 2012 presenta le risultanze di cui al seguente prospetto:

12

COMUNE DI SALUGGIA RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO

COMUNE DI SALUGGIA RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 1 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI VERCELLI COMUNE DI SALUGGIA RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2011 2 Introduzione all analisi dei dati del Rendiconto della Gestione La presentazione

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA BILANCIO, - STRUMENTO di GESTIONE - STRUMENTO di PROGRAMMAZIONE delle RISORSE di una ORGANIZZAZIONE Bilancio preventivo 1) Strumento per determinare bisogni

Dettagli

C O M U N E DI C A S T R O Provincia di Lecce

C O M U N E DI C A S T R O Provincia di Lecce C O M U N E DI C A S T R O Provincia di Lecce Ufficio: RAGIONERIA SETTORE PROPONENTE: PROPOSTA DI DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 11-11-2013 N.51 Oggetto: APPROVAZIONE DELLA RELAZIONE PREVISIONALE

Dettagli

GESTIONE FINANZIARIA

GESTIONE FINANZIARIA GESTIONE FINANZIARIA SCELTE QUALIFICANTI Considerato che il bilancio di un Ente locale deve garantire equilibrio tra il rigore dei numeri e i bisogni dei cittadini, tra la necessità del raggiungimento

Dettagli

Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014

Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014 Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014 La scadenza ordinaria per l approvazione del bilancio di previsione è stabilita al 31 dicembre di ogni anno (art. 151 del D. Lgs. n. 267/2000). Entro tale

Dettagli

ENTRATE E SPESE CORRENTI 2010

ENTRATE E SPESE CORRENTI 2010 RENDICONTO ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 ENTRATE E SPESE CORRENTI 2010 ENTRATE CORRENTI ACCERTAMENTI SPESE CORRENTI IMPEGNI Tit.1' Entrate tributarie 3.767.366,36 Tit.2' Entrate da trasferimenti 2.852.298,09

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico COMUNE DI BASTIA UMBRA Prov. (PG) BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 170.096,84 170.096,84 di cui: - Vincolato - Finaziamento Investimenti - Fondo Ammortamento

Dettagli

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO ANNO 2014 RELAZIONE DELL ORGANO ESECUTIVO AL RENDICONTO DI GESTIONE 2014 Articolo 231

Dettagli

COMUNE DI CISLIANO PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2012. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser.

COMUNE DI CISLIANO PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2012. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser. Stampa per Codice di Bilancio 1 0 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 0.00.0000 1 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE - FONDO INVESTIMENTO 0,00 38.560,00 0,00-38.560,00 0,00 0.00.0000 1 2 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE - FONDO

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016

BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016 BILANCIO PLURIENNALE 2014 - Pagina 1 di 201 PREVISIONI DEL BILANCIO PLURIENNALE 2014 - AVANZO DI AMMINISTRAZIONE di cui: Avanzo vincolato Avanzo finanziamento investimenti Avanzo fondo ammortamento Avanzo

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 9084443,36 8502962,92 8155504,77 8112844,23 7982265,23 8084026,13 0,52- Contributi e trasferimenti correnti

Dettagli

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO Albo Pretorio online n. Registro Pubblicazione pubblicato il C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE O G G E T T O ORIGINALE N. Approvazione

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 299445,52 894198,75 878007,23 880610,48 827698,76 798342,36 0,30 Contributi e trasferimenti correnti 1121378,08

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI MESERO Provincia di Milano PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2012 del

Dettagli

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO *

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * SCHEMA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE * PROT. N 21051 DEL 15/06/2010 UFFICIO ISTRUTTORE: RAGIONERIA * CAPO SETTORE:

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 811917,70 854363,11 854263,00 860612,04 861122,00 861622,00 0,74 Contributi e trasferimenti correnti 143783,44

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

Comune di Maddaloni Provincia di Caserta Piazza Matteotti, 9 C.A.P. 81024 cod Fisc: 80004330611 Partita IVA 00136920618

Comune di Maddaloni Provincia di Caserta Piazza Matteotti, 9 C.A.P. 81024 cod Fisc: 80004330611 Partita IVA 00136920618 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE/2013 Delibera n. 36 del 25/07/2013 Oggetto: Approvazione dell ipotesi di Bilancio stabilmente riequilibrato 2012 della Relazione e Programmatica e del Bilancio Pluriennale

Dettagli

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Linee generali Il bilancio di previsione 2012 si caratterizza proprio per un forte elemento «previsionale», legato ai recenti interventi legislativi

Dettagli

COMUNE DI BUSTO GAROLFO PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014. Stampa per Codice di Bilancio

COMUNE DI BUSTO GAROLFO PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014. Stampa per Codice di Bilancio Stampa per Codice di Bilancio 1 0 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 0.00.0000 1 1 AVANZO AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO 0,00 682.808,90 92.602,01 0,00 775.410,91 0.00.0000 1 2 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE FINANZIAMENTO

Dettagli

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline il BILANCIO dell Ente Locale e i vincoli del PATTO di STABILITA interno In collaborazione con 26 luglio 2014 / MILANO MILANO, Palazzo delle Stelline www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE

RENDICONTO DELLA GESTIONE Allegato A) alla delibera consiliare n. 18 del 28.4.2014 COMUNE DI BOMPORTO (Modena) RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2013 Approvata dalla Giunta Comunale con

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 4882257,22 7796539,38 9231139,44 8414080,00 8731772,96 8840675,26 8,85- Contributi e trasferimenti correnti

Dettagli

Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88 8.314.

Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88 8.314. RENDICONTO ANNO 2014 DATI RIEPILOGATIVI: RESIDUI In conto COMPETENZA Fondo di cassa al 1 gennaio 2014 1.011.260,72 RISCOSSIONI 1.683.690,95 6.906.050,22 8.589.741,17 PAGAMENTI 1.460.826,64 6.853.212,88

Dettagli

Comune di Villa Guardia. Bilancio preventivo 2004

Comune di Villa Guardia. Bilancio preventivo 2004 Comune di Villa Guardia Bilancio preventivo Entrate Quadro generale riassuntivo Spese Titolo I: Entrate tributarie 2.345.977,46 Titolo I: Spese correnti 3.626.368,07 Titolo II: Entrate da contributi e

Dettagli

BILANCIO ASSESTATO ENTRATE - Anno 2015 Analitico

BILANCIO ASSESTATO ENTRATE - Anno 2015 Analitico Comune di Terenzo Prov. (PR) BILANCIO ASSESTATO ENTRATE - Anno 2015 Analitico AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 60.759,94 717,16 61.477,10 di cui: - Vincolato - Finaziamento Investimenti - Fondo Ammortamento -

Dettagli

Comune di Lessona BILANCIO PLURIENNALE (2014-2015 - 2016) PREVISIONI DEFINITIVE. esercizio in corso 876,40 1.000,00 300,00 300,00 300,00 900,00

Comune di Lessona BILANCIO PLURIENNALE (2014-2015 - 2016) PREVISIONI DEFINITIVE. esercizio in corso 876,40 1.000,00 300,00 300,00 300,00 900,00 Avanzo di Amministrazione 68.500,00 di cui Fondi Vincolati Finanziamento Investimenti Fondo Ammortamento Fondi Non Vincolati 68.500,00 TITOLO I Entrate Tributarie CATEGORIA 1 Imposte 1.01.1001 imu - imposta

Dettagli

Consuntivo 2010. Documenti allegati

Consuntivo 2010. Documenti allegati Consuntivo 2010 Consuntivo 2010 Documenti allegati Relazione dei revisori dei conti Elenco dei residui attivi e passivi distinti per anno di provenienza Conto del Bilancio Conto economico Conto Patrimoniale

Dettagli

Comune di Rodengo Saiano

Comune di Rodengo Saiano Comune di Rodengo Saiano RELAZIONE DELLA GIUNTA AL 2013 Prospetti di confronto e considerazioni sul Rendiconto dell esercizio 2013 Analisi dei dati di rendiconto Risultato economico e Stato patrimoniale

Dettagli

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE ( 174 20/11/2012) Oggetto: VARIAZIONE AL BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 - ASSESTAMENTO GENERALE DI BILANCIO Premesso: IL - che con iberazione Consiglio Comunale n. 56 26/07/2012

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

Relazione al bilancio di previsione Comune di Spilamberto (MO)

Relazione al bilancio di previsione Comune di Spilamberto (MO) febbraio 9 Relazione al bilancio di previsione 2015 Comune di Spilamberto (MO) 1. Il bilancio Il Bilancio di Previsione è il documento di programmazione e controllo dell'ente; deve assolvere contemporaneamente

Dettagli

Analisi Risultati Differenziali: Accertamenti / Impegni 2011-2014 Gestione Corrente

Analisi Risultati Differenziali: Accertamenti / Impegni 2011-2014 Gestione Corrente Analisi Risultati Differenziali: Accertamenti / Impegni 2011-2014 Gestione Corrente (RATING ENTE) Descrizione 2011 2012 2013 2014 2014/2013 2014/(Media 2011-2012-2013) Entrate Entrate Correnti 3.038.317,25

Dettagli

Comune di Santa Lucia di Piave (TV) BILANCIO 2011

Comune di Santa Lucia di Piave (TV) BILANCIO 2011 ENTRATE: PREVISIONE 2011 Quota avanzo dell'anno precedente (Titolo 0) 150.000,00 Entrate Tributarie (Titolo 1) 2.152.100,00 Entrate derivanti da contributi e trasferim. correnti dello Stato (Titolo 2)

Dettagli

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara)

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara) COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) VERBALE N. 4 DEL 3 APRILE 2014 Il giorno tre del mese di aprile dell anno duemilaquattordici, alle ore 15,00 il Revisore dei Conti: Dott.ssa Angela Caselli,

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI _MOLINO DEI TORTI Provincia di _Alessandria PARERE DEL REVISORE DEI CONTI SULLA PROPOSTA DI: riapprovazione BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI Espresso il _07/07/2014 Richiesta

Dettagli

Comune di Mendicino Esercizio: 2012 CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE ENTRATE Data: 21-01-2014 Pag. 1

Comune di Mendicino Esercizio: 2012 CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE ENTRATE Data: 21-01-2014 Pag. 1 Comune di Mendicino Esercizio: 2012 CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE ENTRATE Data: 21-01-2014 Pag. 1 1 - ENTRATE TRIBUTARIE 01 - IMPOSTE 1.01.0010 - I.M.U. RS 0,30 1 0,00 0,00 0,00-0,30 INS CP 1.097.859,00

Dettagli

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013

COMUNE DI PARABIAGO. Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 COMUNE DI PARABIAGO Provincia di Milano RELAZIONE TECNICA AL CONTO DEL BILANCIO ANNO 2013 Relazione al Rendiconto della Gestione - anno 2013 Pagina 137 di 195 Relazione Tecnica al Conto del Bilancio -

Dettagli

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Introduzione In base all art. 162 comma 7 del T.U.E.L. 167/2000: Gli enti assicurano ai cittadini ed agli organismi di partecipazione, di cui all'art. 8,

Dettagli

Comune di Corneliano d'alba

Comune di Corneliano d'alba Comune di Corneliano d'alba Tipo: ENTRATA Avanzo di Amministrazione + Fondo Pluriennale Vincolato iscritto in Entrata di cui: - Fondi Vincolati - Finanziamento Investimenti - Fondo Ammortamento 18.912,00

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 3098076,08 2818461,43 2850432,00 2921771,00 2771771,00 2771771,00 2,50 Contributi e trasferimenti correnti

Dettagli

REGIONE TOSCANA. Bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2012 e Bilancio pluriennale 2012 2014. Assestamento.

REGIONE TOSCANA. Bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2012 e Bilancio pluriennale 2012 2014. Assestamento. REGIONE TOSCANA Proposta di Legge Bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2012 e Bilancio pluriennale 2012 2014 Assestamento SOMMARIO Preambolo Capo I Assestamento del bilancio Art. 1 - Variazioni

Dettagli

Comune di Frassinello Monferrato

Comune di Frassinello Monferrato Tipo: ENTRATA RISORSA ACCERTAMENTO Avanzo di Amministrazione 36.600,00 36.600,00 di cui Fondi Vincolati Finanziamento Investimenti Fondo Ammortamento Fondi Non Vincolati 36.600,00 36.600,00 Entrate Tributarie

Dettagli

ENTRATE CORRENTI Di seguito si riportano le risorse e gli andamenti relativi alle Entrate correnti dell ultimo triennio.

ENTRATE CORRENTI Di seguito si riportano le risorse e gli andamenti relativi alle Entrate correnti dell ultimo triennio. 1 LE RISORSE ECONOMICO FINANZIARIE Obiettivi Riduzione indebitamento Ente. Mantenimento parametri Patto Stabilità. Miglioramento tempi di pagamento alle imprese e attivazione procedure di cui al D.L. 35/2013.

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno PATTO DI STABILITA COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno SETTORE RISORSE UMANE ECONOMICHE E STRUMENTALI PATTO DI STABILITA INTERNO ENTI LOCALI Legge n 244 del 24/12/2007 Legge Finanziaria

Dettagli

Provincia di Vercelli PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI

Provincia di Vercelli PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI COMUNE di VILLATA Provincia di Vercelli PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag. Daniele Curri 1 Comune di VILLATA Verbale

Dettagli

COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano

COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO Relazione Al Rendiconto Comune Di Modolo 1 Premessa La relazione al rendiconto della gestione costituisce il documento

Dettagli

COMUNE DI BOLSENA Provincia di Viterbo

COMUNE DI BOLSENA Provincia di Viterbo COMUNE DI BOLSENA Provincia di Viterbo REFERTO DI CONTROLLO DI GESTIONE ANNO In conformità alle previsioni dell art. 198 del d lgs 267/2000 il presente referto ha lo scopo di esprimere le valutazioni sullo

Dettagli

2. Esercizi di contabilità finanziaria

2. Esercizi di contabilità finanziaria 2. Esercizi di contabilità finanziaria di Carmela Barbera e Silvia Rota La lettura del bilancio preventivo 1. Il caso del Comune di Avalonia Viene fornito un estratto semplificato del bilancio di previsione

Dettagli

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari Il Servizio Finanziario ESERCIZIO 2011 Relazione tecnica predisposta dal Responsabile del Servizio Finanziario. Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 CITTA DI VALMADRERA PROVINCIA DI LECCO BILANCIO DI PREVISIONE 2015 CITTA DI VALMADRERA PROVINCIA DI LECCO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DEL BILANCIO 2015 RELAZIONE TECNICA BILANCIO 2015 RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Relazione dell organo di revisione

Relazione dell organo di revisione COMUNE DI COSTA MASNAGA Provincia di LECCO Relazione dell organo di revisione - sulla proposta di deliberazione consiliare del rendiconto della gestione 2011 - sullo schema di rendiconto per l esercizio

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 1 Il quadro finanziario dei Comuni si inserisce in un contesto di finanza pubblica particolarmente indebolito dalla crisi economica che ha

Dettagli

SOMMARIO. - Bilancio annuale. - Bilancio pluriennale. Art. 4 - Disavanzo dell esercizio 2007

SOMMARIO. - Bilancio annuale. - Bilancio pluriennale. Art. 4 - Disavanzo dell esercizio 2007 SOMMARIO Art. 1 Art. 2 Art. 3 - Bilancio annuale - Bilancio pluriennale - Allegati Art. 4 - Disavanzo dell esercizio 2007 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 - Intervento per il Programma pluriennale degli

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga 770 N. 6 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 9-2-2016 Parte I Legge Regionale 9 febbraio 2016, n. 4 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

RENDICONTO 2012 FIDELIS ELABORAZIONI GRAFICHE. Comune di Brescia

RENDICONTO 2012 FIDELIS ELABORAZIONI GRAFICHE. Comune di Brescia XIA FIDE L I S ELABORAZIONI GRAFICHE Comune di Brescia B RIXIA FIDELIS ELABORAZIONI GRAFICHE INDICE Risultato della gestione finanziaria esercizio 2012 pag. 3 Andamento dell avanzo di amministrazione nel

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2009 del Comune di Corinaldo 1

Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2009 del Comune di Corinaldo 1 Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2009 del Comune di Corinaldo 1 ! "!#!!$!%"!&!"'()*)! " # $%!&# '()( * " ( +,-.# '(((+"(/#! 01 %2!& # 0 2 ' #! '! 2 3! 2" % 2!( ) Parere dell Organo

Dettagli

Fare i conti per il patto e con il patto. Porto Sant Elpidio, Villa Baruchello, li 13/04/2012 Dott. Roberto Petrucci Dott.ssa Claudia Petrelli

Fare i conti per il patto e con il patto. Porto Sant Elpidio, Villa Baruchello, li 13/04/2012 Dott. Roberto Petrucci Dott.ssa Claudia Petrelli Fare i conti per il patto e con il patto Porto Sant Elpidio, Villa Baruchello, li 13/04/2012 Dott. Roberto Petrucci Dott.ssa Claudia Petrelli Il calcolo dell obiettivo La media triennale Le percentuali

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO ARMONIZZATO Il Comune di Sesto San Giovanni ha aderito, con deliberazione di Giunta n. 291 del 24 settembre 2013, ai sensi dell art.36 del D.Lgs.n.118/2011, come modificato

Dettagli

Comune di Busano. VARIAZIONI Ultimo esercizio. esercizio in corso

Comune di Busano. VARIAZIONI Ultimo esercizio. esercizio in corso Tipo: ENTRATA RISORSA ACCERTAMENTO PREVISIONI Avanzo di Amministrazione di cui Fondi Vincolati Finanziamento Investimenti Fondo Ammortamento Fondi Non Vincolati Entrate Tributarie TITOLO 101 CATEGORIA

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga Parte I N. 4 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 31-1-2015 253 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 27 gennaio 2015, n. 6 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE

Dettagli

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA

COMUNE DI REGGIOLO. Provincia di REGGIO EMILIA COMUNE DI REGGIOLO Provincia di REGGIO EMILIA PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLO SCHEMA DI RENDICONTO PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE Dott. Valerio Fantini Comune di

Dettagli

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010 COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (TRAPANI) Relazione sullo stato di realizzazione dell attività programmata nell anno 2010 1 - LA LETTURA DEI RISULTATI DELLA GESTIONE 1.1 - Il risultato della gestione di competenza

Dettagli

Comune di CINISI Collegio dei Revisori

Comune di CINISI Collegio dei Revisori Comune di CINISI Collegio dei Revisori Verbale n 18 del 13122013 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 Il Collegio dei Revisori Premesso che l'organo di revisione nelle riunioni in data 11-12-13 del mese

Dettagli

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Pluriennale 2013/2015 SOMMARIO

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Pluriennale 2013/2015 SOMMARIO Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Pluriennale 2013/2015 Preambolo SOMMARIO Art. 1 Art. 2 - Bilancio annuale - Bilancio pluriennale Art. 3 - Allegati ex art.

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO ENTRATE COMUNE DI BRUGHERIO - ESERCIZIO 2012 BILANCIO DI PREVISIONE PARTE I - ENTRATA Valuta: EURO Pag.1

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

COMUNE DI SCHIO PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE (P.E.G.) (Previsioni Assestate) - Esercizio Finanziario 2013 PARTE I - ENTRATA direzione: D0 SETTORE 02

COMUNE DI SCHIO PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE (P.E.G.) (Previsioni Assestate) - Esercizio Finanziario 2013 PARTE I - ENTRATA direzione: D0 SETTORE 02 direzione: D0 SETTORE 02 servizio: S04 SERVIZIO RISORSE UMANE E RELAZIONI SINDACALI Centro responsabile: R48 Servizio risorse umane e relaz.sindacali Pag.1 TITOLO I ENTRATE TRIBUTARIE Categoria 1 02 Tasse

Dettagli

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali GUIDA ALLA LETTURA DEI BILANCI COMUNALI L esame dei bilanci dei Comuni può costituire un utile strumento di analisi e di supporto all elaborazione di linee

Dettagli

LA RELAZIONE CONTABILE

LA RELAZIONE CONTABILE LA RELAZIONE CONTABILE Struttura del Bilancio di Previsione Il bilancio di previsione comunale è il documento di indirizzo politicofinanziario con il quale il Consiglio Comunale, su proposta della Giunta,

Dettagli

Il bilancio degli enti locali

Il bilancio degli enti locali Il bilancio degli enti locali - Introduzione - I principi - La struttura del bilancio - Armonizzazione dei bilanci degli enti locali attenzione :fase di traduzione nel bilancio delle scelte politiche Tipologie

Dettagli

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 Residui conservati N. di Conto del tesoriere Determinazione dei Maggiori o e stanziamenti riferimento residui minori CODICE DESCRIZIONE definitivi allo Riscossioni

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013

BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013 Pagina 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 825.833,33 282.28 282.28 di cui: AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO 288.951,87 80.28 80.28 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: FINANZIAMENTO INVESTIMENTI AVANZO DI AMMINISTRAZIONE:F.AMMORTAMENTO

Dettagli

16 14.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 48 LEGGE REGIONALE 14 ottobre 2013, n. 55

16 14.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 48 LEGGE REGIONALE 14 ottobre 2013, n. 55 16 14.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 48 LEGGE REGIONALE 14 ottobre 2013, n. 55 Bilancio di Previsione per l anno finanziario 2013 e 2013/2015 - Terza variazione. Il Consiglio

Dettagli

Comune di Coazze BILANCIO PLURIENNALE (2013-2014 - 2015) PREVISIONI DEFINITIVE. esercizio in corso

Comune di Coazze BILANCIO PLURIENNALE (2013-2014 - 2015) PREVISIONI DEFINITIVE. esercizio in corso Avanzo di Amministrazione di cui Fondi Vincolati Finanziamento Investimenti Fondo Ammortamento Fondi Non Vincolati TITOLO I Entrate Tributarie CATEGORIA 1 Imposte 1.01.1001 imposta municipale propria 482.000,00

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2008

BILANCIO DI PREVISIONE 2008 COMUNE DI RAGUSA Provincia di Ragusa PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2008 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Dr. Antonino Ilardo Dr. Roberto Linguanti Dr.

Dettagli

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 SOMMARIO

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 SOMMARIO Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 Preambolo SOMMARIO Art. 1 Art. 2 - Bilancio annuale - Bilancio pluriennale Art. 3 - Allegati ex art.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONE BASILICATA DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA Bilancio di Previsione pluriennale per il triennio 2015-2017. Potenza, Dicembre 2014 * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato di Previsione dell

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Allegato PR PROVINCIA DI SAVONA BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Dott.ssa Patrizia Gozzi A cura del Servizio Bilancio e Programmazione Finanziaria Il Dirigente

Dettagli

Sommario. Verifiche preliminari. Verifica degli equilibri - Gestione 2009 - A. Bilancio di previsione 2010 - B. Bilancio pluriennale

Sommario. Verifiche preliminari. Verifica degli equilibri - Gestione 2009 - A. Bilancio di previsione 2010 - B. Bilancio pluriennale Sommario Verifiche preliminari Verifica degli equilibri - Gestione 2009 - A. Bilancio di previsione 2010 - B. Bilancio pluriennale Verifica coerenza delle previsioni - Coerenza interna - Coerenza esterna

Dettagli

LA FINANZIARIA COMUNALE PER IL TRIENNIO 2014/2016. Assessorato alle Risorse economiche e finanziarie

LA FINANZIARIA COMUNALE PER IL TRIENNIO 2014/2016. Assessorato alle Risorse economiche e finanziarie LA FINANZIARIA COMUNALE PER IL TRIENNIO 2014/2016 Assessorato alle Risorse economiche e finanziarie Premessa Con la manovra di bilancio il Comune di Trezzo sull Adda è chiamato ad individuare i principali

Dettagli

COMUNE DI CARPENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA BILANCIO PLURIENNALE - ENTRATE TRIENNIO 2012-2014

COMUNE DI CARPENEDOLO PROVINCIA DI BRESCIA BILANCIO PLURIENNALE - ENTRATE TRIENNIO 2012-2014 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE AVANZO DI AMMINISTRAZIONE AVANZO AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO PROVENTI CONCESSIONI EDILIZIE AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO MONETIZZAZIONI AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: ALIENAZIONI

Dettagli

REGIONE TOSCANA. Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Bilancio pluriennale 2013 2015. Assestamento.

REGIONE TOSCANA. Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Bilancio pluriennale 2013 2015. Assestamento. REGIONE TOSCANA Proposta di Legge Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Bilancio pluriennale 2013 2015 Assestamento SOMMARIO Preambolo Capo I Assestamento del bilancio Art. 1 - Variazioni

Dettagli

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione Giovani idee in. Porto Partecipo al Bilancio Com è strutturato il bilancio del Comune A cura dell Ufficio Che cos è il bilancio del Comune? Il bilancio è un insieme di documenti necessari per l organizzazione

Dettagli

* * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale: Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2009 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2009 2011. * * * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato

Dettagli

COMUNE DI VEGLIE Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2014

COMUNE DI VEGLIE Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2014 COMUNE DI VEGLIE Provincia di LECCE BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2014 COMUNE DI VEGLIE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2014 PARTE I - ENTRATA : Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI

Dettagli

VERIFICA DEGLI EQUILIBRI - BILANCIO 2011. Parte I - ENTRATA

VERIFICA DEGLI EQUILIBRI - BILANCIO 2011. Parte I - ENTRATA Parte I - ENTRATA Categorie Stanziamento Accertamenti Proiezione al 31/12 1 ENTRATE TRIBUTARIE 2 ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DELLO STATO, DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI

Dettagli

Prospetto dei dati SIOPE (Incassi)

Prospetto dei dati SIOPE (Incassi) Prospetto dei dati Prospetto dei dati (Incassi) Esercizio : 2014 Voci di : ENTRATA Mese di : Dicembre Calcolato su : REVERSALI Titolo 1 - Entrate tributarie 1101 ICI - IMU riscossa attraverso ruoli 569,81

Dettagli

Comune di Brescia BILANCIO DI PREVISIONE 2013-2015. 2015 EMENDATO Elaborazioni grafiche

Comune di Brescia BILANCIO DI PREVISIONE 2013-2015. 2015 EMENDATO Elaborazioni grafiche 213-215 215 EMENDATO Elaborazioni grafiche 213 215 INDICE QUADRO RIASSUNTIVO DELLE ENTRATE E DELLE SPESE 212/215 Pag. 5 SPESA IN CONTO CAPITALE E ACQUISIZIONI ATTIVITA FINANZIARIE PER MISSIONE 213 Pag.

Dettagli

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2.

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2. 12 5.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 29 dell articolo 2, commi 60, 61 e 62, del decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262 (Disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria),

Dettagli

Comune di Cermenate. Relazione al Rendiconto esercizio 2013

Comune di Cermenate. Relazione al Rendiconto esercizio 2013 Comune di Cermenate Relazione al Rendiconto esercizio 2013 1 Gestione finanziaria RESIDUI In conto COMPETENZA Totale Fondo di cassa al 1 gennaio 2013 651.836,65 Riscossioni 1.988.202,33 6.567.464,69 8.555.667,02

Dettagli

BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE

BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE BILANCIO DELL'ANNO 2007 - ENTRATE Avanzo di amministrazione 1.000.00 Entrate tributarie (titolo I) 63.778.705,00 Entrate da trasferimenti (titolo II) 15.725.005,58 Entrate extratributarie (titolo III)

Dettagli

Comune della Spezia Ufficio dei Revisori dei Conti Verbale n. 48/2010

Comune della Spezia Ufficio dei Revisori dei Conti Verbale n. 48/2010 Comune della Spezia Ufficio dei Revisori dei Conti Verbale n. 48/2010 La Spezia 17 novembre 2010 Si è riunito in data odierna il Collegio dei Revisori del Comune della Spezia. Il Collegio è formato da:

Dettagli

Comune di Roccavione

Comune di Roccavione Tipo: ENTRATA RISORSA ACCERTAMENTO Avanzo di Amministrazione 473.546,34 473.546,34 di cui Fondi Vincolati Finanziamento Investimenti 90.000,00 90.000,00 Fondo Ammortamento Fondi Non Vincolati 383.546,34

Dettagli

COMUNE DI VILLAR PELLICE

COMUNE DI VILLAR PELLICE COMUNE DI VILLAR PELLICE BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 0 PARTE PRIMA ENTRATA 9., Avanzo di Amministrazione 9., Avanzo di Amministrazione vincolato (BOX VIA FAVALE) Avanzo di Amministrazione

Dettagli