IL CONTRATTO DI TRASPORTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CONTRATTO DI TRASPORTO"

Transcript

1 IL CONTRATTO DI TRASPORTO 1. NOZIONE DI CONTRATTO DI TRASPORTO. Il contratto di trasporto è il contratto con il quale il vettore si obbliga, verso corrispettivo, a trasferire persone o cose da un luogo ad un altro. Questa definizione, letteralmente mutuata dall'art c.c., è valida in realtà per ogni tipo di contratto di trasporto, sia di persone che di cose, pubblico o privato, collettivo o individuale, e prescindendo altresì dal modo con il quale il trasporto venga effettuato. La definizione, rappresenta il momento unificante dell'istituto del contratto di trasporto, a prescindere da tutte le differenze soltanto evidenziate, una sostanziale e fondamentale unitarietà. Se, la definizione è idonea a identificare una figura unitaria di contratto e a distinguerla da altre figure contrattuali, è anche vero che non vi è poi una disciplina unitaria dei rapporti giuridici nascenti da! contratto di trasporto. Nello stesso codice civile vi è una distinzione per quanto concerne la disciplina dei pubblici servizi di trasporti di linea, seguita dalla affermazione della applicabilità delle norme, ai trasporti per via d'acqua e per via d'aria e a quelli ferroviari e postali, in quanto non derogato dal codice della navigazione e dalle leggi speciali. Anche per gli altri trasporti regolati dal solo codice civile sorge una fondamentale partizione fra disciplina dei trasporti di persone e disciplina del trasporto di cose. Il contratto di trasporto è un contratto obbligatorio. Contenuto specifico ed essenziale del contratto di trasporto è l'obbligazione del vettore di dislocare da un luogo ad un altro persone o cose. Non è essenziale che il trasporto avvenga con mezzi propri del vettore. Così pure non è necessario che il vettore partecipi direttamente e personalmente all'attività di trasporto. L'assunzione dell'obbligo di trasportare è quindi essenziale per identificare il contratto di trasporto e distinguerlo, da altre fattispecie. Il codice civile, così come le varie leggi speciali che regolano gli altri tipi di contratto di trasporto, si preoccupa di disciplinare più le modalità di esecuzione del contratto, che non le modalità di perfezionamento del contratto. Gran parte dei contratti di trasporto, e in particolare gran parte dei contratti di trasporto terrestre, non presentano un momento di formale stipulazione del contratto. 2. DISTINZIONE DA ALTRI CONTRATTI TIPICI. Dalla nozione stessa del contratto di trasporto si evince chiaramente che essa non comprende la fattispecie in cui uno dei contraenti si obblighi, a mettere a disposizione della controparte un mezzo di trasporto funzionante ed eventualmente il personale necessario per la conduzione del medesimo. In quest'ultima ipotesi, si configura il diverso contratto di noleggio. A differenza da quanto avviene nel contratto di trasporto, nel contratto di noleggio il noleggiante non assume responsabilità per l'esercizio dell'attività di trasporto, ma si limita soltanto a consentire il godimento del mezzo di trasporto, rispondendo eventualmente della sua inefficienza, e a fornire, salvo i casi in cui il noleggio avvenga senza conducente, la attività della persona o delle persone addette alla conduzione del mezzo di trasporto. Parimenti, non rientra nella nozione di contratto di trasporto la fattispecie in cui il contraente si limiti ad assumere l'obbligo di reperire il trasportatore e concludere con il medesimo un contratto di trasporto. In questa ipotesi, si ha il cosiddetto contratto di spedizione, che null'altro è se non un contratto di mandato avente per oggetto specifico la conclusione di un contratto di trasporto.

2 Da non confondere con il contratto di spedizione ora menzionato (espressamente disciplinato dagli art c.c.) è la figura del contratto di trasporto cumulativo (art e 1700 c.c.), nel quale più vettori assumono l'obbligo di trasportare persone o cose, ciascuno per una tratta di un unico percorso. 3. LA ONEROSITÁ DEL CONTRATTO DI TRASPORTO. Come si è detto il contratto di trasporto è per definizione oneroso, (ai sensi dell'art cc) cosi che la sua eventuale gratuità deve espressamente risultare dal contratto medesimo e non può essere comunque presunta, ma che la onerosità non assurge a requisito di essenzialità per la validità o per la identificazione del contratto, a differenza di quanto avviene, ad esempio, nel contratto di appalto che è essenzialmente oneroso. IL TRASPORTO DI PERSONE 1.GENERALITA. Il contratto avente per oggetto il trasporto di persone ha connotazioni nettamente distinte dal contratto concernente il trasporto di cose. Nel trasporto di persone viene particolarmente in luce la esigenza della sicurezza personale e quindi di obblighi specifici cui il vettore è tenuto al riguardo, e delle responsabilità che conseguono in caso di inadempimento o comunque di sinistro. Viceversa, nel trasporto di cose viene maggiormente in luce la problematica economica del trasporto come strumento di consegna di beni, generalmente indirizzati dal mittente a soggetto diverso, il destinatario, cosicché il trasporto diventa strumentale alla esecuzione di diversi contratti (vendita, noleggio, locazione, somministrazione di merci), mentre il rapporto contrattuale tra mittente e vettore può divenire anche strumento per la riscossione dei corrispettivi dovuti al mittente. 2. CARATTERISTICHE DEL TRASPORTO DI PERSONE. Il codice civi1e prende in considerazione, negli art.1681 e 1682, il trasporto di persone solo per regolare le responsabilità del vettore. L'art comma 1 non disciplini espressamente la responsabilità per il ritardo e per l'inadempimento nella esecuzione del trasporto, e che quindi trova la sua disciplina generale negli art ss. c.c. Ne consegue che, sulla base dei principi generali, il vettore che non esegua esattamente il trasporto convenuto è tenuto al risarcimento del danno, se non prova che l'inadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione. Di fatto la responsabilità del vettore per mancato trasporto ovvero per ritardo del trasporto di persone è praticamente inesistente, in quanto espressamente esclusa da fonti normative o lecitamente esclusa da condizioni generali o particolari di contratto che regolano i singoli rapporti. Dove non sussistano diverse valide pattuizioni o diverse disposizioni normative, il vettore dovrebbe rispondere anche del mancato trasporto ovvero del ritardo nel trasporto medesimo. Oggetto di risarcimento possono essere solo i danni che siano conseguenza immediata e diretta dell'inadempimento o del ritardo (art c.c.).

3 3. LA RESPONSABILITA PER I SINISTRI. L'art disciplina la responsabilità del vettore per i sinistri che colpiscano le persone dei viaggiatori durante il viaggio o per la perdita od avaria delle cose che il viaggiatore porta con se. Viene stabilita per tale ipotesi una sorta di responsabilità aggravata, dalla quale il vettore può liberarsi solo se provi di avere adottalo tutte le misure idonee ad evitare il danno. La formulazione è identica a quella presente nell'art c.c., riguardante la responsabilità per l' esercizio di attività pericolose. La giurisprudenza ha in proposito affermato che la responsabilità del vettore sussiste, non soltanto quando il sinistro sia avvenuto a causa del trasporto ma anche quando esso si sia verificato semplicemente in occasione del trasporto. Nel caso di incidenti verificatisi a causa del contratto di trasporto spetta al viaggiatore provare il nesso di causalità tra il trasporto e il danno, ed incombe invece al vettore la prova liberatoria, consistente nel dimostrare che l'evento dannoso è stato conseguenza di un fatto imprevedibile e non evitabile. Per gli incidenti verificatisi semplicemente in occasione del trasporto, spetta al viaggiatore provare che si è trattato di un vero e proprio infortunio, e cioè di un evento dovuto a causa fortuita, violenta ed esterna, mentre incombe al vettore la prova liberatoria consistente, nella dimostrazione di aver posto in essere le cautele per assicurare, la incolumità del viaggiatore. 4. RESPONSABILITA NEL TRASPORTO GRATUITO E NEL TRASPORTO DI CORTESIA. Mentre la responsabilità del vettore nel trasporto di persone, si applica anche, al trasporto gratuito di persone, diversa disciplina è applicabile al cosiddetto" trasporto amichevole" o " di cortesia ". Ciò che distingue, secondo la interpretazione giurisprudenziale, il trasporto meramente gratuito dal trasporto di cortesia è la sussistenza, o meno, di un interesse proprio del vettore alla effettuazione del trasporto. Nel trasporto gratuito il vettore ha comunque un proprio interesse nell'espletamento del servizio di trasporto. Si considera trasporto amichevole, o di cortesia, quello che sia offerto dal vettore al trasportato senza alcun interesse economico, ma per pura benevolenza o liberalità. In questi casi di trasporto amichevole la giurisprudenza ha ritenuto che si possa configurare esclusivamente una responsabilità extracontrattuale ai sensi dell'art c.c., potendosi così considerare risarcibili solo i danni arrecati al trasporto da una condotta dolosa o colpo sa del trasportatore; incombe al danneggiato l'onere della prova sia del danno, sia del nesso di causalità, sia della sussistenza del dolo o colpa del danneggiante. 5. MOMENTO PERFEZIONATIVO E MOMENTO FINALE DEL RAPPORTO CONTRATTUALE. La identificazione del momento perfezionativo del contratto di trasporto, peraltro niente affatto semplice, non ha un significato solo meramente teoretico o scientifico, ma riveste una importanza determinante per accertare la sussistenza o meno del rapporto contrattuale e la sussistenza conseguente della responsabilità contrattuale, e per identificare il momento in cui tale responsabilità insorge. La problematica non trova una soluzione omogenea per i vari tipi di trasporto. Mentre, infatti, nel contratto di trasporto marittimo e di trasporto aereo è necessario il rilascio di apposito titolo di viaggio, di regola specifico per il singolo viaggio, per altre forme di trasporto un titolo di viaggio non è minimamente previsto ovvero può essere acquistato anche successivamente all'inizio del trasporto. In altri casi può esservi un titolo di viaggio permanente e non riferito ai singoli viaggi.

4 Nei casi in cui vi è emissione preventiva del titolo di viaggio, si concreta il momento perfezionativo del contratto di trasporto. Dove la emissione del titolo di viaggio non è espressamente prevista, il contratto si perfeziona, con il consenso delle parti. 6. TRASPORTI CUMULATIVI DI PERSONE. Nei trasporti cumulativi di persone, nei quali la dislocazione del passeggero dal punto di partenza al punto di arrivo è assicurata, pur sulla base di unica contrattazione, da una molteplicità di vettori, per tratte successive, non si configura una responsabilità solidale tra i vettori, ma ciascuno di essi risponde solo nell ambito del proprio percorso. Unico correttivo a tale frazionamento della responsabilità è dato dalla circostanza che, per espresso disposto del comma 2 dell'art c.c., il danno per ritardo o interruzione di viaggio si determina in ragione dell'intero percorso. Ciò ha un evidente senso logico, dal momento che la interruzione o il ritardo rileva solo in relazione all'arrivo del passeggero a destinazione. E quindi è in relazione alla esigenza di pervenire a destinazione che si può commisurare il danno, restando lo stesso, comunque, a carico esclusivamente del vettore che sia risultato inadempiente per la propria tratta, determinando il ritardo finale o il mancato arrivo. IL TRASPORTO DI COSE 1. LA CONSEGNA DELLA COSA DA TRASPORTARE. Il contratto di trasporto di cose si conclude tra il mittente e il vettore. Il vettore si obbliga a trasportare o far trasportare le cose da un luogo all altro, per un prezzo stabilito. Destinatario per la consegna può essere lo stesso mittente, ovvero un terzo. Quando è un terzo, la sua posizione è quella di un beneficiario del contratto, poiché mittente e vettore hanno concluso un contratto a favore di lui. Obbligazioni del mittente Il mittente deve dare al vettore gli elementi per eseguire il trasporto. Deve perciò indicargli il nome del destinatario e il luogo di destinazione, la struttura, il peso, la quantità e il numero delle cose da trasportare. I danni che derivano dalla omissione o dalla inesattezza della indicazioni sono a carico del mittente. Il mittente, su richiesta del vettore, deve rilasciargli una lettera di vettura, con la propria sottoscrizione. In essa sono contenute tutte le indicazione per il trasporto. Per i trasporti con le ferrovie dello Stato, il mittente deve sempre rilasciare la lettera di vettura anche senza speciale richiesta. Il mittente è tenuto a consegnare le cose al vettore in buono stato per il trasporto Il mittente è tenuto a pagare il prezzo del trasporto. Deve rimborsare il vettore delle spese fatte per la conservazione delle cose. Obbligazioni del vettore Il vettore deve ricevere le cose sul mezzo di trasporto che egli adopera. Deve quindi provvedere al trasporto e alla custodia della merce durante il viaggio. Il mittente dopo la consegna delle cose al vettore può sospendere il trasporto, ritirando le cose; può mutarne la destinazione. Il vettore deve eseguire gli ordini del mittente fino al momento in cui le cose sono passate a disposizione del destinatario.

5 Il vettore deve chiedere immediatamente istruzioni al mittente quando l inizio o la continuazione del trasporto sono impediti per causa a lui non imputabile. Intanto deve provvedere alla custodia delle cose. Quando per particolari circostanze vi è l impossibilità di domandare istruzioni, il vettore deve provvedere al deposito delle cose, o può farle vendere per conto del mittente se sono soggette a rapido deterioramento, dando al mittente pronta notizia del deposito o della vendita. Compiuto il trasporto, il vettore deve mettere le cose trasportate a disposizione del destinatario, eseguendo la riconsegna nel luogo, nel termine e con le modalità stabilite dal contratto. Qualora la riconsegna debba farsi presso il vettore, questi deve dare prontamente avviso al destinatario dell arrivo della merce. 2. IL DIRITTO DEL DESTINATARIO ALLA RICONSEGNA Il diritto del destinatario sorge e trae misura dal contratto, ma si perfeziona e passa a sua completa disposizione dopo che egli ha reso una dichiarazione di volontà, che ha per obiettivo la richiesta di riconsegna. Il destinatario può chiedere la riconsegna o quando le cose sono giunte, ovvero quando è scaduto il termine nel quale sarebbero dovute giungere. Egli però deve adempiere agli obblighi relativi: deve pagare al vettore i crediti derivanti dal trasporto e gli assegni da cui le cose trasportate sono gravate. In caso di contestazione circa l ammontare delle somme dovute, deve depositare la differenza contestata presso un istituto di credito(art. 1689). 3. LA RESPONSABILITA DEL VETTORE Qualora il vettore esegue la riconsegna e non riscuote i suoi crediti o gli assegni da cui è gravata la cosa, ovvero non esige il deposito della somma controversa, non si può rivolgere al mittente per il pagamento dei propri crediti; ed è personalmente responsabile verso il mittente della mancata riscossione degli assegni(art. 1692). Valgono i principi generali in tema d inadempimento contrattuale e le disposizioni delle leggi speciali in tema di trasporti. Il vettore è tenuto alla responsabilità ex recepto e risponde quindi della perdita e dell avaria delle cose consegnategli dal momento del ricevimento a quello della riconsegna. La prova liberatoria deve consistere nella dimostrazione che la perdita o l avaria è derivata da caso fortuito, dalla natura o dai vizi delle cose o dal loro imballaggio. Sono nulle le clausole di esonero da responsabilità. Sono valide soltanto quelle clausole le quali stabiliscono presunzioni di caso fortuito, purché siano riferite a eventi i quali normalmente costituiscono caso fortuito, tenuto conto dei mezzi e delle condizioni del trasporto. 4. L ACCERTAMENTO DELLE PERDITE E DELLE AVARIE La perdita è l avaria, salvo le disposizioni delle leggi speciali, si accertano nei modi stabiliti dall art. 696 cod. proc. civ. Su istanza dell interessato il presidente del tribunale, il pretore o il conciliatore competenti provvedono, nelle forme indicate, per un accertamento tecnico o un ispezione giudiziale. S intende che quando si è verificata la perdita, manca, il più delle volte, la materia per l accertamento. La perdita si ammette allora per presunzione, con riguardo al tempo in cui la merce sarebbe dovuta arrivare. Nei trasporti ferroviari vi è la presunzione di perdita dopo il decorso di trenta giorni dal termine di resa nelle spedizioni a grande e piccola velocità. Però il destinatario ha il diritto di far accertare, a sue spese, prima della riconsegna, l identità e lo stato delle cose trasportate. Qualora la perdita o l avaria sia provata, il vettore deve rimborsare al destinatario le spese.

6 5. I TRASPORTI CUMULATIVI Quando le cose da trasportare debbono fare un percorso gestito da più imprese, possono verificarsi i casi che seguono: a) il mittente fa tanti contratti separati di trasporto quante sono le imprese e i tratti di linea; b) il mittente conclude il contratto con uno solo dei vettori, che si assume l obbligo di far trasportare le cose anche dagli altri, oltre le proprie linee e senza farsi rilasciare dal mittente una lettera di vettura fino al luogo di destinazione; c) il mittente contratta col proprio vettore,, lasciando però che aderiscano i vettori successivi, in modo che il trasporto sia assunto cumulativamente da più vettori successivi con unico contratto. Il primo caso non ha nulla di notevole perché, trattandosi di distinti contratti di trasporto, sono distintamente regolati i rapporti dell unico mittente con i diversi vettore. Nel secondo caso vi è la presunzione che il vettore, il quale contratta col mittente, assuma per il trasporto oltre le proprie linee gli obblighi di uno spedizioniere(art. 1699). Nel terzo caso si ha il trasporto cumulativo, che impegna rispetto al mittente o al destinatario la responsabilità solidale di tutti i vettore per l esecuzione del contratto dal luogo originario di partenza fino al luogo di destinazione. Nei rapporti interni è data al vettore, che è chiamato a rispondere di un fatto non proprio, l azione di regresso contro gli altri vettori singolarmente o cumulativamente. E se dimostrasi che il danno si è verificato esclusivamente sul percorso di uno dei vettori, l onere integrale del danno ricade a carico di lui. Mancata tale dimostrazione, il danno si ripartisce fra tutti i vettori in proporzione dei percorsi, con esclusione di quei vettori che riescano a provare che il danno non è avvenuto sul proprio percorso(art. 1700). In tutti e tre i casi indicati i vettori successivi, al momento della consegna delle cose per il percorso della propria linea, hanno il diritto di far constatare lo stato in cui si trovano le cose e di farlo risultare dalla lettera di vettura o da atto separato. In mancanza della dichiarazione nella lettera di vettura o in atto separato, si presume che le cose siano state consegnate in buono stato e conformi alla lettera di vettura(art. 1702). TRASPORTO DIRITTO INTERNAZIONALE Con la comunità europea e poi con l unione europea e sempre più rilevante l esigenza di uniformità di trattamenti per vari aspetti relativi ai rapporti nell ambito di stati in cui essi gravitano. Ciò si caratterizza particolarmente in alcuni rapporti del commercio internazionale, fra cui rientrano sicuramente i trasporti. con riferimento ai trasporti, pur in presenza di rigide regole nazionali l obiettivo e quello di uniformare il trattamento in un unico sistema di diritto internazionale privato. I trasporti sono regolati in larga misura da convenzioni internazionali idonee a disciplinare gli aspetti del fenomeno. non senza incertezze la giurisprudenza assicura la prevalenza del diritto internazionale privato sulle norme nazionali; ciò e giustificato alla luce del carattere della specialità delle convenzioni e poiché gli interessi possono essere meglio realizzati a livello internazionale. Il trasporto internazionale concerne varie categorie: trasporto aereo che trova il fondamento nella convenzione di Varsavia del In quest ambito non poteva non destare l interesse della comunità economica europea si e stabilita in una disciplina volta a tutelare il relativo scambio di diritti di traffico ed un sistema efficace di fissazione delle tariffe. trasporto marittima, disciplina riguardante il trasporto marittimo scaturita dalla convenzione di Bruxelles del tale trasporto ha subito in tempi recenti un evoluzione caratteristica che evidenzia l esigenza di una integrazione fra il ruolo normativo programmatico attribuito alla comunità internazionale e quello di ulteriore dettagli, infatti si rileva nel settore una carenza di riferimenti normativi.

7 trasporto stradale, disciplina che trova la fonte nella convenzione di Ginevra del normativa di diritto uniforme relativa al trasporto ferroviario internazionale (convenzione di Berna 1890) anche se i vari tipi di trasporto presentano differenze sensibili ciò che li accomuna e l internazionalità de fenomeno economico e la conseguente disciplina. Per questo tipo di trasporto le soluzioni normative interstatali hanno la loro sede nell ambito del trattato CEE con particolare riferimento ai principi vigenti in ambito interstatale non vi e dubbio che si appalesa l esigenza di rendere il prezzo tale da rappresentare l effettiva situazione del mercato evitando, peraltro, abusi da parte di quelle imprese che si trovano in posizione dominante. in questa prospettiva, in un primo tempo, il sistema delle tariffe a forcella parve il migliore, ma costituiva una valida indicazione ai fini della formazione del prezzo visto l andamento dei cambi. la comunità europea ha già preso atto della opportunità di riesaminare ed innovare la materia, ed a tal fine ha deliberato di sopprimere il metodo delle tariffe a forcella per predisporre principi più coerenti con una chiara ripartizioni di competenza tra il ruolo della collaborazione interstatale e quello assegnato alle determinazioni interaziendali con l introduzione delle tariffe di riferimento. Affinché possa configurarsi il trasporto internazionale e necessario che lo spostamento si realizzi tra paesi differenti, uno almeno dei quali sia parte contraente della convenzione; le eventuali interruzioni, modifiche di tragitto per cause accidentali non ne eliminano, il carattere internazionale, questo con lo scopo di esigenza di prevedibilità della disciplina. Il trasporto internazionale di cose e di persone rappresenta complessivamente l esempio più indicativo di un fenomeno economico al cui riguardo opera un modello di disciplina rivolta, da un lato, ad evitare sovrapposizioni di competenze degli stati coinvolti nel fenomeno stesso e, l operatività di soluzioni normative uniformi all interno dei singoli ordinamenti nazionali. Infatti, i trasporti acquistano un ruolo ed una posizione sempre più centrale in funzione della realizzazione degli obbiettivi di cooperazione economica internazionale, sia su un piano universale sia a livello regionale. proprio con riguardo al trasporto, infatti, e stata elaborata, ormai da parecchi decenni, per opera degli stati e delle organizzazioni internazionali, una disciplina quadro che si rivela idonea ad incidere in modo significativo su tutti i più importanti aspetti (organizzativi e privatistici) della materia. Sono ormai in crisi le teorie, imperanti all inizio del secolo, che ponevano in rilievo la peculiarità di ogni tipo di trasporto ma, si configura un unico diritto di trasporto tutelato da un vero e proprio ordinamento internazionale sul quale incidono non solo le forze imprenditoriali ma anche e soprattutto gli stati e le organizzazioni internazionali. Si afferma, allora, l esistenza di veri e propri principi comuni sia a livello interindividuale che interstatale dovuta all indivisibilità della disciplina, ed in questo senso non e senza rilievo la circostanza che gli stati tengono ampiamente conto degli atti emergenti dai rapporti tra privati. Le convenzioni di diritto uniforme sui trasporti, si sostituiscono alle corrispondenti norme di diritto interno; peraltro non sono infrequenti situazioni in cui aspetti rilevanti di una determinata fattispecie risultino non completamente disciplinati. in tali ipotesi il diritto materiale contenuto nelle predette convenzioni dovrà essere integrato da norme appartenenti ad uno o più ordinamenti nazionali individuati sulla base delle regole di conflitto del foro,ovvero, molto più spesso, sulla base di norme di diritto internazionale privato uniformi che le stesse convenzioni internazionali si preoccupano di stabilire. In talune convenzioni sono garantite la simultanea applicazione. oltre ai tradizionali criteri ermeneutici del diritto uniforme, un ausilio fondamentale all interprete e dato proprio dalle specifiche normative contenute nelle convenzioni, qualsiasi problema interpretativo dovrà essere risolto in una direzione favorevole e privilegiare soluzioni adottate nelle convenzioni poiché il trasporto è dotato di un elevato grado di omogeneità nonostante l accennato e progressivo riconoscimento da parte dell ordinamento internazionale di un ruolo quanto mai penetrante degli stati di registrazione in tema di controllo, disciplina e verifica delle condizioni di efficienza ed idoneità dei mezzi di trasporto e dell organizzazione del personale che vi opera, ben difficilmente può dirsi che al legge nazionale di tali mezzi di trasporto debba essere riconosciuta quella centralità

8 di ruolo che sembra di essere ad esse assegnata da alcune norme italiane di diritto internazionale privato. Pertanto si può concludere che si osserverà la legge nazionale quando a) risulti in concreto impossibile individuare un altro criterio di collegamento; b)gli altri criteri di collegamento risultino inidonei ad individuare un ordinamento giuridico coerente con la protezione degli interessi sostanziali; c)le altre possibili leggi applicabili presentino intensità di collegamento fra loro equivalenti rispetto al rapporto, ma una di queste coincida con la legge nazionale della nave e dell aeromobile. Il problema che si presenta con maggiore frequenza e, qualora si verifichi, l assenza di una clausola che stabilisce specificamente la legge che le parti vogliono adottare, ma comunque il loro rapporto si e posto in una logica inevitabilmente collegata ad una determinata legge; questa ultima si applicherà sulla volontà tacita delle parti. altri criteri per l individuazione della legge da applicare sono la nazionalità del vettore (parte che predispone il contratto ed elabora le relative condizioni generiche ); tenere in considerazione alcuni ambiti che sono di giurisdizione esclusiva dell ordinamento statale; il luogo di conclusione del contratto, rispondente ad esigenze di traffico. Questi criteri saranno adottati qualora non c e una volontà delle parti di scegliere una determinata legge statale e si escluda la ricorrenza di uno solo di essi, ma effettuando una valutazione complessiva. Tra vari criteri un ruolo di peso e dato dalla giurisprudenza straniera alla nazionalità del vettore sia perché e normalmente quello più intensamente collegato ad altri elementi essenziali del rapporto sia perché la sua applicazione consente di ottenere un regime contrattuale uniforme a tutti i rapporti che fanno capo alla stessa impresa. Gli esiti e le scelte normative della convenzione di Roma del 19 giugno 1980 relativamente alla determinazione della legge regolatrice del trasporto tenda a privilegiare altri criteri di collegamento, maggiormente idonei a consentire un effettiva localizzazione materiale del rapporto: e fra questi, in particolare, oltre all ordinamento statale espressamente o implicitamente scelto dalle parti assumono un sempre maggior rilievo gli ordinamenti statali in cui sono localizzati la sede principale del vettore ed il luogo di esecuzione del trasporto nella duplice connotazione del suo luogo di partenza e/o del suo luogo di destinazione. COMMENTO ARTICOLI La disposizione dell art.1678 ci da la nozione di CONTRATTO DI TRASPORTO inteso come quel contratto ove il vettore si obbliga verso corrispettivo a trasferire persone o cose da un luogo a un altro a questa nozione si rifanno anche i trasporti per via d acqua o per d aria e quelli ferroviari e postali.della responsabilità del vettore ci parla la disp. dell art il cui definisce che il vettore è responsabile oltre che per ritardo e per inadempimento anche per sinistri che colpiscono la persona durante il viaggio e dalla perdita o dall avaria delle cose che il viaggiatore porta con sé, se non prova di avere adottato tutte le misure idonee a evitare il danno. Nei trasporti cumulativi cioè quei trasporti ove vi è la presenza di un unico biglietto a carico di due o più persone ciascun vettore risponde nell ambito del proprio percorso ciò si desume dalla disp. Dell art Per quanto riguarda il trasporto di cose la disp. dell art.1683 ci definisce che il mittente deve indicare con esattezza al vettore il nome del destinatario e il luogo di destinazione, la natura il peso, la quantità e il numero delle cose trasportate ed altro. Se per il trasporto occorrono particolari documenti il mittente deve rimetterli all atto in cui consegna le cose al trasportatore. Su richiesta del vettore deve rilasciare una lettera di vettura contenente le indicazioni prima enunciate e su richiesta del mittente il vettore deve rilasciare un duplicato della lettera di vettura con la propria sottoscrizione al fine di prova. Il codice attribuisce al mittente una serie di diritti esplicati nella disp. dell art in cui definiscono che il mittente può sospendere il trasporto e chiedere la restituzione delle cose questo nono può disporre delle cose trasportate dal momento in cui esse sono passate a disposizione del destinatario, ma lo stesso codice attribuisce diritti anche al destinatario ciò si esplica nella disp. dell art in cui definisce che i diritti nascenti dal contratto di trasporto verso il vettore spettano al destinatario dal momento in cui arrivate le cose a destinazione o scaduto il termine in sarebbe

9 dovuta arrivare, il destinatario ne richiede la consegna al vettore. Inoltre il destinatario non può esercitare i diritti nascenti dal contratto se non verso pagamento al vettore dei crediti derivanti dal trasporto e dagli assegni da cui le cose trasportate sono gravate. Lo stesso vettore ha una responsabilità nei confronti del mittente ciò si deduce dall art in cui definisce che il vettore che esegue la riconsegna al destinatario senza riscuotere i propri crediti o gli assegni da cui è gravata la cosa è responsabile verso il mittente dell impegno degli assegni dovuti. Lo stesso vettore è responsabile delle perdite e dell avaria delle cose consegnategli per il trasporto se non prova che la perdita o l avaria è derivata da caso fortuito. Dall art si evidenzia la possibilità di calcolare il danno in caso di perdita o avaria dato dal prezzo corrente delle cose trasportate nel luogo e nel tempo della riconsegna. È possibile inoltre che si possano effettuare prescrizioni in materia di spedizioni e di trasporto, infatti si prescrivono in un anno i diritti derivanti dal contratto di spedizione e di trasporto. La prescrizione si compie con il decorso di diciotto mesi se il trasporto ha inizio o termine fuori d Europa. Si prescrivono in un anno dalla richiesta del trasporto i diritti verso gli esercenti pubblici, servizi di linea indicati nell art

PUBBLICI SERVIZI DI LINEA.

PUBBLICI SERVIZI DI LINEA. IL CONTRATTO DI TRASPORTO PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 NOZIONE. TIPI. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 PUBBLICI

Dettagli

QUESITI - Programma viaggiatori Serie VAN - Elementi di diritto civile - Nazionale

QUESITI - Programma viaggiatori Serie VAN - Elementi di diritto civile - Nazionale QUESITI - Programma viaggiatori Serie VAN - Elementi di diritto civile - Nazionale VAN001 Con il contratto di trasporto il vettore A si obbliga verso un corrispettivo V B si obbliga a titolo gratuito F

Dettagli

Trasporto aereo di persone

Trasporto aereo di persone Trasporto aereo di persone ART. 1678 c.c. delinea la figura generale valida per qualsiasi tipo di trasporto ART. 940 cod. nav.. DISCIPLINA IL SOTTOTIPO Contratto di trasporto di persone per via aerea e

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I LE FONTI NORMATIVE DEL TRASPORTO MARITTIMO

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I LE FONTI NORMATIVE DEL TRASPORTO MARITTIMO CAPITOLO I LE FONTI NORMATIVE DEL TRASPORTO MARITTIMO 1. Individuazione del sistema delle fonti normative del trasporto marittimo di persone.... 2 2. La disciplina di diritto uniforme. Profili sistematici

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I NOZIONE ED ELEMENTI. Sezione I Profilo storico

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I NOZIONE ED ELEMENTI. Sezione I Profilo storico CAPITOLO I NOZIONE ED ELEMENTI Profilo storico 1. Iniziale riconduzione dell attività di trasporto allo schema della locatioconductio... 1 2. Progressivo passaggio dell attività di trasporto dal rapporto

Dettagli

INDICE PARTE I IL CONTRATTO DI TRASPORTO DI COSE

INDICE PARTE I IL CONTRATTO DI TRASPORTO DI COSE INDICE Prefazione.... xi PARTE I IL CONTRATTO DI TRASPORTO DI COSE Capitolo I ANTECEDENTI STORICI E CRITERI ISPIRATORI DELLA DISCIPLINA CODICISTICA DEL CONTRATTO DI TRASPORTO DI COSE 1. Il diritto romano...

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n.

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n. CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Roma, 1 marzo 2013 Prot. n. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Circolare

Dettagli

Condizioni generali di Noleggio

Condizioni generali di Noleggio Condizioni generali di Noleggio 1. Oggetto del contratto Il Contratto ha per oggetto la fornitura del servizio di noleggio di articoli di puericultura e relativi accessori (di seguito Bene o Beni ) tra

Dettagli

OVERBOOKING AEREO Responsabilità del vettore aereo colposa o dolosa? Valentina Ilaria Felisi Silvia Tognetti

OVERBOOKING AEREO Responsabilità del vettore aereo colposa o dolosa? Valentina Ilaria Felisi Silvia Tognetti OVERBOOKING AEREO Responsabilità del vettore aereo colposa o dolosa? Valentina Ilaria Felisi Silvia Tognetti Le compagnie aeree sono solite accettare prenotazioni per un volo al di sopra delle capacità

Dettagli

Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia

Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia (Legge sul trasporto di merci, LTM) Avamprogetto del XX. xxx 2006 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 87

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto. per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI

Condizioni Generali di Contratto. per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI Condizioni Generali di Contratto per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI Divisione Cargo EDIZIONE IN VIGORE DAL ORDINE DI SERVIZIO REGISTRAZIONE 1 01/03/2010 n. 3 del 28/01/2010 Serie 3 n.4633

Dettagli

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione Avvocato Gianluca Lo Bianco Direttore Analisi Giuridiche e Contenzioso ENAC Il Reg. (CE) n. 261/2004 Il reg. (CE) n. 261/2004 dell 11 febbraio

Dettagli

02/03/2009. Premessa. Copyright: Evoluzione Ambiente C&F srl 2009

02/03/2009. Premessa. Copyright: Evoluzione Ambiente C&F srl 2009 I CONTRATTI DI TRASPORTO RIFIUTI CONSIDERAZIONI SUL TEMA Premessa Nell ambito della gestione rifiuti l attività di trasporto costituisce attività preminente dato che è connessa ad ogni singolo conferimento

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

COMPRAVENDITA. Facoltà di Sociologia Corso di scienze dell organizzazione Corso di Diritto Privato, anno 2009/2010 Docente: Sara D Urso

COMPRAVENDITA. Facoltà di Sociologia Corso di scienze dell organizzazione Corso di Diritto Privato, anno 2009/2010 Docente: Sara D Urso Facoltà di Sociologia Corso di scienze dell organizzazione Corso di Diritto Privato, anno 2009/2010 Docente: Sara D Urso COMPRAVENDITA D Agostino Marta Delladea Sarah Lusuardi Alice La compravendita (art

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI A TUTELA DELL UTENZA IN MATERIA DI FORNITURA DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA MEDIANTE CONTRATTI A DISTANZA

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI A TUTELA DELL UTENZA IN MATERIA DI FORNITURA DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA MEDIANTE CONTRATTI A DISTANZA ALLEGATO A Alla delibera n. REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI A TUTELA DELL UTENZA IN MATERIA DI FORNITURA DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA MEDIANTE CONTRATTI A DISTANZA Art. 1 (Definizioni) 1. 1.

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I IL CONTRATTO DI TRASPORTO MARITTIMO DI PERSONE: INQUADRAMENTO GENERALE

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I IL CONTRATTO DI TRASPORTO MARITTIMO DI PERSONE: INQUADRAMENTO GENERALE INDICE-SOMMARIO Note degli Autori.................................... XVII CAPITOLO I IL CONTRATTO DI TRASPORTO MARITTIMO DI PERSONE: INQUADRAMENTO GENERALE Sezione I Il contratto di passaggio marittimo:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE Circolare n. 10 del 20 giugno 2014 Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 2.1 Decreto attuativo...2 2.2 Proroga al 30.6.2014...3 2.3 Intervento del

Dettagli

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA È un rapporto di natura contrattuale la cui fonte è il contatto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 5/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 5/E QUESITO RISOLUZIONE N. 5/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 gennaio 2011 OGGETTO: Consulenza Giuridica - Rapporto di concessione Beni realizzati dalla società concedente e beni realizzati dalla società concessionaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE SPONSORIZZAZIONI

REGOLAMENTO PER LE SPONSORIZZAZIONI REGOLAMENTO PER LE SPONSORIZZAZIONI Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina l attività di sponsorizzazione, da parte di soggetti terzi, di eventi, progetti, iniziative e attività promossi,

Dettagli

QUESITI - Programma merci Serie MAN - Elementi di diritto civile - Nazionale

QUESITI - Programma merci Serie MAN - Elementi di diritto civile - Nazionale QUESITI - Programma merci Serie MAN - Elementi di diritto civile - Nazionale MAN001 Nel trasporto cumulativo, per l'esecuzione del contratto risponde A il primo vettore F B l'ultimo vettore F C tutti i

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 OGGETTO: art. 123 del decreto legislativo n. 175 del 17 marzo 1995: obblighi di informativa nei contratti di assicurazione diretta diversa dalla assicurazione sulla vita.

Dettagli

ITALCEMENTI S.P.A. PIANO DI STOCK OPTION PER AMMINISTRATORI - 2007 REGOLAMENTO

ITALCEMENTI S.P.A. PIANO DI STOCK OPTION PER AMMINISTRATORI - 2007 REGOLAMENTO ITALCEMENTI S.P.A. PIANO DI STOCK OPTION PER AMMINISTRATORI - 2007 REGOLAMENTO INDICE 1. PREMESSA 3 2. SCOPI DEL PIANO 3 3. OGGETTO DEL PIANO 3 4. GESTIONE DEL PIANO 4 5. PARTECIPAZIONE ELEGGIBILITÀ 4

Dettagli

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal 2720/2009 sono indicate in rosso Esame semplificato per l iscrizione alla sezione A del RUI per iscritti alle

Dettagli

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5

Testo vigente. Testo proposto Articolo 5 Capitale sociale. Articolo 5 1. Proposta di eliminazione del valore nominale espresso delle azioni ordinarie e di risparmio in circolazione. Conseguenti modifiche dello statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti. Signori

Dettagli

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO RISOLUZIONE N.15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 18 febbraio 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica - polizze estere offerte in regime di libera prestazione dei servizi in Italia. Obblighi di monitoraggio

Dettagli

INADEMPIMENTO DEL VETTORE AEREO E LA TUTELA DEI PASSEGGERI

INADEMPIMENTO DEL VETTORE AEREO E LA TUTELA DEI PASSEGGERI TRASPORTO AEREO Il contratto di trasporto aereo è un contratto per adesione (1341-1342 cod.civ.): il passeggero accetta in blocco le condizioni generali riprodotte in uno schema negoziale uniforme. - Il

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. ARTICOLO 2 Rapporti di lavoro instaurabili e relative modalità di scelta

REGOLAMENTO INTERNO. ARTICOLO 2 Rapporti di lavoro instaurabili e relative modalità di scelta REGOLAMENTO INTERNO ARTICOLO 1 Scopo ed oggetto del regolamento Il presente regolamento ha lo scopo - ai sensi dell articolo 6 della legge 3 aprile 2001, n. 142, e dell articolo 39 dello statuto - di disciplinare

Dettagli

Periodico informativo n. 20/2011. Finanziamento soci

Periodico informativo n. 20/2011. Finanziamento soci Periodico informativo n. 20/2011 Finanziamento soci Gentile cliente, alla luce delle difficoltà finanziarie che stanno attraversando in questo periodo le imprese, sovente per garantire il funzionamento

Dettagli

L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE

L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE ART. 10 L'assicurazione a norma del presente decreto esonera il datore di lavoro dalla responsabilità civile per gli infortuni sul lavoro.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

CON ESCLUSIVO RIFERIMENTO AL RIMBORSO DELLE SPESE DI TRASPORTO IN CASO DI RITARDO NELLA CONSEGNA DELLE MERCI

CON ESCLUSIVO RIFERIMENTO AL RIMBORSO DELLE SPESE DI TRASPORTO IN CASO DI RITARDO NELLA CONSEGNA DELLE MERCI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE AL SERVIZIO PREMIUM CON ESCLUSIVO RIFERIMENTO AL RIMBORSO DELLE SPESE DI TRASPORTO IN CASO DI RITARDO NELLA CONSEGNA DELLE MERCI 1. Premessa 1.1. Le presenti condizioni

Dettagli

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA E BROKERAGGIO ART. 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO ASSICURATIVO Il servizio oggetto del presente disciplinare concerne lo svolgimento dell'attività di brokeraggio per

Dettagli

Brevi note sulla responsabilità del dipendente bancario verso i terzi ed il datore di lavoro. R.C. PROFESSIONALE BANCARI

Brevi note sulla responsabilità del dipendente bancario verso i terzi ed il datore di lavoro. R.C. PROFESSIONALE BANCARI Brevi note sulla responsabilità del dipendente bancario verso i terzi ed il datore di lavoro. R.C. PROFESSIONALE BANCARI FONTI DELLA RESPONSABILITA La normativa vigente in materia 2 I fondamenti concettuali

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

RISOLUZIONE N. 22/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 22/E. Quesito RISOLUZIONE N. 22/E Roma, 5 marzo 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Stoccaggio gas Trattamento ai fini IVA. Art. 3, primo comma, DPR 26 ottobre

Dettagli

748.411. Ordinanza sul trasporto aereo. (OTrA) Sezione 1: Disposizioni generali. del 17 agosto 2005 (Stato 30 agosto 2005)

748.411. Ordinanza sul trasporto aereo. (OTrA) Sezione 1: Disposizioni generali. del 17 agosto 2005 (Stato 30 agosto 2005) Ordinanza sul trasporto aereo (OTrA) 748.411 del 17 agosto 2005 (Stato 30 agosto 2005) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 6a e 75 della legge federale del 21 dicembre 1948 1 sulla navigazione

Dettagli

FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE

FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE FLAIRTENDER CONDIZIONI DI VENDITA PER IL NOSTRO SHOWROOM ATTREZZATURE CONDIZIONI DI VENDITA ISTRUZIONI PER L ACQUISTO: SCEGLI I PRODOTTI DI TUO INTERESSE CON IL CODICE ARTICOLO E RIPORTALI NELLA MAIL DI

Dettagli

Quando saranno indicate congiuntamente verranno denominate Le Parti PREMESSO CHE SI STIPULA E SI CONVIENE QUANTO SEGUE

Quando saranno indicate congiuntamente verranno denominate Le Parti PREMESSO CHE SI STIPULA E SI CONVIENE QUANTO SEGUE CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEL SOCIAL NETWORK WWW.LETS DONATION.COM A FINI PROMOZIONALI E DI RACCOLTA FONDI, CREATO E GESTITO DA LET S DONATION S.R.L. Le presenti condizioni generali di contratto

Dettagli

CONTRATTO TIPO AFFITTO D AZIENDA

CONTRATTO TIPO AFFITTO D AZIENDA CONTRATTO TIPO di AFFITTO D AZIENDA CONTRATTO D AFFITTO D AZIENDA Tra i signori: A..., di seguito concedente, nato a..., il..., codice fiscale..., partita IVA..., residente in..., via..., nella sua qualità

Dettagli

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1 Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra XY, società di diritto italiano, con sede in via n iscritta al Registro delle Imprese di n Partita

Dettagli

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto (1) La causa di scioglimento della s.p.a. e della s.r.l. di cui all art. 2484 n. 4) c.c. non opera allorché, in presenza

Dettagli

Roma, 23 gennaio 2009

Roma, 23 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 gennaio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Imposta di bollo sulle comunicazioni riguardanti

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO

NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3. A cura di CARLO DI CATALDO NOTA A CONSIGLIO DI STATO ADUNANZA PLENARIA SENTENZA 20 marzo 2015, n. 3 A cura di CARLO DI CATALDO Sull esclusione dell impresa che non indica i costi per la sicurezza MASSIMA Nelle procedure di affidamento

Dettagli

Condizioni generali di vendita e consegna per contratti al di fuori del WebShop

Condizioni generali di vendita e consegna per contratti al di fuori del WebShop Condizioni generali di vendita e consegna per contratti al di fuori del WebShop 1. Concetti generali 1.1 Queste condizioni generali di vendita e consegna sono vincolanti, ove dichiarate applicabili in

Dettagli

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011)

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) REGOLAMENTO SULLA COOPERAZIONE SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 123 DEL 8 OTTOBRE 2001 (VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

Termini di pagamento di 30-60 giorni anche per i lavori pubblici

Termini di pagamento di 30-60 giorni anche per i lavori pubblici Termini di pagamento di 30-60 giorni anche per i lavori pubblici Con il D.Lgs. 192/212 il governo ha anticipato l adozione delle disposizioni contenute nella direttiva 2011/7/UE (la cui attuazione era

Dettagli

Modulo 3.7 Revisione4 Pagina 1 di 5

Modulo 3.7 Revisione4 Pagina 1 di 5 Italcuscinetti S.p.A. CAPITOLATO DI FORNITURA (CONDIZIONI GENERALI) Introduzione Le forniture dei prodotti, presenti in questo documento redatto da Italcuscinetti S.p.A., sono gestite e regolate dalle

Dettagli

TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI

TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI TRASFERIMENTO E MUTAMENTO DI MANSIONI SCUOLA FORENSE MILANO, 7 MARZO 2014 Avv. Marcello Giustiniani www.beplex.com Il mutamento del luogo di esecuzione della prestazione lavorativa 1. Il trasferimento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Campo di applicazione Qualsiasi contratto stipulato tra Nossa Elettronica s.a.s (d ora in poi Nossa) per la fornitura dei propri Prodotti/Servizi (d ora in poi Prodotto)

Dettagli

FCA. FRANCOVETTORE (...luogo convenuto)

FCA. FRANCOVETTORE (...luogo convenuto) 2raccolta provinciale degli usi 21-07-2005 10:15 Pagina 349 FCA FRANCOVETTORE (...luogo convenuto) Nel Franco Vettore il venditore effettua la consegna col rimettere la merce, sdoganata all esportazione,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 A) LOCATORE CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 COGNOME E NOME, nato a Luogo (CO) in data data e residente in Luogo(CO), Indirizzo e n. civico, C.F. Se società:

Dettagli

INCOTERMS PAGAMENTI INTERNAZIONALI EMIRATI ARABI UNITI. dott. Enrico Scalco. Al Najjari. negli scambi commerciali con gli.

INCOTERMS PAGAMENTI INTERNAZIONALI EMIRATI ARABI UNITI. dott. Enrico Scalco. Al Najjari. negli scambi commerciali con gli. INCOTERMS e PAGAMENTI INTERNAZIONALI negli scambi commerciali con gli EMIRATI ARABI UNITI A cura di: dott. Enrico Scalco Al Najjari & Partners L a w F i r m NATURA DEGLI INCOTERMS Non hanno forza di legge,

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 212/E. Roma,11 agosto 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 212/E. Roma,11 agosto 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 212/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: interpello art. 11 legge 212/2000 - contratto per persona da nominare art. 1401 c.c. - presupposti applicabilità

Dettagli

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute.

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute. REGOLAMENTO DEI DEPOSITI DEI SOCI PREMESSA Il presente regolamento interno ha come scopo la disciplina dei conferimenti in denaro, a titolo di prestito, effettuati dai soci per il conseguimento dell oggetto

Dettagli

CONDIZIONI CONTRATTUALI

CONDIZIONI CONTRATTUALI CONDIZIONI CONTRATTUALI Contratto di capitalizzazione a premio unico e premi integrativi, con rivalutazione annuale del capitale assicurato (tariffa n 357) PARTE I - OGGETTO DEL CONTRATTO Articolo 1 -

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini avranno il significato di seguito

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

PLURALITÀ DI PRESTAZIONI DA PARTE DI SUB-VETTORE.

PLURALITÀ DI PRESTAZIONI DA PARTE DI SUB-VETTORE. CONTRATTO DI TRASPORTO DI MERCI SU STRADA PER PRESTAZIONE SINGOLA O PLURALITÀ DI PRESTAZIONI DA PARTE DI SUB-VETTORE. Art. 1. Identificazione delle Parti Con la presente scrittura privata da valere ad

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA VERSIONE 1.3 DEL 22/11/2012

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA VERSIONE 1.3 DEL 22/11/2012 CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA VERSIONE 1.3 DEL 22/11/2012 Articolo 1 - Definizioni Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita, i seguenti termini avranno il significato di seguito ad essi attribuito:

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 1 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese CHIARA SOMARE Avvocato STUDIO LEGALE I - 20122 MILANO - VIA CURTATONE,

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI O DI VIAGGIATORI (D. Lgs. n. 395/2000 e successive

Dettagli

RISOLUZIONE N. 125/E. Roma, 6 maggio 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 125/E. Roma, 6 maggio 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 125/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 6 maggio 2009 OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 della legge n. 212 del - Costi ammissibili al credito d imposta per le attività

Dettagli

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI ANZIO Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI Art. 1 - OGGETTO L appalto ha per oggetto il servizio di prelievo

Dettagli

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 Società in nome collettivo ( s.n.c. ) La società in nome collettivo (s.n.c.) costituisce il modello di organizzazione societaria che si presume normalmente adottato per l esercizio

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO PROVINCIA DI LUCCA C.A.P. 55011 tel. 0583 / 216455 c.f. 00197110463 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO per affidamento incarico del servizio di brokeraggio assicurativo 1 INDICE ART.1 Oggetto

Dettagli

Lezioni di diritto della navigazione

Lezioni di diritto della navigazione Stefano Zunarelli Lezioni di diritto della navigazione ESTRATTO Copyright 2005 Libreria Bonomo Editrice via Zamboni 26/a - Bologna - tel. 051.22.15.10 www.libreriabonomo.com edizioni@libreriabonomo.com

Dettagli

1.3 Con l espressione Press Up S.r.l. si intendono il soggetto indicato in epigrafe ovvero il soggetto prestatore dei servizi di informazione.

1.3 Con l espressione Press Up S.r.l. si intendono il soggetto indicato in epigrafe ovvero il soggetto prestatore dei servizi di informazione. CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1. Identificazione della Press Up S.r.l. I servizi oggetto delle presenti condizioni generali sono offerti dalla Press Up s.r.l. con sede in Roma, Via Catone, 6 iscritta

Dettagli

RISOLUZIONE N. 126/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 21 maggio 2009

RISOLUZIONE N. 126/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 21 maggio 2009 RISOLUZIONE N. 126/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 maggio 2009 Oggetto: Acquisto di aeromobili e di altri beni e servizi destinati ad attività di trasporto aereo a prevalente carattere

Dettagli

RISOLUZIONE N. 160/E

RISOLUZIONE N. 160/E RISOLUZIONE N. 160/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 aprile 2008 Oggetto: Interpello Art.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Riscossione dei compensi dovuti per attività di lavoro autonomo

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . BULGARIA TUTELA DEL CONSUMATORE IN BULGARIA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa Le fonti del diritto in tema di tutela del consumatore sono le seguenti: Legge del 9 dicembre 2005 e

Dettagli

Capitolo 4 - LEASING. Sommario

Capitolo 4 - LEASING. Sommario Capitolo 4 - LEASING Sommario Sezione I Leasing mobiliare Definizione Art. 1 Scelta del fornitore 2 Forma del contratto 3 Ordinazione del bene 4 Consegna del bene 5 Legittimazione attiva dell utilizzatore

Dettagli

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che,

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che, Un peculiare modo di formazione del contratto è quello che caratterizza i c.d. contratti a distanza, definiti dal legislatore come quei contratti, aventi ad oggetto beni o servizi, stipulati tra un professionista

Dettagli

Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente

Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente Un inquadramento sulla legislazione in materia di autotrasporto con focus sulle responsabilità del Committente Francesca Belinghieri 13 maggio 2013 Andamento e modalità del trasporto delle merci in Italia,

Dettagli

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione e principi generali Art. 2 - Decorrenza e durata del

Dettagli

DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo)

DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo) DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo) Gentile Cliente, vogliamo informarti dei tuoi diritti nel caso in cui i prodotti acquistati presso

Dettagli

Roma, 09 settembre 2003

Roma, 09 settembre 2003 RISOLUZIONE N. 178/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 09 settembre 2003 Oggetto: Istanza di interpello. Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 48 del TUIR: regime tributario dei

Dettagli

DELIBERA N. 664/06/CONS

DELIBERA N. 664/06/CONS DELIBERA N. 664/06/CONS Regolamento recante disposizioni a tutela dell utenza in materia di fornitura di servizi di comunicazione elettronica mediante contratti a distanza (Proposta di modifiche) Articolo

Dettagli

L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi

L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi Avv. Enrico Mordiglia Studio Legale Mordiglia Genova - Milano Inquadramento normativo > Codice della nautica da

Dettagli

CITTA' DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA

CITTA' DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA CITTA' DI PIAZZA ARMERINA PROVINCIA DI ENNA 1 Settore - Segreteria ed Affari Generali Determina n. 10052 del 12.02.2009 Oggetto: Affidamento del servizio di BROKERAGGIO ASSICURATIVO. Vista la deliberazione

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI

COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 147 del 03.11.1998 Modificato con delibera

Dettagli

E.T.R.A. S.P.A. La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi),

E.T.R.A. S.P.A. La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi), E.T.R.A. S.P.A. CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA.- Tra: La società E.T.R.A. S.p.A. con sede legale in Bassano del Grappa (Vi), Largo Parolini n.82/b, C.F. n.03278040245, che interviene

Dettagli

Contratto di Assistenza e manutenzione del software applicativo e di fornitura di assistenza sistemistica della PANTAREI INFORMATICA S.r.l.

Contratto di Assistenza e manutenzione del software applicativo e di fornitura di assistenza sistemistica della PANTAREI INFORMATICA S.r.l. Contratto di Assistenza e manutenzione del software applicativo e di fornitura di assistenza sistemistica della PANTAREI INFORMATICA S.r.l. N del Tra la PANTAREI INFORMATICA S.r.l. - Via degli Innocenti,

Dettagli

Comune di Villa di Tirano

Comune di Villa di Tirano Comune di Villa di Tirano! "" #$% &' ( CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO 1. OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

CONTRATTO TIPO PER SERVIZI DI TRASLOCO DI ARREDI ED EFFETTI PERSONALI IN AMBITO LOCALE E NAZIONALE

CONTRATTO TIPO PER SERVIZI DI TRASLOCO DI ARREDI ED EFFETTI PERSONALI IN AMBITO LOCALE E NAZIONALE CONTRATTO TIPO PER SERVIZI DI TRASLOCO DI ARREDI ED EFFETTI PERSONALI IN AMBITO LOCALE E NAZIONALE CONTRATTO PER SERVIZI DI TRASLOCO DI ARREDI ED EFFETTI PERSONALI IN AMBITO LOCALE E NAZIONALE TRA Il/La

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Acquisto di n. 1 mini escavatore da impiegare nei lavori di manutenzione delle strade SALERNO, 10 ottobre 2012 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (ing. Bernardo Saja) Oggetto

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

Garanzie Massimali (fino a) franchigia. 50% del costo, fino a 500,00 NO

Garanzie Massimali (fino a) franchigia. 50% del costo, fino a 500,00 NO Caratteristiche del prodotto Lastminute.com ed Elvia sono lieti di offrirvi una polizza a copertura delle Spese di Annullamento per il Vostro viaggio. Per consentirvi di verificare che il prodotto assicurativo

Dettagli