ARCHLine.XP Windows. Guida all utilizzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARCHLine.XP 2008. Windows. Guida all utilizzo"

Transcript

1 ARCHLine.XP 2008 Windows Guida all utilizzo

2 Information in this document is subject to change without notice and does not represent a commitment on the part of CadLine. The software, which includes the information contained in any databases, described in this document is furnished under a license agreement or nondisclosure agreement. The software may be used or copied only in accordance with the terms of the agreement. It is against the law to copy the software on any medium except as specifically allowed in the license or nondisclosure agreement. The licensee (purchaser) may make one copy of the software for the purpose of creating a backup copy. No part of this manual may be reproduced, transmitted, transcribed, or translated into any language in any form or by any means, without the express written permission of CadLine CadLine. All rights reserved. In no event shall CadLine be liable for special, indirect or consequential damages in connection with or arising from the use of this document or any programs contained herein. Microsoft, MS, and MS-DOS are registered trademarks and Windows is a trademark of Microsoft Corporation. ARCHLine.XP is a registered trademark of CadLine Ltd. This manual was produced using Microsoft Word and ARCHLine.XP 2008.

3 Contents 3 Contenuti 1. Strumenti Area di disegno Come usare il mouse Utilizzare la Toolbox Preferenze Barra Comandi Selezione Forma cursore Tastiera Gestione progetto e finestre Versione Studio - Progettazione Settaggi Muri, set, ambiente di lavoro (template) Finestre Solai e piani Layer e quote Scale e fori su solaio Tetto Sezione La finestra 3D Prospettiva Stampa Modulo Tabella vano Room Book Modulo Liste Moduli Calibrazione e Vettorializzazione Versione NOVA Modulo Terreno Modulo Rendering Inserire il modello 3D in foto Tavola comparativa Decorazione Versione Professional Rilievo architettonico Fotogrammetria... 64

4

5 1. Strumenti 5 1. Strumenti Introduzione Nella prima parte del training faremo una panoramic delle funzioni base di ARCHline.XP 2008, l area di disegno, l utilizzo di mouse e tastier, le gestione progetto e funzioni basi del programma. Durante la lettura di questa guida è possibile incontrare la seguente simbologia: Informazioni utili e veloci Esercizio! Attenzione 1.1. Area di disegno Creare un nuovo progetto, posizionare un elemento architettonico, apprendimento delle funzioni Creare un nuovo progetto (Es C:\ArchXPDesign\User\Design1.pro) Nella prima finestra di dialogo l utente può scegliere tra Creare un nuovo progetto, aprire uno degli ultimi sei progetti recenti oppure cercare e aprire un progetto meno recente. Se si desidera impostare una cartella di salvataggio differente da quella che offre il programma (<Documenti>\ ARCHline XP.2008 Disegni), allora vale la pena dare un percorso diverso. Per cambiare percorso default entrare in menu File Preferenze programma Generali Def. Cartelle programma e impostare il nuovo percorso.

6 6 Guida all utilizzo Disegnare un muro singolo per illustrare l uso dei menu, mouse, ecc. Disegnare pareti è probabilmente lo strumneto più utilizzato tra quelli architettonici. E dunque possibile indicare i punti di inserimento (reali o di riferimento) in cui basta solamente premere clic sinistro del mouse. Quindi clic sinistro per il primo punto e clic sinistro anche per il secondo. In questo comando il clic del mouse deve essere veloce e non con pressione continua. ARCHLine.XP riconosce le direzioni principali e le direzioni predefinite per il tracciamento, quindi se per esempio si desidera tracciare un muro lungo 7 metri in orizzontale, basterà indicare il primo estremo con clic sinistro, lasciare il mouse in direzione orizzontale (indicativa), premere il tasto 7 (se si lavora in metri) da tastiera e premere Invio. E facile, no? Apprendere l interfaccia grafica di lavoro: Menu di testo (Help), Settaggi barre, attivare e creare barre, Barra di Prompt, linea di stato, finestre input, Design Center, Shortcut menu, Shortcut menu icone (editing interattivo per elementi architettonici), Popmenu E possibile impostare l aspetto della barra strumenti sul lato sinistro semplicemente cliccando clic destro su un qualsiasi gruppo di strumenti (per es. Architettura). Per i principianti consigliamo di non spuntare la voce Solo Icone. Customizzare l interfaccia grafica di lavoro di è semplice come in molte altre applicazioni Windows. E possibile

7 1. Strumenti 7 spegnere o accendere le varie barre strumenti. Inoltre si possono creare barre personalizzate con comandi specifici. Se la sistemazione delle barre strumenti non è soddisfacente, è possibile tornere alle impostazioni originali da menu Finestre Posizione default Come usare il mouse Pratica con zoom in/out, il pan e il movimento degli elementi architettonici posizionati nell area di disegno. Clic sinistro Con clic sinistro si eseguono la maggior parte dei comandi in ARCHLine.XP. Scegliere un comando da menu oppure da un icona, Esecuzione grafica del comando, Selezione semplice di un elemento. Clic destro Chiudere il comando attuale = Invio, Utilizzare i menu di scelta rapida,

8 8 Guida all utilizzo Impostare le proprietà generali degli strumenti premendo l icona (per esempio muro) con il tasto destro del mouse, Aprire la lista delle viste 3D (premendo clic destro sulla barra del titolo di una finestra 3D). Invio Chiude la selezione. Doppio clic Apre la finestra proprietà dell elemento selezionato. E uguale al comando clic destro proprietà sull elemento selezionato. Come utilizzare la rotella del mouse: Zoom dinamico in/out con scroll. Il cursore è il centro dello zoom. Il pan si ottiene con pressione costante sulla rotella. Quindi si può dire che il clic sinistro è principalmente utilizzato per le funzioni primarie, mentre il clic destro per chiudere il comando, e lo scroll per gli spostamenti all intenro del disegno Utilizzare la Toolbox La barra Strumenti sulla sinistra può essere utilizzata con clic lunghi e corti. E importante imparare queste funzioni prima possibile. La seguente lista è un sommario di queste funzioni: Clic corto con tasto sinistro del mouse. Esegue il comando appartenente all icona. Clic lungo con tasto sinistro del mouse. Appare il menu secondario dal quale è possibile scegliere il comando. Clic corto con tasto destro del mouse. Appare la finestra proprietà generali relative allo strumento dove è possibile determinare le proprietà iniziali per utilizzare lo strumento. Tutto cio che si disegna dopo avrà queste impostazioni. CTRL + Clic sinistro del mouse. Questo comando seleziona tutti gli elementi nel disegno appartenenti alla categoria selezionata. Per esempio: E possibile modificare le proprietà degli elementi selezionati in una sola volta. Clic con tasto sinistro del mouse nel menu secondario. Attiva lo strumento selezionato.

9 1. Strumenti 9 Clic con tasto destro del mouse nel menu secondario. Appare la finestra di creazione barre personalizzate e comandi veloci. E cosi possibile associare un comando veloce ad ogni icona/comando Preferenze Barra Comandi In menu File Preferenze programma Generali Personalizza barra strumenti è possibile settare le preferenze Under the menu File/Preferences/General/Toolbox settings dialog window, you can customize the toolbox. Apertura veloce: Clic con tasto destro su una delle categorie nella barra strumenti (per esempio Architettura): Velocita di risposta al clic lungo:

10 10 Guida all utilizzo In questa scheda è possibile settare la velocità di apertura del menu strumenti secondario. Aggiusta il cursore fino a trovare la giusta velocità Selezione Prova le diverse selezioni. Seleziona prima un solo elemento, quindi esci dalla selezione premendo il pulsante ESC. Prova le differenze delle selezioni di tipo rettangolari (box). Selezioni multiple: Shift + clic (per aggiungere o togliere elementi alla selezione) Selezione per rettangolo: Da sinistra verso destra: seleziona tutti gli elementi dentro al rettangolo, Da destra verso sinistra: seleziona tutti gli elementi dentro al rettangolo piu tutti quelli che sono parzialmente contenuti. Notare che i due metodi di selezione utilizzano colori differenti dentro l area di selezione Forma cursore Quando un comando inizia, la forma del cursore può variare a seconda della fase del comando in cui si trova o dal tipo di comando. Disegnare un muro e avvicinare il secondo estremo ai vari punti speciali gia esistenti nel disegno. FRECCIA: Nessuna operazione CROCE: Modifica/Editing

11 1. Strumenti 11 CURSORE DI SELEZIONE: Selezione Forme Speciali Snap ai punti speciali Punti perpendicolari Estremi Punti medi Centri Punto vicino Intersezioni Fuochi Tangenze Ogni volta che attivi un comando controlla sempre le indicazioni dalla barra di Prompt! Ti informa costantemente sull imput necessario per la fase successiva del comando, quindi può risultare molto utile se non hai ancora una chiara conoscenza delle procedure di ogni comando. Punti speciali - Opzioni In menu File Preferenze Programma Generali Snap Cursore attivare l opzione Snap automatico, in questo modo il programma è abilitato al riconoscimento dei punti speciali. Il pulsante nella barra di Prompt corrisponde al medesimo comando appena attivato nelle preferenze. L opzione Snap automatico sarà disattivata automaticamente se il numero di elementi nel disegno supera il valore impostato al Limite Snap ( elementi). Arrivati a questa situazione si hanno due possibilità che dipendono dalle prestazioni del tuo computer:

12 12 Guida all utilizzo Aumentare il limite snap, oppure Premere il tasto CTRL quando ti serve l aggancio ad un punto speciale. Per accedere velocemente alla finestra di proprietà generali puoi premere doppio clic in corrispondenza del simbolo di unità di misura nela barra di Prompt Tastiera Lavorare con gli elementi esistenti e testare gli effetti dei seguenti comandi: Invio: accetta e conferma il valore indicato, chiude il comando. Per esempio: posiziona il primo estremo di un muro, muovi il cursore in una direzione casuale, digita il valore 3 (metri) da

13 1. Strumenti 13 tastiera e premi Invio. Comandi veloci: Un tasto o una serie di tasti possono attivare un comando Esempio: Premere il tasto F10 per ottenere una vista ottimale automatica su tutte le finestre. CTRL: Punti speciali (snap). Esempio: disattivare l opzione Snap automatico. Disegna un muro da un estremo di un elemento gia esistente tenendo premuto il tasto CTRL e arrivando al secondo estremo di un secondo elemento gia esistente. SHIFT: Snap angolare, verticale, orizzontale, selezioni multiple. Combinazione di SHIFT e CTRL ESC: interrompe il comando

14 14 Guida all utilizzo Tasti FRECCIA: Direzione di tracciamento, rotazione in 3D. Esempio: attiva una finestra 3D con all interno alcuni elementi 3D e utilizza i tasti direzionali da tastiera per ruotare il modello. E importante dire che i comandi da tastiera vengono accettati ed eseguiti con il tasto Invio, mentre l input dal mouse può essere accettato anche da clic destro del mouse. Per effettuare una copia veloce dell elemento selezionato è possibile selezionare l elemento tenendo premuto il tasto CTRL e premere clic sinistro sul punto centrale dell elemento stesso Gestione progetto e finestre Gestire file di progetto e disegno Progetto: tutti i disegni appartenenti allo stesso progetto (piante,prospetti,sezioni) sono gestite assieme in un unico file con estensione PRO. Esso contiene tutte le informazioni del progetto incluse le eventuali texture (materiali) creati dall utente e anche gli oggetti. Disegno: il disegno consiste in una sola finestra 2D (pianta ASC). Dalla pianta posso però essere generate tutte le viste 3D, prospetti e sezioni. Noi raccomandiamo il lavoro con progetto. Salvatatto progetto + esportazione / importazione Salvataggio: Tutti i disegni (finestre) del progetto sono elencate nella finestra di dialogo. In questa fase i disegni possono essere resi visibili, nascosti oppure cancellati dal progetto. Importazione: AutoCAD DWG, DXF, ARCHLine.XP ASC, HOU, DRW, SketchUp SKP, 3D Studio 3DS, Wavefont OBJ, Autodesk DWF. Esportazione: AutoCad DXF, DWF, DWG, DXF 3D, DWG 3D, 3D Studio, Artlantis, LightScape, Cinema 4D, WRL, ARCHLine.XP Render Studio.

15 1. Strumenti 15! Non dimenticare di effettuare periodicamente una copia di sicurezza dei tuoi file piu importanti.! Il file bak_progetto.pro è la copia del salvataggio precedente. Usare il file back solo se l originale è danneggiato! In questo caso rinominalo e aprilo. Troverai la situazione dell ultimo salvataggio. Salvataggio automatico Il salvataggio automatico (per esempio ogni 5 passi), serve solamente nei casi in cui il programma termina in modo non voluto (per esempio un blackout). Dopo aver riavviato il programma, l ultimo salvataggio automatico sarà caricato automaticamente.! Se chiudi il programma volutamente, il contenuto del salvataggio automatico viene cancellato! Ecco perché il salvataggio automatico non può sostituire il salvataggio tradizionale. Windows: Fai pratica sulle finestre di lavoro e impara le caratteristiche! Finestre 2D (piante) Finestre con elementi 3D Menu Finestre: Crea nuove finestre, attivale, sistema tutte le finestre (F2), adatta il contenuto della finestra (Ctrl+A). Nome del file Il nome della prima finestra 2D creata automaticamente dal programma deriva dal nome del progetto. Alla creazione di una successiva finestra 2D sarà necessario definire il suo nome (es. Sezione A-A, Prospetto OVEST).

16 16 Guida all utilizzo Alla creazione di una finestra 3D, il nome viene generato automaticamente (Vista 1, Vista 2, ecc..) Alla creazione di sezioni 3D il nome viene generato automaticamente (Sezione 1, Sezione 2, ecc..). Esiste inoltre un opzione per difinire manualmente i nomi delle finestre. Entrare in menu File Gestione progetto. E possibile rinominare le finestre premendo doppio clic sul loro nome attuale. Finestre 2D - Pianta Esistono due tipi di finestre 2D: OpenGL (Open Graphics Library). GDI vettoriale (Graphics Device Interface). La scelta di una delle tue diverse tipologie di finestra 2D viene effettuata all interno delle preferenze programma in menu File Preferenze programma Generali Definizioni OpenGL, scegliendo di attivare l opzione Finestre-2D in modalità OpenGL. Quali sono le differenze tra queste finestre? 2D OpenGL: 2D GDI: Icona sulla barra del titolo: Grazie alla tecnologia OpenGL, la velocità di gestione della finestra è piu veloce (es. zooming, spostamenti di grandi quantità di elementi). La qualità grafica della rappresentazione degli elementi è però scarsa. Icona sulla barra del titolo: Grazie alla tecnologia GDI, la qualità della rappresentazione è buona ma la gestione complessiva risulta in alcuni casi più lenta. La quantità di finestre 2D che si può creare è infinita ma consigliamo di lavorare con al massimo 3 o 4 finestre 2D, garantendo una chiara struttura del progetto.

17 1. Strumenti 17 Raccomandazioni: 1 finestra 2D per la pianta principale del progetto; creare le diverse piante su piani diversi 1 finestra 2D per le sezioni; creare le diverse sezioni su piani diversi 1 finestra 2D per i prospetti; creare i diversi prospetti su piani divesi Parleremo delle finestre 3D nei capitoli 2.8. e 2.9. Barra visualizzazioni 3D: Le diverse visualizzazioni del 3D sono: wireframe, linee nascoste, colorato, con texture. Una caratteristica importante delle finestre 3D è la possibilità di scegliere la vista desiderata semplicemente lciccando con tasto destro del mouse sulla barra del titolo e cliccare sulla nome della vista contenuta nel menu contestuale. Non riesci a trovare un disegno o una vista 3D? Probabilmente è comperta o semplicemente spenta. Usa il comando Allarga finestra attiva per sistemare a video tute le finestre attive. Se la finestra che stai cercando non è comunque visibile a schermo, cercala e attivala da menu File Gestione progetto.

18 18 Guida all utilizzo 2. Versione Studio - Progettazione Durante il disegno e la progettazione utilizzeremo la versione Studio Settaggi In menu File Preferenze programma Generali è possibile modificare i settaggi generali del programma. Prima di iniziare a disegnare impostare le seguenti opzioni all interno delle preferenze: Unità: m (metri) Opzioni Snap: Snap automatico Auto salvataggio: 6 passi Scala: 1:1 E ovviamente possibile modificare la scala del disegno a piacere, ma consigliamo di mantenere scala 1:1 e solo in fase di stampa scegliere una scala differente Muri, set, ambiente di lavoro (template) Che cosa significa file Template o ambiente di lavoro? Il file Template o ambiente di lavoro è un file che racchiude una serie di impostazioni e settaggi specifici. Prima di salvare il file template è necessario creare i set. I set contengono opzioni relative ad un elemento specifico, per esempio nel caso del muro troveremo l altezza, lo spessore, ecc. Quindi se desiderate creare un set valido solo per il lavoro corrente, non sarà necessario salvare il file template. Per utilizzare invece il nuovo set personale nei lavori

19 2. Versione Studio 19 futuri, si deve salvare il file template. Ed è persino possibile trasferire il template in un altro computer dov è presente ARCHLine.XP. Imposta le proprietà del muro, quindi salvale in un set. Attributi muro: impostare la finestra con le seguenti caratteristiche: Spessore: 0.38, Altezza: 2.7, Materiale: Gesso Creare un nuovo set Salvare le impostazioni in un set direttamente dalla finestra proprietà dell elemento. Salvare il set nell ambiente di lavoro Menu File Preferenze programma Definizioni template Salva come Seleziona il template appena salvato: Seleziona Apri il template: Apri Riavviare il programma. Aprire un nuovo progetto. Nelle proprietà del muro troverai il set creato nella sessione di lavoro precedente. Oltre ai set, il salvataggio del file template, salva anche altre impostazioni come: la posizione delle barre, le impostazioni degli elementi che trovate nella finestra proprietà.

20 20 Guida all utilizzo! E importante, se vuoi salvare i set o altre impostazioni all interno dell ambiente di lavoro, non sovrascrivere il template originale. In questo modo sarà possibile tornare all ambiente di lavoro originale in qualsiasi momento. Disegna la pianta di seguito rappresentata rispettando le misure indicate in immagine.

21 2. Versione Studio 21 Disegnare muri Muri principali Strumento muro Indicare il primo estremo, digitare la lunghezza e premere Invio, premere il tasto TAB per modificar eil riferimento. Utilizzare il comando Distanza relativa per tracciare il muro non perpendicolare. Muro interno: width: 0,10. Creare il muro interno: Utilizzare il comando Distanza dall estremo per iniziare a

22 22 Guida all utilizzo tracciare il muro interno ad una distanza di 6.60 metri dal vertice interno in basso a sinistra (vedi figura). Può facilmente accadere di dimenticare il settaggio corretto del filo di riferimento delle murature mentre si disegna un muro. Non c è problema! E possibile modificare il filo del muro durante il tracciamento semplicemente premendo il tasto TAB dalla tastiera. Premi quindi il tasto TAB e muovi il mouse, ripetilo fino a trovare la condizione corretta Finestre Posiziona finestre secondo istruzioni: Finestre: Settare le proprietà: Categoria finestre Generali tipo Default Larghezza: 1.4 m Altezza: 1.5 m Altezza soglia/davanzale: 0.9 m Posiziona le finestre selezionando il lato interno delle murature Lato destro: due finestre 1: 1,25 m-dall estremo 2: 0,6 m-dall estremo. Lato sinistro: due finestre 3: 1,0 m-dall estremo. 4: 80 cm-dall estremo della finestra numero 3.

23 2. Versione Studio 23 I parametri di modifica di ogni finestra variano a seconda del tipo di finestra e possono modificare radicalmente l aspetto dell infisso. Non dimenticare che è possibile salvare le impostazioni in Set! Posiziona porte secondo le istruzioni: Porte: Proprietà: Categoria Porte Generali Vetro esterna 2 Larghezza: 1,5 m Altezza: 2,1 m

24 24 Guida all utilizzo Posiziona due porte nei punti 1 e 2: Comando Porta-distanza dall estremo e cambia il riferimento dell asse con il tasto TAB. Muovi il cursore fino a scegliere il punto medio interno delle murature M. Posizionare la porta e scegliere il verso di apertura cliccando sul lato interno o esterno della struttura. Porte scorrevoli Proprietà: Categoria Porte scorrevoli Scorrevole esterna 2 dif. Larghezza: 1,6 m Altezza: 2,1 m Posiziona la porta alla mezzeria del muro interno: Comando Porta-distanza dall estremo e cambia il riferimento dell asse per il posizionamento. Muovi il cursore verso il punto medio fino a trovare il simbolo M. Posiziona la porta.

25 2. Versione Studio 25 Crea finestre ad angolo secondo istruzioni: Finestra ad angolo E possibile creare ogni tipo di finestre e di qualsiasi forma anche in caso di finestre ad angolo. Comando sul punto 4: Finestra ad angolo: clicca Posiziona il layout del muro in un area vuota accanto al disegno Definisci il profilo della finestra secondo le misure lette in figura Nella finestra di dialogo che appare, impostare i materiali e il numero di divisori su entrambe i lati.

26 26 Guida all utilizzo 2.4. Solai e piani Impostare il solaio secondo l esempio: Imposta le proprietà del solaio: Larghezza: -0,3 m., materiale: cemento. Quota: 0 m. Crea il solaio: Inizia con il comando Solaio automatico su muri e seleziona la pianta con una selezione a rettangolo.

27 2. Versione Studio 27 Modifica solaio: Crea terrazza Cancella nodo Sposta nodo Gestione Piani: Crea nuovi piani che possono essere attivati, disattivati, spenti o visibili. Proprietà piano: Nome, Quota piano di calpestio, Altezza, Altezza dal terreno. Operazioni: Cancella piano, copia oggetti su altri piani, sposta oggetti su altri piani.

28 28 Guida all utilizzo In pianta 2D: Creare un piano chiamato Piano2 Copia il contenuto del piano terra nel piano appena creato seleziona tutti gli elementi. Attiva il piano terra utilizzando il tasto Pagina giu da tastiera. Considerare i piani come veri piani architettonici di un edificio reale. E possibile spostarsi da un piano all altro semplicemente utilizzando i tasti Pagina su/giu da tastiera Layer e quote In ARCHLine.XP è possibile gestire contemporaneamente fino a 1024 layer ma normalmente si arriva ad un massimo di circa layer. E possibile spegnere il contenuto dei layer oppure bloccarlo ed utilizzarlo per una costruzione, in questo modo rimangono i riferimenti per i punti speciali ma gli elementi non possono essere modificati. Gestione layer:

29 2. Versione Studio 29 Opzioni: crea, aggiungi, rinomina, cancella, attiva, imposta visibilità, blocca e modifica. Oggetti correlati al layer: E possibile assegnare diversi tipi di alementi allo stesso layer. Opzioni di elementi correlati: Gli elementi assegnati allo stesso layer, hanno gli attributi del layer in cui risiedono (colore linea, tipo linea, spessore linea). Quote Quota il disegno: Quotatura in pianta 2D: Imposta le proprietà della quota (Arial, 200 mm, SIA standard) Ricordiamo che è sempre possibile creare i propri Set anche per questo comando. Puoi facilmente quotare il disegno con il comando Quota automatica murature. La quota automatica su muri avviene muro dopo muro. Seleziona un muro e premi Invio, quindi seleziona il muro successivo per la quotatura. Quota infissi Selezionare il comando Quota aperture. E possibile quotare tutti gli infissi utilizzando il comando Tutti da barra di Prompt. Puoi modificare velocemente la posizione della finestra già posizionata, ma anche le dimensioni della finestra stessa semplicemente selezionando il valore della quota in pianta. In questo caso verrà modificata sia la quota che la finestra stessa! Quota vani

30 30 Guida all utilizzo Impostare le proprietà. Prima di eseguire questa operazione salvare le impostazioni del testo in set, quindi utilizza questi set per impostare le proprietà del Room Book. Utilizzando il comando Tabella vano-room book interna basta cliccare all interno di ogni vano per ottenere tutte le informazioni relative al vano stesso. Le informazioni sono contenute in una semplice tabella che si aggiorna con le modifiche alle murature.

31 2. Versione Studio 31

32 32 Guida all utilizzo 2.6. Scale e fori su solaio Le scale sono elementi molto flessibili in ARCHLine.XP. E possibile partire da una base standard e scegliere il tipo di scala dalla libreria, oppure, per le forme più irregolari, si possono disegnare manualmente. Inoltre anche se la scala è gia stata creata, è possibile modificarne la forma tramite la gestione dei nodi (presente anche in altri elementi architettonici). Costruire una scala: Selezionare lo strumento Scale da modello: Selezionare il tipo scala Forma L + pianerottolo. Definire il punto di partenza della scala con il comando Distanza dall estremo. (Osserva figura sotto) Inserisci il valore: 3,84. Subito dopo clicca in un punto vicino all angolo 1 per posizionare il punto di partenza che quindi sarà il punto 2 in figura. Continuando il disegno della scala, cliccare sul punto 1 (angolo). Quindi sposta il cursore a destra e digita il valore 3,82 m da tastiera. Premi Invio per indicare l ultimo dei 3 punti necessari. Impostare l altezza a 300 cm nella finestra delle proprietà generali.

33 2. Versione Studio 33 Creare il foro sul solaio sopra la scala appena creata:

34 34 Guida all utilizzo Fora solaio: Attiva il piano terra e utilizza lo strumento Fora solaio sopra scala per forare automaticamente il solaio. Basterà quindi selezionare la scala con un clic. Non dimenticare che la scala è un elemento molto flessibile! Se hai un po di tempo prova a modificare le suo proprietà. Dalla stessa scala è possibile creare una rampa, togliere la soletta e creare scale con supporti laterali, ecc Tetto Lo strumento tetto è anch esso molto flessibile. E infatti possibile generare coperture di generi molto differenti come pagode o tetti in vetro, oppure a botte o ad una sola falda. Creare una struttura tetto semplice: Creare un tetto al piano primo utilizzando lo strumento Tetto falde automatiche e selezionando il perimetro delle murature esterne. Nella finestra di dialogo che appare entrare nella scheda Trave di banchina e impostare l altezza a: 2,7 m. Inclinazione falde: Inclinazione falde: 42 gradi, timpano sul lato sud del tetto (90 gradi), inserisci una nuova falda ausiliaria: 42 gradi, quota della falda rispetto alla linea di riferimento del tetto: 1,5 m.

35 2. Versione Studio 35 Clic destro in 3D in corrispondenza del muro subito sotto alla falda ausiliaria e scegliere la voce Stira in verticale. Scegli un punto per lo stiramento e sposta il muro fino a superare il tetto. Per tagliare il muro con il tetto utilizza l opzione generazione 3D. Aggiusta muro/solaio/tetto nella finestra di

36 36 Guida all utilizzo Crea un abbaino con lo strumento Tetto per sezione e successivamente lo strumento Proietta tetto per creare effettivamente l abbaino sulla falda del tetto.

37 2. Versione Studio Sezione Informazioni generali su sezione: La sezione creata dal comando Definisci sezione (in pianta 2D) è dinamica, quindi segue i cambiamenti della pianta 2D. Ogni finestra di Sezione 3D fa riferimento ad una linea di sezione. Se una finestra di Sezione 3D è invisibile a schermo (controlla prima in menu File Gestione progetto) e si sta tentando di ricreare la stessa sezione, il programma mostrerà un avviso e non verrà creata alcuna finestra di sezione 3D. La linea di sezione e la sezione stessa sono dinamiche, quindi è possibile seguire ogni passo della progettazione.

38 38 Guida all utilizzo Se si effettua una copia della sezione in una finestra 2D si ottiene una sezione statica, ovvero indipendente dalla sezione originale. In questo caso questa copia non si aggiorna con le modifiche del 2D. Se una finestra di sezione 3D fa riferimento alla linea di sezione ad essa associata, la sezione verrà aggiornata con il comando Crea linea di sezione. Esegui una sezione con le seguenti istruzioni: Definire una linea di sezione semplice. Indicare il primo e il secondo punto della linea di sezione. Scegliere il lato dal quale effettuare la vista in sezione premendo clic sinistro. Accettare alla comparsa del messaggio Crea sezione? Quotatura di elevazione in sezione, definisci il primo punto (0,00) in elevazione, scegliendo il piano di calpestio del solaio al piano terra.

39 2. Versione Studio 39 Sezioni 2D e prospetti: Durante il lavoro vengono normalmente create le diverse finestre 3D per rappresentare le viste necessarie. Anche se il modello 3D è completo di ogni dettaglio, le viste in sezione e le prospettive non sono comunque pronte per la stampa (mancanza di testi, quote, ecc..). Per questa ragione raccomandiamo: Non appena termini il lavoro con il modello 3D, copia ogni sezione e/o prospetto in piani separati in una finestra 2D appositamente creata. Per esempio Sezione A-A, Prospetto NORD ecc. In quoesto modo sarà possibile passare da una sezione o prospetto all altro semplicemente con i tasti pagina su e pagina giu da tastiera. Non è

40 40 Guida all utilizzo quindi raccomandato creare tante finestre 2D quante le viste necessarie. Raccomandiamo invece di completare le viste in queste finestre in comune. Copiare il modello in una finestra 2D: Creare una nuova finestra 2D da menu Finestre nuova finestra 2D Il nome è per esempio: Sezioni Creare la vista 3D in sezione appropriata. Entrare in menu Edit Copia(clipboard) oppure ctrl+c da tastiera. Seleziona tutti gli elementi all interno della finestra (consigliamo un rettangolo di selezione). Invio chiude e conferma la selezione. Specificare un punto di riferimento nel disegno. Rendere attiva la nuova finestra 2D Sezioni. Entrare in menu Edit Incolla(clipboard) oppure ctrl+v da tastiera. Posizionare la copia della sezione nella finestra. In gestione piani consigliamo di rinominare il piano da Piano 0 a Sezione A-A (esempio). Ripetere l operazione anche per le eventuali sezioni successive che verranno quindi copiate in appositi piani creati precedentemente. Creare una finestra 2D appropriata per i prospetti e ripetere l operazione come per le sezioni. Dopo questa operazione sarà più semplice completare ogni sezione o prospetto con quote e testi addizionali.! Esistono importanti differenze tra la la sezione / prospetto 3D e sezione /prospetto 2D: La finestra 3D di sezione/prospetto, segue automaticamente i cambiamenti del modello 3D; è quindi connessa alla pianta 2D. La connessione tra la sezione/prospetto 2D e il modello 3D viene persa; i cambiamenti non vengono aggiornati sulle viste. Le finestre 2D, in questo caso, contengono solamente elementi 2D (linee,archi,campiture,ecc..) che sono modificabili liberamente,

41 2. Versione Studio La finestra 3D In ARCHline.XP possono essere create infinite finestre 3D. Il nome di ogni finestra viene generato automaticamente. Possono essere utilizzati 3 tipi diversi di finestre 3D: 3D OpenGL image, 3D OpenGL drawing e 3D GDI drawing. In menu Finestre è possibile scegliere il tipo di finestra 3D: vettoriale oppure OpenGL. Una finestra OpenGL può essere convertita in vettoriale ed anche il contrario. Per cambiare il tipo di finestra basta premere clic destro sulla barra del titolo e scegliere l ozpione OpenGl <-> Vectorial. La finestra 3D OpenGL e quella vettoriale GDI si basa su tecnologie differenti. Fondamentalmente è l hardware video che gestisce queste tecnologie e sempre da questa componente dipende il corretto funzionamento delle finestre 3D. In menu File Preferenze programma Generali Def. OpenGL è possibile impostare la creazione automatica della finestra 3D scegliendo tra GDI e OpenGL (Finestre 3D in modalità opengl). Quanli sono le differenze tra queste finestre? 3D Finestra OpenGL Rappresentazione del titolo: Raccomandiamo l utilizzo della finestra OpenGL nei casi in cui si desidera muovere velocemente il modello (rotazioni, zoom) oppure nel passaggio tra rappresentazione a linee nascoste, a colori, con campiture oppure con ombre in movimento. In questo caso l applicazione può sfruttare l accelerazione hardware. Questo tipo di tecnologia è ovviamente supportato solo da schede video con

42 42 Guida all utilizzo tecnologia OpenGL; in alcuni casi risulterà invece migliore l accelerazione software che si attiva togliendo la spunta dall opzione Attiva accelerazione hardware OpenGL.! In caso di stampa il contenuto di una finestra OpenGL è un immagine raster, che potrà avere una qualità inferiore rispetto al contenuto della finestra vettoriale GDI. Entra in menu Finestre Nuova finestra-opengl per creare una nuova finestra 3D OpenGL. Si hanno diversi modi di rappresentare il modello in 3D, assonometrie o prospettive oppure con o senza ombre: Wireframe Linee nascoste Colori/ombre Texture/ombre Consigliamo di fare un po di pratica con la finestra OpenGL. Al suo interno è possibile modificare e selezionare ogni elemento 3D o addirittura disegnare elementi 3D come muri.

43 2. Versione Studio 43 In vista assonometrica è possibile definire il centro di rotazione del modello da menu Vista Mostra 3D Definisci centro di rotazione.! Attenzione: non è possibile copiare il contenuto di una finestra OpenGL 3D in una finestra 2D! Finestre 3D vettoriali Finestra vettoriale OpenGL: Rappresentazione del titolo: La rappresentazione del modello (colori, linee nascoste, ecc..) è più lenta perché la generazione del modello è basata sul software. Le operazioni di zooming e spostamenti sono comunque più veloci di una finestra GDI. Finestra vettoriale GDI: Rappresentazione del titolo: La rappresentazione del modello (colori, linee nascoste, ecc..) è lenta perché la generazione del modello è basata sul software. L utilizzo della finestra GDI è consigliata se la scheda video non supporta la tecnologia OpenGL. Quando il modello 3D è completo e le viste 3D/sezioni sono state generate, è consigliato copiare le viste dalle finestre 3D ad una finestra 2D come descritto nel capitolo 2.8.! La copia delle viste dalla finestra 3D in una finestra 2D, può essere effettuata solamente da una finestra 3D di tipo vettoriale.

44 44 Guida all utilizzo Prospetti Creare alcune viste Apri una nuova finestra 3D vettoriale. Clic destro sul nome della finestra 3D appena creata e scegliere la voce Destra. Impostare il tipo di visualizzazione linee nascoste oppure colorato oppure con ombre. Con le indicazioni sopra elencate è facile copiare questa visualizzazione in una finestra 2D! Date le indicazioni precedenti, possiamo dire che è sufficiente utilizzare una sola finestra 3D per generare tutti i prospetti necessari Prospettiva Fin ora abbiamo lavorato con viste in assonometria. Ora cambiamo e lavoriamo con viste prospettiche: Impostazioni della gestione prospettiva. Imposta la posizione della camera, angolo di visuale e punto di vista. E possibile indicare le coordinate sonodo valori numerici oppure graficamente. La modifica di uno di questi valori viene applicata direttamente alla finestra 3D che contiene la vista.

45 2. Versione Studio 45 Per i modelli molto grandi e pesanti potrebbe essere utile spuntare la voce Linee nascoste (wireframe) Stampa Fai pratica nella stampa: Direttamente dal disegno: Menu File - Stampa. Stampa di ad esempio il piano terra. In questo caso si prepara alla stampa il contenuto della finestra attiva in questo momento. Ad esempio il piano terra in scala 1:100. Prima di procedere con la stampa non dimenticare di impostare il fattore di dettaglio delle aperture a seconda della scala scelta per la stampa. Il comando si trova in menu Vista Fattorie di dettaglio infissi-muri.

ARCHLine.XP 2007. Windows. Release 2007.02. ARCHLine.XP 2007 Release 2

ARCHLine.XP 2007. Windows. Release 2007.02. ARCHLine.XP 2007 Release 2 ARCHLine.XP 2007 Windows Release 2007.02 Information in this document is subject to change without notice and does not represent a commitment on the part of CadLine. The software, which includes the information

Dettagli

ArchLINE Tutorial I Primi passi

ArchLINE Tutorial I Primi passi con Windows Versione 4.5 I Primi passi 1a Edizione MARZO 2001 Copyright 1994 CadLine Kft. - Cadline Software Srl. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta, memorizzata

Dettagli

ARCHLine.XP 2008. Windows. Manuale delle novità

ARCHLine.XP 2008. Windows. Manuale delle novità ARCHLine.XP 2008 Windows Manuale delle novità Information in this document is subject to change without notice and does not represent a commitment on the part of CadLine. The software, which includes the

Dettagli

Tutorial gvsig. Versione 1.1

Tutorial gvsig. Versione 1.1 Tutorial gvsig Versione 1.1 24/10/2007 Tutorial gvsig - Versione 1.1 www.gvsig.org Testo e screenshot a cura di R3 GIS Srl Via Johann Kravogl 2 39012 Merano (BZ) Italia Tel. +39 0473 494949 Fax +39 0473

Dettagli

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni Windows XP In questa sezione, si desidero evidenziare le caratteristiche principali di Windows cercando possibilmente di suggerire, per quanto possibile, le strategie migliori per lavorare velocemente

Dettagli

Il controllo della visualizzazione

Il controllo della visualizzazione Capitolo 3 Il controllo della visualizzazione Per disegnare in modo preciso è necessario regolare continuamente l inquadratura in modo da vedere la parte di disegno che interessa. Saper utilizzare gli

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

Gestione Rapporti (Calcolo Aree)

Gestione Rapporti (Calcolo Aree) Gestione Rapporti (Calcolo Aree) L interfaccia dello strumento generale «Gestione Rapporti»...3 Accedere all interfaccia (toolbar)...3 Comandi associati alle icone della toolbar...4 La finestra di dialogo

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Maria Maddalena Fornari Aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio. Foglio elettronico Foglio elettronico EXCEL Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Il foglio elettronico è un programma interattivo, che mette a disposizione dell utente una matrice di righe

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file 2.1 L AMBIENTE DEL COMPUTER 1 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere correttamente il computer Riavviare il computer Uso del mouse Caratteristiche

Dettagli

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo FINSON EXTRACAD 6 minimo AVVIO Attraverso l icona ExtraCAD 2D presente sul desktop o tra i programmi del menù Start. In alcuni casi il software potrebbe non essere stato installato nella cartella Programmi,

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Elaborazione testi Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

Comandi base di Autocad

Comandi base di Autocad Comandi base di Autocad Gli appunti di Autocad che seguono sono generali, ma possono subire qualche lieve variazione in base alla versione utilizzata oppure nelle versioni più recenti possono essere stati

Dettagli

Modulo 6 Strumenti di presentazione - Open Office Impress Ivana Sacchi - 2003

Modulo 6 Strumenti di presentazione - Open Office Impress Ivana Sacchi - 2003 6.1.1 Primi passi con gli strumenti di presentazione 6.1.1.1 Aprire un programma di presentazione. 1. Premi il pulsante Start sulla Barra delle funzioni di Windows. 2. Seleziona il menu Programmi. 3. Cerca

Dettagli

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI Benvenuti a tutti al corso sull utilizzo di Autocad, in questa prima lezione voglio quali sono i principi base del funzionamento di Autocad. Autocad non è nient altro che

Dettagli

Indice generale. Principi e applicazioni di base di Autodesk Revit Architecture

Indice generale. Principi e applicazioni di base di Autodesk Revit Architecture Indice generale Introduzione... xv Autodesk Revit Architecture...xv Storia e filosofia di Autodesk Revit Architecture...xvi A chi è rivolto questo libro...xvii Come usare questo libro...xviii Nuovi utenti...xviii

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

Microsoft Word Nozioni di base

Microsoft Word Nozioni di base Corso di Introduzione all Informatica Microsoft Word Nozioni di base Esercitatore: Fabio Palopoli SOMMARIO Esercitazione n. 1 Introduzione L interfaccia di Word Gli strumenti di Microsoft Draw La guida

Dettagli

La carta intelligente: l ambiente layout

La carta intelligente: l ambiente layout La carta intelligente: l ambiente layout Un layout di AutoCAD è paragonabile a un foglio di carta e vi consente di impostare alcune opzioni tra cui quelle di stampa. In un disegno avete la possibilità

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI NUOVO PORTALE ANCE MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI DEI CONTENUTI ACCESSO AL MENU PRINCIPALE PAG. 3 CREAZIONE DI UNA NUOVA HOME PAGE 4 SELEZIONE TIPO HOME PAGE 5 DATA

Dettagli

Modulo 6 Strumenti di presentazione

Modulo 6 Strumenti di presentazione Modulo 6 Strumenti di presentazione Gli strumenti di presentazione permettono di realizzare documenti ipertestuali composti da oggetti provenienti da media diversi, quali: testo, immagini, video digitali,

Dettagli

CREARE UN GIOCO CON POWERPOINT

CREARE UN GIOCO CON POWERPOINT CREARE UN GIOCO CON POWERPOINT In questo laboratorio ti spiego come realizzare un gioco più sofisticato di quelli che si utilizzano semplicemente cliccando su alcuni punti. Apri il programma PowerPoint

Dettagli

Indice. Indice vi- III. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice. Indice vi- III. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Percezione Costruzioni e comunicazione geometriche Indice vi- III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa,

Dettagli

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO Capittol lo 5 File 5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO In Word è possibile creare documenti completamente nuovi oppure risparmiare tempo utilizzando autocomposizioni o modelli, che consentono di creare

Dettagli

ARCHLine.XP 2009 R2 Windows. Manuale aggiornamento

ARCHLine.XP 2009 R2 Windows. Manuale aggiornamento ARCHLine.XP 2009 R2 Windows Manuale aggiornamento Information in this document is subject to change without notice and does not represent a commitment on the part of CadLine. The software, which includes

Dettagli

PROCEDURA PER L UTILIZZO DELLO SPAZIO CARTA. Preparazione dello SPAZIO CARTA nel file dove inserire la mascherina.

PROCEDURA PER L UTILIZZO DELLO SPAZIO CARTA. Preparazione dello SPAZIO CARTA nel file dove inserire la mascherina. PROCEDURA PER L UTILIZZO DELLO SPAZIO CARTA. ing. g. mongiello Versione aggiornata AA 2012-2013 SI CONSIGLIA DI STAMPARE QUESTE ISTRUZIONI. ATTENZIONE: NON USARE IL FILE DEL LAYOUT PER CREARE IL NUOVO

Dettagli

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE 6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE Le funzionalità di Impress permettono di realizzare presentazioni che possono essere arricchite con effetti speciali animando gli oggetti o l entrata delle diapositive.

Dettagli

Word prima lezione. Prof. Raffaele Palladino

Word prima lezione. Prof. Raffaele Palladino 7 Word prima lezione Word per iniziare aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per lavorare su uno già esistente occorre avviare il programma di gestione testi. In ambiente Windows, esistono

Dettagli

Fondamenti di informatica. Word Elaborazione di testi

Fondamenti di informatica. Word Elaborazione di testi Fondamenti di informatica Word Elaborazione di testi INTRODUZIONE Cos è Word? u Word è un word processor WYSIWYG (What You See Is What You Get) u Supporta l utente nelle operazioni di: Disposizione del

Dettagli

CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT

CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT Creare presentazioni per proiettare album fotografici su PC, presentare tesi di laurea, o esporre prodotti e servizi. Tutto questo lo puoi fare usando un programma di

Dettagli

Alibre Design. Lezione n 6 Messa in tavola. www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22

Alibre Design. Lezione n 6 Messa in tavola. www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22 Alibre Design Lezione n 6 Messa in tavola www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22 Abbiamo già visto nelle lezioni precedenti come avviare Alibre in modalità Pezzo (per disegnare una parte) o in modalità

Dettagli

Word per iniziare: aprire il programma

Word per iniziare: aprire il programma Word Lezione 1 Word per iniziare: aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per lavorare su uno già esistente occorre avviare il programma di gestione testi. In ambiente Windows, esistono

Dettagli

Tutorial 3DRoom. 3DRoom

Tutorial 3DRoom. 3DRoom Il presente paragrafo tratta il rilievo di interni ed esterni eseguito con. L utilizzo del software è molto semplice ed immediato. Dopo aver fatto uno schizzo del vano si passa all inserimento delle diagonali

Dettagli

Corso di Autocad Revit Architecture - software BIM 3D di Autodesk

Corso di Autocad Revit Architecture - software BIM 3D di Autodesk Corso di Autocad Revit Architecture - software BIM 3D di Autodesk Il BIM consente di far comunicare fra loro tutte le discipline coinvolte nei processi di progettazione architettonica, offrendo a geometri,

Dettagli

Introduzione a ARCHICAD

Introduzione a ARCHICAD Introduzione a ARCHICAD Politecnico Di Bari Ingegneria Edile - Architettura Corso di Informatica Grafica A.A. 2004/2005 Docente del Corso: Marcello Castellano Assistente: Oronzo Tavani Pre-requisiti Pre-requisiti:

Dettagli

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino -

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino - Capitolo3 LAVORARE CON LE IMMAGINI E certo che l impatto visivo in un sito internet è molto importante ma è bene tenere presente che immagini e fotografie, pur arricchendo la struttura grafica di un web,

Dettagli

DESKTOP. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file. Vediamo in dettaglio queste parti.

DESKTOP. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file. Vediamo in dettaglio queste parti. Uso del sistema operativo Windows XP e gestione dei file DESKTOP All accensione del nostro PC, il BIOS (Basic Input Output System) si occupa di verificare, attraverso una serie di test, che il nostro hardware

Dettagli

Note operative per Windows 7

Note operative per Windows 7 Note operative per Windows 7 AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

Introduzione a PowerPoint

Introduzione a PowerPoint Office automation - Dispensa su PowerPoint Pagina 1 di 11 Introduzione a PowerPoint Premessa Uno strumento di presentazione abbastanza noto è la lavagna luminosa. Questo strumento, piuttosto semplice,

Dettagli

INTRODUZIONE A WINDOWS

INTRODUZIONE A WINDOWS INTRODUZIONE A WINDOWS Introduzione a Windows Il Desktop Desktop, icone e finestre Il desktop è una scrivania virtuale in cui si trovano: Icone: piccole immagini su cui cliccare per eseguire comandi o

Dettagli

Personalizzare l area di lavoro

Personalizzare l area di lavoro 1 Personalizzare l area di lavoro Panoramica della lezione In questa lezione conoscerai l interfaccia del programma Dreamweaver CS6 (Creative Suite 6) e imparerai come: Passare fra le viste documento Gestire

Dettagli

Manuale elettronico Selection CAD

Manuale elettronico Selection CAD Manuale elettronico Selection CAD Versione: 1.0 Nome: IT_AutoCAD_V1.PDF Argomenti: 1 Nozioni generali su Selection CAD (AutoCAD)...2 2 Interfaccia AutoCAD...2 2.1 Funzioni di menu...2 2.2 Funzioni delle

Dettagli

Modulo 4 Strumenti di presentazione

Modulo 4 Strumenti di presentazione Modulo 4 Strumenti di presentazione Scopo del modulo è mettere l allievo in grado di: o descrivere le funzionalità di un software per generare presentazioni. o utilizzare gli strumenti standard per creare

Dettagli

SOFFITTI SOLUZIONI MANUALE DI UTILIZZO. [Insieme a noi, le idee prendono forma.] - 1 -

SOFFITTI SOLUZIONI MANUALE DI UTILIZZO. [Insieme a noi, le idee prendono forma.] - 1 - SOFFITTI SOLUZIONI [Insieme a noi, le idee prendono forma.] MANUALE DI UTILIZZO - 1 - A. Come installare il programma Pagine 1. Scaricare il programma via Internet........ 3 B. Selezionare il Mercato &

Dettagli

Il mago delle presentazioni: PowerPoint

Il mago delle presentazioni: PowerPoint Informatica 2 livello/2ªb 21-02-2006 10:46 Pagina 48 Il mago delle presentazioni: è un programma di Microsoft che ti permette di creare presentazioni multimediali per mostrare, a chi vuoi, un tuo lavoro,

Dettagli

AutoCAD 2D Corso di base

AutoCAD 2D Corso di base AutoCAD 2D Corso di base Introduzione C.A.D. (Computer Aided Design) Permette di disegnare con l aiuto del computer. Le più diffuse applicazioni di AutoCAD sono: disegni architettonici ; disegni di interni;

Dettagli

Sommario. Muovi un oggetto 3D in Navigazione con Gizmo... 3 Ruota un oggetto 3D in Navigazione con Gizmo... 3 Modifica posizione della luce in 3D...

Sommario. Muovi un oggetto 3D in Navigazione con Gizmo... 3 Ruota un oggetto 3D in Navigazione con Gizmo... 3 Modifica posizione della luce in 3D... Sommario FINESTRA PLANIMETRIA... 2 Nuovo comando muovi parete... 2 Muovi, Ruota, Elimina veloce sugli elementi usando la toolbar dinamica... 2 Importa nuovi oggetti 3D da Trimble - 3D Warehouse (SketchUp)...

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux)

Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux) Modulo Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux) Modulo - Uso del computer e gestione dei file, richiede che il candidato dimostri di possedere conoscenza e competenza nell uso delle

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

Corso base di informatica

Corso base di informatica Corso base di informatica AVVIARE IL COMPUTER Per accendere il computer devi premere il pulsante di accensione posto di norma nella parte frontale del personal computer. Vedrai apparire sul monitor delle

Dettagli

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata.

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata. Microsoft Word 2007 Microsoft Office Word è il programma di elaborazione testi di Microsoft all interno del pacchetto Office. Oggi Word ha un enorme diffusione, tanto da diventare l editor di testi più

Dettagli

AddCAD per ZWCad. Passa alla progettazione 3D rimanendo sul tuo Cad famigliare

AddCAD per ZWCad. Passa alla progettazione 3D rimanendo sul tuo Cad famigliare AddCAD per ZWCad Passa alla progettazione 3D rimanendo sul tuo Cad famigliare Passare alla progettazione 3D è un salto di qualità che molti Professionisti tentano di compiere, ma in tanti casi senza successo.

Dettagli

Laboratorio informatico di base

Laboratorio informatico di base Laboratorio informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche (DISCAG) Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it) Sito Web del corso: www.griadlearn.unical.it/labinf

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Condividere i documenti

Condividere i documenti Appendice Condividere i documenti Quando si lavora in gruppo su uno stesso documento, spesso succede che ciascun redattore stampi una copia del testo per segnare su di essa, a mano, le proprie annotazioni

Dettagli

Guida rapida dei comandi

Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Questo capitolo presenta una rapida panoramica dei comandi di PRO_SAP con le relative modalità di accesso. Le informazioni presentate per ogni comando

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 2 Modulo 3 Elaborazione testi Word G. Pettarin ECDL

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi CAPITOLO 1 Iniziare Obiettivi Richiamare i comandi di AutoCAD tramite menu, menu di schermo, digitalizzatore, riga di comando o barre degli strumenti Comprendere il funzionamento delle finestre di dialogo

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

Corso di INFORMATICA GRAFICA. Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani. Introduzione ad AutoCAD

Corso di INFORMATICA GRAFICA. Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani. Introduzione ad AutoCAD Corso di INFORMATICA GRAFICA Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani Introduzione ad AutoCAD Autodesk AutoCAD COS È AUTOCAD? Autodesk AutoCAD è un pacchetto software per la costruzione e modifica di disegni

Dettagli

Capitolo 5: Creazione di un disegno DWG

Capitolo 5: Creazione di un disegno DWG Capitolo 5: Creazione di un disegno DWG Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel Il Foglio Elettronico 1 Parte I Concetti generali Celle e fogli di lavoro.xls Inserimento dati e tipi di dati Importazione di dati Modifica e formattazione di fogli di lavoro FOGLIO ELETTRONICO. I fogli

Dettagli

Stampare e digitalizzare

Stampare e digitalizzare Stampare e digitalizzare In questa sezione: Stampare un file Specificare una stampante predefinita Controllare la stampa Stampare fotografie Stampare pagine Web Creare un documento XPS Acquisire un immagine

Dettagli

Note operative per Windows XP

Note operative per Windows XP Note operative per Windows XP AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

CORSO BASE DI REVIT ARCHITECTURE 2014

CORSO BASE DI REVIT ARCHITECTURE 2014 Corso di Autocad Revit Architecture - software BIM 3D di Autodesk Il BIM consente di far comunicare fra loro tutte le discipline coinvolte nei processi di progettazione architettonica, offrendo a geometri,

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR PJ-6/PJ-66 Stampante mobile Versione 0 ITA Introduzione Le stampanti mobili Brother, modelli PJ-6 e PJ-66 (con Bluetooth), sono compatibili con numerose

Dettagli

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti.

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. 1 POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. Le presentazioni sono composte da varie pagine chiamate diapositive

Dettagli

Nuovo documento Anteprima di stampa Collegamento Zoom. Apri Controllo ortografico Annulla Sorgente dati. Salva Controllo automatico Ripristina Gallery

Nuovo documento Anteprima di stampa Collegamento Zoom. Apri Controllo ortografico Annulla Sorgente dati. Salva Controllo automatico Ripristina Gallery Writer è il programma per l'elaborazione di testi della suite OpenOffice.org che ti consente di creare documenti, lettere, newsletter, brochures, grafici, etc. Gli elementi dello schermo: Di seguito le

Dettagli

Foglio elettronico Excel

Foglio elettronico Excel 4 Foglio elettronico Excel - MODULO 117 MODULO Foglio elettronico Excel Introduzione Il foglio di calcolo elettronico è un programma interattivo che mette a disposizione dell utente una matrice di righe

Dettagli

Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file

Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file 2.1.1.1 Primi passi col computer Avviare il computer Windows è il sistema operativo più diffuso per la gestione dei personal computer, facile e amichevole

Dettagli

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 -

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 - 1-1 - Introduzione Microsoft Excel 2000 è una applicazione software che può essere usata come: Foglio elettronico. Database. Generatore di grafici. Capittol lo 1 Introduzione e Guida in linea Si può paragonare

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 D. MANUALE UTILIZZO DEL VISUALIZZATORE Il Visualizzatore è un programma che permette di

Dettagli

1 Flusso di lavoro di progettazione delle strutture

1 Flusso di lavoro di progettazione delle strutture Lezione 1 Flusso di lavoro di progettazione delle strutture Informazioni generali sulla progettazione delle strutture È possibile creare segmenti di percorso e strutture utilizzando l applicazione Progettazione

Dettagli

SCRIVERE TESTI CON WORD

SCRIVERE TESTI CON WORD SCRIVERE TESTI CON WORD Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello occorre un programma di elaborazione testo. Queste lezioni fanno riferimento al programma più conosciuto: Microsoft

Dettagli

Esercitazione n. 7: Presentazioni

Esercitazione n. 7: Presentazioni + Strumenti digitali per la comunicazione A.A 2013/14 Esercitazione n. 7: Presentazioni Scopo: Creare una presentazione con Microsoft PowerPoint 2010. Scegliere uno sfondo, uno stile per i caratteri, diversi

Dettagli

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3 Corso per iill conseguiimento delllla ECDL ((Paatteenttee Eurropeeaa dii Guiidaa deell Computteerr)) Modullo 2 Geessttiionee ffiillee ee ccaarrtteellllee Diisspenssa diidattttiica A curra dell ssiig..

Dettagli

Il foglio elettronico: Excel

Il foglio elettronico: Excel Il foglio elettronico: Excel Laboratorio di Informatica Corso di Laurea triennale in Biologia Dott. Fabio Aiolli (aiolli@math.unipd.it) Dott.ssa Elisa Caniato (ecaniato@gmail.com) Anno accademico 2007-2008

Dettagli