Implementazione e gestione semplificata delle SAN per piccole e medie imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Implementazione e gestione semplificata delle SAN per piccole e medie imprese"

Transcript

1 Implementazione e gestione semplificata delle SAN per piccole e medie imprese White paper tecnico Sommario Sommario esecutivo... 2 Nuova SAN semplificata e gestione dello storage... 2 Eliminare la complessità... 3 Software Simple SAN Connection Manager Enterprise: Gestione SAN con un unico quadro di controllo... 5 Configurazione test per confrontare gli approcci... 6 Sintesi... 15

2 Sommario esecutivo Poiché le piccole e medie imprese (PMI) continuano a investire nelle loro operazioni, devono ampliare la loro infrastruttura IT per mantenere il passo degli obiettivi commerciali, rimanendo in vantaggio rispetto alla concorrenza. L'utilizzo delle , ad esempio, quale strumento primario per la condivisione di dati e file, oltre che per la gestione della clientela (CRM), non è più una strategia praticabile a lungo termine. L'espansione delle capacità IT delle PMI per includere soluzioni web per i database CRM, l'accesso ai file di SharePoint e altre applicazioni simili può migliorare notevolmente la competitività delle PMI tramite l'utilizzo delle informazioni per sfruttare opportunità commerciali. Tuttavia, molte PMI hanno un accesso limitato alle risorse IT, per cui è difficile affrontare la complessità associata all'aggiornamento della loro infrastruttura di storage SAN al fine di supportare varie applicazioni di condivisione file e dati. Finora, la complessità IT ha limitato la capacità di molte PMI di innovare il modo in cui esse operano e sono competitive. HP conosce le sfide IT delle PMI; adesso è semplice per le PMI ordinare, implementare e gestire un'intera SAN, grazie all'introduzione di HP StorageWorks P2000 MSA FC SAN Starter Kit G3 con controller doppio per piccole imprese. HP ha semplificato l'ampliamento dell'infrastruttura IT per le PMI fornendo una soluzione potente, scalabile e semplice da gestire per lo storage di rete come HP P2000 FC SAN Starter Kit G3 con controller doppio per PMI. La gestione dello storage in ambiente SAN non è mai stata così semplice grazie a questa nuova soluzione. Il kit comprende tutto il necessario, tranne le unità disco, con un codice singolo per agevolare l'ordine. In un codice singolo sono compresi il sistema di smart array modulare MSA LFF FC G3 con controller doppio HP StorageWorks P2000, due switch Fibre Channel impilabili 8 Gb HP StorageWorks SN6000, quattro adattatori host bus Fibre Channel HP StorageWorks 81Q e tutti i rail kit, i cavi Fibre Channel e i dispositivi ottici necessari per realizzare una SAN Fibre Channel 8 Gbps a elevate prestazioni e disponibilità. HP P2000 FC DC SAN Starter Kit G3 per PMI comprende anche l'innovativo software enterprise HP Simple SAN Connection Manager (SSCM) ed è il componente primario che semplifica il modo in cui gli amministratori gestiscono la rete di storage ed eseguono il provisioning dello storage G3 P2000 con pochi clic del mouse. Esclusiva HP, il software enterprise SSCM fornisce ai clienti un'applicazione con un quadro unico e un'interfaccia grafica basata su procedure guidate per gestire tutti gli aspetti della SAN. Tale funzionalità include la gestione degli HBA, la suddivisione dei fabric SAN e il provisioning e la mappatura delle risorse di storage sui server. HP SSCM è uno strumento estremamente utile, che consente di risparmiare tempo agli amministratori IT ed è ideale per PMI con ambienti IT a risorse limitate. I seguenti dettagli mostrano come l'intero processo di predisposizione e gestione di una rete di storage venga semplificato utilizzando questa innovativa soluzione offerta HP per le PMI. Viene mostrato come il software SSCM enterprise consenta di consolidare molti dei processi e di ridurre il numero delle applicazioni necessarie a implementare, configurare e gestire una rete di storage altamente scalabile, sicura ed economicamente accessibile. Nuova SAN semplificata e gestione dello storage Gli amministratori dello storage vengono denominati "esperti SAN" o "esperti dello storage" per un motivo specifico. Implementare, gestire e occuparsi della manutenzione delle SAN Fibre Channel tradizionali è un'"arte" molto specializzata che richiede esperienza e comprensione del protocollo Fibre Channel, dei concetti di zoning e delle best pratice SAN. In maniera simile, gli "esperti dello storage" devono affrontare le stesse sfide per il provisioning delle risorse di storage e la loro allocazione ai server che le utilizzano. Molte piccole imprese non hanno tali "esperti" a disposizione e non possono implementare reti di storage all'avanguardia. Questa è la situazione attuale. Con HP P2000 FC DC SAN Starter Kit G3 per PMI, HP ha semplificato le SAN con una soluzione per PMI che riduce in maniera significativa la difficoltà di implementazione e gestione di una rete di storage moderna. Il kit è facile da ordinare e rappresenta una soluzione scalabile ed economicamente accessibile. 2

3 HP P2000 FC DC SAN Starter Kit G3 per PMI (codice HP AP847A) comprende tutti i componenti elencati nella tabella 1. Il kit contene tutti i software e i componenti dell'infrastruttura, eccetto le unità disco, necessari a costruire, configurare e implementare una SAN in grado di scalare fino a 192 TB. Il cliente dovrà ordinare separatamente solo la quantità e le dimensioni delle unità disco da installare nel disk array. I clienti possono scegliere capacità dei dischi che vanno da 300 GB a 2 TB per disco. Tabella 1: elenco dei componenti per HP StorageWorks P2000 FC DC SAN Starter Kit G3 per PMI (codice AP874A) Componenti inclusi in AP847A Codice componente HP Qtà Sistema di smart array modulare HP StorageWorks P2000 MSA FC LFF G3 con controller doppio AP845A 1 HP StorageWorks 81Q PCIe HBA FC a porta singola AK344A 4 Switch FC impilabile HP StorageWorks SN6000 BK780A 2 SFP+ FC a onde corte 8 Gbps HP AJ718A 12 Cavi in fibra ottica 5M AJ836A 8 Rail kit con montaggio rack per switch Eliminare la complessità Nelle SAN Fibre Channel e nelle implementazioni di storage tradizionali è necessario avvalersi di esperti che conoscano le applicazioni di gestione dei dischi server, di storage di rete e l'amministrazione, oltre che di esperti che conoscano la gestione dello storage e le applicazioni di provisioning. La figura 1 mostra una semplice configurazione SAN. Figura 1: SAN Fibre Channel ridondante di base 3

4 In una SAN tipica, gli amministratori del server devono gestire la connessione dei server alla SAN configurando un adattatore host bus (HBA) Fibre Channel e utilizzando un software di gestione HBA o un'applicazione d'interfaccia a linea di comando (CLI) fornita dal produttore dell'hba. Esempi di tali applicazioni sono mostrati nella figura 2. Figura 2: Esempi di applicazioni di gestione degli HBA In maniera simile, l'amministratore di una rete di storage deve gestire l'ambiente dello switch SAN Fibre Channel. Ciò è necessario al fine di configurare, o suddividere, in maniera adeguata un fabric Fibre Channel affinché solo i dispositivi richiesti possano comunicare tra di loro. Ad esempio, facendo riferimento alla Figura 1, ipotizziamo che il Disk Array 1 sia dedicato a un server Microsoft Exchange. L'amministratore vorrebbe bloccare l'accesso al disk array 1 dagli altri server. Questo processo viene effettuato con la suddivisione della SAN Fibre Channel tramite lo switch Fibre Channel. L'amministratore della rete di storage esegue tale processo tramite un'applicazione di gestione switch basata su GUI o CLI. Esempi di queste applicazioni sono mostrati nella figura 3. Figura 3: Esempi di applicazioni per la suddivisione di switch FC 4

5 Infine, l'amministratore dello storage deve gestire il sottosistema di storage. Come per gli HBA e gli switch Fibre Channel, tale processo viene effettuato tramite un'utility basata su GUI o CLI fornita dal venditore dello storage. Nella maggior parte dei sistemi attuali basati su RAID, occorre creare un pool di dischi virtuali e di volumi all'interno di esso. Tali volumi vengono presentati al server come dispositivo di storage su disco. È quindi possibile accedere al server per inizializzare e formattare tale risorsa disco per l'utilizzo con le applicazioni residenti sul server. Mentre i benefici dell'implementazione di SAN Fibre Channel possono, tra le altre cose, migliorare l'accesso e la sicurezza dei dati, ridurre le finestre di backup e migliorare l'affidabilità complessiva del sistema rispetto ad alternative quali il direct attached storage o lo storage iscsi, la configurazione e gestione di tale elemento non sono semplici. Come abbiamo mostrato, l'approccio tradizionale per la gestione dello storage richiede che gli amministratori eseguano numerosi passaggi con molteplici applicazioni coinvolte. È richiesta la conoscenza di HBA, switch, strumenti e applicazioni di storage e sistemi operativi. In genere si tratta di un impegno che molte PMI con risorse IT limitate non sono in grado di affrontare con efficacia. Software Simple SAN Connection Manager Enterprise: Gestione SAN con un unico quadro di controllo HP P2000 FC DC SAN Starter Kit G3 per PMI comprende due switch FC impilabili 8 Gb HP StorageWorks SN6000. Gli switch SN6000 sono un componente della famiglia degli switch HP Fibre Channel serie H. Tutti gli switch della serie H includono il software HP StorageWorks Simple SAN Connection Manager enterprise. SSCM è un'esclusiva da HP e rappresenta una console di gestione a quadro singolo per tutti gli aspetti della rete di storage: gestione degli HBA, suddivisione e mappatura dei fabric Fibre Channel e provisioning dello storage HP. SSCM consente a un singolo amministratore di gestire tutti gli aspetti della rete di storage da un'unica console. Un'interfaccia singola tramite SSCM semplifica notevolmente il numero di applicazioni e passaggi da eseguire per configurare e impostare la SAN oltre che effettuare il provisioning dello storage e presentare i volumi ai server di applicazione. SSCM è completamente integrato con HP StorageWorks MSA/P2000 oltre che con le famiglie di disk array EVA. SSCM è anche integrato con Microsoft Virtual Disk Services (VDS), il che permette a SSCM di essere utilizzato per inizializzare e formattare risorse disco per ambienti Windows Server. Infine, per i clienti che utilizzano server HP BladeSystem e interconnessioni HP Virtual Connect o FlexFabic, SSCM è integrato con il Virtual Connect Enterprise Manager, garantendo una visione end-to-end dell'intero ambiente della rete di storage, anche in un ambiente server virtuale e server blade. Una mappatura esemplificativa della topologia è mostrata nella Figura 4. 5

6 Figura 4: Mappa della topologia SSCM SSCM consente agli amministratori di eseguire una delle seguenti operazioni nell'ambiente SAN, il tutto da un'unica console: Topologia di tutti gli elementi all'interno della SAN, inclusi tutti gli HBA Fibre Channel e le schede Mezzanine HP, gli switch serie H, gli MSA/P2000 e i disk array EVA Aggiornamento firmware HBA e file BIOS (solo HBA QLogic HP) Gestione switch FC, zoning, mappatura e monitoraggio Provisioning dei disk array EVA e MSA/P2000 Partizionamento e formattazione dei server basati su Windows Configurazione test per confrontare gli approcci Per descrivere le differenze tra l'approccio tradizionale di gestione SAN (che richiede amministratori che gestiscano tutti gli elementi all'interno della SAN utilizzando diverse applicazioni) e SSCM, nella figura 5 viene illustrata una semplice rete di storage. 6

7 Figura 5: Configurazione test per la rete di storage I passaggi tradizionali di gestione SAN per creare un LUN per ciascun server nella SAN sono elencati nella tabella 2 e quelli non tradizionali di gestione SAN usando il software enterprise SSCM sono elencati nella tabella 3. La tabella 2 e la tabella 3 riassumono le applicazioni utilizzate e il numero di passaggi richiesti. Tabella 2: Installazione, configurazione e gestione di una SAN tradizionale Applicazione/passaggio Operazione # di volte di applicazione Osservazioni Installare e collegare i componenti SAN 0/1 Installare gli HBA nei server, montare gli switch e i disk array su rack, installare cavi e alimentazione su tutti i dispositivi N/D Configurare gli HBA 1/1 Avviare l'utility di gestione HBA e verificare/aggiornare il firmware HBA 1/2 Riavviare i server per assicurarsi che i driver siano caricati in maniera corretta 3 Controllare la guida sulla compatibilità Array FC e assicurarsi che il firmware HBA e i livelli BIOS siano supportati. Se non sono supportati, aggiornare il firmware e/o il BIOS. 3 Inizializzare il Disk Array 2/1 Configurare l'indirizzo IP del disk array 3/1 Configurare le informazioni di sistema disk array 1 Utilizzare il CLI per impostare l'indirizzo IP. 1 Utilizzare la GUI del browser web per impostare gli account utente e le informazioni di sistema. Provisioning dei dischi 3/2 Creare i vdisk 3 Utilizzando la GUI di SMU tramite il browser web. 3/3 Assegnare spare singoli o multipli 3 Utilizzare il menu per definire spare statici o globali da assegnare ai vdisk. 3/4 Creare volumi 3 Utilizzare il menu SMU per creare volumi. Ciascun volume deve essere creato in maniera indipendente. 7

8 Suddividere i fabric 4/1 Avviare l'utility Gestione Switch Fibre Channel 4/2 Impostare gli indirizzi IP dello/gli switch FC 4/3 Creare suddivisioni per i fabric Fibre Channel 3 Avviare CLI 3 Utilizzare la CLI per ciascuno switch del fabric per impostare l'indirizzo IP. 3 Identificare il WWN per ciascun elemento della SAN e creare suddivisioni appropriate per consentire una comunicazione sicura tra i dispositivi. Avviare l'utility di Gestione Disco sul Server 5/1 Inizializzare/montare il volume 3 Utilizzare comandi o strumenti nativi di gestione disco del sistema operativo del server. 5/2 Formattare 3 Utilizzare comandi o strumenti nativi di gestione disco del sistema operativo del server. Totale 32 Con la gestione SAN tradizionale, gli operatori devono avviare cinque diverse applicazioni ed eseguire i processi di gestione disco e HBA su ciascun server nella SAN in maniera indipendente. Quindi bisogna eseguire 32 diverse operazioni che richiedono molteplici clic del mouse. Le seguenti figure mostrano le schermate delle applicazioni coinvolte. Il primo passaggio dopo l'installazione fisica è la convalida del firmware HBA e del BIOS. Tali file devono essere aggiornati utilizzando le applicazioni GUI o CLI specifiche del venditore, come illustrato nella figura 6. Figura 6: Utility di gestione HBA Il secondo passaggio prevede l'inizializzazione dell'array di storage MSA/P2000. Per fare ciò è necessario avviare l'utility di gestione dello storage (SMU) fornita da HP, configurando l'indirizzo IP e le informazioni sul nome del sistema. Tali schermate sono mostrate nella figura 7. 8

9 Figura 7: Inizializzare il Disk Array e configurare l'indirizzo IP Il passaggio successivo prevede la creazione del disco virtuale o vdisk e la creazione dei volumi. Un singolo vdisk può contenere uno o più volumi. È il volume presentato per l'accesso al sistema operativo del server. Ciascun vdisk e volume viene creato in passaggi separati. La figura 8 mostra alcune schermate di configurazione di tale processo. Figura 8: Provisioning del disco: creazione di vdisk e volume 9

10 Affinché i volumi siano accessibili al server attraverso il fabric Fibre Channel, è necessario creare una suddivisione. Per fare ciò è necessario che l'amministratore conosca tutti gli identificatori World Wide Name (WWN) di ciascun elemento nell'infrastruttura e sia in grado di mapparli in maniera appropriata utilizzando interfacce GUI e CLI fornite dal venditore dello switch. Esempi di tali applicazioni sono mostrati nella figura 9. Figura 9: Suddivisione dell'infrastruttura SAN tramite le utility di Gestione Switch Una volta creati i volumi e terminata la suddivisione, i server possono accedere alle risorse di storage a loro disposizione. Da qui, l'amministratore avvia l'utility di gestione disco per il relativo sistema operativo. Queste sono le procedure di montaggio e formattazione per gli ambienti UNIX o Linux. Per Windows, gli amministratori possono utilizzare Microsoft Disk Manager. Alcuni esempi delle schermate di Disk Manager sono mostrati nella figura 10. Figura 10: Gestione disco basata su server per inizializzazione e formattazione Una volta che il processo di formattazione è terminato, le risorse del disk array possono essere utilizzate dalle applicazioni sul server. Sono necessarie cinque diverse applicazioni e 32 passaggi per creare tre LUN e suddividere un disco per ciascun server nella SAN utilizzando il metodo tradizionale. 10

11 Le stesse operazioni vengono ripetute utilizzando SSCM come piattaforma di gestione principale. L'amministratore deve accedere al Disk Array e configurare l'indirizzo IP; tuttavia, gli altri passaggi vengono eseguiti tramite la console gestionale SSCM. Un'eccezione consiste nell'inizializzazione e nel montaggio delle risorse su disco nei server non Windows. L'operazione di montaggio deve essere eseguita con le utility di gestione dei dischi native del SO, in maniera analoga a un ambiente tradizionale SAN. La tabella 3 riepiloga le fasi necessarie per configurare la SAN di prova e l'allocazione delle risorse su disco a ciascun server. Tabella 3: Configurazione e installazione della SAN con il software enterprise SSCM Applicazione/passaggio Operazione # di volte di applicazione Osservazioni Installare e collegare i componenti SAN 0/1 Installare gli HBA nei server, montare su rack gli switch e i disk array, installare cavi e alimentazione su tutti i dispositivi N/D Inizializzare il Disk Array 1/1 Installare e avviare l'utility di gestione dello storage per configurare l'indirizzo IP e gli account utente 1 Avviarla con la CLI per impostare inizialmente l'indirizzo IP. Installare SSCM 2/1 Installarlo su ciascun server della SAN 2/2 Riavviare i server per garantire la corretta funzionalità dei driver e degli altri file di agente. 3 Un server deve essere un Windows Server che agisca come console di gestione per SSCM. 3 Inizializzare e dividere in zone il fabric, eseguire il provisioning e mappare le LUN 2/3 Avviare SSCM 1 2/4 Configurare gli indirizzi IP per gli switch FC 2/5 Configurare le proprietà di sistema per i disk array 2/6 Definire lo zoning predefinito degli HBA 2/7 Lanciare la procedura guidata di creazione delle LUN 2/8 Partizionare e formattare le unità disco (solo Windows Server) 1 Eseguito attraverso il processo di inizializzazione di SSCM 1 Eseguito attraverso il processo di inizializzazione di SSCM 1 Eseguito attraverso il processo di inizializzazione di SSCM 1 La procedura guidata di creazione delle LUN di SSCM consente agli amministratori di eseguire le seguenti attività: Creazione di vdisk Creazione di volumi Suddividere il fabric in zone Presentare i volumi al server Nota: il menu di coda dell'attività consente di creare più vdisk e LUN, per poi assegnarli a più server nell'ambito di un'unica operazione. 1 SSCM è integrato con Microsoft Virtual Disk Services e consente di eseguire queste funzioni di "gestione del disco" senza accedere a un altro server per eseguire l'applicazione di gestione dei dischi. 11

12 Avviare l'utility di Gestione Disco sul server non Windows 3/1 Inizializzare/montare il volume (solo server non-windows) 1 Utilizzare comandi o strumenti nativi di gestione disco del sistema operativo del server. 3/2 Formattare 1 Utilizzare comandi o strumenti nativi di gestione disco del sistema operativo del server. Totale 15 Utilizzando l'approccio di gestione di SSCM, gli amministratori devono solo lanciare l'utility di gestione dei disk array per impostare l'indirizzo IP, consentendo di eseguire tutte le altre azioni a partire dalla console di gestione di SSCM. Vengono eseguite solo tre applicazioni e 15 passaggi, una riduzione del 40% del numero di applicazioni richieste e del 50% del numero di passaggi. La gestione generale e il tempo richiesto per configurare e gestire tutto l'ambiente SAN sono molto semplificati. Il processo comprende la verifica del firmware degli HBA e delle impostazioni del BIOS, lo zoning del fabric, la creazione di LUN (creazione disco virtuale e volume) e la partizione e formattazione del disco in un ambiente server di Windows. Tutte queste azioni vengono compiute da una sola interfaccia utente. Le figure riportate di seguito mostrano alcune schermate di SSCM utilizzate per svolgere queste attività. Il primo passaggio, dopo il collegamento di tutto l'hardware, consiste nel lancio dello strumento di gestione dello storage (SMU) di HP e nella configurazione dell'array MSA/P2000 con un indirizzo IP. Questo passaggio è l'unico prerequisito prima di utilizzare il software SSCM. Il passaggio 2 consiste nel caricare SSCM su ciascun server e nel lanciarlo dal server di gestione. SSCM richiede almeno un server Windows come stazione di gestione. SSCM viene caricato su tutti gli altri server in modo da installare correttamente i giusti driver, percorsi multipli e altri agenti, favorendo una gestione e visibilità complete della SAN. La figura 11 mostra alcune viste delle schermate di installazione. Figura 11: Installazione di SSCM Dopo averlo installato su ciascun server, SSCM viene lanciato dalla stazione di gestione consentendo all'amministratore di aggiornare il firmware degli HBA e il BIOS, sottoporre a zoning il tessuto ed eseguire il provisioning dello storage HP. Tutte le attività vengono eseguite da SSCM. Utilizzando una facile procedura guidata (figura 12) o i menu a discesa (figura 13), l'amministratore non necessita di altre applicazioni per configurare la SAN in modo completo. 12

13 Figura 12: Facili procedure guidate per gli HBA, gli switch e la gestione dello storage Figura 13: Menu a discesa di facile accesso 13

14 Una caratteristica importante di SSCM è la capacità di eseguire il provisioning di HP StorageWorks P2000/MSA e dello storage EVA. Il software enterprise SSCM unisce e semplifica molti passaggi richiesti per creare e allocare risorse di storage per l'accesso eseguito dai server. All'interno di questo processo, SSCM automatizza tutti gli elementi collegati alla creazione del disco virtuale e del volume e allo zoning. Con la semplice procedura guidata per la creazione di un disco logico, un amministratore può utilizzare il software enterprise SSCM per creare più LUN contemporaneamente e assegnare ciascuna a server diversi in un solo processo. La figura 14 mostra il processo di creazione di LUN di pool di storage creati sull'array, nonché la grandezza della LUN assegnata al server. Figura 14: Creazione del disco logico SSCM Come indicato in precedenza, SSCM è integrato con Microsoft Virtual Disk Services. Ciò consente all'amministratore di partizionare il disco logico creato per utilizzarlo con qualsiasi server che esegue il sistema operativo Windows Server. Questa schermata è raffigurata nella figura 15. SSCM elimina la necessità di accedere a ciascun server Windows ed eseguire l'applicazione Disk Manager, consentendo all'amministratore di risparmiare molto tempo di implementazione. 14

15 Figura 15: SSCM e integrazione VDS di Microsoft L'ultimo passaggio richiesto è il lancio dell'applicazione di gestione del disco per qualsiasi server non Windows nella SAN. Nella configurazione di test, tutti i server erano basati su Windows, rendendo inutile questo passaggio. Il processo che utilizza SSCM richiedeva solo due applicazioni (tre se i server non Windows si trovavano nella SAN) e 15 passaggi. Si tratta di una riduzione del 50% del numero di attività che l'amministratore deve svolgere e che consente di risparmiare una quantità di tempo significativa e di ridurre la possibilità di errori. L'utilizzo di SSCM sostituisce almeno tre diverse applicazioni dell'approccio di implementazione tradizionale e rappresenta un vero esempio di infrastruttura convergente HP. Sintesi Per le PMI+, i vantaggi di una SAN flessibile facilmente implementabile, scalabile ed economica rappresentano una priorità chiave per l'azienda. Le piccole e medie aziende godranno dei vantaggi dell'implementazione di un'... infrastruttura SAN Fibre Channel a prestazioni elevate, altamente scalabile e sicura senza la necessità di assumere un esperto di SAN. Ordinare, implementare e gestire una SAN Fibre Channel è semplice con il kit di base della SAN SMB HP StorageWorks P2000 G3 FC Dual Controller. Grazie all'inclusione degli switch Fibre Channel della serie H e del software enterprise Simple SAN Connection Manager di HP, il numero di applicazioni e passaggi necessari si è ridotto di gran lunga, se confrontati con gli approcci tradizionali. Il software SSCM di classe enterprise riduce del 50% il numero di passaggi necessari a implementare e gestire la SAN e di almeno il 40% il numero di applicazioni richieste. I clienti possono iniziare con piccole applicazioni, supportando solo alcuni server che accedono a 1-2 TB di storage su disco, per poi aumentare fino a 192 TB, supportando più di 100 collegamenti alla SAN attraverso questa soluzione. Grazie a SSCM, è possibile configurare e implementare un'intera SAN in meno di 30 minuti. Attualmente sul mercato non esiste una soluzione che offra agli amministratori dello storage strumenti per ridurre la configurazione della SAN di oltre il 40%. 15

16 Copyright 2011 Hewlett-Packard Development Company, L.P. Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Le sole garanzie per i prodotti e i servizi HP sono previste espressamente nella garanzia che accompagna tali prodotti o servizi. Nessuna affermazione contenuta nel presente documento può essere ritenuta un'estensione di tale garanzia. HP non è responsabile di errori tecnici o editoriali o di eventuali omissioni contenuti nel presente documento. Microsoft e Windows sono marchi registrati negli USA di Microsoft Corporation. UNIX è un marchio registrato di The Open Group. 4AA3-2648ITE, data di creazione febbraio 2011; ultimo aggiornamento febbraio 2011, Rev. 1

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

NAS 321 Hosting di più siti web in un host virtuale

NAS 321 Hosting di più siti web in un host virtuale NAS 321 Hosting di più siti web in un host virtuale Hosting di più siti web e abilitazione del servizio DDNS A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe essere

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Per risparmiare tempo, finanze e risorse digitalizzando i documenti cartacei. Presentazione della soluzione

Per risparmiare tempo, finanze e risorse digitalizzando i documenti cartacei. Presentazione della soluzione Scheda Software HP Digital Sending (DSS) 5.0 Per risparmiare tempo, finanze e risorse digitalizzando i documenti cartacei Presentazione della soluzione Rendendo più fluida la gestione di documenti e dati,

Dettagli

HP ProLiant Storage Server. Guida dell utente

HP ProLiant Storage Server. Guida dell utente HP ProLiant Storage Server Guida dell utente Numero di parte: 440584-065 Prima edizione: giugno 2008 Informazioni legali e avvertenza Copyright 1999, 2008 Hewlett-Packard Development Company, L.P. Software

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

Efficienza e performance. Soluzioni di storage NetApp

Efficienza e performance. Soluzioni di storage NetApp Efficienza e performance Soluzioni di storage NetApp Sommario 3 Introduzione n EFFICIENZA A LIVELLO DI STORAGE 4 Efficienza di storage: il 100% dei vostri dati nel 50% del volume di storage 6 Tutto in

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP Eseguire il collegamento al NAS tramite WebDAV A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 INDICE Indice File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2...4 Requisiti di sistema: QLA Server...5 Requisiti di sistema:

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 ApplicationServer XG Versione 11 Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 Indice Indice... i Introduzione a 2X ApplicationServer... 1 Cos'è 2X ApplicationServer?... 1 Come funziona?... 1 Su questo documento...

Dettagli

CA Asset Portfolio Management

CA Asset Portfolio Management CA Asset Portfolio Management Guida all'implementazione Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Guida dell'utente di Norton Save and Restore

Guida dell'utente di Norton Save and Restore Guida dell'utente Guida dell'utente di Norton Save and Restore Il software descritto in questo manuale viene fornito con contratto di licenza e può essere utilizzato solo in conformità con i termini del

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

TeamViewer introduce l applicazione per Outlook. Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer

TeamViewer introduce l applicazione per Outlook. Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer Press Release TeamViewer introduce l applicazione per Outlook Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer Goeppingen, Germania, 28 aprile 2015 TeamViewer, uno

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

ReadyNAS per reti domestiche

ReadyNAS per reti domestiche ReadyNAS per reti domestiche Manuale del software Modelli: Serie Ultra (2, 4, 6) Serie Ultra Plus (2, 4, 6) Pro Pioneer NVX Pioneer 350 East Plumeria Drive San Jose, CA 95134 USA Dicembre 2010 202-10764-01

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Acronis Compute with Confidence, Acronis Startup Recovery Manager, Acronis Active Restore ed il logo Acronis sono marchi di proprietà di Acronis, Inc.

Acronis Compute with Confidence, Acronis Startup Recovery Manager, Acronis Active Restore ed il logo Acronis sono marchi di proprietà di Acronis, Inc. Copyright Acronis, Inc., 2000-2011.Tutti i diritti riservati. Acronis e Acronis Secure Zone sono marchi registrati di Acronis, Inc. Acronis Compute with Confidence, Acronis Startup Recovery Manager, Acronis

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Arcserve Replication and High Availability

Arcserve Replication and High Availability Arcserve Replication and High Availability Guida operativa per Oracle Server per Windows r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Microsoft Windows 30/10/2014 Questo manuale fornisce le istruzioni per l'utilizzo della Carta Provinciale dei Servizi e del lettore di smart card Smarty sui sistemi operativi

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright Parallels Holdings, Ltd. c/o Parallels International GMbH Vordergasse 59 CH-Schaffhausen Svizzera Telefono: +41-526320-411 Fax+41-52672-2010 Copyright 1999-2011

Dettagli

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10

PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO. Pagina 1 di 10 PROGETTO VIRTUALIZZAZIONE DELLA SERVER FARM DI TURISMO TORINO E PROVINCIA E SERVIZI CONNESSI CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 10 INDICE: DESCRIZIONE NR. PAGINA 1. PREMESSA 3 2. OGGETTO DELL APPALTO 3 3.

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Per Iniziare con Parallels Desktop 10

Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Copyright 1999-2014 Parallels IP Holdings GmbH e i suoi affiliati. Tutti i diritti riservati. Parallels IP Holdings GmbH Vordergasse 59 8200 Schaffhausen Svizzera

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

Guida dell utente di Synology NAS

Guida dell utente di Synology NAS Guida dell utente di Synology NAS Basata su DSM 5.0 ID Documento Syno_UsersGuide_NAS_20140522 Contenuti Capitolo 1: Introduzione Capitolo 2: Introduzione a Synology DiskStation Manager Installazione Synology

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Assistenza tecnica Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

CA RC/Update for DB2 for z/os

CA RC/Update for DB2 for z/os SCHEDA PRODOTTO CA RC/Update for DB2 for z/os CA RC/Update for DB2 for z/os CA RC/Update for DB2 for z/os (CA RC/Update) è uno strumento di gestione di dati e oggetti DB2 che consente agli amministratori

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale IMMS 3.0 TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO Sistema di controllo centrale Aprite la finestra sul vostro mondo Il software di monitoraggio e gestione dell

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Software per l archiviazione e la gestione conforme delle email

Software per l archiviazione e la gestione conforme delle email MailStore Server 7 Software per l archiviazione e la gestione conforme delle email MailStore Server Lo standard nell archiviazione delle email MailStore Server consente alle aziende di trarre tutti i vantaggi

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli