5 CORSO PER TECNICI NAZIONALI DELLA FIT CON VALORE DI ALLENATORE DI QUARTO LIVELLO EUROPEO CONI - FIT. Anno 2008 PROJECT WORK

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "5 CORSO PER TECNICI NAZIONALI DELLA FIT CON VALORE DI ALLENATORE DI QUARTO LIVELLO EUROPEO CONI - FIT. Anno 2008 PROJECT WORK"

Transcript

1 5 CORSO PER TECNICI NAZIONALI DELLA FIT CON VALORE DI ALLENATORE DI QUARTO LIVELLO EUROPEO CONI - FIT Anno 2008 PROJECT WORK APPLICAZIONI DI UNO SPECIFICO PROTOCOLLO DI MENTAL TRAINING A GIOVANI DI ELEVATO LIVELLO COMPETITIVO I cinque fattori per la costruzione della S.F.E.R.A della massima prestazione Autori: E. Mellone, P. Stabile, M. Tositti Supervisore: Prof. M. Di Paolo Roma, novembre

2 ABSTRACT La finalità del project work, è fornire ai tecnici che condividono l idea che l alleanza mente e corpo sia la base per costruire la massima prestazione, un protocollo di mental training mirato a giocatori evoluti under 14/16, essenziale ed applicabile. Abbiamo scelto il metodo Sfera, teorizzato dal Prof. Vercelli e dal suo staff, presso l Università di Torino, poiché è un protocollo di recente concezione, applicato in vari abiti sportivi professionistici con risultati concreti (vedi interviste ad atleti professionisti Vincere con la Mente, Prof. G. Vercelli Ponte delle Grazie, Milano 2005). L obiettivo, oltre ad offrire realmente un protocollo di mental training applicabile sul campo, è verificarne l efficacia. Inizialmente abbiamo definito i capisaldi teorici del protocollo, gli obiettivi ed i percorsi da compiere per la loro realizzazione, fissati da un ampia progressione di esercizi di pratica attuazione in campo ed in setting protetto. Abbiamo applicato il protocollo, in stretta collaborazione con la Dott.ssa Marcella Bounous (Psicologa dello sport, docente universitaria) per un arco temporale di otto settimane (32 sedute) ad un Gruppo Sperimentale formato da sei giocatori under (età media 14,16 anni) denominato Mental Training affiancato nel programma di allenamento comune, da un gruppo formato da sei giocatori under (età media 15 anni) denominato gruppo di controllo. Il confronto della prestazione tecnica dei due gruppi al termine della programmazione, è stato utilizzato per misurare l efficacia del protocollo. Il piano prevedeva una comune programmazione di allenamento, differenziata esclusivamente nella parte iniziale: 40 minuti circa di mental training somministrato al Gruppo Sperimentale, mentre il Gruppo di Controllo procedeva direttamente all allenamento tecnico tattico. Il confronto, si è basato essenzialmente su un test quantitativo (esercizio del triangolo 50 palle a giocatore, 300 palle globali a test), ripetuto tre volte, per valutare un maggior numero di palle obiettivo (giorni alterni), all inizio (test iniziale) ed al termine (test finale) della periodizzazione (giugno-agosto). Abbiamo in seguito (non previsto inizialmente), somministrato a tutti i ragazzi impegnati nel programma, un test qualitativo (Questionario sulle abilità di Marina Gerin Birsa, 2006) per accreditare la percezione condivisa dai tecnici, di un cambiamento comportamentale positivo globale del Gruppo Mental Training, nella fase terminale della programmazione, in particolare: 1) la capacità attentiva; 2

3 2) la determinazione nel perseguire gli obiettivi delle esercitazioni tecnico-tattiche; 3) la motivazione. I risultati dei test evidenziano un incremento della prestazione tecnica (+ 2,51%) da parte del gruppo Mental Training rispetto all incremento compiuto dal gruppo di controllo. Da un analisi visiva comportamentale (in collaborazione con la dott.ssa Marcella Bounous), si è notato che il gruppo Mental Training, ha mantenuto un elevato equilibrio psico-fisico nell approccio ai test conclusivi. Va considerato inoltre che il gruppo Mental Training, ha ottenuto in tutte le abilità mentali una percentuale di grado superiore rispetto al gruppo di controllo. Il gruppo Mental Training è apparso motivato, in grado di gestire positivamente la pressione, ha perseguito gli obiettivi fissati con determinazione ed ha gestito efficacemente l attenzione. E la condizione ideale per la ricerca della massima prestazione. L alleanza mente e corpo è sostanziale per costruire ed ottenere la massima prestazione. Tale convincimento, oggi sempre più diffuso tra i coach, si è in noi notevolmente consolidato nella fase di realizzazione del project work. L alleanza tra mente e corpo va costruita su solide basi, iniziando a sviluppare e potenziare le abilità mentali sin dagli albori del percorso formativo di un giocatore. Il metodo Sfera, relativamente semplice nei contenuti e di pratica applicazione, potrebbe essere uno strumento efficace per perseguire questo scopo. RINGRAZIAMENTI Con sincera simpatia, ringraziamo tutti gli amici che ci hanno aiutato nella composizione del project work. Un ringraziamento particolare alla Dott.ssa Marcella Bounous per l inestimabile supporto nella parte applicativa del protocollo Sfera ; al Prof. Massimo di Paolo per l indispensabile sostegno e la preziosa assistenza nelle varie fasi della lavorazione ed infine Rosanna Lemmo per l essenziale aiuto nella parte informatica. 3

4 SOMMARIO ABSTRACT Introduzione... pag. 1 CAPITOLO 1 Brevi cenni storici ed introduzione all allenamento mentale La nuova psicologia dello sport Ingredienti per creare una realtà vincente Prospettive future della psicologia dello sport... 5 CAPITOLO 2 Aspetti mentali nel tennis. Il mental training Un programma di mental training si attua attraverso alcune fasi Interventi di mental training in un atleta agonista Conclusione CAPITOLO 3 Il metodo SFERA Breve definizione dei cinque fattori che compongono la SFERA SFERA: il meccanismo mentale del campione Il primo fattore: S come sincronia Fase di analisi della sincronia Il secondo fattore: in gara solo con i punti di forza Fase di analisi dei punti di forza Il terzo fattore: E come energia Aspetti teorici e riferimenti alle neuroscenze Fase di analisi dell energia Il quarto fattore: ogni azione con il giusto ritmo Aspetti teorici e riferimenti alle neuroscenze Fase di analisi del ritmo Quinto fattore: A come attivazione Fase di analisi dell attivazione

5 3.3 Esempi delle varie forme della sfera Scheda riassuntiva per la costruzione della S.F.E.R.A. della massima prestazione CAPITOLO 4 Applicazioni pratiche del metodo SFERA Esercizi teorici e pratici per allenare i cinque attrattori ) sincronia ) in gara solo con i punti di forza ) energia ) ritmo ) attivazione CAPITOLO 5 Controllo dell efficacia del metodo SFERA Test quantitativo (descrizione) Risultati Analisi della varianza Test qualitativo (descrizione) Il questionario sulle abilità mentali di marina Gerin Birsa, Chiave di lettura del test (scoring) Risultati Conclusioni e raccomandazioni considerazioni finali Considerazioni finali ALLEGATO: Essenza dell uno contro uno Tennis e schema a confronto

6 INTRODUZIONE Un atleta che vuole ottimizzare la propria prestazione deve conoscere innanzi tutto i propri processi mentali ed essere quindi capace di utilizzarli in modo efficace. Deve adottare un metodo e le rispettive tecniche che, se applicato correttamente, gli permette di avvicinarsi il più possibile allo stato di massima prestazione. Adottare un metodo significa pensare ed operare in modo coerente, costruendo una procedura che favorisca il cammino verso l obiettivo prefissato. Avere un metodo consente di comprendere chiaramente il percorso mentale da affrontare, sapendo in ogni istante ciò che è utile allo scopo e ciò che non lo è. Sicuramente, è la passione la migliore motivazione che stimola i giovani atleti a svolgere al meglio la propria attività. E il motore che alimenta gli allenamenti, l impegno e la volontà di competere: è ciò che ti spinge a metterti in discussione riconoscendo e superando i propri limiti. E la passione che permette al giovane atleta di coniugare l impegno sportivo con l impegno scolastico, assai gravoso nel caso in cui il ragazzo competa ad alto livello, di rinunciare alle frequentazioni al di fuori dell ambiente tennistico ed a svariate forme di divertimento, spesso inconciliabili con lo stile di vita dell atleta. Nel corso della carriera agonistica di un giocatore, però, può verificarsi che la passione attraversi momenti difficili e si attenui. In questo caso è la forza di volontà che alimenta l affezione verso lo sport. L acquisizione di meccanismi mentali favorisce un consolidamento della forza di volontà e consente una sua riconversione in passione, attivando l atleta nel giusto equilibrio psicofisico. La moderna concezione olistica del tennis, attribuisce all allenamento della mente, pari rilevanza rispetto alla componente tecnico tattica ed atletica, nel percorso formativo di un giocatore. Noi riteniamo basilare questo concetto, e questo studio, si pone l obiettivo di fornire ai tecnici, una proposta di protocollo di allenamento mentale adatto ad agonisti under 14/16 di alto livello, verificato sul campo e di concreta applicazione. Il metodo SFERA, oggetto dello studio, nasce dal lavoro diretto con atleti professionisti, allenatori e preparatori atletici operanti in diverse discipline sportive, tra le quali il tennis. Questo metodo vuole rappresentare una semplificazione di ciò che si fa quando si opera nel campo dell ottimizzazione della prestazione sportiva. 1

7 In un recente passato, si pensava erroneamente che l allenamento mentale fosse un aspetto secondario della pratica sportiva, rispetto ad altri fattori oppure che si trattasse di qualcosa di talmente complesso ed astratto che era inutile prendere in considerazione, come fosse un mondo a parte in cui gli allenatori non potessero o non dovessero entrare. Ancora adesso, c è l erronea convinzione che la preparazione mentale sia riservata solo agli atleti professionisti: educare, insegnare ai giovani atleti le proprie potenzialità mentali, rendendoli via via consapevoli che al pari delle abilità fisiche ci siano anche quelle mentali e che quest ultime possano essere allenate e quindi migliorate è una presa di coscienza importante da parte di chi si occupa di formazione sportiva. Le cose infatti stanno cambiando e l importanza della preparazione mentale è una convinzione sempre più largamente condivisa dai giocatori professionisti e dai coach. Il metodo SFERA, ideato dal prof. Vercelli, riconosce in un acronimo i cinque punti fondamentali per una buona preparazione mentale ( Sincronia, Forza, Energia, Ritmo, Attivazione). In realtà questi cinque fattori, sintetizzano in modo esaustivo tutto ciò che un atleta ha bisogno per realizzare la sua massima prestazione in campo. La SFERA è stata ideata raccogliendo l esperienza di numerosi atleti professionisti adulti e adesso è in via di sperimentazione con atleti di età compresa tra gli undici e diciotto anni, ai vertici della loro categoria. L obiettivo dello studio è presentare SFERA in modo esaustivo: 1) la base teorica; 2) la sua applicazione pratica; a. riscontrare, attraverso: la somministrazione di un questionario (vedi allegato), direttamente dalla voce dei giocatori under 14/16 allenati, l effettiva applicabilità del metodo Sfera, di supportare l atleta nella ricerca della massima prestazione a conferma di quanto lo staff tecnico ritiene in modo unanime; b. dimostrare l efficacia del metodo Sfera, attraverso la comparazione delle prestazioni (test quantitativi e qualitativi dettagliatamente specificati nel capitolo 5) tra un gruppo sperimentale ed un gruppo di controllo (6 ragazzi allenati con il metodo Sfera e 6 ragazzi dalle caratteristiche simili: età, classifica, carichi di allenamento). Da sottolineare il fatto che alcuni di essi sono stati inseriti nel gruppo di controllo, su esplicita richiesta dei loro genitori, alquanto scettici riguardo l effettiva efficacia del mental training. 2

8 CAPITOLO 1 BREVI CENNI STORICI ED INTRODUZIONE ALL ALLENAMENTO MENTALE L evoluzione della Psicologia dello Sport è riassumibile per sommi capi in tre fasi significative: 1) Nei primi anni del novecento, ogni innovazione e sviluppo concettuale relativo la psicologia generale, portava con sé un cambiamento deciso in ogni sua branca, compresa la Psicologia dello Sport ai suoi albori. Le esperienze di psicologia applicata seguivano fedelmente la concezione causale del pensiero che genera il comportamento dell individuo, basata sulle teorie del Comportamentismo e delle sue applicazioni, un tempo supportate dalle ricerche di Pavlov. 2) Negli anni Trenta, in America, vennero condotti i primi studi relativi alla concezione circolare della relazione tra pensiero e comportamento. Nacque così la cibernetica, scienza interdisciplinare che studia il funzionamento e le relazioni di qualsiasi sistema dinamico, semplice o complesso, prodotto dalla natura o dall uomo. La psicologia entra in relazione con la cibernetica nel momento in cui si occupa dei processi psicofisici di ricezione, analisi ed elaborazione delle informazioni. Tali processi sono innanzi tutto quelli cognitivi, come la percezione, il linguaggio, l apprendimento e la formazione dei concetti, che si fondano su un costante scambio di informazioni tra organismo e l ambiente. La nascita ufficiale della Psicologia dello Sport risale al 1965, anno in cui si costituì la International Society of Sport Psycology, che diede un primo sviluppo a questa disciplina tramite la costituzione di numerose società nazionali. In questi primi anni gli studi e le ricerche furono numerose e l attenzione dei professionisti si concentrò sullo studio della personalità dell atleta, sui meccanismi di percezione, sull influenza del movimento nello sviluppo dell intelligenza, sulle motivazioni e sulle emozioni. 3) Il presente della Psicologia dello Sport è costituito da una sempre maggiore attenzione alle tecniche di ottimizzazione della prestazione. Esse sono finalizzate alla costruzione di processi mentali che permettano di far corrispondere le potenzialità con l effettiva realizzazione nel momento della competizione. Un contributo determinante all attuale sviluppo della Psicologia dello Sport è dato dalle neuroscienze, branca della scienza estremamente giovane (nata nel 1962). La sua finalità, è scoprire i principi neuroscentifici che permettono di confermare come la 3

9 realtà dell individuo venga costruita all interno della mente. Wiener, introdusse una nuova concezione cognitiva e percettiva. La teoria dell osservatore e dell osservato. Egli sostiene che non è possibile, per qualunque sistema percettivo (osservatore), nell atto del percepire, prescindere dalla propria struttura interiore. Ogni percezione (osservato) dipende strettamente dalla struttura interna di chi percepisce. I traguardi conseguiti dalle neuroscienze, definiscono il cervello, nella sua struttura come nella sua funzione, può essere definito come un emulatore di realtà. La complessità della struttura mentale è sempre più riproducibile. Con il termine emulazione si intende la capacità del cervello di predisporre mappe mentali che integrino la rappresentazione soggettiva della realtà con quella universalmente condivisa. E per questo motivo che l emulazione della realtà genera creatività. Sarà proprio questa visione personale degli eventi, se in armonia con il sistema di appartenenza, a permettere la massima prestazione. 1.1 LA NUOVA PSICOLOGIA DELLO SPORT Ingredienti per creare una realtà vincente. Per apprendere come creare una realtà vincente è opportuno conoscere ed approfondire i principi che ci permettono, nella nostra routine di tutti i giorni, di costruire la realtà che percepiamo attorno a noi. La teoria costruttivista,( approccio teorico di riferimento) responsabilizza al massimo l individuo nella costruzione della sua realtà: nel nostro caso l atleta diventa attivo e responsabile nella costruzione della conoscenza. La realtà quindi è vista come qualcosa di soggettivo, in quanto è il soggetto stesso che crea, costruisce e inventa ciò che crede esista, dandole un senso e partecipando attivamente alla sua costruzione. I principi fondamentali del costruttivismo (Kelly, Varela, Foersters, Maturana etc.) possono essere così sintetizzati: partecipazione attiva dell individuo nella costruzione della conoscenza; esistenza di una struttura cognitiva di base che, in ogni soggetto, dà una determinata forma all esperienza; 4

10 visione dell uomo come un sistema auto-organizzantesi che protegge e mantiene la propria integrità. L individuo, e così anche l atleta, ha un ruolo attivo nella scelta delle mappe mentali da utilizzare. La nostra conoscenza e le nostre prestazioni si basano sui modelli di interpretazione che abbiamo adottato nella nostra storia evolutiva personale. Come dimostrano Maturana e Varela, il nostro è un organismo autopoietico, cioè che si auto-organizza per mantenere intatta la propria identità, a dispetto della realtà esterna. Ognuno di noi è, allo stesso tempo, il prodotto e il produttore di se stesso, rischiando, a volte, di cadere in auto-inganni inconsapevoli. Se accettiamo che ognuno di noi può inventare la propria realtà, come si può allora, intervenire per rendere questa costruzione massimamente adeguata alla prestazione e all ambiente in cui viviamo? La risposta è: divenendo consapevoli dei nostri meccanismi mentali per poterli controllare e modificare. Il modello costruttivista implica la destrutturazione e la ricostruzione di alcune convinzioni di alcuni presupposti fino ad oggi acquisiti. Occorrerà mettersi nella condizione del come se, fingendo che le cose siano in un determinato modo e compiendo una sorta di atto di fiducia nei confronti del costruttivismo. In seguito, si potrà analizzare criticamente il modello e interiorizzarlo così com è, oppure integrarlo con le proprie convinzioni, tenendo presente che esso non è l unico modello possibile e che con il tempo verrà sicuramente modificato. In questo particolare campo della psicologia applicata è straordinariamente vero il detto antico del saggio Lao-Tse: Ascolta e dimentica, guarda e ricorda, fai e capisci. 1.2 PROSPETTIVE FUTURE DELLA PSICOLOGIA DELLO SPORT I nuovi traguardi della Psicologia dello Sport sono da riferirsi al gran lavoro che può essere fatto, partendo dall esperienza dell atleta. 5

11 Il concetto costruttivista ci avvicina ad una realtà forte: tu sei il protagonista della realtà che ti circonda. Sono le esperienze che ci creano il mondo. L esperienza di ognuno costituisce il proprio mondo. Il mondo non può essere oggettivo, ma soggettivo, per ognuno di noi, poi condiviso oppure no. Kelly diceva: Noi siamo i migliori profeti di noi stessi e quindi siamo responsabili di quello che andiamo a vivere. Pertanto l atleta è responsabile del suo mondo, del suo successo ma anche del suo eventuale insuccesso. L atleta può costituire una realtà funzionale a sé, personale, sopra a tutte quelle che normalmente gli altri vedono. L atleta pensa che il mondo giri su di lui (anche se non è vero) e questo pensiero è vincente, cambiargli questa realtà può rovinarlo. La realtà è un opinione, quindi bisogna potenziare quest opinione e costruirgli la realtà a suo uso e consumo.( da Vincere con la mente G. Vercelli.) 6

12 CAPITOLO 2 ASPETTI MENTALI NEL TENNIS IL MENTAL TRAINING Attenzione e concentrazione Motivazione Visualizzazione Attivazione arousal Abilità Mental Training Dialogo interno Fiducia autostima Formulazione obiettivi Programma di Mental Training Marcella Bounous Il mental training nello sport è un allenamento mentale che aiuta a sviluppare e potenziare le proprie abilità mentali per affrontare con successo l impegno agonistico. La medicina e la psicologia dello sport sono andate negli ultimi anni ad assumere un sempre più marcato ruolo preventivo e riabilitativo nonché strettamente terapeutico. Di conseguenza le prestazioni degli atleti agonisti già dall età della specializzazione agonistica, ma in alcuni casi anche prima, hanno potuto beneficiare di nuovi studi scientifici estesi ben oltre le tradizionali applicazioni dell allenamento fisico. La psicologia dello sport si è occupata per prima delle tecniche di mental training creando una corrente di pensiero a cui hanno dato il proprio contributo diverse altre discipline: psicologia, psicologia del lavoro, neuroscienze, medicina dello sport e medicina riabilitativa, sociologia, pedagogia, scienze motorie, fisioterapia. 7

13 I servizi che la psicologia dello sport è attualmente in grado di fornire sono molteplici e anche gli ambiti di intervento si rivolgono a differenti aree che vanno dall educazione all alto agonismo passando per la prevenzione la formazione e l handicap. Negli ultimi anni il mental training nello sport in generale, ma soprattutto in quello di vertice, sta assumendo sempre più notorietà e legittimità scientifica grazie al lavoro di ricerca e formazione svolto da molti studiosi amanti dello sport del primo step d iniziazione a vertici di agonismo accentuati. Il mental training è una tecnica di intervento mediante la quale un professionista del settore addestra l atleta a percepire i cambiamenti del proprio organismo durante l attività fisica ed usarli a proprio vantaggio, mediante varie tecniche (rilassamento, concentrazione etc.) allo scopo di migliorare la performance e favorire un migliore stato mentale. L applicazione di queste tecniche è indispensabile negli atleti di alto livello per migliorarne le prestazioni, ma è utilizzata anche negli atleti che svolgono riabilitazioni post-infortuni ed addirittura negli atleti disabili. Le motivazioni più frequenti per cui è richiesto il mental training sono le difficoltà di concentrazione ed attenzione, di ansia, di problemi di relazione con l allenatore o semplicemente per completare un programma di allenamento fisico con l allenamento mentale. Ma tendenzialmente un atleta o un genitore o allenatore richiede un intervento di mental training quando nota una discrepanza tra prestazione potenziale con quella reale: quando quindi c è la consapevolezza che l atleta non riesce a portare in gara tutte le sue potenzialità. E raccomandabile che a gestire il mental training sia un professionista, sia esso (medico, psicologo, allenatore), che abbia dimestichezza e sia ben addestrato nella pratica di questa disciplina. Non sarebbe male, infatti, auspicare per l Italia, come già successo per i paesi anglosassoni, una maggiore divulgazione di queste tecniche scientifiche attraverso le scuole di mental training. Nello sport (già ve ne sono di altamente qualificate) che consentirebbero agli addetti ai lavori (tecnici, psicologi, allenatori) di avere un punto di riferimento dal quale attingere preziose informazioni. 8

14 2.1 UN PROGRAMMA DI MENTAL TRAINING SI ATTUA ATTRAVERSO ALCUNE FASI: 1) VALUTAZIONE DELL ATLETA: attraverso un colloquio si valutano alcuni elementi fondamentali che condizionano la prestazione dell atleta, quali personalità, talento, abilità cognitive e mentali, aggressività, capacità di resistenza all ansia e allo stress. 2) DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI SPORTIVI DA PERSEGUIRE (GOAL SETTING) E RUOLO DEL MENTAL TRAINING IN QUESTO PERCORSO: molte volte gli stessi atleti non definiscono accuratamente un adeguata scala degli obiettivi da perseguire durante la loro attività e questa scarsa capacità di pianificare degli specifici standard di abilità da raggiungere in un compito può compromettere l esito delle prestazioni. Spesso capita anche che non ci sia sincronia tra gli obiettivi dell atleta e dell allenatore: ecco perché è indispensabile che ci sia una stretta collaborazione tra lo staff e lo psicologo. Gli obiettivi devono essere definiti ed esplicitati da entrambi perché possano essere raggiunti. Gli obiettivi devono essere suddivisi in sotto-obiettivi a breve, medio e lungo termine, devono essere difficili ma raggiungibili, misurabile, tangibili, mirati al miglioramento graduale della prestazione più che al risultato. 3) INTERVENTO E FASI DI PREPARAZIONE DELL ATLETA ATTRAVERSO IL MENTAL TRAINING: l allenamento mentale deve camminare di pari passo con l allenamento tecnico e fisico, per gestire correttamente una buona preparazione mentale ci si potrà avvalere: a. Tecniche di rilassamento: che favoriscono il controllo dell ansia, la gestione dello stress e migliorano la concentrazione (training autogeno, rilassamento progressivo di Jacobson). Le tecniche di rilassamento precedentemente citate vengono utilizzate per prendere consapevolezza della tensione muscolare a riposo ed in attività (inventario corporeo), per gestire situazioni ansiogene o stressanti e sono preparatorie a qualsiasi attività immaginativa. b. Tecniche di preparazione specifica per la competizione: (Imagery, allenamento ideomotorio, respirazione, arousal). Gli atleti vengono progressivamente allenati alla rappresentazione mentale di immagini visive, inserendovi stimoli immaginativi che coinvolgono tutti i sensi (visivo, uditivo, tattile, olfattivo, cinestesico) e favorendo in questo modo un maggiore coinvolgimento emozionale e cognitivo da parte dell atleta. La capacità di visualizzare comprende 9

15 alcune attività applicabili allo sport fra cui l osservazione di altri atleti in azione seguita dalla ripetizione immaginata dalle sequenze motorie (allenamento ideomotorio), il passo successivo consisterà nell esecuzione pratica dell atleta del movimento prima osservato e poi visualizzato. c. La tecnica dell Imagery, preceduta sempre da una breve seduta di rilassamento viene anche utilizzata prima di una gara come momento di concentrazione e di visualizzazione. 2.2 INTERVENTI DI MENTAL TRAINING IN UN ATLETA AGONISTA: L applicazione delle tecniche di mental training si esplica in alcun punti fondamentali che è bene conoscere e rispettare: 1) Colloquio preliminare per la conoscenza dell atleta: analisi mestica per la valutazione globale dell atleta e della sua storia pregressa valutazione della personalità dell atleta per il miglior utilizzo delle tecniche di mental training; Questionari per la definizione degli obiettivi a breve, medio, lungo termine; Schede di autovalutazione sugli vari aspetti; Test per valutare le varie abilità mental. 2) Definizione degli obiettivi da raggiungere nella prestazione sportiva attraverso l allenamento sportivo e le tecniche di mental training. 3) Motivazione e autostima: incremento della motivazione e dell autostima attraverso il mental training ed il rilassamento distensivo; tecniche di concentrazione e di respirazione. 4) Attivazione dell energia mentale dell atleta durante la prestazione sportiva. 5) Potenziamento delle capacità di focalizzazione dell attenzione e di concentrazione durante la prestazione agonistica. 6) Gestione dell ansia e dello stress o di altri problemi legati alla personalità dell atleta: rilassamento distensivo. 10

16 2.3 CONCLUSIONI Lo scopo di un programma di mental training è insegnare all atleta, a conoscere, riconoscere pienamente le proprie potenzialità, a sfruttare al meglio durante la prestazione sportiva con la massima concentrazione e senza lasciarsi sopraffare dalle emozioni, ma imparando ad usarle a proprio vantaggio per il miglioramento della performance. Ricordo come ogni atleta è diverso dall altro e come un programma di mental training, per essere davvero efficace, deve essere costruito ad oc, personalizzato, fatto su misura per l atleta. Riassumendo, gli obiettivi da raggiungere attraverso il mental training sono: Gestione dell ansia; Maggiore conoscenza di se stessi e miglior controllo delle proprie emozioni; Aumento dell autostima; Monitoraggio delle soglie di stress (causate da ansia ); Controllo mentale della fatica atletica; Una maggiore concentrazione; Una maggiore capacità di attenzione; Ottimizzazione della prestazione atletica; Controllo del dolore acuto e cronico; Recupero degli atleti disabili; 11

17 CAPITOLO 3 IL METODO SFERA Parlando di allenamento mentale, come enunciato nella parte introduttiva, si ha l errata convinzione che si tratti di un mondo a parte in cui gli allenatori non possono e non devono entrare. Si pensa a volte che l allenamento mentale sia un aspetto della pratica sportiva che può essere secondario rispetto ad altri fattori oppure che si tratti di qualcosa di talmente complesso e astratto che è inutile prenderlo in considerazione. O ancora si pensa erroneamente che sia indirizzato esclusivamente ad atleti di alto livello. E cosa dire dell errata convinzione che le abilità mentali sono innate e non migliorabili? Le cose stanno cambiando velocemente, atleti, allenatori e addetti ai lavori stanno prendendo coscienza dell importanza dell allenamento mentale finalizzato al raggiungimento della massima prestazione (project work La mente al di la della rete ). Nel tennis, sport dal forte impatto mentale, è sempre più frequente, la presenza di uno psicologo sportivo nello staff di un giocatore professionista. La consapevolezza, largamente diffusa tra i coach ed i maestri di tennis, riguardo l importanza dell incremento delle capacità mentali alla pari di quelle tecnico-tattico ed atletiche sin dall inizio di un corretto percorso formativo di un giocatore ( project work La mente al di la della rete di Canavacciuolo, Rubino e Corolli), ha determinato la diffusione dell utilizzo del mental training nella programmazione degli allenamenti di giocatori under di alto livello. Il metodo SFERA, è inserito in via sperimentale nel tennis, dal 2006, nella programmazione dell allenamento del centro agonistico ASD LIBERA TENNIS di UDINE e del TENNIS CLUB MOGLIANO di TREVISO. La psicologa dello sport, Dott.ssa Marcella Bounous, segue in particolare un gruppo di giocatori under 12/14/16 di alto livello. Parte dell attività viene svolta in sinergia con il maestro, sul campo da tennis e parte a stretto contatto con il giocatore in aula. Il confronto costante e la fattiva collaborazione tra i componenti dello staff tecnico (psicologo, preparatore atletico e maestro) stanno alla base dell efficacia dell allenamento globale. Entrare nella SFERA della massima prestazione significa costruire uno stato mentale che porti alla più funzionale rappresentazione della realtà della prestazione agendo su ogni 12

18 fattore della SFERA, in modo responsabile e dedicando tutto il tempo necessario, l atleta diventa capace di calibrarsi rispetto al momento contingente costruendo la migliore relazione tra tutti i fattori della SFERA, proprio come quando, per accordare uno strumento musicale, si parte dal la per stabilire la relazione tra tutte le altre note della scala musicale (G. Vercelli) Cerchiamo di dare una breve definizione dei cinque fattori in modo da costruire un linguaggio comune e aver ben chiaro il lavoro che SFERA ci permette di svolgere. 3.1 BREVE DEFINIZIONE DEI CINQUE FATTORI CHE COMPONGONO LA S.F.E.R.A. S come sincronia: la sincronia è la capacità di essere completamente presente a ciò che sto facendo nel momento in cui lo sto facendo. Sono in sincronia ogni volta che penso all azione che sto svolgendo. La mia mente è concentrata su ciò che il mio corpo fa. Faccio e penso allo stesso tempo. Facciamo alcuni esempi di pensieri indicatori di una scarsa sincronia: ho paura di sbagliare, chissà cosa diranno gli altri se non faccio bene, non ho finito i compiti quindi è meglio che uscito dal campo vada a farli Questi, ovviamente, sono solo alcuni esempi che ci fanno capire però che ogni volta che siamo in scarsa sincronia la nostra mente non si sta concentrando sul momento presente ma si fissa su pensieri che appartengono a cose passate o a cose che dovranno ancora avvenire. In ogni caso, il risultato è che il mio corpo è qui e sta giocando e la mia mente sta pensando ad altro. Nello sport giovanile capita anche che l atleta non sia consapevole di cosa sta pensando e che quindi giochi senza sapere dove sono i suoi pensieri ( per questo è importante lavorare sul suo dialogo interno self talk ) F come punti di forza: i punti di forza sono quelle abilità di cui siamo assolutamente certi e sappiamo di poter usare a nostro vantaggio in ogni occasione. Riconosciamo nei nostri punti di forza ciò che fa la differenza rispetto agli altri. Ogni atleta ha sicuramente almeno tre punti di forza: uno fisico, uno tecnico e uno mentale. Troppo spesso ci dimentichiamo di che cosa siamo capaci e ci concentriamo 13

19 invece su tutto ciò che non sappiamo fare e quando scendiamo in campo siamo più preoccupati di quello che non ci riesce ( non mi va il servizio ) che non consapevoli di quello che riusciamo a fare. Il campione è colui che è perfettamente consapevole delle sue aree di miglioramento e in allenamento si concentra sul potenziamento di questi limiti, ma quando scende in campo ha la straordinaria capacità di concentrarsi solo su ciò che sa fare bene, dimenticando per un attimo tutto ciò che non va nel suo gioco ( G. Vercelli). In partita, quindi si va solo con i punti di forza. Facciamo degli esempi di pensieri che indicano una scarsa consapevolezza dei punti di forza: lui è più bravo di me, l altra volta ho perso e quindi anche questa volta perderò, non mi sento in palla sicuramente andrà male, sono troppo lento per riuscire a batterlo, non sono bravo di rovescio, a rete sbaglio tutto, ecc Ogni volta che la nostra mente, in occasione di una prestazione importante, si concentra su ciò che non sappiamo fare, noi ci indeboliamo e abbiamo più probabilità di fallire.. ricordo che sono proprio i punti di forza che ci permettono di aumentare la nostra autoefficacia. Ovviamente, nell identificare i nostri punti di forza dobbiamo scegliere dei punti che sentiamo nostri ( non solo perché ci viene confermato dall esterno) : è importante che l atleta riconosca le proprie capacità per poter definire gli obiettivi. E come Energia: l energia è la quantità di forza ci permette di svolgere un compito, per raggiungere un obiettivo, per muoverci e andare avanti. L energia fisica è ciò che consente il movimento corporeo ma l energia mentale è altrettanto fondamentale. Quante volte ci siamo trovati a dover fare qualcosa senza averne molta voglia e ci siamo sentiti stanchi ancora prima di iniziare. Eppure magari non avevamo fatto in precedenza lavori che ci avevano stancato in quel modo, eppure ci sentivamo stanchi. Questo è un esempio di poca energia. Al contrario invece può esserci capitato di svolgere un compito con tanto impegno e tanta passione da impiegare il 150% di noi. E alla fine, soddisfatti del risultato, ci sentivamo stanchissimi e privi di forze. Questo è un esempio di troppa energia che però porta allo stesso risultato che averne poca. L energia è collegata all attivazione o arousal (altra importantissima abilità mentale) che è il giusto livello di energia di cui abbiamo bisogno per affrontare un compito. 14

20 L atleta deve imparare a dosare in equa misura l energia per poter affrontare la prestazione nel migliore dei modi. Saper gestire un match significa saper gestire nei vari momenti la giusta energia, recuperando quando gli è permesso e spingendo quando a situazione lo richiede ( es: un corridore deve saper gestire la sua energia fisica e mentale s vuole portare a termine nel miglior modo possibile i 42 Km previsti). R come RITMO: Quale è la differenza tra Energia e Ritmo? L energia è la quantità dell energia, il ritmo è la qualità ( es: Nadal è un giocatore dotato della capacità di energia, mentre Federer è un ottimo esempio di giocatore dotato di un ottima capacità di ritmo nel femminile Williams e Hennin Immagina, ad esempio, di dover piantare un chiodo nel muro avendo a disposizione il miglior martello e il migliore chiodo possibile. Se hai poca energia non riesci a piantarlo, se ne hai troppa rischi di spaccare il chiodo nel muro. Il ritmo è ciò che genera il flusso giusto nella sequenza dei movimenti, la giusta alternanza tra il tenere il chiodo e il battere col martello. ( G. Vercelli). Fare le cose nel giusto ritmo significa saper alternare in modo equilibrato momenti di attività e momenti di pausa, seguendo quelle che sono sai le esigenze fisiologiche del nostro organismo e la capacità di lettura delle varie situazioni.. Non rispettare il proprio ritmo vuol dire fare le cose troppo velocemente oppure troppo lentamente, generando in entrambi i casi delle sensazioni sgradevoli. Nel caso di un ritmo troppo veloce si ha la sensazione di non riuscire a stare dietro agli eventi, ci si sente affannati, di corsa, nei casi estremi in ansia. Quando si mantiene un ritmo troppo lento invece si ha la sensazione di non andare avanti, il tempo non passa più, ci si sente lenti e appesantiti, a volte perfino annoiati. Spesso negli atleti adolescenti si nota che nel momento della difficoltà il loro ritmo viene accelerato (vanno più veloci. non si da tempo all organismo di recuperare, non si respira più in modo da far arrivare la massima quantità di ossigeno al cervello, non si approfitta dei moneti di pausa ): è importante aiutare ai ragazzi ad avere consapevolezza di questi loro atteggiamenti magari attraverso delle riprese video. A come ATTIVAZIONE: L attivazione ha a che fare con la passione che guida le attività che svolgono; è il motore motivazionale. È la massima espressione della passione che ci permette di superare i limiti, di allenarci duramente, di metterci in discussione e di ricominciare dopo un infortunio. 15

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

IMPARARE AD ESSER PIÙ MOTIVATO IN OGNI SITUAZIONE

IMPARARE AD ESSER PIÙ MOTIVATO IN OGNI SITUAZIONE IMPARARE AD ESSER PIÙ MOTIVATO IN OGNI SITUAZIONE di Claudio Belotti Self Help. Allenamenti mentali da leggere in 60 minuti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-426-0 Introduzione... 4 COME ESSERE

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli