5 CORSO PER TECNICI NAZIONALI DELLA FIT CON VALORE DI ALLENATORE DI QUARTO LIVELLO EUROPEO CONI - FIT. Anno 2008 PROJECT WORK

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "5 CORSO PER TECNICI NAZIONALI DELLA FIT CON VALORE DI ALLENATORE DI QUARTO LIVELLO EUROPEO CONI - FIT. Anno 2008 PROJECT WORK"

Transcript

1 5 CORSO PER TECNICI NAZIONALI DELLA FIT CON VALORE DI ALLENATORE DI QUARTO LIVELLO EUROPEO CONI - FIT Anno 2008 PROJECT WORK APPLICAZIONI DI UNO SPECIFICO PROTOCOLLO DI MENTAL TRAINING A GIOVANI DI ELEVATO LIVELLO COMPETITIVO I cinque fattori per la costruzione della S.F.E.R.A della massima prestazione Autori: E. Mellone, P. Stabile, M. Tositti Supervisore: Prof. M. Di Paolo Roma, novembre

2 ABSTRACT La finalità del project work, è fornire ai tecnici che condividono l idea che l alleanza mente e corpo sia la base per costruire la massima prestazione, un protocollo di mental training mirato a giocatori evoluti under 14/16, essenziale ed applicabile. Abbiamo scelto il metodo Sfera, teorizzato dal Prof. Vercelli e dal suo staff, presso l Università di Torino, poiché è un protocollo di recente concezione, applicato in vari abiti sportivi professionistici con risultati concreti (vedi interviste ad atleti professionisti Vincere con la Mente, Prof. G. Vercelli Ponte delle Grazie, Milano 2005). L obiettivo, oltre ad offrire realmente un protocollo di mental training applicabile sul campo, è verificarne l efficacia. Inizialmente abbiamo definito i capisaldi teorici del protocollo, gli obiettivi ed i percorsi da compiere per la loro realizzazione, fissati da un ampia progressione di esercizi di pratica attuazione in campo ed in setting protetto. Abbiamo applicato il protocollo, in stretta collaborazione con la Dott.ssa Marcella Bounous (Psicologa dello sport, docente universitaria) per un arco temporale di otto settimane (32 sedute) ad un Gruppo Sperimentale formato da sei giocatori under (età media 14,16 anni) denominato Mental Training affiancato nel programma di allenamento comune, da un gruppo formato da sei giocatori under (età media 15 anni) denominato gruppo di controllo. Il confronto della prestazione tecnica dei due gruppi al termine della programmazione, è stato utilizzato per misurare l efficacia del protocollo. Il piano prevedeva una comune programmazione di allenamento, differenziata esclusivamente nella parte iniziale: 40 minuti circa di mental training somministrato al Gruppo Sperimentale, mentre il Gruppo di Controllo procedeva direttamente all allenamento tecnico tattico. Il confronto, si è basato essenzialmente su un test quantitativo (esercizio del triangolo 50 palle a giocatore, 300 palle globali a test), ripetuto tre volte, per valutare un maggior numero di palle obiettivo (giorni alterni), all inizio (test iniziale) ed al termine (test finale) della periodizzazione (giugno-agosto). Abbiamo in seguito (non previsto inizialmente), somministrato a tutti i ragazzi impegnati nel programma, un test qualitativo (Questionario sulle abilità di Marina Gerin Birsa, 2006) per accreditare la percezione condivisa dai tecnici, di un cambiamento comportamentale positivo globale del Gruppo Mental Training, nella fase terminale della programmazione, in particolare: 1) la capacità attentiva; 2

3 2) la determinazione nel perseguire gli obiettivi delle esercitazioni tecnico-tattiche; 3) la motivazione. I risultati dei test evidenziano un incremento della prestazione tecnica (+ 2,51%) da parte del gruppo Mental Training rispetto all incremento compiuto dal gruppo di controllo. Da un analisi visiva comportamentale (in collaborazione con la dott.ssa Marcella Bounous), si è notato che il gruppo Mental Training, ha mantenuto un elevato equilibrio psico-fisico nell approccio ai test conclusivi. Va considerato inoltre che il gruppo Mental Training, ha ottenuto in tutte le abilità mentali una percentuale di grado superiore rispetto al gruppo di controllo. Il gruppo Mental Training è apparso motivato, in grado di gestire positivamente la pressione, ha perseguito gli obiettivi fissati con determinazione ed ha gestito efficacemente l attenzione. E la condizione ideale per la ricerca della massima prestazione. L alleanza mente e corpo è sostanziale per costruire ed ottenere la massima prestazione. Tale convincimento, oggi sempre più diffuso tra i coach, si è in noi notevolmente consolidato nella fase di realizzazione del project work. L alleanza tra mente e corpo va costruita su solide basi, iniziando a sviluppare e potenziare le abilità mentali sin dagli albori del percorso formativo di un giocatore. Il metodo Sfera, relativamente semplice nei contenuti e di pratica applicazione, potrebbe essere uno strumento efficace per perseguire questo scopo. RINGRAZIAMENTI Con sincera simpatia, ringraziamo tutti gli amici che ci hanno aiutato nella composizione del project work. Un ringraziamento particolare alla Dott.ssa Marcella Bounous per l inestimabile supporto nella parte applicativa del protocollo Sfera ; al Prof. Massimo di Paolo per l indispensabile sostegno e la preziosa assistenza nelle varie fasi della lavorazione ed infine Rosanna Lemmo per l essenziale aiuto nella parte informatica. 3

4 SOMMARIO ABSTRACT Introduzione... pag. 1 CAPITOLO 1 Brevi cenni storici ed introduzione all allenamento mentale La nuova psicologia dello sport Ingredienti per creare una realtà vincente Prospettive future della psicologia dello sport... 5 CAPITOLO 2 Aspetti mentali nel tennis. Il mental training Un programma di mental training si attua attraverso alcune fasi Interventi di mental training in un atleta agonista Conclusione CAPITOLO 3 Il metodo SFERA Breve definizione dei cinque fattori che compongono la SFERA SFERA: il meccanismo mentale del campione Il primo fattore: S come sincronia Fase di analisi della sincronia Il secondo fattore: in gara solo con i punti di forza Fase di analisi dei punti di forza Il terzo fattore: E come energia Aspetti teorici e riferimenti alle neuroscenze Fase di analisi dell energia Il quarto fattore: ogni azione con il giusto ritmo Aspetti teorici e riferimenti alle neuroscenze Fase di analisi del ritmo Quinto fattore: A come attivazione Fase di analisi dell attivazione

5 3.3 Esempi delle varie forme della sfera Scheda riassuntiva per la costruzione della S.F.E.R.A. della massima prestazione CAPITOLO 4 Applicazioni pratiche del metodo SFERA Esercizi teorici e pratici per allenare i cinque attrattori ) sincronia ) in gara solo con i punti di forza ) energia ) ritmo ) attivazione CAPITOLO 5 Controllo dell efficacia del metodo SFERA Test quantitativo (descrizione) Risultati Analisi della varianza Test qualitativo (descrizione) Il questionario sulle abilità mentali di marina Gerin Birsa, Chiave di lettura del test (scoring) Risultati Conclusioni e raccomandazioni considerazioni finali Considerazioni finali ALLEGATO: Essenza dell uno contro uno Tennis e schema a confronto

6 INTRODUZIONE Un atleta che vuole ottimizzare la propria prestazione deve conoscere innanzi tutto i propri processi mentali ed essere quindi capace di utilizzarli in modo efficace. Deve adottare un metodo e le rispettive tecniche che, se applicato correttamente, gli permette di avvicinarsi il più possibile allo stato di massima prestazione. Adottare un metodo significa pensare ed operare in modo coerente, costruendo una procedura che favorisca il cammino verso l obiettivo prefissato. Avere un metodo consente di comprendere chiaramente il percorso mentale da affrontare, sapendo in ogni istante ciò che è utile allo scopo e ciò che non lo è. Sicuramente, è la passione la migliore motivazione che stimola i giovani atleti a svolgere al meglio la propria attività. E il motore che alimenta gli allenamenti, l impegno e la volontà di competere: è ciò che ti spinge a metterti in discussione riconoscendo e superando i propri limiti. E la passione che permette al giovane atleta di coniugare l impegno sportivo con l impegno scolastico, assai gravoso nel caso in cui il ragazzo competa ad alto livello, di rinunciare alle frequentazioni al di fuori dell ambiente tennistico ed a svariate forme di divertimento, spesso inconciliabili con lo stile di vita dell atleta. Nel corso della carriera agonistica di un giocatore, però, può verificarsi che la passione attraversi momenti difficili e si attenui. In questo caso è la forza di volontà che alimenta l affezione verso lo sport. L acquisizione di meccanismi mentali favorisce un consolidamento della forza di volontà e consente una sua riconversione in passione, attivando l atleta nel giusto equilibrio psicofisico. La moderna concezione olistica del tennis, attribuisce all allenamento della mente, pari rilevanza rispetto alla componente tecnico tattica ed atletica, nel percorso formativo di un giocatore. Noi riteniamo basilare questo concetto, e questo studio, si pone l obiettivo di fornire ai tecnici, una proposta di protocollo di allenamento mentale adatto ad agonisti under 14/16 di alto livello, verificato sul campo e di concreta applicazione. Il metodo SFERA, oggetto dello studio, nasce dal lavoro diretto con atleti professionisti, allenatori e preparatori atletici operanti in diverse discipline sportive, tra le quali il tennis. Questo metodo vuole rappresentare una semplificazione di ciò che si fa quando si opera nel campo dell ottimizzazione della prestazione sportiva. 1

7 In un recente passato, si pensava erroneamente che l allenamento mentale fosse un aspetto secondario della pratica sportiva, rispetto ad altri fattori oppure che si trattasse di qualcosa di talmente complesso ed astratto che era inutile prendere in considerazione, come fosse un mondo a parte in cui gli allenatori non potessero o non dovessero entrare. Ancora adesso, c è l erronea convinzione che la preparazione mentale sia riservata solo agli atleti professionisti: educare, insegnare ai giovani atleti le proprie potenzialità mentali, rendendoli via via consapevoli che al pari delle abilità fisiche ci siano anche quelle mentali e che quest ultime possano essere allenate e quindi migliorate è una presa di coscienza importante da parte di chi si occupa di formazione sportiva. Le cose infatti stanno cambiando e l importanza della preparazione mentale è una convinzione sempre più largamente condivisa dai giocatori professionisti e dai coach. Il metodo SFERA, ideato dal prof. Vercelli, riconosce in un acronimo i cinque punti fondamentali per una buona preparazione mentale ( Sincronia, Forza, Energia, Ritmo, Attivazione). In realtà questi cinque fattori, sintetizzano in modo esaustivo tutto ciò che un atleta ha bisogno per realizzare la sua massima prestazione in campo. La SFERA è stata ideata raccogliendo l esperienza di numerosi atleti professionisti adulti e adesso è in via di sperimentazione con atleti di età compresa tra gli undici e diciotto anni, ai vertici della loro categoria. L obiettivo dello studio è presentare SFERA in modo esaustivo: 1) la base teorica; 2) la sua applicazione pratica; a. riscontrare, attraverso: la somministrazione di un questionario (vedi allegato), direttamente dalla voce dei giocatori under 14/16 allenati, l effettiva applicabilità del metodo Sfera, di supportare l atleta nella ricerca della massima prestazione a conferma di quanto lo staff tecnico ritiene in modo unanime; b. dimostrare l efficacia del metodo Sfera, attraverso la comparazione delle prestazioni (test quantitativi e qualitativi dettagliatamente specificati nel capitolo 5) tra un gruppo sperimentale ed un gruppo di controllo (6 ragazzi allenati con il metodo Sfera e 6 ragazzi dalle caratteristiche simili: età, classifica, carichi di allenamento). Da sottolineare il fatto che alcuni di essi sono stati inseriti nel gruppo di controllo, su esplicita richiesta dei loro genitori, alquanto scettici riguardo l effettiva efficacia del mental training. 2

8 CAPITOLO 1 BREVI CENNI STORICI ED INTRODUZIONE ALL ALLENAMENTO MENTALE L evoluzione della Psicologia dello Sport è riassumibile per sommi capi in tre fasi significative: 1) Nei primi anni del novecento, ogni innovazione e sviluppo concettuale relativo la psicologia generale, portava con sé un cambiamento deciso in ogni sua branca, compresa la Psicologia dello Sport ai suoi albori. Le esperienze di psicologia applicata seguivano fedelmente la concezione causale del pensiero che genera il comportamento dell individuo, basata sulle teorie del Comportamentismo e delle sue applicazioni, un tempo supportate dalle ricerche di Pavlov. 2) Negli anni Trenta, in America, vennero condotti i primi studi relativi alla concezione circolare della relazione tra pensiero e comportamento. Nacque così la cibernetica, scienza interdisciplinare che studia il funzionamento e le relazioni di qualsiasi sistema dinamico, semplice o complesso, prodotto dalla natura o dall uomo. La psicologia entra in relazione con la cibernetica nel momento in cui si occupa dei processi psicofisici di ricezione, analisi ed elaborazione delle informazioni. Tali processi sono innanzi tutto quelli cognitivi, come la percezione, il linguaggio, l apprendimento e la formazione dei concetti, che si fondano su un costante scambio di informazioni tra organismo e l ambiente. La nascita ufficiale della Psicologia dello Sport risale al 1965, anno in cui si costituì la International Society of Sport Psycology, che diede un primo sviluppo a questa disciplina tramite la costituzione di numerose società nazionali. In questi primi anni gli studi e le ricerche furono numerose e l attenzione dei professionisti si concentrò sullo studio della personalità dell atleta, sui meccanismi di percezione, sull influenza del movimento nello sviluppo dell intelligenza, sulle motivazioni e sulle emozioni. 3) Il presente della Psicologia dello Sport è costituito da una sempre maggiore attenzione alle tecniche di ottimizzazione della prestazione. Esse sono finalizzate alla costruzione di processi mentali che permettano di far corrispondere le potenzialità con l effettiva realizzazione nel momento della competizione. Un contributo determinante all attuale sviluppo della Psicologia dello Sport è dato dalle neuroscienze, branca della scienza estremamente giovane (nata nel 1962). La sua finalità, è scoprire i principi neuroscentifici che permettono di confermare come la 3

9 realtà dell individuo venga costruita all interno della mente. Wiener, introdusse una nuova concezione cognitiva e percettiva. La teoria dell osservatore e dell osservato. Egli sostiene che non è possibile, per qualunque sistema percettivo (osservatore), nell atto del percepire, prescindere dalla propria struttura interiore. Ogni percezione (osservato) dipende strettamente dalla struttura interna di chi percepisce. I traguardi conseguiti dalle neuroscienze, definiscono il cervello, nella sua struttura come nella sua funzione, può essere definito come un emulatore di realtà. La complessità della struttura mentale è sempre più riproducibile. Con il termine emulazione si intende la capacità del cervello di predisporre mappe mentali che integrino la rappresentazione soggettiva della realtà con quella universalmente condivisa. E per questo motivo che l emulazione della realtà genera creatività. Sarà proprio questa visione personale degli eventi, se in armonia con il sistema di appartenenza, a permettere la massima prestazione. 1.1 LA NUOVA PSICOLOGIA DELLO SPORT Ingredienti per creare una realtà vincente. Per apprendere come creare una realtà vincente è opportuno conoscere ed approfondire i principi che ci permettono, nella nostra routine di tutti i giorni, di costruire la realtà che percepiamo attorno a noi. La teoria costruttivista,( approccio teorico di riferimento) responsabilizza al massimo l individuo nella costruzione della sua realtà: nel nostro caso l atleta diventa attivo e responsabile nella costruzione della conoscenza. La realtà quindi è vista come qualcosa di soggettivo, in quanto è il soggetto stesso che crea, costruisce e inventa ciò che crede esista, dandole un senso e partecipando attivamente alla sua costruzione. I principi fondamentali del costruttivismo (Kelly, Varela, Foersters, Maturana etc.) possono essere così sintetizzati: partecipazione attiva dell individuo nella costruzione della conoscenza; esistenza di una struttura cognitiva di base che, in ogni soggetto, dà una determinata forma all esperienza; 4

10 visione dell uomo come un sistema auto-organizzantesi che protegge e mantiene la propria integrità. L individuo, e così anche l atleta, ha un ruolo attivo nella scelta delle mappe mentali da utilizzare. La nostra conoscenza e le nostre prestazioni si basano sui modelli di interpretazione che abbiamo adottato nella nostra storia evolutiva personale. Come dimostrano Maturana e Varela, il nostro è un organismo autopoietico, cioè che si auto-organizza per mantenere intatta la propria identità, a dispetto della realtà esterna. Ognuno di noi è, allo stesso tempo, il prodotto e il produttore di se stesso, rischiando, a volte, di cadere in auto-inganni inconsapevoli. Se accettiamo che ognuno di noi può inventare la propria realtà, come si può allora, intervenire per rendere questa costruzione massimamente adeguata alla prestazione e all ambiente in cui viviamo? La risposta è: divenendo consapevoli dei nostri meccanismi mentali per poterli controllare e modificare. Il modello costruttivista implica la destrutturazione e la ricostruzione di alcune convinzioni di alcuni presupposti fino ad oggi acquisiti. Occorrerà mettersi nella condizione del come se, fingendo che le cose siano in un determinato modo e compiendo una sorta di atto di fiducia nei confronti del costruttivismo. In seguito, si potrà analizzare criticamente il modello e interiorizzarlo così com è, oppure integrarlo con le proprie convinzioni, tenendo presente che esso non è l unico modello possibile e che con il tempo verrà sicuramente modificato. In questo particolare campo della psicologia applicata è straordinariamente vero il detto antico del saggio Lao-Tse: Ascolta e dimentica, guarda e ricorda, fai e capisci. 1.2 PROSPETTIVE FUTURE DELLA PSICOLOGIA DELLO SPORT I nuovi traguardi della Psicologia dello Sport sono da riferirsi al gran lavoro che può essere fatto, partendo dall esperienza dell atleta. 5

11 Il concetto costruttivista ci avvicina ad una realtà forte: tu sei il protagonista della realtà che ti circonda. Sono le esperienze che ci creano il mondo. L esperienza di ognuno costituisce il proprio mondo. Il mondo non può essere oggettivo, ma soggettivo, per ognuno di noi, poi condiviso oppure no. Kelly diceva: Noi siamo i migliori profeti di noi stessi e quindi siamo responsabili di quello che andiamo a vivere. Pertanto l atleta è responsabile del suo mondo, del suo successo ma anche del suo eventuale insuccesso. L atleta può costituire una realtà funzionale a sé, personale, sopra a tutte quelle che normalmente gli altri vedono. L atleta pensa che il mondo giri su di lui (anche se non è vero) e questo pensiero è vincente, cambiargli questa realtà può rovinarlo. La realtà è un opinione, quindi bisogna potenziare quest opinione e costruirgli la realtà a suo uso e consumo.( da Vincere con la mente G. Vercelli.) 6

12 CAPITOLO 2 ASPETTI MENTALI NEL TENNIS IL MENTAL TRAINING Attenzione e concentrazione Motivazione Visualizzazione Attivazione arousal Abilità Mental Training Dialogo interno Fiducia autostima Formulazione obiettivi Programma di Mental Training Marcella Bounous Il mental training nello sport è un allenamento mentale che aiuta a sviluppare e potenziare le proprie abilità mentali per affrontare con successo l impegno agonistico. La medicina e la psicologia dello sport sono andate negli ultimi anni ad assumere un sempre più marcato ruolo preventivo e riabilitativo nonché strettamente terapeutico. Di conseguenza le prestazioni degli atleti agonisti già dall età della specializzazione agonistica, ma in alcuni casi anche prima, hanno potuto beneficiare di nuovi studi scientifici estesi ben oltre le tradizionali applicazioni dell allenamento fisico. La psicologia dello sport si è occupata per prima delle tecniche di mental training creando una corrente di pensiero a cui hanno dato il proprio contributo diverse altre discipline: psicologia, psicologia del lavoro, neuroscienze, medicina dello sport e medicina riabilitativa, sociologia, pedagogia, scienze motorie, fisioterapia. 7

13 I servizi che la psicologia dello sport è attualmente in grado di fornire sono molteplici e anche gli ambiti di intervento si rivolgono a differenti aree che vanno dall educazione all alto agonismo passando per la prevenzione la formazione e l handicap. Negli ultimi anni il mental training nello sport in generale, ma soprattutto in quello di vertice, sta assumendo sempre più notorietà e legittimità scientifica grazie al lavoro di ricerca e formazione svolto da molti studiosi amanti dello sport del primo step d iniziazione a vertici di agonismo accentuati. Il mental training è una tecnica di intervento mediante la quale un professionista del settore addestra l atleta a percepire i cambiamenti del proprio organismo durante l attività fisica ed usarli a proprio vantaggio, mediante varie tecniche (rilassamento, concentrazione etc.) allo scopo di migliorare la performance e favorire un migliore stato mentale. L applicazione di queste tecniche è indispensabile negli atleti di alto livello per migliorarne le prestazioni, ma è utilizzata anche negli atleti che svolgono riabilitazioni post-infortuni ed addirittura negli atleti disabili. Le motivazioni più frequenti per cui è richiesto il mental training sono le difficoltà di concentrazione ed attenzione, di ansia, di problemi di relazione con l allenatore o semplicemente per completare un programma di allenamento fisico con l allenamento mentale. Ma tendenzialmente un atleta o un genitore o allenatore richiede un intervento di mental training quando nota una discrepanza tra prestazione potenziale con quella reale: quando quindi c è la consapevolezza che l atleta non riesce a portare in gara tutte le sue potenzialità. E raccomandabile che a gestire il mental training sia un professionista, sia esso (medico, psicologo, allenatore), che abbia dimestichezza e sia ben addestrato nella pratica di questa disciplina. Non sarebbe male, infatti, auspicare per l Italia, come già successo per i paesi anglosassoni, una maggiore divulgazione di queste tecniche scientifiche attraverso le scuole di mental training. Nello sport (già ve ne sono di altamente qualificate) che consentirebbero agli addetti ai lavori (tecnici, psicologi, allenatori) di avere un punto di riferimento dal quale attingere preziose informazioni. 8

14 2.1 UN PROGRAMMA DI MENTAL TRAINING SI ATTUA ATTRAVERSO ALCUNE FASI: 1) VALUTAZIONE DELL ATLETA: attraverso un colloquio si valutano alcuni elementi fondamentali che condizionano la prestazione dell atleta, quali personalità, talento, abilità cognitive e mentali, aggressività, capacità di resistenza all ansia e allo stress. 2) DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI SPORTIVI DA PERSEGUIRE (GOAL SETTING) E RUOLO DEL MENTAL TRAINING IN QUESTO PERCORSO: molte volte gli stessi atleti non definiscono accuratamente un adeguata scala degli obiettivi da perseguire durante la loro attività e questa scarsa capacità di pianificare degli specifici standard di abilità da raggiungere in un compito può compromettere l esito delle prestazioni. Spesso capita anche che non ci sia sincronia tra gli obiettivi dell atleta e dell allenatore: ecco perché è indispensabile che ci sia una stretta collaborazione tra lo staff e lo psicologo. Gli obiettivi devono essere definiti ed esplicitati da entrambi perché possano essere raggiunti. Gli obiettivi devono essere suddivisi in sotto-obiettivi a breve, medio e lungo termine, devono essere difficili ma raggiungibili, misurabile, tangibili, mirati al miglioramento graduale della prestazione più che al risultato. 3) INTERVENTO E FASI DI PREPARAZIONE DELL ATLETA ATTRAVERSO IL MENTAL TRAINING: l allenamento mentale deve camminare di pari passo con l allenamento tecnico e fisico, per gestire correttamente una buona preparazione mentale ci si potrà avvalere: a. Tecniche di rilassamento: che favoriscono il controllo dell ansia, la gestione dello stress e migliorano la concentrazione (training autogeno, rilassamento progressivo di Jacobson). Le tecniche di rilassamento precedentemente citate vengono utilizzate per prendere consapevolezza della tensione muscolare a riposo ed in attività (inventario corporeo), per gestire situazioni ansiogene o stressanti e sono preparatorie a qualsiasi attività immaginativa. b. Tecniche di preparazione specifica per la competizione: (Imagery, allenamento ideomotorio, respirazione, arousal). Gli atleti vengono progressivamente allenati alla rappresentazione mentale di immagini visive, inserendovi stimoli immaginativi che coinvolgono tutti i sensi (visivo, uditivo, tattile, olfattivo, cinestesico) e favorendo in questo modo un maggiore coinvolgimento emozionale e cognitivo da parte dell atleta. La capacità di visualizzare comprende 9

15 alcune attività applicabili allo sport fra cui l osservazione di altri atleti in azione seguita dalla ripetizione immaginata dalle sequenze motorie (allenamento ideomotorio), il passo successivo consisterà nell esecuzione pratica dell atleta del movimento prima osservato e poi visualizzato. c. La tecnica dell Imagery, preceduta sempre da una breve seduta di rilassamento viene anche utilizzata prima di una gara come momento di concentrazione e di visualizzazione. 2.2 INTERVENTI DI MENTAL TRAINING IN UN ATLETA AGONISTA: L applicazione delle tecniche di mental training si esplica in alcun punti fondamentali che è bene conoscere e rispettare: 1) Colloquio preliminare per la conoscenza dell atleta: analisi mestica per la valutazione globale dell atleta e della sua storia pregressa valutazione della personalità dell atleta per il miglior utilizzo delle tecniche di mental training; Questionari per la definizione degli obiettivi a breve, medio, lungo termine; Schede di autovalutazione sugli vari aspetti; Test per valutare le varie abilità mental. 2) Definizione degli obiettivi da raggiungere nella prestazione sportiva attraverso l allenamento sportivo e le tecniche di mental training. 3) Motivazione e autostima: incremento della motivazione e dell autostima attraverso il mental training ed il rilassamento distensivo; tecniche di concentrazione e di respirazione. 4) Attivazione dell energia mentale dell atleta durante la prestazione sportiva. 5) Potenziamento delle capacità di focalizzazione dell attenzione e di concentrazione durante la prestazione agonistica. 6) Gestione dell ansia e dello stress o di altri problemi legati alla personalità dell atleta: rilassamento distensivo. 10

16 2.3 CONCLUSIONI Lo scopo di un programma di mental training è insegnare all atleta, a conoscere, riconoscere pienamente le proprie potenzialità, a sfruttare al meglio durante la prestazione sportiva con la massima concentrazione e senza lasciarsi sopraffare dalle emozioni, ma imparando ad usarle a proprio vantaggio per il miglioramento della performance. Ricordo come ogni atleta è diverso dall altro e come un programma di mental training, per essere davvero efficace, deve essere costruito ad oc, personalizzato, fatto su misura per l atleta. Riassumendo, gli obiettivi da raggiungere attraverso il mental training sono: Gestione dell ansia; Maggiore conoscenza di se stessi e miglior controllo delle proprie emozioni; Aumento dell autostima; Monitoraggio delle soglie di stress (causate da ansia ); Controllo mentale della fatica atletica; Una maggiore concentrazione; Una maggiore capacità di attenzione; Ottimizzazione della prestazione atletica; Controllo del dolore acuto e cronico; Recupero degli atleti disabili; 11

17 CAPITOLO 3 IL METODO SFERA Parlando di allenamento mentale, come enunciato nella parte introduttiva, si ha l errata convinzione che si tratti di un mondo a parte in cui gli allenatori non possono e non devono entrare. Si pensa a volte che l allenamento mentale sia un aspetto della pratica sportiva che può essere secondario rispetto ad altri fattori oppure che si tratti di qualcosa di talmente complesso e astratto che è inutile prenderlo in considerazione. O ancora si pensa erroneamente che sia indirizzato esclusivamente ad atleti di alto livello. E cosa dire dell errata convinzione che le abilità mentali sono innate e non migliorabili? Le cose stanno cambiando velocemente, atleti, allenatori e addetti ai lavori stanno prendendo coscienza dell importanza dell allenamento mentale finalizzato al raggiungimento della massima prestazione (project work La mente al di la della rete ). Nel tennis, sport dal forte impatto mentale, è sempre più frequente, la presenza di uno psicologo sportivo nello staff di un giocatore professionista. La consapevolezza, largamente diffusa tra i coach ed i maestri di tennis, riguardo l importanza dell incremento delle capacità mentali alla pari di quelle tecnico-tattico ed atletiche sin dall inizio di un corretto percorso formativo di un giocatore ( project work La mente al di la della rete di Canavacciuolo, Rubino e Corolli), ha determinato la diffusione dell utilizzo del mental training nella programmazione degli allenamenti di giocatori under di alto livello. Il metodo SFERA, è inserito in via sperimentale nel tennis, dal 2006, nella programmazione dell allenamento del centro agonistico ASD LIBERA TENNIS di UDINE e del TENNIS CLUB MOGLIANO di TREVISO. La psicologa dello sport, Dott.ssa Marcella Bounous, segue in particolare un gruppo di giocatori under 12/14/16 di alto livello. Parte dell attività viene svolta in sinergia con il maestro, sul campo da tennis e parte a stretto contatto con il giocatore in aula. Il confronto costante e la fattiva collaborazione tra i componenti dello staff tecnico (psicologo, preparatore atletico e maestro) stanno alla base dell efficacia dell allenamento globale. Entrare nella SFERA della massima prestazione significa costruire uno stato mentale che porti alla più funzionale rappresentazione della realtà della prestazione agendo su ogni 12

18 fattore della SFERA, in modo responsabile e dedicando tutto il tempo necessario, l atleta diventa capace di calibrarsi rispetto al momento contingente costruendo la migliore relazione tra tutti i fattori della SFERA, proprio come quando, per accordare uno strumento musicale, si parte dal la per stabilire la relazione tra tutte le altre note della scala musicale (G. Vercelli) Cerchiamo di dare una breve definizione dei cinque fattori in modo da costruire un linguaggio comune e aver ben chiaro il lavoro che SFERA ci permette di svolgere. 3.1 BREVE DEFINIZIONE DEI CINQUE FATTORI CHE COMPONGONO LA S.F.E.R.A. S come sincronia: la sincronia è la capacità di essere completamente presente a ciò che sto facendo nel momento in cui lo sto facendo. Sono in sincronia ogni volta che penso all azione che sto svolgendo. La mia mente è concentrata su ciò che il mio corpo fa. Faccio e penso allo stesso tempo. Facciamo alcuni esempi di pensieri indicatori di una scarsa sincronia: ho paura di sbagliare, chissà cosa diranno gli altri se non faccio bene, non ho finito i compiti quindi è meglio che uscito dal campo vada a farli Questi, ovviamente, sono solo alcuni esempi che ci fanno capire però che ogni volta che siamo in scarsa sincronia la nostra mente non si sta concentrando sul momento presente ma si fissa su pensieri che appartengono a cose passate o a cose che dovranno ancora avvenire. In ogni caso, il risultato è che il mio corpo è qui e sta giocando e la mia mente sta pensando ad altro. Nello sport giovanile capita anche che l atleta non sia consapevole di cosa sta pensando e che quindi giochi senza sapere dove sono i suoi pensieri ( per questo è importante lavorare sul suo dialogo interno self talk ) F come punti di forza: i punti di forza sono quelle abilità di cui siamo assolutamente certi e sappiamo di poter usare a nostro vantaggio in ogni occasione. Riconosciamo nei nostri punti di forza ciò che fa la differenza rispetto agli altri. Ogni atleta ha sicuramente almeno tre punti di forza: uno fisico, uno tecnico e uno mentale. Troppo spesso ci dimentichiamo di che cosa siamo capaci e ci concentriamo 13

19 invece su tutto ciò che non sappiamo fare e quando scendiamo in campo siamo più preoccupati di quello che non ci riesce ( non mi va il servizio ) che non consapevoli di quello che riusciamo a fare. Il campione è colui che è perfettamente consapevole delle sue aree di miglioramento e in allenamento si concentra sul potenziamento di questi limiti, ma quando scende in campo ha la straordinaria capacità di concentrarsi solo su ciò che sa fare bene, dimenticando per un attimo tutto ciò che non va nel suo gioco ( G. Vercelli). In partita, quindi si va solo con i punti di forza. Facciamo degli esempi di pensieri che indicano una scarsa consapevolezza dei punti di forza: lui è più bravo di me, l altra volta ho perso e quindi anche questa volta perderò, non mi sento in palla sicuramente andrà male, sono troppo lento per riuscire a batterlo, non sono bravo di rovescio, a rete sbaglio tutto, ecc Ogni volta che la nostra mente, in occasione di una prestazione importante, si concentra su ciò che non sappiamo fare, noi ci indeboliamo e abbiamo più probabilità di fallire.. ricordo che sono proprio i punti di forza che ci permettono di aumentare la nostra autoefficacia. Ovviamente, nell identificare i nostri punti di forza dobbiamo scegliere dei punti che sentiamo nostri ( non solo perché ci viene confermato dall esterno) : è importante che l atleta riconosca le proprie capacità per poter definire gli obiettivi. E come Energia: l energia è la quantità di forza ci permette di svolgere un compito, per raggiungere un obiettivo, per muoverci e andare avanti. L energia fisica è ciò che consente il movimento corporeo ma l energia mentale è altrettanto fondamentale. Quante volte ci siamo trovati a dover fare qualcosa senza averne molta voglia e ci siamo sentiti stanchi ancora prima di iniziare. Eppure magari non avevamo fatto in precedenza lavori che ci avevano stancato in quel modo, eppure ci sentivamo stanchi. Questo è un esempio di poca energia. Al contrario invece può esserci capitato di svolgere un compito con tanto impegno e tanta passione da impiegare il 150% di noi. E alla fine, soddisfatti del risultato, ci sentivamo stanchissimi e privi di forze. Questo è un esempio di troppa energia che però porta allo stesso risultato che averne poca. L energia è collegata all attivazione o arousal (altra importantissima abilità mentale) che è il giusto livello di energia di cui abbiamo bisogno per affrontare un compito. 14

20 L atleta deve imparare a dosare in equa misura l energia per poter affrontare la prestazione nel migliore dei modi. Saper gestire un match significa saper gestire nei vari momenti la giusta energia, recuperando quando gli è permesso e spingendo quando a situazione lo richiede ( es: un corridore deve saper gestire la sua energia fisica e mentale s vuole portare a termine nel miglior modo possibile i 42 Km previsti). R come RITMO: Quale è la differenza tra Energia e Ritmo? L energia è la quantità dell energia, il ritmo è la qualità ( es: Nadal è un giocatore dotato della capacità di energia, mentre Federer è un ottimo esempio di giocatore dotato di un ottima capacità di ritmo nel femminile Williams e Hennin Immagina, ad esempio, di dover piantare un chiodo nel muro avendo a disposizione il miglior martello e il migliore chiodo possibile. Se hai poca energia non riesci a piantarlo, se ne hai troppa rischi di spaccare il chiodo nel muro. Il ritmo è ciò che genera il flusso giusto nella sequenza dei movimenti, la giusta alternanza tra il tenere il chiodo e il battere col martello. ( G. Vercelli). Fare le cose nel giusto ritmo significa saper alternare in modo equilibrato momenti di attività e momenti di pausa, seguendo quelle che sono sai le esigenze fisiologiche del nostro organismo e la capacità di lettura delle varie situazioni.. Non rispettare il proprio ritmo vuol dire fare le cose troppo velocemente oppure troppo lentamente, generando in entrambi i casi delle sensazioni sgradevoli. Nel caso di un ritmo troppo veloce si ha la sensazione di non riuscire a stare dietro agli eventi, ci si sente affannati, di corsa, nei casi estremi in ansia. Quando si mantiene un ritmo troppo lento invece si ha la sensazione di non andare avanti, il tempo non passa più, ci si sente lenti e appesantiti, a volte perfino annoiati. Spesso negli atleti adolescenti si nota che nel momento della difficoltà il loro ritmo viene accelerato (vanno più veloci. non si da tempo all organismo di recuperare, non si respira più in modo da far arrivare la massima quantità di ossigeno al cervello, non si approfitta dei moneti di pausa ): è importante aiutare ai ragazzi ad avere consapevolezza di questi loro atteggiamenti magari attraverso delle riprese video. A come ATTIVAZIONE: L attivazione ha a che fare con la passione che guida le attività che svolgono; è il motore motivazionale. È la massima espressione della passione che ci permette di superare i limiti, di allenarci duramente, di metterci in discussione e di ricominciare dopo un infortunio. 15

SFERA COACHING IL MODELLO SFERA

SFERA COACHING IL MODELLO SFERA IL MODELLO SFERA Questa sintesi viene utilizzata per la formazione degli allenatori che frequentano i corsi di Juventus University e fa particolare riferimento dunque all applicazione del modello nel mondo

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT Che cos è la psicologia dello sport? È una branca della psicologia che si occupa di studiare il comportamento umano legato all attività sportiva, intervenendo sugli aspetti psicologici,

Dettagli

come migliorare la PRESTAZIONE

come migliorare la PRESTAZIONE .... BIOFEEDBACK E SPORT:. come migliorare la PRESTAZIONE Ogni stimolo, ogni situazione scaturisce in noi una risposta a livello fisiologico, mentale ed emozionale. Questa risposta influenza il nostro

Dettagli

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 Marisa Muzio Via Bronzetti 11, 20129 Milano, Italia Mobile: +39 3395070433 Phone: 02 78621901 Fax: +39

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Motivazione e Atletica Leggera: la consapevolezza delle proprie risorse

Motivazione e Atletica Leggera: la consapevolezza delle proprie risorse Presenza ai Raduni Regionali Estivi a Schio ed Asiago Motivazione e Atletica Leggera: la consapevolezza delle proprie risorse Nel corso del raduno estivo 2010 si è idealmente proseguito il lavoro dell

Dettagli

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA Autostima = giudizio che ognuno dà del proprio valore ( dipende sia da fattori interni che esterni ) EricKson: la stima di sé deve venire da dentro, dal nocciolo di

Dettagli

Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti. Dott.ssa Claudia Fiorini, psicologa

Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti. Dott.ssa Claudia Fiorini, psicologa Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti Un po di teoria: cos è la motivazione L allenatore quale costruttore di un ambiente motivante Motivare la squadra e l atleta PER QUALE MOTIVO, QUESTA SERA,

Dettagli

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice?

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice? INTRODUZIONE Perché abbiamo stilato questo Codice? Con questo insieme di regole la società GSD MontecatiniMurialdo vuole avvicinarsi ai propri giovani calciatori, cercando di insegnare loro le fondamentali

Dettagli

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li Il Coaching nei Giochi Sportivi Perché un atleta si allena? Per far in modo che nell organismo avvengano dei cambiamenti tali da determinare un miglioramento della prestazione. Dr. Fabrizio Perroni, Ph.D.

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME SETTORE GIOVANILE E MINIBASKET EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME 1 CI RICORDIAMO I PRINCIPI FONDANTI DELL EASY BASKET. IL GIOCO CRITERI BASE PARTECIPAZIONE

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata

CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata Centro Regionale A.I.D.A.I. per le Marche 0733 239338 3381449353 - aidai.marche@libero.it Psicologa: Dott.ssa Federica Fini (n iscrizione Albo

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

CUS BARI BASKET DNA 2012/2013

CUS BARI BASKET DNA 2012/2013 CUS BARI BASKET DNA 2012/2013 Quale professionista? Dott. La Forgia Victor Psicologo e Formatore Coach Giovanni Putignano Allenatore Nazionale Basket Mental Coach Professionista Regole del nostro gruppo

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline?

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Ricordate qualche strategia che vi è stata particolarmente utile nel corso delle

Dettagli

Codice di Comportamento 2015

Codice di Comportamento 2015 Codice di Comportamento 2015 Raccolta di modi di agire ai quali tendere, frutto di una ricerca e del confronto con altre società sportive, non solo nel settore pallavolo. Polisportiva D. Borgo Virgilio

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

E TU, CHE DRAGO SEI? Formazione & Coach-Counselling PER BAMBINI, RAGAZZI, GIOVANI E GENITORI PRESENTA IL PROGETTO

E TU, CHE DRAGO SEI? Formazione & Coach-Counselling PER BAMBINI, RAGAZZI, GIOVANI E GENITORI PRESENTA IL PROGETTO Formazione & Coach-Counselling di Fabio Preti - Savignano sul Panaro (MO) Cell. 339 2822359 E mail: fabio.preti60@gmail.com Website: www.formazioneecoachcounselling.it PRESENTA IL PROGETTO E TU, CHE DRAGO

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

SO FAST MILE PROGRAMMA DI ALLENAMENTO DI 8 SETTIMANE

SO FAST MILE PROGRAMMA DI ALLENAMENTO DI 8 SETTIMANE SO FAST MILE PROGRAMMA DI ALLENAMENTO DI 8 SETTIMANE SINTONIZZIAMO LA TUA VELOCITÀ CORRERE IL MIGLIO PIÙ VELOCE PUÒ ESSERE UN BENEFICIO PER CHIUNQUE. INDIPENDENTEMENTE DA QUANTO TU SIA DIVERTENTE, RAPIDO,

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Super Memoria Copyright Oreste Maria Petrillo e Fabio Santoro www.successo3x.com

Super Memoria Copyright Oreste Maria Petrillo e Fabio Santoro www.successo3x.com Note legali Le strategie riportate in questo documento sono il frutto di anni di studi, quindi non è garantito il raggiungimento dei medesimi risultati. L autore si riserva il diritto di aggiornare o modificarne

Dettagli

ABITARE LA MENTE: L ATTEGGIAMENTO SPORTIVO

ABITARE LA MENTE: L ATTEGGIAMENTO SPORTIVO VALTER SARRO 2004 VALTER SARRO 2004 ABITARE LA MENTE: L ATTEGGIAMENTO SPORTIVO PRESTAZIONE vs PARTECIPAZIONE Giochi a somma zero = competizione Vincere a tutti i costi ha finito per coinvolgere anche i

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI

VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI VALUTAZIONE DELL IMPEGNO NELLE ATTIVITÀ SPORTIVE PER DISABILI INTELLETTIVI-RELAZIONALI, FISICI E SENSORIALI Seregni Roberta (Roberta.seregni@libero.it), M Martinelli Il presente lavoro di ricerca si è

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

COS E LA PSICOLOGIA DELLO SPORT? PERCHE NASCE?

COS E LA PSICOLOGIA DELLO SPORT? PERCHE NASCE? COS E LA PSICOLOGIA DELLO SPORT? Una disciplina scientifica giovane PERCHE NASCE? Perché risulta importante per la prestazione: alcuni atleti hanno risultati migliori di altri, nonostante un minor talento

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Il valore della diversità. La performance non codificata

Il valore della diversità. La performance non codificata I Il valore della diversità La performance non codificata Sono salito sulla cattedra per ricordare a me stesso che dobbiamo guardare le cose sempre da angolazioni diverse" Robin Williams in "L'attimo fuggente"

Dettagli

I documenti di www.mistermanager.it. Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE

I documenti di www.mistermanager.it. Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE I documenti di www.mistermanager.it Gli ingredienti per l allenamento per la corsa LE RIPETUTE Le Ripetute sono una delle forme di allenamento che caratterizzano i corridori più evoluti, in quanto partono

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

La seduta di allenamento tecnico tattico. Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011

La seduta di allenamento tecnico tattico. Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011 La seduta di allenamento tecnico tattico Corso Allenatore di primo grado Cremona 10 Aprile 2011 La capacità di prestazione sportiva rappresenta il grado di formazione di una determinata prestazione motoria

Dettagli

La comunicazione potente dei Coach

La comunicazione potente dei Coach La comunicazione potente dei Coach Il potere delle parole 13 Il Coaching può essere definito come una potente arte sull uso del potere delle parole. Quando si pratica il coaching con una persona si affrontano

Dettagli

99 idee per fare esercizi in classe

99 idee per fare esercizi in classe Metodologie e percorsi per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Wencke Sorrentino, Hans Jürgen Linser e Liane Paradies 99 idee per fare

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione A cura di Chiara Dicorato Rita Cioffi 19/01/12 Le otto

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Diagnosi : sindrome da alterazione globale dello sviluppo psicologico. Seguito dall insegnante di sostegno (già dallo scorso anno) per 16 ore settimanali. Inserito

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE

Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE Illusione reale Daniele Tuzi ILLUSIONE REALE manuale www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Daniele Tuzi Tutti i diritti riservati Dedicato a coloro che sanno come camminare nell Inferno di questi giorni

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor 2.5. Perché e in che modo le competenze pedagogiche sono importanti per i mentori che lavorano nella formazione professionale (VET) Tempistica Tempo totale 2 ore:

Dettagli

Corso Allenatori III livello. La Preparazione Mentale nel Tiro a Segno

Corso Allenatori III livello. La Preparazione Mentale nel Tiro a Segno Corso Allenatori III livello La Preparazione Mentale nel Tiro a Segno INTRODUZIONE LA PREPARAZIONE MENTALE NEL TIRO A SEGNO La preparazione mentale nello sport svolge un ruolo di primaria importanza nell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING Il biofeedback consiste nella retroazione di un processo fisiologico, rilevato su una persona, che normalmente si svolge fuori

Dettagli

Massimo Falegnami Operatore-Olistico

Massimo Falegnami Operatore-Olistico Massimo Falegnami Operatore-Olistico Chi è Massimo Falegnami Massimo Falegnami Nato a Prato il 01 Agosto 1960 Diploma di Designer conseguito all Istituto Callegari di Firenze Dopo una lunga carriera qualificata

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO www.lanotainpiu.it CONDIVIDERE LA MUSICA, PERCHE?: Aderire al lavoro comune e alle sue prerogative:

Dettagli

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE.

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. A cura di: Domenico Nigro. Direttore didattico e trainer della Scuola IN Counseling. Consulente aziendale. Life e Business Coach. INDICE Cap.1: Coaching &

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Compagni di Cordata. Prof. Stefano Dati. Roma. sport invernali per l empowerment e l inclusione delle diverse abilità

Compagni di Cordata. Prof. Stefano Dati. Roma. sport invernali per l empowerment e l inclusione delle diverse abilità Compagni di Cordata sport invernali per l empowerment e l inclusione delle diverse abilità Progetto Finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali legge 383/2000 F/2013 Prof. Stefano Dati

Dettagli

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Su ali di farfalla Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Schemi realizzati dall autrice. Laura Freni SU ALI DI FARFALLA Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Manuale www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Mental Training Olistico e programmazione neuro linguistica applicata allo sport

Mental Training Olistico e programmazione neuro linguistica applicata allo sport Libera Università del Volontariato e dell'impresa Sociale Corso di formazione Mental Training Olistico e programmazione neuro linguistica applicata allo sport Docente: Salvatore Rustici Sito internet:

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile Anna Fallco P sico lo g ia e B a sk et Presentazione La dottoressa Anna Falco è entrata a far parte dello staff della Squadra Nazionale A maschile nel

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB)

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Prot. N.3548 a/19 Atti Albo Pretorio Sito web PER I DOCENTI SCUOLA PRIMARIA (SECONDO BIENNIO) E SECONDARIA DI PRIMO GRADO Estratto da articolo di Cornoldi e al., 2010: Il primo strumento compensativo per

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

chi siamo SPORT GUIDELINES: PSICOLOGIA E COACHING AL SERVIZIO DELLO SPORT E DELLE AZIENDE

chi siamo SPORT GUIDELINES: PSICOLOGIA E COACHING AL SERVIZIO DELLO SPORT E DELLE AZIENDE chi siamo SPORT GUIDELINES: PSICOLOGIA E COACHING AL SERVIZIO DELLO SPORT E DELLE AZIENDE La psicologia ed il coaching si incontrano per assistere a 360 atleti, società sportive e aziende. SPORT GUIDELINES

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia)

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) modalità e mezzi per organizzare il lavoro didattico sull intercultura e sulla fiaba con i bambini, i genitori e

Dettagli

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL BAMBINO I giovani giocatori che frequentano la scuola calcio appartengono alla fascia di età classificata come età evolutiva. La letteratura sociologica identifica

Dettagli

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO Studiare non è tra le attività preferite dai figli; per questo i genitori devono saper ricorrere a strategie di motivazione allo studio, senza arrivare all

Dettagli

TIRO CLASSIFICAZIONE E DISTRIBUZIONE NELL ALLENAMENTO DURANTE LA STAGIONE

TIRO CLASSIFICAZIONE E DISTRIBUZIONE NELL ALLENAMENTO DURANTE LA STAGIONE Federazione Italiana Pallacanestro Comitato Nazionale Allenatori Di G. Gebbia con la collaborazione con R. Colli. TIRO CLASSIFICAZIONE E DISTRIBUZIONE NELL ALLENAMENTO DURANTE LA STAGIONE I diagrammi sono

Dettagli

L autoregolazione. Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento. Azioni orientative in aula dell apprendimento

L autoregolazione. Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento. Azioni orientative in aula dell apprendimento MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA L autoregolazione Azioni orientative in aula dell apprendimento Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento IL QUADRO DI RIFERIMENTO La nostra

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 Piano di Studio di Istituto SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PREMESSA Partendo dalle indicazioni delle Linee Guida per i Piani di Studio Provinciali del Primo ciclo di Istruzione,

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli