Rapporto di Ricerca CS N. Cocco, F. Dalla Libera

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto di Ricerca CS-2008-7. N. Cocco, F. Dalla Libera"

Transcript

1 UNIVERSITÀ CA FOSCARI DI VENEZIA Dipartimento di Informatica Technical Report Series in Computer Science Rapporto di Ricerca CS Novembre 2008 N. Cocco, F. Dalla Libera Folksonomie e classificazioni cooperative per il web 2.0 Dipartimento di Informatica, Università Ca Foscari di Venezia Via Torino 155, Mestre Venezia, Italy

2 Folksonomie e classificazioni cooperative per il web 2.0 Nicola Cocco Francesco Dalla Libera Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari di Venezia Rapporto di Ricerca CS Abstract L attuale sviluppo del web, che va sotto il nome di web 2.0, ha messo gli utenti al centro delle interazioni. Tra gli strumenti messi a disposizione degli utenti, si è affermato il concetto di folksonomia, che consente una classificazione cooperativa, libera e non vincolata dei vari oggetti presenti sulla rete. In quest ambito viene proposta un applicazione che presenta una nuvola dinamica di suggerimenti per l inserimento dei tag. L utente può specificare un tag, o una parte di esso, e la nuvola viene costruita on-the-fly mostrando i tag che contengono parte della stringa digitata. E un esempio di come utilizzando il numero di presenza di un tag sia possibile non solo stimolare l utente durante l inserimento, ma anche rivelargli quanto un tag digitato sia comune nel sistema. Introduzione Una folksonomia è un principio di categorizzazione guidato dagli utenti. Il termine è un neologismo derivante dalle parole folks e taxonomy, che si può tradurre letteralmente come classificazione cooperativa oppure classificazione gestita dagli utenti (Vander Wal [1]). Merholz [4] l ha definita anche come raccolta di metadati dalle masse di utenti (vedi anche Mathes [3, 8]). Diversamente da una tassonomia, che prevede un utilizzo vincolato di un insieme controllato e predefinito di termini nella classificazione, la folksonomia lascia libero l utente nella scelta dei termini da associare, come tag, ad una risorsa condivisa [5, 9]. L intento della folksonomia è quindi quello di creare una nuova metodologia di classificazione per semplificare la condivisione delle risorse da parte degli utenti. Viene quindi mantenuta e alimentata dagli utenti presupponendo che gli stessi daranno vita ad una categorizzazione più vicina alle loro visione e al loro concetto di condivisione delle risorse. Il modello risultante sarà una classificazione più rappresentativa, naturale e diversificata rispetto alla classica tassonomia. A partire da Wikipedia, Flickr, Technorati, Del.icio.us, molti sistemi hanno sviluppato un sistema di tagging che permette di assegnare metadati sotto forma di tag alle varie risorse senza nessuna restrizione di vocabolario. I tag vengono scelti e creati liberamente dalle parole chiave selezionate dall utente, rappresentando così la risorsa 1

3 dal proprio punto di vista. I tags sono così diventati per una grandissimo numero di utenti uno degli strumenti più comuni per annotare, classificare e organizzare risorse sul web. Il fenomeno del web 2.0 ha portato ad una svolta nella società dell informazione con una importante convergenza tra il mondo web dei professionisti e quello degli utenti [11]. La folksonomia può essere vista come il primo processo di espansione nella collaborazione sociale, garantendo potere agli utenti nella gestione dei propri contenuti, garantendo così un buon grado di auto-controllo [10]. Possiamo infine riassumere le sue principali caratteristiche in tre punti : assenza di una tassonomia imposta a priori, multi-referenza tra risorse e assenza di legami tipo classificazione lessicale ([7, 12, 13]). Folksonomia L idea di una classificazione libera da parte degli utenti è nata dalle potenzialità che si sono sviluppate nel web 2.0 attuale. Gli utenti utilizzano dei tag, o parole chiave, per classificare oggetti e risorse, come: immagini, video, indirizzi web e testi (vedi Figura 1). Non vi è nessuna restrizione nelle parole usate dagli utenti, permettendo così di utilizzare un proprio vocabolario per rendere più facile il ritrovamento della risorsa classificata (sia da parte dell utente stesso che da parte di altri utenti). Figura 1: Struttura di una folksonomia Le caratteristiche principali di una folksonomia si possono riassumere in : Bottom-up, creata dagli utenti del sistema Non esiste un vocabolario prefissato dei tag Nessuna struttura di classificazione Nessuna relazione diretta tra i diversi tag Nessuna autorità Distribuzione dei contenuti Collaborazione Auto training degli utenti 2

4 I sistemi di classificazione cooperativa includono un vasto insieme di risorse eterogenee classificate e arricchite dai tag della comunità di utenti. Abbiamo così degli aspetti collaborativi rilevanti quali : Possibilità di associare tag ai contenuti di altri utenti Immediatezza nel feedback : possibilità di vedere sia tutti i contenuti legati ad uno stesso tag che tutti i tag associati allo stesso contenuto. Questo genera un particolare auto-training negli utenti: una volta associato un tag l utente può subito vedere l insieme di risorse associato ad esso e quindi capire se la propria risorsa è coerente con tale insieme. Comunicazione tra utenti mediata dai tag : realizza un ciclo continuo di feedback e apre la negoziazione sui tag. Un utente ha infatti la possibilità di aggiungere un nuovo tag restando libero nella proprie scelte sulle parole da utilizzare. Sistemi di tagging All interno di una folksonomia i tag possono assumere vari significati in base al modello di utilizzo degli stessi: si possono evidenziare tre macro categorie di folksonomia di uso corrente nei sistemi attuali. a - folksonomia personale La folksonomia personale consiste nell utilizzare dei tag per classificare risorse personali in un ambito privato. C è poco di folks in un approccio di questo tipo; il sistema di tagging, dal lato utente-proprietario, resta comunque gestito come per una folksonomia. In Google Gmail, ad esempio, è possibile specificare dei tag, chiamati etichette, da associare alle proprie . Ogni può avere una o più etichette associate e nella colonna del menu l utente ritrova la lista delle proprie etichette. La lista delle etichette visualizza tutte le associate a quella etichetta. Il vero spirito della folksonomia si percepisce appena in un sistema chiuso senza possibilità di condivisione dei tag e senza interazione. In sistemi come questo, dove si hanno risorse non condivisibili, l effetto dell utilizzo di tag è una semplice evoluzione di categorie personali. b - folksonomia ristretta In questo tipo di folksonomia, solitamente, è l utente, che condivide la risorsa, ad associarle i tag iniziali con l intento di guidare gli altri utenti alla propria risorsa. In questo scenario i tag sono legati principalmente alla risorsa condivisa da un utente e quindi non mantengono la relazione di appartenenza all utente che ha compiuto l assegnazione. I tag inoltre sono univoci: per ogni singola risorsa il sistema non accetta tag uguali. Nell esempio della Figura 2, l autore ha condiviso una risorsa, una fotografia, alla quale ha assegnato due tag sunset e landscape. L utente Bob decide di aggiungere altri due tag alla risorsa: minimal e nature. L utente Alice in questo scenario non può aggiungere il proprio tag sunset in quanto la risorsa ha già un tag uguale specificato. 3

5 In questo caso i tag portano da un insieme di risorse alla risorsa e viceversa ma non vi è legame tra il tag e l utente che lo ha assegnato. Figura 2: Singola associazione di tag per risorsa La tipologia di folksonomia ristretta viene scelta come integrazione in un sistema che ha altre funzionalità di collegamento al suo interno. Nel caso di flickr (che utilizza questa tipologia di folksonomia) utenti e risorse sono collegati tramite il sistema di commenti alle risorse e ai gruppi. c - folksonomia vasta In questo caso ogni utente ha il proprio insieme di tag associati alle risorse proprie e condivise. E possibile per ogni utente associare in ogni caso tag personali a risorse altrui: i tag quindi non sono univoci. Sarà quindi sempre possibile risalire a tutti gli utenti che hanno associato un dato tag e ad esempio contare quanti tag dello stesso tipo sono associati ad una risorsa. Figura 3: Associazioni di tag indipendenti In questo esempio Bob e Alice hanno entrambi condiviso un indirizzo URL (come potrebbe succedere in del.icio.us) e hanno assegnato i propri tag alla risorsa condivisa. Ogni utente ha le proprie risorse condivise, confrontabili con quelle di altri utenti e questo permette di considerare tag identici, assegnati da utenti diversi, per una stessa 4

6 risorsa. E possibile quindi leggere i tag associati alla risorsa che avrà visualizzato un unico tag apple che permette di arrivare ai due o più utenti che hanno assegnato quel tag (vedi Figura 4). Figura 4: Percorso dalla risorsa agli utenti Questo è il sistema adottato da del.icio.us in cui è possibile visualizzare gli utenti associati ad un ben determinato tag. Requisiti di base per i modelli di rappresentazione Il modello di folksonomia comprende sempre tre entità base: i tag, gli utenti e le risorse. Tra queste tre entità sono presenti associazioni che è possibile rappresentare come funzioni del modello generale. Si prenda subito atto che l insieme dei tag, che è la rappresentazione della conoscenza collettiva nel nostro modello, non può essere rappresentata tramite un modello utilizzato per un sistema di catalogazione standard [5]. I termini nel nostro insieme di tag non sono fissati a priori e non c è nessuna forma di accordo tra gli utenti sulle parole da utilizzare come tag. E possibile allora definire i requisiti funzionali di una folksonomia [14]. Le tre entità in relazione tra loro all interno di una folksonomia sono : - UTENTI - TAG - RISORSE L operazione di tagging (aggiunta da parte di un utente di un tag ad una risorsa) può essere rappresentata tramite la funzione TAG (u, t, r ) 5

7 Figura 5: Relazioni in una folksonomia Questa funzione rappresenta il concetto di associazione utente-risorsa, per studiarne le proprietà è bene scomporre la funzione : τ associa un tag t ad una risorsa r e la funzione Υ che associa un utente ai tag assegnati. Modello gerarchico a classi Questo modello, elaborato recentemente da Chen e Yao [2], si fonda sulla struttura gerarchica dei dati basandosi sulle relazioni tra oggetti e attributi. Tale modello di base spiega come è possibile raggruppare oggetti e attributi all interno di classi di equivalenza basate su relazioni di equivalenza: tramite le relazioni d ordine sarà poi possibile stabilire la struttura gerarchica delle classi di equivalenza. Questo modello è legato alla rappresentazione dei concetti nel campo dell informatica cognitiva, tuttavia è stato comunque proposto come modello di partenza per la rappresentazione delle associazioni all interno di una folksonomia. Oggetti equivalenti e gli attributi equivalenti saranno raggruppati in relative classi di oggetti equivalenti e classi di attributi equivalenti. Le gerarchie delle classi di oggetti e delle classi di attributi saranno quindi basate su delle relazioni d ordine. Modello tramite ipergrafi Per rappresentare la rete di associazioni che si sviluppa all interno di una folksonomia si può utilizzare un ipergrafo tripartito, in cui ogni arco rappresenta l associazione tra un certo oggetto e un certo utente tramite un tag [16]. Un ipergrafo è una generalizzazione di un grafo dove gli archi possono connettere un numero qualsiasi di vertici. L insieme dei vertici nel nostro caso viene partizionato in tre insiemi disgiunti: U = { u1,...,uk } T = { t1,...,tk } R = { r1,...,rk } Rispettivamente l insieme degli utenti (U), dei tag (T) e delle risorse (R). In un sistema di tagging gli utenti possono associare i tag alle risorse, creando così una terna tra l utente, il tag e la risorsa definendo la relazione ternaria Y: Y U T R La folksonomia F può quindi essere definita: F := (U, T, R, Y) 6

8 Questa rappresentazione è quella che più si adatta al nostro sistema, tuttavia lavorare con un modello di ipergrafi e iperarchi non è molto funzionale soprattutto quando il sistema cresce. Conviene quindi convertire l ipergrafo in tre grafi bipartiti: il grafo UT, che rappresenta le associazioni tra utenti e tag, il grafo RT tra tag e risorse e il grafo UR tra utenti e risorse. Applicazioni del modello I due modelli precedenti, pur permettendo entrambi di rappresentare le relazioni tra i tre elementi fondamentali di una folksonomia, non hanno però la stessa potenza espressiva. Le relazioni sono la chiave stessa della folksonomia: un tag non ha nessuna potenzialità se non viene associato ad una risorsa web. Si è scelto di approfondire le applicazioni del modello di rappresentazione a grafi in quanto permette di analizzare le reti di affiliazione generate dalle associazioni tra utenti, tag e risorse. Le reti di affiliazione nell analisi dei fenomeni sociali offrono notevoli vantaggi descrittivi, per questo hanno dato buoni risultati anche nell analisi di una folksonomia [15, 16, 17, 18, 19]. Riassumendo i concetti fondamentali delle analisi derivate dal modello a ipergrafi, ecco cosa si può trarre dalle associazioni tag-risorse, utente-risorse e utente-tag. TAG-RISORSE (utente) Preso un utente u e ricreata la propria rete bipartita tag-risorse si può analizzare il grafo delle associazioni tag-tag e il grafo delle associazioni risorsa-risorsa. Associazioni risorse Permette di stabilire la vicinanza tra le risorse di un utente. Maggiore è il numero di tag comuni a due risorse più forte sarà il legame tra le due risorse. In questo modo possiamo individuare risorse simili nella classificazione di un utente. Associazioni tag Permette di stabilire il grado di similitudine tra due tag espresso da un utente. Il legame tra due tag cresce in base al numero delle risorse comuni che entrambi identificano. Questo permette di capire i tag che un utente ritiene simili o meno. Se si rappresentano queste associazioni senza il vincolo della prospettiva dall utente u si ha la visione globale di similitudine tra risorse e tag presenti nel sistema. UTENTI-RISORSE (tag) Preso un tag t e ricreata la propria rete bipartita utenti-risorse possiamo analizzare il grafo delle associazioni utenti-utenti e il grafo delle associazioni risorsa-risorsa. 7

9 Associazioni utenti Permette di stabilire la vicinanza tra gli utenti in base alle risorse condivise. Questo ci permette di vedere i legami tra gli utenti rispetto alle risorse comuni che hanno taggato. E possibile che nel grafo si formino dei cluster relativi a utenti che hanno un dato numero di risorse condivise sotto un tag comune. Ogni raggruppamento può identificare un uso concettuale diverso per lo stesso tag. Associazioni risorse Il legame tra due tag cresce in base al numero degli utenti comuni che hanno taggato in comune una risorsa. Questo permette di capire come un tag viene utilizzato dagli utenti sulle risorse e anche in questo caso può essere utile per analizzare fenomeni di ambiguità legati ad un tag. UTENTI-TAG (risorsa) Presa una risorsa r e ricreata la propria rete bipartita utenti-tag si può analizzare il grafo delle associazioni utenti-utenti e il grafo delle associazioni tag-tag. Associazioni utenti Permette di stabilire la vicinanza tra gli utenti in base alle tag associati. Questo ci permette di vedere i legami tra gli utenti rispetto ai tag che hanno associato ad una risorsa. Questo permette di vedere come gli utenti classificano una risorsa, se si trovano più gruppi abbiamo un caso di più concetti associati alla stessa risorsa come accadeva nella rappresentazione di URt Associazioni tag Il legame tra due tag cresce in base al numero degli utenti comuni che hanno utilizzato lo stesso tag sulla risorsa r. Applicazioni del modello: un aiuto per l ambiguità Un problema che hanno questi sistemi di classificazione cooperativa, deriva dall esistenza di tag ambigui, tag cioè che rappresentano concetti diversi da utente a utente. Ad esempio il tag opera può rappresentare tanto il browser web quando un genere di rappresentazione musicale. L utente associa un concetto ad un tag in base alla risorsa che si ritrova a descrivere. I tag essendo parole possono avere significati ambigui. L ambiguità viene risolta dall utente nel confrontare la risorsa con i tag associati. E possibile individuare l ambiguità di un tag attraverso un analisi dei dati del modello. T. Gruber [6] ha svolto un test sull analisi dell ambiguità del tag sf (San Francisco oppure Science Fiction), analizzando dati raccolti dal sito del.icio.us. Sono state costruite rispettivamente la rete di affiliazione degli utenti e la rete di affiliazione delle risorse, che sono state esaminate con il software di analisi Pajek [19]. 8

10 Nella Figura 6 i nodi rappresentano i documenti collegati tra loro in quanto l utente ha taggato entrambi con il tag sf. Gli archi sono pesati dal numero di utenti che hanno eseguito questa associazione. Figura 6: Co-affiliazione delle risorse su tag sf Vi sono due concetti distinti legati allo stesso tag, assunzione confermata dalla presenza di due cluster. Il significato dei numerosi archi tra i due gruppi è dato dalla presenza di risorse legate alle due diverse interpretazioni del tag sf : la rappresentazione grafica del modello mette quindi in luce questi due concetti distinti legati allo stesso tag. Una nuova applicazione del modello Oltre alle tradizionali applicazioni socio-statistiche di analisi a posteriori sull uso di una folksonomia da parte di una comunità di utenti, ci si può chiedere se sia possibile applicare il modello per semplificare la navigazione e l utilizzo dei tag da parte dell utente. Le due fasi principali nelle quali l utente si trova coinvolto sono: l inserimento dei tag e l utilizzo dei tag per la navigazione tra le risorse. 1 - Inserimento dei tags Si è già accennato ai problemi relativi alla totale libertà nell inserimento dei tag da parte dell utente. Avendo a disposizione tutti i dati di una folksonomia, è possibile aiutare l utente in questo processo? Si hanno due casi : la risorsa viene condivisa dall utente La risorsa quindi è sprovvista di tag. Consultando la base di dati delle informazioni associate (utenti, tag, risorse) non ci si può basare sulla risorsa per suggerire dei tag all utente, in quanti questa è unica e non presente con altre classificazioni. Quello che, in questi casi, si può fare per migliorare lievemente 9

11 l inserimento è quella di proporre all utente alcuni dei tag da lui più usati. Non è di grande aiuto ma può comunque favorire il ri-utilizzo di alcuni tag utilizzati spesso dall utente. l utente incontra una risorsa già condivisa L utente si trova quindi a taggare una risorsa già presente nel sistema. Se la risorsa non ha alcun tag associato ci si trova nello scenario precedente. Non è possibile aiutare l utente se non proponendo dei tag della propria personomia 1 utilizzati di frequente. Questo accade già nel sistema di flickr dove all utente vengono proposti alcuni dei tag da lui più spesso utilizzati. Se sono presenti già dei tag associati alla risorsa forse è possibile fare qualcosa di più. Se si sta visualizzando una risorsa già condivisa si potrebbe sfruttare il legame presente tra tag-risorse legato alla risorsa stessa. In questo modo tramite l analisi della rete di affiliazione tag-risorse si potrebbero suggerire dei tag vicini a quelli già associati alla risorsa 2 - browsing delle risorse Nella maggior parte dei sistemi, dato uno specifico tag è possibile consultare le risorse che ne risultano associate. Le risorse restituite possono essere ordinate tramite criteri quali più recente oppure più interessante. Il grado di interesse, nel caso specifico di flickr, è probabilmente calcolato in base al numero di visite che la risorsa riceve e al numero di preferenze assegnate dagli utenti: ogni utente infatti può esprimere una preferenza personale rispetto ad una qualsiasi risorsa. Un passo successivo può essere quello di suggerire, anche in questo caso, dei tag vicini a quello cercato. Dall analisi precedente, nella rete di affiliazione tag-risorse, si presuppone che risorse classificate con tag uguali siano simili tra loro. Nella Figura 7, utilizzando sempre il modello a ipergrafi, si può vedere come calcolando la distanza tra i tag connessi tra loro sia possibile dare dei suggerimenti all utente. 1 ambiente informativo personale 10

12 Figura 7: Relazioni tra i tag In questo esempio, se si suppone che la risorsa sia già taggata con il termine sailing, il sistema potrebbe suggerire all utente le parole : blashford, clouds, spinnaker, ringwood, lake e 17-40mm. Incrementando o diminuendo la distanza accettabile si potrà ampliare o meno il numero e la similarità dei tag proposti all utente. Può capitare, e in un sistema di questo tipo capiterà spesso, che vengano proposti termini non coerenti per l utente che sta visitando la risorsa come ad esempio 17-40mm. Tuttavia questo fa parte della folksonomia stessa e dell apertura di questo metodo di classificazione. Il raggruppamento delle risorse e le liste di tag che possono essere proposte all utente non potranno mai avere un livello preciso di coerenza: ci si trova appunto in una folksonomia e non in un sistema di classificazione rigido. In sistemi di folksonomia vasta, ove è possibile confrontare anche l insieme delle risorse, è possibile valutare l ambiguità di un tag. Questo può permettere di suddividere i risultati di visualizzazione relativi alla scelta di un tag in sottogruppi derivanti dalle interpretazioni che possono essere rilevate dalla rete di affiliazione utente-risorse relativa ad un tag. Nuvola di suggerimenti La fase di inserimento deve restare più libera possibile altrimenti si corre il rischio di uscire dal concetto di folksonomia. Un aiuto può essere dato sotto forma di suggerimento. Alcuni siti come flickr e del.icio.us, forniscono già forme di suggerimento che affiancano l utente nella scelta dei tags. Proponiamo ora un avanzamento rispetto ai metodi statici di suggerimento tramite una nuova applicazione che chiameremo nuvola di suggerimenti. Il concetto è molto semplice: durante la digitazione di un tag, o parte di esso, da parte dell utente, viene generata una nuvola dinamica di termini che prende forma sulla base delle lettere inserite. Utilizzando una metafora ormai corrente, la dimensione delle 11

13 parole suggerite è proporzionale al numero di occorrenze del tag stesso: l utente si rende subito conto se un tag che sta digitando risulta più o meno utilizzato nel sistema. Questo tipo di applicazione (vedi Figura 8) può incrementare il feeling dell utente con il sistema incrementando, probabilmente, anche la qualità del tagging o del browsing. Figura 8: Nuvola di suggerimenti Acquisizione dei dati L implementazione dell applicazione che realizza le funzionalità sopra descritte richiede la presenza dei dati tipici di una folksonomia. Per non ricreare a caso questa base informativa, si è scelto di scaricare un esempio di folksonomia prendendola da flickr, in quanto fornisce per l accesso ai propri dati sia un feed RSS che un insieme di API [20], che consentono quindi un interfacciamento strutturato e standard. La raccolta delle informazioni necessarie è operata da un crawler (script PHP) che raccoglie i dati tramite le API e li salva in un database MySQL. Lo schema di raccolta dei dati è il seguente: Figura 9: Schema raccolta dati Poichè flickr utilizza un modello di folksonomia ristretta, i tag sono legati alla risorsa che risulta essere l unico tramite tra tag e utente. Si perde quindi traccia dell utente che 12

14 assegna un tag. Inoltre le risorse condivise sono fotografie, un tipo di dato univoco, e non sono presenti risorse uguali condivise da più utenti come può accadere in del.icio.us. Struttura degli script della nuvola di suggerimenti L applicazione si basa su 4 script PHP che si occupano di leggere ed elaborare i dati dal database MySQL. Per gestire l aggiornamento in real time della nuvola di suggerimenti si utilizza la tecnologia AJAX tramite le librerie script.acolo.us [21]. La struttura dell applicazione è la seguente: Figura 10: Struttura della nuvola di suggerimenti L utente utilizza la pagina principale index.php per immettere il proprio tag e visualizzare la nuvola dei suggerimenti. L interfaccia con l applicazione si presenta, come già visto in precedenza, nel modo seguente. Figura 11: Interfaccia pagina iniziale 13

15 Nuvola di suggerimenti: esempi di navigazione L applicazione fornisce anche servizi di browsing. La nuvola visualizzata è formata da parole (i tag) che sono link e che quindi possono puntare alle risorse e agli utenti legati al tag selezionato. Ecco un esempio di visualizzazione partendo dal tag rain. Figura 12: Navigazione per tag Da qui è possibile selezionare una risorsa o un utente entrambi in relazione con il tag selezionato. Viene quindi visualizzata una tabella informativa tipo quella di Figura 13 che illustra gli utenti e i tag collegati alla risorsa selezionata. Figura 13: Navigazione per risorsa 14

16 Se si seleziona un utente invece, è possibile visualizzare i tag e le risorse legate ad esso. Figura 14: Navigazione per utente Conclusioni E stata realizzata un applicazione che presenta una nuvola dinamica di suggerimenti per l inserimento dei tag in una folksonomia. L utente può specificare un tag, o una parte di esso, e la nuvola viene costruita on-the-fly mostrando i tag che contengono parte della stringa digitata. E un esempio di come utilizzando il numero di presenza di un tag sia possibile stimolare l utente durante l inserimento. Oltre a questo l utente è subito in grado di capire quanto un tag digitato è comune nel sistema. L applicazione permette poi di navigare attraverso tag, utenti e risorse permettendo di evidenziarne i legami. Bisogna comunque considerare che la folksonomia è ancora alle sue fasi iniziali di diffusione, molti utenti non sono ancora in grado di contribuire o sfruttare in maniera significativa un sistema di questo tipo, per questo non è coerente sminuire le potenzialità espressive che i sostenitori del wisdom of crowds [22] si aspettano dall utilizzo di questo strumento. Una folksonomia offre anche un ottimo sistema di descrizione delle risorse. L insieme dei tag associati ad una risorsa compone una rappresentazione della stessa, vista da un vasto insieme di utenti. Ecco allora i due vantaggi fondamentali che l integrazione di una folksonomia può offrire in un sistema: aiuto nella navigazione delle risorse, e descrizione cooperativa delle stesse. Per i prossimi sviluppi futuri si possono pensare a sistemi di suddivisione delle risorse e degli utenti in base alle relazioni che intercorrono tra essi. Un altro punto importante che rimane ancora aperto è l interazione tra i diversi sistemi di folksonomia. 15

17 Oltre a queste evoluzioni nei sistemi di condivisione di risorse vi sono degli scenari in evoluzione anche nell uso della folksonomia in ambito aziendale. L interesse di utilizzo della folksonomia in questi ambiti deriva principalmente dai vantaggi che può offrire nel catalogare documenti interni e aumentarne la ricercabilità, incrementare il livello di collaborazione tra il personale e far risaltare concetti che nascono spontaneamente in un ambito collaborativo: tutto questo ad un costo inferiore al mantenimento di una tassonomia. Questi sono tuttora punti aperti il cui sviluppo sarà inevitabilmente guidato dall evoluzione di Internet. Bibliografia [1] Thomas Vander Wal homepage - [2] Y.H. Chen, Y.Y.Yao Formal Concept Analysis based on hierarchical class analysis, 4th IEEE International Conference on Cognitive Informatics (ICC05), 2005 [3] Adam Mathes Folksonomies - Cooperative Classification and Communication Through Shared Metadata, Computer Mediated Communication LIS590CMC, 2004 [4] Peter Merholz Metadata for Masses, Ariadne issue 5, 2004 [5] Buckland Michael Vocabulary as central concept in library and information science, 1999 [6] T.Gruber Ontology of folksonomy - Int l Journal on Semantic Web & information systems 3(2), 2007 [7] P. Merholz Ethnoclasification and vernacular vocabularies, 2004 [8] A. Mathes Cooperative classification and communication through shared metadata, Graduated School of Library and Information Science, University of Illinois, 2005 [9] Jacob, Elin Classification and categorization: a difference that makes a difference, Library trends, vol 52 n.3, 2004 [10] T. Hammond, T. Hannay, B. Lund, and J. Scott. Social bookmarking tools (i): A general review, D-Lib Magazine, 11(4), [11] Blood Rebecca Weblogs: History and Perspective - REbecca s Pocket, 2006 [12] Guy M., Powell A., & Day M., Improving the Quality of Metadata in Eprint Archives,

18 [13] Hammond T., Hannay T., Lund B., Scott J., Social Bookmarking Tools A General Review, D-Lib Magazine, Vol 11 N. 4, April 2005 [14] Nicola Cocco, Folksonomie e classificazione cooperativa nel web 2.0, Tesi di laurea, Università Ca Foscari di Venezia, Aprile 2008 [15] Wasserman S., D. Granovetter Social Network Analysis: Methods and applications, Cambridge University Press, 1994 [16] C. Catutto, C. Schmitz, A. Baldassarri, Network properties of folksonomies, AI Communication Journal, 2007 [17] A. Hotho, R. Jaschke, C. Schmitz, G. Stumme Trend detection in folksonomies, Knowledge & Data Engineering Group, University of Kassel Germany, 2006 [18] H.Wu, M.Zubair, K.Maly Harvesting social knowledge from folksonomy, ACM New York, 2006 [19] Pajek, Program for large network analysis - [20] Wrapper API di Flickr - PhpFlickr - [21] Scriptaculous: librerie JavaScript AJAX - [22] J. Surowiecki, The wisdom of crowds,

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE di K A T H A G E D O R N, A R G U S A S S O C I A T E S MARZO 2 0 0 0 traduzione di: BARBARA WIEL MARIN DICEMBRE 2009 1 GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

Dettagli

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ciascuno di noi ha oggi a disposizione uno spazio potenzialmente illimitato

Dettagli

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007

Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web. Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Le nuove tecnologie dell informazione: verso il Social Semantic Web Roberto Boselli Alessandria 04-05-2007 Outline Web 2.0 e Semantic Web Social Software Semantica e Ontologie SEDIMENTO 2 Obiettivi Aggiungere

Dettagli

Conversazioni e semantiche

Conversazioni e semantiche Library 2.0: bluff o rivoluzione? Venezia, 13 ottobre 2008 Michele Santoro Conversazioni e semantiche Quali strumenti per quali biblioteche Michele Santoro Coordinamento delle biblioteche dell Area Scientifico-tecnica

Dettagli

LABORATORIO DI INFORMATICA

LABORATORIO DI INFORMATICA Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in «Scienze dell educazione» AA 2011-2012 LABORATORIO DI INFORMATICA Prof. Giorgio Poletti giorgio.poletti@unife.it La rete

Dettagli

Dall opac a BiblioEst: i servizi di Front office del Polo TSA

Dall opac a BiblioEst: i servizi di Front office del Polo TSA Dall opac a BiblioEst: i servizi di Front office del Polo TSA paola poli Abstract Perché affiancare all Opac già in uso un altro strumento di ricerca? In questo intervento vengono illustrate le ragioni

Dettagli

Breve descrizione del prodotto

Breve descrizione del prodotto Breve descrizione del prodotto 1. Il software AquaBrowser Library...2 1.1 Le funzioni di Search Discover Refine...3 1.2 Search: la funzione di ricerca e di presentazione dei risultati...3 1.2.1 La configurazione

Dettagli

1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una

1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una 1. Rappresentazione della conoscenza 2. Ontologie 3. Usi delle ontologie 4. Progettazione di un ontologia 5. Esempio di progettazione di una ontologia 1 Rappresentazione della conoscenza Il problema di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE. Relazione elaborato di progettazione e produzione multimediale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE. Relazione elaborato di progettazione e produzione multimediale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE Relazione elaborato di progettazione e produzione multimediale AllPainters.Net SISTEMA PER LA GENERAZIONE DI SITI GRATUITI PER PITTORI Autori: - Bandini Roberto - Ercoli

Dettagli

Architettura dell informazione. Sistemi di ricerca

Architettura dell informazione. Sistemi di ricerca Architettura dell informazione Sistemi di ricerca Sistemi di ricerca Il sistema di ricerca è un elemento centrale della navigazione supplementare. La ricerca è uno degli strumenti preferiti dagli utenti

Dettagli

Incastra nella poltiglia, marca il territorio, trascina con te

Incastra nella poltiglia, marca il territorio, trascina con te Incastra nella poltiglia, marca il territorio, trascina con te Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia Diapositiva 1 di 38 Tags, etichette per la costruzione del significato

Dettagli

Architettura dell informazione. I componenti fondamentali

Architettura dell informazione. I componenti fondamentali Architettura dell informazione I componenti fondamentali I componenti di un architettura dell informazione Nella definizione operativa di architettura dell informazione, che abbiamo deciso di adottare,

Dettagli

La macchina siamo noi

La macchina siamo noi Altri La macchina siamo noi Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia Diapositiva 1 di 24 Perchè questa trattazione? Perchè il più grande flusso di informazioni oggi lo abbiamo

Dettagli

Filtraggio collaborativo personalizzato nelle folksonomie

Filtraggio collaborativo personalizzato nelle folksonomie personalizzato Tesi di Laurea in Ingegneria Informatica delle misure Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Università degli studi di Firenze Settembre 2006 delle misure 1 2 di una folksonomia 3 delle

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Gestire bene l archivio Metadati: il modo facile per gestire il nostro archivio

Gestire bene l archivio Metadati: il modo facile per gestire il nostro archivio SOFTWARE Gestire bene l archivio Metadati: il modo facile per gestire il nostro archivio Le immagini che popolano i nostri hard-disk sono sempre di più. Come fare a ritrovare quella che ci serve? L unica

Dettagli

Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete

Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete Associazione Documentaristi Emilia Romagna 12 aprile 2012 obiettivi come i nuovi strumenti digitali possono diventare veri e propri alleati per la formazione

Dettagli

Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014. https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348

Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014. https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348 Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014 https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348 https://www.flickr.com/photos/81171474@n06/7437936 Internet vs Web. Quale differenza? https://www.flickr.com/photos/pocphotography/12462536895/sizes/l

Dettagli

Semantic Web e gestione collaborativa della conoscenza di dominio: prospettive, vantaggi e casi d'uso. Ing. Christian Morbidoni, Ph.

Semantic Web e gestione collaborativa della conoscenza di dominio: prospettive, vantaggi e casi d'uso. Ing. Christian Morbidoni, Ph. Semantic Web e gestione collaborativa della conoscenza di dominio: prospettive, vantaggi e casi d'uso Ing. Christian Morbidoni, Ph.D Semantic Web su Desktop e Intranet RDF(S)/OWL: strumenti di rappresentazione

Dettagli

ENDNOTE WEB POWERED BY THOMSON REUTERS WEB OF KNOWLEDGE SM

ENDNOTE WEB POWERED BY THOMSON REUTERS WEB OF KNOWLEDGE SM QUICK REFERENCE GUIDE ENDNOTE WEB POWERED BY THOMSON REUTERS WEB OF KNOWLEDGE SM IN COSA CONSISTE ENDNOTE WEB? EndNote Web è un programma di gestione dei riferimenti basato su Web progettato per ottimizzare

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

BLUEOCEAN: UN FRAMEWORK PER LA REALIZZAZIONE DI CMS SEMANTICI. 1. La condivisione dell informazione nel Web 2.0: possibilità e limitazioni

BLUEOCEAN: UN FRAMEWORK PER LA REALIZZAZIONE DI CMS SEMANTICI. 1. La condivisione dell informazione nel Web 2.0: possibilità e limitazioni Archeologia e Calcolatori Supplemento 2, 2009, 245-249 BLUEOCEAN: UN FRAMEWORK PER LA REALIZZAZIONE DI CMS SEMANTICI 1. La condivisione dell informazione nel Web 2.0: possibilità e limitazioni L ultimo

Dettagli

Il Sito web www.agordino.net, usa i cookie per raccogliere informazioni utili a

Il Sito web www.agordino.net, usa i cookie per raccogliere informazioni utili a Cookie Policy INFORMATIVA ESTESA SULL USO DEI COOKIE www.agordino.net Il Sito web www.agordino.net, usa i cookie per raccogliere informazioni utili a migliorare la tua esperienza online. La presente policy

Dettagli

Class Diagram. Catia Trubiani. Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014

Class Diagram. Catia Trubiani. Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014 Università degli Studi dell Aquila Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014 Catia Trubiani Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell'informazione e Matematica (DISIM)- Università degli Studi

Dettagli

Tracce di approfondimento per il capitolo 6 La ricerca di informazioni per le scienze umane

Tracce di approfondimento per il capitolo 6 La ricerca di informazioni per le scienze umane Tracce di approfondimento per il capitolo 6 La ricerca di informazioni per le scienze umane Vantaggi e limiti delle folksonomie (difficoltà: *) Nel paragrafo 7.4 è stato introdotto il concetto di social

Dettagli

WEB 2.0 2.0 per il Continuing Professional Development facciamoci un idea

WEB 2.0 2.0 per il Continuing Professional Development facciamoci un idea WEB 2.0 per il Continuing Professional Development facciamoci un idea Immagine tratta da: my special smile Qualche errore ma spunti interessanti Immagine tratta da: Blog edelman.it in un famoso articolo

Dettagli

Macchine per l elaborazione dell informazion e. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Informatica II

Macchine per l elaborazione dell informazion e. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Informatica II Macchine per l elaborazione dell informazion e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica II Ing. Mauro Iacono Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Studi Politici e per l Alta

Dettagli

Docente. Il Corso. Obiettivi PROGRAMMAZIONE PER IL WEB. Alessandro Bianchi. Presentazione del Corso per l a.a. 2014-15. Sviluppare

Docente. Il Corso. Obiettivi PROGRAMMAZIONE PER IL WEB. Alessandro Bianchi. Presentazione del Corso per l a.a. 2014-15. Sviluppare Docente PROGRAMMAZIONE PER IL WEB Presentazione del Corso per l a.a. 2014-15 Alessandro Bianchi Dipartimento di Informatica V piano Tel. 080 544 2283 E-mail alessandro.bianchi@uniba.it Orario di ricevimento:

Dettagli

Web 2.0: applicativi in medicina Roma, 9-10 dicembre 2013

Web 2.0: applicativi in medicina Roma, 9-10 dicembre 2013 Corso Web 2.0: applicativi in medicina Roma, 9-10 dicembre 2013 biblioire@ifo.it Fabio D Orsogna Francesca Servoli int. 6225 Che cos è un BLOG? Un blog è un particolare tipo di sito web, ma con delle

Dettagli

Temi avanzati SEMINARIO

Temi avanzati SEMINARIO Temi avanzati SEMINARIO WEB 2.0: Tecnologie ed opportunità per business Prof. Folgieri, Università dell Insubria aa 2009/2010 WEB 2.0 come utilizzare quanto visto per incrementare il business Quale business...

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database Basi di dati Introduzione Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database OpenOffice.org (www.openoffice.org) è un potente software opensource che ha, quale scopo primario,

Dettagli

L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento

L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento Paolo PLINI, Rosamaria SALVATORI, Sabina DI FRANCO, Valentina DE SANTIS Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

Convegno delle Stelline 20ᵃ edizione

Convegno delle Stelline 20ᵃ edizione Convegno delle Stelline 20ᵃ edizione RDA e Linked data: un binomio naturale. Linee guida e tecnologie per gli ILS di nuova generazione Tiziana Possemato @Cult I dati delle biblioteche nel web semantico

Dettagli

Corso Joomla per ATAB

Corso Joomla per ATAB Corso Joomla per ATAB Cos'è un Content Management System Joomla non è un prodotto ma è un progetto. Nato nel settembre 2005 CMS (Content management system) letteralmente significa "Sistema di gestione

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

LA FABBRICA DEL CITTADINO

LA FABBRICA DEL CITTADINO COMUNE DI CHIAVERANO COMUNICATO STAMPA LA FABBRICA DEL CITTADINO Chiaverano, 29 agosto 2015 Dal 10 Settembre anche nel Comune di Chiaverano, primo Comune nel Canavese e tra i primi in Italia, apre La Fabbrica

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati Lezione 2 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Basi di Dati

Dettagli

Ingegneria dei Requisiti

Ingegneria dei Requisiti Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Ingegneria dei Requisiti E. TINELLI Contenuti I requisiti del software Documento dei requisiti I processi

Dettagli

Biblioteca di. A cura della Biblioteca di Economia Università Ca Foscari Venezia Con la collaborazione degli Studenti Tutor della Facoltà di Economia

Biblioteca di. A cura della Biblioteca di Economia Università Ca Foscari Venezia Con la collaborazione degli Studenti Tutor della Facoltà di Economia Biblioteca di Economia BREVE GUIDA ALL USO DELLE BANCHE DATI BUSINESS SOURCE ELITE (BSE) e ECONLIT A cura della Biblioteca di Economia Università Ca Foscari Venezia Con la collaborazione degli Studenti

Dettagli

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito LEZIONE 3 Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito Figura 12 pannello di controllo di Drupal il back-end Come già descritto nella lezione precedente il pannello di amministrazione

Dettagli

Web X.0 e Pubblica Amministrazione. Roma, 23 maggio 2007

Web X.0 e Pubblica Amministrazione. Roma, 23 maggio 2007 Web X.0 e Pubblica Amministrazione Roma, 23 maggio 2007 WEB 2.0 Web 2.0 è un paradigma in evoluzione: da un web nel quale pochi scrivono per molti a un web dove molti scrivono a molti prendere informazioni

Dettagli

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI 1 Web Link Monitor... 2 2 Database Browser... 4 3 Network Monitor... 5 4 Ghost Site... 7 5 Copy Search... 9 6 Remote Audio Video

Dettagli

Risorse per la didattica

Risorse per la didattica Risorse per la didattica Presentazione di cd-rom e ipertesti Spunti per la ricerca di materiali e documentazione in rete Amelia Goffi, Luca Gazzola - Febbraio 2008 CD-Rom e Ipertesti I cd-rom allegati

Dettagli

Laurea Magistrale in Lingue e Letterature Straniere

Laurea Magistrale in Lingue e Letterature Straniere Laurea Magistrale in Lingue e Letterature Straniere Seminario di Fondamenti di Informatica Prof. Giorgio Poletti Università degli Studi di Ferrara giorgio.poletti@unife.it Le tecnologie, i metodi e le

Dettagli

principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni

principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni COS È? principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni un programma gratuito: la versione base offre 300 MB di spazio disco

Dettagli

Commercio elettronico e Web 2.0

Commercio elettronico e Web 2.0 Commercio elettronico e Web 2.0 Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Caso di studio: Google Google è uno degli

Dettagli

STRATEGIE DI PERSONALIZZAZIONE PER SISTEMI DI COMMERCIO ELETTRONICO SUL WEB

STRATEGIE DI PERSONALIZZAZIONE PER SISTEMI DI COMMERCIO ELETTRONICO SUL WEB STRATEGIE DI PERSONALIZZAZIONE PER SISTEMI DI COMMERCIO ELETTRONICO SUL WEB L. Ardissono, A. Goy, G. Petrone e M. Segnan Dipartimento di Informatica Università di Torino Italia In questo articolo sono

Dettagli

(A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA (B) CONOSCENZA E COMPETENZA (C) ESERCIZI DI COMPRENSIONE

(A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA (B) CONOSCENZA E COMPETENZA (C) ESERCIZI DI COMPRENSIONE (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA Dare una breve descrizione dei termini introdotti: Caselle di testo Caselle di riepilogo Caselle combinate Gruppo di opzioni Pulsanti di comando (B) CONOSCENZA E COMPETENZA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI INFORMATICA CLASSE QUINTA - INDIRIZZO MERCURIO SEZIONE TECNICO

PROGRAMMAZIONE MODULARE DI INFORMATICA CLASSE QUINTA - INDIRIZZO MERCURIO SEZIONE TECNICO PROGRAMMAZIONE MODULARE DI INFORMATICA CLASSE QUINTA - INDIRIZZO MERCURIO SEZIONE TECNICO Modulo 1: IL LINGUAGGIO HTML Formato degli oggetti utilizzati nel Web Elementi del linguaggio HTML: tag, e attributi

Dettagli

MODULO 2 PARTE 5.a. Programmare sul Web 2.0 Tagging systems and tag clouds. Goy - a.a. 2012/2013 Programmazione Web 1. Cos'è il Web 2.

MODULO 2 PARTE 5.a. Programmare sul Web 2.0 Tagging systems and tag clouds. Goy - a.a. 2012/2013 Programmazione Web 1. Cos'è il Web 2. MODULO 2 PARTE 5.a Programmare sul Web 2.0 Tagging systems and tag clouds Goy - a.a. 2012/2013 Programmazione Web 1 Cos'è il Web 2.0 - I Web 2.0 = termine introdotto per la prima volta nel 2004 come titolo

Dettagli

Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti. a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014

Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti. a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014 Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014 I software per la gestione di bibliografie Chiamati reference managers o

Dettagli

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni LA PROGETTAZIONE DI BASI DI DATI Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni La progettazione dei dati è l attività più importante Per progettare i dati al

Dettagli

I blog. Andrea Marin. a.a. 2013/2014. Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI PER IL TURISMO

I blog. Andrea Marin. a.a. 2013/2014. Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI PER IL TURISMO Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia SVILUPPO INTERCULTURALE DEI SISTEMI TURISTICI SISTEMI INFORMATIVI PER IL TURISMO a.a. 2013/2014 Section 1 Pubblicare tramite i blog Self-publishing Prima del

Dettagli

CMS CMS. Content Management Systems. Marco Loregian. Comunicazione Aziendale. Tecnologie per la. loregian@disco.unimib.it

CMS CMS. Content Management Systems. Marco Loregian. Comunicazione Aziendale. Tecnologie per la. loregian@disco.unimib.it Esercitazioni del corso di Tecnologie per la Comunicazione Aziendale Content Management Systems Marco Loregian loregian@disco.unimib.it www.siti.disco.unimib.it/didattica/tca2008 CMS CMS ITIS Lab http://www.itis.disco.unimib.it

Dettagli

Capitolo 5. Cercare informazioni sul Web

Capitolo 5. Cercare informazioni sul Web Capitolo 5 Cercare informazioni sul Web Cercare nel posto giusto Posti logici e noti per reperire informazioni sui nostri contributi pensionistici, chiediamo all INPS Biblioteche on-line La maggior parte

Dettagli

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale Siti web e Dreamweaver Dreamweaver è la soluzione ideale per progettare, sviluppare e gestire siti web professionali e applicazioni efficaci e conformi agli standard e offre tutti gli strumenti di progettazione

Dettagli

Groupware e workflow

Groupware e workflow Groupware e workflow Cesare Iacobelli Introduzione Groupware e workflow sono due parole molto usate ultimamente, che, a torto o a ragione, vengono quasi sempre associate. Si moltiplicano i convegni e le

Dettagli

Evoluzioni di Ontologie in Frame Logic

Evoluzioni di Ontologie in Frame Logic Evoluzioni di Ontologie in Frame Logic Francesco Mele 1, Antonio Sorgente 1, Giuseppe Vettigli 1 1 C.N.R. Istituto di Cibernetica E. Caianiello, Via Campi Flegrei, 34 Pozzuoli, Naples, Italy. {f.mele,

Dettagli

LA TASSONOMIA APPLICATA AL CMS DRUPAL (A,R)

LA TASSONOMIA APPLICATA AL CMS DRUPAL (A,R) LA TASSONOMIA APPLICATA AL CMS DRUPAL (A,R) Cos è la tassonomia? Ταξι: taxis, "ordinamento", e νομο: nomos, "norma" o "regola. La tassonomia è la scienza che si occupa della classificazione, ovvero della

Dettagli

système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet

système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet Non solo un CMS (Content Management System) Gestire i contenuti è un compito che molti software svolgono egregiamente. Gestire

Dettagli

Poi dissero: «Venite, costruiamoci una città e una torre, la cui cima tocchi il cielo e facciamoci un nome, per non disperderci su tutta la terra»

Poi dissero: «Venite, costruiamoci una città e una torre, la cui cima tocchi il cielo e facciamoci un nome, per non disperderci su tutta la terra» Il sistema informativo sulle professioni: passato, presente e futuro. di SOLO GLI IGNORANTI SONO SICURI DI QUELLO CHE DICONO E DI QUESTO NE SONO CERTO Tim Berners-Lee. A lui si deve il World Wide Web (termine

Dettagli

MISURARE E VALUTARE LE INIZIATIVE SUL WEB. Alberto Rota Ariadne Srl

MISURARE E VALUTARE LE INIZIATIVE SUL WEB. Alberto Rota Ariadne Srl MISURARE E VALUTARE LE INIZIATIVE SUL WEB Alberto Rota Ariadne Srl Obiettivi della presentazione Conoscere le basi della Web Analytics: definizioni, obiettivi e strumenti Conoscere le principali metriche

Dettagli

Il social network dei blog italiani La mappa dei blogosfera italiana Febbraio 2005

Il social network dei blog italiani La mappa dei blogosfera italiana Febbraio 2005 liani 2005 Il social network dei blog italiani La mappa dei blogosfera italiana Febbraio 2005 1 Il Social Network dei blog italiani Introduzione...4 La dimensione della blogosfera...5 Percorsi della blogosfera...7

Dettagli

Cookie Policy. Questo documento contiene le seguenti informazioni:

Cookie Policy. Questo documento contiene le seguenti informazioni: Cookie Policy Il sito web di ASSOFERMET, con sede a Milano (Mi), in VIA GIOTTO 36 20145, Titolare, ex art. 28 d.lgs. 196/03, del trattamento dei Suoi dati personali La rimanda alla presente Policy sui

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

Audioblog Blog i cui post sono prevalentemente vocali inviati spesso insieme a SMS da cellulari.

Audioblog Blog i cui post sono prevalentemente vocali inviati spesso insieme a SMS da cellulari. @/blog 1/5 Audioblog Blog i cui post sono prevalentemente vocali inviati spesso insieme a SMS da cellulari. Blog (o Web log) Il termine blog è la contrazione di web log, ovvero "traccia sulla rete". Il

Dettagli

Piccola guida per la creazione di un album digitale di foto

Piccola guida per la creazione di un album digitale di foto Piccola guida per la creazione di un album digitale di foto Luglio 2008 Autore: Sibylle Moebius Contributo: Mario Mazzocchi Il progetto Fotomemoria è finanziato con il contributo della Commissione europea.

Dettagli

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test Software e difetti Il software con difetti è un grande problema I difetti nel software sono comuni Come sappiamo che il software ha qualche difetto? Conosciamo tramite qualcosa, che non è il codice, cosa

Dettagli

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software 5 Gestione dei progetti software. Dopo aver completato lo studio del ciclo di vita del software, in questa parte vengono discussi gli aspetti gestionali della produzione del software. Vengono esaminate

Dettagli

cos è l architettura dell informazione?

cos è l architettura dell informazione? Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero 3. Architettura dell informazione cos è l architettura dell informazione? E la progettazione di spazi informativi

Dettagli

Valutare l efficacia e l usabilità dei siti web

Valutare l efficacia e l usabilità dei siti web Valutare l efficacia e l usabilità dei siti web CONTENUTI OBIETTIVI DELLA LEZIONE 1. Chiarire cosa si intende per efficacia e usabilità dei siti Web 2. Descrivere alcune tecniche per misurare tali caratteristiche

Dettagli

Introduzione alla creazione di mashup tramite IBM Mashup Center

Introduzione alla creazione di mashup tramite IBM Mashup Center Introduzione alla creazione di mashup tramite IBM Mashup Center ii Introduzione alla creazione di mashup tramite IBM Mashup Center Indice Capitolo 1. Esercitazione: introduzione alla creazione di mashup

Dettagli

Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo

Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo Ingegneria del Software - Il Ciclo Lungo Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 10 Marzo 2014 Il Ciclo Lungo Il Versioning e la Condivisione di Codice Organizzazione dei Pacchetti La Modellazione

Dettagli

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna Quando si parla di software didattico (cioè programmi che servono per facilitare il processo di insegnamento/apprendimento)

Dettagli

Riusabilità dei contenuti

Riusabilità dei contenuti Istituto Nazionale Previdenza Sociale Gestione Dipendenti Pubblici Riusabilità dei contenuti E-Learning per la Pubblica Amministrazione - Sommario 1. Problema e soluzione 2. I Learning Object 3. Metadati

Dettagli

Riferimenti, correlazioni e mappe

Riferimenti, correlazioni e mappe Riferimenti, correlazioni e mappe Scuola3D fa uso di una pluralità di strumenti di lavoro. l ambiente virtuale tridimensionale un area di lavoro per il deposito dei files un blog un wiki L ambiente virtuale

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica PROGETTO DI SISTEMI INFORMATICI Relatore: Orlandini Andrea Svolto da: Ventriglia Valentina Volpi Simone Indice

Dettagli

Conoscere, condividere, cambiare

Conoscere, condividere, cambiare Conoscere, condividere, cambiare Idee per una intranet 2.0 alla biblioteca di Milano Bicocca Bonaria Biancu e Ilaria Moroni I siti web negli archivi e nelle biblioteche A.I.B. e A.N.A.I. Sezione Friuli

Dettagli

La Metodologia adottata nel Corso

La Metodologia adottata nel Corso La Metodologia adottata nel Corso 1 Mission Statement + Glossario + Lista Funzionalià 3 Descrizione 6 Funzionalità 2 Schema 4 Schema 5 concettuale Logico EA Relazionale Codice Transazioni In PL/SQL Schema

Dettagli

Le Guidelines for the Preparation and Presentation of Finding Aids. Traduzione a cura di Francesca Ricci

Le Guidelines for the Preparation and Presentation of Finding Aids. Traduzione a cura di Francesca Ricci Le Guidelines for the Preparation and Presentation of Finding Aids Traduzione Presentazione Pur non avendo lo scopo di fornire specifiche regole per l elaborazione di tracciati descrittivi di sistemi informativi

Dettagli

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita Le Reti Sociali Prof. Claudio Saita 1 La Scienza delle Reti La Teoria delle Reti si è sviluppata negli ultimi anni e si caratterizza per tre punti fondamentali: Focalizza le proprietà delle reti nel mondo

Dettagli

RICERCA DELL INFORMAZIONE

RICERCA DELL INFORMAZIONE RICERCA DELL INFORMAZIONE DOCUMENTO documento (risorsa informativa) = supporto + contenuto analogico o digitale locale o remoto (accessibile in rete) testuale, grafico, multimediale DOCUMENTO risorsa continuativa

Dettagli

Descrizione Formale Esplicita Dominio

Descrizione Formale Esplicita Dominio Ontologia Abbiamo visto che tassonomie e tesauri fissano una semantica. Per arricchire la semantica si deve passare a modelli concettuali e teorie logiche. Un modello concettuale è il modello di una particolare

Dettagli

Il paradigma OO e le relative metodologie di progettazione. Programmazione orientata agli oggetti

Il paradigma OO e le relative metodologie di progettazione. Programmazione orientata agli oggetti Alessio Bechini - Corso di - Il paradigma OO e le relative metodologie di progettazione Metodologie OO Programmazione orientata agli oggetti La programmazione ad oggetti (OOP) è un paradigma di programmazione

Dettagli

Indice generale. Nota all edizione italiana...xv. Introduzione...xvii. Anatomia di un installazione WordPress...3

Indice generale. Nota all edizione italiana...xv. Introduzione...xvii. Anatomia di un installazione WordPress...3 Indice generale Nota all edizione italiana...xv Introduzione...xvii Contenuto del libro...xviii Parte I: Primi passi...xviii Parte II: Progettare e sviluppare i temi...xviii Parte III: Utilizzare i plugin...xviii

Dettagli

SWIM v2 Design Document

SWIM v2 Design Document PROGETTO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE 2 SWIM v2 DD Design Document Matteo Danelli Daniel Cantoni 22 Dicembre 2012 1 Indice Progettazione concettuale Modello ER Entità e relazioni nel dettaglio User Feedback

Dettagli

Cercare informazioni sul Web

Cercare informazioni sul Web Fluency Cercare informazioni sul Web Capitolo 4 Guardare nel posto giusto cosa cerco mondo fisico Web per avere informazioni su contributi pensionistici INPS www.inps.it per trovare un percorso tra due

Dettagli

La rete di tecnologie La circolazione dei contenuti attraverso diversi mezzi di comunicazione anche a partire dalle attività degli utenti

La rete di tecnologie La circolazione dei contenuti attraverso diversi mezzi di comunicazione anche a partire dalle attività degli utenti Nicoletta Vittadini La rete di contenuti Il sito web tradizionale La rete di tecnologie La circolazione dei contenuti attraverso diversi mezzi di comunicazione anche a partire dalle attività degli utenti

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 10 -

Informatica per la comunicazione - lezione 10 - Informatica per la comunicazione" - lezione 10 - Pagine dinamiche L accesso a una pagina web può innescare l esecuzione di programmi, ad esempio per eseguire la prenotazione di un biglie8o aereo Ques:

Dettagli

NinjaBit S.r.l. - Via Luciano Manara 17-20122 Milano Tel. 02 971263 Fax 02 97381286

NinjaBit S.r.l. - Via Luciano Manara 17-20122 Milano Tel. 02 971263 Fax 02 97381286 0. Indice 1. Intro: i Ninja del Bit 2. Posizionamento nei motori di ricerca 3. Il web 2.0 4. I Social Network 5. Il Mobile e Tablet 6. Competenze NinjaBitS.r.l. -Via Luciano Manara 17-20122 Milano 1. I

Dettagli

Da Internet al Web 2.0 Gli strumenti del Web 2.0 per la didattica

Da Internet al Web 2.0 Gli strumenti del Web 2.0 per la didattica Corso di INFORMATICA Da Internet al Web 2.0 Gli strumenti del Web 2.0 per la didattica Ing. Maria Grazia Celentano Premessa: cos è Internet È la più grande rete internazionale di computer. Collega fra

Dettagli

Installazione e attivazione delle licenze

Installazione e attivazione delle licenze Capitolo 1 Installazione e attivazione delle licenze L installazione del software su una singola macchina è di solito un operazione piuttosto semplice, ma quando si deve installare AutoCAD in rete è richiesta

Dettagli

FileMaker 12. Guida ODBC e JDBC

FileMaker 12. Guida ODBC e JDBC FileMaker 12 Guida ODBC e JDBC 2004 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker, Inc.

Dettagli

Progettazione di un Database

Progettazione di un Database Progettazione di un Database Per comprendere il processo di progettazione di un Database deve essere chiaro il modo con cui vengono organizzati e quindi memorizzati i dati in un sistema di gestione di

Dettagli

Sistema Bibliotecario di Ateneo Biblioteca della SSLMIT. Introduzione a. Che cos è Zotero

Sistema Bibliotecario di Ateneo Biblioteca della SSLMIT. Introduzione a. Che cos è Zotero Sistema Bibliotecario di Ateneo Biblioteca della SSLMIT Introduzione a Che cos è Zotero Zotero è uno strumento creato per rendere più veloce ed efficiente il lavoro della ricerca nelle fasi di acquisizione,

Dettagli

Realizzazione di interazioni sincrone e asincrone tra applicazioni Web 2.0

Realizzazione di interazioni sincrone e asincrone tra applicazioni Web 2.0 tesi di laurea Realizzazione di interazioni sincrone e asincrone tra applicazioni Web 2.0 Anno Accademico 2008/2009 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Marco Coppola Matr. 534/002312 Obbiettivi

Dettagli