Junior Training. Press Kit

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Junior Training. Press Kit"

Transcript

1 Junior Training Press Kit

2 JUNIOR TRAINING, IL CAMPUS ITALIANO PER FAMIGLIE Al via la 13ª edizione di Junior Training Family, il Campus italiano per famiglie. Dal 2001, oltre 300 famiglie da tutta l Europa sono state accolte da 20 family trainer professionisti presso l Assisi Resort. Junior Training Family è un esperienza dedicata a famiglie con bambini. Offre numerose attività didattiche, tra cui corsi di lingua straniera, laboratori musicali, pillole teoriche, momenti di gioco, sport all aria aperta, laboratori sensoriali, spazi dedicati al confronto alla condivisione. E un progetto formativo della Fondazione Patrizio Paoletti, attiva da oltre 10 anni nel campo della ricerca neuroscientifica e psicopedagogica. La Fondazione è oggi impegnata nello sviluppo di tecnologie interiori applicate all infanzia, alle relazioni d aiuto, ai contesti familiari, scolastici e d emergenza. Con progetti educativi dedicati all infanzia, alle famiglie e agli insegnanti, promuove il benessere sociale e il diritto all educazione in Italia e in tutto il mondo. FAQ Sono diponibili ancora 30 posti. Prenota ora Scopri il programma I Family Trainer Scopri l Assisi Resort Leggi le testimonianze Approfondimenti scientifici Guarda la Gallery

3 FAQ Quando si svolge e quanto dura Junior Training? Dal 1 luglio al 6 luglio 2013, per la durata di una settimana. Dove si svolge Junior Training? Presso l agriturismo Assisi Resort Le Case, residenza di campagna - Santa Maria di Lignano 42, Assisi (PG). Una struttura immersa nel verde con ampi spazi e piscina. Com è l alimentazione? La struttura offre esclusivamente prodotti alimentari biologici a km.0. Alimenti come l olio, il vino, la birra e le confetture sono di produzione propria. In accordo con la struttura sono previsti menu specifici per intolleranze alimentari e persone vegetariane. E le famiglie non convenzionali? Junior Training Family è dedicato a tutti i genitori con bambini dai 0 ai 10 anni. E prevista la partecipazione al Campus anche da parte di un singolo genitore accompagnato dal suo/dai suoi figli. Ci si diverte? Sì. Tutte le attività di Junior Training Family sono costruite sul modello Imparare divertendosi, sviluppato in oltre 10 anni di ricerca psicopedagogica della Fondazione Paoletti. Fido lo devo lasciare a casa oppure posso portare i miei animali? La struttura offre la possibilità di ospitare anche animali domestici. Potrò avere dei momenti di incontro individuali con i Family Trainer? Sì. Sono previsti spazi e momenti dedicati a consulti individuali con i Family Trainer. Chi posso contattare per maggiori informazioni? E possibile contattare direttamente la dott.ssa Marisa Bianchi, pedagogista e responsabile del progetto, al seguente indirizzo:

4 IL PROGRAMMA E GLI ORARI Accoglienza ORA ATTIVITÀ DOVE Rinfresco di benvenuto Sala Capitelli Segreteria Uffici Presentazione del percorso Sala dei Re Benvenuto in musica Sala dei Re Cena Sala da pranzo Fiaba della buonanotte Sala dei Re Programma Junior Training 0-2 anni ORA ATTIVITÀ DOVE 8.00 Colazione Sala da pranzo 9.30 Buongiorno in musica Sala dei Re 9.50 Introduzione alle attività Sala degli Scienziati Laboratorio di musica insieme Sala dei veli Merenda Sala da pranzo Laboratorio di gioco sensoriale Sala dei veli Laboratorio di lingua non convenzionale Sala dei veli Pranzo Sala da pranzo Momenti in libertà (pausa) Spazio domande Sala dei veli Merenda Sala da pranzo Laboratorio di osservazione spazio vuoto Sala dei Re Momento di approfondimento teorico Sala degli scienziati Cena Sala da pranzo Fiaba della buonanotte Sala dei Re Programma Junior Training 3-4 anni ORA ATTIVITÀ DOVE 8.00 Colazione Sala da pranzo 9.30 Buongiorno in musica Sala dei Re 9.50 Introduzione alle attività Sala degli scienziati Laboratorio di lingua non convenzionale Sala dei veli Merenda Sala da pranzo Laboratorio di musica insieme Sala dei Re Laboratorio di gioco sensoriale Sala dei veli Pranzo Sala da pranzo Momenti in libertà (pausa) Spazio domande Sala dei veli Merenda Sala da pranzo Laboratorio di osservazione spazio vuoto Sala degli scienziati Momento di approfondimento teorico Sala dei Re Cena Sala da pranzo Fiaba della buonanotte Sala dei Re

5 Programma Junior Training 5-10 anni ORA ATTIVITÀ DOVE 8.00 Colazione Sala da pranzo 9.30 Buongiorno in Musica Sala dei Re 9.50 Introduzione alle attività Sala degli scienziati Laboratorio degli scienziati Sala degli scienziati Merenda Sala da pranzo Laboratorio di lingua non convenzionale Sala dei veli Laboratorio di musica insieme Sala dei Re Pranzo Sala da pranzo Momenti in libertà (pausa) Spazio domande Sala dei veli Merenda Sala da pranzo Laboratorio di osservazione spazio vuoto Sala degli scienziati Momento di approfondimento teorico Sala degli scienziati Cena Sala da pranzo Fiaba della buonanotte Sala dei Re

6 I FAMILY TRAINER Antonella Selvaggio Psicologa, psicoterapeuta, counselor relazionale Coordinatrice Junior Training Family Barbara Adami Musico-terapeuta, insegnante scuola primaria Family Trainer - Coordinamento cucina e supporto ai laboratori Marisa Bianchi Pedagogista Family Trainer - laboratori di scienze Tal Dotan Ben-Soussan Neuroscienziata Family Trainer Francesca Ferrini Psicomotricista e counselor relazionale Family Trainer Laboratori motori e sensoriali Antonella Gualdi Counselor relazionale Family Trainer Assistente di laboratorio Hila Rimon Family Trainer Laboratori di lingua straniera Uri Rimon Family Trainer Laboratori di lingua straniera Marco Rossi Musicologo, psicomotricista Family Trainer - Buongiorno in musica, musica e laboratori motori Alessia Santinelli Counselor relazionale Family Trainer - Assistente di laboratorio LA LOCATION: ASSISI RESORT

7 Immerso nella splendida cornice verde del Parco del Monte Subasio, dove è possibile respirare un fascino speciale intriso di pace e tranquillità, l Assisi Resort Le Case residenza di campagna è un progetto agroturistico che offre ai propri ospiti un esperienza di soggiorno che coinvolge con la bellezza della semplicità. E il luogo ideale per trascorrere l esperienza del Campus Junior Training in perfetta armonia con la natura, con l occasione di conoscere e sperimentare insieme alla tua famiglia odori, sapori, colori, suoni e sensazioni diverse dal vissuto quotidiano. La struttura, infatti, offre esclusivamente prodotti alimentari biologici a km.0. Alimenti come l olio, il vino, la birra e le confetture sono di produzione propria. L Assisi Resort, con 35 camere e 4 appartamenti, propone differenti sistemazioni adatte ad ogni esigenza. Per le famiglie sono disponibili camere molto funzionali, spaziose e accoglienti, arredate con mobili d epoca dei primi 900 : una semplicità che non trascura i dettagli. Ogni camera, spaziosa e confortevole con bagno privato interno, offre una vista panoramica sulla valle e sulla proprietà circostante. Visita il sito

8 LE TESTIMONIANZE Antonella Selvaggio - Coordinatrice Junior Training Family Psicologa, psicoterapeuta, counselor relazionale Come coordinatore del corso ho partecipato a tutte le edizioni e, oramai alla nostra dodicesima edizione, posso dire che gli avanzamenti che i genitori riescono a fare grazie alla proposta formativa del Junior Training è davvero considerevole. Tutti gli anni vediamo genitori di ogni nazionalità imparare a guardare i propri figli in maniera differente, ad apprezzarne i pregi e a lavorare sui difetti, considerandoli leve da utilizzare per conseguire l'avanzamento che cercano. Ogni anno veniamo raggiunti da famiglie che hanno già una buona capacità di gestione della famiglia, che hanno già incontrato molte delle domande che di solito i genitori si fanno e si sono dati buone risposte. Hanno quindi scelto il meglio per l'educazione scolastica del proprio bambino, hanno scelto spesso già di introdurre il bambino allo studio di una seconda lingua e di uno strumento musicale ecc. Tuttavia sentono che con noi, soprattutto grazie alla nostra capacità di lavorare con empatia e sensibilità, possono apprendere il modo migliore per aumentare le capacità cognitive, emotive e motorie dei loro figli, in particolare nella relazione genitoriale e nei momenti passati tra le mura domestiche. Lavoro che viene condotto soprattutto attraverso l'educazione sensoriale e la presentazione degli stimoli ai cinque sensi contemporaneamente. Con noi i genitori imparano ad osservare le preferenze più intime dei loro bambini, a riconoscere ed orientare le loro risorse per renderli gli uomini e le donne di domani che tutti vorremmo che fossero. Persone capaci di decidere e pianificare il proprio quotidiano, capaci di gestire e orientare le proprie emozioni, di comprendere se stessi e gli altri, empatici e collaborativi. Tutto questo viene favorito e implementato studiando le idee di base di Pedagogia per il Terzo Millennio, base teorico-pratica del nostro corso, che prevede di studiare le idee di osservazione, di mediazione, traslazione e normalizzazione. Si tratta insomma di un percorso molto intenso, che permette a ciascun genitore di migliorare profondamente la propria capacità di osservare ciò che occorre e scegliere il modo migliore e più veloce di ottenerlo.

9 Alessia Santinelli - Family Trainer, assistente di laboratorio Counselor relazionale Sono molto felice di partecipare come Family Trainer al bellissimo percorso per famiglie Junior Training, in cui la Pedagogia per il Terzo Millennio diviene strumento pratico, vissuto, declinato tutti i giorni come canale efficace per migliorare e potenziare la qualità della relazione tra genitori e figli. Il percorso Junior Training permette a chi vi partecipa, sia come staff che come famiglia, di sperimentare uno spazio vuoto in cui si possano liberamente migliorare e consolidare le proprie capacità di educatore. Nell ambito dei divertenti laboratori esperienziali per genitori e bambini, è possibile allenarsi alla giusta distanza, quella posizione che, come genitore o come educatore, costantemente si cerca all interno del processo educativo: dove sono io?, dove è l altro, quanti passi devo fare?. In questo processo di mediazione costante, avviene l incontro tra chi nella relazione educativa è maggiore e chi è minore. Tutto questo in un contesto ben strutturato, con condizioni costruite sapientemente. Ogni partecipante viene posto nelle condizioni ideali per diventare capace di leggere e reinterpretare l esperienza umana secondo prospettive più ampie ed efficaci, per comprendersi e comprendere meglio la realtà che lo circonda, non sempre facile da decodificare, in particolare quella che lo vede genitore. In questo momento storico più che mai è diventato importante partecipare a questo tipo di esperienze. Non solo i genitori, ma oggi ognuno di noi è chiamato ad essere educatore e a tirar fuori il meglio di sé e degli altri nelle relazioni sociali. Il Junior Training fornisce gli strumenti affinché ciò possa avvenire: educarsi per educare.

10 APPROFONDIMENTI SCIENTIFICI Neuroni specchio e ambiente favorente, l apprendimento per imitazione. Il punto di vista di Pedagogia per il Terzo Millennio a cura di Antonella Selvaggio psicologa psicoterapeuta I neuroni specchio, scoperti da un gruppo di ricercatori dell Università di Parma inizialmente nei macachi e successivamente negli esseri umani, sono una classe di neurosi specifici che si attivano sia quando si compie un azione sia quando la si osserva mentre è compiuta da altri. I neuroni di chi osserva rispecchiano il comportamento osservato come se a compiere l azione fosse l osservatore stesso, che sente, percepisce e si attribuisce gli stessi sentimenti e vissuti di chi compie in prima persona l azione. La scoperta dei neuroni specchio consente di capire, come percepiamo e comprendiamo gli altri invitando a nuove riflessioni in ambito pedagogico. I risultati della ricerca delle neuroscienze cognitive invitano, infatti, a comprendere come queste conoscenze possano e debbano influenzare anche ciò che pensiamo sia necessario insegnare, in particolare nella prima infanzia e, soprattutto come farlo. Il meccanismo di funzionamento dei neuroni specchio fornisce una chiave di lettura essenziale, biologicamente fondata, delle basi della reciprocità nella relazione con gli altri. Inoltre il meccanismo specchio ha un ruolo essenziale nella comprensione di come si costruisce l identità sociale: l essere umano è in grado di riconoscere l altro come simile a se stesso dal momento che ne condivide le stesse esperienze che gli consentono di capire che le basi neurologiche e psicologiche del comportamento manifesto sono le stesse per tutti i componenti della specie e pertanto rendono gli essere umani simili tra loro. La capacità di alcune parti del cervello umano di attivarsi alla percezione delle emozioni altrui espresse attraverso il volto, i gesti, i suoni e, la capacità di codificare istantaneamente questa percezioni in termini motori, rende ogni individuo in grado di agire in base a un meccanismo neurale atto ad ottenere quella che i ricercatori chiamano partecipazione empatica. Inoltre, studiando sperimentalmente il meccanismo di base della comprensione delle azioni e delle emozioni si è potuto constatare che le emozioni primarie osservate negli altri suscitano anche nell osservatore la manifestazione a specchio delle stesse emozioni. Insomma quando osserviamo un nostro simile che manifesta dolore, disgusto, piacere, gioia, paura o sorpresa in noi stessi si attiva lo stesso substrato neurale collegato alla percezione diretta dell emozione mostrata. Ora che sappiamo - perché dimostrato scientificamente - che l essere umano è sostanzialmente un animale sociale, che per crescere e vivere ha per sua natura bisogno della relazione, fisica, verbale, psicologica con i propri simili e, sappiamo che l apprendimento fondamentalmente avviene per imitazione, dobbiamo necessariamente chiederci quale relazione favorisce il migliore apprendimento e, quale tipo di ambiente, contesto e circostanze siano necessari per educare in maniera intenzionale orientata e orientante. Si tratta di creare un ambiente favorente che poggiandosi sulle idee di osservazione, mediazione e traslazione, consenta a colui che educa di farlo nel migliore dei modi. Un ambiente può essere considerato favorente quando permette ad ogni individuo che ne fa parte di sentirsi supportato, rassicurato, compreso, ascoltato e, anche in caso di divergenza di opinioni, rispettato per il contributo che può apportare all insieme. L ambiente favorente permette a ciascuno individuo di esprimersi pienamente, cosa possibile solo in presenza di un educatore con una allenata capacità di osservazione connessa direttamente alla facoltà dell essere umano di conoscere se stesso e la realtà che lo circonda, essa viene qui intesa come la capacità di mobilitare quella qualità e quantità di attenzione che permette ad ogni uomo di acquisire dati, differenziarli dalle informazioni e utilizzarli per ben educarsi e ben educare. L ambiente favorente viene inoltre facilitato

11 da un comportamento guidato dalla capacità di mediare. Il concetto di mediazione nasce dall idea che è il genitore ad avere il compito di mostrare la strada e quindi di rintracciare ogni strumento necessario a far nascere nel bambino stesso il desiderio di imparare ad imparare. Questo concetto pone al centro di ogni atto educativo la capacità di magnetizzare a sé il risultato prefigurato. In un ambiente favorente è possibile, inoltre, incrementare la capacità di traslazione propria del cervello umano che naturalmente si chiede, di ogni cosa che incontra nel vivere quotidiano, come può essere utilizzata per migliorare la comprensione della propria quotidianità. La traslazione, nell accezione qui utilizzata, si riferisce alla capacità dell educatore di sollecitare nell educando e in se stesso l apprendimento da tutto e da ogni cosa e trasferirlo da un ambito della conoscenza a tutti gli altri ambiti di applicazione che una persona incontra nel corso della propria vita. L arte della traslazione fa capo alla capacità di spostarsi dal sapere al saper fare, cioè procedere da un sapere puramente teorico ad un sapere applicativo. Oggi sappiamo che ogni apprendimento avviene, tramite i neuroni specchio, dunque, per imitazione, pertanto più il genitore si rende capace di mediare più sarà possibile per il bambino imparare a mediare nelle relazioni sociali; più il genitore mostra di saper applicare la propria conoscenza teorica in maniera applicativa, manifestandosi costantemente proteso ad accogliere e trasformare le sollecitazioni della vita, più il bambino sintonizzandosi sulla sua stessa lunghezza d onda mostrerà la medesima capacità. Lo stesso si può dire delle emozioni e dei comportamenti manifesti: più colui che fa da guida si mostra comprensivo e amorevole più il bambino si sintonizzerà su emozioni positive e supportive per se stesso e gli altri, stabilizzando nel tempo una buona immagine di sé e un positivo e costruttivo senso di capacità e di auto-efficacia. Bibliografia M. Iacoboni, I neuroni a specchio come capiamo ciò che fanno gli altri Bollati Boringhieri, Torino (2008) P. Paoletti, Alla scoperta delle emozioni gli occhi di un adolescente incontrano il mondo Infinito edizioni Roma (2009) P. Paoletti, Crescere nell eccellenza Armando editore, Roma (2008) P. Paoletti, La vita nelle tue mani Infinito edizioni Roma (2010) P. Paoletti, Quando imparare è facile, Infinito edizioni, Roma (2007) P. Paoletti A. Selvaggio, Osservazione, 3P editore, Perugia (2010). P. Paoletti A. Selvaggio, Mediazione, 3P editore, Perugia (2011). P. Paoletti A. Selvaggio, Traslazione, 3P editore, Perugia, (2012). G. Rizzolatti, L. Vozza, Nella mente degli altri neuroni specchio e comportamento sociale Zanichelli, Bologna (2008).

12 I laboratori musicali: studiare la musica da bambini favorisce la plasticità del cervello L allungarsi dell aspettativa di vita, oggi giunta a 80 anni per gli uomini e a 84 per le donne, pone da molti anni un interrogativo alla scienza. Il cervello umano è fatto per durare così a lungo? Man mano che si procede negli anni il cervello invecchia e si manifestano i segni di un progressivo deficit cognitivo che non è soltanto legato a patologie, ma anche al progressivo venir meno della cosiddetta plasticità cerebrale, la capacità delle cellule nervose di rispondere alle sollecitazioni ambientali attraverso la produzione di nuovi contatti tra cellula e cellula. Negli anni giovanili, i processi plastici fanno in modo che quando una rete nervosa deperisce, o perde efficienza, subentri un altra rete in grado di svolgere le funzioni esercitate dalla prima: il che significa che quanto maggiore è il numero delle reti, tanto più elevate saranno flessibilità cognitìva, capacità della memoria, apprendimento e così via. Dalla maturità queste capacità cerebrali si riducono, ma se il cervello beneficia di un capitale accumulato in precedenza, può compensare i danni che si manifestano inesorabilmente con l età. Non esistono elisir di lunga vita dunque, ma ci sono modi per mantenere attiva la plasticità del cervello più a lungo possibile. Uno di questi è lo studio della musica durante l infanzia. Lo dimostra uno studio scientifico coodinato da Brenda Hanna Pladdy dell Università del Kansas e pubblicato su Neuropsychology. La ricerca è stata condotta su un campione di anziani in salute suddivisi in tre gruppi in base alle esperienze musicali: nel primo sono stati inseriti quelli che non avevano mai praticato musica, nel secondo chi l aveva praticata per alcuni anni, nove al massimo, nel terzo quelli con più di dieci anni di esperienza. I partecipanti sono stati sottoposti a valutazione neuropsicologica, compresi i test di funzionamento verbale, memoria e attenzione: chi aveva studiato musica più a lungo ha ottenuto i risultati migliori, mentre i non-musicisti hanno conseguito punteggi più bassi in tutte le prove. L effetto positivo sul cervello deriva essenzialmente dall averlo stimolato precocemente: ci sono periodi cruciali della plasticità cerebrale che hanno maggiore impatto sullo sviluppo del sistema nervoso. In sostanza, quanto prima si studia la musica, tanto meglio è per il cervello: suonare uno strumento coinvolge infatti numerose funzioni cerebrali, da quelle linguistiche a quelle sensoriali e motorie, oltre a potenziare funzioni esecutive come attenzione e memoria. Più in generale, questi e altri dati indicano che la stimolazione cerebrale sin dalla tenera età contribuisce a rendere plastico il cervello: apprendere una seconda lingua, suonare uno strumento, sviluppare la mente attraverso strategie diverse, non rappresenta soltanto un vantaggio concreto, ma costituisce un capitale che tornerà utile nella vecchiaia. Consapevoli di queste istanze scientifiche, gli specialisti dell educazione di Junior Training hanno fatto della musica una delle discipline centrali del programma ludico-didattico dedicato alle famiglie. Dal Benvenuto in musica del primo giorno di Junior Training, passando dal Buongiorno in musica al mattino, il programma prevede un appuntamento quotidiano con circa 2 ore di laboratori musicali dedicati al tuo bambino. Farlo appassionare alla musica sarà un bellissimo investimento sul suo futuro.

13 Le pillole teoriche: tuo figlio sente l ottimismo, valorizza il tuo pensiero positivo Ogni gesto e ogni pensiero di un padre o di una madre implicano una responsabilità. La scienza ci dice oggi che persino la visione della vita di un genitore può influenzare profondamente la personalità e il benessere di un bambino. A dimostrarlo è stato un team di ricercatori della Jacksonville University e dell Università della California. Gli studiosi hanno scoperto che, nelle situazioni di difficoltà, la capacità di un bambino di pensare positivo dipende più dall ottimismo dei genitori che dalla sua indole. Nello studio i ricercatori hanno esaminato 90 bambini di età compresa fra i 5 e i 10 anni. I bambini ascoltavano sei storie in cui due personaggi provavano un'emozione dopo aver sperimentato qualcosa di positivo (ricevere in regalo un cucciolo), negativo (rovesciare il bricco del latte), o ambiguo (l'arrivo di un nuovo insegnante). Dopo ciascuna esperienza, un personaggio aveva un pensiero ottimista, inquadrando l'evento in una luce positiva, mentre l'altro aveva un pensiero pessimista, mettendo l'evento in una luce negativa. I ricercatori a questo punto chiedevano ai bambini di giudicare le emozioni di ogni personaggio e di fornire una spiegazione per quelle emozioni. In colloqui precedenti, i ricercatori avevano accuratamente valutato il livello di ottimismo e speranza di ogni bambino e dei suoi genitori. La ricerca ha evidenziato che i bambini capiscono già a cinque anni che ci si sente meglio dopo aver avuto pensieri positivi, ma fanno più fatica a comprendere come il pensiero positivo possa risollevare l'animo quando si è coinvolti in situazioni negative, come per esempio cadere e farsi male. In queste situazioni, il livello di ottimismo e di speranza dei genitori ha un ruolo significativo nella capacità del bambino di comprendere il potere del pensiero positivo. I risultati del nostro studio ha osservato la coordinatrice Christi Bamford evidenziano l importanza del ruolo dei genitori nell'aiutare i bambini a imparare a sfruttare il pensiero positivo per sentirsi meglio quando le cose si fanno difficili. Quale, allora, il miglior modo di trasmettere ottimismo ai tuoi figli? Per ben educare è importante imparare a ben educarsi. Con laboratori e attività ludiche, il Campus per la famiglia Junior Training mira a fornirti strumenti utili ad acquisire una maggior conoscenza di te stesso e ad arricchire la tua visione ottimistica della vita, da cui il tuo bambino possa attingere giorno dopo giorno.

14 I laboratori linguistici: il bilinguismo migliora lo sviluppo cognitivo del bambino Secondo studi recenti, realizzati nei più avanzati centri di ricerca neuroscientifica, imparare una seconda lingua sin da piccoli può migliorare le capacità di problem solving, la creatività e il pensiero astratto. Chi è bilingue, inoltre, sembra avere migliori abilità matematiche, di lettura e decisionali rispetto a chi non lo è. La scelta di suggerire alle famiglie quest offerta formativa è orientata dai risultati della più aggiornata ricerca scientifico-pedagogica, un attività che lo staff della Fondazione Paoletti porta avanti da oltre 11 anni. Per diversi anni si è pensato erroneamente che il cervello del bambino nei primi anni di vita avesse forti difficoltà a sostenere un doppio apprendimento linguistico e che la difficoltà nella gestione di una tale quantità di dati potesse essere la causa di ritardi d apprendimento. E vero che, dovendo distinguere tra due codici differenti, nei primi anni di vita i bambini bilingui sono chiamati a impegnare più risorse cognitive. Ma ciò è assolutamente normale. Un bambino bilingue può incontrare difficoltà iniziali con le parole, soprattutto nei primi 12 mesi della sua vita, perché ogni volta deve scegliere di utilizzare una lingua e scartarne un altra, ma l importante è che egli inizi a pronunciare delle singole parole entro i due anni di età e intere frasi entro i tre. Le moderne tecniche di scansione cerebrale (neuroimaging e spettrografia funzionale) anzi, mettendo a confronto il cervello di bambini bilingui e monolingui, dimostrano oggi qualcosa di profondamente diverso. Sembra che imparare una seconda lingua stimoli maggiormente la struttura del cervello in formazione nei bambini: sebbene sia nei bilingui che nei monolingui le aree cerebrali preposte al linguaggio abbiano uno sviluppo simile, alcune regioni come la corteccia frontale inferiore, implicata nel pensiero e nel linguaggio, si rivelano più attive nei bambini bilingui. Uno studio dei ricercatori dell Università Vita-Salute e dell Istituto scientifico universitario San Raffaele ha dimostrato, inoltre, che le persone che conoscono due lingue possono contare su un maggiore sviluppo delle aree cerebrali che sono alla base della capacità di prendere decisioni corrette e veloci. Chi è bilingue, insomma, ha una marcia in più. E allora qual è l età giusta per imparare? Secondo i ricercatori, prima si comincia meglio è e l apprendimento linguistico per il bambino deve essere sistematico e intensivo. Un esposizione quotidiana alla seconda lingua è molto importante per un migliore sviluppo cognitivo del fanciullo.

15 Lo sport all aria aperta: l'attività fisica favorisce lo sviluppo cerebrale Uno studio effettuato da un gruppo di ricercatori dell Università dell Illinois e pubblicato da Brain Research dimostra che l esercizio fisico favorisce lo sviluppo cerebrale nei bambini. Il gruppo di scienziati ha testato la forma fisica di 49 bambini di 9 e 10 anni su tapis roulant e, contemporaneamente, ha studiato il loro cervello tramite risonanza magnetica. Da un confronto analitico tra i dati ottenuti è risultato che l ippocampo dei bambini fisicamente più allenati è più grande del 12% rispetto a quello dei bambini meno in forma. Non soltanto. Durante la ricerca i bambini che praticano con continuità attività fisica hanno manifestato una maggiore capacità di eseguire test di memoria rispetto ai coetanei più sedentari. Diversi studi sugli animali avevano già dimostrato da tempo che l esercizio fisico è in grado di incrementare in maniera rilevante la velocità di riproduzione delle cellule cerebrali, favorendo anche una loro migliore conservazione con evidenti ricadute sulle funzioni di memoria. L esito della ricerca del gruppo di scienziati americani conferma che ciò che è vero per gli animali, vale anche per l essere umano: una maggiore ossigenazione del cervello, favorita dallo stato di forma del bambino, permette la nascita di un maggior numero di nuove cellule cerebrali nell ippocampo ed una migliore conservazione di quelle già esistenti. Essendo l ippocampo un area del cervello che svolge un ruolo fondamentale nei processi di memoria e d apprendimento, è facile comprendere quanto l esercizio fisico possa essere vitale per lo sviluppo cerebrale dei bambini e per il potenziamento dei loro processi cognitivi. Per questo motivo è importante che le proposte educative non si limitino ad un coinvolgimento passivo dei bambini durante il loro sviluppo cerebrale e cognitivo: l attività motoria, come dimostra questo studio, dovrebbe essere ineliminabile nei loro processi di apprendimento e di crescita. I progetti educativi di Fondazione Patrizio Paoletti, concepiti, costruiti ed elaborati costantemente sulla base dei risultati della ricerca neuroscientifica, privilegiano da sempre un "coinvolgimento attivo" dei bambini tramite laboratori e attività ludiche, assegnando alla componente fisico-motoria un ruolo fondamentale nel loro processo di crescita. La solida prova scientifica dell'esistente relazione diretta tra l'esercizio fisico e lo sviluppo del cervello e delle sue funzioni è una conferma della validità di sistemi educativi che stimolano il movimento del bambino nello spazio che lo circonda. Oltre ad avere il risvolto neurologico descritto nella ricerca degli studiosi americani, d'altra parte, è noto da tempo che l'attività fisica regolare sia in grado di apportare innumerevoli ulteriori benefici al corpo e alla mente del bambino: irrobustisce il fisico e ne previene le malattie, sviluppa e aiuta a mantenere sano l'apparato osseo, aiuta a controllare il peso corporeo, aiuta a ridurre il grasso e la pressione sanguigna, riduce lo stress, l'ansia, la depressione e la sensazione di solitudine. L'esercizio fisico e lo sport rappresentano, inoltre, un luogo privilegiato d'apprendimento e di trasmissione di valori, uno spazio relazionale in cui i bambini possano imparare ad essere responsabili, premurosi, collaborativi, leali, solidali, disciplinati, leader, comunicativi, ecc., uno strumento educativo straordinario che permette loro di impiegare unitamente le risorse del corpo e della mente per imparare a diventare, pian piano, uomini.

16 Momenti teorici per i genitori: come possiamo insegnare ai nostri bambini a riconoscere le emozioni? Possiamo utilizzare le emozioni, nostre e dei bambini, come strumenti pedagogici? Spesso i bambini quando vengono interrotti durante un gioco, o quando non riescono ad ottenere ciò che desiderano provano un senso di frustrazione. Queste situazioni possono rappresentare per noi e per loro un occasione educativa? Guardare alle emozioni, come ad una risorsa dalla quale attingere per insegnare ai nostri bambini a conoscere loro stessi ed a vivere insieme gli altri, è quanto di più utile possiamo mettere in atto per sfruttare appieno le opportunità educative che la vita stessa offre. Soltanto partendo da questo presupposto possiamo intuire quanto possa essere importante insegnare ad un bambino a gestire le sue piccole frustrazioni quotidiane, le sue paure, la sua rabbia, le sue delusioni. Da questi sentimenti i nostri bambini possono imparare molto: riconoscendo le proprie emozioni e, contemporaneamente, i limiti che il mondo pone alla realizzazione immediata dei loro desideri, essi possono sviluppare una maggiore tolleranza alle frustrazioni quotidiane e imparare a gestire meglio se stessi e gli altri. Ma come possiamo insegnare loro a riconoscere le emozioni? Potremmo definire la frustrazione come la corrispondenza al livello emozionale degli ostacoli che si frappongono tra i nostri bisogni e la loro soddisfazione. Questo scontro quotidiano, che sin da piccolo ogni individuo si trova ad affrontare, è un universo fatto di variazioni di umore, e di sentimenti discordanti che si susseguono senza che il bambino riesca a riconoscerne la natura o a trasportarle sul piano della consapevolezza. Il primo passo, allora, è riuscire ad insegnargli a riconoscere le proprie emozioni verbalizzandole. È importante che un educatore chieda spesso al bambino cosa sta provando in un determinato momento ( sei annoiato perché non hai niente con cui giocare?, sei arrabbiato perché ti hanno tolto il gioco?, sei spaventato per qualcosa? ) perché egli possa iniziare ad assegnare un nome alle sue emozioni. Lo step successivo è quello di insegnargli a riconoscere le stesse emozioni anche nelle altre persone. Mostrare, ad esempio, delle immagini di volti, o leggere dei testi e riflettere con lui sullo stato d animo dei personaggi che da questi sono descritti e raffigurati, può essere utile per insegnargli ad identificare negli altri le stesse emozioni che ha sperimentato su se stesso. Un altro metodo può essere rappresentare insieme al bambino, tramite il gioco con pupazzi e bambole, scene in cui personaggi del tutto simili a lui si scontrano con punti di vista diversi, con differenti emozioni. Una volta che egli comincia ad avere coscienza delle proprie emozioni, sopratutto di quelle positive, è importante incentivare questo processo di scoperta, incitandolo, per esempio, ad annotare i suoi stati d animo su un quaderno, lasciando che sia lui a verbalizzare quotidianamente le sua emozioni. Sarebbe certamente divertente creare insieme a lui anche un album fotografico, invitandolo ad esprimere gli stati d animo (gioia, rabbia, paura, noia, tristezza, agitazione, sorpresa, attesa, disgusto, vergogna, ansia, gelosia, speranza, delusione, nostalgia, rimorso) tramite espressioni facciali. Piccoli spunti pratici possono essere utili per insegnare ai bambini a riconoscere le emozioni, primo passo imprescindibile di un percorso pedagogico che insegni loro come gestirle e che, contemporaneamente, sia capace di sviluppare la loro sensibilità empatica nei confronti degli altri.

17 LE FOTO DI JUNIOR TRAINING La fiaba della sera I laboratori ludico-didattici

18 Le attività all aperto I laboratori ludico-didattici

19 I giochi in piscina Gli allestimenti dei laboratori

20 L Assisi Resort L Assisi Resort

Neuroni specchio e ambiente favorente, l apprendimento per imitazione. Il punto di vista di Pedagogia per il Terzo Millennio

Neuroni specchio e ambiente favorente, l apprendimento per imitazione. Il punto di vista di Pedagogia per il Terzo Millennio APPROFONDIMENTI SCIENTIFICI Neuroni specchio e ambiente favorente, l apprendimento per imitazione. Il punto di vista di Pedagogia per il Terzo Millennio a cura di Antonella Selvaggio psicologa psicoterapeuta

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2012-2013 Scuola primaria Scuola secondaria primo e secondo grado CHI SIAMO La SSF Rebaudengo di Torino è un istituzione universitaria affiliata alla Facoltà di Scienze

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

F.I.S.M. - FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Per la Provincia di Arezzo. Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia

F.I.S.M. - FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Per la Provincia di Arezzo. Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia Coordinamento Pedagogico per le Scuole dell Infanzia Formazione Insegnanti a.s. 2014-2015 «[ ] perché l intelligenza funzioni, occorre un motore che sia affettivo. Non si cercherà mai di risolvere un problema

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze EDUCARE LE EMOZIONI Principi ed attività per lo sviluppo delle competenze socio-emotive nella scuola CHI S I A M O Sperimentiamo e valutiamo in quale modo competenze trasversali come quelle sociali ed

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

Area Benessere. PROGETTI - ATTIVITÀ (Area Benessere)

Area Benessere. PROGETTI - ATTIVITÀ (Area Benessere) Area Benessere Migliora la capacità di operare scelte personali e assumere responsabilità attraverso l'affermazione della propria identità e autonomia; di conferire senso all'insieme delle esperienze e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO SCUOLA PRIMARIA MATILDE DI CANOSSA A. S. 2004/05 e 2005/06 Insegnanti: Ferraguti Paola Bocchi Silvana 1 UNITA DI APPRENDIMENTO: CAPIRE CON IL CUORE Premessa L educazione

Dettagli

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA (a cura di Sandra Camuffo) MODULO I: COACHING ESSENTIALS Roma, 7-8 Marzo, 5 Aprile 2014 DEFINIRE L EMPATIA Le definizioni dell empatia coniate dagli studiosi e dai ricercatori

Dettagli

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1!

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Lo sviluppo emotivo e relazionale Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Che cos è un emozione? EMOZIONE Esperienza complessa, multidimensionale, che svolge un ruolo

Dettagli

SCUOLE BILINGUE MASSA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce

SCUOLE BILINGUE MASSA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce Seguici su #bilinguesicresce bilingue si cresce... Cari genitori, è con piacere che vi diamo il benvenuto alle Scuole Bilingue di Massa, questa breve presentazione vuole essere un assaggio del nostro modo

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

IL C@FFE DEI LETTORI:LA SC AT O LA DELLE P A R O L E

IL C@FFE DEI LETTORI:LA SC AT O LA DELLE P A R O L E Isti tu to C o m p re n si v o S ta ta le Val l e del Fi no Castiglione M.R. PROGETTO FINANZIATO DALLA FONDAZIONE TERCAS IL C@FFE DEI LETTORI:LA SC AT O LA DELLE P A R O L E A cura della dott.ssa Antonella

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE Dr.ssa Arianna Pomero Aspetto centrale dell essere essere

Dettagli

Piccoli saggi. laboratorio di filosofiacoibambini formazione per insegnanti al metodo. condotto da Carlo Maria Cirino

Piccoli saggi. laboratorio di filosofiacoibambini formazione per insegnanti al metodo. condotto da Carlo Maria Cirino Piccoli saggi laboratorio di filosofiacoibambini formazione per insegnanti al metodo condotto da Carlo Maria Cirino Progetto Didattica della filosofia coi bambini Destinatari Alunni di tutte le classi

Dettagli

asilo nido Milanofiori progetto educativo

asilo nido Milanofiori progetto educativo asilo nido Milanofiori progetto educativo W&L Solutions Srl Sede Legale: Viale Milanofiori 1 Palazzo F6 I-20090 Assago MI Cap. Soc. int.vers. 15.000 Registro Imprese di Milano, C.F.e P.I. 04606140962 2

Dettagli

PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA

PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA EDUCATIVO-PREVENTIVA anno scolastico 2012/2013 Scuola dell Infanzia Don Antonio Dalla Croce Monteforte d Alpone a cura di: Sara Franchi PREMESSA La proposta di questo progetto

Dettagli

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Anno Scolastico 2013-2014 SITUAZIONE MOTIVANTE In una società dove le immagini proposte dai mass-media hanno un

Dettagli

PROGETTO CLASSI PRIME. Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO.

PROGETTO CLASSI PRIME. Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO. PROGETTO CLASSI PRIME Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO. PREMESSA Per agevolare l inserimento nella scuola Primaria dei bambini provenienti da diverse scuole

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

L ARTE DI EMOZIONARSI

L ARTE DI EMOZIONARSI ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

La buona scuola, musica e scuola dell infanzia

La buona scuola, musica e scuola dell infanzia AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA VII COMMISSIONE (Istruzione) SULL AFFARE ASSEGNATO SCUOLA Mercoledì 19 Novembre 2014 Documento a cura di Cecilia Pizzorno, Coordinamento Nazionale Nati per la Musica

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai. ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.it PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE GRANDI La sezione è composta da 21 bambini

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1.

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Castelfranco E., 13 04-2013 Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Come già specificato il progetto, parte integrante del POF della scuola,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa 6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa Da un punto di vista psicologico, l udito è il senso che contribuisce alla formazione dei primi legami relazionali

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE I C PADRE GEMELLI-TORINO COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE Sapersi relazionare anno scolastico 2013-14 Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE

Dettagli

ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA

ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA IN CLASSE I nomi e le presentazioni; Leggo un altra lingua: attività di lettura, da parte della classe, di parole in lingua madre dell alunno neoarrivato, dedotte dalle

Dettagli

VALORE. AI tuoi PERCORSI. integritá, obiettivi, passi, limiti, sale, qui&ora, autenticitá

VALORE. AI tuoi PERCORSI. integritá, obiettivi, passi, limiti, sale, qui&ora, autenticitá ascolto, consapevolezza, noi, esperienze, conoscersi, espressione, esserci, apertura, case, condivisione, vedere, sostegno, desideri, ricerca, anima, futuro, sbocciare, bisogni, progetti, io&te, viaggio,

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GRAZIA DELEDDA CATANIA PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2015-2016 La Progettazione annuale delle Attività Didattiche elaborata per l anno scolastico

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

Storia della PNL PROGRAMMA. I presupposti della comunicazione. I sistemi rappresentazionali. Il sistema rappresentazionale preferenziale

Storia della PNL PROGRAMMA. I presupposti della comunicazione. I sistemi rappresentazionali. Il sistema rappresentazionale preferenziale PROGRAMMA Storia della PNL I presupposti della comunicazione I sistemi rappresentazionali Il sistema rappresentazionale preferenziale Individuazione del sistema rappresentazionale primario I LEM (Lateral

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO Scuole dell Infanzia I.C. Igea Marina Anno scolastico 2014/2015 Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico una scuola è uno spazio speciale in cui gli esseri

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015

Anno scolastico 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 17 CIRCOLO VIA CASTIGLIONE CAGLIARI POF Anno scolastico 2014-2015 VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA Nella cornice educativa delineata si è inserita la MACROPROGETTUALITÀ

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI PROGETTO ACCOGLIENZA APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI IMMAGINI, SUONI E COLORI sviluppare il senso dell'identità personale consapevolezza delle differenze conoscere e rispettare le regole di convivenza Il bambino

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono

.Leggere fiabe, ascoltare, assaporare. il suono delle parole. che scorrono .Leggere fiabe, ascoltare, assaporare il suono delle parole che scorrono Il progetto Andar per fiabe nasce dal desiderio di noi insegnanti di avvicinare i bambini alle realtà che vivono quotidianamente

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALITÀ EDUCATIVA DESCRITTORI DELLA IGIENE PERSONALE Intesa come gestione dei propri indumenti personali OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPORTAMENTI

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

IALT 9. www.leadership.it http://ialtbook.ning.com

IALT 9. www.leadership.it http://ialtbook.ning.com IALT 9 International Academy on Leadership and Teamwork L obiettivo dell International Academy on Leadership and Teamwork è creare un cambiamento positivo nella società attraverso la crescita delle persone

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. The Leader Sviluppo personale - self Help Permettimi di darti un consiglio: Scegli ora di essere tu il tuo LEADER SEMPRE! Sviluppo personale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

SCUOLE BILINGUE LUCCA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce NIDO MATERNA

SCUOLE BILINGUE LUCCA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce NIDO MATERNA SCUOLE NIDO Seguici su #bilinguesicresce bilingue si cresce... SCUOLE La nostra idea di scuola nasce dalla convinzione dell importanza di creare una struttura unica che permetta alle famiglie di usufruire

Dettagli

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo)

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) C E F O L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) L animatore socio culturale è un professionista che, attraverso attività ludico-espressive, stimola la partecipazione attiva degli

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista DISABILITA E CONTESTI a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista obiettivi e contenuti dell incontro Considerare l importanza del contesto nella professione docente e non docente L incontro delle professionalita

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Via Palazzo di Città, 5 10023 CHIERI (TO) tel. 011-9472245 fax 011-9473410 email: infanzia@santateresachieri.it sito web: www.santateresachieri.it Educare

Dettagli

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO 1) FINALITA Il nostro Asilo Nido è una scuola di ispirazione cristiana, è gestito dalla Cooperativa Sociale Casa Famiglia Agostino Chieppi ed è parte integrante del Plesso

Dettagli

PROGETTO PER L INSEGNAMENTO DELLE COMPETENZE SOCIO- EMOTIVE IN UNA SCUOLA PRIMARIA cl. 2^

PROGETTO PER L INSEGNAMENTO DELLE COMPETENZE SOCIO- EMOTIVE IN UNA SCUOLA PRIMARIA cl. 2^ PROGETTO PER L INSEGNAMENTO DELLE COMPETENZE SOCIO- EMOTIVE IN UNA SCUOLA PRIMARIA cl. 2^ MAMMA MIA CHE EMOZIONE! PROGETTO PER L INSEGNAMENTO DELLE COMPETENZE SOCIO- EMOTIVE IN UNA SCUOLA PRIMARIA- classi

Dettagli

Le nostre emozioni. Classe II B della Scuola primaria Sandro Pertini PROGETTAZIONE DEL LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ

Le nostre emozioni. Classe II B della Scuola primaria Sandro Pertini PROGETTAZIONE DEL LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ Le nostre emozioni Classe II B della Scuola primaria Sandro Pertini PROGETTAZIONE DEL LABORATORIO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ PREMESSA Ogni alunno porta nella scuola la sua storia, le sue emozioni, le

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906

PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906 PIANO OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO SCOLASTICO MARIA MONTESSORI VIA F.DE ROBERTO,2 - SCOGLIERA ACICASTELLO CATANIA TEL. 095 491084 340 5147906 ANNO SCOLASTICO 2013 2014 Scuola dell infanzia Presentazione

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

PATRIZIO PAOLETTI 5 P ASSI P ER CAMBIARE LA TUA VITA. MED events that change your life

PATRIZIO PAOLETTI 5 P ASSI P ER CAMBIARE LA TUA VITA. MED events that change your life PATRIZIO PAOLETTI 5 P ASSI P ER CAMBIARE LA TUA VITA MED events that change your life L ECCELLENZA È UN MODELLO A TENDERE PATRIZIO PAOLETTI Il filo conduttore che anima il percorso è la certezza che in

Dettagli

Servizio integrativo CENTRO BAMBINE-BAMBINI / CENTRO BAMBINO-GENITORI

Servizio integrativo CENTRO BAMBINE-BAMBINI / CENTRO BAMBINO-GENITORI Progetto pedagogico educativo - organizzativo Servizio integrativo CENTRO BAMBINE-BAMBINI / CENTRO BAMBINO-GENITORI spazi: La conformazione particolare del centro bambini/e, strutturato come open space,

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 Tel. 0871. 961126-961587 Fax 0871 961126 email chic81300t@istruzione.it chic81300t@pec.istruzione.it www.istitutocomprensivotollo.it CHIC81300T Cod. Fisc. 80003000694 PROGETTO

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli