La distinta base per l mrp

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La distinta base per l mrp"

Transcript

1 Gestione della produzione industriale La distinta base per l mrp

2 mrp - prospettiva storica MRP II Manufacturing Resource Planning mrp material requirements planning UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA ERP- Enterprise Resource Planning

3 mrp - prospettiva storica Denominata mrp Crusade (la crociata dell mrp): dal 1975, J. Orlicky, USA Assicurarsi di avere le parti giuste al momento giusto Considerando la domanda futura, i lead times, lo sfasamento temporale, il materiale a magazzino e la pianificazione ordini di produzione/acquisto lead time: tempo concesso/concordato per la produzione/acquisto di un codice - deterministico Determina la dimensione e la temporizzazione degli ordini Controlla e pianifica acquisti e produzione invece di una gestione a spanne Considerazioni a contorno: non comprende un controllo di capacità - PROBLEMA Storicamente si è introdotto un modulo CRP: capacity requirement planning: considera i routings delle parti (routing = sequenza delle workstations attraversate) workstation: insieme di una o più macchine o stazioni manuali con identiche funzioni calcola i carichi di lavoro su ogni workstation verifica se I carichi programmati eccedono rispetto alla capacità disponibile se I lead times sono abbastanza lunghi è possibile apportare modifiche

4 Dall mrp all ERP Manufacturing Resource Planning (MRPII) - Pianificazione Risorse Produttive: Un metodo per l effettiva pianificazione di tutte le risorse di un azienda manifatturiera Comprende la contabilità finanziaria, commerciale, pianificazione delle operations e capacità Ultima innovazione nel settore dei TLA (Three Letters Acronyms - acronimi da tre lettere): ERP - Enterprise Resource Planning - pianificazione delle risorse d impresa: Obiettivo: creare un unico sistema informativo in grado di integrare tutti i processi rilevanti di un azienda quali produzione, vendite, acquisti, contabilità, amministrazione, finanza etc. Produttori: SAP, Oracle, Microsoft Ultimamente: anche ERP open source (OpenBravo, OpenERP, ERP5 etc.) Lista completa al sito:

5 Utilizzi della BOM La BOM può essere utilizzata per prevedere l utilizzo dei materiali/semilavorati la cui domanda è dipendente (consumo che dipende da prodotti indipendenti): possono anche essere venduti come ricambi Definizioni: fabbisogno lordo: la previsione di utilizzo o domanda futura di un codice (componente o prodotto) durante un intervallo di tempo ricezione pianificata: codici che si programma di ricevere all INIZIO di ogni periodo a fronte di un impegno formale - es. ordine di acquisto a fornitori scorta prevista: prodotti (MP o SL) presenti o previsti a magazzino a FINE periodo fabbisogno netto: la previsione di utilizzo o domanda futura di un codice (componente o prodotto) al netto delle ricezioni pianificate e dei materiali a scorta rilasci pianificati: ordini di rifornimento previsti in arrivo ad INIZIO periodo lotto: quantità minima che è possibile ordinare scorte di sicurezza: quantità minima di prodotto che si sceglie di tenere a magazzino

6 La distinta base in pianificazione - mrp Ma, in pratica, come si può utilizzare la BOM per gestire la produzione e gli acquisti? Quando devo rilasciare gli ordini per poter completare il prodotto entro la data di consegna? Considerando i lead times per ogni operazione Considerando la BOM per conoscere come si compone ciascun prodotto finito Considerando anche il fabbisogno di ricambi Esempio: la pala da neve 1605 Unità temporale: settimane Si considerino lead times di 1 settimana La quantità minima di ordine (lot size) è di 100 pezzi Si consideri nota la domanda (prevista o effettiva) Tabelle delle slides successive

7 L mrp per la pala da neve 1605 Settimana Fabbisogno lordo Ricezione acquisto pianificata 50 Scorta prevista 4 Fabbisogno netto Ricevimento ordine Rilascio ordine

8 L mrp per la pala da neve 1605 Settimana Fabbisogno lordo Ricezione acquisto pianificata 50 Scorta prevista Fabbisogno netto 6 Ricevimento ordine Rilascio ordine Rottura di stock (stock out): mancano i prodotti!

9 L mrp per la pala da neve 1605 Settimana Fabbisogno lordo Ricezione acquisto pianificata 50 Scorta prevista Fabbisogno netto 6 Ricevimento ordine Rilascio ordine Emissione ordine pianificata (1 settimana di lead time) Ricezione ordine pianificata

10 L mrp per la pala da neve 1605 Settimana Fabbisogno lordo Ricezione acquisto pianificata 50 Scorta prevista Fabbisogno netto 6 Ricevimento ordine Rilascio ordine

11 Attenzione! Scorta prevista: non individua il numero di prodotti a magazzino (che può essere maggiore) indica la quantità di prodotti disponibili per la vendita (che possono essere promessi ai clienti) I rilasci ordini pianificati sono dalle ricezioni di acquisti pianificate i primi sono su carta (prevedo che farò un ordine), i secondi sono già stati inviati ai fornitori/produzione (ordine spedito/lanciato) e quindi difficilmente modificabili il passaggio dalla prima alla seconda categoria dovrebbe avvenire il più tardi possibile in questo modo si conserva flessibilità supponiamo di essere responsabili della produzione del codice Top Handle Assembly pezzi richiesti alla tabella precedente

12 La distinta base UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Esempio di distinta base la pala da neve possibile soluzione Top Handle Assembly LIVELLO Welded Top handle bracket Assembly LIVELLO Top handle (wood) 1118 Top handle Coupling (steel) 129 Top Handle Bracket (steel) 082 Nail (2)

13 L mrp per la pala da neve 1605 Componente Scorte previste Ricezione acquisto pianificata Fabbisogno lordo Fabbisogno netto (x 2)

14 Esplosione della BOM UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Componente Scorte previste Ricezione acquisto pianificata Fabbisogno lordo Fabbisogno netto (x 2)

15 Esplosione della BOM UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Componente Scorte previste Ricezione acquisto pianificata Fabbisogno lordo Fabbisogno netto (x 2)

16 Esplosione della BOM UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Componente Scorte previste Ricezione acquisto pianificata Fabbisogno lordo Fabbisogno netto (x 2)

17 Esplosione della BOM UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Componente Scorte previste Ricezione acquisto pianificata Fabbisogno lordo Fabbisogno netto (x 2)

18 Esplosione della BOM UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Questo semplice strumento ci dice quanti prodotti ci servono Non ci dice quando cominciare la produzione: cominciarla il prima possibile? cominciarla il più tardi possibile? Qui entra in gioco l mrp: approccio di progettazione temporale in avanti (cominciare il prima possibile) approccio di programmazione all indietro (cominciare il più tardi possibile) tenendo conto dei lead times considerando i lotti di produzione/acquisto considerando le scorte di sicurezza

19 BOM e pianificazione: il diagramma Gantt Diagramma di Gantt (da Henry Gantt: ): è costruito partendo da un asse orizzontale - in cui sono rappresentati i tempi e suddiviso in fasi incrementali (giorni, settimane, mesi) - e da un asse verticale - a rappresentazione delle mansioni o attività. barre orizzontali di lunghezza variabile rappresentano le sequenze, la durata e l'arco temporale di ogni singola attività. Queste barre possono sovrapporsi durante il medesimo arco temporale ad indicare la possibilità dello svolgimento in parallelo di alcune delle attività.

20 Diagramma Gantt al più presto: procedimento Partendo dalla DiBa, realizzare il diagramma di Gantt per il codice 1605 Ciascun codice è fornito di un lead time, relativo alla sua produzione o al suo acquisto (perchè esiste questa differenza?): se i codici sono acquistati, il lead time non varia con la numerosità se i codici sono prodotti, il lead time è proporzionale al numero Hp. pianificare le attività al più presto Si cominci dai livelli più bassi (numeri più elevati) e si proceda con i livelli più alti Ciascun codice può essere realizzato se tutti i suoi figli sono presenti Cominciare tutte le attività al più presto possibile Verificare il tempo di realizzazione del prodotto su di un diagramma Gantt

21 Esercizio Completare il diagramma di Gantt al più presto con i valori riportati sotto Liv Cod Nome Num Prod/Acq LT Snow shovel 1 P Shaft 1 A Scoop assembly 1 P Scoop 1 A Blade 1 A Rivet 6 A Rivet 4 A Scoop shaft connector 1 A Top handle assembly 1 P Top handle bracket assembly 1 P Top handle coupling 1 A Top handle bracket 1 A Nail 2 A Top handle 1 A Nail 4 A 1

22 Diagramma Gantt al più presto: svolgimento Livello Codice Nome Numero Prod/Acq LT Snow shovel 1 P Shaft 1 A Scoop assembly 1 P Scoop 1 A Blade 1 A Rivet 6 A Rivet 4 A Scoop shaft connector 1 A Top handle assembly 1 P Top handle bracket assembly 1 P Top handle coupling 1 A Top handle bracket 1 A Nail 2 A Top handle 1 A Nail 4 A 1

23 Diagramma Gantt al più presto: svolgimento Livello Codice LT

24 Diagramma Gantt al più presto: svolgimento Livello Codice LT

25 Diagramma Gantt al più tardi: procedimento Partendo dalla DiBa, realizzare il diagramma di Gantt al più tardi (codice 1605) Hp. pianificare le attività al più tardi Si comincia dal tempo di completamento del prodotto al più presto o, in alternativa, dall istante temporale zero e si risale con valori negativi Partenza dal livello 0 e si procede con i livelli più bassi Ciascun codice figlio sarà programmato così da essere completato appena prima dell inizio operazioni relative al padre (che può essere realizzato solo se tutti i figli sono presenti) Cominciare tutte le attività al più tardi possibile Verificare il tempo di realizzazione del prodotto sul diagramma di Gantt Analogie e differenze con il metodo al più presto: in questo caso: minori scorte; minore WIP; minori costi per l azienda sistema più esposto ai rischi (un ritardo di qualsiasi componente è critico)

26 Diagramma Gantt al più tardi: svolgimento Tempo di completamento: 22 periodi Liv Cod Nome Num Prod/Acq LT Snow shovel 1 P Shaft 1 A Scoop assembly 1 P Scoop 1 A Blade 1 A Rivet 6 A Rivet 4 A Scoop shaft connector 1 A Top handle assembly 1 P Top handle bracket assembly 1 P Top handle coupling 1 A Top handle bracket 1 A Nail 2 A Top handle 1 A Nail 4 A 1

27 Diagramma Gantt al più tardi: svolgimento Livello Codice LT

28 codice mrp UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Lead time = 2 settimane; lot size = 5 pz; scorte di sicurezza = 0 pz Settimana Fabbisogno lordo Ricezione acquisto pianificata 75 Scorta prevista Fabbisogno netto 5 Ricevimento ordine Rilascio ordine

29 codice mrp UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Lead time = 2 settimane; lot size = 5 pz; scorte di sicurezza = 0 pz Settimana Fabbisogno lordo Ricezione acquisto pianificata 75 Scorta prevista Fabbisogno netto 5 Ricevimento ordine Rilascio ordine 5 5 Completare l mrp

30 codice mrp UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Lead time = 2 settimane; lot size = 5 pz; scorte di sicurezza = 0 pz Settimana Fabbisogno lordo Ricezione acquisto pianificata 75 Scorta prevista Fabbisogno netto Ricevimento ordine Rilascio ordine

31 codice mrp UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Lead time = 2 settimane; lot size = 2 pz; scorte di sicurezza = 0 pz Settimana Fabbisogno lordo?????????? Ricezione acquisto pianificata Scorta prevista 22 Fabbisogno netto Ricevimento ordine Rilascio ordine

32 codice mrp UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Lead time = 2 settimane; lot size = 2 pz; scorte di sicurezza = 0 pz Settimana Fabbisogno lordo Ricezione acquisto pianificata Scorta prevista 22 Fabbisogno netto Ricevimento ordine Rilascio ordine Completare l mrp

33 codice mrp UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Lead time = 2 settimane; lot size = 2 pz; scorte di sicurezza = 0 pz Settimana Fabbisogno lordo Ricezione acquisto pianificata Scorta prevista Fabbisogno netto Ricevimento ordine Rilascio ordine

34 codice mrp UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Lead time = 1 settimana; lot size = 50 pz; scorte di sicurezza = 20 pz Settimana Fabbisogno lordo Ricezione acquisto pianificata 50 Scorta prevista? Fabbisogno netto Ricevimento ordine Rilascio ordine Completare l mrp

35 codice mrp UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Lead time = 1 settimana; lot size = 50 pz; scorte di sicurezza = 20 pz Settimana Fabbisogno lordo Ricezione acquisto pianificata 50 Scorta prevista Fabbisogno netto Ricevimento ordine Rilascio ordine

36 Completare l mrp Completare l mrp per i seguenti codici: 11495; scorte al tempo 0 = 27; LT = 2; LS = 1; SS = 0 129; scorte al tempo 0 = 15; LT = 1; LS = 10; SS = ; scorte al tempo 0 = 39; LT = 1; LS = 25; SS = 0 Esercizio: sviluppare l mrp dai seguenti dati LT = 1 periodo; lotto = 40 pz; SS = 0 pz; scorte attuali = 2 pz; ricezione acquisto pianificata = 40 pz nel periodo 1 Periodo Fabbisogno lordo i. in quali periodi si pianifica di eseguire ordini? ii. iii. cosa cambia se si introduce una scorta di sicurezza di 10 pz cosa cambia se, invece della SS, si aumenta di 1 periodo il LT?

37 Considerazioni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA La scorta di sicurezza serve a limitare gli effetti della variabilità della domanda e/o delle forniture: impedisce alle scorte previste di scendere a 0 Il LT di sicurezza limita gli effetti della variabilità delle date di consegna: fa emettere gli ordini di approvvigionamento/produzione in anticipo Non necessariamente (anzi, raramente) le quantità che possono essere ordinate coincidono con il fabbisogno netto: lotto economico, intervallo economico di riordino, politica one piece flow, altre Vantaggi mrp: l mrp è stato il primo strumento informatico di programmazione produzione è uno strumento molto semplice che si basa su solide fondamenta (la distinta base ed il piano principale di produzione) è molto flessibile e fornisce spesso risultati discreti Svantaggi mrp: ragiona a capacità infinita (non collega i lead times al carico di lavoro dell impianto) i lead times sono costanti e tipicamente allungati per sicurezza - elevati livelli di WIP! è un sistema altamente nervoso: un piccolo cambiamento nel piano principale di produzione può cambiare grandi cambiamenti nell mrp

CORSO DI Produzione e Logistica LA PIANIFICAZIONE DEI MATERIALI: LA PROCEDURA MRP

CORSO DI Produzione e Logistica LA PIANIFICAZIONE DEI MATERIALI: LA PROCEDURA MRP CORSO DI Produzione e Logistica LA PIANIFICAZIONE DEI MATERIALI: LA PROCEDURA MRP Agenda 1. Il Material Requirement Planning (MRP) Ripresa dei concetti fondamentali riguardanti lo MRP : a. sua collocazione

Dettagli

Il caso FrescoMagic s.r.l.

Il caso FrescoMagic s.r.l. LE TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE SCORTE Il caso FrescoMagic s.r.l. Le scorte servono a fronteggiare in ogni momento improvvise esigenze di produzione e di vendita Rilevano importanza perché

Dettagli

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte prestazioni e per un'efficace pianificazione della produzione Sede principale a Trieste. Filiali a Milano,

Dettagli

A2 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

A2 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE A2 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE AZIENDA : Organizzazione di cose e persone che persegue uno scopo economico. (ditte, famiglie, banche, associazioni) IMPRESA : azienda la cui attività produttiva è destinata

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEGLI ACQUISTI CON MICROSOFT EXCEL 2007

LA PIANIFICAZIONE DEGLI ACQUISTI CON MICROSOFT EXCEL 2007 LA PIANIFICAZIONE DEGLI ACQUISTI CON MICROSOFT EXCEL 2007 La pianificazione degli acquisti assume un importanza fondamentale in tutte quelle realtà aziendali dove: i tempi di approvvigionamento sono piuttosto

Dettagli

Piano dei fabbisogni di materiali

Piano dei fabbisogni di materiali Piano dei fabbisogni di materiali MRP 1 Pianificazione dei fabbisogni Obiettivo generale è determinare: quali assiemi, sottoassiemi, parti e materie prime sono necessari per realizzare un determinato MPS;

Dettagli

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Fenomeni di obsolescenza 2 Determinati da: Prodotto inidoneo al segmento di mercato (es: computer) Effetto moda (es: abbigliamento) Mancato

Dettagli

INTRODUZIONE alla GESTIONE della PRODUZIONE

INTRODUZIONE alla GESTIONE della PRODUZIONE INTRODUZIONE alla GESTIONE della PRODUZIONE Le informazioni contenute nel presente manuale sono soggette a modifiche senza preavviso. Se non specificato diversamente, ogni riferimento a società, nomi,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Glossario e Formulario

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Glossario e Formulario UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Glossario e Formulario Glossario e Formulario Pianificazione Programmazione Tempi di produzione KanBan

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE

GESTIONE DELLA PRODUZIONE Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale GESTIONE DELLA PRODUZIONE Esercitazioni MRP prof. ing. Alberto Felice De Toni SOMMARIO Logica di calcolo dei

Dettagli

presenta SP T Smart Planning & Optimization Tools

presenta SP T Smart Planning & Optimization Tools presenta SP T SUITE MODULARE PER LA GESTIONE E LA PIANIFICAZIONE DELLE RISORSE PRODUTTIVE DEDICATA ALLE PIATTAFORME ERP ZUCCHETTI FACILITAʼ DʼUTILIZZO ESTESA CONNETTIVITAʼ MULTIUTENTE MODULARE ELEVATE

Dettagli

Programmazione della Produzione 32

Programmazione della Produzione 32 GESTIONE DELLE SCORTE Programmazione e Controllo Controllo delle scorte Controllo degli approvvigionamenti di materiale (arrivi) Controllo della produzione Controllo dei PF per la distribuzione Nomenclatura:

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE OBIETTIVI DELLA PIANIFICAZIONE E CONTROLLO: q PROGRAMMARE LA PRODUZIONE OTTIMIZZARE L UTILIZZO DELLA CAPACITA PRODUTTIVA

Dettagli

La Produzione Discreta, a Lotti e su Commessa.

La Produzione Discreta, a Lotti e su Commessa. Area Produzione l Controllo di Produzione l Distinta Base e Cicli di Produzione l Politiche MRP I e II l Schedulatore l Conto Lavoro La Produzione Discreta, a Lotti e su Commessa. I moduli preposti in

Dettagli

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione La e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri e Controllo di Produzione : compiti 2 Rendere disponibili le informazioni necessarie per: Gestire in modo efficiente ed efficace il

Dettagli

La Pianificazione dei Fabbisogni

La Pianificazione dei Fabbisogni 1 La Pianificazione dei Fabbisogni Le tecniche di Gestione a Fabbisogno in contrapposizione alle tecniche di Gestione a Scorta La Tecnica del Material Requirement Planning o MRP: i dati d ingresso le fasi

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. ALGORTIMO DI WAGNER-WHITIN

ESERCITAZIONE 1. ALGORTIMO DI WAGNER-WHITIN ESERCITAZIONE 1. ALGORTIMO DI WAGNER-WHITIN Alla base di questo algoritmo (e di quasi tutte le tecniche di lot sizing) si sono molte ipotesi, tra le quali le seguenti: 1. La domanda è assunta nota in ciascun

Dettagli

Release 3.1.3 WHIT E PAPER. e-fab

Release 3.1.3 WHIT E PAPER. e-fab Release 3.1.3 WHIT E PAPER Giugno 2003 A chi si rivolge, è stato pensato per la gestione ed il controllo delle fasi del ciclo produttivo. Caratteristiche generali I moduli affrontano e risolvono tutte

Dettagli

Ottava Edizione. MRP Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. MRP Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione MRP Prof. Sergio Cavalieri critici La pianificazione dei fabbisogni Madio / Lungo Termine Master Production Schedule (MPS) Programmazione Aggregata Strategia Famiglie prodotti Lungo Termine

Dettagli

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Fondata dall'ing. Kirchner nel 1991 Sede principale a Trieste. Filiali a Milano, Bologna, Padova e Udine Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte

Dettagli

Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te.

Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te. www.axioma.it Le Aziende di produzione non sono tutte uguali. Axioma ha prodotti e persone adatti a te. www.softwareproduzione.it Come lavora la tua azienda? Quale modello produttivo usa? Processo continuo

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

Schedulazione MRP-II

Schedulazione MRP-II modulo Schedulazione MRP-II --------- Carico Risorse Produttive a Capacità FINITA ( FCS ) BREVE GUIDA ( su logiche di funzionamento e modalità d uso ) www.impresa24.ilsole24ore.com 1 Sommario Premessa

Dettagli

I processi di acquisizione/utilizzo dei fattori produttivi correnti

I processi di acquisizione/utilizzo dei fattori produttivi correnti I processi di acquisizione/utilizzo dei fattori produttivi correnti azienda/fornitori circuiti sempre aperti: flussi fisico tecnici ed economici (in entrata) flussi monetari-finanziari (in uscita) settore

Dettagli

LA LOGISTICA INTEGRATA

LA LOGISTICA INTEGRATA dell Università degli Studi di Parma LA LOGISTICA INTEGRATA Obiettivo: rispondere ad alcuni interrogativi di fondo Come si è sviluppata la logistica in questi ultimi anni? Quali ulteriori sviluppi sono

Dettagli

MBM Italia S.r.l. Via Pellizzo 14/a 35128 Padova. Tel. Fax E-mail. www.mbm.it. +39.049.2138422 +39.049.2106668 marketing@mbm.it

MBM Italia S.r.l. Via Pellizzo 14/a 35128 Padova. Tel. Fax E-mail. www.mbm.it. +39.049.2138422 +39.049.2106668 marketing@mbm.it ARCHITETTURA APPLICATIVA Il processo elaborativo si sviluppa in cinque passi. ERP XML PLANNING SERVER 1 Estrazione dei dati dai data base in cui sono gestiti e creazione di file XML che vengono trasferiti

Dettagli

Gestione dati tecnici di prodotto. Ing. Francesco Grassi - www.consulenzagestionale.it

Gestione dati tecnici di prodotto. Ing. Francesco Grassi - www.consulenzagestionale.it Gestione dati tecnici di prodotto Obiettivo dell attività di Gestione dei Dati Tecnici: Ricercare e Formalizzaretutte le informazioni tecniche di prodotto, generate nelle diverse attività di creazione

Dettagli

MRP. Pianificazione della produzione. Distinta base Bill Of Materials (BOM) MPS vs. MRP. Materials Requirements Planning (MRP)

MRP. Pianificazione della produzione. Distinta base Bill Of Materials (BOM) MPS vs. MRP. Materials Requirements Planning (MRP) MRP Pianificazione della produzione Materials Requirements Planning (MRP) 15/11/2002 16.58 Con l MRP si decide la tempificazione delle disponibilità dei materiali, delle risorse e delle lavorazioni. MRP

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING)

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) EVOLUZIONE DEFINIZIONI SISTEMI INFORMATIVI E SISTEMI ERP I SISTEMI TRADIZIONALI I SISTEMI AD INTEGRAZIONE DI CICLO I SISTEMI

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE

GESTIONE DELLA PRODUZIONE GESTIONE DELLA PRODUZIONE CICLO OPERATIVO DI GESTIONE INPUT OPERATION OUTPUT Approvvigionamento Lavoro Materiali Capitali Produzione Beni o Servizi Vendita GESTIONE STRATEGICA DELLA PRODUZIONE Obiettivi

Dettagli

Gestione Produzione Release 4.0

Gestione Produzione Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Gestione Produzione Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright.

Dettagli

Modulo Produzione AdHoc Enterprise

Modulo Produzione AdHoc Enterprise Modulo Produzione AdHoc Enterprise La Gestione della Produzione in Enterprise è suddivisa in nove moduli di cui uno dedicato alla produzione su commessa singola e gli altri otto alle altre diverse realtà

Dettagli

Piano dei fabbisogni di capacità

Piano dei fabbisogni di capacità Piano dei fabbisogni di capacità CRP 1 Piano aggregato Piano delle risorse Lungo termine MPS Piano della capacità di massima Medio termine MRP CRP Breve termine Controllo della produzione Controllo della

Dettagli

La logistica del farmaco Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it

La logistica del farmaco Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it La logistica del farmaco Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it Organizzazione dell azienda farmacia e Farmacoeconomia Definizione e compiti della funzione produzione e logistica Definizione Insieme

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

Corso di gestione dell informazione aziendale. Casi Aziendali

Corso di gestione dell informazione aziendale. Casi Aziendali Corso di gestione dell informazione aziendale Casi Aziendali Anno Accademico 2004/2005 1 Caso 3 Progettazione di un Nuovo Sistema Informativo Aziendale 2 Progettazione di un Nuovo SI Aziendale Obiettivi

Dettagli

software gestione imprese settore AEROSPAZIALE

software gestione imprese settore AEROSPAZIALE software gestione imprese settore AEROSPAZIALE L industria aerospaziale italiana ricopre un ruolo di grande rilevanza non solo per le economie territoriali ma anche per il prestigio nazionale e internazionale

Dettagli

SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione

SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione SAP Business One Be.as - Variatec Facciamo Innovazione INNOVAZIONE ED EFFICIENZA DEI PROCESSI DI BUSINESS DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA MANIFATTURIERA Efrem Frigeni ERP Division Manager Brain System Srl

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Scheda Prodotto. Produzione

Piattaforma Applicativa Gestionale. Scheda Prodotto. Produzione Piattaforma Applicativa Gestionale Scheda Prodotto Produzione COPYRIGHT 1992-2004 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

I processi di approvvigionamento

I processi di approvvigionamento azienda/fornitori I processi di acquisto/utilizzazione dei fattori produttivi correnti circuiti sempre aperti: flussi fisico tecnici ed economici (in entrata) flussi monetari-finanziari (in uscita) settore

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Pianificazione e controllo delle risorse

Pianificazione e controllo delle risorse Pianificazione e controllo delle risorse Pianificazione e controllo delle risorse Gestione dell allocazione delle risorse in modo che i processi dell azienda siano efficienti e riflettano la domanda di

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Opportunità per le PMI per ottimizzare la gestione della filiera logistico

Dettagli

Mada Service di Cassani Giancarlo & C. snc p.zza Gramsci, 3 48017 Conselice (RA) Italy - Tel. + 39 0545 986017 Fax +39 0545 85270 - mada@mada.

Mada Service di Cassani Giancarlo & C. snc p.zza Gramsci, 3 48017 Conselice (RA) Italy - Tel. + 39 0545 986017 Fax +39 0545 85270 - mada@mada. MADA Pro si compone dei principali tools di gestione aziendale, ovvero Contabilità, Magazzino, Vendite ed Ordini. La scelta di integrare nel modulo base anche gli ordini è dettata dalla sempre maggiore

Dettagli

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM Alice Pavarani Un ERP rappresenta la maggiore espressione dell inseparabilità tra business ed information technology: è un mega-package di applicazioni

Dettagli

Le tecniche di gestione delle scorte con Access 2007

Le tecniche di gestione delle scorte con Access 2007 Le tecniche di gestione delle scorte con Access 2007 Premessa La gestione delle scorte di magazzino comporta, per molte aziende, scelte di fondamentale importanza, che possono avere riflessi positivi sia

Dettagli

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE Il modulo Pianificazione e Programmazione della Produzione ha l obiettivo di illustrare gli strumenti più

Dettagli

Mecprod. Soluzione verticale per il settore Manifatturiero ABACUS

Mecprod. Soluzione verticale per il settore Manifatturiero ABACUS ABACUS Mecprod Soluzione verticale per il settore Manifatturiero Mecprod Mecprod è il verticale di Abacus per la gestione della produzione dedicato alle aziende del settore manifatturiero. Mecprod è il

Dettagli

Ciclo di vita di un ordine di lavoro

Ciclo di vita di un ordine di lavoro Ciclo di vita di un ordine di lavoro Che cos è un ordine di lavoro? Un autorizzazione a fabbricare o assemblare una determinata quan:tà di una parte per una scadenza specifica secondo le previste modalità

Dettagli

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE CAP. 16 Una definizione La logistica è il sistema di connessione tra l approvvigionamento dei materiali, la trasformazione

Dettagli

LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani

LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani Corso di LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani MODELLI DI GESTIONE DELLE SCORTE DIEM Facoltà di Ingegneria - Università di Bologna 1/28 Scorte Le scorte possono essere

Dettagli

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 1

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 1 Simona Sacone - DIST Corso di Automazione Industriale 1 Capitolo 1 Livelli decisionali nei processi produttivi Simona Sacone - DIST 2 Introduzione Marketing Livello strategico Design Ufficio commerciale

Dettagli

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm.

www.mbm.it MBM Italia S.r.l. - Via L. Pellizzo 14/A - 35128 Padova Tel.+39.049.2138422 - Fax +39.049.2106668 - E-mail marketing@mbm. 1 APACHE V4 è la soluzione ERP (Enterprise Resource Planning) di MBM Italia per le aziende di produzione. È un software integrato e modulare, che fornisce gli strumenti gestionali alle aree operative di

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi ERP: L area produttiva Copyright 2011 Pearson Italia Obiettivi Funzioni base dei sistemi per il flusso produttivo Trattamento dei processi di definizione

Dettagli

IL VENERDÌ DELLA LOGISTICA Logistica e Supply Chain Management Incontri Tecnici anno 2012

IL VENERDÌ DELLA LOGISTICA Logistica e Supply Chain Management Incontri Tecnici anno 2012 Venerdì 16 marzo dalle ore 9 alle ore 13 LOGISTICA E SUPPLY CHAIN MANAGEMENT. CREARE VALORE CON UNA BUONA ORGANIZZAZIONE DELL'AZIENDA (LA PROPRIA E QUELLA DI FORNITORI E CLIENTI). Venerdì 23 marzo dalle

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Processi snelli terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Processi snelli Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

La Gestione delle Scorte

La Gestione delle Scorte La Gestione delle Scorte Gestione delle scorte I materiali hanno un ruolo fondamentale nel processo produttivo infatti il 30-80% del fatturato viene speso per acquisto di materiali. Ma l immobilizzo di

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO?

COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO? COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE Domanda di beni che l azienda utilizza a scopo interno oppure

Dettagli

Gamma ENTERPRISE. The extended ERP platform

Gamma ENTERPRISE. The extended ERP platform Gamma ENTERPRISE The extended ERP platform Gamma ENTERPRISE The extended ERP platform La realizzazione di una piattaforma ERP estesa nasce dall esigenza delle Aziende di ottimizzare l intero flusso dei

Dettagli

Simulazione di una catena logistica

Simulazione di una catena logistica Simulazione di una catena logistica La logistica aziendale richiede l organizzazione di approvvigionamento e trasporto dei prodotti e dei servizi. La catena di distribuzione, supply chain, comprende il

Dettagli

Modello Di Schedulazione Con Capacità Finita

Modello Di Schedulazione Con Capacità Finita Modello Di Schedulazione Con Capacità Finita Capacità Finita Applicata Alla Schedulazione Degli Ordini Pianif Descrizione Modello E un tool che: Integra la funzione delle vendite con quella logistico-produttiva

Dettagli

Consulenza, sistemi informativi, elaboratori elettronici

Consulenza, sistemi informativi, elaboratori elettronici Il sistema informativo The Sequence, sviluppato dalla Sistema D.P., una software house presente nel panorama dei gestionali dal 1979, è il sistema gestionale che integra tutte le soluzioni per la gestione

Dettagli

per il settore MECCANICO

per il settore MECCANICO per il settore MECCANICO L industria meccanica italiana ha sempre ricoperto una posizione strategica nell economia del paese. Questo settore sta affrontando sfide importanti, come il continuo incremento

Dettagli

Just-In-Time: la definizione

Just-In-Time: la definizione 1 Just In Time Definizione e concetti generali Produzione a flusso continuo Vantaggi della flessibilità degli impianti e della riduzione del set-up Le relazioni con i fornitori Relazioni con i sistemi

Dettagli

Material Requirements Planning

Material Requirements Planning Material Requirements Planning SISTEMI DI GESTIONE PUSH Si preferiscono in generale, per codici posti a livelli inferiori della distinta base (a domanda dipendente); ed in particolare, in presenza del

Dettagli

King Produzione. Gestione. produzione

King Produzione. Gestione. produzione King Produzione Gestione flessibile della produzione Gestione flessibile della produzione... 3 CARATTERISTICHE GENERALI... 4 IL LANCIO DI PRODUZIONE... 6 IL LANCIO PRODUZIONE CON MRP... 7 PRODUZIONE BASE...

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI

PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI PIANO DI GESTIONE DEI FABBISOGNI DI CAPACITÀ (a cura di E. Padoano) [Bozza 2010] Indice 1 Introduzione 1 2 Capacity Requirements Planning (CRP) 2 3 Dati di input di CRP 2 4 La capacità disponibile 4 5

Dettagli

2013 PROVA PRATICA SCRITTA

2013 PROVA PRATICA SCRITTA Esami di Stato Seconda Sessione Novembre 2013 PROVA PRATICA SCRITTA (caratterizzante la classe) CLASSE 10 L9 13 Febbraio 2014 Sez. B - Ingegneria INDUSTRIALE Tema n. 1 Il candidato descriva dettagliatamente

Dettagli

Teseo 7 Industry. Il gestionale ideale per le aziende di produzione. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it

Teseo 7 Industry. Il gestionale ideale per le aziende di produzione. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it Teseo 7 Industry Il gestionale ideale per le aziende di produzione. Z ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it tel. (+39) 055 91971 fax. (+39) 055 9197515 e mail: commerciale@centrosistemi.it

Dettagli

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Le fasi del processo di PPC 2 Pianificazione di lungo termine Pianificazione aggregata Elaborazione del piano principale di produzione

Dettagli

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato DEMAND PLANNING AREA Production Planning Modulo Avanzato DEMAND PLANNING Il corso Demand Planning ha l obiettivo di fornire un quadro completo degli elementi che concorrono alla definizione di un corretto

Dettagli

Capitolo 9 Gestione delle scorte. Introduzione

Capitolo 9 Gestione delle scorte. Introduzione Capitolo 9 Gestione delle scorte Introduzione 1 Salvo rare eccezioni, le scorte di materie prime, semilavorati e prodotti finiti sono una presenza invitabile in ogni tipo di processo e in ogni rete di

Dettagli

Metodi di calcolo dei costi di prodotto

Metodi di calcolo dei costi di prodotto Metodi di calcolo dei costi di prodotto Presentazione Ing. Cecilia Fariselli Da 23 anni nel settore dell Information Technology. Da oltre 10 anni gestione manageriale, organizzazione aziendale, operando

Dettagli

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Manufacturing e Automotive NOTE

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Manufacturing e Automotive NOTE I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI Baan IV IV - Manufacturing e Automotive Obiettivi per i sistemi produttivi Riduzione dei costi totali nella catena logistica Maggior servizio ai clienti Riduzione dei

Dettagli

La soluzione informatica Tentata Vendita nasce per gestire e risolvere le problematiche legate alla tentata vendita.

La soluzione informatica Tentata Vendita nasce per gestire e risolvere le problematiche legate alla tentata vendita. . COS È La soluzione informatica Tentata Vendita nasce per gestire e risolvere le problematiche legate alla tentata vendita. Tutto il sistema è realizzato in Java, è totalmente web nativo ed integrato

Dettagli

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE AREA Production Planning Modulo Base PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE Il modulo Pianificazione e Programmazione della Produzione ha l obiettivo

Dettagli

I.P.S. INTEGRATED PRODUCTION SYSTEM

I.P.S. INTEGRATED PRODUCTION SYSTEM Gestione dei processi produttivi per le aziende Manifatturiere che lavorano a commessa o ciclo continuo. L APPLICAZIONE I.P.S. è una applicazione che gestisce le fasi produttive di aziende che operano

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO PER PERSONALE LOGISTICO MODULO GESTIONE DEI MATERIALI (MM)

PERCORSO FORMATIVO PER PERSONALE LOGISTICO MODULO GESTIONE DEI MATERIALI (MM) PERCORSO FORMATIVO PER PERSONALE LOGISTICO MODULO GESTIONE DEI MATERIALI (MM) Lez. 1: Record info o I Record Info: gestione listini d acquisto materiali: o Visualizzazione Record Info; o Creazione Record

Dettagli

LA DISTINTA BASE item evidenziare le relazioni o i legami gerarchici diba

LA DISTINTA BASE item evidenziare le relazioni o i legami gerarchici diba LA DISTINTA BASE La distinta base (BOM - bill of material) di un qualsiasi prodotto (finito o semilavorato) è l insieme degli item che lo compongono, organizzato in modo da evidenziare le relazioni o i

Dettagli

LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Augusto Bianchini

LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Augusto Bianchini Corso di LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Augusto Bianchini PRESENTAZIONE CORSO DIEM Facoltà di Ingegneria - Università di Bologna AGENDA Conoscenze e abilità da conseguire

Dettagli

determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato BUDGET DI PRODUZIONE BUDGET della PRODUZIONE

determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato BUDGET DI PRODUZIONE BUDGET della PRODUZIONE Budget delle vendite L articolazione per Centri di Costo determinazione della quantità fisica di prodotti da realizzare nel periodo considerato 1 I criteri per individuare i centri di costo sono: Rilevanza

Dettagli

M.APS Manufacture Advanced Planning System

M.APS Manufacture Advanced Planning System M.APS Manufacture Advanced Planning System Per chi M.APS Le piccole e medie aziende italiane di produzione, sono sempre più sottoposte a cambiamenti nella metodologia di lavoro dovuti soprattutto al cambiamento

Dettagli

PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN

PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN A.S. 2014/15 Innovazione e ciclo di vita di un prodotto La progettazione di un prodotto e di conseguenza il suo processo produttivo dipende dalla

Dettagli

A p i c e w h i t e p a p e r Pag. 1/6

A p i c e w h i t e p a p e r Pag. 1/6 Apice è un sistema informativo in grado di gestire tutti gli aspetti di maggiore importanza nella vita di una azienda moderna: la pianificazione delle risorse, i rapporti con i clienti, la qualità, la

Dettagli

I Sistemi di produzione PULL

I Sistemi di produzione PULL I Sistemi di produzione PULL Sistema Push Il sistema push pianifica e schedula la produzione basandosi sulla previsione di domanda o sull acquisizione di ordini dei clienti. Quindi si controlla il rilascio

Dettagli

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il progetto definitivo è corredato dal cronoprogramma delle lavorazioni, redatto anche al

Dettagli

GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004

GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004 GESTIONE DELL INFORMAZIONE AZIENDALE GRUPPO A prova scritta del 20 maggio 2004 Rispondere alle seguenti domande marcando a penna la lettera corrispondente alla risposta ritenuta corretta (una sola tra

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Sistemi avanzati per la gestione della supply chain: i sistemi advanced planning

Dettagli

CAPITOLO 6 La programmazione operativa (operations scheduling)

CAPITOLO 6 La programmazione operativa (operations scheduling) CAPITOLO 6 La programmazione operativa (operations scheduling) Contenuti Le funzioni della PO Gli obiettivi della PO Il job loading Il metodo dell assegnazione Il job sequencing Regole e tecniche di priorità

Dettagli

SISTEMI DI PRODUZIONE

SISTEMI DI PRODUZIONE SISTEMI DI PRODUZIONE 1/49 Tipologia di sistemi produttivi Volume Sistema rigido Sistema flessibile Varietà parti 2/49 Modelli di Sistemi di produzione Sono basati sulla ripetitività delle operazioni di

Dettagli

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015 Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il

Dettagli

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS MOTIS Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS COMMERCIALE AMMINISTRAZIONE PERSONALE - ACQUISTI PROGETTAZIONE DIREZIONE MAGAZZINO MATERIA PRIMA INGRESSO

Dettagli