MODELLI TEORICI E SPECIFICITA DEGLI INTERVENTI TERAPEUTICI-RIABILITATIVI.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODELLI TEORICI E SPECIFICITA DEGLI INTERVENTI TERAPEUTICI-RIABILITATIVI. www.slidetube.it"

Transcript

1 MODELLI TEORICI E SPECIFICITA DEGLI INTERVENTI TERAPEUTICI-RIABILITATIVI

2 UNA PROFESSIONALITA EMERGENTE: IL TECNICO DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA La Riabilitazione Psichiatrica vede il coinvolgimento di professionalità diverse. Ogni specificità professionale mette a fuoco un particolare diverso. Una professionalità emergente è il Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica (TRP), la cui attività professionale è regolamentata dal Decreto n 182 del 29 marzo 2001.

3 IL TECNICO DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA: Opera su 4 livelli: 1. Intrattenimento; 2. Socializzazione; 3. Riabilitazione propriamente detta; 4. Reinserimento sociale. Lavora con 3 strumenti essenziali: 1. Empatia; 2. Gioco; 3. Funzione psicopedagogica. Un altro strumento fondamentale è l intervista semistrutturata VADO ( Valutazione delle Abilità Definizione degli Obiettivi)

4 INTRODUZIONE AI MODELLI... La Riabilitazione Psichiatrica si riferisce al campo di azioni e interventi volti ad alleviare le menomazioni, le disabilita e gli handicap negli individui con disturbi mentali e a migliorare, nei limiti del possibile, la loro vita. Ogni intervento di Riabilitazione Psichiatrica poggia le proprie basi su alcuni assunti che prescindono dallo specifico delle differenti teorie e prassi riabilitative. All interno del campo riabilitativo sono presenti diverse modalità teoriche di approccio al paziente e modelli applicativi diversificati.

5 MODELLI TEORICI MODELLO PSICOANALITICO; MODELLO COGNITIVO- COMPORTAMENTALE; MODELLO SISTEMICO-RELAZIONALE; MODELLO ANALITICO-TRANSAZIONALE; MODELLO DELLA GESTALT.

6 MODELLO PSICOANALITICO Gli esseri umani sono motivati all azione di istinti e pulsioni che procedono al di fuori del livello di consapevolezza e difficilmente accessibili a livello cognitivo. I concetti di INCONSCIO, PRECONSCIO, COSCIENZA e di ES, IO e SUPER-IO sono atti a spiegare la struttura e l organizzazione psichica di un soggetto, sia dal punto di vista evolutivo sia psicopatologico. Il punto fondamentale di tale modello è che le pulsioni sono presenti come sollecitazioni erotiche che diventano fonte di piacere e/o frustrazione con relative conseguenze nello sviluppo psicosessuale della persona.

7 MODELLO PSICOANALITICO Meccanismi di tipo nevrotico: Sublimazione; Razionalizzazione; Rimozione; Conversione; Spostamento; Formazione reattiva; Regressione; Negazione. Meccanismi di tipo psicotico: Scissione; Proiezione. Tutti gli individui utilizzano tali strumenti che hanno lo scopo di proteggere da situazioni minacciose, sono specifici di ogni tipo di personalità e possono divenire indice di patologia: MECCANISMI DI DIFESA.

8 MODELLO PSICOANALITICO Disagio psichico come espressione di esperienze infantili vissute come traumatiche, che hanno causato deficit nella struttura di personalità. La teoria psicoanalitica ha lo scopo di svelate conflitti, angosce, vissuti rimossi e inconsci che dominano il soggetto impedendogli di vivere liberamente la sua vita. Il trattamento psicoanalitico utilizza tecniche molteplici: ALLEANZA TERAPEUTICA; LIBERE ASSOCIAZIONI; INTERPRETAZIONE; ANALISI DEL TRANSFERT.

9 MODELLO COGNITIVO- COMPORTAMENTALE Nasce dall integrazione di 2 modelli diversi: Modello del comportamentismo Modello della psicologia cognitiva Disagio psichico attribuibile ad un modo distorto di interpretare gli eventi. La terapia cognitivo- comportamentale ha lo scopo di scoprire e correggere gli elementi di conoscenza che l uomo ha su di sé e sugli altri che indirizzano e regolano le sue emozioni e comportamenti anormali. La condizione patologica nasce dall attribuzione erronea di significati e valori alle proprie esperienze di vita.

10 MODELLO COGNITIVO- COMPORTAMENTALE Il trattamento cognitivo- comportamentale prevede: Tecniche comportamentali Tecniche di controllo dello stimolo: - Desensibilizzazione sistematica; - Controcondizionamento avversivo; - Shaping e Modeling; - Chaining, Prompting, Fading. Tecniche di rispostarinforzo: - Token economy; - Costo della risposta; - Time- out. Tecniche cognitive - Terapia razionale emotiva (RET); - Terapia cognitiva di Beck; - Ristrutturazione cognitiva; - Role-play; - Tecniche di rilassamento: training di rilassamento progressivo, training autogeno; biofeedback, ipnosi.

11 MODELLO COGNITIVO- COMPORTAMENTALE L approccio cognitivo- comportamentale alla psicosi inizia negli anni 90 e si muove nel paradigma dello stressvulnerabilità. Gestione complessiva del paziente psicotico. Aspetto psicoterapico. Obiettivo: ampliare i gradi di libertà del sistema del paziente consentendogli di riattivare il processo di cambiamento.

12 MODELLO SISTEMICO- RELAZIONALE Si fonda sui concetti della TEORIA DEI SISTEMI: si propone di individuare e comprendere le regole strutturali e funzionali che possono essere considerate valide per la descrizione di ogni sistema. Per comprendere i comportamenti umani è indispensabile studiarli in funzione della dinamica interattiva e del contesto nel quale si originano. A livello clinico, il disturbo psichico deve essere studiato nelle relazioni fra le persone, piuttosto che all interno di un singolo soggetto.

13 MODELLO SISTEMICO- RELAZIONALE La famiglia viene definita come SISTEMA FAMIGLIA :insieme di unità legate da relazioni significative in continuo interscambio con l ambiente sociale. Secondo il gruppo di Palo Alto famiglia come TOTALITA anziché come agglomerato do individui. TEORIA DELLA FAMIGLIA DI PALO ALTO: OMEOSTASI:sistema di regole insite in ogni famiglia che hanno la funzione di mantenere intatto l equilibrio del sistema. DOPPIO LEGAME: sequenza comunicativa contraddittoria che crea una relazione interpersonale molto disturbata.

14 MODELLO SISTEMICO- RELAZIONALE La terapia della famiglia ha lo scopo di attivare modelli relazionali che possano esprimere nuove risorse e potenzialità terapeutiche da permettere al paziente di riappropriarsi delle sue capacità di auto- determinazione. E indicata: 1. Quando si verificano crisi familiari che interessano tutti i membri del sistema famiglia; 2. Disarmonia coniugale o sessuale; 3. Conflitti di valore o generazionali.

15 MODELLO SISTEMICO- RELAZIONALE Il terapista sistemico: 1. REATTORE: si limita a reagire ai problemi man mano che sorgono; 2. ANIMATORE: programma e organizza le procedure, assegna i compiti a casa. Il trattamento sistemico- relazionale: PRESCRIZIONE: assegnazione di un compito che coinvolge tutta la famiglia durante la seduta oppure a casa. PRESCRIZIONE RISTRUTTURANTE: modifica gli schemi relazionali abituali della famiglia utilizzando energie presenti nel sistema familiare. PRESCRIZIONE PARADOSSALE: fondata sul paradosso della prescrizione del sintomo.

16 MODELLO ANALITICO- TRANSAZIONALE Ha origine negli anni negli Stati Uniti ad opera di Eric Berne. E una teoria psicologica che studia l individuo all interno dell ambiente in cui vive attraverso i comportamenti che manifesta. L Analisi Transazionale scompone la struttura della personalità in 3 elementi, ognuno di questi stati si esprime ed entra in relazione con gli altri nelle diverse situazioni in cui veniamo a trovarci: 1. GENITORE; 2. ADULTO; 3. BAMBINO.

17 MODELLO ANALITICO- TRANSAZIONALE Dopo la definizione di un alleanza terapeutica il trattamento prevede il rinforzo dei confini dell Io mediante tecniche di: 1. De- contaminazione; 2. Chiarificazione; 3. Rinforzo dei confini degli stati dell IO; 4. Riorientamento. Nella fase di riallineamento si interviene con l uso di: 1. Interrogazione; 2. Specificazione; 3. Confrontazione; 4. Spiegazione. ILLUSTRAZIONE CONFERMA

18 MODELLO ANALITICO- TRANSAZIONALE L intervento mira ad aumentare la consapevolezza per poter utilizzare una vasta gamma di opzioni per ogni evento decisionale dell esistenza. Il cambiamento è il prodotto dell interazione di 3 fattori: 1. Cambiamento immaginato, auspicato dall operatore; 2. Cambiamento richiesto, desiderato dal paziente; 3. Cambiamento realizzabile, tenendo presente l operatore, il paziente, il contesto ambientale e la loro interazione reciproca.

19 MODELLO DELLA GESTALT Ogni individuo trasferisce in ogni situazione della vita quotidiana i suoi bisogni, concentrandosi solo su una parte della sua esperienza. Disagio psichico come conseguenza di una vita priva di autenticità in cui un soggetto cerca di essere ciò che non è. Il paradigma teorico pone al centro dell indagine conoscitiva e della pratica clinica l Organismo umano (O) nella sua relazione con l Ambiente (A). Vengono messi in luce la relazione O/A, il luogo in cui tale interazione avviene, ossia il confine tra O e A, definito confine di contatto crescita dell organismo. La mancanza di un confine di contatto è l elemento saliente dell esperienza psicotica.

20 MODELLO DELLA GESTALT La terapia della Gestalt si estrinseca mediante 3 elementi: 1. Consapevolezza; 2. Contatto; 3. Esperimento. Le strategie operative si basano su 2 aspetti: 1. Modello operativo centrato sul soggetto che stimola le funzioni cognitive comportamentali individuali; 2. Milieu Therapy pone l attenzione sull ambiente, sui presupposti teorici della teoria dell attaccamento di Bowlby, sulla teoria della vulnerabilità individuale. Due tecniche praticate nell ambito della terapia: 1. Assunzione di ruoli; 2. Esercizio della sedia vuota.

21 MODELLI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA E PSICOSOCIALE MODELLO DI CIOMPI reinserimento nella normale vita sociale e lavorativa; MODELLO DI SPIVAK contrastare il cammino del paziente verso la cronicizzazione della patologia psichiatrica; MODELLI PSICOEDUCATIVI (FALLOON) aumentare la consapevolezza dei familiari sulla patologia, diminuire l Emotività Espressa, ridurre le ricadute.

22 SOCIAL SKILLS TRAINING (PARTE TEORICA) Sono stati ispirati negli Stati Uniti da Anthony, Liberman, Farkas, Bellack, Wallace. Si tratta di modelli di derivazione comportamentista, finalizzati al rinforzo delle performance di abilità sociali. Integrano i fattori psicologici e sociali con quelli biologici per spiegare il disturbo psichiatrico, dall esordio, al decorso, all esito. Il modello comprende 4 elementi: 1. Stress; 2. Vulnerabilità; 3. Coping; 4. Competenza.

23 SOCIAL SKILLS TRAINING (PARTE TEORICA) Il modello di intervento di Social Skills Training si compone di: 1. Dimostrazione dell uso appropriato delle abilità target; 2. Role- playing del paziente nelle situazioni interpersonali; 3. Azioni di feed-back correttivo; 4. Rinforzo. La tecnica maggiormente rivolta ai pazienti è il PROBLEM SOLVING.

24 SOCIAL SKILLS TRAINING (Guida Pratica) Il training di abilità sociali utilizza 5 principi tratti dalla teoria dell apprendimento sociale: 1. MODELING; 2. RINFORZO; 3. SHAPING; 4. AUTOMATIZZAZIONE; 5. GENERALIZZAZIONE. Troviamo 4 differenti strategie di insegnamento per aiutare i membri del gruppo ad imparare le abilità: 1. MODELING SUPPLEMENTARE; 2. MODELING DISCRIMINATIVO; 3. COACHING ( ALLENAMENTO GUIDATO); 4. PROMPTING ( USO DI SUGGERIMENTI NON VERBALI). SCOPO: mettere i pazienti in grado di comunicare in modo efficace nelle interazioni quotidiane.

25 SOCIAL SKILLS TRAINING (GUIDA PRATICA) Il training utilizza una procedura distinguibile in diverse fasi: 1. Stabilire il razionale per l apprendimento di un abilità; 2. Discutere i passi che compongono l abilità; 3. Modellare l attività all interno del gioco di ruolo; 4. Discutere il gioco di ruolo con i partecipanti; 5. Coinvolgere un membro del gruppo in un gioco di ruolo nella stessa situazione; 6. Fornire un feed-back correttivo; 7. Coinvolgere il paziente in un altro gioco di ruolo della stessa situazione; 8. Fornire ulteriori feed-back positivi e correttivi; 9. Se si lavora con un gruppo coinvolgere altri pazienti; 10. Assegnare compiti a casa per esercitarsi nell utilizzo delle abilità.

26 SOCIAL SKILLS TRAINING (GUIDA PRATICA) Per l insegnamento delle abilità i conduttori possono servirsi di SCHEDE DI ABILITA SOCIALI che possono adattarsi alle specifiche necessità del paziente. In ogni scheda sono presenti 5 sezioni: 1. Nome dell abilità ( abilità di Gestione dei Conflitti); 2. Abilità sociali specifiche coinvolte ( Compromesso e Negoziare); 3. Finalità che si intende raggiungere tramite l insegnamento dell abilità specifica; 4. Passi di cui si compone l abilità stessa; 5. Esempi di situazione che i conduttori possono utilizzare nel modeling e nell organizzare un gioco di ruolo.

27 CONCLUDENDO... Il tecnico della Riabilitazione Psichiatrica deve dimostrare le proprie competenze e abilità derivanti dall insieme delle nozioni teoriche e pratiche acquisite durante gli anni di formazione universitaria. E importante tenere presenti 2 aspetti fondamentali: 1. Quello che si comprende dal paziente; 2. Quello che ogni operatore ha compreso della propria teoria di riferimento e della pratica professionale. Nel momento in cui le diverse professionalità dovranno scontrarsi con alcuni problemi relativi al paziente, è indispensabile che ogni figura terapeutica sia in grado di richiamare alla mente i principi professionali e i diversi modelli teorici per applicarli al contesto del singolo paziente.

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG

LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG Psichiatria e Psicoterapia (2012) 31, 3, 149-169 LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG Emanuele Preti, Irene

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza.

L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza. L emancipazione dei genitori dai figli: l adolescenza. Stefania Alfano* Rosa Miniaci** * Psicologa-Specialista in Psicoterapia Familiare ** Psicologa- Psicoterapeuta sistemico-relazionale in formazione

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Droga: ma il problema dov è?

Droga: ma il problema dov è? DROGA: MA IL PROBLEMA DOV È? 7 1 Droga: ma il problema dov è? 1.1 Un problema complesso È noto come il fenomeno dell uso e della diffusione di sostanze stupefacenti soprattutto nella fascia d età che tradizionalmente

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Sono lieta di presentare al pubblico di lingua italiana l interessante contributo di Fordham a una patologia complessa come l autismo infantile. La pubblicazione di questo

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Parte prima: Attaccamento andato male I Capitolo: Un caso di violenza Ci sono genitori che non possono attingere come

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

LE ABILITÀ sociali LA GESTIONE E LA RISOLUZIONE DEL CONFLITTO INTERPERSONALE METODI. Vincenzo Lumia SCHEDA N 2

LE ABILITÀ sociali LA GESTIONE E LA RISOLUZIONE DEL CONFLITTO INTERPERSONALE METODI. Vincenzo Lumia SCHEDA N 2 METODI Vincenzo Lumia LE ABILITÀ sociali LA GESTIONE E LA RISOLUZIONE DEL CONFLITTO INTERPERSONALE SCHEDA N 2 Conoscere ed approfondire i meccanismi e le dinamiche che determinano la conflittualità e le

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein Hanna Segal Riassunto I contributi di Melanie Klein alla teoria e alla tecnica psicoanalitica possono essere suddivisi in tre fasi distinte. La prima ha inizio con

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

modulo 15 Fasi di sviluppo dell età evolutiva e relativi problemi socio-educativi 1. LE PRINCIPALI TEORIE DI RIFERIMENTO 2.

modulo 15 Fasi di sviluppo dell età evolutiva e relativi problemi socio-educativi 1. LE PRINCIPALI TEORIE DI RIFERIMENTO 2. Fasi di sviluppo dell età evolutiva e relativi problemi socio-educativi 1. LE PRINCIPALI TEORIE DI RIFERIMENTO 1.1 Psicoanalisi: Sigmund Freud 1.2 Jean Piaget 1.3 Teorie dell attaccamento 1.4 Teorie comportamentiste

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

DOMANDE SULL AUTISMO

DOMANDE SULL AUTISMO DOMANDE SULL AUTISMO Romeo Lucioni Tutte queste domande meriterebbero una ricerca ad hoc e, quindi, risulta impossibile rispondere ampiamente a tutte. Cercherò di essere conciso e preciso, lasciando ad

Dettagli

Ben-essere disabili un approccio positivo all inclusione

Ben-essere disabili un approccio positivo all inclusione Ben-essere disabili un approccio positivo all inclusione Elisabetta Ghedin Università di Padova elisabetta.ghedin@unipd.it Le persone che vivono una condizione di disabilità sono capaci provare di ben-essere?

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

UNA BASE SICURA John Bowlby

UNA BASE SICURA John Bowlby UNA BASE SICURA John Bowlby 1. AVER CURA DEI BAMBINI L'approccio di Bowlby all'analisi del legame tra il bambino e i suoi caregiver primari è di tipo Etologico, nel senso che l'attaccamento viene visto

Dettagli

Codice etico dell AIP

Codice etico dell AIP Codice etico dell AIP Premessa Questo Codice fa parte integrante del Regolamento dell'aip e si propone di regolamentare gli aspetti etici dell'attività di ricerca e di insegnamento della psicologia. Le

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

PROGETTO SORRISI IN ATTESA

PROGETTO SORRISI IN ATTESA PROGETTO SORRISI IN ATTESA IL DOTTOR SORRISO e l OSPEDALE BUZZI IN COLLABORAZIONE CON OBM ONLUS - Ospedale dei bambini di Milano CHI È DOTTOR SORRISO 1. La Fondazione La Fondazione Aldo Garavaglia Dottor

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento Percorso di Formazione Dall autismo all integrazione socio-lavorativa Organizzato da: AGSAV ONLUS Associazione Genitori

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LA GENITORIALITA. affettiva regolativa, normativa, predittiva, rappresentativa significante fantasmatica. differenziale triadica transgenerazionale.

LA GENITORIALITA. affettiva regolativa, normativa, predittiva, rappresentativa significante fantasmatica. differenziale triadica transgenerazionale. LA GENITORIALITA La genitorialità rappresenta una funzione assai complessa che incorpora in sé, sia aspetti individuali, relativi quindi alla nostra idea (in parte conscia e in parte inconscia) di come

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 UN PO DI STORIA Nel corso degli ultimi anni, in un numero crescente di scuole medie superiori

Dettagli

Introduzione. di Fabio Veglia

Introduzione. di Fabio Veglia INTRODUZIONE 13 21 Introduzione di Fabio Veglia Non so perché gli sto antipatico. Ho provato a fare tutto quello che posso, ma loro non mi lasceranno mai in pace e non saranno mai miei amici. Mi chiamano

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

IL MONDO INTERNO DEL BAMBINO: l uso della fiaba per la ricerca di significato.

IL MONDO INTERNO DEL BAMBINO: l uso della fiaba per la ricerca di significato. IL MONDO INTERNO DEL BAMBINO: l uso della fiaba per la ricerca di significato. Andrea Beretta Sandra Vannucchi Introduzione Molti studiosi, da A. Freud e M. Klein in poi, hanno sottolineato l importanza

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner 1. Il concetto di sviluppo cognitivo. In Psicologia, per sviluppo cognitivo si intende lo sviluppo

Dettagli

LA PERSONALITÀ E I SUOI MOLTEPLICI SÉ: LA PSICOLOGIA DEI SÉ

LA PERSONALITÀ E I SUOI MOLTEPLICI SÉ: LA PSICOLOGIA DEI SÉ Pag. 1 di 6 LA PERSONALITÀ E I SUOI MOLTEPLICI SÉ: LA PSICOLOGIA DEI SÉ Una visione delle dinamiche (inter)personali INDICE: Premessa Evoluzione di un metodo: breve storia Il concetto di Personalità Relazioni

Dettagli