ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Indagine sull attività di procreazione medicalmente assistita in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Indagine sull attività di procreazione medicalmente assistita in Italia"

Transcript

1 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Indagine sull attività di procreazione medicalmente assistita in Italia Angela Spinelli (a), Giulia Scaravelli (a), Vincenzo Vigiliano (a), Stefano Diemoz (a) e Gruppo di lavoro del Ministero della Salute Studio delle procedure di congelamento degli ovociti nella pratica della fecondazione assistita, Gruppo di lavoro dell Istituto Superiore di Sanità Procreazione Medicalmente Assistita (a) Laboratorio di Epidemiologia e Biostatistica ISSN Rapporti ISTISAN 03/14

2 Istituto Superiore di Sanità Indagine sull attività di Procreazione Medicalmente Assistita in Italia. Angela Spinelli, Giulia Scaravelli, Vincenzo Vigiliano, Stefano Diemoz, e Gruppo di lavoro del Ministero della Salute Studio delle procedure di congelamento degli ovociti nella pratica della fecondazione assistita, Gruppo di lavoro dell Istituto Superiore di Sanità Procreazione Medicalmente Assistita 2003, 35 p. Rapporti ISTISAN 01/14 Nel 2001 il Ministro della Salute richiese ad un gruppo di lavoro di esperti e di epidemiologi dell Istituto Superiore di Sanità (ISS) di effettuare un indagine sui centri italiani di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA), in particolare sull attività di crioconservazione. Furono contattati i 384 centri presenti nella lista del Ministero della Salute e dell ISS e 382 (99,5%) risposero al questionario: 54 (14%) avevano momentaneamente sospeso l attività o erano chiusi; 130 dichiararono di eseguire solo tecniche di PMA di I livello (inseminazione artificiale con seme omologo fresco) e 198 tecniche di II e III livello (FIVET: Fertilization In Vitro Embryo Transfer; ICSI: Intracytoplasmatic Sperm Injection; GIFT: Gamete Intrafallopian Transfer). Di quest ultimi, 195 centri (98,4%) effettuavano la FIVET, 162 (81,8%) la ICSI e 63 (31,8%) la GIFT. 124 (62,6%) erano centri privati; 62 (31,3%) erano pubblici e 12 (6,1%) privati convenzionati. In totale risultavano 1,4 centri per donne anni, prelievi ovocitari l anno e un valore medio di gravidanze ecograficamente accertate pari a 23,8%. Parole chiave: Procreazione medicalmente assistita, Fecondazione in vitro, Trasferimento intratubarico dei gameti, Iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo, Embrioni crioconservati, Ovociti crioconservati Istituto Superiore di Sanità Survey on assisted reproductive activity in Italy. Angela Spinelli, Giulia Scaravelli, Vincenzo Vigiliano, Stefano Diemoz, and Working Group of the Ministero della Salute Studio delle procedure di congelamento degli ovociti nella pratica della fecondazione assistita, Working Group of the Istituto Superiore di Sanità Procreazione Medicalmente Assistita 2003, 35 p. Rapporti ISTISAN 01/14 (in Italian) In 2001, the Italian Minister of Health asked an appointed Working Group of clinicians and some epidemiologists of the Istituto Superiore di Sanità (ISS, the Italian National Institute of Health) to conduct a survey on the activities of Assisted Reproductive Technology (ART) centres, in particular on the cryopreservation techniques used. The 384 centres, registered on list of the Ministry of Health and the ISS, were contacted and 382 responded (99.5%): 54 declared that they had suspended their activity or were definitely closed, 129 performed only artificial inseminations with fresh homologous semen and 198 performed IVF (In Vitro Fertilization), GIFT (Gamete Intrafallopian Transfer) and ICSI (Intracytoplasmatic Sperm Injection) techniques. Of the 198 ART centres, 124 (62.6%) were private clinics, 62 (31.3%) were in public hospitals and 12 (6.1%) were private clinics with a national health service contract. There were: 1.4 centres per 100,000 women aged was; 29,600 aspirations per year and on average 23.8% of embryo transfer resulted in pregnancy. Key words: Assisted reproductive techniques, In vitro fertilization, Gamete intrafallopian transfer, Intracytoplasmic sperm injection, Cryopreserved embryos, Cryopreserved oocytes I componenti del Gruppo di lavoro del Ministero della Salute Studio delle procedure di congelamento degli ovociti nella pratica della fecondazione assistita sono: Carlo Flamigni, Eleonora Cefalù, Mauro Costa, Francesco Fusi, Luca Gianaroli, Eleonora Porcu, Alberto Revelli, Donato Greco. I componenti del Gruppo di lavoro Gruppo di lavoro dell Istituto Superiore di Sanità Procreazione Medicalmente Assistita sono: Donato Greco, Angela Spinelli, Giulia Scaravelli, Silvia Andreozzi, Stefano Diemoz, Marina Pediconi, Ferdinando Timperi. Si ringraziano tutti i centri di Procreazione Medicalmente Assistita che hanno risposto al nostro questionario per la loro cooperazione e assistenza. Per informazioni su questo documento scrivere a: Il rapporto è accessibile online dal sito di questo Istituto: Presidente dell Istituto Superiore di Sanità e Direttore responsabile: Enrico Garaci Registro della Stampa - Tribunale di Roma n. 131/88 del 1 marzo 1988 Redazione: Paola De Castro e Sandra Salinetti La responsabilità dei dati scientifici e tecnici è dei singoli autori Istituto Superiore di Sanità (Viale Regina Elena, Roma)

3 INDICE 1. Procreazione medicalmente assistita: sviluppo delle tecniche e della normativa Breve storia delle tecniche Leggi e normativa italiana Articolazione dell indagine Metodologia Fasi dello studio Analisi dei risultati Localizzazione e tipologia dei centri Tecniche utilizzate Attività dei centri Indicatori di efficacia delle tecniche utilizzate Attività di crioconservazione degli embrioni Attività di crioconservazione degli ovociti Discussione Considerazioni conclusive Bibliografia Allegato A Questionario per l indagine sull attività di crioconservazione i

4

5 1. PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA: SVILUPPO DELLE TECNICHE E DELLA NORMATIVA 1.1. Breve storia delle tecniche I primi tentativi di fertilizzazione in vitro nelle specie animali risalgono agli anni Fu il dott. Min Chueh Chang ad arrivare al successo nel 1959 utilizzando spermatozoi e ovociti di coniglio in provetta (1). Tuttavia vi erano ancora enormi problemi perché si riuscissero ad ottenere dei risultati sugli esseri umani. Fu l alacre lavoro di due professori inglesi, Patrick Steptoe e Robert G. Edwards, che portò al successo queste tecniche alla fine degli anni 70. La prima bambina nata da IVF (In Vitro Fertilization) fu Louise Brown, che nacque in Inghilterra il 25 luglio 1978 (2). Poco dopo durante quegli stessi anni, altri ricercatori in Australia e negli Stati Uniti arrivarono al successo con la nascita di altri bambini in provetta. Negli anni successivi l uso della stimolazione ovarica per migliorare i risultati dell IVF portarono al prelievo di numerosi ovociti e conseguentemente alla creazione di molti embrioni. Per ridurre i rischi di gravidanze multiple che derivavano dal trasferimento in utero di numerosi embrioni e per evitare lo spreco degli embrioni soprannumerari, iniziò a svilupparsi la metodica del congelamento degli embrioni anche negli esseri umani. Sempre in Inghilterra, e contemporaneamente in Australia negli anni , nacquero i primi bambini ottenuti da embrioni congelati. In Italia la prime nascite con il metodo IVF sono state negli anni Da allora in tutti i Paesi europei sono sorti gruppi di studio e di sperimentazione di tali tecniche che hanno portato rapidamente la IVF ad essere considerata non più una procedura sperimentale, ma una cura per l infertilità di coppia. Le prime tecniche che si svilupparono furono contemporaneamente la GIFT (Gamete Intrafallopian Transfer trasferimento intratubarico di gameti) e la FIVET (Fertilization In Vitro Embryo Transfer fertilizzazione in Vitro con trasferimento di embrione). La differenza fra le due tecniche è che nella prima i gameti vengono inseriti a livello tubarico dove procedono all incontro ed alla inseminazione in loco, mentre nella seconda tecnica l inseminazione è già avvenuta in provetta e si trasferisce l embrione direttamente nella cavità uterina. Nel corso degli anni tutti i ricercatori si sono concentrati sul miglioramento delle metodiche per poter ottenere sempre maggiori percentuali di successo e quindi di gravidanze e di bambini sani, ma anche per poter estendere l applicazione di tutte queste tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) ad un maggior numero di casi di infertilità. Grandi progressi si sono ottenuti nel campo della infertilità maschile. Con la messa a punto della ICSI (Intracytoplasmatic Sperm Injection iniezione intracitoplasmatica di un singolo spermatozoo) tutte le coppie con un problema di infertilità da fattore maschile, che non potevano usufruire della IVF, hanno potuto farlo. Con la ICSI, infatti, basta un solo spermatozoo mobile, o almeno vitale, perché sia possibile iniettarlo nell ovocita maturo in metafase. Questa innovazione, assieme all affinarsi di altre metodiche di prelievo chirurgico degli spermatozoi (MESA, Microepididymal Sperm Aspiration aspirazione microchirurgica di sperma dall epididimo, e TESE, Testicular Sperm Extraction Prelievo di spermatozoi a livello testicolare previa aspirazione percutanea), hanno permesso la risoluzione di molti dei problemi di infertilità per fattore maschile. Verso la fine degli anni 80 si sono avuti i primi casi di congelamento degli ovociti umani. Nel 1987 Chen riportò il successo del congelamento di un ovocita, ma, fino al 1997, pochissime 1

6 sono state le segnalazioni di bambini nati utilizzando ovociti crioconservati (3). Nonostante le tecniche di crioconservazione degli ovociti umani fossero già state applicate con successo in altre specie, le percentuali di sopravvivenza post scongelamento e quelle di fertilizzazione sono rimaste a lungo molto basse. Inoltre, l esposizione della cellula uovo agli agenti crioconservanti e la variazione di temperatura alla quale viene sottoposta possono avere effetti deleteri sulla sua struttura cellulare. Di recente, soprattutto in Italia, sono ripresi gli studi sulla crioconservazione di ovociti e si sono ottenuti dei risultati migliori grazie a nuove metodiche di congelamento e scongelamento (4) Leggi e normativa italiana Durante questi ultimi anni in Italia si sono susseguite numerose iniziative e proposte di regolamentazione e/o di legge sulla procreazione medicalmente assistita e vari Ministri hanno creato apposite commissioni o gruppi di studio per approfondire i temi specifici legati all infertilità ed alla sua cura. In particolare è degna di menzione la circolare n. 55/1985 dell allora Ministro della Sanità, On. Degan, dal titolo Limiti e condizioni di legittimità dei servizi per l inseminazione artificiale nell ambito del servizio sanitario nazionale, che venne emanata dopo la creazione nel 1984 di un gruppo di studio ad hoc. In questa circolare per la prima volta sono stati inseriti dei requisiti per l accesso a prestazioni sanitarie in questo settore in base allo stato civile; si legge infatti che per la tutela del nascituro deve ritenersi riconosciuto ai coniugi non separati il diritto a chiedere consensualmente il superamento dell infertilità mediante determinate metodiche di inseminazione artificiale. Si specifica inoltre che le esigenze giuridiche di tutela della vita comportano poi che venga esclusa la fecondazione di ovociti in numero eccedente quello destinato all impianto immediato in utero, né sia ammessa la conservazione di embrioni a scopo di utilizzazione industriale od anche di mera ricerca o di impianto differito ed inoltre si vieta l utilizzo di gameti di donatori asserendo che solo le tecniche che utilizzano i gameti della coppia consentono di realizzare il desiderio genitoriale della medesima. Un altro evento importante dal punto di vista legislativo per la PMA è stato l emanazione di un ordinanza il 5 marzo 1997 da parte del Ministro della Sanità, On. Bindi, che esprimeva il divieto di commercializzazione e di pubblicità di gameti ed embrioni umani. In un articolo di questa ordinanza si faceva obbligo a tutti i centri pubblici e privati, in cui si praticavano tecniche di PMA, di comunicare al Ministero della Sanità, all Istituto Superiore di Sanità (ISS) ed al competente Assessorato Regionale, la denominazione del centro o istituto, il relativo indirizzo, i recapiti telefonici e telefax, nonché le generalità del responsabile del centro e del responsabile del trattamento e il tipo di attività espletata. Questa ordinanza è stato il primo passo per censire i centri presenti in Italia e poter cominciare a tessere una rete che potesse portare in futuro ad una raccolta nazionale di dati. Successivamente, infatti, presso il Laboratorio di Epidemiologia e Biostatistica dell ISS venne istituito il Registro Nazionale Italiano di Procreazione Medico Assistita (RNIPMA) su base volontaria, al quale i centri aderenti mandavano ciclicamente una serie di dati. Questa attività andò avanti fino al , quando venne sospesa in attesa di una legislazione in materia che rendesse obbligatorio l invio di dati, legislazione che sembrava essere imminente. Infatti, nel 1999, passò alla Camera un testo di legge dell On. Bolognesi, che sembrava dovesse venire approvato anche al Senato. Non fu così, e dopo numerose altre proposte di legge che si sono susseguite negli ultimi due anni con ritmi molto serrati, un altra proposta di legge a 2

7 testo unificato presentata da diversi gruppi parlamentari è stata approvata alla Camera nel giugno Al momento della stesura del presente rapporto, tale proposta di Legge (n. 1514), è in attesa di essere discussa al Senato. La proposta vieta l utilizzo di tecniche di fecondazione eterologa e la creazione di un numero di embrioni superiore a quello destinato ad un unico impianto, sancisce che il numero di embrioni da impiantare non possa mai superare tre ed inserisce il criterio dell adottabilità degli embrioni per quelli che al momento dell entrata in vigore della legge fossero crioconservati e non potessero venire utilizzati al momento dalla coppia di genitori. 3

8 2. ARTICOLAZIONE DELL INDAGINE Il 10 gennaio 2001 il Ministro della Sanità, On. Veronesi istituì con decreto ministeriale un Gruppo di lavoro allo scopo di effettuare una ricognizione dello stato della pratica della fecondazione assistita in Italia e di rilevare dei dati relativi agli embrioni crioconservati presso i centri di PMA e alla diffusione del congelamento degli ovociti. In particolare si decise di condurre una rapida indagine coordinata da un gruppo di epidemiologi del Laboratorio di Epidemiologia e Biostatistica dell ISS. In questo rapporto sono presentati i risultati dell indagine Metodologia Per raccogliere le informazioni sulla diffusione delle tecniche di PMA, il Gruppo di lavoro ministeriale elaborò, in collaborazione con ricercatori dell ISS, un questionario (Allegato A) che conteneva nella prima parte domande sull attività generale dei centri (tecniche utilizzate al febbraio 2001 e loro anno di inizio di utilizzo, numero medio di prelievi effettuati ogni anno, numero massimo di embrioni trasferiti per ciclo, esistenza di un follow-up ad un anno dei nati) e sugli esiti (percentuale di gravidanze accertate per ogni trasferimento con qualsiasi tecnica, percentuale di gravidanze bigemine e plurime su queste gravidanze e percentuale di malformati sul totale dei nati). La seconda e terza parte del questionario contenevano domande più specifiche sull attività di crioconservazione degli embrioni e degli ovociti. Il questionario, insieme ad una lettera del Ministro della Sanità che spiegava gli scopi dell iniziativa, fu inviato a tutti i centri che risultavano nella lista, presente presso l ISS, delle strutture che svolgevano attività di procreazione medicalmente assistita in Italia. Questa lista fu creata in seguito all ordinanza del Ministro della Sanità, On. Bindi, del 1997, citato nell introduzione ed è stata aggiornata fino al giugno Fasi dello studio Le fasi dello studio, svoltosi nel corso del 2001, sono state così articolate: 26 gennaio 30 gennaio preparazione del questionario e della lettera per i centri; 31 gennaio 5 febbraio invio di 284 fax ai centri di cui si disponeva dell informazione; 1 febbraio invio di lettere ai 100 centri senza fax; 5 febbraio invio di 77 lettere ai centri per i quali l invio del fax non era riuscito (invio provato 2 volte); 7 febbraio 21 febbraio - prima immissione dei dati raccolti - telefonate di richiamo ai centri che non avevano risposto ai fax; 4

9 9 febbraio 21 febbraio telefonate di richiamo ai centri che non avevano risposto alle lettere; febbraio analisi preliminare dei dati; 15 febbraio stesura della relazione dei risultati preliminari; febbraio analisi finale dei dati dei 275 centri che avevano risposto; febbraio stesura del rapporto con i risultati finali dell indagine; 6 marzo presentazione dei risultati dell indagine al Ministro della Sanità, On. Veronesi; 5 aprile conferenza stampa del Ministro della Sanità, On. Veronesi, presso il Ministero della Sanità. Successivamente si è cercato di contattare ancora una volta i centri che non avevano risposto. Al marzo 2002, come riportato nei risultati, sono stati raggiunti tutti i centri nella lista dell ISS, tranne 2. Sono state inoltre controllate alcune informazioni che risultavano incongruenti fra loro e ai centri che non facevano solamente inseminazione artificiale e/o terapie per infertilità, cioè i centri che effettuano tecniche di II e III livello (FIVET, ICSI, GIFT), è stato chiesto se erano strutture pubbliche, private o convenzionate. Tale informazione è stata aggiunta alla banca dati. L ISS ha fatto alcuni controlli di qualità delle informazioni raccolte e, sulla base di ciò, i dati sono stati nuovamente analizzati utilizzando il software Epi-Info. Sono state calcolate tabelle di frequenza e tabelle di contingenza Analisi dei risultati Localizzazione e tipologia dei centri Nella Tabella 1 è riportata la distribuzione per regione geografica dei 384 centri censiti. Due di essi, uno situato in Veneto e l altro in Campania, sono risultati irrintracciabili. Pertanto la nostra indagine è stata condotta su 382 centri (tasso di rispondenza pari a 99,5%), di cui 193, vale a dire circa il 50%, localizzati in Lombardia, Lazio, Campania e Piemonte. Se a questi centri si aggiungono quelli individuati in Veneto, Puglia e Sicilia, si arriva molto vicino al 75% del totale dei centri (73,8%). Va però posto l accento sul fatto che queste regioni sono anche quelle con popolazione generale più numerosa. I centri attivi al momento dell indagine (febbraio 2001) erano 328, poiché 54 centri risultavano chiusi o con attività sospesa. Nella Tabella 2 è, invece, rappresentato il livello dei centri attivi. Con centri di primo livello si definiscono centri che svolgevano esclusivamente terapie per l infertilità e/o inseminazione con seme omologo fresco. 5

10 Tabella 1. Centri di PMA per regione Regione Centri censiti Centri rispondenti Centri chiusi o attività sospesa Centri attivi n. %* n. n. n. Piemonte 33 8, Valle d Aosta 1 0, Lombardia 65 16, Trentino-Alto Adige 7 1, Veneto 30 7, Friuli-Venezia Giulia 4 1, Liguria 6 1, Emilia Romagna 22 5, Toscana 19 4, Umbria 2 0, Marche 6 1, Lazio 56 14, Abruzzo 7 1, Molise 1 0, Campania 40 10, Puglia 30 7, Basilicata 2 0, Calabria 11 2, Sicilia 30 7, Sardegna 12 3, Totale * Percentuale calcolata sul totale dei centri censiti Tabella 2. Distribuzione dei centri attivi secondo il livello per regione Regione Centri I livello Centri II e III livello Totale centri attivi n. %* n. %* n. Piemonte 20 71,4 8 28,6 28 Valle d Aosta 0 0,0 0 0,0 0 Lombardia 35 59, ,7 59 Trentino-Alto Adige 2 28,6 5 71,4 7 Veneto 8 34, ,2 23 Friuli-Venezia Giulia 0 0, ,0 4 Liguria 2 50,0 2 50,0 4 Emilia Romagna 7 41, ,8 17 Toscana 6 33, ,7 18 Umbria 0 0, ,0 1 Marche 1 20,0 4 80,0 5 Lazio 26 53, ,9 49 Abruzzo 3 42,9 4 57,1 7 Molise 0 0, ,0 1 Campania 5 16, ,9 31 Puglia 3 12, ,5 24 Basilicata 0 0, ,0 2 Calabria 4 40,0 6 60,0 10 Sicilia 5 18, ,5 27 Sardegna 3 27,3 8 72,7 11 Totale , ,4 328 * Percentuale calcolata sui centri attivi in ciascuna regione 6

11 I centri su cui è stata concentrata la nostra indagine, però, sono stati quelli di secondo e terzo livello, ovvero i centri che realmente svolgevano attività di PMA. Circa il 60% dei centri attivi svolgeva attività di II e III livello. La Campania, con 26 centri, la Lombardia con 24, il Lazio con 23, la Sicilia con 22 e la Puglia con 21, sono risultate le regioni con una presenza più elevata di centri di procreazione medicalmente assistita, al momento dell indagine. Nella Figura 1 è visualizzata la distribuzione dei centri attivi di secondo e terzo livello sul territorio nazionale Figura 1. Distribuzione regionale dei centri attivi di II e III livello Nella Figura 2 è invece riportata la distribuzione nel nostro Paese del numero dei centri attivi di II e III livello rapportato al numero di donne in età feconda residenti in ciascuna regione. Questa distribuzione fornisce un quadro più idoneo della situazione, in quanto tiene conto delle differenti dimensioni dei potenziali bacini di utenza nelle varie regioni. In Italia, al momento dell indagine, esistevano 1,4 centri di procreazione medicalmente assistita ogni donne in età feconda. Osservando il dato relativo alla presenza di centri all interno delle regioni i rapporti tra esse mutano. Ad esempio, il Trentino-Alto Adige presentava il dato più elevato, con 7

12 2,2 centri ogni centomila donne in età feconda, seguito dalla Puglia con 2, la Sardegna con 1,9, il Lazio con 1,8 e la Sicilia con 1,7. Il fatto che regioni come il Molise, disponevano di un solo centro di PMA, si spiega, quindi, anche con la scarsità di popolazione, soprattutto in confronto ad altre regioni. Proprio il Molise, infatti, presenta un dato pari a 1,3 centri di PMA ogni centomila donne in età feconda; dato pressoché in linea con quello nazionale. 2,2 0,0 0,8 1,1 1,4 1,5 0,6 1,1 1,5 0,5 1,2 1,8 1,3 1,3 1,9 1,7 1,3 2,0 1,2 1,7 Figura 2. Distribuzione dei centri di II e III livello per regione per donne in età feconda (15-49 anni) In Tabella 3 viene presa in considerazione la distribuzione per regione, dei 198 centri di secondo e terzo livello, divisi secondo il tipo di servizio. I centri privati rappresentano il 62,6% dell intero panorama, se a questi si aggiungono i centri privati convenzionati, si arriva molto vicino alla quota del 70%. Dall esame della tabella è abbastanza evidente come, in quasi tutte le regioni, ci sia una grossa prevalenza dei centri privati rispetto ai centri pubblici. 8

13 Tabella 3. Centri di PMA di II e III livello per regione e servizio Regione Centri attivi di II e III livello pubblici privati convenzionati totale n. %* n. %* n. %* n. %** Piemonte 2 25,0 6 75,0 0 0,0 8 4,0 Valle d Aosta 0 0,0 0 0,0 0 0,0 0 0,0 Lombardia 11 45, ,7 3 12, ,1 Trentino- Alto Adige 4 80,0 1 20,0 0 0,0 5 2,5 Veneto 8 53,3 7 46,7 0 0,0 15 7,6 Friuli-Venezia Giulia 3 75,0 0 0,0 1 25,0 4 2,0 Liguria 1 50,0 1 50,0 0 0,0 2 1,0 Emilia Romagna 5 50,0 5 50,0 0 0,0 10 5,1 Toscana 3 25,0 9 75,0 0 0,0 12 6,1 Umbria 1 100,0 0 0,0 0 0,0 1 0,5 Marche 1 25,0 3 75,0 0 0,0 4 2,0 Lazio 3 13, ,0 0 0, ,6 Abruzzo 2 50,0 2 50,0 0 0,0 4 2,0 Molise 0 0, ,0 0 0,0 1 0,5 Campania 2 7, ,9 4 15, ,1 Puglia 6 28, ,1 3 14, ,6 Basilicata 1 50,0 1 50,0 0 0,0 2 1,0 Calabria 0 0, ,0 0 0,0 6 3,0 Sicilia 6 27, ,2 1 4, ,1 Sardegna 3 37,5 5 62,5 0 0,0 8 4,0 Totale 62 31, ,6 12 6, ,0 * Percentuale calcolata sul totale dei centri attivi di II e III livello per regione ** Percentuale calcolata sul totale dei centri di II e III livello Tecniche utilizzate Le principali tecniche di PMA utilizzate sono risultate, la GIFT, la FIVET e la ICSI. Fermo restando che l utilizzo di una tecnica non esclude l utilizzo delle altre, diciamo che quasi tutti i centri di II e III livello, ad esclusione di tre, utilizzavano la tecnica FIVET. L 81,8% adoperava la tecnica ICSI, mentre soltanto 63 centri, vale a dire il 31,8%, utilizzava la tecnica GIFT. Nella Tabella 4 vediamo in dettaglio la distribuzione secondo le regioni geografiche. Può essere importante notare come più della metà dei centri della Campania adottavano la tecnica GIFT, cosa che, peraltro, avveniva anche in Liguria ed Emilia Romagna. Solo un numero limitato di centri, al momento dell indagine, ha dichiarato di praticare tecniche di crioconservazione (Tabella 5). Praticavano il congelamento di ovociti 27 centri (13,6%). Il congelamento di embrioni era invece praticato da 74 centri, che rappresentano il 37,4% del totale. Poco più della metà dei centri praticava la conservazione del liquido seminale (52%), attività sicuramente più semplice e consolidata nel tempo rispetto a quelle in precedenza menzionate. 9

14 Tabella 4. Distribuzione per regioni delle tecniche utilizzate nei centri di II e III livello Regione GIFT FIVET ICSI n. %* n. %* n. %* Centri attivi di II e III livello n. Piemonte 0 0, ,0 6 75,0 8 Valle d Aosta 0 0,0 0 0,0 0 0,0 0 Lombardia 10 41, , ,0 24 Trentino- Alto Adige 1 20, ,0 4 80,0 5 Veneto 2 13, , ,7 15 Friuli-Venezia Giulia 0 0, ,0 3 75,0 4 Liguria 1 50, , ,0 2 Emilia Romagna 6 60, , ,0 10 Toscana 2 16, , ,7 12 Umbria 0 0, , ,0 1 Marche 1 25, ,0 2 50,0 4 Lazio 8 34, , ,9 23 Abruzzo 1 25, , ,0 4 Molise 0 0, , ,0 1 Campania 14 53, , ,8 26 Puglia 5 23, , ,7 21 Basilicata 0 0, ,0 1 50,0 2 Calabria 1 16, ,0 5 83,3 6 Sicilia 10 45, , ,4 22 Sardegna 1 12, ,0 6 75,0 8 Totale 63 31, , ,8 198 Tabella 5. Distribuzione dei centri di II e III livello in cui viene praticato il congelamento per regione Regione Congelamento liquido seminale ovociti embrioni n. %* n. %* n. %* Centri attivi di II e III livello n. Piemonte 4 50,0 1 12,5 3 37,5 8 Valle d Aosta 0 0,0 0 0,0 0 0,0 0 Lombardia 11 45,8 5 20,8 8 33,3 24 Trentino- Alto Adige 3 60,0 3 60,0 2 40,0 5 Veneto 8 53,3 3 20,0 6 40,0 15 Friuli-Venezia Giulia 0 0,0 0 0,0 0 0,0 4 Liguria 1 50,0 1 50,0 1 50,0 2 Emilia Romagna 6 60,0 4 40,0 6 60,0 10 Toscana 7 58,3 0 0,0 8 66,7 12 Umbria 0 0,0 0 0,0 0 0,0 1 Marche 0 0,0 1 25,0 1 25,0 4 Lazio 15 65,2 4 17, ,5 23 Abruzzo 1 25,0 1 25,0 2 50,0 4 Molise 0 0,0 0 0,0 0 0,0 1 Campania 14 53,8 0 0,0 6 23,1 26 Puglia 13 61,9 1 4,8 8 38,1 21 Basilicata 1 50,0 0 0,0 1 50,0 2 Calabria 0 0,0 0 0,0 0 0,0 6 Sicilia 16 72,7 3 13,6 7 31,8 22 Sardegna 3 37,5 0 0,0 2 25,0 8 Totale , , ,4 198 * Le percentuali sono calcolate sul totale dei centri attivi di II e III livello di ciascuna regione; la loro somma può risultare superiore al 100%, in quanto ciascuno dei centri può aver dichiarato di utilizzare più tecniche 10

15 I centri attivi di secondo e terzo livello, possono essere esaminati anche in base alla pratica di altre procedure quali, la biopsia embrionale, la donazione di ovociti e le tecniche di prelievo chirurgico di sperma MESA/TESE. Queste ultime sono state utilizzate nel 58,6% dei centri. La biopsia embrionale veniva, invece, praticata in soli 23 centri, mentre in 49 centri veniva praticata la donazione di ovociti. Tabella 6. Distribuzione dei centri di II e III livello per altre tecniche utilizzate e per regione Regione Altre procedure biopsia embrionale donazione ovociti MESA/TESE n. %* n. %* n. %* Centri attivi di II e III livello n. Piemonte 0 0,0 2 25,0 4 50,0 8 Valle d Aosta 0 0,0 0 0,0 0 0,0 0 Lombardia 2 8,3 6 25, ,8 24 Trentino- Alto Adige 1 20,0 0 0,0 3 60,0 5 Veneto 1 6,7 4 26,7 9 60,0 15 Friuli-Venezia Giulia 0 0,0 0 0,0 0 0,0 4 Liguria 0 0,0 1 50,0 1 50,0 2 Emilia Romagna 4 40,0 2 20,0 9 90,0 10 Toscana 1 8,3 4 33,3 8 66,7 12 Umbria 0 0,0 0 0, ,0 1 Marche 0 0,0 2 50,0 1 25,0 4 Lazio 5 21,7 7 30, ,9 23 Abruzzo 1 25,0 1 25,0 3 75,0 4 Molise 0 0,0 0 0,0 0 0,0 1 Campania 3 11,5 7 26, ,4 26 Puglia 2 9,5 5 23, ,4 21 Basilicata 0 0,0 0 0,0 0 0,0 2 Calabria 0 0,0 0 0,0 2 33,3 6 Sicilia 2 9,1 8 36, ,6 22 Sardegna 1 12,5 0 0,0 4 50,0 8 Totale 23 11, , ,6 198 * Le percentuali sono calcolate sul totale dei centri attivi di II e III livello di ciascuna regione; la loro somma può risultare superiore al 100%, in quanto ciascuno dei centri può aver dichiarato di utilizzare più tecniche Attività dei centri Nelle Tabelle 7-9 sono riportate le distribuzioni dei centri per anni di attività, anni di utilizzo delle tecniche di PMA e anni di impiego delle tecniche di crioconservazione. Tabella 7. Distribuzione dei centri di II e III livello per numero di anni di attività Anni di attività N. % % cumulata Meno di 1 3 1,5 1, ,0 48, ,7 72, ,2 88, ,6 100,0 Totale ,

16 Tabella 8. Distribuzione dei centri di II e III livello per numero di anni di utilizzo delle varie tecniche Anni di attività Tecniche GIFT FIVET ICSI n. % n. % n. % Meno di 1 1 1,6 3 1,5 7 4, , , , , , , , ,3 2 1,2 > ,1 16 8,2 0 0,0 Totale , , ,0 Tabella 9. Distribuzione dei centri di II e III livello per numero di anni di utilizzo delle varie tecniche di crioconservazione Anni di attività Congelamento liquido seminale embrioni ovociti n. % n. % n. % Meno di 1 4 4,2 4 5,4 5 18, , , , , ,6 2 7, ,1 7 9,5 0 0,0 > ,7 1 1,4 0 0,0 Totale , , ,0 Dall esame dei dati si nota come negli ultimi 10 anni ci sia stato un forte incremento dell attività di procreazione medicalmente assistita. Infatti, più del 70% dei centri ha iniziato l attività non prima del 1991 e solo l 11,6% dei centri è risultato aperto da più di 15 anni. Questo andamento è confermato dalla Figura 3, in cui è riportato il numero di centri attivi in ogni anno dal 1975 (anno di apertura del primo centro) n. centri attivi anno di attività Figura 3. Numero di centri attivi per anno ( )

17 Gli anni di utilizzo di ciascuna delle tecniche di PMA ricalcano la sequenza temporale dell introduzione di tali tecniche. Infatti una buona parte dei centri ha dichiarato di utilizzare la tecnica GIFT, la prima delle tre ad essere stata introdotta, da più di dieci anni. Mentre è evidente come la tecnica ICSI, introdotta successivamente, è utilizzata a partire dall ultimo decennio. Nella pratica di crioconservazione si nota come il congelamento del liquido seminale sia la tecnica maggiormente consolidata nel tempo; a differenza del congelamento degli ovociti, che ha trovato un applicazione più ampia soltanto negli ultimi cinque anni. Il numero medio di prelievo di ovociti per anno, in un certo senso, fornisce una misura della dimensione dell attività dei centri. In totale i 184 che hanno risposto alla domanda, hanno riferito di aver effettuato prelievi nell ultimo anno. Il centro con attività più intensa ha dichiarato di prelevare mediamente ogni anno un numero di ovociti pari a 870. La distribuzione dei centri, secondo tale caratteristica, presenta una frequenza leggermente maggiore nei centri che potremmo definire di dimensione medio-piccola, vale a dire quelli che dichiarano di prelevare un numero di ovociti compresi nelle classi e Quindici centri svolgevano un attività particolarmente intensa, poiché prelevavano mediamente 500 o più ovociti ogni anno. È importante notare che 14 centri non hanno fornito questo tipo d informazione (Tabella 10). Tabella 10. Distribuzione dei centri di II e III livello per numero medio di prelievi di ovociti/anno Ovociti/anno N. % % Cumulata ,7 20, ,6 47, ,6 73, ,9 91,8 > ,2 100,0 totale ,0 -- Valore minimo: 7 Valore massimo: 870 Valore medio: 161 Separando i centri per area geografica, notiamo come, mentre il nord mostra una tendenza normale della distribuzione, con una frequenza maggiore nelle classi centrali, il sud sembra avere centri prevalentemente medio-piccoli. Le regioni del centro Italia mostrano, invece, frequenze più elevate di centri di PMA con dimensione medio-piccola o medio-grande (Tabella 11 e Figura 4). Tabella 11. Distribuzione dei centri di II e III livello per numero medio di prelievi di ovociti/anno e per area geografica Ovociti/anno Area geografica Nord Centro Sud n. % n. % n. % ,0 8 22, , , , , ,5 6 16, , ,6 8 22, ,5 > ,8 1 2,8 8 9,2 Totale , , ,0 13

18 Italia N. medio di ovociti/anno > 499 Nord Centro Sud Figura 4. Distribuzione percentuale dei centri per numero medio di prelievi di ovociti/anno, secondo l area geografica È interessante osservare le dimensioni dei centri dividendoli secondo il tipo di servizio offerto. I centri privati risultavano spesso di dimensioni medio-piccole o molto grandi, mentre i centri pubblici hanno un attività prevalentemente di intensità media (Tabella 12 e Figura 5). Tabella 12. Distribuzione dei centri di II e III livello per tipologia di servizio e per numero medio di prelievi di ovociti/anno Ovociti/anno Tipologia di servizio pubblici privati convenzionati n. % n. % n. % , ,0 3 25, , ,0 0 0, , ,1 3 25, , ,0 4 33,3 > ,1 10 8,8 2 16,7 Totale , , ,0 14

19 Totale N. medio di ovociti/anno > 499 Pubblici Privati Figura 5. Distribuzione percentuale dei centri per numero medio di prelievi di ovociti/anno, secondo la tipologia di servizio Nella Tabella 13 è rappresentata la dimensione dei centri, in relazione agli anni d attività. La tendenza che appare è che i centri, consolidando negli anni la propria attività, mostravano un incremento anche dal punto di vista dell intensità delle applicazioni. Ad esempio, dalla Tabella 13, si osserva che i centri con numero medio di prelievi di ovociti compreso tra 0 e 49 sono attivi in quasi l 80% dei casi da cinque anni o meno. Mentre centri di dimensioni molto più grandi, come quelli che prelevano 500 o più ovociti di media l anno, nel 33,3% dei casi, svolgevano attività da più di 15 anni. Tabella 13. Distribuzione dei centri di II e III livello per numero di anni di attività e numero di ovociti prelevati in un anno Anni di attività Numero medio di prelievi di ovociti/annuo n. % n. % n. % n. % n. % , , ,8 9 27,3 5 33, , , ,7 9 27,3 2 13, , ,4 9 18,4 6 18,2 3 20,0 >15 1 2,6 2 4,1 4 8,2 9 27,3 5 33,3 Totale , , , , ,0 15

20 La prassi comune indica tre embrioni come numero ottimale da trasferire per ciclo. Tuttavia molti centri in Italia, nel 2001, agivano in maniera diversa. Soltanto il 50% circa dei centri si imponeva come limite il trasferimento di due o tre embrioni per ciclo. Il 39% dichiarava di trasferirne quattro e il 10% circa imponeva come tetto massimo il trasferimento di cinque o più embrioni per ciclo (Tabella 14). Tabella 14. Distribuzione dei centri di II e III livello per numero massimo di embrioni trasferiti per ciclo Embrioni max trasferiti per ciclo N. % 2 6 3, , , ,2 >5 4 2,2 Totale ,0 La lettura del dato, stratificando i centri per area geografica, non mostra grosse differenze, così come avviene per il tipo di servizio, con una leggera tendenza ad un numero massimo di embrioni trasferiti per ciclo inferiore nei centri privati (Tabelle 15 e 16, Figure 6 e 7). Tabella 15. Distribuzione dei centri di II e III livello per numero massimo di embrioni trasferiti per ciclo e per area geografica Embrioni max trasferiti per ciclo Area geografica Nord Centro Sud n. % n. % n. % 2 4 6,6 2 5,4 0 0, , , , , , , ,8 2 5,4 7 8,3 >5 3 4,9 0 0,0 1 1,2 Totale , , ,0 Tabella 16. Distribuzione dei centri di II e III livello per numero massimo di embrioni trasferiti per ciclo e per servizio Embrioni max trasferiti per ciclo Tipologia di servizio pubblici privati convenzionati n. % n. % n. % 2 1 1,8 4 3,5 1 8, , ,8 2 16, , ,1 9 75, ,9 10 8,8 0 0,0 >5 3 5,4 1 0,9 0 0,0 Totale , , ,0 16

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia ROMA, GIUGNO 2008 INDICE PREMESSA...4 CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE...6 PARTE

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma Regione Lazio Osservatorio per la Valutazione e la Qualità dei Servizi SISTAR-Lazio Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale

Dettagli

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma

Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 00195 Roma Alla c.a. attenzione della Redazione di: Report Via Teulada, 66 0015 Roma Le gare bandite da Consip per le Convenzioni di Facility Management (FM2 e FM3) sono suddivise in 12 lotti geografici e le singole

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

La vita quotidiana nel 2009

La vita quotidiana nel 2009 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 1 0 Settore Famiglia e società La vita quotidiana nel 2009 Indagine multiscopo annuale sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana Anno

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA Il presente studio è stato predisposto per l Agenzia Nazionale per la Protezione

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

hanno collaborato: Roberto Lo Sterzo Elia Marchetta Paolo Vecchia Salvatore Curcuruto Valeria Canè Fotografie: Paolo Orlandi

hanno collaborato: Roberto Lo Sterzo Elia Marchetta Paolo Vecchia Salvatore Curcuruto Valeria Canè Fotografie: Paolo Orlandi hanno collaborato: per l'iscti Roberto Lo Sterzo Elia Marchetta per l'iss Paolo Vecchia per l'ispra Salvatore Curcuruto Valeria Canè Fotografie: Paolo Orlandi Grafica di copertina e disegni: Franco Iozzoli

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere CAPITOLO 12 Qualità dei servizi Per uno standard minimo di benessere L accesso diffuso a servizi di qualità è un elemento fondamentale per una società che intenda garantire ai suoi cittadini uno standard

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO PRIMA SEZIONE CASO S. H. E ALTRI c. AUSTRIA (Ricorso n 57813/00) SENTENZA STRASBURGO 1 aprile 2010 Pendente alla Grande Camera domanda di deferimento

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover Imprese, Progettisti e Rivenditori I servizi Isover 70 persone sul territorio per rispondere ad ogni esigenza specifica dei Clienti I servizi Isover per Imprese, Progettisti e Rivenditori Questa brochure

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover Imprese, Progettisti e Rivenditori I servizi Isover 70 persone sul territorio per rispondere ad ogni esigenza specifica dei Clienti I servizi Isover per Imprese, Progettisti e Rivenditori Questa brochure

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione Processo Qualifica N. /2015 DOMANDA DI PREQUALI DATI IDENTIFICATIVI DELL OPERATORE ECONOMICO (inserire i datii relativi alla SEDE LEGALE) L Denominazione / Ragione Sociale Operatore: Partita Iva: Codice

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

di prossima pubblicazione

di prossima pubblicazione di prossima pubblicazione Volume 7 - Numero 9 Supplemento - SUPPLEMENTO DEL ISSN 9-9 (cartaceo) ISSN 7-9 (online) dell Istituto dell Istituto Superiore Superiore di di Sanità Sanità Poste italiane S.p.A.

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto Guida al Reclamo Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore BancarioFinanziario 7 L Ombudsman - Giurì bancario 7 La Mediazione

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE

TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE luglio 14 TUTELA DELLA SALUTE E ACCESSO ALLE CURE Anno 13 Quella italiana è una popolazione che invecchia, in cui le patologie croniche sono sempre più diffuse. Rispetto al 5, diminuiscono malattie respiratorie

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Italia e patologia nell'uomo Trichinella Trichinella spp. vermi cilindrici (nematodi) Edoardo Pozio Laboratorio di

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA 10. RIFIUTI CAPITOLO 10 RIFIUTI Autori: Letteria ADELLA 1, Gabriella ARAGONA 1, Patrizia D ALESSANDRO 1, Valeria FRITTELLONI 1, Cristina FRIZZA 1, Andrea Massimiliano LANZ 1, Rosanna LARAIA 1, Irma LUPICA

Dettagli