PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE Leonardo da Vinci Trasferimento di innovazione CORSO DI FORMAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE Leonardo da Vinci Trasferimento di innovazione CORSO DI FORMAZIONE"

Transcript

1 PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE Leonardo da Vinci Trasferimento di innovazione CORSO DI FORMAZIONE Work package N. 3, Attività Definizione e adattamento del programma di formazione (specifiche e metodologie) e produzione di materiali di formazione in formato digitale Partner responsabile: National Training Fund, CZ Data: 30/9/2014 Versione: Finale Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione Europea. Questa pubblicazione rispecchia il punto di vista dell autore e, pertanto, la Commissione non è responsabile di alcun uso che possa essere fatto di informazioni qui contenute. 1

2 INDICE 1 Introduzione al corso INNO-CAREER per la formazione continua dei consulenti/formatori che operano nell ambito dell orientamento professionale..σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης. 2 Descrizione dei moduli..σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης. 2.1 Modulo N. 1: Servizi di accoglienza per i migranti Obiettivi del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Beneficiari finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Durata del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Risultati di apprendimento finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Valutazione delle competenze acquisite... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Qualifica dei formatori... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης. 2.2 Modulo N. 2: Orientamento professionale e mercato del lavoro Obiettivi del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Beneficiari finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Durata del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Risultati di apprendimento finali Valutazione delle competenze acquisite... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Qualifica dei formatori... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης. 2.3 Modulo N. 3: Riconoscimento dell apprendimento non formale e informale Obiettivi del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Beneficiari finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Durata del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Risultati di apprendimento finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Valutazione delle competenze acquisite... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Qualifica dei formatori... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης. 2.4 Modulo N. 4: Orientamento professionale e mobilità Obiettivi del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Beneficiari finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Durata del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Risultati di apprendimento finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Valutazione delle competenze acquisite... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Qualifica dei formatori... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης. 2.5 Modulo N. 5: Sviluppo delle competenze per la gestione delle carriere (Career 2

3 Management Skills - CMS) Obiettivi del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Beneficiari finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Durata del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Risultati di apprendimento finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Valutazione delle competenze acquisite... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Qualifica dei formatori... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης. 2.6 Modulo N. 6: Garanzia della qualità nell orientamento professionale Obiettivi del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Beneficiari finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Durata del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Risultati di apprendimento finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Valutazione delle competenze acquisite... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Qualifica dei formatori... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης. Bibliografia

4 1. INTRODUZIONE AL CORSO INNO-CAREER PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEI FORMATORI CHE OPERANO NELL AMBITO DELL ORIENTAMENTO PROFESSIONALE Titolo del corso: GUIDANCE 2020: Elementi innovativi per l Orientamento Permanente e l Occupabilità Nuove competenze emergenti per i consulenti dell orientamento Obiettivi del corso L'obiettivo del corso è quello di migliorare le competenze dei formatori che operano nei diversi ambiti dell orientamento professionale. Questi ambiti sono stati individuati attraverso una ricerca/analisi dei fabbisogni formativi che è stata realizzata nei diversi paesi partner. Il primo modulo si rivolge a coloro che lavorano con gli immigrati, il cui numero è in aumento in Italia, a Cipro e in Grecia. Il secondo modulo fornisce un supporto ai consulenti per l orientamento professionale che operano con persone che intendono rientrare nel mercato del lavoro. Il terzo modulo cerca di fornire le competenze necessarie al consulente/formatore che deve supportare l utente nel processo di riconoscimento dell'apprendimento non formale e informale. Il quarto modulo supporta i consulenti/formatori che forniscono orientamento nel settore della mobilità. Il quinto modulo si focalizza sullo sviluppo delle competenze per la gestione delle carriere (Career Management Skills (CSM). L ultimo modulo si occupa della garanzia della qualità nell orientamento professionale. Tabella N. 1: Contenuti e durata del corso di formazione Titolo del modulo Partner responsabile Introduzione al corso ) Servizi di accoglienza per i migranti USRV ) Orientamento professionale e mercato del lavoro NTF+INEK ) Riconoscimento dell apprendimento non formale e USRV 6 20 informale 4) Orientamento professionale e mobilità EOPPEP ) Sviluppo delle competenze per la gestione delle carriere degli individui EOPPEP ) Garanzia della qualità nell orientamento professionale Ore EOPPEP 6 30 Pagine 4

5 Sessione di chiusura con valutazione delle 3 3 competenze acquisite Totale Target dei destinatari La formazione per i sei moduli del corso è rivolta a coloro che attualmente lavorano o desiderano lavorare in futuro, come consulenti/formatori per l orientamento professionale presso: (1) i ministeri e le agenzie nazionali responsabili per la progettazione, la fornitura e l'organizzazione di una formazione specializzata per consulenti/formatori per l orientamento professionale, (2) istituti di istruzione secondaria (compresi quelli per l'istruzione e la formazione professionale), (3) centri e uffici per l orientamento (compresi gli uffici di collegamento) presso le università, (4) i consulenti che lavorano presso i servizi pubblici per l impiego, (5) gli enti privati di formazione, (6) i centri di ricerca che si occupano di formazione, carriera e lavoro, (7) i centri per l educazione degli adulti. Il programma di formazione può anche rivolgersi a professionisti per l orientamento professionale che, con ruoli e compiti diversi legati alla gestione della carriera, operano all'interno delle imprese: si tratta di mentori, career coach, partner esterni a sostegno dell'attuazione di programmi per l orientamento professionale e la consulenza, formatori per questioni legate allo sviluppo della carriera, specialisti per il reclutamento e la selezione del personale, professionisti per i servizi di outsourcing. Requisiti di ingresso Il requisito principale per l accesso al corso è essere un consulente/formatore che si occupa di orientamento professionale (con un ruolo attivo in un organizzazione specifica o in possesso di un attestato per aver frequentato con successo un corsi per l orientamento professionale). I partecipanti devono anche possedere capacità di organizzazione, comunicazione, analisi e problem solving. Infine devono fornire una chiara motivazione su come ritengono che il programma di formazione possa contribuire a migliorare le loro competenze, soddisfare le loro esigenze professionali e aiutarli a fornire agli utenti servizi di orientamento professionale più efficaci. 5

6 Metodologia formativa La formazione si baserà sull apprendimento misto (un totale di 40 ore, di cui 30 ore di formazione a distanza e 10 ore di lezioni frontali). Per quanto riguarda le tecniche specifiche utilizzate, i partecipanti potranno beneficiare di giochi di ruolo con simulazione di un colloquio di consulenza o altri interventi in cui dovranno applicare una tecnica o un approccio specifico, ad esempio l implementazione pilota di un quadro a garanzia della qualità. Nella procedura di simulazione i partecipanti verranno divisi in coppie, uno simulerà il ruolo di consulente e l altro quello di utente, e cercheranno di applicare quanto appreso in ciascun modulo. Inoltre, i partecipanti verranno coinvolti in attività di autoriflessione e presentazione di casi di studio. Tuttavia, ciascun partner potrà scegliere la metodologia formativa più adatta al proprio target di destinatari, o adattare le metodologie descritte sopra al proprio contesto nazionale/locale. Valutazione I partecipanti dovranno preparare un report sul modulo scelto o proporre delle idee a partire dai materiali a disposizioni, cercando di fare una revisione teorica, o, in alternativa, progettare e presentare un semplice esercizio pratico corrispondente ad uno degli approcci inclusi nei manuali. Al termine del corso, i partecipanti potrebbero essere coinvolti in un processo di auto valutazione attraverso l utilizzo di un questionario riferito ai risultati di apprendimento raggiunti. Tuttavia, ciascun partner potrà scegliere l'opzione che si adatta meglio al proprio contesto nazionale. Materiali di formazione Per ciascuno dei moduli verrà preparato un manuale di studio di circa pagine che sarà disponibile in formato word alla seguente pagina web 6

7 DESCRIZIONE DEI MODULI 1.1 Modulo N. 1: Servizi di accoglienza per i migranti Obiettivi del modulo Favorire la riflessione degli operatori sul significato delle procedure e degli strumenti di orientamento ed accoglienza al fine di sostenere l utente straniero nella fase di inserimento nel percorso formativo e incoraggiarlo a proseguire, nell ottica dell apprendimento permanente Promuovere la consapevolezza degli operatori e la responsabilità nell adozione di procedure e nell utilizzo di strumenti di accoglienza e di orientamento nei confronti dell utente Favorire negli operatori l individuazione delle connessioni tra la fase di accoglienza e di orientamento, la definizione del progetto formativo personalizzato e la sua condivisione da parte dell utente Destinatari finali I destinatari finali saranno gli adulti e i migranti Durata del modulo N. Ambito tematico (titoli dei capitoli) 1 Quadro di Riferimento per l attività di accoglienza e di orientamento Numero Numero di ore di pagine previste previste 30 min. 2 2 Lo Sportello informativo 45 min. 1 3 Strumenti per l avvio della relazione con l utente. Esempio di Scheda per la raccolta delle informazioni riguardanti l utente; Esempio di Scheda per il patto di servizio con l utente 30 min. 4 4 I colloqui orientativi 45 min 2 5 Strumenti per la ricerca e la riflessione 2 7

8 sull esperienza pregressa con l utente; la 30 min. prospettiva della partecipazione al corso 6 Servizi di accoglienza per i migranti sito web 1 hour / 7 Il Dossier delle Evidenze 45 min. 3 8 Verso il Patto Formativo 9 Strumento per la condivisione formale del percorso con l utente; Esempio di Scheda per la stesura del patto formativo 3 30 min. 45 min. 3 Totale Risultati di apprendimento finali Al termine del corso il partecipante saprà riconoscere i tratti distintivi di strumenti e procedure di accoglienza e orientamento finalizzati a motivare l utente straniero alla frequenza del percorso formativo sarà in grado di valutare l adeguatezza di strumenti di accoglienza e di orientamento in uso ai fini dell inserimento dell utente straniero in un percorso formativo, motivando i suoi giudizi saprà progettare strumenti e procedure di accoglienza e orientamento, individuando indicatori e modalità di verifica della loro efficacia in riferimento alla prosecuzione del percorso formativo da parte dell utente straniero Valutazione delle competenze acquisite Al termine del modulo ciascun partecipante preparerà un breve report su come intende applicare nel proprio contesto di lavoro quanto appreso durante il modulo Qualifica dei formatori Il formatore del modulo dovrà essere un esperto qualificato e che possiede una consolidata esperienza pregressa nelle tematiche oggetto del modulo. 8

9 1.2 Modulo N. 2: Orientamento professionale e mercato del lavoro Obiettivi del modulo L'obiettivo del modulo è quello di aggiornare le competenze dei consulenti/formatori per l orientamento professionale che si trovano ad operare con utenti alla ricerca di un posto di lavoro vacante o di nuove opportunità, in modo da supportarli efficacemente nel risolvere le difficoltà legate alla scelta della carriera e al cambiamento professionale. Il modulo propone un approccio che può essere utilizzato in modo efficace quando si lavora con molti utenti per migliorare e velocizzare la preparazione del loro piano di carriera individuale. Il modulo è diviso in capitoli. Il primo capitolo presenta una panoramica del contesto dell'orientamento professionale e del mercato del lavoro. I successivi sei capitoli (dal 2 al 7) descrivono il processo dell orientamento professionale e la connessione dello stesso con questioni legate al mercato del lavoro e ai suoi mutamenti. Sono state scelte soluzioni basate sull approccio all orientamento professionale, tenendo conto delle idee, opportunità e vincoli dell utente. Il vantaggio è che si utilizza una sequenza di step senza identificare le informazioni sulla situazione attuale degli utenti, ma concentrandosi piuttosto sui loro fabbisogni per trovare il percorso ottimale a soddisfarli. Il ruolo del consulente/formatore è quello di guidare l utente verso un obiettivo e un piano d'azione realistici in una forma di "aiuto - aiuto." L'ottavo capitolo riassume i principali fattori che influenzano il processo di orientamento professionale e il livello di qualità Destinatari finali Il partecipante al termine del corso sarà in grado di fornire i propri servizi agli adulti inclusi i migranti Durata del modulo N. Ambito tematico (titoli dei capitoli) 1 Introduzione orientamento professionale e mercato del lavoro Numero di ore previste Numero di pagine previste 0,5 1 2 Il processo dell orientamento professionale Situazione attuale dell utente e fabbisogni 1 1 nell orientamento professionale 4 Identificazione della carriera futura dell utente Fabbisogni dell utente e loro soddisfacimento 1 4 9

10 6 Pianificare e implementare un piano per lo sviluppo 0,5 2 della carriera 7 Monitoraggio del piano per lo sviluppo della 0,5 2 carriera 9 Procedura di valutazione 0,5 1 Totale I risultati di apprendimento finali Al termine del modulo i partecipanti saranno in grado di: strutturare il processo di orientamento professionale in singole fasi e passaggi usare in modo concreto la soluzione basata sull'approccio all orientamento professionale supportare efficacemente gli utenti nella ricerca di soluzioni adeguate al loro percorso di carriera lavorare con l utente per costruire un piano per lo sviluppo di carriera e supportarlo nella sua attuazione valutare criticamente i fattori che influenzano la qualità del processo di orientamento professionale Valutazione delle competenze acquisite Il completamento del modulo richiede la partecipazione alle lezioni frontali (6 ore) e la preparazione di un report di 3-5 pagine che tratti alcuni dei seguenti argomenti: orientamento professionale e mercato del lavoro processo dell orientamento professionale soluzione basata sull orientamento professionale Qualifiche dei formatori Il formatore del modulo dovrà essere un esperto consulente per l orientamento professionale con un master in orientamento professionale o in altro simile settore. 10

11 1.3 Modulo N. 3: Riconoscimento dell apprendimento non formale e informale Obiettivi del modulo Questo modulo si propone di analizzare i problemi, i metodi e i benefici connessi alla validazione dell'apprendimento non formale e informale, la cui importanza è stata riconosciuta da anni a livello europeo e locale, non solo nella promozione dell apprendimento permanente degli adulti, ma anche nel facilitare l'accesso e la permanenza nel mercato del lavoro e prevenire l'esclusione sociale. L'apprendimento permanente è il fattore determinante ed è essenziale per il godimento dei pieni diritti di cittadinanza in un contesto caratterizzato da un occupabilità sempre più inter-culturale e multietnica. Inoltre garantisce la possibilità di riqualificazione in un mondo sempre più globalizzato e in costante trasformazione. Questo modulo ha come obiettivi: analizzare che cosa è l apprendimento non formale e informale analizzare come e quali autorità sono competenti nel riconoscere l apprendimento non formale e informale presentare i vantaggi per l'utente fornire servizi di orientamento per supportare l'utente nel processo di riconoscimento promuovere l'implementazione delle procedure di riconoscimento nei paesi europei Destinatari finali I destinatari finali saranno gli adulti e i migranti Durata del modulo N. Ambito tematico (titoli dei capitoli) 1 Descrizione dei sistemi europei per la validazione dell apprendimento non formale e informale; i materiali saranno una sintesi dei report del CEDEFOP - Inventory on validation of informal and non formal learning 2010 Numero di ore previste Numero di pagine previste 90 min 10 11

12 2 Descrizione delle legislazione europea, italiana e regionale relativa alla validazione dell apprendimento informale e non formale 3 Analisi di una sintesi della pubblicazione The validation of non-formal and informal learning in Italy and other European countries (69/1/1/4124/2008) Focus sulle esperienze dei formatori svolte in Francia e Romania 4 Analisi di una sintesi della pubblicazione Accreditare le Risorse umane a Garanzia dell Occupabilità - (ARGO Programma LdV Progetto Pilota I/02/B/F/PP ). Focus sulla metodologia applicata per validare l apprendimento 5 Analisi di una sintesi della pubblicazione Accreditation model and technical specifics - MATCH (Informal and non-formal competences matching devise for migrants employability and active citizenship LLP IT- GRUNDTVIG-GMP22). Focus su una descrizione dettagliata della metodologia condivisa per il processo di riconoscimento e validazione dell apprendimento pregresso 6 Analisi di una sintesi della pubblicazione 90 min 5 45 min min min min. 1 Conceptual development of the desk-based research Focus sulla ricerca che descrive i più importanti casi di studio analizzati 7 Analisi di una sintesi della pubblicazione Final 30 min. 1 comparative report Progetto Europeo MATCH Totale

13 1.3.4 Risultati di apprendimento finali Al termine del modulo i partecipanti saranno in grado di: conoscere la legislazione europea e nazionale/regionale conoscere gli esistenti strumenti europei e nazionali per il riconoscimento dell'apprendimento non formale e informale conoscere le migliori prassi di altri paesi europei gestire le informazioni sulle autorità competenti responsabili per la validazione dell'apprendimento non formale e informale utilizzare strumenti adeguati per rilevare le esigenze degli utenti conoscere la rete locale di enti/agenzie al fine di collaborare con loro e offrire un servizio completo e di alta qualità utilizzare strategie appropriate per accogliere l'utente e far sì che si senta a proprio agio conoscere le proposte formative in ambito formale, al fine di mettere in luce le competenze degli utenti ed eventualmente suggerire il percorso formativo che meglio si adatta alle loro caratteristiche supportare l'utente nella descrizione delle competenze non formali e informali acquisite descrivere le competenze in termini di risultati di apprendimento e secondo un modello specifico applicare le procedure nazionali per la validazione (se esistenti) o se del caso, le migliori prassi disponibili condividere le migliori prassi/procedure con gli altri colleghi che si occupano di orientamento professionale al fine di creare una sorta di tool box Valutazione delle competenze acquisite Al termine del modulo ciascun partecipante preparerà un breve report su come intende applicare nel proprio contesto di lavoro quanto appreso durante il modulo Qualifica dei formatori Il formatore del modulo dovrà essere un esperto qualificato e che possiede una consolidata esperienza pregressa nelle tematiche oggetto del modulo. 13

14 Modulo N. 4: Orientamento professionale e mobilità Obiettivi del modulo L'obiettivo generale di questo modulo è quello di fornire ai partecipanti le conoscenze e le competenze necessarie per trattare gli aspetti legati alla mobilità e alle sue dimensioni, concentrandosi sia sulla mobilità formativa che professionalizzante. In particolare, il modulo si propone di presentare un quadro generale soffermandosi sul background teorico in materia di mobilità, le prospettive e le politiche europee per la mobilità, gli effetti positivi e negativi della mobilità per l'individuo, le questioni che riguardano la consulenza e l orientamento professionale. Il modulo presenta anche una descrizione dei processi che stanno alla base delle procedure per la mobilità, come la consulenza, i colloqui e le tecniche. Infine, il modulo fornirà ai partecipanti degli esempi di strumenti innovativi ed esercizi pratici da utilizzare per supportare coloro che decidono di vivere un esperienza di mobilità I destinatari finali I partecipanti dovrebbero essere in grado di lavorare con gli studenti (istruzione secondaria, istruzione universitaria, ecc.) che hanno intenzione di andare in futuro all'estero o in un'altra città del proprio paese per motivi di studio o lavoro. Un altro gruppo target di destinatari è rappresentato da adulti in cerca di un lavoro all'estero e che si sforzano di affrontare i problemi legati al vivere e lavorare in un paese straniero, o che sono alla ricerca di informazioni, opportunità formative e professionali o coloro che devono affrontare le problematiche legate alla transizione lavorativa Durata del modulo N. Ambito tematico (titoli dei capitoli) Numero di ore previste Numero di pagine previste 1 Introduzione 0,5 2 2 Il concetto di mobilità Background teorico 1,5 3 3 L esperienza di mobilità e gli effetti sugli individui 0,5 2 4 Politiche e prospettive europee nella mobilità 0,5 3 5 Orientamento professionale per la mobilità Colloquio orientativo, esercizi e strumenti per la 2 7 mobilità Totale

15 Risultati di apprendimento finali Al termine del modulo i partecipanti saranno in grado di: identificare il ruolo e l'importanza della mobilità nel contesto dell'istruzione e della carriera professionale in generale conoscere il background teorico relativo al concetto di mobilità conoscere le politiche e le prospettive europee in materia di mobilità conoscere gli effetti della mobilità sui singoli individui e come potrebbero essere trattati da parte degli operatori acquisire conoscenze di base in materia di orientamento professionale per la mobilità conoscere gli strumenti per la mobilità e gli esercizi pratici Valutazione delle competenze acquisite È prevista l elaborazione di un saggio e/o la realizzazione di una simulazione in classe che comprende un esercizio pratico. Inoltre, la conoscenza teorica acquisita da parte dei partecipanti potrà essere valutata attraverso un test di auto valutazione a risposte multiple e con una o due domande a risposta aperta Qualifica dei formatori Il formatore del modulo dovrà possedere una formazione specializzata in materia di orientamento professionale, preferibilmente una laurea o un Master in orientamento professionale o in alternativa un attestato di partecipazione a un corso di formazione continua in orientamento professionale. Il formatore dovrà possedere una certa esperienza nella formazione a distanza o in altri programmi con lezioni frontali in materia di orientamento/consulenza professionale svolti presso università o organizzazioni che forniscono orientamento professionale o formazione in materia di orientamento professionale. Dovrebbe anche possedere delle conoscenze nel campo della mobilità professionale, in particolare aver avuto la possibilità di applicarle concretamente (ad esempio, l'insegnamento nei workshop, seminari, colloqui di consulenza, strategie per la ricerca di un lavoro, supporto ad adolescenti, studenti universitari, adulti che affrontano transizioni di carriera, ecc). 15

16 1.4 Modulo N. 5: Sviluppo delle competenze per la gestione delle carriere degli individui Obiettivi del modulo Durante questo periodo di crisi che stiamo attraversando, i cittadini di diverse fasce d'età vivono una situazione difficile caratterizzata da variabilità socio-economica, incertezza, cambiamenti rapidi e imprevisti a livello nazionale e globale. I cambiamenti che si verificano in modi imprevedibile riguardano non solo la carriera di un individuo, ma influenzano anche la sua vita personale e familiare (Sidiropoulou-Dimakakou, Argyropoulou, e Drosos, 2013). Infatti, nell'era postmoderna, i cittadini affrontano situazioni complesse, come l'aumento dei tassi di disoccupazione e sottoccupazione, una tendenza ai frequenti cambi di luoghi di lavoro così come nella concezione della carriera, dello stile di vita e nella pianificazione della crescita professionale (Kaliris & Kriwas, 2013). Nel 21 secolo la carriera è vista come una questione di life-design che comprende in modo chiaro ulteriori ruoli (Savickas, 2013). Quindi, i lavoratori hanno una maggiore necessità, rispetto al passato, di assumersi la responsabilità diretta della gestione della propria carriera. Di conseguenza, i cittadini hanno bisogno di acquisire specifiche competenze per la gestione della carriera in una prospettiva a lungo termine e allo stesso tempo devono imparare a progettare la loro carriera, al fine di sostenere l'occupabilità e trovare soddisfazione nella vita e nella carriera. In questo modo, si pone una domanda cruciale: "Come i consulenti per l orientamento professionale saranno in grado di gestire queste nuove condizioni e soddisfare le diverse esigenze degli utenti che si rivolgono a loro (Sidiropoulou-Dimakakou et al, 2013).?" Nel definire questo modulo, abbiamo cercato di dare una risposta a questa importante questione. In particolare, il modulo mira a supportare i consulenti per l orientamento professionale che operano nei vari settori, in modo che possano a loro volta aiutare gli individui a sviluppare le loro capacità di gestione della carriera. Il modulo presenta nuove tendenze, approcci, metodi ed esercizi che possono essere utilizzati con gli utenti I destinatari finali Ci si aspetta che al termine del modulo, i consulenti/formatori per l orientamento professionale che lavorano in enti di formazione o agenzie per il lavoro, abbiano acquisito le conoscenze e le competenze di base e specialistiche necessarie a fornire i propri servizi a vari gruppi di utenti, come gli studenti delle scuole superiori (istruzione 16

17 secondaria), gli adolescenti, gli studenti universitari, gli studenti dei centri di formazione professionale, gli adulti in generale, i lavoratori in fase di transizione e i disoccupati Durata del modulo N. Ambito tematico (titoli dei capitoli) Numero di ore previste Numero di pagine previste 1 Introduzione 0, Competenze per la gestione della carriera 3 Sviluppo delle competenze per la gestione della 1 2 carriera in varie fasce di popolazione 4 Metodi e tecniche per lo sviluppo delle competenze 1,5 4 per la gestione della carriera: il ruolo del consulente per la carriera 5 Esercizi per lo sviluppo delle competenze per la 1,5 7 gestione della carriera 6 Conclusione 0,5 Totale Risultati di apprendimento finali Al termine del modulo i partecipanti saranno in grado di: conoscere le principali teorie e gli approcci per lo sviluppo delle competenze per la gestione della carriera, con una particolare attenzione agli approcci postmoderni e contemporanei (Narrative Career Counselling, Happenstance Learning Theory, Career Self-efficacy theory) utilizzare specifici esercizi e metodi per lo sviluppo delle competenze per la gestione della carriera conoscere gli elementi che facilitano o ostacolano l'attuazione delle competenze per la gestione della carriera migliorare le proprie competenze in materia di orientamento professionale e l auto-efficacia relativamente ad interventi di attuazione focalizzati sullo sviluppo delle competenze per la gestione della carriera acquisire le competenze fondamentali in materia di orientamento professionale richieste ai consulenti che devono risolvere i problemi che gli utenti presentano 17

18 ulteriori informazioni sui metodi di valutazione delle competenze per la gestione della carriera Valutazione delle competenze acquisite È prevista l elaborazione di un saggio e/o la realizzazione di una simulazione in classe che comprende un esercizio pratico. Inoltre, la conoscenza teorica acquisita da parte dei partecipanti potrà essere valutata attraverso un test di auto valutazione a risposte multiple e con una o due domande a risposta aperta Qualifica dei formatori Il formatore del modulo dovrà possedere una formazione specializzata in materia di orientamento professionale, preferibilmente una laurea o un Master in orientamento professionale o in alternativa un attestato di partecipazione a un corso di formazione continua in orientamento professionale. Il formatore dovrà possedere una certa esperienza nella formazione a distanza o in altri programmi con lezioni frontali in materia di orientamento/consulenza professionale svolti presso università o organizzazioni che forniscono orientamento professionale o formazione in materia di orientamento professionale. Dovrebbe anche possedere delle conoscenze nel campo della mobilità professionale, in particolare aver avuto la possibilità di applicarle concretamente (ad esempio, l'insegnamento nei workshop, seminari, colloqui di consulenza, strategie per la ricerca di un lavoro, supporto ad adolescenti, studenti universitari, adulti che affrontano transizioni di carriera, ecc). 18

19 1.5 Modulo N. 6: Garanzia della qualità nell orientamento professionale Obiettivi del modulo Lo scopo di questo modulo è introdurre ai partecipanti le tematiche relative alla garanzia della qualità nell orientamento professionale e spiegare il ruolo del consulente nel: 1. migliorare l'efficienza di un servizio di orientamento professionale 2. giustificare le spese o gli investimenti nell orientamento professionale, dimostrando chiaramente il valore aggiunto per gli individui, le comunità e le società (per aumentare la responsabilità finanziaria istituzionale) 3. favorire la trasparenza dal punto di vista del cittadino. L orientamento professionale per tutto l arco della vita ha ricevuto una crescente attenzione sia a livello europeo che nazionale. Il lavoro del gruppo di esperti sull'orientamento permanente, così come altri studi europei, hanno aperto la strada a due risoluzioni del Consiglio sull Educazione (nel 2004 e nel 2008) che hanno evidenziato la necessità di servizi per l orientamento per tutta la durata della vita al fine di dotare i cittadini delle competenze necessarie per gestire la loro formazione, la carriera e le transizioni tra istruzione e mondo del lavoro o all'interno dei due segmenti. Le risoluzioni hanno richiamato l'attenzione su quattro aree prioritarie. La garanzia della qualità e lo sviluppo di sistemi e politiche rappresenta una di queste aree, ma anche la priorità che collega tutte le altre (career management skills, accessibilità e coordinamento dei servizi), come dimostrato dal lavoro fatto dall European Lifelong Guidance Policy Network (ELGPN). La garanzia della qualità si riferisce ad attività di progettazione, realizzazione, valutazione, reporting e miglioramento della stessa che permettono di assicurare che le attività di orientamento (il contenuto dei programmi, la progettazione, la valutazione e la validazione dei risultati, ecc) soddisfino i requisiti di qualità attesi dagli stakeholder. Gli obiettivi del modulo sono: fornire ai partecipanti le conoscenze e le competenze relative al background teorico sulla garanzia della qualità, presentare la gamma e i tipi di standard e linee guida a garanzia della qualità, far conoscere le questioni pratiche derivanti dall attuazione di una procedura di garanzia di qualità nella loro organizzazione. (Ad esempio, come scegliere e sviluppare i criteri e gli indicatori per il loro servizio, come 19

20 raccogliere i dati, come misurare i risultati e l impatto) I destinatari finali Gli studenti che beneficiano dell orientamento professionale nell'istruzione secondaria e terziaria, i disoccupati che usufruiscono di servizi di informazione e orientamento da parte dei centri per l impiego, gli adolescenti, gli studenti della formazione professionale iniziale e continua, gli adulti in generale, i lavoratori I consulenti per l orientamento professionale che lavorano nell istruzione, nelle aziende e nel sociale Durata del modulo N. Ambito tematico (titoli dei capitoli) Numero di ore previste Numero di pagine previste 1 La nozione e la necessità della garanzia della 0,5 2 qualità nell orientamento professionale 2 I quadri e gli standard europei ed internazionali a 1 10 garanzia della qualità nell orientamento professionale 3 Il lavoro del network ELGPN e il framework europeo per la garanzia della qualità 4 Il contesto teorico Il ciclo di qualità I 1 3 componenti del sistema di garanzia della qualità 5 Definire i criteri e gli indicatori di qualità; esempi di 1 3 informazioni che a supporto dei criteri di qualità nell orientamento professionale 6 La misurazione dei risultati e dell impatto 0,5 4 7 Una proposta di framework a garanzia della qualità Conclusione 0,5 1 Totale Risultati di apprendimento finali Al termine di questo modulo i partecipanti avranno una conoscenza adeguata su: concetto e necessità della garanzia della qualità nell orientamento professionale (priorità UE e fabbisogni dei sistemi di garanzia della qualità e meccanismi del moderno ambiente socio-economico) 20

La Rete Euroguidance: 20 anni di guidance per la mobilità in Europa

La Rete Euroguidance: 20 anni di guidance per la mobilità in Europa La Rete Euroguidance: 20 anni di guidance per la mobilità in Europa www.euroguidance.net 20 anni con la Rete europea dei National Resource Centres for Vocational Guidance 1992: primi Centri NRCVG istituiti

Dettagli

Lo Psicologo dell orientamento

Lo Psicologo dell orientamento 1 Area di pratica professionale PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO Lo Psicologo dell orientamento Classificazione EUROPSY Educational Psychology - (Educazione e Formazione) 1.DENOMINAZIONE E DESCRIZIONE SINTETICA

Dettagli

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE ONLINE TOOL FOR SELF-EVALUATION OF KEY COMPETENCES IN ADULT AGE Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE L Aquila, 13th Marzo 2014 Laura VETTRAINO Reference:

Dettagli

P R O M E T H E U S -

P R O M E T H E U S - P R O M E T H E U S - Promoting management and entrepreneurial thinking amongst career counsellors and guidance practitioners in EU societies Report di ricerca e analisi sui percorsi di carriera: Team

Dettagli

Progetto Q4ECEC. 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching

Progetto Q4ECEC. 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching Progetto Q4ECEC 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching Reference: 550472-LLP-1-2013-1-IT-KA1-KA1ECETA Progetto Q4ECEC 'Awareness-raising on

Dettagli

Valorizzare l esperienza per promuovere l inclusione e la mobilità

Valorizzare l esperienza per promuovere l inclusione e la mobilità Seminario Nazionale Rete Euroguidance Valorizzare l esperienza per promuovere l inclusione e la mobilità 04 Novembre 2015 Isfol Corso d Italia 33, Roma Emilia Filosa psicologa/psicoterapeuta-orientatrice-formatrice

Dettagli

QuAss (Quality Assurance) (I/06/B/F/PP - 154214)

QuAss (Quality Assurance) (I/06/B/F/PP - 154214) Newsletter.4 QuAss (Quality Assurance) (I/06/B/F/PP - 154214) III Conferenza Transnazionale IV Workshop Norimberga (DE) Programma Leonardo da Vinci Condivisione della modellizzazione ipotizzata dal Conform

Dettagli

Il Sistema ECVET: gli elementi chiave

Il Sistema ECVET: gli elementi chiave Il Sistema ECVET: gli elementi chiave ECVET: key features Manuela Bonacci ISFOL Processi integrati Europass Qualità e Accreditamento ECTS ECVET EQF NQS Sistema dei crediti Validation Sistema Nazionale

Dettagli

LESCO Reinforcing the links between education and working life and improving students career orientation

LESCO Reinforcing the links between education and working life and improving students career orientation Reinforcing the links between education and working life and improving students career orientation Dott.ssa Maria Teresa Miletta Project Manager Ufficio Relazioni Internazionali Università degli Studi

Dettagli

Valutazione soggettiva dei processi

Valutazione soggettiva dei processi PRO TRAIN è un programma formativo orientato al processo che pone l attenzione sulla comprensione, la ricaduta e l ottimizzazione dei processi aziendali. Si prefigge di fornire ai lavoratori le basi teoriche

Dettagli

PIANO REDAZIONALE NEWSLETTER

PIANO REDAZIONALE NEWSLETTER LIFE LONG LEARNING PROGRAMME LEONARDO DA VINCI Transfer of Innovation (TOI) PROMETEUS PROmoting Mobility Expertise of Teachers of EU Students PIANO REDAZIONALE NEWSLETTER WORK PACKAGE 8 (documento interno

Dettagli

PROGRAMMA ERASMUS + INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA ERASMUS + Key Action 1 - Mobilità del personale scolastico

PROGRAMMA ERASMUS + INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA ERASMUS + Key Action 1 - Mobilità del personale scolastico PROGRAMMA ERASMUS + INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA ERASMUS + Key Action 1 - Mobilità del personale scolastico Erasmus plus è il nuovo programma varato dall'unione europea per il periodo 2014-2020

Dettagli

L apprendimento permanente per realizzare un economia della conoscenza basata su coesione sociale e competitività

L apprendimento permanente per realizzare un economia della conoscenza basata su coesione sociale e competitività L apprendimento permanente per realizzare un economia della conoscenza basata su coesione sociale e competitività Tommaso Grimaldi EVTA General Secretary www.evta.eu The largest VET European community

Dettagli

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Il tema della trasparenza e del riconoscimento delle competenze comunque e ovunque acquisite rappresenta

Dettagli

Guida per l'utilizzo parte I Istruzioni per i corsisti

Guida per l'utilizzo parte I Istruzioni per i corsisti Programma per l'apprendimento Permanente Leonardo da Vinci Trasferimento di Innovazione Guida per l'utilizzo parte I Istruzioni per i corsisti Corso per la formazione continua: GUIDANCE 2020: Aspetti innovativi

Dettagli

LLP 2007-2013 - Leonardo da Vinci - DOI. Il Ruolo Sociale di TRIO Firenze, 2 Marzo 2012

LLP 2007-2013 - Leonardo da Vinci - DOI. Il Ruolo Sociale di TRIO Firenze, 2 Marzo 2012 LLP 2007-2013 - Leonardo da Vinci - DOI Il Ruolo Sociale di TRIO Firenze, 2 Marzo 2012 NewsJob Becoming Entrepreneurs! Developing New Skills for New Jobs Divenire imprenditori! Sviluppare nuove competenze

Dettagli

European Conference on Information Literacy 2013. 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti

European Conference on Information Literacy 2013. 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti European Conference on Information Literacy 2013 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti Finalità ECIL 2013 ha voluto riunire ricercatori, professionisti dell informazione,

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

Linee guida per l attuazione pratica

Linee guida per l attuazione pratica www.euvetsupport.eu Il portale di supporto per EQF & ECVET Linee guida per l attuazione pratica della mobilità ECVET www.euvetsupport.eu INDICE euvetsupport Newsletter EQF and ECVET application in practice

Dettagli

539313-LLP-1-2013-1-IT-LEONARDO-LMP

539313-LLP-1-2013-1-IT-LEONARDO-LMP Newsletter No. 4 LIVORG Definire e sperimentare nuove competenze e capacità professionali per lo sviluppo ed il riconoscimento delle attività manageriali nel settore degli allevamenti biologici in Europa

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca

Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca A cura dell Ufficio Studi e Ricerca per l Innovazione e la Promozione della

Dettagli

Torno Subito Estero TSE- Diversity management, Gender Equality and Social Innovation

Torno Subito Estero TSE- Diversity management, Gender Equality and Social Innovation Torno Subito Estero TSE- Diversity management, Gender Equality and Social Innovation Percorso formativo/internship Il percorso formativo/ internship in Diversity Management, Gender Equality and Social

Dettagli

Imprenditorialità come competenza chiave nella strategia Europa 2020: il ruolo delle Università

Imprenditorialità come competenza chiave nella strategia Europa 2020: il ruolo delle Università Imprenditorialità come competenza chiave nella strategia Europa 2020: FACOLTÁ DI LETTERE E FILOSOFIA, LINGUE E BENI CULTURALI il ruolo delle Università Valentina Ndou Dipartimento di Ingegneria dell Innovazione

Dettagli

Studia con gli specialisti della leadership e del coaching

Studia con gli specialisti della leadership e del coaching Studia con gli specialisti della leadership e del coaching Che cosa è il Coaching? 2 Il coaching può essere definito come l arte di facilitare lo sviluppo, l apprendimento e la performance di un altra

Dettagli

ORIENTAMENTO E APPRENDIMENTO LUNGO IL CORSO DELLA VITA Una sfida per la formazione superiore universitaria Roma: 24 ottobre 2012

ORIENTAMENTO E APPRENDIMENTO LUNGO IL CORSO DELLA VITA Una sfida per la formazione superiore universitaria Roma: 24 ottobre 2012 ORIENTAMENTO E APPRENDIMENTO LUNGO IL CORSO DELLA VITA Una sfida per la formazione superiore universitaria Roma: 24 ottobre 2012 Orientamento continuo e permanente : un modello d intervento per la gestione

Dettagli

Riconoscere e valorizzare il capitale umano degli immigrati: l esperienza lombarda

Riconoscere e valorizzare il capitale umano degli immigrati: l esperienza lombarda Riconoscere e valorizzare il capitale umano degli immigrati: l esperienza lombarda Annavittoria Sarli Centro WWELL Università Cattolica di Milano annavittoria.sarli@unicatt.it Monza, 27 febbraio 2015 IMPOSTAZIONI

Dettagli

Presentazione del Progetto COLOR COLOR Project Overview. Marta Santanicchia ISFOL

Presentazione del Progetto COLOR COLOR Project Overview. Marta Santanicchia ISFOL Presentazione del Progetto COLOR COLOR Project Overview Marta Santanicchia ISFOL CALL FOR PROPOSALS EACEA/08/2010 UNDER THE LIFELONG LEARNING PROGRAMME (LLP) - LEONARDO DA VINCI PROGRAMME Finanziamento

Dettagli

RICERCA, GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

RICERCA, GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo RICERCA, GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

Dettagli

Apprendimento Permanente, Leonardo da Vinci Trasferimento dell Innovazione.

Apprendimento Permanente, Leonardo da Vinci Trasferimento dell Innovazione. PROMETEUS NEWSLETTER 2 PROMETEUS PROmoting obility Expertise of Teachers of EU Students Gentile lettore, Benvenuto al secondo numero della newsletter di PROMETEUS, PROmoting Mobility Expertise of Teachers

Dettagli

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione From the Lifelong Learnig Programme to Erasmus for All Investing in high quality education and training Istituto di Istruzione Superiore Crescenzi Pacinotti di Bologna 24 maggio 2013 Il contributo del

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE A cura di MARIO PEZZILLO IACONO PROCEDURA DI SVOLGIMENTO DELL ELABORATO Scrivere la tesi rappresenta una delle prime occasioni nelle quali

Dettagli

il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro

il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro Provincia di Pesaro e Urbino PIA2 il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro Formazione del docente Materiali

Dettagli

Widening the future Improving guidance intervention at school

Widening the future Improving guidance intervention at school Lifelong Learning Programme 2007 2013 Comenius Multilateral Projects Widening the future Improving guidance intervention at school PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Questo progetto è promosso, nell'ambito del

Dettagli

L EUROPA E I GIOVANI. EURES: una rete per il lavoro. Laura Robustini EURES Adviser. 14 ottobre 2013

L EUROPA E I GIOVANI. EURES: una rete per il lavoro. Laura Robustini EURES Adviser. 14 ottobre 2013 L EUROPA E I GIOVANI EURES: una rete per il lavoro Laura Robustini EURES Adviser 14 ottobre 2013 L EUROPA E I GIOVANI EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i cittadini dell

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli

Campagna di informazione sul Processo di Bologna Seminario nazionale su

Campagna di informazione sul Processo di Bologna Seminario nazionale su Campagna di informazione sul Processo di Bologna Seminario nazionale su Apprendimento permanente e riconoscimento dell apprendimento pregresso in collaborazione con la Rete Universitaria Italiana per l

Dettagli

CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group)

CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group) CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group) Opportunità di finanziamento europee per la Ricerca e lo Sviluppo - The New EU Framework Programme for Research and Innovation- Horizon 2014-2020 and LIFE opportunities

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

Guida per l utilizzo parte II Istruzioni per gli amministratori/tutor della piattaforma e-learning

Guida per l utilizzo parte II Istruzioni per gli amministratori/tutor della piattaforma e-learning PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE Leonardo da Vinci Trasferimento di innovazione Guida per l utilizzo parte II Istruzioni per gli amministratori/tutor della piattaforma e-learning Guidance 2020

Dettagli

Birra Peroni nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS. "Employability 2.1" Flessibilità del mercato del lavoro e occupazione giovanile

Birra Peroni nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS. Employability 2.1 Flessibilità del mercato del lavoro e occupazione giovanile Birra Peroni nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS "Employability 2.1" Flessibilità del mercato del lavoro e occupazione giovanile Documento di progetto Versione del 9 Gennaio 2015 Sommario Il

Dettagli

Risultato N 3. NEEDS ANALYSIS versione italiana

Risultato N 3. NEEDS ANALYSIS versione italiana Risultato N 3 NEEDS ANALYSIS versione italiana This project has been funded with support from the European Commission. This publication reflects the views only of the author, and the Commission cannot

Dettagli

Contenuti. Presentazione del partner ospitante 3. Argomenti trattati: Supporto emotivo e dei media durante l invecchiamento 4.

Contenuti. Presentazione del partner ospitante 3. Argomenti trattati: Supporto emotivo e dei media durante l invecchiamento 4. Newsletter del progetto Grundtvig Partenariati Numero 3 - Luglio 2013 Feeling Younger by Getting Older www.feeling-younger.eu Contenuti Presentazione del partner ospitante 3 Argomenti trattati: Supporto

Dettagli

L implementazione nel sistema Italia delle specifiche tecniche di ECVET

L implementazione nel sistema Italia delle specifiche tecniche di ECVET L implementazione nel sistema Italia delle specifiche tecniche di Luogo Presentazione: Vicenza Autore: Data: giovedì 12 giugno 2014 ESCO PROCESSI INTEGRATI Europass NQS ECTS Sistema dei crediti HE EQF

Dettagli

Psicologia positiva: teoria, prassi e prospettive future

Psicologia positiva: teoria, prassi e prospettive future Psicologia positiva: teoria, prassi e prospettive future Marta Bassi Società Italiana di Psicologia Positiva Obiettivo 1 numero 2000 diamerican Psychologist Seligman e Csikszentmihalyi Promuovere il funzionamento

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

D4.1 Curriculum iniziale per i digital curators

D4.1 Curriculum iniziale per i digital curators D4.1 Curriculum iniziale per i digital curators Autori: Laura Molloy (HATII) Leo Konstantelos (HATII) Ann Gow (HATII) David Wilson (HATII) Seamus Ross (ischool, utoronto) Nathan Moles (ischool, utoronto)

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER PROFESSIONAL DELLE HUMAN RESURCES

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER PROFESSIONAL DELLE HUMAN RESURCES CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER PROFESSIONAL DELLE HUMAN RESURCES Il modello metodologico seguito per la progettazione di questo corso privilegia la centratura sull'apprendimento degli adulti inseriti in

Dettagli

CARTA DI LECCE. Direttive della Rete Reforme 2012-2016

CARTA DI LECCE. Direttive della Rete Reforme 2012-2016 RETE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE NEL SETTORE DELL EDILIZIA IN EUROPA Il FORMEDIL fa parte della rete europea REFORME costituita nel 1986 per promuovere rapporti più stretti tra giovani,

Dettagli

il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro

il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro Provincia di Pesaro e Urbino PIA2 il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro Metodologia Didattica Materiale

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER EUROPROGETTISTI

CORSO DI FORMAZIONE PER EUROPROGETTISTI Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Giurisprudenza Centro per lo Sviluppo Istituzionale www.uniurb.it CORSO DI FORMAZIONE PER EUROPROGETTISTI Competenze tecnico-giuridiche per l accesso

Dettagli

TEEUP PROJECT Leonardo da Vinci Programmes Transfer of Innovation Agreement n. UK/08LLP- LdV/TOI/163_156

TEEUP PROJECT Leonardo da Vinci Programmes Transfer of Innovation Agreement n. UK/08LLP- LdV/TOI/163_156 TEEUP PROJECT Leonardo da Vinci Programmes Transfer of Innovation Agreement n. UK/08LLP- LdV/TOI/163_156 Vocational Education Trainers (VETs) roles and their current competences in relation to the training

Dettagli

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva Descrizione generale Il Programma Leonardo da Vinci si propone di collegare le politiche alle pratiche nel campo dell istruzione e formazione

Dettagli

ASSESSMENT & SKILL DEVELOPMENT

ASSESSMENT & SKILL DEVELOPMENT ASSESSMENT & SKILL DEVELOPMENT Progettualità innovativa per lo sviluppo del capitale umano e del business www.ideamanagement.it www.praxi.com La value proposition della partnership Idea Management e PRAXI

Dettagli

REALIZZARE IL PMO. Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009

REALIZZARE IL PMO. Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009 Il PMO come soluzione di business Linee guida per la realizzazione e il miglioramento continuo di un PMO aziendale REALIZZARE IL PMO Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009 PMI-NIC -

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

PROGETTO DAISS LEONARDO DA VINCI TRASFERIMENTO DELL INNOVAZIONE

PROGETTO DAISS LEONARDO DA VINCI TRASFERIMENTO DELL INNOVAZIONE PROGETTO DAISS LEONARDO DA VINCI TRASFERIMENTO DELL INNOVAZIONE PROJECT REFERENCE NO: UK/11/LLP-LDV/TOI-472 (2011-2013) DAISS: UN PROGETTO INNOVATIVO PER CHI CERCA LAVORO E PER CHI UN LAVORO LO OFFRE PERCHE

Dettagli

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE?

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Padova, 6 Giugno 2014 Con il patrocinio della Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO,

Dettagli

Manuale per allievi. IMMI-Train e-learning course. IMMI-Train Promoting Efficient Recruitment of Immigrants PT/05/B/F/PP-159155

Manuale per allievi. IMMI-Train e-learning course. IMMI-Train Promoting Efficient Recruitment of Immigrants PT/05/B/F/PP-159155 IMMI-Train Promoting Efficient Recruitment of Immigrants PT/05/B/F/PP-159155 IMMI-Train e-learning course Manuale per allievi This project has been funded with support from the European Commission. This

Dettagli

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati High Impact Programs 1 Chi siamo Performance Technology Solutions (PTS) è una società di consulenza organizzativa e formazione manageriale Il nostro nome deriva dalla metodologia di origine statunitense

Dettagli

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 Caro Lettore, Siamo lieti di presentare il sesto numero della newsletter LearnIT. In questo numero spiegheremmo lo sviluppo del i corsi LearnIT, la selezione dei

Dettagli

riferimenti di contesto L esperienza ISFOL per l accreditamento dei servizi di di orientamento

riferimenti di contesto L esperienza ISFOL per l accreditamento dei servizi di di orientamento Progetto EAS European Accreditation Scheme for Career Guidance Practicioners Seminario di Studio Torino, 25 settembre 2008 L esperienza ISFOL per l accreditamento dei servizi di di orientamento Roberta

Dettagli

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari 1 Job Progetto FIxO Scuola e Università 2012 2013 Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari Nota informativa

Dettagli

EURES member Italy Piano Annuale 2011 2012

EURES member Italy Piano Annuale 2011 2012 EURES member Italy Piano Annuale 20 202 EURES (European Employment Services Servizi europei per l impiego) è la rete per il lavoro e la formazione in Europa, coordinata dalla Commissione Europea Dal 993

Dettagli

COACH BOT Modular e-course with virtual coach tool support

COACH BOT Modular e-course with virtual coach tool support Modular e-course with virtual coach tool support PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE LEONARDO da VINCI Coordinato da FOR.COM CORSO PER PROFESSIONISTI DELL'ASSISTENZA SANITARIA DOMICILIARE PROGETTO "COACH

Dettagli

Per essere utili, ovunque

Per essere utili, ovunque MASTER IN ECONOMIA DELLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 In collaborazione con Per essere utili, ovunque LINK CAMPUS UNIVERSITY VIA NOMENTANA, 335 00162 Roma Tel: + 39

Dettagli

Bachelor of Science SUPSI in Economia aziendale

Bachelor of Science SUPSI in Economia aziendale Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale Bachelor of Science SUPSI in Economia aziendale Offerta formativa TP - Piano studi tempo pieno

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE BUSINESS COACHING PSYCHOLOGY

CORSO DI ALTA FORMAZIONE BUSINESS COACHING PSYCHOLOGY CORSO DI ALTA FORMAZIONE Anno Accademico 2014-2015 BUSINESS COACHING PSYCHOLOGY DIRETTORI: Prof.ssa Paula Benevene e Dott.ssa Silvana Dini COORDINAMENTO: Dott. Antonio Attianese REFERENTE ATTIvITà DIDATTIChE:

Dettagli

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO GLI INTERVENTI

RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO GLI INTERVENTI Sabato 30 novembre 2013, ore 9.00-13.00 Ordine degli Psicologi della Sardegna Via Sonnino 33 Cagliari RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO GLI INTERVENTI Ø Il quadro normativo - Davide Floris Ø La progettazione

Dettagli

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 27 novembre 2009 GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Nino Cartabellotta GIMBEducation 1. Obiettivi

Dettagli

Un Programma unico per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014 2020)

Un Programma unico per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014 2020) Un Programma unico per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014 2020) Fonte: Comunicazione Commissione europea al Parlamento, al Consiglio, al Comitato economico e sociale e al Comitato

Dettagli

I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE NEL TURISMO a cura Dipartimento Istruzione

I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE NEL TURISMO a cura Dipartimento Istruzione I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE NEL TURISMO a cura Dipartimento Istruzione Con riferimento al sistema di istruzione e formazione professionale relativi al settore turistico l attuale

Dettagli

PORTALE DEI SERVIZI Orientamento, Bilancio Competenze, Career Counseling

PORTALE DEI SERVIZI Orientamento, Bilancio Competenze, Career Counseling SOCIETÀ ITALIANA GESTALT Scuola attiva da 38 anni, Ente Morale accreditato MIUR, ECM, C.N.C.P. e C.S.N.P. PORTALE DEI SERVIZI Orientamento, Bilancio Competenze, Career Counseling Fondazione Italiana Gestalt

Dettagli

MAD 2 www.mad2.eu info@mad2.eu a project by tree srl 1

MAD 2 www.mad2.eu info@mad2.eu a project by tree srl 1 Il percorso formativo MAD 2 rappresenta un efficace risposta ai fabbisogni di formazione di specifiche figure professionali specializzate nella progettazione, sviluppo e design di applicazioni per smartphone

Dettagli

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan Progetto per un paesaggio sostenibile dal parco Roncajette ad Agripolis Design of a Sustainable Landscape Plan from the Roncajette park to Agripolis Comune di Padova Zona Industriale Padova Harvard Design

Dettagli

L insegnamento delle lingue straniere in Italia. Gisella Langé. gisella.lange@istruzione.it

L insegnamento delle lingue straniere in Italia. Gisella Langé. gisella.lange@istruzione.it Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca L insegnamento delle lingue straniere in Italia Gisella Langé gisella.lange@istruzione.it Rome, 29 Novembre, 2012 1 Tre punti 1. Il contesto

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

Cambiare vita, aprire la mente. Cristina Persechino Agenzia Nazionale Erasmus+ ISFOL Istruzione Formazione Professionale

Cambiare vita, aprire la mente. Cristina Persechino Agenzia Nazionale Erasmus+ ISFOL Istruzione Formazione Professionale Cambiare vita, aprire la mente Le opportunità per le scuole con la programmazione Europea 2014-2020: 2020: Erasmus+ le nuove attività di mobilità e cooperazione Cristina Persechino Agenzia Nazionale Erasmus+

Dettagli

La programmazione Europea 2014-2020

La programmazione Europea 2014-2020 La programmazione Europea 2014-2020 Mariachiara Esposito Funzionario Servizi Direzionali - Ufficio di collegamento Regione Toscana con le istituzioni comunitarie a Bruxelles I programmi europei 2014-2020

Dettagli

Newsletter Febbraio 2016

Newsletter Febbraio 2016 Newsletter Febbraio 2016 GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? 4a TAP Partner Meeting Indice Motivazioni per il curriculum di formazione per persone a rischio di povertà ed esclusione sociale

Dettagli

FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1

FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1 FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1 (A CURA DI PAOLO VIEL 2 ) QUALE È LA SITUAZIONE DELLA FORMAZIONE OGGI IN ITALIA? La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni

Dettagli

Team development program

Team development program Industrial Management School Percorso Team development program Crescere lavorando in gruppo Percorsi area Human Resources & Skills Percorso Team development program La mappa Lavorare in gruppo 1 Valorizzare

Dettagli

Politiche per l orientamento permanente: lavori in corso

Politiche per l orientamento permanente: lavori in corso Politiche per l orientamento permanente: lavori in corso Sintesi delle attività 2009/2010 della Rete Europea per le Politiche di Orientamento Permanente Il presente documento costituisce una sintesi del

Dettagli

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa Laura Blasiol Servizio Risk Management Milano, 30 giugno 2010 1 Agenda Solvency II: A challenge and an opportunity 2 Milestones 22/04/2009:

Dettagli

Roma, 8 novembre 2010. Silvia Vaccaro Centro Nazionale Europass Italia

Roma, 8 novembre 2010. Silvia Vaccaro Centro Nazionale Europass Italia La mobilità europea dei giovani per motivi di studio e di lavoro: risorsa per lo sviluppo delle competenze, l'inserimento nel mercato del lavoro e l'integrazione sociale Roma, 8 novembre 2010 Silvia Vaccaro

Dettagli

POSITION PAPER DEL CLUSTER SPRING SULLA PROMOZIONE E IL CONSOLIDAMENTO DI ATTIVITÀ A SUPPORTO DELLA BIOECONOMIA IN CAMPO FORMATIVO/EDUCATIVO

POSITION PAPER DEL CLUSTER SPRING SULLA PROMOZIONE E IL CONSOLIDAMENTO DI ATTIVITÀ A SUPPORTO DELLA BIOECONOMIA IN CAMPO FORMATIVO/EDUCATIVO POSITION PAPER DEL CLUSTER SPRING SULLA PROMOZIONE E IL CONSOLIDAMENTO DI ATTIVITÀ A SUPPORTO DELLA BIOECONOMIA IN CAMPO FORMATIVO/EDUCATIVO Novembre 2015 Obiettivi del documento In questo position paper

Dettagli

Il programma ERASMUS PLUS

Il programma ERASMUS PLUS Il programma ERASMUS PLUS Nel Gennaio 2014 avrà inizio Erasmus +, il nuovo programma europeo per l'educazione, la formazione, i giovani e lo sport per gli anni 2014-2020. Il programma è stato adottato

Dettagli

FINALITA DEL PROGRAMMA DI COACHING

FINALITA DEL PROGRAMMA DI COACHING MANAGERS DEVELOPMENT ACTIONS Consulman PL On the job training for Managers Personal coaching for managers Focused workshop business game (based on focused scope) Plant assessment business game (based on

Dettagli

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Giorgio Saio, Emanuele Roccatagliata, Roderic Molina G.I.S.I.G., Genova Sommario Il lavoro proposto presenta un caso concreto

Dettagli

COME CONVALIDARE LE COMPETENZE DEI VOLONTARI? Una guida practica

COME CONVALIDARE LE COMPETENZE DEI VOLONTARI? Una guida practica COME CONVALIDARE LE COMPETENZE DEI VOLONTARI? Una guida practica TITOLO DEL PROGETTO: VOLUNTEERING VALIDATION HIGHWAY ACCORD DI FINANZIAMENTO: 2013-1-FI1-GRU06-12792 2013-2015 Questo progetto è stato finanziato

Dettagli

Master COACHING PROFESSIONAL COMPETENCE di Marina Osnaghi - 1 e 2 Livello

Master COACHING PROFESSIONAL COMPETENCE di Marina Osnaghi - 1 e 2 Livello Master COACHING PROFESSIONAL COMPETENCE di Marina Osnaghi - 1 e 2 Livello Il coaching è per noi l arte di accompagnare qualcuno alla meta OBIETTIVI L International Coach Federation (ICF - www.icf-italia.org)

Dettagli

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community

Associazione per la Professionalità Docente. formazione. Educommunity Educational Community Associazione per la Professionalità Docente formazione Educommunity Educational Community 2 OFFERTA SCUOLE 3 la nostra offerta Educational Community, grazie all esperienza maturata nel contesto scolastico

Dettagli

Comunicazione educativa Specifiche economiche

Comunicazione educativa Specifiche economiche Comunicazione educativa Specifiche economiche Specifiche economiche deliberate per il dottorato Ateneo Dip. Esterne Giovani Riserva Tassa Sovran. 5 1 0 0 1 2 2 Assegnazione per il curriculum 2 1 0 0 1

Dettagli

ABILITA : UTILIZZARE CONOSCENZE DI DEAF STUDIES NELLA PROGETTAZIONE DIDATTICA

ABILITA : UTILIZZARE CONOSCENZE DI DEAF STUDIES NELLA PROGETTAZIONE DIDATTICA Obiettivi: CORSO DOCENTE LIS II EDIZIONE A:S: 2015/2016 Programma e Contenuti Il corso per Docente di LIS si articola in un percorso didattico finalizzato alla formazione di personale qualificato. L obiettivo

Dettagli

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità.

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. DIREZIONE QUALITÀ La carta servizi di Verona Innovazione Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. 1 Verona Innovazione 5 servizio nuova impresa 10 sportello comunica

Dettagli

La valutazione della qualità dei corsi linguistici universitari secondo la metodologia CRUI: modelli, esperienze e possibili sviluppi

La valutazione della qualità dei corsi linguistici universitari secondo la metodologia CRUI: modelli, esperienze e possibili sviluppi La valutazione della qualità dei corsi linguistici universitari secondo la metodologia CRUI: modelli, esperienze e possibili sviluppi Claudia Händl, Genova Introduzione I processi di controllo e gestione

Dettagli

MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005

MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005 MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005 UN BUON MOTIVO PER [cod. E316] Lo scopo di questo corso non MOC è fornire ai database professionals che lavorano in realtà di tipo enterprise

Dettagli

Strategia macro-regionale EUSALP

Strategia macro-regionale EUSALP Strategia macro-regionale EUSALP Roberta Negriolli Regione Lombardia 11 maggio 2015 Regione Emilia-Romagna Sala 20 Maggio 2012 Viale della Fiera 8, Bologna INDICE 1. Cos è una Strategia Macroregionale

Dettagli