PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE Leonardo da Vinci Trasferimento di innovazione CORSO DI FORMAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE Leonardo da Vinci Trasferimento di innovazione CORSO DI FORMAZIONE"

Transcript

1 PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE Leonardo da Vinci Trasferimento di innovazione CORSO DI FORMAZIONE Work package N. 3, Attività Definizione e adattamento del programma di formazione (specifiche e metodologie) e produzione di materiali di formazione in formato digitale Partner responsabile: National Training Fund, CZ Data: 30/9/2014 Versione: Finale Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione Europea. Questa pubblicazione rispecchia il punto di vista dell autore e, pertanto, la Commissione non è responsabile di alcun uso che possa essere fatto di informazioni qui contenute. 1

2 INDICE 1 Introduzione al corso INNO-CAREER per la formazione continua dei consulenti/formatori che operano nell ambito dell orientamento professionale..σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης. 2 Descrizione dei moduli..σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης. 2.1 Modulo N. 1: Servizi di accoglienza per i migranti Obiettivi del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Beneficiari finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Durata del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Risultati di apprendimento finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Valutazione delle competenze acquisite... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Qualifica dei formatori... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης. 2.2 Modulo N. 2: Orientamento professionale e mercato del lavoro Obiettivi del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Beneficiari finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Durata del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Risultati di apprendimento finali Valutazione delle competenze acquisite... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Qualifica dei formatori... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης. 2.3 Modulo N. 3: Riconoscimento dell apprendimento non formale e informale Obiettivi del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Beneficiari finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Durata del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Risultati di apprendimento finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Valutazione delle competenze acquisite... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Qualifica dei formatori... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης. 2.4 Modulo N. 4: Orientamento professionale e mobilità Obiettivi del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Beneficiari finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Durata del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Risultati di apprendimento finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Valutazione delle competenze acquisite... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Qualifica dei formatori... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης. 2.5 Modulo N. 5: Sviluppo delle competenze per la gestione delle carriere (Career 2

3 Management Skills - CMS) Obiettivi del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Beneficiari finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Durata del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Risultati di apprendimento finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Valutazione delle competenze acquisite... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Qualifica dei formatori... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης. 2.6 Modulo N. 6: Garanzia della qualità nell orientamento professionale Obiettivi del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Beneficiari finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Durata del modulo... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Risultati di apprendimento finali... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Valutazione delle competenze acquisite... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης Qualifica dei formatori... Σφάλμα! Δεν έχει οριστεί σελιδοδείκτης. Bibliografia

4 1. INTRODUZIONE AL CORSO INNO-CAREER PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEI FORMATORI CHE OPERANO NELL AMBITO DELL ORIENTAMENTO PROFESSIONALE Titolo del corso: GUIDANCE 2020: Elementi innovativi per l Orientamento Permanente e l Occupabilità Nuove competenze emergenti per i consulenti dell orientamento Obiettivi del corso L'obiettivo del corso è quello di migliorare le competenze dei formatori che operano nei diversi ambiti dell orientamento professionale. Questi ambiti sono stati individuati attraverso una ricerca/analisi dei fabbisogni formativi che è stata realizzata nei diversi paesi partner. Il primo modulo si rivolge a coloro che lavorano con gli immigrati, il cui numero è in aumento in Italia, a Cipro e in Grecia. Il secondo modulo fornisce un supporto ai consulenti per l orientamento professionale che operano con persone che intendono rientrare nel mercato del lavoro. Il terzo modulo cerca di fornire le competenze necessarie al consulente/formatore che deve supportare l utente nel processo di riconoscimento dell'apprendimento non formale e informale. Il quarto modulo supporta i consulenti/formatori che forniscono orientamento nel settore della mobilità. Il quinto modulo si focalizza sullo sviluppo delle competenze per la gestione delle carriere (Career Management Skills (CSM). L ultimo modulo si occupa della garanzia della qualità nell orientamento professionale. Tabella N. 1: Contenuti e durata del corso di formazione Titolo del modulo Partner responsabile Introduzione al corso ) Servizi di accoglienza per i migranti USRV ) Orientamento professionale e mercato del lavoro NTF+INEK ) Riconoscimento dell apprendimento non formale e USRV 6 20 informale 4) Orientamento professionale e mobilità EOPPEP ) Sviluppo delle competenze per la gestione delle carriere degli individui EOPPEP ) Garanzia della qualità nell orientamento professionale Ore EOPPEP 6 30 Pagine 4

5 Sessione di chiusura con valutazione delle 3 3 competenze acquisite Totale Target dei destinatari La formazione per i sei moduli del corso è rivolta a coloro che attualmente lavorano o desiderano lavorare in futuro, come consulenti/formatori per l orientamento professionale presso: (1) i ministeri e le agenzie nazionali responsabili per la progettazione, la fornitura e l'organizzazione di una formazione specializzata per consulenti/formatori per l orientamento professionale, (2) istituti di istruzione secondaria (compresi quelli per l'istruzione e la formazione professionale), (3) centri e uffici per l orientamento (compresi gli uffici di collegamento) presso le università, (4) i consulenti che lavorano presso i servizi pubblici per l impiego, (5) gli enti privati di formazione, (6) i centri di ricerca che si occupano di formazione, carriera e lavoro, (7) i centri per l educazione degli adulti. Il programma di formazione può anche rivolgersi a professionisti per l orientamento professionale che, con ruoli e compiti diversi legati alla gestione della carriera, operano all'interno delle imprese: si tratta di mentori, career coach, partner esterni a sostegno dell'attuazione di programmi per l orientamento professionale e la consulenza, formatori per questioni legate allo sviluppo della carriera, specialisti per il reclutamento e la selezione del personale, professionisti per i servizi di outsourcing. Requisiti di ingresso Il requisito principale per l accesso al corso è essere un consulente/formatore che si occupa di orientamento professionale (con un ruolo attivo in un organizzazione specifica o in possesso di un attestato per aver frequentato con successo un corsi per l orientamento professionale). I partecipanti devono anche possedere capacità di organizzazione, comunicazione, analisi e problem solving. Infine devono fornire una chiara motivazione su come ritengono che il programma di formazione possa contribuire a migliorare le loro competenze, soddisfare le loro esigenze professionali e aiutarli a fornire agli utenti servizi di orientamento professionale più efficaci. 5

6 Metodologia formativa La formazione si baserà sull apprendimento misto (un totale di 40 ore, di cui 30 ore di formazione a distanza e 10 ore di lezioni frontali). Per quanto riguarda le tecniche specifiche utilizzate, i partecipanti potranno beneficiare di giochi di ruolo con simulazione di un colloquio di consulenza o altri interventi in cui dovranno applicare una tecnica o un approccio specifico, ad esempio l implementazione pilota di un quadro a garanzia della qualità. Nella procedura di simulazione i partecipanti verranno divisi in coppie, uno simulerà il ruolo di consulente e l altro quello di utente, e cercheranno di applicare quanto appreso in ciascun modulo. Inoltre, i partecipanti verranno coinvolti in attività di autoriflessione e presentazione di casi di studio. Tuttavia, ciascun partner potrà scegliere la metodologia formativa più adatta al proprio target di destinatari, o adattare le metodologie descritte sopra al proprio contesto nazionale/locale. Valutazione I partecipanti dovranno preparare un report sul modulo scelto o proporre delle idee a partire dai materiali a disposizioni, cercando di fare una revisione teorica, o, in alternativa, progettare e presentare un semplice esercizio pratico corrispondente ad uno degli approcci inclusi nei manuali. Al termine del corso, i partecipanti potrebbero essere coinvolti in un processo di auto valutazione attraverso l utilizzo di un questionario riferito ai risultati di apprendimento raggiunti. Tuttavia, ciascun partner potrà scegliere l'opzione che si adatta meglio al proprio contesto nazionale. Materiali di formazione Per ciascuno dei moduli verrà preparato un manuale di studio di circa pagine che sarà disponibile in formato word alla seguente pagina web 6

7 DESCRIZIONE DEI MODULI 1.1 Modulo N. 1: Servizi di accoglienza per i migranti Obiettivi del modulo Favorire la riflessione degli operatori sul significato delle procedure e degli strumenti di orientamento ed accoglienza al fine di sostenere l utente straniero nella fase di inserimento nel percorso formativo e incoraggiarlo a proseguire, nell ottica dell apprendimento permanente Promuovere la consapevolezza degli operatori e la responsabilità nell adozione di procedure e nell utilizzo di strumenti di accoglienza e di orientamento nei confronti dell utente Favorire negli operatori l individuazione delle connessioni tra la fase di accoglienza e di orientamento, la definizione del progetto formativo personalizzato e la sua condivisione da parte dell utente Destinatari finali I destinatari finali saranno gli adulti e i migranti Durata del modulo N. Ambito tematico (titoli dei capitoli) 1 Quadro di Riferimento per l attività di accoglienza e di orientamento Numero Numero di ore di pagine previste previste 30 min. 2 2 Lo Sportello informativo 45 min. 1 3 Strumenti per l avvio della relazione con l utente. Esempio di Scheda per la raccolta delle informazioni riguardanti l utente; Esempio di Scheda per il patto di servizio con l utente 30 min. 4 4 I colloqui orientativi 45 min 2 5 Strumenti per la ricerca e la riflessione 2 7

8 sull esperienza pregressa con l utente; la 30 min. prospettiva della partecipazione al corso 6 Servizi di accoglienza per i migranti sito web 1 hour / 7 Il Dossier delle Evidenze 45 min. 3 8 Verso il Patto Formativo 9 Strumento per la condivisione formale del percorso con l utente; Esempio di Scheda per la stesura del patto formativo 3 30 min. 45 min. 3 Totale Risultati di apprendimento finali Al termine del corso il partecipante saprà riconoscere i tratti distintivi di strumenti e procedure di accoglienza e orientamento finalizzati a motivare l utente straniero alla frequenza del percorso formativo sarà in grado di valutare l adeguatezza di strumenti di accoglienza e di orientamento in uso ai fini dell inserimento dell utente straniero in un percorso formativo, motivando i suoi giudizi saprà progettare strumenti e procedure di accoglienza e orientamento, individuando indicatori e modalità di verifica della loro efficacia in riferimento alla prosecuzione del percorso formativo da parte dell utente straniero Valutazione delle competenze acquisite Al termine del modulo ciascun partecipante preparerà un breve report su come intende applicare nel proprio contesto di lavoro quanto appreso durante il modulo Qualifica dei formatori Il formatore del modulo dovrà essere un esperto qualificato e che possiede una consolidata esperienza pregressa nelle tematiche oggetto del modulo. 8

9 1.2 Modulo N. 2: Orientamento professionale e mercato del lavoro Obiettivi del modulo L'obiettivo del modulo è quello di aggiornare le competenze dei consulenti/formatori per l orientamento professionale che si trovano ad operare con utenti alla ricerca di un posto di lavoro vacante o di nuove opportunità, in modo da supportarli efficacemente nel risolvere le difficoltà legate alla scelta della carriera e al cambiamento professionale. Il modulo propone un approccio che può essere utilizzato in modo efficace quando si lavora con molti utenti per migliorare e velocizzare la preparazione del loro piano di carriera individuale. Il modulo è diviso in capitoli. Il primo capitolo presenta una panoramica del contesto dell'orientamento professionale e del mercato del lavoro. I successivi sei capitoli (dal 2 al 7) descrivono il processo dell orientamento professionale e la connessione dello stesso con questioni legate al mercato del lavoro e ai suoi mutamenti. Sono state scelte soluzioni basate sull approccio all orientamento professionale, tenendo conto delle idee, opportunità e vincoli dell utente. Il vantaggio è che si utilizza una sequenza di step senza identificare le informazioni sulla situazione attuale degli utenti, ma concentrandosi piuttosto sui loro fabbisogni per trovare il percorso ottimale a soddisfarli. Il ruolo del consulente/formatore è quello di guidare l utente verso un obiettivo e un piano d'azione realistici in una forma di "aiuto - aiuto." L'ottavo capitolo riassume i principali fattori che influenzano il processo di orientamento professionale e il livello di qualità Destinatari finali Il partecipante al termine del corso sarà in grado di fornire i propri servizi agli adulti inclusi i migranti Durata del modulo N. Ambito tematico (titoli dei capitoli) 1 Introduzione orientamento professionale e mercato del lavoro Numero di ore previste Numero di pagine previste 0,5 1 2 Il processo dell orientamento professionale Situazione attuale dell utente e fabbisogni 1 1 nell orientamento professionale 4 Identificazione della carriera futura dell utente Fabbisogni dell utente e loro soddisfacimento 1 4 9

10 6 Pianificare e implementare un piano per lo sviluppo 0,5 2 della carriera 7 Monitoraggio del piano per lo sviluppo della 0,5 2 carriera 9 Procedura di valutazione 0,5 1 Totale I risultati di apprendimento finali Al termine del modulo i partecipanti saranno in grado di: strutturare il processo di orientamento professionale in singole fasi e passaggi usare in modo concreto la soluzione basata sull'approccio all orientamento professionale supportare efficacemente gli utenti nella ricerca di soluzioni adeguate al loro percorso di carriera lavorare con l utente per costruire un piano per lo sviluppo di carriera e supportarlo nella sua attuazione valutare criticamente i fattori che influenzano la qualità del processo di orientamento professionale Valutazione delle competenze acquisite Il completamento del modulo richiede la partecipazione alle lezioni frontali (6 ore) e la preparazione di un report di 3-5 pagine che tratti alcuni dei seguenti argomenti: orientamento professionale e mercato del lavoro processo dell orientamento professionale soluzione basata sull orientamento professionale Qualifiche dei formatori Il formatore del modulo dovrà essere un esperto consulente per l orientamento professionale con un master in orientamento professionale o in altro simile settore. 10

11 1.3 Modulo N. 3: Riconoscimento dell apprendimento non formale e informale Obiettivi del modulo Questo modulo si propone di analizzare i problemi, i metodi e i benefici connessi alla validazione dell'apprendimento non formale e informale, la cui importanza è stata riconosciuta da anni a livello europeo e locale, non solo nella promozione dell apprendimento permanente degli adulti, ma anche nel facilitare l'accesso e la permanenza nel mercato del lavoro e prevenire l'esclusione sociale. L'apprendimento permanente è il fattore determinante ed è essenziale per il godimento dei pieni diritti di cittadinanza in un contesto caratterizzato da un occupabilità sempre più inter-culturale e multietnica. Inoltre garantisce la possibilità di riqualificazione in un mondo sempre più globalizzato e in costante trasformazione. Questo modulo ha come obiettivi: analizzare che cosa è l apprendimento non formale e informale analizzare come e quali autorità sono competenti nel riconoscere l apprendimento non formale e informale presentare i vantaggi per l'utente fornire servizi di orientamento per supportare l'utente nel processo di riconoscimento promuovere l'implementazione delle procedure di riconoscimento nei paesi europei Destinatari finali I destinatari finali saranno gli adulti e i migranti Durata del modulo N. Ambito tematico (titoli dei capitoli) 1 Descrizione dei sistemi europei per la validazione dell apprendimento non formale e informale; i materiali saranno una sintesi dei report del CEDEFOP - Inventory on validation of informal and non formal learning 2010 Numero di ore previste Numero di pagine previste 90 min 10 11

12 2 Descrizione delle legislazione europea, italiana e regionale relativa alla validazione dell apprendimento informale e non formale 3 Analisi di una sintesi della pubblicazione The validation of non-formal and informal learning in Italy and other European countries (69/1/1/4124/2008) Focus sulle esperienze dei formatori svolte in Francia e Romania 4 Analisi di una sintesi della pubblicazione Accreditare le Risorse umane a Garanzia dell Occupabilità - (ARGO Programma LdV Progetto Pilota I/02/B/F/PP ). Focus sulla metodologia applicata per validare l apprendimento 5 Analisi di una sintesi della pubblicazione Accreditation model and technical specifics - MATCH (Informal and non-formal competences matching devise for migrants employability and active citizenship LLP IT- GRUNDTVIG-GMP22). Focus su una descrizione dettagliata della metodologia condivisa per il processo di riconoscimento e validazione dell apprendimento pregresso 6 Analisi di una sintesi della pubblicazione 90 min 5 45 min min min min. 1 Conceptual development of the desk-based research Focus sulla ricerca che descrive i più importanti casi di studio analizzati 7 Analisi di una sintesi della pubblicazione Final 30 min. 1 comparative report Progetto Europeo MATCH Totale

13 1.3.4 Risultati di apprendimento finali Al termine del modulo i partecipanti saranno in grado di: conoscere la legislazione europea e nazionale/regionale conoscere gli esistenti strumenti europei e nazionali per il riconoscimento dell'apprendimento non formale e informale conoscere le migliori prassi di altri paesi europei gestire le informazioni sulle autorità competenti responsabili per la validazione dell'apprendimento non formale e informale utilizzare strumenti adeguati per rilevare le esigenze degli utenti conoscere la rete locale di enti/agenzie al fine di collaborare con loro e offrire un servizio completo e di alta qualità utilizzare strategie appropriate per accogliere l'utente e far sì che si senta a proprio agio conoscere le proposte formative in ambito formale, al fine di mettere in luce le competenze degli utenti ed eventualmente suggerire il percorso formativo che meglio si adatta alle loro caratteristiche supportare l'utente nella descrizione delle competenze non formali e informali acquisite descrivere le competenze in termini di risultati di apprendimento e secondo un modello specifico applicare le procedure nazionali per la validazione (se esistenti) o se del caso, le migliori prassi disponibili condividere le migliori prassi/procedure con gli altri colleghi che si occupano di orientamento professionale al fine di creare una sorta di tool box Valutazione delle competenze acquisite Al termine del modulo ciascun partecipante preparerà un breve report su come intende applicare nel proprio contesto di lavoro quanto appreso durante il modulo Qualifica dei formatori Il formatore del modulo dovrà essere un esperto qualificato e che possiede una consolidata esperienza pregressa nelle tematiche oggetto del modulo. 13

14 Modulo N. 4: Orientamento professionale e mobilità Obiettivi del modulo L'obiettivo generale di questo modulo è quello di fornire ai partecipanti le conoscenze e le competenze necessarie per trattare gli aspetti legati alla mobilità e alle sue dimensioni, concentrandosi sia sulla mobilità formativa che professionalizzante. In particolare, il modulo si propone di presentare un quadro generale soffermandosi sul background teorico in materia di mobilità, le prospettive e le politiche europee per la mobilità, gli effetti positivi e negativi della mobilità per l'individuo, le questioni che riguardano la consulenza e l orientamento professionale. Il modulo presenta anche una descrizione dei processi che stanno alla base delle procedure per la mobilità, come la consulenza, i colloqui e le tecniche. Infine, il modulo fornirà ai partecipanti degli esempi di strumenti innovativi ed esercizi pratici da utilizzare per supportare coloro che decidono di vivere un esperienza di mobilità I destinatari finali I partecipanti dovrebbero essere in grado di lavorare con gli studenti (istruzione secondaria, istruzione universitaria, ecc.) che hanno intenzione di andare in futuro all'estero o in un'altra città del proprio paese per motivi di studio o lavoro. Un altro gruppo target di destinatari è rappresentato da adulti in cerca di un lavoro all'estero e che si sforzano di affrontare i problemi legati al vivere e lavorare in un paese straniero, o che sono alla ricerca di informazioni, opportunità formative e professionali o coloro che devono affrontare le problematiche legate alla transizione lavorativa Durata del modulo N. Ambito tematico (titoli dei capitoli) Numero di ore previste Numero di pagine previste 1 Introduzione 0,5 2 2 Il concetto di mobilità Background teorico 1,5 3 3 L esperienza di mobilità e gli effetti sugli individui 0,5 2 4 Politiche e prospettive europee nella mobilità 0,5 3 5 Orientamento professionale per la mobilità Colloquio orientativo, esercizi e strumenti per la 2 7 mobilità Totale

15 Risultati di apprendimento finali Al termine del modulo i partecipanti saranno in grado di: identificare il ruolo e l'importanza della mobilità nel contesto dell'istruzione e della carriera professionale in generale conoscere il background teorico relativo al concetto di mobilità conoscere le politiche e le prospettive europee in materia di mobilità conoscere gli effetti della mobilità sui singoli individui e come potrebbero essere trattati da parte degli operatori acquisire conoscenze di base in materia di orientamento professionale per la mobilità conoscere gli strumenti per la mobilità e gli esercizi pratici Valutazione delle competenze acquisite È prevista l elaborazione di un saggio e/o la realizzazione di una simulazione in classe che comprende un esercizio pratico. Inoltre, la conoscenza teorica acquisita da parte dei partecipanti potrà essere valutata attraverso un test di auto valutazione a risposte multiple e con una o due domande a risposta aperta Qualifica dei formatori Il formatore del modulo dovrà possedere una formazione specializzata in materia di orientamento professionale, preferibilmente una laurea o un Master in orientamento professionale o in alternativa un attestato di partecipazione a un corso di formazione continua in orientamento professionale. Il formatore dovrà possedere una certa esperienza nella formazione a distanza o in altri programmi con lezioni frontali in materia di orientamento/consulenza professionale svolti presso università o organizzazioni che forniscono orientamento professionale o formazione in materia di orientamento professionale. Dovrebbe anche possedere delle conoscenze nel campo della mobilità professionale, in particolare aver avuto la possibilità di applicarle concretamente (ad esempio, l'insegnamento nei workshop, seminari, colloqui di consulenza, strategie per la ricerca di un lavoro, supporto ad adolescenti, studenti universitari, adulti che affrontano transizioni di carriera, ecc). 15

16 1.4 Modulo N. 5: Sviluppo delle competenze per la gestione delle carriere degli individui Obiettivi del modulo Durante questo periodo di crisi che stiamo attraversando, i cittadini di diverse fasce d'età vivono una situazione difficile caratterizzata da variabilità socio-economica, incertezza, cambiamenti rapidi e imprevisti a livello nazionale e globale. I cambiamenti che si verificano in modi imprevedibile riguardano non solo la carriera di un individuo, ma influenzano anche la sua vita personale e familiare (Sidiropoulou-Dimakakou, Argyropoulou, e Drosos, 2013). Infatti, nell'era postmoderna, i cittadini affrontano situazioni complesse, come l'aumento dei tassi di disoccupazione e sottoccupazione, una tendenza ai frequenti cambi di luoghi di lavoro così come nella concezione della carriera, dello stile di vita e nella pianificazione della crescita professionale (Kaliris & Kriwas, 2013). Nel 21 secolo la carriera è vista come una questione di life-design che comprende in modo chiaro ulteriori ruoli (Savickas, 2013). Quindi, i lavoratori hanno una maggiore necessità, rispetto al passato, di assumersi la responsabilità diretta della gestione della propria carriera. Di conseguenza, i cittadini hanno bisogno di acquisire specifiche competenze per la gestione della carriera in una prospettiva a lungo termine e allo stesso tempo devono imparare a progettare la loro carriera, al fine di sostenere l'occupabilità e trovare soddisfazione nella vita e nella carriera. In questo modo, si pone una domanda cruciale: "Come i consulenti per l orientamento professionale saranno in grado di gestire queste nuove condizioni e soddisfare le diverse esigenze degli utenti che si rivolgono a loro (Sidiropoulou-Dimakakou et al, 2013).?" Nel definire questo modulo, abbiamo cercato di dare una risposta a questa importante questione. In particolare, il modulo mira a supportare i consulenti per l orientamento professionale che operano nei vari settori, in modo che possano a loro volta aiutare gli individui a sviluppare le loro capacità di gestione della carriera. Il modulo presenta nuove tendenze, approcci, metodi ed esercizi che possono essere utilizzati con gli utenti I destinatari finali Ci si aspetta che al termine del modulo, i consulenti/formatori per l orientamento professionale che lavorano in enti di formazione o agenzie per il lavoro, abbiano acquisito le conoscenze e le competenze di base e specialistiche necessarie a fornire i propri servizi a vari gruppi di utenti, come gli studenti delle scuole superiori (istruzione 16

17 secondaria), gli adolescenti, gli studenti universitari, gli studenti dei centri di formazione professionale, gli adulti in generale, i lavoratori in fase di transizione e i disoccupati Durata del modulo N. Ambito tematico (titoli dei capitoli) Numero di ore previste Numero di pagine previste 1 Introduzione 0, Competenze per la gestione della carriera 3 Sviluppo delle competenze per la gestione della 1 2 carriera in varie fasce di popolazione 4 Metodi e tecniche per lo sviluppo delle competenze 1,5 4 per la gestione della carriera: il ruolo del consulente per la carriera 5 Esercizi per lo sviluppo delle competenze per la 1,5 7 gestione della carriera 6 Conclusione 0,5 Totale Risultati di apprendimento finali Al termine del modulo i partecipanti saranno in grado di: conoscere le principali teorie e gli approcci per lo sviluppo delle competenze per la gestione della carriera, con una particolare attenzione agli approcci postmoderni e contemporanei (Narrative Career Counselling, Happenstance Learning Theory, Career Self-efficacy theory) utilizzare specifici esercizi e metodi per lo sviluppo delle competenze per la gestione della carriera conoscere gli elementi che facilitano o ostacolano l'attuazione delle competenze per la gestione della carriera migliorare le proprie competenze in materia di orientamento professionale e l auto-efficacia relativamente ad interventi di attuazione focalizzati sullo sviluppo delle competenze per la gestione della carriera acquisire le competenze fondamentali in materia di orientamento professionale richieste ai consulenti che devono risolvere i problemi che gli utenti presentano 17

18 ulteriori informazioni sui metodi di valutazione delle competenze per la gestione della carriera Valutazione delle competenze acquisite È prevista l elaborazione di un saggio e/o la realizzazione di una simulazione in classe che comprende un esercizio pratico. Inoltre, la conoscenza teorica acquisita da parte dei partecipanti potrà essere valutata attraverso un test di auto valutazione a risposte multiple e con una o due domande a risposta aperta Qualifica dei formatori Il formatore del modulo dovrà possedere una formazione specializzata in materia di orientamento professionale, preferibilmente una laurea o un Master in orientamento professionale o in alternativa un attestato di partecipazione a un corso di formazione continua in orientamento professionale. Il formatore dovrà possedere una certa esperienza nella formazione a distanza o in altri programmi con lezioni frontali in materia di orientamento/consulenza professionale svolti presso università o organizzazioni che forniscono orientamento professionale o formazione in materia di orientamento professionale. Dovrebbe anche possedere delle conoscenze nel campo della mobilità professionale, in particolare aver avuto la possibilità di applicarle concretamente (ad esempio, l'insegnamento nei workshop, seminari, colloqui di consulenza, strategie per la ricerca di un lavoro, supporto ad adolescenti, studenti universitari, adulti che affrontano transizioni di carriera, ecc). 18

19 1.5 Modulo N. 6: Garanzia della qualità nell orientamento professionale Obiettivi del modulo Lo scopo di questo modulo è introdurre ai partecipanti le tematiche relative alla garanzia della qualità nell orientamento professionale e spiegare il ruolo del consulente nel: 1. migliorare l'efficienza di un servizio di orientamento professionale 2. giustificare le spese o gli investimenti nell orientamento professionale, dimostrando chiaramente il valore aggiunto per gli individui, le comunità e le società (per aumentare la responsabilità finanziaria istituzionale) 3. favorire la trasparenza dal punto di vista del cittadino. L orientamento professionale per tutto l arco della vita ha ricevuto una crescente attenzione sia a livello europeo che nazionale. Il lavoro del gruppo di esperti sull'orientamento permanente, così come altri studi europei, hanno aperto la strada a due risoluzioni del Consiglio sull Educazione (nel 2004 e nel 2008) che hanno evidenziato la necessità di servizi per l orientamento per tutta la durata della vita al fine di dotare i cittadini delle competenze necessarie per gestire la loro formazione, la carriera e le transizioni tra istruzione e mondo del lavoro o all'interno dei due segmenti. Le risoluzioni hanno richiamato l'attenzione su quattro aree prioritarie. La garanzia della qualità e lo sviluppo di sistemi e politiche rappresenta una di queste aree, ma anche la priorità che collega tutte le altre (career management skills, accessibilità e coordinamento dei servizi), come dimostrato dal lavoro fatto dall European Lifelong Guidance Policy Network (ELGPN). La garanzia della qualità si riferisce ad attività di progettazione, realizzazione, valutazione, reporting e miglioramento della stessa che permettono di assicurare che le attività di orientamento (il contenuto dei programmi, la progettazione, la valutazione e la validazione dei risultati, ecc) soddisfino i requisiti di qualità attesi dagli stakeholder. Gli obiettivi del modulo sono: fornire ai partecipanti le conoscenze e le competenze relative al background teorico sulla garanzia della qualità, presentare la gamma e i tipi di standard e linee guida a garanzia della qualità, far conoscere le questioni pratiche derivanti dall attuazione di una procedura di garanzia di qualità nella loro organizzazione. (Ad esempio, come scegliere e sviluppare i criteri e gli indicatori per il loro servizio, come 19

20 raccogliere i dati, come misurare i risultati e l impatto) I destinatari finali Gli studenti che beneficiano dell orientamento professionale nell'istruzione secondaria e terziaria, i disoccupati che usufruiscono di servizi di informazione e orientamento da parte dei centri per l impiego, gli adolescenti, gli studenti della formazione professionale iniziale e continua, gli adulti in generale, i lavoratori I consulenti per l orientamento professionale che lavorano nell istruzione, nelle aziende e nel sociale Durata del modulo N. Ambito tematico (titoli dei capitoli) Numero di ore previste Numero di pagine previste 1 La nozione e la necessità della garanzia della 0,5 2 qualità nell orientamento professionale 2 I quadri e gli standard europei ed internazionali a 1 10 garanzia della qualità nell orientamento professionale 3 Il lavoro del network ELGPN e il framework europeo per la garanzia della qualità 4 Il contesto teorico Il ciclo di qualità I 1 3 componenti del sistema di garanzia della qualità 5 Definire i criteri e gli indicatori di qualità; esempi di 1 3 informazioni che a supporto dei criteri di qualità nell orientamento professionale 6 La misurazione dei risultati e dell impatto 0,5 4 7 Una proposta di framework a garanzia della qualità Conclusione 0,5 1 Totale Risultati di apprendimento finali Al termine di questo modulo i partecipanti avranno una conoscenza adeguata su: concetto e necessità della garanzia della qualità nell orientamento professionale (priorità UE e fabbisogni dei sistemi di garanzia della qualità e meccanismi del moderno ambiente socio-economico) 20

Lo Psicologo dell orientamento

Lo Psicologo dell orientamento 1 Area di pratica professionale PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO Lo Psicologo dell orientamento Classificazione EUROPSY Educational Psychology - (Educazione e Formazione) 1.DENOMINAZIONE E DESCRIZIONE SINTETICA

Dettagli

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE ONLINE TOOL FOR SELF-EVALUATION OF KEY COMPETENCES IN ADULT AGE Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE L Aquila, 13th Marzo 2014 Laura VETTRAINO Reference:

Dettagli

L apprendimento permanente per realizzare un economia della conoscenza basata su coesione sociale e competitività

L apprendimento permanente per realizzare un economia della conoscenza basata su coesione sociale e competitività L apprendimento permanente per realizzare un economia della conoscenza basata su coesione sociale e competitività Tommaso Grimaldi EVTA General Secretary www.evta.eu The largest VET European community

Dettagli

Progetto Q4ECEC. 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching

Progetto Q4ECEC. 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching Progetto Q4ECEC 'Awareness-raising on Quality and Institutional Commitment in Early Childhood Education and Teaching Reference: 550472-LLP-1-2013-1-IT-KA1-KA1ECETA Progetto Q4ECEC 'Awareness-raising on

Dettagli

QuAss (Quality Assurance) (I/06/B/F/PP - 154214)

QuAss (Quality Assurance) (I/06/B/F/PP - 154214) Newsletter.4 QuAss (Quality Assurance) (I/06/B/F/PP - 154214) III Conferenza Transnazionale IV Workshop Norimberga (DE) Programma Leonardo da Vinci Condivisione della modellizzazione ipotizzata dal Conform

Dettagli

ORIENTAMENTO E APPRENDIMENTO LUNGO IL CORSO DELLA VITA Una sfida per la formazione superiore universitaria Roma: 24 ottobre 2012

ORIENTAMENTO E APPRENDIMENTO LUNGO IL CORSO DELLA VITA Una sfida per la formazione superiore universitaria Roma: 24 ottobre 2012 ORIENTAMENTO E APPRENDIMENTO LUNGO IL CORSO DELLA VITA Una sfida per la formazione superiore universitaria Roma: 24 ottobre 2012 Orientamento continuo e permanente : un modello d intervento per la gestione

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

LLP 2007-2013 - Leonardo da Vinci - DOI. Il Ruolo Sociale di TRIO Firenze, 2 Marzo 2012

LLP 2007-2013 - Leonardo da Vinci - DOI. Il Ruolo Sociale di TRIO Firenze, 2 Marzo 2012 LLP 2007-2013 - Leonardo da Vinci - DOI Il Ruolo Sociale di TRIO Firenze, 2 Marzo 2012 NewsJob Becoming Entrepreneurs! Developing New Skills for New Jobs Divenire imprenditori! Sviluppare nuove competenze

Dettagli

Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca

Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca Giornata di presentazione del Progetto: La Rete dei Referenti della Salute Organizzativa 10 luglio 2014 - Sala della Protomoteca A cura dell Ufficio Studi e Ricerca per l Innovazione e la Promozione della

Dettagli

Apprendimento Permanente, Leonardo da Vinci Trasferimento dell Innovazione.

Apprendimento Permanente, Leonardo da Vinci Trasferimento dell Innovazione. PROMETEUS NEWSLETTER 2 PROMETEUS PROmoting obility Expertise of Teachers of EU Students Gentile lettore, Benvenuto al secondo numero della newsletter di PROMETEUS, PROmoting Mobility Expertise of Teachers

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE A cura di MARIO PEZZILLO IACONO PROCEDURA DI SVOLGIMENTO DELL ELABORATO Scrivere la tesi rappresenta una delle prime occasioni nelle quali

Dettagli

European Conference on Information Literacy 2013. 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti

European Conference on Information Literacy 2013. 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti European Conference on Information Literacy 2013 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti Finalità ECIL 2013 ha voluto riunire ricercatori, professionisti dell informazione,

Dettagli

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Il tema della trasparenza e del riconoscimento delle competenze comunque e ovunque acquisite rappresenta

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

Il Sistema ECVET: gli elementi chiave

Il Sistema ECVET: gli elementi chiave Il Sistema ECVET: gli elementi chiave ECVET: key features Manuela Bonacci ISFOL Processi integrati Europass Qualità e Accreditamento ECTS ECVET EQF NQS Sistema dei crediti Validation Sistema Nazionale

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli

CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group)

CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group) CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group) Opportunità di finanziamento europee per la Ricerca e lo Sviluppo - The New EU Framework Programme for Research and Innovation- Horizon 2014-2020 and LIFE opportunities

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

Presentazione del Progetto COLOR COLOR Project Overview. Marta Santanicchia ISFOL

Presentazione del Progetto COLOR COLOR Project Overview. Marta Santanicchia ISFOL Presentazione del Progetto COLOR COLOR Project Overview Marta Santanicchia ISFOL CALL FOR PROPOSALS EACEA/08/2010 UNDER THE LIFELONG LEARNING PROGRAMME (LLP) - LEONARDO DA VINCI PROGRAMME Finanziamento

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

Widening the future Improving guidance intervention at school

Widening the future Improving guidance intervention at school Lifelong Learning Programme 2007 2013 Comenius Multilateral Projects Widening the future Improving guidance intervention at school PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Questo progetto è promosso, nell'ambito del

Dettagli

Studia con gli specialisti della leadership e del coaching

Studia con gli specialisti della leadership e del coaching Studia con gli specialisti della leadership e del coaching Che cosa è il Coaching? 2 Il coaching può essere definito come l arte di facilitare lo sviluppo, l apprendimento e la performance di un altra

Dettagli

RICERCA, GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

RICERCA, GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo RICERCA, GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

Dettagli

Riconoscere e valorizzare il capitale umano degli immigrati: l esperienza lombarda

Riconoscere e valorizzare il capitale umano degli immigrati: l esperienza lombarda Riconoscere e valorizzare il capitale umano degli immigrati: l esperienza lombarda Annavittoria Sarli Centro WWELL Università Cattolica di Milano annavittoria.sarli@unicatt.it Monza, 27 febbraio 2015 IMPOSTAZIONI

Dettagli

MAD 2 www.mad2.eu info@mad2.eu a project by tree srl 1

MAD 2 www.mad2.eu info@mad2.eu a project by tree srl 1 Il percorso formativo MAD 2 rappresenta un efficace risposta ai fabbisogni di formazione di specifiche figure professionali specializzate nella progettazione, sviluppo e design di applicazioni per smartphone

Dettagli

MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005

MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005 MS SQL SERVER 2005 - UPGRADING TO MICROSOFT SQL SERVER 2005 UN BUON MOTIVO PER [cod. E316] Lo scopo di questo corso non MOC è fornire ai database professionals che lavorano in realtà di tipo enterprise

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

Politiche per l orientamento permanente: lavori in corso

Politiche per l orientamento permanente: lavori in corso Politiche per l orientamento permanente: lavori in corso Sintesi delle attività 2009/2010 della Rete Europea per le Politiche di Orientamento Permanente Il presente documento costituisce una sintesi del

Dettagli

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva

LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva LEONARDO DA VINCI Formazione professionale Scheda riassuntiva Descrizione generale Il Programma Leonardo da Vinci si propone di collegare le politiche alle pratiche nel campo dell istruzione e formazione

Dettagli

Contenuti. Presentazione del partner ospitante 3. Argomenti trattati: Supporto emotivo e dei media durante l invecchiamento 4.

Contenuti. Presentazione del partner ospitante 3. Argomenti trattati: Supporto emotivo e dei media durante l invecchiamento 4. Newsletter del progetto Grundtvig Partenariati Numero 3 - Luglio 2013 Feeling Younger by Getting Older www.feeling-younger.eu Contenuti Presentazione del partner ospitante 3 Argomenti trattati: Supporto

Dettagli

I servizi della rete Enterprise Europe Network per l innovazione e lo sviluppo delle imprese piemontesi

I servizi della rete Enterprise Europe Network per l innovazione e lo sviluppo delle imprese piemontesi I servizi della rete Enterprise Europe Network per l innovazione e lo sviluppo delle imprese piemontesi Ing. Paolo Guazzotti Enterprise Europe Network Confindustria Piemonte Torino, 16 novembre 2015 STRUTTURA

Dettagli

L insegnamento delle lingue straniere in Italia. Gisella Langé. gisella.lange@istruzione.it

L insegnamento delle lingue straniere in Italia. Gisella Langé. gisella.lange@istruzione.it Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca L insegnamento delle lingue straniere in Italia Gisella Langé gisella.lange@istruzione.it Rome, 29 Novembre, 2012 1 Tre punti 1. Il contesto

Dettagli

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano

Education at a Glance 2010: OECD Indicators. Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE. Summary in Italian. Sintesi in italiano Education at a Glance 2010: OECD Indicators Summary in Italian Uno sguardo sull istruzione: indicatori OCSE Sintesi in italiano Nell area OCSE, i governi stanno cercando di rendere più efficace il sistema

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

Il progetto. T- T- Story Story NEWSLETTER

Il progetto. T- T- Story Story NEWSLETTER T- T- Story Story NEWSLETTER November June 2013 2013 Edition N. 1 Newsletter ufficiale del progetto europeo T-Story - Storytelling applicato all educazione, sostenuto dal programma Key Activity 3 Tecnologie

Dettagli

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 27 novembre 2009 GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Nino Cartabellotta GIMBEducation 1. Obiettivi

Dettagli

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO OFFICINA PITTINI PER LA FORMAZIONE PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO Il sistema europeo per il trasferimento dei crediti e la certificazione delle competenze European Qualification Framework (EQF) European

Dettagli

Destinazioni turistiche come network

Destinazioni turistiche come network 5 e 6 settembre 2013 La Salle, Aosta 26 novembre 2013 Aosta Destinazioni turistiche come network Tripodi C., Università della Valle d Aosta e SDA Bocconi Turci L., Università della Valle d Aosta e Oxford

Dettagli

Un Programma unico per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014 2020)

Un Programma unico per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014 2020) Un Programma unico per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014 2020) Fonte: Comunicazione Commissione europea al Parlamento, al Consiglio, al Comitato economico e sociale e al Comitato

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE BUSINESS COACHING PSYCHOLOGY

CORSO DI ALTA FORMAZIONE BUSINESS COACHING PSYCHOLOGY CORSO DI ALTA FORMAZIONE Anno Accademico 2014-2015 BUSINESS COACHING PSYCHOLOGY DIRETTORI: Prof.ssa Paula Benevene e Dott.ssa Silvana Dini COORDINAMENTO: Dott. Antonio Attianese REFERENTE ATTIvITà DIDATTIChE:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI, U.O. PROCESSI E STANDARD CARRIERE STUDENTI SERVIZIO POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI, U.O. PROCESSI E STANDARD CARRIERE STUDENTI SERVIZIO POST-LAUREAM CORSO DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN RIPENSARE L ORIENTAMENTO A.A. 2012/13 ANAGRAFICA DEL CORSO - A CFU 20 Lingua Italiano Percentuale di frequenza obbligatoria: 70% del monte ore

Dettagli

riferimenti di contesto L esperienza ISFOL per l accreditamento dei servizi di di orientamento

riferimenti di contesto L esperienza ISFOL per l accreditamento dei servizi di di orientamento Progetto EAS European Accreditation Scheme for Career Guidance Practicioners Seminario di Studio Torino, 25 settembre 2008 L esperienza ISFOL per l accreditamento dei servizi di di orientamento Roberta

Dettagli

COACH BOT Modular e-course with virtual coach tool support

COACH BOT Modular e-course with virtual coach tool support Modular e-course with virtual coach tool support PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE LEONARDO da VINCI Coordinato da FOR.COM CORSO PER PROFESSIONISTI DELL'ASSISTENZA SANITARIA DOMICILIARE PROGETTO "COACH

Dettagli

Seminar mit Präsentation der Projektergebnisse. Seminario di presentazione dei risultati del progetto

Seminar mit Präsentation der Projektergebnisse. Seminario di presentazione dei risultati del progetto Studio comparato a livello internazionale sui metodi e gli strumenti adottati nella valutazione del sistema della formazione continua Vergleichende Studie auf internationaler Ebene über die zur Bewertung

Dettagli

Strategia macro-regionale EUSALP

Strategia macro-regionale EUSALP Strategia macro-regionale EUSALP Roberta Negriolli Regione Lombardia 11 maggio 2015 Regione Emilia-Romagna Sala 20 Maggio 2012 Viale della Fiera 8, Bologna INDICE 1. Cos è una Strategia Macroregionale

Dettagli

Torno Subito Estero TSE- Diversity management, Gender Equality and Social Innovation

Torno Subito Estero TSE- Diversity management, Gender Equality and Social Innovation Torno Subito Estero TSE- Diversity management, Gender Equality and Social Innovation Percorso formativo/internship Il percorso formativo/ internship in Diversity Management, Gender Equality and Social

Dettagli

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan

Progetto per un paesaggio sostenibile. Design of a Sustainable Landscape Plan Progetto per un paesaggio sostenibile dal parco Roncajette ad Agripolis Design of a Sustainable Landscape Plan from the Roncajette park to Agripolis Comune di Padova Zona Industriale Padova Harvard Design

Dettagli

Il colloquio individuale di carattere psicologico al servizio dello sviluppo personale e professionale

Il colloquio individuale di carattere psicologico al servizio dello sviluppo personale e professionale Il colloquio individuale di carattere psicologico al servizio dello sviluppo personale e professionale Come progettare e condurre un piano di sviluppo attraverso il modello delle competenze ed il colloquio

Dettagli

La programmazione Europea 2014-2020

La programmazione Europea 2014-2020 La programmazione Europea 2014-2020 Mariachiara Esposito Funzionario Servizi Direzionali - Ufficio di collegamento Regione Toscana con le istituzioni comunitarie a Bruxelles I programmi europei 2014-2020

Dettagli

Partecipazione ai progetti di ricerca annuali finanziati con Fondi di Ricerca di Ateneo, responsabile scientifico Prof. Riccardo Resciniti

Partecipazione ai progetti di ricerca annuali finanziati con Fondi di Ricerca di Ateneo, responsabile scientifico Prof. Riccardo Resciniti CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome: DONATELLA FORTUNA Indirizzo: via Avellino n. 18, 82100, Benevento Telefono: 3491450428 Email: donatella.fortuna@unisannio.it Data di nascita: 29/07/1976 Luogo

Dettagli

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE?

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Padova, 6 Giugno 2014 Con il patrocinio della Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO,

Dettagli

il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro

il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro Provincia di Pesaro e Urbino PIA2 il Project Management come strumento di sviluppo della qualità nella formazione/istruzione professionale, in riferimento al mondo del lavoro Curriculum di base Project

Dettagli

Il ruolo di etwinning in Erasmus +

Il ruolo di etwinning in Erasmus + Il ruolo di etwinning in Erasmus + Lorenzo Mentuccia Unità nazionale etwinning Agenzia LLP/INDIRE Livorno, 11/11/2013 www.etwinning.net www.etwinning.it La comunità delle scuole europee Erasmus+: 3 Azioni

Dettagli

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari

Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari 1 Job Progetto FIxO Scuola e Università 2012 2013 Partecipazione di Unife alla procedura di Italia Lavoro di Sperimentazione di Standard di qualità dei Servizi di placement universitari Nota informativa

Dettagli

Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo

Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo esperienze / riflessioni Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo Giuliano Vivanet a a Università di Cagliari, giuliano.vivanet@unica.it Abstract Con l obiettivo

Dettagli

La valutazione per l apprendimento e per gli alunni disabili

La valutazione per l apprendimento e per gli alunni disabili LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT La valutazione per l apprendimento e per gli alunni disabili Questo documento intende proporre una sintesi dei temi emersi nei dibattiti del progetto dell Agenzia

Dettagli

PROGRAMMA DEL MASTER IL COUNSELLING NELLA RELAZIONE D AIUTO

PROGRAMMA DEL MASTER IL COUNSELLING NELLA RELAZIONE D AIUTO PROGRAMMA DEL MASTER IL COUNSELLING NELLA RELAZIONE D AIUTO Direzione Dott. Giancarlo Santoni Via degli Etruschi 5/A - 00185 Roma. Tel 06 44 659 77 Fax 06 233 242 157 www.sipea.eu 1 Lo scopo del counseling

Dettagli

BAREFOOT - Building an Adult Resourced Environment for Online Outreach Training, Leonardo da Vinci - Transfer of Innovation

BAREFOOT - Building an Adult Resourced Environment for Online Outreach Training, Leonardo da Vinci - Transfer of Innovation BAREFOOT - Building an Adult Resourced Environment for Online Outreach Training, Leonardo da Vinci - Transfer of Innovation UK/11/LLP-LdV/TOI-415 BAREFOOT trainer- WP 2 Research Analisi comparativa della

Dettagli

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa

ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa ASSICURA CONVEGNO SOLVENCY II L esperienza di una media impresa Laura Blasiol Servizio Risk Management Milano, 30 giugno 2010 1 Agenda Solvency II: A challenge and an opportunity 2 Milestones 22/04/2009:

Dettagli

L Ufficio progettazione del CEFPAS. Dott.ssa Roberta M.C. Arnone Dott.ssa Gabriella Romano Dott. Carmelo Amico Dott. Fabio Placido Sole

L Ufficio progettazione del CEFPAS. Dott.ssa Roberta M.C. Arnone Dott.ssa Gabriella Romano Dott. Carmelo Amico Dott. Fabio Placido Sole L Ufficio progettazione del CEFPAS Dott.ssa Roberta M.C. Arnone Dott.ssa Gabriella Romano Dott. Carmelo Amico Dott. Fabio Placido Sole Il CEFPAS Caratteristiche del Cefpas Azienda pubblica regionale istituita

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Scienze della Formazione e dell educazione Insegnamento: Laboratorio di informatica applicata alla didattica Docente Prof. Limone Pierpaolo

Dettagli

I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE NEL TURISMO a cura Dipartimento Istruzione

I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE NEL TURISMO a cura Dipartimento Istruzione I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE NEL TURISMO a cura Dipartimento Istruzione Con riferimento al sistema di istruzione e formazione professionale relativi al settore turistico l attuale

Dettagli

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA -

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA - N o r m e r e d a z i o n a l i p e r l a s t e s u r a d e l l a t e s i d i l a u r e a l i n e e d i m a s s i m a A m b i t o d i P s i c o l o g i a NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI

Dettagli

MASTER EUROPEO DI SPECIALIZZAZIONE IN EUROPROGETTAZIONE

MASTER EUROPEO DI SPECIALIZZAZIONE IN EUROPROGETTAZIONE A E ATELIER EUROPEO in collaborazione con MASTER EUROPEO DI SPECIALIZZAZIONE IN EUROPROGETTAZIONE Atelier Europeo, in collaborazione con la Fondazione Politecnico di Milano, allo scopo di incrementare

Dettagli

Questionario sull utilizzo delle Competenze Europee in Dietetica e sui loro indicatori di performance (EDC*)

Questionario sull utilizzo delle Competenze Europee in Dietetica e sui loro indicatori di performance (EDC*) Questionario sull utilizzo delle Competenze Europee in Dietetica e sui loro indicatori di performance (EDC*) Il questionario è composto da 12 domande e si pone gli obiettivi di: raccogliere dati sull implementazione

Dettagli

MASTER EUROPEO DI SPECIALIZZAZIONE IN EUROPROGETTAZIONE

MASTER EUROPEO DI SPECIALIZZAZIONE IN EUROPROGETTAZIONE A E ATELIER EUROPEO in collaborazione con MASTER EUROPEO DI SPECIALIZZAZIONE IN EUROPROGETTAZIONE con il patrocinio di Comune di Brescia Atelier Europeo, in collaborazione con la Fondazione Politecnico

Dettagli

Conferenza dei ministri dell istruzione superiore Londra, 17-18 maggio 2007

Conferenza dei ministri dell istruzione superiore Londra, 17-18 maggio 2007 Conferenza dei ministri dell istruzione superiore Londra, 17-18 maggio 2007 Comunicato di Londra Verso lo Spazio europeo dell istruzione superiore: rispondere alle sfide di un mondo globalizzato 1. Introduzione

Dettagli

L integrazione del Progetto ESTABLISH nel contesto della Scuola italiana

L integrazione del Progetto ESTABLISH nel contesto della Scuola italiana SEZIONE 6: FISICA GENERALE, DIDATTICA E STORIA DELLA FISICA TAVOLA ROTONDA: La ricerca didattica italiana nei Progetti Europei L integrazione del Progetto ESTABLISH nel contesto della Scuola italiana Claudio

Dettagli

Action Learning: una metodologia didattica basata sull esperienza di Roberto Orazi 1 Università degli Studi di Perugia, roberto.orazi@unipg.

Action Learning: una metodologia didattica basata sull esperienza di Roberto Orazi 1 Università degli Studi di Perugia, roberto.orazi@unipg. 1 ISSN: 2038-3282 Pubblicato il: 09 Aprile 2014 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da

Dettagli

I mobilità: Livorno 22-24 Aprile 2013 22 APRILE 2013

I mobilità: Livorno 22-24 Aprile 2013 22 APRILE 2013 Progetto PER MARE, AZIONI INNOVATIVE PER ORIENTARE AI MESTIERI DEL MARE - Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Programma «Aldilà del Mare» I mobilità: Livorno 22-24

Dettagli

Elisa Lavagnino Gabriele Giampieri TIA FORMAZIONE INTERNAZIONALE

Elisa Lavagnino Gabriele Giampieri TIA FORMAZIONE INTERNAZIONALE Elisa Lavagnino Gabriele Giampieri TIA FORMAZIONE INTERNAZIONALE DI COSA PARLEREMO? ERASMUS PLUS Il passaggio dalla vecchia programmazione ad Erasmus Plus I Paesi Eligibili Gli obiettivi generali del bando

Dettagli

PORTALE DEI SERVIZI Orientamento, Bilancio Competenze, Career Counseling

PORTALE DEI SERVIZI Orientamento, Bilancio Competenze, Career Counseling SOCIETÀ ITALIANA GESTALT Scuola attiva da 38 anni, Ente Morale accreditato MIUR, ECM, C.N.C.P. e C.S.N.P. PORTALE DEI SERVIZI Orientamento, Bilancio Competenze, Career Counseling Fondazione Italiana Gestalt

Dettagli

D 6 Guida alle attività di training sul tema del mobility management nelle aree residenziali

D 6 Guida alle attività di training sul tema del mobility management nelle aree residenziali ADD HOME D 6 Guida alle attività di training sul tema del mobility management nelle aree residenziali MOBILITY MANAGEMENT PER LE AREE RESIDENZIALI DALLA DIPENDENZA DALL AUTO A UNA SCELTA LIBERA Supported

Dettagli

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001

LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 LearnIT project PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 Caro Lettore, Siamo lieti di presentare il sesto numero della newsletter LearnIT. In questo numero spiegheremmo lo sviluppo del i corsi LearnIT, la selezione dei

Dettagli

L attività di ricerca nel triennio 2011-2014 si è articolata nei seguenti filoni:

L attività di ricerca nel triennio 2011-2014 si è articolata nei seguenti filoni: Relazioni triennali - Prima sessione 2014 Relazioni triennali - Prima sessione 2014 Data Chiusura 16/05/2014 Cognome Nome Qualifica Dipartimento Ha usufruito di un periodo di congedo per motivi di studio

Dettagli

Gli standard UNICEF Amici dell allattamento nella formazione universitaria Margherita Locatelli - Ostetrica Tutor IBCLC, Corso di Laurea in

Gli standard UNICEF Amici dell allattamento nella formazione universitaria Margherita Locatelli - Ostetrica Tutor IBCLC, Corso di Laurea in Gli standard UNICEF Amici dell allattamento nella formazione universitaria Margherita Locatelli - Ostetrica Tutor IBCLC, Corso di Laurea in Ostetricia Amico dell Allattamento Materno Dichiarazione di conflitto

Dettagli

La Ricerca. Principali iniziative. 2007 Sviluppo turistico e territori lenti. progetto di ricerca volto a rilevare nel territorio regio-

La Ricerca. Principali iniziative. 2007 Sviluppo turistico e territori lenti. progetto di ricerca volto a rilevare nel territorio regio- La Ricerca Principali iniziative 2011 Her.cul.es Strengthening the Attactiveness of European Higher Education in Heritage and Cultural Tourism, progetto Erasmus Mundus, Azione 3. Scopo: incoraggiare l

Dettagli

E.3 Networking AZIONE IN PROGRESS. Inizio previsto: I trimestre 2014 Inizio effettivo: agosto 2012

E.3 Networking AZIONE IN PROGRESS. Inizio previsto: I trimestre 2014 Inizio effettivo: agosto 2012 E.3 Networking Inizio previsto: I trimestre 2014 Inizio effettivo: agosto 2012 Data di conclusione prevista: IV trimestre 2014 Creare un network tematico Attivare scambi con progetti analoghi Data di conclusione

Dettagli

CONGRESSO SIF 2013. This project has received funding from the European Union s Seventh Framework Programme for Research and Development

CONGRESSO SIF 2013. This project has received funding from the European Union s Seventh Framework Programme for Research and Development La ricerca didattica italiana nei progetti europei: Il progetto SECURE: la ricerca sul curriculum scientifico stabilito, agito e percepito. Stefano Vercellati Dipartimento di Chimica Fisica e Ambiente

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

Politecnico di Torino. PRAISE & CABLE projects interaction

Politecnico di Torino. PRAISE & CABLE projects interaction PRAISE & CABLE projects interaction The projects PRAISE: Peer Review Network Applying Intelligence to Social Work Education Socrates-MINERVA project October 2003 - September 2005 (24 months) CABLE: Case-Based

Dettagli

IL PROGETTO CEBBIS. Central Europe Branch Based Innovation Support. Confindustria Udine, 27 febbraio 2013. www.cebbis.eu

IL PROGETTO CEBBIS. Central Europe Branch Based Innovation Support. Confindustria Udine, 27 febbraio 2013. www.cebbis.eu IL PROGETTO CEBBIS Central Europe Branch Based Innovation Support Confindustria Udine, 27 febbraio 2013 The CEBBIS project is implemented through the Central Europe Programme co-financed by the ERDF Il

Dettagli

Il sistema duale tedesco

Il sistema duale tedesco Il sistema duale tedesco Caracteristiche principali Sara-Julia Blöchle Istituto Federale per la Formazione Professionale Bundesinstitut für Berufsbildung (BIBB) BIBB: Objective and Target Group The BIBB

Dettagli

DIAGNOSI ENERGETICA. Quadro normativo. Carmen Lavinia Unità Tecnica Efficienza Energetica Servizio Efficienza Energetica Attività Produttive

DIAGNOSI ENERGETICA. Quadro normativo. Carmen Lavinia Unità Tecnica Efficienza Energetica Servizio Efficienza Energetica Attività Produttive DIAGNOSI ENERGETICA Carmen Lavinia Unità Tecnica Efficienza Energetica Servizio Efficienza Energetica Attività Produttive Quadro normativo ENEA sede, 17 giugno 2015 Sommario Direttiva 2012/27/UE Dlgs 102/2014

Dettagli

Team Editoriale. Editore Capo: Giuseppe Porcaro Autore: James Higgins Editore: Thomas Sprag Traduzione: Giovanni Corbo

Team Editoriale. Editore Capo: Giuseppe Porcaro Autore: James Higgins Editore: Thomas Sprag Traduzione: Giovanni Corbo 3 Team Editoriale Editore Capo: Giuseppe Porcaro Autore: James Higgins Editore: Thomas Sprag Traduzione: Giovanni Corbo European Youth Forum 120, rue Joseph II 1000, Brussels Belgium Forum Nazionale dei

Dettagli

ASSOCIAZIONE INFORMATICI PROFESSIONISTI

ASSOCIAZIONE INFORMATICI PROFESSIONISTI ASSOCIAZIONE INFORMATICI PROFESSIONISTI professioni non organizzate in ordini o collegi finalmente qualcosa si è fatto! 2 leggi 1 norma tecnica L. n. 4, 14 gennaio 2013 «Disposizioni in materia di professioni

Dettagli

L implementazione nel sistema Italia delle specifiche tecniche di ECVET

L implementazione nel sistema Italia delle specifiche tecniche di ECVET L implementazione nel sistema Italia delle specifiche tecniche di Luogo Presentazione: Vicenza Autore: Data: giovedì 12 giugno 2014 ESCO PROCESSI INTEGRATI Europass NQS ECTS Sistema dei crediti HE EQF

Dettagli

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati High Impact Programs 1 Chi siamo Performance Technology Solutions (PTS) è una società di consulenza organizzativa e formazione manageriale Il nostro nome deriva dalla metodologia di origine statunitense

Dettagli

Il programma ERASMUS PLUS

Il programma ERASMUS PLUS Il programma ERASMUS PLUS Nel Gennaio 2014 avrà inizio Erasmus +, il nuovo programma europeo per l'educazione, la formazione, i giovani e lo sport per gli anni 2014-2020. Il programma è stato adottato

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 9 maggio 2015 INFORMAZIONI PERSONALI GIRELLI PAOLA Via case sparse 1/3-26040 Gerre de caprioli - Cremona 388/9415292 Paolag1970@virgilio.it

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

Formazione e-learning: uno stato dell Arte

Formazione e-learning: uno stato dell Arte Highlight Formazione e-learning: uno stato dell arte 189 Formazione e-learning: uno stato dell Arte Laura Nespeca L odierna evoluzione dei processi formativi indica una tendenza all individuazione e al

Dettagli

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target Obiettivo tematico 10 Istruzione e Formazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni Interventi di sostegno agli studenti caratterizzati da particolari fragilità (azioni di tutoring e mentoring, attività

Dettagli

D4.1 Curriculum iniziale per i digital curators

D4.1 Curriculum iniziale per i digital curators D4.1 Curriculum iniziale per i digital curators Autori: Laura Molloy (HATII) Leo Konstantelos (HATII) Ann Gow (HATII) David Wilson (HATII) Seamus Ross (ischool, utoronto) Nathan Moles (ischool, utoronto)

Dettagli

Cambiare vita, aprire la mente ERASMUS+ 2014-2020: LA MOBILITÀ TRANSNAZIONALE PER L'APPRENDIMENTO AMBITO IFP. Agenzia Erasmus+ ISFOL

Cambiare vita, aprire la mente ERASMUS+ 2014-2020: LA MOBILITÀ TRANSNAZIONALE PER L'APPRENDIMENTO AMBITO IFP. Agenzia Erasmus+ ISFOL Cambiare vita, aprire la mente ERASMUS+ 2014-2020: LA MOBILITÀ TRANSNAZIONALE PER L'APPRENDIMENTO AMBITO IFP Livorno, 16 maggio 2014 Relatore: Laura Borlone Agenzia Erasmus+ ISFOL TOSCANA Progetti di mobilità

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

Torno Subito Italia TSI- Food innovation: cultura del cibo e del vino per la valorizzazione e la promozione delle risorse enogastronomiche

Torno Subito Italia TSI- Food innovation: cultura del cibo e del vino per la valorizzazione e la promozione delle risorse enogastronomiche Torno Subito Italia TSI- Food innovation: cultura del cibo e del vino per la valorizzazione e la promozione delle risorse enogastronomiche Il percorso Italia-TSI Obiettivi e Finalità Struttura didattica

Dettagli