FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO"

Transcript

1 FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO Introduzione. Nel contesto lavorativo in cui mi trovo ad operare, mi sto riferendo ad un centro di rieducazione motoria, mi sono confrontata con le altre figure professionali presenti, prima fra tutte quella del fisioterapista. Sebbene con una presenza minore rispetto al chinesiologo, anche il fisioterapista lavora in molti centri privati nonostante le sue principali destinazioni siano i Centri sanitari pubblici. Di conseguenza, noi come chinesiologi o esperti del movimento, con questa figura ci dobbiamo scontrare. Uso il termine scontrare, in quanto mi sono resa conto di come non sia semplice il rapporto esistente tra il fisioterapista e il chinesiologo che si trovano spesso ad operare in quelle che possiamo definire aree di intervento sovrapponibili. Se poi ci guardiamo attorno, se ascoltiamo quello che la maggior parte delle persone ci riporta, ci accorgiamo di quanta confusione ci sia oggi riguardo la conoscenza di chi è il fisioterapista e di chi è il chinesiologo. La mancanza di conoscenze, fa sì chi le persone spesso si rivolgano a qualcuno che in realtà non risponde alle richieste e alle esigenze reali presenti. Non si può pensare comunque che la colpa sia solamente dell ignoranza della gente, in quanto le leggi e le regolamentazioni oggi esistenti non sono assolutamente sufficienti a chiarire quali siano realmente le posizioni e gli ambiti di intervento della figura del chinesiologo e del fisioterapista. Col desiderio di far luce su quello che per me fino a non molto tempo fa era ancora non chiaro; volendo dare delle conoscenze indispensabili a coloro che vogliano rivolgersi al chinesiologo o al fisioterapista cercherò di analizzare quali sono i percorsi formativi di ognuno e tenterò di evidenziare le specificità di uno e dell altro per poi valutare in quali ambiti essi agiscono. Facendo un ulteriore passo avanti mi sento di poter infine proporre anche una eventuale possibile collaborazione tra le due figure. Una buona collaborazione, garantisce sempre un ottimo servizio alla persona e offre a chi opera la possibilità di confrontarsi sempre in un lavoro costruttivo. Ho detto come il mio scopo sia quello di chiarire chi sono fisioterapista e chinesiologo: cosa li accomuna e cosa li distingue, analizzando quali competenze hanno, riportando il come si propongono e in quali ambiti. 1

2 Per comodità parlerò di chinesiologo/esperto in scienze motorie per considerare le diverse figure del diplomato Isef e del laureato in Scienze Motorie 1 e nominerò il fisioterapista o terapista della riabilitazione considerando anche il terapista occupazionale e il terapista della psicomotricità. Per meglio orientarci, è necessario innanzitutto definire chi è il fisioterapista e chi è il chinesiologo sotto l aspetto legislativo. Importante è comunque anche fare il paragone tra i diversi percorsi formativi, quelli del diplomato ISEF, del laureato in Scienze Motorie e del fisioterapista, per capire quale sia la reale preparazione di base che indirizza alla specifica professione. Solo dopo questo mi sento di poter mettere a confronto le diverse figure anche nell ambito lavorativo, in specifico nel settore dell attività motoria, per così vederle all opera nel cosiddetto mondo del lavoro. Questo anche sulla base di conclusioni derivanti da lavori da me svolti in palestra ai quali ho partecipato attivamente. Analizzando come abbiamo detto fisioterapista e chinesiologo sotto l aspetto legislativo ci rendiamo conto di come esista una differenza sostanziale per ciò che concerne la regolamentazione esistente riguardo queste due figure: per il primo, cioè riferendomi al fisioterapista, nomino il Decreto Legislativo del dicembre che inquadra la figura e definisce i suoi ambiti di intervento, mentre per il secondo, e mi riferisco al chinesiologo, cito due progetti di legge riferibili all anno Sebbene questi ultimi siano esaurienti nel loro contenuto, sono ancora progetti, con la conseguenza che la situazione non è al momento ben definita. Il Decreto Legislativo di cui sopra riporta tutto ciò che riguarda, che caratterizza la figura del fisioterapista. In esso si parla di patologia, di attività terapeutica, di terapie (terapie fisiche, manuali, massoterapiche, occupazionali), di protesi, di ausili, di disabile e di disabilità, di prevenzione e di cura; ancora molto importante, viene nominata la riabilitazione e perciò l esercizio per il recupero funzionale, nell ambito della motricità. Ancora si può rilevare come il fisioterapista operi autonomamente o in collaborazione, in strutture sanitarie pubbliche o private, rientrando nella categoria delle figure professionali sanitarie. 4 1 Equiparati titoli ISEF e Scienze Motorie con la Legge 18 giugno 2002 n Rif. Art. 1 del Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n 502 e successive modifiche ed integrazioni. 3 Rif. Progetto di Legge n 2588 del 27 marzo 2002 e n 3064 del 24 luglio Rif. Decreto del Ministero della Salute del 29 marzo 2001 e Leggi n 42 del 26 febbraio 1999 e n 251 del 10 agosto 2000 che descrivono i profili professionali delle figure sanitarie. 2

3 Facendo invece riferimento ai progetti di legge riguardanti la posizione del chinesiologo possiamo già individuare come dominino in questo caso i concetti di educazione e di formazione. Il chinesiologo si occupa di prevenzione, si impegna nel proporre attività motoria allo scopo di salvaguardare e migliorare lo stato psico-fisico del soggetto. Interviene sulle disabilità, si occupa di rieducazione, consiglia, propone, insegna come applicare il movimento, anche nel campo dell attività motoria compensativa e riabilitativa. Il tutto nell ambito di interventi individuali o collettivi, agendo autonomamente o in collaborazione e inseriti in organismi scolastici, socio-sanitari, sportivi, del tempo libero e ricreativi. Tornado invece,ai percorsi formativi ci rendiamo conto di come i piani di studio di ognuno vadano ad identificare le due figure. Infatti si legge chiaramente nella presentazione del piano di studio che il corso di laurea in Scienze delle Attività Motorie 5 ha l obiettivo di fornire le competenze relative alla comprensione, alla progettazione, alla conduzione, alla gestione di attività motorie a carattere educativo, adattativo, ludico o sportivo, finalizzandole allo sviluppo, al mantenimento e al recupero delle capacità motorie e del benessere psico-fisico ad esse correlato, con attenzione alle rilevanti specificità di genere. Per quel che riguarda il fisioterapista invece risulta chiaro come il corso di laurea abbia l obiettivo di formare un operatore sanitario e precisamente il fisioterapista svolge in via autonoma o in collaborazione con altre figure sanitarie e non, gli interventi di prevenzione, cura e riabilitazione nelle aree della motricità, delle funzioni corticali superiori e di quelle viscerali conseguenti a eventi patologici, a varia eziologia, congenita o acquisita. Riferendoci a ciò che ho riportato, potremmo affermare come il tutto sia molto chiaro e ben definito. Riassumendo infatti, vediamo che: - il fisioterapista riabilita; agisce su base medica; utilizza tecniche terapeutiche (anche strumentali e manuali) specifiche per ogni patologia; agisce principalmente sul punto del dolore ; si occupa del trattamento di mantenimento e del recupero fisico, riabilitando il disabile nell ambito della motricità, delle funzioni corticali superiori e viscerali, e in ambito psichico, conseguenti a eventi patologici. 5 Rif. Legge Istitutiva della Laurea in Scienze Motorie D.L. 8 maggio 1998 n 178 (punto 7, art2). 3

4 - il chinesiologo educa e rieduca; agisce su base medico-pedagogica 6 ; propone ginnastica adattata al soggetto anche disabile; agisce in modo globale sulla persona; si occupa di prevenzione, di intervento di mantenimento e di riattivazione funzionale per il recupero fisico in ambito motorio, psicologico, della socializzazione, dello sport; lavora per l ottenimento della salute e del benessere del soggetto (ciò include anche il mantenimento della capacità residua rimasta e alleviare le sofferenze che può dare la patologia). Nella realtà però non è tutto così semplice e chiaro: la carenza di leggi vigenti, è causa di molta confusione. Per rendere l idea di quel che sta succedendo possiamo subito parlare di abusivismo e cioè di coloro che, senza titolo, praticano metodiche che non necessariamente identificano una professione ovvero un profilo professionale. Chi vive in prima persona questa situazione difficile è colui che si muove per lavoro nel settore dell attività motoria e della riabilitazione ma la percepisce anche chi, per necessità, ha modo di avvicinarsi a tale realtà. E proprio a causa di carenze legislative che è purtroppo presente e diffuso da troppo tempo il fenomeno dell abusivismo. Se ne parla molto dell abusivismo effettivamente presente nel settore della riabilitazione e di conseguenza nei confronti della figura del fisioterapista; un po meno se ne parla di ciò che riguarda l abusivismo nell attività motoria e riguardo la figura dell educatore fisico. E necessario, anzi direi indispensabile, che vengano finalmente definite rigide regolamentazioni che blocchino il fenomeno e che garantiscano l intervento sul campo, in ogni settore, di persone realmente competenti. Tornando a ciò di cui sopra, volendo cioè rilevare ciò che differenzia fisioterapista e chinesiologo, possiamo subito mettere a confronto come sia rilevante per il primo lo studio dell ambito medico-curativo, delle scienze fisioterapiche e chirurgiche mentre per il secondo è rilevante il concetto di educazione e di studio delle scienze del movimento. Di conseguenza il fisioterapista si occupa prevalentemente (di solito in rapporto 1:1 e meno frequentemente in lavoro di gruppo) di riabilitazione funzionale per ciò che riguarda problemi osteoarticolari, posturali, neurologici, respiratori, viscerali. 6 Anche se inferiore rispetto al fisioterapista, la preparazione medica è comunque valida. Vediamo per esempio come il chinesiologo sia preparato riguardo l anatomia, la fisiologia e la traumatologia in ambito sportivo, la lettura di radiografie o come sappia rispondere con adeguato intervento a una lombalgia o cervicalgia. 4

5 Il chinesiologo invece si occupa prevalentemente (di solito in lavoro di gruppo ma anche in rapporto 1:1) di attività motoria con l uso o non di attrezzi, di preparazione di programmi di lavoro per migliorare resistenza, tono muscolare, forza, di ginnastica correttiva, o preventiva e adattata, e di chinesiologia riabilitativa. Voglio evidenziare l importanza di fare attività motoria sotto la guida di persone qualificate: come ho detto precedentemente di attività motoria se ne occupa il chinesiologo come pure il fisioterapista; dal lavoro di osservazione da me svolto in diversi contesti lavorativi, troviamo testimonianza di ciò. Innanzitutto, la cosa più importante che ho rilevato è come, per quel che riguarda il primo, si possa parlare di prevalere dell aspetto educativo/sportivo mentre, per quel che riguarda il secondo, di prevalere dell aspetto tecnico. Nel caso del fisioterapista troviamo nella formazione e nel tipo di lavoro svolto, una serie di tecniche e metodi che vengono sempre scrupolosamente applicati; possiamo anche parlare di applicazione di protocolli specifici per ogni patologia. Il fisioterapista ha la facoltà di intervenire sulla patologia con la terapia. L ambito patologico terapeutico ci porta al contesto sanitario nel quale il chinesiologo invece viene escluso. A mio parere, il pericolo in questo contesto è di agire con estrema precisione ma con poca elasticità in quanto la regola è seguire degli iter, dei procedimenti precisi per ogni soggetto. Al contrario l aspetto educativo che caratterizza la formazione e l operato del chinesiologo, garantisce sempre maggiore elasticità nell esecuzione. Il chinesiologo applica tecniche e metodi, riuscendo anche a spaziare mentalmente e praticamente. Possiamo dire con certezza che il fisioterapista riabilita tramite tecniche e metodi terapeutici specifici per le diverse patologie mentre il chinesiologo, attraverso l insegnamento del movimento, educa e rieduca tramite diverse proprie conoscenze. Anche se esistono tali differenze che vanno appunto a caratterizzare le figure, a livello pratico, si possono riscontrare delle similitudini o uguaglianze che possiamo definire anche aree di intervento sovrapponibili. Non è facile riuscire a stabilire un confine che vada a definire chiaramente i compiti specifici del fisioterapista e del chinesiologo. In passato, per distinguere i margini d azione delle due figure, ci si basava molto sulla differenza tra riabilitare e rieducare. Oggi questo lo si fa meno. Oggi io credo sia invece importante riuscire a definire le specificità di ognuno, rilevare quali sono le reali aree di intervento che si sovrappongono e da queste partire col pensare a una buona collaborazione. 5

6 Vorrei proporre una eventuale possibile collaborazione tra fisioterapista e chinesiologo. Mi sento di affermare con sicurezza che ciò sarebbe cosa valida, in quanto la collaborazione è importante per raggiungere un obiettivo rilevante quale è migliorare i rapporti tra le due figure e, di conseguenza, ottenere, garantire un migliore servizio alla persona che necessita, nel nostro caso di fare attività motoria. Ho ipotizzato due tipi di collaborazione, attuabili in diversi contesti,che potrebbero essere così schematizzati: nel primo caso vediamo in primo piano il soggetto che necessita del servizio e di seguito l intervento del medico specialista, del fisioterapista e del chinesiologo: possiamo parlare in questo caso di collaborazione indiretta in quanto non vi è un lavoro in parallelo tra fisioterapista e chinesiologo ma esiste un passaggio di consegne sequenziale, cioè dove termina uno, inizia l altro. Nel secondo caso vediamo in primo piano il soggetto che necessita del servizio e di seguito l intervento del medico specialista, del fisioterapista e del chinesiologo insieme: in questo secondo caso quindi la collaborazione nasce dal fatto che comunque non vi è una linea netta che separa le due figure professionali, nell interesse dell individuo. Il tutto non esclude comunque la presenza di altre figure professionali importanti, quali sono per esempio psicologo, insegnante, logopedista, i quali con la loro consulenza partecipano anch essi ad un intervento di tipo globale. Conclusione. Vorrei concludere affermando Fisioterapista e chinesiologo a confronto. Perché a confronto : per rilevare ciò che va a distinguere le due figure, ciò che le accomuna e che le fa contrastare o avvicinare; per riuscire a definire quali siano gli ambiti di intervento dell uno e dell altro e per vedere in quali contesti operano. Il tutto allo scopo, di rispondere alla necessità di far luce su quello che per molti non è ancora chiaro, di arrivare a dare delle conoscenze indispensabili a coloro che chiedono un servizio al chinesiologo o al fisioterapista, e infine proporre un obiettivo finale che è quello di poter ipotizzare un realizzabile rapporto di collaborazione tra fisioterapista e chinesiologo per arrivare finalmente a poter parlare di riabilitazione globale. Verona, 03 ottobre 2004 Elisabetta Musacchi 6

IL RUOLO DEL LAUREATO IN SCIENZE MOTORIE

IL RUOLO DEL LAUREATO IN SCIENZE MOTORIE IL RUOLO DEL LAUREATO IN SCIENZE MOTORIE In molti laureati in scienze motorie o diplomati ISEF, all atto della promulgazione della legge 27/06 di conversione del decreto 5 dicembre 2005 n.250, hanno salutato

Dettagli

Magnifico Rettore UNIBO. "Scuola di Medicina e Chirurgia" Studenti Il corso di Laurea in Fisioterapia UNIBO Anno Accademico 2014/15

Magnifico Rettore UNIBO. Scuola di Medicina e Chirurgia Studenti Il corso di Laurea in Fisioterapia UNIBO Anno Accademico 2014/15 Magnifico Rettore UNIBO Prof. Ivano Dionigi "Scuola di Medicina e Chirurgia" Presidente Prof. Luigi Bolondi Coordinatore del Corso Prof. Paolo Pillastrini Studenti Il corso di Laurea in Fisioterapia UNIBO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato ABRIGNANI. Disciplina delle professioni relative alle attività motorie

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato ABRIGNANI. Disciplina delle professioni relative alle attività motorie Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2914 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ABRIGNANI Disciplina delle professioni relative alle attività motorie Presentata il 25 febbraio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NOCERA, FRONZUTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NOCERA, FRONZUTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3396 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NOCERA, FRONZUTI Ordinamento della professione di fisioterapista e istituzione dell albo

Dettagli

IL FISIOTERAPISTA È L OPERATORE SANITARIO CHE:

IL FISIOTERAPISTA È L OPERATORE SANITARIO CHE: Per informazioni POLO FORMATIVO AUSL DI IMOLA Piazzale Giovanni dalle Bande Nere, 4006 - Imola (BO) Telefono 054/604440; 340/6800594 o.valentini@ausl.imola.bo.it www.ausl.imola.bo.it www.medicina.unibo.it

Dettagli

Pos. AG Decreto n. 446 IL RETTORE

Pos. AG Decreto n. 446 IL RETTORE Pos. AG Decreto n. 446 IL RETTORE Vista la legge 9.5.89, n. 168; Vista la legge 19.11.90, n. 341; Vista la legge 15.5.97, n. 127; Visto il D.P.R. 27.1.98, n. 25; Visto il D.M. 3.11.99, n. 509 recante norme

Dettagli

III CONVEGNO NAZIONALE D.M.S.A Profilo professionale del dottore in scienze motorie ILLASI 2 DICEMBRE 2006 Profilo professionale del dottore in scienze motorie LAUREE IN SCIENZE MOTORIE LAUREA TRIENNALE

Dettagli

Attualità e futuro di una Professione Sanitaria.

Attualità e futuro di una Professione Sanitaria. Attualità e futuro di una Professione Sanitaria. Dr. Daniele Tosarelli, Fisioterapista Servizio di Assistenza Infermieristica, Tecnica e della Riabilitazione Istituto Ortopedico Rizzoli, Bologna 1 Il E

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 969 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori NAPOLI Bruno e NAPOLI Roberto COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 16 LUGLIO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata VEZZALI. Istituzione della figura professionale

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata VEZZALI. Istituzione della figura professionale Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3319 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa della deputata VEZZALI Istituzione della figura

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 2399 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore DE ANNA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 MAGGIO 1997 Disciplina dell attività

Dettagli

Docente di Terapia manuale e rieducazione funzionale

Docente di Terapia manuale e rieducazione funzionale Prof. Antonino Mele Corso di Laurea in Fisioterapia Coordinatore delle attività teorico-pratiche Docente di Terapia manuale e rieducazione funzionale NASCITA DEI GRANDI CENTRI DI RIABILITAZIONE PER GLI

Dettagli

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Gruppo di Foggia Clinica, Formazione, Cultura psicoanalitica Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Ascoltarsi è un arte dimenticata, che tutti siamo in grado di ricordare. Il corpo ci parla attraverso

Dettagli

M A S S A G G I A T O R E E CAPO BAGNINO DEGLI STABILIMENTI IDROTERAPICI

M A S S A G G I A T O R E E CAPO BAGNINO DEGLI STABILIMENTI IDROTERAPICI M A S S A G G I A T O R E E CAPO BAGNINO DEGLI STABILIMENTI IDROTERAPICI Riconoscimento profilo mansioni Il Massaggiatore e Capo Bagnino degli Stabilimenti Idroterapici è un Arte Ausiliaria delle Professioni

Dettagli

Master di I livello in Attività motoria preventiva ed adattata

Master di I livello in Attività motoria preventiva ed adattata Finalità del Master Master di I livello in Attività motoria preventiva ed adattata Il master di I livello in Attività motoria preventiva e adattata si inserisce nel quadro della formazione universitaria

Dettagli

Scienze motorie SCIENZE MOTORIE

Scienze motorie SCIENZE MOTORIE Scienze motorie SCIENZE MOTORIE SCIENZE MOTORIE CORSO DI LAUREA Scienze motorie: Educazione fisica e tecnica sportiva (sede di Voghera) Attività motoria preventiva e adattata (sede di Pavia) CORSI DI LAUREA

Dettagli

F ORMATO EUROPEO 51, VIALE LABOCCETTA, 89100 REGGIO DI CALABRIA, ITALIA. ismaelespadaro@me.com ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULU M VITAE

F ORMATO EUROPEO 51, VIALE LABOCCETTA, 89100 REGGIO DI CALABRIA, ITALIA. ismaelespadaro@me.com ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULU M VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULU M VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SPADARO, ISMAELE, MARIA Indirizzo 51, VIALE LABOCCETTA, 89100 REGGIO DI CALABRIA, ITALIA Telefono 0965-1970623 Cell: 3474007868 Fax

Dettagli

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2)

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Riprendiamo l analisi interrotta nel corso della precedente lezione b) struttura dialogica del fatto educativo Per rispondere a criteri ermenutici, l

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA BOZZA N. 938 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori DEMASI, COZZOLINO e PONTONE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 6 DICEMBRE 2001 Disciplina dell attività di body-building

Dettagli

CORSO NAZIONALE di formazione ISTRUTTORE SPORTIVO per DISABILI

CORSO NAZIONALE di formazione ISTRUTTORE SPORTIVO per DISABILI Centro Sportivo Educativo Nazionale Ente di Promozione Sportiva Riconosciuto dal CONI (art. 31 D.P.R. 530/1974) Ente con Finalità Assistenziali Riconosciuto dal Ministero dell Interno (D.M. 559/C. 3206.12000.A.(101)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE 1 Cittadinanza e Costituzione COMPETENZE CHIAVE: Competenze sociali e civiche NUCLEO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

Relazione presentata al convegno Modelli sistemici e contesti che cambiano Milano, 15-17 Ottobre 1998, parzialmente modificata

Relazione presentata al convegno Modelli sistemici e contesti che cambiano Milano, 15-17 Ottobre 1998, parzialmente modificata Lo psicologo e il Distretto Sociale 1 Atti del convegno AUPI su Il lavoro dello psicologo nell U.S.L.: specificità ed integrazione con altre figure professionali. Ritengo utile fare alcune premesse al

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE TESI DI LAUREA SCI DI FONDO: SPORT E SOCIALIZZAZIONE PER NON VEDENTI Candidato : DELLA MEA

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE MOTORIE

FACOLTÀ DI SCIENZE MOTORIE FACOLTÀ DI SCIENZE MOTORIE Identità La Facoltà forma professionisti capaci di operare nel mondo dello sport e in quello della promozione della salute e del benessere psico-fisico. Offerta Master I livello

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP E enorme la confusione nella terminologia relativa all handicap. Per questo negli ultimi 20 anni l OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha diffuso

Dettagli

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS)

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Werner Wassermann, datore di lavoro La signora L. lavora da noi da tanto tempo. È stata capo reparto e noi, ma anche gli altri collaboratori

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo N 10 TRAV. 4 E. BERLINGUER 89024 POLISTENA RC Telefono 380/6851761 Fax 0966/931727 E-mail emilianodangelis@alice.it

Dettagli

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci FUORI CAMPO Luca Richelli insegna informatica musicale al conservatorio di Verona. E siccome di informatica ci capisce, quando a fine corso ha dovuto fare la

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Diritti dei cittadini e responsabilità della Pubblica Amministrazione nei servizi della Famiglia e della Tutela minori

Diritti dei cittadini e responsabilità della Pubblica Amministrazione nei servizi della Famiglia e della Tutela minori DirittideicittadinieresponsabilitàdellaPubblicaAmministrazioneneiservizidellaFamigliae dellatutelaminori Milano,17Novembre2011 L assistentesocialetradeontologia,dirittievincoli MargheritaGallina Il codice

Dettagli

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie CONVEGNO NAZIONALE SULL AUTISMO 20-21 maggio 2011 La necessità del sostegno territoriale alle famiglie Dr.ssa Alessandra Bianchi Psicoterapeuta A.G.S.A.T. CHE COS E IL DISTURBO AUTISTICO? L'Autismo è un

Dettagli

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado SEZIONE A Competenze Europee Competenza Chiave in Educazione Fisica Competenza Sociale e Civica Imparare ad Imparare Spirito d'iniziativa e imprenditorialità Competenza digitale Fonti di Legittimazione

Dettagli

I MERCOLEDÌ DEL CITTADINO: CONOSCERE PER PREVENIRE. Le lombalgie non chirurgiche

I MERCOLEDÌ DEL CITTADINO: CONOSCERE PER PREVENIRE. Le lombalgie non chirurgiche I MERCOLEDÌ DEL CITTADINO: CONOSCERE PER PREVENIRE Le lombalgie non chirurgiche Relatrici: Fiorenza Paci- Annalisa Zampini 18 marzo 2015 Feltre - ore 18.00 GLI ATTACCHI DI DOLORE LOMBARE SONO RICORRENTI

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome(i) / Nome(i) Indirizzo(i) F.lli Kennedy n 14, 27021 Bereguardo (PV) (Italia) Telefono(i) 0382930383 Cellulare 3386493928 E-mail davide_gritti@alice.it

Dettagli

- Perchè definire un modello ideale di assistenza

- Perchè definire un modello ideale di assistenza - Perchè definire un modello ideale di assistenza La Federazione UNIAMO, attraverso numerosi incontri e momenti di riflessione e confronto realizzati con le associazioni federate e non all interno di percorsi

Dettagli

Il laureato in scienze motorie: cosa fa, cosa non fa e cosa si aspetta dagli altri membri dell'équipe

Il laureato in scienze motorie: cosa fa, cosa non fa e cosa si aspetta dagli altri membri dell'équipe Relazione presentata dal Prof. Paolo Raimondi * alla Giornata di Aggiornamento del GSS del 25 ottobre 2008 * Professore associato Dipartimento di Ingegneria Meccanica Energetica e Gestionale. Facoltà di

Dettagli

FAQ per i datori di lavoro

FAQ per i datori di lavoro FAQ per i datori di lavoro - Perché io, imprenditore, dovrei aspettarmi aiuto da un istituzione come l ufficio AI? L ufficio AI si impegna a mantenere o reinserire nel mondo del lavoro le persone diversamente

Dettagli

Serena vive, scrive, comunica

Serena vive, scrive, comunica Serena vive, scrive, comunica Serena Negrisolo SERENA VIVE, SCRIVE, COMUNICA Poesie alla mia cara mamma a Marcella al mio papà Introduzione Sono Pino, il papà di Serena. Al termine del terzo anno di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRAMBILLA, CASTIELLO, SANTELLI. Norme sulla riabilitazione attraverso l utilizzo del cavallo (ippoterapia)

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRAMBILLA, CASTIELLO, SANTELLI. Norme sulla riabilitazione attraverso l utilizzo del cavallo (ippoterapia) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 314 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRAMBILLA, CASTIELLO, SANTELLI Norme sulla riabilitazione attraverso l utilizzo del cavallo

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili Fondazione Ariel 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili La Paralisi Cerebrale Infantile Una malatti a non prevenibile In Italia, un bambino su 500 nuovi nati è affetto da

Dettagli

Corso di Laurea in Fisioterapia

Corso di Laurea in Fisioterapia Corso di Laurea in Fisioterapia Corso di Laurea in Fisioterapia Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia: Prof. Massimo Clementi Presidente del Corso di Laurea: Prof. Piero Zannini PRESENTAZIONE Il

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata VEZZALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata VEZZALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3307 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa della deputata VEZZALI Istituzione della figura

Dettagli

7, Via Capaci, Italia 70033 Corato (BA) Cellulare (+ 39) 349.5560897 Telefono (+ 39) 080.8725831 Fax E-mail francesco.capogna.fc@gmail.

7, Via Capaci, Italia 70033 Corato (BA) Cellulare (+ 39) 349.5560897 Telefono (+ 39) 080.8725831 Fax E-mail francesco.capogna.fc@gmail. FRANCESCO CAPOGNA C U R R I C U L U M VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo CAPOGNA, Francesco 7, Via Capaci, Italia 70033 Corato (BA) Cellulare (+ 39) 349.5560897 Telefono (+ 39) 080.8725831 Fax

Dettagli

ISTRUTTRICE e ISTRUTTORE SPORTIVO

ISTRUTTRICE e ISTRUTTORE SPORTIVO Aggiornato il 9 luglio 2009 ISTRUTTRICE e ISTRUTTORE SPORTIVO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 È necessario sapere... 7 Conoscenze...

Dettagli

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO In un percorso educativo, all'interno di una istituzione scolastica, la Pratica Psicomotoria diventa un'attività privilegiata per il bambino. Egli agisce

Dettagli

5.8. SCIENZE MOTORIE PRIMO BIENNIO

5.8. SCIENZE MOTORIE PRIMO BIENNIO 5.8. SCIENZE MOTORIE Coordinatore del Dipartimento di scienze : prof.ssa Gabriella Pagano Docenti componenti il Dipartimento di scienze : proff. Lucio Bergomas, Carlo Giorgiutti, Antonella Jogna, Aniello

Dettagli

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei Elena Sbaraglia Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei STEP BY STEP EDIZIONI SIMPLE Via Weiden, 27 62100 Macerata info@edizionisimple.it www.edizionisimple.it ISBN 978-88-6259-746-3

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado triennio 2012/2013 2013/2014 2014/2015 PREMESSA La Fib, Federazione Italiana Bocce,

Dettagli

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Dr.ssa Valentina Panella Psicologa - Psicoterapeuta Firenze, 6

Dettagli

Trascrizione completa della lezione Lezione 002

Trascrizione completa della lezione Lezione 002 Trascrizione completa della lezione Lezione 002 Adam: Salve, il mio nome e Adam Kirin: E io sono Kirin. Adam: e noi siano contenti che vi siete sintonizzati su ChineseLearnOnline.com dove noi speriamo

Dettagli

Liceo Scientifico Sezione ad indirizzo Sportivo. Che cos è

Liceo Scientifico Sezione ad indirizzo Sportivo. Che cos è Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli Napoli a.s. 2014-2015 Liceo Scientifico Sezione ad indirizzo Sportivo Che cos è E un indirizzo di studio, inserito nel percorso del liceo scientifico nell ambito

Dettagli

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista DISABILITA E CONTESTI a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista obiettivi e contenuti dell incontro Considerare l importanza del contesto nella professione docente e non docente L incontro delle professionalita

Dettagli

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI)

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Purtroppo noi scontiamo, in Italia, il fatto che l odontoiatria come branca autonoma rispetto alla medicina si sia affermata solo in anni recenti, e nel passato l odontoiatria

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in. moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla

GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in. moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla legge al 30 di novembre, questi assestamenti al bilancio previsionale che abbiamo

Dettagli

REPORT DEI QUESTIONARI

REPORT DEI QUESTIONARI IN-FORM-AZIONE Mostra interattiva organizzata dall AO San Gerardo di Monza - Dipartimento di Salute Mentale 20-24 febbraio 2006 Liceo Casiraghi Parco Nord Cinisello B. REPORT DEI QUESTIONARI Durante lo

Dettagli

Progetto vita indipendente

Progetto vita indipendente Buon giorno io sono Leda mamma di Giulia, una ragazza disabile che ha usufruito del Progetto vita indipendente fornito dalla Cooperativa Primavera 85. Mia figlia ha 24 anni e da sempre mi sono impegnata

Dettagli

OPERATORE SPORTIVO CON DISABILI: COSA FAI? CHI SEI?

OPERATORE SPORTIVO CON DISABILI: COSA FAI? CHI SEI? OPERATORE SPORTIVO CON DISABILI: COSA FAI? CHI SEI? OPERARE Ogni azione-operazione operazione è un azione educativa poiché di fatto modifica la visione di sés e del mondo dell altro e influisce sulla sua

Dettagli

Premessa. Presentazione Ricerca

Premessa. Presentazione Ricerca Premessa In ambito sanitario, come nell ambito sociale, la soddisfazione del cliente rappresenta il punto di riferimento sotteso al concetto di: QUALITA. Al riguardo la letteratura sulla qualità dei Servizi

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007 Modalità Relazionali Formazione 01/12/2007 R. Magritte Le Therapeute Modalità di resistenza al contatto Introiezione Proiezione Retroflessione Deflessione Confluenza Polster E. Polster M. Psicologia della

Dettagli

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra l importanza di una diagnosi precoce GLI INSEGNANTI DICONO CHE mio figlio.. è troppo frettoloso o lento; è intelligente ma svogliato, è distratto,

Dettagli

Giovanni Lombisani. Insegnante di Educazione Fisica e Maestro di Ginnastica EFFICIENZA FISICA E SCOLIOSI - IL CASO DI ROBERTO. I.D.

Giovanni Lombisani. Insegnante di Educazione Fisica e Maestro di Ginnastica EFFICIENZA FISICA E SCOLIOSI - IL CASO DI ROBERTO. I.D. Giovanni Lombisani Insegnante di Educazione Fisica e Maestro di Ginnastica EFFICIENZA FISICA E SCOLIOSI - IL CASO DI ROBERTO Questa relazione, come quelle dei miei colleghi che seguiranno in riferimento

Dettagli

Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa

Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa A ACQUISIZIONE INCARICO PRESENTAZIONE DA 1 MINUTO Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa Posso dare un occhiata veloce alla

Dettagli

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado PREMESSA La Fib, Federazione Italiana Bocce, da sempre a sostegno della pratica motoria

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE Che cosa è - perché è importante - come funziona obiettivo dei trattamenti COS E LA TERAPIA OCCUPAZIONALE E un trattamento per le persone che sono state colpite da:

Dettagli

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte)

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) 1 QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) (ALLEGATO N 2) Sono pervenuti 90 questionari compilati ma non tutti completi. Non è stata prevista una differenziazione per categorie

Dettagli

Centro Polifunzionale per Adolescenti ed Adulti con Autismo ed altre Disabilità

Centro Polifunzionale per Adolescenti ed Adulti con Autismo ed altre Disabilità Quando i nostri figli saranno grandi e noi genitori non ci saremo più che ne sarà di loro? Che cosa faranno quando saranno uomini e non potranno più suscitare in nessuno quella tenerezza che sgorga spontanea,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE Competenze sociali e civiche: riconosce la propria identità nel contesto culturale di riferimento. Assimila il senso e la necessità del rispetto

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Catalogo delle Agenzie formative

Dettagli

IL LAVORO D EQUIPE TRA LAVORO DI RETE E RETE SOCIALE

IL LAVORO D EQUIPE TRA LAVORO DI RETE E RETE SOCIALE IL LAVORO D EQUIPE TRA LAVORO DI RETE E RETE SOCIALE Persone al centro Quarrata, 21 febbraio 2009 IL LAVORO DI RETE E un processo finalizzato/tendente a legare fra loro più persone tramite connessioni

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

Guido Re. Didattica del minivolley

Guido Re. Didattica del minivolley Guido Re Didattica del minivolley Introduzione Gli sport di squadra maggiori sono il naturale stimolo per l attività motoria e sportiva dei giovanissimi: dalle discipline sportive ufficiali derivano quelle

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Sviluppare l attenzione nella scuola dell infanzia

Sviluppare l attenzione nella scuola dell infanzia Sviluppare l attenzione nella scuola dell infanzia L esperienza della Rete Ricerca Infanzia di Treviso Treviso, 25 Marzo 2011 Beatrice Caponi Università di Padova Rete Infanzia Treviso Coinvolgimento di

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Il centro diurno per disabili secondo me

Il centro diurno per disabili secondo me Gruppo Solidarietà Il centro diurno per disabili secondo me Il Gruppo Solidarietà ha promosso lo scorso 5 novembre presso la propria sede un seminario di ricerca, dal titolo Il centro diurno per disabili

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI IN SCIENZE MOTORIE www.dmsa.it

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI IN SCIENZE MOTORIE www.dmsa.it ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI IN SCIENZE MOTORIE www.dmsa.it ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI IN SCIENZE MOTORIE dal 2003 CIRCA 2000 ISCRITTI SU FACEBOOK! https://www.facebook.com/#!/groups/infodmsa/ TAVOLO

Dettagli

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare,

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare, Viene posto quesito inerente all attività agrituristica, con particolare riferimento alle tipologie di locali che possono essere utilizzati per lo svolgimento di tale attività, per meglio comprendere se

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. GALLETTI e CACCAVARI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. GALLETTI e CACCAVARI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7180 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GALLETTI e CACCAVARI Disciplina delle professioni sanitarie non convenzionali esercitate

Dettagli

L economia articolare in reumatologia

L economia articolare in reumatologia L economia articolare in reumatologia Dott. Tonino Mele Fisioterapista - Pedagogista UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA CENTRO MEDICO SANT

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Federazione Associazioni Italiane Paratetraplegici Associazione di Promozione Sociale

Federazione Associazioni Italiane Paratetraplegici Associazione di Promozione Sociale Il percorso clinico assistenziale riabilitativo L'Unità Spinale Unipolare (U.S.U.) rappresenta una struttura complessa unipolare espressamente destinata all'assistenza delle Persone con lesioni al midollo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità FIAMMETTA PACINI VIA CADUTI SUL LAVORO,2-01100 VITERBO - ITALIA

Dettagli

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano La PdV nella cura della depressione dell anziano Marzia Corigliano Sempre più numerosi sono gli anziani che conservano un buono stato di salute fisica e mentale ma in questa fascia di età aumentano le

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli