Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente"

Transcript

1 M_INF.CGCCP.REGISTRO UFFICIALE.U R om a. P.d.c.: r8l pec.m it.gov.it M inistero delle Infrastrutture e dei Trasporti C om ando G enerale del C orpo delle C apitanerie di Porto Alla C.A.M. TR AIN IN G FO R M S s.r.l. C orso Vittorio Em anuele nr O LBIA cam pec.it 6 0 R eparto - 4 o U fficio - 3 a Sezione C APITANERIA C AG LIARI D I PO R TO ARGOMENTO : D ecreto direttoriale nr. 249 in data 11 m arzo R iconoscim ento d'idoneità allo svolgim ento del corso di addestram ento per il personale m arittim o, per lo svolgim ento del corso di sicurezza personale e responsabilità sociali (P.S.S.R.). (Spazio riservato a protocolli, visti e decretazioni) Si invia, in allegato, la nuova versione del decreto indicato in argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente decreto inviato con la nota nr in data 12 m arzo AI riguardo, si richiam a codesta Società alla puntuale osservanza delle previsioni del decreto, nonché di tutte le norm e relative all'istituzione del corso di form azione in parola. La C apitaneria di C agliari che legge per conoscenza, è pregata di voler provvedere alla nom ina del presidente della com m issione esam inatrice, nonché alle incom benze previste.

2 M IN IS T E R O D E L L E IN F R A S T R U T T U R E E D E I T R A S P O R T I C O M A N D O G E N E R A L E D E L C O R P O D E L L E C A P IT A N E R IE D I P O R T O D E C R E T O N.M i R iconoscim ento d'idoneità, allo svolgim ento del corso di addestram ento per il personale m arittim o, alla S ocietà "C.A.M. T R A IN IN G F O R M S.R.L. S E M P L IF IC A T A " C.F con s e d e le g a le in O lbia (O T) corso V ittorio E m anuele nr. 5 - s e d e o p e r a tiv a per lo svolgim ento del corso di sicurezza personale e responsabilità sociali (P ersonal S afety and S ocial R esponsabilities P.S.S.R.) presso l'istituto d'istruzione S uperiore "B uccari-m arconi" in V iale C. C olom bo 60,09125 C agliari. Il C a p o R e p a r to C o n tr a m m ir a g lio (C P ) N ic o la C A R L O N E : V IS T A la C onvenzione internazionale IM O S TC W del 1978 sulle norm e relative agli S tandard di A ddestram ento C ertificazione e Tenuta della G uardia (S tandards of Training, C ertification and W atchkeeping for S eafare rs), nella sua versione aggiornata, adottata a Londra il 7 luglio 1978 e resa esecutiva in Italia con legge 21 novem bre 1985, n. 739; V IS T O il C odice S TC W '95 sull'addestram ento, la certificazione e la tenuta della guardia adottato dalla conferenza delle P arti della C onvenzione S TC W con la risoluzione n.2 del 1995, nella sua versione aggiornata; V IS T O l'articolo 13 del D ecreto del P residente del C onsiglio dei M inistri in data 11 febbraio 2014, n. 72 "R egolam ento di organizzazione del M inistero delle infrastrutture e dei trasporti, ai sensi dell'articolo 2 del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito, con m odificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135, che attribuisce al C om ando generale del C orpo delle C apitanerie di porto la com petenza in m ateria di certificazione degli enti di form azione e di addestram ento del personale m arittim o; V IS T O il decreto direttoriale 8 m arzo 2007, recante le procedure per il riconoscim ento d'idoneità allo svolgim ento dei corsi di addestram ento per il personale m arittim o; V IS T O il decreto direttoriale 19 giugno 2001, Istituzione del corso di sicurezza personale e re sp o n sa b ilità so cia li (Personal Safefy and Social Responsabilifies - P.S.S.R.); V IS T O il decreto dirigenziale 28 m arzo 2002, M odifiche al corso di sicurezza personale e re sp o n sa b ilità so cia li (Personal Safefy and Social Responsabilifies - P.S.S.R.); V IS T O il decreto m inisteriale 30 novem bre 2007, concernente le qualifiche e abilitazioni per il settore di coperta e di m acchina per gli iscritti alla gente di m are; V IS T O il decreto m inisteriale 6 settem bre 2011 Istituzione di abilitazioni di coperta su unità adibite a navigazione costiera nonché per il settore di m acchina per unità con apparato m otore principale fino a 750 K W ; pagina 1 di 6

3 V IS T O il d e cre to le g isla tivo 7 lu g lio n r "A ttu a zio n e d e lla d ire ttiva /1 0 6 d e lla C o m u n ità E u ro p e a co n ce rn e n te i re q u isiti m in im i d i fo rm a zio n e p e r la G e n te d i M a re "; V IS T E le le tte re C irco la re T ito lo "P e rso n a le M a rittim o " S e rie "F o rm a zio n e " n r e n r risp e ttiva m e n te d a ta te e e n tra m b e e m e sse d a C o m a n d o G e n e ra le d e l C o rp o d e lle ca p ita n e rie d i p o rto, re ca n te d isp o sizio n i p e r lo svo lg im e n to d e i co rsi d i fo rm a zio n e p ro fe ssio n a le p e r il p e rso n a le m a rittim o ; V IS T O il d e cre to n r d e l 1 2 m a g g io d i q u e sto C o m a n d o g e n e ra le co n il q u a le si a u to rizza va la S o c. "C.A.M. T R A IN IN G F O R M S.R.L. S E M P L IF IC A T A ", co n se d e le g a le in co rso V itto rio E m a n u e le n r. 5 in O lb ia a llo svo lg im e n to d e l co rso d i sicu re zza p e rso n a le e re sp o n sa b ilità so cia li (P e rso n a l S a fe ty a n d S o cia l R e sp o n sa b ilitie s P.S.S.R.) p re sso la se d e o p e ra tiva d i O lb ia - C o rso V itto rio E m a n u e le n. 5 P a la zzo B e lla vista, e il d e cre to n r d e l 2 3 lu g lio d i q u e sto C o m a n d o g e n e ra le co n il q u a le si a u to rizza va il m e d e sim o ce n tro d i fo rm a zio n e a llo svo lg im e n to d e l co rso d i sicu re zza p e rso n a le e re sp o n sa b ilità so cia li (P e rso n a l S a fe ty a n d S o cia l R e sp o n sa b ilitie s P.S.S.R.) p re sso la se d e o p e ra tiva d i C ivita ve cch ia c/o l'a u to rità P o rtu a le M o lo V e sp u cci s.n.c.; V IS T A la co n ve n zio n e p e r l'u tilizzo d e i lo ca li so tto scritta in d a ta 0 1 d ice m b re , tra l'istitu to d 'Istru zio n e S u p e rio re "B u cca ri-m a rco n i" e la C.A.M. T R A IN IN G F O R M S.R.L. S E M P L IF IC A T A "; V IS T A l'ista n za in d a ta 1 7 o tto b re d e lla S o cie tà "C.A.M. T R A IN IN G F O R M S.R.L. S E M P L IF IC A T A ", co n la q u a le è sta ta rich ie sta l'e ste n sio n e d e ll'a u to rizza zio n e a llo svo lg im e n to d e l co rso d i sicu re zza p e rso n a le e re sp o n sa b ilità so cia li (P e rso n a l S a fe ty a n d S o cia l R e sp o n sa b ilitie s P.S.S.R.) p re sso l'istitu to d 'Istru zio n e S u p e rio re "B u cca ri-m a rco n i" in V ia le C. C o lo m b o 6 0, C a g lia ri; C O N S ID E R A T O ch e le a u le u tilizza te p e r i co rsi in in te sta zio n e so n o le m e d e sim e g ià u tilizza te p e r i co rsi a llin e a m e n to d i o re - D.M d e ll'istitu to d 'Istru zio n e S u p e rio re "B u cca ri-m a rco n i"; V IS T O l'e sito d e g li a cce rta m e n ti d o cu m e n ta li e d e lla visita isp e ttiva e se g u ita d a l p e rso n a le d e lla C a p ita n e ria d i P o rto d i C a g lia ri p re sso la se d e d e ll'istitu to d 'Istru zio n e S u p e rio re "B u cca ri-m a rco n i" in V ia le C. C o lo m b o 6 0, d i C a g lia ri il g io rn o 1 8 d ice m b re ; D E C R E T A A rt. 1 R ico n o scim e n to L a S o cie tà "C.A.M. T R A IN IN G F O R M S.R.L. S E M P L IF IC A T A " C.F co n se d e le g a le in co rso V itto rio E m a n u e le n r. 5 - O lb ia (O T ) e se d e o p e ra tiva p re sso l'istitu to d 'Istru zio n e S u p e rio re "B u cca ri-m a rco n i" in V ia le C. C o lo m b o 6 0, C a g lia ri - è rico n o sciu ta id o n e a a llo svo lg im e n to d e l co rso d i sicu re zza p e rso n a le e re sp o n sa b ilità so cia li (Personal Safety and Social Responsabilities P.S.S.R.), n e i m o d i e n e i lim iti so tto in d ica ti. p a g in a 2 d i 6

4 D e c re to n. Z. lt ~ / A rt. 2 S tru ttu ra e q u ip a g g ia m e n to e m a te ria le d id a ttic o p e r lo s v o lg im e n to d e l c o rs o 1. L o c a li I lo c a li d o v e d o v ra n n o s v o lg e rs i il s u m m e n z io n a to c o rs o, ric o n o s c iu ti g ià id o n e i d a q u e s to C o m a n d o g e n e ra le p e r lo s v o lg im e n to d e i c o rs i d i a llin e a m e n to d i o re - D.M , s o n o in u s o d e ll'is titu to d 'Is tru z io n e S u p e rio re "B u c c a ri-m a rc o n i", s ito in V ia le C. C o lo m b o C a g lia ri. 2. A u le L e a u le d a u tiliz z a re p e r lo s v o lg im e n to d e i c o rs i in d ic a ti n e l p re s e n te d e c re to s o n o : ~ "A u la C o n fe re n z e ", d i 8 0 m q c o n u n a c a p ie n z a m a s s im a d i 1 5 (q u in d ic i) a llie v i; ~ "A u la n. 3 ", d i 4 4,5 0 m q c o n u n a c a p ie n z a m a s s im a d i 1 5 (q u in d ic i) a llie v i; L e a u le s o n o d o ta te d e i s u s s id i d id a ttic i c o n fo rm e m e n te a q u a n to c o n te n u to n e ll'a lle g a to B d e l d e c re to 1 9 g iu g n o , c o s ì c o m e ric h ie s to d a ll'a rtic o lo 3 c o m m a 2 d e l d e c re to in p a ro la. 3. A ttre z z a tu re e d o ta z io n i l'e q u ip a g g ia m e n to d im o s tra tiv o, le a p p a re c c h ia tu re e i p ro d o tti a u d io v is iv i d i s o s te g n o a lle d o c e n z e s o n o c o n fo rm i a lle p re v is io n i d e ll'a lle g a to B d e l d e c re to is titu tiv o. Q u a ls ia s i m o d ific a o in te g ra z io n e d e lle s tru ttu re e a ttre z z a tu re ris u lta n ti d a g li a tti d o v rà e s s e re p re v e n tiv a m e n te a u to riz z a ta d a l C o m a n d o g e n e ra le d e l C o rp o d e lle C a p ita n e rie d i p o rto. 4. M a te ria le d i s o s te g n o a ll'in s e g n a m e n to l'e q u ip a g g ia m e n to, il m a te ria le d id a ttic o, i m a n u a li, i te s ti d i rife rim e n to IM O, s o n o c o n fo rm i a lle p re v is io n i d e ll'a lle g a to B d e l d e c re to is titu tiv o d e l c o rs o, o g g e tto d e lla p re s e n te a u to riz z a z io n e. L a d is p e n s a d a d is trib u ire a i c o rs is ti s u g li a rg o m e n ti d e l c o rs o è c o n fo rm e a l p ro g ra m m a d e llo s te s s o. Q u a ls ia s i m o d ific a o in te g ra z io n e d e lle s tru ttu re e a ttre z z a tu re ris u lta n ti d a g li a tti d o v rà e s s e re p re v e n tiv a m e n te a u to riz z a ta d a l C o m a n d o G e n e ra le d e l C o rp o d e lle C a p ita n e rie d i P o rto - 6 R e p a rto 4 U ffic io 3 S e z io n e. p a g in a 3 di 6

5 Decreto n. ~2015 Art. 3 C orpo docente Il corpo docente è costituito da : CAPITANI DI LUNGO CORSO D om enico D'APICE R iccardo NANNI Sim one COCCO Francesco O vidio LENA Francesco GIOLO MEDICO SPECIALIZZATO IN SOSTANZE DI ABUSO D ott. Salvatore CARAI ESPERTO IN COMUNICAZIONE AZIENDALE E FORMAZIONE PER ADULTI D ott. Salvatore CARAI Il D irettore del corso è la Sig/ra Laura NIEDDU. Q ualunque variazione del corpo istruttori, direttore o vice direttore dei corsi dovrà essere autorizzata preventivam ente dal C om ando G enerale del C orpo delle C apitanerie di porto. Art. 4 Didattica Per il corso di sicurezza personale e responsabilità sociali (Personal Safefy and Social Responsabilifies P.S.S.R.), dovrà essere com pilato un registro giornaliero delle presenze dei docenti e degli allievi, suddiviso per ore e riportante gli argom enti trattati dal singolo docente, nonché la firm a autografa, leggibile e per esteso, degli allievi e dei docenti, com prensivo di visto del D irettore dei corsi. Ad ogni partecipante dovrà essere fornita la dispensa approvata sugli argom enti di ogni singolo corso. Le strutture, le attrezzature, il m ateriale didattico e il corpo istruttori consentono lo svolgim ento di un corso per volta. Art. 5 Esam e finale del corso G li esam i finali sono svolti dinanzi ad una C om m issione presieduta da un ufficiale ovvero da un sottufficiale appartenente al C orpo delle C apitanerie di porto, nom inato dalla C apitaneria di porto di C agliari, nella cui giurisdizione rientra la sede del centro di form azione, in rappresentanza del M inistero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dal direttore del corso e da alm eno due m em bri del corpo istruttori. pagina 4 di 6

6 Decreto n. Z y ~ /2015 La C om m issione d'esam e dovrà: 1. verificare che il num ero dei partecipanti al corso non superi il num ero stabilito; 2. controllare la sussistenza dei requisiti richiesti per l'am m issione al corso; 3. verificare dal registro di presenza giornaliero degli alunni e dei docenti il rispetto delle ore di lezione teoriche e pratiche previste per ogni allievo, nonché degli argom enti trattati dai singoli docenti autorizzati. A I term ine degli esam i dovrà essere com pilato un verbale, redatto in m odo descrittivo, riportante il num ero progressivo del corso e la tipologia, i nom inativi dei com ponenti della C om m issione esam inatrice, la data di inizio e di fine corso, i nom inativi dei corsisti con relativi dati identificativi, la data d'esam e e l'ora di inizio e di chiusura del verbale, la tipologia e la m etodologia della prova d'esam e e l'esito della stessa. A coloro che supereranno gli esam i verrà rilasciato un attestato di frequenza, conform e al m odello approvato dalla vigente norm ativa, firm ato dalla com m issione e vidim ato dalla C apitaneria di porto. C opia del verbale d'esam e, in form ato elettronico certificato, dovrà essere inviato al C om ando generale del C orpo delle C apitanerie di porto entro il giorno 15 del m ese successivo a quello di effettuazione dello stesso. Art. 6 D isposizioni Le strutture, le attrezzature, il m ateriale didattico e corpo istruttori consentono lo svolgim ento di un corso per volta per un num ero m assim o di 15 (quindici) allievi, anche provenienti da stati esteri. La società, al fine di consentire la prevista attività di controllo, invierà alla C apitaneria di porto di C agliari, alm eno 3 (tre) giorni prim a dell'inizio dei corsi, nei m odi indicati con la nota del 6 settem bre 2013 prot. nr di questo C om ando generale, una com unicazione relativa alla program m azione com prensiva dell'elenco, anche prow isorio, dei nom inativi dei corsisti, dei docenti e delle aule autorizzate in cui saranno svolte le lezioni. Art. 7 S istem a di valutazione della qualità Il centro dovrà aggiornare il sistem a di gestione della qualità in relazione all'addestram ento fornito, descrivente le procedure, la gestione degli audit interni, nonché i sistem i ed i m etodi da applicare durante l'effettuazione del corso al fine di garantire il raggiungim ento degli obiettivi stabiliti dalla C onvenzione S T C W nella sua versione aggiornata, R egola 1/8 e S ezioni A-1/8 del relativo C odice e dell'articolo 6 com m a 7 del decreto Legislativo 7 luglio 2011, n Art. 8 S ospensione e revoca Q ualsiasi inosservanza delle disposizioni riportate nel presente decreto e nella norm ativa di riferim ento com porterà la sospensione del riconoscim ento di idoneità allo svolgim ento del corso o, nei casi di più gravi violazioni, la revoca definitiva dello stesso. pagina 5 di 6

7 D e c re to n. 24 f / A rt. 9 C o n tro lli Il C o m a n d o g e n e ra le d e l C o rp o d e lle C a p ita n e rie d i p o rto p ro w e d e rà, a lm e n o o g n i 3 a n n i, a lla v e rific a d e lla s u s s is te n z a d e i re q u is iti ric h ie s ti d a lla n o rm a tiv a in v ig o re p e r il ric o n o s c im e n to d 'id o n e ità a llo s v o lg im e n to d e l c o rs o. L a c a p ita n e ria d i p o rto d i C a g lia ri e ffe ttu e rà i c o n tro lli fin a liz z a ti a ll'o s s e rv a n z a d e lle d is p o s iz io n i d e l p re s e n te d e c re to. R o m a, 11 MAR L U ì5 p a g in a 6 di 6

Roma, p.d.c. 06 59084196 l8l cacp@pec.mit.gov.it; Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. All'

Roma, p.d.c. 06 59084196 l8l cacp@pec.mit.gov.it; Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. All' Roma, p.d.c. 06 59084196 l8l cacp@pec.mit.gov.it; Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto 6 Reparto - 4 Ufficio _3 Sezione All' ISTITUTO TECNOLOGICO

Dettagli

P re m e s s a L a g e s tio n e d e lle ris o rs e u m a n e Il S is te m a In fo rm a tiv o D o g a n a le...

P re m e s s a L a g e s tio n e d e lle ris o rs e u m a n e Il S is te m a In fo rm a tiv o D o g a n a le... 211 BILANCIO DI ESERCIZIO IN D IC E 2 IN D IC E G E N E R A L E I. R e la z io n e s u lla G e s tio n e II. S ta to p a tr im o n ia le e C o n to e c o n o m ic o III. N o ta in te g r a tiv a IV. R

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale IN F O R M A Z IO N I P E R S O N A L I Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale V a le n tin a B e c c h i E S P E R IE N Z E L A V O R A T IV E D

Dettagli

Incentivi finanziari alle imprese

Incentivi finanziari alle imprese Incentivi finanziari alle imprese Delibera della Giunta regionale n. 208 del 2 aprile 2012 Programma Attuativo Regionale (PAR) a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007-2013 Asse I Linea

Dettagli

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013 Il degli Alberghi e delle SPA più belle del mondo isola d Ischia 8-13 luglio HOTEL MEANS LIFESTYLE bando di concorso 2013 Il P re m io Is c h ia In te rn a z io n a le d i A rc h ite ttu ra è fru tto d

Dettagli

Ali' chtho 1OOOd@pee.istruzione.it

Ali' chtho 1OOOd@pee.istruzione.it M_INF.CGCCP.REGISTRO UFFICIALE.U.0048955.30-04-2015 Roma. p.d.c. 0659084196-3315 181 cgcp@pec.mit.gov.il; Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di

Dettagli

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile V a lte r C a n tin o 1 7 n o v e m b re 2 0 1 0 Università degli Studi di Scienze Gastronomiche: mission

Dettagli

te re, s u l p ro p rio te rrito rio, l e s e rc iz io d e ll a ttiv ità d i te c -

te re, s u l p ro p rio te rrito rio, l e s e rc iz io d e ll a ttiv ità d i te c - 1 7 D IC EM B RE 2 0 0 4 B OLLETTINO UF F IC IALE D ELLA REGIONE M ARC H E ANNO X X X V N. 1 3 3 Deliberazione n. 1408 del 23/11/2004. Lege 26/10/1995 n. 447, art. 2, commi 6, 7, 8 - D.P.C.M. 3 1/03 /1998.

Dettagli

T E R A P IA IN S U L IN IC A IN. D r.s s a F ra n c a G ia c o n

T E R A P IA IN S U L IN IC A IN. D r.s s a F ra n c a G ia c o n T E R A P IA IN U L IN IC A IN O P E D A L E T A R G E T G L IC E M IC I N E L P A Z IE N T E D IA B E T IC O D I T IP O 2 R IC O V E R A T O G li a n a lo g h i d e ll'in s u lin a C o n e g lia n o,

Dettagli

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Sci en zapert u tti im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Luigi Benussi (lu ig i.b e n u s s i@ ln f.in fn.it) Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Laboratori Nazionali di Frascati

Dettagli

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Isabella Menichini - C om une di P a rm a B a ri, 18 febbra io 2011 P a rm a c ittà a m is ura di fa m ig lia O b ie ttiv o

Dettagli

CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO

CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO VERBALE N. 2 DELLA GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ DELLA CN RUPAR-SPC, PER LA DURATA DI 48 MESI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA DI RILANCIO DEL CONFRONTO

Dettagli

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA ROBERTO MEDEGHINI - Pedagogista Gruppo di Ricerca Inclusione e Disability Studies gridsitaly.com milieu.it IN S E G N A

Dettagli

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale Piercarlo Salari P E D IA T R A C O N S U LT O R IA L E M ila n o V ig e v a n o (P V )) Siena, 1 giugno 2009 L errore in Pediatria

Dettagli

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Palermo, 14 giugno 2007 AGENDA 15.15 Apertura dei lavori Moderatore dei

Dettagli

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva L esperienza del Comune di Cesena Camillo Acerbi Resp.le Servizio Informativo Gestionale Comune di Cesena acerbi_c@comune.cesena.fc.it Robert Ridolfi

Dettagli

IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot dd 07/09/2007

IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot dd 07/09/2007 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Protezione Civile della Regione IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot. 12775 dd 07/09/2007 PALMANOVA, 5 febbraio

Dettagli

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1 1 Consultazione con il mondo del lavoro Proposta della Facoltà Nucleo di Valutazione Senato accademico Comitato di coordinamento regionale Consiglio di amministrazione 2 Raggiungere un MODELLO EUROPEO

Dettagli

Cozzo D a c ia VITAE IN FORMATO EUROPEO. E-mail CURRICULUM. Nome. Indirizzo. Telefono. Fax. Nazionalità. Italiana. Data di nascita

Cozzo D a c ia VITAE IN FORMATO EUROPEO. E-mail CURRICULUM. Nome. Indirizzo. Telefono. Fax. Nazionalità. Italiana. Data di nascita CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO I n f o r m a z io n i pe r s o n a l i Nome Indirizzo Cozzo D a c ia Telefono Fax E-mail Nazionalità Italiana Data di nascita E s p e r ie n z a l a v o r a t iv a

Dettagli

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica POR FESR 2 0 0 7-2 0 1 3 A r t.ii.1.1 Prod e n e r g ie rinn (M isura 2 ) "INCENTIVAZIONI ALL'INSEDIAMENTO DI LINEE DI PRODUZIONE DI SISTEM I E COMPONENTI

Dettagli

MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U) J 'i u d e n t e > t Y ; ~ / J < m v w ; w e l a f?? a / J c t è o ~ W J w.

MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U) J 'i u d e n t e > t Y ; ~ / J < m v w ; w e l a f?? a / J c t è o ~ W J w. MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U).0000674.03-02-2016 ~ ~.( ) d e l! ocba Y :J tn tj a O? l~ -, d e!lrv J ln iv (ff.j d d e d e l l a~ c a q )~ ~ d ~ ~ ~ '~ e ~ '~ g z ; ~ M m,e ~ jw J < kjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba

Dettagli

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE VIVONO IN S ITUAZIONI DI MAR G INALITÀ E VIOLENZA Il p r o g e tto n a s c

Dettagli

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica L.R 7 / 1 9 8 8 in se d ia m e n ti p ro d u ttiv i In c e n tiv i a c o n so r z i di im p r e se in d u stria li ed a r tig ia n e o p e r a n ti

Dettagli

INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO INFORMAZIONI SULL USO

INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO INFORMAZIONI SULL USO INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO L a p p a re c c h io S w a tc h C o rd le ss II IS D N è u n c o rd le ss c h e c o m b in a le fu n z io n i tip ic h e d e lla te le fo n ia se n z a fili c o n il c o

Dettagli

Dal Curare al Prendersi Cura. Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo

Dal Curare al Prendersi Cura. Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo Dal Curare al Prendersi Cura Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo La cura& & nella mitologia Mentre C ura stava attraversando un certo fiume, vide del fango argilloso. Lo

Dettagli

0,00 0, Tipologia 104: Compartecipazioni di trib u ti 0,00 0,00

0,00 0, Tipologia 104: Compartecipazioni di trib u ti 0,00 0,00 Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana- Serie Generale n.139 del 16.06.6 Regioni, Province autonom e, enti regionali e enti locali Prospetto di cui all'articolo 8, comma 1, del Decreto Legge 24 aprile

Dettagli

R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b

R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b licità V ia C u s to z a 8 V e rc e lli M IC H Y 'S H

Dettagli

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i Il caso di Cleo U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i ANAM NESI FAM ILIARE: n o n s i rile v a n o p a to lo g ia d e g n e d i n o ta. ANAM NESI PERSONALE: p rim o g e n ita d i g e n ito ri n o n

Dettagli

Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento Scolastico

Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento Scolastico CENTRO INTEGRATO SERVIZI SCUOLA/TERRITORIO L ORIENTAMENTO SCOLASTICO NELLE SCUOLE SECONDARIE DI 1 GRADO del Circondario Imolese Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento

Dettagli

SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA

SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA S p o s e i n b i a n c o, s p o s e i n r o s s o. S o n o d u e i m m a g i n i d i m a t r i m o n i a s s a i u s u a l i c h

Dettagli

i i i: i I i i!i!, i i i

i i i: i I i i!i!, i i i S I D RA D red g i n g, M a r i n e & E n v i ro n m e n ta l C o n t ra ct o r i i i: i I i i!i!, i i i P ro g ett a e d e s e g u e d a p i ù d i 3 0 a n n i o p e re m a r i tt i m e i n I t a l i a

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione n. 58 del 21/04/2016 Proposta N. 561/2016 OGGETTO: RISANAMENTO CONSERVATIVO DELL'EDIFICIO DENOMINATO EX CASA DEL POPOLO PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8 OKkio alla S ALUTE per la S CUOLA: ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 8 Re g io n e To s c a n a Are a Va s ta No rd - Ove s t ( Pro v in c e di Lu c ca, Liv o rn o, Ma s s a, Pis a e Via re g g io )

Dettagli

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so 1 T R I BU N A L E D I T R E V IS O BA N D O P E R L A C E S S IO N E C O M P E TI TI V A D EL C O M P E N D I O A Z I E N D A LE D E L C O N C O R D A T O PR EV E N T I V O F 5 Sr l i n l i q u i da z

Dettagli

Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali. a cura di Carmen Ragno

Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali. a cura di Carmen Ragno Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali a cura di Carmen Ragno 1 Programma Il Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali Il Social Statement

Dettagli

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa O ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa TITOLO: LADY & MISTER CHEF, PROMOTORI DELL ENOGASTRONOMIA LUCANA AREA TEMATICA Il pe r c o r s o f o r m a t i v o pr o po s t o m i

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE N 47 R E G.G E N E R A LE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI ROMA SEZIONE 47 N 19561/2014 UDIENZA D E L 05/02/2016 ore 09:00 riunita con l'intervento

Dettagli

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html Pagina 1 di 5 Blow Photofinish up sul mondo della fotografia AP R 0 9 8 Mo s tre, m o s t re e a n c o ra m o s t re! Pu b b lic a t o d a Fra n c e s c a D e Me is a lle 1 2 :3 3 in Mo s t re Si intitola

Dettagli

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO G A Z Z E T T A S E T T I M A N A L E SCIENZA ECONOMICA, FINANZA, COMMERCIO, BANCHI, FERROVIE INTERESSI PRIVATI Anno X!V - Voi. XVI I Domenica 27 Marzo 1887 N. 878 L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A

Dettagli

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze Mo d ulo 2 Valutare gli apprendimenti o valutare l apprendimento? Il senso della relazione educativa tra curricolo

Dettagli

Degli effetti del contratto

Degli effetti del contratto Massimo Franzoni Degli effetti del contratto V olum e I Efficacia del contratto e recesso unilaterale Seconda edizione AG G iu f f r è E d it o r e INDICE Art. 1372 (Efficacia del contratto) C a p i t

Dettagli

ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e m o zio n i

ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e m o zio n i CON VEGN O D P S : 1 5-1 2-2 0 1 6 IN S IEM E P ER IN VECCH IAR E CON S U CCES S O Con t r ib u t o Is t it u t o F r is ia M e r a t e ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e

Dettagli

1975-1979 Università di Cagliari (CA) Tecniche del Triennio di ingegneria. Scuola dll'arm a del Genio-ROMA. Tecniche,giuridiche ed am m inistrative

1975-1979 Università di Cagliari (CA) Tecniche del Triennio di ingegneria. Scuola dll'arm a del Genio-ROMA. Tecniche,giuridiche ed am m inistrative F o r m a t o e u r o EO PER IL CURRICUI U M VI rrae I n f o r m a z io n i p e r s c n a l i Nome Ind rizzo Telèfono Fax mail Nazionalità Data e luogo di nc scita Codice Fiscale S a lv a te lli F a u

Dettagli

Forum: I Soft. Skills del Project Manager. Paolo Vallarano 1/17

Forum: I Soft. Skills del Project Manager. Paolo Vallarano 1/17 Forum: I Soft Skills del Project Manager Paolo Vallarano 1/17 Elementi di conoscenza di Project Management (secondo Certificazione Base di ISIPM) CONOSCENZE COMPORTAMENTALI CONOSCENZE DI CONTESTO ELEMENTI

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

CONTRATTO TRA PARTNER DI CANALE INDIRETTO - v. EM EA. 2 5. 0 4. 0 7 Pe r r e g i s t r a r s i c o m e Pa r t n e r d i Ca n a l e In d i r e t t o ( In d i r e c t Ch a n n e l Pa r t n e r ) d i Ci s

Dettagli

L'OPERAZIONE Un ventenne diventa milionario con la vendita della start up per la pizza A- A + 56% TOTALE VOTI 9

L'OPERAZIONE Un ventenne diventa milionario con la vendita della start up per la pizza A- A + 56% TOTALE VOTI 9 L'OPERAZIONE Un ventenne diventa milionario con la vendita della start up per la pizza di Andrea Rinaldi A- A + 56% TOTALE VOTI 9 1 1 8 9 0 4 La pizza fa gola ai tedeschi, che hanno deciso di portarsela

Dettagli

CRI TERI PER LA DETERMI NAZI ONE DELL ESI TO DELLO SCRUTI NI O FI NALE

CRI TERI PER LA DETERMI NAZI ONE DELL ESI TO DELLO SCRUTI NI O FI NALE CRI TERI PER LA DETERMI NAZI ONE DELL ESI TO DELLO SCRUTI NI O FI NALE Prem esso che la valutazione non è un sem plice calcolo m atem at ico di voti conseguiti nelle singole discipline, m a investe una

Dettagli

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA Luana Gasparini Michela Soldati Multicentro CEAS RA21 Comune di Ravenna C è un m o ndo m is te rio s o c he è pre s e nte

Dettagli

COMUNE D I SANT ANTONIO AB A TE Provincia di Napoli

COMUNE D I SANT ANTONIO AB A TE Provincia di Napoli COMUNE D I SANT ANTONIO AB A TE Provincia di Napoli Piazza V. Emanuele II tei. 081/3911231 - Fax - 081/8797793 Prot. n. 12 8 6 2 Spedita il 1 0 MR8, 2016 COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE VERBALE

Dettagli

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma e ss.mm.ii. Il sottoscritto Codice Fiscale Nato a il Residente in Via/P.zza

Dettagli

BILANCIO UNICO DI ATENEO DI PREVISIONE ANNUALE AUTORIZZATORIO 2015

BILANCIO UNICO DI ATENEO DI PREVISIONE ANNUALE AUTORIZZATORIO 2015 BILANCIO UNICO DI ATENEO DI PREVISIONE ANNUALE AUTORIZZATORIO 2015 e triennale 2015-2017 Note di sintesi ASSETTO CONTABILE - Il bilancio di previsione dell esercizio finanziario 2015 è il primo bilancio

Dettagli

GREEN ECONOMY E LEVE NORMATIVE

GREEN ECONOMY E LEVE NORMATIVE Diritto ed Economia dell Ambiente Collana a cura L Fondazione Lombardia per l Ambiente 8 GREEN ECONOMY E LEVE NORMATIVE a cura AG G i u f f r è E d it o r e INDICE Introduzione. Green econom y e leve norm

Dettagli

PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA

PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA a cura di Anna Bonini F o rn ire se rv iz i sa n ita ri d i a lta q u a lità, a d e g u a ti in te rm in i d i v o lu m i e d i tip o lo g ie d i p re

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEI PIANI PON FSE FESR. Circolare Prot.n. AOODGAI/4462 del 31/03/2011

LA PROGETTAZIONE DEI PIANI PON FSE FESR. Circolare Prot.n. AOODGAI/4462 del 31/03/2011 1 LA PROGETTAZIONE DEI PIANI PON FSE FESR ELABORAZIONE a cura dell Ufficio Studi e Consulenza PON-POR-IFTS Anquap La progettazione dei Piani Integrati d Intervento PON-FSE per l anno scolastico 2011/2012

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Corso di formazione AUSL di Lucca I I FACILITATORI DEL SISTEMA DI GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO FONTI DI INFORMAZIONE PER LA IDENTIFICAZIONE DEL RISCHIO CLINICO LUCCA 25-05-2009 A cura del dott. G. Puntoni

Dettagli

V651, una nuova equilibratrice completamente automatica, semplice da utilizzare e sicura offre un ampio e chiaro display e diverse

V651, una nuova equilibratrice completamente automatica, semplice da utilizzare e sicura offre un ampio e chiaro display e diverse L EQUILIBRATURA DEI PNEUMATICI PER TUTTE LE AUTO L occhio attento Con Fasep V651 la ruota con o senza cerchi in lega non creerà p iù p ro b le m i agli addetti ai lavori. Quest innovativa equilibratrice

Dettagli

COMUNE di TONARA. (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918

COMUNE di TONARA. (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918 COMUNE di TONARA (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 88 Prot. n. 4956 del 14-07-2009 OGGETTO: Indirizzi

Dettagli

Camera dei D eputati - 1 4 5 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 1 4 5 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 1 4 5 - Senato della Repubblica sussidi p e r farm acisti e p e n sio n a ti c h e a b b ia n o figli in co n d iz io n e di g rave m in o ra zio n e fisica o psichica, che, a se

Dettagli

ASSEGNO STRAORDINARIO DI SOSTEGNO AL RED DITO.

ASSEGNO STRAORDINARIO DI SOSTEGNO AL RED DITO. Pro-m e m oria provvis orio s u : ASSEGNO STRAORDINARIO DI SOSTEGNO AL RED DITO. ( al pu n to 10. de l pre s e n te pro-m e m oria, le m o dificazion i apportate d all Acco rd o ABI 8 lu glio 20 11 ).

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Libera Università degli Studi per l Innovazione e le Organizzazioni Via Cristoforo Colombo, 200 00145 Roma T +39 06 510.777.1 F

Dettagli

R E M O B E L F I O R I. C onsu le n ze T ecn o lo g ie e strutture U rbanistica e pia n ifica zio n e te rritoriale

R E M O B E L F I O R I. C onsu le n ze T ecn o lo g ie e strutture U rbanistica e pia n ifica zio n e te rritoriale F o r m a t o e u r o p e o PER IL CURRICULUM v i t a e - E u r o p a s s ^ ^ u r o pass Informazioni perso n ali Nome R E M O B E L F I O R I Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità Data / luogo di

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA L ORGANIZZAZIONE L ESPERIENZA DELLA RILEVAZIONE PILOTA DEL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE NEL

COMUNE DI PERUGIA L ORGANIZZAZIONE L ESPERIENZA DELLA RILEVAZIONE PILOTA DEL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE NEL L ESPERIENZA DELLA RILEVAZIONE PILOTA DEL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE NEL COMUNE DI PERUGIA L ORGANIZZAZIONE 1 PERUGIA partecipa a tale progetto con l obiettivo della Strategia n. 1 : la gestione degli

Dettagli

Gestione delle Identità e degli Accessi Informatici

Gestione delle Identità e degli Accessi Informatici Gestione delle Identità e degli Accessi Informatici Giancarlo Peli Area Sistemi Servizi Informatici di Ateneo Università degli Studi di Verona Argomenti trattati Il contesto applicativo I problemi da risolvere

Dettagli

rimborsi di opere già realizzate, o in corso, con anticipazioni autorizzate dal Ministero scrivente

rimborsi di opere già realizzate, o in corso, con anticipazioni autorizzate dal Ministero scrivente 481 rimborsi di opere già realizzate, o in corso, con anticipazioni autorizzate dal Ministero scrivente e che gli stanziamenti possono altresì essere destinati: ai sensi dell'art. 3, quarto comma, della

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE: TECNOLOGIE TESSILI classe Terza Le lezioni di Tecnologie Tessili hanno come scopo la conoscenza delle fibre tessili, dei filati e dei L o bbiettivo è que llo di co lle ga re

Dettagli

assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69 del 2 0. 03. 2 01 1

assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69 del 2 0. 03. 2 01 1 C O M U N E D I C H I O G G IA REGOLAMENTO PER L "APPLICAZIONE DELLA TAR FA DI IGL NE AMB1-ENTALE Approvato con deli'bera delcommissario STR IORDINARIO assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69

Dettagli

Corso di laurea magistrale in Economia e Management Internazionale

Corso di laurea magistrale in Economia e Management Internazionale Corso di laurea magistrale in Economia e Management Internazionale Libera Università degli Studi per l Innovazione e le Organizzazioni Via Cristoforo Colombo, 200 00145 Roma T +3 06 510.777.1 F +3 06 510.777.25

Dettagli

Riabilitazione intensiva ospedaliera negli adolescenti affetti da disturbi dell alimentazione

Riabilitazione intensiva ospedaliera negli adolescenti affetti da disturbi dell alimentazione Riabilitazione intensiva ospedaliera negli adolescenti affetti da disturbi dell alimentazione Fd r. a re R ic clic a rd p eo r Dm aolle d ific G ara re v elo s tile d e l s o tto tito lo d e llo s c h

Dettagli

Il medico del pneumatico

Il medico del pneumatico LA REALTÀ D I U N C E N T R O G O M M E P E R V E IC O L I IN D U S T R IA L I Il medico del pneumatico Circolare in sicurezza significa anche montare pneumatici perfettamente funzionanti; un problema

Dettagli

Assistente Sociale sez. A

Assistente Sociale sez. A Assistente Sociale sez. A Requisiti per l ammissione Per l ammissione all esame di Stato è richiesto il possesso della laurea nella classe 57/S Programmazione e gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali.

Dettagli

Dicembre 2010- Dicembre 2013

Dicembre 2010- Dicembre 2013 Formato europeo PER IL CURRICULUM VITAE Aggiornato al 24/02/2014 In f o r m a z io n i p e r s o n a li Nome Angelo Jannone Indirizzo Nazionalità Data di nascita E s p e r ie n z a La v o r a t iv a Attuale

Dettagli

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

d.ssa Maria Grazia Virga

d.ssa Maria Grazia Virga A S S E S S O R A TO P A R I O P P O R TU N ITA FE D E R A Z ION E ITA LIA N A D O N N E A R TI P R O FE S S IO N I A FFA R I S E Z IO N E D I C A C C A M O (P A ) Caccamo, 9 gennaio 2010 Infoday AGEVOLAZIONI

Dettagli

*** NORMATTIVA - Stampa ***

*** NORMATTIVA - Stampa *** *** NORMATTIVA - Stampa *** Pagina 1 di 6 DECRETO 10 maggio 2005, n. 121 Regolamento recante l'istituzione e la disciplina dei titoli professionali del. Vigente al: 16-7-2015 IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Tesi di Laurea L accompagnamento delle istituzioni nell inserimento e integrazione del minore straniero nel nucleo adottivo.

Dettagli

Equilibrio perfetto DESCRIZIONE DEGLI ANGOLI CARATTERISTICI E DELLA MODIFICA DELL ASSETTO DELL AUTO

Equilibrio perfetto DESCRIZIONE DEGLI ANGOLI CARATTERISTICI E DELLA MODIFICA DELL ASSETTO DELL AUTO DESCRIZIONE DEGLI ANGOLI CARATTERISTICI E DELLA MODIFICA DELL ASSETTO DELL AUTO Equilibrio perfetto Alle volte è s u ffic ie n te modificare, anche di un solo grado, uno degli angoli caratteristici delle

Dettagli

D R POM P E C E N T R I F U G H E O R I ZZO NTA L I, V E RT I CAL I E

D R POM P E C E N T R I F U G H E O R I ZZO NTA L I, V E RT I CAL I E S I ST EMA MO S E CO NT RATTO P E R L ' A F F I DAM E N TO D E L LA FO R N I T U RA D R POM P E C E N T R I F U G H E O R I ZZO NTA L I, V E RT I CAL I E CA R R E L LATE P E R LA BOCCA D I L I DO, P E

Dettagli

SECONDO LA MODALITA RICHIESTA, ovvero un anno continuativo post laurea. Prove d esame

SECONDO LA MODALITA RICHIESTA, ovvero un anno continuativo post laurea. Prove d esame Requisiti per l ammissione Possono iscriversi: - coloro che hanno conseguito una laurea in Psicologia secondo il vecchio ordinamento didattico, (previgente la riforma di cui al D.M. 509/99) e che hanno

Dettagli

s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità am bie n tale de l te rrito rio C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di

s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità am bie n tale de l te rrito rio C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di + P rogetto C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di B e llu n o A zio n i c o n g iu n te e s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità e n e rg e tic a e am bie n tale de l te rrito

Dettagli

S e t t i m o R a p p o r t o s u l s e r v i z i o c i v i l e i n It a l i a. Im p a t t o s u c o l l e t t i v i t à e v o l o n t a r i R a p p o r t o f i n a l e D i c e m b r e 2 0 0 4 R I N G

Dettagli

Sono on line dunque esisto I giovani e la realtà virtuale

Sono on line dunque esisto I giovani e la realtà virtuale Promosso da In collaborazione con Finanziato dal progetto I.O.R. Sono on line dunque esisto I giovani e la realtà virtuale Sabato 14 dicembre 2013 Sala Marvelli, Provincia di Rimini Le nuove generazioni

Dettagli

dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale

dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale G D T G M R E 0 H 0 9 F D L N C T N 9 M H 0 9 C dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell assistenza fiscale genzia L ntrate G li im porti devono essere indicati in unità di Euro

Dettagli

TRIBUNALE E MAGISTRATO DI SORVEGLIANZA - BOLZANO

TRIBUNALE E MAGISTRATO DI SORVEGLIANZA - BOLZANO TRIBUNALE E MAGISTRATO DI SORVEGLIANZA - BOLZANO Centralino 0471-440811 Cancelleria del Tribunale 0471-440817 Cancelleria dell'uff. Magistrato di Sorveglianza 0471-440812 Presidente 0471-440822 Fax 0471-440820

Dettagli

Eleonora Berti & Tommaso Dal Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]*

Eleonora Berti & Tommaso Dal Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]* Eleonora Berti & Tommaso Dall Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]* L'approfondimento mira ad analizzare il rapporto tra padri e figli ieri e oggi, valutando

Dettagli

e CARTA DEI SERVIZI An n o d i r i f e r i m e n t o 2 0 0 7 P A R T E P R I M A P R I N C I P I F O N D A M E N T A L I 1. 1 P R E M E S S A P a n s e r v i c e s. a. s. d i F. C u s e o & C. ( d i s

Dettagli

Decodifica di files DICOM e restauro di immagini di Risonanza Magnetica

Decodifica di files DICOM e restauro di immagini di Risonanza Magnetica U NIVERSITÀ DEGLI STUDI DI F ACOLTÀ D IPARTIMENTO DI DI P ALERMO I NGEGNERIA I NGEGNERIA I NFORMATICA CORSO DI I N GEG N ERIA AT GE GN ERI A I N FORM FO RMA TIICA CA LAUREA PER PE R I IN S I ST EMI LIIG

Dettagli

Cantiere Navale di La Spezia

Cantiere Navale di La Spezia GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg. n. IT-001460 Cantiere Navale di La Spezia DICHIARAZIONE AMBIENTALE Anno 2015 Redatta secondo i requisiti del Regolamento (CE) n. 1221/2009 EMAS (Eco Management and Audit

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 2 dicembre 2009. Aggiornamento ed istituzione dei diritti di delle camere di commercio e relativa approvazione delle tabelle A e B. IL DIRETTORE GENERALE PER

Dettagli

PRO SPETTO INFORMA TI VO PER L E EMISSIONI DI OBBL IGA ZIONI BA NCA RIE c. d. PL A IN VA NIL LA

PRO SPETTO INFORMA TI VO PER L E EMISSIONI DI OBBL IGA ZIONI BA NCA RIE c. d. PL A IN VA NIL LA @ B A N CA D I C R E D I TO CO O P E R AT I VO D I A L B E R O B E L LO E S AMM I C H E L E D I B A R I S e d e l e g a l e e a m m i n i s t ra t i v a i n A l b e ro b e l l o V i a l e B a r i n. 1

Dettagli

Camera dei Deputati 5 4 5 Senato della Repubblica

Camera dei Deputati 5 4 5 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 5 4 5 Senato della Repubblica Società Adriatica Idrocarburi SpA - S. Giovanni Teatino (CH) L Assem blea del 16 aprile 2013 ha approvato il bilancio al 31 dicembre 2012 che chiude con

Dettagli

al "Regolamento per la trasparenza dello situazione patrimoniale dei titolari di incarichi politici" approvato con deliberazione C.C. n.

al Regolamento per la trasparenza dello situazione patrimoniale dei titolari di incarichi politici approvato con deliberazione C.C. n. Allegato A al "Regolamento per la trasparenza dello situazione patrimoniale dei titolari di incarichi politici" approvato con deliberazione C.C. n. V del V ZIONE SO STITUTIVA SU INCARICHI E RELATIVI COMPENSI

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina. SettoreAttività Produttive e Farmacia-Gare e Contratti-Patrimonio-Demografico-Statistico DETERMINAZIONE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina. SettoreAttività Produttive e Farmacia-Gare e Contratti-Patrimonio-Demografico-Statistico DETERMINAZIONE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina SettoreAttività Produttive e Farmacia-Gare e Contratti-Patrimonio-Demografico-Statistico Servizio: Patrimonio N.22 formia lì, 16.11. 2015 DETERMINAZIONE OGGETTO: affidamento

Dettagli

DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154

DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154 DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154 PERCORSO NORMATIVO Art. 18, co. 1 e 2 del DL 27/07/05, n. 144, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio

Dettagli

Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica

Cam era dei D eputati S en a to della R epubblica Cam era dei D eputati 2 7 3 S en a to della R epubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. CCXVI N. 2 Letta l'in fo rm a tiv a autorizzo, ai sensi e per gli e ffe tti de! d.igs,

Dettagli

La delocalizzazione delle università statali italiane. Presentazione dei risultati della ricerca

La delocalizzazione delle università statali italiane. Presentazione dei risultati della ricerca La delocalizzazione delle università statali italiane Presentazione dei risultati della ricerca Obiettivi conoscitivi Descrivere il fenomeno della delocalizzazione universitaria; Analizzare il processo

Dettagli

IL SESSISMO NELLA LINGUA ITALIANA

IL SESSISMO NELLA LINGUA ITALIANA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA PARITÀ E LE PARI OPPORTUNITÀ TRA UOMO E DONNA IL SESSISMO NELLA LINGUA ITALIANA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L INFORM AZIONE E L EDITORIA COMMISSIONE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Protocollo N. 12470 /2012 Approvazione del modello di dichiarazione Unico 2012 PF, con le relative istruzioni, che le persone fisiche devono presentare nell anno 2012, per il periodo d imposta 2011, ai

Dettagli

Sviluppo Lazio S.p.A.

Sviluppo Lazio S.p.A. Sviluppo Lazio S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2012 1 BILANCIO CIVILISTICO AL 31.12.2012 2 PARTECIPANTI AL CAPITALE REGIONE LAZIO C.C.I.A.A. DI ROMA 3 ORGANI SOCIALI Consiglio di Amministrazione PRESIDENTE

Dettagli

1.3 - DATI TECNICI, DIMENSIONI E ATTACCHI IDRAULICI

1.3 - DATI TECNICI, DIMENSIONI E ATTACCHI IDRAULICI . - TI TII, ISII TTI IULII 8 fig. u a d ro co m a n d i cce s s o ca m e ra fu m o p e r p u iz ia S p ia co n tro o fia a a n d a ta ris ca d a m e n to ito rn o ris ca d a m e n to T tta cco v a s o

Dettagli