TRAINING AUTOGENO. E rivolto a tutte le donne che desiderano affrontare la gravidanza ed il parto con maggior serenità, equilibrio e benessere.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRAINING AUTOGENO. E rivolto a tutte le donne che desiderano affrontare la gravidanza ed il parto con maggior serenità, equilibrio e benessere."

Transcript

1 TRAINING AUTOGENO Il T.A. è una tecnica di rilassamento, di auto distensione somatica e psichica che permette di ridurre la tensione e di ripristinare uno stato di calma; inoltre permette di ottenere un recupero di energia e di promuovere un giusto equilibrio neuro-vegetativo. E utile a qualsiasi età per trovare giovamento in casi di: stress, ansia, insonnia, stanchezza, patologie psico-somatiche (cefalea, ipertensione, gastrite, asma ). E indicato anche nel lavoro per facilitare un recupero profondo e rapido delle energie, nello studio per potenziare la memoria ed aumentare la concentrazione, nello sport per migliorare le prestazioni sportive. E rivolto a tutte le donne che desiderano affrontare la gravidanza ed il parto con maggior serenità, equilibrio e benessere.

2 INTRODUZIONE Il training autogeno (T.A.) nasce come tecnica ideata dal dottor Schultz, neurologo e psichiatra, vissuto nel 1884 e morto nel Dopo molti anni di studi sull'ipnosi, Schultz formula una tecnica che consente di raggiungere un livello di rilassamento senza però l'ausilio di un terapeuta. L'essere in grado di raggiungere da soli questo stadio permette infatti di evitare che si sviluppi una certa dipendenza dal terapeuta. Con il T.A. si ha la massima autonomia del soggetto, che potremmo dire è terapeuta di sè stesso. ll T.A. cerca di auto-indurre volontariamente un attivazione dell' area trofotropica (sita nell'ipotalamo), mediante la ripetizione mentale di specifiche frasi o immagini. La stimolazione di quest aerea determina l attivazione del sistema parasimpatico con conseguenti fenomeni quali la riduzione del ritmo cardiaco, della frequenza respiratoria e del tono muscolare. Tutti questi fenomeni caratterizzano lo stato di rilassamento, o lo stato di metabolismo basale, ovvero il metabolismo che avrebbe il corpo in uno stato di assoluto riposo, senza nessuna attivazione fisica o mentale (quello per intenderci di un buon sonno ristoratore). In questa tecnica la coscienza conserva sempre uno stato di relativa vigilanza e non vi è perdita di coscienza. Questo stato di rilassamento permette che il corpo possa fare quello che naturalmente sa fare; ovvero ripristinare gli equilibri ideali a livello somatico e psicologico, dal ritmo cardiaco, alla respirazione, al ciclo sonno-veglia. Il Sistema Parasimpatico e i naturali sistemi di autoregolazione vengono messi nella condizione di agire nella maniera più efficace, liberi da qualsiasi condizionamento superfluo. Il training autogeno è finalizzato a raggiungere, con un metodo volontario, la condizione che si raggiunge spontaneamente con il sonno: questa condizione ha la funzione come abbiamo detto, di riparare, rigenerare e rivitalizzare l organismo. Il sonno tuttavia si raggiunge attraverso una commutazione psichica spontanea, e la sua funzione si verifica soltanto se la volontà cosciente è in uno stato di passività.

3 Allo stesso modo nel T.A., per raggiungere lo stato di commutazione autogena, è indispensabile concentrarsi sulle parti del proprio corpo tramite una concentrazione passiva. Una concentrazione cioè non mirata ad uno scopo, ma una concentrazione di contemplazione, di attesa passiva: si lascia accadere ciò che dovrà accadere. Sembra un paradosso, ma man mano si procede con l'apprendimento della tecnica gli effetti desiderati si produrranno da soli ( auto- genesis). Vi sono funzioni guidate da processi nervosi riflessi che si attivano o si intensificano se le funzioni volontarie si attenuano o tendono ad azzerarsi: la tecnica del training autogeno consiste dunque nel ridurre il più possibile le funzioni volontarie, l'attività e il controllo dell'io, in modo che i processi spontanei di distensione, rigenerazione, rivitalizzazione possano attivarsi. Il T.A. è composto da particolari esercizi che devono essere appresi in modo graduale e con allenamento costante. Quando ci si trova in uno stato di tensione, ansia o stress, si producono nel corpo e nella mente, particolari modificazioni che, se superano una certa soglia di tolleranza, possono provocare tensioni muscolari, spasmi viscerali, freddo in talune parti del corpo e alterazioni funzionali di meccanismi neurovegetativi, endocrini e umorali. In questa fase si può avere l impressione di essere sopraffatti dalle proprie emozioni e dai pensieri che riempiono la nostra mente. Gli esercizi previsti, permettono di migliorare, modificare, risolvere e normalizzare funzioni psichiche o somatiche alterate nel loro equilibrio originario. Il percorso degli esercizi permette di raggiungere un rilassamento muscolare, vascolare, una tranquillizzazione del battito cardiaco e di quello respiratorio, un rilassamento viscerale e una vasocostrizione a livello del capo che sono l'opposto dei dolori muscolari, delle mani fredde per l'agitazione, della tachicardia, del respiro affannoso e corto dell'ansia, degli spasmi intestinali e del cosiddetto "sangue che va alla testa".

4 ORIGINI E DIFFUSIONE DEL T.A. Il Training Autogeno è una tecnica ideata negli anni 30 da J.H.Schultz neurologo, psichiatra e studioso di ipnosi (Berlino, ). Il T.A. oltre ad essere figlio legittimo dell ipnosi risente positivamente della collaborazione che Schultz ha avuto con Voght, studioso anch egli dell ipnosi e del rilassamento frazionato: l incontro con Voght influenzò profondamente il T.A. di Schultz, ma le due tecniche si differenziavano per un elemento: il rilassamento frazionato prevede l eterosuggestione, cioè il ruolo del terapeuta che attraverso le parole induce lo stato di distensione nel soggetto (anche se la dipendenza è di molto attenuata rispetto all ipnosi). Shultz superò quest ostacolo ideando il T.A. che nasce come una tecnica autogena, cioè che si può perseguire da sé: ecco la vera novità del metodo. Questo passaggio dall eterosuggestione alla autogenicità del metodo è particolarmente importante in quanto il metodo di Voght così come altre tecniche condotte da uno specialista, non possono essere utilizzate autonomamente dal soggetto. Con il T.A. invece le cose cambiano: è uno strumento che una volta acquisito si può utilizzare autonomamente senza bisogno di intermediari. Dal 1932 anno di pubblicazione di Das Autogene Training (opera fondamentale di Schultz) ad oggi si è potuta rilevare una tale diffusione del metodo in molti paesi del mondo. L ampia diffusione della tecnica è dovuta soprattutto all opera divulgativa degli allievi di Schultz; tra i più famosi personaggi in ambito internazionale ricordiamo W. Luthe, H. Wallnofer, B. H. Hoffman, F. Kretschemer che hanno saputo estendere le possibilità applicative del T.A. dal campo strettamente clinico (medico e psicoterapico) a quello non clinico (rilassamento, sport, gravidanza, lavoro).

5 A CHI SI RIVOLGE Il T.A. può essere rivolto a coloro che: desiderano ottenere un rilassamento muscolare: aiuta a sciogliere le tensioni e perciò favorisce il miglioramento del proprio rendimento in tutte le attività. sentono il bisogno di alleviare il proprio livello di stress: aiuta a ristabilire un equilibrio nell organismo sia da un punto di vista neurofisiologico (regolazione ormonale) sia da un punto di vista psichico. sostengono dei ritmi lavorativi pesanti ed impegnativi - stress da lavoro -: il T.A. favorisce il recupero di energie e migliora la concentrazione favorendo il raggiungimento degli obiettivi prefissati; svolgono un attività sportiva: favorisce il recupero di energie e migliora la concentrazione contribuendo al conseguimento di alte prestazioni. Il T.A. è rivolto anche a tutte le donne che desiderano affrontare la gravidanza ed il parto con maggior serenità, equilibrio e benessere. Inoltre può essere rivolto a coloro che soffrono di disturbi psicosomatici: disturbi gastroenterici (gastrite, stipsi) disturbi cardiaci (tachicardia, bradicardia) disturbi respiratori (asma) disturbi dermatologici (psoriasi, pruriti) dolori (cefalea vasomotoria, dismenorrea) disturbi del sonno (insonnia) disturbi d ansia

6 LO STATO DI COSCIENZA NEL T.A. Nel T.A. si ha un alterazione dello stato di coscienza. Cos è lo stato di coscienza? E quel particolare stato in cui si trova una persona in determinati momenti. Lo stato di coscienza è determinato da due elementi: - La vigilanza - La consapevolezza La vigilanza è caratterizzata da uno stato di veglia che non necessariamente è associata alla consapevolezza di ciò che accade nel mondo che ci circonda. La consapevolezza consiste nell avere la percezione del mondo che ci circonda e nella condizione più evoluta del proprio essere. E, perciò, quell elemento che incide sulla modificazione qualitativa della coscienza (per es.: responsabilità di sé stessi, nei confronti del proprio stato di salute ) Nel T.A. di base l elemento che interessa è la vigilanza che incide sullo stato funzionale dell organismo. Nel T.A. il livello di vigilanza prevede, al fine di eseguire un esercizio con un buon esito, il raggiungimento di uno stato intermedio che sfrutta i vantaggi del torpore dato dalla sonnolenza collegandoli con una coscienza ancora vigile. Ciò significa che il pensiero è vigile, ma introspettivo, la concentrazione tesa cede il posto all attenzione fluttuante (concentrazione passiva). Nel T.A. il livello di vigilanza può anche diminuire; in questo caso è presente un pensiero onirico sotto forma di immagini determinate emotivamente, di visualizzazioni; i contatti con il mondo esterno sono interrotti, il pensiero è determinato dalle emozioni, dagli istinti. Durante il T.A. l alterazione dello stato di coscienza fa si che si arriva ad uno stato autogeno durante il quale, da un punto di vista fisiologico, si verifica un cambiamento a livello di onde cerebrali; nello stato autogeno sono presenti le onde theta ed alfa. Le onde theta sono proprie della mente impegnata in attività di immaginazione, visualizzazione, ispirazione creativa; tendono ad essere prodotte durante la meditazione profonda. Le onde alfa sono associate ad uno stato di coscienza vigile, ma rilassata. La mente calma e ricettiva è concentrata sulla soluzione di problemi esterni o sul raggiungimento di uno stato meditativo leggero. Le onde alfa dominano nei momenti introspettivi o in quelli in cui più acuta è la concentrazione per raggiungere un obiettivo preciso.

7 LA COMMUTAZIONE AUTOGENA L alterazione dello stato di coscienza che vive il soggetto durante il training fa si che il T.A. non sia solamente un ottima e diffusa tecnica di rilassamento; il rilassamento è solo il primo gradino di un percorso che può condurre al miglioramento del proprio rendimento in tutte le attività, aiuta a sciogliere le tensioni e ad eliminare molte disfunzioni psichiche e comportamentali. Si parte, dunque, da modificazioni muscolari per ottenere una trasformazione nella sfera psichica e vegetativa. Per spiegare la commutazione autogena si parte dall esplicitare il significato letterale di Training Autogeno: - Training vuol dire addestramento, allenamento, formazione, esercizio; - Autogeno vuol dire che si genera da sé. Che cos è che si genera da sé attraverso il training autogeno? Si genera quella che viene chiamata commutazione autogena. La commutazione autogena è un cambiamento psicofisico globale che produce modificazioni fisiologiche e psichiche in noi stessi. Gli stati di coscienza considerati normali dalla nostra società sono la veglia, il sonno ed il sogno. Consideriamo lo stato di veglia e il rilassamento come gli estremi opposti: Si può produrre la commutazione autogena attraverso una serie di esercizi di seguito illustrati.

8 I SEI ESERCIZI DEL T.A. La caratteristica fondamentale di questo metodo è di ottenere attraverso esercizi mentali modifiche corporee, che a loro volta sono in grado di influenzare la sfera psichica dell individuo (unità mente-corpo). Il T.A. si realizza attraverso una serie di esercizi durante i quali l individuo impara a ripetersi mentalmente determinate formule che si riferiscono a specifiche zone e/o organi del corpo. Per accedere ai seguenti esercizi è necessario creare una condizione di calma; si potrebbe pensare al T.A. come ad un treno composto da un locomotore (calma) che traina sei vagoni (gli esercizi) esercizio della pesantezza che produce uno stato di ipotonia muscolare, cioè rilassamento dei muscoli; esercizio del calore che produce una vasodilatazione periferica, con il conseguente aumento del flusso sanguigno; esercizio del cuore che produce un miglioramento della funzione cardiovascolare; esercizio del respiro che produce un miglioramento della funzione respiratoria; esercizio del plesso solare che produce un aumento del flusso sanguigno in tutti gli organi interni; esercizio della fronte fresca che produce una leggera vasocostrizione nella regione encefalica.

9 CARATTERISTICHE DEL T.A. Il Training Autogeno è una tecnica che prevede: la ripetizione di formule standard; l assunzione di una determinata postura; una particolare concentrazione denominata concentrazione passiva; la disponibilità all introversione-introspezione (disponibilità ad essere in contatto con sé stessi); un allenamento costante e sistematico (training = allenamento).

10 1. Ripetizione di formule standard Come già detto, il T.A. consiste nella ripetizione di formule standard; le formule si riferiscono a specifiche zone e/o organi del corpo. La ripetizione mentale della formula determina una modificazione corporea che a sua volta è in grado di influenzare la psiche. Ciò è possibile perché l organismo umano è un unità biopsichica; mente e corpo non sono componenti autonome bensì sono strettamente correlate, in un rapporto di influenza reciproca pertanto è possibile attraverso attività mentali produrre modifiche di funzioni organiche. Per esemplificare quanto detto, ossia per dimostrare il legame e l influenza tra mente e corpo, si potrebbe pensare alla situazione in cui la sola idea di un buon pranzo può stimolare vere e proprie modificazioni fisiologiche quali la salivazione -acquolina in bocca- e secrezione gastrica. In sostanza sia che si mangi il cibo sia che se lo immagini solamente, il corpo reagisce nello stesso modo. Il T.A. funziona secondo la medesima logica: l idea procura una modificazione fisiologica. Ad esempio: dall esercizio della pesantezza, la formula il braccio destro è pesante : ciò significa che l idea di avere il braccio destro pesante determina delle modificazioni fisiologiche ossia il muscolo si rilassa riuscendo ad avvertire così la pesantezza; per ottenere lo stato di pesantezza è necessario ripetere più volte mentalmente la formula e fare esercizio. Da un punto di vista neurofisiologico, accade che la ripetizione mentale della formula provoca degli impulsi non solo sull organo o sui muscoli direttamente interessati dalla formula, ma anche in una serie di muscoli non direttamente interessati.

11 2. Assunzione di una determinata postura Tre sono le posizioni in cui si può praticare il T.A.: - La posizione supina: la più idonea perché si avvicina di più a quella richiama uno stato di rilassamento; infatti è la posizione che si assume quando si va a dormire e quindi quando l intenzione è quella di far riposare e rilassare il corpo. - La posizione a poltrona: richiede l ausilio di una poltrona; rispetto alla posizione supina favorisce l esecuzione del training in un maggior numero di luoghi; questa posizione può essere adottata da tutti; - La posizione del cocchiere: si ottiene utilizzando una sedia o sfruttando un gradino o simile; tale posizione ricorda quella assunta dai cocchieri quando si addormentavano sulle carrozze. Questa posizione è sconsigliata per coloro che soffrono di scoliosi. Ognuno deve trovare quella a lui più consona. 3. Concentrazione passiva Per concentrazione si intende generalmente l attivo rivolgersi dell attenzione su determinati oggetti. Nel T.A. il termine concentrazione assume un significato diverso; la concentrazione passiva sottende il rivolgersi verso un processo in modo disteso e spontaneo; il concetto può essere espresso riprendendo l immagine di una candela: questa infatti illumina, anche se debolmente, tutto ciò che la circonda. Per assumere un giusto atteggiamento di passività mentale si deve acquisire una disposizione di non volontà lasciando che tutto accada come se si fosse spettatori di sé stessi. Ogni tentativo forzato di raggiungere una meta, quale il rilassamento o la pesantezza, finisce per produrre l effetto contrario.

12 4. Disponibilità all introversione Le caratteristiche della cultura occidentale hanno condotto l individuo ad assumere un atteggiamento estremamente estroverso. Egli vive per il mondo esterno; il suo mondo interiore tende ad atrofizzarsi; spesso alcune qualità che ognuno di noi ha posseduto da bambino vengono represse; la spontaneità infantile viene sostituita dal comportamento convenzionale, la fantasia e l inventiva vengono sostituiti da sistemi astratti o accantonati. Il T.A. permette il recupero dell introspezione, ed in prima battuta lo fa attraverso la percezione del proprio vissuto corporeo. Schultz prevede che si arrivi ad avere coscienza del proprio corpo in modo progressivo, ossia iniziando da quelle parti di sé di cui si ha una buona rappresentazione e di conseguenza una maggior coscienza; perciò si inizierà a percepire: la muscolatura striata (ossia dei muscoli volontari che permettono i movimenti del corpo muoversi, ballare, scrivere, ecc.); seguirà la percezione del sistema cardio-vascolare del quale si ha una rappresentazione ed una coscienza meno vivida (per es. normalmente non si avverte il battito cardiaco a meno che non vi porgiamo attenzione); seguirà la percezione del sistema neurovegetativo (comprende fenomeni come la respirazione, la dilatazione pupillare, i movimenti dello stomaco..); del sistema neurovegetativo si ha una rappresentazione ed una coscienza ancor meno vivida, tant è che ci accorgiamo che stiamo respirando solo per brevi momenti durante la giornata, per non parlare poi della dilatazione pupillare o dei movimenti dello stomaco. Quindi la percezione del proprio corpo avviene dall esterno verso l interno del corpo o dagli strati più superficiali a quelli più interni del nostro corpo. Schultz, in linea con quanto sopra detto, ha formulato la teoria dell IO-CORPO in base alla quale l IO è posto al centro di un sistema di cerchi concentrici che rappresentano i diversi livelli di coscienza; da quelli di cui abbiamo maggior coscienza a quelli di cui ne abbiamo meno.

13 5. Allenamento costante Il T.A. è una tecnica modesta dal punto di vista applicativo (una volta appreso, una persona è davvero in grado di fare il T.A. in modo autonomo), ma l elemento che assolutamente non può deficitare è il costante allenamento; perché è così importante l allenamento? il costante allenamento permette che si instauri l associazione tra la formula pronunciata mentalmente e gli effettivi riscontri fisiologici. Esempio: formula standard il braccio destro è pesante. Per favorire la percezione fisica della pesantezza è necessario che si instauri il collegamento tra la mente ed il corpo e questo si realizza solo con l allenamento; infatti difficilmente si riuscirà a sentire sin dal primo esercizio la pesantezza del braccio, ma sicuramente si arriverà a percepirla con il tempo, tempo che può essere variabile da persona a persona (una persona può sentire la pesantezza al secondo esercizio, un altra al settimo esercizio). Com è possibile che in corrispondenza di una determinata formula avvengano dei reali cambiamenti fisiologici? Il principio che sta alla base è quello dell ideoplasia; ossia la sola idea di un movimento produce il movimento stesso; la rappresentazione mentale è quasi sempre accompagnata da minimi impulsi motori inconsapevoli che determinano la percezione. Esempio: se tra le dita, con il braccio semi alzato e rilassato viene tenuto un filo, piegato a metà, al cui centro vi è un anello e si pensa solo mentalmente che il pendolo inizi a muoversi da dx verso sx o in senso orario, lo si vedrà gradualmente spostarsi nella direzione pensata.

14 T.A. e SISTEMA NERVOSO Il T.A. può essere utilizzato per equilibrare il Sistema Nervoso Autonomo, anche chiamato Sistema Vegetativo, che è quel sistema che controlla gli organi interni involontari (cuore, polmoni, bronchi). Il Sistema Vegetativo si divide in Sistema Nervoso Simpatico e Sistema Nervoso Parasimpatico; le funzioni di questi due sistemi sono antagoniste e complementari; quasi ogni organo è controllato da ambedue i sistemi. Esempio: per quanto riguarda la frequenza cardiaca il simpatico è responsabile dell accelerazione del battito cardiaco ed il parasimpatico è responsabile del rallentamento. Quando in un organo i due sistemi agiscono in egual misura si delinea una situazione di equilibrio, viceversa quando in un organo prevale l uno o l altro sistema si delinea una situazione di squilibrio che determina un disturbo; o meglio, quando per un lungo periodo di tempo i due sistemi non sono in equilibrio ci si ammala. Con il T.A. si ha la possibilità di equilibrare il Sistema Nervoso Vegetativo attraverso una messa a riposo del Simpatico, il sottosistema responsabile di buona parte delle attivazioni fisiologiche (aumento del battito cardiaco, innalzamento della pressione sanguigna, aumento del tono muscolare, accelerazione del ritmo respiratorio ). Questa messa a riposo del Simpatico, a livello neurofisiologico, è possibile attraverso la regolazione di particolari ormoni (adrenalina, noradrenalina, cortisolo); questi ormoni, in particolari situazioni, per es. in situazioni di stress, vengono rilasciati in eccesso dall organismo, ed attraverso il T.A. è possibile riportarli nella norma e ristabilire un certo equilibrio nell organismo. Nello specifico, durante il T.A. si verifica una diminuzione della produzione di adrenalina, noradrenalina, e del cortisolo. Diminuzione della produzione di adrenalina e noradrenalina. L adrenalina è un ormone che viene rilasciato in eccesso dalle ghiandole surrenali in situazioni di particolare stress, generalmente per affrontare un pericolo imminente. In queste situazioni la pressione sanguigna ed i battiti cardiaci aumentano d'intensità, il cuore pompa più sangue e quindi si ha una maggior irrorazione sanguigna di muscoli e cervello. Crescono eccitazione e concentrazione, mentre sono inibite altre funzioni come la digestione, la riproduzione cellulare e la risposta all'infiammazione, meno importanti in quel momento (quindi vi è una maggior attivazione del Sistema Simpatico rispetto al Parasimpatico). Una volta finito il pericolo la concentrazione di questi due ormoni dovrebbe calare fino a tornare a livelli normali.

15 Quando situazioni stressanti perdurano nel tempo l organismo si trova troppo spesso a liberare l adrenalina. In queste situazioni il Training Autogeno aiuta l organismo a ristabilire un equilibrio neurofisiologico (regolazione della produzione ormonale) che si riflette positivamente sulla psiche e sul benessere della persona. Diminuzione della produzione di cortisolo. Il cortisolo è un ormone rilasciato in eccesso dall organismo (corticale del surrene) in situazioni di stress e stile di vita frenetico. Il cortisolo stimola il fegato a rilasciare glucosio nel sangue per permettere all'organismo di affrontare il momento di bisogno con maggiori risorse energetiche. Se lo stress, però, diventa continuo nel tempo, il cortisolo da utile baluardo dei nostri bisogni diventa sostanza dannosa capace di "corrodere" le funzioni più importanti del nostro organismo. L'eccesso di glucosio provoca alterazioni nella produzione d'insulina e manda in tilt l'equilibrio ormonale. Un'alterazione della produzione di glucosio può portare al diabete. Inoltre ci può anche essere un rischio cardiovascolare dal momento che vengono rilasciate nel sangue maggiori quantità di grassi che a lungo andare provocano un aumento di colesterolo e trigliceridi. L'eccesso di quest'ormone ha come sintomi stanchezza, osteoporosi, iperglicemia, diabete mellito tipo II, perdita di tono muscolare e cutaneo, colite, gastrite, impotenza, perdita della libido, aumento della pressione arteriosa, depressione, apatia, euforia, diminuzione della memoria. Concludendo, si può dire che attraverso il T.A. sia possibile modificare il tono vegetativo; per realizzare questo è necessario un lungo allenamento perché solo con l allenamento si può rinforzare il ponte mente-corpo ; questo dialogo tra le due parti favorisce, sia l ottenimento di uno stato di rilassamento muscolare sia la creazione di un equilibrio del sistema vegetativo attraverso la regolazione degli ormoni. Tutto ciò è possibile perché lo stato autogeno che si raggiunge durante il training e la ripetizione degli esercizi fanno sperimentare al soggetto la calma, il rilassamento muscolare, un regolare ritmo respiratorio e cardiaco, ossia fanno vivere al soggetto quelle situazioni-condizioni favorevoli e necessarie sia a livello neurofisiologico che psichico per contrastare situazioni di tensione e stress che ogni persona vive nella propria vita.

16 T.A. e SFERA EMOTIVA Il T.A. coinvolge anche la sfera emotiva: la distensione vegetativa conduce allo smorzamento delle risonanze affettive. Gli stati emotivi conducono a tensioni nella muscolatura scheletrica, viscerale e vascolare, così anche la distensione dei vari muscoli, collegata alla sedazione dell attività cardiaca, della respirazione e dell attività digestiva, provoca un induzione di calma, cioè uno smorzamento delle risonanze affettive. Nella distensione ottenuta con l esercizio di T.A. gli stati emotivi sono meno intensi; le reazioni agli eventi esterni più tranquille; l intelletto e la ragione non sono più sopraffatti da essi. Altrettanto importante è l inibizione preventiva (anticipatoria) delle reazioni emotive. Comunque non bisogna fraintendere: lo smorzamento dell affettività non è un appiattimento o un impoverimento dei sentimenti e delle emozioni, al contrario: esso serve solo ad eliminare o a calmare le manifestazioni troppo intense ed eccessive, le quali sotto forma di ondate hanno il potere di sopraffare temporaneamente tutta la restante affettività. E necessario perciò sedare solo quelle oscillazioni affettive intense; una volta che questi disturbi sono stati eliminati, affiora un gran numero di sentimenti sottili e profondi che prima erano stati travolti dal turbine degli affetti traboccanti. Questo è un altro paradosso del T.A.: le sensazioni e le esperienze emotive dell uomo vengono sollecitate impedendo il sopravvenire di emozioni troppo intense.

17 CONCLUSIONI Il Training Autogeno ha l intento di rendere le persone in grado di raggiungere uno stato di benessere e di rilassamento in modo facile ed autonomo. Stimola un attitudine alla calma ed all ascolto del proprio corpo e delle proprie sensazioni, lasciando accadere ogni cosa: il nostro organismo ha in sé tutto il potenziale per attuare una trasformazione e raggiungere uno stato di benessere. Un viaggio all interno di sé stessi, che tutti possono compiere per prevenire malattie e disturbi psicosomatici, combattere la stanchezza ed il carico di stress, migliorare le proprie prestazioni fisiche.

Training autogeno. G. Larghi 2

Training autogeno. G. Larghi 2 TRAINING AUTOGENO Una piacevole tecnica di autorilassamento per recuperare in modo immediato uno stato di completo benessere fisico e mentale. G. Larghi 1 Training autogeno È un metodo di autodistensione

Dettagli

Training autogeno. Approccio occidentale. Approccio orientale Arti marziali. Il Benessere Nelle Organizzazioni Tecniche di rilassamento

Training autogeno. Approccio occidentale. Approccio orientale Arti marziali. Il Benessere Nelle Organizzazioni Tecniche di rilassamento Approccio occidentale Training autogeno Ipnosi Approccio orientale Meditazione guidata Arti marziali 1 Il training Autogeno IlTraining Autogeno è un metodo pratico che agisce sull unità psico somatica

Dettagli

CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non

CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA OVVERO IL TRAINING AUTOGENO. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non Sempre è facile come dirlo. Spesso abbiamo

Dettagli

CORSO DI TRAINING AUTOGENO DI J.H. SCHULTZ ( Relativo ai 6 esercizi somatici di base o ciclo inferiore)

CORSO DI TRAINING AUTOGENO DI J.H. SCHULTZ ( Relativo ai 6 esercizi somatici di base o ciclo inferiore) CORSO DI TRAINING AUTOGENO DI J.H. SCHULTZ ( Relativo ai 6 esercizi somatici di base o ciclo inferiore) Il training autogeno di Schultz è una tecnica antistress, consistente nel riequilibrio dei sistemi

Dettagli

Cos e il training autogeno

Cos e il training autogeno Cos e il training autogeno Il training autogeno, largamente conosciuto e diffuso in tutto il mondo come tecnica di rilassamento, è un metodo di aiuto psicosomatico elaborato dallo studioso di origine berlinese

Dettagli

Dr. Annalisa Barbier, PhD - Psicologo Clinico

Dr. Annalisa Barbier, PhD - Psicologo Clinico Dr. Annalisa Barbier, PhD - Psicologo Clinico TECNICHE DI RILASSAMENTO Le tecniche di rilassamento sono finalizzale alla RIDUZIONE DELLA TENSIONE ATTRAVERSO IL CONTROLLO DI ALCUNE FUNZIONI FISIOLOGICHE

Dettagli

occorre concedere pause di rilassamento al nostro corpo.. alla nostra mente..

occorre concedere pause di rilassamento al nostro corpo.. alla nostra mente.. Fatica, stress, tensioni fanno ormai parte della nostra vita quotidiana occorre concedere pause di rilassamento al nostro corpo.. alla nostra mente.. Alla serenità nulla contribuisce meno della ricchezza

Dettagli

AssoPsicologi. Il Training Autogeno tra tensione e distensione. Prima parte. Dott. Massoli Mirko

AssoPsicologi. Il Training Autogeno tra tensione e distensione. Prima parte. Dott. Massoli Mirko Il Training Autogeno tra tensione e distensione. Prima parte. Dott. Massoli Mirko Il Training Autogeno è una tecnica di rilassamento ideata nella prima metà del ventesimo secolo dal neurologo e psichiatra

Dettagli

CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO

CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO Il concetto di salute ha subito importanti modificazioni negli ultimi tempi, come indica la definizione dell OMS

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING Il biofeedback consiste nella retroazione di un processo fisiologico, rilevato su una persona, che normalmente si svolge fuori

Dettagli

LE TECNICHE UTILIZZATE

LE TECNICHE UTILIZZATE STUDIO DI PSICOLOGIA PESCARA DR. LUCA DI VENANZIO PSICOLOGO Il benessere è un tuo diritto! LE TECNICHE UTILIZZATE! ! Lo studio psicologico del Dr. Di Venanzio si occupa degli interventi di sostegno psicologico

Dettagli

Dott. Roberto Baldini

Dott. Roberto Baldini Dott. Roberto Baldini La frenesia della vita moderna si è ormai impossessata pure dei nostri momenti di libertà, e godiamo in maniera nervosa e faticosa esattamente come quando lavoriamo. La parola d ordine

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Sommario. CAPITOLO 1 7 Per sciogliere tensioni, ansia e stress. CAPITOLO 2 37 Tecniche e metodi di rilassamento

Sommario. CAPITOLO 1 7 Per sciogliere tensioni, ansia e stress. CAPITOLO 2 37 Tecniche e metodi di rilassamento Sommario CAPITOLO 1 7 Per sciogliere tensioni, ansia e stress CAPITOLO 2 37 Tecniche e metodi di rilassamento CAPITOLO 3 75 I segreti per rilassarsi in casa CAPITOLO 4 115 Per allentare la tensione sul

Dettagli

i 6 esercizi somatici di base 60 ORE TEORICO-PRATICHE GENNAIO 2015 - APRILE 2015

i 6 esercizi somatici di base 60 ORE TEORICO-PRATICHE GENNAIO 2015 - APRILE 2015 XXIII EDIZIONE FORMAZIONE A CURA DELLA PROF.SSA LINA ISARDI A.A. 2014/2015 MASTER BREVE DI PRIMO LIVELLO SPECIALIZZAZIONE POST-LAUREA IN OPERATORE DI TRAINING AUTOGENO di I.H. SCHULTZ i 6 esercizi somatici

Dettagli

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia Docente: Paolo Barelli Disturbi d ansia Funzioni Della Vita Psichica (Rappresentazione Del Modo Di Essere Della Persona) Controllo e soddisfazione istinti Controllo attività motoria Intelligenza Ansia

Dettagli

Orologio degli Organi, Orari Migliori per Stimolare l Organismo ed Emozioni Collegate

Orologio degli Organi, Orari Migliori per Stimolare l Organismo ed Emozioni Collegate tuttosalute.net Orologio degli Organi, Orari Migliori per Stimolare l Organismo ed Emozioni Collegate I disturbi che si manifestano in particolari ore della giornata rimandano a determinati organi che

Dettagli

Ansia tra normalità e patologia

Ansia tra normalità e patologia Ansia tra normalità e patologia Introduzione: lo stress Il termine stress indica la reazione fisiologica causata dalla percezione di situazioni avverse o minacciose. E un termine mutuato dall ingegneria,

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Prefazione... 7 Che cosa offre questo libro... 13 Esecuzione dello... 29

Prefazione... 7 Che cosa offre questo libro... 13 Esecuzione dello... 29 Indice Prefazione...7 Che cosa offre questo libro...13 Che cos è lo Yoga Nidra?... 17 Swami Satyananda Saraswati... 19 Effetti dello Yoga Nidra... 20 A chi serve?... 22 Che cosa succede di preciso?...

Dettagli

SCHEDA DESCRITTIVA DELLE PRESTAZIONI

SCHEDA DESCRITTIVA DELLE PRESTAZIONI FISIOTERAPIA Operatori: Fisioterapisti L intervento fisioterapico in ambito psichiatrico si basa sull assunto che il corpo sia implicato nei processi correlati ai disturbi psichici: il corpo è il nostro

Dettagli

Prof. Giuseppe Maiolo psiconalista www.giuseppemaiolo.it

Prof. Giuseppe Maiolo psiconalista www.giuseppemaiolo.it LO STRESS cos è e come fronteggiarlo relazione del 03.09.12 Scuola Materna 1 circolo didattico Prof. Giuseppe Maiolo psiconalista www.giuseppemaiolo.it ANSIA Particolare stato di tensione sia mentale che

Dettagli

Tabacco, alcool, droghe

Tabacco, alcool, droghe Tabacco e prestaziome Tabacco, alcool, droghe Essere in pieno possesso delle proprie capacità cardio respiratorie e muscolari è indispensabile per la pratica di uno sport, qualunque esso sia. Alcune sigarette

Dettagli

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento L ansia, è ciò che permette all uomo di sopravvivere: parleremo in questo caso di ansia reale che viene utilizzata per segnalare un pericolo interno (proveniente dal mondo inconscio), o esterno (proveniente

Dettagli

Corso Di Formazione in Scienze Algologiche ISAL BASI FARMACOLOGICHE E GESTIONALI NELLA TERAPIA DEL DOLORE Rimini, 16-17

Corso Di Formazione in Scienze Algologiche ISAL BASI FARMACOLOGICHE E GESTIONALI NELLA TERAPIA DEL DOLORE Rimini, 16-17 Corso Di Formazione in Scienze Algologiche ISAL BASI FARMACOLOGICHE E GESTIONALI NELLA TERAPIA DEL DOLORE Rimini, 16-17 17-1818 Marzo 2004 Tecniche ipnotiche nel controllo del dolore" Dr. Carlo Antonelli

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY SPORT PEAK PERFORMANCE

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY SPORT PEAK PERFORMANCE BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY SPORT PEAK PERFORMANCE Gestire le risorse cognitive per ottimizzare i risultati Il meccanismo neuroscientifico di base che supporta l allenamento mentale è la plasticità

Dettagli

Cosa avviene nel corpo:

Cosa avviene nel corpo: Stress ed emozioni STRESS ed EMOZIONI Ogni qual volta una persona si trova dinanzi ad un pericolo nel suo organismo avviene un processo di attivazione, cioè la produzione di molte energie che scatta nel

Dettagli

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali HORMONAL PROFILES Valutazione degli equilibri ormonali Quando l organismo è sottoposto a malattie, infiammazione, sforzi fisici, stili di vita scorretti, oppure durante periodi particolari della vita (menopausa,

Dettagli

Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici

Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici Box. 3.1-3.2-3.3 Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici Le onde della veglia Quando l individuo

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

resistenza di esaurimento Da che cosa dipende l effetto finale Stressor stress fisici metabolici psicologici psicosociali

resistenza di esaurimento Da che cosa dipende l effetto finale Stressor stress fisici metabolici psicologici psicosociali Stress Lo stress è una delle malattie tipiche del nostro tempo, della nostra società. Parliamo di stress perchè è il fenomeno più emblematico e significativo quando si vogliono comprendere i fattori che

Dettagli

Test di Autovalutazione

Test di Autovalutazione Test di Autovalutazione Il test può essere fatto seguendo alcune semplici indicazioni: Nelle aree segnalate (risposta, domanda, spazio con la freccia,) sono collocati già dei comandi Con un click del mouse

Dettagli

Sistema nervoso autonomo

Sistema nervoso autonomo Sistema nervoso autonomo Provvede alla regolazione delle funzioni viscerali dell organismo, finalizzate al mantenimento dell omeostasi del mezzo interno L omeostasi è mantenuta grazie all equilibrio tra

Dettagli

Realizzato da: S.Abbinante G. Basile

Realizzato da: S.Abbinante G. Basile Realizzato da: S.Abbinante G. Basile Struttura del sistema nervoso Il sistema nervoso è costituito da neuroni, cioè cellule nervose specializzate,che trasferiscono segnali nelle varie parti del corpo.

Dettagli

Note introduttive sullo Scenar

Note introduttive sullo Scenar Note introduttive sullo Scenar Informazioni estratte da letture di Dott. A.N.Revenko, dott.ssa G.V.Subbotina, Dott. I.V.Semikatov Una delle più frequenti domande che ci sentiamo porre dai pazienti è: quale

Dettagli

N 15 IL SISTEMA NERVOSO

N 15 IL SISTEMA NERVOSO N 15 IL SISTEMA NERVOSO Il sistema nervoso può essere distinto in due grandi parti: sistema nervoso centrale (SNC); sistema nervoso periferico (SNP), al quale appartiene una terza componente, il sistema

Dettagli

Dott.ssa Giovanna Caruana

Dott.ssa Giovanna Caruana Dott.ssa Giovanna Caruana PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA FUNZIONALE LO STRESS CRONICO: CONOSCERLO, PREVENIRLO E CURARLO di Giovanna Caruana Ha senso parlare ancora di stress? In fondo se ne parla tanto, la

Dettagli

RIPOSO-SONNO DOTTORESSA MONICA GIOVANNA IACOBUCCI

RIPOSO-SONNO DOTTORESSA MONICA GIOVANNA IACOBUCCI DOTTORESSA MONICA GIOVANNA IACOBUCCI DEFINIZIONE È uno stato in cui diminuisce la capacità di reazione agli stimoli e la capacità percettiva. DURATA MEDIA Sonno: 7-8 ore; Riposo: 30 minuti - 1 ora. VARIAZIONI

Dettagli

CHE STRESS! E non so nemmeno cos è

CHE STRESS! E non so nemmeno cos è Organismo Paritetico Provinciale STRESS LAVORO CORRELATO CHE STRESS! E non so nemmeno cos è Scheda tecnica redatta da: Dott. Mauro Scartazza Consulente Salute Sicurezza e Igiene degli Alimenti Speciale

Dettagli

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia L equilibrio armonico tra mente e corpo CRM Terapia Corpo e mente in perfetta armonia, per ritrovare la salute Dopo anni di ricerca nella prevenzione e cura

Dettagli

TRAINING AUTOGENO. di I.H. Schultz. Dr. PaoloGiovanni Monformoso

TRAINING AUTOGENO. di I.H. Schultz. Dr. PaoloGiovanni Monformoso Il TRAINING AUTOGENO di I.H. Schultz Dr. PaoloGiovanni Monformoso Iohannes Heinrich Schultz Chi è Cosa faceva Perché il TA Cos è Training Autogeno inferiore non è solo una tecnica, ma un modello. È la

Dettagli

- training autogeno -

- training autogeno - Rilassamento - training autogeno - Spesso lo stress e le tensioni che vengono accumulate quotidianamente finiscono con l'esplodere nei momenti meno opportuni, compromettendoli. Queste esplosioni, che nella

Dettagli

CONOSCERE E GESTIRE LO STRESS Metodologia e tecniche per migliorare la qualità della vita e del lavoro

CONOSCERE E GESTIRE LO STRESS Metodologia e tecniche per migliorare la qualità della vita e del lavoro CONOSCERE E GESTIRE LO STRESS Metodologia e tecniche per migliorare la qualità della vita e del lavoro Workshop di 2 giorni con Teresanna Bertolotti, psicologa del lavoro e counsellor. e Federica Gazzano,

Dettagli

LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE. Relatore: Enrico Barcaioli

LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE. Relatore: Enrico Barcaioli LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE Relatore: Enrico Barcaioli LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE È UNA TECNICA DI INTERVENTO MANUALE CHE AGISCE ATTRAVERSO I PIEDI E CONSENTE ALLA PERSONA DI RITROVARE L EQUILIBRIOL PSICO-FISICO

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Depressione: principi di nursing

Depressione: principi di nursing Depressione: principi di nursing Funzioni Della Vita Psichica (Rappresentazione Del Modo Di Essere Della Persona) Controllo e soddisfazione istinti Controllo attività motoria Intelligenza Ansia Attenzione-Vigilanza

Dettagli

INSIGHT. IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario. Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo

INSIGHT. IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario. Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo OTTIMA COMPETENZA PROFESSIONALE CAPACITA DI PROBLEM SOLVING CAPACITA DI CONCENTRAZIONE

Dettagli

PROGETTO BUTOKU 360 supporto allo studio, ascolto e benessere

PROGETTO BUTOKU 360 supporto allo studio, ascolto e benessere PROGETTO BUTOKU 360 supporto allo studio, ascolto e benessere Il PROGETTO BUTOKU 360: supporto allo studio, ascolto e benessere è un progetto ideato dall A.S.D. BUTOKU KARATE- DO di Solaro, Associazione

Dettagli

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO La NEUROPSICOLOGIA studia le relazioni tra i COMPORTAMENTI e l attività del SISTEMA NERVOSO APPRENDIMENTO MOTIVAZIONE SONNO MEMORIA EMOZIONI VEGLIA LINGUAGGIO Parti del Sistema Nervoso Centrale Encefalo

Dettagli

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO 1 IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO Nonostante il progresso della conoscenza e delle tecnologie sappiamo ancora molto poco sul funzionamento del nostro cervello e sulle sue possibilità tanto che, fra gli

Dettagli

Il Sistema Nervoso Autonomo (SNA)

Il Sistema Nervoso Autonomo (SNA) Il Sistema Nervoso Autonomo (SNA) Il SNA innerva i seguenti organi e tessuti effettori: Il muscolo cardiaco, le cellule muscolari lisce dei vasi ematici, il canale alimentare (cellule muscolari lisce e

Dettagli

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO Risposta generale aspecifica dell organismo a richieste provenienti dall ambiente esterno Ordine degli Psicologi di Basilicata Ad un stimolo stressogeno si risponde con:

Dettagli

CONCENTRAZIONE E MEDITAZIONE

CONCENTRAZIONE E MEDITAZIONE CONCENTRAZIONE E MEDITAZIONE Dr. Rachele Nanni - Psicoterapeuta, Neuropsicologa MINDFULNESS MEDITAZIONE COME PRATICA DI CONSAPEVOLEZZA Con il termine meditazione intendo qui un insieme di tecniche atte

Dettagli

Progettato da Nicoletta Fabrizi

Progettato da Nicoletta Fabrizi Progettato da Nicoletta Fabrizi SNC è formato dall encefalo e dal midollo spinale,che costituisce un importante collegamento tra l encefalo stesso e il resto del corpo. Il midollo spinale comunica con

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI

LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI Il concetto di stress ha un ruolo fondamentale nella comprensione delle manifestazioni psicosomatiche. Nella sua formulazione il concetto di stress permette di vedere

Dettagli

Consigli sul riscaldamento e sull ansia agonistica

Consigli sul riscaldamento e sull ansia agonistica Consigli sul riscaldamento e sull ansia agonistica IL RISCALDAMENTO Il riscaldamento è l attività che introduce il lavoro motorio vero e proprio, preparando gradualmente l organismo al passaggio dalla

Dettagli

Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva

Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva benefici Rimodellamento della postura scheletrica Rilassamento psico-fisico Rilassamento muscolare Potenziamento muscolare Abbattimento dello stress Accrescimento

Dettagli

Il massaggio del bambino non è una tecnica, è un modo di stare con il proprio bambino.

Il massaggio del bambino non è una tecnica, è un modo di stare con il proprio bambino. A.I.M.I SSO Il massaggio del bambino non è una tecnica, è un modo di stare con il proprio bambino. Il massaggio del bambino è un antica tradizione presente nella cultura di molti paesi. Recentemente è

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

Ansia e stress nelle prestazioni. s.dinuovo@unict.it

Ansia e stress nelle prestazioni. s.dinuovo@unict.it Ansia e stress nelle prestazioni s.dinuovo@unict.it Ansia nelle prestazioni Ansia nelle prestazioni ATTIVAZIONE Ansia nelle prestazioni L ansia: facilita l apprendimento nella misura in cui lo attiva

Dettagli

SCUOLA DI FORMAZIONE BIENNALE IN TECNICHE DEL MASSAGGIO

SCUOLA DI FORMAZIONE BIENNALE IN TECNICHE DEL MASSAGGIO SCUOLA DI FORMAZIONE BIENNALE IN TECNICHE DEL MASSAGGIO 11 week-end Il sabato e domenica dalle 9:00 alle 18:00 Frequenza obbligatoria PROGRAMMA DEL PRIMO ANNO Un weekend al mese da settembre a giugno più

Dettagli

Turbe del sistema nervoso, coma, epilessia,il soggetto con crisi ipoglicemica e iperglicemica, segni e sintomi di altre patologie mediche in funzione

Turbe del sistema nervoso, coma, epilessia,il soggetto con crisi ipoglicemica e iperglicemica, segni e sintomi di altre patologie mediche in funzione Turbe del sistema nervoso, coma, epilessia,il soggetto con crisi ipoglicemica e iperglicemica, segni e sintomi di altre patologie mediche in funzione di una corretta gestione del soccorso Corso BASE Relatore:

Dettagli

I cinque elementi. Il Sud è lo Yang massimo, il mezzogiorno, all estate, al fuoco.

I cinque elementi. Il Sud è lo Yang massimo, il mezzogiorno, all estate, al fuoco. I cinque elementi La teoria dello Yin e dello Yang da sola non bastava a spiegare la complessità dell approccio teorico e pratico alla MTC. Occorreva, sempre da un punto di vista analogico, un sistema

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Segreteria organizzativa Referente: Nicoletta Suter Telefono: 0434 659830 Fax: 0434 659864 E-mail: nsuter@cro.it

Segreteria organizzativa Referente: Nicoletta Suter Telefono: 0434 659830 Fax: 0434 659864 E-mail: nsuter@cro.it (IRCCRO_00887) La saggezza del corpo: ridere e respirare per promuovere la cura di sé e di altri Crediti assegnati: 30 Durata: 20 ore Tipo attività formativa: Formazione Residenziale Tipologia: Corso di

Dettagli

SCUOLA DI FORMAZIONE BIENNALE IN TECNICHE DEL MASSAGGIO

SCUOLA DI FORMAZIONE BIENNALE IN TECNICHE DEL MASSAGGIO SCUOLA DI FORMAZIONE BIENNALE IN TECNICHE DEL MASSAGGIO 11 week-end Il sabato e domenica dalle 9:00 alle 18:00 Frequenza obbligatoria PROGRAMMA DEL PRIMO ANNO Un weekend al mese da settembre a giugno più

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

L importanza delle emozioni in psicoterapia

L importanza delle emozioni in psicoterapia L importanza delle emozioni in psicoterapia L importanza delle emozioni in terapia è condivisa da molti approcci Alexander parlava della terapia come di un esperienza emotiva correttiva,, che non ripetesse

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi.

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. MENOPAUSA scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. Nel climaterio le ovaie producono meno ESTROGENI L OVAIO MODIFICAZIONI NELLA VITA RIPRODUTTIVA FEMMINILE MENOPAUSA Inizio della menopausa

Dettagli

Unità Didattica 1: La gestione dello Stress

Unità Didattica 1: La gestione dello Stress Unità Didattica 1: La gestione dello Stress Lo Stress è inevitabile nella vita. Ogni giorno ti confronti con diverse situazioni e con il bisogno continuo di fare delle scelte, ciascuna in qualche modo

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Quali sono i Parametri Vitali? ATTIVITA RESPIRATORIA ATTIVITA CIRCOLATORIA - RILEVAZIONE DEL POLSO - RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

I rischi da stress lavoro correlato

I rischi da stress lavoro correlato I rischi da stress lavoro correlato dr.ssa Elena Padovan Psicologa del Lavoro Logo Soggetto Attuatore Stress lavoro correlato D.Lgs 81/2008 art. 28 La valutazione ( ) deve riguardare tutti i rischi per

Dettagli

CENTRO di MEDICINA PSICOSOMATICA

CENTRO di MEDICINA PSICOSOMATICA DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE Direttore: Dr. Teodoro Maranesi CENTRO di MEDICINA PSICOSOMATICA Responsabile dott.ssa Luciana Harari Edizione 2016 A CHI SI RIVOLGE Il Centro di Medicina Psicosomatica si

Dettagli

Cosa vedo?!? Dipende! EFT E TRAINING AUTOGENO: INSIEME PER SCOPRIRLO!

Cosa vedo?!? Dipende! EFT E TRAINING AUTOGENO: INSIEME PER SCOPRIRLO! Cosa vedo?!? Dipende! EFT E TRAINING AUTOGENO: INSIEME PER SCOPRIRLO! Caro lettore, questo report/ebook è stato realizzato per l'evento EFT WEB CAMP 2012. L EFT WEB CAMP 2012 è stato uno straordinario

Dettagli

Ansia e stress da competizione

Ansia e stress da competizione Ansia e stress da competizione Analisi delle domande d'intervento A cura di Eugenio DE GREGORIO dell Organico Didattico di SRdS Coni Liguria Genova, 2 maggio 2014 http://liguria.coni/scuola-regionale 1

Dettagli

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 3 Indice n IntroduzIone...5 n LA.dIGeStIone...7 n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 n L APPArAto.dIGerente...15 Stomaco... 18 Intestino... 23 Ghiandole salivari... 29 Fegato... 30 Cistifellea... 32 n Le.CoMPLICAnze.deLLA.dIGeStIone...

Dettagli

STRESS E ORGANISMO: DALLE DIMENSIONI DEL PROBLEMA AGLI EVENTI SENTINELLA

STRESS E ORGANISMO: DALLE DIMENSIONI DEL PROBLEMA AGLI EVENTI SENTINELLA STRESS E ORGANISMO: DALLE DIMENSIONI DEL PROBLEMA AGLI EVENTI SENTINELLA M.G. BIRAGHI 27 FEBBRAIO 2013 STRESS RISPOSTA NON SPECIFICA dell organismo di fronte a SOLLECITAZIONI e STIMOLI EUSTRESS DISTRESS

Dettagli

La respirazione è il più grande atto vitale. Possiamo vivere per settimane senza mangiare e per alcuni giorni senza bere, ma è impossibile vivere

La respirazione è il più grande atto vitale. Possiamo vivere per settimane senza mangiare e per alcuni giorni senza bere, ma è impossibile vivere La respirazione è il più grande atto vitale. Possiamo vivere per settimane senza mangiare e per alcuni giorni senza bere, ma è impossibile vivere senza respirare. Senza l ossigeno non può esistere vita!

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE Le Costellazioni Familiari e Sistemiche sono un metodo d'aiuto che permette di portare alla luce quelle dinamiche inconsce, spesso complesse, che stanno alla base dei

Dettagli

STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping

STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping Scienze Umane II - Infermieristica CHE COS È UN EMOZIONE? Stato affettivo di piacere o dispiacere (EMOZIONI POSITIVE O NEGATIVE) Risposta psicologica

Dettagli

CONInforma Sport e corretti stili di vita

CONInforma Sport e corretti stili di vita Numero 7 del 16 luglio 2014 A cura del Dott. Sergio Zita Responsabile sportello CONInforma I BENEFICI DELLO SPORT Fare sport non solo è consigliabile, ma addirittura necessario. A confermare quello che

Dettagli

Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva

Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva Keope MFV il modo più naturale per stare bene Keope MFV è una struttura ergonomica essenziale, che attraverso la vibrazione meccanica, con il corpo in completo

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI.

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI. IL CORPO UMANO FUNZIONA CORRETTAMENTE SOLO SE TIENE CONTO DELLE CARATTERISTICHE DELL AMBIENTE SIA INTERNO CHE ESTERNO E SE GLI ORGANI DEI SUOI DIVERSI APPARATI SONO COORDINATI TRA LORO. IL SISTEMA NERVOSO

Dettagli

PSICOMOTRICITÀ FUNZIONALE E SHINTAIDO

PSICOMOTRICITÀ FUNZIONALE E SHINTAIDO PSICOMOTRICITÀ FUNZIONALE E SHINTAIDO Dott.ssa Stefania Capra Le Boulche e la Psicomotricità Funzionale. In occasione della tesi di laurea in Psicomotricità Funzionale ho sviluppato un progetto di intervento

Dettagli

Dott.ssa Elisa Trocciola Psicologa, esperta in Psicologia del Benessere e Tecniche di rilassamento psico-corporeo

Dott.ssa Elisa Trocciola Psicologa, esperta in Psicologia del Benessere e Tecniche di rilassamento psico-corporeo Mi presento... Sono la Dott.ssa Elisa Trocciola Psicologa abilitata all esercizio professionale iscritta all Albo dell Ordine degli Psicologi della Regione Lombardia n 03/17387 Mi sono laureata a pieni

Dettagli

come migliorare la PRESTAZIONE

come migliorare la PRESTAZIONE .... BIOFEEDBACK E SPORT:. come migliorare la PRESTAZIONE Ogni stimolo, ogni situazione scaturisce in noi una risposta a livello fisiologico, mentale ed emozionale. Questa risposta influenza il nostro

Dettagli

ALCOL E CERVELLO. raffaella ada colombo. Tenero, 7.11.2015

ALCOL E CERVELLO. raffaella ada colombo. Tenero, 7.11.2015 ALCOL E CERVELLO raffaella ada colombo Tenero, 7.11.2015 Stati alterati di coscienza Il termine stati alterati di coscienza si riferisce ad ogni stato di coscienza che è differente dal livello di consapevolezza

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

APPARATO NEUROLOGICO. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

APPARATO NEUROLOGICO. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna APPARATO NEUROLOGICO Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna OBIETTIVI Conoscere l anatomia e la fisiologia del sistema nervoso Riconoscere le principali patologie del Sistema nervoso Effettuare

Dettagli

INFORMAZIONI SUL COPYRIGHT. Gentile cliente, ti prego di consultare le presenti note sul copyright che copre questo prodotto digitale.

INFORMAZIONI SUL COPYRIGHT. Gentile cliente, ti prego di consultare le presenti note sul copyright che copre questo prodotto digitale. di Paolo Cusano 1 INFORMAZIONI SUL COPYRIGHT Gentile cliente, ti prego di consultare le presenti note sul copyright che copre questo prodotto digitale. Nessuna parte di questo e-book può essere riprodotta

Dettagli