DOC.PMA.01- Guida ai servizi del centro di Procreazione Medicalmente Assistita Rev. 03 di aprile 2015 INDICE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOC.PMA.01- Guida ai servizi del centro di Procreazione Medicalmente Assistita Rev. 03 di aprile 2015 INDICE"

Transcript

1 DOC.PMA.01_rev.03 Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita dell Azienda USL3 Guida ai Servizi ON-LINE SISTEMA CARTA DEI SERVIZI

2 INDICE Presentazione PRINCIPI E VALORI FONDAMENTALI La Mission La Vision PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZAZIONE INTERNA Organigramma funzionale Modalità di Lavoro PRESTAZIONI FORNITE: TIPOLOGIA E MODALITÀ DI ACCESSO Premessa: il percorso diagnostico Modalità di accesso al Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita Modalità di svolgimento delle procedure Consulenza di base Monitoraggio Ecografico dell'ovulazione Servizio di Consulenza Andrologica Visita secondo accesso e accessi successivi ASPETTI ORGANIZZATIVI GESTIONE DEI DATI CLINICI RAPPORTI CON I MEDICI DI BASE INVIO A CENTRI DI II E III LIVELLO Modalità di informazione dell utenza STANDARD DI QUALITÀ DEL CENTRO PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Impegni per la Qualità Il Miglioramento Continuo della Qualità (MCQ) Indicatori del Sistema di Gestione della Qualità INFORMAZIONI GENERALI

3 foto f Gentile Signore, Gentile Signora, Presentazione il Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) dell Azienda USL3 di Pistoia situato presso l Ospedale SS. Cosma e Damiano di Pescia considera la Carta dei Servizi uno strumento efficace per favorire la Sua partecipazione nei percorsi sanitari di diagnosi e cura. Con questa pubblicazione intendiamo fornirle una serie di informazioni circa le strutture, l organizzazione, le prestazioni e gli standard del Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita e gli impegni e le garanzie che lo stesso Le offre, che riteniamo potranno esserle utili. Per perseguire l obiettivo di una partecipazione consapevole e responsabile abbiamo bisogno della Sua collaborazione, sia per evidenziare aspetti positivi che per segnalarci quello che non rientra nelle Sue aspettative. La Carta dei Servizi vuole essere un patto fra le strutture operative aziendali e il cittadino che esprime un bisogno di salute, una sorta di codice deontologico di servizio che presuppone impegni reciproci fra tutti gli attori coinvolti nel percorso di diagnosi e cura: il cittadino, il malato, il personale medico e infermieristico e tutti coloro che, a vario titolo, prestano la propria opera nelle strutture. La ringraziamo per la collaborazione che vorrà accordarci. Il Responsabile del Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita - 3 -

4 1. PRINCIPI E VALORI FONDAMENTALI 1.1 LA MISSION La Mission del Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita è offrire un adeguato iter diagnostico-terapeutico alla coppia infertile, in campo ginecologico e andrologico, finalizzato alla valutazione e diagnosi del problema e, quando appropriato, alla eventuale offerta di tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) di primo livello o all indirizzo della coppia verso Centri di secondo o terzo livello. A tal fine il Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita intende garantire: un adeguata risposta ai bisogni riproduttivi delle donne in ogni fase di vita. percorsi diagnostico-terapeutici per le coppie sterili, adeguati agli standard nazionali ed internazionali e centrati sulla donna e sul suo partner. il lavoro in Equipe intesa come unità coordinata che riconosce le abilità e stima i contributi di ogni membro della squadra fornendo un ambiente emotivamente di appoggio nel lavoro. Il Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita, in accordo con la Mission aziendale, ispira la propria azione al rispetto della dignità umana, all equità e all etica professionale privilegiando tra i suoi obiettivi la centralità del paziente e la qualità clinico - assistenziale perseguita mediante la qualificazione continua del personale

5 1.2 LA VISION La visione strategica del Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita, conformemente con quella dell Azienda, è improntata al miglioramento continuo della qualità della propria offerta di cura, nel rispetto dei bisogni, delle aspettative e delle preferenze della persona, nelle dimensioni della: Appropriatezza tecnico professionale, organizzativa e gestionale, per erogare prestazioni congrue con il bisogno di salute da soddisfare; Efficacia per gli esiti di salute dell individuo e della collettività, basando le attività cliniche ed organizzative sul metodo scientifico; Sicurezza per il paziente, intesa come libertà da danni non necessari o danni potenziali associati alle cure sanitarie, e per gli operatori coinvolti nella pratica assistenziale; Efficienza nella gestione delle risorse umane, tecnologiche e finanziarie, utilizzando con responsabilità le risorse disponibili; Equità per garantire a tutti e a ciascun cittadino l opportunità di accesso a servizi e prestazioni di uguale qualità. L impegno di tutti gli operatori è rivolto a: aumentare la consapevolezza nella comunità medica dei servizi unici e della perizia medica che il Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita. Proporsi come un centro di riferimento territoriale per le coppie in cerca di gravidanza fornendo l'alto valore di diagnosi, supporto e cura ai pazienti e alle loro organizzazioni. Investire nella formazione continua e nello sviluppo delle conoscenze mediche. Consentire l'accesso dei pazienti ai servizi per una cura qualitativamente elevata nella sterilità di coppia. divulgare la necessità di affrontare il problema infertilità da parte di Istituzioni Pubbliche e Private. Partecipare e sostenere la formazione medica e la ricerca clinica per aumentare conoscenza e abilità per il miglioramento della cura della infertilità di coppia

6 2. PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA 2.1 Denominazione sede, responsabili e orari di accesso Denominazione: Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita della U.O. Ostetricia e Ginecologia dell Azienda USL 3 Pistoia. Sede: PO SS Cosma e Damiano, Via Cesare Battisti, Pescia (PT) Il Centro di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) è situato al secondo piano dell Ospedale SS Cosma e Damiano, di fronte al reparto di Ostetricia. Il centro PMA consiste di un area dedicata, per la parte clinica e di un laboratorio. In particolare l attività ambulatoriale si avvale di un servizio di accoglienza per le coppie e di un ambulatorio per le attività cliniche. Il laboratorio di seminologia effettua esami diagnostici su liquido seminale sia per gli utenti del centro PMA che per gli utenti esterni. È situato al secondo piano dell edificio al n.9 di via C. Battisti, di fronte al PO di Pescia. Telefono: / (Accoglienza), / (Laboratorio) Tipologia: Centro di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) di Livello I Tecniche applicate: Inseminazione semplice Responsabile del Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita: Prof. Pasquale Florio Ambulatorio sterilità Giorni Orari Attività Lunedi mercoledi - venerdi monitoraggi follicolari Mercoledi visite mediche primo accesso giovedi visite successive al primo accesso controllo esami e terapie Accesso alle prestazioni di Laboratorio Giorni Orari Tipologia del servizio Martedì Mercoledì Venerdì Diagnostica seminologica - 6 -

7 3.1 Organigramma funzionale 3. ORGANIZZAZIONE INTERNA Responsabile Centro Prof. Pasquale Florio Rappresentante Legale Dott.Roberto Biagini Responsabile del trattamento medico (organizzativo scientifico) Dott. Giuseppe M. Lentini Responsabile Sistema Qualità e invio dati Registro Nazionale PMA Dott. Giuseppe M. Lentini Responsabile attività di Laboratorio Dott.ssa Ilaria Natali UO Urologia Dott. A. Trippitelli UO Psicologia Dott. F. Fagni Equipe Medica - Dott. L. Romani - Dott.ssa M.L. Demuru - Dott.ssa. F. Rizzello Equipe assistenziale - Ostetrica S. Ciofani - Ostetrica M. Cappelli Consulente Urologo dedicato Dott. G. Canovaro Serv. di Consulenza Psicologica 3.2 Modalità di lavoro L attività del Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita è finalizzata ad offrire alle coppie che ad esso si rivolgono un PERCORSO DIAGNOSTICO volto ad individuare le cause alla base della condizione di infertilità e, in seconda istanza, un PERCORSO TERAPEUTICO nei limiti delle procedure in esso attuabili (rapporti mirati e/o inseminazione intrauterina). L attività del Centro e l impostazione clinica verranno coordinate su indicazioni del Responsabile del Centro il quale si avvarrà a tale scopo della figura del Responsabile Medico del trattamento cui faranno riferimento gli altri operatori dell Equipe. La Responsabile del Laboratorio coordina e cura l esecuzione delle attività di laboratorio: la valutazione seminologica (che comprende esami del liquido seminale, test di capacitazione, test di vitalità e test di ricerca di anticorpi antispermatozoo), il trattamento e la coltura di gameti maschili e la preparazione dei materiali per la IUI. La coppia che si rivolge al Centro per viene presa in carico dagli operatori dell Equipe della struttura i quali valuteranno di volta in volta, in relazione ai diversi quadri clinici, il percorso più adeguato da seguire

8 4. PRESTAZIONI FORNITE: TIPOLOGIA E MODALITÀ DI ACCESSO 4.1 Premessa: il Percorso Diagnostico Il percorso diagnostico si propone di individuare eventuali condizioni alla base dell infertilità di coppia. Nello specifico tale percorso dovrà essere finalizzato allo studio di: - Fattore femminile; - Fattore maschile; - Fattori di coppia; a. Fattore femminile Nello studio di eventuali fattori femminili di infertilità dovranno essere presi in considerazione gli aspetti relativi a: Fattore ovulatorio e valutazione della riserva ovarica: a tale scopo dovranno essere richiesti i seguenti esami: 2 massimo 3 giorno del ciclo: FSH, LH, E2; PRL basale e dopo 30 minuti, TSH, FT3, FT4, DHEAS, Ormone Antimulleriano (nelle pazienti di età superiore ai 35 anni o nei casi in cui si sospetti una riduzione della riserva ovarica), insulinemia, glicemia, proteina S, proteina C. Dosaggio seriato dei livelli di progesterone al 18 e 22 giorno del ciclo. Lo studio del fattore ovulatorio si avvarrà inoltre di un ciclo di monitoraggio ecografico dell ovulazione; Fattore tubarico: per lo studio di tale fattore verrà eseguito un esame isterosalpingografico (la valutazione della pervietà tubarica potrà non rendersi necessaria nei casi di grave fattore maschile ove sarà necessario riferire la coppia ad un Centro di secondo livello). Fattore uterino: ecografia pelvica transvaginale ed eventuale isteroscopia diagnostica o sonoisterografia. Endometriosi: nei casi in cui dalla storia clinica e/o dall esame ecografico transvaginale si ponga il sospetto di endometriosi, dovranno essere eseguiti - 8 -

9 gli opportuni accertamenti al fine di giungere ad una opportuna stadiazione della patologia (dosaggio CA125, laparoscopia diagnostica); Altro: a tutte le pazienti, già in sede di prima visita, verrà richiesta l esecuzione di un tampone vaginale ed endocervicale completo con eventuale antibiogramma. b. Fattore maschile In prima istanza verrà eseguito un esame del liquido seminale in accordo con le Linee Guida del Manuale WHO 2010 e del SIGA ESHRE: Se Normale si consiglia la ripetizione dopo un mese; Se Oligo-asteno-teratospermia lieve/moderata si ripete l esame dopo un mese unitamente a test di capacitazione; Se Oligo-asteno-teratospermia grave i pazienti verranno riferiti ad un Centro di secondo livello. In base al risultato del secondo esame ed all eventuale test di capacitazione l équipe medica deciderà se riferire il paziente all Andrologo per un eventuale approfondi-mento. c. Fattori di coppia Tale indagine sarà volta ad indagare il vissuto della coppia in riferimento alla ricerca di gravidanza nonché eventuali aspetti comportamentali che possano al riguardo avere influenza (in particolare in riferimento alla frequenza dei rapporti). 4.2 Modalità di accesso al Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita L ACCESSO ALLE CONSULENZE DI BASE avverrà su richiesta del medico di base previo appuntamento tramite CUP. In sede di consulenza di base il medico che eseguirà la prima valutazione assumerà il ruolo di medico tutor per la coppia e ne seguirà il percorso nei successivi accessi. Per tale motivo sarà necessario stilare un opportuno programma su base trimestrale delle presenze di vari medici. Se stranieri e con difficoltà linguistiche, viene proposto al momento dell appuntamento un mediatore culturale

10 All atto della prenotazione vengono fornite tutte le informazioni ritenute utili (es.: portare tutti gli esami precedenti e documentazioni mediche di entrambi i partner, astinenza per il partner maschile di almeno 3-4 giorni per raccolta seme, ecc..) L'accesso alla prestazione è diverso in base all'età della donna. Le donne di età inferiore o uguale a 41 anni pagano esclusivamente il ticket sanitario per 4 cicli di I livello (inseminazione intrauterina, mentre pagano l intero importo per le successive prestazioni. Le donne con età superiore ai 41 anni pagano l'intero importo di ciascuna prestazione Ad eccezione della prima consulenza, che come già indicato, verrà fissata tramite CUP, tutte le SUCCESSIVE ATTIVITÀ di una specifica coppia verranno programmate direttamente dal Centro in base alle esigenze cliniche ed alle disponibilità del medico tutor della coppia. L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI DI LABORATORIO avviene su richiesta del Medico di base o dello Specialista, previo appuntamento tramite CUP. Il campione deve essere raccolto dopo un periodo di astinenza sessuale non inferiore ai 3 giorni e non superiore a 5 giorni e in assenza di episodi febbrili nei tre mesi che precedono l esame. 4.3 Modalità di svolgimento delle procedure Consulenza di base Le coppie che si rivolgono al Centro eseguiranno in prima istanza una consulenza di base con uno dei Medici della struttura. Nel corso di tale consulenza verranno espletate le seguenti procedure: 1) Anamnesi femminile; 2) Anamnesi maschile; 3) Anamnesi di coppia; 4) Visita ginecologica ed eventuale ecografia pelvica transvaginale; 5) Valutazione di eventuali accertamenti già eseguiti dalla coppia; 6) Programmazione degli accertamenti necessari al completamento dello screening;

11 7) Programmazione del ciclo di monitoraggio ecografico dell ovulazione; 8) Programmazione dell esame del liquido seminale; 9) Richiesta di indagini ulteriori in base agli elementi anamnestici. Nel corso della consulenza di base una particolare attenzione dovrà essere rivolta alle coppie in cui il partner femminile abbia un età uguale o superiore ai 38 anni. Numerosi studi hanno messo in evidenza come la fecondità della donna si riduca con il progredire dell età e, di pari passo, anche i risultati delle tecniche di procreazione assistita tendono a ri-dursi drasticamente con l aumentare dell età ed il conseguente esaurirsi della riserva ovarica. Nel grafico a fianco, tratto da un lavoro del Commetee on Gynecologic Practice of The American College of Obstetricians and Gynecologists, possiamo chiaramente vedere come il tasso di fertilità nella donna si riduca progressivamente con il passare degli anni ed in particolare dopo i 35 anni di età. Tale riduzione della fertilità in relazione all età è da ricondursi essenzialmente al progressivo esaurimento del patrimonio follicolare con parallelo deterioramento della qualità ovocitaria, ciò ovviamente determina: Minore capacità di fertilizzazione; Maggiore incidenza di embrioni anomali non in grado di svilupparsi e dar luogo alla gravidanza; Maggiore incidenza di embrioni anomali che pur dando una gravidanza iniziale non sono in grado di svilupparsi e quindi esitano in aborti spontanei; Da quanto sopra riportato risulta evidente come nelle coppie in cui la partner femminile abbia un età uguale o superiore ai 38 il percorso diagnostico debba essere svolto con estrema celerità e come esso sia subordinato ad una prioritaria

12 valutazione della riserva ovarica. Nei casi in cui si evidenzi una riduzione della stessa è opportuno inviare subito la coppia presso un centro di secondo livello Monitoraggio ecografico dell ovulazione Si effettuano in numero e frequenza sulla base della crescita follicolare multipla Servizio di consulenza andrologica Il Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita garantisce un Servizio di consulenza andrologica alle coppie seguite presso il Centro. Gli appuntamenti per le consulenze andrologiche vengono attivati dagli operatori del Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita Visita secondo accesso e accessi successivi Nella visita di secondo accesso verrà eseguita una valutazione dei dati raccolti: - Valutazione esami ematochimici; - Valutazione ciclo di monitoraggio ecografico; - Valutazione esame liquido seminale. Qualora la valutazione del liquido seminale e del fattore ovulatorio (nonché della riserva ovarica) facciano presupporre una possibilità di azione terapeutica mediante una procedura di primo livello si procederà direttamente alla programmazione della valutazione tubarica e nel frattempo si procederà alla programmazione di un eventuale secondo spermiogramma con test di capacitazione se necessario. I pazienti con: - Riduzione della riserva ovarica (FSH > 10; AMH < 1,4); - Fattore maschile grave; verranno direttamente riferiti ad un centro di secondo livello con consegna di una Relazione Medica in cui verranno descritte le procedure eseguite. Le coppie in cui sia configurabile un approccio terapeutico di primo livello verranno programmate per un successivo incontro (visita terzo accesso) nel corso del quale verrà stabilito l orientamento terapeutico

13 I pazienti che risulteranno idonei ad un trattamento terapeutico di primo livello potranno quindi eseguire: - Fino a 3 cicli di monitoraggio ecografico dell ovulazione con rapporti mirati; - Fino a 6 cicli di inseminazione intrauterina (di cui 4 a totale carico del SSN e 2 con contributo della coppia). 4.4 ASPETTI ORGANIZZATIVI Al fine di garantire una adeguata assistenza alle coppie si prevede un attività del Centro articolata in: - Una seduta settimanale di consulenze di base (3 accessi della durata di 45 minuti ciascuno il lunedì mattina dalle alle 11.00); - Due sedute settimanali di visite di accesso successivo al primo (6 accessi della durata di 30 minuti ciascuno il giovedì mattina dalle 9 alle 12 e il venerdì pomeriggio dalle alle 17.30); - Tre sedute settimanali di monitoraggi ecografici il lunedì, mercoledì e venerdì mattina dalle alle 09.00; - Una seduta settimanale di visite per isterosalpingografia per le pazienti esterne al centro il Venerdì pomeriggio dalle alle (5 visite). - Disponibilità per procedure di inseminazione intrauterina in relazione alle esigenze cliniche; - Tre sedute settimanali di analisi del liquido seminale cui hanno accesso sia i - pazienti del Centro che i pazienti esterni; - Una seduta settimanale di isterosalpingografie L ACCESSO ALLE CONSULENZE DI BASE avverrà su richiesta del medico di base previo appuntamento tramite CUP, in sede di consulenza di base il medico che eseguirà la prima consulenza assumerà il ruolo di medico tutor per la coppia e ne seguirà il percorso nei successivi accessi. Per tale motivo sarà necessario stilare un opportuno programma su base trimestrale delle presenze di vari medici. Gli accessi successivi al primo verranno programmati direttamente dal Centro in base alle esigenze cliniche ed alle disponibilità del medico tutor della coppia. Ad eccezione della prima consulenza, che come già indicato verrà fissata tramite

14 CUP, tutte le SUCCESSIVE ATTIVITÀ di una specifica coppia verranno fissate direttamente dal Centro. Al fine di programmare gli appuntamenti sarà predisposta una agenda con le varie sedute che sarà sempre a disposizione di tutti gli operatori del Centro. MODALITÀ DI PAGAMENTO della prestazione o del relativo ticket: il versamento delle somme prescritte, a tariffa intera, ridotta o fissa, per le visite specialistiche o prestazioni diagnostiche deve avvenire comunque prima dell effettuazione della prestazione, presentando e consegnando al sanitario una copia della ricevuta del pagamento. Il pagamento di tale somma può in sostanza essere effettuato: a) al momento della prenotazione, presso gli sportelli a ciò delegati ovvero tramite l uso delle macchine automatizzate per la riscossione di tali somme; b) presso sportelli postali o bancari, su moduli prestampati e distribuiti gratuitamente; c) con altre forme e modalità stabilite dalle singole strutture. Luogo e orari di riscossione delle tariffe e dei ticket di regola coincidono con quelli di prenotazione delle prestazioni. 4.5 GESTIONE DEI DATI CLINICI La gestione dei dati clinici avverrà mediante un database dedicato il cui accesso sarà protetto da password. Mediante tale sistema sarà possibile per gli operatori avere sempre a disposizione il quadro della coppia e tutti i dati relativi agli accertamenti in corso e programmati. Tale software consentirà peraltro un adeguato monitoraggio dell attività del centro. 4.6 RAPPORTI CON I MEDICI DI BASE Con il consenso delle coppie, i medici di base vengono costantemente aggiornati sulle evoluzioni del percorso diagnostico terapeutico, a cura del medico tutor, mediante relazioni periodiche a loro indirizzate

15 4.7 INVIO A CENTRI DI II E III LIVELLO Qualora, sulla base degli accertamenti eseguiti, risultino indicazioni a procedure di II o III Livello la coppia può essere indirizzata verso centri di livello appropriato iscritti nel Registro Nazionale PMA delle strutture autorizzate all applicazione delle tecniche di procreazione assistita presso l Istituto Superiore di Sanità (ISS) di Roma. 5. MODALITÀ DI INFORMAZIONE DELL UTENZA Ai pazienti viene fornita una appropriata informazione sulle strutture, sui servizi forniti e sugli operatori responsabili. Vengono, inoltre illustrati i possibili percorsi alternativi, attivabili in strutture diverse situate sia nel territorio dell Azienda Usl 3 che in territorio regionale o extraregionale. Le comunicazioni con la coppia relative alle valutazioni sanitarie e alle conclusioni relative all infertilità sono fornite nel rispetto della dignità e del diritto alla riservatezza della persona. I risultati delle indagini di laboratorio e strumentali sono comunicati ai singoli pazienti nel rispetto della normativa relativa alla Privacy. Ai pazienti viene fornita una appropriata informazione sulle procedure diagnostiche ed analitiche, sui possibili rischi e sulle alternative alle stesse, per consentire l espressione autonoma e consapevole del proprio assenso o del proprio dissenso. La completezza e la chiarezza della documentazione sanitaria viene garantita mediante la predisposizione di materiale informativo e modulistica gestiti sia in forma cartacea che informatica. 6. STANDARD DI QUALITÀ DEL CENTRO PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA 6.1 Impegni per la Qualità

16 Il Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita si impegna ad assicurare i seguenti requisiti e standard di qualità: La garanzia di ricevere un accoglienza premurosa ed informazioni complete relative all organizzazione delle attività dell Unità Operativa; L informazione e l orientamento ai servizi e alle prestazioni attraverso gli Uffici Informazioni, la Carta dei servizi e gli opuscoli informativi di struttura messi a disposizione dell utenza e la guida ai servizi pubblicata sul sito aziendale www. usl3.toscana.it; L assicurazione di ottenere dal personale informazioni complete e comprensibili in merito alle modalità di esecuzione ed al significato degli esami nonché alle possibili alternative (anche se eseguibili in altre strutture), i potenziali rischi o disagi legati al esecuzione delle indagini e alle possibili conseguenze di un eventuale rifiuto; La presenza di appositi cartelli indicanti il divieto di fumare nei locali dedicati al pubblico con l indicazione del nome dell operatore responsabile del rispetto del requisito; Il rispetto della riservatezza; La consegna a ciascun utente, della documentazione sanitaria relativa alle prestazioni effettuate completa e firmata dal responsabile dell esecuzione della procedura; La garanzia di adottare il metodo della qualità percepita per misurare il gradimento delle cure; La possibilità di prenotare telefonicamente le prestazioni; La garanzia di essere tutelato rispetto alla privacy, con apposita procedura, (DLgs n.196 del Codice in materia di protezione dei dati personali. Le notizie sullo stato di salute e sulle cure sono riservate e sono sotto il vincolo del segreto professionale: il personale garantirà la tutela di tutte le informazioni sanitarie che verranno date solo al diretto interessato o ad altra persona da questi indicata al momento del accettazione. Gli impegni per la qualità della Direzione Aziendale e della Direzione di Presidio sono consultabili sul sito aziendale Sistema Carta dei Servizi

17 6.2 Il Miglioramento Continuo della Qualità (MCQ) Il Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita, in accordo con la politica di qualità della Azienda USL 3, intende promuovere (ad ogni livello) il miglioramento della qualità delle prestazioni sanitarie fornite. Il Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita, nell ottica della strategia e della Mission aziendale impronta il proprio stile di lavoro su CRITERI di EFFICIENZA-EFFICACIA nell erogazione delle prestazioni assicurando: l uso efficiente ed appropriato delle risorse umane, tecnologiche ed economiche, il ricorso a metodiche efficaci basate sulle linee guida delle Società Scientifiche del settore e nell ottica del costante aggiornamento scientifico, la valorizzazione delle risorse intellettuali e relazionali mediante programmi di formazione continua del personale; l ottimizzazione della comunicazione con tutti gli interlocutori (reparti interni, medicina specialistica, altri Servizi dell Azienda e medici di base), attraverso attività di aggiornamento e divulgazione rivolte a operatori sanitari di altri reparti e medici di Medicina Generale; la garanzia della qualità dei dati forniti mediante l attuazione quotidiana di procedure interne di controllo di qualità e la partecipazione a programmi di valutazione esterna della qualità promossi sia da Istituzioni nazionali (Regione Toscana e CNR) sia internazionali. Il Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita persegue il miglioramento dei propri livelli d efficienza ed efficacia avendo come RIFERIMENTO l analisi di bisogni e le indagini di gradimento dei prodotti offerti nell ottica del continuo accrescimento della soddisfazione del Cliente. A tal fine la Direzione si impegna a: sensibilizzare il personale sia riguardo al proprio ruolo sia riguardo all esigenza del Cliente, attuare al proprio interno le metodiche di analisi dei processi che consentano di rilevare, e correggere o monitorare, eventuali criticità e/o se ritenuto

18 opportuno, di attivare gli interventi di miglioramento al fine di accrescere la capacità di controllo dei processi. Per poter operare tale miglioramento continuo collabora con le seguenti strutture aziendali: UO.URP per il recepimento e la gestione dei reclami e delle proposte di miglioramento; U.O. Assicurazione di Qualità e Relazioni Pubbliche e con la Sezione Accreditamento Istituzionale e Sicurezza del Paziente ai fini dell Attuazione dell'accreditamento di tutte le strutture, prevedendo la definizione e il possesso di requisiti ulteriori della qualità con verifiche periodiche, sistematiche di terza parte; con la Sezione Accreditamento Istituzionale e Sicurezza del Paziente ai fini della programmazione ed esecuzione di periodiche verifiche sul possesso dei requisiti generali e specifici del modello di accreditamento regionale, su standard di qualità dichiarati e sugli impegni assunti dai singoli dipartimenti e unità operative; ed è inserita nel SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA SANITARIO TOSCANO a cura del Laboratorio Management e Sanità (MeS) della Scuola Superiore Sant Anna di Pisa 6.3 Indicatori del Sistema di Gestione della Qualità Il Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita in collaborazione con i responsabili delle strutture e con la Direzione di Presidio, tenendo conto degli indicatori regionali compresi nel DGRT 1011/2010 Regolamento di attuazione della legge regionale 5 agosto 2009, n. 51 in materia di autorizzazione ed accreditamento delle strutture sanitarie e il successivo DPGR n. 10/R del 22 marzo 2012 Modifiche al decreto del Presidente della Giunta regionale 24 dicembre 2010, n. 61/R (Regolamento di attuazione della legge regionale 5 agosto 2009, n. 51) in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie hanno individuato alcuni indicatori attraverso i quali misurare attività e percorsi clinici

19 Tali indicatori vengono periodicamente valutati mediante azioni programmate di monitoraggio interno (indicatori dell accreditamento) ed esterno (indagini che raccolgano ed analizzino i dati di soddisfazione dell'utenza). I risultati di tali valutazioni vengono elaborati annualmente e i relativi report, posti a confronto con gli standard definiti, vengono utilizzati per l individuazione di eventuali criticità nei confronti delle quali verranno, conseguentemente, intraprese adeguate azioni correttive e/o preventive nell ottica del miglioramento continuo della Qualità

20 7. INFORMAZIONI GENERALI Prezzi e Tariffe Per le visite e gli esami erogati in regime di Servizio Sanitario Nazionale Prezzo e tariffe si rimanda alla pagina dedicata al ticket e alla libera professione, del sito aziendale dove sono indicate anche le tariffe per professionista e le tipologie di prestazione. Impegni e Standard dell Azienda USL 3 La carta dei servizi regola il rapporto tra il cittadino/utente e l'azienda USL 3 di Pistoia fornendo ai singoli cittadini e alle associazioni che le rappresentano gli impegni principali che assume nei loro confronti Gli Impegni e gli standard sono consultabile sul sito aziendale Sistema Carta dei Servizi. Tempi di attesa per l accesso e consegna referti, tempi di consegna copia documentazione clinica Le modalità e i tempi sono descritti alla pagine Ritirare la Cartella Clinica e Riproduzione Esami Radiologici del sito Aziendale Tutela dei Dati personali Tutte le informazioni relative alla tutela della Privacy sono consultabili nel sito aziendale alla pagina La Privacy dove è consultabile e scaricabile l opuscolo aziendale Info Privacy e l opuscolo del Garante per la protezione dei dati personali Dalla parte del Paziente. Inoltre in ogni struttura è posizionato un cartello informativo contenente tutte le informazioni relative alla tutela della Privacy

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011 Gruppo di Studio di Ecografia Pediatrica Società Italiana di Pediatria Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica ECOPED 2011 PISTOIA 27-30 Giugno 2011 PROGRAMMA DOCENTI E TUTORS Giuseppe Atti Carlo

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

PUO ESSERE RICHIESTA PER:

PUO ESSERE RICHIESTA PER: L INTERDIZIONE DAL LAVORO PER LE LAVORATRICI MADRI (decreto legislativo n. 151/2001 così come modificato dalla legge 4/04/2012, n. 35) http://www.parlamento.it/leggi/deleghe/01151dl.htm PUO ESSERE RICHIESTA

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Linee Guida per La Consulenza nell Infertilità

Linee Guida per La Consulenza nell Infertilità ORDINE NAZIONALE DEGLI PSICOLOGI ITALIANI Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi Gruppo di Lavoro sulla Psicologia della Procreazione Assistita Manfredi Asero Angelo Gabriele Aiello Giuseppe Pozzi

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo:

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo: Avviso pubblico per l istituzione di un Albo di esperti da impegnare nelle attività di realizzazione di programmi e progetti di studio, ricerca e consulenza. Art. 1 Premessa E indetto Avviso Pubblico per

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli