Deliberazione n. 253

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Deliberazione n. 253"

Transcript

1 Protocollo RC n. 8367/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di mercoledì ventidue del mese di maggio, alle ore 16,15, nella Sala delle Bandiere, in Campidoglio, si è adunata la Giunta Capitolina di Roma, così composta: 1 ALEMANNO GIOVANNI.. Sindaco 2 BELVISO SVEVA.... Vice Sindaco 3 BARBUSCIA BARBARA... Assessore 4 BORDONI DAVIDE... 5 CAVALLARI ENRICO CORSINI MARCO DE PALO GIANLUIGI.. 8 FUNARI LUCIA.. Assessore 9 GASPERINI DINO. 10 GHERA FABRIZIO LAMANDA CARMINE SENSI ROSELLA 13 SPENA MARIA... Sono presenti il Vice Sindaco e gli Assessori Barbuscia, Bordoni, Corsini, De Palo, Funari, Gasperini, Ghera, Lamanda e Spena. Partecipa il sottoscritto Segretario Generale Dott. Liborio Iudicello. (O M I S S I S) Deliberazione n. 253 Riorganizzazione dei servizi erogati nelle Case di Riposo di Roma Capitale. Progetto di assistenza domiciliare a favore degli anziani ospiti delle strutture residenziali capitoline. Premesso che, con l approvazione delle deliberazioni della Giunta Capitolina n. 103 del 6 aprile 2011 e n. 183 del 4 luglio 2012, è stato avviato un processo di riorganizzazione dei servizi erogati a favore degli anziani, ospitati nelle strutture residenziali di Roma Capitale; Che gli anziani in possesso dei requisiti previsti dalle deliberazioni del Commissario Straordinario, con i poteri del Consiglio Comunale, n. 1563/1986 e n. 42/2008, una volta ammessi ai predetti servizi, possono optare per soluzioni personalizzate, anche alternative alla istituzionalizzazione nelle Case di Riposo capitoline, ovvero trovare una sistemazione abitativa in autonomia o essere inseriti in una struttura residenziale privata, tra quelle individuate dall Amministrazione, sostenuti da un contributo economico erogato da Roma Capitale; Che i criteri di accesso stabiliti nelle citate deliberazioni del Commissario Straordinario n. 1563/1986 e n. 42/2008 per l accesso alle Case di Riposo, stabiliscono, tra l altro, che l anziano deve essere autosufficiente; Che l Amministrazione Capitolina gestisce attualmente quattro strutture residenziali per anziani: Roma 1, Roma 3, Casa Vittoria e Bruno Buozzi ;

2 2 Che agli anziani ospiti delle summenzionate strutture residenziali, vengono erogati oltre ai servizi di natura alberghiera, anche prestazioni di assistenza domiciliare; Che l anziano, tra l altro, pur se autosufficiente al momento dell accesso alla struttura, nel corso degli anni può aver bisogno di interventi assistenziali di intensità diversa; Che presso le strutture Roma 1 e Roma 3, sono presenti oltre al modulo ordinario di accoglienza, i cosiddetti moduli o reparti protetti, in coerenza con quanto previsto nella D.G.R. n. 1305/2004 come modificata dalla D.G.R. n. 39/2012; Che agli anziani parzialmente autosufficienti ospitati nei moduli protetti all interno delle strutture capitoline, vengono offerti servizi assistenziali di intensità diversa e che comprendono anche l assistenza infermieristica e le prestazioni sanitarie domiciliari, erogate dalle Aziende Sanitarie territorialmente competenti; Che, l Amministrazione ha sottoscritto Protocolli d Intesa e Convenzioni con le ASL competenti proprio al fine di offrire agli anziani ospiti nelle Case di Riposo i servizi sanitari domiciliari (CAD) cui hanno diritto; Che, con deliberazione della Giunta Capitolina n. 355/2012, è stato approvato il nuovo modello di erogazione dei servizi domiciliari in favore di anziani, disabili e minori, provvedendo, tra l altro, ai fini della programmazione della spesa, all adeguamento dei corrispettivi da riconoscere agli operatori dell assistenza domiciliare; Che anche nell ambito della riorganizzazione dei servizi di assistenza domiciliare prestati a favore degli anziani ospiti delle Case di Riposo, si ritiene indispensabile ridefinire il modello d intervento assistenziale, anche alla luce delle modifiche normative intervenute e, nel contempo, determinare i parametri economici dei corrispettivi riconosciuti agli operatori che svolgono l assistenza all interno delle suindicate strutture; Che, a tal fine, è stato elaborato il Progetto di assistenza domiciliare all interno delle strutture residenziali per anziani di Roma Capitale di cui all Allegato A al presente provvedimento che contiene gli elementi operativi per la riorganizzazione del servizio di cui trattasi e i parametri economici dei corrispettivi spettanti agli operatori che erogano le prestazioni socio-assistenziali; Che, per quanto riguarda la programmazione della spesa, occorre precisare, rispetto ai parametri economici approvati con la citata D.G.C. n. 355/2012, che nella fattispecie il calcolo del costo orario dell operatore, deve tener conto della necessità di assicurare la presenza, nelle 24 ore, del numero di operatori previsti dalla citata normativa regionale, in rapporto al numero di anziani presenti nella struttura, con l organizzazione di turni diurni, notturni e festivi e la corresponsione delle relative indennità; Che i costi della riorganizzazione in argomento, saranno finanziati non oltre le risorse disponibili in Bilancio derivanti dai fondi ordinari e dai residui vincolati del relativo centro di costo, cui resta subordinata l applicazione, in concreto, del presente provvedimento; Che, inoltre, il servizio residenziale offerto dalle Case di Riposo capitoline è compreso nei servizi a domanda individuale di cui al D.I. del 31 dicembre 1983 e alla D.A.C. n. 38/2012 per i quali l Amministrazione è tenuta a richiedere la contribuzione degli utenti che mensilmente versano, tramite apposito bollettino, l importo stabilito nella citata deliberazione Amministrazione Capitolina n. 38/2012 su un c/c presso la Tesoreria; Vista la L. n. 328/2000; Vista la Legge Regione Lazio n. 41/2003; Vista la deliberazione Giunta Regione Lazio n. 1305/2004 e ss.mm.ii.; Vista la deliberazione Giunta Comunale di Roma n. 8/2007; Vista la deliberazione G.R. n. 17/2011; Vista la deliberazione G.R. n. 39/2012;

3 3 Che in data 3 maggio 2013 il Dirigente della U.O. Terza Età e Case di Riposo, ai sensi e per gli effetti dell art. 49 del T.U.E.L. di cui al D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e s.m. e i., ha espresso il parere che di seguito si riporta: Si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnico-amministrativa della proposta di deliberazione in oggetto. Il Dirigente F.to: O. Cherubini ; Che, in data 6 maggio 2013, il Direttore del Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute ha attestato ai sensi dell art. 29 del Regolamento degli Uffici e Servizi, come da dichiarazione in atti la coerenza della proposta di deliberazione in oggetto con i documenti di programmazione dell Amministrazione, approvandola in ordine alle scelte di natura economico-finanziaria o di impatto sulla funzione dipartimentale che essa comporta. Il Direttore F.to: A. Scozzafava ; Che, in data 14 maggio 2013, il Dirigente della XXIII U.O. della Ragioneria Generale ha espresso il parere che di seguito integralmente si riporta: Ai sensi e per gli effetti dell art. 49, comma 1, del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, si esprime parere favorevole in ordine alla rilevanza contabile della proposta di deliberazione di cui all oggetto. Il Dirigente F.to: M. L. Santarelli ; Che sulla proposta in esame è stata svolta, da parte del Segretario Generale, la funzione di assistenza giuridico-amministrativa, ai sensi dell art. 97, comma 2, del Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli Enti Locali, approvato con D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 e s.m. e i.; LA GIUNTA CAPITOLINA per i motivi espressi in narrativa, DELIBERA di approvare la riorganizzazione del servizio di assistenza domiciliare a favore degli anziani ospiti delle strutture residenziali di Roma Capitale, con la definizione dei costi relativi al servizio medesimo, come meglio specificato nell allegato A Progetto di assistenza domiciliare a favore degli anziani ospiti delle strutture residenziali capitoline, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento.

4 4 ALLEGATO A PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE A FAVORE DEGLI ANZIANI OSPITI DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI CAPITOLINE 1 DEFINIZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Capitolina gestisce quattro strutture residenziali per anziani: Roma 1, Roma 3, Casa Vittoria e Bruno Buozzi, per un numero complessivo di 256 ospiti ai quali vengono erogati oltre ai servizi di natura alberghiera, anche le prestazioni di assistenza domiciliare. L accesso degli anziani alle suddette strutture è regolato dalle deliberazioni del Commissario Straordinario, con i poteri del Consiglio Comunale, n. 1563/1986 e n. 42/2008 e prevede, tra l altro, la condizione di autosufficienza dell anziano opportunamente certificata. L assistenza domiciliare offerta dalle strutture residenziali di Roma Capitale è erogata in conformità alle disposizioni contenute nella D.G.R. n. 1305/2004, come modificata dalla D.G.R. n. 39/2012, e deve assicurare alle predette strutture capitoline standard quali-quantitativi uniformi ed omogenei. Ogni intervento è finalizzato al mantenimento e al miglioramento delle condizioni di autonomia e benessere dell anziano, nonché ad una offerta complessiva in grado di soddisfare le esigenze del singolo. Lo stato di autosufficienza è condizione necessaria per l ammissione dell anziano alle strutture residenziali capitoline ma, nel tempo, lo stato di salute degli ospiti subisce modifiche. Per questo, anche la recente normativa regionale ha tenuto conto delle mutazioni delle condizioni dell anziano già ospitato in Casa di Riposo, prevedendo una diversa modulazione degli interventi assistenziali erogati nelle strutture residenziali per anziani: un modulo ordinario per gli ospiti anziani autosufficienti ed un modulo protetto per gli anziani parzialmente non autosufficienti. 2 MODULO ORDINARIO Il progetto assistenziale rivolto agli anziani ospiti delle strutture capitoline, in linea con l articolo 11, comma 1, lettera g), della L.R. n. 41/2003, prevede la predisposizione di un Piano Assistenziale Individuale (PAI) che indichi in particolare: gli obiettivi da raggiungere, i contenuti e le modalità degli interventi, finalizzati al mantenimento ed al recupero delle capacità fisiche, cognitive, relazionali e dell autonomia personale in coerenza con il progetto globale della struttura stessa. Il PAI viene predisposto sulla base degli elementi acquisiti al momento della presa in carico del singolo ospite e dal rapporto diretto e personale con l anziano, dai colloqui con la famiglia d origine e/o dalle informazioni provenienti dagli operatori territoriali eventualmente coinvolti nel caso. Il PAI è elaborato entro e non oltre i quindici giorni successivi all ammissione dell ospite nella struttura; viene redatto dall équipe (Responsabile della struttura, assistente sociale, operatore, ecc.) presente nella Casa di Riposo, nell ottica di una lettura globale dei bisogni dell ospite ed indica anche i tempi di attuazione degli interventi e gli obiettivi da raggiungere, la tipologia e l intensità della risposta assistenziale, le singole professionalità coinvolte nella sua attuazione e i compiti specifici del personale impegnato e la loro

5 5 azione, le prestazioni socio-assistenziali che la struttura fornisce ed ogni altro intervento necessario a conseguire i risultati attesi, il sistema di verifica, nonché i criteri di informazione e coinvolgimento dell anziano e del nucleo familiare di origine. L anziano deve produrre al momento della domanda di ammissione in struttura la certificazione medica richiesta dall Ufficio, attestante lo stato di autosufficienza, sulla base di tali condizioni verrà poi elaborato il PAI che sarà soggetto a verifiche periodiche. Il Piano assistenziale deve essere necessariamente aggiornato al verificarsi di mutamenti nella condizione dell anziano, informando la famiglia sul diverso bisogno assistenziale dell anziano e provvedendo all attivazione dei servizi territoriali interessati. Nel modulo ordinario l assistenza domiciliare residenziale prevede la presenza degli operatori 24 ore su 24, nel rapporto stabilito dalla normativa regionale, come riportato nella Tabella 1. Le attività espletate a favore degli anziani ospiti delle Case di Riposo Capitoline, sono quelle descritte al successivo punto Prestazioni socio-assistenziali offerte dalle strutture residenziali per anziani di Roma Capitale. 3 PRESTAZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI OFFERTE Presso tutte le Strutture Residenziali di Roma Capitale il servizio di assistenza domiciliare è prestato, a seconda della diversa condizione di autosufficienza, nell intento di aiutare e stimolare l anziano ospite in ogni momento della giornata, per il soddisfacimento di tutti i bisogni della persona e perseguire l obiettivo del mantenimento e/o del recupero del benessere psicofisico dell anziano. L assistenza domiciliare nelle strutture per anziani di Roma Capitale, pur nel rispetto delle prestazioni tipiche del servizio, deve tenere necessariamente conto del contesto residenziale e comunitario nel quale si colloca, diverso dalla casa di abitazione. Al riguardo, infatti, occorre rilevare una particolare attenzione ai bisogni del singolo ospite, ma anche della comunità di riferimento di cui ciascun anziano è parte attiva, al fine di favorire positive dinamiche volte all integrazione tra gli ospiti della medesima struttura e al benessere di tutti. Le prestazioni, in coerenza con la normativa regionale in materia, si diversificano secondo il livello di intensità assistenziale rilevato nel PAI individuale anche in relazione al grado di autonomia e autosufficienza dell anziano. Diversi sono gli ambiti di intervento che possono essere individuati in quattro macro aree di riferimento: orientamento e accompagnamento per attività esterne alla struttura; stimolo e affiancamento per il mantenimento di livelli di autonomia; promozione di attività di gruppo per favorire socializzazione tra gli ospiti anche con il coinvolgimento delle realtà del territorio; interventi di assistenza personale di base. Le prestazioni possono, quindi, riguardare: accompagnamenti esterni per visite mediche e specialistiche, presso istituti previdenziali, posta, banche ecc. per disbrigo pratiche burocratiche; preparazione, con il coinvolgimento degli ospiti, di feste e eventi interni alla struttura e aperti al territorio; attivazioni di laboratori informativi e formativi per l occupazione del tempo libero e per il mantenimento di un adeguato livello di capacità;

6 6 attività di assistenza di base (sostegno nella pulizia personale e della camera, aiuto nella mensa, orientamento per l eventuale assunzione di farmaci). Quest ultima tipologia di prestazioni assume maggior rilevanza per quegli anziani che nel corso della loro permanenza in struttura, subiscono un decadimento fisico e psichico e per i quali sono stati individuati ambiti cosiddetti protetti (come meglio descritti al punto 4). Oltre alle attività di natura prevalentemente assistenziale, gli operatori collaborano alle iniziative ludico-ricreative organizzate dalla struttura, o alle altre attività finalizzate al mantenimento e al miglioramento delle abilità e capacità fisiche, cognitive e relazionali degli ospiti, nonché all integrazione sociale, con la collaborazione dell assistente sociale e dell educatore, figure professionali previste con una presenza programmata all interno della Casa di Riposo. Gli operatori impiegati nel servizio di assistenza domiciliare devono essere in possesso dei requisiti professionali previsti dalla normativa vigente e da ultimo dettate dalla D.G.R. n. 17/2011 concernente: Requisiti in deroga ai requisiti integrativi previsti dalla D.G.R. n. 1305/2004, Sezione residenziali e semiresidenziali per anziani, ai sensi dell art. 14, comma 4 della L.R. n. 41/2003. Il servizio di assistenza domiciliare a favore degli anziani ospitati nelle strutture è garantito 24 ore su 24 con l organizzazione delle presenze degli operatori addetti in turni di 6 ore ciascuno e di 12 ore per il servizio notturno (20,00 8,00) per 24 ore giornaliere, tutti i giorni inclusi i festivi. 4 MODULO PROTETTO Presso le strutture Roma 1 e Roma 3, sono presenti oltre al modulo ordinario di accoglienza, i Moduli Protetti in coerenza con quanto previsto nella D.G.R. n. 1305/2004 come modificata dalla D.G.R. n. 39/2012 nei quali sono ospitati per periodi limitati, gli anziani ricoverati divenuti parzialmente non autosufficienti, nelle more del loro trasferimento presso le strutture sociosanitarie. In caso di successiva e temporanea perdita della autosufficienza, documentata da certificazione medica salvo i casi di emergenza, l anziano ospite può essere trasferito nel modulo protetto dove riceverà l assistenza domiciliare integrata con i servizi sanitari erogati dal CAD della ASL di competenza. A tale proposito viene predisposto, in accordo con il CAD dell Azienda Sanitaria competente, un nuovo PAI che tenga conto della condizione di non autosufficienza dell anziano e preveda gli interventi sociosanitari resi a domicilio ed, in particolare: Visite domiciliari programmate, sia del medico di base dell assistito che del Medico specialista, ovvero dell infermiere professionale, del terapista della riabilitazione e dello Psicologo. All interno del modulo protetto, le attività prestate dagli operatori a favore dell anziano non autosufficiente hanno una intensità assistenziale di grado più elevato rispetto agli ospiti dei moduli ordinari, e sono finalizzate, comunque, al mantenimento e/o al recupero delle condizioni di autonomia residuali della persona.

7 7 Le attività prestate dagli operatori dell assistenza domiciliare, in coerenza con la normativa regionale in materia, sono rivolte a favore di anziani parzialmente non autosufficienti e riguardano in particolare: La pulizia personale e la vestizione degli ospiti; L assistenza nella sala mensa durante la colazione, il pranzo e la cena; Il riassetto del letto, del comodino e dell armadio personale; L attività indirizzata ad agevolare l approvvigionamento e la somministrazione dei medicinali prescritti dal medico curante e ad assicurare che gli ospiti seguano la cura prescritta dal medico; L accompagnamento dal medico di base, o presso i centri sanitari per accertamenti o per visite specialistiche; L accompagnamento per disbrigo di pratiche postali, bancarie, ecc.; L attività di socializzazione e relazione all interno e all esterno della struttura. Nell ambito dell assistenza domiciliare, le iniziative possono, inoltre, riguardare attività di socializzazione tese alla riabilitazione psicomotoria della persona, anche attraverso eventi, feste o ricorrenze, o tempo dedicato alla lettura e all informazione quotidiana, nonché all attivazione di laboratori tesi al coinvolgimento di altre realtà sociali del territorio e all integrazione dell anziano alla vita del quartiere. In attuazione del Protocollo d Intesa sottoscritto con la Prefettura di Roma, la Regione Lazio e la Provincia di Roma in data 2 aprile 2007, l anziano a seguito di specifico accertamento da parte della ASL competente, può rimanere ospite nel modulo protetto ed usufruire dei servizi domiciliari erogati dal CAD, fino al suo trasferimento presso una struttura prettamente sanitaria (RSA), come codificato dalla D.G.R. n. 39 del PROGRAMMAZIONE DELLA SPESA In relazione alla programmazione delle risorse economiche necessarie a coprire i costi del servizio, l Amministrazione in coerenza con quanto già avvenuto nell ambito della riforma dell assistenza domiciliare individuale in favore di anziani, disabili e minori di competenza dei Municipi di cui alla deliberazione della Giunta Capitolina n. 355/2012 intende allineare alla medesima deliberazione, i costi del servizio erogato all interno delle Case di Riposo capitoline, nel rispetto dei C.C.N.L. e della deliberazione Consiglio Comunale n. 135/2000. Occorre precisare, rispetto ai parametri economici approvati con la citata D.G.C. n. 355/2012, che le prestazioni effettuate dagli operatori sono rivolte ad un determinato numero di utenti contemporaneamente, in relazione al rapporto operatore/utenti stabilito dalla D.G.R. n. 1305/2004, la quale prevede, inoltre, che tali prestazioni devono essere assicurate nell arco delle 24 ore, come riportato nella Tabella 1. La presenza in ciascuna struttura delle altre figure professionali previste dalla normativa, è articolata secondo la programmazione settimanale delle attività, anche con riferimento ai PAI.

8 8 TABELLA 1 Struttura Residenziale Servizio Diurno Servizio Notturno Modulo Ordinario (anziani autosufficienti) Modulo Protetto (anziani parzialmente non autosufficienti) (per ogni turno di lavoro) (per ogni turno di lavoro) 1 operatore ogni 20 ospiti 1 operatore ogni 40 ospiti 1 operatore ogni 6 ospiti 1 operatore ogni 10 ospiti Il costo orario di ciascun operatore risulta così determinato, in funzione delle indennità riconosciute dal C.C.N.L. di settore (turnazione, lavoro notturno e festivo) e dalla normativa vigente, secondo gli importi riportati nella TABELLA 2: TABELLA 2 PARAMETRI COSTO ORARIO Figure Professionali Ctg. CCNL Costo h Responsabile E2 Euro 22,50 Educatore (1/20 diurno) D2 Euro 20,50 Operatore diurno C1 Euro 17,80 Operatore notturno C1 Euro 19,58 1 Indennità coordinamento e sostituzione 2 Spese generali di gestione ex DCC n. 135/2000 5% 12% L organizzazione del servizio di assistenza domiciliare all interno di ciascuna struttura capitolina (con riferimento al numero degli operatori, ai turni, alla programmazione delle presenze delle altre figure professionali ecc.) viene definita, con apposito provvedimento, dal Dirigente della U.O. Terza Età e Case di Riposo del Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute, ai fini del successivo affidamento del medesimo, nel rispetto della normativa vigente. 1 Tale percentuale è calcolata sul totale risultante dal prodotto del costo orario per le ore di servizio stabilite, considerando i turni e le sostituzioni come da contratto. 2 Le spese di gestione nella percentuale indicata, sono calcolate sul totale complessivo risultante al lordo della indennità di coordinamento e sostituzione.

9 9 L'On. PRESIDENTE pone ai voti, a norma di legge, il suesteso schema di deliberazione che risulta approvato all'unanimità. Infine la Giunta, in considerazione dell'urgenza di provvedere, dichiara, all'unanimità, immediatamente eseguibile la presente deliberazione a norma di legge. (O M I S S I S) IL PRESIDENTE G. Alemanno S. Belviso IL SEGRETARIO GENERALE L. Iudicello

10 10 La deliberazione è stata pubblicata all Albo Pretorio dal al.. e non sono state prodotte opposizioni. La presente deliberazione è stata adottata dalla Giunta Capitolina nella seduta del 22 maggio Dal Campidoglio, lì.. p. IL SEGRETARIO GENERALE...

Deliberazione n. 163

Deliberazione n. 163 Protocollo RC n. 8938/12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 6 GIUGNO 2012) L anno duemiladodici, il giorno di mercoledì sei del mese di giugno, alle ore 14,30,

Dettagli

Deliberazione n. 303

Deliberazione n. 303 Protocollo RC n. 16033/12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 25 OTTOBRE 2012) L anno duemiladodici, il giorno di giovedì venticinque del mese di ottobre, alle

Dettagli

Deliberazione n. 240

Deliberazione n. 240 Protocollo RC n. 7334/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di mercoledì ventidue del mese di maggio, alle ore

Dettagli

"Progetto di sperimentazione di un nuovo modello di assistenza domiciliare per persone con disabilità e anziani".

Progetto di sperimentazione di un nuovo modello di assistenza domiciliare per persone con disabilità e anziani. Protocollo RC n. 13615/11 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 21 SETTEMBRE 2011) L anno duemilaundici, il giorno di mercoledì ventuno del mese di settembre, alle

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 1 FEBBRAIO 2013)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 1 FEBBRAIO 2013) Protocollo RC n. 1725/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 1 FEBBRAIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di venerdì uno del mese di febbraio, alle ore 13,05,

Dettagli

Deliberazione n. 116

Deliberazione n. 116 Protocollo RC n. 5745/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 5 APRILE 2013) L anno duemilatredici, il giorno di venerdì cinque del mese di aprile, alle ore 13,00,

Dettagli

Deliberazione n. 158

Deliberazione n. 158 Protocollo RC n. 7277/11 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 11 MAGGIO 2011) L anno duemilaundici, il giorno di mercoledì undici del mese di maggio, alle ore 14,45,

Dettagli

Deliberazione n. 193

Deliberazione n. 193 Protocollo RC n. 11240/12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 4 LUGLIO 2012) L anno duemiladodici, il giorno di mercoledì quattro del mese di luglio, alle ore 14,50,

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 8 FEBBRAIO 2013)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 8 FEBBRAIO 2013) Protocollo RC n. 2435/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 8 FEBBRAIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di venerdì otto del mese di febbraio, alle ore 16,50,

Dettagli

Deliberazione n. 203

Deliberazione n. 203 Protocollo RC n. 11807/12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 11 LUGLIO 2012) L anno duemiladodici, il giorno di mercoledì undici del mese di luglio, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 355

Deliberazione n. 355 Protocollo RC n. 20563/12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 21 DICEMBRE 2012) L anno duemiladodici, il giorno di venerdì ventuno del mese di dicembre, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 115. Indirizzi finalizzati alla sospensione del Servizio delle Pubbliche Affissioni a carico dell'amministrazione Capitolina.

Deliberazione n. 115. Indirizzi finalizzati alla sospensione del Servizio delle Pubbliche Affissioni a carico dell'amministrazione Capitolina. Protocollo RC n. 5272/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 5 APRILE 2013) L anno duemilatredici, il giorno di venerdì cinque del mese di aprile, alle ore 13,00,

Dettagli

Deliberazione n. 65. "Regolamento per la gestione e l'uso dei veicoli in dotazione a Roma Capitale".

Deliberazione n. 65. Regolamento per la gestione e l'uso dei veicoli in dotazione a Roma Capitale. Protocollo RC n. 13856/11 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 16 MARZO 2012) L anno duemiladodici, il giorno di venerdì sedici del mese di marzo, alle ore 13,35,

Dettagli

Deliberazione n. 286

Deliberazione n. 286 Protocollo RC n. 12205/11 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 4 AGOSTO 2011) L anno duemilaundici, il giorno di giovedì quattro del mese di agosto, alle ore 14,40,

Dettagli

Deliberazione n. 180

Deliberazione n. 180 Protocollo RC n. 7702/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 2 MAGGIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di giovedì due del mese di maggio, alle ore 14,50,

Dettagli

Deliberazione n. 378

Deliberazione n. 378 Protocollo RC n. 15399/09 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 2 DICEMBRE 2009) L anno duemilanove, il giorno di mercoledì due del mese di dicembre, alle ore 14,45,

Dettagli

Deliberazione n. 281

Deliberazione n. 281 Protocollo RC n. 11310/10 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 15 SETTEMBRE 2010) L anno duemiladieci, il giorno di mercoledì quindici del mese di settembre, alle

Dettagli

Deliberazione n. 328. Proposta di riorganizzazione della rete scolastica di Roma Capitale - Anno scolastico 2013-2014.

Deliberazione n. 328. Proposta di riorganizzazione della rete scolastica di Roma Capitale - Anno scolastico 2013-2014. Protocollo RC n. 18857/12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 28 NOVEMBRE 2012) L anno duemiladodici, il giorno di mercoledì ventotto del mese di novembre, alle

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 29 GENNAIO 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 29 GENNAIO 2014) Protocollo RC n. 148/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 29 GENNAIO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di mercoledì ventinove del mese di gennaio, alle

Dettagli

Deliberazione n. 203

Deliberazione n. 203 Protocollo RC n. 7959/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 8 MAGGIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di mercoledì otto del mese di maggio, alle ore 11,05,

Dettagli

Deliberazione n. 130

Deliberazione n. 130 Protocollo RC n. 17046/10 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 22 DICEMBRE 2010) L anno duemiladieci, il giorno di mercoledì ventidue del mese di dicembre, alle

Dettagli

Che a Roma Capitale sono state assegnate per il triennio 2012-2014 le seguenti somme, ripartite in parte corrente e in parte capitale:

Che a Roma Capitale sono state assegnate per il triennio 2012-2014 le seguenti somme, ripartite in parte corrente e in parte capitale: Protocollo RC n. 18768/12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 16 NOVEMBRE 2012) L anno duemiladodici, il giorno di venerdì sedici del mese di novembre, alle ore

Dettagli

Affidamento della gestione della Casa del Cinema alla Società Zètema Progetto Cultura S.r.l.

Affidamento della gestione della Casa del Cinema alla Società Zètema Progetto Cultura S.r.l. Protocollo RC n. 17069/10 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 22 DICEMBRE 2010) L anno duemiladieci, il giorno di mercoledì ventidue del mese di dicembre, alle

Dettagli

Approvazione in via sperimentale di una formula gestionale innovativa per il funzionamento di alcuni nidi comunali di prossima apertura.

Approvazione in via sperimentale di una formula gestionale innovativa per il funzionamento di alcuni nidi comunali di prossima apertura. Protocollo RC n. 10407/10 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 3 AGOSTO 2010) L anno duemiladieci, il giorno di martedì tre del mese di agosto, alle ore 16,45, nella

Dettagli

Deliberazione n. 440

Deliberazione n. 440 Protocollo RC n. 19699/11 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 28 DICEMBRE 2011) L anno duemilaundici, il giorno di mercoledì ventotto del mese di dicembre, alle

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 DICEMBRE 2013)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 DICEMBRE 2013) Protocollo RC n. 21919/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 DICEMBRE 2013) L anno duemilatredici, il giorno di venerdì venti del mese di dicembre, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 397

Deliberazione n. 397 Protocollo RC n. 19401/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 18 NOVEMBRE 2013) L anno duemilatredici, il giorno di lunedì diciotto del mese di novembre, alle ore

Dettagli

I S M A ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Roma - Via della Guglia n. 69/b

I S M A ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Roma - Via della Guglia n. 69/b I S M A ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Roma - Via della Guglia n. 69/b... ESTRATTO DI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Il Consiglio di Amministrazione, nominato con Decreto del

Dettagli

Deliberazione n. 450. Regolamento per l'organizzazione e la pubblicazione dei contenuti sul Portale istituzionale del Comune di Roma.

Deliberazione n. 450. Regolamento per l'organizzazione e la pubblicazione dei contenuti sul Portale istituzionale del Comune di Roma. Protocollo RC n. 12334/09 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 23 DICEMBRE 2009) L anno duemilanove, il giorno di mercoledì ventitre del mese di dicembre, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 189. Fissazione delle tariffe per il servizio di inumazione e di cremazione.

Deliberazione n. 189. Fissazione delle tariffe per il servizio di inumazione e di cremazione. Protocollo RC n. 8635/10 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 25 GIUGNO 2010) L anno duemiladieci, il giorno di venerdì venticinque del mese di giugno, alle ore 12,00,

Dettagli

DIPARTIMENTO PROMOZIONE DEI SERVIZI SOCIALI E DELLA SALUTE. Direzione

DIPARTIMENTO PROMOZIONE DEI SERVIZI SOCIALI E DELLA SALUTE. Direzione DIPARTIMENTO PROMOZIONE DEI SERVIZI SOCIALI E DELLA SALUTE Direzione Schema di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Capitolina OGGETTO: Approvazione progetto di riorganizzazione

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 10 OTTOBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 10 OTTOBRE 2014) Protocollo RC n. 16656/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 10 OTTOBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di venerdì dieci del mese di ottobre, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 281

Deliberazione n. 281 Protocollo RC n. 163296/08 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DELL 11 SETTEMBRE 2008) L anno duemilaotto, il giorno di giovedì undici del mese di settembre, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 283

Deliberazione n. 283 Protocollo RC n. 11036/09 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 16 SETTEMBRE 2009) L anno duemilanove, il giorno di mercoledì sedici del mese di settembre, alle ore

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 27466/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Programma di interventi per il potenziamento della raccolta differenziata.

Programma di interventi per il potenziamento della raccolta differenziata. Protocollo RC n. 10953/09 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 9 SETTEMBRE 2009) L anno duemilanove, il giorno di mercoledì nove del mese di settembre, alle ore 14,20,

Dettagli

Deliberazione n. 136

Deliberazione n. 136 Protocollo RC n. 8694/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 7 MAGGIO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di mercoledì sette del mese di maggio, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 203. Disciplina delle dilazioni di pagamento delle entrate di competenza del Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica.

Deliberazione n. 203. Disciplina delle dilazioni di pagamento delle entrate di competenza del Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica. Protocollo RC n. 11906/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 9 LUGLIO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di mercoledì nove del mese di luglio, alle ore

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 MODIFICATO CON D.C.C. N. 265 DEL 07/11/2002 Natura, destinatari e finalità del servizio Il Centro Diurno

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 17 APRILE 2015)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 17 APRILE 2015) Protocollo RC n. 10400/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 17 APRILE 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì diciassette del mese di aprile, alle

Dettagli

PERMESSI ZTL GRANDE RISULTATO DELL UGL RICONOSCIUTA LA DIGNITÀ DEI SERVIZI OPERATIVI

PERMESSI ZTL GRANDE RISULTATO DELL UGL RICONOSCIUTA LA DIGNITÀ DEI SERVIZI OPERATIVI PERMESSI ZTL GRANDE RISULTATO DELL UGL RICONOSCIUTA LA DIGNITÀ DEI SERVIZI OPERATIVI Dopo le pressanti richieste del Coordinamento Sicurezza UGL, incontri, audizioni e strappate promesse, finalmente, la

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI PARZIALMENTE NON AUTOSUFFICIENTI "CASA DI GIORNO" ARTICOLO I AMBITO DI APPLICAZIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI PARZIALMENTE NON AUTOSUFFICIENTI CASA DI GIORNO ARTICOLO I AMBITO DI APPLICAZIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI PARZIALMENTE NON AUTOSUFFICIENTI "CASA DI GIORNO" ARTICOLO I AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina le modalità di funzionamento del

Dettagli

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag.

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. INDICE Art. 1 Obiettivi pag. 2 Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3 Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. 3 Art. 4 Le attività della Comunità pag. 4 Art. 5 Tempi di apertura

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

Deliberazione n. 234

Deliberazione n. 234 Protocollo RC n. 15544/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 LUGLIO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di mercoledì trenta del mese di luglio, alle

Dettagli

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma)

COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) COMUNE DI MORLUPO (Provincia di Roma) (Allegato all atto consiliare n. 12/2005) REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI AI PORTATORI DI HANDICAP, AI MINORI A RISCHIO DI DEVIANZE.

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) Protocollo RC n. 4481/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Proroga del Contratto di Servizio tra Roma Capitale e Roma Servizi per la Mobilità S.r.l. fino al 28 febbraio 2015.

Proroga del Contratto di Servizio tra Roma Capitale e Roma Servizi per la Mobilità S.r.l. fino al 28 febbraio 2015. Protocollo RC n. 28174/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 29 In data: 13/02/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: FONDAZIONE CASA DI RIPOSO AMBROSETTI PARAVICINI ONLUS - PROGETTO SPERIMENTALE

Dettagli

Deliberazione n. 261

Deliberazione n. 261 Protocollo RC n. 16673/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 11 AGOSTO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di lunedì undici del mese di agosto, alle ore

Dettagli

Approvazione Contratto di Servizio tra Roma Capitale e Azienda Speciale Palaexpo - Anno 2014.

Approvazione Contratto di Servizio tra Roma Capitale e Azienda Speciale Palaexpo - Anno 2014. Protocollo RC n. 28190/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 19 MARZO 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 19 MARZO 2014) Protocollo RC n. 5044/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 19 MARZO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di mercoledì diciannove del mese di marzo, alle

Dettagli

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio Premessa Progressivo aumento del numero degli anziani ripensamento dell assistenza Integrazione dell assistenza sanitaria e dei servizi alla persona

Dettagli

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a

COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a Copia COMUNE DI TARQUINIA Provincia di Viterbo - - - - - - D e l i b e r a z i o n e d e l l a G i u n t a n 173 del 08-06-2010 Oggetto: Approvazione del progetto definito di Assistenza Domiciliare leggera,

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 27821/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Adozione del Nuovo Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) relativo al territorio urbanizzato del Comune di Roma.

Adozione del Nuovo Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) relativo al territorio urbanizzato del Comune di Roma. Protocollo RC n. 5798/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 28 MARZO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di venerdì ventotto del mese di marzo, alle ore

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio Sede legale: Via Lusardi 26 22017 Menaggio (Co) Sede operativa:

Dettagli

Deliberazione n. 280. Iscrizione anagrafica dei cittadini senza fissa dimora presso le Associazioni di volontariato.

Deliberazione n. 280. Iscrizione anagrafica dei cittadini senza fissa dimora presso le Associazioni di volontariato. Protocollo RC n. 22948/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DELL 11 AGOSTO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di martedì undici del mese di agosto, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 245

Deliberazione n. 245 Protocollo RC n. 10924/11 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 27 LUGLIO 2011) L anno duemilaundici, il giorno di mercoledì ventisette del mese di luglio, alle ore

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PALAZZUOLO SUL SENIO

CARTA DEI SERVIZI DELLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PALAZZUOLO SUL SENIO CARTA DEI SERVIZI DELLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PALAZZUOLO SUL SENIO 2011 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 39 del 30 GIUGNO 2011 Page 1 sur 8 PRESENTAZIONE La Residenza Sanitaria

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

Deliberazione n. 70. Interventi per la razionalizzazione e il contenimento della spesa di Roma Capitale e delle società partecipate.

Deliberazione n. 70. Interventi per la razionalizzazione e il contenimento della spesa di Roma Capitale e delle società partecipate. Protocollo RC n. 4535/12 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 16 MARZO 2012) L anno duemiladodici, il giorno di venerdì sedici del mese di marzo, alle ore 13,35,

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Allegato alla del. C.C. n. 101 del 27/11/2002 REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa

Dettagli

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU (Estratto dalla CARTA DEI SERVIZI RESIDENZIALI approvata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 69 del 29/09/2010, esecutiva ai sensi di legge) CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU FINALITA ED

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 7 SETTEMBRE 2005)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 7 SETTEMBRE 2005) Protocollo RC n. 15297/05 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 7 SETTEMBRE 2005) L anno duemilacinque, il giorno di mercoledì sette del mese di settembre, alle ore

Dettagli

? S. P. Q. R. C O M U N E D I R O M A

? S. P. Q. R. C O M U N E D I R O M A Prot. Serv. Deliberazioni n. 1469/03? S. P. Q. R. C O M U N E D I R O M A ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 18 NOVEMBRE 2003) L anno duemilatre, il giorno di martedì

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE COMUNITÀ ALLOGGIO PROTETTA

REGOLAMENTO DI GESTIONE COMUNITÀ ALLOGGIO PROTETTA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 10 REGOLAMENTO DI GESTIONE COMUNITÀ ALLOGGIO PROTETTA (C.A.P.) IL MULINO DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo DATA 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO DI GESTIONE

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 1 IDENTITA DEL CENTRO DISABILI E istituito presso i locali di proprietà dell Ipab Manlio Canepa in V.le Vittoria loc. San Terenzo, un Centro diurno per disabili

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 18 LUGLIO 2007)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 18 LUGLIO 2007) Protocollo RC n. 17184/07 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 18 LUGLIO 2007) L anno duemilasette, il giorno di mercoledì diciotto del mese di luglio, alle ore 14,10,

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza

CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza AVVISO PUBBLICO IL SINDACO rende noto che, ai sensi e per effetto della Delibera di Giunta Comunale n. d Ord. 63

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO Adottato con deliberazione consiliare N.48 dd. 29.11.2004 Premessa

Dettagli

L Aurora. Comunità Alloggio per Anziani. Carta dei servizi

L Aurora. Comunità Alloggio per Anziani. Carta dei servizi L Aurora Comunità Alloggio per Anziani Carta dei servizi CARTA DEI SERVIZI Sommario Caratteristiche della carta servizi... 2 L Aurora di Marzo S.r.l.... 2 La Comunità Alloggio L Aurora... 2 Servizi Offerti...

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA Via Ancona, 290 Cesena Telefono 0547 334935 Approvato con Delibera n. 10 del 03/03/2010 Finalità del servizio ART. 1: L ASP, all interno della sede della

Dettagli

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa CARTA DEI SERVIZI Conforme alla Delibera della Regione Toscana n. 566 del 31/07/2006 (aggiornata al 16 aprile 2013) Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Dettagli

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO ELENIA Via Ungaretti, 84 62100 Macerata (Mc) Tel. 0733.33844 (r.a.) Fax 0733.33811 segreteriaoss@grupposinergie.com CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO INFORMATIVA GENERALE & SCHEDA D ISCRIZIONE CORSO

Dettagli

COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39. Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00. Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO

COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39. Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00. Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO COMUNE DI MEDE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 39 Seduta del 7 MARZO 2011 ore 15.00 Presidente: GIORGIO GUARDAMAGNA SINDACO Presenti gli Assessori comunali: MORENO BOLZONI ALBERTO GROSSI GUIDO

Dettagli

) 21 38060 - NOMI (TN)

) 21 38060 - NOMI (TN) O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona ) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n.7 REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI Gennaio

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE DISTRETTO SOCIO SANITARIO APRILIA/CISTERNA REGOLAMENTO CASA FAMIGLIA PER DISABILI LA CASA DEI LILLA Allegato alla delibera di CC n.33 dell

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

Deliberazione n. 325

Deliberazione n. 325 Protocollo RC n. 29015/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 13 OTTOBRE 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di martedì tredici del mese di ottobre, alle ore

Dettagli

Deliberazione n. 242

Deliberazione n. 242 Protocollo RC n. 10841/11 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 19 LUGLIO 2011) L anno duemilaundici, il giorno di martedì diciannove del mese di luglio, alle ore

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Consorzio Intercomunale per la gestione dei servizi socio-assistenziali dell Ovestticino (Comune di Cameri, Cerano, Galliate, Romentino,

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 17 NOVEMBRE 2004)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 17 NOVEMBRE 2004) Protocollo RC n. 27877/04 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 17 NOVEMBRE 2004) L anno duemilaquattro, il giorno di mercoledì diciassette del mese di novembre, alle

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona. "San Giuseppe" di Primiero

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona. San Giuseppe di Primiero Azienda Pubblica di Servizi alla Persona "San Giuseppe" di Primiero REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI PROTETTI Allegato quale parte integrante e sostanziale alla deliberazione del Consiglio di

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E ASSITENZA DOMICILIARE INTEGRATA

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E ASSITENZA DOMICILIARE INTEGRATA Regione Autonoma Valle d Aosta Unité des Communes valdôtaines Evançon REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E ASSITENZA DOMICILIARE INTEGRATA Approvato con deliberazione della Giunta n. 38 del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Ambito di Seriate L.328/00 Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI

Dettagli