Nuove frontiere riproduttive: coscienza sociale ed esperienza individuale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuove frontiere riproduttive: coscienza sociale ed esperienza individuale"

Transcript

1 Nuove frontiere riproduttive: coscienza sociale ed esperienza individuale MATILDE VIGNERI Le nuove frontiere procreative in un mondo che cambia Argomento precipuo di questo scritto è la procreazione medicalmente assistita, le sue molteplici influenze sulle trame sociali, sul vissuto esistenziale e sulle strutture psichiche. Esordita alla fine degli anni 70, la scienza procreativa si è notevolmente affinata ed ha talmente esteso i propri confini da arrivare ad essere oggi, a partire dall ormai lontano assetto pionieristico, fulcro di sofisticate linee di ricerca sull origine stessa della vita, sul suo mistero e sul suo prolungamento. Le nuove biotecnologie, estese ad aree impensabili rispetto ai primi intendimenti, hanno concorso a cambiare il profilo della fisiologia riproduttiva giungendo a livelli di ricerca e metodologici tali da garantire sempre più ampi campi di applicazione con sempre maggiori possibilità di successo; tuttavia, nonostante il livello scientifico raggiunto, poco o nulla si è potuto fare per alleviare nelle singole pazienti il livello di sofferenza e il prezzo emotivo da pagare sia nei casi di fallimento, sia anche per coloro che giungono con successo alla gestazione (Vigneri, 2010); niente può difendere le donne dal peso dell invasione corporea, ormonale e strumentale, delle metodiche, dalla mortificazione della sessualità, dall attesa penosa del responso mensile. Paradossalmente proprio la crescita dei nuovi ritrovati medici potenzia il senso di solitudine del singolo individuo lasciato indifeso di fronte all inevitabile patimento, alla delusione ed alla violenza fisica che le tecniche comportano. E nulla è altresì risparmiato alle coppie infertili: la sofferenza sociale, il pudore ferito, l isolamento, il senso di rabbia e di ingiustizia. Inoltre, nel corso di questi ultimi anni, le caratteristiche delle coppie che fanno richiesta del presidio medico si sono molto modificate per la concomitanza di nuove sofferenze, di «nuove» patologie da fronteggiare in concorso all infertilità. Abitudini e stili di vita propri del nostro tempo rendono viepiù problematico il percorso medico, e complicano la relazione con gli specialisti (Cittadini, 2010). All età sempre più avanzata della decisione di avere figli, causa prima dell attuale incremento del tasso di infertilità, si aggiungono l obesità e le altre patologie del comportamento alimentare ormai a carattere pandemico, e le dipendenze, come da fumo e da alcool, che molto interferiscono sul buon esito delle tecniche; elementi tutti coinvolti nell incremento dell impossibilità a generare. L infertilità, divenuta oggi un dato statistico che sembra innalzarsi parallelamente al progredire delle nuove tecnologie, ha origini complesse e multideterminate: dai dissesti eco-sistemici, dall attuale disastro economico, dalla deflessione delle possibilità lavorative, da una generica immaturità e condizione di dipendenza del mondo giovanile, e soprattutto da un mutare del mondo femminile; al ritardo generativo sempre più prossimo ai limiti biologici fa da specchio sul piano psicologico l emergenza 1

2 di un intimo rifiuto della maternità e l evanescenza, forse la scomparsa, della rappresentazione psichica stessa dalla gravidanza e del «bambino immaginario», sì che molto spesso la richiesta medica risulta essere una sorta di «formazione reattiva» ad una intima paura (Freud, 1915). Parallelamente a quanto relativo alla ricerca scientifica ove la messa a punto delle tecniche procreative ha fatto seguito alla diffusione delle metodiche anticoncezionali, la richiesta del presidio medico da parte delle donne è sottesa da molteplici istanze inconsce antigenerative, sostenute da un intimo diniego onnipotente di ciò che è profondamente temuto. Ipotesi precipua del lavoro è che nella condizione di infertilità e nella determinazione ad affidarsi alle pratiche mediche si mettano in opera, amplificati e potenziati, i fantasmi dell angoscia della maternità e di un inconscio rifiuto di gravidanza e del bambino stesso. Si ipotizza che proprio questo intimo rifiuto, sostenuto attualmente da più esterne difficoltà sociali economiche-lavorative, dilaghi oggi fino a influire profondamente sull imponente dato demografico dell empasse fisiologico. Inoltre la resistenza, o la difficoltà a generare, non solo assume il potere di condizionare la sempre più elevata richiesta di accesso alle metodiche sanitarie, ma anche di direzionare alcuni ambiti della ricerca stessa. Assimilazione nell immaginario sociale Al travaglio individuale e di coppia, che attende inesorabilmente chi si sottopone a tali tecnologie (Flamigni, 2008, 394 e sgg.), corrisponde una particolare permeazione nel pensiero collettivo. Facilitata dal vettore mediatico che da alcuni anni fornisce dati e particolari sull argomento, la popolazione ha ormai assorbito quanto relativo alla fecondazione assistita con un processo elaborativo simile a quello di tutte le grandi innovazioni scientifiche, nelle tipiche tappe di scalpore, perplessità etiche, opposizione al cambiamento, fino all acquisizione, ed all assimilazione nell immaginario, di dati, di concezioni e di uno scibile che si costituisce a sua volta come promotore di ulteriori trasformazioni sociali: una sorta di conoscenza diffusa e persino particolareggiata, ma al contempo scarsamente elaborata e pochissimo compresa nelle sue implicazioni più profonde, in grado tuttavia di condizionare il corso delle ricerche. Questo vale sia per la collettività, e per la «costruzione e formulazione di opinioni» nella mente di tutti, sia per le stesse competenze scientifiche e persino bioetiche, incapaci di prevedere a fondo gli esiti scientifici e sociali del loro impetuoso procedere. «Siamo precipitati nel futuro» affermarono i componenti del Comitato Nazionale per l Etica nel 1986 in Francia «senza averlo ancora intravisto», e Ettore Cittadini, pioniere della procreazione assistita, nel suo ultimo libro sulla storia della fecondazione in vitro in Italia (in via di pubblicazione) scrive: «La Scienza è arrivata in un luogo dove il gioco del sapere diviene capace di modificare, in maniera decisa ed irreversibile, non solo l individuo, ma anche la Società, e anche la specie, avendo di gran lunga la scienza e le tecniche fecondative superato per cosi dire i limiti dei loro stessi scopi». Ciò che intendo sottolineare, come cercherò di esplicitare meglio più avanti, è il modo in cui la stessa impregnazione nella coscienza collettiva operi dirigendo il progetto scientifico; potremmo dire, in tal senso, che la scienza si trova impregnata nella ricerca di soluzioni a problemi in qualche modo derivati dal suo stesso incedere. L insieme di ideologie e di rappresentazioni che sottendono norme e valori condivisi nell immaginario dai membri di una collettività (insieme cui diamo il nome di coscienza sociale), una volta costituito in istituzioni regolate da sanzioni, ha in se il potere di strutturare e regolare l interazione e il comportamento degli individui, strutturando la realtà (Conrotto, 2011). Tutto 2

3 questo vale in particolar modo per quanto inerente al concepimento, alle funzioni riproduttive, ed alla gravidanza, se li intendiamo come fondamenti filogenetici ed ontologici della struttura stessa del sociale. In senso psicoanalitico potremmo anche considerarne quegli aspetti strettamente connessi al processo di civilizzazione e quindi alle costrizioni dell area sessuale. Psicopatologia del concepimento umano ed identità concezionale traumatica In un suo recente scritto, capitolo di un interessante libro a cura di Carlo Bellieni, il filosofo Benoit Bayle (Bayle, 2011, 19 e segg.) afferma che la medicina, che lui, coniando «un neologismo che racchiude tutte le pratiche inerenti alla procreazione o al suo impedimento, in cui l elemento scientifico e tecnologico è preponderante» (in nota nell articolo N.d.C.), definisce procreatica, occupa oggi una posizione fondamentale nella nostra società. «L elemento procreatico» scrive l autore «è profondamente ancorato alle nostre mentalità, anzi mi azzarderei a sostenere che è in grado di strutturare alcuni dei nostri modi di pensare. Per questo motivo, definisco la società postmoderna una società procreatica. Oggi la società non può fare a menodell aspetto procreativo». Il filosofo guarda all argomento con un ottica allarmistica. «Questo approccio medicalizzato della procreazione umana che in tutta evidenza deve tener conto di un certo numero di realtà difficili e dolorose», scrive infatti, «tenta di rispondere ad un progetto utopistico che si espone a molteplici delusioni e cela una vera e propria violenza sociale». L autore conia, a proposito della procreazione medica, il concetto di «identità concezionale traumatica», di portata emotiva in qualche modo sovrapponibile a nascite conseguenti ad eventi estremi, citando persino lo stupro e l incesto. Per quanto il filosofo, e psichiatra, giunga a considerare quanto riguardi la fecondazione assistita una vera e propria «rivoluzione scientifica», nelle ultime pagine del suo lavoro si trovano considerazioni che a me paiono credibili ed eticamente rimarchevoli. «L intero assetto genitoriale è compromesso. Il bambino della società procreatica, nel modo in cui è voluto, risulta sottomesso ad un esorbitante potere dei genitori, che decidono forzatamente della sua vita o, nel caso delle pratiche contraccettive e dell aborto legalizzato, della sua morte nel corso del periodo prenatale. È impensabile che tutto questo non abbia influsso sul rapporto genitori-figli» e, nel riferirsi al contesto sociale, aggiunge: «Le perdite prenatali della società procreatica, inoltre, non si riducono soltanto agli embrioni morti. Si insinuano nella biografia dei viventi, creando difficoltà psicologiche che non si è ancora in grado di valutare pienamente, e per cui ho proposto il modello della sopravvivenza». Prendere coscienza della posta in gioco, è oggi la cosa più urgente. Bayle si occupa a grande raggio delle sofferenze e delle problematiche che le pratiche di fecondazione medica comportano al punto da postulare l insorgenza di una specifica «psicopatologia del concepimento umano». Concetto interessante dal punto di vista psicoanalitico, tenuto conto delle difficoltà riscontrate nelle molte analisi con donne in fecondazione assistita, sia con esperienze fallimentari dopo anni di dolorosi e spersonalizzanti tentativi medici, sia in situazioni di rapidi successi a volte perturbanti proprio perché precocissimi prima ancora che sia stato possibile ricondurre l intento affidato alla tecnologia al ritrovamento di un autentico desiderio. In ognuna di queste donne è stato possibile riconoscere, nel corso del lavoro, l emergenza di elementi analitici che potrei considerare come «invarianti psichiche» attinenti all esperienza medica ed alla condizione di infertilità. Difficile individuare, nelle emergenze inconsce emotive ed oniriche, quanto espressione di relazioni primarie originariamente disarmoniche e patogene e quanto riflesso traumatico dell invasività psichica e corporea delle tecniche stesse. Le pratiche mediche sono 3

4 emotivamente vissute come violente e distruttive, tanto da detenere il potere di richiamare, evidenziare e potenziare in retrospettiva istanze inconsce fortemente patogene. L ipotesi di una psicopatologia del concepimento permette di formulare una sorta di specificità psichica di vissuti e dinamiche proprie dell avere sottostato all infertilità con tutte le componenti ad essa connesse, ed alle valenze francamente sado-masochistiche implicite nell accettazione dei modi e dei tempi delle procedure mediche. Alcune notazioni psicoanalitiche Considero come invariante psichica specifica delle donne in procreazione medica assistita un «segreto diniego di maternità», espressione di una ambivalenza insita nell animo femminile ma che primariamente o di conseguenza nella condizione di infertilità, è potenziato ed evidenziato esponenzialmente dal peso emotivo, corporale ed ormonale delle tecniche. Della portata dell ambiguità del binomio desiderio-rigetto nei confronti della gravidanza ho sovente conferma nel mio lavoro di consulente presso la Fondazione per gli Studi sulla Riproduzione Umana di Palermo. Esemplificazione ne è il racconto di una giovane professionista, avvocato di diritto di famiglia, che mi chiede aiuto perché alle prese con una dolorosa istanza di separazione, le cui ragioni rientrano nelle mie argomentazioni. Alcuni anni addietro una sua cliente, sposata da un anno, risultò infertile. Affidatasi ai medici, si susseguirono molteplici tentativi procreativi fallimentari presso diverse unità specialistiche; nel rivolgersi ad ogni successiva equipe, tutto ricominciava da capo, forzature ormonali, impianto, fecondazioni intracitoplasmatiche etc, fino a che non le fu suggerita la Cleveland Clinic in Ohio, USA, dove il successo fu ottenuto al primo tentativo. Anzi, le condizioni organiche e la risposta alle tecniche apparivano talmente ottimali che alla notizia del buon avvio della gestazione i medici aggiunsero l esortazione ad un progetto a breve scadenza di una seconda gravidanza. «Ma la signora non resse a tale doppia splendida notizia», mi racconta la legale. «Dopo otto anni di cure procreative in cui era riuscita a preservare un equilibrio personale e di coppia conquistato nel dolore e nella precarietà, con una relazione affettiva pervasa di dolore e di compromessi a garanzia dell insuccesso, e dopo ogni sforzo per mantenere un falso reciproco sostegno di coppia, a copertura e protezione dello spegnersi del desiderio e dell instaurarsi di un mal celato risentimento, la donna», continua il legale, «sta malissimo, tanto da non potere accudire per lungo tempo la bambina nata nel frattempo, che resterà comunque unica, e da dovere iniziare una terapia che tuttavia non è valsa a salvare il matrimonio». Molto vi sarebbe da riflettere su una bambina nata in un siffatto contesto. E sul destino futuro dei bambini «in-sperati» molto si è scritto, sia pure con alterne e controverse opinioni. Alcuni estremizzano il timore di una «strumentalizzazione» del bambino concepito in forza di tali gravosi sforzi, affermando che questi possa avere un destino in qualche modo sovrapponibile ai cosiddetti «bambini sostitutivi», generati, ad esempio, in surrogato di un figlio morto. In effetti, un bambino partorito dopo numerosi e defatiganti tentativi fallimentari e spesso abortivi subentra sempre ad esperienze luttuose di terribile portata. La questione viene affrontata ad ampio raggio dagli studiosi di Bioetica nell ipotesi, ormai constatata catamnesticamente, di una possibile distorsione dell investimento affettivo materno (e paterno) disarmonicamente espanso, sottratto (come per la signora di cui ho scritto sopra) o generato dall idea di una straordinarietà eroica del piccolo nato 4

5 sopravvissuto a innumerevoli prove, con conseguente senso di onnipotenza, intolleranza alla frustrazione, incremento di accadimento iperansioso etc Al di là della grande complessità e della portata dei problemi insiti nell «universo procreatico», per citare ancora Bayle, in questo contesto vorrei sottolineare gli elementi legati alla ambivalenza ed all angoscia di gravidanza fino al rigetto vero e proprio (così frequenti e operanti nelle «nuove figure identitarie femminili») (Vigneri, 2009), elementi comunque presenti nell inconscio di ogni donna ma che assumono particolare potere e visibilità nella condizione di infertilità e che vengono potenziati dall invasività e dalla violazione fisica e psichica delle pratiche mediche. Si viene a costituire cioè un tipo particolare di rinforzo, pari a quello che Freud definiva relativo all istaurarsi di una «serie complementare» (Freud, , 504). Credo che si possano considerare molteplici corollari di valenze psichiche legate all infertilità ed alla esperienza tecnologica: potrei citare fra tutti una relazione con una madre interna disastrata e disastrante, o ancora il rifiuto e la mortificazione del sessuale, ma vorrei soffermarmi in particolare sulla possibilità, esperita in tutte le pazienti infertili seguite in analisi, di delineare alcune prevalenze o tipologie figurative rappresentazionali ed oniriche, segnalando alcune differenze che ritengo tipo-specifiche tra donne con esperienze lunghe e fallimentari e quelle esitanti in gravidanza. Nelle donne con alle spalle lunghi anni di pratiche mediche fallimentari le rappresentazioni disarmoniche, causa o conseguenze che siano, appaiono sovente nei sogni sotto forma di espressioni figurative di un orribile «bambino-mostro tecnologico», quasi mai visibile in sé ma frammentato e parzializzato ed albergante in un corpo di donna parimenti a pezzi. In queste donne, presumibilmente sotto la spinta di una condizione regressiva complessa e, per così dire fagocitante, i sogni sono molto spesso «pregni» di qualcosa di simile ad un oggetto-parte, spesso dislocato in zone esse stesse parziali arcaiche, bocca, ano, a volte confuse tra loro, de-erotizzate e preda dell azione torturante di simulacri medici. Aghi, siringhe, ferree scale risalenti la cavità orale alla ricerca di piccoli denti bianchi, ovuli di pietra, ma anche arti di ferro, oggetti di plastica, pervadono la scena onirica: quasi mai materiale organico riconoscibile, tranne fiumi di sangue, sangue nero, abortifero, mestruale. Sembra si metta in opera nei sogni, in queste donne, un intenso sviluppo di processi di frammentazione dove l «odio parziale d oggetto», parafrasando Abraham, è rappresentativo di una molteplicità di distruzioni, e in cui ogni frammento allude ad un diverso persecutore (interno-esterno). Questi popolano una scena interna sempre teatro di aggressività e di ostilità che si riversa e si riproduce in analisi in relazioni transferali torve e cupamente sottomesse (ho altrove parlato dei complessi transfert multipli in pazienti sottoposte a PMA), che ripercorrono il cammino scisso (un tentativo dopo l altro, senza requie) e cruento dell esperienza medica. La figura materna è sempre, analiticamente, una alterità in-identificabile, devastata, cannibalica, fagocitante, temuta ed odiata. Ciò che mi preme sottolineare in questo contesto è come anche nei sogni di donne che giungono alla gravidanza in tempi brevi vengono messi in scena raffigurazioni che posso considerare espressione di un intimo travaglio e di un attacco alla gravidanza ed alla sessualità, per di più nella contraddittoria condizione di una gestazione in atto. Vi è però una differenza del linguaggio onirico delle due categorie di donne, essendo relativo il primo ad una distruzione già operante ed esecutiva, presumibilmente in una sorta di area psicotica della mente frammentata e scissa. Nelle pazienti infertili giunte più o meno rapidamente alla gestazione indotta medicalmente mi è sembrato particolarmente interessante osservare come il bambino dei sogni, non ancora del tutto pensabile e rappresentabile, e tuttavia esistente, fosse raffigurato (con una frequenza sorprendente) con tratti zoomorfici, struggenti e suggestivi, in una sorta di simbologia non 5

6 antropomorfica della maternità. Riporto il primo sogno in gravidanza di una di loro: una donna dai tratti anoressoidi dotata di tutto il corollario fusionale ambivalente materno; un sogno tenero e terribile al contempo: «Sognavo», dice la giovane sposa infertile sconvolta intimamente da un precocissimo successo medico al primo tentativo a cui non è ancora pronta, «di partorire». «Partorivo il mio cucciolo. Lo partorivo direttamente dalla pelle», aggiunge, indicando con le mani le spalle. Al di là delle molte implicazioni analitiche (cui penso quel «di spalle» si riferisse) è la incalzante ripetizione della parola partorire, quasi a tentare di prendere confidenza con la «concezione» di tale evenienza, che mi colpisce, unitamente alla peculiare assenza degli organi gestazionali, utero, vagina, e la comparsa del bambino ancora prigioniero in un piccolo animale. Ho già diffusamente parlato di questa paziente e delle straordinarie trasformazioni (Vigneri, 2010), nel procedere del lavoro analitico e della gravidanza, del linguaggio onirico che diviene nel tempo esaustivo e saggio. Ad analisi avanzata, la paziente mise mirabilmente in scena, in un sogno all ottavo mese di gravidanza, i personaggi coinvolti: tre ovuli (il bambino nato senza amore, il bambino morto e il bambino vero) e tre donne (che come tre parche si contendono il diritto di volere e di rifiutare). Un altra rappresentazione zoomorfica di gravidanza è quella di una paziente anch essa restata incinta ai primi tentativi medici, dopo il fatidico anno d attesa per la diagnosi di infertilità, che sogna per la prima volta la propria gravidanza. Sogna se stessa sdraiata nel letto, leggermente di fianco, il capo chino, come una dolente Madonna, il braccio curvo lungo il fianco a cingere un topo. Un grosso ratto nero. Si avvicina qualcuno, lei dice sottovoce «sch non lo svegliate. Ma poi, il topo sparisce». Il sogno termina quindi nell incertezza di una trasformazione, e di una tetra e terrificante Maternità Sacra consegnata ad un surrealismo alla Dalì o ad un torbido Magritte. Un bambino quindi, ma rappresentato come bestia repellente, l unico modo di potere raffigurare la maternità; un oggetto morbosamente fallico-anale, forse la rappresentazione di una vagina, «la topa», tanto idealizzata quanto negata e perduta. Forse un attacco alla sessualità: il topo poi sparisce. O forse è proprio questo il desiderio del sogno: la scomparsa della gestazione, il desiderio di «non avere» un bambino. In un sogno di un altra paziente in fecondazione assistita (di cui ho ampiamente scritto), al quarto mese di gravidanza quando è finalmente sfatato il rischio di un ulteriore aborto, il feto era un grande ragno nero che si nutriva di lei dentro la sua pancia (una «vagina-pene» materna che la divora dall interno). E come non ricordare la prima paziente, quando ancora il tema era misconosciuto ed io dovetti andare a consultare i ginecologi per comprendere cosa significassero quei dieci anni sprecati a insistere in pratiche tanto cruente quanto inconcludenti, in un crescendo di odio verso tutti, i medici, il marito, i familiari, l analista cui nulla fu risparmiato, e soprattutto il bambino mai nato. Al termine di una lunga analisi, in cui nei primi anni di lavoro la decennale esperienza medica per altro fallimentare era apparsa sotto forma di orribili reperti frammentati e scissi, in uno degli ultimi sogni, un sogno di fine analisi a lavoro prossimo al termine, può infine comparire la madre e forse, con essa, il proprio stesso corpo. Vi è una nave. Una nave con la tolda di legno innaffiata da un gigantesco tubo saettante, e una micina di cui lei sentiva i sempre più fievoli miagolii, nascosta nel fondo della nave. Lei sapeva che non avrebbe mai visto la micina e che questa sarebbe, infine, morta affogata. Sembrava cioè che la scena interna si fosse ricomposta, persino nell accettazione dell esperienza medica, senza però ritrovare un armonizzazione: c è una madre (la nave) e il fallo (ingigantito e saettante), commisti agli strumenti medici di ferro e di gomma; un fallo forse materno e la bambina pur sempre ancora una micetta perduta per sempre, affogata, morta, che non emette che un ultimo e tenue richiamo, un inutile gemito. Né destino migliore ha, recentemente, il bambino, in uno dei rari sogni in cui appare nella sua forma umana, in una donna in fecondazione assistita fallimentare ed in analisi avanzata: 6

7 «Ero con un neonato, il mio bambino, dentro un supermercato: lo mettevo in un angolo ad attendere mentre andavo a comprare delle cose. Al mio ritorno scoprivo che l avevano affogato nel water del gabinetto del supermercato. Piangevo disperatamente, volevo suicidarmi. Poi ho pensato: facciamone un altro» (che è poi la frase della più nota Madre Assassina del nostro secolo). Mentre io riflettevo sul sogno, ed in particolare, su quel gabinetto collegandolo ai gabinetti medici, la paziente mi disse: «Quello che mi aveva distratto dal bambino, erano gli scaffali del supermercato, pieni di alimentari. Cornetti, erano cornetti. File e file di cornetti. Da bambina li adoravo», riportandomi al suo passato bulimico ed alla sua infanzia irrisolta, ampiamente implicati nell infertilità, come sarà messo in luce durante l analisi. Riferisco infine uno degli ultimi sogni di una donna al sesto mese di analisi, un sogno che mi ha molto colpito e che mi ha spinto a leggere una sorta di versione ontologica degli aspetti più dolorosi della procreazione medicalmente assistita inducendomi a scrivere queste note. È il sogno di una donna infertile, incinta al quarto mese dopo pochi tentativi; una donna «felicemente» resa incinta, grazie alle tecniche. «Ero in una cucina. Cucinavo con mia madre, lei mi porge un gattino piccolo morto, forse il mio. Lo dovevo scuoiare, fare a pezzi, e cucinare. Penso che arriveremo a qualcosa di vivo. Sotto il tavolo c è un gattino piccolissimo, ma temo di doverlo ammazzare. Temo che mia madre mi chieda di ucciderlo. Decido di uscire da quel posto, ma quando sono sulla porta, un piccolo babbuino mi salta addosso, proprio qui sulla pancia». (Indica il proprio addome, premendovi sopra le mani a palmo aperto). Tutte queste raffigurazioni di animaletti, solo apparentemente domestici ed amabili, lungi dal costituirsi come rappresentazioni benefiche ed aurorali di maternità, ne esprimono piuttosto, io credo, un aggressività, un ripudio, una impossibilità a sentire il sessuale e gli organi genitali come parte di sé, viva e vitale. Non solo l enorme ratto o il grosso ragno nero, forse intrusioni di un materno vissuto come invasivo e roditore, ma anche gli animaletti, comunque sempre cucinati, scuoiati, fatti a pezzi. In analisi è necessaria una disidentificazione da questo bambino indesiderato e da tutte le bestioline vive-morte e internamente divoranti. È da notare come nell ultimo sogno che vi ho trascritto è comunque la madre della paziente, l assassina. Nel sogno credo sia chiara l intricata e mitologica relazione fra l immagine di madre assassina a capostipite dell infertilità, e il proprio desiderio di restare viva con il proprio bambino (anche se l angoscia lo rende ancora «la scimmia addosso»). Comunque, che si accetti o meno l idea di una sorta di specificità rappresentazionale, sono sempre vicina a credere che dietro l infertilità e le sue cure agisca una profonda ambivalenza femminile colma di diniego (individuale e socioculturale) verso la maternità. Avevo prima parlato della reciproca induzione a «doppio circolo» fra direzione della ricerca scientifica, immaginario sociale, e istanze inconsce. Credo sia possibile affermare che le tecniche mediche si costituiscano come riparazione preservatrice di una eguale e contraria istanza antigenerativa (basti pensare allo sviluppo del binomio anticoncezionali-tecniche procreative), inoltre le tecniche potenziano e virulentano l angoscia e l attacco alla maternità, che è per altro a sua volta ingigantito dalle induzioni culturali (movimento femminista, parificazione dei sessi, «mascolinizzazione del femminile», procrastinazione dei tempi generativi). Di conseguenza, il sempre più elevato incremento del tasso di infertilità ha fatto crescere visibilmente la richiesta di procreazione assistita. Inoltre un ulteriore andamento a spirale dei fenomeni, la sempre più avanzata ricerca scientifica protesa alla preservazione della funzione biologica contro la malattia organica e la morte tissutale, viene messa 7

8 oggi al servizio dell infertilità, potremmo dire in una sorta di complicità proprio con il diniego di maternità. Dalle cosiddette nuove frontiere procreative infatti sta sorgendo, ed è proprio la più recente delle notizie, l ennesima soluzione all infertilità che è però anche l implicita conferma di un diniego di gravidanza; l idea, ultima in ordine di tempo, è forse la più indicativa e sorprendente: originatasi questa volta non dai medici ma proprio da una richiesta delle donne, giovani donne sane, non malate e non infertili, che hanno pensato bene di trasformare la preservazione in prevenzione. Una nuova categoria di «pazienti», che nella previsione di un ritardo del progetto generativo hanno pensato e proposto un nuovo panorama di applicazione delle tecniche di conservazione delle funzioni riproduttive. Parlerò quindi delle ultime frontiere procreative tratteggiando infine la via che ha condotto ad un loro inusitato utilizzo sociale. Nuove frontiere procreatiche: preservazione della fertilità nelle malattie oncologiche e ripercussioni sociali Nel suo ultimo scritto in via di pubblicazione: Nata a Palermo. Storia della fecondazione in vitro, Ettore Cittadini (2012), fautore della prima nascita assistita a Palermo e scienziato sempre all avanguardia sul fronte della scienza procreativa, citando Seneca, afferma: «Breve è la vita che viviamo veramente; tutto il resto è tempo». E aggiunge: «vi è sempre più una sperequazione fra la vita secolare di uno scienziato all opera e la grandiosità vertiginosa e impetuosa della scoperta scientifica. Ma vi è anche uno scarto che sembra ingigantirsi fra la limitatezza della finestra temporale della vita dell esperienza individuale e il tempo della scienza». Gli effetti sociali di tale scarto sono al fondamento di nuove ideologie e di trasformazioni del pensiero collettivo talmente straordinari ed in certo senso perturbanti da meritare un apposito discorso. Da alcuni anni la preservazione della fertilità si è estesa ad aree di patologia organica, originariamente concepita per i pazienti neoplastici la cui affezione e le terapie di cura chemioterapica avrebbero dovuto prevedere la fine delle capacità procreative (Cittadini et al., 2010). In un precedente articolo (Vigneri, 2011) ho ampiamente descritto le modalità mediche dei processi di conservazione tramite congelamento e vitrificazione del tessuto ovocitario, altrimenti destinato a perire, soffermandomi sulle implicazioni emotive che il procedimento comporta per le pazienti. Si tratta di comunicare alla persona cui è stato diagnosticato un tumore della possibilità di conservare la funzione generativa nel momento stesso della notifica della malattia cancerosa, prospettandone la possibilità di uno specifico intervento ablativo del tessuto ovocitario o spermatocitico, che verrà preservato con tecniche di congelamento lento e di vitrificazione; l ablazione dovrà ovviamente essere eseguita antecedentemente l inizio delle cure chemioterapiche e chirurgiche, con l avvertimento per altro al paziente della pericolosità potenzialmente insita in tale procedura (la possibilità di diffusione delle cellule cancerose ad esempio). A guarigione avvenuta, o anche in un ragionevole tempo di latenza e di remissione, si procederà ad un reinnesto e/o uso fecondativo del tessuto preservato. Ancora una volta, l esistenza dei molti bambini che non sarebbero mai nati senza questi nuovi accorgimenti scientifici restituisce credibilità e speranza a qualsiasi difficoltà e problematiche ne debbano derivare. Di quanto dolore e difficoltà tuttavia possano comportare nei singoli individui questi nuovissimi presidi conservativi ho avuto modo di avere contezza da supervisioni con psicologhe che operano nel campo (di cui ho riferito nel sopracitato recente articolo) e recentemente da una 8

9 esperienza clinica personale. Si tratta della storia di un uomo che ben rivela la portata del coinvolgimento psichico ed emotivo di tali situazioni. Nella prima parte di una consultazione che esiterà in un invio analitico, il quarantenne mi parla dei suoi problemi coniugali e sessuali. Nel prosieguo del dialogo, potrò collegare l eiaculatio praecox da lui lamentata con un infanzia ed una giovinezza incerte e solitarie, poco sostenute da genitori oberati dal dilaniante lutto del primogenito; lutto che colma il paziente, oltre che di dolore, di senso di colpa in ragione dell invidia che il fratellino gli aveva sempre suscitato. Subito dopo il matrimonio, a seguito della diagnosi di cancro a un testicolo, il giovane uomo affronta interventi chemioterapici e di ablazione chirurgica, per scoprire, appena dichiarato «guarito», un secondo cancro, all altro testicolo. Alla ulteriore trafila medica e chirurgica fa eco, oltre alla paura per la propria stessa vita, la consapevolezza, da sempre emotivamente paventata, di una incapacità a generare. Né lo conforta la proposta, estremamente cauta da parte dei medici, di provare una nuovissima metodologia (tutto questo accadeva alcuni anni addietro), con un consenso di cui il giovane, alle prese con il secondo intervento vissuto come feroce condanna, in verità poco aveva capito. «Vede, dott.ssa, avevano conservato un pezzetto dei miei organi malati. Un brustolino», mi dice strisciando l indice e il pollice della mano destra, ad indicare pochezza e polvere ad un tempo. «E così è nata la bambina, bellissima, identica a mia moglie; e allora, come dire di no quando mi hanno proposto di tentare una seconda volta. Ne è rimasta ancora una briciola, tentiamo, mi dissero. Ed è nata l altra femminuccia. Ora ho due figlie, come i miei due cancri. Le figlie del miracolo. Ma è questo il problema, mi sento sdoppiato, una parte di me è come fosse già morta e tutto questo non mi appartenesse. Morta la mia virilità, il desiderio, il senso di me, esistono solo loro: i due miracoli». Prima di continuare a parlare dell argomento, proprio sulla scia dell emozione che la clinica sempre suscita, vorrei premettere alcune considerazioni. Direi che l elemento che più mi ha colpito, in questi quindici anni dedicati alle questioni inerenti la procreazione medica, è la profonda trasformazione del mio vissuto emotivo e del mio pensiero psicoanalitico nei confronti di una scienza da cui non posso fare a meno di farmi affascinare, riconoscendovi, in un panorama culturale sempre più desertico di idee e di speranza, la persistenza di uno spirito colmo di passione, intraprendenza, movimento esplorativo; devo tuttavia constatare continuamente nel mio lavoro quanto l incalzante passo scientifico non sia in grado di preservare i singoli individui da pressioni psichiche a volte strazianti e quanto le persone possano essere lasciate in balia della loro capacità di tolleranza e di tenuta. Tanto innovativo è lo strumento tecnico, tanto elevata è la prova e la sofferenza da affrontare, tanto potente il coinvolgimento inconscio. Ritengo tuttavia che questo sia ineludibile così come inarrestabile è il cammino scientifico; se nei primi anni di esperienza di procreazione medicalmente assistita era legittimo interrogarsi sull opportunità dei «tentativi ad ogni costo» e dell ostinazione a volte decennale che avevo registrato nelle prime pazienti, tanto da ispirare gli scritti e le considerazioni analitiche di due articoli (Vigneri, 1999, 2003), man mano che la fecondazione assistita si andava espandendo così massicciamente in ragione dell incremento del tasso di infertilità, e con l estendersi dei presidi medici alla preservazione ed alla prevenzione della fertilità, non mi è restato, nell accettare queste nuove evenienze come espressione conclamata della nostra era, che affrontarne nel mio lavoro le implicazioni psichiche più profonde. Sempre più frequentemente nella stanza d analisi verifico quanto ne venga enormemente coinvolta la responsabilità analitica del farsi adeguatamente carico di quanto dovrà essere affrontato, senza per altro il conforto di precedenti competenze che saranno acquisite faticosamente in campo. Tutto quanto attiene all infertilità e alla sua cura ha sempre a che fare con l angoscia di morte e di 9

10 castrazione. Nella mente di donne in fecondazione assistita, vita e morte sono connesse da terrifici fantasmi, esitanti da istanze aggressive intrapsichiche e/o proiettive, enormemente potenziate. Il successo medico non sempre ha esiti salvifici, forzando la cura «il segreto diniego» insito molto spesso nell infertilità. Nel caso della procreazione assistita, le rappresentazioni psichiche della nascita, della gestazione e del bambino risultano sempre compromesse e non raramente, come ho cercato di descrivere, esse irrompono distruttivamente proprio al momento del successo. Riprendendo il discorso sulle nuove frontiere procreative, giungo quindi all ultimo capitolo, l innovazione dell ultima ora. «Social freezing» Dall area del rifiuto di gravidanza sta prendendo ultimamente campo un fenomeno sociale che, investendo un presumibile futuro prossimo, coniuga i più recenti ritrovamenti tecnologici ad una trasformazione socio-culturale di una portata talmente vasta da potersi considerare pandemica; è il cosiddetto social freezing, tecnologia nuova, che prevede la preservazione ovarica per congelamento di tessuto sano, in donne giovani e fertili. Si è recentissimamente estesa ad una modalità sociale di preservazione della fecondità in donne che decidono di sottostare alle tecniche preventive di fertilità, presumendo un ritardo dei loro progetti generativi per considerazioni di carriera, instabilità finanziaria, incertezze sentimentali, identità di genere, o, ancora più genericamente, per l esistenzialistica motivazione di un preventivo «non si sa mai». Il che lascia molto da riflettere, tenuto conto che la tecnica prevede tutte le tappe della fecondazione in vitro, dalla stimolazione ovarica, alla fecondazione intracitoplasmatica, così come al processo di vitrificazione, ed al flash-congelamento (così come ovviamente le possibili complicanze della sindrome di iperstimolazione o di processi infettivi di varia intensità, emorragici o meno). A fronte degli elevati costi economici e medici, la neotecnologia «offre il vantaggio» di una prospettiva realistica di ritardare la maternità al pari del maschio, ed apre «nuove opportunità per coppie ed individui». Realizzata inizialmente per ovviare alla soppressione della fertilità a causa di malattie cancerose o delle terapie volte ad affrontarle (chemioterapia, radiazioni o chirurgie ablative), divenne evidente per i ricercatori, dietro specifica richiesta di donne in assenza di infertilità e di malattie, che la preservazione della fertilità può trovare nuove applicazioni, quali ad esempio a presidio dell invecchiamento ovarico precoce o fisiologico, o disturbi autoimmuni o anche come soluzione all incidenza di insuccessi di PMA per oociti invecchiati. La tecnica, di cui si comincia sempre più di frequente a parlare, offre non pochi spunti di riflessione dal punto di vista sociale oltre che problemi di precipuo carattere medico-scientifico. In un momento in cui le ultime generazioni sembrano perdere il desiderio di riprodursi e vengono a mancare le condizioni economiche e lavorative per potere concedersi un progetto generativo, gli individui (uomini e donne, per il congelamento di sperma e tessuto testicolare, tessuto ovarico ed oociti, ma anche ove consentito, embrioni) diverrebbero «donatori di se stessi» in un momento successivo della vita, congelando, letteralmente, l idea della genitorialità, paterna e materna: una proroga della capacità generativa biologica che sarebbe rimandata a tempo indeterminato. Diffusasi originariamente in America, la tendenza, per quel processo di incalzante velocizzazione dei fenomeni proprio della nostra era informatica, si sta diffondendo rapidamente anche da noi, almeno nella discussione scientifica. Avvertendone l oramai noto binomio, intriso di contraddittorietà, in cui il progresso 10

11 scientifico si muove a spirale, nel provocare i fenomeni, per poi trovarne soluzioni che a loro volta generano nuovi fenomeni, e così via al limite del paradosso, possiamo pensare che al crollo demografico delle nascite si contrappone una formulazione tecnologica apparentemente atta a preservare la capacità riproduttiva, di fatto complice dell infertilità stessa nel rimandare la procreazione ad un lontano futuro. Ne emergono, inoltre, nuovi fantasmi sociali, quali ad esempio: l idea di una procreatività femminile sempre più simile ad una longevità maschile, la scomparsa almeno ideologica della menopausa, l abbattimento dei confini biologici ed un nuovo modo di combattere la vecchiaia in un mondo che invecchia sempre di più. La tecnica di preservazione deve essere effettuata in età giovanile fra i venti e i trenta anni di età. Non esiste al momento garanzia che il materiale sia utilizzabile in seguito, o che sarà fecondante portando ad una gravidanza, poiché nulla ancora si sa del congelamento a lunga scadenza, eppure le percentuali di successo stanno migliorando con il tempo e con l uso di tecnologie moderne. Molte donne, interrogate sulla questione, vedono, nella possibilità di congelare gli ovociti estratti in un tempo e in una condizione ottimale per la funzione fecondativa che trasborda ampiamente dalla stretta finestra biologica, un importante presidio tecnologico ma soprattutto una forma di dovuto risarcimento sociale, come una stipula assicurativa non solo contro rischi sanitari ma in generale contro gli innumerevoli fattori di rischio sociale, economico, sentimentale, nonché direi contro gli auto attacchi interni alla propria dimensione femminile. Il trattamento del social freezing, anche se ancora progetto futuristico (se pur a breve termine), rappresenta di fatto un nuovo stile esistenziale che rientra nel capitolo delle nuove identità concezionali e che si inscrive in panorami sovrapponibili a quelli aperti con la scoperta degli anticoncezionali. Attiene al concetto del «non essere pronti», in una proroga non solo dell età biologica ma dell insieme dell interno progetto generativo. Se in un atmosfera ottimistica Marina Mengarelli (2011), membro della Consulta di Bioetica Luca Coscioni, nel libro: A che serve la bioetica? scrive: «Conservare la fertilità è una possibilità in più per avvicinare la vita vissuta alla vita sognata, pensata, immaginata, progettata: immaginare, progettare il proprio futuro e tentare di realizzarlo», da parte mia come non osservare l inquietante filo rosso che lega il diniego femminile al suo rimedio? Il dott. Roberto Palermo, ginecologo della infertilità, intervistato sull argomento commenta soprattutto il fenomeno dell invecchiamento riproduttivo (reproducting aging) in un mondo che invecchia totalmente. «Le coppie fanno figli», dice Palermo, «in una finestra temporale tardiva e stretta; questo porta ad un basso tasso di rimpiazzo, la popolazione mondiale cresce perché si invecchia di più e si nasce meno. La stessa prevenzione primaria di una condizione di infertilità tempo-correlata è la soluzione di un contesto sociale che la prevede. Il problema riproduttivo e soprattutto questa nuova idea del social freezing influiscono in molti modi sul cambiamento del contesto sociale. Cambia ad esempio il valore antropologico della menopausa. Occorre riflettere in termini previsionali. La riproduzione assistita porta con sé nuovi fenomeni sociali già avvenuti prima ancora che possano essere pensati nella loro luce collettiva. Si profilano, io credo, nuovi lutti: il lutto relativo al fantasma dei bambini morti, certamente, nell esperienza dei tentativi non andati a termine, ma anche del lutto dell embrione, cui si tende sempre di più, forse a causa della sua mancanza e precarietà, a dare identità biologica. Se si pensa l embrione sempre di più come soggetto, lo si fantastica come un lutto il cui funerale si compie in utero, ove l embrione che esprime la sua incapacità evolutiva muore disintegrandosi. 11

12 Concludo infine con le parole del prof. Cittadini: «L'attuale luogo della scienza, sconosciuto e per molti aspetti inedito», mi dice lo specialista, «necessita di un esercizio prospettico per potere essere compreso. Sarà forse la sua collocazione nel tempo storico a conferirgli un valore antropologico». SINTESI L Autrice si sofferma su quanto relativo alla procreazione medicalmente assistita, al suo affermarsi come presidio tecnologico sempre più richiesto, alle sue molteplici influenze sul vissuto degli individui, sulla società, e persino sulla specie. Nello scritto si riflette principalmente sui rapporti fra contesto sociale e le nuove frontiere procreative, in particolare della preservazione ovocitaria e spermatocitica in pazienti oncologici, e del nuovissimo fenomeno del Social freezing, consistente nella conservazione preventiva in donne giovani e sane. PAROLE CHIAVE: Bioetica, identità concezionale, infertilità, motherhood in ice, preservazione della fertilità in oncologia, procreazione assistita, psicopatologia del concepimento umano, social freezing. BIBLIOGRAFIA Bayle B. (2011). La società procreativa e l embrione umano. In Bellieni C. (a cura di), Sento dunque sono. Sensi e sensazioni del feto. Siena, Cantagalli, 19 e sgg. Cittadini E. et al. (2010). La preservazione della fertilità nel paziente oncologico. IRBIM, Palermo, Officine Grafiche riunite. Flamigni C. (2010). La questione dell embrione. B.C. Milano, Dalai. Freud S. (1915). Pulsioni e loro destini.o.s.f., 8. Freud S. ( ). Introduzione alla psicoanalisi. O.S.F., 8. Mengarelli M. (2011). A cosa serve la bioetica? Roma, L Asino d oro, 23 e 76 e sgg. Vigneri M. (1999), Madri quasi vere (sulle donne e la fecondazione artificiale). In Preta L., Nuove geometrie della mente. Psicoanalisi e bioetica, Bari-Roma, Laterza, Vigneri M. (2003). Mater dolorosa (sulle donne e la procreazione assistita). Richard & Piggle, 11. Vigneri M. (2009). Essere donna oggi: l attacco alla maternità. In Giuffrida A. (a cura di), Figure del femminile. Riv. Psicoanal., Monografie. Roma, Borla, Vigneri M. (2010). L assetto mentale dello psicoanalista nella consultazione. Contraccezione, Fertilità, Sessualità, vol. 37, 2, Vigneri M. (2011), I bambini che vengono dal freddo. Seconda parte. Nuove frontiere procreative: la «concezione post-mortem». Riv. Psicoanal., 57, 3,

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein Hanna Segal Riassunto I contributi di Melanie Klein alla teoria e alla tecnica psicoanalitica possono essere suddivisi in tre fasi distinte. La prima ha inizio con

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare Sfogliando Gustavo Pietropolli Charmet Adolescenza come seconda nascita (1) L adolescenza è considerata dagli psicologi una seconda nascita. Alla prima nascita quella biologica, fa seguito una seconda

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 UN PO DI STORIA Nel corso degli ultimi anni, in un numero crescente di scuole medie superiori

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI CORSO PER CHI VUOLE CAMBIARE LA PROPRIA VITA Questo corso si proporne di insegnare e cambiare. Alterna conoscenza e applicazione. Ha come obiettivo la trasformazione. Perché sono malato? Perché proprio

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Indice. Presentazione 9 Introduzione 11. Capitolo primo Un sentimento nuovo 15 Capitolo secondo Maschile e femminile, generazioni a confronto 29

Indice. Presentazione 9 Introduzione 11. Capitolo primo Un sentimento nuovo 15 Capitolo secondo Maschile e femminile, generazioni a confronto 29 Indice Presentazione 9 Introduzione 11 PRIMA PARTE Identificazione della figura del padre Capitolo primo Un sentimento nuovo 15 Capitolo secondo Maschile e femminile, generazioni a confronto 29 SECONDA

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi ISIPSÉ Istituto di Specializzazione Scuola di Psicoterapia in Psicologia Psicoanalitica del Sé e Psicoanalisi Relazionale presenta il convegno internazionale Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Sono lieta di presentare al pubblico di lingua italiana l interessante contributo di Fordham a una patologia complessa come l autismo infantile. La pubblicazione di questo

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Amicizia Amicizia per sé

Amicizia Amicizia per sé Amicizia Amicizia per sé 1. In molte tradizioni, l amicizia è considerata la più alta forma d amore. L amicizia è il prototipo del rapporto alla pari, basato sul rispetto, la stima e la disponibilità reciproca,

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli