E CURE CURE PALLIATIVE E A MALATI MALATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E CURE CURE PALLIATIVE E A MALATI MALATI"

Transcript

1 POTENZIAMENTO CDI CDI DI DI 3 3 LIVELLO LIVELLO E CURE CURE PALLIATIVE E A MALATI MALATI TERMINALI ASL1 ASL1 SASSARI SASSARI ROMA MAGGIO 2013 Dott. Nicolò Lichri Dirttor Distrtto Sssri Dott.ss Srnl Zdd Dirttor Distrtto Alghro ASL1 Sssri

2 Si stguono : 1) Cur Domiciri Prstzionli costituit d prstzioni profssionli rispost bisogni snitri tipo mco, frmiristico /o ribittivo, nch riptuti nl tmpo, ch non richidono prs crico dl prson, n vlutzion multimnsionl. mco mc gnrl Vngono ttivt d: ptr libr sclt ltri srvizi strttuli;

3 2) Cur Domiciri Intgrt rticot su tr livlli ssistnzi C.D.I. primo livllo trvnti trvnti progrmmti progrmmti multi multi profssionli profssionli strutturti strutturti su su 5 5 giorni giorni C.D.I. sdo livllo trvnti trvnti progrmmti progrmmti multi multi profssionli profssionli strutturti strutturti su su 6 6 giorni giorni C.D.I. trzo livllo Cur Pllitiv mti trmli rivolt rivolt prson prson ch ch prsntno prsntno bisogni bisogni un un lvto lvto livllo livllo complssità complssità criticità criticità spcifich spcifich lgt lgt ll stbità ll stbità clic clic l l prsnz prsnz stomi stomi ffic ffic trollo trollo

4 Ncssitno C.D.I. trzo livllo prson prson nl nl fs fs trml trml dl dl vit vit (oncologici (oncologici non) non) prson prson mtti mtti nurologich nurologich dgnrtiv/progrssiv dgnrtiv/progrssiv fs fs vnzt vnzt (SLA, (SLA, strofi strofi muscor) muscor) prson prson fsi fsi vnzt vnzt complict complict mtti mtti cronich cronich prson prson ncssità ncssità nutrizion nutrizion rtific rtific prntrl prntrl prson prson ncssità ncssità supporto supporto vntitorio vntitorio vsivo vsivo prson prson stto stto vgttivo vgttivo stto stto mim mim rsponsività rsponsività

5 L C.D.I. trzo Livllo Sono Sono crttrizzt crttrizzt d d un un rispost rispost tnsiv tnsiv bisogni bisogni lt lt complssità complssità dfit dfit un un Pino Pino Attutivo Attutivo dgli dgli Intrvnti Intrvnti (PAI) (PAI) rdtto rdtto bs bs l l vlutzion vlutzion multimnsionl multimnsionl dl dl prs prs crico crico globl globl trvnto trvnto tipo tipo multiscipr. multiscipr. Si Si trtt trtt trvnti trvnti progrmmti progrmmti su su 7 7 giorni giorni sttimnli sttimnli,, pr pr l l cur cur pllitiv, pllitiv, prvist prvist pront pront sponibità sponibità mc mc sull sull or, or, norm, norm, rogt rogt d d un un quip quip cur cur posssso posssso spcifich spcifich comptnz comptnz comunqu comunqu d d prsonl prsonl snitrio snitrio spcifictmnt spcifictmnt formto. formto.

6 IL CONTESTO AZIENDALE: L mbito trritor dll'azd qullo corrispondnt L mbito trritor dll'azd qullo corrispondnt ll'ttul Provci Sssri: ll'ttul Provci Sssri: comprnd 66 Comuni un stnsion circ Kmq. L comprnd 66 Comuni un stnsion circ Kmq. L dnsità bittiv pri 79 bitnti/ Kmq popozion totl pri dnsità bittiv pri 79 bitnti/ Kmq popozion totl pri d sudviso tr strtti d sudviso tr strtti Sssri suprfici1706 kmq bitnti Oziri Alghro suprfici 1380 kmq bitnti Suprfici 1195 Kmq Abitnti

7 IL CONTESTO AZIENDALE: Popozion Popozion rsidnt rsidnt ultr ultr nn nn pri pri b. b. % più più lt lt ni ni Distrtti Distrtti Alghro Alghro d d Oziri Oziri ( ( oltr oltr 20%) 20%) ASL 1 SS N più lto ricovri pr l ptologi crico dl: N più lto ricovri pr l ptologi crico dl: sistm crocircotorio sistm crocircotorio sistm nrvoso cntrl (sulti crbrovscori) sistm nrvoso cntrl (sulti crbrovscori) pprto pprto rspirtorio rspirtorio

8 IL CONTESTO AZIENDALE: Ngli Ngli ultr ultr Tsso Tsso spcifico spcifico mortlità mortlità pr pr tumor tumor = = pr pr cimi cimi bitnti bitnti Numro Numro morti morti nnu nnu tts tts = = dti Istt 2009 pr l' Asl Sssri dti Istt 2009 pr l' Asl Sssri Vlor Vlor più più lto lto dgnz dgnz m m = = nopsi. nopsi. ASL 1 SS Numro Numro pzti pzti rruobi rruobi CDI CDI pllitiv pllitiv = = ovvro ovvro 65% 65% di di csi csi ttsi/nno ttsi/nno

9 CRITICITA' Nl Nl trritorio trritorio Azdl Azdl non non prsnt prsnt un un Hospic Hospic ch ch poss poss ccoglir ccoglir mti mti trmli trmli snz snz dguto dguto supporto supporto fmir fmir o o rt rt micl. micl. Attul orgnizzzion strttul zdl: Così vrigt : Distrtto Snitrio Oziri: qui opr un quip dct ll cur Distrtto Snitrio Oziri: qui opr un quip dct ll cur domiciri tgrt 3 livllo l lvt t nsità, ch grntisc domiciri tgrt 3 livllo l lvt t nsità, ch grntisc l ssistnz l trgt popozion vidut qul bnficiri l ssistnz l trgt popozion vidut qul bnficiri qusto sttor ssistnz dl dlibr GRAS 51/49/2007. qusto sttor ssistnz dl dlibr GRAS 51/49/2007. Distrtti Distrtti Sssri Sssri Alghro: Alghro: l l cur cur domiciri domiciri tgrt tgrt 3 3 livllo livllo d d lvt lvt tnsità tnsità risntono risntono limiti limiti orgnizztivi orgnizztivi rtivi rtivi l l composizion composizion dll'quip dll'quip multiscipr multiscipr multiprofssionl multiprofssionl fficoltà fficoltà covolgimnto covolgimnto oprtori oprtori ltri ltri mbiti mbiti ssistnzi. ssistnzi.

10 CRITICITA' Pr Pr i i mti mti SLA, SLA, smpr smpr ni ni strtti strtti Sssri Sssri Alghro, Alghro, ttivo ttivo un un prcorso prcorso ssistnz ssistnz ch ch f f rifrimnto rifrimnto prsonl prsonl ospdliro ospdliro r r critic, critic, ch ch prptu prptu l ncronistico l ncronistico ctto ctto Ospdlizzzion Ospdlizzzion Domicir. Domicir. Sono Sono oltr oltr vidnti vidnti fficoltà fficoltà d d ssicurr ssicurr ttività ttività sulnz sulnz / / vlutzion vlutzion spcistic spcistic domicio domicio lcun lcun brnch, brnch, cosi cosi com com ltrttnto ltrttnto crnt crnt tuità tuità dl dl cur cur l'ospdl l'ospdl pr pr mncnz mncnz procdur procdur prcorsi prcorsi visi visi srgici. srgici.

11 IL PROGETTO Scopo Potnzir Potnzir l l cur cur domiciri domiciri tgrt tgrt 3 livl 3 livl lo lo Cur Cur Pllitiv Pllitiv Mti Mti Trmli Trmli rcpndo mbito zdl dlibr GRAS n 51/12 dl , dgundo l offrt si i bisogni mrgnti si ll criticità ssistnzi dl tsto trritor rifrimnto.

12 IL PROGETTO Scopo Il Il progtto progtto foclizzrà foclizzrà l'ttnzion l'ttnzion sui sui mti mti nopstici, nopstici, snz snz scludr scludr l'pplicbità l'pplicbità di di prcipi prcipi sposti sposti ll ll ltr ltr tipologi tipologi mti mti trmli. trmli. I I punti punti più più importnti importnti su su cui cui progtto progtto foclizz foclizz l'ttnzion l'ttnzion sono sono qulli qulli ch ch ncssitno ncssitno zioni zioni mirt mirt tndnti tndnti d d ffrmr ffrmr ctti ctti prgnnti prgnnti dll'ssistnz dll'ssistnz l l mto mto trml, trml, rlizzndo rlizzndo zioni zioni ssistnzi ssistnzi uniformi uniformi quità quità mbito mbito zdl zdl..

13 OBIETTIVI 1. PRESA IN CARICO GLOBALE L'ssistnz L'ssistnz domicio domicio un un mto mto complsso complsso cronico cronico /o /o trml trml richid richid un un prs prs crico crico dl dl su su prson prson nl nl su su globlità globlità ts ts com com mnsion: mnsion: Fisic Emozionl Intllttul Rzionl Spiritul Ch si: Puntul Crt Prcoc (s. SLA)

14 OBIETTIVI 1. PRESA IN CARICO GLOBALE Il Il mto mto dv dv potr potr vr vr profssionisti, profssionisti, possibmnt possibmnt dcti, dcti, comptnti comptnti si si mbito mbito clico clico si si mbito mbito rzionl rzionl così così d d sntir sntir rlizzr rlizzr un un rpporto rpporto mptico, mptico, rciproc rciproc stim stim fiduci fiduci tl tl d d sntir sntir vision vision mozioni, mozioni, pur pur d d nsi. nsi. L'quip L'quip dct dct multi multi profssionl profssionl multiscipr multiscipr cui cui prt prt tgrnt tgrnt MMG MMG dott dott qul qul strumnto strumnto vision vision profssionl profssionl prioc prioc riunion riunion d'quip. d'quip. Il progtto prvd : Compltmnto Compltmnto quip quip Rivisitzion Rivisitzion ssistnz ssistnz mti mti SLA SLA Fidlizzzion Fidlizzzion mto-fmigli-quip mto-fmigli-quip cur cur

15 2. CONTINUITA' DELLE CURE Il Il mto mto trml trml h h ncssità ncssità vr vr rifrimnti rifrimnti crti crti sul sul trritorio trritorio non non solo solo pr pr l'ssistnz l'ssistnz progrmmt progrmmt m m nch nch cso cso urgnz urgnz ts ts snso snso to. to. L L tuità tuità dll dll cur cur grntit grntit ttrvrso ttrvrso l'tgrzion l'tgrzion di di vrsi vrsi mbiti mbiti d'ssistnz d'ssistnz ni ni vri vri sttg sttg un un orgnizzzion orgnizzzion dll dll cur cur domiciri domiciri d d lt lt tnsità tnsità ch ch prvd prvd sponibità sponibità prsonl prsonl stt stt giorni giorni sttimn sttimn l'ttivzion l'ttivzion dl dl rpribità rpribità notturn notturn si si mc mc ch ch frmiristic. frmiristic. Il progtto prvd Contuità Contuità dll'formzion dll'formzion (Informtionl (Informtionl tuity) tuity) Contuità Contuità gstionl gstionl (mngmnt (mngmnt tuity) tuity) Contuità Contuità rzionl rzionl (rtionl (rtionl tuity) tuity) Procdur Procdur mission mission prottt prottt pr pr trgt trgt mti mti d d UO UO P.O P.O Sssri, Sssri, Alghro, Alghro, Ittiri Ittiri Thisi Thisi Attivzion Attivzion pront pront sponibità sponibità fstiv/notturn fstiv/notturn dl dl mco mco pllitivist/ pllitivist/ I I Infrmir Infrmir profssionl. profssionl.

16 3. ACCESSI DOMICILIARI DI OPERATORI ESPERTI NELLA GESTIONE DI PAZIENTI CON BISOGNI COMPLESSI L'Assistnz L'Assistnz domicir domicir cur cur pllitiv pllitiv vd vd dunqu dunqu l'ffincrsi l'ffincrsi ll ll figur figur profssionli profssionli bs bs qull qull un un Equip sprt cur pllitiv Equip sprt cur pllitiv così così d d prsonlizzr prsonlizzr cur cur sdo sdo i i bisogni bisogni dl dl mto mto mggior mggior livllo livllo complssità complssità lgto lgto nch nch ll'stbità ll'stbità clic clic i i stomi stomi ffic ffic trollo, trollo, mggior mggior srà srà l'impgno l'impgno richisto richisto ll'quip ll'quip

17 3. ACCESSI DOMICILIARI DI OPERATORI ESPERTI NELLA GESTIONE DI PAZIENTI CON BISOGNI COMPLESSI Prtnto progtto prvd l'cquisizion : Profssionlità d cquisir Psicologo Assistnt Soc Oncologo Chirurgo Gstrontrologo Pllitivist Anstsist Infrmir profssionl Modlità Dl D.G.n 162 dl : Potnzimnto CDI Dl D.G.n 162 dl : Potnzimnto CDI Colborzion Oncologi Ospdlir Slzion Intrn Avviso Slzion Intrn Avviso Slzion Avviso Slzion Intrn Avviso Slzion Intrn Avviso

18 4. INTEGRAZIONE CON L'ENTE LOCALE L'Ent L'Ent Locl Locl rimn rimn prtnr prtnr privgito privgito sostituib sostituib pr pr dr dr ristro ristro ll ll richist richist compiut, compiut, puntuli puntuli pproprit pproprit dl dl trritorio trritorio rifrimnto. rifrimnto. Il progtto prvd ASL 1 SS PUA PUA Intgrto Intgrto Distrtto-Comuni Distrtto-Comuni Dimissioni Dimissioni Prottt Prottt mbito mbito Plus Plus Formzion Formzion giunt giunt oprtori oprtori Distrtti Distrtti Comuni Comuni

19 5. FORMAZIONE CONTINUA PERSONALE SANITARIO Il progtto prvd: Modulo Modulo formtivo formtivo zdl zdl multiprofssionl multiprofssionl obbligtorio obbligtorio pr pr tutti tutti profssionisti profssionisti covolti covolti nll nll CDI CDI 3 3 Livllo Livllo su: su: Asptti Asptti slti slti mtri mtri cur cur pllitiv pllitiv Lvoro Lvoro d quip d quip Prs Prs crico crico utnt utnt frg frg umnizzzion umnizzzion ssistnz ssistnz Vlutzion Vlutzion multimnsionl multimnsionl

20 6. FORMAZIONE FAMIGLIA E CAREGIVER L L formzion formzion dv dv dr dr l l bsi bsi pr pr ffrontr ffrontr mtti, mtti, iutr iutr mto mto nll nll funzioni funzioni rsidu, rsidu, rzionrsi rzionrsi lui, lui, orgnizzr orgnizzr l l mglio mglio l'ssistnz, l'ssistnz, rpportrsi rpportrsi i i srvizi srvizi trritori. trritori. Il progtto prvd l sgunti zioni: Mtodologi vis formzion sullo stto mtti dl proprio giunto sull pporto ssistnz domicio Procdur pr gstion dll urgnz Consgn l fmigli un brochur formtiv sugli sptti orgnizztivi, sul srvizio cur pllitiv sul rt srvizi zdli d ss collgti

21 7. INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE ALLA POPOLAZIONE L L oscnz oscnz di di srvizi srvizi snitri snitri socio socio ssistnzi ssistnzi ch ch possono possono ssr ssr grntiti grntiti domicio domicio sono sono un un momnto momnto nch nch govrno govrno dll'tro dll'tro sistm sistm ssistnz ssistnz Il progtto prvd: Trmit sito zdl Informzion Informzion su su offrt offrt ssistnz ssistnz Comuniczion Comuniczion sull sull procdur procdur sgnzion sgnzion prs prs crico crico dl dl bisogno bisogno Informzion Informzion dll dll izitiv izitiv srgi srgi EELL EELL

22 8. MONITORAGGIO DELL'ATTIVITA' E QUALITA' DELLE CURE Il Il monitorggio monitorggio vlutzion vlutzion dl dl prcorso prcorso cur cur sono sono fondmntli fondmntli s s si si tnd tnd prsguir prsguir un' un' obittivo obittivo sistm sistm non non solo solo fficz fficz m m nch nch soprtutto soprtutto fficci, fficci, ppropritzz ppropritzz qulità qulità dll'ssistnz dll'ssistnz rogt. rogt. Al Al tmpo tmpo monitorggio monitorggio tuo tuo dl dl PAI PAI nl nl mto mto complsso complsso uno uno strumnto strumnto significtivo significtivo vision vision fronto fronto dll'quip dll'quip cur. cur.

23 8. MONITORAGGIO DELL'ATTIVITA' E QUALITA' DELLE CURE M M qulità qulità dll dll cur cur l l mto mto trml trml un un prrogtiv prrogtiv irruncib irruncib ch ch dv dv ssr ssr ssicurt ssicurt qust qust tipologi tipologi pzti pzti ov ov più più importnt importnt " " com com ch ch qunto qunto si si viv". viv". Prndrsi Prndrsi cur cur dl dl prson prson l l f f dl dl vit vit comport comport dunqu dunqu non non solo solo llvirn llvirn l l soffrnz, soffrnz, m m nch nch slvgurdrn slvgurdrn gnità gnità dl dl morir. morir.

24 Gli ctori cui si frà rifrimnto nl monitorggio vlutzion dl progtto oltr qulli richisti dl RAS Dlibr G RAS n 51/12 dl sono qulli sguito riportti INDICATORI PRESA IN CARICO GLOBALE Ar Obittivo dl progtto Inctor Vlor ttso Ambito rifrimnto Prs Crico Globl Tmpistic prs crico Trm ntro qul si procd vlutzion prlimr 72 h Azdl Prs Crico Globl Tmpstività ttivzion cur Tmpo mssimo ttivzion dl PAI giorno mission 0 gg Azdl Prs Crico Globl Fidlizzzion Equip Tmpo mssimo compltmnto quip In riduzion SS - AH Prs Crico Globl Compltmnto Equip Tmpo mssimo compltmnto Equip 3 msi ttivzion progtto SS - AH Prs Crico Globl Formlizzzion snso formto N snsi crtl /N PAI ttivti 100% Azdl

25 INDICATORI CONTINUITA' DELLE CURE Ar Obittivo progtto Inctor Vlor ttso Ambito rifrimnto Contuità dll cur Attivzion mission prottt mti trgt N mti sriti CDI/ N mti sgnti > 75 Azdl Contuità dll cur Attivzion pront sponibità Attivzion pront sponibità mco pllitivist 3 msi ttivzion progtto Azdl Contuità dll cur Riduzion ccssi impropri Pronto Soccorso N ccssi Pronto Soccorso durnt priodo ssistnz CDI/ N pzti CDI In riduzion Azdl

26 INDICATORI ACCESSO DOMICILIARE Ar Obittivo progtto Inctor Vlor ttso Ambito rifrimnto Accsso domicir spcisti Grnzi dl sulnz spcistic domicio N mimo ccssi nnui mco spcist / N pzti CDI Dl G.RAS 51/12 dl Azdl Accsso domicir spcisti Grnzi dl sulnz spcistic domicio M ccssi spcisti pr PAI Dl G.RAS 51/12 dl Azdl

27 INDICATORI INTEGRAZIONE CON ENTE LOCALE Ar Obittivo dl progtto Inctor Vlor ttso Ambito rifrimnto Intgrzion nt locl PUA tgrto Distrtto/Comu n Trm ntro qul si procd vlutzion prlimr 6 msi ttivzion Sssri Intgrzion nt locl Tmpstività ttivzion cur Attivzion Dimissioni prottt mbito plus 4 msi ttivzion progt Sssri Intgrzion nt locl Fidlizzzion Equip % oprtori formti giuntmnt Comun/Distrtto (Srvizi soci comun + PUA. UVT -CDI) 90% ntro 4 msi ttivzion progt Sssri

28 INDICATORI FORMAZIONE CONTINUA Ar Obittivo dl progtto Inctor Vlor ttso Ambito rifrimnto Formzion tu Formzion prsonl snitrio % oprtori formti (quip cur) 100% ntro l'nno Azdl Formzion tu Formzion fmigli cr givr Brochur formtiv su srvizi ssistnz 100% ntro nno Azdl Formzion tu Procdur gstion urgnz pr fmigli cr givr Formzion /comuniczion l momnto dll'ttivzion PAI 100% Azdl

29 INDICATORI INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE Ar Obittivo dl progtto Inctor Vlor ttso Ambito rifrimnto Informzion l popozion Diffusion formzion su offrt ssistnz Aggiornmnto su ssistnz grntit procsso 4 msi ttivzion progtto Azdl Informzion l popozion Informzion su srgi nt locl Comuniczion progttulità vis nt locl 1 ms d ccordo nt locl Azdl

30 INDICATORI QUALITA' DELLE CURE Ar Obittivo dl progtto Inctor Vlor ttso Ambito rifrimnto Qulità dll cur Umnizzzion cur N mti trmli pr tumor dcduti domicio ssistiti dll DCI 3 livllo/ n mti trmli pr tumor dcduti mbito zdl In umnto Azdl Qulità dll cur Grnzi dl prs crico N mti trgt mssi dll'ospdl/n PAI ttivti nl priodo > = 90% Azdl Qulità dll cur Migliormnto qulità vit pzti % pzti pr i quli stto vidnzito migliormnto dl qulità vit trmit strumnto vlutzion/totl dl numro di pzti crico >=60% Azdl Qulità dll cur Prtcipzion sostgno l fmigli N fmigli ch hnno ricvuto visit un mmbro dll'quip nl giorno o giorni succssivi l mort dl giunto/totl di pzti dcduti domicio nl priodo >= 90% Azdl

31 Grzi Grzi pr pr l'ttnzion

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

CIRCOLARE n.148. Al Personale Docente. Sede

CIRCOLARE n.148. Al Personale Docente. Sede 1 I.C. Slvo Pllco Portoplo Cpo Pssro 1 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE S. PELLICO V Crnnà 4 c..p. 96018 - PACHINO (SR) Tl. 0931/801226-0931597094 ml :src853002q@struzon.t www.pllcopchno.t Coc Fscl 83001430897.

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica,

Tutti i nostri viaggi prevedono una copertura assicurativa inclusa nella Quota d Apertura Pratica, ppur Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv clus nl Qut d Aprtur Prtic, grntit d Tutti i nstri viggi prvdn un cprtur ssicurtiv tiv utmticmnt clus nl Qut d iscriz, iz ssicurt t d In clbrz z cn 34

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Anno 2013 Tipologia Istituzione U - UNITA' SANITARIE LOCALI. Istituzione 9565 - ASL VENEZIA - MESTRE 12 Contratto SSNA - SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE nno 213 Tipologia Istituzione U - UNIT' SNIT LCLI Istituzione 9565 - SL VNZI - MSTR 12 Contratto SSN - SRVIZI SNIT NZINL Fase/Stato Rilevazione: pprovazione/ttiva Data Creazione Stampa: 19/6/215 14:15:25

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi 11. Attività svolt dll Agenzi, risorse e spetti orgnizztivi 11.1 Attività istituzionle svolt i sensi dell Deliberzione istitutiv In un vlutzione complessiv delle ttività svolte dll Agenzi i sensi dell

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' '

LINGUAGGI'CREATIVITA 'ESPRESSIONE' ' LINGUAGGICREATIVITA ESPRESSIONE 3 4ANNI 5ANNI Mniplrmtrilidivritipin finlizzt. Fmilirizzrindivrtntcnil cmputr Ricnsclmntidl mnd/rtificilcglindn diffrnzprfrmmtrili Distingugliggttinturlidqulli rtificili.

Dettagli

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Cod. 1879.185M STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Crtteristiche tecniche Corpo in lluminio pressofuso Portello di chiusur vno cblggio/btterie in termoindurente Riflettore in lluminio vernicito binco Diffusore

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC)

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC) 4. Trsporto pubblico non di line: txi e noleggio con conducente (NCC) L domnd di mobilità dei cittdini incontr un corrispondente offert delle diverse modlità di trsporto, sull bse delle crtteristiche degli

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

I N D I C A Z I O N E D E L L E P R E S T A Z I O N I

I N D I C A Z I O N E D E L L E P R E S T A Z I O N I Srvizio Tnio i Bino Romgn S i Rimini Lvori: 11162_INTERVENTI DI MITIGAZIONE DEL DISSESTO E MESSA IN SICUREZZA DELLA STRADA PROVINCIALE SP. 84 VALPIANO MIRATOIO, IN LOCALITA CA GUIDI LA PETRA, IN COMUNE

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE Riservto ll Poste itline Sp N. Protocollo t di presentzione UNI CONORME AL PROVVEIMENTO AGENZIA ELLE ENTRATE EL 000 E SUCCESSIVI PROVVEIMENTI Periodo d'impost 0 COGNOME COICE ISCALE Informtiv sul trttmento

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI Codice civile: I crediti devono essere iscritti secondo il vlore presumibile di relizzzione; quindi già l netto dell svlutzione derivnte dl monitorggio di ciscun

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA ll ASSUNZIONE e ll CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornt l 31 gennio 2015 PROGRAMMA POT Pinificzione Territorile Opertiv PROGRAMMA POT Pinificzione

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA n u m e r o m o n o g r f i c o IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA PREMESSA Nell Comuniczione dell Commissione Europe del 3 luglio 2008, intitolt Migliorre le competenze per il 21 secolo: un ordine del

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it Ftturimo Versione 5 Mnule per l utente Active Softwre Corso Itli 149-34170 Gorizi emil info@ctiveweb.it Se questo documento ppre nell finestr del vostro browser Internet di defult, richimte il comndo Registr

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

MODALITA DI ACCESSO AGLI HOSPICE AUSL DELLA ROMAGNA - RAVENNA

MODALITA DI ACCESSO AGLI HOSPICE AUSL DELLA ROMAGNA - RAVENNA Dr. Montanari Luigi Responsabile Unità OperaAva Semplice di Cure PalliaAve Infermiere Ama3 Piero Coordinatore InfermierisAco e Tecnico Hospice Lugo Infermiera Cima6 Maria Giulia Coordinatore InfermierisAco

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. ECONOMC NZNT' TRECESM MENSLT' RRETRT NNO CORRENTE RRETRT PER NN PRECEDENT RECUPER PER RTR SSENZE ECC. mporto Totale N Mesi

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA Modello 9/11 DIHIRZIONE DI INIZIO TTIVITÀ, VRIZIONE DTI O ESSZIONE TTIVITÀ I FINI IV (IMPRESE INDIVIDULI E LVORTORI UTONOMI) Informativa sul dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana.

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana. lle ASSUN ZIONI AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIO NI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALII Guid 2013 PROGRAMMAA POT Pinificzione territorile opertiv Aggiornt l 31 dicembre 20133 Sommrio PRINCIPI GENERALI... 4 GIOVANI...

Dettagli

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità.

10. Risorse umane coinvolte nella prima fase del progetto Ceis comunità. 0. Risrs uman cinvl nlla prima fas dl prg Cis cmunià. funzini n. n. r Oprari di Prg Prgazin, pianificazin dl prg O p r a ri d l p r g prari di bas prari cnici cn qualifica prfssinal prari spcializzai Op.

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni.

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni. Credimo nel concetto di cucin chilometro zero e nei prodotti di stgione, credimo nel rispetto dell mbiente e delle trdizioni. L nostr propost enogstronomic è bst sull riscopert delle ricette più semplici

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1).

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1). D.Lgs. 29-12-2006 n. 311 Disposizioni correttive ed integrtive l D.Lgs. 19 gosto 2005, n. 192, recnte ttuzione dell direttiv 2002/91/CE, reltiv l rendimento energetico nell'edilizi. Pubblicto nell Gzz.

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie?

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie? ESERCITZIONI. I 1)Un coppi h già due figlie. Se pinificssero di vere 6 figli, con qule probbilità vrnno un fmigli di tutte figlie? ) 1/4 b)1/8 c)1/16 d)1/32 e)1/64 2)In un fmigli con 3 bmbini, qul e l

Dettagli

4. Qual è il requisito principale per la saldatura di acciai a basso contenuto di carbonio (acciai dolci)?

4. Qual è il requisito principale per la saldatura di acciai a basso contenuto di carbonio (acciai dolci)? 1. Qule ei metoi ell eleno è ppliile ll ossizione ell iio? Menio Iniezione Chimio A sintill 2. Qule elle seguenti frsi rigur l punzontur? È un lvorzione lo he non inue grne eformzione el pezzo È un lvorzione

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali i sensi del D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e ss.mm.ii. TESTO UNICO SULL SLUTE E SICUREZZ SUL LVORO ttuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto

Dettagli

Il dato è pubblicato nella sezione "Amministrazione trasparente" del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento.

Il dato è pubblicato nella sezione Amministrazione trasparente del sito istituzionale? (da 0 a 2) Tempo di pubblicazione/ Aggiornamento. llegato 1 mministrazione "Comune di Cervaro" Data di compilazione "28/01/15" COMPLETEZZ COMPLETEZZ DEL LLEGTO 1 LL DELIER. 148/2014- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/2014 PULICZIONE RISPETTO GLI GGIORNMENTO

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE

Conservatorio di Musica Giuseppe Tartini Trieste NUCLEO DI VALUTAZIONE Cnsrvari Musica Giuspp Tartini Trist NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE ANNUALE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE sull dll a.a.2010/11 (DPR 28/2/03 n.132, art.10 cmma 2 ltt. b) Nucl valutazin Waltr Grbin Prsidnt

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica mministrazione BEDOLLO 31/1/215 LLEGTO 1 LL DELIBER. 148/214- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/214 livello 1 (Macrofamiglie) Denominazione sotto-sezione 2 livello (Tipologie di dati) mbito soggettivo (vedi

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli