Innovazione e Sviluppo Tecnologico in Sanità: problemi di finanziamento e budget impact della Telemedicina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Innovazione e Sviluppo Tecnologico in Sanità: problemi di finanziamento e budget impact della Telemedicina"

Transcript

1 Pag.1 Innovazione e Sviluppo Tecnologico in Sanità: problemi di finanziamento e budget impact della Telemedicina Roma, 1 Giugno 2012

2 Pag.I SOMMARIO 1. Premessa La Telemedicina: definizione e ambiti di impiego L evoluzione della Telemedicina Le principali branche della Telemedicina La Telemedicina nella programmazione sanitaria (in Italia) Alcune esperienze di TM: casi studio Sintesi La struttura di finanziamento nel SSN e l interazione con i progetti di TM Finanziamento e sviluppo della TM La modellizzazione del Budget Impact della TM Riflessioni finali Bibliografia Sitografia INDICE FIGURE Figura 1 Progetti di TM Figura 2 Telemedicina contesti organizzativi Figura 3 flow chart costi della TM INDICE TABELLE Tabella 1 La definizione della telemedicina... 4 Tabella 2 Le tappe fondamentali nell evoluzione della TM (sintesi) Tabella 3 Tipologie di telemonitoraggio Tabella 4 Le criticità nello sviluppo della telemedicina Tabella 5 Scheda Progetto RSA ASL Vercelli Tabella 6 R.S.A Figure professionali... 32

3 Pag.II Tabella 7 Esempi di progetti regionali di TM nell Assistenza Domiciliare Tabella 8 Applicazioni di medicina telematica nei servizi domiciliari dell az. USL 8 Arezzo Tabella 9 USL 8 Arezzo Analisi dei costi considerati Tabella 10 Scheda Progetto Riabilitazione ASL Vercelli Tabella 11 Assistenza domiciliare risultati nell introduzione della TM Tabella 12 Assistenza residenziale risultati nell introduzione della TM Tabella 13 Ospedalizzazione a domicilio risultati nell introduzione della TM 45 Tabella 14 Tipologie di remunerazione Tabella 15 Costi differenziali per la realizzazione e gestione di un servizio di assistenza con applicazioni di TM Tabella 16 Criticità... 61

4 Pag.1 1. Premessa Con il presente studio si è voluto analizzare il processo di diffusione della Telemedicina (TM) in Sanità, sulla base dei dati di letteratura, ma anche delle esperienze realizzate o in corso di realizzazione in Italia, finalizzando l analisi alla identificazione dei problemi di finanziamento che la tecnologia incontra e alla successiva predisposizione di un modello di valutazione del budget impact per le aziende sanitarie e i sistemi sanitari regionali (SSR). La ratio del progetto discende dall osservazione delle difficoltà che la TM incontra nel diffondersi nel Servizio Sanitario Nazionale (SSN) italiano, che sono in larga misura attribuibili alle sempre maggiori ristrettezze finanziarie in cui versa la Sanità pubblica, come anche alla struttura del sistema di finanziamento delle aziende sanitarie; ne consegue una evidente lentezza con cui la TM trova una sua effettiva strutturazione all interno degli schemi di assistenza sanitaria. Come sarà argomentato nel seguito, la TM trova numerosi ambiti di possibile applicazione e altrettanto ampie possibilità di adattamento alle specifiche esigenze assistenziali: di conseguenza il modello di budget impact deve prendere in considerazione diverse tipologie assistenziali (ospedalizzazione a domicilio, supporto alla residenzialità, domiciliarità, etc.), e anche diverse tipologie di struttura finanziaria (ad esempio a seconda che ne sia finanziatore una azienda sanitaria territoriale o una azienda ospedaliera). Per giungere a definire la struttura del modello di budget impact, si è ritenuto necessario premettere alcune note, seppure sintetiche, legate alla definizione e alla delimitazione della TM, nonché alle sue possibilità di applicazione; si sono altresì analizzate le politiche sanitarie nazionali e regionali rilevanti per la diffusione della TM. Questa analisi introduttiva appare opportuna per molteplici motivi, fra cui ricordiamo l esigenza di inquadrare la TM da un punto di vista

5 Pag.2 normativo-istituzionale, e quindi di definire gli ambiti regionali (tale è, infatti, oggi la dimensione di riferimento delle decisioni rilevanti in Sanità) in cui la TM dovrà inserirsi. A tal fine nella presente relazione i paragrafi 2, 3 e 4 sono dedicati alla definizione dell ambito di analisi, e il capitolo 5 al contesto istituzionale; data la grande mole di informazioni raccolte sulle politiche sanitarie regionali, queste sono state, di contro, raccolte in appendice, sotto forma di schede. La ricerca Innovazione e Sviluppo Tecnologico in Sanità: problemi di finanziamento e budget impact della Telemedicina è quindi suddivisibile in tre parti, collegate, ma distinte: la presente relazione generale, finalizzata alla definizione del modello di budget impact, l allegato con le schede regionali sulle politiche e le normative regionali rilevanti per la TM, e il modello quantitativo, realizzato con un foglio elettronico, a supporto delle decisioni delle aziende sanitarie. In premessa è opportuno esporre una ultima avvertenza: la valutazione economica della TM, e quindi in particolare la determinazione della costo-efficacia degli interventi, non fa parte del mandato ricevuto. Pur essendo edotti che risultano pubblicati numerosi studi sulle esperienze di TM, e che le relative conclusioni sembrano essere positive riguardo ai benefici prodotti, va considerato che la maggior parte degli studi si riferisce a programmi avviati in Paesi di grande estensione e bassa densità della popolazione, quali USA, Australia, Canada, evidenziando problemi di trasferibilità ad altri tipi di contesti; inoltre, va rimarcato che, in generale, sono rare le analisi capaci di valutare in modo rigoroso gli effetti economici delle applicazioni di TM. In sintesi, la valutazione della efficienza della TM, pur rappresentando un elemento discriminante delle decisioni pubbliche di rimborsabilità, rimane sullo sfondo, a causa dell insufficienza delle evidenze ad oggi disponibili in letteratura; ne segue una grande potenzialità di sviluppo ulteriore per le di analisi costo-efficacia su dati italiani e in contesti riproducibili.

6 Pag.3 2. La Telemedicina: definizione e ambiti di impiego In questi ultimi anni con lo sviluppo dell Information Technology, e con l estensione e la diffusione capillare della Rete, si è assistito ad un rapido sviluppo, fra gli altri, di un particolare aspetto delle tecnologie informatiche: quello dell applicazione alla salute. Tali applicazioni concorrono alla razionalizzazione dell organizzazione produttiva e delle risorse utilizzate, all ottimizzazione dell appropriatezza della presa in carico dei pazienti, ad un monitoraggio più puntuale delle condizioni di salute, dello stile di vita e delle modalità d assunzione delle terapie assegnate, al miglioramento degli outcome sanitari e non (ad esempio appaiono fondamentali quelli che riguardano la qualità della vita). Malgrado una origine comune, gli ambiti in cui si è sviluppata la Telemedicina sono numerosi e non sempre riconducibili ad un unico denominatore comune: termini quali Telemedicina, e-health, etc. sono utilizzati in modo a volte alternativo, altre come sinonimo, senza una chiara delimitazione degli ambiti: questo aspetto rileva in quanto, senza una chiara delimitazione delle applicazioni definibili di TM, risulta impossibile operare scelte di posizionamento degli interventi di finanziamento, in particolare in un contesto specifico quale quello del SSN italiano (o, più specificatamente, dei SSR). In letteratura si trovano moltissime formulazioni del termine Telemedicina, più o meno simili fra loro (vd. tab. seguente). La questione relativa a cosa si debba propriamente intendere per TM, ha generato un dibattito che rimane tuttora aperto, se non altro perché i campi di applicazione sono numerosissimi e in continua evoluzione. Possiamo comunque osservare come nelle definizione ricorra il concetto per cui «è l informazione e non il paziente a doversi spostare». La definizione più frequentemente citata e, in qualche modo maggiormente esaustiva, è quella proposta da una commissione di esperti, a tal proposito incaricata

7 Pag.4 dalla Comunità Europea, la quale ha definito la TM come: «The investigation, monitoring and management of patients and the education of patients and staff using systems which allow ready access to expert advice and patient information, no matter where the patient or relevant information is located (l'analisi, il monitoraggio e la gestione dei pazienti, nonché la formazione dei pazienti e del personale, realizzata usando sistemi che consentano un pronto accesso alla consulenza di esperti ed alle informazioni relative al paziente, indipendentemente da dove il paziente o le suddette informazioni risiedano)» [AIM, 1990]. Tabella 1 La definizione della telemedicina Definizione Pratica della medicina attraverso un sistema di telecomunicazione audio-video senza l'usuale confronto fisico medico-paziente Uso della tecnologia delle telecomunicazioni per migliorare i servizi di assistenza in sanità The investigation, monitoring and management of patients and the education of patients and staff using systems which allow ready access to expert advice and patient information, no matter where the patient or relevant information is located L'esame, l'osservazione del paziente e la formazione degli operatori sanitari utilizzando le tecnologie della telecomunicazione in modo tale che la consulenza specialistica e le informazioni relative al paziente possano essere accessibili nella sede opportuna indipendentemente dalla locazione del paziente e dei suoi dati K.T.Bird, 1975 Fonte/Anno D.W. Conrath, 1983 Advanced Informatics in Medicine - AIM 1990 J.N. Van Goor e J.P. Christensen, 1992 L'uso di avanzate tecnologie della telecomunicazione per lo scambio di informazioni sanitarie e per fornire servizi sanitari indipendentemente da barriere fisiche, geografiche, sociali e culturali J. Reid, 1996

8 Pag.5 Tabella 1 La definizione della telemedicina Definizione L'uso di informazioni mediche scambiate da un sito a un altro attraverso la comunicazione elettronica per la salute e l'educazione del paziente o degli operatori della sanità allo scopo di migliorare l'assistenza del paziente L'erogazione dell'assistenza sanitaria, quando la distanza è un fattore critico, da parte degli operatori sanitari; a tal fine sono utilizzate le tecnologie informatiche e le telecomunicazioni per lo scambio di informazione corretta per la diagnosi, la terapia, la prevenzione di patologie, per l'istruzione permanente degli operatori sanitari e per la ricerca e lo studio in tutti i settori di interesse per il miglioramento dello stato di salute dell'individuo e della comunità Fonte/Anno ATA (American Telemedicine Association) WHO, 1997 Sostanzialmente analoga è la più recente definizione adottata dall Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO): «L'erogazione dell'assistenza sanitaria, quando la distanza è un fattore critico, da parte degli operatori sanitari; a tal fine sono utilizzate le tecnologie informatiche e le telecomunicazioni per lo scambio di informazione corretta per la diagnosi, la terapia, la prevenzione di patologie, per l'istruzione permanente degli operatori sanitari e per la ricerca e lo studio in tutti i settori di interesse per il miglioramento dello stato di salute dell'individuo e della comunità» [WHO, 1997]. Va notato che le definizioni adottate hanno tutte un contenuto sostanzialmente tecnologico, al più richiamando la potenzialità della TM di migliorare l assistenza, nella misura in cui si possono soddisfare alcuni bisogni indipendentemente dalla distanza intercorrente fra risorse (professionisti sanitari, strumentazioni diagnostiche, etc.) e bisogno (paziente).

9 Pag.6 Quanto precede non può peraltro stupire, nella misura in cui i fattori che più hanno stimolato lo sviluppo delle soluzioni di TM sono (senza pretesa di esaustività): abbattere i problemi di isolamento dei cittadini, o perché residenti in aree remote o isolate, o perché appartenenti a particolari categorie nei confronti dei quali si pongono esigenze specifiche di assistenza (anziani soli, disabili, pazienti affetti da patologie croniche, pazienti in dimissione protetta ospedaliera, in generale persone che non sono in grado di ricevere un'adeguata assistenza medica in loco), la necessità di consulti esterni a distanza e la rapida comunicazioni finalizzata ad assumere decisioni (nel Primo e Pronto soccorso, nello scambio urgente di informazioni tra strutture, nella reperibilità dei posti letto, etc.), la diffusione dell'assistenza domiciliare (sanitaria e sociale), l'esecuzione e la relativa trasmissione di esami diagnostici a distanza, l'integrazione del rapporto tra personale sanitario e socio-sanitario (medico specialista, medico di base, farmacista, infermiere, assistente sociale, operatori del volontariato in genere, etc.). A ben vedere, però, la TM implica un ripensamento molto più sostanziale della modalità assistenziale, presentando numerosi vantaggi, che possiamo riassumere come segue: prima di tutti il miglioramento della qualità di vita del paziente, ove possibile anche un miglioramento degli outcome, il miglioramento della qualità del lavoro dei professionisti sanitari e in generale della gestione dei processi assistenziali, l incremento dell efficienza dei servizi sanitari. Appare quindi evidente che, almeno nei Paesi sviluppati, il vero driver della diffusione della TM dovrebbe essere ricercato nel principio di umanizzazione delle

10 Pag.7 cure, contenuto ad esempio nella legge istitutiva del SSN italiano, e nel perseguimento di una sempre maggiore qualità della vita per tutti i pazienti. Anche il miglioramento degli outcome ha una importanza fondamentale: sono noti i rischi intrinseci dell ospedalizzazione, ma in un contesto di rapido invecchiamento a maggior ragione vanno sottolineati gli effetti iatrogeni del ricovero sugli anziani: poter evitare l ospedalizzazione degli anziani è oggi un obiettivo fondamentale ai fini del mantenimento della loro autonomia. Infine, è noto come la sostenibilità dei servizi sanitari è legata alla capacità di questi di sviluppare l assistenza primaria, limitando quanto più possibile l utilizzo dei servizi ospedalieri e residenziali a elevato costo: quindi la TM è una tecnologia potenzialmente rilevante per aumentare l efficienza dei servizi sanitari. Una maggiore efficienza è peraltro perseguibile anche modificando i processi gestionali e reingegnerizzandoli: questo è probabilmente il campo di elezione delle applicazioni di IT quali il fascicolo elettronico del paziente, etc. A fonte di tutto ciò, a livello europeo gli Stati membri hanno affermato più volte il loro impegno per un più vasto uso della TM, ma tuttora la maggior parte delle iniziative in questo settore è costituita da progetti singoli e di piccola-media scala, non sufficientemente integrati nel sistema di assistenza sanitaria [Commissione delle Comunità Europee, 2008]. In definitiva, benché sia riconosciuto che sono in continuo aumento il potenziale di offerta, i vantaggi e la maturità tecnica delle tecnologie, le applicazioni pratiche della TM rimangono ancora limitate ed il mercato presenta un alto grado di frammentazione [Sanit, 2010]: sarà compito dei prossimi paragrafi indagarne le ragioni.

11 Pag.8 3. L evoluzione della Telemedicina Indicare una precisa data di nascita per la TM, così come inquadrare il campo dei contributi scientifici legato a questa tecnologia, è compito veramente arduo. L'idea di utilizzare strumenti di telecomunicazioni per scopi medici si può far risalire addirittura all invenzione stessa del telefono nel 1871 [Telebios, 2008]; poco dopo la sua invenzione, infatti, il telefono venne utilizzato per trasmettere i suoni del cuore e dei polmoni di un paziente a un esperto in un'altra regione; successivamente, nel 1906, l olandese Wilhelm Einthoven, inventore dell elettrocardiografo, intraprese esperimenti di consultazione remota via rete telefonica. La storia vera e propria della TM viene fatta coincidere con la fine degli anni '50 [Papi et al., 2004]; i primi esperimenti, connessi al monitoraggio del sistema cardiocircolatorio degli astronauti nello spazio, ebbero luogo negli USA negli anni '60. In questa prima fase (1964/68), la ricerca sulla fattibilità delle trasmissioni bidirezionali in campo bio-medico e sulla possibilità, quindi, di comunicazione a distanza di informazioni diagnostiche e cliniche, furono principalmente di iniziativa privata. Gli inizi degli anni 70 videro l intervento pubblico del National Centre for Health Research, che promosse e finanziò ricerche con la finalità di assicurare maggior assistenza sanitaria a comunità sparse sul territorio. Ad incentivare ancora maggiormente lo sviluppo in questo campo fu, nel 1974, l entrata nel piano sanitario degli Stati Uniti della telematica, vista come integrazione di sistemi e reti di comunicazione, con l obiettivo di migliorare la qualità, l accessibilità e l efficienza dei servizi sanitari, contenendone al contempo i costi. In Europa si incominciò a manifestare l interesse per il contributo offerto dalle tecnologie di informatica e telecomunicazioni all assistenza medica nel 1985, quando la allora Comunità Economica Europea (CEE) promosse l avvio del progetto pilota

12 Pag.9 BICEPS, seguito dal finanziamento di un programma esplorativo denominato AIM (Advanced Informatics in Medicine). Gli obiettivi del programma erano quelli di migliorare la qualità dei servizi sanitari, facilitare l educazione ed il training di medici, infermieri ed altro personale sanitario e rendere possibile lo scambio di dati ed esperienze tra i vari Paesi europei. All inizio del 1992 fu avviata la seconda fase del progetto AIM, inserita nel III Programma Quadro Ricerca e Sviluppo Tecnologico ( ), con un attenzione sempre più mirata alle attività connesse con la diffusione dei risultati di ricerca. Con l avvio del IV Programma Ricerca e Sviluppo Tecnologico ( ), il progetto AIM (Advanced Informatics in Medicine) prese il nome di Healthcare Telematics, prevedendo progetti concernenti la documentazione medica multimediale, l accrescimento delle risorse disponibili per le professioni mediche, il miglioramento gestionale dei servizi sanitari, la sperimentazione di nuove soluzioni di telematica sanitaria, i servizi di informazione per i cittadini e gli operatori della sanità e il supporto a problemi inerenti alla telematica medica [Ministero della Salute, 2002]. Il VI Programma Quadro ( ) ha definito quali obiettivi per la telesanità : aumentare la spesa in ricerca e sviluppo dall'1 al 5% della spesa sanitaria europea entro il 2005, fornire tutti i cittadini dell'unione di sistemi di supporto alla salute personalizzati e portatili entro il 2010, fare della Sanità un mercato dinamico e ad alto potenziale e sviluppo, fornendo a tutti gli operatori gli strumenti per incrementare efficienza, qualità ed efficacia dei sistemi sanitari e nel contempo ridurre i costi. Possiamo quindi apprezzare sia il richiamo all impatto sulla popolazione, quanto sull efficienza dei sistemi.

13 Pag.10 Per quanto concerne l Italia, una delle prime applicazioni di telemedicina è consistita nella trasmissione sperimentale di elettrocardiogrammi a distanza utilizzando le normali linee telefoniche; tale iniziativa fu sviluppata negli anni 80 dalla SIP, che lanciò un vero e proprio cardiotelefono. Tabella 2 Le tappe fondamentali nell evoluzione della TM (sintesi) Anno Progetto 1871 Prima applicazione: Trasmissione di suoni del cuore e dei polmoni di un paziente a un esperto in un'altra regione 1906 Consultazione remota via rete telefonica 1976 Creazione di un Comitato per la Telemedicina 1960 Monitoraggio del sistema cardiocircolatorio degli astronauti nello spazio 1980 Italia Cardiotelefono (SIP) 1985 CEE - programma esplorativo denominato AIM (Advanced Informatics in Medicine) - I Programma Quadro RST 1992 II fase del progetto AIM II Programma Quadro RST 1994 Progetto Healthcare Telematics IV Programma Quadro RST 2002 VI Programma Quadro obiettivi per la telesanità Da allora, gli Enti di ricerca, le Università, le Società Scientifiche, il Consiglio Nazionale Ricerche (CNR) ed il Ministero della Sanità, collaborando a diversi progetti, hanno portato alla stesura di progetti di sistemi informativi sanitari e di rete sanitaria tra ospedali per il teleconsulto. L interesse per lo studio e la diffusione di tali strumenti portarono già dal 1976 alla creazione di un Comitato per la Telemedicina, il quale pubblicò un primo rapporto che formulava proposte operative di assistenza specialistica remota.

14 Pag.11 Tra le prime concrete sperimentazioni, rileva menzionare quella avviata a Bologna nel 1976 dalla Fondazione Marconi, relativamente a ricerche di tele-elettrocardiografia su linee telefoniche commutate, le quali consentivano di rilevare per via trans-telefonica gli elettrocardiogrammi direttamente dall'ospedale al domicilio del paziente senza che il cardiologo si dovesse spostare. Nello stesso anno, il Centro Studi e Laboratori Telecomunicazioni (CSELT) iniziò una ricerca sulle caratteristiche trasmissive necessarie all'organizzazione del Pronto Soccorso e, successivamente realizzò, d'intesa con la SIP, un collegamento dedicato tra l'ospedale Universitario Molinette S. Giovanni Battista di Torino ed il Pronto Soccorso dell'ospedale di Susa, per il consulto specialistico a distanza. Il sistema era composto da apparecchiature commerciali, quali, Videolento 1, BLT 2, fax, viva-voce, nonché dal ricetrasmettitore realizzato dalla Fondazione Marconi. Dai primi tentativi pioneristici, sopra richiamati senza pretesa di esaustività, si sono sviluppati numerosi ambiti di applicazione riconducibili alla TM. Una breve analisi delle branche oggi più sviluppate, viene di seguito riportata, anche perché appare necessaria per identificare i potenziali utilizzi e quindi orientare i sistemi di finanziamento applicabili. 1 2 Nome commerciale di un sistema di trasmissione di immagini attraverso la linea telefonica Banda larga telefonica

15 Pag Le principali branche della Telemedicina Di seguito si elencano alcune delle applicazioni che ad oggi promettono di avere maggiore diffusione in Sanità. Tralasceremo alcune aree per esigenze di sintesi. In particolare ci concentreremo sulla TM propriamente detta, ovvero l'insieme di tecniche mediche ed informatiche che permettono diagnosi e/o terapia di un paziente a distanza. Tralasceremo, quindi, le applicazioni cosiddette di e-health che, pur facendo parte del complesso delle risorse, soluzioni e tecnologie informatiche di rete applicate alla Salute ed alla Sanità, e quindi in tal senso riconducibili alla definizione del comitato di esperti [AIM, 1990] sopra riportata, mancano della focalizzazione sulla presa in carico a distanza del paziente (ma potendone rappresentare un elemento di supporto). In altre parole, trascuriamo (in modo parzialmente arbitrario) applicazioni di e-health legate all aspetto gestionale sia clinico (cartella clinica, coordinamento fra sanitari, sistemi esperti, etc.), che amministrativo (fornitura e acquisto beni e servizi). Premessi i caveat di cui sopra, ci riferiamo alla classificazione di Taylor [1998], il quale suggerisce di classificare i servizi di telemedicina nelle seguenti categorie: servizi di trattamento; servizi diagnostici (e relativo management); servizi informativi ed educativi. A questa terna afferiscono varie branche che, adottando un approccio sostanzialmente pragmatico, possiamo elencare (in ordine crescente di complessità) come seegue: trasmissioni di dati e o pareri a distanza, prese in carico a distanza, interventi assistenziali a distanza.

16 Pag.13 Seppure con alcuni elementi di sovrapposizione, i termini di uso comune che di seguito elenchiamo, individuano ambiti specifici riconducibili alle branche sopra richiamate; mantenendo l ordine per livello crescente di integrazione/complessità sopra adottato, ne forniamo una breve descrizione utile alla comprensione del testo seguente. Televideoconsultazione La televideoconsultazione consiste nella realizzazione di un collegamento a distanza, tramite reti di telecomunicazione, fra strutture sanitarie, al fine di trasmettere i dati biomedici ed immagini diagnostiche in bianco e nero e/o a colori ad alta definizione in modo da ottenere una consulenza, da un Centro all altro, senza trasferire fisicamente il paziente o la sua documentazione clinica, quando lo richiedano motivi d'urgenza, di particolare complessità, oppure in caso di intrasportabilità del paziente. Telesorveglianza Per telesorveglianza si intende semplicemente un sistema monitoraggio visivo di un paziente mediante un sistema televisivo a circuito dedicato. Telereporting Se alla trasmissione di dati si aggiunge una funzione di consulto si ha il telereporting, con il quale si intende la trasmissione dei dati relativi a un caso clinico da un operatore sanitario ad un altro a cui si chiede di analizzare, interpretare, o reinterpretare il caso. I risultati sono solitamente restituiti all operatore sanitario iniziale, che ne fa l uso che considera più appropriato (ex: i servizi di teleradiologia); si configura quindi una comunicazione asincrona.

17 Pag.14 Teleconsulto e Teleconferenza Per Teleconsulto si intende l interazione a distanza tra due o più individui allo scopo di scambiarsi dati e informazioni per risolvere un determinato problema, sfruttando le specifiche competenze di ciascuno. Nell ambito sanitario il teleconsulto è una delle forme di TM più semplici e più diffuse; consistendo in una conferenza a distanza tra lo specialista (o più specialisti) ed il paziente; in tal modo, pur non essendo fisicamente nello stesso luogo, essi possono entrare in contatto ed effettuare le valutazioni cliniche. L'impiego di tale metodo permette a tutti i pazienti con difficoltà motorie o che si trovano distanti dal centro sanitario (di eccellenza), di ridurre notevolmente i costi ed i disagi del viaggio. Il teleconsulto può essere effettuato in diversi casi: se il paziente ha bisogno di un controllo dopo aver già ricevuto cure da parte del medico; se il caso o il paziente richiede una seconda opinione medica da parte di uno specialista. La teleconferenza, a differenza del teleconsulto, non richiede la partecipazione del paziente. Un buon esempio è la possibilità di dare a medici accesso alla expertise di centri specializzati come ad esempio centri di medicina d urgenza. Telemonitoraggio Con il termine telemonitoraggio si fa riferimento all'insieme di mezzi e alle forme d'intervento che permettono la trasmissione a distanza dei parametri vitali del paziente, consentendo la fornitura dell'assistenza in strutture decentrate(tipicamente rispetto a quelle ospedaliere); si rivolge principalmente ai pazienti cronici o post-chirurgici che necessitano di monitoraggio continuo e quindi rappresenta una forma di presa in carico. Il Telemonitoraggio contiene tre funzioni fondamentali:

18 Pag.15 Prelievo ed invio di segnali clinicamente significativi da parte degli Assistiti verso Centri di assistenza/intervento; Acquisizione, analisi e valutazione di tali segnali da parte del Centro medico di Servizio; Attuazione di interventi presso gli Assistiti realizzabili con modalità differenti a seconda dei casi. Tabella 3 Tipologie di telemonitoraggio Tipologia Descrizione Cardiaco Respiratorio Dialisi Diabete Perinatale Rilevazione tempestiva di tracciati elettrocardiografici (si effettua principalmente per cardiopatici a rischio, pazienti con pace-maker, pazienti sottoposti a terapie di cui si vuole valutare l efficacia) Telemonitoraggio a distanza dei principali parametri vitali respiratori e ventilati I dati, sia clinici che statistici (cartelle cliniche, schede di programmazione, elaborazioni statistiche, programmazione delle visite e degli esami, ecc.), sono inoltrati ad un centro specializzato di gestione, che provvede alla loro elaborazione ed al controllo delle operazioni e qualora, durante una seduta di dialisi domiciliare, si verifichino situazioni di emergenza o anomalie gravi nel funzionamento delle apparecchiature si interviene immediatamente Sistemi automatici per l infusione dell'insulina in modo continuativo, la cui velocità viene regolata in base al tasso glicemico. Controllo del battito cardiaco fetale e delle contrazioni uterine Telesoccorso e tele triage Il telesoccorso è un servizio socio sanitario che garantisce in modo continuativo un pronto soccorso in caso di emergenza ed una forma di sostegno

19 Pag.16 attraverso una serie di contatti periodici via telefono, favorendo in tal modo la domiciliarità. Il telesoccorso intende teoricamente configurarsi non semplicemente come un pronto intervento nel caso di emergenza, ma come una vera e propria presa in carico globale del bisogni della persona utente del servizio. Il Servizio di Telesoccorso prevede interventi quali ricezione dei segnali di soccorso da parte della centrale operativa, smistamento alle strutture competenti, segnalazioni di rischi all'interno dell'abitazione (fuga di gas, pericoli di incendio). Nei servizi sanitari d urgenza, la procedura di selezione dei pazienti per gravità del caso ha ormai assunto un ruolo fondamentale. Sono quindi state sviluppate metodologie con la quale si stabiliscono le priorità assistenziali a distanza, note come Tele Triage. Telechirurgia La Telechirurgia comprende le soluzioni tese a permettere la realizzazione di interventi chirurgici a distanza. Le prime applicazioni sono sicuramente riconducibili ad interventi necessari sui campi di battaglia e sulle navi della Marina americana negli anni 90. In Italia il primo intervento in Telechirurgia è stato eseguito nel 1995 (biopsia alla prostata di un paziente situato a 5 km di distanza dal chirurgo). L'elenco delle prestazioni è vasto e in continua crescita. Tuttavia a fronte ai numerosi vantaggi (quali la possibilità di garantire assistenza chirurgica alle persone che vivono nei paesi in via di sviluppo in zone di guerra, ancora esistono limiti applicativi (ad esempio il fatto che l anestesista deve comunque essere presente in loco, o che un secondo chirurgo è di solito necessario per assistere il chirurgo primario).

20 Pag La Telemedicina nella programmazione sanitaria (in Italia) In Italia la TM ha iniziato ad essere utilizzata in modo occasionale dal 1976 [Papi et al. 2004], ma solo negli anni 90 comincia a trovare applicazione nell ambito del Telesoccorso con l istituzione del 118 per le urgenze [Ministero della salute, 2002]. Nonostante i progressi della tecnologia, e i numerosi riconoscimenti sulla sua utilità, la TM non è però ancora molto diffusa in Italia: le applicazioni sono per lo più frammentate, sperimentali, limitate a territori specifici e spesso di durata incerta [Telemeditalia, 2011]. Alcune Regioni hanno sicuramente fatto passi avanti in questo campo, sviluppando progetti significativi (per una disamina dettagliata si rimanda alla Appendice 1), tuttavia, siamo ancora lontani da uno sviluppo armonico ed integrato con il Sistema Sanitario Regionale e Nazionale; mancando linee guida, una vera programmazione e standard tariffari delle prestazioni. Sebbene la telemedicina sia stata inserita nel Piano Sanitario Nazionale, peraltro in modo non molto organico, la sua diffusione si ritiene sia stata frenata da fattori economici, organizzativi e culturali. Partendo dalla analisi degli atti di programmazione, osserviamo che i Piani Sanitari Nazionali (PSN) già a partire dal 1994 hanno incentivato le Regioni a sperimentare nuovi modelli di cure alternative al ricovero ospedaliero. Il PSN prevede, per primo, una forte promozione della telemedicina, ma è solo con il PSN che si evidenziano riferimenti espliciti all'utilizzo di metodiche di telemedicina e teleassistenza come strumenti utilizzabili per garantire la continuità di trattamento e per prevenire ricoveri impropri. In particolare il riferimento alla telemedicina si trova nei capitoli 3, 4, 5 del PSN: nel capitolo 3, L evoluzione del SSN: le strategie per lo sviluppo, al paragrafo 4 dedicato alla prevenzione sanitaria e alla promozione della salute, si

21 Pag.18 legge: «Nelle aree non urbane, nelle zone montane, nelle isole minori, o comunque caratterizzate da popolazione sparsa, nelle quali non sia ipotizzabile l uso di sedi uniche è necessario promuovere l uso dell informatica medica, del telesoccorso e della telemedicina, per i quali vanno definiti standard qualitativi, quantitativi e di accreditamento». Inoltre, il paragrafo 7 dedicato all integrazione tra i diversi livelli di assistenza, richiama che «La rete è finalizzata all integrazione tra la prevenzione, l assistenza di base (MMG e PLS), i servizi distrettuali, la specialistica territoriale, l assistenza ospedaliera, per assicurare appropriatezza, coordinamento e continuità dell assistenza sanitaria e dei servizi sociali, e facilitare l accesso e l erogazione delle prestazioni socio-sanitarie, contenere i costi, permettere il monitoraggio degli assistiti e delle prestazioni procedendo alla valutazione dei risultati clinici e organizzativi, e migliorando la compliance del paziente, educandolo e responsabilizzandolo, al tempo stesso, alla gestione della malattia. Uno strumento validissimo per l integrazione della rete viene dallo sviluppo della telemedicina che, portata al domicilio, facilita la deospedalizzazione dei pazienti cronici e costituisce parte della rete socio sanitaria». Il capitolo 4 ritorna, nel paragrafo 1, sul tema, affrontando la promozione dell innovazione, la ricerca e lo sviluppo; questa volta l enfasi è sulla razionalizzazione dei processi: «L inserimento dei sistemi informativi nelle organizzazioni sanitarie deve essere accompagnato da un parallela riflessione sulle modalità di funzionamento dei processi, in particolare in quei contesti (primo fra tutti il territorio e l erogazione di servizi ai pazienti affetti da cronicità) in cui l assenza di unitarietà nel luogo in cui il processo si realizza e la sostanziale assenza di modelli organizzativi già pienamente consolidati e integrati (ad es. tra sanitario e sociale) rendono arduo pensare allo sviluppo di soluzioni informatiche indipendenti dall organizzazione in cui debbono essere calati». Un ultimo, ma fondamentale, riferimento lo troviamo nel capitolo 5 in tema di obiettivi di salute; nel paragrafo 2, relativo alle grandi patologie (tumori, malattie

22 Pag.19 cardiovascolari, diabete e malattie respiratorie) si richiama ancora la TM: «Per la gestione dei pazienti cronici va realizzata una forte integrazione tra territorio e ospedale per attivare interventi di prevenzione di ulteriori eventi acuti, garantire la continuità delle cure, monitorare il paziente, ridurre le recidive e i ricoveri, anche mediante l elaborazione di percorsi diagnostico-terapeutici condivisi. In questo campo è valido l utilizzo degli strumenti della teleassistenza e del telesoccorso che consentono di monitorare i pazienti presso il proprio domicilio, con l invio per via telematica di ECG e di analisi, che consentono di effettuare diagnosi differenziali e di prevenire ricoveri impropri e spesso non graditi dai pazienti». Ritroviamo, quindi, nella programmazione sanitaria nazionale, gli obiettivi sopra evidenziati: raggiungere i pazienti e le persone che versano in condizioni che non gli permettono di recarsi presso le strutture del SSN, ma anche la razionalizzazione dei processi socio-assistenziali, il miglioramento della presa in carico, il rispetto della qualità della vita dei pazienti, e non ultimo anche il contenimento dei costi. Nel PSN si trova anche un implicito riconoscimento dell efficacia delle applicazioni di TM, in ambiti fondamentali di salute pubblica. Sulla scorta degli indirizzi di programmazione sanitaria, si sono effettivamente sviluppate varie esperienze di TM. Risultano attualmente circa 400 progetti di TM in fase di realizzazione o in esecuzione sul territorio nazionale con la distribuzione territoriale riportata nella figura seguente; ma la diffusione della TM risulta, complessivamente, ancora modesta e comunque non sistemica. Sugli ostacoli al decollo della TM si è soffermato nel 2007 il tavolo di lavoro telemedicina e tele assistenza costituito nell ambito della Commissione permanente

23 Pag.20 sull innovazione tecnologica negli enti locali e nelle regioni 3, il quale ha predisposto un Reference book sulla telemedicina che contiene, oltre ad un breve excursus storico sulla TM e sulle esperienze più significative in Italia e all estero, un analisi critica delle motivazioni che ne hanno impedito lo sviluppo, fornendo raccomandazioni per l implementazione e per la gestione dei servizi di TM. Figura 1 Progetti di TM Fonte: Osservatorio Nazionale e-care Gli aspetti generalmente riconosciuti come maggiormente critici sono [Assobiomedica, 2005]: l aspetto organizzativo; quello finanziario; quello medico legale; le carenze culturali degli operatori sanitari. 3 La Commissione esercita le funzioni istruttorie e consultive della Conferenza Unificata in ordine alle politiche riguardanti l'innovazione tecnologica di Regioni ed Enti locali previste dall'art.14, comma 3-bis del D.Lgs. n. 82/2005.

24 Pag.21 Tabella 4 Le criticità nello sviluppo della telemedicina Aspetto organizzativo Assenza di linee guida sui modelli organizzativi che le strutture che erogano servizi di telemedicina dovrebbero adottare Aspetto finanziario Assenza di modelli di tariffazione dei servizi di telemedicina Aspetto medico-legale Assenza di una normativa specifica sulle modalità di acquisizione tramite via informatica del consenso del paziente al trattamento medico, assenza di normativa specifica sulle modalità di gestione delle informazioni mediche (privacy e sicurezza) Aspetti culturali Mancanza di una cultura della condivisione e del confronto Fonte: Assobiomedica, La Telemedicina: prospettive ed aspetti critici, Marzo 2005 Sul primo punto, osserviamo che lo sviluppo della Telemedicina è in grado di abilitare forme innovative di assistenza, anche attraverso un ridisegno strutturale ed organizzativo, sistemico e condiviso, della rete dei SSR. Da tale punto di vista, emerge come a livello centrale si riscontri l assenza di un programma organico di TM; per questo, al fine di mettere a sistema questo strumento di assistenza, si auspicano e si attendendo linee-guida nazionali, che permettano di definire protocolli e modelli organizzativi che le strutture che vogliano erogare servizi di TM dovrebbero/potrebbero adottare. Nell ambito del Consiglio Superiore di Sanità (CSS) è in corso di costituzione un tavolo di lavoro per la TM, con l'obiettivo di predisporre linee guida nazionali di riferimento finalizzate a supportarne un impiego sistematico. Anche se risulta necessaria un armonizzazione a livello nazionale, sono però state sviluppate linee guida a livello Regionale: fra le più complete citiamo quelle del

25 Pag.22 Piemonte (Linee guida per lo sviluppo di un progetto di telemedicina), che riportiamo per esteso nell allegato 1. Passando al secondo punto, uno dei fattori maggiormente ostativi alla realizzazione e sviluppo della TM è rinvenuto nel mancato riconoscimento della TM nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) e, di conseguenza, nei tariffari. Ricordiamo che i LEA rappresentano le prestazioni e i servizi che il SSN (e quindi i SSR) sono tenuti a garantire a tutti i cittadini, gratuitamente o con una compartecipazione economica, sinora a fronte delle risorse pubbliche centralmente destinate al settore; nel futuro assetto federalista, le risorse centrali saranno sostituite dalle risorse proprie regionali e dalla perequazione solidaristica introdotta per permettere a tutte le Regioni di erogare i cosiddetti Livelli Essenziali delle Prestazioni (LEP), ai sensi dell art. 119 della Costituzione. Il contenuto dei LEA è stato definito con il DPCM , Definizione dei Livelli Essenziali di Assistenza, entrato in vigore il I LEA sono organizzati in tre settori: prevenzione collettiva e sanità pubblica; assistenza distrettuale; assistenza ospedaliera. Oltre alle prestazioni incluse nei LEA (sebbene il citato DPCM si limiti di fatto a elencare alcune cause di esclusione) è previsto che le singole Regioni possano decidere di erogare, con stanziamenti propri, ulteriori prestazioni. In base al Patto sulla salute, di cui all intesa Stato-Regioni del , e alla Legge n. 296/2006, i LEA sono stati ridefiniti con il DPCM del , che sostituisce integralmente il Decreto del Il nuovo Decreto ha revisionato le prestazioni, arrivando a un totale di oltre 5700 tipologie di prestazioni e servizi per la prevenzione, la cura e la riabilitazione.

26 Pag.23 Si noti che neppure i nuovi LEA considerano esplicitamente i servizi e le prestazioni di TM, né fanno specifici riferimenti alle innovazioni tecnologiche in Sanità. Questa mancata esplicitazione del ruolo della TM nei LEA, secondo la SIT (Società Italiana di Telemedicina), impedirebbe una chiara definizione degli indirizzi da adottare in tema di finanziamento delle prestazioni. Il tema verrà ripreso nel seguito, in quanto nella presente ricerca giungiamo a conclusioni lievemente differenti. Passando all aspetto tariffario, dobbiamo osservare che nel SSN non sono previste, salvo eccezioni, quote di finanziamento vincolate o tariffe per la TM (sul tema torneremo in esteso nel capitolo dedicato al modello di Budget Impact). Ne segue che spesso la fattibilità di un progetto viene frenata di fronte alla difficoltà di far chiarezza sul soggetto che dovrà erogare il finanziamento iniziale e farsi poi carico della sua gestione. I dati sulle fonti di finanziamento per i progetti di TM sono per lo più incerti o incompleti. In generale si tratta di progetti finanziati dalle seguenti fonti: Ministero della Salute; Regione; Aziende sanitarie; EU; ESA (European Space Agency); Fondazioni; Istituti di credito; Enti privati. Va notato che si tratta per lo più di progetti sperimentali che hanno quindi trovato finanziamenti finalizzati, senza però garanzie di continuità.

27 Pag.24 Sempre sul tema finanziario, rileva quanto sancito nel cosiddetto Patto per la salute il quale include una indicazione che riguarda le tecnologie sanitarie (art. 8): «Verrà costituito un apposito tavolo di lavoro, del quale faranno parte le Regioni, il Ministero della Salute, l Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), l Agenzia Nazionale Sanitaria (AgeNaS), l Istituto Superiore di Sanità (ISS), con il compito di individuare i livelli appropriati di valutazione per l immissione sul mercato e di monitoraggio dei prezzi di acquisto, almeno per i dispositivi e le tecnologie di maggiore impatto». Pur trattandosi di un riferimento generale all ambito dei cosiddetti Medical Devices, lo riportiamo perché il succitato articolo potrebbe dar luogo ad interpretazioni estensive, facendo ricadere fra le tecnologie definite di maggiore impatto anche la TM, della quale in effetti si sa poco sul versante della costo-efficacia. Una più ampia applicazione dei servizi di TM richiede anche una riflessione sulle tematiche a carattere legale-regolatorio. Fin dalle prime esperienze di diffusione della TM, l aspetto legislativo è stato fortemente trascurato dalla giurisprudenza italiana, lasciando a livello comunitario i più importanti atti normativi che interessano la TM. Lo scenario si presenta complesso e le lacune normative numerose, dando adito a diverse interpretazioni, relativamente [Amministrazione in cammino, 2010]: all accreditamento delle relative prestazioni, alle autorizzazioni degli atti sanitari elettronici, alla classificazione dei servizi e dei professionisti della TM ai fini dei rimborsi da parte del SSN, alla tutela della riservatezza dei pazienti; la telemedicina aumenta, infatti, le possibilità che dati sensibili relativi ad un paziente siano manipolati o anche semplicemente messi a disposizione di terze persone non autorizzate,

28 Pag.25 alle modalità di risoluzione delle controversie, considerando che i monitoraggi possono coinvolgere più operatori (attribuzione della responsabilità) anche di differenti nazionalità, con tutti i conseguenti problemi di individuazione della disciplina sostanziale applicabile e del foro competente. L assenza di una disciplina giuridica complessiva contribuisce, quindi, ad impedire che le prestazioni di TM abbiano un riconoscimento da parte del SSN e siano, conseguentemente, ammesse al rimborso. L attenzione dedicata all estero ai profili giuridici della TM è sensibilmente più alta di quella italiana, dimostrando così una maggiore consapevolezza del fenomeno e delle sue implicazioni giuridiche. In particolare, citiamo che, dal 2011, in Francia la TM ha una regolazione complessiva (Décret n ) che ne ufficializza il ruolo. Il succitato decreto definisce con chiarezza l ambito della TM, e quali prestazioni rientrano in tale forma di assistenza. Altri aspetti significativi sono il rispetto dei dati personali del paziente e della qualità del servizio medico offerto, garantiti dall'autentificazione obbligatoria del medico, e dal consenso libero e chiaro che deve essere fornito dal paziente, e quando l'atto lo necessita, come nel caso della telesorveglianza, dalla formazione o dalla preparazione del paziente all'utilizzo del dispositivo di TM. Un ultimo fattore ostativo nello sviluppo della TM viene identificato [Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali, 2003] negli aspetti culturali; citiamo quali elementi chiave: il tendenziale conservatorismo dei professionisti del settore sanitario, la scarsa istituzionalizzazione dei progetti, l inadeguata formazione.

29 Pag.26 Al fine di sviluppare adeguatamente lo strumento della TM è, quindi, necessario investire in formazione e informazione dei professionisti sanitari, creando le condizioni per facilitare il cambiamento. Il tema dei limiti allo sviluppo della TM sarà oggetto di approfondimento in un successivo capitolo: è, però, prima necessario analizzare con maggiore dettaglio il sistema di finanziamento delle prestazioni sanitarie attualmente vigente in Italia.

30 Pag Alcune esperienze di TM: casi studio Di seguito sono descritte alcune esperienze di TM analizzate come casi studio, con la finalità di apprezzare le soluzioni regionali allo sviluppo della TM, e la relativa trasferibilità ad altri contesti organizzativi e geografici. In estrema sintesi, il paziente può usufruire delle prestazioni di telemedicina in diversi contesti organizzativi: ovviamente nell assistenza domiciliare, ma anche (all altro estremo) quale ospedalizzazione a domicilio; più rare, ma presenti, sono le esperienze in regimi intermedi, quali l assistenza residenziale; come abbiamo avuto occasione di verificare sul campo, il supporto delle suddette prestazione può riguardare anche le prestazioni di riabilitazione, e la presenza di postazioni mobili sul territorio al fine di supportare la trasferibilità dei dati per l attività del 118. Figure 2 Telemedicina contesti organizzativi Domiciliare Ospedale a domicilio Residenzialità H H MMG PS H Paziente H Paziente RSA Emergenza Urgenza PS

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione

L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione Padova, 5 maggio 2012 L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione Prof. Ferdinando Romano The World Health Report 2008

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Assistenza Domiciliare Amministrazione proponente: AZIENDA U.S.L. 5 PISA Unità

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO V Linee guida per progetti di sperimentazione inerenti Modalità organizzative per

Dettagli

Le opportunità della telemedicina

Le opportunità della telemedicina 5 Congresso Nazionale F.I.Te.La.B. Le opportunità della telemedicina nell assistenza di base Dr. Salvatore Amato Michele La Versa Telemedicina Per telemedicina intendiamo l'insieme di tecniche mediche

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive

ACCORDO DI COLLABORAZIONE. fra.. in materia di. Assistenza integrata alle persone Hiv positive ACCORDO DI COLLABORAZIONE fra.. in materia di Assistenza integrata alle persone Hiv positive 1. PREMESSA L integrazione, la stretta collaborazione, la sinergie di risorse sono elementi essenziali per affrontare

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

Scenario di Riferimento ICT AREZZO

Scenario di Riferimento ICT AREZZO Scenario di Riferimento Il SST sta spostando l'attenzione sul Territorio quale punto di contatto e cura del cittadino/assistito, con l'obiettivo di prevenire e possibilmente evitare l'ospedalizzazione

Dettagli

Alberto Bellocco. ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile

Alberto Bellocco. ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile Alberto Bellocco ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile Alberto Bellocco ICT e Telemedicina per un Sistema Sanitario Nazionale sostenibile Copyright 2015 Edizioni del Faro Gruppo

Dettagli

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: il ruolo dei Medici di Medicina Generale

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: il ruolo dei Medici di Medicina Generale Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: il ruolo dei Medici di Medicina Generale Gianni Commissione Nazionale FIMMG per la Telemedicina LE CURE PRIMARIE Cure Primarie

Dettagli

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto!

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: continuità assistenziale tra Ospedale e Territorio Michelangelo Bartolo Dirigente Responsabile UOS Telemedicina Azienda Ospedaliera

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento Protocollo del percorso di Ospedalizzazione Domiciliare riabilitativa postcardiochirurgica Versione aggiornata al 16/01/2012 Modifiche del documento Le modifiche rispetto alla versione pubblicata nell

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE Massimo Fabi (Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma) Innanzitutto grazie agli organizzatori di questo convegno: è davvero molto utile confrontare

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica

La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica Alberto Giangrande, Divisione di Nefrologia e Dialisi, Azienda Ospedaliera Ospedale di Circolo

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015

FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 FONDAZIONE OSPEDALE MARCHESI di INZAGO D.g.r. 23 febbraio 2004 n. 7/16452 ADI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI 2015 1. La Fondazione Ospedale Marchesi nella rete dei servizi.

Dettagli

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente Le cure domiciliari nella rete dei servizi Rosella Petrali Direzione Generale Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale Regione Lombardia

Dettagli

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR Le reti per il miglioramento della qualità e dell efficienza dell assistenza Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR il sistema sanitario non è un sistema non è un sistema

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario Sommario 1. Storia e futuro....1 2. La nostra mission e i nostri impegni La nostra tradizione è al servizio della persona 2 3. Riferimenti Normativi 3 4. L offerta dei servizi a domicilio..3 5. Voucher

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica 4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica Il FSE e la Telemedicina Dott.ssa Lidia Di Minco Direttore Ufficio Coordinamento, Sviluppo e Gestione del NSIS Direzione Generale

Dettagli

I N D I C E RIASSUNTO...6 INTRODUZIONE...7. Motivazione e Obiettivi generali del CASE MANAGEMENT...11

I N D I C E RIASSUNTO...6 INTRODUZIONE...7. Motivazione e Obiettivi generali del CASE MANAGEMENT...11 I N D I C E RIASSUNTO...6 INTRODUZIONE...7 Motivazione e Obiettivi generali del CASE MANAGEMENT...11 CAPITOLO 1 - Elementi di un Contesto Ideale per la gestione del CM 1.1 Linee guida clinico/operative

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda ULSS 22 Reg. Veneto Distretto Sociosanitario n.5 Villafranca di Verona ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AD INTENSITA ELEVATA RIVOLTA A PAZIENTI CON VENTILAZIONE MECCANICA:

Dettagli

L infermiere casemanager

L infermiere casemanager L infermiere casemanager Valentina Sangiorgi U.C.S.C. di Roma Policlinico Universitario A.Gemelli Firenze 29-11/1-12-2007 La riorganizzazione delle cure primarie e l integrazione del sistema L aumento

Dettagli

Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese

Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese L Ospedale Pacini nella nuova rete ospedaliera e territoriale della riorganizzazione del

Dettagli

Casa della Salute di San Secondo Parmense. - SPI CGIL - Funzione Pubblica CGIL ( Brescia 24 giugno 20

Casa della Salute di San Secondo Parmense. - SPI CGIL - Funzione Pubblica CGIL ( Brescia 24 giugno 20 L - SPI CGIL - Funzione Pubblica CGIL ( Brescia 24 giugno 20 i presupposti Per portare a compimento il sistema delle cure primarie, la RER ha progettato la realizzazione delle Case della Salute ( CdS ),

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO XI DOCUMENTO SUI REQUISITI MINIMI E LE MODALITA

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014 Oggetto: POR FESR 2007-2013 Linee di attività 1.2.1.a., b. e c. Rimodulazione e incremento della dotazione finanziaria per l attuazione degli interventi relativi alla dematerializzazione della prescrizione

Dettagli

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC L esperienza della ASL RMC Mariella Masselli Responsabile U.O.S.D Tutela Salute Riabilitazione Disabili Adulti d. 12 - ASL RMC Roma, 11 settembre 2013 Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi

INDICE. La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi INDICE Presentazione La remunerazione delle attività sanitarie: il quadro di riferimento legislativo, di Renato Balduzzi L articolazione dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) in termini organizzativi

Dettagli

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Cartella Geriatrica dell Unita di Valutazione Geriatrica e Linee guida del Piano Assistenziale Individuale.

Dettagli

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11. Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11. Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Cartella Geriatrica dell Unita di Valutazione Geriatrica e Linee guida del Piano Assistenziale Individuale.

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 POPOLAZIONE LIGURE Abitanti: Provincia Totale Maschi Femmine IM 221885 106286 115599 SV

Dettagli

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 PROGETTO POSTI SOLLIEVO ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 Responsabile del progetto: dott.ssa Pia Poppini -ULSS 20 Responsabile gestione operativa Istituto Assistenza Anziani: Dott.Roberto De Mori Referente

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza-responsabilità nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (revisione dei profili di competenza

Dettagli

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete 1 - I bisogni e lo sviluppo della rete In Italia muoiono ogni anno oltre 159.000 persone a causa di una malattia neoplastica (ISTAT, 1998) e la maggior parte di esse, il 90% (143.100), necessita di un

Dettagli

Progetto MATTONI SSN

Progetto MATTONI SSN f Nolan, Norton Italia Ministero della Salute Servizi di consulenza direzionale a supporto della Cabina di Regia per la realizzazione del NSIS Progetto MATTONI SSN Mese di Riferimento (Maggio 2004) Documento:

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE SITI LOMBARDIA: PERCORSO DI FORMAZIONE IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE MILANO, 9 ottobre2013 Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Dott.ssa Patrizia Monti

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE 1. La Fondazione nella rete dei servizi. CARTA DEI SERVIZI La Fondazione Don Ambrogio Cacciamatta onlus gestisce in Iseo l omonima RSA, a Monticelli

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO Confronti L assistenza domiciliare integrata vera interprete del cambiamento in sanità Progetto ADI SUD l integrazione tra ambiti di cura (per esempio,

Dettagli

Osservazioni al testo Rete territoriale. I principi per la definizione degli assetti organizzativi delle ASL 7 aprile 2015

Osservazioni al testo Rete territoriale. I principi per la definizione degli assetti organizzativi delle ASL 7 aprile 2015 Ai fini di dare i riscontri utili per lo sviluppo del nostro SSR procediamo nell'analisi del documento identificando, sulla base delle ipotesi da noi formulate, quali proposte possono essere d'interesse

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Il modello di servizio @ccura

Il modello di servizio @ccura Il modello di servizio @ccura la cura con una @ in più Elisa Mattavelli Luca M. Munari @ccura Srl Chi è @ccura? @ccura è una disease management company costituita allo scopo di progettare, sviluppare e

Dettagli

LA CARTELLA CLINICA D.

LA CARTELLA CLINICA D. Lezioni SIO on-line I parte LA CARTELLA CLINICA D. Casolino,, V. Mallardi* F. Soprani, D.Padovani U.O. ORL AUSL di Ravenna *Cattedra ORL Università Politecnica delle Marche LA CARTELLA CLINICA, QUESTA

Dettagli

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE - 1 - Il SSN è un valore per tutti gli italiani. Concorrere a migliorarlo continuamente è un impegno di tutti: Medici, Pazienti,

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO Gruppo di Lavoro Coordinamento: Salvi. F (Neurologia Osp. Bellaria) Descovich C. (Governo Clinico) Alvisi S. (DH Neurologia OB) Amadori L. (Medicina

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA L invecchiamento della popolazione rappresenta una dei fenomeni più importanti che riguardano la popolazione dell intera Regione Veneto e del

Dettagli

"L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio Sanitario".

L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio Sanitario. Workshop: La Medicina Telematica per la disabilità è una realtà: chi, dove e quando. "L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio

Dettagli

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO 12949_09 Disparità nell accesso dei malati oncologici ai trattamenti terapeutici e assistenziali 4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO ONCOLOGICO: ASSISTENZA DOMICILIARE, SOSTEGNO PSICOLOGICO E INFORMAZIONE

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO BUONGIORNO CReG: UN PROGETTO INNOVATIVO PER MIGLIORARE LA GESTIONE TERRITORIALE DELLA CRONICITÀ L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO Mara Azzi, Direttore Generale ASL BERGAMO ASL BERGAMO POPOLAZIONE RESIDENTE SUDDIVISA

Dettagli

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità?

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? 25 novembre 2011 L ospedale organizzato per livelli di assistenza e i

Dettagli

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale.

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. ALLEGATO B Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. A. Principi ispiratori La sanità costituisce uno dei settori strategici su cui si concentrano le azioni d el Decreto Legge 95/2012.

Dettagli

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA Con l allungamento della vita, l età media e le condizioni fisiche e psichiche le caratteristiche

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

Continuità delle cure:

Continuità delle cure: Continuità delle cure: Assistenza integrata Ospedale-Territorio Roma, 13 dicembre 2013 Riccardo Poli Direttore Zona-Distretto Asl 4 Prato AZIENDA USL 4 PRATO Dalle Dimissioni Difficili al SCAHT Servizio

Dettagli

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali LEGGE REGIONALE 7 agosto 2002, n. 29 Approvazione disposizioni normative collegate alla legge finanziaria regionale relative al Settore Sanità. (BUR n. 14 dell 1 agosto 2002, supplemento straordinario

Dettagli

Il documento di seguito presentato è il risultato di

Il documento di seguito presentato è il risultato di Gli indicatori macrostrutturali di qualità dei servizi e delle prestazioni sanitarie GLI INDICATORI MACROSTRUTTURALI DI QUALITÀ DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI SANITARIE Prima rilevazione regionale Il

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917 22945 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917 Legge 15 marzo 2010 n. 38 Disposizioni per garantire l accesso alle cure palliative ad alle terapie del dolore. Approvazione Linee Guida

Dettagli

LA TELEMEDICINA RIDUCE IL RICORSO AI SERVIZI SANITARI ED I COSTI E MIGLIORA L OUTCOME: L ESPERIENZA DELL'AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI-ADDOLORATA ADDOLORATA DI ROMA Giorgio Scaffidi 1, Michelangelo

Dettagli

Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie

Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie Introduzione...1 I diritti della persona malata. Cosa dicono le leggi...2 La tutela della salute in ospedale nelle residenze a domicilio...2

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio ART: 26 Bis 1. Con le aggregazioni funzionali territoriali si realizzano alcune fondamentali condizioni per l integrazione

Dettagli