Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assistenza Continuativa in Ematologia. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma"

Transcript

1 Assistenza Continuativa in Ematologia Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I - Roma

2 I BISOGNI Le persone affette da malattie oncologiche ematologiche e le loro famiglie presentano bisogni complessi e mutevoli nel tempo in relazione a fattori clinici, sociali, psicologici.

3 LE RISPOSTE E necessario garantire un sistema di protezione integrato (continuità di cura) che: Segua il paziente nella storia della sua malattia. Favorisca i passaggi da una tipologia assistenziale all altra (ospedale, casa, ambulatorio, hospice), in modo reversibile. Promuova la flessibilità e quindi l ottimizzazione delle risorse umane e strumentali. Conservi una referenza esplicita ed accessibile per la durata della malattia.

4 MODELLO TRADIZIONALE DI GESTIONE DEL PAZIENTE NEOPLASTICO Diagnosi Guarigione CURE ATTIVE: Sopravvivenza CURE PALLIATIVE: Qualità di vita Diagnosi Fase Terminale Morte

5 Approccio globale al paziente neoplastico Guarigione stadiazione cure attive TERAPIE ANTITUMORALI (2-5 linea) Lutto Fase Terminale CURE DI SUPPORTO E PALLIATIVE (sostegno psico-sociale, riabilitazione, cure domiciliari) Simultaneous care

6 CURE DOMICILIARI: FINALITA Migliorare la qualità di vita dei pazienti e delle loro famiglie. Facilitare l accesso l dei pazienti all erogazione dei presidi e delle terapie. Evitare i ricoveri impropri in ospedale. Ridurre i costi assistenziali.

7 Cure domiciliari: cosa sono? Somministrazione parenterale di farmaci, esecuzione di prelievi ematici, di trasfusioni al di fuori del reparto o del day hospital (trattamento domiciliare). Un più complesso programma di assistenza globale incentrato sulla qualità della vita ed il supporto per il paziente e la sua famiglia. (Approccio palliativo)

8 CURE PALLIATIVE Le Cure Palliative sono un approccio che migliora la qualità di vita di malati e delle loro famiglie che si trovano di fronte a problemi connessi a malattie a rischio per la vita, attraverso la prevenzione e il sollievo della sofferenza, per mezzo di una precoce identificazione e di una impeccabile valutazione e trattamento del dolore e degli altri problemi fisici, psicosociali, spirituali. WHO, 2006

9 CURE PALLIATIVE DECLINATE Provvedono al controllo del dolore e di altri sintomi causa di sofferenza Affermano il valore della vita e considerano la morte come un processo naturale Non intendono accelerare né posporre la morte Integrano gli aspetti psicologici e spirituali delle cure del malato Offrono un sistema di supporto ai malati per aiutarli a vivere nella maniera più attiva possibile fino alla morte

10 CURE PALLIATIVE DECLINATE Utilizzano un lavoro di equipe per dare una risposta ai bisogni del malato e della famiglia, incluso il supporto durante il lutto. Vogliono migliorare la qualità della vita, e possono anche influenzare positivamente il decorso della malattia Sono applicabili precocemente nel corso della malattia, insieme ad altre terapie che hanno come obiettivo quello di prolungare la vita, quali la chemioterapia e la radioterapia, e comprendono quelle indagini diagnostiche necessarie a meglio comprendere e trattare le complicanze cliniche causa di sofferenza

11 I BISOGNI SPECIFICI DEI PAZIENTI EMATOLOGICI E LE RISPOSTE DEL MODELLO ASDOM

12 I pazienti ematologici presi in carico a domicilio Pazienti in dimissione protetta - con malattia curabile o guaribile, in terapia con CHT intensiva, trapianto di cellule staminali emopoietiche, dimessi dall ospedale per proseguire a casa le terapie di supporto e riabilitative. Pazienti in fase cronica - non autosufficienti - con aspettativa di vita > 12 mesi con necessità di terapia di supporto. Pazienti in fase avanzata - con aspettativa di vita > 3 mesi, in chemioterapia e terapia di supporto. Pazienti in fase terminale - con aspettativa di vita inferiore ai 3 mesi per cure palliative.

13 PROBLEMI CLINICI IN PAZIENTI ONCO-EMATOLOGICI PAZIENTI TOTALI: 749 Sintomi N Eventi Frequenza FATIGUE ANEMIA DOLORE EMORRAGIA FEBBRE/INFEZIONI DISPNEA CHEMIOTERAPIA NEUROPSICHICI % 79% 57% 42% 33% 33% 31% 23%

14 Quale modello operativo per soddisfare i bisogni dei pazienti?

15 CURE DOMICILIARI: MODELLI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) Convenzione MMG Stato e Regioni MMG come responsabile e coordinatore (I.P., m. specialisti, ass.. sociale, volontari) Area operativa distrettuale (CAD) OSPEDALIZZAZIONE DOMICILIARE (O.D.) Carta dei Servizi Pubblici - Conf.. Stato - Regioni Equipe ospedaliera responsabile del percorso di cura. Area operativa istituzionale

16 OSPEDALIZZAZIONE DOMICILIARE: REQUISITI DI ATTIVITA Multidisciplinarietà dell intervento Pronta disponibilità 24 ore su 24 Protocollo operativo condiviso (UOC ASL ASL MMG) Presenza cartella clinica specifica Fornitura diretta farmaci, presidi ed ausili Alta intensità assistenziale (GEA/GDC* = > 0,8) * GEA: giorni effettivi assistenza. GDC: giorni di cura

17 Simultaneous Care Il medico, l infermiere, lo psicologo e l assistente sociale dell equipe operano all interno dell ospedale. L equipe avvia l attività di supporto per i familiari e il paziente quando questo è assistito in ambulatorio o in reparto. Il paziente è seguito a casa dall equipe ospedaliera già nota, mantiene il rapporto di fiducia con il Centro e non vive la soluzione domiciliare come abbandono terapeutico.

18 Prestazioni specialistiche e integrazione tra i servizi Anemia ed emorragie Deve essere garantito l intero processo: valutazione fabbisogno, prelievo, preparazione, esecuzione dell emotrasfusione (anche in urgenza), in collegamento con il Centro Trasfusionale. Infezioni La mortalità e morbilità correlata impone una stretta sorveglianza microbiologica (Serv. Infettivologia). Chemioterapia La sua indicazione, esecuzione e valutazione di efficacia richiede competenze specialistiche ed una referenza costante con il centro di Ematologia.

19 Gestione delle emorragie a domicilio: risultati N. (%) Emorragie gravi (grado > 1) 232/462 (49) Risoluzione a domicilio 206 (89) Trasfusioni piastriniche 188 (81) Decessi per emorragie 26 (11) a domicilio 22 (9) in ospedale 4 (2)

20 ASDOM: UNITA DI CURE DOMICILIARI PALLIATIVE Inizio attività: : novembre 1993 Collaborazione Azienda Policlinico e Ass. contro le Leucemie, Linfoma e Mieloma ROMAIL- Onlus Sede operativa: Ematologia - Azienda Policlinico Umberto I - Università La Sapienza Equipe: : 7 medici, 10 infermieri, 1 assistente sociale, 2 psicologi, volontari Area di azione: Comune di Roma

21 UCPD: UNITA DI CURE PALLIATIVE E DOMICILIARI EMATOLOGICHE Unità funzionale specialistica multiprofessionale e multidisciplinare con attività di: Consulenza cure palliative e terapia del dolore nella UOC di Ematologia (reparti e ambulatori). Presa in carico totale del paziente a domicilio, con attività di ospedalizzazione /assistenza domiciliare.

22 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE DEL MODELLO ASDOM OSPEDALE (reparto, C. trasfusionale, laboratorio, radioterapia, d. imaging) UCDP: Valutazione UCDP:Valutazione dei Pazienti dei Pazienti e loroe loro presa presa in in carico carico AMBULATORI, DAY HOSPITAL CURE DOMICILIARI CURE RESIDENZIALI (HOSPICE ) UCDP: Monitoraggio continuo dei pazienti

23 Caratteristiche dei pazienti assistiti a domicilio negli anni Pazienti 1231 Età mediana (aa( aa) ) 69 (4-95) Maschi 630 Femmine 601 Karnofsky P.S.. 40% (20% 50%) Fase di malattia Terminale 646 (52%) Avanzata 294 (24%) Dimissione protetta 230 (19%) Cronica 61 (5%)

24 Analisi delle prestazioni Prestazioni Visite mediche Visite infermieristiche Prelievi Interventi notturni Trasfusioni u. emazie u. piastrine 945 Antibioticoterapie Chemioterapie 639

25 Personale Il modello misto di finanziamento del servizio ASDOM Medici e infermieri Azienda Ospedaliera (attività istituzionale) (ROMAIL- Onlus). (attività libero-professionale) Psicologi e assistenti sociali: Ipab Istituto S. Maria in Aquiro. Trasfusioni/ Laboratorio Azienda Ospedaliera / ASL. Farmaci Fascia H- A : Azienda Ospedaliera/ASL Fascia C : della famiglia Trasporti, Logistica, Comunicazioni ROMAIL- Onlus.

26 Costi di gestione delle Cure Domiciliari La variabilità dei costi delle cure domiciliari è legata principalmente ai seguenti fattori: patologia (consumo farmaci e materiale sanitario) grado di autonomia e condizioni socio-sanitarie durata dell assistenza mix di risorse umane, profili professionali intensità assistenziale (frequenza di accessi) tecnologie impiegate

27 Costi: I fattori critici ( f re q u e n z a a c c e s s i: G E A /G d C ) = I.A.

28 Giornata Effettiva di Assistenza (GEA) La Giornata Effettiva di Assistenza (GEA), è definita come giorno in cui una o più figure professionali hanno effettuato almeno una visita domiciliare. La GEA esprime le risorse impiegate nel percorso di cura (il mix di operatori impegnati nell attuazione del piano assistenziale e la complessità delle prestazioni erogate) Vi è correlazione altamente significativa tra i costi totali di ciascun paziente ed il numero di GEA, variabile che spiega da sola oltre il 97% della varianza totale

29 I valori economici dei percorsi di cura E necessario definire forme adeguate di remunerazione dei percorsi di cura standard per gruppi omogenei di pazienti le cui condizioni sono definite nel modo più uniforme possibile (profili di pazienti) Un sistema basato sul nomenclatore tariffario che elenchi le prestazioni remunerabili espone il sistema sanitario al rischio di atteggiamenti opportunistici. Un uso appropriato delle risorse disponibili nell ambito dei livelli essenziali di assistenza.

30 Tabella. Valorizzazione dei percorsi di cura ( ) Comitato Ministeriale Ospedalizzazione Domiciliare (D.M. 12/4/2002) -

31 INTENSITA ASSISTENZIALE IN RELAZIONE ALLE TIPOLOGIE DEI PAZIENTI IN ASDOM Pazienti Durata media ciclo (gg) Media mensile visite medici Media mensile visite infermieri Media mensile trasfusioni (GR+Plts) Dimissioni protette 22,8 4,6 23,6 6.8 F. Cronica 432 2,2 6,4 1,6 F. Avanzata 143 2,8 8,6 2,3 F. Terminale 19,7 7,4 22,7 6,8

32 ANALISI ECONOMICA DI UN MODELLO MISTO DI FINANZIAMENTO: EMATOLOLOGIA POLICLINICO UMBERTO I ROMAIL ONLUS

33 Ripartizione per ente finanziatore dei costi medi mensili del servizio ASDOM Dimissioni protette Cronici 34% 34% 66% 66% Avanzati Terminali legenda 29% 36% fonti pubbliche di finanziamento 71% 64% fonti private di finanziamento

34 I costi dell Ospedalizzazione Domiciliare Costi medi mensili del servizio per tipologie di pazienti Tipologia pazienti Medici Infermieri Trasfusioni Farmaci Laboratorio Totale Cronici 214,28 293,02 227,38 728,31 25, ,43 Dimissioni protette 461,30 893, , ,24 51, ,57 Dimissioni protette a maggiore intensità trasfusionale (= > 4) 461,30 893, , ,24 51, ,18 Avanzati 272,29 392,36 339, ,16 33, ,04 Avanzati a maggiore intensità trasfusionale (= > 4) 272,29 392, , ,16 33, ,91 Terminali 750,43 763, , ,69 52, ,82 Terminali a maggiore intensità trasfusionale (= > 4) 750,43 763, , ,69 52, ,22 (Management in Sanità, 2004)

35 I costi del servizio ASDOM: Confronto con l assistenza ospedaliera: legenda Costi medi mensili del servizio ASDOM Costi mensili ASDOM (pazienti più intensivi) 0 Valori DRG Cronici valori medi Avanzati valori medi DRG 414: S.. mieloproliferative cron. s.c. DRG 404: leucemie non acute s.c. Dim. protette valori medi Terminali valori medi DRG 413: s. mieloproliferative cron. c.c. Avanzati > 4 trasfusioni/mese Terminali > 4 trasfusioni/mese DGR 403: leucemie non acute c.c. Dim. Prot. > 4 trasfusioni/mese DGR 473: leucemie acute linfoidi o mieloidi

36 Modello ASDOM: Principali criticità Ospedalizzazione domiciliare specialistica: attività ad inquadramento ospedaliero (cartella, scheda RAD). Regolazione dei rapporti tra enti finanziatori. Collocazione della voce di costo ASDOM nell ambito della contrattazione del budget aziendale. Erogazione diretta di farmaci e presidi. Tariffe di remunerazione per attività di ospedalizzazione domiciliare non palliativa. Integrazione con i servizi sociali dei municipi. Protocolli operativi condivisi con i mmg e ASL.

37 Progetto Ospedale Ematologico Domiciliare per la Città di Roma Progetto di Cure Domiciliari Ematologiche basato su partnership fra enti ed istituzioni pubbliche e private non profit. Azienda Ospedaliera Policlinico Umberto I, UOC Ematolgia. ASL Roma C Osp. S.Eugenio, UOC Ematologia. Associazione contro le Leucemie ROMAIL-ONLUS. Giuseppe Papa Home Care-ONLUS. Comune di Roma. Obiettivo: creare una rete cittadina di cure domiciliari specialistiche per aumentare e ottimizzare la risposta assistenziale ai fabbisogni dei malati emopatici.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA Furio Zucco Past President SICP Direttore Dipartimento Gestionale Anestesia Rianimazione Terapia del dolore e Cure palliative AO G.Salvini

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA Struttura Complessa di ONCOLOGIA MEDICA ED EMATOLOGIA Azienda Ospedaliera CARLO POMA - v.le Albertoni, 1 46100 Mantova (Direttore Dr. Enrico Aitini) Gruppo di LavoroEmatologia Dr. Maria Donatella Zamagni,

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE NEL PAZIENTE AFFETTO DA NEOPLASIA POLMONARE Guia Castagnini Raffaella Speranza U. CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE A.O. SAN GERARDO MONZA - FINALITA ED OBIETTIVI

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

Associazione VIDAS. Audizione sulla riforma sociosanitaria lombarda

Associazione VIDAS. Audizione sulla riforma sociosanitaria lombarda Associazione VIDAS Audizione sulla riforma sociosanitaria lombarda Giada Lonati Direttore Sociosanitario Giorgio Trojsi Segretario Generale 9 marzo 2015 VIDAS: Volontari Italiani Domiciliari Assistenza

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE e-oncology II edizione: L informatizzazione in Oncologia Trento, 22 ottobre 2010 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE Prof. Oscar Alabiso Oncologia AOU Novara Continuità Assistenziale : organizzazione centrata

Dettagli

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma Confronto dei Criteri, degli Indicatori e degli Standard scelti per la valutazione multi-dimensionale dell attività di 4 Strutture Complesse di Ematologia certificate ISO 9001-2000 Dr. Michele Cedrone,

Dettagli

PEDIATRICA. dott.ssa Maria Luisa Moleti

PEDIATRICA. dott.ssa Maria Luisa Moleti L ASSISTENZA LASSISTENZA DOMICILIARE PEDIATRICA dott.ssa Maria Luisa Moleti Grazie ai progressi terapeutici negli ultimi decenni sempre più numerosi i bambini e adolescenti guariti da patologie oncoematologiche

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Roma, 31 maggio 2012 Le Richieste Sempre più pazienti sono affetti da malattie croniche con un aumento della sopravvivenza in ogni fascia di età I cittadini

Dettagli

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 POPOLAZIONE LIGURE Abitanti: Provincia Totale Maschi Femmine IM 221885 106286 115599 SV

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO Gruppo di Lavoro Coordinamento: Salvi. F (Neurologia Osp. Bellaria) Descovich C. (Governo Clinico) Alvisi S. (DH Neurologia OB) Amadori L. (Medicina

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ;

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ; Il PROGETTO SCUDO VALDICHIANA è un iniziativa delle Sezioni CALCIT della Valdichiana, dei Medici di Medicina Generale facenti parte della Cooperativa Etruria Medica, della USL8 e dei Comuni di Cortona,

Dettagli

Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO XI DOCUMENTO SUI REQUISITI MINIMI E LE MODALITA

Dettagli

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO CARTA DEI SERVIZI UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO Sportello al pubblico presso il Servizio di Assistenza Domiciliare Castelfranco

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917 22945 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917 Legge 15 marzo 2010 n. 38 Disposizioni per garantire l accesso alle cure palliative ad alle terapie del dolore. Approvazione Linee Guida

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

una sfida del terzo millennio.

una sfida del terzo millennio. CONVEGNO NAZIONALE Cure domiciliari in Ematologia: una sfida del terzo millennio. SEGRETERIA ORGANIZZATIVA FUTURE EVENTS STUDIO S.r.l. Provider ECM n. 11764 00197 Roma - Viale dei Parioli, 72/d Tel. 06

Dettagli

Direzione Sanitaria II Distretto. Dott. Fabio De Angelis

Direzione Sanitaria II Distretto. Dott. Fabio De Angelis Direzione Sanitaria II Distretto Dott. Fabio De Angelis COMPLESSITA ORGANIZZATIVA Necessità di modelli organizzativi più coerenti ed efficaci per la gestione dei pazienti domiciliari COMPLESSITA ORGANIZZATIVA

Dettagli

Bologna 29 Giugno 2015

Bologna 29 Giugno 2015 Qualita e continuita delle cure per pazienti ad alta complessita e/o in fine vita: analisi delle criticita e nuovi modelli organizzativi negli Ospedali di Comunita ULSS 5 Ovest Vicentino 499.83 Kmq, 22

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 Excursus legislativo sulla palliazione Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 1 Legge 39/99 Stabilisce l adozione di un programma

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari Convegno «La 975 alla prova» Accessibilità, Presa in carico e Continuità delle Cure Ospedale G. Fracastoro, San Bonifacio (VR), 13 dicembre 2013 Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze

Azienda Sanitaria Firenze Azienda Sanitaria Firenze Giornate Mediche di Santa Maria Nuova 203 ESPERIENZA PROFESSIONALE del PERSONALE SANITARIO che INTERAGISCE con il SURVIVOR Convivere con la malattia avanzata al Domicilio e in

Dettagli

Costi e Sostenibilità delle Cure Domiciliari. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I Roma Ass. contro Leucemie, Linfomi e Mieloma

Costi e Sostenibilità delle Cure Domiciliari. Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I Roma Ass. contro Leucemie, Linfomi e Mieloma Costi e Sostenibilità delle Cure Domiciliari Claudio Cartoni UOC Ematologia A.O. Policlinico Umberto I Roma Ass. contro Leucemie, Linfomi e Mieloma Una modalità assistenziale E sostenibile quando: E EFFICIENTE:

Dettagli

Linee guida per lo sviluppo della rete di cure palliative nella Regione Sardegna

Linee guida per lo sviluppo della rete di cure palliative nella Regione Sardegna Allegato alla Delib.G.R. n. 33/32 del 8.8.2013 Linee guida per lo sviluppo della rete di cure palliative nella Regione Sardegna Il presente documento ha lo scopo di definire le linee attuative della rete

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

STUDIO OSSERVAZIONALE PROSPETTICO

STUDIO OSSERVAZIONALE PROSPETTICO STUDIO OSSERVAZIONALE PROSPETTICO Analisi di costo-efficacia sulle cure domiciliari in confronto all assistenza ospedaliera del paziente ematologico. Azienda Policlinico Umberto I Ospedale Sant Eugenio

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione Assistenza Domiciliare

P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione Assistenza Domiciliare Allegato A) P.R.A.D. Progetto Riorganizzazione 1 Acronimi INDICE pag.3 1. Introduzione pag.4 2. Quadro Attuale pag.4 3. Definizione ed obiettivi delle cure domiciliari pag.4 3.1 Cure Domiciliari Prestazionali

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA NELLA REGIONE ABRUZZO Confronti L assistenza domiciliare integrata vera interprete del cambiamento in sanità Progetto ADI SUD l integrazione tra ambiti di cura (per esempio,

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità?

Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? Il governo della continuità Ospedale-Territorio Quali condizioni per una gestione efficace del paziente subacuto e della cronicità? 25 novembre 2011 L ospedale organizzato per livelli di assistenza e i

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 56 del 01 dicembre 2003

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 56 del 01 dicembre 2003 Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 56 del 01 dicembre 2003 LINEE GUIDA PER L ATTIVAZIONE DELLA RETE INTEGRATA DI ASSISTENZA AI MALATI TERMINALI TRA GLI HOSPICE, I SERVIZI E LE STRUTTURE ESISTENTI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AI PAZIENTI ONCOLOGICI IN FASE TERMINALE TRA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AI PAZIENTI ONCOLOGICI IN FASE TERMINALE TRA ENTE MORALE ASSOCIAZIONE NAZIONALE TUMORI PROTOCOLLO DI INTESA PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AI PAZIENTI ONCOLOGICI IN FASE TERMINALE Azienda Sanitaria USL N. 2 Potenza Azienda Ospedaliera San Carlo Potenza

Dettagli

Assistenza domiciliare, quale modello Manlio Lucentini*, Federico Paoletti** * Serv. Cure Palliative, AUSL 2 ** Associazione CON NOI

Assistenza domiciliare, quale modello Manlio Lucentini*, Federico Paoletti** * Serv. Cure Palliative, AUSL 2 ** Associazione CON NOI Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Perugia 30 Ottobre 2007 Assistenza domiciliare, quale modello Manlio Lucentini*, Federico Paoletti** * Serv. Cure Palliative, AUSL 2 ** Associazione CON

Dettagli

Titolo: La Rete Ligure di Cure Palliative

Titolo: La Rete Ligure di Cure Palliative Titolo: La Rete Ligure di Cure Palliative Partecipanti al gruppo di redazione: Massimo Costantini, Responsabile SC Coordinamento Regionale Cure Palliative, Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Unità Complessa di Oncologia Critica Territoriale e Cure Palliative - ADI Gianvito Corona Firenze, 2 dicembre 2010 Palazzo dei

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

Le basi organizzative dell'assistenza domiciliare. Maria Borsari Responsabile Ufficio Infermieristico Distretti Modena e Castelfranco E.

Le basi organizzative dell'assistenza domiciliare. Maria Borsari Responsabile Ufficio Infermieristico Distretti Modena e Castelfranco E. Le basi organizzative dell'assistenza domiciliare Maria Borsari Responsabile Ufficio Infermieristico Distretti Modena e Castelfranco E. Definizione assistenza domiciliare OMS intende per assistenza domiciliare

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base Prof. A. Mistretta Il medico di medicina generale (MMG) Garantisce l assistenza sanitaria Si assicura di promuovere e salvaguardare la salute in un rapporto

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

Tale convenzione è stata siglata dalla parti in data 03.11.2010 ed ha avuto validità fino al 31.12.2011.

Tale convenzione è stata siglata dalla parti in data 03.11.2010 ed ha avuto validità fino al 31.12.2011. REGIONE PIEMONTE BU19 09/05/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 16 aprile 2013, n. 41-5670 Approvazione dello schema di convenzione tra la Regione Piemonte e la Regione Autonoma Valle d'aosta per

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete 1 - I bisogni e lo sviluppo della rete In Italia muoiono ogni anno oltre 159.000 persone a causa di una malattia neoplastica (ISTAT, 1998) e la maggior parte di esse, il 90% (143.100), necessita di un

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

PROGETTO PER LA TRASFERIBILITA DI UN MODELLO DI CURE CONTINUATIVE INTEGRATE APPLICATO AI TUMORI CEREBRALI

PROGETTO PER LA TRASFERIBILITA DI UN MODELLO DI CURE CONTINUATIVE INTEGRATE APPLICATO AI TUMORI CEREBRALI PROGETTO PER LA TRASFERIBILITA DI UN MODELLO DI CURE CONTINUATIVE INTEGRATE APPLICATO AI TUMORI CEREBRALI Estensione del modello promosso dalla Regione Lazio e validato dall IRE alla città di Roma e alle

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Le cure palliative domiciliari

Le cure palliative domiciliari Le cure palliative domiciliari Associazione per l Assistenza Domiciliare Oncologica - ONLUS VERONA Medicina palliativa...il meglio possibile, quando tutto ormai sembra impossibile... CHE COSA SONO LE CURE

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Consumi e manutenzioni di esercizio o non servizi per servizi non e erogazione

Dettagli

OSPEDALE E TERRITORIO DAL PENSIERO AL GESTO. Dott.ssa Emilia Aquili C.P.S.E. Anna Lombardi Dott.ssa Nadia Dell Acqua C.P.S.E.

OSPEDALE E TERRITORIO DAL PENSIERO AL GESTO. Dott.ssa Emilia Aquili C.P.S.E. Anna Lombardi Dott.ssa Nadia Dell Acqua C.P.S.E. OSPEDALE E TERRITORIO DAL PENSIERO AL GESTO Dott.ssa Emilia Aquili C.P.S.E. Anna Lombardi Dott.ssa Nadia Dell Acqua C.P.S.E. Antonio Biancardi Dimissione protetta in regime di Cure Domiciliari Responsabilità

Dettagli

Istituto Tumori Toscano ITT

Istituto Tumori Toscano ITT Istituto Tumori Toscano ITT Il percorso normativo Azione Progr. per l oncologia 1998 P.S.R. Istituzione Coordinamento Rete Oncologica 2001 P.S.R. 2002 Istituto Toscano Tumori Istituzione delle UU.OO. di

Dettagli

Le opportunità della telemedicina

Le opportunità della telemedicina 5 Congresso Nazionale F.I.Te.La.B. Le opportunità della telemedicina nell assistenza di base Dr. Salvatore Amato Michele La Versa Telemedicina Per telemedicina intendiamo l'insieme di tecniche mediche

Dettagli

Comitato Ministero Salute Cure palliative. Il modello organizzativo per la realizzazione della rete di cure palliative

Comitato Ministero Salute Cure palliative. Il modello organizzativo per la realizzazione della rete di cure palliative Comitato Ministero Salute Cure palliative Il modello organizzativo per la realizzazione della rete di cure palliative 1. I bisogni e lo sviluppo della rete In Italia muoiono ogni anno oltre 159.000 persone

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Resp. Inf.ca: U.O. Assistenza Infermieristica Ospedaliera e Territoriale Lucca L.Natucci Ospedale per intensità di cura da dove nasce? In

Dettagli

UNITÀ FUNZIONALE CURE PALLIATIVE Azienda USL 6 di Livorno. ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE - onlus di LIVORNO - e Sezione di CECINA LE CURE PALLIATIVE

UNITÀ FUNZIONALE CURE PALLIATIVE Azienda USL 6 di Livorno. ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE - onlus di LIVORNO - e Sezione di CECINA LE CURE PALLIATIVE UNITÀ FUNZIONALE CURE PALLIATIVE Azienda USL 6 di Livorno ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE - onlus di LIVORNO - e Sezione di CECINA LE CURE PALLIATIVE a Livorno e nella Bassa Val di Cecina Organizzazione e

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DELLA RIABILITAZIONE La definizione del fabbisogno delle risorse infermieristiche

Dettagli

PIANO STRATEGICO PER IL CONTROLLO DEL DOLORE SUL TERRITORIO Alcune interessanti indagini europee sul dolore L assistenza domiciliare cure palliative Protocollo sedazione palliativa al domicilio REVIEW

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro servizi sanitari per servizi non sanitarie erogazione di sanitari 10100 Igiene e sanità pubblica 10200 Igiene degli alimenti e della nutrizione

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.

REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I. REGIONANDO 2000 REGIONA AUTONOMA SARDEGNA AZIENDA U.S.L. N. 5 ORISTANO PROGETTO SPERIMENTALE PER L'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) L ADI consiste in una metodologia di lavoro, orientata ad erogare

Dettagli

ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT

ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT G. Lella (1), F. V. Rizzi (2), C. Crapolicchio (1), L. N. Visaggio (1), D. Ancona (2) 1. Servizio di Farmacovigilanza; 2. Area Gestione Servizio Farmaceutico

Dettagli

IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI

IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI Carpi 21 MAGGIO 2011 Vilma Culpo S.A.D.I. Definizione O.M.S. L'assistenza domiciliare è la possibilità di fornire a domicilio del paziente quei

Dettagli

DELLA REGIONE SICILIANA

DELLA REGIONE SICILIANA Supplemento ordinario n. 2 alla Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana (p. I) n. 6 del 4 febbraio 2011 (n. 5) GAZZETTA REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE SICILIANA Anno 65 - Numero 6 UFFICIALE PARTE

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE

S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE CURE DOMICILIARI HOSPICE I quadri sono stati eseguiti e donati all Hospice dagli Allievi della Scuola Media Statale Della Torre - Garibaldi di Chiavari CURE PALLIATIVE

Dettagli

Casa di Cura privata Villa Silvana - Aprilia U.O. Cure Palliative- Hospice

Casa di Cura privata Villa Silvana - Aprilia U.O. Cure Palliative- Hospice Casa di Cura privata Villa Silvana - Aprilia U.O. Cure Palliative- Hospice Responsabile Medico: Medici di Reparto: Caposala: Dott. Alberto SINISCALCHI Dott. Andrea LIGUORI Dott. Gian Paolo SPINELLI Sig.ra

Dettagli

DAY SURGERY collaborazione ospedale-territorio

DAY SURGERY collaborazione ospedale-territorio DAY SURGERY collaborazione ospedale-territorio PROPOSTA DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE Aurelio Sessa Presidente SIMG Lombardia Piùdi 1/3 dei DRG chirurgici vengono trattati in regime di day surgery Il

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 Etica delle cure palliative in oncologia S Miniato 19/10/13 La morte affronto clinico? Per l uomo l delle culture passate, la morte aveva la forma di

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE DOMICILIARI Ultima revisione Maggio 2008

CARTA DEL SERVIZIO CURE DOMICILIARI Ultima revisione Maggio 2008 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana Paganella e Cembra Centro Servizi Sanitari 38100 Trento - U.O. DI ASSISTENZA PRIMARIA CARTA DEL SERVIZIO CURE

Dettagli