L assistenza domiciliare per il paziente complesso diabetologico: ruolo e potenzialità

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L assistenza domiciliare per il paziente complesso diabetologico: ruolo e potenzialità"

Transcript

1 Congresso SID AMD Lazio 2014 ROMA SETTEMBRE 2014 L assistenza domiciliare per il paziente complesso diabetologico: ruolo e potenzialità Dr. Rocco Bulzomì Dr. Roberto Gagliardi ASL Roma B

2 I costi del diabete per il budget della sanità italiana ammontano al 9% delle risorse. Questo vuol dire più di 9,22 miliardi di all'anno o 1,05 milioni di ogni ora. Il costo della sanità per un cittadino italiano con diabete è in media di all'anno, più del doppio rispetto a cittadini di pari età e sesso, ma senza diabete. Solo il 7% della spesa riguarda i farmaci anti diabete, il 25% è legato alle terapie per le complicanze e le patologie concomitanti, mentre il 68% è relativo al ricovero ospedaliero e alle cure ambulatoriali. In assenza di complicanze, i costi diretti sono pari a circa 800 /anno a persona, mentre in presenza di complicanze possono variare tra i 3000 e i /anno a persona Jonsson B. Revealing the cost of Type II diabetes in Europe. Diabetologia 2002; Lucioni C, L'impaAo delle complicanze diabecche su cosc sanitari e qualità della vita nei pazienc con diabete di Cpo 2: i risultac dello studio CODE- 2. Il Diabete se0. Lucioni C, Il costo sociale del diabete di Cpo 2 in Italia: lo studio CODE- 2. PharmacoEconomics - Italian Research Ar<cles 2000;.

3 Alcuni studi osservazionali hanno evidenziato nei pazienti diabetici regolarmente presi in carico dalle Strutture di Diabetologia rispetto ai pazienti non seguiti anche a livello specialistico: Ø un aspettativa media di vita maggiore di cinque anni; Ø una riduzione di circa il 30% della mortalità cardiovascolare. Pazienti diabetici in carico alle strutture diabetologiche, con buona aderenza alle linee guida: Ø riduzione sino a due volte della mortalità totale, cardiovascolare e per cancro rispetto ai pazienti non in carico alle strutture e nei cui confronti non siano state applicate le linee guida.

4 Ulteriori dati dimostrano che la sinergia tra l assistenza specialistica delle Strutture di Diabetologia e la Medicina generale riduce sino al 65% i ricoveri ospedalieri del paziente diabetico e sino al 25% la degenza ospedaliera e triplica la probabilità che il paziente sia seguito secondo le linee guida. Giorda C. The impact of second-level specialized care on hospitalization in persons with diabetes: a multilevel population-based study. Diabet Med Gnavi R. Determinants of quality in diabetes care process: The population-based Torino Study. Diabetes Care ü strutturazione del percorso di cura (Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale-PDTA), ü la qualità dell assistenza, valutata sia come processo sia come esito intermedio, migliore prognosi del paziente diabetico. ü il richiamo periodico QuED Study Group--quality of care and outcomes in type 2 diabetes. The relationship between physicians' self-reported target fasting blood glucose levels and metabolic control in type 2 diabetes. The QuED Study Group--quality of care and outcomes in type 2 diabetes. Diabetes Care 2001.

5 Le Richieste I ciaadini chiedono: Di essere assiscc a casa loro Di essere presi in carico da qualcuno che si occupi di tuk i loro problemi (sociali e sanitari) Di essere controllac periodicamente da personale sanitario Di avere consigli per autogescre la malaka e prevenire i peggioramenc Di essere accolc e aiutac ad affrontare momenc di crisi Di avere un supporto alla famiglia negli stessi momenc

6 Soluzioni?

7 La cononuità dell assistenza Definizione: Estensione ininterroaa nel tempo degli obiekvi assistenziali aaraverso una linearità di svolgimento degli interven< fra i diversi livelli ed ambic di erogazione delle cure e dell assistenza. È un processo dove, individuac i bisogni del paziente, viene prestata assistenza concnuacva da un livello di cura ad un altro sia esso domicilio, ospedale o altra realtà

8 La cononuità dell assistenza Visione pa<ent centered Massima integrazione degli interven< Maggiore appropriatezza possibile del sefng assistenziale

9 La cononuità dell assistenza Da approccio tradizionale alla cura delle malake (disease centered) Alla presa in carico dei pazienc affek da malaka cronica (pa<ent centered)

10 La cononuità dell assistenza 1. Definizione scriaa e condivisa del percorso i. Definizione percorso ii. Individuazione responsabile del percorso iii. Individuazione di strumen< condivisi di valutazione iv. Individuazione di indicatori di efficacia del percorso 2. Analisi delle criccità 3. Individuazione di criteri e procedure per la comunicazione

11 ConOnuità assistenziale ospedale territorio: la presa in carico nei Nuclei di Cure Primarie Esistono condizioni cliniche gravissime gescte serenamente a domicilio e malake lievi che meaono in crisi intere famiglie. La dimissione dall ospedale rappresenta spesso un momento di crisi acuta nel sistema famiglia.figurarsi in chi la famiglia non ce l ha

12 ConOnuità assistenziale ospedale territorio: la presa in carico nei Nuclei di Cure Primarie È necessario superare l ottica della prestazione a favore della visione di insieme È necessario sostenere le capacità di ognuno di affrontare le difficoltà nel proprio modo È necessario superare le barriere professionali, dipartimentali, strutturali, di servizio e creare soluzioni personalizzate all interno di percorsi facilitati È necessario creare una vera rete a cui si possa accedere da un punto qualsiasi ottenendo lo stesso tipo di risposta (creando così anche equità ed educazione all uso dei servizi)

13 ConOnuità delle cure o cure cononue per i pazieno cronici? DIMISSIONI PROTETTE: DALL OSPEDALE AL TERRITORIO PER LA CONTINUITÀ DI CURA La mancata integrazione dell Ospedale con il Territorio provoca: dimissioni precoci dimissioni non organizzate improprio prolungamento della degenza

14 COME integrare Ospedale e Territorio: 1^ Fase: Riorganizzare i flussi dei pazieno 2^ Fase: Sviluppare piazaforme logisoche 3^ Fase: Avviare percorsi di cura ed assistenziali (ruoli e responsabilità) Occorre trasformare una organizzazione sanitaria tradizionale che lavora per prodo_ in una organizzazione che lavora per processi

15 I modelli innovaovi nelle cure primarie cononuità dell assistenza, sopraauao per i ciaadini con bisogni di lunga durata, come malac cronici e soggek deboli; in parccolare: Chronic Care Model, Disease Management/GesCone Integrata, invecchiamento akvo e in salute, presa in carico nelle diverse forme di cure domiciliari; integrazione, tra ospedale e territorio, tra MMG/PLS e specialisc, e tra sanitario e sociale; forme di aggregazione tra professionisc (gruppi di MMG, gruppi mulc- professionali) e nuovi Cpi di struaure territoriali (Case della salute, CAPT- Centri di Assistenza Primaria Territoriale); nuovi profili professionali, come il case manager (deao anche nurse navigator negli USA), un infermiere con il ruolo di aiutare il ciaadino e i caregiver a gescre il piano di cura concordato); responsabilizzazione del cizadino sulla propria salute (PaCent Empowerment, PaCent Engagement, Aderenza al piano di assistenza concordato); usi secondari dei dao di rouone, opportunamente codificac, per il calcolo di indicatori e la costruzione di cruscok decisionali per autovalutazione degli operatori e il governo del sistema.

16 I conce_- chiave per una gesoone avanzata delle cure primarie Team Funzionale, come l insieme di tuk gli aaori, compresi il ciaadino e i suoi caregiver, che in modo implicito o esplicito collaborano di volta in volta alla gescone della salute di un ciaadino. Il sistema informacvo può aiutare i membri di questo Team ad essere reciprocamente più consapevoli dei propri obiekvi, dei propri ruoli e delle akvità previste e aauate; PunO di AZenzione, come le fasi più significacve e prevedibili all interno di percorsi assistenziali o le situazioni a rischio di non- appropriatezza. Sono le circostanze in cui i diversi aaori condividono i dac rilevanc sul paziente, ma anche i contesc che la Regione o l Azienda intende monitorare; InfostruZura,come il corpo di conoscenze di riferimento sui contenuc che dovranno essere gescc dal sistema informacvo, definito in modo struaurato ed elaborabile. Comprende le descrizioni struaurate di: percorsi assistenziali, con l individuazione delle fasi (e delle relacve problemacche di salute).

17 I conce_- chiave per una gesoone avanzata delle cure primarie telehealth, in cui i parametri clinici del paziente con condizioni di lunga durata vengono misurac con concnuità da disposicvi domiciliari e i dac (eventualmente pre- elaborac) sono poi inviac ad operatori che confermano che lo stato del paziente segue l andamento previsto o si akvano secondo il caso; telecare, in cui si vuole aumentare l indipendenza e la sicurezza dei pazienc (sopraauao persone non- autosufficienc, anziani fragili e soggek deboli), con la disponibilità di prestazioni assistenziali a cura dei servizi sociali, coadiuva< o meno da associazioni di volontariato. Riguardano ad esempio le akvità di health coaching, la gescone di aspek relacvi alla sicurezza e al riconoscimento di situazioni a rischio (sorveglianza akva o passiva per cadute, fumo, modifiche dei paaern di akvità quocdiane, localizzazione; allarmi, tele- soccorso) e all aumento della compliance (es. sollecic e avvisi per le scadenze per l assunzione di farmaci o l esecuzione di esercizi) o il monitoraggio remoto degli scli di vita.

18 Un nuovo profilo professionale: il tutor del ci6adino (Case Manager) Il Case Manager (negli USA anche Care Navigator o Nurse Navigator ), è un profilo professionale innovacvo per accompagnare il ciaadino nella gescone ordinaria del piano di cura stabilito nei programmi domiciliari di lunga durata. E quindi una figura rilevante per la correaa erogazione della maggior parte dei servizi socio- sanitari. II case manager assume la funzione di responsabile del percorso assistenziale, con il compito di seguire il paziente, coordinare le risorse e migliorare l'efficacia e l'efficienza dell'assistenza. Questo ruolo viene affidato di norma, nel corso della definizione del PAI, ad un infermiere. La figura del case manager è quella del professionista sanitario formato per svolgere il ruolo di coaching per dare al paziente: informazione, mo<vazione, supporto, strumen<, abilità di pianificazione. Il case manager accompagna il paziente in tu0o il percorso assistenziale e ne garan<sce la con<nuità. La ges<one ordinaria del caso prevede numerose componen<, come l afvazione degli interven< e di specifici programmi di cura, l organizzazione delle afvità, l aggiornamento di un agenda socio- sanitaria, la generazione dinamica dei piani di lavoro, l analisi nel tempo dei parametri rileva< a domicilio, la ges<one delle dimissioni prote0e con l eventuale sospensione del servizio o chiusura del contra0o/intervento.

19 Un ruolo professionale esplicito: il medico di riferimento (Care Manager) Le Linee Guida descrivono il ruolo del care manager come segue: Al MMG/PLS viene riconosciuto il ruolo di care manager, ossia responsabile dci processo di cura e quindi di referente formale della presa in carico che coordina gli intervenc sanitari all'interno del PAI. II care manager: sorveglia la correaa esecuzione del Percorso Assistenziale Integrato; contribuisce a supportare il caregiver familiare di riferimento per l'aauazione del piano d'intervento nel rispeao delle abitudini di vita del malato/famiglia; richiede eventuali consulenze specialiscche; suggerisce la rivalutazione anccipata per eventuale nuovo PAI. nel caso della Casa della Salute, per i pazienc più complessi inseric nei programmi di GesCone Integrata esiste la possibilità che nei faf il ruolo di Care Manager possa essere ricoperto dallo specialista territoriale;

20 Aspe_ connessi al coinvolgimento del cizadino: il Caregiver La responsabilizzazione del ciaadino riguardo alla propria salute: una volta definito il piano di assistenza di un paziente, si traza poi di mezerlo in praoca, ozenendo la sua massima collaborazione, tenendo presente anche il ruolo dei caregiver, che le Linee Guida definiscono nel seguente modo: II caregiver è il referente familiare che partecipa afvamente alle cure. Sogge0o ed ogge0o di cura, il caregiver deve essere adeguatamente formato e supportato a svolgere il suo ruolo definito nel PAI.

21 Empowerment, engagement, adherence Il termine Empowerment, entrato in uso e di difficile traduzione in italiano, viene ado0ato per indicare la tendenza a dare più potere (le0eralmente significa a0ribuzione di potere ) e più coinvolgimento nelle decisioni ai pazien<, al di là del semplice consenso informato Il engagement riguarda gli interven< per promuovere un comportamento posi<vo nel paziente (e nei suoi caregiver), incrementandone sia la conoscenza della malafa, che l abilità e la volontà a ges<rla, cioè me0endolo in grado di occuparsi consapevolmente della propria salute; Adherence riguarda l effe0o complessivo dell engagement: il paziente è stato efficacemente responsabilizzato nella ges<one della propria salute e rimane aderente nel tempo al piano di assistenza concordato, anche grazie ad eventuali afvità specifiche di sollecito e di verifica puntuale del comportamento effefvo del paziente da parte del sistema socio- sanitario

22 Complessità del diabete La complessità della malaka diabecca dipende dal coinvolgimento patologico di più organi, dalla streaa interazione fra le diverse complicanze ed anche dall interferenza fra le mulople terapie farmacologiche in aao. La complessità dipende anche dalla dinamica progressione nel tempo dei processi patologici e dalla loro variabilità in risposta alle terapie.

23 Un esempio di complessità è la complicanza piede diabecco : un interazione tra vasculopaca, neuropaca, infezioni. E la cura è mulodisciplinare: farmacologica, chirurgica, dermatologica, educazionale, ortopedica, fisiatrica.

24 Dalla complessità della malaka deriva la necessità di un intervento terapeucco mulcdisciplinare in cui ogni operatore apporta le sue specifiche competenze in un concnuo scambio di informazioni e di esperienze. Il lavoro in TEAM è per noi l unica possibilità di oaenere successo in un compito difficile e spesso frustrante come quello dei nostri pazienc diabecci!

25 CriCcità della cura della malaka cronica diabete mellito ü tra i cosc direk per il diabete, le ospedalizzazioni rappresentano la voce di spesa maggiore (osservatorio ARNO diabete) ü la crescita progressiva della popolazione anziana con pluripatologie croniche renderà sempre più difficile garancre l equità di accesso a cure di qualità adeguata ü la popolazione anziana/fragile, oltre ad avere il rischio più alto, presenta le maggiori difficoltà ad accedere alla cura di patologie croniche ü la scarsa compliance del paziente ha un ruolo importante nel mancato raggiungimento degli obiekvi di cura ü i chronic care models prevedono una forte centralità del paziente e una elevata capacità di autogesoone della patologia, grazie a un adeguato percorso assistenziale (compresa la telemedicina) che consenta di mantenere la concnuità del rapporto con il sistema sanitario ma riducendo nel contempo la necessità di visite ambulatoriali con lo specialista

26

27 DIabete ANnali Anziano (dac 2012) N DM2 N (%) DM2 N DM2 N (%) DM2 totale 75 anni totale 75 anni Piemonte e Val D'Aosta (27.1) Marche (30.0) Lombardia (22.0) Lazio (25.6) TrenCno Alto Adige (26.0) Abruzzo e Molise (25.2) Veneto (25.0) Campania (17.6) Friuli Venezia Giulia (25.0) Puglia (20.6) Liguria (27.1) Basilicata (18.8) Emilia Romagna (27.7) Calabria (17.3) Toscana (25.5) Sicilia (18.0) Umbria (26.5) Sardegna (28.2)

28 RUOLO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE PUNTI DI FORZA Competente risposta anche di fronte ad aumentate prestazioni complesse, fino alle cure palliacve e terminali Incremento dell akvità di educazione sanitaria affidata all infermiere che porta alla precoce autonomia del ciaadino o del suo caregiver Osservazione del paziente nel proprio ambiente Riduzione dei problemi di trasporto Ruolo di case manager verso diverse esigenze, personale di supporto, altri operatori e inizio di collaborazioni forc con i MMG

29 ASSISTENZA DOMICILIARE: PUNTI CRITICI Sanità italiana incentrata sull Ospedale: budget modesti in rapporto al reale fabbisogno di assistenza domiciliare Carenza di personale dedicato Formazione degli attori (medici e infermieri) disomogenea con punte di eccellenza e carenze imbarazzanti Eccessiva e ridondante dipendenza dell infermiere dalla burocrazia e dalle autorizzazioni mediche che rallentano l efficienza degli interventi

30 CONFRONTO GRAN BRETAGNA / ITALIA GRAN BRETAGNA Nursing and Midwifery Council 78 milioni ab medici infermieri ( territorio) più livelli formazione e competenza prescrivibilità farmaci e medicazioni community nurse ITALIA Federazione Nazionale IPASVI 80 milioni ab medici infermieri ( territorio) competenze identiche limiti nelle prescrizioni e nelle manovre chirurgiche master geriatria / med.comunità?

31 RICHIESTA MEDICAZIONI AVANZATE ADI ITALIA GRAN BRETAGNA Community nurse identifica necessità Prescrive medicazioni e le inoltra alla pharmacy La Pharmacy consegna a domicilio Infermiere ADI idencfica necessità medicazione avanzata Chiama MMG e chiede intervento MMG richiede visita specialiscca Specialista ASL effeaua visita e/o compila modello autorizz. Medico autorizzatore inserisce piano terapeucco in rete Farmacia stampa piano e ordina medicazioni Utente va a ricrarsi il materiale

32 NECESSITA DI AUTONOMIA PER L INFERMIERE Escarectomia (non profonda) UClizzo Doppler portacle Posizionamento e/o rimozione punc di sutura (cute) Prescrivibilità medicazioni avanzate e tradizionali

33 INFERMIERE DI FAMIGLIA e CASE MANAGER L'infermiere di famiglia prende in carico il caso, valuta gli intervenc assistenziali da porre in essere, richiede eventuali consulenze specialiscche, coordina le akvità degli operatori sanitari e si occupa dell'educazione sanitaria del paziente e dei suoi famigliari. Per questo tale figura deve avere competenze specifiche anche in seaori non tradizionalmente infermieriscci (psicologia, sociologia ecc.) e la sua formazione richiede uno specifico percorso, oggeao di master di primo livello.

34 Definizione di Telemedicina 2010

35 Galetta M per il gruppo di studio AMD-SID Tecnologia e diabete. La telemedicina nella gestione del diabete mellito. Il giornale di AMD 13: ; 2010

36 il disease management mediante telemedicina è disegnato per avere impa_ non solo clinici Impa_ CLINICI ORGANIZZATIVI Miglioramento del controllo dei parametri clinici grazie al monitoraggio domiciliare (glicemia, peso, pressione) ed alla successiva gescone da parte dell infermiere e/o Specialista Aumento dell aderenza del paziente al traaamento ed alle misurazioni Miglioramento della qualità di vita del paziente grazie al supporto educazionale dell infermiere Migliore gesoone della terapia (maggiore possibilità di personalizzazione) Miglioramento del quadro clinico complessivo del paziente (es. controllo dei livelli di Hb1Ac) GesOone integrata della patologia/ paziente da parte dell infermiere/specialista Facilità di accesso (domicilio) ConOnuità nella gesoone del paziente con l integrazione di soluzioni domiciliari Potenziale risparmio sulle seguenc voci di spesa: - Farmaci - Materiale di consumo - Ospedalizzazioni (giorni di degenza) - Accessi al Pronto Soccorso - Riduzione delle visite ambulatoriali e domiciliari - Riduzione dei gg di lavoro persi (es. da un familiare)

37 Shulman RM, O Gorman CS, Palmert MR. The impact of telemedicine interventions involving routine transmission of blood glucose data with clinician feedback on metabolic control in youth with type 1 diabetes: a systematic review and meta-analysis. International.J of Pediatr Endocrinol pii: ; 2010

38 come funziona Equipment L Hub riceve le misurazioni effeauate dal paziente e trasmeae i dac al database Hub Il paziente esegue le misurazioni a casa. Le misurazioni vengono inviate all Hub automaocamente Database I dac del paziente sono conservac in un database proteao Sonware di Monitoraggio Il Sotware di Monitoraggio consente l accesso real- Cme alle misure effeauate, aaraverso il sito web Medico Il medico può consultare online i dao in ogni momento, ricevere promemoria ed avvisi Centrale di ascolto La Centrale di ascolto si a_va verso il medico e il paziente secondo un protocollo di servizio predefinito. Inoltre, essa monitora costantemente i dao delle misurazioni e contaza il paziente periodicamente per raccogliere informazioni e moovare il paziente all aderenza al protocollo Paziente Il paziente o il caregiver (ad es. la badante) può consultare le misurazioni direzamente dal suo computer

39 Impostazioni predefinite dei servizi di Avviso Livelli di azenzione ALTO MEDIO Parametro Impostazioni predefinite Referente principale Glicemia Pressione Glicemia Pressione - 2 misurazioni consecucve in 14 gg >250 mg/dl - Singola misurazione <50 mg/dl - 3 misurazioni non consecucve in 14 gg >250 mg/dl - 2 misurazioni non consecucve in 14 gg tra 50 e 70 mg/dl - Singola misurazione PA sist. >180 mmhg - Singola misurazione PA diast. >100 mmhg - Singola misurazione >250 mg/dl - Singola misurazione compresa tra 50 e 70 mg/dl - 3 misurazioni non consecucve in 14 gg comprese tra 150 e 250 mg/dl - 2 misurazioni consecucve di PA diast. >90 mmhg Specialista Specialista e/o MMG BASSO Glicemia Pressione - Meno di 2 misurazioni di glicemia in 7 gg - 1 misurazione PA sist. mancata in 7 gg - 1 misurazione PA diast. mancata in 7 gg Specialista e/o MMG Peso - Meno di 1 misura in 7 gg

40 A_vità con promemoria Livelli di azenzione MEDIO BASSO Parametro Impostazioni predefinite DesOnatario predefinito Esami - ECG una volta/anno - esame fondo oculare una volta/anno - screening neuropaca + piede 1 volta/anno - esami di laboratorio es. funz renale - (in preparazione della visita periodica semestrale) - emoglobina glicata ogni 6 mesi Visite - visita periodica (ogni 6 mesi dallo specialista, ogni 3 mesi dal MMG) HCM Pz caregiver Esami - asseao lipidico ogni 6 mesi HCM Pz caregiver

41

42 Nel paziente diabecco seguito con la telemedicina: Si riescono a monitorare con più costanza i valori di glicemia Si riducono le crisi ipoglicemiche sia per un allarme precoce sia per la migliore gescone della terapia Si okene un miglior controllo dei valori pressori Si okene una diagnosi sicura in occasione di episodi di malessere (lipocmia da ipotensione, ipoglicemia, aritmie parossiscche ) Si facilita il compito dei caregiver migliorandone le competenze

43 Nel paziente diabecco seguito con la telemedicina si possono trasmeaere alla cartella informaczzata o al medico specialista in rete informazioni sulle complicanze e sulle comorbilità in aao: la saturazione di ossigeno periferica, l indice pressorio caviglia braccio i dac spirometrici, l elearocardiogramma, le modificazioni delle condizioni cliniche anche documentate fotograficamente Tali dac, inviac dall infermiere o dal caregiver possono facilitare l intervento specialiscco precoce facilitando l adeguatezza e l appropriatezza delle prestazioni

44 telemedicina CIRCOLO VIRTUOSO

45

46

47 Tornando all esempio del piede diabecco La telemedicina in un contesto di assistenza domiciliare integrata aiuterà a segnalare in tempi brevi una nuova lesione o una sospeaa infezione (foto e descrizione clinica nella cartella informaczzata) o il peggioramento della perfusione periferica (variazioni dell ossimetria e/o della pressione di perfusione con Doppler pulsato), il possibile scompenso glicemico associato, facilitando un rapido controllo del peggioramento.

48 Purtroppo,nonostante la tecnologia disponibile, siamo ancora lontani dai desideri della famosa donna della lanterna (Florence NighCngale) considerata la fondatrice dell'assistenza infermieriscca moderna Secondo me la missione delle cure infermieriscche in definicva è quella di curare il malato a casa sua ( ) intravedo la sparizione di tuk gli ospedali e di tuk gli ospizi. ( ) ma a che cosa serve parlare ora dell anno 2000? Florence NighOngale, Pasqua 1889

Il medico di medicina generale, le cure domiciliari ed i bisogni non corrisposti. Ovidio Brignoli Mmg Brescia

Il medico di medicina generale, le cure domiciliari ed i bisogni non corrisposti. Ovidio Brignoli Mmg Brescia Il medico di medicina generale, le cure domiciliari ed i bisogni non corrisposti Ovidio Brignoli Mmg Brescia Se andiamo a vedere il dato anagrafico della popolazione assistita a domicilio nell ASL

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Nuove forme di presa in carico infermieristica per accogliere

Dettagli

Gli interventi delle professioni sanitarie

Gli interventi delle professioni sanitarie Gli interventi delle professioni sanitarie 19 febbraio 2015 Dott. BALDINI CLAUDIO Direttore UOC Direzione Professioni Sanitarie Territoriali ASL 11 EMPOLI 23/02/2015 1 Secondo me la missione delle cure

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

I percorsi assistenziali nel post-acuto: la riabilitazione

I percorsi assistenziali nel post-acuto: la riabilitazione Criteri di appropriatezza strutturale, tecnologica e clinica nella prevenzione, diagnosi e cura della patologia cerebrovascolare I percorsi assistenziali nel post-acuto: la riabilitazione Stefano Paolucci

Dettagli

Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa. Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012

Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa. Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012 Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012 Distretto di Scandiano 53 MMG (60% in Gruppo) Popolazione 80.000 Ab. 4 Nuclei di Cure

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

Diabete e confini. Valerio Miselli, Reggio Emilia

Diabete e confini. Valerio Miselli, Reggio Emilia Diabete e confini Valerio Miselli, Reggio Emilia I mutamenti demografici e sociali in corso, la necessità di presa in carico del cittadino durante l intero arco della vita, pongono il tema dell integrazione

Dettagli

Dott.ssa Iolanda Coletta

Dott.ssa Iolanda Coletta La Telemedicina: Esperienza nella ASL Roma B Dott.ssa Iolanda Coletta ASL RMB: UOC DIETOLOGIA, DIABETOLOGIA E MALATTIE METABOLICHE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA Responsabile Dott. Sergio Leotta Le Linee

Dettagli

Il ruolo della Medicina Generale nella gestione integrata del paziente diabetico. Gaetano Piccinocchi Società Italiana di Medicina Generale Napoli

Il ruolo della Medicina Generale nella gestione integrata del paziente diabetico. Gaetano Piccinocchi Società Italiana di Medicina Generale Napoli Il ruolo della Medicina Generale nella gestione integrata del paziente diabetico Gaetano Piccinocchi Società Italiana di Medicina Generale Napoli Caratteristiche della Medicina Generale Primo contatto

Dettagli

Il paradosso del Veneto

Il paradosso del Veneto Audizione in Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto Venezia, 12 Luglio 2013 Il paradosso del Veneto Enzo Bonora Presidente - Sezione Veneto Trentino Alto Adige Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE

COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE Al COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE Dott.ssa Marisa Prezza DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTERAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA Area servizi assistenza ospedaliera Background(1)

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale.

Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale. Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale Davide Croce A che punto siamo? 2015: -4 miliardi? La spending review nella

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

Modalità di Gestione nelle Cure Primarie

Modalità di Gestione nelle Cure Primarie Modalità di Gestione nelle Cure Primarie Medicina d attesa Medicina d opportunità Medicina d Iniziativa Campagne di sensibilizzazione e di prevenzione Dr. Maurizio Pozzi Modelli Generali delle Cure Primarie

Dettagli

L infermiere casemanager

L infermiere casemanager L infermiere casemanager Valentina Sangiorgi U.C.S.C. di Roma Policlinico Universitario A.Gemelli Firenze 29-11/1-12-2007 La riorganizzazione delle cure primarie e l integrazione del sistema L aumento

Dettagli

EDUCAZIONE SANITARIA...

EDUCAZIONE SANITARIA... EDUCAZIONE SANITARIA... Satta Hai Anna Siamo negli anni 20, l inizio dell era insulinica: prende forma l idea che il diabetico debba essere adeguatamente istruito e motivato (cioè educato). Questa nuova

Dettagli

Percorso della gestione integrata della persona con diabete. Esigenze ed impegno del Medico di Medicina Generale P. Brasesco

Percorso della gestione integrata della persona con diabete. Esigenze ed impegno del Medico di Medicina Generale P. Brasesco Percorso della gestione integrata della persona con diabete di tipo 2 in Liguria Esigenze ed impegno del Medico di Medicina Generale P. Brasesco GLI STRUMENTI PER GESTIRE IL PAZIENTE CRONICO: ORGANIZZAZIONE

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

Gruppo Appropriatezza/Terapia personalizzata

Gruppo Appropriatezza/Terapia personalizzata MODELLI DI CCM: IL PROGETTO AMD Roberta Assaloni Marco Gallo 18% Note: Il DM è un importante capitolo di spesa per tutti i sistemi sanitari. Secondo i dati diffusi dal Ministero, la gestione di una persona

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete)

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Il ruolo delle Associazioni Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Perchè parlare di coinvolgimento Il coinvolgimento dei pazienti/cittadini nella progettazione,

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

Importanza del diabete

Importanza del diabete PARTNERS Importanza del diabete Quasi 180 milioni persone affette in tutto il mondo Possibile raddoppio dei casi entro il 2025 1.700.000 diabetici in Italia (stima) Terza causa di insufficienza renale

Dettagli

Soluzione. Benefici. Esigenze. Il cliente. Per saperne di più

Soluzione. Benefici. Esigenze. Il cliente. Per saperne di più Medicina d iniziativa rivolta al paziente cronico: una piattaforma integrata per il telemonitoraggio domiciliare a supporto del Medico di Medicina Generale in Lombardia con i servizi di Telbios e la tecnologia

Dettagli

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 La Medicina di iniziativa L esperienza fiorentina Alessandro Del Re CHRONIC CARE MODEL SANITA D INIZIATIVA Dalla medicina di attesa Alla sanità

Dettagli

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR Le reti per il miglioramento della qualità e dell efficienza dell assistenza Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR il sistema sanitario non è un sistema non è un sistema

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA

IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA IL DIABETE IN ITALIA ASPETTI EPIDEMIOLOGICI E MODELLI ASSISTENZIALI IL PERCORSO ASSISTENZIALE INTEGRATO PER LE PERSONE AFFETTE DA DMT2 NELL AREA METROPOLITANA DI GENOVA DIABETE MELLITO CONTESTO ASSISTENZIALE

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani RUOLO E RESPONSABILITA DEGLI INFERMIERI NELL INSERIMENTO DEGLI OPERATORI DI SUPPORTO NELLE EQUIPE ASSISTENZIALI BRESCIA 7 E 8 OTTOBRE 2013 ESPERIENZA ASCSP MAGENTA SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Dettagli

uso significativo del FSE:

uso significativo del FSE: AGENAS POAT Salute Regione Calabria - Linea LV1 uso significativo del FSE: continuità dell assistenza per malati cronici Angelo Rossi Mori Unità Sanità Elettronica, Istituto Tecnologie Biomediche, CNR

Dettagli

Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità

Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità Educazione terapeutica e supporto all autocura nei bambini affetti da diabete di tipo I appartenenti a nuclei familiari a maggiore fragilità Gennaio 2012 Indice 1 Premessa 3 2 Percorso 5 2.1.1 Avvio 5

Dettagli

REGIONE MARCHE Giunta Regionale SERVIZIO SALUTE P.F. SANITA PUBBLICA

REGIONE MARCHE Giunta Regionale SERVIZIO SALUTE P.F. SANITA PUBBLICA Progetto relativo alla linea del PNP Prevenzione del Rischio Cardiovascolare Referente: Dr. Alberto Deales Obiettivi iniziali del progetto : Il progetto rappresentava uno studio pilota finalizzato a valutare

Dettagli

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi Psicologia psicoterapia Piano Socio Sanitario Regionale (PSSR) 2002-2004 Psicologia Psichiatria

Dettagli

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici

Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Proposta di protocollo di gestione dei pazienti diabetici Premesse Nella ipotetica piramide a tre livelli( fig 1) il primo livello preventivo ( familiarità IFG ecc ma comunque glicemia inferiore a 126)

Dettagli

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Capo I Articolo 2 L'assistenza infermieristica è servizio alla persona, alla famiglia e alla collettività. Si

Dettagli

Daniela Riccò Direttore Sanitario AUSL RE

Daniela Riccò Direttore Sanitario AUSL RE Daniela Riccò Direttore Sanitario AUSL RE ESPANDERE PROGRESSIVAMENTE LE LOGICHE DI INTEGRAZIONE SISTEMICA UTILIZZANDO I PERCORSI ASSISTENZIALI COME METODO PER PROMUOVERE PRASSI INTEGRATA E PER RENDERE

Dettagli

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Mattone Patient File 19 giugno 2007 Principi generali sul Fascicolo Sanitario

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE

CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE ORGANISMO DI RAPPRESENTANZA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SANITARIO ISTITUITO DALL ART. 5 della LEGGE PROVINCIALE

Dettagli

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP)

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP) Convegno di studio su Privacy e Telemedicina Tra diritto del paziente alla riservatezza ed utilità della condivisione del dato sanitario Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute

Dettagli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli 1 Congresso Card Umbria 2011 Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli Dipartimento del Territorio U.O. OSST dott.ssa Loredana Lazzara Il Territorio dell ASL 11 2 Società della Salute 180 MMG

Dettagli

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN?

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? Evidenze dal Eventuale Rapporto OASI sottotitolo 2013 Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Milano, 20.01.2014 I principali trend evolutivi

Dettagli

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA Un viaggio tra il sé professionale e il sistema delle cure domiciliari Il ruolo del MMG nel sistema delle cure domiciliari BIELLA - CITTA STUDI

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Roma, 31 maggio 2012 Le Richieste Sempre più pazienti sono affetti da malattie croniche con un aumento della sopravvivenza in ogni fascia di età I cittadini

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

Il modello di servizio @ccura

Il modello di servizio @ccura Il modello di servizio @ccura la cura con una @ in più Elisa Mattavelli Luca M. Munari @ccura Srl Chi è @ccura? @ccura è una disease management company costituita allo scopo di progettare, sviluppare e

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco CONSENSUS CONFERENCE Milano 21 settembre 2005 Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco Gruppo Organizzazione e Modelli Gruppo di lavoro - Andrea Mortara (ANMCO)

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente.

Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente. Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente. Azienda USL di Parma Dipartimento delle Cure Primarie del Distretto di Fidenza Unità Operativa di Cardiologia

Dettagli

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste Osservatorio Incidenza, CV Provincia esiti, e processo di Trieste di (2009-2015) cura dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Data base Eco/ECG/(CGF) Ricoveri ospedalieri (SDO) Cartella clinica elettronica

Dettagli

Argomenti. Sesto al Reghena (PN), 4 dicembre 2009 CONTESTO APPLICAZIONE DEL PROJECT MANAGEMENT AD UN PERCORSO INTEGRATO DI CURA CONCLUSIONI

Argomenti. Sesto al Reghena (PN), 4 dicembre 2009 CONTESTO APPLICAZIONE DEL PROJECT MANAGEMENT AD UN PERCORSO INTEGRATO DI CURA CONCLUSIONI DISEGNO ED ATTUAZIONE DI PERCORSI INTEGRATI DI CURA SULLA BASE DEI METODI DI PROJECT MANAGEMENT Salute, centralità del cittadino, percorsi integrati di cura Sesto al Reghena (PN), 4 dicembre 2009 Ettore

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica 4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica Modello organizzativo gestionale delle UCCP Tra tradizione e innovazione La Telemedicina nelle UCCP Da decreto e legge Balduzzi

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN?

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? Francesco Longo CARD, Roma, 23 maggio 2013 1 Agenda 1. Evidenze sui tassi di copertura dei bisogni 2. Trend finanziari di sistema 3. Tagli lineari o trasformazione

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Maria Cristina Cimicchi, Tiziana Risolo, Paola Saccò, Carlo Percudani Ambulatorio Diabetologico di Colorno, DCP AUSL di Parma

Maria Cristina Cimicchi, Tiziana Risolo, Paola Saccò, Carlo Percudani Ambulatorio Diabetologico di Colorno, DCP AUSL di Parma Educazione terapeutica strutturata nel diabete tipo 2. L'esperienza dell'ambulatorio infermieristico del Team diabetologico del Polo Sanitario di Colorno Maria Cristina Cimicchi, Tiziana Risolo, Paola

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Direzione Sanitaria, Dipartimento Attività Socio Sanitarie Integrate (A.S.S.I.) Dipartimento Servizi Sanitari di Base, Staff Educazione

Dettagli

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA Lorenza Zullo Napoli 25 maggio 2013 Qual è il soggetto d interesse del case management? Il beneficiario

Dettagli

Caregiver DayRegionale

Caregiver DayRegionale Caregiver DayRegionale Giornata del caregiver familiare - Carpi, 25 maggio 2013 - Mariella Martini Direttore Generale Azienda USL di Modena Previsioni popolazione anziana residente in provincia di Modena.

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

L educazione terapeutica, attraverso percorsi strutturati, permette al soggettocon diabete di acquisire e mantenere le capacitàe le competenzeche lo

L educazione terapeutica, attraverso percorsi strutturati, permette al soggettocon diabete di acquisire e mantenere le capacitàe le competenzeche lo L educazione terapeutica, attraverso percorsi strutturati, permette al soggettocon diabete di acquisire e mantenere le capacitàe le competenzeche lo aiutano a vivere in maniera ottimalecon la sua malattia:

Dettagli

Software di supporto alla presa in carico integrata

Software di supporto alla presa in carico integrata Software di supporto alla presa in carico integrata 1 Il CCM in Toscana Il CCM in Toscana Il CCM in Toscana L ambulatorio Pro-Attivo Il CCM in Toscana altre figure coinvolte nella presa in carico integrata

Dettagli

Background Strutturale Background Strutturale Background Strutturale Background Strutturale Background Strutturale Background Strutturale Background Normativo Compiti della Gruppo di Lavoro Regionale per

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali 2/5 La Conferenza Stato Regioni il 25 marzo scorso ha approvato la proposta per la realizzazione degli

Dettagli

La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra

La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra INTRODUZIONE Negli ultimi anni il sistema sanitario italiano ha subito profonde modificazioni:

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO BUONGIORNO CReG: UN PROGETTO INNOVATIVO PER MIGLIORARE LA GESTIONE TERRITORIALE DELLA CRONICITÀ L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO Mara Azzi, Direttore Generale ASL BERGAMO ASL BERGAMO POPOLAZIONE RESIDENTE SUDDIVISA

Dettagli

Scenari del Settore Sanitario

Scenari del Settore Sanitario Scenari del Settore Sanitario Francesco Longo Milano, giugno 2013 1 Agenda 1. Le risorse del SSN: bastano? 2. Trend finanziari di sistema 3. Razionalizzazione input o geografia dei servizi? 4. Innovazioni

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Programma Interventi Innovativi

Programma Interventi Innovativi Ambulatorio Infermieristico della Fragilità Saranno disponibili, all interno della UCCP, degli infermieri della Fragilità che opereranno sul territorio (sono gli infermieri già impegnati ad affiancare

Dettagli

Innovazione organizzativa nelle cure primarie:

Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Innovazione organizzativa nelle cure primarie: Il progetto di modernizzazione NOA dell Area Vasta Emilia Centro 2010-2012 obiettivi e risultati Maria Chiara Tassinari Convegno Nazionale AICM Riccione 25-26

Dettagli

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini IL diabetico anziano Gestione condivisa Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@seed-online.it

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 29-30 Giugno 2012 Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT La normativa La Normativa 38 ha riportato

Dettagli

Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012

Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012 Pagina 1 di 6 Sviluppo del Sistema Cure Intermedie al fine dell utilizzo corretto delle risorse ex DGR 1235/2012 Il presente documento è inteso a suggerire una allocazione ottimale dei pazienti che non

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

I Percorsi Assistenziali: Progetto Formativo dell AMD Associazione Medici Diabetologi

I Percorsi Assistenziali: Progetto Formativo dell AMD Associazione Medici Diabetologi I Percorsi Assistenziali: Progetto Formativo dell AMD Associazione Medici Diabetologi Roma ISS 18-19 19 Febbraio 2008 Nicoletta Musacchio In questo sistema complesso: tre gli elementi imprescindibili

Dettagli

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE IL SISTEMA SANITARIO: un sistema adattativo complesso Un sistema complesso adattativo è un insieme di agenti individuali che hanno libertà di agire in modi non sempre

Dettagli

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica Bologna, 17 febbraio 2012 Integrazione ospedale-territorio Sperimentazione di una rete di strutture a media

Dettagli

Scenario di Riferimento ICT AREZZO

Scenario di Riferimento ICT AREZZO Scenario di Riferimento Il SST sta spostando l'attenzione sul Territorio quale punto di contatto e cura del cittadino/assistito, con l'obiettivo di prevenire e possibilmente evitare l'ospedalizzazione

Dettagli

La continuità assistenziale

La continuità assistenziale L1 La continuità assistenziale Lucia Pavignano anno 2010 Diapositiva 1 L1 Lucia; 01/05/2010 Cosa si intende per Continuità Assistenziale? garantisce l'assistenza medica di base per situazioni che rivestono

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

IMPACT PROACTIVE 2014 "choosing wisely"

IMPACT PROACTIVE 2014 choosing wisely IMPACT PROACTIVE 2014 "choosing wisely" Istituzioni e Associazioni dei pazienti: doveri delle istituzioni e diritti del Cittadino, in linea con la Legge 38/2010 Rossana Monciino S.C. Farmaceutica Territoriale

Dettagli

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina La nostra storia inizia MARZO 2007 L infermiere CASE Manager in Medicina Interna (PROGETTO FLORENCE) CASE

Dettagli