PIANO DI ZONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI ZONA 2008-2010"

Transcript

1 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H PIANO DI ZONA Distretto: RM H3 Comune capofila: CIAMPINO Ciampino, OTTOBRE

2 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H 1. Descrizione del territorio (geografica, urbanistica, produttiva, ecc.) Il Distretto RM H3 coincide con i territori dei due Comuni limitrofi di MARINO e CIAMPINO. Tali territori si presentano alquanto disomogenei sia per loro peculiarità geomorfologiche sia per l estensione complessiva. Il Comune di Marino (superficie totale 24,600 Km 2 ) si articola in tre Circoscrizioni, ognuna delle quali rappresenta una realtà a sé stante, con configurazioni diverse dal punto di vista territoriale, storico ed antropologico. Queste differenze, determinate ed accentuate nel corso degli anni, costituiscono un ulteriore aggravio dei problemi che l amministrazione deve affrontare poiché ogni Circoscrizione presenta situazioni peculiari: Marino Centro si colloca territorialmente sulla parte più alta e rappresenta il nucleo originario della città; l abitato risulta stratificato e centrale e presenta un alta densità demografica rispetto alla superficie totale. Dagli anni 60 in poi ha subito profonde alterazioni e addensamenti abitativi, in parte ancora in atto, che non hanno portato, finora, ad una precisa definizione della sua vocazione. Il modello economico si è modificato in maniera radicale, poiché da una realtà prevalentemente agricola si sta evolvendo verso una più complessa. Le località di Frattocchie, Castelluccia e Fontana Sala rappresentano il nucleo storico delle Frazioni di Marino; territorialmente poste verso la direttrice via Nettunense e sulle pendici del territorio collinare hanno, ancora, una forte valenza agricola. In questi siti, i necessari mutamenti sociali non sembrano aver comportato squilibri evidenti nella realtà socio produttiva come si rileva dal minor numero di richieste di assistenza economica. Le località di Santa Maria delle Mole e Cava dei Selci, situate sulla direttrice Appia verso Roma, sempre sulle pendici del Vulcano Albano, hanno subito una significativa modificazione negli ultimi 40 anni e costituiscono una realtà più vicina a quella della metropoli romana. La realtà lavorativa ed economica agricola si è radicalmente modificata a causa del forte inurbamento e della realtà sociale portata dai nuovi nuclei attualmente residenti. 2

3 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Il Comune di Ciampino è posizionato a sud-est di Roma con una estensione totale di circa 12 Km 2 ha. Il territorio comunale confina, oltre che con Roma a nord, con Marino a sud e Grottaferrata a sud-est. Nel giugno del 1975 Ciampino è diventato comune autonomo staccandosi da Marino. Il suo territorio è a forma di cuneo, compreso fra Roma e Marino e posizionato sulle propaggini nord dei Colli Albani. Il territorio di Ciampino assume la posizione di crocevia tra l area di Roma e i Castelli Romani; è solcato e diviso in modo netto dalle infrastrutture ferroviarie delle linee di Cassino, Frascati, Albano Laziale e Velletri che raggiungono Roma. I passaggi a livello presenti rendono poco permeabile il territorio agli spostamenti interni. Il territorio comunale può essere, approssimativamente, suddiviso in zona centrale (dove sono situati il Municipio, la stazione, la piazza principale), Morena (Ciampino Vecchio), Folgarella (con la stazione dei Carabinieri, l ufficio postale centrale ed il Poliambulatorio di Via Calò), Mura dei Francesi (con lo stadio comunale, le case popolari e l area adibita a mercato ambulante settimanale), Sassone e Acqua Acetosa (zone a carattere agricolo con case sparse). Il traffico ferroviario ricopre, comunque, un ruolo importante per Ciampino in quanto tale rete favorisce il collegamento con la capitale sia per la cittadina sia per i pendolari dei Castelli Romani che dalla stazione di Ciampino possono raggiungere la Stazione Termini di Roma a livello di rete di Ferrovia Metropolitana (FM). Infine, occorre sottolineare che la realtà ciampinese ha due entità inscindibili: la città e l aeroporto. 2. Descrizione del territorio dal punto di vista demografico Nel presente paragrafo sono riportate una serie di informazioni demografiche che descrivono i mutamenti strutturali che hanno interessato, negli ultimi anni, la popolazione residente nei Comuni di Ciampino e di Marino. La prima tabella illustra l andamento della popolazione residente nei comuni di Marino e Ciampino. In entrambi, si è registrato un incremento della popolazione nel decennio Analogo incremento si è potuto registrare nel triennio

4 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Totale popolazione totale maschi totale femmine Marino Ciampino Marino Ciampino Marino Ciampino Anno Anno Anno Anno Anno Popolazione distretto Nelle tabelle e nei grafici seguenti sono illustrati i dati relativi alla popolazione distribuiti per sesso, fasce d età, comuni di residenza e Distretto, relativi all anno Comune 0-4 anni 5-18 anni anni anni > 75 anni TOTALE M F M F M F M F M F M F Ciampino Marino Totali Le famiglie residenti nei due comuni al 2007 sono: Ciampino Marino I dati relativi alle presenze ufficiali degli stranieri sono riportati nella tabella successiva. 4

5 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Comune Minori stranieri Stranieri Ciampino Marino Delineare il quadro territoriale dei bisogni (specificare i disagi più acuti e gli squilibri nelle varie zone del Distretto/Municipio e, successivamente, articolare i bisogni per macroaree. Per ogni tipologia di disagio indicare l utenza potenziale e l utenza effettiva) Un esperienza relativamente nuova nel territorio distrettuale è il fenomeno della povertà strettamente legato alla riduzione di personale delle aziende ed industrie locali e questa condizione si ripercuote, soprattutto, nella gestione dei nuclei familiari. Le famiglie, specialmente quelle di recente formazione, sono le più esposte a situazioni destabilizzanti, in quanto non possono più contare sul sostegno, economico e/o emotivo, delle loro famiglie di origine così come avveniva in passato. A ciò si aggiungono le situazioni di povertà dei nuclei stranieri, derivanti dai flussi migratori provenienti, in prevalenza, dai paesi dell Est Europeo. Per quanto concerne i servizi disponibili sul territorio distrettuale per le famiglie con bambini dai 0-3 anni, in particolare per quanto attiene agli Asili nido, nel Comune di Ciampino sono presenti due asili nido comunali con circa 120 posti disponibili, mentre a Marino è presente solo una struttura con capienza di circa 20 posti. In entrambe le realtà l offerta, comunque, non risponde alle richieste presentate e si deve necessariamente ricorrere alla definizione di graduatorie che danno luogo a liste di attesa. Il numero di nuclei monofamiliari, a causa di separazioni, lutti o madri nubili, sono in continua crescita e soffrono di una povertà di ritorno dovuta alla difficoltà di sopperire alle esigenze dei minori. Sono chiamati a sostenere queste situazioni tutti i servizi distrettuali, comunali, ASL e Terzo settore. Per sopperire ai bisogni emergenti, in attuazione della legge 328/2000, i due Comuni hanno attivato una rete di solidarietà, un percorso iniziato con il censimento delle associazioni che operano nel sociale. I soggetti del privato sociale da tempo collaborano con i Servizi Sociali territoriali ed il loro contributo è prezioso soprattutto per le segnalazioni e per le situazioni che necessitano di una rapidità di intervento non sempre realizzabile con i soli strumenti e risorse degli Enti pubblici. 5

6 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Negli ultimi anni si è registrato un ulteriore incremento degli sfratti dovuti all elevato costo degli appartamenti ed all aumento del costo della vita; di conseguenza risultano più numerose le richieste, presentate ai servizi pubblici, di un sostegno economico nella spesa per il fitto degli alloggi o quelle di alloggi popolari. Purtroppo, la situazione è difficilmente risolvibile poiché le case vuote hanno affitti troppo elevati. Gli anziani sono più soggetti a rischio di emarginazione sociale e di abbandono familiare; l età e le condizioni psico-fisiche li portano, spesso, a necessitare di sostegno finanziario e compagnia che difficilmente le famiglie d origine riescono a soddisfare. La popolazione anziana del territorio distrettuale presenta caratteristiche piuttosto omogenee ed i servizi attivi offerti dai due comuni sono sia l assistenza domiciliare che i centri anziani nonché gli inserimenti lavorativi del Proficuo Lavoro. Altro tipologia di disagio riguarda le persone con disabilità psichica e fisica che si trovano in costante difficoltà e necessitano di un assistenza specialistica e di interventi personalizzati; l emarginazione sociale si riverbera su tutto il nucleo familiare di appartenenza che spesso non sa a chi rivolgersi per l assistenza, in special modo, dell adulto. La rete dei servizi disponibili Comuni, ASL e terzo settore copre tutta l utenza fino alla maggiore età. Non completamente esaustiva è la risposta possibile per gli adulti, presi in carico principalmente dai servizi socio-sanitari della ASL e con essa convenzionati. A tal fine i Comuni di Ciampino e di Marino hanno attivato inserimenti lavorativi protetti, sia a favore di persone con disabilità psichiche sia per utenti SERT. 3.a. Area Minori e Famiglia Nell area minori e famiglia la situazione a livello distrettuale è abbastanza omogenea come rilevazione delle problematiche. Le aree di edilizia popolare continuano a rappresentare la realtà più a rischio, dove si concentrano il maggior numero di interventi in favore dei minori e delle famiglie. Le famiglie monoparentali, per separazioni, divorzi, madri nubili ecc., sono le più esposte alla povertà. Negli ultimi anni si è registrato un aumento delle cosiddette nuove povertà, dovute all incremento del costo della vita a cui non si è adeguata la spesa salariale e sociale. Inoltre, l aumento della disoccupazione e della spesa per gli affitti ha determinato un notevole aumento delle richieste di sostegno socio - economico da parte anche di quei nuclei familiari che prima non si rivolgevano ai Servizi Sociali. 6

7 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Gli interventi rivolti ai minori ed alla famiglia sono di accoglienza, presa in carico e sostegno, nonché di accompagnamento nelle varie situazioni problematiche che si possono rilevare. In tale ambito i due Comuni impegnano anche fondi dei rispettivi bilanci per realizzare i seguenti interventi: sostegno economico contributo alloggiativo buoni libri esoneri mensa e scuolabus contributi alle ragazze madri contributi ai nuclei con minori orfani servizio ludoteca assegno nucleo familiare assegno di maternità assistenza domiciliare In collaborazione con la ASL sono stati istituiti i seguenti servizi: GIL minori ( Gruppo Integrato di Lavoro ) sulle problematiche psico sociali dei minori anche su richiesta del Tribunale dei Minorenni GOI (Gruppo Operativo Integrato) sul maltrattamento ed abuso mnori, in collaborazione con le forze dell ordine e la Provincia di Roma GIL adozioni (Gruppo Integrato di Lavoro)di cui fanno parte tutti i distretti della ASL RM H e i relativi Comuni Consultorio per adolescenti aperto tutti i giovedì pomeriggio presso la ASL di Via Calò e presso la sede di Marino, in largo Paradiso Centro di ascolto C.I.C. giovani presso le scuole medie inferiori e superiori.. Un recente fenomeno emergente sul territorio distrettuale è il bullismo segnalato dalle scuole medie inferiori del territorio. Attualmente si sta studiando come poter meglio intervenire per arginare tale fenomeno anche con l ausilio degli operatori della ASL, le forze dell ordine ed i Dirigenti scolastici. 7

8 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H 3.b. Area Anziani Le problematiche relative all area anziani sono prevalentemente legate a problemi di reddito e/o di abitazione. Si segnalano molte richieste di aiuto per anziani in casa con riduzione dell autonomia e attività legate all associazionismo anziano. Nel Distretto le risposte offerte a questo target di popolazione sono omogenee in quanto sia il Comune di Ciampino che quello di Marino, già da vari anni, hanno avviato una forma di sostegno economico rivolto agli anziani autosufficienti, attraverso il progetto Anziani a Proficuo Lavoro che ha una forte valenza di socializzazione e di sostegno economico. I Comuni sono chiamati inoltre a sostenere economicamente i ricoveri in RSA effettuati con un protocollo d intesa con i servizi ASL preposti. Tali interventi sono principalmente rivolti alle persone anziane che necessitano di cure costanti. In entrambi i Comuni, in collaborazione con il CAD è attivo il servizio di Assistenza Domiciliare, che garantisce l accudimento dell anziano nel suo ambiente di vita. Le altre attività ricreativo-culturali presenti nel distretto sono costituite dai centri anziani, centri diurni autogestiti che favoriscono la socializzazione anche attraverso convenzioni con palestre per la Ginnastica Dolce ; inoltre, ha registrato interesse da parte dei cittadini la partecipazione alle attività dell Università della Terza Età. 3.c. Area Disabili L area disabili può essere suddivisa in tipologia di utenza e fasce di età poiché esistono già delle risposte standardizzate e consolidate. Per i minori da 0-3 anni i servizi sanitari collaborano con quelli sociali territoriali e una delle risposte possibili, già praticata dagli operatori, è l inserimento presso l asilo nido. Per i minori, in età scolare, da 3-16 anni sono i servizi sanitari e sociali preposti che interagiscono per favorire da un lato l inserimento presso la scuola materna per la socializzazione opportuna e per la definizione del Progetto Educativo, dall altro per il dovuto sostegno alle famiglie. Attualmente la problematica maggiore è rappresentata dalla definizione di competenza per il sostegno dei disabili nell inserimento scolastico. Nonostante le disposizioni del Ministero della Pubblica Istruzione sono ancora i Comuni che si fanno carico della risposta sostenendo, con fondi propri, la spesa. Gli aspetti più drammatici si evidenziano soprattutto al momento dell uscita dalla scuola - che risponde ai bisogni di socializzazione e d integrazione e risulta pertanto 8

9 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H fondamentale la collaborazione e la disponibilità delle associazioni di volontariato e del Terzo Settore. Le risposte possibili, in base alla tipologia di disabilità presentata, sono attualmente: formazione lavorativa specifica, inserimento lavorativo protetto, inserimento in centri diurni sociali, inserimento in centri diurno sanitari, inserimenti in centri diurni sociali e sanitari (24 ore). Per quanto riguarda il percorso di inserimento lavorativo esistono sul territorio alcune possibilità di formazione specifica ed individuale che consentono specifica formazione ed eventuali inserimenti mirati. Le richieste delle famiglie con disabili che chiedono uno sostegno nell accudimento e nella presenza diurna, specialmente nei casi in cui le risposte di inserimento lavorativo non possono essere portate avanti, sono di difficile soluzione. Con i progetti avviati con il finanziamento del Piano di Zona: Assistenza in forma autogestita L. 162/98, Assistenza domiciliare indiretta L. 20 sulla non autosufficienza ed inserimenti lavorativi protetti si è potuto dare risposte positive alle richiesta di aiuto sempre più diversificate da parte delle famiglie. 3.d. Area disagio ed esclusione sociale Le fasce sociali a maggior rischio di emarginazione presenti nel territorio distrettuale sono rappresentate dai senza fissa dimora, sfrattati, soggetti con disagio psichico e/o fisico, persone in cassa integrazione o licenziate, donne sole, immigrati, ex-detenuti tossicodipendenti ed ex tossicodipendenti. Possono inserirsi in quest area anche la popolazione nomade, dovuta alla presenza del campo nomadi, nei pressi dell aeroporto, nel Municipio Roma X. Tutti i servizi del territorio agiscono in rete per contrastare le problematiche inerenti a questa fascia di popolazione. Ciò nonostante, si rileva la difficoltà a dare risposte di sollievo soprattutto a persone con doppia diagnosi. 3.e. Area Immigrati Per quanto riguarda questa fascia di utenza sul territorio distrettuale è presente uno sportello informa immigrati. Questo servizio è organizzato con front-office di informazione e accoglienza e con back-office di rilevazione ed elaborazione dei bisogni 9

10 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H riscontrati. Dalle informazioni fino ad oggi raccolte, gli immigrati residenti risultano ben inseriti nella realtà territoriale. Si vuole ulteriormente sottolineare che è presente sul territorio un Centro di Formazione per Adulti che offre, tra i suoi servizi, corsi di lingua italiana per stranieri e che tale servizio consente loro una più rapida integrazione. Ogni anno entrambi i comuni si attivano con corsi per le Assistenti Familiari rivolti a stranieri extra-comunitari. Sia Comune di Ciampino che quello di Marino hanno istituito l Albo delle Assistenti familiari al fine di dare risposte concrete ai cittadini bisognosi di assistenza continua. Inoltre, nell ambito dei finanziamenti del Piano Provinciale sull immigrazione, il Distretto RM H3 ha elaborato un progetto sulla multiculturalità: Torre di Babele. La finalità del presente progetto è quella di favorire il processo d'inserimento dei minori frequentanti le scuole elementari e medie sul nostro territorio, consentendo la costruzione di un tessuto sociale, scolastico, formativo che permetta l avvio di un processo d integrazione reale con possibilità di sviluppo per l intero territorio distrettuale. Gli interventi da realizzare privilegeranno il lavoro nelle scuole attraverso gli insegnanti e con l aiuto degli operatori del Terzo settore, utilizzando attività socializzanti a progetto che favoriscano lo scambio di saperi interculturali con momenti di animazione rivolti a tutto il territorio. Si darà rilievo anche alle esigenze delle famiglie, con interventi di sostegno alla genitorialità e con azioni che favoriscano la creazione di una rete informale tra le famiglie che svolga funzioni di tipo associativo e solidaristico. 3.f. Area Tossicodipendenze Piano per la tossicodipendenza La collaborazione tra Enti Locali e servizio ASL competente ha radici decennali. Si è strutturato nel tempo un protocollo di collaborazione che vede gli operatori dei Comuni in stretta sinergia con gli operatori del SerT specialmente per quanto riguarda il percorso di riabilitazione sociale. Si lavora insieme per la strutturazione di progetti personalizzati che puntano, ove possibile all autonomia della persona. Da questa collaborazione sono emersi i seguenti bisogni: Riduzione del danno; Prevenzione; Reinserimento lavorativo. L aumento del disagio socio economico e ambientale, verificatosi negli ultimi anni, ha provocato un incremento della richiesta di interventi di prevenzione e riduzione del danno. 10

11 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H A tale proposito, in questo Distretto è stato avviato dal 1999 al 2006 un progetto di reinserimento sociale e lavorativo che prevedeva un percorso formativo. Utilizzava i fondi di cui all art. 127 del D.P.R. 9/10/1990 n: 309, come modificato dalla legge 18/02/1999 n: 45. Per i risultati positivi raggiunti le modalità operative sono state utilizzate per la presentazione di un nuovo progetto, con lo stesso fondo, rivolto ai tossicodipendenti o agli ex- tossicodipendenti. Sul territorio, inoltre, sono stati attivati i seguenti progetti/servizi: Facciamo Centro centro giovanile rivolto agli adolescenti con accompagnamento e sostegno educativo nelle attività di laboratorio; Area d intervento è la prevenzione progetto intedistrettuale RM H1 H2 e H3 - Soggetto Capofila Azienda Sanitaria Locale RM H Soggetti di partenariato Associazione SAMAN - Delibera 632/05 Regione Lazio attuazione L. 45/99 Le Unità di Strada upol 1 si tratta di gruppi di operatori che agiscono sul territorio del Distretto al fine di prevenire, con l informazione capillare, l uso e l abuso di sostanze stupefacenti e di alcool Area prevenzione e riduzione del danno. Peer corsi 2006 potenziamento dell educazione tra pari tramite azioni di animazione e giochi nelle scuole; somministrazione questionari; individuazione dei Peer educators; costtituzione del gruppo-lavoro Area d intervento prevenzione - Territorio d intervento ASL RMH - Soggetto Capofila Azienda Sanitaria Locale RM H Soggetti di partenariato: Cooperativa sociale ObiettivoUomo ; Cooperativa sociale Magliana 80 cooperativa sociale Albatros ; Cooperativa sociale Ibis ed il C.E.I.S. La Buona Terra - progetto reinserimento lavorativo per persone a rischio o in situazione di dipendenza Area d intervento reinserimento sociale Territorio d intervento ASL RMH Soggetto Capofila Agricoltura Capodarco Società Cooperativa sociale - Soggetti di partenariato: ASL RM H ; Comuni capofila dei Distretti ASL RMH; Cooperative del territorio e Università della Tuscia Opportunità Lavorative per L inclusione Sociale proposte progettuali individuali di opportunità lavorative e formative on job per persone a rischio di dipendenza e/o drop out sociale Area d intervento reinserimento sociale - Territorio d intervento Distretto RM H3 Comune Capofila Ciampino Questi progetti hanno avuto una ricaduta positiva sul territorio distrettuale, tanto da essere inseriti nel Piano di Zona 2008/10. 11

12 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H CONCLUSIONI Nel Distretto (Ciampino 1980 Marino 1999) è presente il servizio di Segretariato Sociale Professionale che offre informazioni, accoglienza, lettura del bisogno, assistenza, sostegno, accompagnamento e presa in carico delle situazioni. Tale servizio comunale è integrato dai servizi a valenza sociale della ASL presenti sul territorio e con i quali esiste un rapporto stabile di collaborazione. Si è istituito Segretariato sociale/struttura di Piano per attuare la riforma prevista dalla Legge 328/00. Tale ufficio, dotato di personale, ha una sede propria, e consente agli operatori ed agli organismi di cui all Accordo di Programma di operare congiuntamente. Gli operatori degli Enti del Distretto sono stati impegnati, attraverso la consulenza della Provincia di Roma, in un percorso di formazione al fine di condividere una metodologia di lavoro sociale. Sul territorio distrettuale è presente, inoltre, il servizio di Assistenza Domiciliare, che è un servizio a forte integrazione socio sanitaria con il CAD (Centro Assistenza Domiciliare della ASL) almeno per i casi che presentano problematiche di tipo sanitario. All interno di questa offerta di aiuto alla persona direttamente nella sua abitazione sono attivi sul distretto anche il servizio di Assistenza domiciliare a malati terminali e affetti da patologie gravi, progressive ed invalidanti, Assistenza handicap grave (L. 162/98) e Assistenza indiretta. Per quanto concerne gli Inserimenti lavorativi, che rispondono sia ad esigenze economiche sia di reinserimento sociale, esiste una discreta integrazione che riguarda alcune tipologie di utenza tossicodipendenti in terapia presso il Ser.T., extossicodipendenti, ex-detenuti, disagiati mentali in carico al DSM.. In collaborazione con le realtà produttive del territorio distrettuale è stato istituito apposito Albo. Entrambi i Comuni hanno attivato borse lavoro per adulti portatori di handicap e con disagio socioeconomico. Nell anno in corso è stato pubblicato un Avviso per la formazione di una graduatoria che prevede una riserva di posti a favore di persone che presentano situazioni disagiate segnalate dai Servizi Sociali. Nel distretto è presente anche un servizio rivolto ad adulti con disagio psichico che, con adeguato sostegno, sono in grado di coabitare in strutture protette con assistenza limitata alla gestione della casa. Queste Case-famiglia sono un servizio a forte integrazione sociosanitaria e rispondono sia al problema alloggiativo sia a quello di integrazione sociale. Inoltre, per fronteggiare il disagio dell handicap adulto sono presenti sul territorio distrettuale diversi centri diurni, convenzionati con il Distretto. 12

13 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H In riferimento alle indicazioni delle Linee Guida per il Piano di Zona , relative al Dopo di Noi, (allegato A) sul territorio L Associazione Assohandicap Onlus, sta realizzando una struttura a ciclo residenziale per persone con handicap grave che il Distretto inserirà nell aggiornamento del Piano di Zona 2009/10. Per quanto concerne i progetti dell Area Responsabilità familiari e diritti dei minori, gli interventi presentano un integrazione tra servizi dei due Comuni, la ASL, la Provincia, le Istituzioni scolastiche territoriali, il Ministero della Pubblica Istruzione e quello della Giustizia nonchè il terzo settore. I progetti già attivi sul territorio distrettuale sono: CASA DEI BIMBI rivolto ai minori dai 18 ai 40 mesi, è un servizio socioeducativo per la prima infanzia ed innovativo per il nostro territorio che si configura come luogo di socializzazione e di crescita dell autonomia per i bambini e rispetto alla famiglia come occasione di sostegno alla genitorialità. CORTILI IN MOVIMENTO consiste in un progetto di prevenzione rivolto all'infanzia e all adolescenza, diretto a minori residenti nel distretto che abbiano compiuto i 4 anni e non abbiano superato i 14 anni, articolato sul territorio presso i cortili delle case popolari di Via P. Nenni - Marino e Via Lisbona, 15 Ciampino. I DIRITTI DEI BAMBINI I DOVERI DEGLI ADULTI, iniziato con i fondi della 285/97, dal 2008 sarà finanziato con il fondo nazionale delle politiche sociali, vista l esiguità delle risorse presenti nel fondo 285/97 Il Progetto è rivolto ai minori residenti nel distretto in età compresa tra i 6 e i 18 anni, segnalati dai servizi sociali territoriali, su progetto individuale elaborato in accordo con i servizi invianti e comprensivo di attività all'interno e all esterno del nucleo familiare come: Assistenza domiciliare tesa a favorire lo sviluppo dell autonomia personale del minore ed il rapporto con il proprio nucleo familiare; partecipazione ad attività socio culturali, sportive, ricreative, del tempo libero e di aggregazione giovanile; attività atte a favorire un corretto inserimento del minore nelle strutture scolastiche educative e di formazione professionale, recupero scolastico; partecipazione del minore a centri estivi anche fuori Comune; attività di sostegno al nucleo familiare in compiti genitoriali. 13

14 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Specificare per ciascuna delle Macroaree/Liveas il livello di offerta SEGRETARIATO SOCIALE Nel Distretto/Municipio è presente il Servizio? Indicare in quali Comuni è presente il servizio e per ciascun Comune indicare il bacino di utenza (se il bacino di utenza è distrettuale segnare subito dopo il nome del comune il codice D; se subdistrettuale S; se comunale C) 1. Ciampino Marino D D Prestazioni offerte: Informazione sulle opportunità offerte dalla rete dei servizi e dalla comunità Consulenza sui problemi familiari e sociali Accoglienza della domanda individuale, collettiva lettura del bisogno, accompagnamento nell attivazione nei successivi percorsi di assistenza Raccolta sistematica dei dati e delle informazioni Promozione di reti solidali, anche ai fini della prevenzione dei rischi del disagio sociale 1 Ad esempio: se il servizio è presente a Roma ed ha un bacino di utenza comunale scrivere: Roma (C). 14

15 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Aiuto alla soluzione di problemi che non necessitano di presa in carico da parte di servizi specifici Mediazione interculturale Destinatari: Famiglie Anziani Minori Persone con problematiche psico-sociali (specificare ) Disabili Immigrati Altro (specificare ) 15

16 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE Nel Distretto/Municipio è presente il Servizio? Indicare in quali Comuni è presente il servizio e per ciascun Comune indicare il bacino di utenza (se il bacino di utenza è distrettuale segnare subito dopo il nome del comune il codice D; se subdistrettuale S; se comunale C). Ciampino Marino C C SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE ED AI GRUPPI SOCIALI Destinatari Famiglie Anziani Minori Persone con problematiche psico-sociali (specificare tutte le categorie ) Disabili 16

17 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Immigrati Altro (specificare ) AFFIANCAMENTO E AFFIDO FAMILIARE Destinatari: Famiglie Minori INSERIMENTO LAVORATIVO Destinatari Disabili Persone con problematiche psico-sociali (specificare ) 17

18 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Giovani a rischio di devianza Immigrati - Sì - No Altro (specificare ) DEFINIZIONE DEL PROGETTO INDIVIDUALE DI ASSISTENZA Destinatari Disabili Anziani Persone con problematiche psico-sociali (specificare ) Minori Immigrati Altro (specificare ) 18

19 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H SERVIZIO DI PRONTO INTERVENTO SOCIALE PER LE SITUAZIONI DI EMERGENZA PERSONALE E FAMILIARE Nel Distretto/Municipio è presente il Servizio? - Sì - No Indicare in quali Comuni è presente il servizio e per ciascun Comune indicare il bacino di utenza (se il bacino di utenza è distrettuale segnare subito dopo il nome del comune il codice D; se subdistrettuale S; se comunale C). Destinatari Famiglie - Sì Anziani - Sì Minori - Sì Disabili adulti - Sì Persone con problematiche psico-sociali (specificare ) - Sì 19

20 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Immigrati - Sì Donne in difficoltà, gestanti o madri - Sì Altro (specificare ) SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Nel Distretto/Municipio è presente il Servizio? Indicare in quali Comuni è presente il servizio e per ciascun Comune indicare il bacino di utenza (se il bacino di utenza è distrettuale segnare subito dopo il nome del comune il codice D; se subdistrettuale S; se comunale C). Ciampino C D Marino C D SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Destinatari Famiglie Minori 20

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MISANO ADRIATICO (Capofila) COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI BELLARIA-IGEA

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LIMITAZIONI AL PROGETTO: Si escludono missioni, soggiorni e trasferimenti temporanei di sede dei volontari in Italia e all'estero

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari

Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Carta dei Servizi Sociali e Sociosanitari Comune della Spezia A cura del Centro di Responsabilità dei Servizi Sociosanitari del Comune della Spezia Assessorato alle Politiche Sociali, della Salute e della

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007)

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007) I SUPPORTO ALLA FAMIGLIA - PRIMA INFANZIA (AS- NI 502/92 maternoinfantile con strutture a ciclo diurno ALO NIO Servizi sociali e strutture sociali, a ciclo residenziale e semiresidenziale, a gestione pubblica

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA QUADERNI LEGISLATIVI Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia A cura Incarico speciale Controllo parlamentare e Testi unici Sebastiano Di Bella

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia

Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia Parte Prima La mappa del NO PROFIT in provincia di Foggia 1.1 Universo di partenza dell indagine In questa prima parte del lavoro sono state analizzate le associazioni censite e classificate nell intera

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA INDICE GENERALE SEZIONE I CARATTERISTICHE DEL SISTEMA LOCALE PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO ART. 1 PRINCIPI DI RIFERIMENTO ART. 2 FINALITA GENERALI

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli