PIANO DI ZONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI ZONA 2008-2010"

Transcript

1 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H PIANO DI ZONA Distretto: RM H3 Comune capofila: CIAMPINO Ciampino, OTTOBRE

2 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H 1. Descrizione del territorio (geografica, urbanistica, produttiva, ecc.) Il Distretto RM H3 coincide con i territori dei due Comuni limitrofi di MARINO e CIAMPINO. Tali territori si presentano alquanto disomogenei sia per loro peculiarità geomorfologiche sia per l estensione complessiva. Il Comune di Marino (superficie totale 24,600 Km 2 ) si articola in tre Circoscrizioni, ognuna delle quali rappresenta una realtà a sé stante, con configurazioni diverse dal punto di vista territoriale, storico ed antropologico. Queste differenze, determinate ed accentuate nel corso degli anni, costituiscono un ulteriore aggravio dei problemi che l amministrazione deve affrontare poiché ogni Circoscrizione presenta situazioni peculiari: Marino Centro si colloca territorialmente sulla parte più alta e rappresenta il nucleo originario della città; l abitato risulta stratificato e centrale e presenta un alta densità demografica rispetto alla superficie totale. Dagli anni 60 in poi ha subito profonde alterazioni e addensamenti abitativi, in parte ancora in atto, che non hanno portato, finora, ad una precisa definizione della sua vocazione. Il modello economico si è modificato in maniera radicale, poiché da una realtà prevalentemente agricola si sta evolvendo verso una più complessa. Le località di Frattocchie, Castelluccia e Fontana Sala rappresentano il nucleo storico delle Frazioni di Marino; territorialmente poste verso la direttrice via Nettunense e sulle pendici del territorio collinare hanno, ancora, una forte valenza agricola. In questi siti, i necessari mutamenti sociali non sembrano aver comportato squilibri evidenti nella realtà socio produttiva come si rileva dal minor numero di richieste di assistenza economica. Le località di Santa Maria delle Mole e Cava dei Selci, situate sulla direttrice Appia verso Roma, sempre sulle pendici del Vulcano Albano, hanno subito una significativa modificazione negli ultimi 40 anni e costituiscono una realtà più vicina a quella della metropoli romana. La realtà lavorativa ed economica agricola si è radicalmente modificata a causa del forte inurbamento e della realtà sociale portata dai nuovi nuclei attualmente residenti. 2

3 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Il Comune di Ciampino è posizionato a sud-est di Roma con una estensione totale di circa 12 Km 2 ha. Il territorio comunale confina, oltre che con Roma a nord, con Marino a sud e Grottaferrata a sud-est. Nel giugno del 1975 Ciampino è diventato comune autonomo staccandosi da Marino. Il suo territorio è a forma di cuneo, compreso fra Roma e Marino e posizionato sulle propaggini nord dei Colli Albani. Il territorio di Ciampino assume la posizione di crocevia tra l area di Roma e i Castelli Romani; è solcato e diviso in modo netto dalle infrastrutture ferroviarie delle linee di Cassino, Frascati, Albano Laziale e Velletri che raggiungono Roma. I passaggi a livello presenti rendono poco permeabile il territorio agli spostamenti interni. Il territorio comunale può essere, approssimativamente, suddiviso in zona centrale (dove sono situati il Municipio, la stazione, la piazza principale), Morena (Ciampino Vecchio), Folgarella (con la stazione dei Carabinieri, l ufficio postale centrale ed il Poliambulatorio di Via Calò), Mura dei Francesi (con lo stadio comunale, le case popolari e l area adibita a mercato ambulante settimanale), Sassone e Acqua Acetosa (zone a carattere agricolo con case sparse). Il traffico ferroviario ricopre, comunque, un ruolo importante per Ciampino in quanto tale rete favorisce il collegamento con la capitale sia per la cittadina sia per i pendolari dei Castelli Romani che dalla stazione di Ciampino possono raggiungere la Stazione Termini di Roma a livello di rete di Ferrovia Metropolitana (FM). Infine, occorre sottolineare che la realtà ciampinese ha due entità inscindibili: la città e l aeroporto. 2. Descrizione del territorio dal punto di vista demografico Nel presente paragrafo sono riportate una serie di informazioni demografiche che descrivono i mutamenti strutturali che hanno interessato, negli ultimi anni, la popolazione residente nei Comuni di Ciampino e di Marino. La prima tabella illustra l andamento della popolazione residente nei comuni di Marino e Ciampino. In entrambi, si è registrato un incremento della popolazione nel decennio Analogo incremento si è potuto registrare nel triennio

4 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Totale popolazione totale maschi totale femmine Marino Ciampino Marino Ciampino Marino Ciampino Anno Anno Anno Anno Anno Popolazione distretto Nelle tabelle e nei grafici seguenti sono illustrati i dati relativi alla popolazione distribuiti per sesso, fasce d età, comuni di residenza e Distretto, relativi all anno Comune 0-4 anni 5-18 anni anni anni > 75 anni TOTALE M F M F M F M F M F M F Ciampino Marino Totali Le famiglie residenti nei due comuni al 2007 sono: Ciampino Marino I dati relativi alle presenze ufficiali degli stranieri sono riportati nella tabella successiva. 4

5 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Comune Minori stranieri Stranieri Ciampino Marino Delineare il quadro territoriale dei bisogni (specificare i disagi più acuti e gli squilibri nelle varie zone del Distretto/Municipio e, successivamente, articolare i bisogni per macroaree. Per ogni tipologia di disagio indicare l utenza potenziale e l utenza effettiva) Un esperienza relativamente nuova nel territorio distrettuale è il fenomeno della povertà strettamente legato alla riduzione di personale delle aziende ed industrie locali e questa condizione si ripercuote, soprattutto, nella gestione dei nuclei familiari. Le famiglie, specialmente quelle di recente formazione, sono le più esposte a situazioni destabilizzanti, in quanto non possono più contare sul sostegno, economico e/o emotivo, delle loro famiglie di origine così come avveniva in passato. A ciò si aggiungono le situazioni di povertà dei nuclei stranieri, derivanti dai flussi migratori provenienti, in prevalenza, dai paesi dell Est Europeo. Per quanto concerne i servizi disponibili sul territorio distrettuale per le famiglie con bambini dai 0-3 anni, in particolare per quanto attiene agli Asili nido, nel Comune di Ciampino sono presenti due asili nido comunali con circa 120 posti disponibili, mentre a Marino è presente solo una struttura con capienza di circa 20 posti. In entrambe le realtà l offerta, comunque, non risponde alle richieste presentate e si deve necessariamente ricorrere alla definizione di graduatorie che danno luogo a liste di attesa. Il numero di nuclei monofamiliari, a causa di separazioni, lutti o madri nubili, sono in continua crescita e soffrono di una povertà di ritorno dovuta alla difficoltà di sopperire alle esigenze dei minori. Sono chiamati a sostenere queste situazioni tutti i servizi distrettuali, comunali, ASL e Terzo settore. Per sopperire ai bisogni emergenti, in attuazione della legge 328/2000, i due Comuni hanno attivato una rete di solidarietà, un percorso iniziato con il censimento delle associazioni che operano nel sociale. I soggetti del privato sociale da tempo collaborano con i Servizi Sociali territoriali ed il loro contributo è prezioso soprattutto per le segnalazioni e per le situazioni che necessitano di una rapidità di intervento non sempre realizzabile con i soli strumenti e risorse degli Enti pubblici. 5

6 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Negli ultimi anni si è registrato un ulteriore incremento degli sfratti dovuti all elevato costo degli appartamenti ed all aumento del costo della vita; di conseguenza risultano più numerose le richieste, presentate ai servizi pubblici, di un sostegno economico nella spesa per il fitto degli alloggi o quelle di alloggi popolari. Purtroppo, la situazione è difficilmente risolvibile poiché le case vuote hanno affitti troppo elevati. Gli anziani sono più soggetti a rischio di emarginazione sociale e di abbandono familiare; l età e le condizioni psico-fisiche li portano, spesso, a necessitare di sostegno finanziario e compagnia che difficilmente le famiglie d origine riescono a soddisfare. La popolazione anziana del territorio distrettuale presenta caratteristiche piuttosto omogenee ed i servizi attivi offerti dai due comuni sono sia l assistenza domiciliare che i centri anziani nonché gli inserimenti lavorativi del Proficuo Lavoro. Altro tipologia di disagio riguarda le persone con disabilità psichica e fisica che si trovano in costante difficoltà e necessitano di un assistenza specialistica e di interventi personalizzati; l emarginazione sociale si riverbera su tutto il nucleo familiare di appartenenza che spesso non sa a chi rivolgersi per l assistenza, in special modo, dell adulto. La rete dei servizi disponibili Comuni, ASL e terzo settore copre tutta l utenza fino alla maggiore età. Non completamente esaustiva è la risposta possibile per gli adulti, presi in carico principalmente dai servizi socio-sanitari della ASL e con essa convenzionati. A tal fine i Comuni di Ciampino e di Marino hanno attivato inserimenti lavorativi protetti, sia a favore di persone con disabilità psichiche sia per utenti SERT. 3.a. Area Minori e Famiglia Nell area minori e famiglia la situazione a livello distrettuale è abbastanza omogenea come rilevazione delle problematiche. Le aree di edilizia popolare continuano a rappresentare la realtà più a rischio, dove si concentrano il maggior numero di interventi in favore dei minori e delle famiglie. Le famiglie monoparentali, per separazioni, divorzi, madri nubili ecc., sono le più esposte alla povertà. Negli ultimi anni si è registrato un aumento delle cosiddette nuove povertà, dovute all incremento del costo della vita a cui non si è adeguata la spesa salariale e sociale. Inoltre, l aumento della disoccupazione e della spesa per gli affitti ha determinato un notevole aumento delle richieste di sostegno socio - economico da parte anche di quei nuclei familiari che prima non si rivolgevano ai Servizi Sociali. 6

7 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Gli interventi rivolti ai minori ed alla famiglia sono di accoglienza, presa in carico e sostegno, nonché di accompagnamento nelle varie situazioni problematiche che si possono rilevare. In tale ambito i due Comuni impegnano anche fondi dei rispettivi bilanci per realizzare i seguenti interventi: sostegno economico contributo alloggiativo buoni libri esoneri mensa e scuolabus contributi alle ragazze madri contributi ai nuclei con minori orfani servizio ludoteca assegno nucleo familiare assegno di maternità assistenza domiciliare In collaborazione con la ASL sono stati istituiti i seguenti servizi: GIL minori ( Gruppo Integrato di Lavoro ) sulle problematiche psico sociali dei minori anche su richiesta del Tribunale dei Minorenni GOI (Gruppo Operativo Integrato) sul maltrattamento ed abuso mnori, in collaborazione con le forze dell ordine e la Provincia di Roma GIL adozioni (Gruppo Integrato di Lavoro)di cui fanno parte tutti i distretti della ASL RM H e i relativi Comuni Consultorio per adolescenti aperto tutti i giovedì pomeriggio presso la ASL di Via Calò e presso la sede di Marino, in largo Paradiso Centro di ascolto C.I.C. giovani presso le scuole medie inferiori e superiori.. Un recente fenomeno emergente sul territorio distrettuale è il bullismo segnalato dalle scuole medie inferiori del territorio. Attualmente si sta studiando come poter meglio intervenire per arginare tale fenomeno anche con l ausilio degli operatori della ASL, le forze dell ordine ed i Dirigenti scolastici. 7

8 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H 3.b. Area Anziani Le problematiche relative all area anziani sono prevalentemente legate a problemi di reddito e/o di abitazione. Si segnalano molte richieste di aiuto per anziani in casa con riduzione dell autonomia e attività legate all associazionismo anziano. Nel Distretto le risposte offerte a questo target di popolazione sono omogenee in quanto sia il Comune di Ciampino che quello di Marino, già da vari anni, hanno avviato una forma di sostegno economico rivolto agli anziani autosufficienti, attraverso il progetto Anziani a Proficuo Lavoro che ha una forte valenza di socializzazione e di sostegno economico. I Comuni sono chiamati inoltre a sostenere economicamente i ricoveri in RSA effettuati con un protocollo d intesa con i servizi ASL preposti. Tali interventi sono principalmente rivolti alle persone anziane che necessitano di cure costanti. In entrambi i Comuni, in collaborazione con il CAD è attivo il servizio di Assistenza Domiciliare, che garantisce l accudimento dell anziano nel suo ambiente di vita. Le altre attività ricreativo-culturali presenti nel distretto sono costituite dai centri anziani, centri diurni autogestiti che favoriscono la socializzazione anche attraverso convenzioni con palestre per la Ginnastica Dolce ; inoltre, ha registrato interesse da parte dei cittadini la partecipazione alle attività dell Università della Terza Età. 3.c. Area Disabili L area disabili può essere suddivisa in tipologia di utenza e fasce di età poiché esistono già delle risposte standardizzate e consolidate. Per i minori da 0-3 anni i servizi sanitari collaborano con quelli sociali territoriali e una delle risposte possibili, già praticata dagli operatori, è l inserimento presso l asilo nido. Per i minori, in età scolare, da 3-16 anni sono i servizi sanitari e sociali preposti che interagiscono per favorire da un lato l inserimento presso la scuola materna per la socializzazione opportuna e per la definizione del Progetto Educativo, dall altro per il dovuto sostegno alle famiglie. Attualmente la problematica maggiore è rappresentata dalla definizione di competenza per il sostegno dei disabili nell inserimento scolastico. Nonostante le disposizioni del Ministero della Pubblica Istruzione sono ancora i Comuni che si fanno carico della risposta sostenendo, con fondi propri, la spesa. Gli aspetti più drammatici si evidenziano soprattutto al momento dell uscita dalla scuola - che risponde ai bisogni di socializzazione e d integrazione e risulta pertanto 8

9 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H fondamentale la collaborazione e la disponibilità delle associazioni di volontariato e del Terzo Settore. Le risposte possibili, in base alla tipologia di disabilità presentata, sono attualmente: formazione lavorativa specifica, inserimento lavorativo protetto, inserimento in centri diurni sociali, inserimento in centri diurno sanitari, inserimenti in centri diurni sociali e sanitari (24 ore). Per quanto riguarda il percorso di inserimento lavorativo esistono sul territorio alcune possibilità di formazione specifica ed individuale che consentono specifica formazione ed eventuali inserimenti mirati. Le richieste delle famiglie con disabili che chiedono uno sostegno nell accudimento e nella presenza diurna, specialmente nei casi in cui le risposte di inserimento lavorativo non possono essere portate avanti, sono di difficile soluzione. Con i progetti avviati con il finanziamento del Piano di Zona: Assistenza in forma autogestita L. 162/98, Assistenza domiciliare indiretta L. 20 sulla non autosufficienza ed inserimenti lavorativi protetti si è potuto dare risposte positive alle richiesta di aiuto sempre più diversificate da parte delle famiglie. 3.d. Area disagio ed esclusione sociale Le fasce sociali a maggior rischio di emarginazione presenti nel territorio distrettuale sono rappresentate dai senza fissa dimora, sfrattati, soggetti con disagio psichico e/o fisico, persone in cassa integrazione o licenziate, donne sole, immigrati, ex-detenuti tossicodipendenti ed ex tossicodipendenti. Possono inserirsi in quest area anche la popolazione nomade, dovuta alla presenza del campo nomadi, nei pressi dell aeroporto, nel Municipio Roma X. Tutti i servizi del territorio agiscono in rete per contrastare le problematiche inerenti a questa fascia di popolazione. Ciò nonostante, si rileva la difficoltà a dare risposte di sollievo soprattutto a persone con doppia diagnosi. 3.e. Area Immigrati Per quanto riguarda questa fascia di utenza sul territorio distrettuale è presente uno sportello informa immigrati. Questo servizio è organizzato con front-office di informazione e accoglienza e con back-office di rilevazione ed elaborazione dei bisogni 9

10 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H riscontrati. Dalle informazioni fino ad oggi raccolte, gli immigrati residenti risultano ben inseriti nella realtà territoriale. Si vuole ulteriormente sottolineare che è presente sul territorio un Centro di Formazione per Adulti che offre, tra i suoi servizi, corsi di lingua italiana per stranieri e che tale servizio consente loro una più rapida integrazione. Ogni anno entrambi i comuni si attivano con corsi per le Assistenti Familiari rivolti a stranieri extra-comunitari. Sia Comune di Ciampino che quello di Marino hanno istituito l Albo delle Assistenti familiari al fine di dare risposte concrete ai cittadini bisognosi di assistenza continua. Inoltre, nell ambito dei finanziamenti del Piano Provinciale sull immigrazione, il Distretto RM H3 ha elaborato un progetto sulla multiculturalità: Torre di Babele. La finalità del presente progetto è quella di favorire il processo d'inserimento dei minori frequentanti le scuole elementari e medie sul nostro territorio, consentendo la costruzione di un tessuto sociale, scolastico, formativo che permetta l avvio di un processo d integrazione reale con possibilità di sviluppo per l intero territorio distrettuale. Gli interventi da realizzare privilegeranno il lavoro nelle scuole attraverso gli insegnanti e con l aiuto degli operatori del Terzo settore, utilizzando attività socializzanti a progetto che favoriscano lo scambio di saperi interculturali con momenti di animazione rivolti a tutto il territorio. Si darà rilievo anche alle esigenze delle famiglie, con interventi di sostegno alla genitorialità e con azioni che favoriscano la creazione di una rete informale tra le famiglie che svolga funzioni di tipo associativo e solidaristico. 3.f. Area Tossicodipendenze Piano per la tossicodipendenza La collaborazione tra Enti Locali e servizio ASL competente ha radici decennali. Si è strutturato nel tempo un protocollo di collaborazione che vede gli operatori dei Comuni in stretta sinergia con gli operatori del SerT specialmente per quanto riguarda il percorso di riabilitazione sociale. Si lavora insieme per la strutturazione di progetti personalizzati che puntano, ove possibile all autonomia della persona. Da questa collaborazione sono emersi i seguenti bisogni: Riduzione del danno; Prevenzione; Reinserimento lavorativo. L aumento del disagio socio economico e ambientale, verificatosi negli ultimi anni, ha provocato un incremento della richiesta di interventi di prevenzione e riduzione del danno. 10

11 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H A tale proposito, in questo Distretto è stato avviato dal 1999 al 2006 un progetto di reinserimento sociale e lavorativo che prevedeva un percorso formativo. Utilizzava i fondi di cui all art. 127 del D.P.R. 9/10/1990 n: 309, come modificato dalla legge 18/02/1999 n: 45. Per i risultati positivi raggiunti le modalità operative sono state utilizzate per la presentazione di un nuovo progetto, con lo stesso fondo, rivolto ai tossicodipendenti o agli ex- tossicodipendenti. Sul territorio, inoltre, sono stati attivati i seguenti progetti/servizi: Facciamo Centro centro giovanile rivolto agli adolescenti con accompagnamento e sostegno educativo nelle attività di laboratorio; Area d intervento è la prevenzione progetto intedistrettuale RM H1 H2 e H3 - Soggetto Capofila Azienda Sanitaria Locale RM H Soggetti di partenariato Associazione SAMAN - Delibera 632/05 Regione Lazio attuazione L. 45/99 Le Unità di Strada upol 1 si tratta di gruppi di operatori che agiscono sul territorio del Distretto al fine di prevenire, con l informazione capillare, l uso e l abuso di sostanze stupefacenti e di alcool Area prevenzione e riduzione del danno. Peer corsi 2006 potenziamento dell educazione tra pari tramite azioni di animazione e giochi nelle scuole; somministrazione questionari; individuazione dei Peer educators; costtituzione del gruppo-lavoro Area d intervento prevenzione - Territorio d intervento ASL RMH - Soggetto Capofila Azienda Sanitaria Locale RM H Soggetti di partenariato: Cooperativa sociale ObiettivoUomo ; Cooperativa sociale Magliana 80 cooperativa sociale Albatros ; Cooperativa sociale Ibis ed il C.E.I.S. La Buona Terra - progetto reinserimento lavorativo per persone a rischio o in situazione di dipendenza Area d intervento reinserimento sociale Territorio d intervento ASL RMH Soggetto Capofila Agricoltura Capodarco Società Cooperativa sociale - Soggetti di partenariato: ASL RM H ; Comuni capofila dei Distretti ASL RMH; Cooperative del territorio e Università della Tuscia Opportunità Lavorative per L inclusione Sociale proposte progettuali individuali di opportunità lavorative e formative on job per persone a rischio di dipendenza e/o drop out sociale Area d intervento reinserimento sociale - Territorio d intervento Distretto RM H3 Comune Capofila Ciampino Questi progetti hanno avuto una ricaduta positiva sul territorio distrettuale, tanto da essere inseriti nel Piano di Zona 2008/10. 11

12 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H CONCLUSIONI Nel Distretto (Ciampino 1980 Marino 1999) è presente il servizio di Segretariato Sociale Professionale che offre informazioni, accoglienza, lettura del bisogno, assistenza, sostegno, accompagnamento e presa in carico delle situazioni. Tale servizio comunale è integrato dai servizi a valenza sociale della ASL presenti sul territorio e con i quali esiste un rapporto stabile di collaborazione. Si è istituito Segretariato sociale/struttura di Piano per attuare la riforma prevista dalla Legge 328/00. Tale ufficio, dotato di personale, ha una sede propria, e consente agli operatori ed agli organismi di cui all Accordo di Programma di operare congiuntamente. Gli operatori degli Enti del Distretto sono stati impegnati, attraverso la consulenza della Provincia di Roma, in un percorso di formazione al fine di condividere una metodologia di lavoro sociale. Sul territorio distrettuale è presente, inoltre, il servizio di Assistenza Domiciliare, che è un servizio a forte integrazione socio sanitaria con il CAD (Centro Assistenza Domiciliare della ASL) almeno per i casi che presentano problematiche di tipo sanitario. All interno di questa offerta di aiuto alla persona direttamente nella sua abitazione sono attivi sul distretto anche il servizio di Assistenza domiciliare a malati terminali e affetti da patologie gravi, progressive ed invalidanti, Assistenza handicap grave (L. 162/98) e Assistenza indiretta. Per quanto concerne gli Inserimenti lavorativi, che rispondono sia ad esigenze economiche sia di reinserimento sociale, esiste una discreta integrazione che riguarda alcune tipologie di utenza tossicodipendenti in terapia presso il Ser.T., extossicodipendenti, ex-detenuti, disagiati mentali in carico al DSM.. In collaborazione con le realtà produttive del territorio distrettuale è stato istituito apposito Albo. Entrambi i Comuni hanno attivato borse lavoro per adulti portatori di handicap e con disagio socioeconomico. Nell anno in corso è stato pubblicato un Avviso per la formazione di una graduatoria che prevede una riserva di posti a favore di persone che presentano situazioni disagiate segnalate dai Servizi Sociali. Nel distretto è presente anche un servizio rivolto ad adulti con disagio psichico che, con adeguato sostegno, sono in grado di coabitare in strutture protette con assistenza limitata alla gestione della casa. Queste Case-famiglia sono un servizio a forte integrazione sociosanitaria e rispondono sia al problema alloggiativo sia a quello di integrazione sociale. Inoltre, per fronteggiare il disagio dell handicap adulto sono presenti sul territorio distrettuale diversi centri diurni, convenzionati con il Distretto. 12

13 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H In riferimento alle indicazioni delle Linee Guida per il Piano di Zona , relative al Dopo di Noi, (allegato A) sul territorio L Associazione Assohandicap Onlus, sta realizzando una struttura a ciclo residenziale per persone con handicap grave che il Distretto inserirà nell aggiornamento del Piano di Zona 2009/10. Per quanto concerne i progetti dell Area Responsabilità familiari e diritti dei minori, gli interventi presentano un integrazione tra servizi dei due Comuni, la ASL, la Provincia, le Istituzioni scolastiche territoriali, il Ministero della Pubblica Istruzione e quello della Giustizia nonchè il terzo settore. I progetti già attivi sul territorio distrettuale sono: CASA DEI BIMBI rivolto ai minori dai 18 ai 40 mesi, è un servizio socioeducativo per la prima infanzia ed innovativo per il nostro territorio che si configura come luogo di socializzazione e di crescita dell autonomia per i bambini e rispetto alla famiglia come occasione di sostegno alla genitorialità. CORTILI IN MOVIMENTO consiste in un progetto di prevenzione rivolto all'infanzia e all adolescenza, diretto a minori residenti nel distretto che abbiano compiuto i 4 anni e non abbiano superato i 14 anni, articolato sul territorio presso i cortili delle case popolari di Via P. Nenni - Marino e Via Lisbona, 15 Ciampino. I DIRITTI DEI BAMBINI I DOVERI DEGLI ADULTI, iniziato con i fondi della 285/97, dal 2008 sarà finanziato con il fondo nazionale delle politiche sociali, vista l esiguità delle risorse presenti nel fondo 285/97 Il Progetto è rivolto ai minori residenti nel distretto in età compresa tra i 6 e i 18 anni, segnalati dai servizi sociali territoriali, su progetto individuale elaborato in accordo con i servizi invianti e comprensivo di attività all'interno e all esterno del nucleo familiare come: Assistenza domiciliare tesa a favorire lo sviluppo dell autonomia personale del minore ed il rapporto con il proprio nucleo familiare; partecipazione ad attività socio culturali, sportive, ricreative, del tempo libero e di aggregazione giovanile; attività atte a favorire un corretto inserimento del minore nelle strutture scolastiche educative e di formazione professionale, recupero scolastico; partecipazione del minore a centri estivi anche fuori Comune; attività di sostegno al nucleo familiare in compiti genitoriali. 13

14 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Specificare per ciascuna delle Macroaree/Liveas il livello di offerta SEGRETARIATO SOCIALE Nel Distretto/Municipio è presente il Servizio? Indicare in quali Comuni è presente il servizio e per ciascun Comune indicare il bacino di utenza (se il bacino di utenza è distrettuale segnare subito dopo il nome del comune il codice D; se subdistrettuale S; se comunale C) 1. Ciampino Marino D D Prestazioni offerte: Informazione sulle opportunità offerte dalla rete dei servizi e dalla comunità Consulenza sui problemi familiari e sociali Accoglienza della domanda individuale, collettiva lettura del bisogno, accompagnamento nell attivazione nei successivi percorsi di assistenza Raccolta sistematica dei dati e delle informazioni Promozione di reti solidali, anche ai fini della prevenzione dei rischi del disagio sociale 1 Ad esempio: se il servizio è presente a Roma ed ha un bacino di utenza comunale scrivere: Roma (C). 14

15 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Aiuto alla soluzione di problemi che non necessitano di presa in carico da parte di servizi specifici Mediazione interculturale Destinatari: Famiglie Anziani Minori Persone con problematiche psico-sociali (specificare ) Disabili Immigrati Altro (specificare ) 15

16 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE Nel Distretto/Municipio è presente il Servizio? Indicare in quali Comuni è presente il servizio e per ciascun Comune indicare il bacino di utenza (se il bacino di utenza è distrettuale segnare subito dopo il nome del comune il codice D; se subdistrettuale S; se comunale C). Ciampino Marino C C SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE ED AI GRUPPI SOCIALI Destinatari Famiglie Anziani Minori Persone con problematiche psico-sociali (specificare tutte le categorie ) Disabili 16

17 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Immigrati Altro (specificare ) AFFIANCAMENTO E AFFIDO FAMILIARE Destinatari: Famiglie Minori INSERIMENTO LAVORATIVO Destinatari Disabili Persone con problematiche psico-sociali (specificare ) 17

18 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Giovani a rischio di devianza Immigrati - Sì - No Altro (specificare ) DEFINIZIONE DEL PROGETTO INDIVIDUALE DI ASSISTENZA Destinatari Disabili Anziani Persone con problematiche psico-sociali (specificare ) Minori Immigrati Altro (specificare ) 18

19 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H SERVIZIO DI PRONTO INTERVENTO SOCIALE PER LE SITUAZIONI DI EMERGENZA PERSONALE E FAMILIARE Nel Distretto/Municipio è presente il Servizio? - Sì - No Indicare in quali Comuni è presente il servizio e per ciascun Comune indicare il bacino di utenza (se il bacino di utenza è distrettuale segnare subito dopo il nome del comune il codice D; se subdistrettuale S; se comunale C). Destinatari Famiglie - Sì Anziani - Sì Minori - Sì Disabili adulti - Sì Persone con problematiche psico-sociali (specificare ) - Sì 19

20 Sistema integrato di interventi e servizi sociali Regione Lazio Provincia di Roma Città di Ciampino Città di Marino ASL RM H Immigrati - Sì Donne in difficoltà, gestanti o madri - Sì Altro (specificare ) SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Nel Distretto/Municipio è presente il Servizio? Indicare in quali Comuni è presente il servizio e per ciascun Comune indicare il bacino di utenza (se il bacino di utenza è distrettuale segnare subito dopo il nome del comune il codice D; se subdistrettuale S; se comunale C). Ciampino C D Marino C D SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Destinatari Famiglie Minori 20

SOSTEGNO ALL ABITARE PER PERSONE CON DISAGIO PSICHICO

SOSTEGNO ALL ABITARE PER PERSONE CON DISAGIO PSICHICO SOSTEGNO ALL ABITARE PER PERSONE CON DISAGIO PSICHICO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale Disabilità Psichica

Dettagli

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si 1. Titolo del progetto La Bussola 2. Nuovo progetto - No 3. Progetto già avviato - Si 4. Se il progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale e/o l utenza

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE AFFETTE DA PATOLOGIE ONCOLOGICHE E

ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE AFFETTE DA PATOLOGIE ONCOLOGICHE E ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE AFFETTE DA PATOLOGIE ONCOLOGICHE E PATOLOGIE COMPLESSE, GRAVEMENTE INVALIDANTI E/O PROGRESSIVE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi

Dettagli

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili PASSO DOPO PASSO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale 5. Macrotipologia Progetti per il Reinserimento sociale

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA AI MINORI E ALLE LORO FAMIGLIE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Minori e Famiglia 5. Macrotipologia

Dettagli

CENTRI SEMIRESIDENZIALI PER DISABILI ADULTI

CENTRI SEMIRESIDENZIALI PER DISABILI ADULTI CENTRI SEMIRESIDENZIALI PER DISABILI ADULTI 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Disabilità 5. Macrotipologia LIVEAS Centri Residenziali

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

LIVEAS - Strutture residenziali e semiresidenziali per persone con fragilità sociali

LIVEAS - Strutture residenziali e semiresidenziali per persone con fragilità sociali CASA FAMIGLIA PER PERSONE ADULTE CON DISAGIO PSICHICO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale Disabilità Psichica

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

PROGETTO 5 CENTRO DIURNO PER DISABILI GRAVI LA GIRANDOLA

PROGETTO 5 CENTRO DIURNO PER DISABILI GRAVI LA GIRANDOLA ASL RMH Comune di Anzio Comune di Nettuno PIANO DI ZONA 2011 PROGETTO 5 CENTRO DIURNO PER DISABILI GRAVI LA GIRANDOLA PROSECUZIONE E MIGLIORAMENTI OTTOBRE 2011 1. Titolo del progetto Centro diurno per

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI 1 SEZ.A. DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE A1. Suddivisione della popolazione per sesso e classi di età e stranieri

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

ASL RMH Comune di Anzio Comune di Nettuno PIANO DI ZONA 2011 PROGETTO 4 - L. 162/98 ASSISTENZA DOMICILIARE INDIRETTA PER DISABILI GRAVI PROSECUZIONE

ASL RMH Comune di Anzio Comune di Nettuno PIANO DI ZONA 2011 PROGETTO 4 - L. 162/98 ASSISTENZA DOMICILIARE INDIRETTA PER DISABILI GRAVI PROSECUZIONE ASL RMH Comune di Anzio Comune di Nettuno PIANO DI ZONA 2011 PROGETTO 4 - L. 162/98 ASSISTENZA DOMICILIARE INDIRETTA PER DISABILI GRAVI PROSECUZIONE OTTOBRE 2011 1. Titolo del progetto Assistenza domiciliare

Dettagli

La Cooperativa Gnosis si sta impegnando in questi ultimi anni nella sperimentazione di un modello virtuoso di collaborazione con i Servizi di Salute

La Cooperativa Gnosis si sta impegnando in questi ultimi anni nella sperimentazione di un modello virtuoso di collaborazione con i Servizi di Salute La Cooperativa Gnosis si sta impegnando in questi ultimi anni nella sperimentazione di un modello virtuoso di collaborazione con i Servizi di Salute Mentale, gli Enti locali, le Associazioni dei Familiari

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 4.2 Sostegno agli oneri relativi ai minori inseriti in strutture di tipo familiare SOTTOMISURA 4.2 1. TITOLO DELL INTERVENTO SOSTEGNO

Dettagli

ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO

ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO 1. Continuità dell intervento X Nuovo ( Centro diurno) X In continuità con servizio già attivato ( Assistenza Domiciliare)

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

ANIMATORE di COMUNITÁ

ANIMATORE di COMUNITÁ M.I.U.R. ISTITUTO PROFESSIONALE di STATO per i SERVIZI SOCIO SANITARI Giuseppe Moscati Via Urbano II - Salerno - Tel. 089253151 Fax 089253794 Codice Fiscale: 80023220652 Codice Meccanografico: SARF04000N

Dettagli

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini. Simona Benedetti

Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini. Simona Benedetti Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini Simona Benedetti Persone Persone assistite assistite In aumento anziani, famiglie e minori seguiti Anno 2007 2008 2009 2010 Anziani 1475 1718

Dettagli

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014 Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014 Lezione del 30 novembre 2013 I Servizi Sociali nelle ASL Docente: Alessandra

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI. Comune di SEZZE. Comune di SONNINO. Distretto Monti Lepini

Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI. Comune di SEZZE. Comune di SONNINO. Distretto Monti Lepini Comune di PRIVERNO Capofila Comune di BASSIANO Comune di MAENZA Comune di PROSSEDI Comune di ROCCAGORGA Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI Comune di SEZZE Comune di SONNINO Distretto Monti Lepini REFERENTE

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime Rete sanitaria delle ASL Reti della sussidiarietà Rete delle RSA Le tre Reti a regime 1997 1999 2002 2004 2001 2004 2008 Soffermiamo l attenzione sul titolo: GOVERNO DELLA RETE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI

Dettagli

N. procedimenti per i quali non sono stati rispettati i tempi di conclusione

N. procedimenti per i quali non sono stati rispettati i tempi di conclusione CONTRIBUTI SUSSIDI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALSIASI NATURA A PERSONE, ENTI PUBBLICI E PRIVATI AREA Processi Tipologia di N. tot dei N. per i quali non sono stati rispettati gli standard procedimentali/

Dettagli

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO ALLEGATO B Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Bandi 2006/2007 ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO (Legge regionale n. 22/93) SCHEMA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI N progetto (spazio riservato

Dettagli

CONTRIBUTI SUSSIDI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALSIASI NATURA A PERSONE, ENTI PUBBLICI E PRIVATI

CONTRIBUTI SUSSIDI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALSIASI NATURA A PERSONE, ENTI PUBBLICI E PRIVATI Catalogo processi, tipologia dei procedimenti e valutazione del rischio area: CONTRIBUTI AREA DI RISCHIO Processi Tipologia di procedimenti Valutazione del Rischio Contributi economici per soggetti disagiati,

Dettagli

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio Premessa Progressivo aumento del numero degli anziani ripensamento dell assistenza Integrazione dell assistenza sanitaria e dei servizi alla persona

Dettagli

Pronto intervento sociale e Centri di pronta accoglienza residenziale

Pronto intervento sociale e Centri di pronta accoglienza residenziale SERVIZIO DI PRONTO INTERVENTO SOCIALE E PRONTA ACCOGLIENZA (PROGETTO SPERIMENTALE) 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica LIVEAS

Dettagli

DISTRETTO SOCIALE DELLA BASSA SABINA

DISTRETTO SOCIALE DELLA BASSA SABINA DISTRETTO SOCIALE DELLA BASSA SABINA AMBITO MIRTENSE RI Comuni costituenti: Cantalupo in Sabina, Casperia, Collevecchio, Configni, Cottanello, Forano, Magliano Sabina, Mompeo, Montasola, Montebuono, Montopoli

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE PENELOPE Coordinamento Solidarietà Sociale 2) Codice di accreditamento: NZ00321

Dettagli

Allegato A alla Convenzione Costitutiva

Allegato A alla Convenzione Costitutiva ALLEGATO A VALDARNO INFERIORE PARTE I - convenzione della Società della Salute Art. 5, comma 1, lettera d) e art.19, comma 1- ATTIVITA DELL AREA SOCIO ASSISTENZIALE da ricomprendere nella descrizione delle

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI 2. Continuità dell intervento Nuovo X In continuità con servizio già attivato 3. Tipologia di servizio X LEPS Altri Servizi _ (specificare) 4. Se

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Tab. 1 Servizi per macro aree di assistenza nella diocesi di Milano

Tab. 1 Servizi per macro aree di assistenza nella diocesi di Milano INTRODUZIONE Nel corso del 2010 si è svolto il Censimento nazionale dei servizi sanitari, socio-sanitari e socioassistenziali collegati con la Chiesa Cattolica, promosso congiuntamente dall Ufficio nazionale

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

SCHEDA PROGETTUALE N. 2

SCHEDA PROGETTUALE N. 2 Allegato n. 2 SCHEDA PROGETTUALE N. 2 MACRO-AREA DI INTERVENTO: (X) Relazioni familiari (X) Diritti dei minori () Persone anziane ( ) Contrasto della povertà ( ) Disabili ( ) Avvio della riforma () Altro

Dettagli

Regione Lazio. Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio. (Aggiornata al 30 giugno 2011)

Regione Lazio. Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio. (Aggiornata al 30 giugno 2011) Regione Lazio Tassonomia delle strutture e dei servizi sociali del Lazio (Aggiornata al 30 giugno 2011) Sommario Famiglia, Minori e giovani... 4 Servizi residenziali e semiresidenziali... 5 Servizi all'infanzia...

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) Servizio Civile Nazionale Provincia di Foggia SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PROVINCIA DI FOGGIA Piazza XX Settembre

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia; Oggetto: Piano di utilizzazione annuale 2011 degli stanziamenti per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Approvazione documento concernente Linee guida ai Comuni per l utilizzazione

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma

Comune di Morlupo Provincia di Roma Prot. n. 8942 Morlupo, 27/07/12 OGGETTO: Attività sportive e culturali a favore di minori in età evolutiva provenienti da famiglie multiproblematiche e/o a rischio di devianza e minori disabili. PREMESSA

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

INDICE. Classificazione Interventi e Servizi Regione Campania per la promozione della sicurezza sociale

INDICE. Classificazione Interventi e Servizi Regione Campania per la promozione della sicurezza sociale INDICE Classificazione Interventi e Servizi Regione Campania per la promozione della sicurezza sociale Cod. Clas. AREA WELFARE D'ACCESSO A1 A1 Segretariato Sociale A2 D1 Servizio Sociale Professionale

Dettagli

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia comunità Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia 01 Il Servizio prevede incontri di formazione rivolti ad insegnanti e genitori delle Scuole dell Infanzia di Caselle, Sommacampagna e Custoza.

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 6 2. TITOLO AZIONE SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Analisi del Contesto Nel piano

Dettagli

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI RESPONSABILITA FAMILIARI Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Annamaria Neri - Giovanna Canfora - Raffaella Scotto Di Ciccariello Franco Napolitano

Dettagli

MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale)

MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale) MODULO 4 SERVIZI SVOLTI (Territorio, Rifiuti, Asili Nido e Sociale) 1. GENERALITÁ Nel Modulo Servizi svolti Parte II, si chiede la quantificazione dei principali servizi svolti nell anno di rilevazione

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE SETTORE SOCIALE SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 FUNZIONI DEI SERVIZI SERVIZIO SOCIO-ASSISTENZIALE Il Settore è preposto ad assicurare alle persone e alle famiglie un sistema

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine.

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine. Relazione, ai sensi dell art. 20 dello Statuto Comunale, sulla situazione e sullo stato di bisogno dei cittadini più in difficoltà. Anno di riferimento: 2009 Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI Civitella San Paolo Filacciano Magliano Romano Nazzano Ponzano Romano Torrita Tiberina PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI PROGETTO INTEGRATIVO AL PIANO DI ZONA 2011 Distretto:

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

DGR. n. 11497 del 17.3.2010

DGR. n. 11497 del 17.3.2010 DGR. n. 11497 del 17.3.2010 DEFINIZIONE DEI REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO DELL'UNITA' DI OFFERTA SOCIALE "ALLOGGIO PROTETTO PER ANZIANI". (PROSECUZIONE DEL PROCEDIMENTO PER DECORRENZA TERMINI PER L ESPRESSIONE

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE Obiettivi del Produrre un miglioramento nella condizione di vita delle famiglie in situazione di difficoltà che abitano il

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Partner dei cittadini. socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010

Assessorato alle Politiche Sociali. Partner dei cittadini. socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010 Assessorato alle Politiche Sociali Comune di Cagliari Partner dei cittadini socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010 Breve guida per tutti i cittadini ai servizi sociali del Comune di Cagliari Comune

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Ufficio di Piano di Zona VT4 rif. L.328/00 SERVIZI ISTITUZIONALI DISTRETTO VT4

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Ufficio di Piano di Zona VT4 rif. L.328/00 SERVIZI ISTITUZIONALI DISTRETTO VT4 SERVIZI ISTITUZIONALI DISTRETTO VT4 REPORT SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DISTRETTUALE UFFICIO DI PIANO VT4 Il Distretto dei Comuni VT4 ha progettato e realizzato un Servizio Sociale

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo NOEMI MONTANI Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) E-mail noemi.montani@virgilio.it Nazionalità Italiana di nascita 10 novembre 1960 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

Sala Operativa Sociale

Sala Operativa Sociale Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute 800440022 Sala Operativa Sociale Dott.ssa Angelina Di Prinzio Roma, 09 Novembre 2010 EVOLUZIONE DELLA DOMANDA SOCIALE Dai dati quantitativi e

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA

LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 09-09-1998 REGIONE LIGURIA RIORDINO E PROGRAMMAZIONE DEI SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 1994 N. 42 IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

Dettagli

SEZIONE V Area disabili

SEZIONE V Area disabili SEZIONE V Area disabili 5.1 indicatori della domanda sociale Tab. 5.1 Servizi e interventi richiesti (anno 2008) DISTRETTO Santa croce C. Monterosso A. Chiaramonte G. Ragusa Aiuto Domestico disabili gravi

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ 11.4. Area Diversamente Abili 11.4.1. UN GIORNO DOPO L ALTRO DALLA CONVIVENZA ALLA RESIDENZIALITÁ PER UNA VITA INDIPENDENTE SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree

Dettagli

Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti

Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti P Guida alle strutture e ai servizi sociali della provincia di Rieti RESENTAZIONE Lavorare per incrementare i servizi sul territorio e rendere maggiormente fruibili quelli già esistenti. Con questo spirito

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 06-11-2002 REGIONE MARCHE DISCIPLINA IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE E DEI SERVIZI SOCIALI A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente Formulario Allegato 2 1. Dati sul soggetto richiedente - Denominazione Associazione Rimettere le ali Onlus - Data costituzione 14 Aprile 2011 - Codice Fiscale 97650020585 - P.IVA _12112461004 (se in possesso)

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli