N Titolo tesi Autore. 9 Fattori di rischio per convulsioni neonatali:ipotesi per uno studio caso-controllo Carli Elena

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N Titolo tesi Autore. 9 Fattori di rischio per convulsioni neonatali:ipotesi per uno studio caso-controllo Carli Elena"

Transcript

1 N Titolo tesi Autore 1 Indagine sull'appropriatezza delle ammissioni e della degenza dell' Azienda Ospedaliera Umberto I di Enna 2 Screening ecografico neonatale:analisi costo-benefci 3 Regolamento della libera professione intra-muraria nell'azienda sanitaria n 7 di Catanzaro 4 La razionalizzazione delle prestazioni nella gestione di un servizio di prevenzione 5 Costi e remunerazione delle attività dei servizi per la salute mentale:un'ipotesi di lavoro 6 Nodi problematici e fattori frenanti nell'attuaziodella riforma psichiatrica 7 Il sistema DRG meccanismi di controllo ed analisi epidemiologica 8 Rilevazione dello stato di attuazione del servizio di Guardia Medica Mancuso Rosa Termini Calogero Perri Giuseppe Magnoni Ulderico Bianco Ivana Gabriella Mollica Attilio Drago Giuseppe Barbiroglio Elisabetta 9 Fattori di rischio per convulsioni neonatali:ipotesi per uno studio caso-controllo Carli Elena 10 Controllo della copertura vaccinale nella U.S.L. 4 di Chiavarese per morbillo, rosolia, parotite per i nati nel 1994 Lambruschi ni Patrizia 11 Protocollo operativo in caso di tossinfezione alimentare Lezzi Iorio 12 D.LGS.626:il rischio infortunistico. Alcune riflessioni sulla valutazione dei rischi 13 D:LGS:626/94: movimentazione manuale dei carichi 14 Epidemia di botulismo alimentare in una ASL della Campania Cerati Elisabetta Sergi Angelo De Chiara Giovanni

2 15 Confronto costo/efficacia di screening prenatali per sindrome di Down nel primo e secondo trimestre di gravidanza Canini S 16 Protocollo di studio per confrontare il trattamento con IFN tra sogg HCV+ tossicodip. che fanno solo uso di metadone e sogg HCV+ non tossicodipendenti 17 Protocollo revis. utilizzo ospedaliero.risultati prelimin della rilevaz. Effettuata presso le Aziende E le strutture ospedaliere della Reg. Marche 18 Consultorio familiare:quale organizzazione 19 Progetto di valutazione dell'attività di un reparto pediatrico con letti ad utilizzazione funzionale Nigro Carmine Memè Maurizio Bonarini Andrea Fasulo Adele 20 Programmare in riabilitazione:il bisogno riabilitativo in un campione di popolazione: strategie e metodi per determinarlo Frati Lucia 21 Programmazione in psichiatria:aspetti riabilitativi e valutazione 22 Una ricerca nell'azienda U.S.L.6 sul grado di pregiudizio e sulla congruenza dell'assistenza offerta nell'ambito della salute mentale 23 Ipotesi di studio"uso della risorsa Ospedale nella ASL n.8 24 Progetto obiettivo per il potenziamneto dell'assistenza domiciliare integrata a pazienti "fragili", cronici e terminali 25 Studio rel. agli indicat. qualitat. e quantitat. di risult., per la valutaz. delle att. del Serv. Ig. D. Alim.e d. Nutriz, con loro appl. In caso spec 26 L'organizzazione dipartimentale dell'azienda Ospedaliera 27 Evidence Based Nursing: utopia o realtà? 28 Metodologia di analisi dei centri di costo in Azienda Sanitaria Privata Accreditata 29 Promozione della qualità nei servizi di anatomia patologica Melia A.Carmelo Buselli Antonella Pastorini Ivonne Pascarella P Della Corte R Cappelli Dario Antinozzi R Pollastri P Garramone Lucia Sannazzari Giacomo Sechi Giovanna

3 30 Il processo di esternalizzazione in ambito sanitario 31 Presentaz. del verbale di verifica dei requisiti, previsti nell'az. U.S.L. di Pescara, per gli studi di med. di base.descriz. degli ulteriori utilizzi 32 Il budget del distretto sanitario 33 Indicatori e controllo della qualità nelle aziende sanitarie Messna V., Camillo A. ; Nicoletti F.; Piscione Paolo Ansanelli Matilde 34 Procedure per determinare il costo degli esami di laboratorio Ghiara F. Caliulo Maria 35 Prog. del piano di attività"ridefinizione di asp.organizzativi del sett. 'tutela salute psichica dell'infanzia"- Distr. Savena-S.Stefano USL Bologna 36 Il Distretto oggi: ipotesi di organizzazione Spisni Simona Maccari M.; Urbani T.M. 37 Migliorare la comunicazione interna per un migliore servizio all'utenza interna ed esterna Fiorelli C. 38 L'accreditamento in sanità 39 Valutazione del clima organizzativo in una unità operativa di nefrologia e dialisi 40 Aspetti organizzativi ed esempi di formulazione e gestione del budget (programmazione e realizzazione di progetti) Cicalini S.; Fiammengo S.; Manetti Marcuccio Gianfranco Monge Francesco 41 Unificazione e riorganizzazione dei laboratori di analisi dell'irccs "G. Gaslini" di Genova Canini S. 42 La rilevazione dei carichi di lavoro in una Unità Operativa di Tecnici della Prevenzione in ambito di Sanità Pubblica Pastorini Giuseppe 43 L'esternalizzazione di un servizio di farmacia ospedaliera: analisi di alcune esperienze statunitensi Lavagna R. 44 Evoluzione della normativa sulla medicinapenitenziaria: il D.Lgs. 22 giugno 1999 N.230 oservazioni e proposte Trobbiani Giovanni

4 45 Linee guida basate sulle evidenze del processo decisionale in medicina: evoluzione dei processi elaborativi e diimplementazione 46 Evidence -based pathology 47 La gestione e il miglioramento della qualità: l'esperienza di un'azienda Sanitaria Locale nell'applicazione del sistema ISO Obiettivi scientifici-gestionali-economici dlla vaccino-profilassi antitetanica 49 Organizzazione di un progetto di sensibilizzazione alla donazione di sangue e midollo osseo 50 Strategia per limitare la fuga, verso altri ospedali, di pazienti ortopedici da un ospedale periferico 51 Riorganizzazione del servizio TC della U.O di Neuroradiologia dell'ao Ospedale S.Martino di Genova e Cliniche Universitarie convenzionate finalizzate Caldarone R. ; Betta pier Giacomo Martiny Giorgio; Cataldo Simonetti Aniello Padovan Letizia Papitto Silvio Parodi Roberto Carlo 52 Indagine conoscitiva su alcune problematiche della protesizzazione acustica negli anziani Scarzella C. 53 Assistenza sanitaria in Valnerina asl n 3 regione umbria 54 Confronto costo-efficacia di modelli predittivi per la valutazione dell'esito di malattia in pazienti affetti da neuroblastoma localizzato 55 Progettazione di un servizio di assistenza domicilare integrata per anziani nell'asl sa 1 56 Progetto "De Iuventute" Salvatori Ilario Marchese N. Ansanelli Matilde Gilberti Piero 57 Organizzazione e gestione di una centrale operativa 118 Pitrolo E. 58 Impatto delle malattie invalidanti sulla capacità di espressione al voto Filici 59 Progetto di formulazione di un questionario avente due obiettivi:valutare la qualità percepita dell'assistenza ricevuta durante la degenza nella UO di Atzeni Mauro

5 60 Programma per il controllo di gestione del materiale utilizzato in sala operatoria e l'ottimizzazione dei consumi e dell'approvvigionamento Carrera Alessandra 61 Un patto di solidarietà per la salute:attuazione del piano Sanitario nazionale nella organizzazione dell'azienda usl 6 di Livorno 62 Controllo incrociato tra le certificazioni medico-legali per il riconoscimento di stati di invalidità e l'idoneità alla guida 63 Un modello di gestione delle esenzioni per patologia con procedura automatica 64 Un modello dipartimentale per l'azienda Ospedaliera 65 Progetto di valutazione della qualità in casa di cura "Rugani" siena 66 Studio di fattibilità per la programmazione di servizi assistenziali domiciliari Franchi Ursula Caliulo Maria Bergamo Nello Bova G.,Panella G.,Prejanò Notaristefan o Pasquale Agresta Giuseppe 67 L'attuazione del modello organizzativo toscano nell'azienda USL 8 di Arezzo Mucelli A. 68 Progetto screening cervicocarcinoma asl 4 terni 69 Allestimento di un test biochimico e biofisico di screening per le cromosomopatie nel primo trimestre di gravidanza Urbani Teresa Manuela Pasqui Letizia 70 Gli Hospice come risposta alla nuova legge sulle cure palliative:prospettive per la puglia Pierri Fabio 71 L'integrazione distrettuale in una ASL lombarda tra attualità e proposte di sviluppo 72 Il Budget nell'unità operativa di medicina generale del presidio ospedaliero di canosa di puglia asl ba/1 73 Informatizzazione e Organizzazione nei reparti ospedalieri 74 Correlazione tra pesi relativi dei DRG di un'unità operativa di Neurologia ed esami diagnostici effettuati nel corso dell'anno 2000 Dionigi Maurizio Iaffaldano Antonio Dragoni Italo De Luca Giovanni

6 75 Qualità erogata e qualità percepita:ricerca in una struttura sociosanitaria" 76 L'ecomanagement nelle strutture ospedaliere:obblighi,necessità e scelte strategiche aziendali 77 Valutazione di efficacia di un programma di screening mammario in atto nell'asl di brescia:risultati preliminari 78 Analisi dell'andamento dell'importo netto della spesa farmaceutica e dell'incremento del numero delle ricette 79 Assistenza sanitaria residenziale non ospedaliera.analisi di un modello sperimentale Sgrò Rosa Maria Viero Stefano Gelatti Umberto Romani Lucilla Calvelli Patrizia 80 Procedure Operative Losigo Kulu 81 L'assistenza domiciliare al paziente neoplastico in fase terminale 82 Riorganizzazione dell'area neuropsichiatrica e della riabilitazione motoria infantile 83 Riorganizzare l'azienda 6 di lamezia terme:realtà o utopia? 84 Mobilità sanitaria ospedaliera passiva infraregionale ed extraregionale anno 1999 della ASL 10 di Palmi(rc) 85 Il sistema integrato di interventi e servizi sociali nell'ambito della regione Abruzzo (L.R 22/98)esempio di realizzazione nellambito territoriale n 1 86 Valutazione dei costi sostenuti da un CTSM per i pazienti gravi 87 Integrazione socio-sanitaria,aggiornamento normativo e presentazione del Piano di Zona dell'ambito del comune di Spoltore della ASL di Pescara 88 Impatto del prontuario farmaceutico per l'uso degli antibiotici nell'ao S.Martino di genova:4 anni di rilevazione ed analisi dei dati 89 Valutazione dell'attività degli specialisti ambulatoriali nell'azienda Usl di siena.confronto tra alcune variabili significative Provaggi Francesco Gioiele Nicola Firorelli Caterina Cosentino Francesca Paradiso Anna Maria D'Ambra Luigi Piscione Paolo Amalfitano M.Elvira Suardi Amedeo

7 90 L'integrazione scolastica degli alunni in situazioni di handicap 91 Progetto per il cambiamento del modello organizzativo nelle attività tutoriali del diploma universitario per infermiere 92 Il dipartimento di prevenzione:aspetti organizzativi e gestionali Stola Teresa Cecchi Stefania Monge Francesco 93 Il gambling compulsivo come problema di sanità pubblica:indagine epidemiologica e ipotesi di intervento Petri Carla 94 Distretto sanitario un modello di programmazione 95 Approccio al sistema qualità della struttura per l'acquisizione delle risorse umane di un'azienda sanitaria 96 L'esperienza di gestione dei reclami presso l'azienda USL 8 di Arezzo 97 Miglioramento di qualità del trattamento riabilitativo nella assistenza domiciliare integrata 98 Budget e negoziazione di un dipartimento strutturale 99 Disciplina nelle posizioni organizzative nel CCNL del comparto sanità 100 Riorganizzazione del servizio ADI nel distretto BA Valutazione in sanità 102 Il budget per l'anno 2001 nell'azienda usl 8 di arezzo 103 Programmazione integrata ospedale-territorio obiettivi di budget 104 La Qualità in un servizio di radiologia Maffeo Angela Luatti Giampiero Mucelli Antonella Pittau Piero Antonio Bergamo Nello Ghelardi Francesco Schilardi Giacomo Maucione Michele Beoni Daniela Salvatori Ilario Paffetti Antonio

8 105 La carta dei servizi iter normativo e relativi approfondimenti 106 L'osservazione dei pazienti arfferenti ad un ambulatorio pediatrico ospedaliero ad accesso diretto:analisi delle ipotesi finalizzate ad incrementare l 107 Il sistema di classificazione dei pazienti secondo ilmetodo DRG:le origini,la logica i limiti 108 Progetto dimissione concordata e protetta 109 Disciplina normativa e problematiche della procedura di acquisto dei farmaci nelle aziende sanitarie 110 L'appalto di servizio nella strategia dell'esternalizzazione 111 Ottimizzazione dei ricoveri in RSA nell'azienda USL di Forlì 112 Recenti orientamenti dottrinali e giurisprudenziali in argomento di responsabilità medica 113 Piano annuale di formazione La formazione del personale in un presidio ospedaliero umbro 115 Day surgery vs ricovero con degenza.esemplificazione dei costi e dei benefici 116 Fattori correlati alla durata della degenza in pazienti geriatrici 117 Il fenomeno del mobbing:prime ipotesi di lavoro per un servizio aziendale di prevenzione e cura dei disturbi conseguenti 118 Gli strumenti per la gestione del personale nel CCNL per i medici Menichetti M.G.,Pozzi C. Cinquetti M.,Carena P. Allocca Carmelo Ristagno Oriana Randisi Riccardo D'Oriano Rosanna Girelli Beatrice Garibaldi Elio Santorsola Teresa Anastasi Emanuela Della Corte Rosario DiGiangiaco mo Flavia Cocchi Franco Lamanna Onofrio 119 La formazione in Sanità Tappi Anna

9 120 Sperimentazione alla ASL 17 di Savigliano-dal sistema informativo sanitario al controllo di gestione 121 Gestione integrata e informatizzazione nei dipartimenti delle AUSL 122 Proposta di selezione per l'accesso al servizio sanitario nazionale 123 Cure palliative nella terapia del dolore nel trapianto di midollo in età pediatrica.nostra esperienza Carena Pinuccia Dragoni Italo Chiodo Francamaria Esposito M.,Varchett a G 124 Le steatosi epatiche non alcoliche in un centro per lo studio delle malattie del fegato.progetto di riduzione delle liste di attesa De Martis O. 125 Ipotesi per un sistema di Cosmetosorveglianza presso le farmacie territoriali Fontanesi A. 126 La gestione domiciliare dello scompenso cardiaco Tiezzi G. 127 Descrizione degli ausili tecnici e analisi dei consumi nell'asl 5 di Giaveno(to) 128 L'Ipertensione 129 Revisione diagnostica in una popolazione di soggetti adulti con epilessia 130 Campagna vaccinale antipneumococcica Carnevale G. Labrini F.,Flesca L. Candeliere G. Conte M.C.,De Masi P. 131 La cultura della salute secondo l'oms e lo spirito della legislazione sanitaria italiana Lamanna O. 132 L'AUSL tra strumentalità ed imprenditorialità Girelli B. 133 L'organizzazione sanitaria territoriale Tarantino Vincenzo 134 Il Piano strategico triennale del dipartimento di prevenzione come strumento di Programmazione operativa Pellegrino A.

10 135 Procedura Integrata per la corretta collocazione dei lavoratori con particolare riguardo a quelli con giudizio di idoneità limitata all'ausl 9 di Gros Bassi R. 136 Valutazione dell'organizzazione nell'assistenza protesica del sistema di fornitura degli ausili in una USL lombarda Barbarisi C. 137 Competenze, protocolli,modalità operative e organizzative della struttura complessa Veterinaria_Area C e consuntivo anno 2001 Sanò E. 138 Analisi dei ricoveri nell'ospedale di agnone_asl alto molise Catauro M L'analisi del clima aziendale come strumento di analisi del contesto organizzativo interno di identificazione dei bisogni formativi del personale L'istituzione di protocolli quale strumento nella diminuzione dei tempi di attesa e di snellimento delle procedure amministrative.una esperienza della Pede V. Sutera A. 141 Riorganizzazione del Distretto Ba 8 dell'azienda Usl Ba 4 Schiraldi G. 142 Progetto di salute mentale tra un centro di Salute Mentale e la Mecina Generale Kurlowicz T. 143 Progetto di valutazione della qualità di un poliambulatorio Naro C. 144 Modelli di sistema remunerativo per i medici di medicina Primaria,variabilità di comportamento clinico e uso di risorse.una revisione della letturatur Prasaturo C. 145 Carichi di lavoro infermieristico in ambito ospedaliero quale strumento di programmazione organizzativa Petrara Vito 146 Intervento precoce e promozione della salute in un dipartimento di salute mentale Cocchi F. 147 Il tirocinio delle professioni sanitarie:esperienza per apprendere,quale programmazione per la valutazione del percorso di professionalizzazione dello Di Giacomo P. 148 Attività intramoenia:l'esperienza del Policlinico san matteo di pavia Passadori L. 149 L'attivazione dell'attività di Day service nella azienda ospedaliera di perugia Truffarelli O.

11 150 Metodologia di interpretazione dell'analisi della Mobilità sanitaria passiva ospedaliera Paladino G. 151 Le professioni Sanitarie Spiotta M. 152 Il controllo di gestione nelle residenze sanitarie assistenziali 153 Programmi di Sperimentazione aventi ad oggetto nuovi modelli gestionali,ai sensi dell'art.9 bis della legge 229/99,nell'ambito del Distretto 1 dell'as Assandri Michele Sgroi D. 154 Valutazione dell'attività di un reparto di riabilitazione:il caso dell'azienda privata accreditata-nomentana Hospital di Roma Frasca A. 155 Progetto di ricerca come metodologia nell'attività tutoraggio e monitoraggio nella casa famiglia di Avezzano(AQ) 156 La formazione del personale infermieristico 157 Legge 405 Bilancio di una legge che sta stravolgendo il Sistema Sanitario Nazionale Paradiso A.M. Cecchi Stefania Saccà Francesco Maria 158 Assistenza domiciliare integrata:un modello organizzativo ed il percorso assistenziale nella USL 9.Il ruolo del farmacista territoriale Borgoni V. 159 Bisogni di salute ed utilizzo dell'assistenza sanitaria Agostini M. 160 La sperimentazione clinica dei farmaci,norme,responsabilità e compiti del comitato etico Amalfitano M.E. 161 Attività di un Dipartimento di emergenza e accetazione:luci e ombre Messa G. 162 Indennità economica di malattia INPS:efficienza,efficacia ed economicità delle visite mediche di controllo Franchino Giuseppe 163 L'applicazione delle norme UNI EN ISO 9002 al Servizio Veterinario dell'azienda sanitaria locale di Modena Guidi E. 164 Pianificazione delle attività di dipartimento di prevenzione ed assegnazione degli indicatori generali di qualità Benedetto F.

12 165 Linee guida per la medicina di laboratorio:valutazione della qualità metodologica di 4 linee guida nazionali 166 La definizione e distribuzione delle risorse fra attori nelle Società della Salute:interazioni o dicotomie? 167 Programmazione del budget dell'area territoriale di un'azienda sanitaria mista (ospedaliera e territoriale):l'esperienza dell'asl 4 chiavarese della r 168 Un intervento di prevenzione collettiva:campagne antinfluenzali azienda asl Roma D 169 Linee guida dei traumi Rabagliati A.M. Colonna D.L. Cavagnaro P. Franceschel li C. Giovanditti Laura Maria 170 Creare una carta dei servizi in un dipartimento delle dipendenze Petri Carla 171 Criteri per il conferimento e la revoca degli incarichi dirigenziali nell'azienda per i servizi sanitari n 6 "Friuli Occidentale 172 I motivi della formazione:le teorie e le startegie di apprendimento 173 La farmacoeconomica nell'ottica della regione calabria Ferro Giuseppe De Felice M.A. Cosentino F. 174 Direzione e Gestione del Progetto "Città sane"in provincia di foggia Mundi Ciro 175 Il lavoro a tempo parziale nel SSN Capun A. 176 Il potere decisionale del Direttore generale e le competenze del nucleo di valutazione in materia di controllo strategico Velardi M.L. 177 L'utente del Servizio Sanitario è un cliente? Pacchiarotta R. 178 La firma elettronica Coselli D. 179 Organizzazione dell'area dipartimentale prevenzione,igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro Toma Francesca

13 180 Valutazione del clima organizzativo in una struttura sanitaria pubblica Baldini Giovanni 181 PRUO Protocollo revisione dell'utilizzo dell'ospedale Galizia G. 182 Il promotore finanziario Panichi A. 183 L'assistenza ADI al paziente in fase terminale Provaggi F. 184 L'etica nelle aziende:applicazione della norma SA 8000 alle aziende sanitarie Sicilia L. 185 Intervento riabilitativo negli alunni con disturbi del linguaggio e della comunicazione Stola T. 186 La comunicazione sanitaria rivolta ai bambini:un progetto per un istituto pediatrico Donatoni L. 187 Progetto impostazione budget in una UO di Medicina Interna Anzà Vincenzo 188 L'esperienza del controllo di gestione nellazienda sanitaria di Bolzano Tait U. 189 Tassi di Incidenza della non autosufficienza in Italia e invecchiamento della popolazione 190 Sistema di monitoraggio dei tempi di attesa per le branche specialistiche critiche ambulatoriali e per i ricoveri programmati nell'azienda USL Roma D- Landi Mariella Sgroi D. 191 Studio comparativo tra i trombolitici tenecteplase (tnk-tpa) e alteplase Turi Franco 192 Organizzazione e Sistema Informativo del Servizio Veterinario di igiene della produzione,trasformazione,commercializzazione conservazione e trasporto Piccioni R. 193 Il sistema informativo per il SERT Dal Lago P. 194 L'assistenza farmaceutica integrativa regionale nell'azienda per i servizi sanitari n6 friuli occidentale Pessot Giuliana

14 195 Osservazioni sull'organizzazione,sui principi e sui criteri di finanziamento delle ASL con particolare riferimento alle ASL piemontesi e agli strument Garibaldi Elio 196 Piano di controllo ed eradicazione della Brucellosi ovi-caprina in Basilicata Quaranta V. 197 La formazione permanente dei medici dimedicina generale e l'appropriatezza prescrittiva:una valutazione sotto l'aspetto della spesa farmaceutica nella 198 Dal laboratorio clinico al laboratorio medico:elementiorganizzativi della fase pre e post analitica rilevanti per la qualità del sistema 199 L'Accreditamento istituzionale:breve introduzione ad un tema d'attualità 200 La cartella clinica come strumento di medicina difensiva 201 Aspetti epidemiologici delle infezioni ospedaliere 202 La razionalizzazione dell'offerta sanitaria nelfriuli Venezia giulia:la revisione della rete ospedaliera e l'organizzazione dipartimentale 203 Differenza critica ed appropriato utilizzo dei dati numerici di Laboratorio:il referto analitico come strumento di governo clinico ed economico 204 Il bambino a rischio sociale:la risposta possibile Anichini Alberto Gonzato Ornella Bellucci Giampiero Bianchini Sandra Damonti Enrico Donatoni Luigi Baldini Giovanni Gentile Grazia 205 Organizzazione del servizio di diabetologia:progetto "Diabete" Ottaviani G. 206 Individuazione delle priorità riguardanti le prestazioni fisioterapiche non comprese nei livelli essenziali di assistenza:analisi dei bisogni teorici 207 Analisi dei bisogni e individuazione delle priorità nella provincia di Prato Diaferia M.C. Becherini Rosalba 208 Le farmacie ospedaliere:un modello di organizzazione interna attraverso un processo di qualità Borgoni V. 209 La relazione annuale di attività delle strutture complesse di ASL:sperimentazione di un modello Fanì M.

15 210 Il recepimento del DPCM del 29 novembre 2001 nel servizio sanitario della regione Friuli venezia giulia 211 Progetto per l'attivazione della struttura di riabilitazione a cicli continuativo e diurno nell'ambito degli ospedali riuniti nella Val di chiana- Nott Ferro Giuseppe Fiaschi V. 212 relazione annuale(2002)di attività di una struttura semplice-"gestione delle tecnologie per il superamento delle disabilità" Ferro S. 213 Studio epidemiologico dello stato di salute di una popolazione 214 Il decentramento in medicina-legale previdenziale organizzazione e performance di un ufficio sanitario periferico 215 Indagine sulle priorità sanitarie in provincia di Roma(ASL RM G) Pacchiarotta R. Franchino G. Frasca A., Polisini C. 216 educazione Sanitaria in pazienti con patologia renale cronica Mechini C. 217 Ottimizzazione dell'accesso alla elettroneurografia ambulatoriale(tempi di attesa) Giovanditti L. 218 Il risanamento da BHV-1 nell'ambito dell'allevamento bovino in provincia di Bolzano:evoluzione di un progetto Fugatti A. 219 Comunicare al cittadino.l'azienda sanitaria ed il rapporto con l'utenza nell'esperienza dell'asl 2 dell'umbria Sicilia L. 220 Esperienze di benchmarking in sanità Giomo P. 221 Analisi e controllo:studiare le attività per controllare la gestione Naro C. 222 Evoluzione della normativa sul rapporto di lavoro a tempo parziale per il personale delle aziende sanitarie ed ospedaliere del Servizio Sanitario nazi 223 Dinamiche e valutazioni in corso di patologie tumorali nell'età pediatrica nel nucleo familiare Fava Liviana Esposito Matilde 224 Il controllo di gestione nelle aziende sanitarie Notaro C.

16 225 Organizzazione sanitaria in una RSA di 3 livello Bariosco S. 226 Assistenza protesica Aretini Alda 227 Global service un esempio di esternalizzazione dei servizi:vantaggi e svantaggi Passadori L. 228 Considerazioni circa l'opportunità di investimento economico per la prevenzione nel corso del terzo millennio Sanò Ezio 229 Pubblico e privato in Sanità 230 Il federalismo Sanitario(evoluzione del sistema di finanziamento) 231 Analisi e riprogettazione del modello organizzativo con particolare attenzione al fabbisogno d'integrazione con riferimento alle seguenti articolazion 232 L'importanza della logistica per una migliore gestione dell'attività del medico di medicina generale 233 Prevenzione tumori femminili Chiarugi Elisabetta Giorni Annamaria Pigato Mario Della Porta Argia Flesca L.,Labrini F. 234 Realizzazione di un sistema di qualità per il servizio farmaceutico territoriale Fontanesi A. 235 Riorganizzazione del servizio di continuità assistenziale in un'azienda sanitaria locale.costruzione di un sistema obiettivi-incentivazioni Dionigi Maurizio 236 Patologie emergenti viste con l'occhio del rappresentante della sicurezza dei lavoratori Croxatto M. 237 La gestione sanitaria del territorio 238 La promozione dell'immagine nel settore delle strutture sanitarie, degli studi medici ed odontoiatrici 239 Progetto di educazione alla salute:legge regionale 16/11/2001 n 16 Tarantino Vincenzo Tonello Luigino Vendemia C.

17 240 Libera professione intramoenia Dall'unità di valutazione geriatrica all'istituzione dell'ortogeriatria:l'esperienza del dipartoimento interaziendale internistico-riabilitativo aso s Riduzione dei tempi e delle liste di attesa per le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale nell'ambito del presidio ospedaliero di mestr Taccardi M.E. Romeo Nicoletta Girotto Massimo 243 Ricoveri ripetuti-analisi della casistica e definizione del percorso di riferimento Catauro M. 244 L'organizzazione della day-surgery esperienza dell'azienda Ospedaliera santa maria degli angeli-pordenone Bonamini Manuela 245 Il rapporto tra la personalità dell'individuo e l'organizzazione Vergari C. 246 Ruolo strategico del CUP nell'ambito delle tematiche gestionali di un'azienda Sanitaria Pacilli M.J L'evoluzione dello schema di bilancio nelle aziende sanitarie a partire dall'adozione della contabilità economico-patrimoniale fino ai giorni nostri Efficacia ed efficienza nella valutazione economica e clinica dell'uso dell'antibiotico-terapia mirata in terapia intensiva secondo protocolli e linee Il nuovo modello organizzativo delle cure domiciliari nel welfare lombardo:l'esperienza dell'esperienza dell'asl di cremona dal bonus alla progettazio 250 Obiettivi e vantaggi dell'implementazione del sistema di gestione per la qualità in una struttura sanitaria:uni en iso Determinazione degli organici infermieristici;dopo il DM Donat-Cattin il nulla?l'evoluzione nella usl 8 di arezzo Neri Moraldo Giuliani Angelo Masseroni Bruna Cosco Antonio Lupetti Valerio 252 Presidio ospedaliero San Francesco caracciolo analisi SDO AA Catauro M. 253 L'acquisizione di competenze relative alla funzione assistenziale:analisi delle principali criticità nel corso di Laurea in Infermieristica 254 Il trapianto di midollo osseo:processoassistenziale in ambito pediatrico Cecchi Stefania Esposito Matilde

18 255 L'accreditamento:garanzia per il cittadino-utente 256 Aspetti innovativi del sistema sanitario toscano Calvano Salvatore Bugnoli Stefano 257 Socierà della salute:come far quadrare il cerchio dell'integrazione sanitario-sociale Petri Carla 258 La qualità organizzazione,misura emiglioramento nelle aziende sanitarie 259 Amianto,una risorsa mortale 260 Il fattore umano nella prevenzione degli infortuni sul lavoro in ambiente ferroviario 261 La qualità pedagogica dell'apprendimento nella formazione infermieristica nel tirocinio clinico 262 L'integrazione delle professioni sanitarie 263 Gestione pubblico-privato in sanità Aspetti organizzativi sanitari 264 Nuovi bisogni,nuovi operatori indagine sulle figure di supporto dell'infermiere 265 La valutazione dei collaboratori:un problema di metodo,di strumenti e di cultura 266 Ruolo della Direzione Sanitaria nei trapianti di organi e tessuti;aspetti organizzativi e legislativi.l'esperienza dell'ospedale S.Salvatore ASL 4 L'A 267 Valutazione di parametri ematici di rischio cardiovascolare in tre zone della Provincia di Grosseto 268 Disturbi del sonno,traumi cranici ed incidenti stradali 269 La gestione degli episodi di malattie trasmesse da alimenti nell'asl 19 di asti Guerrieri Cortesi Pierluigi Labrini Francesca Flesca Luigia Illuminati Maria Teresa Malacarne Rita Passadori Lorena Spilamberti Anna Piardi Marilena Pacchiarotta R. Baldini Giovanni Giovanditti Laura Maria Soardo Vincenzo

19 270 La sanità territoriale 271 Il controllo delle prestazioni sanitarie come strumento per il miglioramento della qualità 272 Organizzare per governare:il processo di riorganizzazione dell'azienda ospedaliera sant'anna di como 273 Esternalizzazione della farmacia ospedaliera 274 Monitoraggio di un'azienda sanitaria.screening mammografico presso l'azienda sanitaria locale "Salerno 1" 275 Applicazione del metodo ABC per l'analisi dei costi in una sperimentazione gestionale in sanità:opportunità e problematiche 276 Il governo clinico:percorsi diagnostico-terapeutici e sviluppo organizzativo in medicina generale 277 Il livello di assistenza distrettuale:le cure intermedie l'esperienza del distretto 1 ASL RM D regione lazio 278 Dipartimento di prevenzione:piano strategico triennale come strumento di programmazione operativa Tarantino Vincenzo Gelatti Umberto Antinozzi Roberto Saccà Paolo Francesco Maria Ansanelli Matilde Naro Cristina Dionigi Maurizio Sgroi Daniela Benedetto Francesco 279 Scuola promotrice di salute:un percorso formativo per la promozione della salute nei luoghi di lavoro Sicilia Luigi 280 Elementi di etica e di psicologia sociale alla ricerca del "paradigma morale dell'azione"per il sistema di qualità in sanità pubblica Grieco Vito 281 I livelli assistenziali e l'area a pagamento aziendale 282 Proposta di piano formativo per il personale amministrativo dell'aorn CARDARELLI di Napoli Ciampalini C. Loiacono Daniela 283 Il controllo di gestione e il sistema di incentivazione nelle aziende sanitarie Leo Tania 284 Il bilancio sociale,strumento di controllo startegico e di rendicontazione per un'azienda pubblica Bagnoli Denise

20 285 Qualità e cambiamento:evoluzione organizzativa e professionale 286 La dislessia e i disturbi dell'apprendimento aspetti clinici,psicologici e riabilitativi Donatoni Luigi Stola Teresa 287 IV fase del progetto città sane dell'oms:il profilo di salute del territorio dell'asl 2 di Torino Fanì Mara 288 Prevenzione dell'obesità infantile e delle patologie correlate,ruolo della sanità pubblica Pede Vincenza 289 Politiche del personale Millauro A. 290 Proposta di linee guida per la progettazione,per le aziende sanitarie,di un sistema di controlli interni e per la valutazione dei dirigenti,per la pre Costa P. 291 Il sistema premiante della Direngenza del SSN.L'esempio dell'azienda ospedaliera universitaria senese Vannini P. 292 La valutazione del personale dirigenziale: l'esperienza dell'usl 7 di siena Lucaroni E Criteri di produttività e di efficienza per i dirigenti Medici di una struttura cardiologia ospedaliera ai fini della determinazione dei carichi di la Rilevazione e valutazione delle prestazioni(output) nel Dipartimento di prevenzione:ipotesi di applicazione alla struttura complessa Servizio veterina Remoli A. Piccioni Rolando 295 Programma di controllo ed eradicazione della blue tongue in Basilicata Quaranta V. 296 Protocollo di promozione e protezione dell'allattamento materno in una maternità 297 Accreditamento,certificazione e processi di knowledge-creation 298 Il ruolo del dirigente nella gestione e sicurezza di una sala operatoria Roma Andreina Gonzato Ornella Campanella Giuseppe 299 Attivazione di un sistema di qualità in anatomia patologica:analisi delle criticità Brizio R.

23 Ipotesi di studio"uso della risorsa Ospedale nella ASL n.8 Pastorini Ivonne

23 Ipotesi di studiouso della risorsa Ospedale nella ASL n.8 Pastorini Ivonne N TITOLO TESI AUTORE 1 Indagine sull'appropriatezza delle ammissioni e della degenza dell' Azienda Ospedaliera Umberto I di Enna Mancuso Rosa 2 Screening ecografico neonatale:analisi costo-benefci Termini

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio 1 Il territorio 2 Il territorio: tendenze evolutive Aumentata l aspettativa di vita: U = 76 anni D = 82,4 anni Patologie croniche prevalgono su quelle acute Possibilità di eseguire piccoli interventi chirurgici

Dettagli

Il Distretto che vuole la Regione Veneto

Il Distretto che vuole la Regione Veneto IL NUOVO PIANO SOCIO-SANITARIO REGIONALE Il Distretto che vuole la Regione Veneto Este, 13 aprile 2012 Dott.ssa M.Cristina Ghiotto LA STORIA La DGR n.3242/2001 ha sancito l importanza del Distretto nel

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO MISSION DELL AUSL DI IMOLA L Azienda Sanitaria di Imola è precipuamente impegnata nel governo della domanda di servizi e prestazioni sanitarie

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE Massimo Fabi (Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma) Innanzitutto grazie agli organizzatori di questo convegno: è davvero molto utile confrontare

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A

ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A ATTO AZIENDALE A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO 2013 ALLEGATO A DIREZIONE GENERALE Dipartimento dei Servizi Strategici Prevenzione e Protezione Prevenzione e Infortuni DIREZIONE SANITARIA DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento

Dettagli

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Porretto Simone Lazzaro Data di nascita 20/03/1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente Medico Direttore di Struttura Complessa ASL AL ALESSANDRIA Direttore

Dettagli

Curriculum formativo della Sig.ra Botticelli Luigina nata ad Ascoli Piceno il 17-08-1967 e residente a Porto Sant'Elpidio in via Umberto I 765.

Curriculum formativo della Sig.ra Botticelli Luigina nata ad Ascoli Piceno il 17-08-1967 e residente a Porto Sant'Elpidio in via Umberto I 765. INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Botticelli Luigina Data di Nascita 17-08-1967 Qualifica Coordinatore Infermieristico Amministrazione ASUR ZT 11 FERMO Incarico attuale P.O. Dipartimento Salute Mentale

Dettagli

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA BOLOGNA - VENERDI' 24 GENNAIO 2014 CONGRESSO ANIMO EMILIA ROMAGNA Revisione organizzativa per intensità delle cure dell Area Internistica

Dettagli

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale Azienda ULSS n. 8 - Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 ALLEGATO N. 2 L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

Grandangolo 2010: un anno di oncologia. Corso satellite per infermieri.

Grandangolo 2010: un anno di oncologia. Corso satellite per infermieri. [ Corso Residenziale] Grandangolo 2010: un anno di oncologia. Corso satellite per infermieri. Quando la teoria diventa good clinical practice: grandi cambiamenti costanti nel tempo. 1 di 1 [ Programma

Dettagli

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN?

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? Francesco Longo CARD, Roma, 23 maggio 2013 1 Agenda 1. Evidenze sui tassi di copertura dei bisogni 2. Trend finanziari di sistema 3. Tagli lineari o trasformazione

Dettagli

CL in Infermieristica Tesi di Laurea disponibili. Sede Centrale. 1 Policlinico Narrative Based Nursing: in geriatria Umberto Giani

CL in Infermieristica Tesi di Laurea disponibili. Sede Centrale. 1 Policlinico Narrative Based Nursing: in geriatria Umberto Giani # Matr. Studente Sede Titolo Tesi Relatore Correlatore Sede Centrale 1 Policlinico Narrative Based Nursing: in geriatria Umberto Giani 2 Policlinico Narrative Based Nursing e Malattie Respiratorie Umberto

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI 1 CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI Diploma di Maturità Tecnica (1988) Istituto Tecnico Margherita di Savoia di Roma TITOLI PROFESSIONALI

Dettagli

L'organizzazione aziendale

L'organizzazione aziendale L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla direzione generale - dipartimento di prevenzione - distretto socio-sanitario unico - ospedale

Dettagli

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente

158 infosalute 08. 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente 3.6 La spesa sanitaria di parte corrente La spesa corrente del Servizio sanitario nazionale si è attestata per l anno 2008 a 106.621.951 migliaia di euro (nel 2007=103.095.707 migliaia di euro; nel 2006=99.231.005

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico Scheda informativa Università Universita' degli Studi di PADOVA Classe Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008

Dettagli

piseppato@asl14chioggia.veneto.it

piseppato@asl14chioggia.veneto.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome ISEPPATO PATRIZIA Data di nascita 23 DICEMBRE 1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi Psicologia psicoterapia Piano Socio Sanitario Regionale (PSSR) 2002-2004 Psicologia Psichiatria

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria OFFERTA SERVIZI Servizi Sanitari Ospedalieri Questi servizi vengono resi all interno del Presidio Ospedaliero di Bobbio e si declinano in: primo intervento urgente valutazioni diagnostico specialistiche

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 17 MARZO 2015, N. 190 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

DOCENTE LAUREA/SPECIALIZZAZIONE RUOLO ATTUALMENTE RICOPERTO DOTT. GIANFRANCO FINZI Responsabile Scientifico e Docente

DOCENTE LAUREA/SPECIALIZZAZIONE RUOLO ATTUALMENTE RICOPERTO DOTT. GIANFRANCO FINZI Responsabile Scientifico e Docente PIANO FORMATIVO 2015 Tipologia evento RESIDENZIALE Titolo Congresso interregionale ANMDO SARDEGNA e ANMDO SICILIA INTEGRAZIONE OSPEDALE TERRITORIO: ESPERIENZE A CONFRONTO Sede HOLIDAY INN CAGLIARI, Viale

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Titolo di studio Laurea Magistrale. Altri titoli di studio e professionali. Esperienze professionali (incarichi ricoperti)

CURRICULUM VITAE. Titolo di studio Laurea Magistrale. Altri titoli di studio e professionali. Esperienze professionali (incarichi ricoperti) CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Gambassi Laura Data di nascita 02 01-1966 Qualifica Coll. Sanitario esperto Infermiere Incarico attuale Operation Manager - Direttore UOP Numero telefonico

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Delibera n. 118 del 21/05/2009. OGGETTO: Costituzione dell'equipe Interaziendale per lo sviluppo della Rete Provinciale delle Cure Palliative.

Delibera n. 118 del 21/05/2009. OGGETTO: Costituzione dell'equipe Interaziendale per lo sviluppo della Rete Provinciale delle Cure Palliative. DIREZIONE GENERALE Direzione Affari Giuridici e attività Amministrative di Presidio Ufficio: segreteria aagg Delibera n. 118 del 21/05/2009 OGGETTO: Costituzione dell'equipe Interaziendale per lo sviluppo

Dettagli

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LA SITUAZIONE ITALIANA ASL con gestione diretta degli Ospedali ASL senza alcun ospedale

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

Il Ministro della Salute

Il Ministro della Salute Il Ministro della Salute VISTA la legge 23 dicembre 1978, n. 833 di istituzione del Servizio Sanitario Nazionale; VISTO l'art. 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni;

Dettagli

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci AREA MATERNO INFANTILE ED ETÀ EVOLUTIVA (1) Assistenza di tipo consultoriale

Dettagli

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Conferenza Stampa Cure intermedie: attivi 6 posti all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Mercoledì 17 settembre 2014 - ore 11.30 Sala riunioni Servizio Attività Tecniche AUSL di Parma Via Spalato

Dettagli

ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2

ASL TO2 Torino Nord Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2 ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE Direzione Sanitaria Macro livello Distretti Circ. 4,5,6,7 Direzione distretto 4 Circoscr. 4 Direzione distretto 5 Circoscr. 5 Direzione

Dettagli

Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative. Evoluzione scientifica e tecnologica

Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative. Evoluzione scientifica e tecnologica I percorsi formativi per lo sviluppo dell assistenza infermieristica territoriale Aumento dell età media Aumento popolazione con fragilità Aumento popolazione con malattie cronicodegenerative Evoluzione

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli ASSESSORATO ALLE POLITCHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli 1 I Livelli essenziali

Dettagli

ELEZIONI 2013: MEDICI E CHIMICI ELETTI ALLA CAMERA

ELEZIONI 2013: MEDICI E CHIMICI ELETTI ALLA CAMERA ELEZIONI 2013: MEDICI E CHIMICI ELETTI ALLA CAMERA RIEPILOGO CAMERA TOTALE n. 19 MEDICI n. 17 BIOLOGI/CHIMICI n. 2 PDL n. 5 PD n. 8 M5S n. 2 SCELTA n. 2 UDC n. 1 ITALIANI ALL'ESTERO n. 1 NOME ELETTO AMATO

Dettagli

Casa della Salute. Portomaggiore e Ostellato. Portomaggiore. Via De Amicis 22. Casa della Salute. Casa della Salute

Casa della Salute. Portomaggiore e Ostellato. Portomaggiore. Via De Amicis 22. Casa della Salute. Casa della Salute Casa della Salute Casa della Salute Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara Casa della Salute Portomaggiore e Ostellato Via De Amicis 22 Portomaggiore Cos è la Casa della Salute La Casa della Salute

Dettagli

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Rita Laccoto CURRICULUM VITAE Nata a Brolo il 28/05/1950 Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Universitario di Messina con la qualifica di Coordinatore

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità Data di nascita CECCHI MARIO Italiana 27/MARZO/1942 POSIZIONE ATTUALE

Dettagli

Associazione per le cure palliative (onlus)

Associazione per le cure palliative (onlus) CON NOI Associazione per le cure palliative (onlus) CON NOI Associazione per le cure palliative Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) Chi siamo "CON NOI" è un'associazione di volontariato

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 8.7 Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco

Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco Documento di programmazione e coordinamento dei servizi iis Sanitari i e Socio Sanitari Sanitari anno 2014 Lecco, 28 gennaio 2014 1 Documento di programmazione

Dettagli

exz ÉÇx TâàÉÇÉÅt YÜ âä ixçxé t Z âä t

exz ÉÇx TâàÉÇÉÅt YÜ âä ixçxé t Z âä t exz ÉÇx TâàÉÇÉÅt YÜ âä ixçxé t Z âä t AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 MEDIO FRIULI SISTEMA DI GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI DELLA DIRIGENZA MEDICO-VETERINARIA Quadro organizzativo gestionale Tab. A 1/5

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono. E-mail Nazionalità Data di nascita MELIS ELEONORA Italiana 17/10/1983 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

L assetto organizzativo delle Professioni Sanitarie

L assetto organizzativo delle Professioni Sanitarie L assetto organizzativo delle Professioni Sanitarie 1 INFERMIERE E un professionista che lavora in ambito sanitario. E' responsabile della assistenza generale infermieristica. prevenzione delle malattie,

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ANNA MARIA SAIEVA Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana DICHIARA QUANTO

Dettagli

Indirizzi regionali e la legge 38/2010. DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010

Indirizzi regionali e la legge 38/2010. DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010 Indirizzi regionali e la legge 38/2010 DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010 Settore Servizi alla Persona sul territorio Hospice e Cure Palliative 1 Diritto Diritti di cittadinanza

Dettagli

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ANNA MARIA SAIEVA Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana DICHIARA QUANTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE

DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE DIRETTORE SC MEDICINA GENERALE PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore

Dettagli

DIRETTORE SC PEDIATRIA

DIRETTORE SC PEDIATRIA DIRETTORE SC PEDIATRIA PROFILO OGGETTIVO Caratteristiche e attività dell Azienda L Azienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema è costituita dalle seguenti strutture: Presidio Ospedale Maggiore di Crema

Dettagli

Posizioni organizzative al 31.10.2014

Posizioni organizzative al 31.10.2014 ACCORSI DANILA ESPERTO ASSISTENTE SANITARIO RESPONSABILE DI SETTORE ASSISTENZIALE DI DIPARTIMENTO 01/01/2001 ANGELINI LUISA ESPERTO INFERMIERE RESPONSABILE DI SETTORE ASSISTENZIALE DI DIPARTIMENTO 01/01/2001

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta ASL Nell'ordinamento italiano l'azienda sanitaria locale (ASL) è un ente pubblico locale. In passato ente strumentale della regione, al quale competeva l'organizzazione

Dettagli

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in INFERMIERISTICA

Dettagli

(D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) ANNO 2011

(D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) ANNO 2011 (D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) MAGGIO 2014 I N D I C E PREMESSA ELENCO DEI MODELLI DI RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA' GESTIONALI ED ECONOMICHE DELLE A.S.L. TABELLE DI DECODIFICA DELLE DISCIPLINE

Dettagli

(D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) ANNO 2010

(D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) ANNO 2010 (D.P.C.M. 17-5-84; D.M. 23-12-96; D.M. 05-12-06) FEBBRAIO 2013 I N D I C E PREMESSA ELENCO DEI MODELLI DI RILEVAZIONE DELLE ATTIVITA' GESTIONALI ED ECONOMICHE DELLE U.S.L. TABELLE DI DECODIFICA DELLE DISCIPLINE

Dettagli

CURRICULUM della Dott.ssa Maria Concetta Conte

CURRICULUM della Dott.ssa Maria Concetta Conte Nata a Parigi (Francia) l 8 maggio 1959 CURRICULUM della Dott.ssa Maria Concetta Conte Diploma di laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l Università Federico II di Napoli il 30-10-1984 con il

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane

Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane Il Sistema di valutazione della performance nelle Aziende Sanitarie Toscane Cerismas 27/05/09 - Il balanced scorecard nelle aziende sanitarie, 5 anni dopo... Paolo Tedeschi, Ricercatore in economia e gestione

Dettagli

Direttore UOC Anziani e Cure Domiciliari Azienda Sanitaria Provinciale di Catania ASP di Catania

Direttore UOC Anziani e Cure Domiciliari Azienda Sanitaria Provinciale di Catania ASP di Catania INFORMAZIONI PERSONALI DI FRANCO, Maria Antonina numero telefonico aziendale: 0952545746 numero telefonico aziendale: 3356005678 Viale Regina Margherita, 38-95024, Catania, Acireale Data di nascita [ 31

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

OGGETTO: nomina componenti organismi dedicati alla prevenzione, sorveglianza e controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza (I.C.A.).

OGGETTO: nomina componenti organismi dedicati alla prevenzione, sorveglianza e controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza (I.C.A.). Deliberazione n. 916 del 29 07 2009 OGGETTO: nomina componenti organismi dedicati alla prevenzione, sorveglianza e controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza (I.C.A.). IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 00-0. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

PIANO FORMATIVO AZIENDALE ANNO 2012 ENTE PROPONENTE TITOLO DESTINATARI DOCENTI OBIETTIVi FORMATIVI

PIANO FORMATIVO AZIENDALE ANNO 2012 ENTE PROPONENTE TITOLO DESTINATARI DOCENTI OBIETTIVi FORMATIVI PIANO FORMATIVO AZIENDALE ANNO 2012 ENTE PROPONENTE TITOLO DESTINATARI DOCENTI OBIETTIVi FORMATIVI Asl Br - Servizio di Prevenzione e Protezione Aziendale Leadership e stili comunicativi nella gestione

Dettagli

ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n.

ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n. Marca da bollo 10 Spett.le Ufficio del Lavoro SEDE ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI LIBERI-PROFESSIONISTI CHE SVOLGONO ATTIVITA SANITARIE, SOCIO-SANITARIE E SOCIO-EDUCATIVE Legge n.28/1991 Il sottoscritto Cod.

Dettagli

Dott.ssa Chiara Maria ANDRISANI INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. pag. 1 FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE. Chiara Maria ANDRISANI

Dott.ssa Chiara Maria ANDRISANI INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. pag. 1 FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE. Chiara Maria ANDRISANI FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE Dott.ssa Chiara Maria ANDRISANI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Chiara Maria ANDRISANI Indirizzo Via Lucana, 236 Telefono 0835 253533 FAX 0835 253533 E-mail Nazionalità

Dettagli

COLLEGIO IPASVI FOGGIA PROVIDER 1214 EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE TITOLO

COLLEGIO IPASVI FOGGIA PROVIDER 1214 EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE TITOLO COLLEGIO IPASVI FOGGIA PROVIDER 1214 EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE TITOLO EVOLUZIONE DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ATTRAVERSO LE COMPETENZE SPECIALISTICHE. CHI HA PAURA DEL CAMBIAMENTO? MODALITÀ DI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA I ANNO Corso Integrato area pre-clinica Tipologia: attività formative di base Ore: 40/0/0/0

Dettagli

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/7 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità la promozione

Dettagli

Bur n. 66 del 12/08/2008

Bur n. 66 del 12/08/2008 Bur n. 66 del 12/08/2008 Sanità e igiene pubblica Deliberazioni della Giunta Regionale N. 1831 del 01 luglio 2008 Attuazione della D.G.R. n. 4445 del 28.12.2006. Adozione del modello organizzativo per

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Tempi di attesa nei siti web delle

Dettagli

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854 CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE DOTT. VITO CORRAO Informazioni personali Data di nascita 9 agosto 1955 Luogo di nascita Mazara del Vallo (TP) Codice fiscale CRR VTI 55M09 F061M Comune iscrizione liste

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Affanni Paola ESPERIENZA LAVORATIVA Date Settembre ad oggi: Responsabile del Servizio Infermieristico e Tecnico

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Qualificazioni Specialistiche

CURRICULUM VITAE. Qualificazioni Specialistiche DATI PERSONALI CURRICULUM VITAE Cognome e Nome: Nunziata Assunta. Luogo/Data di Nascita: Pompei (Napoli)./ 17 Aprile 1953 Indirizzo: Via Marco Tullio Cicerone 52/C - 03100 Frosinone Telefono: 0775 270

Dettagli

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 AZIENDA USL DI RAVENNA BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 Gruppo di lavoro Coordinamento Milva Fanti Redazione dei capitoli Presentazione e conclusioni: Capitolo 1: Giuliano Silvi Capitolo 2: Gianni

Dettagli

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE

PIANO OPERATIVO DELLA FORMAZIONE AZIENDALE 2015 OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE OBIETTIVO SPECIFICO: FORMAZIONE AREA DIPARTIMENTALE FORMAZIONE INTERDIPARTIMENTALE Economico-Finanziario Tecnologico Emergenza Anestesia e Rianimazione Ortopedia Immagini, Patologia Clinica, Medicina,

Dettagli

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione SCHEDE ALLEGATO A Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione Titolo 1 Nomine e designazioni da parte della regione,

Dettagli

tirocinio pre-laurea presso la Clinica Nefrologica del Policlinico di Bari;

tirocinio pre-laurea presso la Clinica Nefrologica del Policlinico di Bari; Curriculum Vitae Informazioni Personali Nome e Cognome ANNA MARIA CARRERA Data di nascita 22/06/53 Qualifica DIRIGENTE MEDICO Amministrazione ASL LE - LECCE Incarico attuale DIRIGENTE MEDICO Telefono Ufficio

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 4 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

EMERGENZA PRENOTAZIONI DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI BASE SERVIZI SOCIO SANITARI TERRITORIALI OSPEDALI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AMMINISTRAZIONE

EMERGENZA PRENOTAZIONI DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI BASE SERVIZI SOCIO SANITARI TERRITORIALI OSPEDALI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AMMINISTRAZIONE l EMERGENZA PRENOTAZIONI DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI BASE SOCIO SANITARI TERRITORIALI OSPEDALI @ By Renzo Girelli numeri utili DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AMMINISTRAZIONE EMERGENZA TELEFONARE AL 118 RECARSI

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli