luglio-settembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "luglio-settembre 2013"

Transcript

1 Poste Italiane SpA. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/2/2004 n. 46), art. 1 comma 1 - DCB Roma. Reg. Trib. Roma n. 454/00 del Edito a cura di Press & Image 2001 SpA. Via L. Serra, Roma. Prezzo a copia: euro 0,15 trimestrale luglio-settembre 2013 Anno XIII n. 113/13 Organo Ufficiale del Sindacato Totoricevitori Sportivi aderente alla Federazione Italiana Tabaccai FINALMENTE IL TESTO UNICO SUI GIOCHI? Monica Cirillo IL METODO STS : GIUSTO E VINCENTE

2

3 L EDITORIALE IL METODO STS : GIUSTO E VINCENTE IL MODO DI AFFRONTARE LE DIFFICOLTÀ SECONDO STS Dalla vicenda dei contratti slot Sisal di cui forniamo un ampio resoconto nell articolo a pagina 5 si ricavano due importanti conclusioni. La prima, che coltivare il dialogo con gli attori del mercato è una condotta che si rileva spesso (per non dire sempre) appagante: in tal senso, il nostro Sindacato ha sempre privilegiato la via del confronto, riservando la via dello scontro ai casi in cui l interlocutore sembra non voler sentire ragioni. La seconda, che la nostra arma migliore, la più potente, la più efficace è la compattezza della nostra categoria: quando i tabaccai-ricevitori aderiscono uniti alla linea d azione dettata dal proprio Sindacato, si trasformano in una fortezza resistente, capace di affrontare qualsiasi difficoltà. Entrambe le citate condizioni si sono realizzate in occasione dell agitazione proclamata per protestare contro alcune condizioni presenti nel contratto slot che la Sisal ha sottoposto ai propri punti vendita. Anche questa volta, infatti, l incontro chiarificatore prontamente svoltosi tra i vertici di STS e Sisal ha permesso uno scambio di idee che si è tradotto in una soluzione soddisfacente per tutti. Alla fine, il nostro Sindacato ha riportato un importante risultato, confermando la fedeltà al suo metodo: contegno risoluto sì, ma comunque sempre rispettoso di tutti gli interessi in causa. n Reg. Trib. Roma n. 454/00 del Prezzo a copia euro 0,15 Direttore Responsabile Stefano Bartoli Direzione e Redazione Press&Image 2001, Via L. Serra, Roma Tel. 06/585501, Fax 06/ Inserzioni informative Miniero & Partners Srl, Via Nicolodi Milano Tel. 02/ , Fax 02/ , Progetto grafico Monica Cirillo, Dina Dancu Testi, foto & disegni Monica Cirillo, Paola Crapulli Stampa Società Tipografica Italia Via Sesto Celere, Roma, Tel. 06/ Spedizione decentrata SAVE Via dell Agricoltura, 12, Fiano Romano (RM), Tel. 0765/ Numero chiuso in tipografia il SOMMARIO 5 Una vicenda cominciata male e finita bene 7 Finalmente il testo unico sui giochi? 10 Attenti al lupo! 12 Sì ai controlli, ma che siano razionali 13 Goldbet: presenza anomala in Italia Il Ricevitore Italiano - Organo Ufficiale STS 3

4

5 ATTIVITÀ SINDACALE UNA VICENDA COMINCIATA MALE E FINITA BENE LA QUESTIONE DEI CONTRATTI SLOT SISAL SI RISOLVE CON SUCCESSO PER STS Alla metà di luglio, il nostro Sindacato aveva trasmesso alla Sisal una nota nella quale criticava aspramente alcune disposizioni di una certa versione di quello che sembrava il nuovo contratto per gli apparecchi da intrattenimento. Il contratto, cioè, relativo alla nuova concessione che Sisal, insieme ad altri 11 aggiudicatari, ha sottoscritto in data 20 marzo Le disposizioni incriminate erano sostanzialmente due. La prima, quella che stabiliva il tacito rinnovo del contratto oltre la sua scadenza naturale (dettata, a sua volta, dalla scadenza del la concessione, salvo il periodo di eventuale proroga). Un contratto che si intende rinnovato ta - citamente anche con riferimento alla concessione novennale che verrà aggiudicata tra dieci anni, ci sembrava davvero aberrante. Ma c è sempre la possibilità di uscire anticipatamente tramite lo strumento del recesso, si sarebbe potuto obiettare. Vero, con un semplice preavviso scritto, l esercente poteva recedere da questo contratto, ma a caro prezzo! Ed ecco la seconda disposizione altamente nociva, da noi prontamente biasimata. La Sisal, infatti, si riservava di chiedere un indennizzo pari a euro per ogni apparecchio installato nel punto vendita. Una somma pretesa a titolo di rimborso per le spese amministrative, di installazione e di riallocazione delle macchine. La denuncia da parte nostra di questi aspetti abnormi del contratto, non aveva, di fatto, prodotto alcun ripensamento da parte di Sisal la quale, anzi, ci rispondeva dicendo di non capire a quale contratto facessimo riferimento, forse a uno vecchio non disciplinato dalla nuova concessione. Il dirigente dell ufficio apparecchi da intrattenimento dell Agenzia delle Dogane e dei Mo - no poli, a sua volta, ci rispondeva che il compito dell Agenzia si esauriva nell accertare l osservanza, nel contratto, dei contenuti minimi prescritti dall Atto di convenzione. Al di fuori di questi confini, vige e predomina il principio dell autonomia contrattuale. Come a dire, l Agenzia dei Monopoli non si preoccupa dei contenuti eventualmente vessatori imposti dai concessionari agli esercenti. La conseguente, durissima reazione del nostro Sindacato, appoggiata senza riserve dalla Federazione Italiana Tabaccai, è stata incentrata su un unico punto: consigliare a tutti gli associati con newslot con Sisal, di non firmare alcuna proposta contrattuale che avessero ricevuto di lì in avanti. Tutto ciò accadeva tra la fine di agosto e l inizio di settembre. Il Ricevitore Italiano - Organo Ufficiale STS 5

6 La contromossa di Sisal, inaspettata quanto sottile, è stata di trasmettere il nuovo contratto contenente quelle due norme da noi censurate a tutti i propri punti vendita. L astuzia stava nel fatto che le nuove condizioni contrattuali si intendevano accettate con l effettuazione della prima giocata registrata dagli apparecchi successivamente al ricevimento della raccomandata. Questa modalità di perfezionamento dei contratti, per quanto perfettamente legale, andava a cozzare violentemente con la libertà di scelta, rendendola di fatto impraticabile. Se, al momento di riconsegnare la ricevuta al postino (ancor prima, cioè, di aprire la busta e leggere il contratto) qualcuno avesse inserito una moneta nell apparecchio, il contratto teoricamente si sarebbe inteso accettato, senza possibilità di ripensamento. Ancora, nel caso in cui la raccomandata fosse stata ritirata da soggetto diverso dal titolare e quest ultimo avesse preso visione del suo contenuto solo in un momento successivo (magari la sera tardi, come spesso succede a chi lavora tutto il giorno senza soste) beh... sarebbe stato già troppo tardi per scegliere di non aderire. Queste circostanze, ci hanno spinto a dichiarare subito, con l appoggio della FIT, lo stato di agitazione della categoria. Tramite un comunicato alla categoria dai toni insolitamente duri per noi, il nostro Sin - daca to invitava i propri associati a interrompere mo mentaneamente l attività di raccolta tramite gli apparecchi, giusto il tempo di soppesare at tentamente la proposta contrattuale di Sisal. Contemporaneamente, trasmetteva una nota all Agenzia delle Dogane, con la quale denunciava la gravità degli effetti che una simile modalità di reclutamento avrebbe determinato sulla rete di raccolta. Colpita da cotanto impeto, la Sisal contattava la nostra dirigenza nazionale, chiedendo un incontro, finalizzato a chiarire le cose. Richiesta a cui, naturalmente, davamo re - sponsabilmente immediato riscontro. Dal colloquio, svoltosi presso la nostra sede nazionale di Roma, è scaturito un accordo siglato dal nostro Presidente Nazionale, Giovanni Baglivo e dall Amministratore Dele - gato di Sisal Entertainment, Francesco Durante. Un accordo che, nel ricomporre a unità i reciproci rapporti, restituisce ai tabaccai aventi le slot con Sisal, il diritto di scelta. La società milanese, infatti, si è impegnata a non richiedere ai nostri associati alcuna forma di indennizzo in caso di recesso dal contratto slot. Tale condizione sarà applicata unicamente ai tabaccai che si impegneranno a non in - stallare slot con diverso operatore nei 24 mesi successivi al recesso dal contratto slot Sisal. In altre parole, coloro che intenderanno uscire definitivamente dal mercato degli apparecchi e ce ne sono tra coloro che, a seguito dell installazione delle macchine hanno accusato una degenerazione del tipo di clientela o hanno subito furti o rapine aventi a oggetto i soldi contenuti nelle macchine potranno farlo senza obbligo di versare alcuna somma alla Sisal. In considerazione del soddisfacente esito della vicenda, il nostro Sindacato ha trasmesso a tutti gli associati un nuovo comunicato con il quale li invitava a cessare la pacifica protesta nei confronti di Sisal, riprendendo la regolare attività di raccolta del gioco tramite gli ap - parecchi. Nel suddetto comunicato, non poteva mancare il sentito ringraziamento a tutti i tabaccai che, per tutta la durata dell agitazione sindacale, hanno supportato, senza riserve, il nostro Sindacato. È nostra ferma convinzione che questa azione, così come altre in passato, si sia risolta con successo proprio grazie alla dimostrazione di compattezza della categoria. n 6 Il Ricevitore Italiano - Organo Ufficiale STS

7 PIANETA GIOCHI FINALMENTE IL TESTO UNICO SUI GIOCHI? L ART. 14 DELLA DELEGA FISCALE APPORTERÀ SIGNIFICATIVI CAMBIAMENTI Il Ricevitore Italiano - Organo Ufficiale STS Scongiurata la sua caduta nel nulla gra zie alla fiducia incassata dal Governo, la delega fiscale va avanti. Si tratta di un disegno di legge ad ampio respiro, già passato al vaglio della Camera e attualmente in discussione al Senato in seconda lettura, che tocca diversi contenuti, dalla riforma dell IVA alla lotta all evasione, dalla tracciabilità dei mezzi di pagamento ai processi tributari e tanto altro ancora. Non poteva mancare la materia dei giochi. L art. 14, lungo e articolato, prevede una profonda riorganizzazione dell attuale legislazione, finalizzata alla creazione di quel testo unico sui giochi di cui si sente parlare da anni. Fermo restando il modello organizzativo fondato sul regime concessorio e autorizzatorio si legge il Governo è delegato ad attuare il riordino delle disposizioni vigenti in materia di giochi pubblici, riordinando tutte le norme in vigore in un codice delle disposizioni sui giochi. L idea di un codice dei giochi, diciamolo subito, ci piace e non da oggi. Già nel corso dei governi precedenti, quando la proposta era stata avanzata dalle forze politiche di allora, il nostro Sindacato si è dichiarato a favore di un documento organico che mettesse finalmente un po di ordine in quel mare magnum che è la legislazione in materia di giochi. Oggi, i giochi hanno assunto una posizione di estrema rilevanza nella società, non solo sotto l aspetto economico e finanziario ma anche sotto quello sociale e dell ordine interno. Se, ai tempi del Totip e dell Enalotto, per disciplinare l universo dei giochi bastava qualche regolamento fondato sulle linee guida a loro volta fissate da un regio decreto, oggi la materia è talmente articolata e integrata ad altre (lotta alla criminalità, antiriciclaggio, salute pubblica, tutela dei consumatori) da richiedere una disciplina ben più attenta, particolareggiata e chiara. Queste esigenze non sono, al giorno d oggi, soddisfatte dalle tante norme stratificatesi, una sopra all altra nel corso del tempo, spesso in modo disordinato se non addirittura illogico. Se dunque apprezziamo in linea di principio il futuro codice dei giochi, allo stesso tempo guardiamo con ansia ad alcuni dei principi e criteri direttivi sui quali si fonderà la sua realizzazione. In particolare, ci preoccupa la previsione di subordinare a determinati parametri di distanza da luoghi sensibili la localizzazione non solo delle sale giochi e dei negozi (sulla cui opportunità non abbiamo dubbi) ma anche degli esercizi in genere nei quali siano installate le newslot. 7

8 Con riferimento a questi ultimi, riteniamo dovrebbe essere fatto un taglio selettivo, lasciando la facoltà di installare le macchine esclusivamente a soggetti qualificati, normativamente individuati, e prescindendo dalla loro distanza da luoghi sensibili. Non è infatti la vicinanza dell offerta a determinare nocumento alla salute in particolare dei minori, quanto l eventuale non qualità dell offerta stessa. Sotto questo aspetto, è evidente la differenza esistente tra un esercizio soggetto a semplice licenza comunale e uno guidato da un operatore di gioco professionale, concessionario dello Stato e munito di ogni sorta di licenza di Pubbli ca Sicu rezza qual è il tabaccaio. Stando all attuale formulazione dell art. 14, alla pianificazione dei luoghi ove inibire l installazione di slot per motivi di distanza dai luoghi sensibili, parteciperanno anche i Comuni. Sotto questo aspetto, riterremmo più giusto che ai Comuni fosse devoluta parte dei proventi derivanti dalle slot piuttosto che consentire loro di definire quali siano i luoghi sensibili, pur nel rispetto di una generale uniformità normativa nazionale. Del resto, l attuale accentramento delle de cisioni in materia in capo all Area Mono poli de l l Agenzia delle Dogane è ragionevolme nte do vu to al suo ruolo di ente regolatore del settore. In tale veste, spetterebbe comunque ai Monopoli pianificare direttamente la rete di raccolta sulla base di criteri non solo geografici ma anche, e soprattutto, soggettivi relativamente alle tipologie di punti vendita (magari individuando i soli punti qualificati rappresentati dai tabaccai-ricevitori). In tal senso, dovrebbe essere interpretata la disposizione, anch essa contenuta nella delega fiscale, volta a introdurre il titolo abilitativo unico all esercizio di offerta di gioco. Si tratterebbe, in sostanza, di una sorta di patentino rilasciato solamente ai soggetti ubicati negli ambiti territoriali pianificati. Al di là di queste considerazioni, all atto pratico, già diversi Comuni e Regioni hanno legiferato in materia di localizzazione dei punti vendita (con ciò anticipando le analoghe norme contenute nella delega fiscale) ma ciò non significa che lo abbiano fatto con piena legittimazione. Secondo una lettura costituzionalmente orientata, infatti, la materia dei giochi, in quanto rientrante nell alveo dell ordine pubblico, è di esclusiva competenza della legge statale. Alla luce di tale considerazione, il nostro Sindacato ha impugnato, dinanzi al TAR del Lazio, il Regolamento del comune di Genova, primo fra tutti a fissare regole stringenti in tema di distanze da luoghi sensibili (tra cui sono annoverati anche gli stabilimenti balneari ), con conseguente impossibilità per molti tabaccai di ottenere le richieste licenze di Pubblica Sicurezza per installare giochi quali le newslot. Altra regola contenuta nel disegno di legge direttamente incidente sul nostro lavoro è quella volta alla rivisitazione degli aggi e compensi spettanti ai concessionari e agli altri operatori secondo un criterio di progressività legata ai volumi di raccolta delle giocate. Il nostro margine di guadagno sulla raccolta si è assottigliato nel corso degli anni a causa di diversi fattori: il calo tendenziale di alcuni giochi, la concorrenza di prodotti di gioco non fruibili presso le nostre ricevitorie (gioco on line e vlt) il crescente aumento dei costi di ricevitoria (tra cui soprattutto i vituperati canoni). Perdurando questi fattori di riduzione, la norma che lega il nostro aggio ai volumi di raccolta potrebbe rivelarsi nociva. Del resto, non aiuterebbe neppure continuare a percepire una percentuale fissa su volumi sempre più marginali. Di fronte a questi scenari, il nostro Sindacato lavorerà soprattutto nel senso di ottenere una riduzione dei costi di ricevitoria dedicandosi in particolare alla questione dei canoni. Dall approvazione dell art. 14 della delega fiscale che dovrebbe intervenire a breve discenderanno cambiamenti significativi ma non immediati. Sulla carta, infatti, il Governo avrà dodici mesi decorrenti dall entrata in vigore; per adottare i decreti delegati. n 8 Il Ricevitore Italiano - Organo Ufficiale STS

9

10 PIANETA GIOCHI ATTENTI AL LUPO! IL RISCHIO DI ESAGERARE NEL CONTRASTO ALLA LUDOPATIA Ludopatia: rischi e pericoli legati alla pratica del gioco del burraco tra gli anziani del Comune di Verona. È stato l argomento affrontato dalla V Com - mis sione consiliare alla fine di agosto sco r so, durante una delle ultime riunioni prima della pausa estiva. Nell ambito di una più ampia azione volta alla valorizzazione del patrimonio rappresentato dagli anziani che dovrebbero diventare protagonisti nei quartieri i consiglieri dibattevano sull opportunità di diversificare l offerta ricreativa presso i centri anziani. La diversificazione passerebbe per una limitazione dei tempi in cui i frequentatori dei suddetti centri potrebbero dedicarsi alle partite di burraco, ritenuto rischioso per la loro salute. In proposito, osserviamo che non ci risulta che nella tabella dei giochi proibiti, pre disposta e approvata dal Questore di Verona e vidimata dal Sindaco, sia incluso questo innocente gioco di carte. Così come non ve ne sono indicati altri quali la scopa, la briscola e il rubamazzetto... vale a dire, i classicissimi giochi di carte dei quattro amici al bar! Ecco perché ci sorprende questa im - provvisa offensiva nei confronti di un gioco più che lecito, che allieta da sempre le giornate dei tanti nonni che si ritrovano insieme ai tavoli dei circoli per gli anziani. Non sarà che lo slancio contro la dipendenza dal gioco stia travalicando i limiti della ragionevolezza, come fosse un maremoto che travolge ogni cosa che incontra? La domanda, ovviamente, è puramente retorica. Per evitare gli effetti controproducenti di questo attenti al lupo, è necessario un esame di coscienza da parte di coloro che pur animati dalle migliori intenzioni avanzano proposte che molto difficilmente possono avere la capacità di salvaguardare realmente la salute dei cittadini, giovani o anziani che siano. n 10 Il Ricevitore Italiano - Organo Ufficiale STS

11

12 PIANETA GIOCHI SÌ AI CONTROLLI MA CHE SIANO RAZIONALI PUBBLICATE LE LINEE GUIDA PER LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO DELL AREA MONOPOLI Il Vice Direttore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Luigi Magistro ha recentemente firmato il documento che detta le linee guida delle attività di controllo nelle materie di competenza dei Monopoli, vale a dire i tabacchi e i giochi. Il nuovo modello di riferimento per pianificare ed eseguire i controlli si basa su una classificazione dei soggetti da controllare in diverse macro-tipologie. Per ciascuna di esse e in ragione delle rispettive caratteristiche e grado di rischio, sono previste metodologie di intervento personalizzate. Scorrendo il voluminoso protocollo scopriamo che, con riferimento alla materia dei giochi, sono individuate due principali macrotipologie, quella dei concessionari e quella dei punti della rete fisica. Tra questi ultimi, si fa distinzione tra negozi di scommesse, sale bingo, sale vlt, pubblici esercizi con attività di gioco e rivendite di tabacchi con concessione del gioco del Lotto. Le nostre tabaccherie-ricevitorie di giochi diversi dal lotto, fanno dunque parte della tipologia comprendente i pubblici esercizi e vengono sostanzialmente separate dai tabaccai lottisti. Sotto questo aspetto, avremmo meglio compreso una distinzione tra pubblici esercizi e tabaccherie in genere (con o senza Lotto) piuttosto che quella che mette alla stessa stregua dei bar tutte le tabaccherie prive di lotto. A pensarci bene, infatti, la tabaccheria si distingue nettamente da qualsiasi altro esercizio pubblico, in virtù della speciale licenza per la rivendita di generi di monopolio. Ma tant è, nelle linee guida dei Monopoli figurano, seppure con i dovuti distinguo, nello stesso paragrafo dedicato ai caffè e, proprio così, ai CTD presenti sul nostro territorio nazionale. Con riferimento a questi ultimi, i Monopoli, non potendo ignorare la giurisprudenza nazionale e comunitaria sviluppatasi sul tema, prevedono il differimento delle sanzioni all esito dell eventuale contenzioso amministrativo. Ma torniamo alle nostre ricevitorie. Si è detto che il protocollo dei controlli fa i dovuti distinguo affermando che gli esercizi che offrono unicamente gioco tramite awp presentano maggiori e più specifici profili di pericolosità rispetto a quelli con offerta di gioco diversa. Per questa ragione, a loro va destinata una parte consistente dei controlli. Con riferimento agli esercizi che raccolgono scommesse (i corner ippici e sportivi) i controlli avranno oggetto la correttezza degli adempimenti relativi alla contabilizzazione delle giocate, ai versamenti e all idoneità della tecnologia adottata. La competenza dei controlli effettuati mediante accesso diretto dei funzionari all interno del locale è dell Ufficio Regionale AAMS che procederà alle verifiche. Da notare che uno dei criteri che sottostanno alla verifica è l assenza di controlli nell anno precedente. Come a dire, se l anno scorso non avete avuto controlli, aspettateveli nei prossimi mesi... Così come ci si dovrà preparare nel ca - so in cui il locale si trovi nelle vicinanze di luoghi sensibili quali chiese e scuole o nel caso in cui sia stata registrata qualche anomalia nei volumi di raccolta o nelle banche dati di gestione. n 12 Il Ricevitore Italiano - Organo Ufficiale STS

13 PIANETA SCOMMESSE GOLDBET: PRESENZA ANOMALA IN ITALIA LA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA AVALLA NUOVAMENTE IL NOSTRO SISTEMA CONCESSORIO Un altra importante sentenza della Corte di Giustizia europea si aggiunge al complicato quadro giuridico in materia di scommesse. Si tratta della cosiddetta Sentenza Biasci, con la quale gli eurogiudici hanno sostanzialmente avvalorato il sistema italiano della doppia autorizzazione per gli operatori che raccolgono scommesse nel nostro Paese. Materia del contendere, la questione pregiudiziale sollevata dal titolare di un punto di raccolta GoldBet, allibratore austriaco presente in Italia attraverso diversi centri di trasmissione dati. Il titolare in questione, dopo che la Questura gli aveva negato il rilascio della licenza di Polizia per la raccolta delle scommesse, era ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale per la Tosc - a na con lo scopo di ottenere l annullamento della suddetta decisione di rigetto. È a questo punto che il TAR, ritenendo di trovarsi di fronte a una situazione similare a quella che aveva dato origine all ormai famosa sentenza Costa-Cifone (che riguardava però un punto Stanley), si è rivolto alla Corte di Giustizia Europea. Quest ultima, in buona sostanza, è stata chiamata a rispondere alla seguente domanda: la procedura di autorizzazione di Polizia, prevista dall art. 88 del TULPS, è compatibile con il diritto comunitario, nella fattispecie con i principi di libertà di stabilimento e di libera circolazione dei servizi nell ambito della Comu - nità europea? Il Ricevitore Italiano - Organo Ufficiale STS 13

14 La risposta contenuta nella sentenza è del tutto affermativa. L obbligo di ottenere la licenza di Polizia per l esercizio delle scommesse non è incompatibile con il diritto comunitario così come non lo è limitare il suddetto rilascio ai soli soggetti in possesso di una concessione rilasciata dallo Stato. Sulla base di questo principio, già so - stenuto nella sentenza Placanica, i giudici europei hanno sostanzialmente confermato la validità del sistema autorizzatorio sancito nel testo unico delle leggi italiane di pubblica sicurezza. Ma non è tutto. La Corte ha anche sostanzialmente af - fermato la legittimità del fatto che un operatore di scommesse, autorizzato a tale attività dal proprio Stato di appartenenza, debba ottenere analoga concessione per operare presso un altro Stato membro. Questo perché, allo stato attuale del diritto dell Unione, non è sancito alcun obbligo di reciproco riconoscimento delle autorizzazioni rilasciate dagli Stati che vi appartengono. D'altronde, nell ambito delle misure volte a tutelare i consumatori e a prevenire i fenomeni criminali e sempre nel rispetto di determinati principi di diritto europeo, è legittimo che cia- scuno Stato subordini l esercizio delle scommesse alle proprie regole autorizzatorie. Ed è logico che sia così se si vuole rispettare il diritto dei singoli Stati di sorvegliare direttamente le attività economiche che si svolgono sul loro territorio; diritto che non si esplicherebbe se ciascuno Stato dovesse potersi fidare solo ed esclusivamente dei controlli attuati dagli altri Stati. Da quanto considerato fino a qui, si comprende molto bene quale fondamentale importanza ricopra la Sentenza Biasci per l Italia, dove i CTD affiliati a bookmakers stranieri so - no sempre più numerosi. Ma la Goldbet, come esce da questa pronuncia? In modo nettamente diverso dalla Stanley la quale, a seguito della sentenza Costa Ci - fone, ha ottenuto la non punibilità a livello penale per i suoi CTD privi di licenza di Pub - blica Sicurezza. Questa condizione consegue direttamente al riconoscimento dell ingiusta esclusione della Stanley dai bandi Bersani. Esclusione che le ha cagionato un pregiudizio sul piano della parità di trattamento. Per quanto riguarda la Goldbet, la Corte europea rimanda al giudice nazionale (nella fattispecie quello italiano), la valutazione circa la posizione della società austriaca rispetto ai bandi Bersani. Dovrà insomma valutare il giudice se la Goldbet abbia o no partecipato alla gara o abbia ottenuto concessioni tramite una società italiana controllata o, ancora, abbia rinunciato a candidarsi per ottenere una concessione a causa dell indeterminatezza di alcune disposizioni contenute nei bandi Bersani. Solo dopo aver risposto a queste do - mande, il giudice potrà appurare se la Goldbet sia stata vittima di trattamento discriminatorio (al pari della Stanley) oppure, al contrario, debba essere inclusa tra gli operatori preesistenti alla gara stessa e, per ciò stesso, avvantaggiati rispetto ad altri candidati inediti. In buona sostanza, dalle risposte a questi accertamenti da parte del giudice italiano discenderà la possibilità o l impossibilità di applicare i principi della Costa-Cifone anche alla Goldbet. In attesa, quindi, dei futuri sviluppi della delicata vicenda, non possiamo non esprimere soddisfazione per questa nuova, importante sentenza europea che rende giustizia al sistema concessorio italiano, confermandone l assoluta validità e compatibilità con il sistema giuridico dell Unione. n 14 Il Ricevitore Italiano - Organo Ufficiale STS

15

16

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013

La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale. Parigi, 16 aprile 2013 La Corte costituzionale italiana e la portata di una dichiarazione di illegittimità costituzionale Gaetano Silvestri Parigi, 16 aprile 2013 1. Premessa L effetto tipico delle sentenze della Corte costituzionale

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 SOCIETA

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità

Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità Licenziamenti nel settore pubblico e la riforma dell art. 18 Cronaca di una specialità di Francesco Verbaro Il dibattito scaturito con la riforma dell art. 18 ha colpito in maniera inaspettata il mondo

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli