L utilizzo dei dati ARNO nella rete delle ASL Documentazione di 20 anni di attività

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L utilizzo dei dati ARNO nella rete delle ASL Documentazione di 20 anni di attività"

Transcript

1 L utilizzo dei dati ARNO nella rete delle ASL Documentazione di 20 anni di attività Rapporto Volume X Collana Rapporti ARNO CINECA - SISS - Sistemi Informativi e Servizi per la Sanità

2 ISBN CINECA, Consorzio Interuniversitario CINECA via Magnanelli 6/ Casalecchio di Reno (Bologna) - ITALY Tel Fax In copertina: Lucas Cranach il Vecchio ( ): La Fontana della Giovinezza, 1546 Berlino, Gemäldegalerie, Staatliche Museen zu Berlin Foto Scala, Firenze/BPK, Berlin E possibile stampare o salvare i fi le che compongono l intera pubblicazione accedendo al sito: Editore: CENTAURO s.r.l. Edizioni scientifi che Bologna - Telefono:

3 La documentazione di 20 anni di attività Con l Osservatorio ARNO, nato nel giugno del 1987, il CINECA ha messo a disposizione della comunità scientifi ca le sue risorse tecnologiche e le sue competenze di trattamento e analisi dell informazione, per integrare i dati relativi al consumo dei farmaci con quelli della popolazione. Il risultato è stato la realizzazione di un database in grado di fornire dati estremamente signifi cativi e indicatori statistici, sia in termini epidemiologici che di impatto sulle risorse e sui costi economici e sociali, nelle diverse fasce d età della popolazione e per le diverse patologie. L Osservatorio, che oggi compie vent anni, è nato fi n dagli inizi come progetto con caratteristiche tecnologicamente avanzate: già nella sua prima versione, le ASL vennero messe in rete e interrogavano il database da remoto utilizzando la rete Internet pubblica. Oggi la sua attività coinvolge 30 Aziende Sanitarie Locali in 7 Regioni italiane, segue i dati di una popolazione di 10 milioni di abitanti registrando le prescrizioni di medici di base e di medici pediatri, con una banca dati storica di 640 milioni di ricette. Questo decimo volume dei Rapporti ARNO, che siamo lieti di presentare in occasione del ventennale, raccoglie la documentazione dell utilizzo dei dati di ARNO nella rete delle ASL con scopi di pubblicazioni scientifi che, presentazioni a congressi e programmi di formazione e ricerca rivolti ai medici di medicina generale, al pubblico o alla comunità scientifi ca. Casalecchio di Reno, 11 giugno 2007 Mario Lanzarini Direttore CINECA III

4

5 La documentazione di 20 anni di attività IL GRUPPO DI LAVORO Coordinamento Marisa De Rosa - CINECA Comitato di redazione Antonella Pedrini 1, Marisa De Rosa, Elisa Rossi, Elisabetta Fedozzi, Alessandra Berti, Gianni Tognoni 2 1 Responsabile del Servizio Farmaceutico Territoriale ASL 15 Alta Padovana 2 Direttore Consorzio Mario Negri Sud - Centro Studi SIFO, Chieti Gruppo di lavoro rete ASL - ARNO (a dicembre 2006) Veneto 1 Belluno Margherita De Cal 3 Bassano Margherita Cecchetto 5 Ovest Vicentino Maria Paola Cariolato, Chiara Vencato 6 Vicenza Roberto Gallo, Anna Maroni, Paola Valpondi 7 Pieve di Soligo Daniela Maccari 8 Asolo Loreta Marchetti 13 Mirano Luisa Cordella 14 Chioggia Bianca Pari 15 Alta Padovana Antonella Pedrini, Elisabetta Minesso, Olivia Basadonna 16 Padova Anna Maria Grion, Francesca Bano, Umberto Gallo, Michele Ragazzi 17 Este Maria Gabriella Zogno, Eva Draghi, Elena Berti 18 Rovigo Luisa Monti, Nadia Marise 19 Adria Grazia Rizzotti, Vincenzo Lolli 20 Verona Luigi Mezzalira, Margherita Andretta, Chiara Tibaldo, Luca Trentin, Sara Amadei 21 Legnago Silvia Brasola, Samuela Pinato 22 Bussolengo Francesco Binetti, Loretta Castellani Marche 7 Ancona Gaetano Paci, Simona Chiorrini Lazio 1 Roma A Anna Teresa Calamia, Giovanna Riccioni, Lorella Lombardozzi 4 Roma D Roberta Di Turi, Alessandra Blasi Abruzzo 6 Teramo Antonio Orsini, Ilenia Senesi, Davide Re Toscana 2 Lucca Danila Garibaldi, Luisa Mazzarri, Barbara Fazzi 6 Livorno Fabio Lena, Anna Giordani, Marina Rubinelli, Maria Laura Camilli, Annabella Patacca, Carlo Cirenei 10 Firenze Teresa Brocca, Paolo Batacchi 12 Viareggio Gianni Grossi, Marisa Rais Liguria 3 Genova Mario Grossetti, Adele Coccini, Francesca Giannoni, Francesco Tagliavacche, Daniele Gabbai, Nadia Miolo, Elena Pagnan, Simona Bottino, Attilio Profumo 4 Chiavari Rosanna Carniglia De Carli 5 La Spezia Alessandro Sarteschi, Simona Domenichini, Mirca Moruzzo, Laura Venturini, Monica Bricchi, Laura Allegri Campania 5 Caserta 2 Annamaria Tamburrino, Agostino Arzillo 6 Napoli 1 Gaetana La Bella, Antonio Stellato, Simona Creazzola, Claudia De Marino, Giovanna Margiotta 9 Napoli 4 Eduardo Nava, Rita Castaldo Gruppo di lavoro CINECA Massimo Alessi, Alessandra Berti, Paolo Busca, Stefano Capelli, Andrea Dalessandro, Luca Demattè, Giuseppe De Vitis, Elisabetta Fedozzi, Giorgio Gori, Luca Govoni, Elisa Rossi Segreteria di redazione Valentina Colussi - CINECA V

6

7 La documentazione di 20 anni di attività INDICE Il gruppo di lavoro Indice L Osservatorio ARNO Le ASL della rete ARNO Materiali e metodi V VII IX X XI Presentazione del volume 1 Sezione I - Pubblicazioni 5 Sezione II - Presentazioni a congressi 31 Sezione III - Attività di formazione 87 Sezione IV - Rapporti ARNO 95 Sezione V - Convegni ARNO 105 Sezione VI - Rassegna stampa 111 Indice per autore 131 Indice per ente di appartenenza 139 VII

8

9 La documentazione di 20 anni di attività L OSSERVATORIO ARNO Cos è ARNO? L Osservatorio ARNO è un osservatorio multicentrico delle prestazioni sanitarie erogate dal SSN al singolo cittadino il cui scopo è quello di fornire alle ASL convenzionate, un Data Warehouse clinico con i dati raccolti per ogni singolo paziente (es. ricette di prescrizione farmaceutica, Schede di Dimissione Ospedaliera, specialistica ambulatoriale...) con la possibilità di esplorare in dettaglio gli interventi sul singolo assistito e di elaborare progetti di Disease Management, Bench Marking, appropriatezza prescrittiva, studi di coorte e registri di patologia, indicatori statistici e di confronto con le altre ASL. Attivo da più di 20 anni, l Osservatorio ARNO è composto da una rete di 30 ASL sparse sul territorio nazionale e contiene i dati di circa 10 milioni di abitanti. Disponibile via web, mette a disposizione dell utente percorsi di analisi navigabili strutturati a seconda dei diversi profi li di popolazione. I flussi informativi per ogni singlolo paziente farmaceutica Farmaci SDO Anagrafi ca medici BD integrate Durg ICD IX-CM ADI Specialistica Diagnostica Anagrafi ca assistiti Anagrafi ca farmacie INTERNET ISTAT Erog. diretta Piano terapeutico AIR DB ARGO (dati in dettaglio per ogni ASL partecipante DB ARNO (visione aggregata) Peculiarità Arno-Osservatorio consente di: valutare i bisogni terapeutici e l appropriatezza delle risorse; controllare e verifi care nel tempo l impatto degli interventi sulla qualità e sui costi dell assistenza; evidenziare popolazioni (bambini, anziani, donne, persone con diabete, ecc ) da seguire, sorvegliare, valutare e coinvolgere nel contesto di programmi di intervento; valutare, in accordo con gruppi di medici e/o di loro rappresentanze culturali, i problemi presenti nella pratica dei singoli medici (omogeneità-eterogeneità, carichi assistenziali, strategie terapeutiche, linee guida, sperimentazione clinica, ). Le problematiche poste dal tipo, dalla mole dei dati e dalla complessità del fenomeno della prescrizione farmaceutica hanno reso indispensabile la costituzione di un gruppo di lavoro multidisciplinare dotato di competenze metodologiche, sia in campo di analisi sanitarie che tecnologiche ed informatiche, fra loro fortemente integrate a partire da una base comune di dati. IX

10 La documentazione di 20 anni di attività LE ASL DELLA RETE ARNO Liguria Chiavari La Spezia Genova Toscana Firenze Livorno Lucca Viareggio Lazio Roma A Roma D Veneto Adria Alta Padovana Asolo Bassano del Grappa Belluno Bussolengo Chioggia Este Marche Ancona Abruzzo Teramo Legnago Mirano Ovest Vicentino Padova Pieve di Soligo Rovigo Verona Vicenza % popolazione ARNO sul totale della regione rappresentata (fonte ISTAT) Regione % Veneto 74,5 Liguria 68,1 Toscana 42,9 Campania 36,8 Abruzzo 23,0 Lazio 21,5 Marche 16,0 Italia 17,0 Campania Caserta 2 Napoli 1 Napoli 4 I numeri Dati ANNO Descrizione del campione Dati aggiornati a Maggio 2007 Numero ASL partecipanti 30 Regioni partecipanti 7 Popolazione totale (M=48% - F=52%) Numero medici di base Numero medici pediatri Numero di trattati N. ricette/anno Banca dati storica 640 milioni di ricette Dati ANNO Indicatori % trattati / assistibili 69,1 Indice di vecchiaia 147,7 Numero medio di ricette annue per abitante 9,9 Costo medio per ricetta ( ) 25,35 Spesa media per abitante ( ) 198,92 Spesa media per trattato ( ) 289,05 Numero medio di pezzi per abitante 14,8 Numero medio di pezzi per trattato 21,5 Periodicamente, il CINECA realizza un rapporto sul consumo dei farmaci in Italia, che si affianca ad alcune monografie orientate verso popolazioni mirate: bambini, donne ed anziani. La collana dei rapporti ARNO è arrivata al suo X Volume (è in corso di pubblicazione l XI volume Osservatorio ARNO Diabete ). Vengono inoltre organizzati corsi di formazione all uso delle banche dati ARNO. X

11 La documentazione di 20 anni di attività MATERIALI E METODI Nasce ARNO Journal Per celebrare i 20 anni dell Osservatorio ARNO abbiamo voluto dare risalto a quello che è stato il valore più importante di ARNO: la competenza del gruppo della rete delle ASL. Per valorizzare tutto questo è stata raccolta la documentazione prodotta con l utilizzo dei dati ARNO, non solo per quanto riguarda le pubblicazioni scientifi che, ma anche e soprattutto per le attività che non emergono, ma che sono parte integrante del lavoro quotidiano, come la farmacovigilanza, gli incontri con i medici, la formazione, le relazioni con la Direzione Generale e altre attività. Non è stato facile raccogliere tutto il materiale, questa documentazione rappresenta infatti solo una piccola parte di ciò che è stato realizzato, ma il suo valore è stato compreso, e la nostra intenzione è farla diventare parte dell Osservatorio. A tal fi ne i singoli articoli e lavori verranno resi disponibili in versione integrale all interno dell Osservatorio ARNO, nella sezione ARNO Journal, con il compito di diffondere informazioni utili e importanti per chi opera in ambito sanitario. Uno stimolo a produrre quei materiali che sono di grande valore a livello decisionale, creando così uno spazio di incontro, di condivisione e di dialogo on-line, rivolto a tutti coloro che si occupano di farmacoepidemiologia. Quello che è presente nella pubblicazione è una catalogazione di tutto il materiale della banca dati di ARNO Journal diviso in sei aree tematiche: Pubblicazioni: articoli pubblicati su riviste nazionali o internazionali Presentazioni a congressi: poster, comunicazioni orali a congressi, slides Attività di formazione: corsi, schede informative, rapporti per i medici. (La parte relativa alle attività di formazione nelle ASL è ancora carente e sarà aggiornata nella visione in linea) Rapporti: le pubblicazioni della collana ARNO e i rapporti regionali Convegni ARNO: i riferimenti dei convegni con l utilizzo dei dati ARNO (CINECA o rete di ASL) Rassegna stampa: articoli pubblicati su riviste e quotidiani nazionali, stampa locale, giornali on-line. ARNO Journal si propone di far emergere e condividere il lavoro e i numerosi contributi della rete di Aziende Sanitarie partecipanti all Osservatorio ARNO. L obiettivo è favorire la divulgazione e la condivisione di contributi scientifi ci e ricerche svolte dalle singole ASL partecipanti al Gruppo di lavoro ARNO. In questo modo sarà resa visibile l attività quotidiana delle Aziende Sanitarie e sarà dato il meritato risalto a tutti i lavori che dai dati del database ARNO sono scaturiti in questi anni. XI

12

13 La documentazione di 20 anni di attività PRESENTAZIONE Dott. Gianni Tognoni Direttore Consorzio Mario Negri Sud - Centro Studi SIFO, Chieti In un campo come la medicina e la farmacologia, che si considerano e spesso si citano come discipline che per essere credibili devono rinnovarsi radicalmente ogni 5 anni, fermarsi a festeggiare i 20 anni di un progetto di farmacoepidemiologia impone un esercizio di rifl essione disincantato: sull attualità ed il senso del progetto stesso (al di là della permanenza del suo acronimo), e perciò, anzitutto, sul suo rapporto con il mondo, suo interlocutore obbligatorio: la vocazione originale della farmacoepidemiologia infatti è quella di prendere sul serio il fatto che prescrizioni e prescrittori sono traccianti sensibili di quella terra di mezzo che sta tra contenuti e valori medico-farmacologici di salute pubblica ed esigenze-tendenze-regole del mercato, in tutte le sue espressioni. 1. La prima riflessione disincantata di questo compleanno riguarda dunque, necessariamente, il se, quanto, in che direzione è cambiato il contesto mondo. Non c è dubbio che sia cambiato molto da quel primo incontro del 1987 che prometteva fi n dal titolo, grazie ad un sistema integrato di analisi dei dati farmaceutici, di mettere a disposizione uno strumento di gestione (= di riconduzione a comprensione e programmazione razionale) dell universo del farmaco. Senza ovviamente pretendere di fornire una sintesi esaustiva, nei 20 anni trascorsi lo scenario è cambiato profondamente. a) Ad una accentuazione, tutta interna alla medicina delle possibilità-necessità di pratiche basato sulla rigorosità delle prove di effi cacia ha corrisposto una crescente coscienza-diffusione di un sistema di produzione delle prove stesse che fondano la EBM, condizionato e viziato da confl itti di interesse strutturali, con una perdita, parallela ed armonizzata delle capacità-volontà delle autorità regolatorie di essere attori terzi, con obiettivi di salute pubblica. b) Nella macroeconomia si è sviluppata e progressivamente imposta, una visione della sanità-medicina centrata su carichi assistenziali e perciò sui loro costi e sulla relativa sostenibilità economica rispetto agli altri capitoli di PIL e bilanci con una marginalizzazione della lettura epidemiologica dei bisogni e dei diritti inevasi violati delle popolazioni. c) A livello nazionale, quasi a voler dimostrare che l Italia, se vuole, può fare la prima della classe, ha inventato dall oggi al domani la trasformazione del SSN in senso aziendale, che concentra programmazione e gestione attorno a budget, tetti di spesa, indicatori di effi cienza, che immaginano la sanità come il comparto più lineare, razionalizzabile, virtuoso di tutti i settori del mondo produttivo. d) Nel macro-mercato dei beni sanitari ad una progressiva diminuzione quali-quantitativa di innovazione, si è accompagnata una politica di costi-prezzi sostanzialmente sganciati del loro valore diagnosticoterapeutico, e giustifi cati solo dalla volontà di garantire ritorni rapidi di guadagni ad una industria della salute (non solo dei farmaci), sempre più globale, non tanto per le concentrazioni crescenti di produttori, quanto per la sua posizione dominante nel determinare le priorità della ricerca e dei bilanci sanitari. e) Gli osservatori, i monitoraggi, gli audit di performance si sono progressivamente concentrati sulla qualità-appropriatezza delle procedure, più che dei risultati, clinico-assistenziali ( outcomes ) in un quadro di politiche sanitarie che hanno ri-esumato (nell immaginario, prima ancora che nelle pratiche) il vecchio concetto di essenzialità, ma al ribasso : non ciò che programmato per rispondere in modo privilegiato 1

14 Presentazione ai bisogni inevasi delle maggioranze e delle minoranze, ma ciò che è minimamente compatibile con i bilanci predefi niti a priori con criteri economico-fi nanziari (non è questa la logica di fondo dei LEA, e/o dei tetti, svincolati come sono da una progettualità forte, condivisa, politica?). 2. È interessante-curioso? inatteso? rassicurante? da prendere come opportunità che proprio il settore del farmaco abbia coinciso, in Italia, a livello istituzionale, con una evoluzione estremamente favorevole, inaugurata all inizio degli anni 90, accentuatasi alla loro fi ne, nella defi nizione del quadro di riferimento soprattutto legislativo riguardante la produzione di conoscenze, le sue regole ancor di più, la sua progettualità: al di là del recepimento, dovuto, della normativa europea sulla sperimentazione (che non rappresenta certo un punto avanzato, dal punto di vista culturale, rifl ettendo con le esigenze di un mercato sempre più uniforme, per essere funzionale alla sua globalità-ripetitività), non è diffi cile ritrovare un fi lo conduttore nella articolazione di provvedimenti, decreti, documenti su: i C.E. come rete di stimolo alla ricerca, e non solo come controllori di correttezza procedurali; la sperimentazione in MG (= i risultati devono essere prodotti da chi li utilizzerà); la sperimentazione indipendente come espressione di una assistenza orientata alle domande di salute pubblica, che ancora non hanno una risposta AIFA sembra esprimere la possibilità istituzionale di mantenere non solo la memoria, ma soprattutto la direzione di una politica del farmaco mirata a coinvolgere tutta l assistenza in un impegno culturale, di cui la razionalizzazione anche della gestione economica è un prodotto, e non la pre-condizione. 3 Il senso, e l attualità, del progetto ARNO possono essere valutati appieno sullo sfondo, dialettico, dei due scenari appena delineati. Con la sua logica di rete di ASL sparse sul territorio nazionale (e le sue forti articolazioni con gruppi professionali, assistenziali, di ricerca), ARNO presenta due caratteristiche complementari: da una parte c è una continuità quasi una invarianza rispetto all obiettivo di guardare a numeri, percentuali, incroci di spese e consumi, in modo rigoroso (quasi contabile, aziendale?) per permettere confronti, rifl essioni, approfondimenti ben radicati nelle variabilità delle realtà locali, e non solo preoccupati e soddisfatti delle stime medie o mediane ; dall altra parte c è la proposta ripetuta, insistente, di usare i numeri (di prestazioni-prescrizioni-consumicosti-spesa) come punto di partenza e non di arrivo, strumento di lavoro, e non un prodotto fi nito, da utilizzare intensivamente come opportunità, obbligo di dialogo da parte dei protagonisti, e non da commentare in una logica amministrativa. Ascoltando, facendosi eco, anticipando, accompagnando esperienze e proposte che, nella ricerca-sanità italiana ed internazionale condividevano la stessa posizione di resistenza alla deriva gestionale-economica del mondo della medicina, ARNO ha privilegiato via via l attenzione alle popolazioni ed ai problemi; non accontentandosi di pubblicare tabelle e fi gure divenute di riferimento per il rigore dei metodi di pulizia e di elaborazione dei dati; ma proponendo incontri e testi che sottolineavano la priorità di sviluppare una mentalità, e delle pratiche, nelle quali fossero in primo piano le popolazioni, con le loro specifi cità di età, di genere, di contesti assistenziali, la farmacoepidemiologia che propone sempre più, in un mondo che cambia, una sua interpretazione come epidemiologia (=storia, racconto, rifl esso, proiezione) di ciò che l indicatore farmaco permette, ed obbliga, vedere dalla sua posizione di variabile sentinella, alla frontiera tra progettualità di salute-diritto e attualità di politiche di mercato. 2

15 La documentazione di 20 anni di attività 4 Non tocca certo a chi ha fatto parte della storia di ARNO, e ne condivide con tante/i colleghe/i la festa di compleanno, fare bilanci di merito, più o meno positivi o negativi, ottimisti e disincantati. Era opportuno qui esplicitare almeno, per condividere la traccia di memoria che, come nella vita, e soprattutto quando si è tanto giovani come a 20 anni, nei compleanni serve a guardare avanti. La composizione di questo volume-bibliografi a ed album di famiglia è in questo senso una indicazione di metodo, più che una affermazione di produttività. ARNO rimane anzitutto documentazione, ed invito ancor più forte, ad esser rete di produttori-utilizzatori di conoscenza. Se non si prende la parola, continuamente, nei modi più diversi, con gli interlocutori più disparati, il linguaggio (scritto, parlato, agito, vissuto) si corrompe o si perde: per smemoratezze, per concessione alle tendenze prevalenti o più rumorose, perché sembra di parlare ormai un dialetto da minoranze, che fa folklore, ma non ha risonanza nei talk-show. ARNO è una proposta per questo non limitata alle/ai sue/suoi protagonisti storici ed attuali di una epidemiologia multicentrica, che si confronta, si riconosce come collettività: senza nessuna concessione alle emotività dell essere parte dello stesso gruppo : ma con la coscienza che si tratta di una esigenza metodologica e culturale (politica?) tutt altro che facile da mantenere. Come quando si fanno reti per trial multicentrici di popolazione per rendere visibile la possibilità che l assistenza sia ricerca almeno come, e spesso più della ricerca per registrare prodotti e se il progetto c è, è possibile anche realizzarlo. Se si perde la memoria del progetto, la realizzazione dei protocolli potrà solo riguardare la produzione di numeri, e non di cultura, né di conoscenza originale-utile. Nei 20 anni di ARGO lo si è visto-appreso molto bene. E per questo che il compleanno è una proposta-verifi ca per camminare; il cambiamento dei contesti è solo una conferma della possibile, disincantata attualità dell ipotesi. 5 Un ultima nota, anche questa di memoria, e di metodo: non banale, né marginale, nella sua apparente leggerezza. I rapporti ARNO si sono, presto, caratterizzati, e lo confermano con questa edizione di compleanno, per le loro copertine (di cui penso tutte/i dobbiamo ringraziare-specifi camente, e non è poco, le scelte concrete e il senso simbolico, simbolo MDR). Si propone-ricorda che la bellezza e perciò lo spaesamento, il guardare lasciandosi guardare per vedere ed essere invitati a scoprire l adozione di mondilinguaggi-immaginari altri, - sono porta d entrata e chiave di lettura comprensione utilizzazione di numeri e fi gure: questi pretendono di riassumere ciò che succede all attesa-esperienza di salute-malattia di popolazioni: la bellezza altre delle immagini: e, forse, uno dei modi imprescindibili per ricordare-garantire che gli individui di quelle popolazioni abbiano un attenzione non intrappolate in sguardi amministrativogestionali. Bibliografia 1) A caro prezzo. Le diseguaglianze nella salute. 2 Rapporto dell Osservatorio Italiano sulla Salute Globale. Edizioni ETS ) Gaia MARSICO. La sperimentazione umana. Diritti violati/diritti condivisi. Collana Scienze Umane e Sanità. Franco Angeli ) Documento programmatico sulla sperimentazione clinica dei medicinali. Guida all adozione dei decreti attuativi. Bollettino di Informazione sui Farmaci 1: 6-8,

16

17 Sezione I Pubblicazioni

18

19 La documentazione di 20 anni di attività Autori: M. Andretta (1), A. Donini (1), L. Trentin (1), C. Tibaldo (1), S. Amadei (1), M. Saugo (2),M. Pelizzari (2) (1) ASL 20 Verona, (2) ASL 4 Alto Vicentino Arpa: un progetto per migliorare la qualita' delle prescrizioni in MG Anno: 2007 articolo Pubblicato in: DIALOGO SUI FARMACI, n. 2/2007 Argomento: SELF AUDIT Parole chiave: farmacoepidemiologia, appropriatezza, medici Codice: DOC7 Full text: pubblicazioni Autori: L. Castellani (1), A. Spolaor (2), A. Pedrini (3),C.Voci (4),M.DeRosa (4),G.Danti (5) (1) ASL 22 Bussolengo, (2) Regione Veneto, (3) ASL 15 Alta Padovana, (4) Cineca, (5) ASL 20 Verona, Statine e prevenzione cardiovascolare, aderenza al trattamento Anno: 2007 articolo Pubblicato in: DIALOGO SUI FARMACI, n. 1/2007 Argomento: Statine e prevenzione cardiovascolare Parole chiave: statine, prevenzione, diabete, appropriatezza Codice: DOC21 Full text: Autori: C. Anecchino (1), E. Rossi (2), C. Fanizza (1), M. De Rosa (2), G. Tognoni (1), M. Romero (1) (1) Consorzio Mario Negri Sud, (2) Cineca, Gruppo di lavoro ARNO Prevalence of chronic obstructive pulmonary disease and pattern of comorbidities in a general population Anno: 2007 articolo Lingua: inglese Pubblicato in: INTERNATIONAL JOURNAL OF COPD, (in press in 2007) Argomento: BPCO Parole chiave: COPD, prevalence, comorbidity, BPCO, prevalenza, comorbidita' Codice: DOC23 Full text: 7

20 Pubblicazioni pubblicazioni Autori: M. Fontana, A.R. Marchetti, C. Melotti, A. Vaona ASL 20 Verona Ancora novita` sulla terapia ormonale sostitutiva? L'utilizzo della TOS in Italia Anno: 2006 articolo Pubblicato in: DIALOGO SUI FARMACI, n. 1/2006 Argomento: terapia ormonale sostitutiva Popolazione: donne Parole chiave: terapia ormonale sostitutiva, TOS, farmacoepidemiologia Codice: DOC5 Full text: Autori: S. Monte (1), C. Fanizza (1), M. Romero (1), E. Rossi (2), M. De Rosa (2), G. Tognoni (1) (1) Consorzio Mario Negri Sud, (2) Cineca Database amministrativi come risorsa accessibile e strumento efficiente per l'epidemiologia cardiovascolare Anno: 2006 articolo Pubblicato in: GIORNALE ITALIANO DI CARDIOLOGIA, Vol. 7, marzo 2006 Argomento: epidemiologia cardiovascolare Parole chiave: cardiovascolari, farmacoepidemiologia Codice: DOC29 Full text: Autori: L. Castellani (1), S. Muraro (1), C. Barbui (2), M. Font (3) (1) ASL 22 Bussolengo, (2) Universita' di Verona, (3) Dialogo sui farmaci Verona Il piano terapeutico quale utilita'? Anno: 2006 articolo Pubblicato in: DIALOGO SUI FARMACI, n. 2/2006 Argomento: piano terapeutico Parole chiave: registro USL, prontuario terapeutico, medici Codice: DOC14 Full text: 8

21 La documentazione di 20 anni di attività Autori: M. Andretta (1), M. Baviera (1),M.Font (1), R. Joppi (1), M. Mirandola (1), G. Tognoni (2) (1) ASL 20 Verona, (2) Consorzio Mario Negri Sud La depressione in MG Anno: 2006 articolo Pubblicato in: DIALOGO SUI FARMACI, n. 1/2006 Argomento: antidepressivi Parole chiave: antidepressivi, farmacoepidemiologia, medicina generale Codice: DOC40 Full text: pubblicazioni Gruppo di lavoro Cineca, Istituto Mario Negri Nuovi farmaci e loro utilizzo con piccoli pazienti Anno: 2006 articolo Pubblicato in: VII RAPPORTO NAZIONALE SULLA CONDIZIONE DELL'INFANZIA E DELL'ADOLESCENZA, 2006 Argomento: nuovi farmaci e bambini Parole chiave: off-label, farmacoepidemiologia, bambini, cure primarie, pediatria, psicofarmaci, antipsicotici, nuovi farmaci Codice: DOC48 Full text: Autori: C. Voci, E. Rossi, P. Busca, M. De Rosa Cineca Uno strumento di monitoraggio e spesa farmaceutica dell'assistenza territoriale: il sistema ARNO Anno: 2006 articolo Pubblicato in: RAPPORTO OSSERVASALUTE, 2006 Argomento: monitoraggio e spesa farmaceutica Parole chiave: monitoraggio, farmacoeconomia, ADI, assistenza domiciliare integrata, governo clinico, sistema ARNO, spesa farmaceutica Codice: DOC54 Full text: 9

22 Pubblicazioni pubblicazioni Autori: A. Clavenna (1), E. Rossi (2), M. De Rosa (2), M. Bonati (1) (1) Istituto Mario Negri, (2) Cineca Use of psychotropic medications in Italian Children and adolescents Anno: 2006 articolo Lingua: inglese Pubblicato in: EUROPEAN JOURNAL OF PEDIATRICS, giugno 2006 Argomento: antidepressivi nei bambini ;adolescenti Parole chiave: child, adolescent, pediatrics, psychotropic drugs, drug utilization, bambini, adolescenti, psicofarmaci, antipsicotici, antidepressivi, farmacoepidemiologia, pediatria, cure primarie Codice: DOC24 Full text: Cineca, Istituto Mario Negri Bambini e farmaci: il profilo prescrittivo nelle cure primarie Anno: 2005 articolo Pubblicato in: RAPPORTO EURISPES, anno scheda 23 Argomento: bambini e farmaci Parole chiave: bambini, farmacoepidemiologia Codice: DOC281 Full text: Autori: E. Rossi Cineca Donne e farmaci Anno: 2005 articolo Pubblicato in: BOLLETTINO SIFO, vol.51, n.2 mar-apr 2005 Popolazione: donne Parole chiave: donne, farmacoepidemiologia, monitoraggio Codice: DOC31 Full text: 10

23 La documentazione di 20 anni di attività Autori: V. Scurti (1), M. Font (2), C. Anecchino (1),S.Monte (1), C. Canizza (1), M. Andretta (2),M. Mirandola (2), S. Pinato (2), M. Romero (1) (1) Consorzio Mario Negri Sud, (2) ASL 20 Verona Epidemiologia della cronicita': definizioni;metodologia;scenari modello Anno: 2005 articolo Pubblicato in: GIORNALE ITALIANO DI FARMACIA CLINICA, n.2/2005 Argomento: cronicita' Parole chiave: cronicita', epidemiologia, metodologia Codice: DOC32 Full text: pubblicazioni Redazione Dialogo sui farmaci Farmaci antipsicotici: che uso ne facciamo? Anno: 2005 articolo Pubblicato in: DIALOGO SUI FARMACI, n. 4/2005 Argomento: farmaci antipsicotici Parole chiave: antipsicotici Codice: DOC33 Full text: Redazione Dialogo sui farmaci, Rete Regionale di Farmacovigilanza, Aziende Sanitarie ed Ospedaliere Liguri Farmaci antipsicotici: una classe da monitorare Anno: 2005 articolo Pubblicato in: DIALOGO SUI FARMACI, n. 5/2005 Argomento: farmaci antipsicotici Parole chiave: antipsicotici Codice: DOC34 Full text: 11

24 Pubblicazioni pubblicazioni Autori: G. La Bella, B. Creazzola, A. Stellato, A. Venturelli ASL Napoli 1 Farmaci antivirali: la nota AIFA 84 Anno: 2005 scheda informativa Pubblicato in: FARMA LETTER, n. 8 dicembre 2005 Argomento: nota AIFA 84 Parole chiave: note AIFA, antivirali Codice: DOC274 Full text: Autori: A. Clavenna (1), M. Bonati (1), E. Rossi (2),A.Berti (2), M. De Rosa (2) (1) Istituto Mario Negri, (2) Cineca, Gruppo di lavoro ARNO Il profilo prescrittivo della popolazione pediatrica italiana nelle cure primarie: il Rapporto ARNO 2003 Anno: 2005 articolo Pubblicato in: MEDICO E BAMBINO, vol.24, n. 5,maggio 2005 Argomento: prescrizione pediatrica Parole chiave: pediatria, cure primarie, farmacoepidemiologia, bambini Codice: DOC36 Full text: Autori: S. Maschi (1), A. Clavenna (1), E. Rossi (2),A.Berti (2), M. De Rosa (2), M. Bonati (2) (1) Istituto Mario Negri, (2) Cineca La prescrizione di farmaci soggetti a note nella popolazione pediatrica italiana Anno: 2005 articolo Pubblicato in: MEDICO E BAMBINO, Num.6 Anno VIII, 7/2005 Argomento: note AIFA Parole chiave: note cuf, bambini, farmacoepidemiologia Codice: DOC43 Full text: 12

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp.

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Fontanellato San Secondo Nel 2009 nei Nuclei di Cure Primarie (NCP) di Fontanellato

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dr.ssa La Seta Concetta INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Nazionalità Indirizzo Telefono La Seta Concetta 10 Febbraio 1963 Palermo Italiana

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Linee Guida. Redazione e Valutazione. Abstract

Linee Guida. Redazione e Valutazione. Abstract Società Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei Servizi Farmaceutici delle Aziende Sanitarie Linee Guida Redazione e Valutazione Abstract Questo documento è di proprietà della SIFO. Ogni riproduzione, se

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM

IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM Istituto Nazionale di Economia Agraria IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM a cura di Roberta Sardone Edizioni Scientifiche Italiane ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA IL COMPARTO

Dettagli

ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO

ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO Università di Padova Facoltà di Ingegneria TESI DI LAUREA ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO Laureanda: Valentina

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale

Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Arpa Emilia-Romagna. Elenco incarichi conferiti ai Consulenti e Collaboratori esterni nell'anno 2006 - periodo annuale Nominativo / SCS AZIONINNOVA SPA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA UNIVERSITA' LA

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti A.S.L. TO4 Piano della performance ed obiettivi - S.C. Affari Generali Direttore: Dott.ssa Carla CIAMPORCERO FOR Sviluppare le attività di formazione su appropriatez prescrittiva farmaci e prestazioni

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. Natura giuridica. Contatti Via Piero Maroncelli, 40 47014 Meldola, Forlì Cesena. Terapie avanzate nell ambito dell oncologia medica

EMILIA ROMAGNA. Natura giuridica. Contatti Via Piero Maroncelli, 40 47014 Meldola, Forlì Cesena. Terapie avanzate nell ambito dell oncologia medica Altri Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico IRCCS (area di ricerca oncologica) presenti sul territorio nazionale, suddivisi per area geografica Gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

COGNOME NOME DATA NASCITA PRV NASCITA PUNT. UTI PUNT. EXTIT SCUOLA DI RICONF. COD. PREC CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T

COGNOME NOME DATA NASCITA PRV NASCITA PUNT. UTI PUNT. EXTIT SCUOLA DI RICONF. COD. PREC CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T INDIVIDUARE IL PERSONALE DOCENTE DA UTILIZZARE PAG. 1 CLASSE DI CONCORSO:A017 DISCIPLINE ECONOMICO AZIENDALI ANZIVINO MARILENA 07/12/1968 FG 30,00 0,00 CAMPORESE MARIA 27/02/1956 SA 0,00 0,00 SISD00201T

Dettagli

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale CDS Master Organizzazione: Trionfo Ligure - Genova RISULTATI 100 METRI MASTER F Serie Unica VILLA GENTILE - 18 Maggio 2013 Ora Inizio: 16:26 - Vento: +0.4 1 4

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Lunedì 24 Novembre 2014

Lunedì 24 Novembre 2014 DIREZIONE SCIENTIFICA Ministero della Salute Commissione Nazionale Formazione Continua SEGRETERIA ORGANIZZATIVA Sanità Futura Formazione srl 2 4 / 2 5 N o v e m b r e 2 0 1 4 Pa l a z z o d e i c o n g

Dettagli

GO FAR! Comenius Regio Project. La matematica ci fa andare lontano

GO FAR! Comenius Regio Project. La matematica ci fa andare lontano GO FAR! Comenius Regio Project La matematica ci fa andare lontano MA QUALE DISTANZA? IL PARTERNARIATO ITALIANO USR-EMILIA ROMAGNA DS Rosanna Rossi Coordinator Prof. Annalisa Martini Collaborator Dr. Monica

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2

Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2 Esordienti 2004-05 Maschi (50 mt) anno Società TEMPO 1 SARTORI ETTORE 2004 A PC 10''8 2 BOZZO ANDREA 2005 A5C 11''9 3 ZILIANI LUCA 2006 APC 12''2 Esordienti 2004-05 Femmine (50 mt) anno Società TEMPO 1

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va di Alberto Pagliarino e Nadia Lambiase Una produzione di Pop Economy Da dove allegramente vien la crisi e dove va Produzione Banca Popolare

Dettagli

Cardioaritmologia nel Lazio

Cardioaritmologia nel Lazio Cardioaritmologia nel Lazio Regione Lazio Roma, 27-28 marzo 2015 Ergife Palace Hotel PROGRAMMA AVANZATO Con il Patrocinio di ANCE Cardiologia Italiana del Territorio Sezione Regionale Lazio Coordinatori:

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

IL GRUPPO DI LAVORO E GLI AUTORI DEGLI APPROFONDIMENTI

IL GRUPPO DI LAVORO E GLI AUTORI DEGLI APPROFONDIMENTI IL GRUPPO DI LAVORO E GLI AUTORI DEGLI APPROFONDIMENTI ALLEGATO II 1 0 R A P P O R T O S U L L A F O R M A Z I O N E N E L L A P A : I L G R U P P O D I L A V O R O E G L I A U T O R I D E G L I A P P

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli