Rapporto Annuale Regionale 2006

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto Annuale Regionale 2006"

Transcript

1 ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO Rapporto Annuale Regionale 2006 Emilia Romagna

2 Rapporto Annuale 2006 Comitato di redazione regionale Referente: Aude Cucurachi Sandra Berselli Davide Lumia Lucia Pirazzoli Stampato dalla Tipografia INAIL - Milano

3 Il Rapporto regionale 2006 Indice Introduzione del Direttore Regionale Prima Parte Andamento infortunistico e malattie professionali 1.1. Situazione socio-economica in Emilia Romagna Dati su popolazione e occupazione Infortuni denunciati e andamento infortunistico Infortuni indennizzati Malattie professionali Infortuni e lavoratori extracomunitari Infortuni e lavoratori parasubordinati Infortuni e lavoratori interinali Gli indicatori di rischio per territorio e settore di attività economica 57 Seconda Parte Monografie 2.1. Andamento infortunistico nella provincia di Reggio Emilia nel periodo Analisi dei casi mortali 69 di Sandra Berselli (Funzionario della Sede Inail di Reggio Emilia) 2.2. I lavoratori non comunitari in Emilia Romagna nel 2006: opportunità di lavoro, rischi di emarginazione ed incidentalità. 79 di Maurizio Marengon (Servizio Lavoro, Regione Emilia Romagna) Conclusioni Riflessioni del Coordinamento Regionale Inail dei Comitati consultivi provinciali 95

4

5 Introduzione del Direttore Regionale Il Rapporto regionale 2006 propone, come di consueto, una riflessione sull andamento degli infortuni e delle malattie professionali in Emilia Romagna, sulla base delle statistiche elaborate dall Inail. In Emilia Romagna, in linea con il trend nazionale, si registra anche quest anno una flessione degli infortuni, che seppur contenuta (-1,7%), è confortante se rapportata al dato sull occupazione, in costante crescita. In controtendenza con il dato nazionale e del Nord-Est, anche gli infortuni mortali registrano un calo (-13,2%), con una forte incidenza delle morti bianche causate dalla circolazione stradale, comprese quelle occorse nell esercizio di un attività lavorativa e quelle in itinere. Pertanto, l attività di questa Direzione continua a concentrarsi su iniziative che rafforzino il ruolo istituzionale dell Inail in tema di prevenzione, nel rispetto del vigente quadro normativo. In tal senso, anche le Sedi territoriali sono state stimolate a creare alleanze sul territorio per realizzare progetti mirati e azioni concrete che tengano conto delle singole realtà socio-economiche, di concerto con le parti sociali, per rendere più efficaci gli interventi in tema di prevenzione. E in linea con tale obiettivo, il Coordinamento regionale Inail dei Comitati consultivi provinciali auspica un ulteriore rafforzamento del ruolo delle parti sociale nella definizione delle azioni da mettere in campo. Positiva è stata la risposta sul territorio regionale: iniziative di informazione e formazione, sia nei confronti degli studenti, che saranno i lavoratori e gli imprenditori di domani, sia nei confronti di categorie di lavoratori appartenenti a settori particolarmente a rischio, tradizionalmente quello delle Costruzioni e dei Trasporti, sia nei confronti dei lavoratori extracomunitari. E proprio sui lavoratori immigrati forte è l attenzione dell Istituto, di fronte a un fenomeno in continuo aumento sia a livello nazionale che regionale: in Emilia Romagna rispetto allo scorso anno, in controtendenza rispetto al calo generale degli infortuni, si è registrato un incremento dell 1,7% di infortuni occorsi a lavoratori extracomunitari. Un prezioso contributo su questa tematica è stato fornito dalla Regione, con la quale sussistono oramai consolidati rapporti di collaborazione, tramite un analisi approfondita della popolazione straniera non comunitaria residente nel nostro territorio, sotto il profilo del mercato del lavoro e del rischio infortunistico, nella sezione di questa pubblicazione dedicata alle Monografie. L analisi della situazione infortunistica in regione rappresenta un patrimonio da condividere con tutti gli attori della sicurezza, per attivare quelle sinergie che consentano di agire in un contesto integrato di competenze, e in maniera più efficace per ridurre il numero di infortuni e di malattie professionali. Il Direttore regionale Francesco Barela 5

6

7 Prima parte Andamento infortunistico e Malattie Professionali

8

9 1.1. Situazione socio-economica in Emilia Romagna L'Emilia-Romagna è una delle principali regioni italiane per caratteristiche socioeconomiche: è una regione metropolitana policentrica caratterizzata, cioè, dalla presenza di aree urbane di dimensione medio-piccole, collegate da un sistema di infrastrutture di trasporti che le integra fra loro in modo funzionale, sia da un punto di vista urbanistico, sociale ed economico. L'Emilia-Romagna è al centro di intensi scambi commerciali con il resto d'italia, i paesi dell Unione europea e il resto del mondo, che richiedono un'elevata dotazione infrastrutturale. L'Emilia-Romagna si trova al centro della direttrice nord-sud ed est-ovest stradale, autostradale e ferroviaria italiana. La presenza nel territorio regionale di un ampia fascia collinare e montuosa e di una vasta pianura a rilevante utilizzo agricolo, insieme con una struttura urbana costituita da numerosi centri di media dimensione distribuiti sul territorio contribuiscono a mantenere la densità della popolazione regionale al di sotto di quella nazionale, seppure molto al di sopra di quella dell Unione europea. Il confronto delle risorse e degli impieghi regionale con quello nazionale mette in luce alcuni caratteri di base dell economia emiliano-romagnola. Innanzitutto emerge l importanza economica della regione e il rilevante apporto del prodotto interno lordo regionale a quello nazionale. In secondo luogo si rileva un forte orientamento verso i mercati esteri. Per quanto riguarda la struttura produttiva l Emilia Romagna si presenta tra le regioni piu dinamiche e di assoluta predominanza: l agricoltura, silvicoltura e pesca, secondo i dati elaborati dall Istat, hanno prodotto valore aggiunto per il 2,7% della regione (2,3% per l Italia), l industria il 33,8% (26,9% la quota nazionale), mentre il resto pari al 63,5% appartiene ai servizi (70,9% in Italia). L agricoltura dell Emilia Romagna è fra le piu evolute del Paese, molto integrata con l industria di trasformazione, con alti indici di produttività per addetto e con un grado di meccanizzazione tra i piu elevati del Paese. Per quanto concerne il settore industriale il modello emiliano-romagnolo si fonda su di un ampio e variegato tessuto di piccole e medie imprese industriali e artigiane. Circa il 20% delle imprese attive industriali opera nella metalmeccanica, il 55% è impegnato nelle costruzioni-installazioni impianti, il 7% nel settore alimentare, il 6% si occupa di moda. L Emilia Romagna è caratterizzata anche da importanti distretti industriali specializzati nella produzione di un solo prodotto: nel Parmense il distretto di Langhirano si segnala per la produzione di prosciutto; i distretti di Castellarano e Sassuolo sono rinomati per la produzione di piastrelle in ceramica; il distretto di Morciano di Romagna è specializzato nella produzione di mobili; quello di Carpi è tra i principali produttori nazionali di maglieria; il distretto di Mercato Saraceno è orientato alla produzione di calzature. Altre concentrazioni produttive di un certo rilievo sono rappresentate dalle produzioni biomedicali della zona di Mirandola nel modenese e dalle calzature di San Mauro Pascoli nel riminese. 9

10 Un altro aspetto della struttura produttiva dell Emilia Romagna è offerto dal sistema della cooperazione che è particolarmente sviluppato e costituisce una delle peculiarità della regione Dati su popolazione e occupazione Secondo l Istat, nella media del 2006 la popolazione è aumentata in Emilia Romagna dello 0,9%, in linea con il Nord-Est (+0,8%) e l Italia (+0,5%). Il mercato del lavoro dell Emilia Romagna si è chiuso nel 2006 con un bilancio positivo: le rilevazioni Istat hanno stimato che sono circa gli occupati in regione, vale a dire il 2,5% in piu rispetto alla media del 2005, equivalente, in termini assoluti a circa persone. L andamento dell Emilia Romagna è risultato piu dinamico non solo rispetto all evoluzione del 2005 (+1,4%), ma anche rispetto a quanto avvenuto in Italia (+1,9%) e nel Nord-Est (+2,2%). Il livello di occupazione dell Emilia Romagna è il piu elevato d Italia. Nel 2006 l incidenza degli occupati sulla popolazione in età anni (tasso di occupazione) è stata del 69,4% (nel 2005 era il 68,4%), davanti a Trentino-Alto Adige (67,5%), Valle d Aosta (67%) e Lombardia (66,6%). La media nazionale è del 58,4%. 80% 70% 69,4% 67,0% Emilia Romagna Nord-Est 60% 58,4% Italia 50% Tasso di occupazione Il tasso di disoccupazione in Emilia Romagna è sceso dal 3,8% al 3,4% (nel Nord-Est dal 4% al 3,6% e in Italia dal 7,7% al 6,8%). Solo due regioni, vale a dire Trentino-Alto Adige e Valle d Aosta hanno registrato un tasso piu contenuto, pari rispettivamente al 2,8% e 3%. 9% 7% 6,8% Emilia Romagna 5% 3,4% 3,6% Nord-Est Italia 3% 1% Tasso di disoccupazione 10

11 E molto elevata anche la partecipazione al lavoro: nel 2006 il tasso di attività è risultato il migliore del Paese (71,9%), precedendo Trentino-Alto Adige (69,5%), Valle d Aosta e Lombardia entrambe con un tasso del 69,1%. La media nazionale è del 62,7%. 80% 71,9% 70% 69,6% 62,7% Emilia Romagna Nord-Est 60% Italia 50% Tasso di attività Questa situazione è stata determinata anche dalla forte partecipazione delle donne al lavoro, pari al 64,3% della popolazione, davanti a Valle d Aosta (60,8%) e Lombardia (59,4%). Per quanto riguarda, in particolare, l occupazione femminile si evidenzia una situazione analoga a quella dell anno precedente con l Emilia Romagna che mantiene dei livelli superiori rispetto al Nord-Est e all Italia: 43% le occupate sul totale della forza lavoro (41% nel Nord-Est e 39% in Italia). Inoltre, per la forza lavoro esclusivamente femminile il tasso di occupazione è aumentato sia in regione (dal 60% al 61,6%), sia nel Nord-Est (dal 56,1% al 57%) che in Italia (dal 45,3% al 46,3%). L evoluzione degli occupati per rami di attività economica, registra un calo in Agricoltura (dal 4,4% al 4,3%) e in Industria (dal 35,4% al 35,2%); nell ambito del settore Industria un leggero calo anche nelle Costruzioni (dal 7,2% al 7,1%). Continua il trend in aumento del settore dei Servizi (dal 60,2% al 60,5%) e, nell ambito dello stesso, del Commercio dal 15,5% al 16,2%. Un ulteriore segnale del dinamismo del mercato del lavoro emiliano-romagnolo viene dall Osservatorio dell Inail che nel 2006 ha registrato in Emilia Romagna assunzioni, a fronte di cessazioni, per un saldo positivo di unità, superiore all attivo di unità del Da sottolineare il forte impatto degli stranieri extracomunitari, che hanno dato corpo a assunzioni rispetto a cessazioni, con un saldo attivo di unità, superiore al surplus di del

12 Tav.1 - Popolazione per sesso e classe di età - Media 2006 Sesso < e oltre Totale Maschi Femmine Emilia Romagna Nord-Est Italia Tav.2 - Forze di lavoro - Media 2006 In cerca di occupazione Sesso Occupati Con precedenti esperienze lavorative Senza precedenti esperienze lavorative Totale Totale Maschi Femmine Emilia Romagna Nord-Est Italia Sesso Tav.3 - Non Forze di lavoro - Media 2006 Cercano lavoro non attivamente Non cercano ma disponibili a lavorare Non disponibili a lavorare Non forza di lavoro < 15 anni Non forze lavoro >64 anni Totale Maschi Femmine Emilia Romagna Nord-Est Italia

13 Tav.4 - Principali indicatori del mercato del lavoro - Media 2006 (valori percentuali) Sesso Tassi di attività Tassi di occupazione Tassi di disoccupazione Maschi 79,3 77,1 2,6 Femmine 64,3 61,6 4,3 Emilia Romagna 71,9 69,4 3,4 Nord-Est 69,6 67 3,6 Italia 62,7 58,4 6,8 Tav. 5 - Occupati per settore di attività e sesso - Media 2006 Settori Sesso Totale di attività economica Maschi Femmine Numero % % femmine su Totale Agricoltura ,3 25,6 Industria ,2 28,3 di cui: Costruzioni ,1 8,8 Servizi ,5 53,4 di cui: Commercio ,2 45,5 Emilia Romagna ,0 43,4 13

14 1.3. Infortuni denunciati e andamento infortunistico Sono gli infortuni sul lavoro avvenuti in Emilia Romagna nel 2006 e denunciati all Inail, con un calo del 1,7% rispetto all anno precedente (circa casi in meno), contro il -2,5% che si era registrato nel 2005 rispetto al 2004 (circa infortuni in meno). Degli infortuni 2006, si sono verificati nell Industria e Servizi, in Agricoltura e tra i dipendenti dello Stato. Il calo infortunistico è risultato più consistente in Agricoltura (-2,9%) e sostenuto, comunque, anche nell Industria e Servizi (-1,7%), mentre per i lavoratori dello Stato si è registrato un aumento dello 0,5%, molto più contenuto comunque di quelli osservati negli anni precedenti. Tav.6 - Infortuni sul lavoro avvenuti nel periodo e denunciati all' INAIL per gestione Gestione Variazione % rispetto anno precedente 2005/ / 2005 Agricoltura ,9 % - 2,9% Industria e Servizi ,6 % - 1,7 % Conto Stato ,1 % + 0,5 % Emilia Romagna ,5 % - 1,7 % Nord-Est ,8 % - 0,9 % Italia ,8 % - 1,3 % La riduzione degli infortuni, seppure contenuta, assume comunque maggior rilievo se la rapportiamo ai dati sull occupazione che, come abbiamo già sottolineato, segnano un +2,5% del numero di occupati e un +1,5% del tasso di occupazione /2005 Numero occupati (*) ,5 % Tasso di occupazione 68,4 69,4 + 1,5 % Numero infortuni denunciati ,7 % (*) in migliaia 14

15 TOTALE INFORTUNI DENUNCIATI IN EMILIA ROMAGNA In termini assoluti, in regione si concentrano il 14% degli infortuni totali collocando l Emilia Romagna al secondo posto subito dopo la Lombardia con il 17% degli infortuni; un dato che conferma l elevata industrializzazione del territorio con conseguente elevato numero di occupati. Tav. 7 Infortuni sul lavoro avvenuti nel periodo e denunciati all INAIL per provincia, regione, gestione e anno Regioni Agricoltura Industria e servizi Conto Stato Piemonte Valle d'aosta Lombardia Liguria Trentino A. Adige Veneto Friuli V. Giulia Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord-Est ITALIA

16 Spostando l attenzione a livello locale, nel 2006 nel settore Agricoltura la maggior parte degli infortuni (18,1%), si sono verificati nella provincia di Ravenna, segue la provincia di Forlì-Cesena con il 17,8%; in Industria e Servizi il 22,4% di infortuni sono avvenuti nella provincia di Bologna, mentre la provincia di Modena segue, come consistenza di infortuni, con il 18,3%; per i dipendenti dello Stato sono sempre Bologna e Modena le due province con il maggior numero di infortuni (rispettivamente 23,4% e 15,1%). Tav. 8 - Infortuni sul lavoro avvenuti nel periodo e denunciati all' INAIL per provincia, gestione e anno Province Agricoltura Industria e Servizi Conto Stato Bologna Ferrara Forlì-Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini Emilia Romagna Nord-Est ITALIA Territorio Agricoltura Industria e Servizi Conto Stato variazione percentuale rispetto anno precedente Emilia Romagna - 2,9 % - 2,9 % - 2,6 % - 1,7 % + 5,1 % + 0,5 % Nord-Est - 2,7 % - 2, 7 % - 4 % - 0,8 % + 4,2 % + 2,1 % ITALIA - 4,1 % - 5,2 % - 2,9 % - 1,1 % + 2 % + 0,2 % 16

17 Per quanto riguarda gli infortuni mortali in Emilia Romagna risultano denunciati all Inail 119 casi di cui 12 in Agricoltura, 105 in Industria e Servizi e 2 per la gestione Conto Stato. Rispetto all anno precedente (137 casi denunciati) si registra una diminuizione complessiva del 13,2%, in netta controtendenza con il dato del Nord-Est (+5,4%) e dell Italia (+2,2%). TOTALE INFORTUNI MORTALI DENUNCIATI IN EMILIA ROMAGNA Tav. 9 INFORTUNI MORTALI sul lavoro avvenuti nel periodo e denunciati all'inail per gestione e anno Gestione Variazione % rispetto anno precedente Agricoltura ,6 % - 7,7 % Industria e Servizi ,9 % - 14,7 % Conto Stato % Emilia Romagna ,3 % - 13,2 % Nord-Est ,1 % + 5,4 % ITALIA ,1 % + 2,2 % 17

18 A livello nazionale tra le regione più industrializzate l Emilia Romagna è l unica regione dove gli infortuni mortali sono diminuiti: infatti, in Lombardia si è passati da 194 a 232 casi, in Piemonte da 92 a 109 e in Veneto da 99 a 115. Tav. 10 Infortuni sul lavoro avvenuti nel periodo e denunciati all Inail per provincia, regione e anno TUTTE LE GESTIONI Province Totale infortuni Infortuni mortali e regioni Piemonte Valle d'aosta Lombardia Liguria Trentino A. Adige Veneto Friuli V. G Bologna Ferrara Forlì-Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord-Est ITALIA

19 Tav. 11 INFORTUNI MORTALI sul lavoro avvenuti nel periodo e denunciati all INAIL per provincia, regione, gestione e anno Province e Agricoltura Industria e servizi Conto Stato Regioni Piemonte Valle d'aosta Lombardia Liguria Trentino A. Adige Veneto Friuli V. Giulia Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna ITALIA

20 A livello locale il dato confortante del calo degli infortuni mortali è da imputarsi in particolare ad alcune province come Reggio Emilia (da 16 a 5 casi), Ferrara (da 13 a 6), Piacenza (da 14 a 9) e Modena (da 22 a 17); in controtendenza la provincia di Ravenna con un aumento di 5 casi mortali (4 in Industria e Servizi e 1 in Agricoltura) e la provincia di Forli-Cesena con 4 casi in più rispetto all anno precedente (in particolare 2 in Agricoltura, 1 in Industria e Servizi e 1 in Conto Stato). Occorre, comunque sottolineare che il numero di infortuni mortali del 2006 è da considerarsi provvisorio, a causa sia dei tempi tecnici di accertamento e definizione dei casi mortali, sia per i criteri di rilevazione adottati che considerano i decessi avvenuti entro 180 giorni dalla data dell evento. Tav.12 INFORTUNI MORTALI sul lavoro avvenuti nel periodo e denunciati all'inail per provincia, gestione e anno Territorio Agricoltura Industria e Servizi Conto Stato Bologna Ferrara Forlì-Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini Emilia Romagna Nord-est ITALIA Territorio Agricoltura Industria e Servizi Conto Stato variazione percentuale rispetto anno precedente Emilia Romagna - 23,6 % - 7,7 % + 10,9 % - 14,7 % % Nord-est - 35 % 0-0,8 % + 4,8% + 50 % % ITALIA - 21,8 % - 11,7 % - 1,4 % + 4,2 % - 6,3 % - 20 % 20

21 L analisi del fenomeno infortunistico deve comunque essere approfondita con l esame del rischio da circolazione stradale che incide in maniera determinante sul verificarsi dell evento accidentale. Ricordiamo brevemente che per infortunio stradale si intende l evento avvenuto nella pubblica via e causato da circolazione stradale, indipendentemente dal fatto che si tratti di infortunio occorso nell esercizio di una attività lavorativa o in itinere. Per infortunio in itinere si intende invece quello occorso nel tragitto casa-lavoro. Nel 2006 si sono verificati in Agricoltura 419 infortuni stradali (4,7% del totale ), mentre in Industria e Servizi (14,5% del totale ). Di questi 3 sono risultati mortali in Agricoltura (25% del totale -12) e 64 in Industria e Servizi (61% del totale -105) Tav.13 - INFORTUNI STRADALI avvenuti nel periodo e denunciati all'inail per provincia e anno AGRICOLTURA Territorio Totale infortuni Mortali Bologna Ferrara Forlì-Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini Emilia Romagna % su totale infortuni 4,6 % 4,7 % 7,7 % 25 % Nord-Est ITALIA INDUSTRIA E SERVIZI Territorio Totale infortuni Mortali Bologna Ferrara Forlì-Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini Emilia Romagna % su totale infortuni 14,5 % 14,5 % 62,7 % 61 % Nord-Est ITALIA

22 Rispetto al totale degli infortuni avvenuti per la gestione Industria e Agricoltura ( ), gli infortuni stradali sono stati ovvero il 13,7%. % INFORTUNI STRADALI SUL TOTALE (IND.+AGR.) ANNO 2006 INFORTUNI STRADALI 13,7% TOTALE INFORTUNI 86,3% La percentuale sale notevolmente se consideriamo gli infortuni mortali stradali: 67 su un totale di 117 eventi mortali (al netto della gestione Conto Stato) ovvero il 57,2%. TOTALE INFORTUNI 42,8% % INFORTUNI MORTALI STRADALI SUL TOTALE (IND.+AGR.) ANNO 2006 INFORTUNI STRADALI 57,2% Per quanto riguarda invece gli infortuni in itinere sono 301 in Agricoltura (3,4% del totale ) e in Industria e Servizi (9,7% del totale ). 22

23 Tav.14 - INFORTUNI IN ITINERE avvenuti nel periodo e denunciati all'inail per provincia e anno AGRICOLTURA Territorio Totale infortuni Mortali Bologna Ferrara Forlì-Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini Emilia Romagna % su totale infortuni 3,3 % 3,4 % 15,4 % 8,4 % Nord-Est ITALIA INDUSTRIA E SERVIZI Territorio Totale infortuni Mortali Bologna Ferrara Forlì-Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini Emilia Romagna % su totale infortuni 9,8 % 9,7 % 28,5 % 23,9 % Nord-Est ITALIA

24 Sul complesso degli infortuni denunciati (Industria e Agricoltura) l incidenza degli infortuni in itinere è del 9,2%. La percentuale sale al 22,2% per i casi mortali. % INFORTUNI ITINERE SUL TOTALE (IND.+AGR.) ANNO 2006 INFORTUNI ITINERE 9,2% TOTALE INFORTUNI 90,8% % INFORTUNI MORTALI ITINERE SUL TOTALE (IND.+AGR.) ANNO 2006 INFORTUNI ITINERE 22,2% TOTALE INFORTUNI 77,8% L esame degli infortuni 2006 per settore di attività economica, condotta per la gestione Industria e Servizi sulla base dei codici ateco 91, consente di evidenziare, come risulta dal 24

25 grafico, una ripartizione in termini percentuali così distribuita: Industrie manifatturiere 26%, Costruzioni 11%, Commercio 8%, Trasporti 8%, Attività immobiliari e servizi alle imprese 5%. % INFORTUNI 2006 PER SETTORE DI ATTIVITA' ECONOMICA Non determinato 28% Industrie manifatturiere 26% Altri servizi 13% Costruzioni 11% Attività im mobiliari e servizi alle im prese 5% Trasporti 8% Commercio 8% Altre industrie 1% Gli infortuni mortali nel 2006, invece, si sono verificati per il 24% nell Industrie manifatturiere, il 28% nelle Costruzioni, il 14% nei Trasporti, l 11% nel Commercio, il 6% nelle Attività immobiliari e servizi alle imprese e il 5% per Alberghi e Ristoranti. Attività immobiliari e servizi alle imprese 6% % INFORTUNI MORTALI 2006 PER SETTORE DI ATTIVITA' ECONOMICA Altri servizi 7% Non determinato 3% Industrie manifatturiere 24% Trasporti 14% Albergi e ristoranti 5% Commercio 11% Costruzioni 28% Altre industrie 2% A livello settoriale, inoltre, l analisi per territorio consente di evidenziare un tessuto economico concentrato essenzialmente sull industria manifatturiera con la presenza di 25

26 importanti distretti industriali: meccanica nelle province di Modena (24% di infortuni del settore), Reggio Emilia (20%) e Bologna (18%); ceramica soprattutto nel distretto di Modena (43%); alimentare a Parma (28%) e Modena (18%); tessile ancora a Modena (36%). Nell ambito dell Industria i settori in controtendenza che hanno fatto registrare un aumento degli infortuni sono: industria conciaria (+14%); industria della gomma e plastica (+10%); industria dei metalli (+3,6%); industria chimica (+3,4%) e industria meccanica (+2,8%). Il numero maggiore di eventi mortali si è verificato nel settore delle costruzioni in particolare nella provincia di Bologna (9 casi), seguita da Ravenna (6) e Forlì-Cesena (4). 26

27 Tav.15 - Infortuni sul lavoro avvenuti nel 2006 e denunciati all'inail per gestione, settore di attività economica e territorio EMILIA ROMAGNA Settore di Attività Economica (Codice Ateco) Bologna Ferrara Forlì- Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini Emilia Romagna A Agrindustria B Pesca C Estrazione di minerali DA Ind. Alimentare DB Ind. tessile e abbigliamento DC Ind. conciaria DD Ind. del legno DE Ind. della carta DF Ind. del petrolio DG Ind. chimica DH Ind. della gomma e plastica DI Ind. lav. minerali non metalliferi DJ Ind. dei metalli DK Ind. meccanica DL Ind. macchine elettriche DM Ind. fabbricaz. mezzi trasporto DN Altre industrie D Totale Industrie manifatturiere E Elettricità, gas, acqua F Costruzioni INDUSTRIA G50 Commercio e riparazione auto G51 Commercio all'ingrosso G52 Commercio al dettaglio G Totale commercio H Alberghi e ristoranti I Trasporti J Intermediazione finanziaria K Attività immobil. / servizi imprese L Pubblica Amministrazione M Istruzione N Sanità e servizi sociali O Altri servizi pubblici P Personale domestico SERVIZI Non determinato (*) INDUSTRIA E SERVIZI Italia AGRICOLTURA DIPENDENTI CONTO STATO COMPLESSO GESTIONI (*) trattasi principalmente di casi con assenza dal lavoro non superiore a 3 giorni, per i quali non c'è l'obbligo della denuncia da parte del datore di lavoro 27

28 Tav.16 Infortuni mortali sul lavoro avvenuti nel 2006 e denunciati all'inail per gestione, settore di attività economica e territorio EMILIA ROMAGNA Settore di Attività Economica (Codice Ateco) Bologna Ferrara Forlì- Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini Emilia Romagna A Agrindustria B Pesca C Estrazione di minerali DA Ind. Alimentare DB Ind. tessile e abbigliamento DC Ind. conciaria DD Ind. del legno DE Ind. della carta DF Ind. del petrolio DG Ind. chimica DH Ind. della gomma e plastica DI Ind. lav. minerali non metalliferi DJ Ind. dei metalli DK Ind. meccanica DL Ind. macchine elettriche DM Ind. fabbricaz. mezzi trasporto DN Altre industrie D Totale Industrie manifatturiere E Elettricità, gas, acqua F Costruzioni INDUSTRIA G50 Commercio e riparazione auto G51 Commercio all'ingrosso G52 Commercio al dettaglio G Totale commercio H Alberghi e ristoranti I Trasporti J Intermediazione finanziaria K Attività immobil. / servizi imprese L Pubblica Amministrazione M Istruzione N Sanità e servizi sociali O Altri servizi pubblici P Personale domestico SERVIZI Non determinato (*) INDUSTRIA E SERVIZI Italia AGRICOLTURA DIPENDENTI CONTO STATO COMPLESSO GESTIONI

29 Il confronto tra i dati degli infortuni e gli occupati per settore di attività economica rafforza il risultato positivo del calo infortunistico: in Agricoltura il trend in diminuzione del livello occupazionale è risultato piu contenuto rispetto agli anni passati (-1,2%) a fronte di un calo di infortuni del 2,9%; in Industria a fronte di un aumento degli occupati dell 1,8% gli infortuni sono diminuiti dell 1,9%; ancora piu significativo è il dato dell edilizia dove il calo del 4,9% degli infortuni è a fronte di un aumento occupazionale dell 0,7%. Per i Servizi in generale registriamo che, a fronte di un aumento del 3% del livello occupazionale, gli infortuni sono aumentati dell 0,2%; nell ambito dei Servizi il settore del Commercio presenta un buon trend se consideriamo che gli infortuni sono diminuiti dell 0,3% con un numero di occupati che, invece, è aumentato del 7,3%. Tav.17 - Occupati per settore di attività e numero di infortuni-anno 2006 Settori Occupati(*) Infortuni di attività economica / /2005 Agricoltura 82-1,2 % ,9% Industria ,8 % ,9% di cui: Costruzioni ,7 % ,9% Servizi ,0 % ,2% di cui: Commercio ,3 % ,3 % Emilia Romagna ,5 % ,7% (*) in migliaia 29

30 In termini assoluti è il settore delle Costruzioni quello che riporta il maggior numero di infortuni per il 2006 con casi denunciati, seguito dai Trasporti (9.424), Industria dei metalli (8.190) e Industria meccanica (6.992). SETTORI DI ATTIVITA' ECONOMICA CON MAGGIORE NUMERO DI INFORTUNI-ANNO 2006 Costruzioni Trasporti Industria dei metalli Industria m eccanica Attività immobiliari e servizi alle imprese Commercio al dettaglio Sanità e servizi sociali Altri servizi pubblici Il settore di attività con il maggior numero di infortuni, sempre in termini assoluti, è quello delle Costruzioni (29), seguito dai trasporti (15), Industria meccanica e Attività immobiliari e servizi alle imprese (entrambi con 6 casi). SETTORI DI ATTIVITA' ECONOMICA CON MAGGIORE NUMERO DI INF. MORTALI -ANNO 2006 Costruzioni 29 Trasporti 15 Industria meccanica 6 Attività immobiliari e servizi alle imprese 6 Commercio all'ingrosso 5 Industria dei metalli 4 Altri servizi pubblici

31 Analizzando i dati riferiti ai 4 settori tariffari Inail, risulta che in Emilia Romagna l Industria e il Terziario presentano le percentuali piu alte di infortunio: l Industria ( casi) rappresenta circa il 27% del totale (30% in Italia); il Terziario (26.725) raggiunge il 22% del totale (24% in Italia); l Artigianato con si attesta al 16% (stessa percentuale dell Italia). A livello locale si conferma la preponderanza di infortuni nell Industria in quasi tutte le province, ad eccezione di Ravenna e Rimini dove prevale il Terziario; a Rimini, inoltre, il secondo settore tariffario con il maggior numero di infortuni è l Artigianato e non l Industria. Tav.18 - Infortuni sul lavoro avvenuti nell'anno 2006 e denunciati all'inail per provincia e settore tariffario INDUSTRIA E SERVIZI Territorio Industria Artigianato Terziario Altre Attivita' Non Determinato Totale Bologna Ferrara Forlì-Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini Emilia Romagna Nord-Est ITALIA Per quanto riguarda i casi mortali, dei 105 infortuni complessivi 40 si sono verificati nell Artigianato, 34 nell Industria e 26 nel Terziario. A livello territoriale dei 27 casi mortali della provincia di Bologna 9 riguardano il Terziario, 8 l Industria e 7 l Artigianato; nelle altre provincia la distribuzione per settore tariffario vede prevalere l Artigianato ad eccezione di Rimini dove prevale il Terziario. Tav.19 - INFORTUNI MORTALI avvenuti nell'anno 2006 e denunciati all'inail per provincia e settore tariffario INDUSTRIA E SERVIZI Territorio Industria Artigianato Terziario Altre Attivita' Non Determinato Totale Bologna Ferrara Forlì-Cesena Modena Parma Piacenza Ravenna Reggio Emilia Rimini Emilia Romagna Nord-Est ITALIA

32 1.4. Infortuni indennizzati Prima di analizzare i dati relativi agli infortuni indennizzati, occorre ricordare che in caso di danno biologico, definito come lesione all integrità psicofisica della persona, suscettibile di accertamento medico legale (art. 13 D.Lgs. 38/2000), le menomazioni conseguenti vengono indennizzate in base alle seguenti percentuali: fino al 5%: nessun indennizzo per danno biologico (franchigia) e per conseguenze patrimoniali; dal 6% al 15%: indennizzo del danno biologico in capitale e nessun indennizzo per conseguenze patrimoniali; dal 16%: indennizzo del danno biologico in rendita e indennizzo con ulteriore quota di rendita per conseguenze patrimoniali. Per temporanea, invece, si intende la prestazione economica erogata dall Inail come indennizzo per mancata retribuzione, qualora l infortunio o la malattia professionale derivino da causa lavorativa e l inabilità comporti l astensione dal lavoro per piu di tre giorni. I dati riguardanti gli infortuni sul lavoro avvenuti nel periodo , denunciati ed indennizzati a tutto il 30 aprile 2007 evidenziano come, nel complesso di tutti i settori, il 62% dei casi denunciati ottiene un indennizzo dall Istituto. Tav.20 - Infortuni sul lavoro avvenuti nel periodo denunciati all'inail e indennizzati a tutto il per anno, gestione e tipo di conseguenza Gestione Agricoltura Industria e Servizi Conto Stato Emilia Romagna Anni DENUNCE Totali di cui mortali Temporanea INDENNIZZI Permanente in in Totale capitale rendita Morte Totale

33 La percentuale si attesta intorno al 59% per il pagamento della temporanea, al 2% per la liquidazione in capitale e inferiore all 1% per l indennizzo in rendita. Per gli infortuni mortali la percentuale aumenta notevolmente: nel 2006, per esempio, sui 119 casi denunciati 116 sono stati indennizzati pari al 97%. Percentuale infortuni indennizzati sui denunciati Anni Temporanea In capitale In rendita Morte Totale Emilia Romagna % 2,4% 0,6 % 96 % 62 % ,1 % 2,4 % 0,5 % 96 % 62 % , 6 % 1,9 % 0,4 % 97 % 62 % Con riferimento alle singole gestioni, si conferma per il 2006 che in Agricoltura è maggiore la percentuale dei casi indennizzati (80%) a fronte del 60% dell Industria e Servizi e dei Dipendenti dello Stato Percentuale infortuni indennizzati sui denunciati solo totale Agricoltura 80 % Industria e Servizi 60,5 % Dipendenti Conto Stato 60,2 % La propensione al danno permanente ovvero il rapporto tra eventi denunciati ed eventi con conseguenze permanenti indennizzate in capitale o in rendita, consente di evidenziare la maggiore pericolosità delle lavorazioni agricole: per il 2006 su casi denunciati in Agricoltura 449 sono stati indennizzati (5%); in Industria e Servizi la percentuale è del 2% (2.473 su ), mentre nella gestione Conto Stato è del 3% (72 su 2.440). 33

34 Tav.21 - Infortuni sul lavoro avvenuti nel periodo , denunciati all'inail e indennizzati a tutto il per settore di attività economica, anno e tipo di conseguenza INDUSTRIA E SERVIZI di cui indennizzati Settore di attività economica (codice Ateco) di cui A+B C DA DB DC DD DE DF DG DH DI DJ DK DL Segue INDUSTRIA Anni Casi avvenuti e denunciati Temporanea 34 in capitale Permanente in rendita Totale Morte TOTALE Agrindustria e Pesca Estrazione di minerali Industria alimentare Industria tessile e abbigliam.to Industria conciaria Industria del legno Industria della carta Industria del petrolio Industria chimica Industria della gomma e plastica Industria lav minerali non metalliferi Industria dei metalli Industria meccanica Industria macchine elettriche

35 Settore di attività economica (codice Ateco) Industria DM fabbricazione di DN D Anni Casi avvenuti e denunciati Temporanea di cui indennizzati Permanente in in capitale rendita Totale Morte TOTALE trasporto Altre Industrie Totale Industrie manifatturiere E Elettricità, gas, acqua F Costruzioni SERVIZI di cui G Commercio H Alberghi e ristoranti I Trasporti e Comunicazioni J Intermedia zione finanziaria Attività K immobil.e serv imprese Pubblica L Amministrazione M Istruzione N Sanità e servizi sociali O Altri Servizi pubblici Personale P domestico Non determinato INDUSTRIA E SERVIZI

36 La ripartizione dei dati sulla base del Settore Tariffario Inail consente di registrare nel triennio una media di casi indennizzati dell 86% per l Industria e l Artigianato, dell 83% per il Terziario e del 79% per le Altre Attività (che comprendono il settore del credito, delle assicurazioni e dei tributi, il settore attività varie dell Inps, nonché tutti i datori di lavoro pubblici). Tav.22 - Infortuni sul lavoro avvenuti nel periodo in Emilia Romagna denunciati all'inail e indennizzati a tutto il per anno, settore tariffario INAIL (1) e tipo di conseguenza INDUSTRIA E SERVIZI Settore Tariffario INAIL Industria DENUNCE Anni Totali di cui mortali Temporanea INDENNIZZI Permanente in in capitale rendita Totale Morte Totale Artigianato Terziario Altre attività (1) esclusi i casi con settore tariffario non determinato 36

37 L esame di dati ormai consolidati relativi agli infortuni avvenuti nel 2005 e indennizzati a tutto il 30 aprile 2007 consente di approfondire le conseguenze dell evento infortunistico, sia di carattere temporaneo che permanente, per sede della lesione e per natura della lesione. In Agricoltura, le parti del corpo dell infortunato maggiormente colpite sono, in termini assoluti, la mano (1.580 casi), il ginocchio (713), la colonna vertebrale (569) e la parete toracica (516). I valori percentuali permettono di evidenziare, invece, quegli organi che se colpiti comportano conseguenze di carattere permanente: organi interni (21,4%), cingolo toracico (19,5%), braccio-avambraccio (13,4%). Gli organi interni rappresentano anche la parte del corpo piu colpita negli infortuni che conducono alla morte (7,1%). SEDE DELLA LESIONE - AGRICOLTURA mano ginocchio colonna vertebrale parete toracica caviglia cingolo toracico Nella gestione Industria e Servizi gli organi maggiormente colpiti sono la mano ( casi), la colonna vertebrale (10.213), il ginocchio (5.028) e la caviglia (4.998). La sede della lesione con maggiori conseguenze di carattere permanente è costituita dagli organi interni (15,3%), la coscia (13,7%) e il cingolo pelvico (10,3%). Anche nell Industria la lesione degli organi interni è quella che maggiormente conduce alla morte (9,5%) SEDE DELLA LESIONE -INDUSTRIA E SERVIZI mano colonna vertebrale ginocchio caviglia collo piede 37

PARTE PRIMA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI DENUNCIATI ALL INAIL

PARTE PRIMA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI DENUNCIATI ALL INAIL PARTE PRIMA INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI DENUNCIATI ALL INAIL Tav.1 Infortuni sul lavoro avvenuti nel periodo 2005-2007 per anno, gestione e sesso Tav. 2 Infortuni sul lavoro avvenuti

Dettagli

Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna

Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna a cura del Dipartimento di Sanità Pubblica: Staff di Epidemiologia e Comunicazione Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro.

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Atlante degli infortuni sul lavoro nella Regione Veneto

Atlante degli infortuni sul lavoro nella Regione Veneto Atlante degli infortuni sul lavoro nella Regione Veneto Anni 1990-2001 Nedda Visentini Direzione sistema statistico regionale 6 Gli autori Direzione prevenzione Centro operativo regionale per l epidemiologia

Dettagli

Sezione 1. Infortuni: analisi e statistiche

Sezione 1. Infortuni: analisi e statistiche Sezione 1 Infortuni: analisi e statistiche 1.1 Analisi del fenomeno infortunistico in Regione Nel 2012 l andamento infortunistico in Molise evidenzia una significativa flessione del -6,2% rispetto all

Dettagli

Gli infortuni dei lavoratori interinali nei Rapporti INAIL dal 2003 al 2005

Gli infortuni dei lavoratori interinali nei Rapporti INAIL dal 2003 al 2005 Gli infortuni dei lavoratori interinali nei Rapporti INAIL dal 2003 al 2005 1. Premessa Con il Rapporto per il 2005 l INAIL pubblica per la terza volta, dopo gli anni 2003 e 2004, i dati relativi agli

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

Rapporto Annuale 2007

Rapporto Annuale 2007 Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro Rapporto Annuale 2007 Statistiche Rapporto Annuale 2007 Questo volume è stato realizzato su dati elaborati dalla Consulenza Statistico

Dettagli

TASSI INFORTUNI INDENNIZZATI PER GRUPPO ATECO (2004) Tasso grezzo

TASSI INFORTUNI INDENNIZZATI PER GRUPPO ATECO (2004) Tasso grezzo 120 100 80 60 40 20 0 TASSI INFORTUNI INDENNIZZATI PER GRUPPO ATECO (2004) DJ Industria metalli F Costruzioni I Trasporti DC Industria conciaria DI Industria non metalliferi A Agrindustria E Elettricità

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI LAVORATIVI NELLA ULSS 12 VENEZIANA ( DATI DALL ARCHIVIO INAIL EPIWORK 2004, RELATIVI AGLI ANNI 2000, 2001, 2002 )

EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI LAVORATIVI NELLA ULSS 12 VENEZIANA ( DATI DALL ARCHIVIO INAIL EPIWORK 2004, RELATIVI AGLI ANNI 2000, 2001, 2002 ) EPIDEMIOLOGIA DEGLI INFORTUNI LAVORATIVI NELLA ULSS 12 VENEZIANA ( DATI DALL ARCHIVIO INAIL EPIWORK 2004, RELATIVI AGLI ANNI 2000, 2001, 2002 ) Epidemiologia degli Infortuni lavorativi nella Ulss 12 Veneziana

Dettagli

Infortuni sul lavoro e malattie professionali nel Lazio Maggio 2011

Infortuni sul lavoro e malattie professionali nel Lazio Maggio 2011 Infortuni sul lavoro e malattie professionali nel Lazio Maggio 2011 A cura di: Daniele Di Nunzio Coordinatore Osservatorio Salute e Sicurezza dell Ires-Cgil Daniele Ranieri Responsabile Salute e Sicurezza

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI.

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/09/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini

Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini Aggiornamento 2011 Indice 1 - Le dinamiche generali e la crisi economica pag. 2 2 - Una prospettiva settoriale pag. 5 3 - I lavoratori stranieri pag. 7

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 PRESENTAZIONE A CURA DI EMANUELE GALOSSI E GIULIANO FERRUCCI I lavoratori

Dettagli

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering

Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering Anno - Dati aggiornati al Maggio Casi di morte sul lavoro per Regione Regione % sul totale n casi Lombardia,9% 6 Emilia Romagna 9,9% Sicilia 9,% 9 Piemonte 9,% 9 Veneto,% Toscana 6,9% Campania 6,% Abruzzo,9%

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano La forza lavoro femminile Il mercato del lavoro in provincia di Bolzano è caratterizzato da un alto tasso di partecipazione, sia rispetto

Dettagli

Gli infortuni sul lavoro nel Friuli Venezia Giulia. Servizio statistica dicembre 2008

Gli infortuni sul lavoro nel Friuli Venezia Giulia. Servizio statistica dicembre 2008 Gli infortuni sul lavoro nel Friuli Venezia Giulia Servizio statistica dicembre 2008 Servizio statistica REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Corso Cavour, 1 34100 Trieste telefono: 040 3772218 fax:

Dettagli

2.1 L andamento infortunistico

2.1 L andamento infortunistico 2.1 L andamento infortunistico Anche nel 2012, in Toscana, prosegue l andamento infortunistico in diminuzione. Infatti, le denunce di infortunio pervenute, ammontano a 53.286 casi con una differenza di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 17 marzo 2004 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2003 Nel 2003 il valore delle esportazioni italiane ha registrato una flessione del 4 per cento rispetto al 2002. Dal punto di vista territoriale,

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche.

La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. La popolazione ucraina in Italia. Caratteristiche demografiche, occupazionali ed economiche. L Italia è il primo Paese europeo per presenza di cittadini e negli ultimi anni ha visto un aumento del 62%.

Dettagli

Infortuni sul lavoro denunciati 1 all' INAIL per tipo di gestione. Anni 2004-2009.

Infortuni sul lavoro denunciati 1 all' INAIL per tipo di gestione. Anni 2004-2009. Infortuni sul lavoro denunciati 1 all' INAIL per tipo di gestione. Anni 2004-2009. 2004 2005 2006 2007 2008 2009 VICENZA 22.464 21.312 21.499 21.341 20.279 16.604 - Industria e servizi 21.175 20.074 20.273

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna Marco Sassatelli Il quadro - Produzione industriale ed export - 60 Produzione Fatturato Ordini 40 20 0-20 2003 - I 2003 - II 2003 - III 2003 - IV 2004 -

Dettagli

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione XV Rapporto sull apprendistato in Italia 2015 1 Il XV Rapporto di monitoraggio sull apprendistato è stato realizzato attraverso una

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica

Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. 05_08.doc 1 R.I. 08/05 Aprile 2005 Foto di copertina: Cantiere

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015

ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015 AZIENDA SPECIALE CONCENTRO DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PORDENONE ANALISI SULLE RETI D IMPRESA REGIONALI AL 3 ottobre 2015 Al 3 ottobre 2015 si sono registrati in Italia 2.405 contratti di rete

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

Per i giornalisti / Dossier e speciali / Donne, lavorare in sicurezza

Per i giornalisti / Dossier e speciali / Donne, lavorare in sicurezza TAVOLA 1-2012: DONNE E LAVORO Dati Istat/Inail Maschi Femmine Totale % Femmine sul Totale Popolazione Popolazione di 15 anni e oltre 25.019.458 26.975.331 51.994.789 51,9 Occupati (Media 2012) 13.440.545

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

PIANI REGIONALI DELLA PREVENZIONE Sorveglianza e prevenzione degli infortuni nei luoghi di lavoro Regione VENETO Epidemiologia degli infortuni nei luoghi di lavoro ( sist. COREO) Obiettivi: promuovere

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro BOLOGNA IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA Aggiornamento al 30 giugno 2011 10 maggio 2012 Sistema informativosmail Emilia-Romagna Aggiornamento

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

DATI SUGLI INFORTUNI: TABELLE PER IL GRUPPO DI LAVORO B) (materiali di lavoro a cura di NuovaQuasco) Indice Tabelle

DATI SUGLI INFORTUNI: TABELLE PER IL GRUPPO DI LAVORO B) (materiali di lavoro a cura di NuovaQuasco) Indice Tabelle Filca Cisl Feneal UIl PROGRAMMA ANNUALE NUOVAQUASCO 2009 - DELIBERA G.R. 2457/2008 PROGETTO C5 FLC: Assistenza Tecnica alla collaborazione tra Fillea-Cgil Filca-Cisl Feneal-Uil Emilia-Romagna e Amministrazione

Dettagli

Accordi Stato-Regioni per la formazione 21 dicembre 2011

Accordi Stato-Regioni per la formazione 21 dicembre 2011 Lavorat (+ art. 21 comma 1: componenti dell'impresa familiare [ ], i lavoratori autonomi [ ], i coltivatori diretti del fondo, i soci delle società semplici operanti nel sett agricolo, gli artigiani e

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI

IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI IL REGISTRO INAIL DI ESPOSIZIONE A CANCEROGENI PROFESSIONALI Premessa Presso l Inail è attivo un sistema informativo per la raccolta e l archiviazione di informazioni relative all esposizione professionale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a)

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a) Il Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/1996, art. 2 comma 1, lett. a) Report mensile I risultati al 3 aprile 215 1 Indice 1. Le domande presentate... 3 1.1 Le domande presentate nel periodo 1 gennaio-3

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI ll database degli indicatori territoriali della Rete Rurale Nazionale come strumento per lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: E possibile rendere sicure le sostanze pericolose Identificativo della Linea o delle Linee di intervento generale/i : Prevenzione degli eventi

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Infortuni sul lavoro ANDAMENTI E STATISTICHE. 1. Il bilancio infortunistico 2011

Infortuni sul lavoro ANDAMENTI E STATISTICHE. 1. Il bilancio infortunistico 2011 ANDAMENTI E STATISTICHE Infortuni sul lavoro 1. Il bilancio infortunistico 2011 Nel 2011 prosegue e si conferma ulteriormente l andamento decrescente degli infortuni sul lavoro che è in atto nel nostro

Dettagli

Capitolo 4 Lavoratori Parasubordinati Infortuni sul lavoro

Capitolo 4 Lavoratori Parasubordinati Infortuni sul lavoro Capitolo 4 Lavoratori Parasubordinati Infortuni sul lavoro 4.1 Lavoratori Parasubordinati La legge n. 335 del 1995, ha istituito, all art. 2 comma 26, una Gestione separata presso l INPS, con la finalità

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

Rapporto Annuale Regionale 2007

Rapporto Annuale Regionale 2007 ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO Rapporto Annuale Regionale 2007 Emilia Romagna Rapporto Annuale 2007 Comitato di redazione regionale Referente: Lucia Pirazzoli Silvana

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Statistiche per la prevenzione Danni da lavoro nell agricoltura nell industria e nell artigianato

Statistiche per la prevenzione Danni da lavoro nell agricoltura nell industria e nell artigianato CONSULENZA STATISTICO ATTUARIALE Statistiche per la prevenzione Danni da lavoro nell agricoltura nell industria e nell artigianato SUPPLEMENTO AL NOTIZIARIO STATISTICO N. 1-2/2011 Quaderni del Notiziario

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA ROMAGNA

IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA ROMAGNA SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro BOLOGNA IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA ROMAGNA Aggiornamento al 31 dicembre 2011 30 ottobre 2012 Sistema informativo SMAIL Emilia Romagna

Dettagli

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Perché questa particolare attenzione sugli infortuni? L'analisi degli incidenti/infortuni costituisce un momento di Art. 29 comma 3 Dlgs 81/08 fondamentale

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015 Le imprese a Bologna nel 2014 Marzo 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

BOOM DI MINI-JOBS ==================

BOOM DI MINI-JOBS ================== BOOM DI MINI-JOBS Nel 2014 la CGIA prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro: interessato un milione di persone. Commercio, ristorazione/turismo e servizi i settori più interessati ==================

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Elenco Corsi Sicurezza obbligatori comuni a tutti i settori integrato con parte dei contenuti

Elenco Corsi Sicurezza obbligatori comuni a tutti i settori integrato con parte dei contenuti Elenco Corsi Sicurezza obbligatori comuni a tutti i settori integrato con parte dei contenuti dell accordo Rep. 221 del 21/12/2011 e 223 del 21/12/2011 Stato/Regione Sono obbligate a possedere tutte le

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

Rapporto Annuale 2011. Parte quarta/statistiche Infortuni e malattie professionali

Rapporto Annuale 2011. Parte quarta/statistiche Infortuni e malattie professionali Rapporto Annuale 2011 Parte quarta/statistiche Infortuni e malattie professionali Roma, luglio 2012 INAIL Rapporto Annuale 2011 Andamenti e statistiche. Infortuni e malattie professionali Dati ed elaborazioni

Dettagli

Parte seconda AVVERTENZE

Parte seconda AVVERTENZE Parte seconda Infortuni sul lavoro e malattie professionali definiti e indennizzati dall INAIL AVVERTENZE In questa sezione sono riportate le statistiche relative ai casi di infortunio avvenuti e le malattie

Dettagli