Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le schede di Sapere anche poco è già cambiare"

Transcript

1 Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative relative rispettivamente all elezione del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati. I nuovi sistemi elettorali per il Parlamento italiano sono diversi fra loro, ma hanno in comune alcuni elementi fondamentali: 1. l attribuzione del 75% dei seggi in collegi uninominali in ciascuno dei quali è eletto il candidato che ottiene il maggior numero di voti (plurality system): la votazione ha luogo in un solo turno; 2. la ripartizione del restante 25% dei seggi in ragione proporzionale fra i partiti, con modalità diverse fra Senato e Camera, ma con il ricorso al cosiddetto scorporo totale per l elezione dei senatori e dello scorporo parziale per quella dei deputati. Lo scorporo, parziale o totale che sia, serve a penalizzare nel riparto proporzionale quelle liste o quei gruppi di candidati che hanno avuto eletti nei collegi uninominali col maggioritario. Lo scorporo permette una sorta di premio o riparazione per le coalizioni e i partiti di minoranza. La normativa sullo scorporo per l elezione della Camera è stata sottoposta a referendum nel 1999 e nel 2000: i promotori, in quelle due occasioni, chiesero l abolizione dell intera ripartizione proporzionale, ma l affluenza alle urne fu inferiore al 50% e il risultato delle due consultazioni fu dichiarato nullo. Le differenze fra i meccanismi in uso per le Camere sono però significative: a) per la Camera l elettore ha a disposizione due schede: una per la scelta del candidato nel collegio uninominale (ripartizione maggioritaria), l altra per la ripartizione proporzionale (in questa scheda la competizione è fra liste di partito, composte da candidati in ordine non modificabile o bloccato ); b) per il Senato la scheda di votazione è unica e i candidati eletti con la proporzionale sono ripescati fra i migliori perdenti in ragione dei voti ottenuti dal partito al quale sono collegati, dunque non v è doppia competizione: se si è in lizza per il maggioritario, lo si è anche per il proporzionale; c) la ripartizione dei seggi proporzionali per il Senato avviene su base regionale ed è aperta a tutti, quella per la Camera è inizialmente nazionale ed è limitata ai partiti le cui liste hanno ottenuto almeno il 4% dei voti nelle schede per il riparto proporzionale; d) lo scorporo, alla Camera, si effettua sottraendo al totale dei voti riportati dalle liste che hanno avuto almeno il 4% i voti sufficienti all elezione dei candidati eletti col maggioritario nei collegi: per ogni eletto, il partito perde tanti voti quanti quelli riportati dal secondo classificato nel collegio aumentati di una unità. La ripartizione dei 155 seggi proporzionali è poi eseguita in ragione proporzionale rispetto ai voti netti delle liste, una volta detratti i voti dello scorporo ; e) lo scorporo, al Senato, è totale: il gruppo di candidati dello stesso gruppo politico perde, al momento della ripartizione proporzionale, tutti i voti ottenuti dagli eletti nei collegi. La ripartizione dei seggi è effettuata in ciascuna regione col metodo d Hondt o delle divisioni successive; f) al Senato il candidato nel collegio uninominale è collegato ad un solo simbolo, perché non c è la competizione fra liste della stessa coalizione: accanto al rappresentante dell Ulivo o del Polo, perciò, troveremo solo il simbolo della coalizione, non quelli dei partiti che la compongono; g) alla Camera il candidato in un collegio uninominale può essere collegato anche ad uno solo dei partiti della sua coalizione: se questi sono C, D, E, il signor Bianchi potrà apparentarsi soltanto ad E, ma anche a più liste.

2 L apparentamento fra candidato nel collegio uninominale della Camera e una o più fra le liste della coalizione d appartenenza è alla base della contesa sulle cosiddette liste civetta. Come aggirare lo scorporo La possibilità che il candidato si leghi ad una sola lista permette alla coalizione di far apparentare i probabili vincitori nel collegio uninominale alle liste del partito o dei partiti che si suppone non supereranno il 4% dei voti nella competizione proporzionale, cioè nelle seconde schede per l elezione dei 155 deputati con il metodo già descritto. Supponiamo che in un collegio, il n.1 della nostra simulazione (tabella 1) la coalizione B pensi che il suo candidato Sempronio possa vincere la competizione uninominale maggioritaria, cosa che in effetti avviene. Sempronio ottiene voti contro i di Caio (coalizione A) e i 6015 di Mevio (partito X). La coalizione B, alla quale appartiene Sempronio, dovrebbe scorporare voti da quelli conquistati nelle schede proporzionali, dove si sono confrontate le liste dei partiti. Se tutti i gruppi politici della coalizione ovvero F, G, H, I, L fossero apparentati a Sempronio, perderebbero ciascuno una quota di quei suffragi in ragione dei voti ottenuti dalle rispettive liste. Ma qualora Sempronio fosse collegato soltanto alla lista più debole, quella del partito L, che in ambito nazionale ha avuto meno del 4% dei voti (il 2,62%, per l esattezza: v. tabella 2; perciò non parteciperebbe comunque alla ripartizione proporzionale) i voti verrebbero detratti da quelli di L, mentre gli altri partiti nella coalizione non pagherebbero alcun prezzo per aver conquistato il collegio 1. La lista L è dunque una lista civetta, presentata apposta per non essere votata oppure appartenente ad un partito minore della coalizione al quale, in cambio della corsa solitaria sono state assicurate candidature in collegi uninominali sicuri, in modo da garantire ad L una rappresentanza parlamentare. Le altre liste della coalizione si collegheranno invece ad altri candidati, quelli con minori speranze di successo nei rispettivi collegi. Nell esempio che segue immaginiamo un impiego scientifico delle liste civetta. La competizione perfetta (per le coalizioni più forti) Nella simulazione che segue abbiamo immaginato che la Camera dei deputati sia composta da 43 rappresentanti del popolo, eletti per il 75% (32) in collegi uninominali e per il restante 25% (11) in un collegio nazionale secondo le norme vigenti per Montecitorio. Ci sono due coalizioni di partiti, la A composta dalle liste C, D, E e la B composta dalle liste F, G, H, I, L oltre a tre gruppi non coalizzati: il partito X e il partito Y presentano anche (talvolta) candidati nel maggioritario, mentre il partito Z si limita a presentare la sola lista proporzionale, nella speranza di conseguire almeno il 4% dei voti. Nella scheda maggioritaria del collegio 3, avremo, perciò, due candidati: il rappresentante della coalizione A collegato ad una delle sue liste e il rappresentante della coalizione B collegato alla lista del partito L; nello stesso collegio, gli elettori riceveranno anche una scheda per la ripartizione proporzionale, nella quale figureranno in competizione fra loro ben undici liste: tre della coalizione A, cinque della B, più quelle dei partiti X, Y e Z: ne sceglieranno una votando il simbolo. Al momento di presentare le candidature, le coalizioni che pensano di potersi aggiudicare i seggi maggioritari hanno individuato esattamente, nel nostro caso, tutti i collegi vincenti; così, la coalizione A ha abbinato i suoi probabili eletti nel maggioritario alla lista E, ed altrettanto ha fatto la coalizione B con la lista L; i probabili perdenti si sono invece collegati con le altre liste delle proprie coalizioni, in modo che non sia sprecato neppure un voto, e lo scorporo, di fatto, non abbia luogo. Il giorno del voto, i risultati nei singoli collegi sono i seguenti:

3 TABELLA 1 Collegi elettorali ripartizione maggioritaria voti riportati da ciascun candidato Lista collegata al vincitore n.collegio uninominale Coalizione A Coalizione B Partito X Partito Y Totale voti Scorporo (partiti C,D,E) (partiti F,G,H,I,L) partito L partito E partito L partito L partito E partito L partito L partito L partito L partito L partito L partito L partito L partito L partito L partito E partito E partito L partito L partito L partito E partito E partito L partito E partito E partito L partito E partito L partito E partito L partito L partito E Voti maggioritari % voti maggior. 47,13 48,37 4,13 0,37 100,00 45,23 seggi assegnati Nota: i voti dei candidati eletti nei collegi sono evidenziati in neretto Nello scrutinio delle schede per la competizione proporzionale per l assegnazione dei restanti undici seggi, la situazione è invece la seguente, sempre che i collegamenti fra candidati eletti nei collegi e le liste resti quello indicato nella tabella 1:

4 TABELLA 2 Collegio unico nazionale - ripartizione proporzionale versione 1 - scorporo su liste civetta - assegnazione di 11 seggi totale voti % voti scorporo totale voti quozienti seggi seggi proporzionali proporzionali "netti" attribuiti in % Coalizione A 46,94 45,45 partito C , , ,27 partito D , , ,18 partito E , ,00 Coalizione B 48,14 54,55 partito F , , ,27 partito G , ,27 1 9,09 partito H , ,59 1 9,09 partito I , ,52 1 9,09 partito L , ,00 Non coalizzati partito X , ,49 0 0,00 partito Y ,13 0 0,00 partito Z ,69 0 0,00 Totali , , ,00 Nota: nella colonna relativa ai voti netti i voti dei partiti E, L, Y, Z sono pari a zero perché tali liste non hanno superato lo sbarramento del 4%. Come si evince dalla tabella 2, la lista del partito X ha raggiunto e superato la soglia del 4% dei voti, e può dunque partecipare alla ripartizione degli undici seggi proporzionali; intanto, l abile storno dello scorporo sulle due liste E ed L permette alle coalizioni A e B di risparmiare complessivamente circa un milione e duecentomila voti, ovvero circa il 45% di quelli espressi. Sono escluse dal riparto proporzionale, oltre alle liste dei partiti E ed L, anche quella di Y (appena lo 0,13% dei voti) e di Z (0,69%). I partiti maggiori delle due coalizioni, quelli che superano il 4% dei voti ovvero C e D da una parte e F, G, H, I dall altra conservano intatti i suffragi di lista ottenuti, così annullano quel premio di minoranza che è alla base della scelta dello scorporo. La presenza delle liste civetta permette alle coalizioni maggiori di ottenere il più alto numero possibile di seggi proporzionali; la lista X non ottiene un quoziente pieno cioè un seggio e non si rifà neppure con i resti, poiché il suo 0,49 è inferiore allo 0,52 del partito I. La lista X, dunque, pur ammessa alla ripartizione e forte del suo 4% dei voti, non avrà deputati. Non solo: la coalizione che ha avuto più eletti col maggioritario (la B, con 21 su 32) avrà anche sei seggi proporzionali su undici, ovvero il 54,55% dei posti col 48,14% dei voti. La coalizione giunta al secondo posto (A) si accontenterà di cinque posti il 45,45% - e di undici seggi maggioritari su 32, pur avendo avuto appena l 1,2% in meno di voti rispetto al raggruppamento B. Senza le liste-civetta, ovvero collegando i candidati delle coalizioni a tutti i partiti che le compongono, il risultato sarebbe stato diverso, come vediamo.

5 TABELLA 3 Collegio unico nazionale - ripartizione proporzionale versione 2 - scorporo diviso fra i partiti della coalizione - assegnazione di 11 seggi totale voti % voti scorporo totale voti quozienti seggi seggi proporzionali proporzionali "netti" attribuiti in % Coalizione A 46,94 54,55 partito C , , ,36 partito D , , ,18 partito E , ,00 Coalizione B 48,14 36,36 partito F , , ,18 partito G , ,90 1 9,09 partito H , ,42 1 9,09 partito I , ,37 0 0,00 partito L , ,00 Non coalizzati 4,92 partito X , ,94 1 9,09 partito Y ,13 0 0,00 partito Z ,69 0 0,00 Totali , , ,00 In questo caso, lo scorporo è avvenuto in proporzione ai voti riportati dalle singole liste, perciò i vincitori nei collegi uninominali hanno effettivamente perduto più di un milione di voti rispetto alla versione precedentemente illustrata. Qui la coalizione uscita sconfitta dalla competizione nei collegi uninominali ottiene sei seggi (uno in più), mentre il partito X conquista il resto sufficiente per assicurarsi un deputato. La coalizione vincitrice nel maggioritario perde invece due dei sei posti ottenuti grazie alle civette. La ripartizione complessiva dei seggi, nelle due varianti considerate, è perciò la seguente. TABELLA 4 Ripartizione generale dei seggi nei collegi col proporzionale Totale col proporzionale Totale uninominali versione 1 versione 1 versione 2 versione 2 Coalizione A partito C 3 4 partito D 2 2 partito E Coalizione B partito F 3 2 partito G 1 1 partito H 1 1 partito I 1 0 partito L Non coalizzati partito X partito Y partito Z Totali

6 Utilizzando le liste E ed L come civette, le coalizioni maggiori impediscono, nella versione 1, la presenza di altri gruppi alla Camera, mentre, non facendo ricorso a tale espediente peraltro legale la vittoria della coalizione B sarebbe netta, ma meno schiacciante; inoltre, la coalizione A sarebbe un po più forte e si permetterebbe al partito X non coalizzato di avere un proprio eletto. Se i seggi da assegnare con la proporzionale fossero 155, come è ora per la nostra Camera dei deputati, la lista X avrebbe comunque una propria rappresentanza, ma in presenza di liste civetta essa sarebbe quasi dimezzata rispetto alla versione 2: sette seggi anziché tredici, ovvero il 4,5% dei posti proporzionali anziché l 8,39%, e l 1,11% dei deputati anziché il 2,06%. TABELLA 5 Riepilogo situazione lista X % dei voti proporzionali 4,1 seggi maggioritari nei collegi 0 seggi proporzionali con liste civetta 0 in % 0,00 seggi totali con liste civetta 0 seggi proporzionali senza liste civetta 1 in % 9,09 seggi totali senza liste civetta 1 se i seggi proporzionali fossero 155 (come nella realtà) la situazione sarebbe: con liste civetta 7 in % 4,52 senza liste civetta 13 in % 8,39 Totale seggi Camera (su 630) con liste civetta 7 in % 1,11 Totale seggi Camera (su 630) senza liste civetta 13 in % 2,06 Anche la coalizione A, sconfitta nei collegi uninominali, potrebbe recuperare qualcosa. Ipotizzando che la proporzione dei seggi maggioritari sia costante, cioè che A conquisti sempre gli 11/32 dei collegi in palio, nella situazione attuale (475 collegi) il risultato sarebbe il seguente: 163 seggi maggioritari più un integrazione proporzionale oscillante a seconda della presenza o meno delle liste civetta fra i 72 e gli 88 seggi. TABELLA 6 Riepilogo situazione coalizione sconfitta (A) % dei voti proporzionali 46,94 seggi proporzionali con liste civetta 5 in % 45,45 seggi proporzionali senza liste civetta 6 in % 54,55 se i seggi proporzionali fossero 155 (come nella realtà) la situazione sarebbe: con liste civetta 72 in % 46,45 senza liste civetta 88 in % 56,77 se i seggi maggioritari fossero 475 (come nella realtà) la situazione sarebbe: seggi maggioritari nei collegi 163 Totale seggi Camera con liste civetta 235 in % 37,30 Totale seggi Camera senza liste civetta 251 in % 39,84 L utilizzo delle liste civetta avvantaggia nettamente la coalizione vincitrice nella maggioranza dei collegi uninominali (A). Le liste di A che superano la soglia del 4%, avendo più voti complessivi di quelle di B nel proporzionale, ottengono anche più seggi in questo secondo riparto, conseguendo una sorta di doppia vittoria. Senza liste civetta, invece, perderebbero circa un terzo dei seggi proporzionali, pur mantenendo la maggioranza degli eletti complessivi: 366 su 630.

7 TABELLA 7 Riepilogo situazione coalizione vincitrice (B) % dei voti proporzionali 48,14 seggi proporzionali con liste civetta 6 in % 54,55 seggi proporzionali senza liste civetta 4 in % 36,36 se i seggi proporzionali fossero 155 (come nella realtà) la situazione sarebbe: con liste civetta 76 in % 49,03 senza liste civetta 54 in % 34,84 se i seggi maggioritari fossero 475 (come nella realtà) la situazione sarebbe: seggi maggioritari nei collegi 312 Totale seggi Camera con liste civetta 388 in % 61,59 Totale seggi Camera senza liste civetta 366 in % 58,10 Conclusioni Le liste civetta costituiscono un espediente per assicurare alle coalizioni in grado di conquistare collegi nella competizione uninominale maggioritaria anche una ragguardevole quota dei posti attribuiti nella ripartizione proporzionale. Ciò svantaggia i partiti le cui liste possono raggiungere e superare il quorum del 4% dei voti sufficiente per accedere al riparto dei 155 seggi proporzionali, ma che non hanno possibilità di vittoria nei collegi. Il diritto di tribuna dei partiti minori viene così ridotto, anche se non scompare del tutto. Al Senato, dove non si può far ricorso alle liste civetta, i partiti che vincono nei collegi perdono i voti ottenuti dagli eletti, e per i minori conquistare un seggio è almeno teoricamente più facile, perché non ci sono soglie di sbarramento esplicite. Il fatto però che i seggi proporzionali del Senato siano appena 83, e che siano attribuiti su base regionale rende ugualmente selettivo anche il meccanismo per l elezione dei rappresentanti del popolo a Palazzo Madama: in undici regioni (fra le quali Valle d Aosta e Molise, dove c è solo la competizione uninominale maggioritaria perché sono rispettivamente solo uno e due i senatori da eleggere) i seggi proporzionali in palio sono meno di cinque; in altre otto regioni i posti sono fra cinque e otto; in Lombardia, infine, i senatori eletti col recupero proporzionale sono dodici. Le liste civetta restano una curiosa particolarità nel panorama europeo, così come lo scorporo parziale. Lo sono anche in Italia, perché, come si accennava, al Senato non esistono simboli non collegati ai candidati presentati nei collegi uninominali e non si può presentare più d un simbolo accanto al nome del candidato. Luca Tentoni

il nuovo sistema elettorale

il nuovo sistema elettorale il nuovo sistema elettorale Cosa cambia con Il testo approvato dalla Camera INIZIO /7 Numero di seggi alla Camera dei deputati Quanti deputati si eleggono? DAI VOTI ESPRESSI DAGLI ITALIANI ALL ESTERO:

Dettagli

il nuovo sistema elettorale

il nuovo sistema elettorale Cosa cambia con il nuovo sistema elettorale INIZIO / I seggi alla Camera dei deputati Quanti deputati si eleggono? DAI VOTI ESPRESSI DAGLI ITALIANI ALL ESTERO: DAI VOTI ESPRESSI SUL TERRITORIO NAZIONALE:

Dettagli

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA Fonti normative Costituzione della Repubblica italiana D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361 Approvazione del testo unico delle leggi recanti norme

Dettagli

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA

ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA ELEZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI E DEL SENATO DELLA REPUBBLICA ARGOMENTI 1. Fonti normative 2. Composizione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica 3. Assegnazione dei seggi alle circoscrizioni

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI SISTEMI ELETTORALI REGIONALI

SINTESI DEI PRINCIPALI SISTEMI ELETTORALI REGIONALI SINTESI DEI PRINCIPALI SISTEMI ELETTORALI REGIONALI Premessa Con l approvazione della legge costituzionale 22 novembre 1999 n. 1 ogni regione a statuto ordinario è tenuta a dotarsi di una propria legge

Dettagli

Documentazione per l esame di Progetti di legge

Documentazione per l esame di Progetti di legge Documentazione per l esame di Progetti di legge Calcolo del risultato delle elezioni della Camera dei deputati 2013, 2008 e 2006, nonché delle elezioni europee 2014 secondo la formula prevista dalla proposta

Dettagli

Capitolo V IL CORPO ELETTORALE

Capitolo V IL CORPO ELETTORALE Capitolo V IL CORPO ELETTORALE 1 1. POPOLO, CORPO ELETTORALE, NAZIONE, POPOLAZIONE Popolo Corpo elettorale Nazione Popolazione Insieme di tutti i cittadini Titolare della sovranità Insieme dei soggetti

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 6 maggio 2015, n. 52. Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE

Dettagli

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL Simulazioni elettorali sulla base del più recente sondaggio sulle intenzioni di voto - A cura di Piercamillo Falasca, 9 dicembre 2010 SINTESI Le elezioni anticipate

Dettagli

IL SISTEMA ELETTORALE NAZIONALE E REGIONALE

IL SISTEMA ELETTORALE NAZIONALE E REGIONALE IL SISTEMA ELETTORALE NAZIONALE E REGIONALE II EDIZIONE REGGIO CALABRIA - 20 OTTOBRE 2014 A CURA DELL DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA IL DIRIGENTE CARLO PIETRO CALABRO COORDINAMENTO ITALIA ROSCITANO

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LAURICELLA. Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LAURICELLA. Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3385 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato LAURICELLA Disposizioni in materia

Dettagli

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle di Vincenzo Emanuele Che la Sicilia non fosse più l Eden del consenso berlusconiano lo si era capito già alcuni

Dettagli

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; l articolo 4, 5, 7, 8 dello Statuto regionale del PD Puglia; il regolamento Elettorale dei circoli, delle Unioni cittadine e provinciali.

Dettagli

IL SENATO E I CITTADINI I PALAZZI DEL SENATO

IL SENATO E I CITTADINI I PALAZZI DEL SENATO 2 2 IL PARLAMENTO In Italia il Parlamento si compone di due Camere: la Camera dei deputati e il Senato della Repubblica. Esse hanno funzioni identiche, secondo il principio del bicameralismo perfetto o

Dettagli

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 1. Il Senato della

Dettagli

Sentenza 13/2012 GIUDIZIO SULL'AMMISSIBILITÀ DI REFERENDUM

Sentenza 13/2012 GIUDIZIO SULL'AMMISSIBILITÀ DI REFERENDUM Sentenza 13/2012 Giudizio GIUDIZIO SULL'AMMISSIBILITÀ DI REFERENDUM Presidente QUARANTA - Redattore CASSESE Camera di Consiglio del 11/01/2012 Decisione del 12/01/2012 Deposito del 24/01/2012 Pubblicazione

Dettagli

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO)

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO) REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE PROVINCIALE DI POTENZA E DI MATERA, DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DI CIRCOLO 1 La Direzione Regionale del Partito Democratico

Dettagli

PROPOSTE DI REVISIONE COSTITUZIONALE DEL SENATO PRIMA DELLA XVI LEGISLATURA

PROPOSTE DI REVISIONE COSTITUZIONALE DEL SENATO PRIMA DELLA XVI LEGISLATURA PROPOSTE DI REVISIONE COSTITUZIONALE DEL SENATO PRIMA DELLA XVI LEGISLATURA PROPOSTE DI REVISIONE COSTITUZIONALE DEL SENATO PRIMA DELLA XVI LEGISLATURA Nel presente dossier si confrontano i testi delle

Dettagli

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 LE LEGGI ELETTORALI Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 Introduce sul modello francese il consiglio come assemblea rappresentativa. Regno Subalpino Regno di Sardegna Legge

Dettagli

I COMMISSIONE PERMANENTE

I COMMISSIONE PERMANENTE Mercoledì 8 aprile 2015 6 Commissione I I COMMISSIONE PERMANENTE (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni) S O M M A R I O SEDE REFERENTE: Disposizioni in materia di elezione della

Dettagli

Capitolo Quarto Gli organismi di base: partiti politici e corpo elettorale

Capitolo Quarto Gli organismi di base: partiti politici e corpo elettorale 1. PREMESSA Capitolo Quarto Gli organismi di base: partiti politici e corpo elettorale La democrazia è quella forma di governo caratterizzata da una attiva partecipazione del popolo alla vita politica

Dettagli

Capitolo 10. Elezioni

Capitolo 10. Elezioni Capitolo 10 Elezioni 10. Elezioni I dati presentati si riferiscono alle principali consultazioni che si sono tenute in Italia nel corso del 2013. Nei mesi tra febbraio e giugno, i cittadini italiani sono

Dettagli

E ATTIVITÀ POLITICA E SOCIALE

E ATTIVITÀ POLITICA E SOCIALE 9ELEZIONI E ATTIVITÀ POLITICA E SOCIALE Nel 2014, gli elettori con diritto di voto sono circa 50 milioni. Il loro numero è in costante crescita, al contrario i votanti diminuiscono: l affluenza alle urne

Dettagli

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE APPROVATO IN SEDE REFERENTE DALLA 1 a COMMISSIONE DEL SENATO NELLA SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2014 WWW.RIFORMECOSTITUZIONALI.GOV.IT ELEMENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE

REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE (Approvato dalla Direzione del 7 Ottobre 2013) PREMESSA Il

Dettagli

Promulga la seguente legge approvata dall'assemblea Costituente: Art. 1.

Promulga la seguente legge approvata dall'assemblea Costituente: Art. 1. LEGGE 6 febbraio 1948, n. 29 Norme per la elezione del Senato della Repubblica. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge approvata dall'assemblea Costituente:

Dettagli

La matematica al voto

La matematica al voto La matematica al voto prof. Fabio Bonoli www.fabiobonoli.it Liceo Scientifico A. Righi Cesena 12/04/2013 Nel paese di Xlandia si svolsero le elezioni. Gli schieramenti erano solo due: il Partito Degli

Dettagli

Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013. Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013

Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013. Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013 Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Permessi elettorali: guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Il PROCEDIMENTO PER LE ELEZIONI DEI PRESIDENTI DI PROVINCIA E DEI CONSIGLI PROVINCIALI in pillole

Il PROCEDIMENTO PER LE ELEZIONI DEI PRESIDENTI DI PROVINCIA E DEI CONSIGLI PROVINCIALI in pillole Il PROCEDIMENTO PER LE ELEZIONI DEI PRESIDENTI DI PROVINCIA E DEI CONSIGLI PROVINCIALI in pillole - L. 56/2014 (cd legge Delrio) e s.m.i - Circolare n. 32/2014 e Circolare 35/2014 del Ministero dell Interno

Dettagli

ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI

ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI 1) Indizione delle elezioni Almeno 5 mesi prima della scadenza del mandato dei componenti l Assemblea dei delegati, il Consiglio

Dettagli

Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali. Direzione Centrale dei Servizi Elettorali

Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali. Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Dipartimento per gli affari Interni e Territoriali - Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Elezione dei

Dettagli

Giacomo Canale Un Presidente di minoranza: le assurde conseguenze della logica elettorale premiale sul procedimento di elezione del Capo dello Stato

Giacomo Canale Un Presidente di minoranza: le assurde conseguenze della logica elettorale premiale sul procedimento di elezione del Capo dello Stato CONSULTA ONLINE Giacomo Canale Un Presidente di minoranza: le assurde conseguenze della logica elettorale premiale sul procedimento di elezione del Capo dello Stato 1. Il problematico esito elettorale

Dettagli

PRESENTAZIONE. Valeria Ciavatta Segretario di Stato per gli Affari Interni la Protezione Civile, l Attuazione del Programma

PRESENTAZIONE. Valeria Ciavatta Segretario di Stato per gli Affari Interni la Protezione Civile, l Attuazione del Programma PRESENTAZIONE Sono lieta di presentare questa ricerca sull evoluzione delle elezioni nella Repubblica di San Marino. Scopo della pubblicazione è offrire un supporto conoscitivo a chi vuole approfondire

Dettagli

Congresso - Il Regolamento per la partecipazione al voto degli italiani all estero

Congresso - Il Regolamento per la partecipazione al voto degli italiani all estero Congresso - Il Regolamento per la partecipazione al voto degli italiani all estero Delibera n. La Commissione nazionale, riunita il giorno 08 ottobre 2013, - visto l art.10 dello Statuto nazionale; - in

Dettagli

CNHINDUSTRIALNDUSTRIAL

CNHINDUSTRIALNDUSTRIAL ACCORDO DI REGOLAMENTAZIONE AZIONE PER LA ELEZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ( RLS ) DI FCA E CNHI CNHINDUSTRIALNDUSTRIAL Le elezioni si terranno in tutti i siti di FCA e CNHI a partire

Dettagli

Camera dei Deputati 337 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. CXLVII N. 1

Camera dei Deputati 337 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. CXLVII N. 1 Camera dei Deputati 337 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 338 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 339 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 340 Senato della Repubblica Camera dei

Dettagli

CONSULTAZIONI ELETTORALI PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEI CONSIGLIERI REGIONALI DEL 23 NOVEMBRE 2014

CONSULTAZIONI ELETTORALI PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEI CONSIGLIERI REGIONALI DEL 23 NOVEMBRE 2014 CONSULTAZIONI ELETTORALI PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA E DEI CONSIGLIERI REGIONALI DEL 23 NOVEMBRE 2014 ISTRUZIONI INTEGRATIVE REGIONALI PER GLI UFFICI ELETTORALI DI SEZIONE INDICE 1) pagine

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2115 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa del senatore QUAGLIARIELLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 27 OTTOBRE 2015 Modifiche all articolo 83 della Costituzione

Dettagli

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE PARTE I Elezione dei delegati in rappresentanza dei lavoratori per la costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A Premessa Il presente regolamento è riferito alle elezioni RSU/RLS del Gruppo A2A (perimetro ex-aem) sulla base delle previsioni dell accordo sottoscritto

Dettagli

Caratteristiche del sistema elettorale comunale della Bassa Sassonia

Caratteristiche del sistema elettorale comunale della Bassa Sassonia - Traduzione giurata dalla lingua tedesca - Niedersächsischer Landeswahlleiter Informazioni del presidente della commissione elettorale regionale della Bassa Sassonia Caratteristiche del sistema elettorale

Dettagli

MODALITÀ DI ESPRESSIONE DEL VOTO PER L ELEZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE E DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE

MODALITÀ DI ESPRESSIONE DEL VOTO PER L ELEZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE E DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 31 Allegato A MODALITÀ DI ESPRESSIONE DEL VOTO PER L ELEZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE E DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE ESEMPLIFICAZIONI DEL VOTO Elezione del Consiglio regionale e del Presidente della Regione

Dettagli

Elezioni e sistemi elettorali (1)

Elezioni e sistemi elettorali (1) Elezioni e sistemi elettorali (1) Elezioni: una panoramica Praticamente ogni paese indipendente del mondo, a regime democratico o autoritario, ha indetto elezioni in un qualche momento Al 2007, solo 6

Dettagli

Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015

Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015 Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015 La gestione dei permessi elettorali in vista delle elezioni amministrative 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, durante il corrente mese di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C.

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. Art. 1 Indizione delle elezioni 1. Il Consiglio Direttivo convoca l Assemblea degli

Dettagli

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Pubblicata sull area riservata SIGNORI SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI SIGNORI SEGRETARI COMUNALI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI OGGETTO:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ANCI LOMBARDIA (approvato in data 4 luglio 2014 dal Consiglio Direttivo Regionale) Art. 1 Organo elettivo 1) Spetta all Assemblea

Dettagli

Scadenziario SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013. ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione

Scadenziario SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013. ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013 ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione Termine entro il quale il Presidente della Repubblica, su deliberazione del Consiglio

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ).

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). Art. 1 Il Consiglio regionale per la Sardegna è eletto a suffragio universale con voto diretto,

Dettagli

sistema statistico nazionale Milano dati serie elezioni 10 Elezione del Senato e della Camera 9 e 10 aprile 2006

sistema statistico nazionale Milano dati serie elezioni 10 Elezione del Senato e della Camera 9 e 10 aprile 2006 sistema statistico nazionale Milano dati serie elezioni 10 Elezione del Senato e della Camera 9 e 10 aprile 2006 Elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale 28 e 29 maggio 2006 A cura di: Paola Rimbano

Dettagli

Firenze, 25 marzo 2013.

Firenze, 25 marzo 2013. Firenze, 25 marzo 2013. Con lettera del Presidente del Consiglio Regionale datata 13.03.2013, è stata sottoposta a questo Collegio di Garanzia Statutaria, ai sensi dell art. 14 bis della L.R. n. 24/2008,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d'iniziativa dei senatori Chiti, Albano, Amati, Broglia, Capacchione, Casson, Corsini, Cucca, D'Adda, Dirindin, Gatti, Giacobbe, Lo Giudice, Micheloni, Mineo, Mucchetti,

Dettagli

Osservatorio Legislativo Interregionale

Osservatorio Legislativo Interregionale Le novitàdel sistema elettorale della Lombardia. La legge elettorale regionale «Norme per l elezione del Consiglio regionale e del Presidente della Regione»(l.r. 31 ottobre 2012, n. 17) Ufficio Elettorale

Dettagli

Per essere protagonisti del nostro FUTURO!!! VOTA E FAI VOTARE LA LISTA. CONFSAL-SALFi

Per essere protagonisti del nostro FUTURO!!! VOTA E FAI VOTARE LA LISTA. CONFSAL-SALFi Per essere protagonisti del nostro FUTURO!!! VOTA E FAI VOTARE LA LISTA CONFSAL-SALFi RSU: Un po di teoria.. RSU è l acronimo di Rappresentanza Sindacale Unitaria. È un organismo sindacale che esiste in

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE URGENTISSIMA N. 2 / 2013 Roma, 04/01/2012 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

ASSOCIAZIONE ADER CALABRIA ONLUS REGOLAMENTO ELETTORALE

ASSOCIAZIONE ADER CALABRIA ONLUS REGOLAMENTO ELETTORALE ASSOCIAZIONE ADER CALABRIA ONLUS REGOLAMENTO ELETTORALE ===================================== ARTICOLO 1. Campo di applicazione Il presente Regolamento, adottato ai sensi dell art. 19 dello Statuto Sociale,

Dettagli

Gilda degli Insegnanti di Bologna

Gilda degli Insegnanti di Bologna Piccolo manuale sui compiti della Commissione elettorale a cura di Enzo Gallo membro del comitato dei garanti per la Federazione Gilda Unams DESIGNAZIONE: compete esclusivamente alle organizzazioni sindacali

Dettagli

Art. 4 Elettorato passivo Art. 5 Rappresentanze da eleggere Art. 6 - Liste degli elettori Art. 7 Candidature

Art. 4 Elettorato passivo Art. 5 Rappresentanze da eleggere Art. 6 - Liste degli elettori Art. 7 Candidature REGOLAMENTO PER LE ELEZIONI DELLE RAPPRESENTANZE DEGLI STUDENTI NEGLI ORGANI DELL'UNIVERSITA', NEL COMITATO PARI OPPORTUNITA' E NEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL'AZIENDA REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO

Dettagli

PROGETTO IPALMO - ALBANIA MATERIALE PER LA FORMAZIONE SULLA STRUTTURA

PROGETTO IPALMO - ALBANIA MATERIALE PER LA FORMAZIONE SULLA STRUTTURA PROGETTO IPALMO - ALBANIA MATERIALE PER LA FORMAZIONE SULLA STRUTTURA E SULLE FUNZIONI DEL PARLAMENTO I - INFORMAZIONI GENERALI Popolazione 3.581.685 (luglio 2006) Composizione etnico-linguistica albanesi

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI 2014 LE SPESE ELETTORALI

ELEZIONI COMUNALI 2014 LE SPESE ELETTORALI Vademecum per le elezioni del 25 maggio 7 aprile 2014 2 Fonti normative Le leggi che storicamente regolano le questioni relative alle spese elettorali e alla loro rendicontazione per le elezioni comunali

Dettagli

Le modalità di trasmissione e diffusione dei dati elettorali

Le modalità di trasmissione e diffusione dei dati elettorali La modalità di trasmissione prevede l inserimento dei dati da parte degli uffici elettorali delle amministrazioni comunali La modalità di diffusione è interamente svolta da Regione Toscana sia tramite

Dettagli

Appunti per la riforma del sistema elettorale

Appunti per la riforma del sistema elettorale Appunti per la riforma del sistema elettorale di Augusto Barbera (Testo presentato in occasione dell'audizione sui temi della riforma elettorale presso l Ufficio di Presidenza della Commissione Affari

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA MODALITÀ DI COSTITUZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE

INDICE PARTE PRIMA MODALITÀ DI COSTITUZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE ACCORDO COLLETTIVO QUADRO PER LA COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE PER IL PERSONALE DEI COMPARTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E PER LA DEFINIZIONE DEL RELATIVO REGOLAMENTO ELETTORALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI. Parte I

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI. Parte I 1 REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E ASSEMBLEA DELLA FEDERAZIONE, E DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DEI CIRCOLI DELLA CITTA DI ROMA E DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI Parte

Dettagli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; gli articoli 4, 5, 6, 7 dello Statuto regionale del PD dell Umbria; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

Regione Puglia. Guida alle Elezioni Regionali 2010. A cura della Direzione dell Area Presidenza e Relazioni Istituzionali

Regione Puglia. Guida alle Elezioni Regionali 2010. A cura della Direzione dell Area Presidenza e Relazioni Istituzionali Regione Puglia Guida alle Elezioni Regionali A cura della Direzione dell Area Presidenza e Relazioni Istituzionali Premessa Con l approssimarsi delle elezioni regionali si ritiene utile fornire, a tutti

Dettagli

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE NOTA INFORMATIVA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO 2014 Aprile 2014 PREMESSA Le prossime elezioni amministrative, fissate per il 25 maggio, segneranno il rinnovo di 4106 amministrazioni comunali.

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SULLA PROPOSTA DI CUI AL TERZO, QUARTO E

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SULLA PROPOSTA DI CUI AL TERZO, QUARTO E RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SULLA PROPOSTA DI CUI AL TERZO, QUARTO E QUINTO PUNTO DELL ORDINE DEL GIORNO DELLA PARTE ORDINARIA DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI PRYSMIAN S.P.A. DEL

Dettagli

Elezioni Europee. 10 giugno 1979 17 giugno 1984 18 giugno 1989 12 giugno 1994 13 giugno 1999 12 giugno 2004

Elezioni Europee. 10 giugno 1979 17 giugno 1984 18 giugno 1989 12 giugno 1994 13 giugno 1999 12 giugno 2004 Elezioni Europee 10 giugno 1979 17 giugno 1984 18 giugno 1989 12 giugno 1994 13 giugno 1999 12 giugno 2004 41 42 43 44 Candidato isolano (eletto): Franco Iacono (PSI) facente parte del Gruppo del Partito

Dettagli

LE ELEZIONI EUROPEE 2014 IN SLOVENIA: UN EUROSCETTICISMO SILENZIOSO *

LE ELEZIONI EUROPEE 2014 IN SLOVENIA: UN EUROSCETTICISMO SILENZIOSO * LE ELEZIONI EUROPEE 2014 IN SLOVENIA: UN EUROSCETTICISMO SILENZIOSO * di Francesca Romana Dau (Assegnista di ricerca in Diritto pubblico comparato Università degli Studi di Milano) 28 maggio 2014 Sommario:

Dettagli

IL METODO DELLA CIFRA DECIMALE ELEVATO A CRITERIO GENERALE IN MATERIA ELETTORALE

IL METODO DELLA CIFRA DECIMALE ELEVATO A CRITERIO GENERALE IN MATERIA ELETTORALE IL METODO DELLA CIFRA DECIMALE ELEVATO A CRITERIO GENERALE IN MATERIA ELETTORALE NOTA A TAR ABRUZZO SEZ. DI PESCARA Sentenza n. 490 del 29 luglio 2011; TAR ABRUZZO SEZ. DI PESCARA Sentenza n. 572 del 20

Dettagli

Governo e amministrazione pubblica

Governo e amministrazione pubblica Governo e amministrazione pubblica 1 2 3 Il governo della società si realizza attraverso poteri differenziati e distribuiti: potere legislativo produce leggi sui diritti e la sicurezza degli individui

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLA POLITICA IN ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, REGNO UNITO, STATI UNITI

IL FINANZIAMENTO DELLA POLITICA IN ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, REGNO UNITO, STATI UNITI IL FINANZIAMENTO DELLA POLITICA IN ITALIA, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, REGNO UNITO, STATI UNITI La presente pubblicazione raccoglie schede di sintesi relative a finanziamento della politica nei principali

Dettagli

IL REGOLAMENTO DELLE ELEZIONI. Ogni biennio il Presidente pro tempore convoca l assemblea degli iscritti

IL REGOLAMENTO DELLE ELEZIONI. Ogni biennio il Presidente pro tempore convoca l assemblea degli iscritti IL REGOLAMENTO DELLE ELEZIONI 1 Ogni biennio il Presidente pro tempore convoca l assemblea degli iscritti all albo degli avvocati, a mezzo di manifesti da affiggersi all interno del Palazzo di Giustizia

Dettagli

SI COMUNICA AL CORPO ELETTORALE QUANTO SEGUE:

SI COMUNICA AL CORPO ELETTORALE QUANTO SEGUE: MANIFESTO DELLE ELEZIONI DELLE RAPPRESENTANZE IN SENO AL CONSIGLIO DI DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASLAZIONALE VISTO L ART. 25 COMMA 5 DELLO STATUTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE A.

Dettagli

FantacalcioRenzoBar Regolamento

FantacalcioRenzoBar Regolamento Coppa del Baretto FantacalcioRenzoBar Regolamento 1- Il Gioco 2- Il Mercato 1.1 Il gioco costituisce un fantasy game, ossia una simulazione che permette ai Fantallenatori di costituire una squadra di calcio

Dettagli

TESTO COMMENTATO della legge regionale 3 giugno 2005, n. 7

TESTO COMMENTATO della legge regionale 3 giugno 2005, n. 7 ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA Incarico speciale Controllo parlamentare e Testi unici TESTO COMMENTATO della legge regionale 3 giugno 2005, n. 7 recante Norme per l elezione del Presidente della Regione

Dettagli

I «PREMI DI MAGGIORANZA»

I «PREMI DI MAGGIORANZA» I «PREMI DI MAGGIORANZA» a cura di P. Passaglia con contributi di E. Bottini, C. Guerrero Picó, S. Pasetto e M. T. Rörig 1. Introduzione 1.1. Gli effetti dei criteri di ripartizione dei seggi (il premio

Dettagli

ELEZIONI POLITICHE 13 14 APRILE 2008. vademecum elettorale

ELEZIONI POLITICHE 13 14 APRILE 2008. vademecum elettorale ELEZIONI POLITICHE 13 14 APRILE 2008 vademecum elettorale DIREZIONE COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELL ASSEMBLEA REGIONALE Direttore: Rita MARCHIORI SETTORE COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE Dirigente in Staff:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Città di Somma Lombardo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 63 del 15 ottobre 2007 ) P.zza Vittorio

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

Capitolo 10. Elezioni

Capitolo 10. Elezioni Capitolo 10 Elezioni 10. Elezioni A partire dal referendum istituzionale e dall elezione per l Assemblea costituente del 2 giugno 1946, l Istat, in collaborazione con il Ministero dell interno, ha curato

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE - Approvato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 28 aprile 1992 - Modificato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 29 aprile 1993 - Modificato dal Comitato

Dettagli

Le Delegazioni di parte pubblica e di parte sindacale

Le Delegazioni di parte pubblica e di parte sindacale CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO, ALLARGATO ANCHE AI RAPPRESENTANTI SINDACALI DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE sottoscritto in data 6 luglio 1999 MODIFICHE AL REGOLAMENTO CONCERNENTE LE ELEZIONI DEI

Dettagli

A. RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE (R.S.U.) PREMESSA

A. RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE (R.S.U.) PREMESSA ACCORDO PER IL RINNOVO DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE E PER LA ELEZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA NELLE SOCIETA FS, RFI, TRENITALIA, FERSERVIZI, ITALFERR E FERROVIE REAL

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4369 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore PASSIGLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1 o DICEMBRE 1999 Norme in materia

Dettagli

Sistemi Elettorali. Giorgio Gallo

Sistemi Elettorali. Giorgio Gallo Sistemi Elettorali Giorgio Gallo Le fasi di un processo elettorale Definizione delle regole elettorali Il voto Determinazione dei seggi da attribuire a partire dai voti espressi Formazione del governo

Dettagli

Prefettura di Avellino

Prefettura di Avellino PROT. N. 582/S.E. lì, 6.4.2007 - AI SIGG. PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI ELETTORALI CIRCONDARIALI DI: ARIANO IRPINO S. ANGELO DEI LOMBARDI - AI SIGG. PRESIDENTI DELLE SOTTOCOMMISSIONI ELETTORALI CIRCONDARIALI

Dettagli

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali Consultazione how-to Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali 1 2 3 4 5 Autonomie Territoriali Forma di Governo e Parlamento Parlamentarismo o Presidenzialismo? Secondo te, l attuale

Dettagli

ESTONIA: IL QUADRO POLITICO-ISTITUZIONALE

ESTONIA: IL QUADRO POLITICO-ISTITUZIONALE ESTONIA: IL QUADRO POLITICO-ISTITUZIONALE NELLA PROSPETTIVA DEL VOTO EUROPEO * di Umberto Ronga (Assegnista di ricerca in Diritto costituzionale Università degli Studi di Napoli Federico II) 28 maggio

Dettagli

PREFETTURA DI MILANO Ufficio Elettorale

PREFETTURA DI MILANO Ufficio Elettorale PROT. N. 532/2008 AREA II BIS ELETTORALE 18 febbraio 2008 AI SIGG.RI SINDACI dei Comuni della provincia di MILANO AI SIGG.RI SINDACI dei Comuni della provincia di MONZA E DELLA BRIANZA ALLA SIG. QUESTORE

Dettagli

Il Consiglio Regionale ha approvato. Il Commissario del Governo ha apposto il visto. Il Presidente della Giunta Regionale promulga la seguente legge:

Il Consiglio Regionale ha approvato. Il Commissario del Governo ha apposto il visto. Il Presidente della Giunta Regionale promulga la seguente legge: Legge Regione Campania n. 11 del 28/02/1987 (pubblicata sul BURC n. 14bis del 17/03/87) Norme per la tenuta degli Albi delle Imprese Artigiane e disciplina delle Commissioni Provinciali e Regionale per

Dettagli

La Corte costituzionale dichiara l incostituzionalità della legge elettorale tra attese e sorprese (con qualche indicazione per il legislatore) *

La Corte costituzionale dichiara l incostituzionalità della legge elettorale tra attese e sorprese (con qualche indicazione per il legislatore) * La Corte costituzionale dichiara l incostituzionalità della legge elettorale tra attese e sorprese (con qualche indicazione per il legislatore) * di Andrea Pertici (4 febbraio 2014) 1. Con ordinanza 17

Dettagli