Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le schede di Sapere anche poco è già cambiare"

Transcript

1 Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative relative rispettivamente all elezione del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati. I nuovi sistemi elettorali per il Parlamento italiano sono diversi fra loro, ma hanno in comune alcuni elementi fondamentali: 1. l attribuzione del 75% dei seggi in collegi uninominali in ciascuno dei quali è eletto il candidato che ottiene il maggior numero di voti (plurality system): la votazione ha luogo in un solo turno; 2. la ripartizione del restante 25% dei seggi in ragione proporzionale fra i partiti, con modalità diverse fra Senato e Camera, ma con il ricorso al cosiddetto scorporo totale per l elezione dei senatori e dello scorporo parziale per quella dei deputati. Lo scorporo, parziale o totale che sia, serve a penalizzare nel riparto proporzionale quelle liste o quei gruppi di candidati che hanno avuto eletti nei collegi uninominali col maggioritario. Lo scorporo permette una sorta di premio o riparazione per le coalizioni e i partiti di minoranza. La normativa sullo scorporo per l elezione della Camera è stata sottoposta a referendum nel 1999 e nel 2000: i promotori, in quelle due occasioni, chiesero l abolizione dell intera ripartizione proporzionale, ma l affluenza alle urne fu inferiore al 50% e il risultato delle due consultazioni fu dichiarato nullo. Le differenze fra i meccanismi in uso per le Camere sono però significative: a) per la Camera l elettore ha a disposizione due schede: una per la scelta del candidato nel collegio uninominale (ripartizione maggioritaria), l altra per la ripartizione proporzionale (in questa scheda la competizione è fra liste di partito, composte da candidati in ordine non modificabile o bloccato ); b) per il Senato la scheda di votazione è unica e i candidati eletti con la proporzionale sono ripescati fra i migliori perdenti in ragione dei voti ottenuti dal partito al quale sono collegati, dunque non v è doppia competizione: se si è in lizza per il maggioritario, lo si è anche per il proporzionale; c) la ripartizione dei seggi proporzionali per il Senato avviene su base regionale ed è aperta a tutti, quella per la Camera è inizialmente nazionale ed è limitata ai partiti le cui liste hanno ottenuto almeno il 4% dei voti nelle schede per il riparto proporzionale; d) lo scorporo, alla Camera, si effettua sottraendo al totale dei voti riportati dalle liste che hanno avuto almeno il 4% i voti sufficienti all elezione dei candidati eletti col maggioritario nei collegi: per ogni eletto, il partito perde tanti voti quanti quelli riportati dal secondo classificato nel collegio aumentati di una unità. La ripartizione dei 155 seggi proporzionali è poi eseguita in ragione proporzionale rispetto ai voti netti delle liste, una volta detratti i voti dello scorporo ; e) lo scorporo, al Senato, è totale: il gruppo di candidati dello stesso gruppo politico perde, al momento della ripartizione proporzionale, tutti i voti ottenuti dagli eletti nei collegi. La ripartizione dei seggi è effettuata in ciascuna regione col metodo d Hondt o delle divisioni successive; f) al Senato il candidato nel collegio uninominale è collegato ad un solo simbolo, perché non c è la competizione fra liste della stessa coalizione: accanto al rappresentante dell Ulivo o del Polo, perciò, troveremo solo il simbolo della coalizione, non quelli dei partiti che la compongono; g) alla Camera il candidato in un collegio uninominale può essere collegato anche ad uno solo dei partiti della sua coalizione: se questi sono C, D, E, il signor Bianchi potrà apparentarsi soltanto ad E, ma anche a più liste.

2 L apparentamento fra candidato nel collegio uninominale della Camera e una o più fra le liste della coalizione d appartenenza è alla base della contesa sulle cosiddette liste civetta. Come aggirare lo scorporo La possibilità che il candidato si leghi ad una sola lista permette alla coalizione di far apparentare i probabili vincitori nel collegio uninominale alle liste del partito o dei partiti che si suppone non supereranno il 4% dei voti nella competizione proporzionale, cioè nelle seconde schede per l elezione dei 155 deputati con il metodo già descritto. Supponiamo che in un collegio, il n.1 della nostra simulazione (tabella 1) la coalizione B pensi che il suo candidato Sempronio possa vincere la competizione uninominale maggioritaria, cosa che in effetti avviene. Sempronio ottiene voti contro i di Caio (coalizione A) e i 6015 di Mevio (partito X). La coalizione B, alla quale appartiene Sempronio, dovrebbe scorporare voti da quelli conquistati nelle schede proporzionali, dove si sono confrontate le liste dei partiti. Se tutti i gruppi politici della coalizione ovvero F, G, H, I, L fossero apparentati a Sempronio, perderebbero ciascuno una quota di quei suffragi in ragione dei voti ottenuti dalle rispettive liste. Ma qualora Sempronio fosse collegato soltanto alla lista più debole, quella del partito L, che in ambito nazionale ha avuto meno del 4% dei voti (il 2,62%, per l esattezza: v. tabella 2; perciò non parteciperebbe comunque alla ripartizione proporzionale) i voti verrebbero detratti da quelli di L, mentre gli altri partiti nella coalizione non pagherebbero alcun prezzo per aver conquistato il collegio 1. La lista L è dunque una lista civetta, presentata apposta per non essere votata oppure appartenente ad un partito minore della coalizione al quale, in cambio della corsa solitaria sono state assicurate candidature in collegi uninominali sicuri, in modo da garantire ad L una rappresentanza parlamentare. Le altre liste della coalizione si collegheranno invece ad altri candidati, quelli con minori speranze di successo nei rispettivi collegi. Nell esempio che segue immaginiamo un impiego scientifico delle liste civetta. La competizione perfetta (per le coalizioni più forti) Nella simulazione che segue abbiamo immaginato che la Camera dei deputati sia composta da 43 rappresentanti del popolo, eletti per il 75% (32) in collegi uninominali e per il restante 25% (11) in un collegio nazionale secondo le norme vigenti per Montecitorio. Ci sono due coalizioni di partiti, la A composta dalle liste C, D, E e la B composta dalle liste F, G, H, I, L oltre a tre gruppi non coalizzati: il partito X e il partito Y presentano anche (talvolta) candidati nel maggioritario, mentre il partito Z si limita a presentare la sola lista proporzionale, nella speranza di conseguire almeno il 4% dei voti. Nella scheda maggioritaria del collegio 3, avremo, perciò, due candidati: il rappresentante della coalizione A collegato ad una delle sue liste e il rappresentante della coalizione B collegato alla lista del partito L; nello stesso collegio, gli elettori riceveranno anche una scheda per la ripartizione proporzionale, nella quale figureranno in competizione fra loro ben undici liste: tre della coalizione A, cinque della B, più quelle dei partiti X, Y e Z: ne sceglieranno una votando il simbolo. Al momento di presentare le candidature, le coalizioni che pensano di potersi aggiudicare i seggi maggioritari hanno individuato esattamente, nel nostro caso, tutti i collegi vincenti; così, la coalizione A ha abbinato i suoi probabili eletti nel maggioritario alla lista E, ed altrettanto ha fatto la coalizione B con la lista L; i probabili perdenti si sono invece collegati con le altre liste delle proprie coalizioni, in modo che non sia sprecato neppure un voto, e lo scorporo, di fatto, non abbia luogo. Il giorno del voto, i risultati nei singoli collegi sono i seguenti:

3 TABELLA 1 Collegi elettorali ripartizione maggioritaria voti riportati da ciascun candidato Lista collegata al vincitore n.collegio uninominale Coalizione A Coalizione B Partito X Partito Y Totale voti Scorporo (partiti C,D,E) (partiti F,G,H,I,L) partito L partito E partito L partito L partito E partito L partito L partito L partito L partito L partito L partito L partito L partito L partito L partito E partito E partito L partito L partito L partito E partito E partito L partito E partito E partito L partito E partito L partito E partito L partito L partito E Voti maggioritari % voti maggior. 47,13 48,37 4,13 0,37 100,00 45,23 seggi assegnati Nota: i voti dei candidati eletti nei collegi sono evidenziati in neretto Nello scrutinio delle schede per la competizione proporzionale per l assegnazione dei restanti undici seggi, la situazione è invece la seguente, sempre che i collegamenti fra candidati eletti nei collegi e le liste resti quello indicato nella tabella 1:

4 TABELLA 2 Collegio unico nazionale - ripartizione proporzionale versione 1 - scorporo su liste civetta - assegnazione di 11 seggi totale voti % voti scorporo totale voti quozienti seggi seggi proporzionali proporzionali "netti" attribuiti in % Coalizione A 46,94 45,45 partito C , , ,27 partito D , , ,18 partito E , ,00 Coalizione B 48,14 54,55 partito F , , ,27 partito G , ,27 1 9,09 partito H , ,59 1 9,09 partito I , ,52 1 9,09 partito L , ,00 Non coalizzati partito X , ,49 0 0,00 partito Y ,13 0 0,00 partito Z ,69 0 0,00 Totali , , ,00 Nota: nella colonna relativa ai voti netti i voti dei partiti E, L, Y, Z sono pari a zero perché tali liste non hanno superato lo sbarramento del 4%. Come si evince dalla tabella 2, la lista del partito X ha raggiunto e superato la soglia del 4% dei voti, e può dunque partecipare alla ripartizione degli undici seggi proporzionali; intanto, l abile storno dello scorporo sulle due liste E ed L permette alle coalizioni A e B di risparmiare complessivamente circa un milione e duecentomila voti, ovvero circa il 45% di quelli espressi. Sono escluse dal riparto proporzionale, oltre alle liste dei partiti E ed L, anche quella di Y (appena lo 0,13% dei voti) e di Z (0,69%). I partiti maggiori delle due coalizioni, quelli che superano il 4% dei voti ovvero C e D da una parte e F, G, H, I dall altra conservano intatti i suffragi di lista ottenuti, così annullano quel premio di minoranza che è alla base della scelta dello scorporo. La presenza delle liste civetta permette alle coalizioni maggiori di ottenere il più alto numero possibile di seggi proporzionali; la lista X non ottiene un quoziente pieno cioè un seggio e non si rifà neppure con i resti, poiché il suo 0,49 è inferiore allo 0,52 del partito I. La lista X, dunque, pur ammessa alla ripartizione e forte del suo 4% dei voti, non avrà deputati. Non solo: la coalizione che ha avuto più eletti col maggioritario (la B, con 21 su 32) avrà anche sei seggi proporzionali su undici, ovvero il 54,55% dei posti col 48,14% dei voti. La coalizione giunta al secondo posto (A) si accontenterà di cinque posti il 45,45% - e di undici seggi maggioritari su 32, pur avendo avuto appena l 1,2% in meno di voti rispetto al raggruppamento B. Senza le liste-civetta, ovvero collegando i candidati delle coalizioni a tutti i partiti che le compongono, il risultato sarebbe stato diverso, come vediamo.

5 TABELLA 3 Collegio unico nazionale - ripartizione proporzionale versione 2 - scorporo diviso fra i partiti della coalizione - assegnazione di 11 seggi totale voti % voti scorporo totale voti quozienti seggi seggi proporzionali proporzionali "netti" attribuiti in % Coalizione A 46,94 54,55 partito C , , ,36 partito D , , ,18 partito E , ,00 Coalizione B 48,14 36,36 partito F , , ,18 partito G , ,90 1 9,09 partito H , ,42 1 9,09 partito I , ,37 0 0,00 partito L , ,00 Non coalizzati 4,92 partito X , ,94 1 9,09 partito Y ,13 0 0,00 partito Z ,69 0 0,00 Totali , , ,00 In questo caso, lo scorporo è avvenuto in proporzione ai voti riportati dalle singole liste, perciò i vincitori nei collegi uninominali hanno effettivamente perduto più di un milione di voti rispetto alla versione precedentemente illustrata. Qui la coalizione uscita sconfitta dalla competizione nei collegi uninominali ottiene sei seggi (uno in più), mentre il partito X conquista il resto sufficiente per assicurarsi un deputato. La coalizione vincitrice nel maggioritario perde invece due dei sei posti ottenuti grazie alle civette. La ripartizione complessiva dei seggi, nelle due varianti considerate, è perciò la seguente. TABELLA 4 Ripartizione generale dei seggi nei collegi col proporzionale Totale col proporzionale Totale uninominali versione 1 versione 1 versione 2 versione 2 Coalizione A partito C 3 4 partito D 2 2 partito E Coalizione B partito F 3 2 partito G 1 1 partito H 1 1 partito I 1 0 partito L Non coalizzati partito X partito Y partito Z Totali

6 Utilizzando le liste E ed L come civette, le coalizioni maggiori impediscono, nella versione 1, la presenza di altri gruppi alla Camera, mentre, non facendo ricorso a tale espediente peraltro legale la vittoria della coalizione B sarebbe netta, ma meno schiacciante; inoltre, la coalizione A sarebbe un po più forte e si permetterebbe al partito X non coalizzato di avere un proprio eletto. Se i seggi da assegnare con la proporzionale fossero 155, come è ora per la nostra Camera dei deputati, la lista X avrebbe comunque una propria rappresentanza, ma in presenza di liste civetta essa sarebbe quasi dimezzata rispetto alla versione 2: sette seggi anziché tredici, ovvero il 4,5% dei posti proporzionali anziché l 8,39%, e l 1,11% dei deputati anziché il 2,06%. TABELLA 5 Riepilogo situazione lista X % dei voti proporzionali 4,1 seggi maggioritari nei collegi 0 seggi proporzionali con liste civetta 0 in % 0,00 seggi totali con liste civetta 0 seggi proporzionali senza liste civetta 1 in % 9,09 seggi totali senza liste civetta 1 se i seggi proporzionali fossero 155 (come nella realtà) la situazione sarebbe: con liste civetta 7 in % 4,52 senza liste civetta 13 in % 8,39 Totale seggi Camera (su 630) con liste civetta 7 in % 1,11 Totale seggi Camera (su 630) senza liste civetta 13 in % 2,06 Anche la coalizione A, sconfitta nei collegi uninominali, potrebbe recuperare qualcosa. Ipotizzando che la proporzione dei seggi maggioritari sia costante, cioè che A conquisti sempre gli 11/32 dei collegi in palio, nella situazione attuale (475 collegi) il risultato sarebbe il seguente: 163 seggi maggioritari più un integrazione proporzionale oscillante a seconda della presenza o meno delle liste civetta fra i 72 e gli 88 seggi. TABELLA 6 Riepilogo situazione coalizione sconfitta (A) % dei voti proporzionali 46,94 seggi proporzionali con liste civetta 5 in % 45,45 seggi proporzionali senza liste civetta 6 in % 54,55 se i seggi proporzionali fossero 155 (come nella realtà) la situazione sarebbe: con liste civetta 72 in % 46,45 senza liste civetta 88 in % 56,77 se i seggi maggioritari fossero 475 (come nella realtà) la situazione sarebbe: seggi maggioritari nei collegi 163 Totale seggi Camera con liste civetta 235 in % 37,30 Totale seggi Camera senza liste civetta 251 in % 39,84 L utilizzo delle liste civetta avvantaggia nettamente la coalizione vincitrice nella maggioranza dei collegi uninominali (A). Le liste di A che superano la soglia del 4%, avendo più voti complessivi di quelle di B nel proporzionale, ottengono anche più seggi in questo secondo riparto, conseguendo una sorta di doppia vittoria. Senza liste civetta, invece, perderebbero circa un terzo dei seggi proporzionali, pur mantenendo la maggioranza degli eletti complessivi: 366 su 630.

7 TABELLA 7 Riepilogo situazione coalizione vincitrice (B) % dei voti proporzionali 48,14 seggi proporzionali con liste civetta 6 in % 54,55 seggi proporzionali senza liste civetta 4 in % 36,36 se i seggi proporzionali fossero 155 (come nella realtà) la situazione sarebbe: con liste civetta 76 in % 49,03 senza liste civetta 54 in % 34,84 se i seggi maggioritari fossero 475 (come nella realtà) la situazione sarebbe: seggi maggioritari nei collegi 312 Totale seggi Camera con liste civetta 388 in % 61,59 Totale seggi Camera senza liste civetta 366 in % 58,10 Conclusioni Le liste civetta costituiscono un espediente per assicurare alle coalizioni in grado di conquistare collegi nella competizione uninominale maggioritaria anche una ragguardevole quota dei posti attribuiti nella ripartizione proporzionale. Ciò svantaggia i partiti le cui liste possono raggiungere e superare il quorum del 4% dei voti sufficiente per accedere al riparto dei 155 seggi proporzionali, ma che non hanno possibilità di vittoria nei collegi. Il diritto di tribuna dei partiti minori viene così ridotto, anche se non scompare del tutto. Al Senato, dove non si può far ricorso alle liste civetta, i partiti che vincono nei collegi perdono i voti ottenuti dagli eletti, e per i minori conquistare un seggio è almeno teoricamente più facile, perché non ci sono soglie di sbarramento esplicite. Il fatto però che i seggi proporzionali del Senato siano appena 83, e che siano attribuiti su base regionale rende ugualmente selettivo anche il meccanismo per l elezione dei rappresentanti del popolo a Palazzo Madama: in undici regioni (fra le quali Valle d Aosta e Molise, dove c è solo la competizione uninominale maggioritaria perché sono rispettivamente solo uno e due i senatori da eleggere) i seggi proporzionali in palio sono meno di cinque; in altre otto regioni i posti sono fra cinque e otto; in Lombardia, infine, i senatori eletti col recupero proporzionale sono dodici. Le liste civetta restano una curiosa particolarità nel panorama europeo, così come lo scorporo parziale. Lo sono anche in Italia, perché, come si accennava, al Senato non esistono simboli non collegati ai candidati presentati nei collegi uninominali e non si può presentare più d un simbolo accanto al nome del candidato. Luca Tentoni

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 1. Il Senato della

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE NOTA INFORMATIVA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO 2014 Aprile 2014 PREMESSA Le prossime elezioni amministrative, fissate per il 25 maggio, segneranno il rinnovo di 4106 amministrazioni comunali.

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale CARLO FUSARO I limiti della legislazione elettorale vigente LEGISLAZIONE ELETTORALE: complesso delle norme concernenti

Dettagli

Istruzioni per le operazioni dell ufficio centrale

Istruzioni per le operazioni dell ufficio centrale DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI Elezioni comunali, provinciali e regionali Pubblicazione n. 20 Elezione diretta del sindaco e del consiglio

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di fondazione

Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di fondazione Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva LPP Swiss Life, Zurigo (Fondazione) Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

L. 10 dicembre 1993, n. 515. Disciplina delle campagne elettorali per l'elezione alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica.

L. 10 dicembre 1993, n. 515. Disciplina delle campagne elettorali per l'elezione alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica. L. 10 dicembre 1993, n. 515. Disciplina delle campagne elettorali per l'elezione alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica. 1. Accesso ai mezzi di informazione. 1. Non oltre il quinto giorno

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Artt. 123, 127, 134, 135, 136, 137 della Costituzione Costituzione della Repubblica Italiana (Gazzetta Ufficiale 27 dicembre 1947, n. 298) [ ] TITOLO V LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI Art. 123 Ciascuna

Dettagli

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 Notti sul ghiaccio è una gara di pattinaggio a coppie ad eliminazione in cui alcune celebrità hanno accettato di far coppia con altrettanti

Dettagli

Mercoledì 28 settembre 2005 4 Commissione I

Mercoledì 28 settembre 2005 4 Commissione I Mercoledì 28 settembre 2005 4 Commissione I Donato BRUNO, presidente, sostituendo il relatore, fa presente che gli emendamenti contenuti nel fascicolo n. 3 non presentano profili problematici in ordine

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SENATO

REGOLAMENTO DEL SENATO REGOLAMENTO DEL SENATO 95 96 REGOLAMENTO DEL SENATO 97 REGOLAMENTO DEL SENATO Testo approvato dall Assemblea il 17 febbraio 1971 (Gazzetta Ufficiale, Suppl. ord. n. 53 del 1º marzo 1971) e successive modificazioni

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione. della. Repubblica Italiana. dicembre 2012 1

Senato della Repubblica. Costituzione. della. Repubblica Italiana. dicembre 2012 1 Senato della Repubblica Costituzione della Repubblica Italiana dicembre 2012 1 A cura del Servizio dei resoconti e della comunicazione istituzionale, Ufficio delle informazioni parlamentari, dell archivio

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI 1 ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 12 ottobre 2014 PROVINCIA DI POTENZA VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 2 VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 1. INSEDIAMENTO DELL

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

ELEZIONI RSU PUBBLICO IMPIEGO 5 7 MARZO 2012. Le domande e le risposte.

ELEZIONI RSU PUBBLICO IMPIEGO 5 7 MARZO 2012. Le domande e le risposte. ELEZIONI RSU PUBBLICO IMPIEGO 5 7 MARZO 2012 Le domande e le risposte. La Commissione elettorale 1. Componenti della Commissione Elettorale e scrutatori. Comunicazione all'amministrazione I componenti

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA*

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA* COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA* IL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO Vista la deliberazione dell Assemblea Costituente, che nella seduta del 22 dicembre 1947 ha approvato la Costituzione della Repubblica

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Edizione con note

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Edizione con note COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Edizione con note INDICE PRINCIPÎ FONDAMENTALI pag. 3 (ARTICOLI 1-12) PARTE I - DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO I - RAPPORTI CIVILI pag. 6 (ARTICOLI 13-28)

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1 UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Filippo Romano 1 1. Introduzione 2. Analisi Multicriteri o Multiobiettivi 2.1 Formule per l attribuzione del

Dettagli

Voto attribuito COME SI VOTA Voto non attribuito

Voto attribuito COME SI VOTA Voto non attribuito Voto attribuito O S VOT Voto non attribuito OO PU O RTURO TOS PPPO USPP VR PURO OO ROSS OR PTRO S PO TOO VV SPROO RO O Si può mettere un segno sul candidato alla presidenza e un altro sul simbolo del candidato

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

a cura dell Ufficio Confederale RSU/RSA dell Unione Generale del Lavoro

a cura dell Ufficio Confederale RSU/RSA dell Unione Generale del Lavoro a cura dell Ufficio Confederale RSU/RSA dell Unione Generale del Lavoro 1 Indice Tempistica delle procedure elettorali...3 Tempistica dettagliata e adempimenti....4 ACCORDO COLLETTIVO QUADRO PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Elezioni Politiche Pubblicazione n. 6 Elezione della Camera dei deputati Elezione del

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI

REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI Art. 1 - PRINCIPI GENERALI Il presente regolamento generale e dell attività dei Volontari è derivato dallo statuto dell Associazione ed in particolare

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Personale dei comparti:

GUIDA OPERATIVA. Personale dei comparti: GUIDA OPERATIVA Personale dei comparti: Modalità di calcolo del monte ore dei permessi sindacali di spettanza delle organizzazioni sindacali rappresentative e della RSU nei luogo di lavoro Novembre 2013

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

Le «primarie» in Italia: dalla prassi alle regole

Le «primarie» in Italia: dalla prassi alle regole Le «primarie» in Italia: dalla prassi alle regole 1. UNA SINTETICA PREMESSA: IL RAPPORTO TRA PARTITI E ISTITUZIONI NELLE VICENDE REPUBBLICANE ITALIANE Come è convinzione diffusa, la Costituzione del 1948

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione

Istruzioni per le operazioni degli uffici elettorali di sezione MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Elezioni comunali, provinciali e regionali Pubblicazione n. 14 Elezione diretta del presidente

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO

CALCOLO COMBINATORIO CALCOLO COMBINATORIO 1 Modi di formare gruppi di k oggetti presi da n dati 11 disposizioni semplici, permutazioni Dati n oggetti distinti a 1,, a n si chiamano disposizioni semplici di questi oggetti,

Dettagli

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge Come nasce una legge: Dalla presentazione all approvazione definitiva Presentazione L iter di una legge inizia con la presentazione, al

Dettagli

PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI

PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE PARZIALE... 5 DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI

MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE TESTO UNICO DELLE LEGGI SULL ORDINAMENTO DEGLI ENTI LOCALI approvato con Decreto Legislativo

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ

PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ PROTOCOLLO (n. 2) SULL'APPLICAZIONE DEI PRINCIPI DI SUSSIDIARIETÀ E DI PROPORZIONALITÀ LE ALTE PARTI CONTRAENTI, DESIDEROSE di garantire che le decisioni siano prese il più possibile vicino ai cittadini

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 SOCIETA

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

ALCUNE PRELIMINARI CONSIDERAZIONI CRITICHE SULLA RIFORMA COSTITUZIONALE DEL GOVERNO RENZI E SUL NUOVO SENATO DELLA REPUBBLICA 1

ALCUNE PRELIMINARI CONSIDERAZIONI CRITICHE SULLA RIFORMA COSTITUZIONALE DEL GOVERNO RENZI E SUL NUOVO SENATO DELLA REPUBBLICA 1 ALCUNE PRELIMINARI CONSIDERAZIONI CRITICHE SULLA RIFORMA COSTITUZIONALE DEL GOVERNO RENZI E SUL NUOVO SENATO DELLA REPUBBLICA 1 DI GIACOMO CANALE* 1. Il dibattito sul progetto di riforma costituzionale

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

A B C. II. Cos è il Consiglio comunale. 1 La composizione e l elezione del Consiglio comunale. 2 La carica di consigliere comunale

A B C. II. Cos è il Consiglio comunale. 1 La composizione e l elezione del Consiglio comunale. 2 La carica di consigliere comunale II. 1 La composizione e l elezione del Consiglio comunale 2 La carica di consigliere comunale 3 I gruppi in Consiglio comunale 4 Le Commissioni del Consiglio comunale 5 Le competenze decisionali del Consiglio

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Istruzioni per le operazioni dei seggi

Istruzioni per le operazioni dei seggi Parlamento europeo Pubblicazione n. 4 Elezione del Parlamento europeo Istruzioni per le operazioni dei seggi Le pagine che seguono sono una proposta di riformulazione delle Istruzioni per le operazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

Pari opportunità nell'accesso alle cariche elettive

Pari opportunità nell'accesso alle cariche elettive XIV legislatura Pari opportunità nell'accesso alle cariche elettive dicembre 2005 n. 828 ufficio ricerche sulle questioni istituzionali, sulla giustizia e sulla cultura I N D I C E INTRODUZIONE... Pag.

Dettagli

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765 COMPLEMENTO A 10 DI UN NUMERO DECIMALE Sia dato un numero N 10 in base 10 di n cifre. Il complemento a 10 di tale numero (N ) si ottiene sottraendo il numero stesso a 10 n. ESEMPIO 1: eseguire il complemento

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

STATUTO TITOLO 1 IDENTITÀ, MISSIONE, OGGETTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA.

STATUTO TITOLO 1 IDENTITÀ, MISSIONE, OGGETTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA. STATUTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA TITOLO 1 IDENTITÀ, MISSIONE, OGGETTO DELL UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA Definizioni 1. Ai fini dello Statuto, dei Regolamenti e degli atti dell Ateneo

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Accesso dei media alle elezioni del Consiglio federale: principi e condizioni

Accesso dei media alle elezioni del Consiglio federale: principi e condizioni Parlamentsdienste Services du Parlement Servizi del Parlamento Servetschs dal parlament Servizio informazioni CH-3003 Berna Tel. 031 322 87 90 Fax 031 322 53 74 www.parlamento.ch information@pd.admin.ch

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Elezioni e par condicio Vademecum per gli operatori dell informazione

Elezioni e par condicio Vademecum per gli operatori dell informazione Elezioni e par condicio Vademecum per gli operatori dell informazione Gennaio 2013 AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI Unità Par Condicio Numero Verde: 800/282202 Fax: 081/7507550 CORECOM TOSCANA

Dettagli