PIT ALTO MOLISE. ALTO MOLISE SVILUPPO S.c.r.l. ALLEGATO E/1 STRATEGIA DEL PIT AM E COERENZA INTERNA. Promosso da

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIT ALTO MOLISE. ALTO MOLISE SVILUPPO S.c.r.l. ALLEGATO E/1 STRATEGIA DEL PIT AM E COERENZA INTERNA. Promosso da"

Transcript

1 PIT ALTO MOLISE Promosso da ALTO MOLISE SVILUPPO S.c.r.l. ALLEGATO E/1 STRATEGIA DEL PIT AM E COERENZA INTERNA Luglio 2002 ALLLLEEGGAATTOO EE//11 1

2 INDICE 1 LA STRATEGIA DEL PIT I presupposti della strategia del PIT La strategia del PIT Nodi Ipotesi di utilizzo di reti e nodi a valenza turistica 11

3 1 La strategia del PIT 1.1. I PRESUPPOSTI DELLA STRATEGIA DEL PIT Il PIT Alto-Molise rappresenta un progetto integrato capace di definire obiettivi strategici e specifici di sviluppo funzionali ad un precisa idea-forza di sviluppo. Nella fase di definizione dello stesso si è tenuto conto dei fattori vocazionali, individuati attraverso la tecnica dell indagine desk, e dei profili di sviluppo individuati attraverso la tecnica dell indagine field, in particolare riconoscendo significativo valore informativo alle manifestazioni d interesse raccolte in occasione del suddetto PIT, proposte sia da operatori pubblici che privati. Così come puntualmente evidenziato dal POR, lo sviluppo del turismo in Molise appare infatti indissolubilmente legato ad una piena e completa valorizzazione delle variegate risorse sia culturali che ambientali di cui è dotato il territorio regionale. Puntare su queste risorse diventa pertanto strategico se si vogliono creare le condizioni per promuovere un effettivo decollo dell'attività turistica, che non potrà realisticamente determinarsi facendo esclusivo affidamento sull'offerta balneare. Se si assume questa chiave di lettura, appare allora del tutto evidente come gli interventi riconducibili alla filiera del turismo-ambientebeni culturali assumano in effetti una grande rilevanza, soprattutto in confronto a quanto accaduto nel precedente ciclo di programmazione e ciò appare pienamente giustificato dall'esigenza di avviare un processo di progressiva diversificazione del tessuto economico regionale. Pertanto, la strategia da seguire è quella di attivare interventi trasversali a diverse misure ricomprese nell'asse "Sistemi Locali di Sviluppo", nell'asse delle "Risorse Naturali" ed in quello delle "Risorse Culturali". In accordo con quanto delineato dal documento di programmazione regionale, l'obiettivo generale del PIT dell Alto Molise risulta essere quello di aumentare il livello di reddito della popolazione locale attraverso: a) creazione di nuove opportunità di crescita e di sviluppo sostenibile, assicurando un uso efficiente e razionale delle risorse naturali, promuovendo la localizzazione di

4 nuove iniziative imprenditoriali, in particolare quelle del settore turistico e delle attività culturali; b) la promozione della localizzazione di nuove iniziative imprenditoriali, assicurando la sostenibilità ambientale dello sviluppo del sistema produttivo, anche con l utilizzo delle migliori tecnologie disponibili e rispettando nel medio e lungo periodo la capacità di carico dell ambiente; c) quello di stabilire condizioni favorevoli per nuove opportunità imprenditoriali, in particolare nel settore agro-alimentare e nei settori dell artigianato tradizionale, riducendo i tassi di disoccupazione, e accrescendo la partecipazione al mercato del lavoro e l emersione delle attività informali (e quindi la loro produttività), valorizzando le risorse femminili; A tal proposito, sono stati individuati i seguenti obiettivi specifici (di secondo livello) con i quali si ritiene possibile poter implementare la strategia del PIT: Tab. 1 - OBIETTIVI SPECIFICI DEL PIT Asse 1 Rete Ecologica Asse 2 Patrimonio culturale Asse 3 Politiche del Lavoro Negli ambiti marginali con sottoutilizzazione delle risorse: migliorare la qualità del patrimonio naturalistico e culturale, riducendone il degrado/abbandono ed accrescendone l integrazione con le comunità locali in un ottica di manutenzione, tutela, sviluppo compatibile, migliore fruizione e sviluppo di attività connesse. (Asse 1 Rete ecologica) Consolidare, estendere e qualificare il patrimonio archeologico, architettonico, storico-artistico, paesaggistico, archivistico e bibliografico delle aree depresse, nonché quello relativo alle attività di spettacolo e di animazione culturale, quale strumento di sviluppo qualificato ed equilibrato. Sviluppare l imprenditorialità legata alla valorizzazione del patrimonio e sostenere la crescita delle organizzazioni, anche del terzo settore e di economia sociale, nel settore culturale. Formare la popolazione attiva in relazione a specifiche esigenze della domanda di mercato o in connessione con la domanda che scaturisce dagli interventi nel territorio, promuovere la diffusione di competenze funzionali allo sviluppo. Rendere le forze di lavoro più competenti, informate e capaci di cogliere le esistenti e future occasioni di lavoro nell area e fuori dell area con particolare attenzione alle diversità di genere

5 (migliorare l occupabilità). (Asse 3 Politiche del lavoro) 4 Asse 4 Sistemi sviluppo locale Turismo Favorire la crescita di nuove realtà produttive locali intorno alla valorizzazione innovativa di risorse e prodotti turistici tradizionali ed al recupero di identità e culture locali.. Accrescere l articolazione, l efficienza e la compatibilità ambientale delle imprese turistiche (attraverso la promozione dell innovazione di prodotto, di processo ed organizzativa, nonché agendo sulle condizioni di base, disponibilità di infrastrutture, quali reti di approdi, servizi, tecnologie, informazione del territorio); accrescere l integrazione produttiva del sistema del turismo in un ottica di filiera (anche al fine di ridurre il quantitativo di rifiuti prodotti, l'uso delle risorse naturali e il potenziale inquinante); favorire la crescita di nuove realtà produttive locali intorno alla valorizzazione innovativa di risorse e prodotti turistici tradizionali ed al recupero di identità e culture locali. Accrescere e qualificare le presenze turistiche nel Molise (attraverso azioni di marketing dei sistemi turistici, rafforzando gli strumenti di pianificazione territoriale, in un ottica di sostenibilità ambientale e diversificazione produttiva). 5 Asse 4 Sistemi sviluppo locale Manifatturiero Favorire lo sviluppo, l aumento di competitività e di produttività, di iniziative imprenditoriali nei settori già presenti che hanno dimostrato buone capacità di sviluppo, agendo sul completamento e irrobustimento di filiere e distretti e sulle attività produttive connesse con l uso di risorse naturali e culturali locali, favorendo la promozione delle migliori tecnologie disponibili dal punto di vista ambientale, degli schemi EMAS e Ecolabel, di innovazioni di processo/prodotto, prevenendo la formazione, riducendo le quantità e la pericolosità dei rifiuti generati dal ciclo produttivo nonché la possibilità di riutilizzo, riciclaggio e recupero dei prodotti. Favorire la creazione e il rafforzamento dei servizi alle imprese ed in particolare la loro connessione all interno delle logiche di filiera, focalizzando gli interventi sul lato della domanda (anche al fine di ridurre il potenziale inquinante, il quantitativo di rifiuti da smaltire, l'uso delle risorse naturali) 6 Asse 4 Sistemi sviluppo locale Infrastrutture Migliorare la dotazione e la funzionalità delle infrastrutture per la localizzazione e la logistica delle imprese e delle infrastrutture di servizio e supporto per la forza lavoro, in particolare per il lavoro femminile 7 Asse 4 Sistemi sviluppo locale Agricoltura Migliorare la competitività dei sistemi agricoli ed agroindustriali in un contesto di filiera. Sostenere lo sviluppo dei territori rurali e valorizzare le risorse agricole, forestali, ambientali e storico-culturali

6 8 Asse 4 Sistemi sviluppo locale Commercio Nell ambito del sottosettore commercio: Valorizzare lo sviluppo del settore del commercio in un ottica di sviluppo territoriale integrato e di reti

7 1.2. LA STRATEGIA DEL PIT L'idea forza del PIT Alto Molise è connessa alla ideazione di un sistema locale di offerta turistica (S.L.O.T.) realizzato in funzione delle risorse naturali, delle produzioni tipiche e della cultura locale del territorio alto molisano. Parlando di offerta turistica, immaginiamo di percorrere idealmente i luoghi interessati dal nostro sistema, come se ci trovassimo in una sorta di museo all aperto, non più spazialmente definito ma organizzato secondo itinerari diversificati per tematiche turistiche. Questo concetto, che nella moderna museografia viene esplicitato con il termine di ecomuseo, non è altro che un nuovo modello di offerta culturale che permette di valorizzare le risorse ambientali e storico-etnografiche del territorio. Questo, con i suoi borghi, chiese, boschi, valli e fiumi, diventa, appunto, un museo all aperto da visitare attraverso una rete di percorsi tematici in cui i vari ambienti (naturale, storico e etnografico) si intrecciano realizzando un connubio tra identità culturale e promozione turistica ed economica. Dunque un museo in cui riscoprire le proprie origini e la propria storia, un complesso sistema integrato di tutte le risorse che hanno interessato, in stretta relazione tra di loro e in determinate epoche, una ben definita area geografica, appunto quella Alto Molisana E il museo del tratturo, l itinerario verde che ha condizionato i traffici economici, sociali e artistici del Molise per un periodo storico vastissimo (dall epoca dei sanniti alla prima metà del 900), e della transumanza, il fenomeno culturale più tipico della montagna molisana. Ma è soprattutto il museo del centro storico, il cuore del sistema turistico, che si intende valorizzare attraverso la rete dei castelli, delle chiese, dei resti dell archeologia industriale, della gastronomia. E il museo dell uomo e della sua natura, dove l uomo è interpretato nel suo ambiente naturale, la natura nel suo stato originale ma anche in quello in cui la società tradizionale e quella industriale l hanno modificato a propri fini. L ecomuseo non ha solo la funzione di recupero e salvaguardia del territorio, ma a questa se ne aggiunge una ben più importante, il consentire, cioè, ad una intera popolazione, la

8 riscoperta e la riappropriazione delle radici storiche, affinché siano da stimolo per un futuro riscatto sociale ed economico dell Alto Molise. In questa ottica l ecomuseo prevede uno sviluppo globale dell intero territorio interessato, che si attuerà rispettando le naturali vocazioni del territorio attraverso la individuazione di aree territoriali di interesse primario di valorizzazione le quali, operando in stretto collegamento tra loro, avranno il compito di innescare azioni economiche e culturali utili alla rinascita sociale dell intero comprensorio. L ecomuseo è organizzato in tre grandi itinerari diversificati per tematiche turistiche e comprendenti l itinerario del verde, l itinerario storico-archeologico, l itinerario dei mestieri e dei prodotti, l itinerariro del gusto. Le tre direttrici principali della rete territoriale di sviluppo collegano i poli di Agnone, Frosolone, Capracotta, Pietrabbondante, centri principali dell Alto Molise, e i centri minori che vi gravitano intorno. I percorsi tematici da una parte permettono di soddisfare diverse preferenze turistiche, dall altra attraverso il sistema ecomuseo, permettono di cogliere le sovrapposizione storiche, archeologiche e naturalistiche del territorio. In sintesi è possibile individuare una Rete di sviluppo territoriale caratterizzata da tre assi attrezzati di tipo naturalistico: un asse, sub- parallelo al corso del fiume Sangro, posizionato lungo la direttrice S. Angelo del Pesco - Pescopennataro - Belmonte del Sannio Capracotta - Castel del Giudice San Pietro Avellana Vastogirardi e Rionero Sannitico. Un secondo asse che sostanzialmente coincide con la fascia individuata dai tratturi Celano-Foggia e Lucera Castel Di Sangro, che interessa i comuni di Roccasicura, Carovilli, Pescolanciano, Pietrabbondante e Chiauci. Un terzo asse che, muovendosi in direzione Nord-Sud, raccorda il bacino del Verrino con l altopiano della Montagnola Colle dell Orso (Frosolone, Sessano, Carpinone, Sant Elena).

9 Gli assi attrezzati che caratterizzano la RTS 1si compongono di sentieri 2 rivolti ad un utenza diversificata (tracking, equiturismo, cicloturismo) e di punti di sosta a ridotto impatto ambientae in grado di offrire servizi dedicati per migliorare la fruibilità e il rispetto della natura. Lungo questi assi sarà possibile svolgere attività di didattica all aperto tramite apposita tabellonistica dislocata nei punti più significativi del percorso. Nel passaggio delle aree soggette a protezione (ZPS e SIC) saranno fornite adeguate informazioni circa gli habitat e le specie tutelate anche al fine di incentivare il turismo scolastico inserendo tali percorsi in un sistema di offerta studiato ad hoc e integrato con i terminali della rete Nodi Il pensare per reti ha condotto alla individuazione di un nodo centrale per l organizzazione e gestione dei flussi veicolati dalla rete e alla specializzazione tematica dei nodi satelliti. Nodo centrale AGNONE Città d arte e nodo centrale destinato : - Alla produzione multimediale dell informazione ove suggerire visivamente corrispondenze tra luoghi fisici e informatici. - Alla partizione e regolazione dei flussi materiali e immateriali. La presenza di un nodo di raccordo è essenziale nella ipotesi di SLOT di tipo ambientale e culturale, che non potrebbe raggiungere il proprio target senza un azione promozionale che utilizzi un immagine coordinata dell Alto Molise. 1 La configurazione spaziale delle iniziative è stata perseguita nell ottica di una strutturazione di una Rete Territoriale di Sviluppo (RTS), capace di sostenere la crescita di medio lungo termine di un sistema economico riconducibile al modello della economia di monte.la RTS si configura nell ambito dello S.L.O.T. Parco dell Alto Molise come un infrastruttura capace di raccordare interventi stratificati, che, per tipologia e obiettivi specifici, sono riconducibili alla strategia del POR Molise e alle indicazioni programmatiche delle singole Misure attivate. 2 Tra i sentieri il più importante è certamente il Sentiero Italia del CAI che attraversa gli assi della RTS.

10 La sede fisica di tale luogo è posta in Palazzo Bonanni, all interno del centro storico, il più ricco di testimonianze culturali e il più esteso del comprensorio. Ad Agnone risultano connessi tutti i nodi periferici di espansione della rete, ciascuno con caratteristiche tipologiche diverse. In qualità di nodo di raccordo dello S.L.O.T. Agnone si candida anche per rappresentare i nodi periferici nell ambito di reti di raccordo a carattere provinciale, regionale e nazionale. Nodi periferici Veri e propri poli gestionali per aspetti specifici, i nodi secondari rappresentano le porte di ingresso della RTS. In particolare si evidenzia: Sistema dei centri visita SAN PIETRO AVELLANA Centro visita con foresteria nei pressi della stazione ferroviaria. Tale luogo risulta vocato al turismo escursionistico organizzato dalle associazioni di scout. CAROVILLI In posizione baricentrica rispetto alle concentrazioni delle aree protette, costituirà il centro visita satellite maggiormente tematizzato agli aspetti naturalistici. Sistema dei nodi museali PESCOLANCIANO Taverna del Duca Museo della ceramica CIVITANOVA DEL SANNIO Centro storico Museo del territorio BAGNOLI DEL TRIGNO Chiesa di S. Centro espositivo delle arti sacre Silvestro Papa FROSOLONE Centro storico Centro espositivo forbici e coltelli PESCOPENNATARO Centro storico Museo della pietra PIETRABBONDANTE Centro storico Museo sannitico S. PIETRO AVELLANA Centro storico Museo della civiltà contadina S. ANGELO DEL PESCO Centro storico Museo fotografico delle tradizioni dell Alto Molise Vengono inoltre potenziate le conoscenze delle aree archeologiche: VASTOGIRARDI S. Angelo Completamento scavi Tempio Italico

11 1.2.3 Ipotesi di utilizzo di reti e nodi a valenza turistica Gli assi attrezzati a valenza naturalistica individuati precedentemente si connettono con reti di mobilità esistenti che ne favoriscono l accessibilità e, quindi, la fruibilità. La rete ferroviaria, in particolare, risulta tra le più suggestive per panoramicità, tanto da essere oggetto di numerose proposte di valorizzazione a fini turistici. Nell ambito dello S.L.O.T. tale rete di mobilità si integra con i nodi e con gli assi permettendo la diversificazione dell offerta turistica anche nei confronti di diverse tipologie di utenze. Un possibile percorso vede come punto di ingresso dello S.L.O.T. il nodo di S.Pietro Avellana, dove è stato previsto un centro visita e si ha l interferenza tra la ferrovia Isernia- Sulmona, il Tratturo Lucera-Castel di Sangro e il sentiero Italia. Da qui lungo l asse attrezzato si procede o verso Carovilli, dove è previsto un centro per la vendita dei prodotti agroalimentari con un piccolo museo ferroviario all aperto o verso Vastogirardi non senza aver prima visitato il Faione. Si continua poi verso Pescolanciano, sempre lungo la ferrovia, e, quindi, risalendo verso Pietrabbondante tra aree protette e resti archeologici. Da qui, tramite il Sentiero Italia, ci si può dirigere sull asse attrezzato che collega funzionalmente l altissimo Molise al sub-sistema del Sannio che ha in Frosolone il centro principale. Il distretto Sannio-Frosolone, con una economia di monte autosufficiente (commercio, artigianato, agricoltura, zootecnia.) è caratterizzato dal binomio centri storici montagna. L asse attrezzato continua verso Bagnoli del Trigno e Civitanova che rappresentano l interfaccia con il Trigno. Alternativamente da San Pietro Avellana è possibile raggiungere l altissimo Molise dove insiste il nodo di Capracotta-Pescopennataro (sci di fondo, turismo di montagna), con la possibilità di scendere verso il fiume Sangro con Castel del Giudice e S.Angelo del Pesco, che costituiscono la porta di ingresso all Abruzzo e l interfaccia con il parco della Maiella e il sistema Castel di Sangro-Roccarso e con l asse ferroviario della sangritana. I nodi produttivi Il PIT Alto-Molise ha individuato una strategia di intervento sui nodi produttivi volta a garantire la sostenibilità della presenza di attività produttive nel contesto dello S.L.O.T.. Tale strategia risulta funzionale alla necessità di creare un effetto sinergico capace di generare valore aggiunto per affetto di un azione di sviluppo riconducibile ad un gioco a somma

12 positiva. In effetti, nell ambito della RTS pianificata i nodi produttivi rappresentano un fattore in grado di qualificare l offerta turistica sostenendo le produzioni tipiche locali e garantendo una migliore qualità di vita negli ambiti marginali, fattore questo di notevole impatto sulle caratteristiche socio-demografiche delle aree montane. I nodi produttivi, a loro volta, potranno godere del forte ritorno di immagine generato dalla strategia di posizionamento competitivo dello S.L.O.T. Parco dell Alto Molise che, data la matrice ambientale, si potrà estrinsecare in una più efficace azione di marketing delle aziende insediate, anche di tipo sociale, e in un vantaggio localizzativo in termini di attrazione di aziende esogene la cui mission aziendale pone la compatibilità aziendale delle produzioni realizzate quale fattore critico di successo per raggiungere il vantaggio competitivo. AGNONE Sistemazione Idro-geologica CARPINONE Incubatore d imprese in project financing MACCHIAGODENA Completamento area d insediamento attività agroindustriali POGGIO SANNITA Interventi di adeguamento ambientale Un possibile percorso vede come punto di ingresso dello S.L.O.T. il nodo di San Pietro Avellana, dove è previsto un centro visita e si ha l interferenza tra la ferrovia Isernia Sulmona, il Tratturo Celano-Foggia e il sentiero Italia. L edificio che ospiterà il centro visita, di proprietà comunale, è ubicato in una zona di interesse ambientale situato ai margini del tratturo, in un tratto perfettamente leggibile, all interno dell area Sic Monte Miglio, a circa 1 Km dalla Riserva MAB (Patrimonio UNESCO) di Montedimezzo e ad 800 metri dalla riserva naturale Feudozzo. L area è ideale per l escursionismo e il soggiorno, tale da richiamare un notevole numero di turisti, gruppi di scouts e comunità di giovani, attratti da una natura pressoché incontaminata. L offerta turistica si completa con l istituzione del Museo del Civiltà Tratturale" che rappresenta la naturale conclusione di un processo che ritrova nei suggerimenti della storia e nella realtà archeologica un motivo di accrescimento storico e culturale di grande interesse e permette di entrare nell'essenza delle motivazioni che hanno portato S. Pietro Avellana ad essere uno dei punti nodali del grande intreccio dei percorsi tratturali dall'antichità ai nostri giorni. Il fatto di poter offrire ad un vasto pubblico, sia che abbia interessi culturali, sia che abbia interessi solamente turistici, la possibilità di penetrare anche con moderni sistemi illustrativi nella struttura di un sistema economico così particolare, costituisce il pretesto per

13 allargare le conoscenze a tutto lo straordinario mondo che ruota attorno alla civiltà pastorale e, conseguentemente, a tutta la civiltà sannitica, romana e medioevale. "Il Museo della Civiltà Tratturale" costituirà il fulcro del sistema informativo del grande parco dei Tratturi, posizionato in un contesto paesistico ed urbano particolarmente accogliente, e determinerà il nascere di iniziative private per l'ospitalità dei visitatori, attivando, conseguentemente, lo sviluppo di attività artigianali e agrituristiche di supporto. I tratturi, questi immensi tracciati verdi che percorrono le regioni del centro e del sud dell'italia, rappresentano gli antichi percorsi dell'economia e dell'arte italiana. Lungo i tratturi transitarono non solo le greggi, ma anche gli artisti, i commercianti, gli artigiani e, attraverso loro, la cultura e la scienza di secoli e secoli di storia. Il museo vuole ricordare la civiltà della transumanza in tutti i suoi significati e nelle variegate sfaccettature che la contraddistinguono come un fenomeno che ha condizionato per secoli la cultura del meridione d'italia. Si prevede l'allestimento di sale didattiche-documentarie e di sale di proiezione di cortometraggi e documentari, esposizioni fotografiche e sala museo del tratturo con raccolta di attrezzi e oggettistica della transumanza. Una sezione del museo sarà dedicata alle testimonianze artistiche della transumanza. Al suo interno non solo potranno essere disposti i reperti della tradizione pastorale, ma saranno pure posizionate attrezzature espositive ad alta tecnologia, capaci di trasmettere al visitatore sia le notizie storiche e le peculiarità ambientali dei tratturi, sia i riferimenti alle origini della cultura sannitica e romana, sia i riferimenti all'organico mondo delle abbazie benedettine da cui il centro urbano medievale di S. Pietro ha origine, secondo un percorso variamente articolato ed articolabile. Ampi spazi integreranno il percorso sia per permettere l'organizzazione di incontri culturali o di illustrazioni ragionate, sia per ospitare esposizioni occasionali di grande importanza. Ampio spazio è stato riservato anche alla organizzazione, alla esposizione ed alla distribuzione di materiale artistico ad alta valenza culturale che sarà prodotto nell'ambito delle attività artigianali che si stanno per avviare su iniziativa comunale e regionale in un programma di valorizzazione del territorio.

14 L'intervento risponde alla sostenuta richiesta di conoscenza dei valori storici e demoantropologici del territorio molisano in generale e dell'alto-molise in particolare. Il Museo della civiltà tratturale costituisce l'unico punto di riferimento per la conoscenza dei fenomeni materiali collegati alla transumanza e con il patrimonio di reperti della cultura materiale raccolti in circa mezzo secolo di paziente attività della Comunità locale rappresenta, per il Molise e le regioni limitrofe, un motivo di permanenza nel territorio. Fortissima la richiesta di visite nel lotto già funzionale che é assolutamente insufficiente per la quantità di reperti da sistemare e offrire all attenzione di un più vasto pubblico. Da San Pietro Avellana, lungo l asse attrezzato, si procede verso Carovilli, dove è previsto un centro per la vendita dei prodotti agroalimentari con un piccolo museo ferroviario all aperto. L intervento è correlato con quelli da realizzare a Chiauci, Pescolanciano, Roccasicura e San Piero Avellana, ed è articolato all interno di un azione complessiva che si propone di promuovere, attraverso varie opere strettamente connesse, la valorizzazione di siti di notevole valore ambientale in cui sono presenti una serie di aree classificate SIC e ZPS e di foreste demaniali. Fra questi territori di alto valore ambientale ed istituzionalizzati, vi sono zone di non minore pregio e caratteristiche, quali il bosco di Monte Miglio, il bosco di Monte Pizzi, il Bosco della Ficora, la faggeta di Monte Totila, il bosco di faggi secolari di S. Onofrio, il manto boschivo di cerri fra Chiauci e Pietrabbondante Geograficamente unito anche dai due tratturi Castel di Sangro. Lucera e Celano- Foggia, lungo di essi si snocciolano una serie di testimonianze di eccezionale valore come il tempietto di Vastogirardi, una serie numerosa di cinte sannitiche e testimonianze sannitiche di cui si riportano solo quelle più note: M. Miglio, M. Cavallerizzo, M. Ferrante, S. Maria dei Vignali, S. Onofrio di Chiauci. La frequentazione turistica assume sempre più un carattere di realtà per la presenza di questo complesso ininterrotto di aree naturali e per la diffusione su tutto il territorio di un patrimonio storico eccezionale.

15 L idea progettuale mira alla valorizzazione di queste risorse naturali con la creazione di un asse attrezzato per il turismo; l utilizzazione delle stesse e del patrimonio diventa strumento per favorire il turismo con effetti positivi sulla riqualificazione del patrimonio abitativo rurale e sulla frequentazione diffusa al di fuori dei soliti tracciati. Il progetto si pone inoltre come strumento di programmazione per le azioni finalizzate alla tutela, alla conservazione del territorio, ed alla corretta utilizzazione delle risorse presenti con il recupero dei volumi edili sottoutilizzati e come mezzo per divulgarne la conoscenza Gli interventi riguardano la realizzazione del tracciato che attraversa tutto il territorio unendo le cinte e le testimoniane di epoca sannitica, le varie testimonianze religiose ed emergenze ambientali, utilizzando le aree attrezzate già presenti; la sistemazione e creazione di un area attrezzata della zona circostante il santuario della Madonna di Vallisbona (Roccasicura); la realizzazione di un area per il tempo libero in località S. Nicola (Roccasicura); il recupero dell edificio nei pressi della stazione ferroviaria di Carovilli per la realizzazione di un centro multimediale e di divulgazione centro visita visitor center; Interventi per migliorare la tartufaia, uno dei pochi esempi a livello internazionale; il Completamento area attrezzata e camping del bosco di S. Onofrio (Chiauci) con la realizzazione di un centro per la valorizzazione dei prodotti agro-alimentari locali e interventi sulla cinta sannitica; Un progetto formativo Il percorso continua verso Pescolanciano, sempre lungo la ferrovia e quindi, risalendo verso Pietrabbondante, tra le aree protette e i resti archeologici. La Taverna del duca, a Pescolanciano, rappresenta il nodo periferico tematico della rete museale. La sede fisica è un edificio storico nel quale verrà collocata l esposizione delle ceramiche artistiche settecentesche, utilizzabile anche come laboratorio sperimentale sulle arti applicate. Interessante la possibilità di realizzare un centro per esposizioni itineranti in un'altro "contenitore" di pregio architettonico quale, ad esempio, il castello di Pescolanciano. Il centro ha funzioni espositive, di centro telematico, di divulgazione materiale, punto informativo e infopoint turistico-culturale. Si tratta di un intervento che riguarda il completamento di un progetto già parzialmente realizzato con l ampliamento funzionale e la ristrutturazione. Si prevede la realizzazione di

16 opere, che si integrano con quelle già funzionanti in modo da accrescerne la capacità di offerta dei beni e dei servizi. Il museo della ceramica è strettamente collegato con l attività produttiva artistica e/o di alto artigianato di prodotti ceramici rinomati e conosciuti in tutto il Regno Napoletano e realizzati a cura della famiglia D Alessandro (XVII sec.). Pertanto la realizzazione del Museo della Ceramica è un completamento funzionale del castello, poco distante dalla taverna del duca, che già richiama un buon numero di visitatori soprattutto nel periodo estivo e che, quindi potrà visitare oltre la civiltà del tratturo, anche quella della produzione storica della ceramica. La struttura è posta lungo l asse attrezzato che va da San Pietro Avellana a Chiuaci e diventa uno degli elementi di richiamo e di attrazione integrato con le altre iniziative. Il complesso della Taverna, oltre a essere un centro per la promozione di attività culturali connesse alla transumanza, con l allestimento del museo della ceramica, aumenta il richiamo dei visitatori del Castello e della Taverna, con un azione di recupero di un patrimonio storico conosciuto, ma non apprezzato, per la mancanza di uno spazio espositivo. L intervento può essere considerato innovativo e può accrescere le capacità dell offerta e il beneficio economico è dato dalla spesa turistica addizionale oltre ai benefici indiretti ed indotti dalla creazione del museo, come la maggior frequentazione della zona e l utilizzazione di servizi commerciali. Va quindi considerata la validità dell intervento non solo sotto l aspetto prettamente economico ma anche sotto l analisi dei costi e benefici sociali. Il territorio di Pescolanciano è già un centro di richiamo turistico per la presenza di alcune risorse storico - culturali come il Tratturo, il castello, la cinta di S. Maria dei Vignali; l Amministrazione comunale ha in atto il completamento di alcune attrezzature turisticoricettive per il tempo libero come il campeggio, e attrezzature culturali come il museo della transumanza. Inoltre il territorio è prossimo a realtà vicine come l area attrezzata del bosco di S. Onofrio (Chiauci), a testimonianze storiche come l altra cinta sannitica su Monte Ferrante.

17 L intervento proposto raggiunge lo scopo di completare il recupero del patrimonio architettonico dell edificio storico Ex Taverna del Duca di Pescolanciano, salvaguardando e valorizzando lo stesso con la creazione del museo e creando una struttura capace di attrarre un maggior flusso turistico; è una risorsa culturale che va tutelata e salvaguardata con una destinazione, quindi, in grado di produrre animazione culturale con opere che servono a completare e migliorare la fruibilità Prima di giungere a Pietrabbondante lo SLOT propone una sosta nella zona naturalistica di Vastogirardi, in località Campolungo, Pineta Colle Madonna e dell'abetaia in localita Tre Colli. Il comune di Vastogirardi presenta due splendidi impianti di aghiformi, posti proprio ai margini dell'abitato: l abetaia (essenzialmente Abete rosso) sul lato della strada provinciale, in località Tre Colli, e la pineta (Pino nero) di colle Madonna. In tali aree si prevede la localizzazione di punti attrezzati, anche con ricca dotazione di strutture, sia di supporto alla sosta e al ristoro (panche, tavoli, fontane, ecc) che volte alla divulgazione delle peculiarità del territorio (pannelli, fabbricati in legno ad uso di centri informativi, cartellonistica ecc). Tali aree, proprio per la loro posizione, si prestano molto bene ad accogliere i ragazzi appartenenti a quel flusso del turismo, scolastico e degli scout, che dovrebbe essere uno dei capisaldi dello SLOT Alto Molise. Si prevede dunque di concentrare le risorse su questi due siti. In località Campolongo, in virtù dell'alto valore ambientale dell'area, l'intervento sarà limitato ad una area attrezzata di tipo A ovvero composta di sole panche e tavoli delimitati da apposita staccionata. All'ingresso dell'area si collocheranno alcuni pannelli didattici, con telaio in legno. L intervento proposto ha lo scopo di valorizzare le risorse naturali, importanti, presenti sul territorio al fine di creare le condizioni per soddisfare la forte domanda di un turismo ambientale e naturalistico sempre più in crescita negli ultimi anni. A tal proposito si rileva che: - da un indagine eseguita sul territorio e presso gli uffici comunali si è evidenziata una notevole richiesta di aree attrezzate da parte di gruppi di giovani e di associazioni

18 giovanili organizzate (scout), per diversi periodi dell anno (primavera-estate autunno-inverno). e La domanda attuale e quantificabile in circa 330 persone, organizzate in gruppi di persone scaglionati per l intero arco temporale di un anno con permanenza media di circa 12 giorni a gruppo. Le aree attrezzate nella pineta e nelle abetaia risponderanno a parte di tale domanda. l area Campolungo attualmente è anche sede di manifestazioni popolari e tradizionali all aperto quali la sagra di cazzariegl e fasciuol ; inoltre è situata nelle vicinanze dell importante centro agrituristico ed ippico di Staffoli e quindi, è interessata da una forte presenza di turisti. Si prevede che con la realizzazione degli interventi, integrata ad una opportuna promozione, la domanda attuale possa sicuramente aumentare. L intervento in esame è strettamente connesso con l altro intervento pubblico relativo alla sistemazione e valorizzazione del sito archeologico Tempio Italico. Si tratta di un edificio religioso risalente all epoca del II III secolo a.c.. L intervento riguarda un area di notevole interesse archeologico ed è oggetto di studi da parte della Soprintendenza Archeologica del Molise. Riguarda la sistemazione ed il restauro del sito archeologico tempio italico e del piccolo edificio adiacente; la segnaletica; la campagna di indagini, mediante ricognizioni, saggi, scavi, impiego di attrezzature tecnologiche, volte ad acquisire gli elementi necessari per poter rendere possibile, in futuro, il restauro e la valorizzazione dell intero complesso del santuario italico, compreso l acquisizione dell area interessata. E finalizzato a migliorare la qualità ed il livello di fruibilità del patrimonio culturale, museale ed archeologico, soprattutto nell ottica di promuovere uno sviluppo turistico. E volto al recupero ed alla rifunzionalizzazione di un sito archeologico importante. L intervento interessa una zona che dal punto di vista ambientale, paesaggistico e naturale è uno dei centri più importanti dell alto Molise. Il sito archeologico è situato nelle immediate vicinanze dell area S.I.C. di Monte Capraro, del Centro Urbano di Vastogirardi, degli impianti di sci ubicati nel comune di Capracotta, del centro agrituristico-ippico di Staffoli e nelle vicinanze del Re Faione, del

19 tratturo Celano-Foggia (bene vincolato ai sensi della L. 1089/39), in un tratto perfettamente leggibile, della Riserva Naturale M.A.B. (Patrimonio UNESCO) di Montedimezzo e delle Aree S.I.C. di Monte Miglio e Pennataro. Quindi, l intervento è inserito in un territorio ricco di emergenze naturali, ambientali, paesaggistiche e ricreative di notevole interesse. L obiettivo del progetto è di creare le condizioni per uno sviluppo turistico del territorio e delle comunità locali mediante la valorizzazione e la promozione di beni culturali. Non si è in grado di quantificare con precisione la domanda attuale e quella potenziale, però è sicuro che tale sito archeologico potrà essere interessato da un numero di visitatori abbastanza importante in quanto costituisce un elemento culturale forte integrato nel flusso turistico ambientale-naturalistico già presente ed in continua evoluzione. Attualmente l offerta è inadeguata in quanto il sito si presenta in uno stato di conservazione e manutenzione pessimo e dal punto di vista archeologico non è completato, nel senso che non sono stati ultimati gli scavi per individuare l effettiva consistenza, sia in termini dimensionali che di reperti archeologici. Superata la sosta di Vastogirardi, si giunge al teatro sannitico di Pietrabbondante, un bene architettonico e culturale troppo importante per non meritare la giusta attenzione all'interno di un qualsiasi progetto di valorizzazione culturale. Lo SLOT propone di migliorare l'accessibilità al sito archeologico, tra l'altro ancora utilizzato per gli spettacoli all'aperto, favorendo la conservazione del luogo e la valorizzazione turistica del paese. A completamento dell intervento è previsto il recupero e l adeguamento di un casolare posto in corrispondenza della zona dove, in accordo con la Soprintendenza, è stato collocato l ingresso del sito archeologico, al fine di destinarlo a centro visite, chiosco informativo, zona ristoro e foresteria. Sarà inoltre realizzato un parcheggio per autovetture e pullman. L offerta turistica si completa con l allestimento del museo sannitico di Pietrabbondante, con particolare attenzione all'illuminazione delle teche; verrà predisposto un centro informazioni multimediale connesso ai siti dei musei nazionali con possibilità di prenotazione on - line e la vendita di libri e souvenir. Tutto ciò che è rimasto dell'epoca sannita si rende dunque indispensabile per ricostruire la storia di questo glorioso popolo di guerrieri e di pastori. Documenti, reperti, oggettistica

20 saranno esposti all'interno del museo, che in stretta connessione con il teatro sannitico, costituirà l'espressione più concreta del passato e della storia di questa parte importante della regione. L intervento si propone di portare a termine i lavori di ristrutturazione e sistemazione dell immobile sito in Corso Sannitico, destinato ad ospitare il Museo Sannitico, già iniziati con finanziamento della Regione Molise nell ambito del POP MOLISE 1994/1999 ed ultimati nel dicembre L intervento previsto si configura come un completamento necessario ed indispensabile per rendere completamente funzionali le opere già eseguite, dato che i fondi già utilizzati non sono risultati sufficienti per il rifacimento della copertura. Inoltre, è prevista la dotazione di allestimenti multimediali per una più moderna ed attraente visita del patrimonio culturale sannitico. Tramite il sentiero Italia, si prosegue nell itinerario e ci si può dirigere sull asse attrezzato che collega funzionalmente l altissimo Molise al sub sistema Sannio, che ha in Frosolone il centro principale. Il distretto Sannio-Frosolone, con un economia di monte autosufficiente (commercio, artigianato, agricoltura, zootecnia) è caratterizzato dal binomio centri storicimontagna. L ambiente presenta le caratteristiche tipiche e caratterizzate dell altipiano Montagnola Colle dell Orso: pascoli di altura abbelliti da tappeti di fiori, faggete con alberi alti nel cui sottobosco raccogliere le profumate fragole di montagna, prati con la soffice erba e con tappeti di orchidee e viole. Ma è anche un area la cui importanza geologica è data dalla presenza nel sottosuolo di fenomeni carsici che hanno cesellato il territorio: numerose grotte, cavità e cunicoli, nascoste fra pinnacoli rocciosi, guglie, spuntoni rocciosi come le creste in località Le Case, monoliti come La Morgia Quadra, un blocco di calcare dalla forma di cubo con lisce pareti verticali. Uno scenario, quindi, nel complesso incantevole e vario che ne fanno un area eccezionale non solo dal punto paesaggistico ma importante anche per la ricca flora, la varietà di scenari: prati di altura, creste rocciose, grotte. Non mancano le testimonianze storiche: la cinta sannitica sulla altura in località Civitelle a quota 1200 m.s.l.m., resti di lunghe mura megalitiche, l eremo di S. Egidio ed altre chiesette, fontanili, abbeveratoi e altre testimonianze minori piccole opere, segni

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER UNIONE EUROPEA Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Regione Puglia Attuazione dell impostazione LEADER Cos è il GAL? Il Gruppo di Azione Locale (GAL) è un gruppo formato da soggetti

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Commissione Europea Regione Puglia COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

Dettagli

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 SCHEDA RILEVAMENTO PROGETTO (in attuazione della Legge regionale del 20 gennaio 2004 n. 2 Legge

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

Valorizzazione e recupero del patrimonio locale nelle Politiche di Sviluppo

Valorizzazione e recupero del patrimonio locale nelle Politiche di Sviluppo GIORNATE BANDIERA ARANCIONE 2011 Progetto di Sviluppo Sostenibile: economia, Valorizzazione e recupero del patrimonio locale nelle Politiche di Sviluppo identità, integrazione. Il QTR/P individua i Territori

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO

PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO PAESI D IRPINIA PAESI D IRPINIA: IL TERRITORIO INTERNO VERSO IL TURISMO STRATEGIE DI SVILUPPO LOCALE PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI AVELLINO Regione Campania GLI OBIETTIVI DI SVILUPPO Il progetto di valorizzazione

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

INTESA PROGRAMMATICA D AREA BASSA PADOVANA

INTESA PROGRAMMATICA D AREA BASSA PADOVANA INTESA PROGRAMMATICA D AREA BASSA PADOVANA Rilevazione di nuovi progetti 2010-2012 SCHEDA E LINEE GUIDA PER LA RILEVAZIONE DI NUOVI PROGETTI Progetti puntuali Presentati da un singolo Comune/Soggetto con

Dettagli

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011

Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA GRUPPO D AZIONE LOCALE SARRABUS GERREI TREXENTA CAMPIDANO DI CAGLIARI Presentazione ai soci delle azioni del PSL e delle attività del GAL SGT previste nel 2011 Presentazione

Dettagli

!"" #""$%&! #'$ " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$

! #$%&! #'$  # &%!$! ' &! &$)#$*!!# + $!# &'$!$!#$$ !"" #""$%&! #'$ % ( " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$ L anno duemilasette il giorno trenta del mese di maggio nella sala Informalavoro del Comune di Busalla, TRA Il Presidente in rappresentanza

Dettagli

Programma Partito Democratico di Pergine Elezioni amministrative 2009

Programma Partito Democratico di Pergine Elezioni amministrative 2009 Secondo noi amministrare una città vuol dire: PENSARE AI BISOGNI DI TUTTI AGIRE IN MODO TRASPARENTE INTRECCIARE RAGIONAMENTI DIVERSI IN UNA SINTESI COMUNE PORSI OBIETTIVI DI BENESSERE SOCIALE LAVORARE

Dettagli

Departure: Sicilia Uneso

Departure: Sicilia Uneso Departure: Sicilia Uneso Azione di co-marketingcon i vettori aerei per la promozione del SUD EST di Sicilia il Distretto Turistico Tematico del SUD EST - Accessibilità fisica al territorio - Accessibilità

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina, Carta dei valori municipali parte generale schede progetto

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina,  Carta dei valori municipali parte generale  schede progetto Premessa Il percorso municipale, che porterà alla Conferenza Urbanistica Cittadina, prevede la raccolta dei materiali progettuali, riguardanti tutta l area municipale, da acquisire nel corso delle riunioni

Dettagli

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 BANDO MISURA 311 Diversificazione in attività non agricole La misura 413. 311 viene attivata per favorire la permanenza delle attività agricole laddove

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO DEFINITIVO Ottobre 2009 Coordinamento progettuale Laboratorio Città Sostenibile Pier Giorgio Turi Responsabile Settore Gestione Verde

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO.

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LA TUA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LAINO CASTELLO Praia a Mare Parco Nazionale del Pollino UBICAZIONE UN LUOGO UNICO L antico borgo di

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

Programma amministrativo

Programma amministrativo Programma amministrativo AMBIENTE E SOSTENIBILITA Riduzione dei rifiuti: Redazione del Piano Comunale per la Riduzione della Produzione dei Rifiuti. Il Piano è uno strumento necessario per individuare

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche)

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI IDROLOGICHE, IDRAULICHE, GEOTECNICHE, SISMICHE E ARCHEOLOGICHE

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

Comune di Benevento Piano Strategico Città e strategie di sviluppo

Comune di Benevento Piano Strategico Città e strategie di sviluppo SCHEDA N 6 Perugia - Italia PROMOTORE Comune di Perugia Abitanti 157.000, capoluogo di regione TEMPI Anno di avvio 2002 Anno di conclusione In corso di elaborazione Orizzonte temporale 2013 Note: Il Piano

Dettagli

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi Gruppo di lavoro territorio I questionari conoscitivi Aprile 2010 Presentazione Questionario sul "Puc Partecipato" a cura di Alessia Fracchia e Valentina Rivera In previsione della redazione del nuovo

Dettagli

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO

2 Venezia_27/10/2010_URBANPROMO Il Piano e i partner coinvolti L'amministrazione comunale di Siracusa sta promuovendo il Piano Strategico INNOVA Siracusa 2020, la cui redazione si è avviata nel marzo del 2009 (con risorse disposte dalla

Dettagli

COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA

COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA Scheda dii Siintesii Intervento N 11.b SEZIONE I: IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO TITOLO PROGETTO: LA VALORIZZAZIONE DELLE EMERGENZE

Dettagli

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI Comune di Scandicci Provincia di Firenze Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO Premessa La presente relazione paesaggistica è redatta secondo le indicazioni della Deliberazione Giunta Regionale 15 marzo 2006 n. 8/2121: Criteri

Dettagli

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità Progetto Titolo Mut(u)azioni tra arte e scienza: I Licei Artistici dell Umbria, i Musei scientifici dell Ateneo e l Accademia di Belle Arti di Perugia esplorano e sperimentano le interazioni possibili

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. Schema della relazione paesaggistica ai sensi dell'art. 3 del D.C.P.M. 12 dicembre 2005 approvato dall'osservatorio Regionale per la qualità del Paesaggio nella seduta del 13.07.2006 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE

Dettagli

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante I BENI CULTURALI Prof. Francesco Morante Cosa sono i beni culturali? I beni culturali sono tutte le testimonianze, materiali e immateriali, aventi valore di civiltà. Da questa definizione si comprende

Dettagli

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA La consapevolezza dell importanza del turismo per lo sviluppo economico e la creazione di nuova occupazione richiede l elaborazione di nuove

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

ALCUNE IDEE PER UN PARCO DA VIVERE

ALCUNE IDEE PER UN PARCO DA VIVERE ALCUNE IDEE PER UN PARCO DA VIVERE A 25 anni dall istituzione del Parco e 10 dalla Legge Regionale sulle Aree Protette, Legambiente propone al Parco e agli enti locali alcune di iniziative per rafforzare

Dettagli

Programma di Sviluppo Locale 2007-2013 (PSL) Il GAL incontra il territorio Presentazione dei bandi 2012

Programma di Sviluppo Locale 2007-2013 (PSL) Il GAL incontra il territorio Presentazione dei bandi 2012 PSR 2007-2013 Asse 4 Leader Programma di Sviluppo Locale 2007-2013 (PSL) Il GAL incontra il territorio Presentazione dei bandi 2012 Lusia, 15 novembre 2011 Il PSL del GAL Polesine Adige PERCORSI RURALI

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 Linee guida, criteri e principi ispiratori della lista N. 2 per le elezioni amministrative 25.05.2014 SOMMARIO: PREMESSA LINEE PROGRAMMATICHE CONCLUSIONI PREMESSA

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

LA GROTTA DI SAN MICHELE DI MINERVINO MURGE: VALORIZZAZIONE DI UN SITO NATURALE, RELIGIOSO E ARCHEOLOGICO

LA GROTTA DI SAN MICHELE DI MINERVINO MURGE: VALORIZZAZIONE DI UN SITO NATURALE, RELIGIOSO E ARCHEOLOGICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE CORSO DI LAUREA in LINGUE E CULTURE PER IL TURISMO TESI DI LAUREA IN LINGUA E TRADUZIONE FRANCESE LA GROTTA DI SAN MICHELE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DEL VASO RE E DELLA VALLE DEI MAGLI INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DEL VASO RE E DELLA VALLE DEI MAGLI INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Istituzione Art. 2 Sede, dominio internet, marchio TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO II CARATTERISTICHE IDENTITARIE DELL ECOMUSEO, MISSIONE, SCOPI E FINAILITA Art. 3 Caratteristiche identitarie

Dettagli

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14 Piazzetta Cardo Nord Est mag. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI AREE EVENTI CLUSTER

Dettagli

ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE

ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE CORSO DI ORDINAMENTO ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE Indirizzo: TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Tema di: ECONOMIA E TECNICA DELL AZIENDA TURISTICA I prodotti turistici si configurano come il risultato

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PIANO DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO TERRITORIALE DELLA SILA GRANDE

PIANO DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO TERRITORIALE DELLA SILA GRANDE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 ASSE IV APPROCCIO LEADER Gruppo di Azione Locale della SILA Via Guido Rossa, 24 87050 Spezzano Piccolo (CS) www.galsila.com - info@silasviluppo.com PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020 ELEZIONI COMUNALI DI CIVIDALE DEL FRIULI DOMENICA 31 MAGGIO 2015 Candidato Sindaco: MASSIMO MARTINA Liste a sostegno: Partito Democratico Cittadini per Massimo Martina Sindaco Alternativa Libera Cividale

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 *

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 * Interventi per favorire la diversificazione delle attività agricole e lo sviluppo di quelle affini allo scopo di implementare fonti alternative di reddito (art.33 comma 2 - trattino 7 del Reg. (CE) 1257/99)

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

DESCRIZIONE DELL INVESTIMENTO PROPOSTO

DESCRIZIONE DELL INVESTIMENTO PROPOSTO DESCRIZIONE DELL INVESTIMENTO PROPOSTO Quartiere S.Elia a Cagliari. Sardegna Italia. Contesto e potenzialità del quartiere Il quartiere di Sant Elia, collocato tra lo stadio, che da esso prende il nome,

Dettagli

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Primi dati di scenario: Il valore aggiunto del Sistema Produttivo Culturale Il perimetro del

Dettagli

Dal tracciato alla fruizione turistica.

Dal tracciato alla fruizione turistica. Progetto Turismo Equestre Ippovie del Veneto Dal tracciato alla fruizione turistica. Franco Norido Settore Divulgazione Tecnica, Formazione Professionale ed Educazione Naturalistica. Cos è una Ippovia

Dettagli

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese

Strumenti per l attuazione delle Reti Ecologiche nella pianificazione regionale piemontese Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia Settore Pianificazione territoriale e paesaggistica WORKSHOP Strumenti per la realizzazione delle Reti Ecologiche: dalla pianificazione

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali SCHEDA DI PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA Dati generali 1 Denominazione CEA capofila: Ente titolare: Indirizzo: Telefono:

Dettagli

UNA MONTAGNA PER TUTTI: turismo, disabilità e fruizione del territorio montano Progetto INTERREG IIIA

UNA MONTAGNA PER TUTTI: turismo, disabilità e fruizione del territorio montano Progetto INTERREG IIIA UNA MONTAGNA PER TUTTI: turismo, disabilità e fruizione del territorio montano Progetto INTERREG IIIA OBIETTIVO: Avviare un processo verso un turismo accessibile, per rendere il territorio montano a cavallo

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio Indice 1. Il Bando Regionale sui PdV 2. Il territorio 3. Il partenariato 4. Le risorse dei PdV

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

Carta dei Servizi Musei e Mostre Permanenti

Carta dei Servizi Musei e Mostre Permanenti Carta dei Servizi Musei e Mostre Permanenti PREMESSA La Carta dei Servizi è il mezzo attraverso il quale qualsiasi soggetto che eroga un servizio pubblico individua gli standard della propria prestazione,

Dettagli

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali CONVEGNO La politica di sviluppo rurale verso il 2007-2013: 2013: risultati e prospettive Venezia, 18 e 19 novembre 2004 Sessione b - Sviluppo rurale Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali Catia

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche.

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO COMUNE DI PIACENZA PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO TRA COMUNE DI CREMONA COMUNE DI PIACENZA PROVINCIA DI LODI.,.ottobre 2015 Premesso che: L

Dettagli

Il GIS come strumento di valorizzazione turistica

Il GIS come strumento di valorizzazione turistica Il GIS come strumento di valorizzazione turistica Premessa I Sistemi Informativi Territoriali (GIS) nel corso degli ultimi anni sono entrati a far parte della realtà della gestione del territorio rivoluzionando

Dettagli

Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi

Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi Sviluppo dell agricoltura multifunzionale nell area del Parco Agricolo Sud Milano. I casi dei circuiti ciclo turistici LET e dei servizi di catering PARC Maria Pia Sparla Responsabile Servizio Valorizzazione

Dettagli

Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione

Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione Il turismo e le aree protettein Italia. Verso gli Stati generali Fabriano 8-9 ottobre 2014 Turismo e Rete Natura 2000. Obiettivi di tutela e valorizzazione Giuseppe Dodaro Realizzazione di un approfondimento

Dettagli

GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO

GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO Il progetto Giovani: diritto al futuro è stato realizzato nell

Dettagli

Progetto speciale: Sovvenzione Globale Più ricerca e innovazione

Progetto speciale: Sovvenzione Globale Più ricerca e innovazione Progetto speciale: Sovvenzione Globale Più ricerca e innovazione CATALOGO DI ORGANISMI DI FORMAZIONE, AGENZIE PER IL LAVORO E ALTRI SOGGETTI QUALIFICATI PER L EROGAZIONE DI SERVIZI SPECIALISTICI FUNZIONALI

Dettagli

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente Sistema Ambiente - Indagine conoscitiva Il questionario inerente al quarto forum sul sistema infrastrutturale produttivo è organizzato in dodici domande, di cui n. 7 a risposta singola e n. 5 a risposta

Dettagli

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI Protocollo d intesa con il Comune di Milano SUMMER SCHOOL 2015 CORSI SETTIMANALI 1-27 giugno 6-18 luglio 24 agosto-5 settembre 9.00-12.00 / 13.00-17.00 TOcCARE CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA

Dettagli

SINTESI DEGLI INTERVENTI E DELLE INIZIATIVE PER LA STRUTTURAZIONE E LA PROMOZIONE DELL ANPIL DEL MONTEFERRATO

SINTESI DEGLI INTERVENTI E DELLE INIZIATIVE PER LA STRUTTURAZIONE E LA PROMOZIONE DELL ANPIL DEL MONTEFERRATO SINTESI DEGLI INTERVENTI E DELLE INIZIATIVE PER LA STRUTTURAZIONE E LA PROMOZIONE DELL ANPIL DEL MONTEFERRATO L'ANPIL del Monteferrato è gestita in maniera unitaria mediante una convenzione del 4.5.2000

Dettagli

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari DIREZIONE OPERE PUBBLICHE ECONOMIA MONTANA E FORESTE La programmazione integrata delle filiere agro alimentari nelle aree LEADER del Piemonte Torino, 27 novembre 2014 1 PSR 2007 2013 ASSE IV LEADER 13

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO REGIONE LOMBARDIA Scheda Reg Lomb A2 n. prot. 15545/06 Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO - Comune: Milano - Provincia: Milano - Committente: Comune

Dettagli

Relazione Tecnica - Illustrativa

Relazione Tecnica - Illustrativa Relazione Tecnica - Illustrativa Premessa La Regione Campania, in attuazione della Delibera di Giunta Regionale. n. 404 del 31 luglio 2012, con D.D. n. 178 del 30 novembre 2012 ha pubblicato un Avviso

Dettagli

Convergenza, Competitività e Cooperazione tra territori

Convergenza, Competitività e Cooperazione tra territori Un villaggio di idee llll percorso IInFormatiivo dii sviilluppo llocalle SIICIILIIA 2015 Processo Informale di Concertazione verso la creazione della Rete delle Comunità per lo sviluppo sostenibile e integrato

Dettagli

PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA

PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA LEADER + SICILIA 2000-2006 PIANO PER LE AZIONI DI COMUNICAZIONE G.A.L. TERRE DELL ETNA E DELL ALCANTARA 1 1. Dati di base del GAL Terre dell Etna e dell Alcantara TERRITORIO Il territorio in cui ricade

Dettagli

VACANZE STUDIO ITALIA PESCASSEROLI -AQ- HOTEL IL PICCHIO

VACANZE STUDIO ITALIA PESCASSEROLI -AQ- HOTEL IL PICCHIO INPDAP e I SOGGIORNI STUDIO 20 anni di Soggiorni Studio, tante generazioni di giovani che grazie all Istituto hanno avuto modo di confrontarsi con una esperienza all estero, dando loro una visione più

Dettagli

AZENDA SPECIALE SEVIZI PUBBLICI LOCALI

AZENDA SPECIALE SEVIZI PUBBLICI LOCALI AZENDA SPECIALE SEVIZI PUBBLICI LOCALI IPOTESI PROGETTUALI PER LA VALORIZZAZIONE DELLA FARMACIA COMUNALE 1.1 ANDAMENTO FARMACIA COMUNALE I Bilanci degli ultimi anni dell Azienda Speciale evidenziano, per

Dettagli

... RocCaffè. Una seconda Piazza per Pieve. Pieve di Cento, 03 marzo 2012. La riqualificazione dell area fra Porta Bologna e la Rocca:

... RocCaffè. Una seconda Piazza per Pieve. Pieve di Cento, 03 marzo 2012. La riqualificazione dell area fra Porta Bologna e la Rocca: ...... RocCaffè Pieve di Cento, 03 marzo 2012 La riqualificazione dell area fra Porta Bologna e la Rocca: Una seconda Piazza per Pieve Percorso di consultazione partecipata della cittadinanza Rapporto

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

LISTA N. 3 "SI PUO' FARE DI PIU'" candidato alla carica di Sindaco BERTI GIANPIERO. candidati alla carica di Consiglieri Comunali

LISTA N. 3 SI PUO' FARE DI PIU' candidato alla carica di Sindaco BERTI GIANPIERO. candidati alla carica di Consiglieri Comunali LISTA N. 3 "SI PUO' FARE DI PIU'" candidato alla carica di Sindaco BERTI GIANPIERO candidati alla carica di Consiglieri Comunali LOMBARDI GIULIANO CRESPIANI ROMANO FRANCINI GIUSEPPE MICHELI FRANCESCO MOSTI

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

PHOINIX percorso archeologiconaturalistico

PHOINIX percorso archeologiconaturalistico IN COLLABORAZIONE CON SETTORE PROMOZIONE DEL TERRITORIO Comune di Cabras PHOINIX percorso archeologiconaturalistico Report dell incontro di presentazione del 10 aprile 2015 Progettisti: Arch. Pier Paolo

Dettagli

Al via il progetto SOUTH-EAST ARCHERITAGE - Roman Empire Common Heritage in Southern and Eastern ENPI Countries

Al via il progetto SOUTH-EAST ARCHERITAGE - Roman Empire Common Heritage in Southern and Eastern ENPI Countries CARTELLA STAMPA Al via il progetto SOUTH-EAST ARCHERITAGE - Roman Empire Common Heritage in Southern and Eastern ENPI Countries Turismo culturale e valorizzazione del patrimonio archeologico nel Mediterraneo

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

local marketing progetti di rete

local marketing progetti di rete local marketing progetti di rete local marketing e progetti di rete I territori sono da sempre al centro del nostro interesse. Da sempre CoopCulture è impegnata nella scoperta del territorio e della sua

Dettagli

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

realizzazione Interventi su impianti produttivi aziendali Aziende agricole beneficiarie n. Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole) Cod. misura Codice tipologia Misura FEOGA Tipologia di progetto Indicatore di realizzazione a a01 Interventi su impianti produttivi aziendali Investimenti nelle aziende agricole (piantagioni agricole)

Dettagli

STRUTTURA DEL PIANO, FINANZIAMENTI, STRATEGIE

STRUTTURA DEL PIANO, FINANZIAMENTI, STRATEGIE STRUTTURA DEL PIANO, FINANZIAMENTI, STRATEGIE.1 La struttura del Piano di Sviluppo La struttura del Piano precedentemente mostrata è stata la "base fondamentale di discussione del Piano nella Comunità

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli