Sistemi di Telecomunicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di Telecomunicazione"

Transcript

1 Sistemi di Telecomunicazione Parte 13: GSM Universita Politecnica delle Marche A.A A.A Sistemi di Telecomunicazione 1/51

2 Struttura di una generica rete radiomobile Una rete radiomobile consente ad un utente in movimento di effettuare una conversazione telefonica con un utente fisso o con un altro utente radiomobile. E ovvio pertanto che tale rete sia provvista di almeno due interfacce: una che provveda alla connessione tra il terminale radio dell utente e la parte fissa della rete radiomobile; sara pertanto un interfaccia radio, dedicata alla gestione dei collegamenti radioelettrici verso la flotta radiomobile; una che provveda alla connessione tra la parte fissa della rete radiomobile e la rete telefonica cablata convenzionale, provvedendo all instradamento del traffico effettuato dalla rete e alla gestione delle chiamate entranti e uscenti. Come indicato nella figura, la parte fissa della rete radiomobile comprende un sistema di elaboratori che possono essere geograficamente distribuiti, e in questo caso sono interconnessi fra loro a maglia. La loro funzione e di controllare la rete radiomobile, attraverso una serie di procedure necessarie per l identificazione degli utenti e la validazione delle chiamate generate, la localizzazione sul territorio e la conseguente gestione della mobilita dell utenza in termini di hand-over e roaming. A.A Sistemi di Telecomunicazione 2/51

3 Caratteristiche del sistema GSM Il sistema radiomobile GSM900 (Global System for Mobile Communications at 900 MHz) fu concepito nel 1982, come visto sopra, allorche la CEPT raccomando un nuovo sistema numerico di telecomunicazioni mobili su base europea. Contestualmente istitui un comitato tecnico denominato GSM (Groupe Speciale Mobile), con l incarico di definirne le specifiche sotto i seguenti aspetti: maggior capacita rispetto agli esistenti sistemi analogici capacita di supportare terminali sia di tipo veicolare che portatile coesistenza con i sistemi delle generazioni precedenti costo del servizio per l utente, possibilmente non superiore a quello dei sistemi precedenti fornitura di un servizio di telefonia mobile in grado di offrire un ampia gamma di servizi fonia e dati, con qualita paragonabile a quella delle reti fisse specifiche di interfacciamento tra la suddetta rete e quella ISDN, in modo da assicurare la libera circolazione dell utenza tra le Nazioni europee aderenti al progetto garanzia di un alto grado di sicurezza e riservatezza delle comunicazioni Tre anni, dal 1982 al 1985, furono necessari per decidere la scelta della soluzione, assolutamente inedita, in netta antitesi con le soluzioni analogiche avanzate esistenti. A.A Sistemi di Telecomunicazione 3/51

4 Bande 900/1800 per standard GSM La naturale evoluzione del GSM consiste nel protocollo PCN (Personal Communications Network), a cui sono assegnate due bande di 75 MHz nella gamma dei 1800 MHz. Il nuovo standard DCS1800 utilizza le stesse specifiche del GSM, e cio significa che e pienamente compatibile con la rete nata per il GSM. Solo i trasmettitori radio e gli apparati d utente richiedono di specifiche differenti. Le proprieta che differenziano il DCS1800 dal GSM sono: le frequenze radio, che comportano caratteristiche di propagazione diverse: ad esempio, una migliore capacita di penetrazione negli edifici, cosa che rende il DCS attraente per coperture urbane ad alta densita possibilita di realizzare microcelle e picocelle, con accresciuta efficienza spettrale minore potenza di trasmissione e migliore sfruttamento della capacita della batteria la maggiore larghezza di banda assegnata consente un sostanziale incremento di canali, e quindi dell utenza, per la singola cella A.A Sistemi di Telecomunicazione 4/51

5 Architettura della rete GSM A.A Sistemi di Telecomunicazione 5/51

6 Mobile Station La Mobile Station (MS) e costituita dal Mobile Equipment (il terminale) e da una Smart Card detta Subscriber Identity Module (SIM). La SIM e una smart card che contiene tutti i dati relativi all utente e personalizza il terminale. SIM card: La SIM card e costituita da un processore e da circuiti di memoria e permette di gestire l autenticazione del terminale, la sicurezza della trasmissione e le informazioni relative all utente. In particolare la SIM card contiene il codice IMSI (International Mobile Subscriber Identity) e la chiave Ki che permettono di identificare univocamente l abbonato. IMEI (International Mobile Equipment Identity) e IMSI+Ki sono indipendenti e garantiscono la mobilita personale. La SIM e protetta da usi non autorizzati da un numero di identita personale (PIN) e puo essere adoperata anche per altri servizi (numeri abbreviati, rubrica, lista di preferenze,...) Mobile Equipment: Il Mobile Equipment e univocamente identificato dal codice IMEI (International Mobile Equipment Identity). I terminali si suddividono in cinque classi in base alla massima potenza di trasmissione A.A Sistemi di Telecomunicazione 6/51

7 Base Station Subsystem Il Base Station Subsystem e costituito da due elementi: la BTS (Base Transceiver Station) e il BSC (Base Station Controller) che comunicano attraverso l interfaccia standard A bis, rendendo possibile (come nel resto della rete) operazioni tra componenti costruiti da fornitori differenti. BTS: La BTS determina l estensione della copertura radio di una cella tramite apparati transceivers e gestisce la comunicazione con le Mobile Stations e le relative procedure radio. Gli apparati radio di una BTS (transceivers) devono essere dimensionati in numero sufficiente per garantire la capacita desiderata. BSC: Il BSC si occupa della gestione di una o piu BTS. In particolare ha funzioni di: allocazione e rilascio dei canali di comunicazione commutazione e processamento dei segnali controllo della qualita e della potenza del collegamento gestione degli handover controllo del traffico di segnalazione e broadcast frequency hopping A.A Sistemi di Telecomunicazione 7/51

8 Network and Switching Subsystem - I Il NSS e un sottosistema della rete GSM che implementa numerose funzionalita, tra le quali la piu importante e la commutazione e l instradamento delle chiamate. Il componente principale e quindi il Mobile service Switching Centre (MSC). MSC: L MSC costituisce il centro di commutazione della rete GSM e controlla tutti i BSS dell area di sua competenza. In particolare si occupa di: Instauramento e instradamento delle chiamate tra MS della rete, Controllo degli handover, Registrazione e aggiornamento della posizione del mobile GMSC: Il GMSC e un particolare tipo di MSC che costituisce l interfaccia tra la rete GSM e altre reti (mobili o fisse). Le chiamate provenienti da reti esterne vengono instradate al GMSC della rete GSM dell utente destinatario che provvede a localizzare l area in cui si trova tale utente e ad instradare la richiesta all MSC di competenza. A.A Sistemi di Telecomunicazione 8/51

9 Network and Switching Subsystem - II L operazione di localizzazione degli utenti GSM per il corretto instradamento delle chiamate viene svolta dall MSC (per chiamate interne alla rete) o dal GMSC (per chiamate da reti esterne) in collaborazione con il Visitor Location Register (VLR) e con l Home Location Register (HLR). HLR: memorizza permanentemente le informazioni relative agli utenti della rete (profilo d utente, eventuali servizi supplementari abilitati, riferimento al VLR corrente). L HLR e tipicamente un computer stand-alone senza capacita di commutazione in grado di gestire centinaia di migliaia di utenti. VLR: Il VLR e un database temporaneo che contiene informazioni relative agli utenti che si trovano in quel momento nella area di sua competenza (profilo utente, parametri di sicurezza, eventuali servizi supplementari abilitati, location area, stato del terminale). Normalmente i costruttori implementano il VLR assieme all MSC poiche cosi le rispettive aree geografiche di pertinenza coincidono e si semplifica la segnalazione. A.A Sistemi di Telecomunicazione 9/51

10 Network and Switching Subsystem - III I rimanenti due elementi del NSS si occupano principalmente della gestione della sicurezza delle comunicazioni e della stessa rete. EIR: L Equipment Identity Register e un database che contiene le liste dei codici IMEI di tutti i terminali della rete e viene utilizzato dal gestore per impedire l accesso ai terminali non autorizzati (poiche rubati o di tipo non approvato). AuC: L Authentication Centre contiene un database protetto dove sono custoditi i codici di autenticazione e gli algoritmi degli abbonati necessari per la creazione dei parametri di autenticazione e che sono presenti anche nella SIM card. L autenticazione viene effettuata ogni volta che il terminale si collega alla rete GSM, quando riceve o effettua chiamate o SMS, durante l attivazione, durante la procedura di location area update, alla richiesta di attivazione, disattivazione o interrogazione dei servizi supplementari. La procedura di autenticazione e di codifica del canale radio e svolta in combinazione dall AuC (che comunica con l HLR) e dalla SIM. A.A Sistemi di Telecomunicazione 10/51

11 Operation and Support Subsystem L OSS e la sottorete che si occupa di coordinare tutte le attivita di controllo e manutenzione della rete per poterne garantire il corretto funzionamento. L OSS e costituito da due unita funzionali: l Operation and Maintenance Center (OMC) e il Network Management Center (NMC) OMC: L OMC si occupa di monitorare e controllare il corretto funzionamento della rete gestita da uno o piu MSC. In particolare ha funzioni di: gestire la configurazione dei parametri e controllare le prestazioni di tutti gli elementi di rete che ricadono nell area geografica di sua competenza; gestire i guasti, gli allarmi e verificare lo stato del sistema, con la possibilita di effettuare test per la verifica delle prestazioni e del suo corretto funzionamento; gestire la sicurezza; raccogliere i dati relativi al traffico degli abbonati necessari per la fatturazione; NMC: L NMC offre la visibilita globale di tutte le attivita di controllo e si occupa del coordinamento e della gestione di tutti gli OMC presenti nella rete GSM. A.A Sistemi di Telecomunicazione 11/51

12 Canali fisici e logici Gli 8 canali della trama TDMA sono da intendersi come canali fisici, nel senso che ciascuno di essi viene gestito senza interferire con gli altri, ed e associato ad uno specifico utente. Al canale fisico e affidato anche lo scambio dei numerosi criteri di segnalazione che intercorrono nelle varie fasi della connessione tra la rete fissa e l apparato mobile, e cio avviene mediante un impiego differenziato della capacita informativa del time-slot. In pratica quindi il time-slot viene utilizzato come veicolo per canali logici di differente significato e contenuto informativo, dinamicamente gestiti nell ambito delle diverse fasi del collegamento. Essi vengono sostanzialmente suddivisi in due categorie: canali di traffico (TCH = Traffic Channel) impiegati per trasmettere sia fonia che dati. In figura sono solo indicati i canali full rate canali di controllo (CCH = Control Channel), impiegati per le segnalazioni, i sincronismi e in generale per la gestione del sistema. Ogni canale di traffico e associato in modo permanente ad un canale di controllo associato lento SACCH (Slow Associated Control Chan-nel), utilizzato nel senso Uplink per la trasmissione delle misure necessarie per l Handover, mentre nel senso Downlink trasmette i comandi per il controllo della potenza, per la gestione della trama e del collegamento. Per i messaggi urgenti relativi all attivazione dell Hand-over si utilizza un canale di controllo associato veloce FACCH. A.A Sistemi di Telecomunicazione 12/51

13 I canali di controllo A.A Sistemi di Telecomunicazione 13/51

14 I canali di controllo - I SDCCH (Stand-alone Dedicated Control Channel): usato per lo scambio delle informazioni prima di realizzare la connessione del traffico (es., per l autenticazione) e per servizi particolari quali la messaggistica breve; CBCH (Cell Broadcast Control Channel): in una cella si puo eliminare uno degli 8 SDCCH sostituendolo con un CBCH, usato per trasmettere messaggi (fino a 15 pagg. di 80 caratteri) a bassa velocita, originati dal Gestore della rete e diffusi nella cella in modalita broadcast. BCCH (Broadcast Control Channel): usato per trasmettere le informazioni del sistema come l identificazione di rete, di cella, descrizione del canale fisico e del canale di controllo. Viene inoltre utilizzato dalla MS per valutare il livello ricevuto dalle celle adiacenti, per le procedure di Localizzazione e di Handover. A.A Sistemi di Telecomunicazione 14/51

15 I canali di controllo - II FCCH (Frequency Correction Channel): detto canale a correzione di frequenza, viene periodicamente diffuso dalla BS per consentire al terminale la sintonia fine di frequenza del mobile. SCH (Syncronization Channel) o canale di sincronizzazione invia l informazione per la sincronizzazione della trama e l identificazione della BS. PCH (Paging CHannel): canale di ricerca, utilizzato per chiamare una MS a lanciare il processo di chiamata. RACH (Random Access CHannel): canale di accesso casuale per l eventuale richiesta, da parte di una MS, di dar luogo ad uno scambio di informazioni. AGCH (Access Grant CHannel): canale di concessione dell accesso. Porta il messaggio inviato dalla rete in risposta alla ricezione di un RACH, ed indica alla MS quale risorsa gli e stata assegnata per la connessione. A.A Sistemi di Telecomunicazione 15/51

16 Capacita dei canali logici del GSM A.A Sistemi di Telecomunicazione 16/51

17 Procedure: chiamata da fisso a mobile In base al numero del mobile chiamato, la rete fissa contatta il GMSC corrispondente. Il GMSC individua l HLR in cui e registrato l IMSI del numero chiamato. L HLR individua il VLR in cui e attualmente registrato il mobile chiamato. Il GMSC instrada la chiamata verso l MSC corrispondente alla zona individuata dal VLR. L MSC ricerca nel proprio dominio il mobile facendo spedire un messaggio di paging dalle BTS di propria competenza. Il mobile risponde al messaggio di paging alla propria BTS. Viene aperto un canale bidirezionale tra mobile e MSC (tramite la BTS servente) per effettuare l autenticazione del mobile e la cifratura delle comunicazioni. Conclusa positivamente l autenticazione la rete assegna al mobile un canale di traffico e viene stabilita la connessione tra i due terminali. A.A Sistemi di Telecomunicazione 17/51

18 Procedure: chiamata da mobile Il terminale compone il numero e invia la richiesta alla BTS servente, ovvero quella che ha sul canale BCCH un livello di segnale sufficiente. La MS aspetta e riconosce le informazioni di sincronismo. La BTS instaura un canale unidirezionale con la MS ed un collegamento con il MSC. L MSC della BTS servente analizza i dati del chiamante (IMSI) in collaborazione con il VLR e autorizza o impedisce la chiamata. Se la chiamata autorizzata e diretta verso la stessa rete GSM, l MSC inizia una procedura di interrogazione del HLR in base all IMSI del chiamato e la procedura prosegue in maniera analoga alla chiamata da fisso a mobile. Se la chiamata autorizzata e diretta altrove essa viene inoltrata al GMSC che provvede ad un suo corretto instradamento verso la rete esterna. A.A Sistemi di Telecomunicazione 18/51

19 Accesso Multiplo TDMA-FDMA Ibrido TDMA-FDMA: 248 canali (banda GSM primaria) di 200 KHz ciascuno multiplati in frequenza, ognuno dei quali supporta 8 canali multiplati nel tempo (0.577 ms per slot temporale). A.A Sistemi di Telecomunicazione 19/51

20 Struttura del canale - I Il sistema GSM e di tipo FDD (la separazione tra uplink e downlink avviene in frequenza): il metodo di accesso alle risorse del sistema GSM e stato scelto sia a divisione di tempo che di frequenza (TDMA/FDMA). Divisione in frequenza: P-GSM (GSM standard o primary GSM): 25 MHz suddivisi in 124 portanti spaziate di 200 KHz, uplink: 890 MHz MHz; downlink: 935 MHz MHz E-GSM (Extended GSM): 35 MHz suddivisi in 174 portanti spaziate di 200 KHz, uplink: 880 MHz MHz; downlink: 925 MHz MHz Divisione di tempo: Ogni sottobanda Ë suddivisa temporalmente in 8 intervalli (time slot) della durata di 0.577ms I time slots sono organizzati in una struttura gerarchica piu complessa: Frame: 8 time slots Multiframe: 26 frame per canali di traffico o 51 frame per canali di controllo Superframe: 51 multiframe di traffico o 26 multiframe di controllo Hyperframe: 2048 superframe I frame sono numerati progressivamente all interno del hyperframe (da 1 a con una periodicita di quasi 3.5 ore) Ogni canale TDMA/FDMA e identificato dalla terna (time slot, frame, portante) A.A Sistemi di Telecomunicazione 20/51

21 Struttura del canale - II All interno di ogni time slot viene trasmesso un pacchetto di dati (burst) normalmente composto da bit, che corrisponde ad una velocita di trasmissione lorda di 270 kbps. Il segnale vocale e codificato con 260 campioni ogni 20 ms, per una velocita di 13 kbps Ogni spezzone di segnale di 260 bit viene protetto con codici di canale che lo portano a 456 bit. Questo blocco e poi suddiviso in otto sottoblocchi di 57 bit che vengono trasmessi in otto mezzi burst interallacciati con il blocco precedente e con quello seguente. A.A Sistemi di Telecomunicazione 21/51

22 Struttura del canale - III Il GSM adotta la modulazione GMSK (Gaussian Minimum Shift Keying),che vanta un inviluppo costante ed uno spettro compatto. I dati sono trasmessi ad una bitrate lorda di 270 kbps. I dati per un singolo utente sono trasmessi in un time slot per frame, quindi la bitrate lorda si riduce a 270/8 = 33 kbps. Le informazioni trasmesse rappresentano solo una parte dei bit trasmessi per l utente. Eliminando l overhead di livello fisico la bitrate per utente diventa di 114 bit (2 x 57 bit) trasmessi in ms (1 frame), cioe di 24.7 kbps. Queste sono ulteriormente ridotte per la multiplazione di dati utenti e segnali di controllo (su 26 trame 24 sono dati di traffico utente e 2 sono segnalazione) arrivando a 22.8 kbps. La voce e trasmessa con una bitrate di 13 kbps, mentre i dati sono trasmessi fino a 9.6 kbps. I rimanenti bit di traffico sono utilizzati per codici a correzione di errore. A.A Sistemi di Telecomunicazione 22/51

23 Trasmissione del segnale vocale A.A Sistemi di Telecomunicazione 23/51

24 Tipi di burst All interno della durata del BURST, che Ë fissa, trovano posto alcuni tipi diversi di burst, utilizzati per particolari servizi nella rete GSM: il BURST NORMALE (Normal Burst) che contiene i dati significativi dei messaggi sia informativi che di controllo il BURST DI CORREZIONE FREQUENZA (Frequency Correction Burst): i 142 bit posizionati a 1 generano uno spettro di contenuto fisso da cui le MS estraggono i criteri per il controllare la sintonia in frequenza del canale radio; il BURST DI SINCRONISMO (Synchronisation Burst): contiene una sequenza fissa di 64 bit nel midambolo, e consente la sincronizzazione fine del mobile; il BURST DI ACCESSO (Access Burst), impiegato per l inizio del dialogo tra la MS e la BTS. Il lungo periodo di guardia ha lo scopo di evitare che l ingresso del nuovo burst, non ancora gestito dal BSS, interferisca con i time-slot adiacenti; le due sequenze di 41 e 36 bit servono rispettivamente per la centratura del burst e per dare alla rete le informazioni circa l utente. A.A Sistemi di Telecomunicazione 24/51

25 Frequency Hopping La suddivisione in sottobande di 200 KHz non e sufficiente per ottenere una diversita in frequenza intrinseca per ripararsi da fenomeni quali: effetti delle fluttuazioni rapide del canale radio, l interferenza co-canale generate in uplink da due terminali di celle vicine che utilizzino lo stesso time slot e la stessa frequenza E stata introdotta come contromisura la tecnica del frequency hopping che prevede di trasmettere l informazione su diverse frequenze seguendo opportune sequenze di salti in frequenza che essendo note al ricevitore (sono comunicate sul canale di controllo BCCH, trasmesso sul time slot 0 di ogni frame) consentono di recuperare parte dell informazione attraverso codici a correzione d errore. I terminali GSM sono intrinsecamente flessibili in frequenza, nel senso che si debbono comportare sia come un trasmettitore che come un ricevitore. Il frequency hopping e ottenuto sfruttando questa caratteristica intrinseca dei terminali che consente di gestire agevolmente i salti in frequenza. Il frequency hopping GSM e detto lento poiche i salti in frequenza non avvengono all interno dello stesso time slot, che viene trasmesso tutto sulla stessa frequenza. A.A Sistemi di Telecomunicazione 25/51

26 Diagonal interleaving I 456 bit contenuti in una finestra temporale di 20 ms rappresentano un burst d informazione. Vengono aggiunti 8 bit per marchiare il singolo blocco, e i 464 bit risultanti vengono sottoposti ad una tecnica di diagonal interleaving, con la finalita di disperderli in un tempo di trasmissione abbastanza lungo, tale da minimizzare i fenomeni di distruzione istantanea del segnale informativo causato dai picchi di fading. Il blocco di 464 bit viene suddiviso in 8 sottoblocchi da 58 bitche vengono trasmessi in otto mezzi burst, interallacciati con il blocco precedente e con quello successivo. Il processo di diagonal interleaving determina un ritardo nella ricezione dell informazione di circa 40 ms, ma ha il vantaggio che qualora un blocco andasse perduto, verrebbe meno solo una porzione pari ad 1/8 della trama vocale, che puo venire ricostruita dal codificatore vocale. A.A Sistemi di Telecomunicazione 26/51

27 Funzioni dell interfaccia radio L interfaccia radio digitale rappresenta un concetto rivoluzionario, in quanto applica tecnologie estremamente avanzate e complesse. Le funzioni dell interfaccia Um, sono in sintesi le seguenti: conversione A/D: l informazione vocale analogica viene codificata alla frequenza di cifra di 13 Kb/s; codifica vocale: genera blocchi di 260 bit ogni 20 ms; codifica di canale: per la protezione dagli errori. Porta il numero di bit per blocco a 456 e la frequenza di cifra a 22,8 Kb/s; interallacciamento: i 456 bit vengono suddivisi in 8 sub-blocchi di 57 bit ciascuno che, presi a due a due da blocchi contigui, vengono associati in un diagonal interleaving; cifratura: per rendere indecifrabile il contenuto informativo; costruzione del burst: il burst viene costruito aggiungendo 26 bit di training sequence e alcuni bit di servizio, per complessivi 156,25 bit, di cui 148 utili. La durata del burst e di 0,577 ms; trama TDMA: il burst viene inserito nella trama-base TDMA, che comprende 8 time-slot e ha durata di 4,615 ms; modulazione: si tratta di modulazione GMSK. La catena di ricezione e praticamente simmetrica a quella di trasmissione. A.A Sistemi di Telecomunicazione 27/51

28 Codifica della voce Il metodo di codifica numerica della voce rappresenta un elemento fondamentale per le scelte di sistema di una rete radiomobile. Basti pensare quanto importante sia la bit-rate del segnale codificato, ai fini del contenimento dello spettro modulante. Ugualmente fondamentali altri aspetti, quali la forte resistenza al degrado introdotto dalla trasmissione radio, che si manifesta in tasso d errore elevato e fortemente variabile nel tempo; il ritardo di trasmissione, i cui alti valori sono potenzialmente in agguato trattando di trasmissione numerica, con pesanti conseguenze sulla qualita della conversazione bidirezionale; i complessi schemi di elaborazione e trattamento del segnale; i conseguenti elevati consumi. Si tratta di una delle maggiori sfide affrontate con l introduzione della trasmissione radiomobile numerica. A.A Sistemi di Telecomunicazione 28/51

29 Codificatore full-rate Il problema e stato affrontato ottimizzando i criteri di codifica vocale, partendo dal presupposto che questa puo essere implementata scegliendo tra due processi alternativi: o codificando la forma d onda del segnale (tipici esempi, il PCM e ADPCM) oppure analizzando i meccanismi con cui la voce viene generata, e ricavando modelli tali da realizzare la sintesi del segnale vocale, in grado di emulare l apparato vocale dell uomo. Il codificatore GSM adotta questa seconda soluzione, applicando una tecnica denominata RPE-LTP (Regular Pulse Excitation/Long Term Prediction) che analizza l inviluppo della voce nel dominio del tempo e della frequenza. Da tale analisi ricava dei parametri che, trasmessi a decoder, verranno da questo utilizzati per sintetizzare la voce, cioe ricostruirla localmente. A.A Sistemi di Telecomunicazione 29/51

30 FDD ed intervallo temporale tra Tx e Rx - I A.A Sistemi di Telecomunicazione 30/51

31 FDD ed intervallo temporale tra Tx e Rx - II Come gia visto, la tecnica di accesso utilizzata nel sistema GSM e del tipo TDMA/FDMA. L occupazione dello spettro disponibile viene realizzata mediante una multiplazione FDMA; nella banda GSM dei 900 MHz sono disponibili 124 frequenze portanti spaziate di 200 KHz. I due sensi di trasmissione (UPLINK e DOWNLINK) utilizzano due sottobande con passo di duplice pari a 45 MHz. Gli estremi di ogni sottobanda sono protetti da una banda di guardia larga 100 KHz. Nell esempio di figura, il canale RF 3 porta il senso di trasmissione UPLINK e il 3 il senso DOWNLINK dello stesso canale fisico. Si nota la diversita temporale dello stesso time-slot (n 5 nell esempio) tra i due sensi di trasmissione. Lo standard GSM prevede una spaziatura temporale di 3 time-slot tra le trame Uplink e quelle Downlink. Il ritardo della prima rispetto a quest ultima fa si che il mobile, ricevute informazioni o criteri di controllo nell istante appropriato, ha 2 time-slot di tempo per predisporsi a trasmettere la sua informazione di risposta. Nel tempo che intercorre prima del successivo burst downlink, la MS ha la possibilita di andare a misurare la qualita dei canali di una cella adiacente, in modo da predisporsi per un eventuale hand-off. In tutta questa attivita, e necessario evitare possibili collisioni tra time-slot trasmessi sulla medesima portante da piu MS; a tal fine nel sistema vengono utilizzate sofisticate tecniche di sincronizzazione e di allineamento adattativo di trama attraverso le quali la BTS possa controllare l allineamento del burst trasmesso dalla MS con la finestra temporale assegnata. A.A Sistemi di Telecomunicazione 31/51

32 Timing advance Poiche come visto il canale di trasmissione e localizzato in un intervallo temporale, nel sistema TDMA e assolutamente importante controllare il ritardo sulla ricezione del burst in conseguenza della distanza del mobile dalla BTS. Infatti il segnale radio viaggia con velocita finita impiegando un tempo dipendente dalla distanza tra MS e BTS; puo accadere che il burst di un mobile si sovrapponga al burst emesso da un altro mobile, col risultato di corrompere entrambe le informazioni. Il sistema prevede pertanto il controllo e la correzione di tale ritardo, mediante la tecnica di Timing Advance. La BTS calcola il ritardo e trasmette l informazione di Timing Advance alla MS, che provvede ad eseguire lo spostamento delle finestre temporali di Tx/Rx fino a centrare il time-slot nominale. Al variare della posizione di MS, la BTS segnala di ridurre il Timing Advance qualora si avvicini al centro della cella, e di aumentarlo man mano che se ne allontana. Mediante tale procedura, il GSM riesce a gestire ritardi fino a 233 us, utilizzando il ridottissimo tempo di guardia fra time-slot di 8,25 bit. Fanno eccezione i time-slot impiegati nella fase d accesso (access burst), in corrispondenza dei quali il Timing Advance non e ancora definito; in tal caso il rilevante tempo di guardia (68,25 bit) si rende necessario per evitare collisioni tra il nuovo burst entrante e quelli (di altre MS) gia presenti nella trama TDMA. A.A Sistemi di Telecomunicazione 32/51

33 Recupero della distorsione Equalizzazione adattativa Gli effetti dell interferenza intersimbolica prodotta dai cammini multipli vengono compensati equalizzando il ricevitore in modo dinamico. L equalizzatore non tenta di ricostruire convenzionalmente la linearita in ampiezza e fase del canale radio, ma piuttosto confronta il segnale ricevuto con la conoscenza della risposta del canale all impulso, per trovare la sequenza di dati trasmessa con la massima probabilita. La stima della risposta all impulso del canale si ottiene valutando la correlazione tra la sequenza di sincronizzazione ricevuta (il midambolo) con quella di riferimento memorizzata nel ricevitore. Il mobile infatti sa quale particolare codice colorato deve ricevere nella cella in cui si trova, scarta tutte le possibili sequenze del burst a meno di quella che possiede la massima verosimiglianza col midambolo noto; su tale verosimiglianza vengono poi allineati i parametri del dispositivo a filtro trasversale che corregge la risposta del canale. A.A Sistemi di Telecomunicazione 33/51

34 Diversita di spazio Diversita di spazio: nella BTS il segnale radio viene ricevuto su due antenne poste su due piani verticali distanziati tra loro di una misura D pari ad un multiplo N dispari di mezza lunghezza d onda. Tali due antenne alimentano rispettivamente altrettanti ricevitori, all uscita dei quali uno switch preleva il segnale demodulato da quello che presenta la migliore qualita. Il fattore di miglioramento dovuto alla diversita di spazio nella stazione radio base, va dai 3 db in area rurale, ai 7 db in area urbana e suburbana. Funzionalita della BTS: il transceiver (TRX) e l unita che svolge le funzioni necessarie per la rice-trasmissione; da un punto di vista funzionale, puo essere cosi suddiviso: TX - trasmettitore - genera la portante, effettua la modulazione GMSK, gestisce la potenza d uscita a RF RX - ricevitore - amplifica e seleziona il segnale RF ricevuto, lo demodula SP - signal processing - per ciascuno degli otto segnali che formeranno la trama, effettua l elaborazione numerica in banda base (codifca di canale, equalizzazione, ecc.) TC - controller - collegato al BSC attraverso un canale a 64 Kb/s, controlla le funzioni del TRX. A.A Sistemi di Telecomunicazione 34/51

35 Le procedure per l instaurazione ed il mantenimento della chiamata: Procedura di hand-over - I Appare immediatamente che la mobilita dell utenza pone il problema dello sconfinamento dalla cella, cioe del comportamento del sistema quando un utente in conversazione passa da una cella ad una adiacente. L ipotesi che cio avvenga aumenta in funzione della durata della conversazione e (in ragione inversa) della dimensione della cella. La mobilita in ambito urbano e la tendenza a ridurre il diametro delle celle, fanno si che un utente cambi cella piu volte nell arco di un minuto. E evidente pertanto la necessita di dotare il sistema radiomobile di una procedura che consenta di discriminare in modo rapido ed affidabile il suddetto sconfinamento, attuando tutte le azioni necessarie per non fare cadere la conversazione in corso. Cio viene attuato dalla procedura di Hand-Over. Mobilita dell utenza = sconfinamento dalla cella La procedura di Hand-Over si incarica di attuare tutte le azioni necessarie affinche la conversazione in corso venga mantenuta nel passaggio da una cella ad un altra. A.A Sistemi di Telecomunicazione 35/51

36 Le procedure per l instaurazione ed il mantenimento della chiamata: Procedura di hand-over - II La procedura di handover permette di riallocare dinamicamente le risorse associate ad un utente. Viene decisa dalla rete sulla base delle misure effettuate dal terminale mobile. Esistono differenti tipi di handover: Intra Cell e Intra BSC: Cambiamento del canale di traffico e della frequenza all interno della stessa cella. Dovuto a problemi di qualita sul canale. Inter Cell e Intra BSC: controllata totalmente dal BSC che si occupa di instaurare la nuova connessione, ordina al terminale di passare al nuovo canale, termina la connessione vecchia e aggiorna il VLR. Inter Cell e Inter BSC: Il BSC originario interroga l MSC per identificare la BTS destinataria che non e di sua competenza. L MSC instaura una nuova connessione con il BSC target e gestisce tramite il nuovo BSC il passaggio di canale del terminale e l aggiornamento del VLR. Inter MSC: E la procedura di handover piu onerosa i termini di segnalazione poiche implica la comunicazione tra due MSC, che tramite i rispettivi BSC delle BTS coinvolte gestiscono il passaggio di canale del terminale e l aggiornamento del VLR. A.A Sistemi di Telecomunicazione 36/51

37 Le procedure per l instaurazione ed il mantenimento della chiamata: Procedura di location-updating e paging Location updating: il territorio da servire e suddiviso in aree nelle quali il mobile viene localizzato. Quando il mobile cambia area di localizzazione (anche se non e in conversazione) si avvia una procedura di aggiornamento della localizzazione (essa puú avvenire in automatico oppure mediante controlli periodici). Paging: quando una chiamata e diretta verso un mobile, esso viene cercato sul canale di paging in tutta l area di localizzazione. Come e intuitivo, aree di localizzazione molto grandi comportano un risparmio in termini di location updating, ma contemporaneamente implicano un maggiore tempo/impiego di risorse per effettuare il paging. Il sistema deve indirizzare agli utenti mobili le chiamate provenienti dalla rete fissa. Deve quindi conoscere in tempo reale la posizione di ogni mobile attivo sul territorio. La funzione di LOCATION UPDATING viene eseguita negli MSC attraverso registri di localizzazione nei quali la posizione di ogni utente viene continuamente aggiornata. A.A Sistemi di Telecomunicazione 37/51

38 Le procedure per l instaurazione ed il mantenimento della chiamata: Procedura di roaming Una sistema radiomobile super-nazionale fondato su uno standard concordato, si basa sull insieme di numerosi Gestori ciascuno dei quali realizza una rete nazionale offrendo prestazioni e servizi che, pur all interno dello standard, possono differire da Gestore a Gestore. Il ROAMING e la possibilita offerta ad un utente di essere sempre rintracciabile in qualunque punto del territorio coperto da quel determinato sistema radiomobile, anche se il servizio viene offerto da un Gestore diverso da quello presso cui l utente si e sottoscritto. Si ha Roaming nazionale, quando avviene tra operatori della stessa Nazione, oppure Roaming internazionale quando avviene tra operatori di Stati diversi. Per poter realizzare le procedure di roaming, sono necessari: accordi di roaming fra i Gestori di quel particolare standard, in modo che ciascuno metta a disposizione tutte le prestazioni che consentiranno all utente di un altro Gestore di poter disporre dei servizi sottoscritti una rete di interconnessione che consenta agli elementi di rete dei distinti Gestori di scambiare informazioni, segnalazioni e servizi A.A Sistemi di Telecomunicazione 38/51

39 Le procedure per l instaurazione ed il mantenimento della chiamata: Procedura di autenticazione Le procedure di Hand-Over e di Roaming richiedono che tutti gli apparati siano preventivamente riconosciuti dalla rete, che quindi cataloga in una banca dati gli utenti autorizzati. Cio e particolarmente importante nel caso di coperture territoriali offerte da piu Gestori. E necessario che le diverse reti coesistenti abbiano accessi differenziati e controllati, effettuando ad ogni accesso da parte dell utenza una specifica procedura di autenticazione. E opportuno ricordare, poi, che nell ottica della deregulation ormai attiva in tutti gli stati moderni, e ammessa l esistenza di piu Gestori le cui reti sono per lo piu sovrapposte in larga misura, utilizzano canali all interno delle stesse bande di frequenza e sono accessibili da qualsiasi apparato venduto per quel determinato servizio. Poiche pero un determinato mobile sara necessariamente utente dell uno o dell altro Gestore, e ovvio che le due reti devono avere accessi differenziati e controllati. A tale fine, i canali esistenti in una determinata area vengono marcati con codici particolari da parte della rete che ne e proprietaria, in modo che i terminali portatili possano riconoscere automaticamente la rete a cui sono autorizzati ad accedere. A.A Sistemi di Telecomunicazione 39/51

40 Procedure radio Discontinuous transmission: la Discontinuos Transmission (DTX) e una procedura che, sfruttando la caratteristica per cui una persona mediamente parla per meno del 40% in una normale conversazione, disattiva il trasmettitore durante i periodi di silenzio. Il vantaggio del DTX e quello di permettere al terminale di risparmiare potenza (e quindi di prolungare la durata delle batterie). Questa tecnica presenta l ulteriore vantaggio di ridurre l interferenza co-canale. Discontinuous reception: Il canale di paging e strutturato in sotto-canali. Ogni terminale mobile deve ascoltare solamente il proprio sotto-canale. Nei rimanenti time slots il terminale puo andare in sleep mode, dove la potenza utilizzata e minima. Power control: Sia il mobile che la BTS operano al minor livello di potenza che consenta di mantenere una qualita di segnale accettabile. I livelli di potenza possono essere aumentanti o diminuiti con un passo di 2dB nell intervallo di potenze che parte da 13dBm (20mW) fino alla potenza di picco relativa alla classe di appartenenza del terminale. A.A Sistemi di Telecomunicazione 40/51

41 Gestione dinamica della potenza TX Gli apparati MS sono suddivisi in 5 classi, in funzione della potenza che erogano a pieno regime. Inoltre sono assoggettati alla funzione di controllo dinamico della potenza trasmessa (PC=Power Control) che prevede la regolazione della potenza entro 30 db (a passi di 2 db) al di sotto della potenza massima consentita dalla classe. La funzione di PC viene eseguita in modo indipendente per ogni time-slot (canali di traffico TCH e di segnalazione SDCCH, e comprende quindi i relativi canali di segnalazione SACCH e FCCH) e per ogni MS, sotto il governo del BSS; la BTS rileva nelle multitrame SACCH, nei due sensi e su ogni canale attivo, le grandezze significative del segnale ricevuto; sullo stesso canale, la MS (sempre sul canale SACCH) riceve il comando di variazione della potenza. Per quanto riguarda il senso downlink (Fisso-Mobile) sono previste 8 classi di potenza. Il Gestore puo pianificare l impianto secondo la dimensione della cella, e lo standard GSM prevede la riduzione ulteriore della potenza massima in 6 step da 2 db, per eventuali adeguamenti della rete. Inoltre il trasmettitore della BTS puo venire assoggettato al controllo dinamico della potenza trasmessa su 15 livelli, come nel caso della MS. Solo il canale BCCH viene trasmesso sempre a livello costante). L ampiezza in ogni time-slot soggetto a PC raggiunge i valori di regime con variazioni opportune, che si esauriscono nei guard period dei relativi burst. A.A Sistemi di Telecomunicazione 41/51

42 Potenza emessa da MS: energia effettivamente irradiata Nel caso del radiomobile, ha maggiore influenza sul SAR la piccola emissione del terminale portatile, molto vicino all utilizzatore, che non gli impianti fissi BTS, la cui intensita di campo decresce molto rapidamente con la distanza. Possono invece avere peso significativo gli impianti di radio e tele diffusione, per l elevata potenza che spesso emettono nell ambiente circostante. Nelle reti cellulari moderne la potenza emessa dal trasmettitore radiomobile puo variare entro ampi limiti in funzione della attenuazione di propagazione. Quando l intensita di segnale indicata sul display e piccola, l apparato emettera una potenza sensibilmente maggiore che non nel caso opposto. Cio significa che cercare per la propria telefonata una zona coperta da un segnale robusto realizza una condizione doppiamente vantaggiosa: migliore qualita nella conversazione e maggiore sicurezza contro effetti fisiologici. A.A Sistemi di Telecomunicazione 42/51

43 DTX - TX discontinuo La funzione Trasmissione Discontinua consente di emettere la portante solo se modulata, ovvero quando c Ë attivita vocale su un canale TCH fonico. Cio consente di risparmiare batteria e ridurre l interferenza media in tutta l area PLMN. Questa funzione viene svolta sia nella MS che nella BTS dal dispositivo Voice Activity Detector (VAD), che riconosce i periodi di attivita della voce. La DTX richiede che la rete sia debitamente informata degli eventi di soppressione della portante, sia per evitare l abbattimento della connessione, sia perche le misure di livello ricevuto ai fini del PC e dell HO siano eseguite solo nelle trame effettivamente e sicuramente presenti. La soppressione della portante comporta tuttavia un effetto altamente sgradevole alĺıorecchio ricevente, per cui GSM ricostituisce il rumore di fondo soppresso in trasmissione. Analizzando lo spettro del segnale vocale, riconosce le pause del parlato e invia una opportuna informazione (Silence Indicator - SID frames). Sul ricevitore, nel corso delle pause di silenzio, viene generato un rumore di cortesia (il cosiddetto comfort noise). A.A Sistemi di Telecomunicazione 43/51

44 Sistemi radianti Tre antenne costituiscono una cella. La trasmissione avviene sull antenna centrale, a cui accedono tutti i trasmettitori tramite un combiner, dispositivo passivo ma selettivo in frequenza. Le due antenne laterali alimentano i ricevitori. Ognuna di queste accede ad uno splitter, o divisore attivo; si tratta di un dispositivo che ripartisce ĺıunico ingresso su un numero rilevante di uscite. La potenza che viene persa in questa divisione, viene recuperata da un circuito amplificatore a larga banda, dimensionato in modo che tra ingresso e le uscite il guadagno sia nullo. Ognune delle due antenne riceventi, seguita dal proprio splitter, alimenta uno dei due ingressi a RF di ciascun ricevitore: tale configurazione e richiesta, come noto, per le esigenze della diversita di spazio. I risultati migliori ai fini della decorrelazione dei segnali ricevuti, si ottengono spaziando le due antenne riceventi di un numero dispari di mezze lunghezze d onda. Nel caso di copertura a clover, il sito radio alimentera sullo stesso impianto radiante tre sistemi di antenna, ciascuno realizzato con antenne direzionali aventi un apertura orizzontale del diagramma di radiazione pari a 120. A.A Sistemi di Telecomunicazione 44/51

45 Schema a blocchi MS L apparato portatile deve rispondere a caratteristiche di grande compattezza, leggerezza, minimizzazione dei consumi. Tali caratteristiche si ottengono grazie all ampio utilizzo dell integrazione a larga scala, per cui le funzionalita dell apparato sono racchiuse in pochi chip VLSI, a cui sono devolute funzioni molto complesse: il sottosistema di banda base: comprende l interfaccia acustica (microfono, auricolare, altoparlante) e l elaborazione digitale del segnale vocale (codifica della fonia, codec vocale, codifica di canale, ecc.) il sottosistema radio: in trasmissione genera, modula e amplifica il segnale da trasmettere; in ricezione filtra, amplifica e demodula il segnale ricevuto. Si tratta di processi numerici utilizzanti tecniche di mo-demodulazione discreta. il sottosistema sintetizzatore: e il circuito che provvede a eseguire la sintonia dell apparato sui 124 canali radio disponibili nella banda dei 900 MHz. Possiede caratteristiche di grande rapidita nel cambio di frequenza, come necessario per realizzare processi quali il Frequency Hopping e la misura delle celle adiacenti; inoltre e in grado di allinearsi in maniera fine alla frequenza del trasmettitore, grazie ai criteri ricevuti sul Frequency Correction Burst. il sottosistema di controllo: controlla i sottosistemi sopra descritti e il sintetizzatore, la sincronizzazione del terminale con la rete e la temporizzazione delle varie fasi della connessione; inoltre gestisce le interfacce esterne verso l utente e la SIM CARD. A.A Sistemi di Telecomunicazione 45/51

46 I numeri della MS Ad ogni MS e prevista l assegnazione di 3 numeri identificativi, che vengono verificati dal sistema radiomobile prima di consentire l accesso in rete dell abbonato: IMEI (identifica l apparato), IMSI (utilizzato per funzioni interne alla rete, e pertanto noto solo a questa e non all utente, ne leggibile dai terminali commerciali), MSISDN (il numero telefonico dell utente). A.A Sistemi di Telecomunicazione 46/51

47 Identita della MS: la SIM Card La SIM CARD fa parte della famiglia delle Smart Card (Carte Intelligenti); al suo interno, contiene un microprocessore in tecnologia CMOS, dotato di proprio sistema operativo (ROM, RAM, EEPROM) in grado di interfacciarsi con il mondo esterno attraverso una serie di connettori dorati da cui trae alimentazione, clock e link dati asincrono. La SIM puo avere un supporto fisico a formato standard IC-CARD (standard ISO 7816), delle dimensioni di una carta di credito; su alcuni modelli di terminali portatili si utilizza per lo piu un modulo plug-in di dimensioni ridotte (25x15 mm). Per entrambi i supporti, ETSI-GSM ha standardizzato le caratteristiche elettriche e meccaniche. La tensione di alimentazione di una SIM di phasei e di 5 V; l assorbimento di corrente e inferiore a 10 ma. Le SIM di phaseii richiedono una minore tensione (3 V) ed assorbono meno di 6 ma. La SIM Card contiene i dati permanenti di utente, tipicamente la IMSI o Identita Internazionale dell Abbonato Mobile, la chiave di autenticazione e gli algoritmi usati per la procedura di autenticazione. Questi dati, una volta scritti in aree di memoria protette (ROM), non sono piu accessibili ne modificabili: cio garantisce un elevato grado di sicurezza contro l utilizzo indebito o doloso degli apparati. A.A Sistemi di Telecomunicazione 47/51

48 Identita hardware della MS: IMEI IMEI (International Mobile Equipment Identity) identifica in modo univoco un Mobile Equipment (ME). E quindi cablato nel ME direttamente dal Costruttore, ed e assolutamente indipendente dal IMSI. L IMEI ha una lunghezza di 15 cifre, cosi strutturate: IMEI = TAC / FAC / SNR / sp, dove: TAC (Type Approval Code, 6 cifre) identifica il corpo base del terminale; FAC (Final Assembly Code, 2 cifre) identifica il luogo di costruzione; SNR (Serial number, 6 cifre) un numero seriale progressivo; sp (spare) cifra supplementare di riserva. Per consentire un controllo del parco apparati in circolazione, l IMEI viene confrontato con i dati registrati nell EIR, dove esistono tre liste: la WHITE LIST: contiene gli IMEI di tutti i ME omologati, e quindi autorizzati a connettersi alla rete; la GREY LIST: contiene gli IMEI faulty oppure non omologati. Questi apparati vengono segnalati quando richiedonol accesso; la BLACK LIST: contiene gli IMEI da considerarsi bloccati (ad es, perche rubati) e quindi non autorizzati a connettersi con la rete. Il controllo dell IMEI di una MS che chiede accesso alla rete viene effettuato ogni n tentativi di accesso, mediante la procedura IMEI CHECK. A.A Sistemi di Telecomunicazione 48/51

49 Procedura di autenticazione La richiesta di servizio e la procedura di affiliazione sono precedute da una procedura di autenticazione del tipo challenge/signed response, tale da evitare che acceda alla rete una MS che si serve di un identificativo IMSI appartenente ad altra MS. Finalita della procedura di autenticazione sono quindi: verificare l identita della MS, assegnare di volta in volta una TMSI (Temporary Mobile Subscriber Identity), ossia un indicativo temporaneo di identita, ed una nuova chipering key Kc, che e la chiave per la procedura di encryption. La TMSI e normalmente utilizzata in tutte le fasi di accesso alla rete e solo all interfaccia radio in luogo della IMSI, per tutelare la segretezza dell identita dell utente. Tale numero infatti viene generato dal VLR e comunicato alla MS, che lo memorizza nella SIM Card; tuttavia la sua validita cessa quando l apparato viene spento, e un nuovo TMSI viene assegnato ad ogni nuova registrazione. La validita dei dati di autenticazione trasmessi alla rete dal terminale d utente e verificata dal VLR tramite una procedura di risposta alla sfida illustrata in figura. A.A Sistemi di Telecomunicazione 49/51

50 I numeri dell identita MS IMEI e come visto il numero dell apparato ME, cablato direttamente dal Costruttore al suo interno. IMSI e il numero attraverso il quale la rete identifica la MS. E noto a tutte le entita di rete (MS, HLR, VLR, MSC), ma non all utente. Contiene il codice del Paese (Italia = 222), il codice della PLMN, il numero della MS; le prime cifre servono per individuare l HLR d iscrizione. Viene usato da MS quando si presenta all autenticazione: viene usato dalla rete per identificare univocamente la MS durante la sua attivita. IMSI viene inviata solo una volta, in fase di autenticazione; poi viene sostituito con un Temporary Mobile Subscriber Identity (TMSI), per rendere impossibile l indebito appropriarsi della chiave di accesso dell utente. TMSI puo essere cambiato ad ogni accesso alla rete. MSRN e il Roaming Number che viene assegnato temporaneamente ad una MS: contiene il codice dello Stato (39 per l Italia), l indicativo distrettuale e il numero temporaneo. MSRN viene assegnato dal MSC visitato ed iscritto nel relativo VLR; da questo viene comunicato al HLR che lo associa agli altri numeri d utente MSIISDN e IMSI. A.A Sistemi di Telecomunicazione 50/51

51 Procedura di roaming internazionale La chiamata generata da un utente straniero in una Visited-PLMN e trattata in modo sostanzialmente analogo a quella originata da un proprio utente, dato che la procedura per la chiamata si basa sulle informazioni acquisite nel VLR nella fase di autenticazione. Per quanto riguarda la chiamata terminata sull utente, occorre ricordare che esso, pur essendo individuato univocamente dall IMSI, viene caratterizzato dal numero MSISDN che comprende il codice CC del Paese, l indicativo distrettuale NDC e le cifre d abbonato SN. Pertanto una chiamata, indipendentemente da dove sia stata generata e dalla posizione dell utente chiamato, viene in ogni caso instradata verso la Nazione e il Distretto contenuti nel MSISDN. L HLR a cui giunge la chiamata, in base all identificativo IMSI e alla localizzazione, entrambi associati all MSISDN, interroga il VLR estero che risponde consegnando all HLR il Roaming Number (MSRN) temporaneamente associato all IMSI dell utente, che contiene il codice della Nazione e l identificativo distrettuale della rete visistata. A.A Sistemi di Telecomunicazione 51/51

GSM Global System for Mobile communications. Architettura di rete

GSM Global System for Mobile communications. Architettura di rete GSM Global System for Mobile communications Architettura di rete Architettura GSM (1/2) MS SIM MS: Mobile Station SIM: Subscriber Identity Module ME: Mobile Equipment BSS OMC OSS NMC NSS OSS: Operation

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

GSM Global System for Mobile communications

GSM Global System for Mobile communications GSM Global System for Mobile communications Un po di storia (1) 1982 La CEPT (Conférence Européenne des Administrations des Postes et des Télécommunications) forma il Groupe Spéciale Mobile (GSM) per la

Dettagli

GSM - GSM - parte IV

GSM - GSM - parte IV GSM - parte IV Argomenti della lezione Il livello fisico dell interfaccia radio (Um) Frequenze assegnate al GSM (Europa) GSM primario downlink GSM primario uplink GSM esteso downlink GSM esteso uplink

Dettagli

Appunti di telecomunicazione

Appunti di telecomunicazione Servizio radiomobile GSM Cenni storici Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali.

Dettagli

GSM - parte III. Argomenti della lezione. EIR, AuC, OMC Aree Pila protocollare

GSM - parte III. Argomenti della lezione. EIR, AuC, OMC Aree Pila protocollare Argomenti della lezione GSM - parte III EIR, AuC, OMC Aree Pila protocollare Architettura del GSM Registro di È una base dati il cui uso è a discrezione dell operatore Contiene l identificativo e le caratteristiche

Dettagli

2 Architettura logica

2 Architettura logica 2 Architettura logica Come accennato precedentemente, il GPRS è stato progettato in modo da riutilizzare il più possibile gli elementi delle reti GSM esistenti; in particolare, per le chiamate vocali o

Dettagli

Quando un TM è spento l IMSI è registrato presso il VLR come detach; se viene acceso si scandiscono le frequenze alla ricerca della portante C0 per:

Quando un TM è spento l IMSI è registrato presso il VLR come detach; se viene acceso si scandiscono le frequenze alla ricerca della portante C0 per: Procedure Le procedure in GSM sono:. registrazione all accesione;. roaming e location update;. chiamate;. handover;. procedure di spegnimento (detach). Registrazione Quando un TM è spento l IMSI è registrato

Dettagli

GPRS: General Packet Radio Service

GPRS: General Packet Radio Service GPRS: General Packet Radio Service Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Procedure Introduzione Introduzione Internet: trasmissione dati rappresenta una grossa parte del traffico

Dettagli

CARATTERISTICHE COMUNI A ETACS E GSM

CARATTERISTICHE COMUNI A ETACS E GSM Page 1 of 10 CENNI STORICI Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali. Nel nostro

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Sistemi di Comunicazione Wireless

Sistemi di Comunicazione Wireless Università degli Studi di Siena Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Sistemi di Comunicazione Wireless Autore Enrico Cardinali, Andrea Abrardo Anno Accademico 2003/2004 Indice

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

Sistemi di Comunicazione Wireless

Sistemi di Comunicazione Wireless Università degli Studi di Siena Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Sistemi di Comunicazione Wireless Autore Andrea Abrardo Anno Accademico 2003/2004 Indice 1 La rete GSM

Dettagli

RETE TELEFONIA MOBILE - NOZIONI

RETE TELEFONIA MOBILE - NOZIONI RETE TELEFONIA MOBILE - NOZIONI Per la comunicazione fra stazioni radio base il GSM utilizza la tecnologia TDMA (acronimo di Time Division Multiple Access) basata su una coppia di canali radio in duplex,

Dettagli

TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM

TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM Il progetto è stato ideato come un sistema per il controllo automatico di vari processi effettuati in ambito domestico e il loro controllo a distanza.

Dettagli

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma L ambiente mobile Ing. Gianfranco Pontevolpe Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Programma I sistemi cellulari Lo standard GSM I problemi di sicurezza del GSM Lo standard

Dettagli

CONTROLLO DELL' ANTICIPO TEMPORALE

CONTROLLO DELL' ANTICIPO TEMPORALE CONTROLLO DELL' ANTICIPO TEMPORALE Si inizializza ogni volta che cambia il canale radio, ed è necessario per mantenere una elevata efficienza spettrale ed evitare la sovrapposizione di burst in slot temporali

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

Le tecnologie per la connettività radio in ambito geografico

Le tecnologie per la connettività radio in ambito geografico Le tecnologie per la connettività radio in ambito geografico 1 Molteplici requisiti Uniformità di copertura radio Servizio di connettività offerto in zone a differente richiesta di traffico e ad utenti

Dettagli

Principi Generali delle Reti Cellulari

Principi Generali delle Reti Cellulari Principi Generali delle Reti Cellulari Introduzione Cenni evolutivi Mercato Fondamenti Renato Lo Cigno www.dit.unitn.it/locigno/didattica/wn/ ...Copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative

Dettagli

Principi Generali delle Reti Cellulari

Principi Generali delle Reti Cellulari Principi Generali delle Reti Cellulari Introduzione Cenni evolutivi Mercato Fondamenti Renato Lo Cigno www.dit.unitn.it/locigno/didattica/wn/...copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons

Dettagli

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Telefonia cellulare ---- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni. De Filippis Felicia

I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO. ---- Telefonia cellulare ---- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni. De Filippis Felicia I.P.S.I.A. Di BOCCHIGLIERO a.s. 2011/2012 -classe V- Materia: Elettronica, Telecomunicazioni ed applicazioni ---- Telefonia cellulare ---- alunna prof. Ing. Zumpano Luigi De Filippis Felicia Telefonia

Dettagli

Reti Avanzate: Reti cellulari

Reti Avanzate: Reti cellulari Reti Avanzate: Reti cellulari Un primo passo verso la comunicazione anywhere anytime Dott.ssa Chiara Petrioli Si ringraziano per il materiale fornito, da cui sono state tratte molte di queste slide il

Dettagli

Struttura del sistema GSM

Struttura del sistema GSM Struttura del sistema GSM Seconda Parte 1 Colloquio tra MSC, BSC, BTS MS 2 BSC (struttura hardware) 3 BSC (implementazioni pratiche) 4 NSS Necessità di un MSC Numeri telefonici (MSISDN) Instradamento e

Dettagli

CAPITOLO 3 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI DAL TACS ALL UMTS

CAPITOLO 3 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI DAL TACS ALL UMTS CAPITOLO 3 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI DAL TACS ALL UMTS 3.1 EVOLUZIONE DEI SISTEMI CELLULARI Nel campo della comunicazione wireless si individuano successive generazioni di sistemi che si distinguono

Dettagli

ARCHITETTURA PROTOCOLLARE GSM

ARCHITETTURA PROTOCOLLARE GSM ARCHITETTURA PROTOCOLLARE GSM BTS BSC R -MSC A -MSC HLR MS RIL 3 - CC RIL 3 - MM MAP / D DTAP RIL 3-RR RSM BSSMAP MAP / E distribution MTP 3 MTP 3 MTP 3 LAPDm LAPD MTP 2 MTP 2 MTP 2 Radio IF 64 kbit/s

Dettagli

Definizione di un MIB SNMP per l'accesso ad informazioni di allarme prodotti dalla rete GSM

Definizione di un MIB SNMP per l'accesso ad informazioni di allarme prodotti dalla rete GSM Sistemi di Elaborazione dell Informazione: Gestione di Reti Definizione di un MIB SNMP per l'accesso ad informazioni di allarme prodotti dalla rete GSM Agazio Gregorace gregora@cli.di.unipi.it Daniele

Dettagli

Rete Radiomobile TETRA

Rete Radiomobile TETRA Aeroporti di Roma La Tecnologia Digitale TETRA TErrestrial Trunked RAdio TETRA - Lo standard digitale per i Sistemi Radiomobili Professionali European Telecommunications Standardization Institute attraverso:

Dettagli

CAPITOLO 2 TECNOLOGIA DEI SISTEMI RADIOMOBILI

CAPITOLO 2 TECNOLOGIA DEI SISTEMI RADIOMOBILI CAPITOLO 2 TECNOLOGIA DEI SISTEMI RADIOMOBILI L uomo del XX secolo trova perfettamente logico e naturale avere a disposizione un telefono nella maggior parte dei luoghi in cui si svolgono le sue attività

Dettagli

Quarta Lezione Le reti Mobili

Quarta Lezione Le reti Mobili Le reti Mobili Università aperta 13 feb 13 Quarta Lezione Le reti Mobili Federico Marcheselli 1 Argomenti del Corso: sistemi di comunicazione: schema a blocchi schema a blocchi di una corretta comunicazione

Dettagli

Reti radiomobili cellulari. GSM

Reti radiomobili cellulari. GSM Novembre 2004 Reti e sistemi telematici Reti radiomobili cellulari. GSM Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB GSM - 1 1

Dettagli

Tratto dal Testo Ettore Panella - Giuseppe Spalierno Corso di Telecomunicazioni 2 Edizioni Cupido TELEFONIA CELLULARE

Tratto dal Testo Ettore Panella - Giuseppe Spalierno Corso di Telecomunicazioni 2 Edizioni Cupido TELEFONIA CELLULARE Telefonia cellulare 1 Tratto dal Testo Ettore Panella - Giuseppe Spalierno Corso di Telecomunicazioni 2 Edizioni Cupido TELEFONIA CELLULARE 1. Generalità Si indicano con il nome di telefonia cellulare

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS

Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS Luca D Antonio Roma, 7/12/2006 0 Sistemi radiomobili Connettono utenti mobili ad utenti mobili e/o fissi utilizzando la risorsa radio, indipendentemente dalla posizione

Dettagli

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA Dispensa del Corso

Dettagli

Reti Radiomobili. Fiandrino Claudio. Anno accademico 2009/2010. 22 agosto 2010

Reti Radiomobili. Fiandrino Claudio. Anno accademico 2009/2010. 22 agosto 2010 Reti Radiomobili Anno accademico 2009/2010 Fiandrino Claudio 22 agosto 2010 II Indice I Teoria 5 1 Concetti base 7 2 Reti cellulari 13 3 GSM 19 3.1 Architettura di rete........................ 19 3.2 Canali

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

SISTEMI RADIOMOBILE. Storia dei sistemi di prima generazione

SISTEMI RADIOMOBILE. Storia dei sistemi di prima generazione SISTEMI RADIOMOBILE SISTEMI RADIOMOBILI 1 Storia dei sistemi di prima generazione Advanced Mobile Phone Service (AMPS) sistema sperimentale a Chicago nel 1978 prima forma commerciale in Giappone nel 1979

Dettagli

Sistemi di connessione wireless

Sistemi di connessione wireless Capitolo 2 Sistemi di connessione wireless 2.1 Il sistema GSM Il Global System for Mobile Communication (GSM) è indubbiamente il sistema radio digitale per telefonia mobile che ha riscontrato il maggior

Dettagli

Mappatura dei canali logici sui canali fisici

Mappatura dei canali logici sui canali fisici Mappatura dei canali logici sui canali fisici Renato Lo Cigno www.dit.unitn.it/locigno/didattica/wn/...copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons NoDerivs-NonCommercial. Per vedere

Dettagli

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE INDICE 1. Introduzione...3 2. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig COMMS...4 3.1 I compiti

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

Esercizi Multiplazione TDM Accesso Multiplo TDMA

Esercizi Multiplazione TDM Accesso Multiplo TDMA Esercizi Multiplazione TDM Accesso Multiplo TDMA Esercizio 1 Un sistema di multiplazione TDM presenta una trama di 10 slot e in ciascuno slot vengono trasmessi 128 bit. Se il sistema è usato per multiplare

Dettagli

3.3 - GPRS-EDGE. Architetture e Protocolli per Reti Wireless - R. Bolla 1. Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Prof.

3.3 - GPRS-EDGE. Architetture e Protocolli per Reti Wireless - R. Bolla 1. Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Prof. Università di Genova Facoltà di Ingegneria 3. Reti Radio-mobili Cellulari 3.3 GPRS-EDGE Prof. Raffaele Bolla Architetture e Protocolli per Reti Wireless dist La trasmissione dati su reti radio mobili cellulari

Dettagli

Seminario sulla rete GSM

Seminario sulla rete GSM Appunti di Reti di Telecomunicazioni Seminario sulla rete GSM Introduzione alla comunicazione mobile... 2 I sistemi cellulari... 2 I sistemi cellulari analogici... 4 Il sistema GSM... 5 Pregi fondamentali...

Dettagli

LTE Long Term Evolution Late To Evolve

LTE Long Term Evolution Late To Evolve LTE Long Term Evolution Late To Evolve 0 Overview della tecnologia 1 Driver del 4G: la domanda di banda del mobile 2 LTE (3GPP Rel.8): ingredienti tecnologici del 4G Architettura Evoluta (E-UTRAN) di tipo

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Coperture cellulari. Marco Listanti. Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009. INFOCOM Dept

Coperture cellulari. Marco Listanti. Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009. INFOCOM Dept Coperture cellulari Marco Listanti Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009 Indice Le reti cellulari Architettura di una rete cellulare Coperture cellulari Motivazioni Il canale radiomobile

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni GSM. Livello radio e protocolli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni GSM. Livello radio e protocolli GSM Livello radio e protocolli 1 Tecnica di Accesso e Struttura dei Canali GSM usa una tecnica di accesso mista tempo/frequenza (FDMA/TDMA) La porzione di spettro disponibile è suddivisa in canali FDM

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione 1 - Introduzione al corso Reti Radiomobili

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI RETI TELEFONICHE Generalità Nessuna dipendenza dall estensione della rete Copertura locale Interconnessione a lunga distanza Trasporto della voce a commutazione di circuito

Dettagli

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Codifica dei Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Perché Codificare i

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Martedì 26-05-2015 1 Confronto tra switch

Dettagli

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz)

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz) LA MODULAZIONE DMT Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda (up to 1104 KHz) Consente di suddividere la banda di trasmissione in un determinato numero di sottobande (BINS) a ciascuna

Dettagli

RETI CELLULARI. La copertura cellulare. Copyright. Definizioni. La copertura cellulare teorica. La copertura cellulare teorica

RETI CELLULARI. La copertura cellulare. Copyright. Definizioni. La copertura cellulare teorica. La copertura cellulare teorica Copyright RETI CELLULARI Principi generali (T.S. Rappaport, Wireless Communications: Principles and Practice, Prentice Hall, 1996) Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons NoDerivs-NonCommercial.

Dettagli

Reti cellulari GSM Reti Avanzate, a.a. 2012/2013

Reti cellulari GSM Reti Avanzate, a.a. 2012/2013 Reti cellulari GSM Reti Avanzate, a.a. 2012/2013 Un. of Rome La Sapienza Chiara Petrioli Department of Computer Science University of Rome Sapienza Italy 3.5 Procedure Reti Radiomobili Procedure si veda

Dettagli

Relazione di elettronica

Relazione di elettronica ANTINORO ANGELO 5IA 16/04/2007 Relazione di elettronica I MODEM INDICE Premessa Le telecomunicazione Il significato di modem Tipi di modem Modem in banda base I modem fonici La modulazione La modulazione

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Le reti locali si differenziano da quelle geografiche e dai sistemi multiprocessore dalla velocità di trasmissione (data rate) R usata e dalla distanza

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA ELETTRONICA. Acquisizione e Sincronizzazione Iniziale di Codice in Sistemi 3G (UMTS)

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA ELETTRONICA. Acquisizione e Sincronizzazione Iniziale di Codice in Sistemi 3G (UMTS) LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA ELETTRONICA Anno Accademico 2006/2007 Acquisizione e Sincronizzazione Iniziale di Codice in Sistemi 3G (UMTS) ing. Francesco Benedetto (fbenedet@uniroma3.it) Digital Signal

Dettagli

Ogni stazione base viene collegata via cavo ad altri nodi della rete fissa.

Ogni stazione base viene collegata via cavo ad altri nodi della rete fissa. Reti cellulari La rete cellulare è una rete per cui la copertura geografica è realizzata con una tassellazione a celle: porzioni di area geografica che unite ricoprono perfettamente una zona. La prerogativa

Dettagli

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Barellini A. 1,Bogi L. 2, Licitra G. 3, Silvi A.M. 2 1 ARPA Toscana Dip. Prov.le Pisa via V.Veneto,

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010 1 8: Strato fisico: campionamento, multiplexing FDM e TDM Dati analogici, segnali numerici 2 Per poter trasmettere un dato analogico con una trasmissione digitale è necessario trasformare il dato analogico

Dettagli

5 Architettura protocollare

5 Architettura protocollare 5 Architettura protocollare L architettura protocollare del GPRS è basata sul principio della stratificazione dei protocolli, in accordo col modello ISO/OSI; lo standard GPRS distingue due tipi di piani

Dettagli

Roma, 24 Novembre 2014

Roma, 24 Novembre 2014 Roma, 24 Novembre 2014 Piano di rete Comune di GUARDIAGRELE (CH) Piano 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2

Dettagli

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento La telefonia cellulare Piccola presentazione di approfondimento Introduzione Oggigiorno, i telefoni cellulari sono diffusissimi e godono della massima popolarità. Molte persone, tuttavia, non conoscono

Dettagli

RETI CELLULARI. Principi generali. Definizioni

RETI CELLULARI. Principi generali. Definizioni RETI CELLULARI Principi generali Copyright Gruppo Reti di Telecomunicazioni Politecnico di Torino Rete wireless Definizioni (sotto)rete in cui l accesso da un terminale avviene attraverso un canale radio,

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE L acronimo xdsl indica una famiglia di sistemi che consente di impiegare il doppino telefonico in rame per trasportare il traffico numerico

Dettagli

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali.

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 01CXGBN Trasmissione numerica parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 1 TRASMISSIONE NUMERICA Trasmissione da un utente TX a un utente RX di informazione discreta

Dettagli

Reti e Protocolli Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Reti e Protocolli Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Reti e Protocolli Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Gestire l informazione creare, acquisire IN elaborare archiviare comunicare PROCESS presentare, attuare OUT tradizionalmente l enfasi è stata su mentre

Dettagli

Capitolo 2. Il sistema DECT

Capitolo 2. Il sistema DECT Capitolo 2 Il sistema DECT 2.1 Introduzione In un panorama nel quale il concetto di wireless è applicato ad ogni attività sia della vita quotidiana che dell ambiente produttivo in genere, la tecnologia

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Codici di Linea e Sincronizzazione Universita Politecnica delle Marche A.A. 2014-2015 A.A. 2014-2015 Sistemi di Telecomunicazione 1/36 Codici di linea - I I segnali in logica

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone 9 GPRS

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone 9 GPRS Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone 9 GPRS GPRS (General( Packet Radio Service) Accesso a INTERNET always ON Il GPRS è un servizio dati a

Dettagli

DigitalSubscriberLine(DSL)

DigitalSubscriberLine(DSL) DigitalSubscriberLine(DSL) 1 La famiglia di tecnologie, nota come DSL (DigitalSubscriberLine), è stata introdotta allo scopo di aumentare il ritmo binario sulle ordinarie linee d utente fino a valori dell

Dettagli

Page 1. Elettronica delle telecomunicazioni II ETLC2 - C1 29/05/2006 2006 DDC 1. Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione

Page 1. Elettronica delle telecomunicazioni II ETLC2 - C1 29/05/2006 2006 DDC 1. Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione Modulo Politecnico di Torino Facoltà dell Informazione Elettronica delle telecomunicazioni II C - Sistemi e moduli UMTS C1 Struttura interfaccia radio» Accesso multiplo» Radio frame» Blocchi funzionali

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili!

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili! Capitolo 6 Wireless LAN: via i fili! Spesso la realizzazione di una rete impone maggiori problemi nella realizzazione fisica che in quella progettuale: il passaggio dei cavi all interno di apposite guide

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA INTRODUZIONE È denominata Architettura di rete un insieme di livelli e protocolli. Le reti sono organizzate gerarchicamente in livelli, ciascuno dei quali interagisce

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Il Sistema GSM. http://www.hacklab.tk Pagina 1 irc.azzurra.org:6667 #hacklab INDICE:

Il Sistema GSM. http://www.hacklab.tk Pagina 1 irc.azzurra.org:6667 #hacklab INDICE: Il Sistema GSM INDICE: 1 - Il sistema GSM 1.1 - Struttura fisica del sistema 1.2 - alcuni fra i termini tecnici piu' ricorrenti 2 - DATI TECNICI 2.1 - Esistono canali di traffico (TCH) 2.2 - Esistono canali

Dettagli

Rete di accesso / Rete di trasporto

Rete di accesso / Rete di trasporto Rete di accesso / Rete di trasporto Per un operatore i costi legati alle reti di trasporto sono principalmente costi legati all esercizio e alla manutenzione della rete ( Operation and maintenance ). In

Dettagli

Le Reti Cellulari. Ing. Daniele Tarchi. Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1

Le Reti Cellulari. Ing. Daniele Tarchi. Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1 Le Reti Cellulari Ing. Daniele Tarchi Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1 Sistemi cellulari Nei primi sistemi radiomobili ogni terminale di utente operava trasmettendo su un certo intervallo di

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Lucidi delle lezioni del corso di SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE

Lucidi delle lezioni del corso di SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE TELEFONIA MOBILE Cenni Storici La propagazione nello spazio libero è usata da quasi 100 anni per le telecomunicazioni I primi (rudimentali) sistemi di telecomunicazione mobile non diffusiva appaiono durante

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II - Facoltà d Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni

Università degli studi di Napoli Federico II - Facoltà d Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Questo è lo spettro di un segnale FM a 50 MHz. La fm è 10kHz, di conseguenza fp=2,4x10khz =24kHz Siccome si può settare con precisione la frequenza modulata usando un analizzatore di spettro e siccome

Dettagli

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing Multiplexing I semestre 02/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Multiplexing In genere un utente non riesce ad utilizzare tutta la banda messa a disposizione

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

Wireless LAN. Scritto da BigDaD

Wireless LAN. Scritto da BigDaD Una Wireless local area network, WLAN, è un sistema di comunicazione flessibile e implementabile nella sua estensione, o alternativo, ad una rete fissa (wired LAN). In una W-LAN viene utilizzata una tecnologia

Dettagli

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 (NOTA BENE: GLI ESERCIZI E LE DOMANDE SI RIFERISCONO AL PROGRAMMA SVOLTO NELL A. A. 2013 14 E NON NECESSARIAMENTE TUTTE LE DOMANE/ESERCIZI SONO

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Tecniche di Accesso Multiplo e Concetti di Planning Radiomobile Universita Politecnica delle Marche A.A. 2014-2015 A.A. 2014-2015 Sistemi di Telecomunicazione 1/42 Tecniche

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz]

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz] 58 Ponti radio Per ponte radio si intende un sistema di collegamento, bidirezionale, a larga banda, che utilizza le onde elettromagnetiche per trasmettere informazioni sia analogiche sia digitali. I ponti

Dettagli