Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Le Assicurazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Le Assicurazioni"

Transcript

1 Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali Le Assicurazioni

2 Indice Introduzione Attività assicurativa Componenti della gestione assicurativa Rischi operativi e amministrativo contabili Schemi di Bilancio (cenni) Aura/F/SD/2 2

3 Introduzione Le leggi assicurative Legge dei grandi numeri Principio di mutualità Omogeneità dei rischi Indipendenza dei rischi Selezione avversa Moral hazard 3

4 Financial Services vs CIPS/TICE L operatività di una compagnia assicurativa differisce da quella di una società industriale e generalmente, non vi sono prodotti tangibili da vendere o acquistare. I processi operativi della catena del valore visti in precedenza per le società industriali non sono del tutto applicabili ad una assicurazione. Comprensione Mercato & Clienti 1 2 Sviluppo Visione & Strategia Progettazione prodotti & servizi 3 4 Mercato & vendite Produzione & consegna Prodotti & servizi 5 6 Fatturazione & servizio clienti Produzione & consegna per i servizi organizzativi 7 Vediamo il processo operativo di un operatore del settore assicurativo Slide 4

5 Rischio: concetti base Alcuni concetti: Incertezza: evento futuro in relazione al quale il soggetto economico non dispone di elementi sufficienti per prevedere in alcun modo la probabilità di accadimento dell evento stesso; rischio: evento futuro per il quale è possibile assegnare un valore alla probabilità di accadimento. rischio puro: evento avverso del quale è possibile calcolarne la probabilità di accadimento. rischio speculativo: evento futuro con connotazione positiva o negativa rischio demografico: l evento avverso è legato a fatti attinenti la vita umana (es. morte). Slide 5

6 Il processo di gestione dei rischi Slide 6

7 Assicurazione: principi base La compagnia assicurativa in quanto intermediario finanziario trasforma rischi e scadenze con il proprio bilancio. Per garantire il perseguimento di un obiettivo di economicità devono essere rispettati alcuni principi base di gestione: legge dei grandi numeri principio di mutualità rischi omogenei indipendenza dei rischi Slide 7

8 Legge dei grandi numeri Definizione: dato un evento con probabilità p, se si effettua un elevato numero di prove n, esso si verificherà un numero x di volte tale che la frequenza relativa x/n, tenderà ad approssimare p e l approssimazione aumenterà al crescere di n. Su questa base la Compagnia assicurativa può stimare con tanto maggiore precisione il manifestarsi di un dato evento (es. sinistro) quanto più ampia è la base statistica su cui è stata costruita la serie storica. Di qui la tendenza delle compagnie assicurative ad aumentare il numero di polizze emesse per categorie omogenee di rischi assicurati e l opportunità di gestire la sinistrosità per classi omogenee di rischio (Rami). La dimensione di una compagnia è legata a tale concetto. Slide 8

9 Principio di mutualità L assicurazione è una forma di copertura a costo parziale ; colui che stipula una polizza di assicurazione entra a far parte di un insieme costituito da più soggetti, tutti assicurati per rischi omogenei. Il valore della prestazione assicurativa corrisponde ad una percentuale del capitale accumulato attraverso la corresponsione di specifiche somme (premi) da parte di tutti gli assicurati sulla medesima classe di rischio. Slide 9

10 Omogeneità dei rischi Affinché il principio di mutualità possa funzionare e la legge dei grandi numeri trovare applicazione è necessario che i rischi assicurati sia caratterizzati da un grado elevato di omogeneità. L omogeneità dei rischi assicura l applicazione della legge dei grandi numeri in termini di probabilità di manifestazione dell evento avverso. Tale concetto (gestione per classi omogenee di rischio) ha impatto sulla gestione del processo di tariffazione. Slide 10

11 Indipendenza dei rischi assicurati L indipendenza statistica dei rischi assicurati preserva dal rischio di cumulo dei rischi e garantisce un meccanismo di compensazione delle perdite tra i diversi soggetti assicurati. Spesso le polizze assicurative prevedono l esclusione dei cd. rischi catastrofali in quanto caratterizzati da una componente sistematica di manifestazione difficilmente diversificabile. Slide 11

12 I fattori di vischiosità I meccanismi descritti funzionano in mercati perfetti, privi cioè di elementi di attrito che distorcono le valutazioni probabilistiche legate al rischio. Tali fenomeni rientrano nell ambito delle cd. Asimmetrie informative. selezione avversa moral hazard Slide 12

13 La selezione avversa Gli assicurati vengono raggruppati in insiemi caratterizzati da rischio (sinistrosità) omogeneo (in linea teorica); a ciascuna classe di rischio vengono proposte polizze caratterizzate da tariffe specifiche che scontano tale rischiosità (premi); all interno della classe di rischio, sono inseriti soggetti con profili di rischio superiori alla media (su cui è parametrata la tariffa) ed inferiori alla media; mediamente gli assicurati caratterizzati da profili di rischio effettivi più bassi rispetto alla media riterranno il premio applicato troppo oneroso ed avranno quindi la tendenza a non sottoscrivere le polizze proposte; come conseguenza la rischiosità effettiva media del portafoglio polizze per la classe di rischio considerata tenderà ad aumentare, il che nel medio periodo comporterà un incremento nel valore del premio ed una generale inefficienza a livello di sistema. Slide 13

14 Moral hazard Il soggetto assicurato in forza della copertura assicurativa derivante dalla sottoscrizione della polizza non pone in essere tutti gli accorgimenti necessari per ridurre il rischio di manifestazione dell evento avverso, fino a sfociare in comportamenti fraudolenti. Accorgimenti: franchigia: l assicurato compartecipa al rischio dell assicuratore; riduzioni tariffarie in presenza di accorgimenti che riducono il rischio (es. installazione antifurto); ambito RCA: tariffazione bonus/malus con passaggio di classi; polizze collettive in forma obbligatoria (es. RCA) in modo da limitare il rischio di selezione avversa. Slide 14

15 Attività assicurativa Caratteristiche Soddisfacimento dei bisogni di sicurezza Inversione del ciclo produttivo Attività normata (es. Codice delle assicurazioni ) e vigilata (ISVAP, CONSOB) Strutturazione in Rami (Vita e Danni) I soggetti coinvolti 15

16 Il soddisfacimento dei fabbisogni

17 Assicurazione: l attività (D. Lgs. 7/9/2005, n. 209) L impresa di assicurazione svolge un attività produttiva rappresentata dalla sistematica assunzione di rischi dietro un corrispettivo commisurato alla probabilità del verificarsi degli eventi ai quali i rischi si riferiscono. La maggior parte dei ricavi sono costituiti quindi dagli importi pagati dagli assicurati per la copertura dei rischi (premi) e la maggior parte dei costi è costituita dalle somme erogate agli assicurati per risarcire i danni causati da eventi avversi (sinistri). Per questo motivo le imprese di assicurazione, sono caratterizzate da una inversione del ciclo produttivo: i costi, in generale, si manifestano successivamente ai ricavi. Slide 17

18 Caratteristica del ciclo produttivo Una delle caratteristiche delle società assicurative è quindi l inversione del ciclo produttivo rispetto alle società industriali. Slide 18

19 Norme: gli organismi di vigilanza Banca d Italia o attuazione politica monetaria; o Vigilanza bancaria; o Controllo della stabilità degli intermediari o Tutela della concorrenza del mercato del credito Consob o Trasparenza delle informazioni o Correttezza dei comportamenti nel mercato mobiliare o Autorizzazione per istituzione di nuovi mercati regolamentati o Pubblicazione prospetti informativi concernenti offerte oubbiche di vendita o Documenti di offerta relativi alle offerte pubbliche di acquisto.

20 Norme: gli organismi di vigilanza (segue) ISVAP: o stabilità del mercato o stabilità delle imprese di assicurazione nazionali ed estere operanti in Italia o trasparenza dei prodotti assicurativi

21 Obiettivi di vigilanza Stabilità del sistema finanziario nel suo complesso (macro-stabilità); Stabilità dei singoli intermediari (micro-stabilità); trasparenza e correttezza di comportamento degli intermediari operanti nel mercato; tutela e promozione della concorrenza

22 Assicurazione: l attività L accumulo di mezzi monetari genera la necessità di affiancare alla gestione economica una gestione patrimoniale. Essa è strettamente connessa all attività assicurativa. L esercizio dell attività deve essere autorizzato dall ISVAP che svolge anche un attività di vigilanza. L autorizzazione è soggetta a: - presenza di adeguato capitale sociale (o fondo di garanzia equivalente) secondo i rami prescelti; - approvazione dello Statuto; - requisiti di onorabilità e professionalità dei gestori; - esclusività dell oggetto sociale e adeguato programma di attività Slide 22

23 Assicurazione: rami principali Il business assicurativo può essere esercitato in categorie denominate Rami. Si distinguono due principali classi: Rami vita Rami danni. La Compagnia di Assicurazione può esercitare uno o entrambi i rami ed in tal caso la relativa gestione e contabilità devono essere separate. Ciò è imposto dalla natura e dalla finalità diverse di due rami. Slide 23

24 Classificazione dei rami assicurativi Rami Vita (6) Rami Danni (18) I - Durata vita umana Rami Auto Rami elementari II Nuzialità/ Natalità III Unit/ Index linked IV Malattia e non autosufficienza 3. Corpi Veicoli Terrestri (CVT) 10. Responsabilità Civile Auto (RCA) 1. Infortuni 2. Malattia 4. Corpi Veicoli Ferroviari 8. Incendio e altri elementi naturali 9. Altri danni ai beni 11. RC Aeromobili 15. Cauzioni 16. Perdite pecuniarie 17. Tutela giudiziaria V - Capitalizzazione 5. Corpi Veicoli Aerei 12. RC Veicoli Marittimi, Lacustri e Fluviali 18. Assistenza VI Fondi pensione 6. Corpi Veicoli Marittimi, Lacustri e Fluviali 13. RC Generale 7. Merci Trasportate 14. Credito Slide 24

25 Assicurazione SOGGETTI Impresa d assicurazione Contraente Assicurato Beneficiario Riassicuratore Broker Agente Slide 25

26 Assicurazione SOGGETTI Impresa d assicurazione: La persona giuridica che si obbliga contrattualmente all eventuale prestazione Contraente: La persona fisica o giuridica che stipula la polizza Assicurato: La persona fisica o giuridica il cui interesse è protetto dalla polizza Beneficiario: La persona fisica o giuridica destinataria della prestazione cui si obbliga l'assicuratore Riassicuratore: Impresa che partecipa ad un rischio o massa di rischi sottoscritti da altri (il cedente), senza obblighi diretti verso gli assicurati Slide 26

27 Assicurazione SOGGETTI Broker: Intermediario indipendente che opera nell'interesse esclusivo del cliente, in favore del quale si impegna a reperire presso il mercato le soluzioni assicurative più convenienti e più adatte a soddisfare le sue esigenze Agente: Intermediario che opera per conto di una o più società e che cura l'iter delle polizze. Gli agenti operano solitamente sulla base di un incarico a tempo indeterminato, comprendente la vendita e la gestione di un portafoglio assicurativo, e inoltre rappresentano la compagnia assicuratrice in caso di controversie legali. Slide 27

28 Struttura Organizzativa Caratteristiche Struttura accentrata e rete di agenzie Broker Liquidatori Periti Aura/F/SD/28 28

29 Assicurazione: struttura organizzativa Nell impresa assicurativa non vi sono impianti o macchinari: il vero motore è rappresentato dalle risorse umane. La struttura organizzativa rappresenta la base fondamentale dell intera attività dell impresa assicurativa. Le attività del core business assicurativo sono affidate, in larga parte, a strutture decentrate, capillarmente distribuite sul territorio. Slide 29

30 Assicurazione: struttura organizzativa Struttura Direzione Centrale Strutture Decentrate Compagnia Assicurativa Amministrazione Controllo di gestione Agenti/ Agenzie Uff. Attuariato Brokers Operation Uff. Liquidazioni Finance/Tesoreria Altre funzioni Liquidatori Periti Gerenza Slide 30

31 Assicurazione: la struttura distributiva Un operatore del settore assicurativo ha, generalmente, differenti strutture distributive: Agenzia di assicurazione; L Agente; Il broker. Slide 31

32 La struttura distributiva: agenzia E' una struttura periferica dell'impresa di Assicurazione (Insurance Agency) che ha l'obiettivo di gestire tutto ciò che riguarda le attività assicurative. Le agenzie di assicurazione sono il veicolo commerciale con cui le compagnie tradizionali raggiungono ed entrano in relazione con il cliente e possono essere: 1. In gestione diretta o in economia (gerenza) quando impiegano del personale che dipende dall'impresa di assicurazione; 2. In appalto quando la gestione è data a un Agente di assicurazione. Slide 32

33 La struttura distributiva: L Agente Colui che svolge stabilmente con autonomia e professionalità l'incarico di provvedere a proprio rischio e spese alla gestione e allo sviluppo degli affari della compagnia di assicurazione (Agente monomandatario) per promuovere la conclusione di contratti di assicurazione. L agente segue tutte le fasi della vita assicurativa: scelta della formula contrattuale ; firma del contratto; assistenza nel caso si verifichi un sinistro. E un professionista iscritto all'albo tenuto dall'isvap. Slide 33

34 La struttura distributiva: Il Broker E una figura professionale che mette in relazione e si interpone tra il cliente e le imprese di assicurazione, concordando con queste le condizioni contrattuali ed economiche delle coperture dei rischi. Non è legato ad una specifica Impresa di Assicurazione ma propone al cliente la migliore soluzione assicurativa in seguito all analisi delle proposte di più compagnie. La giurisprudenza consolidata ormai esclude la riconducibilità della figura del broker assicurativo a quella dell agente ed i contratti di assicurazione stipulati tramite broker sono da ricomprendere tra gli affari conclusi direttamente dalla compagnia. Slide 34

35 Assicurazione: la struttura di liquidazione Un operatore del settore assicurativo ha, generalmente, differenti strutture dedite alla liquidazione: Il liquidatore; Il Perito. Slide 35

36 La struttura di liquidazione: il perito E un esperto iscritto al Ruolo nazionale dei periti assicurativi non dipendente dell impresa assicurativa che supporta i liquidatori nella valutazione dei sinistri. I periti vantano expertise specialistiche in specifici settori e prestano la propria professionalità al fine di: 1. individuare la responsabilità all'origine dei sinistri; 2. determinare il valore dei danni subiti dall assicurato. Slide 36

37 La struttura di liquidazione: il liquidatore Colui che è specializzato nella valutazione e nella liquidazione dei danni subiti dai clienti (sinistri) delle compagnie assicurative sia per i rami Vita che per i rami Danni. Gli eventi possono riguardare veicoli, edifici, proprietà, impianti, macchinari, salute, etc. Le sue attività comprendono: 1. ricevere dalle singole agenzie di assicurazione le denunce di incidenti (sinistri) capitati ai loro clienti; 2. analizzare le denunce di incidenti con riferimento in particolare alla dinamica dell'incidente, alla regolarità della copertura assicurativa, alla quantificazione dei danni (anche in collaborazione con esperti tecnici e medici legali); 3. determinare l'entità del risarcimento dei danni; 4. preparare la documentazione per il pagamento dei danni ai clienti. Slide 37

38 Componenti della gestione Caratteristiche Il contratto di assicurazione I Cicli Assicurativi Polizze Rami Vita Polizze Rami Danni Aura/F/SD/38 38

39 Assicurazione Con il contratto di assicurazione, l'assicuratore, verso il pagamento di un premio, si obbliga a: - rivalere l'assicurato, entro i limiti convenuti, del danno ad esso prodotto dal sinistro; - a pagare un capitale (o una rendita) al verificarsi di un evento attinente alla vita umana Slide 39

40 L attività di una compagnia assicurativa Cliente richiede una polizza assicurativa Assicuratore calcola un premio per la polizza assicurativa Cliente paga il premo della polizza assicurativa ASSICURATORE Assicurato denuncia un sinistro L assicuratore valuta il sinistro Assicuratore eroga la prestazione Slide 40

41 L attività di una compagnia assicurativa Premi Premio Cliente A Premio Cliente B Premio Cliente C Premio Cliente D Premio Cliente E Premio Cliente F Premio Cliente Premio Cliente Z ASSICURATORE Sinistri Sinistro cliente B Sinistro cliente F Slide 41

42 Il processo assicurativo Premio Evento Costo di intermediazione Liquidità Costo tecnico: -Risarcimento del danno -Rimborso o pagamento rendita Sistema degli investimenti: -Gestione finanziaria -Gestione patrimoniale/reddituale Slide 42

43 Ciclo assuntivo Proposta Sottoscrizione Emissione polizza Emissione Premio Aggiustamenti di medio termine Slide 43

44 Accettazione/Sottoscrizione ed emissione polizza Informazioni personali e sul rischio Generazione Quotazione Fine No Accettazione quotazione? Dati sui clienti Quotazione Si Dati cliente Quotazione Sottoscrizione della polizza Dati polizza Slide 44

45 Gestione Portafoglio Rinnovi Cambio contraenza Variazione Premio Incasso Premio Variazione Polizza Rescissione/Storno Polizza Slide 45

46 Ciclo Riservazione Riserva Premi Riserva Sinistri Riserva Matematica Slide 46

47 Ciclo Liquidativo Denuncia Sinistro Valutazione Sinistro Liquidazione Sinistro Smontamento Riserve Erogazione Prestazione Slide 47

48 I rami vita Nelle polizze vita prevale il contenuto di protezione dai rischi di natura demografica. Sono strumenti tramite cui l assicurato, pagando un corrispettivo, scommette sul verificarsi di eventi connessi alla propria vita. Potrebbe pertanto anche avere natura previdenziale. Possiamo distinguere le polizze vita in tre grandi categorie: Caso morte,la prestazione è subordinata alla morte dell assicurato; Caso vita, prevede il pagamento di un capitale o di una rendita solo se l assicurato è in vita ad una certa data; Assicurazione mista, è la combinazione di una polizza caso morte e di una caso vita (è la forma più diffusa in Italia). Slide 48

49 I rami vita Sono inoltre da ricordare le seguenti tipologie di polizze: -UNIT LINKED: Sono polizze assicurative a carattere finanziario (quindi non sono un modo per assicurarsi contro un evento dannoso come un furto, la morte di una persona o un altro danno, ma sono un modo per investire il denaro). Non hanno, di norma, capitale e rendimento minimo garantito. La somma investita nella polizza è usata per comprare quote di fondi comuni e sicav (sia azionari che obbligazionari): in parole semplici, la polizza unit linked è un contenitore di fondi comuni o sicav. -INDEX LINKED: Sono contratti di assicurazione sulla vita in cui il valore delle prestazioni è collegato all'andamento di un determinato indice. L'indicizzazione serve ad adeguare, alle scadenze previste, il valore delle prestazioni assicurative legando il rendimento della polizza a un indice finanziario che riflette l'andamento dei prezzi al consumo ovvero alla possibilità concessa all'assicurato di partecipare alla performance delle riserve tecniche della stessa compagnia di assicurazione. Gli indici di riferimento sono in genere di tipo borsistico o azionario. -FONDI PENSIONE: Sono forme di pensione aggiuntive rispetto a quelle dell'inps, il cui scopo è quello di garantire prestazioni pensionistiche aggiuntive rispetto a quelle erogate dagli enti pubblici obbligatori. Slide 49

50 I rami danni Nell'ambito delle garanzie del ramo danni è fondamentale la distinzione tra: -Garanzie di rischio diretto (dette anche garanzie di sostanza), in cui assicuro direttamente un "bene" contro un certo evento, al cui verificarsi ho diritto all'indennizzo, indipendentemente da ogni altra considerazione; -Garanzie di responsabilità civile, in cui l'assicuratore si obbliga a tenermi indenne da quanto dovessi essere costretto a risarcire a "terzi" in conseguenza di un atto illecito colposo da me compiuto nell'esercizio di una specifica attività dichiarata in polizza; Slide 50

51 I rami danni Le polizze dei rami Danni, hanno natura di indennizzo a fronte di eventuali sinistri accaduti. La Compagnia di assicurazione si fa carico dei rischi dell assicurato definiti all interno del contratto (polizza). Rispetto alle polizze Vita, il rischio è maggiore per effetto della aleatorietà degli eventi avversi e delle asimmetrie informative. Per tale ragione, mentre nel ramo vita il premio è calcolato sulla base di tabelle attuariali, per il ramo danni il premio è definito secondo criteri empirici (valore assicurato per probabilità del sinistro). Slide 51

52 Componenti della gestione Caratteristiche (segue) Premi Vita Danni Riserva Premi Premi di competenza Sinistri Aura/F/SD/52 52

53 Componenti della gestione Caratteristiche (segue) Riserva Sinistri Sinistri di competenza Aura/F/SD/53 53

54 Definizione di premio Il premio rappresenta il corrispettivo che il contraente versa per acquistare la garanzia offerta dall assicuratore. Il pagamento del premio costituisce di norma condizione di efficacia della garanzia. Slide 54

55 Componenti del premio Premio equo Premio che consente di coprire le perdite stimate generate dal complesso dei rischi trasferiti all impresa di assicurazione + Caricamento di sicurezza Quota di premio destinata a coprire le eventuali maggiori perdite effettive generate dai rischi trasferiti all impresa di assicurazione rispetto a quelle stimate = Premio puro + Caricamento per spese Quota di premio destinata a coprire le spese = Premio di tariffa sostenute dall impresa di assicurazione Slide 55

56 Premio di tariffa (premi vita)

57 Riserva premi (segue) La riserva premi si articola in due componenti: Riserva per frazioni di premi, ha natura di risconto passivo, rinviando agli esercizi successivi, le quote di premi relativi a rischi ancora vigenti a fine anno; Riserve per rischi in corso; ha natura di riserva per insufficienza di tariffa, consiste in un accantonamento di natura tecnica che la normativa i riferimento impone. Per la determinazione della riserva per frazioni di premio, il metodo principalmente utilizzato è rappresentato dal metodo analitico o pro rata temporis, consiste nel clcolo effettuato, contratto per contratto, sui premi lordi contabilizzati al netto delle spese acquisitive deducibili.

58 Riserva premi Anno fiscale Termini della polizza JAN FEB MAR APR MAY JUN JUL AUG SEP OCT NOV DEC JAN FEB MAR Slide 58

59 Premi di competenza Focalizzandoci sui Ricavi, definiamo i premi di competenza come parte di premi, emessi nell anno o in anni precedenti, relativa a rischi effettivamente in corso nell esercizio di riferimento. I premi di competenza saranno pari a: Premi emessi e contabilizzati nell anno (Pe), decurtati della riserva premi dell esercizio (RPn) e maggiorati della riserva premi dell esercizio precedente (RPn-1): Pcn = Pen- RPn + RP n-1 = Pe n - ΔRP n

60 Definizione di sinistro Per sinistro si intende il manifestarsi del rischio puro per il quale è prestata la garanzia di polizza. Nelle assicurazioni contro i danni la prestazione monetaria da parte della compagnia di assicurazione è subordinata alla manifestazione del sinistro che generando un danno fa sorgere il diritto dell assicurato alla prestazione contrattuale sotto forma di indennizzo. Slide 60

61 Gestione sinistri La gestione di sinistri si articola nelle seguenti fasi: Accadimento del sinistro; Denuncia del sinistro; Valutazione del sinistro; Liquidazione dell indennizzo o risarcimento.

62 Gestione sinistri (segue) Accadimento del sinistro: è il momento in cui il rischio oggetto di copertura si verifica e rappresenta il momento rilevante per la determinazione della competenza economica del relativo costo. Da ciò discende la necessità per le compagnie di accantonare un apposita riserva finalizzata a imputare al CE i costi relativi ai cosiddetti sinistri (IBNR) Incurred But Not Reported, ovvero quei sinistri accaduti, ma non sono ancora portati a conoscenza della compagnia attraverso la denuncia.

63 Gestione sinistri (segue) Denuncia del sinistro: è il momento in cui la compagnia prende in carico il sinistro e ne avvia il relativo processo di gestione. Valutazione del danno: nella quale la compagnia, generalmente attraverso una perizia, accerta l entità del danno originato dal sinistro. Il danno risarcibile si divide in 2 categorie: -Il danno materiale -Il danno fisico, ovvero afferente la persona. Fase di liquidazione: in cui la compagnia provvede al pagamento dell indennizzo o risarcimento per il danno subito.

64 Sinistri di competenza Il costo relativo ai sinistri viene imputato a CE secondo il principio di competenza. Per i sinistri che non vengono liquidati nell anno di accadimento, la compagnia deve stanziare in bilancio un accantonamento, denominato riserva sinistri, che rappresenta una prudente valutazione del futuro costo da sostenere per il risarcimento del danno e delle spese di liquidazione. I sinistri di competenza (Sc) saranno pertanto pari ai sinistri pagati e contabilizzati nell anno (Sp), maggiorati della riserva sinistri dell esercizio (RSn) e decurtati dalla riserva sinistri dell anno precedente: Sc n = Sp n + RS n RS n-1 = Sp n + ΔRS n

65 Analisi dei sinistri L analisi del costo dei sinistri, deve essere condotta con riguardo a due componenti: i sinistri accaduti nell esercizio in corso (sinistri di generazione corrente); I sinistri accaduti nei precedenti esercizi (sinistri delle generazioni ex). Nell ambito di ciascuna componente occorre distinguere tra sinistri pagati e sinistri riservati.

66 Analisi dei sinistri (segue)

67 Riserva matematica Principale riserva tecnica nell ambito dell assicurazione sulla vita. Rappresenta la stima degli impegni assunti dall impresa di assicurazione nei confronti dei suoi assicurati. È costituita da una quota dei premi di tariffa pagati dal contraente.

68 Riserva matematica (segue) Nell assicurazione sulla vita le prestazioni presentano una duplice componente: componente di rischio, subordinata allo stato di natura dell assicurato componente di natura finanziaria, finalizzata al trasferimento di risorse finanziarie nel tempo. Nell ambito del premio annuo puro: il premio di rischio corrisponde al premi che l assicurato dovrebbe pagare per la copertura del rischio; il premio di risparmio rappresenta la parte di premio che, non servendo alla copertura del rischio morte, può essere capitalizzata ai fini della costituzione della riserva matematica.

69 Rischi operativi e amministrativo contabili Caratteristiche Rischi operativi; Rischi di Financial Reporting; Sistemi IT (considerazioni generali) 69

70 Rischio: operativo vs finanziario È possibile distinguere due tipologie di rischio: Rischio Operativo Rischio Finanziario Slide 70

71 Rischio operativo Rischio Operativo, Applicazione erronea del tariffario; Malfunzionamento del sito internet pubblicitario; Agente in malattia; Spese commerciali fuori budget. Slide 71

72 Rischio financial reporting Rischio financial reporting, Registrazione dei premi nel periodo di competenza errato; Sottostima/sovrastima delle tasse con conseguente pagamento errato; Attività degli agenti inaccurate o fraudolente; Registrazione di reclami duplicati o fraudolenti. Slide 72

73 Rischio financial reporting Emissione premio a fronte di polizza non emessa o non attiva; Emissione polizza con sottoscrizione fittizia (frode); Assunzione rischi non coerenti con contenuto polizza (capienza riserve); Assenza di gestione delle condizioni in deroga presso le agenzie; Non adeguata gestione dei premi arretrati (premi emessi non ancora incassati) -> rischio di contabilizzazione del premio non in linea con quanto quietanziato; Accantonamento a riserva sinistri per sinistri liquidati nell esercizio in corso; Riservazione a fronte di polizze non attive; Assenza smontamento riserva a fronte di liquidazione sinistri; Slide 73

74 Sistemi IT Elevato numero di transazioni -> sistemi IT essenziali; Sistemi stratificatisi negli anni -> forte disomogeneità (limitata presenza di sistemi integrati); Difficoltà di colloquio diretto fra sistemi (differenti linguaggi di programmazione); Elevato numero di interfacce fra sistemi applicativi; Soluzioni e pacchetti sviluppati in-house; Spesso soluzioni su architettura mainframe Slide 74

75 Schemi di Bilancio (cenni) Caratteristiche Conto tecnico Danni Conto tecnico Vita Conto Non Tecnico Stato Patrimoniale Aura/F/SD/75 75

76 Schema: Conto Economico, peculiarità Distinzione tra proventi ed oneri delle attività assicurative e proventi ed oneri per altre tipologie di transazioni (commissioni, operazioni finanziarie, ecc.); Classificazione per proventi ed oneri e, all interno di questi, per portafogli IAS, per tipologie delle operazioni, se provenienti da realizzo o da valutazione; Classificazione di alcune voci di costo per destinazione come nel bilancio previgente ( Oneri relativi ai sinistri e Spese di gestione ). Slide 76

77 Il conto economico conto tecnico rami danni 1. PREMI DI COMPETENZA, AL NETTO DELLE CESSIONI IN RIASSICURAZIONE: a) Premi lordi contabilizzati b) (-) Premi ceduti in riassicurazione c) Variazione dell importo lordo della riserva premi d) Variazione della riserva premi a carico dei riassicuratori 2. (+) QUOTA DELL UTILE DEGLI INVESTIMENTI TRASFERITA DAL CONTO NON TECNICO (VOCE III. 6) 3. ALTRI PROVENTI TECNICI, AL NETTO DELLE CESSIONI IN RIASSICURAZIONE 4. ONERI RELATIVI AI SINISTRI, AL NETTO DEI RECUPERI E DELLE CESSIONI IN RIASSICURAZIONE: a) Importi pagati aa) Importo lordo bb) (-) Quote a carico dei riassicuratori b) Variazione dei recuperi al netto delle quote a carico dei riassicuratori aa) Importo lordo bb) (-) Quote a carico dei riassicuratori c) Variazione della riserva sinistri aa) Importo lordo bb) (-) Quote a carico dei riassicuratori

78 Il conto economico conto tecnico rami danni 5. VARIAZIONE DELLE ALTRE RISERVE TECNICHE, AL NETTO DELLE CESSIONI IN RIASSICURAZIONE 6. RISTORNI E PARTECIPAZIONI AGLI UTILI, AL NETTO DELLE CESSIONI IN RIASSICURAZIONE 7. SPESE DI GESTIONE: a) Provvigioni di acquisizione b) Altre spese di acquisizione c) Variazione delle provvigioni e delle altre spese di acquisizione da ammortizzare d) Provvigioni di incasso e) Altre spese di amministrazione f) (-) Provvigioni e partecipazioni agli utili ricevute dai riassicuratori 8. ALTRI ONERI TECNICI, AL NETTO DELLE CESSIONI IN RIASSICURAZIONE 9. VARIAZIONE DELLE RISERVE DI PEREQUAZIONE 10. RISULTATO DEL CONTO TECNICO DEI RAMI DANNI (VOCE III. 1)

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Le Assicurazioni

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Le Assicurazioni Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali Le Assicurazioni Indice Introduzione Attività assicurativa Componenti della gestione assicurativa Rischi operativi e amministrativo contabili Schemi

Dettagli

Stato patrimoniale e conto economico dell esercizio

Stato patrimoniale e conto economico dell esercizio Stato patrimoniale e conto economico dell esercizio Stato patrimoniale attivo A. Crediti verso soci per capitale sociale sottoscritto non versato di cui capitale richiamato B. Attivi immateriali 1. Provvigioni

Dettagli

Euro/migliaia 30.06.2003 31.12.2002 30.06.2002 A) CREDITI VS SOCI CAPITALE SOCIALE SOTTOSCRITTO NON VERSATO 0 0 0

Euro/migliaia 30.06.2003 31.12.2002 30.06.2002 A) CREDITI VS SOCI CAPITALE SOCIALE SOTTOSCRITTO NON VERSATO 0 0 0 Stato patrimoniale ATTIVO Euro/migliaia 30.06.2003 31.12.2002 30.06.2002 A) CREDITI VS SOCI CAPITALE SOCIALE SOTTOSCRITTO NON VERSATO 0 0 0 B) ATTIVI IMMATERIALI 1. Spese di acquisizione da ammortizzare

Dettagli

ARAG Assicurazioni S.p.A.

ARAG Assicurazioni S.p.A. Allegato II Società ARAG Assicurazioni S.p.A. Capitale sociale sottoscritto E. 5.000.000 Versato E. 5.000.000 Sede in Tribunale Verona Verona BILANCIO DI ESERCIZIO Conto economico Esercizio 2001 (Valore

Dettagli

ASSICURATRICE VAL PIAVE S.p.A.

ASSICURATRICE VAL PIAVE S.p.A. Allegato I Società ASSICURATRICE VAL PIAVE S.p.A. Capitale sociale sottoscritto. 7.000.000 Versato. 7.000.000 Sede in Tribunale BELLUNO BELLUNO BILANCIO DI ESERCIZIO Stato patrimoniale Esercizio 2014 (Valori

Dettagli

S 3 Indice Indice Introduzione 5 Introduzione 6 Introduzione 7 Introduzione 8 Introduzione 9 Introduzione 10 Introduzione 11 Introduzione 12 13 Relazione sulla gestione 15 15 Relazione sulla gestione

Dettagli

ELENCO DEGLI ALLEGATI

ELENCO DEGLI ALLEGATI ELENCO DEGLI ALLEGATI Allegato 1: Bilancio - Stato Patrimoniale Bilancio - Conto Economico Allegato 2: Bilancio - Nota integrativa Allegato 1 alla Nota integrativa: Stato patrimoniale - Gestione danni

Dettagli

A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita. B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita

A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita. B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita A) PREMI AL NETTO DELLA RIASSICURAZIONE - - Premi danni - Premi vita B) SINISTRI NETTI PAGATI - Sinistri danni -Sinistri vita C) VARIAZIONE DELLE RISERVE TECNICHE -Riserve tecniche rami danni -Riserve

Dettagli

INDICE. Prefazione... 4. IL BILANCIO D ESERCIZIO

INDICE. Prefazione... 4. IL BILANCIO D ESERCIZIO INDICE Prefazione... XV 1. INTRODUZIONE... 1 2. IL CONTROLLO E LA VIGILANZA SULLE IMPRESE ASSICURATIVE... 3 3. IL QUADRO INFORMATIVO... 7 4. IL BILANCIO D ESERCIZIO 4.1. Considerazioni di carattere generale

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il terzo trimestre 2014 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Premi lordi contabilizzati al 1 trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

Bilancio delle assicurazioni Struttura e contenuto

Bilancio delle assicurazioni Struttura e contenuto Risk and Accounting Bilancio delle assicurazioni Struttura e contenuto Marco Venuti Agenda La disciplina di rif erimento Stato patrimoniale consolidato Conto economico consolidato Stato patrimoniale di

Dettagli

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c.

36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI. e, p.c. SERVIZIO STUDI SEZIONE STUDI UFFICIO STATISTICA Roma 7 dicembre 2011 Prot. n. All.ti n. 4 36-11-000101 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Alle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il quarto trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza

Bisogn0 di gestione dei rischi puri. Assicurazione previdenza Bisogn0 di gestione dei rischi puri Assicurazione previdenza Bisogni e prodotti BISOGNI PRODOTTI Assicurazione (unità in surplus) Previdenza (unità in surplus) Assicurazione (unità in deficit) Polizze

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2014 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2014 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

L Assicurazione italiana in cifre

L Assicurazione italiana in cifre L Assicurazione italiana in cifre Luglio 2010 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2016 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI ROMA, 12 GIUGNO 2014 1. I reclami concernenti l accertamento dell osservanza delle disposizioni del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 disciplinanti la trasparenza e le modalità di offerta al

Dettagli

Alcuni dati di mercato. Agenda. Alcuni dati di mercato. Definizione. Alcuni dati di mercato I CONTRATTI DI ASSICURAZIONE VITA

Alcuni dati di mercato. Agenda. Alcuni dati di mercato. Definizione. Alcuni dati di mercato I CONTRATTI DI ASSICURAZIONE VITA Corso di GESTIONE DEI RISCHI E DELLE ASSICURAZIONI Si nota un trend complessivo di crescita dei prodotti Vita con un rallentamento nel 2011. I prodotti vita tradizionali rappresentano oltre 80% dei premi

Dettagli

Puro Rischio TCM. Di regola non esiste RISCATTO e RIDUZIONE.

Puro Rischio TCM. Di regola non esiste RISCATTO e RIDUZIONE. Il Ramo Vita 1 Puro rischio TCM 2 Puro Rischio TCM Garantiscono al Beneficiario un capitale in caso di decesso dell Assicurato entro un dato periodo di tempo. Il premio è calcolato in base: al sesso dell

Dettagli

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di

L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei rischi: dall assicurazione auto

Dettagli

STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ

STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ 1 ATTIVITÀ IMMATERIALI 1.1 Avviamento 1.2 Altre attività immateriali 2 ATTIVITÀ MATERIALI 2.1 Immobili 2.2 Altre attività materiali 3 RISERVE TECNICHE A CARICO DEI RIASSICURATORI

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO Imprese di Assicurazione

ANALISI DI BILANCIO Imprese di Assicurazione Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Anno accademico 2009/2010 ANALISI DI BILANCIO Imprese di Assicurazione Prof. GIANFRANCO CAVAZZONI Dipartimento di Discipline Giuridiche ed Aziendali

Dettagli

REGOLAMENTO N. 29 DEL 16 MARZO 2009. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 29 DEL 16 MARZO 2009. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 29 DEL 16 MARZO 2009 REGOLAMENTO CONCERNENTE LE ISTRUZIONI APPLICATIVE SULLA CLASSIFICAZIONE DEI RISCHI ALL INTERNO DEI RAMI DI ASSICURAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 2 DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 20 giugno 2003 317543 CIRCOLARE N. 508/S 4 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione

Dettagli

Indice corso Agenti e Broker

Indice corso Agenti e Broker Indice corso Agenti e Broker 1. L evoluzione storica e normativa delle assicurazioni - Premessa - Fonti del diritto di assicurazione: i connotati e i problemi peculiari della disciplina di settore - Il

Dettagli

HDI Assicurazioni SpA I Prodotti Danni. Roma, 20 maggio 2015

HDI Assicurazioni SpA I Prodotti Danni. Roma, 20 maggio 2015 HDI Assicurazioni SpA I Prodotti Danni Roma, 20 maggio 2015 Alcuni riferimenti giuridici - L assicurazione è un contratto con il quale l assicuratore, verso il pagamento di un premio, si obbliga a rivalere

Dettagli

LE ASSICURAZIONI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio Università di Genova Dicembre 2009

LE ASSICURAZIONI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio Università di Genova Dicembre 2009 LE ASSICURAZIONI Lucidi a cura di Marco Di Antonio Università di Genova Dicembre 2009 I RISCHI SPECULATIVI o FINANZIARI; variabilità dei risultati attesi, in senso favorevole o sfavorevole per chi vi è

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009

l Assicurazione italiana in cifre luglio 2009 l Assicurazione italiana in cifre luglio 29 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per la protezione dei

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO REGOLAMENTO N. 22 DEL 4 APRILE 2008. Allegato 3:

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO REGOLAMENTO N. 22 DEL 4 APRILE 2008. Allegato 3: ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO REGOLAMENTO N. 22 DEL 4 APRILE 2008 Allegato 3: Elenco informazioni di vigilanza relative al bilancio di esercizio Modulo

Dettagli

STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ

STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ 1 ATTIVITÀ IMMATERIALI 1.1 Avviamento 1.2 Altre attività immateriali 2 ATTIVITÀ MATERIALI 2.1 Immobili 2.2 Altre attività materiali 3 RISERVE TECNICHE A CARICO DEI RIASSICURATORI

Dettagli

Foto grande: Unipol Assicurazioni, Direzione Generale Bologna. Foto piccola: inizi anni 80, Bologna, posa scultura Turris di Giuseppe Spagnulo.

Foto grande: Unipol Assicurazioni, Direzione Generale Bologna. Foto piccola: inizi anni 80, Bologna, posa scultura Turris di Giuseppe Spagnulo. Foto grande: Unipol Assicurazioni, Direzione Generale Bologna. Foto piccola: inizi anni 80, Bologna, posa scultura Turris di Giuseppe Spagnulo. 2 - Bilancio Consolidato al Prospetti contabili consolidati

Dettagli

Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità e allegati - Rami Vita 7 Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità e allegati - Rami Danni

Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità e allegati - Rami Vita 7 Prospetto dimostrativo del margine di solvibilità e allegati - Rami Danni SOCIETÀ PER AZIONI SEDE VIA IGNAZIO GARDELLA, 2-2149 MILANO - ITALIA CAPITALE SOCIALE EURO 67.378.924 INTERAMENTE VERSATO CODICE FISCALE E NUMERO D'ISCRIZIONE DEL REGISTRO IMPRESE DI MILANO 132951158 -

Dettagli

PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEL MARGINE DI SOLVIBILITA' (art. 28 comma 1 del Regolamento)

PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEL MARGINE DI SOLVIBILITA' (art. 28 comma 1 del Regolamento) Allegato I Società... PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEL MARGINE DI SOLVIBILITA' (art. 28 comma 1 del Regolamento) Esercizio... (valori in migliaia di euro) Rami per i quali è stato determinato il margine di solvibilità

Dettagli

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione.

Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. 21/07/2005 - Approvazione relazione trimestrale 01.04.2005-30.06.2005 Approvazione della Relazione Trimestrale al 30.06.2005 da parte del Consiglio di Amministrazione. Sommario: Nei primi nove mesi dell

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998

FONDO PENSIONE APERTO ZED OMNIFUND Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2006 - LINEA GARANTITA ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2006

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2006 - LINEA GARANTITA ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2006 ESERCIZIO PRECEDENTE

Dettagli

STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVITA

STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVITA SOCIETA ESERCIZIO Pag. 1 STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVITA A. CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI B. INVESTIMENTI 1 I Beni immobili 2 II Partecipazioni in società controllate 3 III Partecipazioni

Dettagli

D.Lgs. 26-05-1997, n. 173

D.Lgs. 26-05-1997, n. 173 D.Lgs. 26-05-1997, n. 173 TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 - Ambito di applicazione 1. Le disposizioni del presente decreto si applicano alle imprese aventi sede legale nel territorio della Repubblica

Dettagli

MODULO 1: CENNI SULL EVOLUZIONE DEL SETTORE ASSICURATIVO. Prima parte: Evoluzione storica e normativa delle assicurazioni

MODULO 1: CENNI SULL EVOLUZIONE DEL SETTORE ASSICURATIVO. Prima parte: Evoluzione storica e normativa delle assicurazioni MODULO 1: CENNI SULL EVOLUZIONE DEL SETTORE ASSICURATIVO Prima parte: Evoluzione storica e normativa delle assicurazioni Fonti del diritto delle Assicurazioni Il contratto e l impresa nelle fonti di produzione

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

E. Marsiglia Vicedirettore generale Gruppo Unipol

E. Marsiglia Vicedirettore generale Gruppo Unipol E. Marsiglia Vicedirettore generale Gruppo Unipol Il pricing dei prodotti assicurativi Convegno ADEIMF, Ancona 18 gennaio 2008 assicurazioni danni: il premio L origine della parola premio è legata al trasporto

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

L'ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO

L'ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO Assegnazione di quote dell utile degli investimenti nel conto economico del bilancio di esercizio e consolidato delle imprese di assicurazione e riassicurazione L'ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI

Dettagli

Le assicurazioni vita e danni

Le assicurazioni vita e danni Le assicurazioni vita e danni Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Roberto Manzato Direttore Centrale Vita, Danni e Servizi Le assicurazioni vita Capacità di risparmio

Dettagli

I Fondi pensione preesistenti

I Fondi pensione preesistenti I Fondi pensione preesistenti I scheda Fondi pensione preesistenti sono forme pensionistiche complementari che, come suggerisce il termine preesistenti, operavano antecedentemente all emanazione della

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) CREDITI V/S SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI B) IMMOBILIZZAZIONI C) ATTIVO CIRCOLANTE D) RATEI E RISCONTI PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO B) FONDI PER RISCHI

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

1) Premessa. 2) Indicazioni di carattere generale

1) Premessa. 2) Indicazioni di carattere generale CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI 00187 Roma - Via Sicilia, 57 tel. 06 3236373 CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ATTUARI 00186 Roma Via del Corea, 3 tel. 06 3210350 REGOLE APPLICATIVE DEI PRINCIPI ATTUARIALI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO VITA: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015:

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO VITA: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015: COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO VITA: APPROVATI I RISULTATI AL 31 MARZO 2015: Produzione lorda Vita a 5.029,9 /mln Nuova produzione Vita a 4.984,9 /mln Somme pagate Vita a 2.993,4 /mln Investimenti a

Dettagli

Settore Assicurativo

Settore Assicurativo 28 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Relazione sulla gestione Settore Assicurativo Premi e prodotti di investimento La raccolta complessiva (premi diretti e indiretti e prodotti di investimento)

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2009 - COMPARTO "LINEA CONSERVATIVA" ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2009

Dettagli

I S V A P. 3 ottobre 2003. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI

I S V A P. 3 ottobre 2003. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo SERVIZIO STATISTICA 317566 4 3 ottobre 2003 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione LORO SEDI Alle Rappresentanze

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

UD1. Le assicurazioni legate al credito

UD1. Le assicurazioni legate al credito UD1 Le assicurazioni legate al credito UD1 Le assicurazioni legate al credito Acquisto di beni e servizi Quali esigenze di tutela si legano al momento dell acquisto del bene finanziato e quali sono le

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Via Benigno Crespi, 23 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2011 - COMPARTO "LINEA CONSERVATIVA" ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2011

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Statistiche relative alla gestione dei rami: 1. Infortuni; 2. Malattia; 8. Incendio ed elementi naturali; 13. Responsabilità civile generale

Dettagli

www.formazioneintermediari.com - info@formazioneintermediari.com Tel: 800.69.99.92 Indice Corso 30 ore

www.formazioneintermediari.com - info@formazioneintermediari.com Tel: 800.69.99.92 Indice Corso 30 ore Indice Corso 30 ore Modulo 1 - La disciplina delle imprese di assicurazione Le fonti normative del diritto delle assicurazioni Principi e struttura del Codice delle Assicurazioni Le condizioni di accesso

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno LVA Euro Index Azionario Previdenza

Regolamento del Fondo Interno LVA Euro Index Azionario Previdenza Regolamento del Fondo Interno LVA Euro Index Azionario Previdenza Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti dell Aderente in base alle Condizioni di Polizza, la

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA: ULTERIORE RIALZO DELL UTILE NETTO CONSOLIDATO A 66 MILIONI (+11,9%) E DEI PREMI A 2.768 MILIONI (+14,7%)

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA: ULTERIORE RIALZO DELL UTILE NETTO CONSOLIDATO A 66 MILIONI (+11,9%) E DEI PREMI A 2.768 MILIONI (+14,7%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata I. La valutazione delle poste del passivo

Ragioneria Generale e Applicata I. La valutazione delle poste del passivo La valutazione delle poste del passivo Debiti Fondi rischi e oneri Tfr Fondi rischi e oneri Caratteri economico-aziendali Consentono la copertura di rischi e oneri: di manifestazione futura (in genere,

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

INDICE. Prefazione...» XV Paola Leone e Franco Tutino. Introduzione... Fabrizio Santoboni

INDICE. Prefazione...» XV Paola Leone e Franco Tutino. Introduzione... Fabrizio Santoboni VII Autori... pag. XIII Prefazione...» XV Paola Leone e Franco Tutino Introduzione... Fabrizio Santoboni» XIX Capitolo 1. Le funzioni della produzione assicurativa Fabrizio Santoboni 1. Il contratto assicurativo...

Dettagli

Principi generali del bilancio d'esercizio delle compagnie assicurative e del bilancio consolidato dei gruppi assicurativi.

Principi generali del bilancio d'esercizio delle compagnie assicurative e del bilancio consolidato dei gruppi assicurativi. Principi generali del bilancio d'esercizio delle compagnie assicurative e del bilancio consolidato dei gruppi assicurativi 21 gennaio 2012 Agenda Introduzione La normativa di riferimento Disposizioni di

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998

ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 ZURICH CONTRIBUTION Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 37 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2007 - LINEA CONSERVATIVA ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2007 ESERCIZIO

Dettagli

UDB Il ramo vita. che cos è una polizza vita e quali sono le sue caratteristiche principali. Definizioni

UDB Il ramo vita. che cos è una polizza vita e quali sono le sue caratteristiche principali. Definizioni UDB UDB Il ramo vita Definizioni che cos è una polizza vita e quali sono le sue caratteristiche principali. La legge 47/2000 la riforma del regime fiscale per le polizze vita: detrazione d imposta dei

Dettagli

Anno accademico 2015/2016

Anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di laurea magistrale Economia Aziendale, Direzione Amministrativa e Professione Corso di Bilanci secondo i principi

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita

Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita Ordinanza sull assicurazione diretta sulla vita (Ordinanza sull assicurazione vita, OAssV) Modifica del 26 novembre 2003 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 29 novembre 1993 1 sull

Dettagli

Per il superamento di entrambe le Prove è d obbligo aver riportato un punteggio non inferiore a 60/100.

Per il superamento di entrambe le Prove è d obbligo aver riportato un punteggio non inferiore a 60/100. Corso di preparazione alla Prova di Idoneità 2012 ai fini dell iscrizione al Registro Unico degli Intermediari Assicurativi e Riassicurativi RUI alla lettera A (Agenti) e B (Broker) Prova di Idoneità ai

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

Comunicato Stampa APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DEL PROGETTO DI BILANCIO 2004

Comunicato Stampa APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DEL PROGETTO DI BILANCIO 2004 Comunicato Stampa APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI DEL PROGETTO DI BILANCIO 2004 RACCOLTA PREMI TOTALE: 3.277,2 milioni (+3,4% a parità di perimetro) RACCOLTA PREMI RAMI DANNI: 2.147,4

Dettagli

Alle Imprese di assicurazione che esercitano i rami vita con sede legale in Italia LORO SEDI

Alle Imprese di assicurazione che esercitano i rami vita con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZI DI VIGILANZA I E II Roma 29 aprile 2011 Prot. n. 19-11-001801 All.ti n. vari Alle Imprese di assicurazione che esercitano i rami vita con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Imprese di assicurazione

Dettagli

Capitolo III (A) LE COMBINAZIONI ECONOMICHE DI ISTITUTO (prima parte: parr. 3.1 e 3.2)

Capitolo III (A) LE COMBINAZIONI ECONOMICHE DI ISTITUTO (prima parte: parr. 3.1 e 3.2) Capitolo III (A) LE COMBINAZIONI ECONOMICHE DI ISTITUTO (prima parte: parr. 3.1 e 3.2) 1 IL SISTEMA DEGLI ACCADIMENTI L economia aziendale si occupa, in generale, delle azioni e dei fenomeni che si manifestano

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione private

Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione private Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulla sorveglianza delle imprese di assicurazione private (Ordinanza FINMA sulla sorveglianza delle assicurazioni, OS-FINMA) Modifica

Dettagli

INDAGINE SUI COSTI DELLE POLIZZE ABBINATE A FINANZIAMENTI (PPI PAYMENT PROTECTION INSURANCE) PRIMI RISULTATI

INDAGINE SUI COSTI DELLE POLIZZE ABBINATE A FINANZIAMENTI (PPI PAYMENT PROTECTION INSURANCE) PRIMI RISULTATI INDAGINE SUI COSTI DELLE POLIZZE ABBINATE A FINANZIAMENTI (PPI PAYMENT PROTECTION INSURANCE) PRIMI RISULTATI MAGGIO 2016 1 Indice 1. Introduzione e sintesi 2. La dimensione del mercato PPI 2.1. Numero

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015

SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015 SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015 Il Preventivo Economico 2015, approvato dal Consiglio con delibera n.13 del 16/12/2014, è stato redatto secondo le indicazioni dettate

Dettagli

Scritto da Alessandro Quattrone Lunedì 16 Settembre 2013 13:33 - Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Settembre 2013 15:37

Scritto da Alessandro Quattrone Lunedì 16 Settembre 2013 13:33 - Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Settembre 2013 15:37 Le polizze vita sono dei contratti stipulati tra privati cittadini e compagnie assicurative che obbligano queste ultime a liquidare un beneficiario con una somma oppure sotto forma di una rendita qualora

Dettagli

Relazione consolidata terzo trimestre 2005

Relazione consolidata terzo trimestre 2005 Relazione consolidata terzo trimestre 2005 2 Riunione di consiglio del 14 novembre 2005 3 4 Indice Stato patrimoniale Consolidato 7 Conto economico Consolidato 11 Prospetto delle variazioni del Patrimonio

Dettagli

PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEL MARGINE DI SOLVIBILITÀ DELLE IMPRESE DI RIASSICURAZIONE (Art. 135 del Regolamento n.33 del 10 marzo 2010)

PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEL MARGINE DI SOLVIBILITÀ DELLE IMPRESE DI RIASSICURAZIONE (Art. 135 del Regolamento n.33 del 10 marzo 2010) Allegato 5 Società... PROSPETTO DIMOSTRATIVO DEL MARGINE DI SOLVIBILITÀ DELLE IMPRESE DI RIASSICURAZIONE (Art. 135 del Regolamento n.33 del 10 marzo 2010) Esercizio... (valori in migliaia di euro) Rami

Dettagli

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP)

I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) I Piani individuali pensionistici di tipo assicurativo (PIP) sono forme pensionistiche complementari esclusivamente individuali rivolte a tutti

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO DEL 26 MAGGIO 1997, n. 173 1

DECRETO LEGISLATIVO DEL 26 MAGGIO 1997, n. 173 1 DECRETO LEGISLATIVO DEL 26 MAGGIO 1997, n. 173 1 Attuazione della direttiva 91/674/CEE in materia di conti annuali e consolidati delle imprese di assicurazione. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili La percezione dei rischi e i bisogni assicurativi i principi generali che regolano l assicurazione

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

Il pricing nel settore RCA: profili attuariali e di mercato

Il pricing nel settore RCA: profili attuariali e di mercato ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Il pricing nel settore RCA: profili attuariali e di mercato GIAMPAOLO CRENCA Presidente Consiglio Nazionale Attuari Principal Actuary Crenca &

Dettagli