L economia trevigiana

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L economia trevigiana"

Transcript

1 24 ottobre 2014 L economia trevigiana nella prima metà del 2014

2 LO SCENARIO MACROECONOMICO

3 I TEMI MACROECONOMICI DI FONDO Tensioni geopolitiche e svalutazioni in alcune economie emergenti hanno determinato un inedito rallentamento delle esportazioni italiane extra-ue, che invece erano rimaste trainanti per tutto il periodo della crisi. L Italia resta intrappolata in un paradosso: nei primi 6 mesi del 2014 ha generato il quarto surplus commerciale del mondo (al netto degli energetici), dietro Germania, Cina e Corea del Sud. Al tempo stesso resta il Paese, fra i principali UE, con la domanda interna più debole e con le più basse previsioni di crescita del PIL La deflazione ora potrebbe determinare un avvitamento negativo della domanda (rinvio degli acquisti in attesa di un calo prezzi); a sua volta la contrazione dei prezzi potrebbe mettere a rischio i margini delle aziende, anche a fronte di eventuale ripartenza degli ordini. L importanza di far ripartire una domanda di qualità, legata agli investimenti e all innovazione.

4 L ANDAMENTO DEL PIL E LE PREVISIONI PER IL SECONDO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE Confronto tra principali aree mondiali Confronto tra principali Paesi europei Fonte: Elab. Ufficio Studi CCIAA TV su dati FMI, World Economic Outlook, Ottobre 2014

5 PIL A CONFRONTO FRA PAESI EUROPEI: ANDAMENTO TRIMESTRALE Italia di nuovo tecnicamente in recessione; Spagna in ripartenza; Germania in frenata Fonte: elab. Congiuntura REF. Agosto 2014 su dati Thomson Reuters Datastream

6 CALA IL CLIMA DI FIDUCIA IN GERMANIA ZEW Indicator of Economic Sentiment for Germany A ottobre l Indice Zew è sceso a -3,6 da 6,9 di settembre. E il decimo calo mensile consecutivo. L Indice è tornato in terreno negativo per la prima volta da novembre i e Statistica CCIAA ial Market Sur rvey, Fonte: elab b. Ufficio Studi TV su dati ZEW Financ October

7 LE PROSPETTIVE DI CRESCITA DELL AREA EURO Nei prossimi tre trimestri, la produzione industriale è attesa crescere solo moderatamente (+0,2% in T3 e T e +0,3% in T1 2015). La ripresa nell area dell euro rimarrà modesta nella seconda metà dell anno, frenata dall incertezza generata dalle tensioni geopolitiche che influenzerà negativamente soprattutto le esportazioni. Ci si attende una marginale crescita nei primi mesi del 2015 trainata principalmente da Spagna e Germania Fonte: ISTAT - Euro-zone economic outlook 6 ottobre 2014

8 ATTESE DI CRESCITA A CONFRONTO (tramite indici PMI). EUROZONA VS. STATI UNITI Fonte: Markit, ottobre 2014

9 I DATI CHE CONFERMANO IL PARADOSSO ITALIANO: FATTURATO TOTALE E ESTERO NEI PRINCIPALI PAESI UE Industria (escl. Costruzioni ed energia) Indice mensile destagionalizzato del Fatturato TOTALE (Base 2010=100). Serie gennaio luglio2014 Industria (escl. Costruzioni ed energia) Indice mensile destagionalizzato del Fatturato ESTERO (Base 2010=100). Serie gennaio luglio 2014 Il trend delle vendite all estero dell Italia è sovrapponibile a quello della Germania. Fonte: Elab. Ufficio Studi CCIAA TV su dati EUROSTAT

10 FATTURATO ESTERO NEI PRINCIPALI PAESI UE PER TIPOLOGIA DI BENI Beni d investimento Indice mensile destagionalizzato (Base 2010=100). 100) Serie gennaio luglio2014li Beni di consumo durevoli Indice mensile destagionalizzato (Base 2010=100). 100) Serie gennaio luglio li 2014 Fonte: Elab. Ufficio Studi CCIAA TV su dati EUROSTAT

11 GLI EFFETTI DI QUESTO SCENARIO SULL ECONOMIA LOCALE

12 GLI EFFETTI DI QUESTO SCENARIO NELL ECONOMIA LOCALE Tre focus di analisi 1. Il complesso quanto fragile quadro del manifatturiero trevigiano al II trimestre 2014: diviso fra tendenze al recupero e battute d arresto 2. L onda lunga della crisi: nel ridimensionamento strutturale dei settori nel mercato del lavoro in alcuni indicatori sui consumi e sul mercato immobiliare 3. L export nei primi 6 mesi del 2014: per settori e mercati in una prospettiva e di crescita nel medio periodo

13 IL QUADRO CONGIUNTURALE DEL MANIFATTURIERO TREVIGIANO: PRINCIPALI INDICATORI 13

14 IL QUADRO CONGIUNTURALE DEL MANIFATTURIERO TREVIGIANO: IL RECUPERO CHE NON E RIPRESA 14 Imprese manifatturiere trevigiane con 10 addetti e più. PRODUZIONE Variazioni trimestrali tendenziali. Serie storica I trim II trim In ripartenza la produzione delle imprese manifatturiere trevigiane: la variazione tendenziale del 2 trimestre 2014 è positiva (+2,3%) per il quarto trimestre consecutivo, dopo una battuta d arredo durata oltre un anno e mezzo. La variazione trimestrale destagionalizzata è del +0,6% 15,0 10,00 5,0 0,0-5,0-10,0-15,0-20,0-25,0 I II III IV I II III IV I II III IV I II III IV I II III IV I II III IV I II imprese add imprese 50-addetti e più 10 addetti e più Imprese manifatturiere trevigiane con 10 addetti e più. GRADO DI UTILIZZO DEGLI IMPIANTI: media e intervallo di confidenza (95%). I trim II trim ,0 76,0 74,0 72,0 70,0 68,0 66,0 64,0 72,2 75,5 72,9 72,9 70,5 69,8 71,2 69,1 68,8 68,8 Media 66,3 Limite inferiore Limite superiore 74,1 70,5 71,0 Ad inizio 2013 il grado di utilizzo degli impianti era sceso al 66%; a metà 2014 è risalito al 71%, ma significativo l intervallo di confidenza, ovvero la possibilità che ci siano sub-insiemi di aziende con impianti più a regime, rispetto ad altri ancora in sovraccapacità produttiva. 62,0 I II III IV I II III IV I II III IV I II Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Indagine Unioncamere del Veneto

15 IL QUADRO CONGIUNTURALE DEL MANIFATTURIERO TREVIGIANO: IL DOPPIO MOVIMENTO (CHE E DI TUTTA L INDUSTRIA ITALIANA) 15 Imprese manifatturiere trevigiane con 10 addetti e più. FATTURATO TOTALE ED ESTERO Variazioni trimestrali tendenziali. Serie storica I trim II trim ,0 A giugno 2014 il fatturato estero cresce su 15,0 base tendenziale annua attorno al 4,6%, e 10,0 ciò si riflette positivamente anche sul 5,0 fatturato totale (+2,6%). 0,0-5,0-10,0 0-15,0-20,0 15,5 11,4 10,00 10,5 8,8 7,4 5,8 8,3 9,8 7,1 5,9 2,4 0,4 1,5 3,3 1,5 2,9 4,6 4,6 2,9 4,0 4,6 0,2 1,4 0,3 3,6 1,4 0,6 1,6 2,1 1,4-0,8 1,1 2,9 1,9 2,6-5,9-3,3-3,7-3,6-2,6-1,1-6,1-9,0-6, ,8-15,4-10,6-15,6-14,0-16,2-13,0 I II III IV I II III IV I II III IV I II III IV I II III IV I II III IV I II Fatturato totale Fatturato estero Imprese manifatturiere trevigiane con 10 addetti e più. NUOVI ORDINATIVI DAL MERCATO INTERNO E DAL MERCATO ESTERO Variazioni trimestrali tendenziali. Serie storica I trim II trim Resta debole la raccolta ordini dal mercato interno, che pur aveva accennato a risalire a fine 2013 dopo 9 trimestri in contrazione. A tutt altra velocità la raccolta ordini dai mercati esteri. 15,0 10,0 5,0 0,0-5,0-10,0-15,0-20,0-25,0 2 1,7-2,4-2,5 7,5 8,0 12,6 8,8 6,0 4,1 6,7 5,2 6,1 0,4 2,1 4,2 4,4 0,0 1,0 2,1 3,1 1,5 3,5 3,3 5,2 2,3 0,6 1,5-0,8-0,8-0,4 1,6 1,8-7,3-0,03-2, ,2-6,5-8,9-7,8-6,9-5,2-6,0-5,7-15,2-14,1-8,5-18,5-14,2-13,9-18,1 I II III IV I II III IV I II III IV I II III IV I II III IV I II III IV I II mercato interno mercato estero Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Indagine Unioncamere del Veneto

16 IL QUADRO CONGIUNTURALE DEL MANIFATTURIERO TREVIGIANO: IL DOPPIO MOVIMENTO (CHE E DI TUTTA L INDUSTRIA ITALIANA) CON QUALCHE CAMPANELLO D ALLARME 16 DISTRIBUZIONE % GIUDIZI SUGLI ORDINATIVI. Periodo I 2011 II % 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% ORDINI ESTERI Beni di investimento I II III IV I II III IV I II III IV I II ,0 60,0 40,0 20,0 0,0-20,0-40,0-60,0 Diminuzione Stabilita Aumento Saldo (Aum-Dim; scala dx) La distribuzione % dei giudizi ex post delle imprese rappresenta bene la curva della crisi. Oggi la situazione è decisamente meno negativa del Tuttavia resta evidente il divario tra ordini interni, con un lieve peggioramento, e quelli esteri che migliorano o quanto meno si mantengono sui livelli del trimestre precedente. Segnali di criticità, però, per la domanda estera di beni strumentali.

17 L EFFETTO STRUTTURALE DELLA CRISI: MINORI VOLUMI, TENSIONI SUI COSTI E SUI MARGINI, USCITA DAL MERCATO IMPRESE PIU DEBOLI 17 Andamento produzione manifatturiera trevigiana con 10 addetti e più. Serie grezze e destagionalizzate per numeri indici: base 2010 = 100. Periodo I 2007 II ,5 punti In provincia si sono persi quasi 20 punti di produzione industriale. Ma dal confronto con altri territori si può anche dire che non è mancato al sistema manifatturiero veneto una certa capacità di resilienza Andamento produzione manifatturiera in Veneto, Italia e EA-18. Serie destagionalizzate per numeri indici: base 2010 = 100. Periodo I 2007 II 2014

18 UNO SGUARDO IN SINTESI SUI DATI DELL ECONOMIA TREVIGIANA Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Infocamere

19 L ONDA LUNGA DELLA CRISI NELLA DEMOGRAFIA D IMPRESA SEDI IMPRESA ATTIVE TOT. COMPARTI (al netto agric.) Valori assoluti. Serie I trim 09 II trim 14 COMPARTO MANIFATTURIERO, EDILE, SERVIZI Numeri indici I trim 09 II trim 14 (base 100 = I-09) imprese edili aziende agricole (da a ca.) imprese manif. di cui -630 nella metalmeccanica, -406 nel legno-arredo, -270 nel sistema moda SETTORI DEL TERZIARIO Numeri indici I trim 09 II trim 14 (base 100 = I-09) -162 esercizi al dettaglio tra il IV 2011 e il II 2014 SETTORI DEL TERZIARIO Numeri indici I trim 09 II trim 14 (base 100 = I-09) +919 nei servizi alle imprese -389 trasporti 19

20 NATALITA E MORTALITA D IMPRESA: nel Iscrizioni contro Cessazioni Flussi di iscrizioni e cessazioni mensili in provincia di Treviso Totale settori. Serie storica giu ago Quota % Cessate Iscritte 21,22 22,9 20,3 11,6 16,3 11,3 13,1 9,3 5,7 8,0 4,0 4,2 1,8 3,9 2,2 3,5 3,0 3,5 1,9 2,3 3,7 1,7 07 0,7 10 1,0 2,3 0,9 0,2 0,5 0,2 0,3 0,1 0,2 Iscritte e Cessate nel periodo per settori di attività economica (Ateco 2007)*. Anno 2013 Valori assoluti Settori Cessate Iscritte G Commercio (ingrosso e dettaglio); riparaz. auto e moto A Agricoltura, silvicoltura pesca F Costruzioni C Attività manifatturiere I Attività dei servizi alloggio e ristorazione M Attività professionali, scientifiche e tecniche K Attività finanziarie e assicurative N Noleggio, ag. viaggio, serv. supporto imprese S Altre attività di servizi J Servizi di informazione e comunicazione L Attivita' immobiliari R Att. artistiche, sportive, di intratt. e divert H Trasporto e magazzinaggio Q Sanita' e assistenza sociale P Istruzione 9 12 D Fornitura en. elettrica, gas, vapore e aria condiz. Cessazioni per classi di addetti. * Settori con un numero di imprese iscritte/cessate nell'anno superiore a 5 Nota: I dati sono calcolati l al netto della classe giuridica idi Persona Fisica i Provincia di Treviso. Anno 2013 Tasso di mortalità per classi di addetti. Anno 2013 Provincia di Treviso. Totale settori economici 1-9 addetti; 5.007; 74,5% 0 addetti;.445; 21,5% 10 add. e più; 272; 3,7% Cessazioni di imprese con Cessazioni totali addetti; Classe addetti dato addetti di fonte Inps 247; 90,8% addetti 7,4 8,1 4,2 2,2 1-9 addetti 6,7 7,3 6,4 6, addetti 2,9 4,5 2,3 2, addetti; addetti 1,9 3,3 1,7 2,4 23; 8,5% oltre 250 addetti 0,0 3,1 0,0 1,6 oltre 250 addetti; 2; 0,7% Totale 6,6 7,3 6,1 6,4

21 PROCEDURE APERTE DI CRISI AZIENDALE A TREVISO E IN VENETO Procedure aperte di crisi aziendale entrate in crisi mediamente 34 aziende al mese Veneto Lavoro IAA TV su dati V entrate in crisi mediamente 143 aziende al mese ab. Ufficio Studi e Statistica CC Fonte: Ela

22 LA DEMOGRAFIA D IMPRESA IN PROVINCIA DI TREVISO Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Infocamere

23 LE IMPRESE TREVIGIANE Focus su Le imprese artigiane in provincia di Treviso Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Infocamere

24 LE IMPRESE TREVIGIANE Focus su Le imprese giovanili in provincia di Treviso Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Infocamere

25 LE IMPRESE TREVIGIANE Focus su Le imprese in rosa in provincia di Treviso Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Infocamere

26 LE IMPRESE TREVIGIANE Focus su Le imprese a prevalente conduzione di cittadini stranieri in provincia di Treviso Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Infocamere

27 LE IMPRESE TREVIGIANE Focus su Imprese registrate nella sezione delle Start Up Innovative al 1 settembre 2014 Ripartizioni italiane Prime 20 province italiane per numero di Start Up graduatoria al 1 settembre 2014 nfocamere eviso su dati In tica CCIAA Tre : Elab. Ufficio Studi e Statist Fonte: Province venete Principali province venete per numero di Start Up graduatoria al 1 settembre 2014

28 LE IMPRESE TREVIGIANE Focus su Imprese registrate nella sezione delle Start Up Innovative in provincia di Treviso al 1 settembre 2014 Distribuzione per classe di addetti Distribuzione per classe di valore produzione Distribuzione per macrosettore di attività economica Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Infocamere

29 LA COOPERAZIONE FRA IMPRESE Numerosità dei Contratti di rete* e dei soggetti** coinvolti per territorio. Province venete, Veneto, Ripartizioni e Italia. Situazione a dicembre 2012 e 2013 e giugno 2014 (fine periodo). Fonte: Elab. Ufficio i Studi e Statistica ti ti CCIAATreviso su dati Infocamere

30 LA COOPERAZIONE FRA IMPRESE Contratti di rete* e soggetti coinvolti* per regione e provincia Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Infocamere

31 LA COOPERAZIONE FRA IMPRESE Estensione territoriale dei contratti che coinvolgono almeno un impresa trevigiana Situazione al 30 giugno con imprese della provincia 22% con imprese di altre province venete 33% con imprese di altre regioni 45% Distribuzione dei contratti di rete che coinvolgono almeno un impresa trevigiana per settore economico. Confronto situazione dicembre 2012, dicembre 2013 e giugno 2014 Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Infocamere

32 LE DINAMICHE DEL MERCATO DEL LAVORO A TREVISO Tasso di disoccupazione: dal 3,4% (2008) al 7,3% (2013) Inserimenti in liste di mobilità ex L. 223/1991 Lavoratori collocati in liste di mobilità a seguito di procedure di licenziamento Lavoratori in lista di mobilità ex L. 223/1991 a fine periodo Nota: dal la "piccola mobilità" (licenziamenti individuali regolati con la L. 236/1993) non è stata più rifinanziata. Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA TV su dati Veneto Lavoro

33 LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI IN PROVINCIA Ore autorizzate (in migliaia) di Cassa Integrazione Guadagni ordinaria, straordinaria e in deroga Corrispondono a ca lavoratori equivalenti Corrispondono a oltre lavoratori equivalenti Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA TV su dati INPS

34 I SALDI FRA ASSUNZIONI E CESSAZIONI IN TEMPO DI CRISI IN PROVINCIA Saldi cumulati (luglio 2008-giugno 2014) di posizioni di lavoro dipendente per macrosettori Settori Flussi di assunzioni di posizioni di lavoro dipendente Anni Var. ass primi 6 mesi Var. ass / /13 AGRICOLTURA INDUSTRIA Estrattive Made in italy Metalmeccanico Altre industrie Utilities Costruzioni SERVIZI TOTALE Saldi cumulati (luglio 2008-giugno 2014) di posizioni di lavoro dipendente per alcuni settori Settori Saldi delle posizioni di lavoro dipendente Anni primi 6 mesi AGRICOLTURA INDUSTRIA Estrattive Made in italy Metalmeccanico Altre industrie Utilities Costruzioni SERVIZI TOTALE Nota: Il lavoro dipendente è al netto del lavoro domestico e del lavoro intermittente Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA TV su dati Veneto Lavoro

35 IL RIVERBERO DELL INCERTEZZA NEI CONSUMI Propensione al risparmio delle famiglie consumatrici italiane e tassi di crescita del potere d'acquisto e della spesa per consumi finali (tassi trimestrali tendenziali - dati destagionalizzati). Serie storica 1 trim trim trim trim Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Istat

36 IL RIVERBERO DELL INCERTEZZA NEI CONSUMI

37 LA SITUAZIONE NELL EDILIZIA: UN CONFRONTO EUROPEO Indice mensile destagionalizzato della produzione industriale nel settore COSTRUZIONI Base 2010 = 100. Serie storica gennaio 2008 luglio2014 Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Eurostat

38 LA CONTRAZIONE DELLE COMPRAVENDITE IMMOBILIARI NEL SETTORE RESIDENZIALE: DATI PROVINCIALI, REGIONALI, NAZIONALI Var. % 2013/2007 per classe dimensionale dell immobile Var. % 2013/2012 per classe dimensionale dell immobile Legenda Monolocale: fino a 2,5 vani catastali Piccola: tra 2,5 e 4 vani catastali Medio-Piccola: tra 4 e 5,5 vani catastali Media: tra 5,5 e 7 vani catastali Grande: maggiore di 7 vani catastali Medio Piccola: tra 4 e 5 5 vani catastali Var.% tendenziali primi 6 mesi 2014 e confronti con analoghi periodi precedenti Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Agenzia delle Entrate Osservatorio Immobiliare 38

39 IMPATTO SCENARIO MACRO NELLE ESPORTAZIONI ITALIANE Commercio estero per area territoriale e area di destinazione. Primo semestre 2014 (dati provvisori) Confronto con i corrispondenti periodi del 2008, 2012 e Dati in migliaia di euro Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Istat

40 IMPATTO SCENARIO MACRO NELLE ESPORTAZIONI ITALIANE Variazioni % esportazioni per aree territoriali e aree geoeconomiche. Gennaio-giugno 2014 su gennaio-giugno 2013 Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Istat

41 TREVISO: IL COMMERCIO ESTERO PER VOCE MERCEOLOGICA Primo semestre 2014 (dati provvisori). graduatoria Confronto con i corrispondenti periodi 2008, 2012 e Dati in migliaia di euro Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Istat

42 TREVISO: IL COMMERCIO ESTERO PER VOCE MERCEOLOGICA Primo semestre 2014 (dati provvisori). graduatoria Confronto con i corrispondenti periodi 2008, 2012 e Dati in migliaia di euro Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Istat

43 IMPATTO SCENARIO MACRO NELLE ESPORTAZIONI MANIFATTURIERE TREVIGIANE Var. % tendenziale export trevigiano per macro aree Confronto 1 semestre 2014 e 1 semestre Statistica CCIA AA Treviso su da ati Istat Fonte: Elab. Ufficio Studi e Contributo dei settori alla crescita dell export trevigiano nei primi 6 mesi del 2013 rispetto allo stesso periodo anno precedente ei dell export trevigiano n 13 e 2014 la crescita d mesi del 201 dei Paesi all primi 6 Contributo d -22,7%, da 40 a31mln mln.

44 PRINCIPALI PAESI DI DESTINAZIONE DELLE ESPORTAZIONI MANIFATTURIERE DELLA PROVINCIA DI TREVISO. PRIMO SEMESTRE 2008 E Strutturalmente in crescita ma in contrazione Ue 28 Strutturalmente in crescita e in espansione Strutt. in calo e in persistente contraz. Extra-Ue 28 Strutturalmente in calo ma in ripresa Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Istat

45 PRINCIPALI PAESI DI DESTINAZIONE DELLE ESPORTAZIONI DI MACCHINARI DELLA PROVINCIA DI TREVISO. PRIMO SEMESTRE 2008 E Strutturalmente in crescita ma in contrazione Ue 28 Strutturalmente in crescita e in espansione Strutturalmente in calo e in persistente contrazione Extra-Ue 28 Strutturalmente in calo ma in ripresa Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Istat

46 PRINCIPALI PAESI DI DESTINAZIONE DELLE ESPORTAZIONI DI MOBILI DELLA PROVINCIA DI TREVISO. PRIMO SEMESTRE 2008 E Strutturalmente in crescita ma in contrazione Ue 28 Strutturalmente in crescita e in espansione Strutturalmente in calo e in persistente contrazione Extra-Ue 28 Strutturalmente in calo ma in ripresa Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Istat

47 PRINCIPALI PAESI DI DESTINAZIONE DELLE ESPORTAZIONI DI ELETTRODOMESTICI DELLA PROVINCIA DI TREVISO. PRIMO SEMESTRE Strutturalmente in crescita ma in contrazione Ue 28 Strutturalmente in crescita e in espansione Strutturalmente in calo e in persistente contrazione Extra-Ue 28 Strutturalmente in calo ma in ripresa Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Istat

48 PRINCIPALI PAESI DI DESTINAZIONE DELLE ESPORTAZIONI DI CALZATURE DELLA PROVINCIA DI TREVISO. PRIMO SEMESTRE Strutturalmente in crescita ma in contrazione Ue 28 Strutturalmente in crescita e in espansione Strutturalmente in calo e in persistente contrazione Extra-Ue 28 Strutturalmente in calo ma in ripresa Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Istat

49 PRINCIPALI PAESI DI DESTINAZIONE DELLE ESPORTAZIONI DI CARPENTERIA METALLICA DELLA PROVINCIA DI TREVISO. PRIMO SEMESTRE Strutturalmente in crescita ma in contrazione Ue 28 Strutturalmente in crescita e in espansione Strutturalmente in calo e in persistente contrazione Extra-Ue 28 Strutturalmente in calo ma in ripresa Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Istat

50 PRINCIPALI PAESI DI DESTINAZIONE DELLE ESPORTAZIONI DI TESSILE-ABBIGLIAMENTO DELLA PROVINCIA DI TREVISO. PRIMO SEMESTRE Strutturalmente in crescita ma in contrazione Ue 28 Strutturalmente in crescita e in espansione Strutturalmente in calo e in persistente contrazione Extra-Ue 28 Strutturalmente in calo ma in ripresa Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Istat

51 PRINCIPALI PAESI DI DESTINAZIONE DELLE ESPORTAZIONI DI PRODOTTI ALIMENTARI DELLA PROVINCIA DI TREVISO. PRIMO SEMESTRE Strutturalmente in crescita ma in contrazione Ue 28 Strutturalmente in crescita e in espansione Strutturalmente in calo e in persistente contrazione Extra-Ue 28 Strutturalmente in calo ma in ripresa Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Istat

52 PRINCIPALI PAESI DI DESTINAZIONE DELLE ESPORTAZIONI DI ALTRE APP. ELETTRICHE DELLA PROVINCIA DI TREVISO. PRIMO SEMESTRE 2008 E Strutturalmente in crescita ma in contrazione Ue 28 Strutturalmente in crescita e in espansione Strutturalmente in calo e in persistente contrazione Extra-Ue 28 Strutturalmente in calo ma in ripresa Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Istat

53 PRINCIPALI PAESI DI DESTINAZIONE DELLE ESPORTAZIONI DI GOMMA PLASTICA DELLA PROVINCIA DI TREVISO. PRIMO SEMESTRE 2008 E Strutturalmente in crescita ma in contrazione Ue 28 Strutturalmente in crescita e in espansione Strutturalment eincaloein e persistente contrazione Extra-Ue 28 Strutturalmente in calo ma in ripresa Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Istat

54 PRINCIPALI PAESI DI DESTINAZIONE DELLE ESPORTAZIONI DI BEVANDE DELLA PROVINCIA DI TREVISO. PRIMO SEMESTRE 2008 E Strutturalmente in crescita ma in contrazione Ue 28 Strutturalmente in crescita e in espansione Strutturalmente in calo e in persistente contrazione Extra-Ue 28 Strutturalmente in calo ma in ripresa Fonte: Elab. Ufficio Studi e Statistica CCIAA Treviso su dati Istat

55 SITOGRAFIA Sono consultabili nel sito camerale Report congiunturali congiunturali htm cvt htm cosa trovate: l andamento del numero di imprese per settore, la dinamica dell export, i risultati delle indagini congiunturali sull industria manifatturiera e del commercio al dettaglio Report annuali (dal 2013) cosa trovate: l andamento del numero di imprese per settore, la dinamica dell export, i risultati delle indagini congiunturali sull industria manifatturiera e del commercio al dettaglio, e inoltre approfondimenti tematici su credito, innovazione, turismo, ecc. dati comunali sui principali indicatori Barometro dell Economia trevigiana cosa trovate: una sintesi, aggiornata e puntuale, sull'andamento dei principali indicatori in provincia di Treviso. a cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale della Camera di Commercio di Treviso Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con la citazione della fonte

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 Trieste, 19 febbraio 2016 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI 1 trimestre 201 Allegato Statistico Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica Maggio 201 1. Gli indicatori congiunturali Nel primo trimestre 201 le imprese

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE Sintesi per la stampa Roma, 11 settembre 2014 Sintesi per la Stampa L attività produttiva del settore metalmeccanico, dopo la fase recessiva protrattasi

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 Udine, 20 novembre 2015 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil La congiuntura italiana N. 6 LUGLIO 2015 Secondo i dati congiunturali più recenti la lieve ripresa dell attività economica nel primo trimestre sta proseguendo. Tuttavia le indicazioni degli indicatori

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

Flash Industria 4.2011

Flash Industria 4.2011 15 febbraio 2011 Flash Industria 4.2011 Nel quarto trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una flessione del -1,4 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

Flash Industria 3.2011

Flash Industria 3.2011 08 novembre 2011 Flash Industria 3.2011 Nel terzo trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una crescita del +2,0 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Venezia, 10 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale di Unioncamere del Veneto sulle imprese manifatturiere III trimestre 2008 L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Trimestre negativo

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2013 a cura del NETWORK SECO marzo 2014 Il Network SeCO è costituito da:

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: 20 gennaio 2015 Principali evidenze A fine dicembre 2014 il numero di startup innovative

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2012 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 1.675 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Andamento delle attività economiche Sedi di imprese e localizzazioni

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 6.804 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE

3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE 3. LA DINAMICA TRIMESTRALE DELLE IMPRESE ATTIVE L analisi in chiave congiunturale della demografia delle imprese deve essere presa con cautela: le decisioni relative all avvio o alla cessazione di un attività

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 1 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Marzo 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VITERBO REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 3 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Settembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI. Calabria REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

OSSERVATORIO ECONOMICO

OSSERVATORIO ECONOMICO Nell ultimo trimestre del 2013 gli indicatori di produzione (-5,8%), fatturato (-5,1%), ordinativi (-7,3%) e export (-0,4%) si riportano a valori sostanzialmente simili a quelli del secondo trimestre,

Dettagli

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento 26 marzo 2013 IL SETTORE DELLE COSTRUZIONI in provincia di Trento il contesto economico Nel 2012 l area dell euro è nuovamente in recessione, con una riduzione del Pil pari allo 0,6%; si stima che permanga

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

OSSERVATORIO SULLE IMPRESE. Anno 2013. Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica

OSSERVATORIO SULLE IMPRESE. Anno 2013. Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica OSSERVATORIO SULLE IMPRESE Anno 2013 Camera di Commercio di Bergamo Servizio Studi e informazione economica Note e avvertenze Le imprese registrate comprendono oltre alle imprese attive anche le posizioni

Dettagli

L economia della Liguria

L economia della Liguria L economia della Liguria Genova, 15 novembre 2011 Il contesto: la situazione 2010 VARIAZIONI ANNUALI DEL PIL (valori percentuali) VARIAZIONI ANNUALI DEGLI OCCUPATI (valori percentuali) 4 1 2 1,7 1,3 0,5

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IL SISTEMA IMPRENDITORIALE 1 1.1 Le imprese attive per settore e forma giuridica Nei primi tre mesi del 2015 risultano iscritte nel Registro Imprese della Camera di Commercio di Lodi 21.784 posizioni,

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria Lo scenario economico globale presenta condizioni favorevoli. Ma l incertezza è il maggior ostacolo a

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/01/2013 Alcuni indicatori economici Focus sull artigianato nella provincia di Vicenza Dati a supporto della mobilitazione nazionale Rete Imprese

Dettagli

MOVIMPRESE I trimestre 2015

MOVIMPRESE I trimestre 2015 MOVIMPRESE estre L ANDAMENTO DEMOGRAFICO DOPO UN ANNO DIFFICILE. PRIMI SEGNALI DI UNA INVERSIONE DI TENDENZA? Il primo trimestre dell anno è di consueto caratterizzato da valori demografici negativi, a

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza LA GRANDE CRISI RACCONTATA DAI NUMERI di Maurizio Gambuzza Saldi delle posizioni lavorative dal 3 giugno 28 per genere e cittadinanza 5-5 -1-15 -2-25 Uomini italiani Donne italiane Uomini stranieri Donne

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

Variazione % tendenziale 2,9 1,1. Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29

Variazione % tendenziale 2,9 1,1. Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29 La produzione industriale in Italia cresce del 2,9% ad ottobre 2015. L industria automotive è tra i comparti che registrano la maggiore crescita da inizio anno: +28,5%. Secondo i dati diffusi da ISTAT,

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ISERNIA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2015 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2015 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Movimprese III trimestre 2015 Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Firenze, Novembre 2015 Indice CAPITOLO 1: IL QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: TIPOLOGIE

Dettagli

Nota introduttiva. 1 Veneto Lavoro, Unità di crisi aziendali, settoriali e territoriali. 1

Nota introduttiva. 1 Veneto Lavoro, Unità di crisi aziendali, settoriali e territoriali. 1 Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga e APPROFONDIMENTO del consuntivato decretato della Cigd. 30 aprile 2013 1 Nota introduttiva Alla data del 30 aprile 2013,

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA

IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA QUESTA PAGINA È STATA INTENZIONALMENTE LASCIATA BIANCA IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI ROMA La pubblicazione

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

Tab. 1 - Domande cigd per provincia, sede legale aziendale, tipologia di impresa, num. massimo lavoratori coinvolti e fabbisogno. Valori assoluti.

Tab. 1 - Domande cigd per provincia, sede legale aziendale, tipologia di impresa, num. massimo lavoratori coinvolti e fabbisogno. Valori assoluti. Rapporto. Richiesta Cassa Integrazione Guadagni in deroga e mobilità in deroga e APPROFONDIMENTO del consuntivato decretato della Cigd. 30 giugno 2013 1 Nota introduttiva Alla data del 30 giugno 2013,

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO L ANDAMENTO DELLE VENDITE AL DETTAGLIO:-1%

I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO L ANDAMENTO DELLE VENDITE AL DETTAGLIO:-1% Venezia, 26 dicembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale Unioncamere del Veneto sulle imprese del commercio e dei servizi III trimestre 2008 I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CALTANISSETTA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CALTANISSETTA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 2 TRIMESTRE 2014 TAVOLE CONGIUNTURALI Elaborazioni a: Giugno 2014 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità trimestrale Dinamismo

Dettagli

Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo

Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo Nota congiunturale Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo L indagine congiunturale di previsione per il primo trimestre 2016 di Confindustria Cuneo evidenzia

Dettagli

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%)

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Pubblicato dall Istituto di Statistica il bollettino di maggio. Crescono su base annua i numeri delle aziende

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO

LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO Centro Produttività Veneto Gruppo di studio Settore Orafo LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO Stefania Trenti Servizio Studi e Ricerche Vicenza, 13 novembre 2013 Agenda

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI ANCONA REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2012 TAVOLE CONGIUNTURALI DELLE IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: gennaio 2013 Indice delle tavole Dati congiunturali a periodicità

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2009 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 2.536 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

il settore Legno Arredo nell Economia della provincia di Udine

il settore Legno Arredo nell Economia della provincia di Udine il settore Legno Arredo nell Economia della provincia di Udine settembre 2015 Via Morpurgo 4-33100 Udine - tel. +39 0432 273 223 / 224 - fax +39 0432 512408 - cciaa@ud.legalmail.camcom.it Macrosistema

Dettagli

Pierfrancesco Pacini. Pisa, 30 giugno g 2014

Pierfrancesco Pacini. Pisa, 30 giugno g 2014 Relazione sull andamento dell economiaeconomia pisana nel 2013 Pierfrancesco Pacini Pisa, 30 giugno g 2014 Economia internazionale Andamento del PIL nel 2013 (variazioni i i % a valori costanti) Fonte:

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

La congiuntura economica e i mercati finanziari Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014

La congiuntura economica e i mercati finanziari Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 La congiuntura economica e i mercati finanziari Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 9 luglio 2014 Agenda L economia mondiale

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 2 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: Giugno 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità semestrale 1 Numero e

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009 Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 009 Gli indicatori strutturali Nel I semestre 009 la crisi colpisce soprattutto l occupazione maschile Tasso

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

INDAGINE APRILE 2016

INDAGINE APRILE 2016 INDAGINE APRILE 2016 COMUNICATO STAMPA MILANO, 1 APRILE 2016 La crisi è passata anzi no, italiani confusi rispetto alla crisi e alla sua durata: il 33% degli intervistati ritiene che sia in atto una debole

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

Serie storiche di indicatori economici congiunturali

Serie storiche di indicatori economici congiunturali Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Dicembre 2015 Serie storiche di indicatori economici congiunturali In questo rapporto si

Dettagli