I processi decisionali all interno delle coppie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I processi decisionali all interno delle coppie"

Transcript

1 9 aprile 2003 I processi decisionali all interno delle coppie Nel 2001 l indagine Panel europeo sulle famiglie ha dedicato una particolare attenzione agli aspetti legati ai processi decisionali all interno delle famiglie italiane. L indagine ha analizzato: 1. le decisioni di spesa per l acquisto o la ristrutturazione di immobili o per l acquisto di mobili; 2. le decisioni per l acquisto di beni tecnologici; 3. le scelte di gestione del denaro. Sono stati inoltre previsti alcuni quesiti volti a evidenziare gli eventi che hanno condizionato o modificato il peso decisionale degli individui. L indagine Panel è stata realizzata su un campione di persone di 16 anni e più. Le analisi qui riportate fanno riferimento alle sole coppie, cioè a persone che vivono in coppia. Per un approfondimento della metodologia si veda il volume La situazione delle famiglie e degli individui in Italia e in Europa, Istat, collana Informazioni n.29, Chi decide nella coppia le spese importanti per la casa o l acquisto di beni tecnologici? Ufficio della comunicazione tel Centro di informazione statistica tel Informazioni e chiarimenti: Condizioni economiche delle famiglie Via Ravà Roma Francesca Gallo tel La maggior parte delle persone che vivono in coppia dichiara di condividere con il partner (coniuge/convivente) le decisioni relative ad alcune spese importanti: il 75,3% afferma, infatti, di avere la stessa influenza del coniuge/convivente nel decidere l acquisto di una casa o di mobili oppure la ristrutturazione di immobili; tale percentuale si riduce lievemente (72,5%) nel caso dell acquisto di beni tecnologici, quali computer, impianto stereo, videoregistratore (Tavola 1). Quando non c è condivisione è più frequente che sia l uomo a prendere le decisioni sia per le spese relative all abitazione (16,8%), sia per le spese in beni tecnologici (18,2%). Persone che vivono in coppia per soggetto maggiormente influente nelle decisioni di spesa relative all abitazione o all acquisto di beni tecnologici. Anno 2001, composizioni percentuali ABITAZIONE uguale 75,3% BENI TECNOLOGICI uguale 72,5% più lui 16,8% più lei 7,9% più lui 18,2% più lei 9,3%

2 Tavola 1 Persone che vivono in coppia per soggetto maggiormente influente nelle decisioni di spesa relative all'abitazione o di spese in beni tecnologici, per caratteristiche personali o familiari. Anno 2001, valori percentuali SOGGETTO MAGGIORMENTE INFLUENTE NELLE SPESE RELATIVE ALL'ABITAZIONE SOGGETTO MAGGIORMENTE INFLUENTE NELLE SPESE IN BENI TECNOLOGICI più lei più lui uguale più lei più lui uguale Nord 8,4 14,8 76,8 11,3 15,3 73,4 Centro 7,7 19,5 72,8 9,0 21,3 69,7 Mezzogiorno 7,4 18,1 74,5 7,1 20,5 72, ,0 20,0 71,9 9,2 19,5 71, ,4 14,2 78,4 9,4 15,5 75, ,7 16,4 75,0 9,0 19,7 71,3 Oltre ,0 * 24,2 67,9 10,6 * 25,9 63,4 Mancata risposta. 29,9 * 61,3. 26,4 * 65,5 Nessuno dei due. 22,9 * 74,0. 24,1 * 70,0 Percepisce solo lei 14,2 * 16,9 * 68,9. 15,6 * 66,5 Percepisce solo lui 6,3 18,5 75,2 7,5 19,7 72,8 Percepiscono entrambi 9,0 15,5 75,5 10,4 17,2 72, ,4 * 17,6 79,0 4,4 * 17,7 77, ,5 * 15,1 78,4 9,3 18,0 72, ,2 19,1 73,7 7,5 * 20,7 71,8 55 e più 8,2 21,4 70,4 10,0 19,8 70,2 Totale 6,8 18,6 74,6 8,3 19,1 72, ,8 * 7,4 * 84,8 5,2 * 11,7 83, ,7 * 14,2 80,0 8,9 16,5 74, ,6 14,5 76,9 9,8 20,1 70,1 55 e più 11,4 17,5 71,1 13,1 17,7 69,2 Totale 9,0 15,1 75,9 10,4 17,3 72,3 Laurea, media superiore 6,0 15,1 78,9 6,7 17,9 75,4 Media inferiore 6,2 19,8 73,9 8,9 19,4 71,7 Elementare, senza titolo 8,3 21,3 70,3 9,6 20,4 70,0 Totale 6,8 18,6 74,6 8,3 19,1 72,6 Laurea, media superiore 9,9 12,8 77,3 8,3 19,4 72,3 Media inferiore 6,8 14,3 78,9 9,9 15,9 74,2 Elementare, senza titolo 10,8 19,0 70,2 14,2 16,4 69,4 Totale 9,0 15,1 75,9 10,4 17,3 72,3 TOTALE 7,9 16,8 75,3 9,3 18,2 72,5 Il peso decisionale della donna è minore nelle coppie residenti al Centro e nel Mezzogiorno, nelle coppie con bassi redditi familiari e in quelle in cui l uomo è il solo a percepire un reddito. Emerge invece una maggiore condivisione nelle decisioni di spesa tra le coppie residenti nel Nord, tra le coppie giovani, e in quelle in cui ambedue i partner hanno un reddito. Il 94% delle persone dichiara invariata, rispetto ai due anni precedenti, la propria influenza sulle decisioni familiari; il 6% percepisce invece un cambiamento del proprio peso decisionale all interno della famiglia (una metà in senso positivo, l altra in negativo). Fra coloro che dichiarano di aver visto aumentare la loro influenza nelle decisioni familiari, circa 6 persone su dieci identificano nel matrimonio la causa del cambiamento. La perdita di salute e i motivi familiari sono, invece, i maggiori responsabili della perdita del potere decisionale all interno della 2

3 famiglia: infatti, un terzo degli individui che dichiarano di aver visto diminuire nel corso degli ultimi due anni la loro influenza in famiglia identifica la causa nei motivi di salute; i motivi familiari, quali la nascita dei figli, sono dichiarati invece dal 37,7% delle donne. 1.1 Il potere decisionale dei coniugi in presenza di figli La presenza di figli minori di 18 anni sembra favorire la partecipazione di entrambi i coniugi alle decisioni sulle spese importanti per la famiglia. Se, come abbiamo visto, i due coniugi decidono congiuntamente le spese relative all abitazione nel 75,3% dei casi, tale valore sale al 79,9% in presenza di figli minori. In questo caso la percentuale di donne che hanno potere decisionale si riduce al 5,7% (contro il 7,9% medio). In assenza di figli, invece, tale percentuale aumenta (9,1%) rispetto alla media generale (Tavola 2). Nel caso in cui la coppia abbia almeno un figlio di 18 anni e più, la prevalenza del potere decisionale dell uomo si rafforza (20,6% contro il 16,8% medio). Per le spese in beni tecnologici si rileva una situazione analoga. Quando ci sono figli piccoli, le decisioni vengono prese congiuntamente dai coniugi nel 75,1% dei casi. Tale valore invece scende a 68,5% se in famiglia c è almeno un figlio di 18 anni e più. La donna ha un ruolo determinante in materia di spese tecnologiche soltanto per il 7,7% delle persone che vivono in coppie con figli piccoli; tale percentuale sale al 10% nel caso di coppie senza figli o con figli maggiorenni. Tavola 2 Persone che vivono in coppia per soggetto maggiormente influente nelle decisioni di spesa relative all abitazione e di spese in beni tecnologici per tipologia familiare. Anno 2001, valori percentuali INFLUENZA SULLE DECISIONI INFLUENZA SULLE DECISIONI RELATIVE A SPESE IN BENI Tipologia familiare a RELATIVE ALL'ABITAZIONE TECNOLOGICI più lei più lui uguale più lei più lui uguale Coppia con figli minori 5,7 14,4 79,9 7,7 17,2 75,1 Coppia con figli di 18 anni e più 7,8 20,6 71,6 10,3 21,1 68,5 Coppia senza figli 9,1 15,0 75,9 10,1 16,0 73,9 Altre tipologie 13,6 16,6 69,8 10,1 20,5 69,5 Totale 7,9 16,8 75,3 9,3 18,2 72,5 (a) La definizione delle tipologie familiari considera le coppie con/senza figli in senso stretto, ovvero senza membri aggiunti. Le coppie (con/senza figli) e con membri aggiunti sono classificate nella voce "altre tipologie". 2. Come viene gestito il denaro nella coppia? Il 78,1% delle persone che vivono in coppia dichiara di gestire insieme al coniuge/convivente il denaro di tutta la famiglia, compreso quello personale (Tavola 3). Negli altri casi, è l uomo a giocare un ruolo più forte: infatti, il 9,3% degli individui che vivono in coppia indica l uomo come unico gestore del denaro di tutta la famiglia; il 7,2% la donna e solo il 5,4% dichiara che ognuno gestisce la sua parte indipendentemente dall altro. La gestione separata del denaro è tanto più frequente quanto più cresce il reddito familiare. Condividono di più la gestione del denaro le coppie giovani, quelle in cui ambedue i partner percepiscono un reddito, e le coppie con titolo di studio alto. Il peso dell uomo è maggiore della media nel Mezzogiorno e nelle coppie con titolo di studio medio-basso. Quello della donna è superiore alla media nel Centro, nelle coppie anziane e in quelle con basso titolo di studio. 3

4 insieme 78,1% lei 7,2% lui 9,3% ognuno la sua parte 5,4% Persone che vivono in coppia per soggetto maggiormente influente nelle decisioni relative alla gestione del denaro nella famiglia. Anno 2001, composizione percentuale Tavola 3 Persone che vivono in coppia per soggetto maggiormente influente nelle decisioni relative alla gestione del denaro nella famiglia. Anno 2001, valori percentuali SOGGETTO CHE GESTISCE IL DENARO NELLA FAMIGLIA ognuno la lei lui ugualmente sua parte Nord 6,4 6,9 7,5 79,2 Centro 10,5 11,0 5,5 73,0 Mezzogiorno 6,4 11,4 2,9 79, ,4 13,9. 76, ,0 8,5 2,5 81, ,8 6,9 8,7 78,6 Oltre ,6 * 20,4 66,8 Mancata risposta. 25,4 *. 62,3 Nessuno dei due. 18,4 *. 71,7 Percepisce solo lei... 76,7 Percepisce solo lui 7,5 12,4 3,9 76,3 Percepiscono entrambi 6,7 7,0 6,6 79, ,8 * 9,1. 84, ,0 9,1 4,5 * 79, ,1 * 8,8 7,4 78,7 55 e più 8,0 11,3 5,8 75,0 Totale 6,6 9,8 5,2 78, ,8 * 4,2 *. 90, ,9 9,0 4,4 * 79, ,8 8,8 5,1 * 77,3 55 e più 8,1 9,7 7,4 74,8 Totale 7,7 8,9 5,6 77,8 Laurea, media superiore 5,2 7,3 5,3 82,2 Media inferiore 6,3 10,9 4,9 77,9 Elementare, senza titolo 8,4 11,7 5,4 74,7 Totale 6,6 9,8 5,2 78,4 Laurea, media superiore 5,8 6,9 3,9 * 83,3 Media inferiore 7,6 10,0 5,1 77,3 Elementare, senza titolo 10,0 9,7 8,1 72,2 Totale 7,7 8,9 5,6 77,8 TOTALE 7,2 9,3 5,4 78,1 4

5 2.1 La gestione del denaro quando ci sono figli La presenza di figli minori favorisce la compartecipazione dei partner alla gestione del denaro della famiglia (Tavola 4); se il 78,1% delle persone che vivono in coppia dichiara di avere uguale influenza nella gestione del denaro nella famiglia, in presenza di figli minori tale fenomeno si accentua (83,3%), mentre in presenza di almeno un figlio maggiorenne è più frequente che ognuno dei due coniugi/conviventi gestisca la sua parte di denaro (9,6% rispetto ad una media generale pari a 5,4%). Tavola 4 Persone che vivono in coppia per soggetto maggiormente influente nella gestione del denaro nella famiglia, per tipologia familiare. Anno 2001, valori percentuali Tipologia familiare a INFLUENZA PER LA GESTIONE DEL DENARO NELLA FAMIGLIA lei lui ognuno la sua parte ugualmente Coppia con figli minori 6,2 8,4 2,1 83,3 Coppia con figli di 18 anni e più 7,0 10,1 9,6 73,3 Coppia senza figli 7,4 8,5 1,9 82,3 Altro 11,3 12,7 12,4 63,6 Totale 7,2 9,3 5,4 78,1 (a) La definizione delle tipologie familiari considera le coppie con/senza figli in senso stretto, ovvero senza membri aggiunti. Le coppie con/senza figli e con membri aggiunti sono classificate nella voce "altro". 2.2 La titolarità in banca o alla posta Il 18,8% delle persone che vivono in coppia non è titolare (sia esso un deposito o un conto corrente in banca o alla posta); il 13% dispone personale, mentre la maggioranza (il 58%) è titolare esclusivamente cointestato con un altro membro della famiglia. Il 10% è titolare sia intestato solo a se stesso, sia cointestato con un altro membro della famiglia (Tavola 5). Non è titolare il 44,1% delle persone che vivono in coppia con un basso reddito netto familiare mensile (non superiore a 1032 euro). Emerge una forte differenza fra i sessi: sono circa un quarto le donne che non sono titolari di un conto, contro il 13,6% degli uomini. Il divario aumenta nel caso di donne giovani, con un basso titolo di studio e residenti nel Mezzogiorno. Forti anche le differenze territoriali: il 36,3% dei partner del Mezzogiorno non possiede un conto, contro il 5% del Nord e il 16% del Centro. è titolare solo cointestato 58% non è titolare 18,8% è titolare solo personale 13% è titolare sia personale sia di uno cointestato 9,9% non risponde 0,3% Titolarità (deposito o conto corrente in banca o alla posta). Anno 2001, composizione percentuale 5

6 Tavola 5 Persone che vivono in coppia per titolarità (sia esso un deposito o un conto corrente in banca o alla posta). Anno 2001, valori percentuali Non è titolare È titolare solo personale È titolare solo cointestato È titolare sia di un conto personale sia di uno cointestato Nord 5,0 10,3 72,1 12,2 lei 6,9 9,0 73,7 10,1 lui 3,2 * 11,7 70,5 14,3 Centro 16,0 12,3 61,9 9,8 lei 20,3 8,4 62,8 8,4 lui 11,6 16,2 60,9 11,2 Mezzogiorno 36,3 16,6 39,7 7,2 lei 45,9 7,4 42,4 4,2 lui 26,7 25,7 37,1 10, ,1 11,8 41,9 2,1 * ,3 13,1 59,9 8, ,6 13,9 65,5 14,0 Oltre ,7 * 13,3 61,2 19,6 Mancata risposta 33,7 *. 39,5 * 15,0 * Nessuno dei due 67,6 15,8 * 12,6 *. Percepisce solo lei 40,3 19,9 * 29,2 10,6 * Percepisce solo lui 26,2 12,9 53,8 6,9 Percepiscono entrambi 11,3 12,8 63,6 12, ,3 11,4 48,7 9, ,8 10,8 59,7 8, ,6 6,6 61,6 8,2 55 e più 24,0 6,5 63,3 5,9 Totale 24,0 8,3 59,9 7, ,0 20,4 46,3 12, ,2 19,6 55,8 13, ,8 20,5 54,0 13,6 55 e più 14,7 15,0 59,2 10,9 Totale 13,6 17,8 56,1 12,2 Laurea, media superiore 14,3 12,4 60,4 12,8 Media inferiore 25,1 7,1 61,3 6,1 Elementare, senza titolo 32,3 5,4 58,2 3,9 * Totale 24,0 8,3 59,9 7,6 Laurea, media superiore 5,1 19,8 0,4 16,4 Media inferiore 14,6 18,6 54,4 12,1 Elementare, senza titolo 21,4 14,8 55,6 7,9 Totale 13,6 17,8 56,1 12,2 TOTALE 18,8 13,0 58,0 9,9 All interno della coppia il 17,8% degli uomini è titolare personale (rispetto all 8,3% delle donne); la percentuale aumenta per gli uomini e le donne con titolo di studio più elevato (diploma di media superiore o laurea). La disponibilità esclusivamente cointestato con un altro membro della famiglia ha una maggiore diffusione tra i residenti del Nord (72,1%) e per le coppie in cui sia lui che lei percepiscono un reddito (63,6%). 6

7 La titolarità personale e di uno cointestato con un altro membro della famiglia è particolarmente diffusa al Nord (12,2%) e nelle coppie con redditi familiari elevati (19,6%). All interno della coppia sono più gli uomini che le donne ad essere titolari sia personale sia di uno cointestato (12,2% contro 7,6%). Il 63,4% delle persone che hanno dichiarato di essere titolari cointestato con il proprio coniuge/convivente decide congiuntamente le operazioni di prelievo, versamento o investimento effettuate su tale conto (Tavola 6). Negli altri casi è l uomo a giocare un ruolo maggiore della donna: il 21,5% degli individui che vivono in coppia considera, infatti, l uomo il principale gestore del conto, soprattutto nel Mezzogiorno (23,3%) e nelle famiglie con redditi familiari elevati (25,6%). Al contrario, soltanto il 15,1% delle persone che vivono in coppia attribuisce peso predominante alla donna. Tavola 6 Persone che vivono in coppia e che hanno dichiarato di avere un conto cointestato con il partner per soggetto con più peso nelle decisioni effettuate su tale conto. Anno 2001, valori percentuali SOGGETTO CHE GESTISCE IL DENARO SUL CONTO COINTESTATO più lei più lui uguale Nord 16,6 20,6 62,9 Centro 13,4 21,6 65,0 Mezzogiorno 13,5 23,3 63, ,4 20,3 63, ,4 21,3 64, ,9 20,6 64,5 Oltre ,6 25,6 57,7 Mancata risposta.. 46,3 * Nessuno dei due.. 70,0 * Percepisce solo lei.. 62,8 * Percepisce solo lui 14,9 22,8 62,3 Percepiscono entrambi 15,3 20,7 64, ,0 66, ,7 * 31,6 63, ,4 * 29,5 64,1 55 e più 5,8 * 29,7 64,6 Totale 5,3 30,3 64, ,8 6,1 * 62, ,5 12,0 65, ,8 13,7 55,5 55 e più 22,0 13,8 64,2 Totale 24,9 12,8 62,3 Laurea, media superiore 3,9 * 30,9 65,2 Media inferiore 5,9 * 29,9 64,2 Elementare, senza titolo 6,3 * 30,0 63,7 Totale 5,3 30,3 64,4 Laurea, media superiore 27,5 13,8 58,6 Media inferiore 22,4 12,4 65,2 Elementare, senza titolo 24,5 12,0 63,5 Totale 24,9 12,8 62,3 TOTALE 15,1 21,5 63,4 7

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati 21 agosto 2006 La vita di coppia Il volume La vita di coppia presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel Novembre 2003 su un campione di oltre 19 mila famiglie

Dettagli

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011 STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Redditi, consumi e risparmi delle a confronto con le Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle in Italia nel 2008 Agosto 2011 1 CONSIDERAZIONI E

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Parentela e reti di solidarietà

Parentela e reti di solidarietà 10 ottobre 2006 Parentela e reti di solidarietà Il volume Parentela e reti di solidarietà presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel novembre 2003 su un campione

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 Natalità in ripresa Mortalità stazionaria Immigrazione in aumento Giovani (0-14) in aumento Giovani (25-35) in diminuzione I giovani

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori 18 settembre 2014 A Bologna nel 2012 quasi 296.000 contribuenti

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA

LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA LE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DELLA VALLE D AOSTA Sono numerose le evidenze scientifiche in cui si dimostra che le persone che godono di una posizione sociale privilegiata, che hanno un titolo

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2012)

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2012) San Marino, 26 Giugno 2013 COMUNICATO STAMPA Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi (anno di riferimento 2012) L Ufficio Statistica comunica la sintesi dell indagine sui consumi

Dettagli

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO I questionari sul credito al consumo sono stati somministrati ad un campione accidentale non probabilistico costituito da 1.725

Dettagli

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6

Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 Dopo la separazione: affidamento dei figli e madri sole Corso di laurea in servizio sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Prof.ssa Elisabetta Donati Lezione n. 6 1 L affidamento dei figli: a

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi. (anno di riferimento 2014)

COMUNICATO STAMPA. Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi. (anno di riferimento 2014) San Marino, 2 Settembre 2015 COMUNICATO STAMPA Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi (anno di riferimento 2014) L Ufficio Statistica comunica la sintesi dell indagine sui consumi

Dettagli

Separazioni, divorzi e affidamento dei minori

Separazioni, divorzi e affidamento dei minori 2 luglio 2004, divorzi e affidamento dei minori Anno 2002 Ogni anno l Istat conduce un indagine sulle separazioni e una sui divorzi rilevando, presso le cancellerie dei 165 tribunali civili, i dati relativi

Dettagli

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia 5 luglio 2005 Il testo qui presentato è pubblicato anche nel volume Madri sole - Sfide politiche e genitorialità alla prova, a cura

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana Famiglie La società pratese negli ultimi anni è stata sottoposta a profonde trasformazioni; la prima struttura sociale a subire delle modificazioni è la famiglia, che tende a ridurre le sue dimensioni

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2009

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2009 1 luglio 2010 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970- L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria per gli

Dettagli

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale.

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale. Serie schede tematiche gennaio 2007 - n. 27 - cod. 67447 pag. 1 I pensionati italiani: quanti sono, quanto percepiscono, dove risiedono i pensionati di nord, centro, sud, estero le pensioni sociali in

Dettagli

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001 8 luglio 2004 La città di al Censimento della popolazione 2001 L Istat diffonde oggi alcuni approfondimenti riguardanti la struttura demografica e familiare della città di, sulla base dei dati rilevati

Dettagli

L IMPATTO DELLA MANOVRA SULLE FAMIGLIE STRANIERE. Costano quasi mezza mensilità

L IMPATTO DELLA MANOVRA SULLE FAMIGLIE STRANIERE. Costano quasi mezza mensilità L IMPATTO DELLA MANOVRA SULLE FAMIGLIE STRANIERE Costano quasi mezza mensilità Nel 2011 sono state realizzate 3 manovre fiscali: a Luglio (DL 98/2011), a Ferragosto (DL 138/2011) e a Dicembre (DL 201/2011).

Dettagli

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Separazioni, divorzi e servizi di mediazione familiare Enrico Moretti Statistico, Istituto degli Innocenti di Firenze ATTI DEL CICLO DI INCONTRI

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre L Indagine sui bilanci delle famiglie italiane è un indagine campionaria condotta (ogni due anni)

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DESTINATO ALLE IMPRESE FEMMINILI BERGAMASCHE

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DESTINATO ALLE IMPRESE FEMMINILI BERGAMASCHE QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DESTINATO ALLE IMPRESE FEMMINILI BERGAMASCHE PARTE A: DATI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.1 Anno di costituzione dell attività: da 0 a 3 anni da 3 a 10 anni oltre

Dettagli

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Documento di economia e finanza 2015 Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Cinzia Castagnaro e Claudia Di Priamo Seminario Cnel Istat Roma, 2 dicembre 2003 1. Introduzione La prima indagine campionaria sulle nascite

Dettagli

Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 anni di ricerche dell Istituto DOXA

Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 anni di ricerche dell Istituto DOXA D O X A ISTITUTO PER LE RICERCHE STATISTICHE E L ANALISI DELL OPINIONE PUBBLICA Alcuni aspetti della vita dei bambini nel corso di 10 di ricerche dell Istituto DOXA 1. Premessa In Italia vivono attualmente

Dettagli

Il volume. Il volume. Come e quando si diventa padri. Il volume

Il volume. Il volume. Come e quando si diventa padri. Il volume Convegno su La paternità in Italia Roma, ottobre 5 - ISTAT Come e quando si diventa padri Alessandro Rosina Istituto di studi su popolazione e territorio Università Cattolica Milano alessandro.rosina rosina@unicatt.itit

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI. ANNO 2009 1 Indice delle tavole statistiche 1. I pendolari della famiglia Prospetto 1.1 Tavola 1.1 Tavola 1.2 Tavola 1.3 Tavola 1.4 Tavola 1.5 Tavola 1.6 motivo, durata media

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI 1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI. DATI STATISTICI N.d.R.: I dati qui di seguito riportati sono stati ricavati dal sito www.istat.it e sono aggiornati al: - 13/11/2013 (dati sui matrimoni) - 23/06/2014

Dettagli

IL RAPPORTO ORES 2009

IL RAPPORTO ORES 2009 IL RAPPORTO ORES 2009 SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI Con ORES, Osservatorio Regionale sull Esclusione Sociale della Lombardia, l ente regionale si è dotato di uno strumento in grado di integrare i dati

Dettagli

Diventare padri in Italia

Diventare padri in Italia 20 ottobre 2005 Diventare padri in Italia Fecondità e figli secondo un approccio di genere L ampia letteratura scientifica su fecondità e figli è quasi esclusivamente basata su dati riferiti alla sola

Dettagli

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5.1 Considerazioni generali Il livello di informatizzazione delle famiglie toscane è stato esaminato, oltre che sulla base del territorio, anche tenendo

Dettagli

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) CeSDES s.a.s Meina 28046 -Via Sempione 187 Milano 20126 Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Dettagli

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015

ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 ESERCIZI IMPOSTE E IRPEF ECONOMIA PUBBLICA 2015 Esercizio 1 Si consideri un imposta sul reddito personale con aliquota marginale t costante del 20% e detrazione, f, pari a 1.000 dall imposta dovuta. Nel

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti Le famiglie di Udine raccontate dai numeri 1. Premessa Nel linguaggio comune il concetto di Famiglia è da sempre legato all esistenza di un nucleo di persone unite da legami di natura specifica, quali

Dettagli

Separazioni, divorzi e provvedimenti emessi

Separazioni, divorzi e provvedimenti emessi 19 luglio 2002, divorzi e provvedimenti emessi Anno 2000 Il presente lavoro, che delinea un quadro dell instabilità coniugale in Italia, si propone di soddisfare la crescente domanda di informazione su

Dettagli

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 21 giugno 2011 Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 Nel 2009 l importo complessivo annuo delle prestazioni pensionistiche previdenziali e assistenziali erogate in Italia è stato

Dettagli

NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006

NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006 NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006 Le persone che hanno usufruito degli interventi, sia con risorse proprie della Fondazione, e sia

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO

IL NUOVO REDDITOMETRO IL NUOVO REDDITOMETRO Dott. Fabrizio SCOSSA LODOVICO Modena, 10 maggio 2013 FONTI NORMATIVE Articolo 22 Decreto Legge 78/2010 Articolo 38 D.P.R. 600/73 (come modificato dal D.L. 78/2010) D.M. 24 dicembre

Dettagli

La divisione dei ruoli nelle coppie

La divisione dei ruoli nelle coppie 10 novembre 2010 La divisione dei ruoli nelle coppie Anno 2008-2009 Dal 1 febbraio 2008 al 31 gennaio 2009 l Istat ha condotto la terza edizione dell Indagine multiscopo sull Uso del tempo, intervistando

Dettagli

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione)

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione) COMUNE DI COMO I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004 (1 Edizione) Settore Statistica - Agosto 2007 I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004

Dettagli

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali Indagine Link-Marche : ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità e di disagio a cura di David Recchia 1 Link è un progetto nazionale che le Acli hanno

Dettagli

L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione

L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione L applicazione della legge sull affidamento condiviso a sette anni dalla sua approvazione Cinque dei principi basilari introdotti analizzati secondo quattro chiavi di lettura: 1) il dettato normativo,

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2011, n 29468 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2011, n 29468 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2011, n 29468 (Pres. M. Finocchiaro; Rel. R. Lanzillo) Assegnazione della casa familiare Box auto Assenza del vincolo pertinenziale-

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

Il valore della pulizia

Il valore della pulizia Il valore della pulizia Indagine tra la popolazione italiana Milano, marzo 01 (Rif. 170v311) Metodologia della ricerca ISPO ha realizzato un indagine ad hoc durante la quale è stato intervistato un campione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2013)

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2013) San Marino, 4 Novembre 2014 COMUNICATO STAMPA Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi (anno di riferimento 2013) L Ufficio Statistica comunica la sintesi dell indagine sui consumi

Dettagli

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata

Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Con la crisi la povertà assoluta è raddoppiata Antonio Misiani In cinque anni la crisi economica ha causato la più forte contrazione dal dopoguerra del PIL (-6,9 per cento tra il 2007 e il 2012) e dei

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 35 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI

BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI BORTOLUSSI: DETASSARE LE TREDICESIME AI CASSAINTEGRATI Il costo per le casse pubbliche non dovrebbe superare i 150 milioni di euro. Secondo un sondaggio della CGIA, negli ultimi 10 anni la quota di spesa

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola

LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola Il lavoro intende analizzare i livelli di reddito disponibile delle famiglie umbre e il grado di disuguaglianza nella sua distribuzione. Le

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Le persone senza dimora

Le persone senza dimora Le persone senza dimora Linda Laura Sabbadini Direttore Dipartimento statistiche sociali e ambientali 9 Ottobre 2012 In maggioranza vivono al Nord Sono 47.648 le persone senza dimora che tra novembre e

Dettagli

La popolazione svizzera si considera in buona salute

La popolazione svizzera si considera in buona salute Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 12.09.2008, 9:15 14 Salute N. 0352-0809-10 Indagine sulla salute in Svizzera 2007 La popolazione svizzera

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Fecondazione eterologa: la maggioranza degli italiani è favorevole, ma solo il 38% vi farebbe personalmente ricorso

Fecondazione eterologa: la maggioranza degli italiani è favorevole, ma solo il 38% vi farebbe personalmente ricorso Fecondazione eterologa: la maggioranza degli italiani è favorevole, ma solo il 38% vi farebbe personalmente ricorso La fecondazione eterologa è, nelle ultime settimane, oggetto di un acceso dibattito nel

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indagini campionarie I bilanci delle famiglie italiane nell anno 00 Nuova serie Anno XXII - 5 Gennaio 0 Numero 6 INDICE pag.. Introduzione... 7. La struttura della

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

TRENDS Q U A N T I F I G L I...

TRENDS Q U A N T I F I G L I... PULSE MAMME D'ITALIA FATTI E NUMERI SULLA MATERNITA' IN ITALIA. UN INVITO DEL CIRCOLO LE MAMME DI AZIONE NAZIONALE AD APRIRE UNA RIFLESSIONE, PER DAR VOCE E RAPPRESENTANZA POLITICA ALLA MATERNITÀ IN ITALIA

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Lombardia Statistiche Report N 1 / 8 febbraio 2016 Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Sintesi Al 2013 la diffusione di limitazioni nello svolgimento delle attività

Dettagli

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop Note e commenti n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop 1 L analisi sullo stock fa riferimento al totale delle imprese (coopera ve e non) a ve al 31 Dicembre

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

I MODI DI ABITARE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI IN ITALIA E IN EUROPA OSSERVATI ATTRAVERSO L INDAGINE EUROSTUDENT

I MODI DI ABITARE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI IN ITALIA E IN EUROPA OSSERVATI ATTRAVERSO L INDAGINE EUROSTUDENT I MODI DI ABITARE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI IN ITALIA E IN EUROPA OSSERVATI ATTRAVERSO L INDAGINE EUROSTUDENT (Domenico Lovecchio) L Indagine Eurostudent sulle condizioni di vita e di studio degli studenti

Dettagli

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI 30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepito, nel corso del 2008, i seguenti redditi: - Redditi da lavoro dipendente

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2012)

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2012) Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese (Dati al 2012) Febbraio 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura

Dettagli

4 I LAUREATI E IL LAVORO

4 I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 30 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

Statistiche rapide fascicolo 2/2006

Statistiche rapide fascicolo 2/2006 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE Comune di Brescia - Unità di Staff Statistica Statistiche rapide fascicolo 2/2006 I MOLTI SIGNIFICATI DEL VIVERE COME UNA FAMIGLIA LE UNIONI NON MATRIMONIALI A BRESCIA INTRODUZIONE

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 11 07.04.2015 Detrazioni per carichi di famiglia Il reddito non deve superare i 2.840,51 euro Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: 730

Dettagli

Figura 1 - Numero lavoratori delle imprese attive in alcune tipologie contrattuali per macrosettore - Anno 2013 (a) (valori medi annui)

Figura 1 - Numero lavoratori delle imprese attive in alcune tipologie contrattuali per macrosettore - Anno 2013 (a) (valori medi annui) Allegato statistico Audizione dei rappresentanti dell Istituto nazionale di statistica Roberto Monducci e Linda Laura Sabbadini 11 a Commissione "Lavoro, previdenza sociale" del Senato della Repubblica

Dettagli

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Lombardia Statistiche Report N 2 / 14 aprile 2014 I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Sintesi La spesa media per consumi delle famiglie lombarde nel 2012 è di

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro Economia del Lavoro Capitolo 8 2 Borjas La mobilità del lavoro - 1 US paese molto mobile: tra il 2003 e il 2004, il 2,8% della popolazione si è trasferita tra nello stesso stato e un altro 2,6% tra stati

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli