INCOMPATIBILITÀ SVOLGIMENTO PROFESSIONE CHIARIMENTI DALLA COMMISSIONE ALBO DELL'ORDINE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INCOMPATIBILITÀ SVOLGIMENTO PROFESSIONE CHIARIMENTI DALLA COMMISSIONE ALBO DELL'ORDINE"

Transcript

1 INCOMPATIBILITÀ SVOLGIMENTO PROFESSIONE CHIARIMENTI DALLA COMMISSIONE ALBO DELL'ORDINE In considerazione della casistica riscontrata dalla Commissione Albo dell Ordine, presieduta dal collega Marco Carbone, si ritiene utile rammentare che le eventuali attività incompatibili rilevate dall Ordine hanno come immediata conseguenza, nel caso le stesse non siano rimosse dall Iscritto, la cancellazione dall Albo e la segnalazione alla Cassa di Previdenza. La Cassa di Previdenza, nella sua autonomia, potrebbe adottare provvedimenti in grado di incidere sulla posizione previdenziale individuale, con gravi ripercussioni sulle prestazioni pensionistiche. Si ritiene utile rammentare che qualora l iscritto versi in una situazione di incompatibilità e si trovi nella condizione di non poter rimuovere la stessa, in alternativa alla cancellazione, può avvalersi delle disposizioni di cui all art. 34, comma 8, del D.Lgs. 139/2005 e quindi, chiedere il passaggio dall Albo all Elenco Speciale. L iscrizione o il passaggio all Elenco Speciale è possibile solo nel caso in cui l iscritto si trovi in una condizione di incompatibilità. Il titolare dell impresa familiare L incompatibilità dell iscrizione all Ordine dei Dottori Commercialiste e degli Esperti Contabili con la titolarità dell impresa familiare è sancita dall art. 4 del D. Lgs. n. 139/2005 ed evidenziata dalle Note Interpretative sulla disciplina delle incompatibilità emanate dal Consiglio Nazionale il 1 marzo 2012 (pagina 19, caso 16). Il Professionista potrà pertanto partecipare all impresa familiare, ex art. 230 bis c.c., ma non esserne il titolare. Qualora si accerti che l iscritto, anche se non titolare, abbia l effettivo potere gestionale, tale attività sarà considerata incompatibile. Il promotore finanziario Il Promotore Finanziario, definito dall art. 31 del D.Lgs. 58/1998 come la persona fisica che, in qualità di dipendente, agente o mandatario, esercita professionalmente l'offerta fuori sede (promozione e collocamento presso il pubblico di strumenti finanziari e di servizi di investimento fuori dalla sede legale), è un operatore specializzato nel collocamento di prodotti e servizi di investimento per conto di intermediari autorizzati, come ad esempio gli Istituti di Credito. L incompatibilità dell Iscritto all Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili con l attività di Promotore Finanziario è sancita espressamente dall art. 4, comma 1, lettera e), del D. Lgs. n. 139/2005. La consulenza finanziaria può rientrare tra le attività del professionista solo se intesa in senso stretto e se quindi non si esplica in un'attività di intermediazione e non è retribuita con provvigioni. Il Giornalista Pubblicista ed il Giornalista Professionista Il Giornalista Pubblicista, iscritto nello specifico Elenco tenuto dall Ordine dei Giornalisti, svolge l'attività giornalistica pur esercitando altre professioni o impieghi. Egli può dunque definirsi come una persona appassionata di uno specifico argomento che collabora con testate giornalistiche mettendo a disposizione le proprie specifiche competenze per divulgare informazioni inerenti la propria materia di interesse. Non vi sono profili di incompatibilità tra l attività del Giornalista Pubblicista e quella del Commercialista. Il Giornalista Professionista, che viene iscritto nello specifico Elenco tenuto dall Ordine dei Giornalisti dopo il superamento dell esame di Stato, a differenza del Pubblicista, svolge la professione giornalistica in modo esclusivo e continuativo. L incompatibilità tra l attività di Giornalista Professionista e quella di Commercialista è sancita espressamente dall art. 4, comma 1, lettera b), del D.Lgs. n. 139/2005. Attività di intermediazione e di procacciatore di segnalazioni Ogni attività di intermediazione o di mediazione è incompatibile con l esercizio della professione da parte dell Iscritto. È pertanto incompatibile l attività dell Iscritto finalizzata a fornire a terzi informazioni relative alla propria clientela, quali per esempio la consistenza patrimoniale, la presenza di anomalie bancarie 1

2 e finanziarie o qualsiasi altra notizia richiesta dal committente a fronte di un compenso, anche non determinato in percentuale. Inoltre, le informazioni fornite con modalità che non garantiscono l'anonimato della propria clientela, possono configurare violazioni della normativa sulla privacy (D.Lgs. n. 196/2003) ovvero sul segreto professionale (articolo 5 del D.Lgs. n. 139/2005). Si ritiene utile rammentare che qualora l iscritto versi in una situazione di incompatibilità e si trovi nella condizione di non poter rimuovere la stessa, in alternativa alla cancellazione, può avvalersi delle disposizioni di cui all art. 34, comma 8, del D.Lgs. 139/2005 e quindi, chiedere il passaggio dall Albo all Elenco Speciale. L iscrizione o il passaggio all Elenco Speciale è possibile solo nel caso in cui l iscritto si trovi in una condizione di incompatibilità. Effetti previdenziali L'effetto meno conosciuto delle situazione di incompatibilità è quello previdenziale. Infatti gli anni dichiarati incompatibili possono essere ritenuti non utili ai fini previdenziali e assistenziali con la conseguenza che questi non verranno conteggiati nell'anzianità assicurativo - contributiva del professionista. Le Casse di Previdenza, alle quali la giurisprudenza riconosce un potere di controllo sulle situazioni di incompatibilità autonomo da quello degli Ordini, effettuano le proprie verifiche sull'intero periodo di attività dell Iscritto. Società di servizi (caso 1) Una società di mezzi o di servizi che: 1) sia partecipata da due professionisti entrambi iscritti all Ordine dei Dottori Commercialisti ed degli Esperti Contabili di cui: - uno, il socio Rossi, detiene una quota di partecipazione pari al 40% e riveste la carica di amministratore unico; - l altro, il socio Verdi, detiene una quota di partecipazione pari al 60% e non riveste la carica di amministratore unico; 2) la società di servizi fattura anche a terzi; 3) il fatturato medio degli ultimi 5 anni è pari a 100, pertanto, la quota di fatturato da imputare al dott. Rossi sarà pari a 40 e la quota di fatturato da imputare al dott. Verdi sarà pari a 60. Per il Dott. Rossi, considerato che il fatturato medio degli ultimi 5 anni derivante dalla sua attività professionale è pari a 25, la società di servizi è considerata principale e non ausiliaria all attività professionale e dunque, appare configurarsi come condizione di incompatibilità con l esercizio della professione. Per il dott. Verdi, invece, rivestendo la sola qualifica di socio, la società di servizi può essere considerata realmente ausiliaria del professionista e quindi, non appare configurarsi alcuna ipotesi di incompatibilità con l esercizio della professione. Società di servizi (caso 2) Una società di mezzi o di servizi che: 1) sia partecipata da due iscritti all Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di cui: - sia il socio A sia il socio B hanno rispettivamente una quota di partecipazione pari al 50%; - entrambi rivestono la carica di amministratore; 2) la società di servizi opera anche nei confronti di terzi; 3) il fatturato medio della società di servizi degli ultimi 5 anni è pari a 120, pertanto la quota di fatturato da imputare a ciascun socio è pari a 60. I due Iscritti sono associati in uno studio professionale, con una quota di partecipazione sempre pari al 50%. Considerato che il fatturato medio degli ultimi 5 anni derivante dall associazione professionale è pari a 160, la quota di fatturato imputabile a ciascun Iscritto è di 80. Pertanto, nell ipotesi indicata, la società di servizi può essere considerata realmente ausiliaria per i due professionisti e dunque, non appare configurarsi alcuna ipotesi di incompatibilità con l esercizio della professione. 2

3 Società di capitali esercente attività commerciale (caso 3) Una società di capitali è partecipata da due professionisti entrambi iscritti all Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili. In particolare: il socio Bianchi detiene una quota di partecipazione pari al 51% e riveste la carica di amministratore unico; il socio Verdi detiene una quota di partecipazione pari al 49% e non riveste la carica di amministratore. Nell ipotesi indicata, per il Socio Bianchi si ravvisa una condizione di incompatibilità con l esercizio della professione in quanto il professionista ricopre contemporaneamente la qualifica di socio di maggioranza e la carica di amministratore, mentre per il socio Verdi, rivestendo la sola qualifica di socio, non appare configurarsi alcuna ipotesi di incompatibilità con l esercizio della professione. Società di capitali esercente attività commerciale: Procura speciale (caso 4) Una società di capitali è partecipata da due professionisti entrambi iscritti all Albo dell Ordine dei dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. In particolare: il socio Rossi detiene una quota di partecipazione pari al 51% e non riveste la carica di amministratore ma gli è stata conferita una procura speciale con ampi poteri; il socio Verdi detiene una quota di partecipazione pari al 49% e non riveste la carica di amministratore né gli è stata confertita alcuna procura. La carica di amministratore unico di detta società è attribuita ad un soggetto terzo. Pertanto, nell ipotesi indicata, il Socio Rossi versa in una condizione di incompatibilità con l esercizio della professione, pur non ricoprendo la carica di amministratore, in quanto al professionista, oltre ad essere socio di maggioranza, è stata conferita una procura speciale con ampi poteri. Per il socio Verdi, invece, rivestendo la sola qualifica di socio, non appare configurarsi alcuna ipotesi di incompatibilità con l esercizio della professione. Società di capitali: Amministratore Unico (Caso 5) Una società di capitali: è partecipata da due soci non iscritti all Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili; ha quale amministratore unico, a seguito di specifico mandato professionale, il Dott. Rossi, iscritto all Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili. Nell ipotesi indicata, per il Dott. Rossi non si configura alcuna ipotesi di incompatibilità con l esercizio della professione. Società di capitali esercente attività commerciale (Caso 6) Una società di capitali esercente attività commerciale è partecipata da due soci entrambi iscritti all Albo dell Ordine dei dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili. La carica di amministratore unico di detta società è attribuita ad un soggetto terzo. Pertanto, nell ipotesi indicata, per i due Iscritti all Albo dell Ordine dei dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, rivestendo la sola qualifica di soci, non appare configurarsi alcuna ipotesi di incompatibilità con l esercizio della professione. Trust e Trustee Secondo le note interpretative riguardanti la disciplina delle incompatibilità di cui all art. 4 del D.Lgs. 139/2005, approvate dal Consiglio Nazionale, ed i Pronto Ordini pubblicati in risposta ai quesiti posti dai diversi Ordini territoriali, l incarico di Trustee può essere svolto da un Commercialista o da un Esperto Contabile, soltanto qualora lo stesso non abbia alcun interesse concreto ed effettivo nell ambito del Trust, sia come disponente che come beneficiario. Società commerciale: Procura speciale Con i Pronto Ordini pubblicati in risposta ai quesiti formulati dai diversi Ordini territoriali, è stato confermato che, l Iscritto nell Albo dei Commercialisti o degli Esperti Contabili, che sia socio di maggioranza in una società esercente attività commerciale, pur non ricoprendo la carica di amministratore unico (Amministratore Delegato ovvero Presidente del Consiglio di 3

4 Amministrazione), versa in una condizione di incompatibilità, qualora gli venga conferita procura con ampi poteri. Attività non prevalente/abituale Secondo le note interpretative riguardanti la disciplina delle incompatibilità di cui all art. 4 del D.Lgs. 139/2005, approvate dal Consiglio Nazionale, si ravvisa incompatibilità quando l Iscritto svolga concretamente, effettivamente e contemporaneamente attività commerciale, di intermediazione e di mediazione (a puro titolo esemplificativo ma non esaustivo: la figura di rappresentante di commercio, procacciatore di affari, agente di assicurazione, intermediario finanziario, assicurativo o commerciale ecc.) in nome proprio o altrui e per proprio conto, anche in modo non prevalente, né abituale. Rientra in questa fattispecie il caso in cui il commercialista, a scopo di lucro, metta in contatto per un interesse economico proprio, un cliente e terzi al fine di ricavarne una provvigione. Socio e amministratore di cooperative Le note interpretative riguardanti la disciplina delle incompatibilità di cui all art. 4 del D.Lgs. 139/2005, emanate dal Consiglio Nazionale, escludono l incompatibilità dell iscritto nel caso il Professionista ricopra contemporaneamente la qualifica di socio e la carica di amministratore di società cooperativa, di mutue assicuratrici e di società consortili. Spedizionieri Doganali In virtù dell art. 4 del D.Lgs. 139/2005, e considerato l ordinamento applicabile ai soggetti iscritti all Albo degli Spedizionieri Doganali che non vieta l esercizio della libera professione di Commercialista e di Esperto Contabile, l incompatibilità può ritenersi esclusa per la contemporanea iscrizione nei due Albi. Società Immobiliari: gestione patrimonio familiare o di mero godimento o conservativa Secondo le note interpretative della disciplina delle incompatibilità di cui all art. 4 del D.Lgs. 139/2005, approvate dal Consiglio Nazionale, ed i Pronto Ordini pubblicati in risposta ai quesiti posti dai diversi Ordini territoriali, l incompatibilità può ritenersi esclusa qualora l attività di gestione immobiliare sia diretta alla pura gestione patrimoniale ovvero di mero godimento o meramente conservativa. Pertanto, non si ravvisa una condizione di incompatibilità, qualora l iscritto pur ricoprendo contemporaneamente la qualifica di socio di maggioranza e la carica di amministratore (ovvero altra carica da cui derivino poteri gestori) in società di persone o di capitali, gestisca il solo patrimonio immobiliare familiare, come avviene, per esempio, nell ipotesi in cui gli immobili siano dati in locazione all iscritto stesso oppure a componenti della sua famiglia; in tal modo l attività di gestione immobiliare si configura come attività di pura gestione, finalizzata alla conservazione e valorizzazione dell immobile stesso. Dipendenti della P.A. Le note interpretative della disciplina delle incompatibilità di cui all art. 4 del D.Lgs. 139/2005, approvate dal Consiglio Nazionale, ed i Pronto Ordini, pubblicati in risposta ai quesiti posti dai diversi Ordini territoriali, hanno chiarito che per tutti i dipendenti della Pubblica Amministrazione, l incompatibilità allo svolgimento della professione di Commercialista ed Esperto contabile è esclusa solo in caso di opzione per il tempo parziale, previa espressa autorizzazione del responsabile della Pubblica Amministrazione. Mediatori Civili, Organismi di Mediazione ed Enti di Formazione per mediatori In materia di attività incompatibili con la professione, ex art. 4 del D.Lgs. 139/2005, i Pronto Ordini del Consiglio Nazionale, pubblicati in risposta ai quesiti posti dai diversi Ordini territoriali, hanno chiarito che l attività di mediatore civile e commerciale ex D.Lgs 28/2010 è compatibile con l esercizio della professione di commercialista e di esperto contabile. Le attività svolte dagli Organismi di Mediazione, iscritti nel Registro del Ministero della Giustizia ex D.Lgs 28/2010, sono considerate strumentali e ausiliarie della professione, allo stesso modo dei Centri Elaborazioni Dati, delle Società di Revisione, di gestione/amministrazione condominiali e di elaborazione paghe, e pertanto incompatibili laddove congiuntamente: 1) il professionista ricopra 4

5 contemporaneamente la qualifica di socio (a prescindere dalla partecipazione societaria di minoranza o maggioranza detenuta) e la carica di amministratore dell Organismo di Mediazione; 2) la media del fatturato dell ultimo quinquennio dell Organismo di Mediazione, imputabile all iscritto in base alla percentuale del capitale in suo possesso, risulti superiore alla media del fatturato, rapportata allo stesso periodo, relativa all attività di commercialista e di esperto contabile. Qualora un Organismo di Mediazione sia anche Ente di Formazione dei mediatori, iscritto anch esso nel Registro del Ministero della Giustizia ex D.Lgs 28/2010, si ravvisa l incompatibilità allorquando il professionista ricopra contemporaneamente la carica di amministratore e socio di maggioranza. Professori e Ricercatori Universitari Le Note Interpretative della disciplina delle incompatibilità di cui all art. 4 del D.Lgs. 139/2005, approvate dal Consiglio Nazionale, ed i Pronto Ordini pubblicati in risposta ai quesiti posti dai diversi Ordini territoriali, hanno chiarito che sia per i professori universitari ordinari e associati, che per i ricercatori universitari, l'incompatibilità allo svolgimento della professione è esclusa solo in caso di opzione per il part-time (l'art. 1, comma 56 e 56 bis, legge n. 662/1996, stabilisce la compatibilità dell'iscrizione in un albo professionale con lo status di dipendente pubblico in regime part-time). Imprese Agricole Le Note Interpretative della disciplina delle incompatibilità di cui all art. 4 del D.Lgs. 139/2005, approvate dal Consiglio Nazionale, ed i Pronto Ordini pubblicati in risposta ai quesiti posti dai diversi Ordini territoriali, hanno chiarito che l esercizio di attività di impresa agricola, in linea di principio preclusa all iscritto, è consentita laddove tale attività si configuri come mero godimento, ovvero meramente conservativa del fondo agricolo, come avviene per esempio nell ipotesi in cui i prodotti agricoli siano rivenduti esclusivamente per poter contribuire alle spese di manutenzione e conservazione del fondo agricolo. L incompatibilità si rileva invece laddove la vendita dei prodotti agricoli - per quantità e fatturato - configura, non già il recupero delle spese di manutenzione e conservazione del fondo, ma attività di impresa. Pertanto, non si ravvisa una condizione di incompatibilità qualora l iscritto eserciti, in qualità di coltivatore diretto, l attività di impresa agricola esclusivamente con funzioni di mero godimento o meramente conservativa del fondo agricolo, mentre, è ritenuto incompatibile l esercizio di attività d impresa agricola con l esercizio dell attività professionale laddove l iscritto rivesta la qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale (I.A.P.). Attività di impresa, agente di commercio, giornalista, notaio, promotore finanziario, agente di assicurazione, mediatore immobiliare L esercizio della professione di commercialista è incompatibile con lo svolgimento di attività imprenditoriale in forma individuale, anche non prevalente e/o abituale, cosi come con lo status di socio illimitatamente responsabile nelle società di persone. Sono peraltro incompatibili con l esercizio della professione le seguenti attività: agente di commercio, giornalista professionista (compatibile con la professione è invece l attività di giornalista pubblicista), promotore e/o intermediario finanziario, procacciatore d affari, agente di assicurazione e mediatore immobiliare. Soci di maggioranza, amministratori o liquidatori Versa in una condizione di incompatibilità con l esercizio della professione l iscritto che risulti titolare di partecipazioni di maggioranza in società e contemporaneamente ne ricopra la carica di presidente del consiglio di amministrazione, di consigliere delegato, di amministratore unico o liquidatore con ampi poteri gestionali. 5

6 C.E.D. Centri Elaborazioni Dati Con riguardo alle società di servizi ed ai relativi centri elaborazione dati, fattispecie in relazione alla quale la menzionata Commissione dell Ordine ha constato particolari criticità, l incompatibilità si ravvisa laddove si verifichino le seguenti condizioni: 1. l Iscritto ricopra contemporaneamente la carica di amministratore e di socio, e 2. la quota parte di fatturato della società di servizi imputabile all Iscritto (riferita alla media dell ultimo quinquennio) sia maggiore del fatturato dell Iscritto (sempre riferito all ultimo quinquennio). Formazione La Formazione Professionale Continua La Formazione Professionale Continua è attività obbligatoria di aggiornamento, approfondimento e sviluppo delle conoscenze e delle competenze tecniche sulle materie oggetto di esercizio dell attività professionale per gli Iscritti negli Albi tenuti dagli Ordini dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili. E prevista espressamente dall Ordinamento Professionale e dal Codice Deontologico della Professione di Dottore Commercialista e di Esperto Contabile. La Formazione Professionale Continua - che non sostituisce, ma completa ulteriori attività formative che si rendessero necessarie dalla natura degli incarichi acquisiti - è diretta al miglioramento e al perfezionamento professionale e costituisce uno dei presupposti per erogare, nell interesse di clienti e pubblico, prestazioni professionali di qualità, secondo le correnti prassi e tecniche professionali e le vigenti disposizioni normative. Riferimenti normativi I riferimenti normativi che disciplinano la FPC, sono il Regolamento per la Formazione Professionale Continua del Consiglio Nazionale Secondo tali regolamenti, i Dottori Commercialisti e gli Esperti Contabili devono acquisire un minimo di 90 crediti formativi nell arco di un triennio. Ogni anno sono richiesti un minimo di 20 crediti di cui almeno 3 maturati in materie obbligatorie (ordinamento, deontologia, tariffe, organizzazione dello studio professionale). Regolamento Formazione Professionale Continua del CNDCEC presentato per l approvazione del Ministero della Giustizia ai sensi dell art. 7 del DPR 7 agosto 2012, n. 137 Novità rispetto alla vigente regolamentazione Il Consiglio Nazionale, nel corso della seduta del 18 marzo 2015, ha deliberato l approvazione del nuovo testo di Regolamento per la Formazione Professionale Continua, per la cui emanazione si dovrà attendere il parere favorevole del Ministero della Giustizia,ai sensi dell art. 7 del DPR 7 agosto 2012, n. 137 (Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148). Nell intervento di rivisitazione del testo del Regolamento per la Formazione Professionale Continua, il Consiglio Nazionale è intervenuto al fine di recepire le novità introdotte in tema di formazione dall art. 7 del DPR 7 agosto 2012, n. 137, e tenuto conto delle esigenze rappresentate da professionalità ed esperienze di Ordini territoriali diversi. Il citato decreto Ministeriale, oltre ad aver introdotto per tutte le professioni regolamentate l'obbligo di curare il continuo e costante aggiornamento della propria competenza professionale e previsto che la violazione dell'obbligo formativo costituisce illecito disciplinare, ha attribuito al Consiglio Nazionale la regolamentazione della Formazione Professionale Continua, previo parere favorevole del Ministro della Giustizia. Pertanto la prima novità rilevante rispetto all attuale regolamentazione è data dall adozione di un regolamento unico emanato dal Consiglio 6

7 Nazionale che soddisfa anche l esigenza di uniformità di trattamento sul territorio nazionale. Il DPR 137/2012 prevede che i corsi di formazione possano essere organizzati anche da associazioni di iscritti agli Albi e da altri soggetti autorizzati dal Consiglio Nazionale, previo parere vincolante del Ministro della Giustizia. Nel Regolamento sono stati dunque introdotti il procedimento per il riconoscimento delle Associazioni di iscritti agli albi e di altri soggetti, e l istituzione di un registro contenente l elenco dei c.d. soggetti autorizzati. E previsto che la proposta di delibera con parere positivo alla concessione dell autorizzazione è trasmessa al Ministero della Giustizia da parte del Consiglio Nazionale se gli istanti sono in possesso dei requisiti indicati all art. 8 del Regolamento. L istruttoria della richiesta di accreditamento degli eventi organizzati dai soggetti autorizzati è demandata all Ordine territorialmente competente, il quale deve trasmetterne l esito al Consiglio Nazionale almeno 30 giorni prima della data di svolgimento dell evento. Il Consiglio Nazionale deciderà in merito all accreditamento. Alle associazioni di iscritti agli Albi ed agli altri soggetti che abbiano ottenuto l autorizzazione per l organizzazione degli eventi (escluse le Fondazioni e Associazioni costituite o partecipate da uno o più Ordini e le associazioni sindacali di categoria maggiormente rappresentative riconosciute dal Consiglio Nazionale) è richiesto il versamento di un contributo all Ordine. La principale novità prevista dall articolo 1 del Regolamento per la Formazione Professionale Continua in approvazione al Ministero è l introduzione della distinzione tra aggiornamento e formazione. Per le sole attività definite di formazione, ossia orientate all acquisizione di nuove conoscenze ed all accrescimento delle competenze professionali, è previsto il riconoscimento di un numero di crediti anche superiore ad 1 per ciascuna ora di svolgimento dell attività formativa, individuati oltre che sul dato temporale, sulla base di criteri oggettivi predeterminati. Per la valutazione degli eventi rientranti nell attività di aggiornamento si è mantenuto il criterio 1 ora = 1 cfp. Si è previsto che ai fini dell adempimento dell obbligo formativo, l iscritto debba acquisire almeno 9 crediti nel triennio, derivanti da attività formative aventi ad oggetto l ordinamento, la deontologia, la normativa antiriciclaggio, l organizzazione dello studio professionale, le tecniche di mediazione ed i compensi. Relativamente all acquisizione dei crediti formativi tramite le attività di formazione a distanza, il limite dei CFP utili per l adempimento dell obbligo formativo annuale è stato innalzato a 20 e sono state escluse limitazioni alla maturazione di CFP in modalità elearning per gli iscritti affetti da disabilità permanente. Attualmente le ipotesi di esenzione dallo svolgimento della Formazione Professionale Continua sono previste nei regolamenti degli Ordini territoriali. Rispetto alla linee guida emanate nel 2008 dal Consiglio Nazionale, l esonero dallo svolgimento della formazione per i casi maternità è stato modificato prevedendo la riduzione di 45 CFP ed il riconoscimento dell esenzione anche ai padri ed ai genitori adottivi o affidatari. E stata altresì introdotta l ipotesi di esonero dall obbligo formativo per gli iscritti che abbiano compiuto i sessantacinque anni di età (65). In materia sono poi stati definiti i casi in cui l esonero è attribuito d ufficio e quelli in cui il riconoscimento avviene su istanza di parte. Anche con riguardo le attività formative particolari, rispetto alla linee guida emanate nel 2008 dal Consiglio Nazionale, sono state rivisitate le formulazioni di alcuni voci della tabella, variato il numero dei crediti attribuiti alle diverse attività ed introdotte altre attività che consentono l acquisizione di CFP. Infine, è stato introdotto l art. 17 che indica: le modalità di svolgimento da parte dell Ordine delle verifiche annuali e triennali dell assolvimento dell obbligo formativo da parte degli iscritti; l obbligo di annotazione nell Albo del provvedimento disciplinare previsto dall articolo 1, del D.P.R. 137/2012; l esclusione di coloro ai quali sia stata irrogata una sanzione per il mancato adempimento dell obbligo formativo dall inserimento di specifici elenchi al fine dell assegnazione di incarichi o della designazione di Commissario di esame. 7

8 LA NUOVA CONVENZIONE QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO DURANTE GLI STUDI UNIVERSITARI Nel mese di ottobre 2014 è stata sottoscritta la nuova convenzione quadro fra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, il Ministero della Giustizia ed il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili che ai sensi dell art. 6, comma 4, DPR 7 agosto 2012, n. 137 consente lo svolgimento del tirocinio durante gli studi universitari. La nuova convenzione quadro dovrà essere attuata mediante accordi tra Ordini territoriali e Università. L attuazione dovrà realizzarsi entro l anno accademico , in quanto la norma transitoria prevede che le vecchie convenzioni tra Ordini ed Università (stipulate in attuazione della convenzione quadro del 2010) possono trovare applicazione fino alla stipula delle nuove convenzioni tra Ordini ed Università e, comunque, non oltre l anno accademico Quindi a partire dall anno accademico non potranno più trovare applicazione i vecchi accordi e, se non saranno siglati i nuovi accordi, non sarà possibile svolgere il semestre di tirocinio nel corso degli studi universitari. Con la riduzione del tirocinio da 36 a 18 mesi sono stati riformulati anche i termini delle convenzioni universitarie che consentono lo svolgimento del tirocinio durante gli studi universitari. L art. 6, comma 4, DPR 137/2013 consente di svolgere solo 6 mesi di tirocinio durante l ultimo anno del corso di laurea triennale e magistrale. Le nuove disposizioni di legge consentono di estendere il beneficio dell inizio del tirocinio nel corso degli studi anche agli aspiranti esperti contabili per i quali sarà possibile svolgere 6 mesi di tirocinio per l accesso alla sezione B dell albo nel corso dell ultimo anno del percorso di laurea. La convenzione permetterà non solo di svolgere un tirocinio semestrale nel corso dell ultimo anno del percorso di laurea triennale o magistrale, ma anche di avere l esonero dalla prima prova dell esame di Stato per l accesso alla Sez. A o B dell Albo. La convenzione consente anche di realizzare percorsi formativi espressamente finalizzati all accesso della professione di dottore commercialista e di esperto contabile. Le convenzioni locali siglate in attuazione della convenzione quadro avranno valenza su tutto il territorio. Al tirocinante, infatti, sarà possibile applicare la convenzione siglata dall Università presso la quale risulta iscritto, ancorché la convenzione sia stata sottoscritta con un Ordine territoriale diverso da quello presso il quale il tirocinante chiede l iscrizione per lo svolgimento del tirocinio. Per poter svolgere un semestre di tirocinio nell ultimo anno del corso di laurea triennale e per avere l esonero dalla prima prova dell esame di Stato per l accesso alla Sezione B dell albo sarà necessario: - essere iscritti ad un corso di laurea triennale della classe L18 (ex DM 270/2004) o della classe L33 (ex Dm 270/2004) attuato nell ambito di una convenzione tra Ordine territoriale ed Università; - acquisire 24 crediti formativi universitari (CFU) in economia aziendale e di 15 CFU in altre materie aziendalistiche (tali crediti dovranno essere acquisiti prima dello svolgimento del semestre di tirocinio in convenzione) - svolgere nel semestre un numero di ore compreso fra 200 e 225 di tirocinio presso lo studio professionale o sotto la supervisione e controllo del dominus e con l indicazione di un docente del dipartimento (tutor accademico). La valutazione dell attività svolta nel corso del semestre di tirocinio è fatta sulla base di un attestazione semestrale apposta dal professionista e dal tirocinante sul libretto di tirocinio professionale rilasciato dall Ordine stesso. La verifica sull effettivo svolgimento del tirocinio spetta all Ordine, in sede di apposizione del visto semestrale sul libretto del tirocinio. Alle ore di tirocinio svolte nel corso della laurea triennale potranno essere riconosciuti anche crediti universitari. In particolare, l Università potrà attribuire all attività di tirocinio professionale fino a 9 crediti formativi universitari a condizione che: a) ex ante sia redatto un progetto formativo comprendente obiettivi e tipologie di attività prevalenti, sottoscritto dal professionista presso il quale è svolto il tirocinio e dal Dipartimento interessato; b) l effettivo svolgimento del tirocinio sia verificato mediante l attestazione apposta dal tutor professionista, dal tutor accademico e dal tirocinante sul libretto di tirocinio, validato dall Ordine territoriale al termine del semestre; c) una Commissione d esame valuti, previa discussione, una relazione scritta elaborata dallo studente su argomenti affrontati durante il tirocinio che utilizzano le conoscenze e competenze 8

9 acquisite nel percorso formativo triennale nonché in quelle maturate durante l esperienza formativa del tirocinio. Per poter svolgere un semestre di tirocinio nell ultimo anno del corso di laurea magistrale e per essere esonerati dalla prima prova dell esame di Stato per l accesso alla Sezione A dell Albo sarà necessario: - essere in possesso di una laurea triennale della classe L18 (ex DM 270/2004) o della classe L33 (ex Dm 270/2004), ovvero di una laurea triennale di un altra classe di laurea e di aver colmato i debiti formativi richiesti dall Ordinamento didattico; - essere iscritti ad un corso di laurea triennale della classe LM 56 (ex DM 270/2004) o della classe LM 77 (ex Dm 270/2004) attuato nell ambito di una convenzione tra Ordine territoriale ed Università; - acquisire 18 CFU in economia aziendale, di 9 CFU in altre materie aziendalistiche e di 21 CFU in materie giuridiche (tali crediti dovranno essere acquisiti prima dello svolgimento del semestre di tirocinio in convenzione. Ciò rappresenta una novità rispetto alla precedente convenzione quadro). Per coloro che sono in possesso di una laurea triennale della classe L18 (ex DM 270/2004) o della classe L33 (ex Dm 270/2004) sarà necessario aver acquisito nel corso della laurea triennale anche 24 (CFU) in economia aziendale e di 15 CFU in altre materie aziendalistiche; - svolgere nel semestre un numero di ore compreso fra 275 e 300 di tirocinio presso lo studio professionale o sotto la supervisione e controllo del dominus e con l indicazione di un docente del dipartimento (tutor accademico). La valutazione dell attività svolta nel corso del semestre di tirocinio è fatta sulla base di un attestazione semestrale apposta dal professionista e dal tirocinante sul libretto di tirocinio professionale rilasciato dall Ordine stesso. La verifica sull effettivo svolgimento del tirocinio spetta all Ordine, in sede di apposizione del visto semestrale sul libretto del tirocinio. Alle ore di tirocinio svolte nel corso della laurea triennale potranno essere riconosciuti anche crediti universitari. In particolare, l Università potrà attribuire all attività di tirocinio professionale fino a 12 crediti formativi universitari a condizione che siano rispettate le stesse condizioni già indicate per le lauree triennali. Regolamento per l esercizio della funzione disciplinare territoriale Il Consiglio nazionale (art. 29, co. 1, lett. c. del D.Lgs. 139/05)) ha il compito di adottare ed aggiornare il codice deontologico della professione nonché di disciplinare, con propri regolamenti, l esercizio della funzione disciplinare sia a livello nazionale che territoriale. Il nuovo Regolamento per l esercizio della funzione disciplinare territoriale è stato approvato dal CNDCEC nella seduta dei giorni 18/19 marzo L esigenza di una nuova stesura del Regolamento scaturisce dalle regole del sistema disciplinare definite nell art. 8 del Decreto del Presidente della Repubblica 7 agosto 2012 n. 137 recante Riforma degli ordinamenti professionali in attuazione dell art. 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito dalla legge 14 settembre 2011, n Il Regolamento disciplinare è stato preceduto dal Regolamento che disciplina i criteri di proposta dei candidati e le modalità di designazione dei componenti dei Consigli di disciplina territoriali degli Ordini dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili - previsto al comma 3 del sopracitato articolo 8 - che è stato approvato dal Ministero della Giustizia e pubblicato nel Bollettino Ufficiale dello stesso Ministero in data 15 maggio Il nuovo Regolamento Disciplinare entrerà in vigore il giorno 1 giugno STRUTTURA Il nuovo Regolamento si compone di 28 articoli raccolti in 3 titoli: a) il primo (artt. 1-8) disciplina i principi generali, l esercizio dell azione disciplinare e l analisi preliminare degli atti; b) il secondo (artt. 9-27) disciplina l apertura del procedimento disciplinare, il dibattimento ed i provvedimenti dell organo giudicante; c) il terzo (art. 28) indica la data di approvazione e l entrata in vigore. PRINCIPALI NOVITA 1) Individuazione e disciplina degli organi giudicanti Alla luce di quanto stabilito dall art. 8 del D.P.R. 137/2012 e dal Regolamento del 15 maggio 2013 sono state disciplinate la composizione e le competenze dei Consigli e dei Collegi di Disciplina. 9

10 2) Archiviazione Oltre alla fattispecie dell archiviazione immediata è prevista la possibilità di disporre l archiviazione alla fine dell analisi preliminare e della fase istruttoria. 3) Sospensione cautelare La sospensione cautelare è stata disciplinata in un articolo autonomo dove è stato tra l altro indicato che può essere disposta in ogni fase del procedimento. È stato altresì precisato che la sospensione cautelare è comunque disposta in caso di applicazione di misura cautelare o interdittiva non avente natura esclusivamente patrimoniale, di sentenza definitiva con cui si è applicata l interdizione dalla professione o dai pubblici uffici. 4) Ordinanza di sospensione del procedimento disciplinare All art. 21 (co. 2) è stato precisato che: La sospensione interrompe il decorso del termine di prescrizione. Se col provvedimento di sospensione non è stata fissata la data in cui il procedimento deve proseguire, il Consiglio o il Collegio di Disciplina deve fissare e notificare alle parti interessate la prosecuzione del procedimento entro il termine perentorio di tre mesi dalla conoscenza effettiva da parte del Consiglio o del Collegio della cessazione della causa di sospensione di cui al presente comma, o del passaggio in giudicato della sentenza che definisce la controversia avanti l Autorità Giudiziaria. 5) Notificazione ed esecutività dei provvedimenti disciplinari Oltre a disciplinare le modalità di notificazione e comunicazione dei provvedimenti disciplinari - le decisioni di cui all art. 25 e le sospensioni cautelari di cui all art. 10 è stato stabilito che i suddetti provvedimenti diventano esecutivi decorso il termine per impugnare (30 giorni) decorrente dalla notifica all incolpato. E prevista inoltre la facoltà per il ricorrente di proporre al Consiglio di Disciplina Nazionale istanza di sospensione dell efficacia del provvedimento. 6) Approvazione ed entrata in vigore Il Regolamento entrerà in vigore il giorno 1 giugno E stato previsto che il Regolamento si applica ai procedimenti disciplinari aperti ai sensi dell art. 9 della nuova regolamentazione; mentre i procedimenti disciplinari pendenti ( cioè già aperti) alla data di entrata in vigore del presente Regolamento sono disciplinati dalle disposizioni vigenti al momento dell apertura dei relativi procedimenti. Regolamento per lo svolgimento del tirocinio mediante frequenza di corsi di formazione professionale L articolo 6, commi 9, 10 e 111 del D.P.R. 137/2012 (Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148) prevede che il tirocinio, oltre che nella pratica svolta presso un professionista, può consistere anche nella frequenza con profitto, per un periodo non superiore a sei mesi, di specifici corsi di formazione professionale organizzati dagli Ordini o Collegi e da associazioni di iscritti agli albi e da altri soggetti, autorizzati dai vari consigli nazionali previo parere vincolante del Ministro vigilante. Il D.P.R. 137/2012 demanda ad un regolamento da adottarsi da parte dei Consigli nazionali delle varie professioni, previo parere favorevole del Ministro vigilante, la disciplina delle modalità e delle condizioni per l istituzione dei corsi di formazione, la fissazione dei contenuti formativi essenziali dei corsi e della loro durata minima (non inferiore a 200 ore) ed, infine, la disciplina delle modalità e delle condizioni per la frequenza dei corsi di formazione da parte dei tirocinanti nonché quelle per le verifiche intermedia e finale del profitto, affidate a una commissione composta da professionisti e docenti universitari, in pari numero, e presieduta da un docente universitario. In ragione di ciò il Consiglio Nazionale nella seduta del 3 dicembre 2014 ha approvato il regolamento per lo svolgimento del tirocinio mediante frequenza di corsi di formazione professionale che è stato poi trasmesso al Ministero della Giustizia per il parere vincolante. 1 Articolo 6, comma 9 e 10,11, D.P.R. 137/ Il tirocinio, oltre che nella pratica svolta presso un professionista, può consistere altresì nella frequenza con profitto, per un periodo non superiore a sei mesi, di specifici corsi di formazione professionale organizzati da ordini o collegi. I corsi di formazione possono essere organizzati 10

11 anche daassociazioni di iscritti agli albi e da altri soggetti, autorizzati dai consigli nazionali degli ordini o collegi. Quando deliberano sulla domanda di autorizzazione di cui al periodo precedente, i consigli nazionali trasmettono motivata proposta di delibera al ministro vigilante al fine di acquisire il parere vincolante dello stesso. 10. Il consiglio nazionale dell ordine o collegio disciplina con regolamento, da emanarsi, previo parere favorevole del ministro vigilante, entro un anno dall entrata in vigore del presente decreto: a) le modalità e le condizioni per l istituzione dei corsi di formazione di cui al comma 9, in modo da garantire la libertà e il pluralismo dell offerta formativa e della relativa scelta individuale; b) i contenuti formativi essenziali dei corsi di formazione; c) la durata minima dei corsi di formazione, prevedendo un carico didattico non inferiore a duecento ore; d) le modalità e le condizioni per la frequenza dei corsi di formazione da parte del praticante nonché quelle per le verifiche intermedie e finale del profitto, affidate a una commissione composta da professionisti e docenti universitari, in pari numero, e presieduta da un docente universitario, in modo da garantire omogeneità di giudizio su tutto il territorio nazionale. Ai componenti della commissione non sono riconosciuti compensi, indennità o gettoni di presenza. 11. Il ministro vigilante, previa verifica, su indicazione del consiglio nazionale dell ordine o collegio, dell idoneità dei corsi organizzati a norma del comma 9 sul territorio nazionale, dichiara la data a decorrere dalla quale la disposizione di cui al medesimo comma e applicabile al tirocinio. N.B.: attualmente il Consiglio Nazionale è in attesa della formulazione del parere da parte del Ministero della Giustizia. I corsi verranno istituiti con delibera del Consiglio Nazionale previa verifica del rispetto dei requisiti stabiliti dal regolamento stesso per ciò che riguarda durata, modalità di frequenza, materie di insegnamento, caratteristiche dei docenti e verifiche. Essi potranno essere organizzati: dagli Ordini da associazioni di iscritti nell albo ed altri soggetti autorizzati dal Consiglio Nazionale previo parere vincolante del Ministero della Giustizia Cosa cambierà per i tirocinanti Attualmente sono previsti solamente corsi di formazione integrativi (art. 3 D.M. 7 agosto 2009, n. 143), nel senso che le ore destinate alla frequenza dei corsi si aggiungono alle ore settimanali di svolgimento del tirocinio presso lo studio. Il tirocinio tramite frequenza di corsi di formazione sarà facoltativo e alternativo al tirocinio svolto presso lo studio. Potrà essere svolto per un semestre e solo a laurea magistrale/specialistica o triennale già conseguite (rispettivamente per il tirocinio da dottore commercialista e per quello da esperto contabile). per gli Ordini Il D.P.R. 137/2012 attribuisce una competenza specifica agli Ordini, in virtù della quale essi saranno chiamati a predisporre una offerta formativa. per il Consiglio Nazionale In aggiunta alle competenze che normalmente svolge dovrà: deliberare, previo parere vincolante del Ministero della Giustizia, sulle domande di autorizzazione a diventare soggetto formatore presentate dai soggetti diversi dagli Ordini territoriali (articolo 6, comma 9 del D.P.R. 137/2012); deliberare in merito alle proposte di istituzione dei corsi di formazione presentate dai soggetti formatori. Procedure amministrative Il Consiglio Nazionale intende avviare un progetto teso alla diffusione tra gli Ordini delle best practices amministrative con riferimento alle procedure che gli Ordini stessi sono chiamati a porre in essere nello svolgimento della loro funzione istituzionale di tenuta dell albo/elenco speciale e del registro del tirocinio. Le procedure verranno analizzate alla luce della normativa vigente in tema di procedimento amministrativo (legge n. 241/1990) e coordinate con le disposizioni normative relative alla professione ed al tirocinio di dottore commercialista e di esperto contabile. In relazione ad ogni passaggio delle procedure verranno individuati gli specifici modelli documentali che potranno essere utilizzati dagli Ordini. 11

12 L iniziativa è finalizzata al miglioramento della efficienza dell attività amministrativa degli Ordini e della prevenzione delle eventuali contestazioni che potrebbero sorgere in relazione all espletamento delle funzioni istituzionali degli Ordini stessi. Durante l Assemblea dei Segretari è stata illustrata la procedura di iscrizione nell albo e nell elenco speciale. Le altre procedure che analizzate e per le quali saranno forniti i modelli di documenti sono: iscrizione nel registro del tirocinio cancellazione su istanza dall albo/elenco cancellazione su istanza dal registro del tirocinio cancellazione d ufficio dall albo/elenco cancellazione d ufficio dal registro del tirocinio rilascio di certificati Inoltre, sono state analizzate le procedure accertamento d ufficio, notificazione e comunicazione che sono collegate alle procedure principali. Con riferimento al tirocinio sono state elaborate anche le procedure rilascio nulla osta e sospensione del tirocinio su istanza. È stata infine analizzata e resa disponibile anche la procedura relativa all esercizio della funzione disciplinare. Scuola di Alta Formazione Si chiameranno SAF (Scuola di Alta Formazione) e saranno in tutto 14: tre nelle grandi Città metropolitane (Milano, Roma e Napoli) ed altre 11 su tutto il territorio nazionale, suddiviso per macro-aree in base al numero di iscritti. In ognuna di esse, gli iscritti alle sezioni A e B dell Albo (ma non è escluso che in futuro potranno essere accessibili anche ai tirocinanti), potranno seguire dei corsi di formazione altamente qualificati, propedeutici al riconoscimento di una specializzazione nell ambito che si è deciso di approfondire. Commercialisti specialisti, si può In campo le scuole di alta formazione. Arriva il commercialista specialista. Dopo i medici e gli avvocati ci pensano ora i professionisti del fisco a ritagliarsi nuovi titoli di specializzazione cuciti (anche) a misura di mercato e di competenze acquisite sul campo. A formare i commercialisti saranno le nuove scuole di alta formazione (Sal) costituite su base regionale e interregionale che svolgeranno la loro attività in collaborazione con le università. E, in attesa di ottenere un riconoscimento giuridico, i nuovi titoli specialistici saranno approvati dallo stesso Consiglio nazionale. Ovviamente alla loro costituzione interverrà il Cn, la Fondazione nazionale commercialisti e gli ordini territoriali, deputati storicamente a gestire la formazione. Dunque, dopo l'approvazione del regolamento della formazione continua, con il quale è stata sancita la separazione tra aggiornamento e formazione in <<un'ottica già tutta votata alle specializzazioni, arriva un nuovo tassello finalizzato>>, spiega il presidente Gerardo Longobardi, <<a creare nuove opportunità di lavoro per i commercialisti, ma anche a migliorare la qualità delle prestazioni professionali offerte dagli iscritti nei nostri albi. Le Sal completeranno il quadro dell'offerta formativa, puntando a definire i caratteri tecnico-culturali della professione del futuro>>. Per la realizzazione delle scuole, alcune delle quali potranno già partire a fine 2015, il Cn ha individuato 11 macroaree territoriali nell'ambito delle quali ne nascerà un numero compreso tra 11 e 14 e per i primi due anni di start-up saranno finanziate da Roma, con un contributo complessivo di quasi 2 mln di euro. Le attività formative saranno però sovvenzionate anche attraverso un contributo di iscrizione ai corsi, destinato alla copertura delle spese organizzative. Le intenzioni del Cn sono comunque quelle di dare legittimità giuridica a questo percorso, proponendo una modifica dell'ordinamento professionale (dlgs 139/05), che possa portare a un riconoscimento legislativo dei titoli di specializzazione. 12

13 13

SCHEDA DI LETTURA Regolamento per lo svolgimento del tirocinio mediante frequenza di corsi di formazione professionale Roma, aprile 2016 Indice Aspetti generali Descrizione del contenuto 3 5 2 Aspetti

Dettagli

VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE

VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE LINEE GUIDA PER LA VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE a cura del Consiglio dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli

Dettagli

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nella seduta del 1 marzo 2012,

Dettagli

Regolamento per la formazione professionale continua dell Ordine territoriale di Milano

Regolamento per la formazione professionale continua dell Ordine territoriale di Milano FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA degli iscritti negli Albi tenuti dagli Ordini dei dottori commercialisti e degli esperti contabili Regolamento per la formazione professionale continua dell Ordine territoriale

Dettagli

Kt-p. N. -11G;2/ielS ~~.w. L\.tLSS ljel 2~lo+1

Kt-p. N. -11G;2/ielS ~~.w. L\.tLSS ljel 2~lo+1 Kt-p. N. -11G;2/ielS ~~.w. L\.tLSS ljel 2~lo+1 CONVENZIONE TRA L'Ordine dei Dottori CommerciaHsti e degli Esperti Contabili di Vallo della Lucania, con sede in Vallo della Lucania (SA), Piazza Vittorio

Dettagli

Regolamento. della formazione professionale continua. dei Ragionieri commercialisti

Regolamento. della formazione professionale continua. dei Ragionieri commercialisti Regolamento della formazione professionale continua dei Ragionieri commercialisti Approvato dal Consiglio Nazionale Ragionieri il 18 ottobre 2006 Il Consiglio Nazionale Ragionieri Commercialisti CONSIDERATO

Dettagli

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato specialista, a norma dell articolo 9 della legge 31

Dettagli

Convenzione. tra. l'ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Viterbo

Convenzione. tra. l'ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Viterbo Convenzione tra l'ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Viterbo e II Dipartimento di Economia e Impresa - D.E.Im., delll'università degli Studi della Tuscia per lo svolgimento

Dettagli

DI INCARICHI ESTERNI DA PARTE DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI

DI INCARICHI ESTERNI DA PARTE DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE INCOMPATIBILITÀ E DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI ESTERNI DA PARTE DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI (D.R. N. 302 DEL 29.7.2015) CAPO I AMBITO

Dettagli

Note interpretative. Indicazioni per l applicazione del Regolamento del tirocinio (DM 7 agosto 2009, n. 143)

Note interpretative. Indicazioni per l applicazione del Regolamento del tirocinio (DM 7 agosto 2009, n. 143) Note interpretative Indicazioni per l applicazione del Regolamento del tirocinio (DM 7 agosto 2009, n. 143) 11 novembre 2009 Mandato 2008-2012 Area di delega Consigliere Delegato Consiglieri Co-Delegati

Dettagli

ORDINE dei DOTTORI COMMERCIALISTI e degli ESPERTI CONTABILI di CASERTA

ORDINE dei DOTTORI COMMERCIALISTI e degli ESPERTI CONTABILI di CASERTA Accordo tra l Ordine dei dottori commercialisti e esperti contabili di Caserta e la Facoltà di Economia della Seconda Università di Napoli visto - l articolo 43 del Decreto Legislativo 28 giugno 2005,

Dettagli

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI Armando Zambrano,Presidente CNI Rimini, 12 settembre 2012. 1 IL REGOLAMENTO SULLA RIFORMA Il regolamento

Dettagli

Regolamento per la formazione professionale continua dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze

Regolamento per la formazione professionale continua dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze Regolamento per la formazione professionale continua dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze Il Consiglio dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI PARMA

REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI PARMA REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI PARMA Approvato dal Consiglio dell Ordine nella seduta del 26/11/2008 (con modifiche

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MANTOVA REGOLAMENTO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MANTOVA REGOLAMENTO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MANTOVA REGOLAMENTO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA il Consiglio dell Ordine di MANTOVA nella seduta del 16.05.2012 PRESO ATTO delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA

REGOLAMENTO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili REGOLAMENTO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA degli iscritti nell Albo tenuto dall Ordine dei dottori commercialisti e degli

Dettagli

ACCORDO. tra L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI LECCE e L UNIVERSITA DEL SALENTO FACOLTA DI ECONOMIA

ACCORDO. tra L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI LECCE e L UNIVERSITA DEL SALENTO FACOLTA DI ECONOMIA ACCORDO tra L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DI LECCE e L UNIVERSITA DEL SALENTO FACOLTA DI ECONOMIA visto - l articolo 43 del Decreto Legislativo 28 giugno 2005, n. 139 e l art. 6 del DM 7 agosto 2009,

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

. IL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE

. IL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE . IL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE Considerato che l ordinamento professionale riserva ai Consigli dell Ordine degli Avvocati, in collaborazione con il Consiglio Nazionale Forense e ferma

Dettagli

Formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti - REGOLAMENTO - Approvato dal Consiglio nazionale il 6 novembre 2013 sulla base del parere favorevole espresso dal Ministro della

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

UNIVERSITÀ ALDO MORO

UNIVERSITÀ ALDO MORO "*^^HF*" Ordine del Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili -BRWDISI- UNIVERSITÀ DEGÙ STUDI DI BARI ALDO MORO Convenzione tra gli Ordini dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di

Dettagli

Regolamento della formazione professionale continua del dottore commercialista

Regolamento della formazione professionale continua del dottore commercialista CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI Regolamento della formazione professionale continua del dottore commercialista (approvato nella seduta consiliare del 26 novembre 2003) Art. 1 Formazione

Dettagli

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA degli iscritti negli Albi tenuti dagli Ordini dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

Regolamento per la formazione professionale continua dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Modena

Regolamento per la formazione professionale continua dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Modena Regolamento per la formazione professionale continua dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Modena Il Consiglio dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE D.Lvo 39/2010 - Artt. 5 Parere: CONSOB Concerto NO Regolamento sulla formazione continua dei revisori BOZZA Regolamento del Ministro dell economia e delle finanze concernente le modalità del perfezionamento

Dettagli

ACCORDO TRA L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI PESARO URBINO

ACCORDO TRA L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI PESARO URBINO ACCORDO TRA L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI PESARO URBINO E L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO FACOLTÀ DI ECONOMIA L Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb.

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb. ACCORDO tra L Ordine dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Pesaro e Urbino e il dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo visto - la Legge 11 gennaio 1979, n. 12 recante Norme per l ordinamento

Dettagli

COMMISSIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA. Orientamenti interpretativi sulle Norme di attuazione

COMMISSIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA. Orientamenti interpretativi sulle Norme di attuazione COMMISSIONE FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA Orientamenti interpretativi sulle Norme di attuazione del Regolamento di formazione professionale continua LUGLIO 2003 SOMMARIO Art. 1 - Formazione professionale

Dettagli

Accordo tra l Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Brescia e l Università degli Studi di Brescia

Accordo tra l Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Brescia e l Università degli Studi di Brescia Allegato al Verbale del Consiglio di Facoltà del 13 luglio 2011. Accordo tra l Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Brescia e l Università degli Studi di Brescia visto - l articolo

Dettagli

CONVENZIONE TRA VISTO

CONVENZIONE TRA VISTO CONVENZIONE per lo svolgimento del tirocinio in concomitanza con il percorso formativo e per l'esonero dalla prima prova scritta dell'esame di Stato per l'esercizio della professione di Dottore Commercialista

Dettagli

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo? PROFESSIONE FORENSE 04 SETTEMBRE 2015 Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?». Il Ministro della Giustizia ha firmato, il 14 agosto 2015, il regolamento che disciplina le modalità

Dettagli

contabile; CONSIDERATO

contabile; CONSIDERATO "CONVENZIONE QUADRO" FRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA, Il MINISTERO DELLA GIUSTIZIA ED Il CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI "Tirocinio

Dettagli

2012 REPERTORIO N 4/2012 PROT. 750 POS. II/2.2

2012 REPERTORIO N 4/2012 PROT. 750 POS. II/2.2 2012 REPERTORIO N 4/2012 PROT. 750 POS. II/2.2 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Accordo con l Ordine di Firenze relativo al DM del 05.XI.2010 Accordo tra l Ordine dei Dottori

Dettagli

Regolamento per la Formazione e l Aggiornamento professionale permanente

Regolamento per la Formazione e l Aggiornamento professionale permanente Regolamento per la Formazione e l Aggiornamento professionale permanente Associazione Italiana per la Pianificazione ed il Controllo di Gestione nelle Banche, nelle Società Finanziarie e nelle Assicurazioni

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti. di Luca Ferrari

I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti. di Luca Ferrari I nuovi requisiti per lo svolgimento dell'attività del revisore legale dei conti di Luca Ferrari ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA REVISIONE LEGALE L esercizio della revisione legale é riservato ai soggetti

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4. REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.2015) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le procedure

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine Via Cristoforo Colombo, 456 00145 Roma

Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine Via Cristoforo Colombo, 456 00145 Roma Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine Via Cristoforo Colombo, 456 00145 Roma Regolamento della Formazione Continua Obbligatoria del Consulente del Lavoro per L Esercizio In Qualità Della

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Provvedimento d'urgenza n. 24/2015 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT - vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, ed in particolare

Dettagli

visto l iscrizione nella sezione B dell Albo, il quale dispone, al comma 3, che siano esentati

visto l iscrizione nella sezione B dell Albo, il quale dispone, al comma 3, che siano esentati Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Genova, Chiavari, Imperia, La Spezia, Sanremo e Savona Accordo tra L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA,

Dettagli

Norme di attuazione del Regolamento di formazione professionale continua del dottore commercialista

Norme di attuazione del Regolamento di formazione professionale continua del dottore commercialista CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI Norme di attuazione del Regolamento di formazione professionale continua del dottore commercialista (approvate nella seduta consiliare del 26 novembre 2002)

Dettagli

Con il corso di laurea in Economia Aziendale la Facoltà di Economia di Urbino prepara alla professione di dottore commercialista

Con il corso di laurea in Economia Aziendale la Facoltà di Economia di Urbino prepara alla professione di dottore commercialista Con il corso di laurea in Economia Aziendale la Facoltà di Economia di Urbino prepara alla professione di dottore commercialista La Facoltà di Economia propone il corso di laurea in Economia Aziendale,

Dettagli

motivo 5 Ed in linea con il soddisfacimento dei requisiti previsti dalla normativa (es. formazione professionale continua)

motivo 5 Ed in linea con il soddisfacimento dei requisiti previsti dalla normativa (es. formazione professionale continua) REGOLAMENTO Ai sensi della seconda convenzione Quadro fra MIUR e CNDCEC (ottobre 2014) e della seconda Convenzione fra Università Bocconi ed Ordine territoriale di Milano (10 luglio 2015) 1. Ambito di

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA, in persona del suo Presidente Avv. Giovanni Chiello, il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 12097 del 5.6.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

CONSIDERATO. stipulano. la seguente CONVENZIONE

CONSIDERATO. stipulano. la seguente CONVENZIONE CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PROFESSIONALE PER L ACCESSO ALLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO IN CONCOMITANZA CON IL PERCORSO DI LAUREA AI SENSI DELL ART. 9, COMMA 6, D.L. 24.01.2012,

Dettagli

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO : ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ Annalisa DE VIVO Diretta 19 aprile 2010 ISTITUZIONE DEL REGISTRO Con il d.lgs. n. 39/2010 è istituito un UNICO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI. L autorità pubblica

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel., chiede di essere iscritto/a al Registro Praticanti Avvocati per trasferimento dall Ordine

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo della formazione continua agli iscritti all Ordine degli Ingegneri (art. 3, comma 5, lettera b) del decreto-legge 13 agosto 2011, n.

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Scuola di specializzazione per le professioni legali. Regolamento

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Scuola di specializzazione per le professioni legali. Regolamento FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Scuola di specializzazione per le professioni legali Regolamento Art. 1 Istituzione e finalità della Scuola 1. E istituita presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE APPROVATO CON DELIBERA DEL 20 DICEMBRE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE APPROVATO CON DELIBERA DEL 20 DICEMBRE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE APPROVATO CON DELIBERA DEL 20 DICEMBRE 2005 aggiornato con delibere 27.04.2010, 17.07.2012 e 13.11.2012

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA"

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" RIPARTIZIONE II Settore IV REGOLAMENTO PER LE ATTRIBUZIONI DI ATTIVITA DIDATTICHE (conferimento affidamenti/supplenze attribuzioni contratti di insegnamento)

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

Novità in materia di Rimborsi IVA

Novità in materia di Rimborsi IVA Circolare 4 del 2 febbraio 2015 Novità in materia di Rimborsi IVA INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 3 Rimborsi di importo fino a 15.000,00 euro...3 4 Rimborsi di importo superiore a 15.000,00

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA Art. 1 (Finalità) 1 Emanato con D.D. n. 630 del 27/09/2011; modificato con D.R. n. 214 del 07/05/2014. 1. Il

Dettagli

GUIDA PER L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO DEGLI ARCHITETTI ISCRITTI ALL ALBO PROFESSIONALE ART. 7 D.P.R. N.

GUIDA PER L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO DEGLI ARCHITETTI ISCRITTI ALL ALBO PROFESSIONALE ART. 7 D.P.R. N. GUIDA PER L AGGIORNAMENTO E LO SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO DEGLI ARCHITETTI ISCRITTI ALL ALBO PROFESSIONALE ART. 7 D.P.R. N. 137/2012 1. ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso RISOLUZIONE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 gennaio 2007 OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso Con l interpello

Dettagli

IL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA (BOZZA)

IL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA (BOZZA) IL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA (BOZZA) Articolo 1 (Obbligo di formazione professionale continua) 1. In attuazione delle disposizioni di cui

Dettagli

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE Schema di decreto legislativo recante ulteriori modifiche ed integrazioni al decreto legislativo n. 141 del 2010, recante attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori,

Dettagli

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; LEGGE 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari. Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 Art. 1 Attivazione Presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali per l A.A. 2014/2015 è attivato, in conformità a quanto

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Regolamento per il conferimento di Borse e Premi di studio nel campo della formazione con esclusione dei progetti comunitari o di internazionalizzazione Senato Accademico

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLA COMPETENZA PROFESSIONALE

AGGIORNAMENTO DELLA COMPETENZA PROFESSIONALE AGGIORNAMENTO DELLA COMPETENZA PROFESSIONALE Regolamento, Linee di Indirizzo e chiarimenti a cura del Comitato Formazione Continua DEONTOLOGIA Art. 1.4 L ingegnere rifiuta di accettare incarichi per i

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 311 del 25 settembre

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari INTERMEDIARI FINANZIARI ART. 106 TUB, CONFIDI, AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA, MEDIATORI CREDITIZI E OPERATORI PROFESSIONALI

Dettagli

Oggetto: strumenti di formazione scientifica post-laurea e avanzata per laureati e diplomati presso gli IRSA.

Oggetto: strumenti di formazione scientifica post-laurea e avanzata per laureati e diplomati presso gli IRSA. Agli istituti di ricerca e sperimentazione agraria Loro sedi Oggetto: strumenti di formazione scientifica post-laurea e avanzata per laureati e diplomati presso gli IRSA. 1. Premessa Le circolari nn. 41537,

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Facoltà di Lettere e Filosofia Facoltà di Giurisprudenza Facoltà di Scienze Motorie Regolamento didattico Corso di laurea interfacoltà in SERVIZIO SOCIALE Classe L39 Articolo 1 Definizioni e finalità 1.

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 REGOLAMENTO DIDATTICO. Art. 1 Definizioni FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA, CLASSE LMG/01 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Definizioni a) per Facoltà: la Facoltà

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM - 23 - Classe

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree in INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE Ingegneria Civile ed Ambientale L8 - Classe delle Lauree

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI * SCHEDE * LA STRUTTURA DEI NUOVI PERCORSI FORMATIVI L avvio dei nuovi percorsi è previsto per l anno accademico 2011/2012. I PERCORSI DI STUDIO PER

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SENATO ACCADEMICO 20 maggio 2011, 22 novembre 2011, 23 maggio 2012 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 27 maggio 2011, 29 novembre 2011, 30 maggio 2012 D.R. D.R. 6/6/2011, n. 534, D.R. 12/12/2011, n. 1323, D.R.

Dettagli

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità SENATO ACCADEMICO Regolamento per la costituzione di contratti per lo svolgimento di attività di ricerca presso l Università degli Studi di Palermo deliberato dal SA nella seduta del 14 aprile 2009 e modificato

Dettagli

ACCORDO TRA NOVARA, ALESSANDRIA, ASTI, BIELLA, CASALE, TORTONA, la Facoltà di Economia dell Università degli Studi del Piemonte.

ACCORDO TRA NOVARA, ALESSANDRIA, ASTI, BIELLA, CASALE, TORTONA, la Facoltà di Economia dell Università degli Studi del Piemonte. 1 ACCORDO TRA gli Ordini dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di: NOVARA, ALESSANDRIA, ASTI, BIELLA, CASALE, TORTONA, VERBANIA, VERCELLI E la Facoltà di Economia dell Università degli Studi

Dettagli

SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA

SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA Michele Lapenna Consigliere Tesoriere Consiglio Nazionale Ingegneri 1 LA GENESI DELLA RIFORMA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA (emanato con D.R. 196/2013 dell 11/3/2013)

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA (emanato con D.R. 196/2013 dell 11/3/2013) REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA (emanato con D.R. 196/2013 dell 11/3/2013) Articolo 1 (Oggetto, ambito di applicazione, soggetti interessati)

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze D.R. n. 299. IL RETTORE VISTA la Legge n. 168 del 09/05/1989; VISTA la Legge n. 245 del 07/08/1990, ed in particolare l art. 8,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Costituzione 1. Con deliberazione del 21 febbraio 2011, ai sensi dell'art. 18 del D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28 e

Dettagli

Regolamento per la tenuta di un Elenco di Professionisti da mettere a disposizione delle Banche associate da cui poter attingere per la composizione

Regolamento per la tenuta di un Elenco di Professionisti da mettere a disposizione delle Banche associate da cui poter attingere per la composizione Regolamento per la tenuta di un Elenco di Professionisti da mettere a disposizione delle Banche associate da cui poter attingere per la composizione dei rispettivi collegi sindacali 1 OBIETTIVO E GESTIONE

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli